DICHIARAZIONE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 Dati aggiornati al Pagina 1 di 98 NTRODUZIONE!"# $ % & '!! Modalità relative alla Dichiarazione Ambientale )!"&* &) & +%,-..-/.001 ' 2' 3'&4 55 ' 3'& 22+&225, 3'& +&, 3'

2 Dati aggiornati al Pagina 2 di 98 Aggiornamento e convalida della Dichiarazione Ambientale &%-..-/.001, Contatti 2 ' 89: +2&, :; :< ,: ) 0=>-5= ?0=>-5=... 5 :&4 +&4, :; :< ,: ) 0=>-5= ?0=>-5=... 5 IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA -1=. % % 9 A 00<-7=<0<B7 +& B<0>-, )<-7%+ &%=C>/.00B, 3 3+9, 5; / / / C D -11- '

3 Dati aggiornati al Pagina 3 di 98-11< # +:.0A%, +05BA%,.00- +,.00> +5.0A%, ->00!.00B!.00<!.00<!.00< &!.00=!.00=.00=!.00= CC 8%/!.001!.001!.001 A. 8)

4 Dati aggiornati al Pagina 4 di 98! *E,->.*E!.0-0! >.00*F!.0-> +,!.0->! G / / ' A7. Struttura organizzativa.00. $ $ 4.00= $ 4 9&%+9& %, 3 + 3, H!! "..000

5 Dati aggiornati al Pagina 5 di 98!.0-. 9"I-=00-'..0<.0-> $4 +, $ H!!"-B00- %-..-/.001+8,

6 Dati aggiornati al Pagina di 98 J8 $ KD ' 2 4 D D D D # 2 'J $ K +, 5 +, &4 : Mappa dei principali valori di Risorse umane 2

7 Dati aggiornati al Pagina 7 di 98 % Clienti/consumatori " Collettività / Ambiente 8 2 Attività svolte e processo produttivo / / ' $D!% '!% -0.0' 2

8 Dati aggiornati al Pagina 8 di 98!%-0=1' 2 Attività di approvvigionamento +L / M,+, Schema dell attività Di seguito si descrivono le linee produttive inerenti al reparto gastronomico ed al reparto ittico. Reparto gastronomico ' / Linea cresie N + F5 O I%%2, ' 2 % 2 N & N 2 %

9 Dati aggiornati al Pagina 9 di 98

10 Dati aggiornati al Pagina 10 di 98 Linea Rheon/Olivie &/" / ' O + F5 OI%%2, ' +,2 +,% 3 2 %

11 Dati aggiornati al Pagina 11 di 98

12 Dati aggiornati al Pagina 12 di 98

13 Dati aggiornati al Pagina 13 di 98 Linea pasta sfoglia.00= + F5 OI%%2, ' 2 3

14 Dati aggiornati al Pagina 14 di 98

15 Dati aggiornati al Pagina 15 di 98 Reparto ittico / Linea prodotti ittici congelati/surgelati / M + F5OI%%2, ' +, /

16 Dati aggiornati al Pagina 1 di 98

17 Dati aggiornati al Pagina 17 di 98 Linea prodotti ittici freschi + M, + F5 O I%%2, '

18 Dati aggiornati al Pagina 18 di 98

19 Dati aggiornati al Pagina 19 di 98 / / L Commercializzazione 3 3 J K 2P N J K P J%3 K 8 % 8 O2 8 %% J"PK+ " )2, 9PQ 2 P $", N J K +,'L $ '.0-0/" C<-/1 0150>5-0,

20 Dati aggiornati al Pagina 20 di 98 SCHEDA TECNICA DELLA SOAVEGEL S.R.L. I dati generali Viale dell industria Z.I Francavilla Fontana Br) dott. Massimo Bianco / / / BR !" 2 # $%&&' ) # $%&&' ) ***+,)- *.)+, ** produzione di altri prodotti alimentari nca lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi mediante surgelamento, salatura, ecc Comune di Francavilla Fontana BR)- protocollo n 141 del 21 aprile 2005 dott. Antonio Nicola Locorotondo I dati tecnici degli impianti di produzione!"%!"%!"/ & /" Gas refrigerante R 22 N 1 compressore a vite da 10 KW Gas refrigerante R 22 N 1 compressore a vite da 132 KW N 1 compressore a vite da 90 KW N 1 compressore da 15 KW anticella n 2) Gas refrigerante R 22 R404a solo cella n.7) N 1 compressore da 1,47 KW cella n.3)

21 Dati aggiornati al Pagina 21 di %&23+4,!"/3*5 # * *4&%&&, 1&,! 7! 7!"%880 *** N 1 compressore da 3 KW cella n.4) N 1 compressore da 2,9 KW cella n.5) N 1 compressore da 7,4 KW cella n.7) Alimentazione GPL Potenzialità termica 84 KW Olio diatermico a 250 C Tre resistenze da 30 KW/macchina Gas refrigerante R 407F Liquido anticongelante glicole propilenico inibito al 30% Filtrazione al 90% Acqua calda a 0-70 C Potenzialità 1 x 5,5 KW 21 lt/min) Potenzialità 1 x 5,5 KW 21 lt/min) Potenzialità 1 x 1,4 KW 37,2 lt/min) N 2 compressori a vite da 38 KW N 2 essiccatori a liquido refrigerante R22 da 1,1 KW Superficie totale 114 m 2 Potenza installata 79,8 Kw Produttività nominale ,13 kwh Superficie totale moduli 1377,0 m 2 Numero totale moduli 840 Numero totale inverter 4 Energia totale annua stimata ,4 kwh per il primo anno) e perdita efficienza annuale pari a 0,90%. Potenza totale 193,200 kw Potenzialità termica 34,8 KW Combustibile GPL Potenzialità termica 24,4 KW Combustibile GPL Potenzialità termica 32,9 KW /CAD. Combustibile GPL Gas refrigerante R 407c

22 Dati aggiornati al Pagina 22 di 98 Le caratteristiche degli impianti ausiliari ** 9 9 ** L impianto è costituito da un filtro che trattiene l eventuale impurezza dell acqua; un addolcitore per il contenimento della durezza ed uno sterilizzatore a raggi ultravioletti per ottenere l eliminazione quasi totale 99%) dei microrganismi. L impianto è costituito dalle seguenti componenti trattamento di disinfezione con ipoclorito di sodio; filtro per trattenere la torbidità colloidale e sedimentabile; declorazione su carboni attivi; abbattimento della durezza calcico-magnesiaca con passaggio su resine a scambio cationico; demineralizzazione ad osmosi inversa; remineralizzazione parziale. L impianto è costituito da una serie di camere di desabbiatura e disoleazione per il filtraggio delle acque di prima pioggia. Lo scarico è autorizzato dalla Provincia di Brindisi con determinazione Dirigenziale n. 13 del richiesta di rinnovo del ). Le acque reflue industriali vengono convogliate ad un sistema di tre vasche in cemento armato interrate e comunicanti l una con l altra, in cui si realizzano fasi successive di sedimentazione e flocculazione, clorazione terminale con affioramento dell effluente finale. Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura rilasciata da AQP in data richiesta di rinnovo in data ). Gruppo elettrogeno da 24 KW alimentato a gasolio.

23 Dati aggiornati al Pagina 23 di 98 POLITICA AZIENDALE INTEGRATA QUALITA, SICUREZZA ALIMENTARE, AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO) attua un sistema di gestione aziendale conforme alle norme UNI EN ISO 22000:2005, UNI EN ISO 9001:2008, UNI EN ISO 14001:2004 e BS OHSAS 18001:2007 per l attività di Progettazione, lavorazione e commercializzazione di specialità gastronomiche. Lavorazione e commercializzazione di prodotti ittici congelati e/o surgelati. Soavegel compie ogni sforzo per garantire l igiene delle produzioni e la sicurezza dei propri prodotti, che considera prerequisito assoluto e non negoziabile della Qualità e della Sicurezza Alimentare, al pari della doverosa cura alla conformità alle leggi ed ai regolamenti. Per ottenere tali scopi l Azienda analizza e migliora continuamente i propri processi e la propria organizzazione: è per questo motivo che ha espresso la volontà di adeguare il proprio sistema di gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare a standards particolarmente prestigiosi e riconosciuti a livello internazionale, quali il BRC e l IFS, mettendo a disposizione il personale, le installazioni e gli strumenti necessari. Soavegel è consapevole di vivere in un mondo competitivo dove i Clienti hanno la possibilità di scegliere altri prodotti. L Azienda si prefigge il compito di capire che cosa desiderano i Clienti ed i Consumatori, rispondendo efficacemente e rapidamente alle loro attese. L Azienda pertanto è impegnata a prevenire, oltre che a correggere, gli errori e le non conformità, sia in produzione che nella gestione, con la consapevolezza che prevenire è molto meno costoso che correggere. La Direzione di Soavegel è impegnata a rendere consapevoli tutte le Funzioni aziendali del loro ruolo nel contribuire ad assicurare la Qualità e la Sicurezza Alimentare ai Clienti ed ai Consumatori, nonché la salvaguardia dell Ambiente e la Salute e la Sicurezza sui luoghi di lavoro, promuovendo il miglioramento dell efficacia e della efficienza dei processi aziendali e stabilendo gli obiettivi da raggiungere, concreti e misurabili. In particolare, gli obiettivi generali che si intendono perseguire sono: Assicurare al cliente/committente, oltre alla qualità contrattuale richiesta, anche il soddisfacimento di esigenze implicite non espressamente richieste, compiendo ogni sforzo per superare le aspettative di questi. Garantire che si operi assicurando competenza ed affidabilità di tutto il personale dell azienda e dei prodotti e servizi realizzati, rispettando le condizioni contrattuali e le leggi norme, codici e leggi riguardanti la Sicurezza Alimentare, la Salvaguardia dell Ambiente e la Salute e la Sicurezza

24 Dati aggiornati al Pagina 24 di 98 sui luoghi di lavoro) nazionali ed internazionali, seguendone puntualmente l evoluzione ed adeguandosi tempestivamente alle nuove prescrizioni. Garantire al cliente/consumatore un prodotto sicuro e dimostrare la propria capacità di controllare i pericoli per la Sicurezza Alimentare, assicurando che i propri alimenti siano sicuri per il consumo. Conservare le attuali quote di mercato,cercando di incrementarle. Monitorare in modo sistematico le esigenze e la soddisfazione dei clienti/parti interessate; Controllare e, ove possibile, minimizzare l impatto dei processi e dei prodotti, migliorandone continuamente i risultati e le performances aziendali. Perseguire una razionale struttura organizzativa interna, tendente ad un adeguata ottimizzazione dei costi e dei consumi ecologici, ad una riduzione del rischio incidenti ed ad una prevenzione dell inquinamento riduzione scarti, riduzione emissioni, scarichi e rifiuti) e salvaguardia dell ambiente interno ed esterno. Migliorare i risultati fino a livelli confrontabili con quelli, eventualmente, determinati ed economicamente applicabili delle Migliori Tecniche Disponibili MTD o BAT Best Available Technology). Introdurre ed applicare procedure di sorveglianza al fine di controllare la realizzazione della presente politica anche attraverso la conduzione di audit periodici volti alla verifica dell efficienza e dell adeguatezza delle misure adottate per la gestione di situazioni di emergenza; Predisporre misure atte a garantire che tutte le aziende che lavorano per conto della Soavegel adottino comportamenti, prassi e procedure coerenti con i principi definiti nella presente politica. Soavegel si è dotata di un Sistema di Gestione per la Qualità, la Sicurezza Alimentare, l Ambiente e la Salute e la Sicurezza sui luoghi di lavoro che contiene la Politica e gli standard di riferimento, le procedure e tutti gli strumenti adottati per la sua attuazione. L Azienda è impegnata a promuovere l impegno per la Qualità, la Sicurezza Alimentare, la salvaguardia dell Ambiente e la Sicurezza sul lavoro lungo tutta la filiera aziendale, dai fornitori ai collaboratori ad ogni livello, che debbono sentirsi ed essere protagonisti fondamentali dei risultati aziendali, attraverso la comprensione dei loro compiti e lo sviluppo delle competenze. La Direzione di Soavegel è pienamente consapevole del contesto sociale ed ambientale in cui l Azienda è inserita ed opera e delle responsabilità che questo comporta. In conseguenza di ciò l Azienda si impegna costantemente per garantire ai propri collaboratori livelli adeguati di tutela della sicurezza sul lavoro ed ambienti di lavoro quanto più possibile idonei, promuovendo anche in questo le opportune attività formative e gli opportuni miglioramenti. Per garantire la sicurezza, evitando anche l accadimento di incidenti, è essenziale l approfondita conoscenza delle attività da svolgere e dei pericoli ad esse connessi, quindi è necessario l impiego di

25 Dati aggiornati al Pagina 25 di 98 personale adeguatamente formato, la realizzazione di impianti secondo elevati standard di qualità e sicurezza ed il loro esercizio secondo criteri che pongano la sicurezza al di sopra di ogni altra considerazione di opportunità economica. La Direzione di Soavegel promuove le attività volte a salvaguardare l ambiente in cui la propria struttura si trova ad operare, riducendo l impatto ambientale, consapevole che la tutela dell ambiente circostante è garanzia per le generazioni future. Il concetto di sviluppo durevole e sostenibile che caratterizza sempre più compiutamente la politica ambientale europea, è stato interiorizzato dall azienda con l obiettivo di gestire le risorse in maniera oculata e lungimirante, al fine di preservare l ambiente. Tutto questo è ritenuto dalla Direzione di Soavegel parte integrante del ruolo che una moderna impresa in crescita può e deve svolgere a salvaguardia del proprio sviluppo e nei confronti delle parti interessate, dei clienti, dei consumatori, dei collaboratori, dei fornitori e dei soci in affari e del contesto sociale in cui opera. Sono fondamentali la comunicazione, l ascolto ed il dialogo con i dipendenti, i soci e i terzi con cui l azienda opera, nonché con le istituzioni e le organizzazioni impegnate nella salvaguardia dell ambiente, la sicurezza sul lavoro e nell assicurazione della sicurezza alimentare. Ogni prodotto in vendita, ogni servizio ed ogni contatto col Cliente devono contribuire a costruire una realtà fatta di serietà e affidabilità che è un patrimonio inestimabile e che garantisce la continuità dello sviluppo nel tempo. La Direzione di Soavegel è impegnata a far sì che la Politica per la Qualità, la Sicurezza Alimentare, l Ambiente e la Salute e la Sicurezza sul lavoro venga diffusa e portata a conoscenza di tutti i propri collaboratori che possano così sentirsi tutti protagonisti dell impegno aziendale. Inoltre, attraverso il proprio sito istituzionale la Politica Aziendale è disponibile al pubblico. Francavilla Fontana, 30 Aprile 2012 "Il cambiamento è una legge della vita e coloro che si ostinano a guardare sempre solo al passato o si concentrano unicamente sul presente possono essere sicuri di perdersi il futuro" J. F. Kennedy ex Pres. USA) L Amministratore Delegato Dott. Massimo Bianco

26 Dati aggiornati al Pagina 2 di 98 DESCRIZIONE DEL SITO La collocazione geografica Posizione geografica della %3 3+9, 23% 22JK.* $ % & <$ D AC$83A.0>4"J % K -'.C000

27 Dati aggiornati al Pagina 27 di 98 Valutazione idro-geologica 5 % & D -B0 ' +, +,! ) D % & 5 5 G JK 2 J&4K +&P 4 Q,) J% R 5 9 3

28 Dati aggiornati al Pagina 28 di Condizioni climatiche e meteorologiche 2 Siti limitrofi allo stabilimento UTILIZZO MATERIE PRIME E MATERIALI DI CONSUMO, DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO, IMBALLAGGIO ED IMMAGAZZINAMENTO Materie prime e materiali di consumo '

29 Dati aggiornati al Pagina 29 di 98! " #$! # "%! &')! # "%! &'&)! # "%! &'*) +-, C>CB77 C0=C<1 70C=.- ->7>11B -B>01C= -<.1>1< B11 1<7C 7=C01 71=7> <>7=B,+-.../0 7<B0= BB001 C>.01 % <0<B0 <=1-= 11= B0= >.0-0B >=1<CB -7B<B....>=1.>0.- 1 BC.7 ><BB.B-B. # 1->-> 1=<C =.0B, >00-7..C. 12,.+../0, ,0.-->1.B11 -=<= --1BC -0.1< =>>.! "! #! #$! # "%! &')! # "%! &'&)! # "%! &'*) A --== -B<7-0= C00!2 *$ -.0 CB 77CB7 ++3 *$ >0 0 B>0 +$1 *$ ->C01SS =B-CSS 7>10SS + 0 -C >000 7C00 7>=C 2 A -B ==0<00 + A.C. 11 C7 $1 *fonte dati: software gestionale aziendale **la voce comprende l acquisto dell ipoclorito di sodio per il trattamento delle acque reflue

30 Dati aggiornati al Pagina 30 di 98 Distribuzione del prodotto 5 +.=>/7. 2&>.</=0&$%!=C./0B, Imballaggio immagazzinamento '! 3, #$! # "%! &')! # "%! &'&)! # "%! &'*).>71- ><.0> BB7.> <= 0 0> == >70 0<.0 0C0B >0.B C-70 = => C.-0.B=<>7.=.0.< >-C<-> 2 )) C.>.< + -C>0<..-C1<0.B-B7-3 + t > 007. *fonte dati: software gestionale aziendale **imballaggio presente dal ,' tonnellate *fonte dati: software gestionale aziendale PRODUZIONE 2011* 2012* 2013* 3.531, , ,411

31 Dati aggiornati al Pagina 31 di 98 % %-..-/.001 ' +, ' +,/ +,D >' indicatore t mat. / t prod.) materia prima + imballaggi ,90 0,95 0,94 materia prima 0,78 0,80 0,80 imballaggi 0,12 0,15 0,14! > L $", +,#

32 Dati aggiornati al Pagina 32 di 98 ASPETTI AMBIENTALI Emissioni in atmosfera Acqua ed energia APPROVVIGIONAMENTO SPEDIZIONE PRODOTTI FINITI Rifiuti Scarichi idrici H!! " -B00-'.00B %-..-/ , "$ T ' D D D

33 Dati aggiornati al Pagina 33 di 98 T ' ' D D $ ' 2 ' D D T D '

34 Dati aggiornati al Pagina 34 di 98 / 3 Aspetti ambientali diretti Criteri di valutazione della significatività degli aspetti ambientali diretti 2 C ' %-'% %.' JK %>'2 %B' T %C' T 4 ) T ',&! & %,2,! T Valutazione Significato 1 Non vi sono limiti o prescrizioni di legge applicabili es. lo stabilimento ha un consumo di energia per il quale non è tenuta a nominare l'energy Manager) 2 Vi sono limiti o prescrizioni di legge applicabili e lo stabilimento è conforme 3 Vi sono limiti o prescrizioni di legge applicabili e lo stabilimento non è conforme o è a rischio di non conformità es. emissioni anche se inferiori, prossime ai limiti di legge) & ) T + M, Valutazione Significato 1 Sebbene non vi siano contestazioni/lamentele/richieste esplicite, non si può escludere che in futuro ve ne possano essere. L'aspetto è importante per le parti interessate es. rumore in prossimità di un ospedale) 2 sebbene non vi siano segnalazioni o richieste formali in tal senso. Esistono forti campagne di sensibilizzazione a livello nazionale e/o internazionale. 3 Sono presenti contestazioni/lamentele/richieste esplicite dalle parti interessate es. lettere di protesta da parte di un cittadino)

35 Dati aggiornati al Pagina 35 di 98 *4-3 / T ' 2 T T T Valutazione Significato Emissioni: non vi sono emissioni in atmosfera generate dall'aspetto Scarichi: non vi sono scarichi idrici associati all'aspetto Rifiuti: l'aspetto genera rifiuti non pericolosi avviati al riutilizzo e/o riciclaggio e/o recupero di materia prima. Consumi: Inferiori alle BAT Best Available Technics) Emissioni: le emissioni generate non necessitano di sistemi di abbattimento Scarichi: le acque reflue associate all'aspetto non vengono trattate da un impianto di depurazione Rifiuti: l'aspetto genera rifiuti non pericolosi avviati allo smaltimento finale Consumi: sostanzialmente in linea alle BAT +/- 10% delle Best Available Technics) Emissioni: sono presenti sistemi di abbattimento per contenere le emissioni generate. Scarichi: viene effettuato un trattamento delle acque reflue mediante impianto di depurazione. Rifiuti: l'aspetto genera rifiuti pericolosi avviati allo smaltimento finale. Consumi: Superiori del 10% alle BAT Best Available Technics) 74%89+3 T T T Valutazione Significato 1 Limitato all'interno dello stabilimento 2 Limitato alle aree esterne ma adiacenti allo stabilimento entro 100m) 3 Fuori dalle zone adiacenti lo stabilimento :4%-9+3 T T T L T ) L. Valutazione Significato Inquinamento / consumo inferiore all'anno precedente o evidenza di attività volte al miglioramento dell'impatto Inquinamento / consumo pari all'anno precedente +5%) o non vi è evidenza di attività volte al miglioramento dell'impatto Inquinamento / consumo superiore all'anno precedente o evidenza di attività che hanno determinato un peggioramento dell'impatto ' U+%-V%.V%>V%BV%C,/A $!3%) ' W-=%-U>%.U>D!)U

36 Dati aggiornati al Pagina 3 di 98 '!; &.''! # ".<' %! "! " ; &.''!!! " #" "! &&.<' Emissioni in atmosfera $ , 2 ' " D +, ' H P >B=*ED H.BB*ED

37 Dati aggiornati al Pagina 37 di 98 >B1*E/ D N D $ =B*ED $ -8E $2 H +-C./07, N P/ P/, G +2&.C50<51-, -C./07.71>0B.001 5&2 + BC/.0015 '0=1/&/.001/00BC, Analisi delle emissioni DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO UNICAL mod.iven Ossigeno % O 2 ) 13,5 13,5 13,1 Anidride carbonica %CO 2 ) 5,0 4,2 5,2 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 93,9 92,4 90,8 DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO ALKON Ossigeno % O 2 ) 4,5 4,5 4,2 Anidride carbonica %CO 2 ) 10,9 9,2 11,1 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 98, ,3

38 Dati aggiornati al Pagina 38 di 98 DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO IMMERGAS 1) Ossigeno % O 2 ) 17,1 17,4 1,2 Anidride carbonica %CO 2 ) 2, 1,9 3,2 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 91,0 90,4 87,5 DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO IMMERGAS 2) Ossigeno % O 2 ) 1,9 14,3 14, Anidride carbonica %CO 2 ) 2,7 3,7 4,2 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 89, 93,7 90,5 DESCRIZIONE GENERATORE DI VAPORE Ossigeno % O 2 ) 10,8 12,0 11,4 Anidride carbonica %CO 2 ),8 5,0,4 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 84,5 84,33 88,2 DESCRIZIONE Polveri totali mg/nmc SIGLA PUNTO EMISSIONE E1)** SALA DI PRODUZIONE ED USCITA CRESIE ,10 0,12 0,20 ** autorizzazione alle emissioni in atmosfera 089/DIR/2009/0045 del valore max150 mg/nmc Per le emissioni in atmosfera, data la scarsa incidenza, non è stato elaborato il rapporto rispetto ai volumi produttivi; tuttavia, come previsto dall Allegato IV del reg.ce n.1221/2009, è stato individuato un indicatore chiave riguardo le emissioni in atmosfera riferito all emissione in tonnellate di gas ad effetto serra CO 2 ) prodotta dall attività di logistica dei mezzi aziendali combustione gasolio) e dalla produzione di acqua calda per processo produttivo/servizi igienici combustione GPL) rapportata alla produzione in tonnellate ottenuta dall attività lavorativa di stabilimento. Il calcolo delle emissioni di CO 2 prodotta dalla combustione di gasolio e GPL è stato effettuato secondo le Linee Guida per il monitoraggio e la comunicazione dei gas ad effetto serra ai sensi

39 Dati aggiornati al Pagina 39 di 98 della Direttiva 2003/87/CE del Parlamento Europeo Disposizioni di attuazione della decisione della Commissione europea C2004) 130 del 29 gennaio 2004). In particolare, le emissioni di CO 2 sono state calcolate moltiplicando il consumo di combustibile utilizzato per un fattore di emissione ed un fattore di ossidazione, secondo la formula: Emissioni di CO 2 = consumo di combustibile* Fattore di emissione * Fattore di ossidazione Fattore di emissione = 3,173 tco 2 /t gasolio) Fattore di ossidazione = 0,990 gasolio) Fattore di emissione = 3,024 tco 2 /t GPL) Fattore di ossidazione = 0,990 GPL) Di seguito, tabella riepilogativa per gli anni solari 2011, 2012 e 2013: indicatore t CO 2 / t prod.) 0,07 0,07 0,0 Per l anno solare 2011, l indicatore tco 2 /t prod.) è stato pari a 0,07; ossia per ogni tonnellata di prodotto ottenuto dall attività di lavorazione e movimentato per la spedizione con i mezzi aziendali, sono stati immessi in atmosfera 0,07 tonnellate di CO 2 ossia 70 kg). Dalla tabella, si evince che, per il 2012, il precedente dato risulta sostanzialmente invariato. Nel 2013, si osserva un miglioramento di circa il 14% rispetto ai due precedenti anni, avendo immesso in ambiente circa 10kg di CO 2 in meno per ogni tonnellata di prodotto, a conferma della continua attenzione dell azienda nell utilizzo delle risorse energetiche. Per i dettagli, si veda il paragrafo relativo all utilizzo delle risorse. Emissioni da traffico veicolare mezzi aziendali >-5-.5-> -0 +#, >.001A.> -. O

40 Dati aggiornati al Pagina 40 di 98 Impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica ed emissioni evitate in atmosfera G +, % 5" 3-1>.00PE +,.B.>>-7B PE 010X=B0 + ""!59..0/-75.>0, -><<70. D+, $ + 3&"!H5% B=0, +, ' 2 : +Y.0PE,5 2 : +Y.0PE,5.0-.5/BC...>50C )009&00=-C;

41 Dati aggiornati al Pagina 41 di 98 O $ =B/-./&/ ' J!)&!) H&$!) &) $ 82!) 2&"H;"!!&$ ))&%%"! 2&)%"& &3&8!)" $!&;"! )&9H) 2& $&!)& %H&;; )8 ))&%"!;"!K C <0 % ) > >000Z, H +)2/8E, 4 )2 +) 2, -8E )2 '.<= +)2/8E, )2 7:.*& 3'!>/0=. L ' 1>! &! &!?!% BB>0 0C.C 0B1= 00.B +/PE, +P, -0<>C.1. -.< = C=. 3'&! B

42 Dati aggiornati al Pagina 42 di 98.0->..0<7>PE><-BPE 2 Scarichi idrici +> C:-C./07, B..0 0< > G ' +, > S! ". / &7 *'& == C00! : ". / '* *7 <=.C0!# / *=< && "!""% "!" "!! S> C:-C./07: / '.'= '.'= '. B / ' ' ' 0 2 %" +

43 Dati aggiornati al Pagina 43 di 98, +,'!!$#"+/, &')) &'&)) &'*))!$&"4H8 >>-. ->>=.C=- H%)&3H".B- >0. -<< A #! B&.= ==.7 B*. SS B J K %.=./.00> 4 D -C 4 >0>0 / + "7, / +/, L

44 Dati aggiornati al Pagina 44 di 98 /!A< > + -BC7.< C -7> , G +O ,' 2C2D&' A A S! ". / -00!# / '.'' E'.' 555 "!""% "!" / '.'' '.'' 0C!# / &.= B=.:.00!! "!" / :.*:.C 2C2D&'& A A S! ". / =.B 7-00!# / '.'' E'.' 555!"!"!" / &. 7.& -C!" / =.< &' C00

45 Dati aggiornati al Pagina 45 di 98 "!""% "!" / '.'' '.'' 0C!# / "!" SB C:-C./07: / 2C2D&'* A A S! ". / :B.<: 7B.: -00!# / '.'' E'.' 555!"!"!" / 7.7: &.:=: -C!" / '.* '.* C00 "!""% "!" / '.'' '.'' 0C!# / "!" / <. :.=:.C! 5 +, Rifiuti # 4 L

46 Dati aggiornati al Pagina 4 di 98 +M, M ' + -=B5.0C/.0-0, N.> +, B %-071/.001 +%,=C./.00B +%,=C>/.00B ) %-BB-/.00< =00P/ G >) J K %-071/ B50>5-- % -<<B/.00., > > +,' %.0--+, %.0-.+, %.0->+, *:.<=' *.:<' &7.&&:

47 Dati aggiornati al Pagina 47 di %"! + 3H00B: /, " +, %&+% &, % 4 +8H, %% 9 % -=.0-- )&+ " 5 T G /, )& -0- >-.0->+! -- >-.0->-0-J :)&K, -C0/.0->+J8 K, )& >

48 Dati aggiornati al Pagina 48 di 98.0-B >-.0-B +, > ' %&;"! ) ) " +, -C0.0. %"% %& -C0-07 0=0>-= >1 ->0.0= -C0-0- -=0-0> -C0.0> 0.0>0-0.0>0C %3 & & & & & & & & & & %"!H!)".0--+,SS %"!H!)".0-.+,SS %"!H!)".0->+,SS ==B>.B70 B=-0 00B= B 000> =-00S =C00S 1-00S > 0-C >C.< ><07 B==B > = BB & & -<0B0C =7 S ' / SS '/ SSS +%&-C0-0-, > %&'

49 Dati aggiornati al Pagina 49 di 98 ) A-: ) A.: ) A>: / ) AB: ) AC: ) A-: #! %"% %"!H!)" %&;"! %3 %&.0--+, " +, ->0.0= & "!"#"!!" "!" "!,0 %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, > 0-C '.&'' '.B* '.: ) A.: " "! %&;"! %"% %& %3 ) =0-0> "!"#"!!" "!" "!,0 & & %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, B 000> '.'&< '.''7 '.''* ) A>: #"!$#! %&;"! %"% %& %3 & -C0-0- & -C0-07 & -<0B0C & &.00->1 "!"#"!!!" " #"!$#!,0 %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, >C.< ><07 B==B ==B>.B70 B= =7 =-00S =C00S 1-00S :&.B' 7<.'& S SSS +%&-C0-0-,

50 Dati aggiornati al Pagina 50 di , ) AB: %&;"! ) %"% %& -C0-07 0=0>-= 0.0>0-0.0>0C -C0.0> %3 & & & & & -C0.0. "!"#"!!!" "!" "!,0 ) AC: %&;"! "!"#"!!" " #!,0 "!"#"!!" "!" "!,0 "!"#"!!!" " #"!$#!,0 "!"#"!!!" "!" "!,0 %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, 00.> B= = BB 00> '.'& &.'B& %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, '.&'' '.B* '.: '.'&< '.''7 '.''* :&.B' 7<.'& '.'& &.'B& "!" #"!!"",0 :&.:&'

51 Dati aggiornati al Pagina 51 di 98 Nel grafico seguente, si riporta la quantità t/anno) di rifiuti prodotti rispetto alla quantità di prodotto trasformato dall azienda t) : Dal grafico si evince come la quantità totale di rifiuti, rispetto al totale di produzione ottenuta, abbia un trend costante nel corso del triennio considerato, ossia intorno ai 15Kg per tonnellata di prodotto ottenuto. Significativo della costante attenzione aziendale nella gestione dei rifiuti, risulta essere il rapporto tra la quantità annua di rifiuti destinati al recupero, rispetto alla quantità totale di rifiuti prodotti, così come riportato nella tabella che segue:

52 Dati aggiornati al Pagina 52 di 98 Il grafico dimostra come la tendenza dell azienda sia quella di mantenere elevata la quantità di rifiuti destinati al recupero; in particolare, dal grafico si evince che oltre il 90% dei rifiuti prodotti dall azienda è raccolto per essere destinato al recupero. A conferma di quanto riscontrato, si prenda in considerazione il dato del 2008 riportato nelle precedenti dichiarazioni ambientali), dove solo il 34% del totale dei rifiuti prodotti era stato destinato al riutilizzo/recupero. Contaminazione del terreno e del sottosuolo! 2.00< A. '

53 Dati aggiornati al Pagina 53 di 98 Biodiversità % %-..-/.001 L D +, ->C J K 2 3% 22D B.00. 0>- Utilizzo di risorse )! > %&;"! H/8! # "%! &'! # "%! &'&! # "%! &'* %"!H8") &&&: &7BB %"!H8"F# F#!""!) %"!H8"F#!!) %"!H8" "")) %"!H8"!!) > *=* *B*7 > <=: <B< =<B PE *''7B7 <*<' =7B&& S ' SS '

54 Dati aggiornati al Pagina 54 di 98 % % -..-/.001 J K $2 8E +8E/,2 $28E + 'FFF 5,' 2.0->' H/8.0-> PE 8E =7B&& 7=7170 7=< "" + "" + 1 PE >-7C.0> >-7C PE &=':'.-<0C0.-< +G2

55 Dati aggiornati al Pagina 55 di 98.0-> ' G2$+H'.B< ' &''= &''< &''B &'' &' &'& *B ***= *&B< *<*' *B' +G2 1-,G2$+0.:'.:'.&B.*'..'& 2.0-> Utilizzo GPL $2 -<C0 +$2, P/, O $2 2 +$2, >'

56 Dati aggiornati al Pagina 5 di 98 $2 ' % $2D D 'L %L $2<- D.0->

57 Dati aggiornati al Pagina 57 di 98 Utilizzo di acqua G +, +, & 2 2->0-/0= = +, +42, > > O ' % C.CX +, D % B71X D % 07X5 X '! / 5 ) +, &', * 0 &'&, * 0 &'*, * 0 &&7: &&* &BB =:* <= :' &: B&<7 7'7< 7'77 2 > '

58 Dati aggiornati al Pagina 58 di 98.0->0C > > +,0= >.0-B.0-C+#- >, Utilizzo di energia elettrica..000 B00 D =00* 9) %!&$ + 8))& CB000PE, +.0--,

59 Dati aggiornati al Pagina 59 di 98? %!&$? ' , I - X X 3 >0.= >7<0 % -70< -B70 $ BBB7 B >< -.0! -C> -=0 7.1 C<0 + /, +,# +, 2 8E/ '

60 Dati aggiornati al Pagina 0 di > 0<.=8E ).0->+.-<0B1PE, >>=>8E +B>B7B--,0<<=8E + 1X.0--,) G!.0-0 J K Nella fase progettuale del.>000 PE/ +, 0C1-E/. *D 0.<>E/. *

61 Dati aggiornati al Pagina 1 di 98 2 L Utilizzo di gasolio AB7B.00C J%K 8-150> > 8!!>10>B--.7> 0-/-- %3 3+9, &.>/0B & & A / '

62 Dati aggiornati al Pagina 2 di 98 > >.<X.0--' L G G /! , -00P+ /-00P,D + PC0000/,! -00P+ /-00P, >' %.0-- %.0-. %.0-> + /-00P, + /-00P, + /-00P, :.= '.< 7.' 2.0-> -B0 -B -00 P -7C Emissioni sostanze lesive per lo strato di ozono/gas fluorurati ad effetto serra &.. &.. L >000* T " 2&-B</07+ %3%I%3%, & =B./ I3%,

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli