DICHIARAZIONE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 Dati aggiornati al Pagina 1 di 98 NTRODUZIONE!"# $ % & '!! Modalità relative alla Dichiarazione Ambientale )!"&* &) & +%,-..-/.001 ' 2' 3'&4 55 ' 3'& 22+&225, 3'& +&, 3'

2 Dati aggiornati al Pagina 2 di 98 Aggiornamento e convalida della Dichiarazione Ambientale &%-..-/.001, Contatti 2 ' 89: +2&, :; :< ,: ) 0=>-5= ?0=>-5=... 5 :&4 +&4, :; :< ,: ) 0=>-5= ?0=>-5=... 5 IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA -1=. % % 9 A 00<-7=<0<B7 +& B<0>-, )<-7%+ &%=C>/.00B, 3 3+9, 5; / / / C D -11- '

3 Dati aggiornati al Pagina 3 di 98-11< # +:.0A%, +05BA%,.00- +,.00> +5.0A%, ->00!.00B!.00<!.00<!.00< &!.00=!.00=.00=!.00= CC 8%/!.001!.001!.001 A. 8)

4 Dati aggiornati al Pagina 4 di 98! *E,->.*E!.0-0! >.00*F!.0-> +,!.0->! G / / ' A7. Struttura organizzativa.00. $ $ 4.00= $ 4 9&%+9& %, 3 + 3, H!! "..000

5 Dati aggiornati al Pagina 5 di 98!.0-. 9"I-=00-'..0<.0-> $4 +, $ H!!"-B00- %-..-/.001+8,

6 Dati aggiornati al Pagina di 98 J8 $ KD ' 2 4 D D D D # 2 'J $ K +, 5 +, &4 : Mappa dei principali valori di Risorse umane 2

7 Dati aggiornati al Pagina 7 di 98 % Clienti/consumatori " Collettività / Ambiente 8 2 Attività svolte e processo produttivo / / ' $D!% '!% -0.0' 2

8 Dati aggiornati al Pagina 8 di 98!%-0=1' 2 Attività di approvvigionamento +L / M,+, Schema dell attività Di seguito si descrivono le linee produttive inerenti al reparto gastronomico ed al reparto ittico. Reparto gastronomico ' / Linea cresie N + F5 O I%%2, ' 2 % 2 N & N 2 %

9 Dati aggiornati al Pagina 9 di 98

10 Dati aggiornati al Pagina 10 di 98 Linea Rheon/Olivie &/" / ' O + F5 OI%%2, ' +,2 +,% 3 2 %

11 Dati aggiornati al Pagina 11 di 98

12 Dati aggiornati al Pagina 12 di 98

13 Dati aggiornati al Pagina 13 di 98 Linea pasta sfoglia.00= + F5 OI%%2, ' 2 3

14 Dati aggiornati al Pagina 14 di 98

15 Dati aggiornati al Pagina 15 di 98 Reparto ittico / Linea prodotti ittici congelati/surgelati / M + F5OI%%2, ' +, /

16 Dati aggiornati al Pagina 1 di 98

17 Dati aggiornati al Pagina 17 di 98 Linea prodotti ittici freschi + M, + F5 O I%%2, '

18 Dati aggiornati al Pagina 18 di 98

19 Dati aggiornati al Pagina 19 di 98 / / L Commercializzazione 3 3 J K 2P N J K P J%3 K 8 % 8 O2 8 %% J"PK+ " )2, 9PQ 2 P $", N J K +,'L $ '.0-0/" C<-/1 0150>5-0,

20 Dati aggiornati al Pagina 20 di 98 SCHEDA TECNICA DELLA SOAVEGEL S.R.L. I dati generali Viale dell industria Z.I Francavilla Fontana Br) dott. Massimo Bianco / / / BR !" 2 # $%&&' ) # $%&&' ) ***+,)- *.)+, ** produzione di altri prodotti alimentari nca lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi mediante surgelamento, salatura, ecc Comune di Francavilla Fontana BR)- protocollo n 141 del 21 aprile 2005 dott. Antonio Nicola Locorotondo I dati tecnici degli impianti di produzione!"%!"%!"/ & /" Gas refrigerante R 22 N 1 compressore a vite da 10 KW Gas refrigerante R 22 N 1 compressore a vite da 132 KW N 1 compressore a vite da 90 KW N 1 compressore da 15 KW anticella n 2) Gas refrigerante R 22 R404a solo cella n.7) N 1 compressore da 1,47 KW cella n.3)

21 Dati aggiornati al Pagina 21 di %&23+4,!"/3*5 # * *4&%&&, 1&,! 7! 7!"%880 *** N 1 compressore da 3 KW cella n.4) N 1 compressore da 2,9 KW cella n.5) N 1 compressore da 7,4 KW cella n.7) Alimentazione GPL Potenzialità termica 84 KW Olio diatermico a 250 C Tre resistenze da 30 KW/macchina Gas refrigerante R 407F Liquido anticongelante glicole propilenico inibito al 30% Filtrazione al 90% Acqua calda a 0-70 C Potenzialità 1 x 5,5 KW 21 lt/min) Potenzialità 1 x 5,5 KW 21 lt/min) Potenzialità 1 x 1,4 KW 37,2 lt/min) N 2 compressori a vite da 38 KW N 2 essiccatori a liquido refrigerante R22 da 1,1 KW Superficie totale 114 m 2 Potenza installata 79,8 Kw Produttività nominale ,13 kwh Superficie totale moduli 1377,0 m 2 Numero totale moduli 840 Numero totale inverter 4 Energia totale annua stimata ,4 kwh per il primo anno) e perdita efficienza annuale pari a 0,90%. Potenza totale 193,200 kw Potenzialità termica 34,8 KW Combustibile GPL Potenzialità termica 24,4 KW Combustibile GPL Potenzialità termica 32,9 KW /CAD. Combustibile GPL Gas refrigerante R 407c

22 Dati aggiornati al Pagina 22 di 98 Le caratteristiche degli impianti ausiliari ** 9 9 ** L impianto è costituito da un filtro che trattiene l eventuale impurezza dell acqua; un addolcitore per il contenimento della durezza ed uno sterilizzatore a raggi ultravioletti per ottenere l eliminazione quasi totale 99%) dei microrganismi. L impianto è costituito dalle seguenti componenti trattamento di disinfezione con ipoclorito di sodio; filtro per trattenere la torbidità colloidale e sedimentabile; declorazione su carboni attivi; abbattimento della durezza calcico-magnesiaca con passaggio su resine a scambio cationico; demineralizzazione ad osmosi inversa; remineralizzazione parziale. L impianto è costituito da una serie di camere di desabbiatura e disoleazione per il filtraggio delle acque di prima pioggia. Lo scarico è autorizzato dalla Provincia di Brindisi con determinazione Dirigenziale n. 13 del richiesta di rinnovo del ). Le acque reflue industriali vengono convogliate ad un sistema di tre vasche in cemento armato interrate e comunicanti l una con l altra, in cui si realizzano fasi successive di sedimentazione e flocculazione, clorazione terminale con affioramento dell effluente finale. Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura rilasciata da AQP in data richiesta di rinnovo in data ). Gruppo elettrogeno da 24 KW alimentato a gasolio.

23 Dati aggiornati al Pagina 23 di 98 POLITICA AZIENDALE INTEGRATA QUALITA, SICUREZZA ALIMENTARE, AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO) attua un sistema di gestione aziendale conforme alle norme UNI EN ISO 22000:2005, UNI EN ISO 9001:2008, UNI EN ISO 14001:2004 e BS OHSAS 18001:2007 per l attività di Progettazione, lavorazione e commercializzazione di specialità gastronomiche. Lavorazione e commercializzazione di prodotti ittici congelati e/o surgelati. Soavegel compie ogni sforzo per garantire l igiene delle produzioni e la sicurezza dei propri prodotti, che considera prerequisito assoluto e non negoziabile della Qualità e della Sicurezza Alimentare, al pari della doverosa cura alla conformità alle leggi ed ai regolamenti. Per ottenere tali scopi l Azienda analizza e migliora continuamente i propri processi e la propria organizzazione: è per questo motivo che ha espresso la volontà di adeguare il proprio sistema di gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare a standards particolarmente prestigiosi e riconosciuti a livello internazionale, quali il BRC e l IFS, mettendo a disposizione il personale, le installazioni e gli strumenti necessari. Soavegel è consapevole di vivere in un mondo competitivo dove i Clienti hanno la possibilità di scegliere altri prodotti. L Azienda si prefigge il compito di capire che cosa desiderano i Clienti ed i Consumatori, rispondendo efficacemente e rapidamente alle loro attese. L Azienda pertanto è impegnata a prevenire, oltre che a correggere, gli errori e le non conformità, sia in produzione che nella gestione, con la consapevolezza che prevenire è molto meno costoso che correggere. La Direzione di Soavegel è impegnata a rendere consapevoli tutte le Funzioni aziendali del loro ruolo nel contribuire ad assicurare la Qualità e la Sicurezza Alimentare ai Clienti ed ai Consumatori, nonché la salvaguardia dell Ambiente e la Salute e la Sicurezza sui luoghi di lavoro, promuovendo il miglioramento dell efficacia e della efficienza dei processi aziendali e stabilendo gli obiettivi da raggiungere, concreti e misurabili. In particolare, gli obiettivi generali che si intendono perseguire sono: Assicurare al cliente/committente, oltre alla qualità contrattuale richiesta, anche il soddisfacimento di esigenze implicite non espressamente richieste, compiendo ogni sforzo per superare le aspettative di questi. Garantire che si operi assicurando competenza ed affidabilità di tutto il personale dell azienda e dei prodotti e servizi realizzati, rispettando le condizioni contrattuali e le leggi norme, codici e leggi riguardanti la Sicurezza Alimentare, la Salvaguardia dell Ambiente e la Salute e la Sicurezza

24 Dati aggiornati al Pagina 24 di 98 sui luoghi di lavoro) nazionali ed internazionali, seguendone puntualmente l evoluzione ed adeguandosi tempestivamente alle nuove prescrizioni. Garantire al cliente/consumatore un prodotto sicuro e dimostrare la propria capacità di controllare i pericoli per la Sicurezza Alimentare, assicurando che i propri alimenti siano sicuri per il consumo. Conservare le attuali quote di mercato,cercando di incrementarle. Monitorare in modo sistematico le esigenze e la soddisfazione dei clienti/parti interessate; Controllare e, ove possibile, minimizzare l impatto dei processi e dei prodotti, migliorandone continuamente i risultati e le performances aziendali. Perseguire una razionale struttura organizzativa interna, tendente ad un adeguata ottimizzazione dei costi e dei consumi ecologici, ad una riduzione del rischio incidenti ed ad una prevenzione dell inquinamento riduzione scarti, riduzione emissioni, scarichi e rifiuti) e salvaguardia dell ambiente interno ed esterno. Migliorare i risultati fino a livelli confrontabili con quelli, eventualmente, determinati ed economicamente applicabili delle Migliori Tecniche Disponibili MTD o BAT Best Available Technology). Introdurre ed applicare procedure di sorveglianza al fine di controllare la realizzazione della presente politica anche attraverso la conduzione di audit periodici volti alla verifica dell efficienza e dell adeguatezza delle misure adottate per la gestione di situazioni di emergenza; Predisporre misure atte a garantire che tutte le aziende che lavorano per conto della Soavegel adottino comportamenti, prassi e procedure coerenti con i principi definiti nella presente politica. Soavegel si è dotata di un Sistema di Gestione per la Qualità, la Sicurezza Alimentare, l Ambiente e la Salute e la Sicurezza sui luoghi di lavoro che contiene la Politica e gli standard di riferimento, le procedure e tutti gli strumenti adottati per la sua attuazione. L Azienda è impegnata a promuovere l impegno per la Qualità, la Sicurezza Alimentare, la salvaguardia dell Ambiente e la Sicurezza sul lavoro lungo tutta la filiera aziendale, dai fornitori ai collaboratori ad ogni livello, che debbono sentirsi ed essere protagonisti fondamentali dei risultati aziendali, attraverso la comprensione dei loro compiti e lo sviluppo delle competenze. La Direzione di Soavegel è pienamente consapevole del contesto sociale ed ambientale in cui l Azienda è inserita ed opera e delle responsabilità che questo comporta. In conseguenza di ciò l Azienda si impegna costantemente per garantire ai propri collaboratori livelli adeguati di tutela della sicurezza sul lavoro ed ambienti di lavoro quanto più possibile idonei, promuovendo anche in questo le opportune attività formative e gli opportuni miglioramenti. Per garantire la sicurezza, evitando anche l accadimento di incidenti, è essenziale l approfondita conoscenza delle attività da svolgere e dei pericoli ad esse connessi, quindi è necessario l impiego di

25 Dati aggiornati al Pagina 25 di 98 personale adeguatamente formato, la realizzazione di impianti secondo elevati standard di qualità e sicurezza ed il loro esercizio secondo criteri che pongano la sicurezza al di sopra di ogni altra considerazione di opportunità economica. La Direzione di Soavegel promuove le attività volte a salvaguardare l ambiente in cui la propria struttura si trova ad operare, riducendo l impatto ambientale, consapevole che la tutela dell ambiente circostante è garanzia per le generazioni future. Il concetto di sviluppo durevole e sostenibile che caratterizza sempre più compiutamente la politica ambientale europea, è stato interiorizzato dall azienda con l obiettivo di gestire le risorse in maniera oculata e lungimirante, al fine di preservare l ambiente. Tutto questo è ritenuto dalla Direzione di Soavegel parte integrante del ruolo che una moderna impresa in crescita può e deve svolgere a salvaguardia del proprio sviluppo e nei confronti delle parti interessate, dei clienti, dei consumatori, dei collaboratori, dei fornitori e dei soci in affari e del contesto sociale in cui opera. Sono fondamentali la comunicazione, l ascolto ed il dialogo con i dipendenti, i soci e i terzi con cui l azienda opera, nonché con le istituzioni e le organizzazioni impegnate nella salvaguardia dell ambiente, la sicurezza sul lavoro e nell assicurazione della sicurezza alimentare. Ogni prodotto in vendita, ogni servizio ed ogni contatto col Cliente devono contribuire a costruire una realtà fatta di serietà e affidabilità che è un patrimonio inestimabile e che garantisce la continuità dello sviluppo nel tempo. La Direzione di Soavegel è impegnata a far sì che la Politica per la Qualità, la Sicurezza Alimentare, l Ambiente e la Salute e la Sicurezza sul lavoro venga diffusa e portata a conoscenza di tutti i propri collaboratori che possano così sentirsi tutti protagonisti dell impegno aziendale. Inoltre, attraverso il proprio sito istituzionale la Politica Aziendale è disponibile al pubblico. Francavilla Fontana, 30 Aprile 2012 "Il cambiamento è una legge della vita e coloro che si ostinano a guardare sempre solo al passato o si concentrano unicamente sul presente possono essere sicuri di perdersi il futuro" J. F. Kennedy ex Pres. USA) L Amministratore Delegato Dott. Massimo Bianco

26 Dati aggiornati al Pagina 2 di 98 DESCRIZIONE DEL SITO La collocazione geografica Posizione geografica della %3 3+9, 23% 22JK.* $ % & <$ D AC$83A.0>4"J % K -'.C000

27 Dati aggiornati al Pagina 27 di 98 Valutazione idro-geologica 5 % & D -B0 ' +, +,! ) D % & 5 5 G JK 2 J&4K +&P 4 Q,) J% R 5 9 3

28 Dati aggiornati al Pagina 28 di Condizioni climatiche e meteorologiche 2 Siti limitrofi allo stabilimento UTILIZZO MATERIE PRIME E MATERIALI DI CONSUMO, DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO, IMBALLAGGIO ED IMMAGAZZINAMENTO Materie prime e materiali di consumo '

29 Dati aggiornati al Pagina 29 di 98! " #$! # "%! &')! # "%! &'&)! # "%! &'*) +-, C>CB77 C0=C<1 70C=.- ->7>11B -B>01C= -<.1>1< B11 1<7C 7=C01 71=7> <>7=B,+-.../0 7<B0= BB001 C>.01 % <0<B0 <=1-= 11= B0= >.0-0B >=1<CB -7B<B....>=1.>0.- 1 BC.7 ><BB.B-B. # 1->-> 1=<C =.0B, >00-7..C. 12,.+../0, ,0.-->1.B11 -=<= --1BC -0.1< =>>.! "! #! #$! # "%! &')! # "%! &'&)! # "%! &'*) A --== -B<7-0= C00!2 *$ -.0 CB 77CB7 ++3 *$ >0 0 B>0 +$1 *$ ->C01SS =B-CSS 7>10SS + 0 -C >000 7C00 7>=C 2 A -B ==0<00 + A.C. 11 C7 $1 *fonte dati: software gestionale aziendale **la voce comprende l acquisto dell ipoclorito di sodio per il trattamento delle acque reflue

30 Dati aggiornati al Pagina 30 di 98 Distribuzione del prodotto 5 +.=>/7. 2&>.</=0&$%!=C./0B, Imballaggio immagazzinamento '! 3, #$! # "%! &')! # "%! &'&)! # "%! &'*).>71- ><.0> BB7.> <= 0 0> == >70 0<.0 0C0B >0.B C-70 = => C.-0.B=<>7.=.0.< >-C<-> 2 )) C.>.< + -C>0<..-C1<0.B-B7-3 + t > 007. *fonte dati: software gestionale aziendale **imballaggio presente dal ,' tonnellate *fonte dati: software gestionale aziendale PRODUZIONE 2011* 2012* 2013* 3.531, , ,411

31 Dati aggiornati al Pagina 31 di 98 % %-..-/.001 ' +, ' +,/ +,D >' indicatore t mat. / t prod.) materia prima + imballaggi ,90 0,95 0,94 materia prima 0,78 0,80 0,80 imballaggi 0,12 0,15 0,14! > L $", +,#

32 Dati aggiornati al Pagina 32 di 98 ASPETTI AMBIENTALI Emissioni in atmosfera Acqua ed energia APPROVVIGIONAMENTO SPEDIZIONE PRODOTTI FINITI Rifiuti Scarichi idrici H!! " -B00-'.00B %-..-/ , "$ T ' D D D

33 Dati aggiornati al Pagina 33 di 98 T ' ' D D $ ' 2 ' D D T D '

34 Dati aggiornati al Pagina 34 di 98 / 3 Aspetti ambientali diretti Criteri di valutazione della significatività degli aspetti ambientali diretti 2 C ' %-'% %.' JK %>'2 %B' T %C' T 4 ) T ',&! & %,2,! T Valutazione Significato 1 Non vi sono limiti o prescrizioni di legge applicabili es. lo stabilimento ha un consumo di energia per il quale non è tenuta a nominare l'energy Manager) 2 Vi sono limiti o prescrizioni di legge applicabili e lo stabilimento è conforme 3 Vi sono limiti o prescrizioni di legge applicabili e lo stabilimento non è conforme o è a rischio di non conformità es. emissioni anche se inferiori, prossime ai limiti di legge) & ) T + M, Valutazione Significato 1 Sebbene non vi siano contestazioni/lamentele/richieste esplicite, non si può escludere che in futuro ve ne possano essere. L'aspetto è importante per le parti interessate es. rumore in prossimità di un ospedale) 2 sebbene non vi siano segnalazioni o richieste formali in tal senso. Esistono forti campagne di sensibilizzazione a livello nazionale e/o internazionale. 3 Sono presenti contestazioni/lamentele/richieste esplicite dalle parti interessate es. lettere di protesta da parte di un cittadino)

35 Dati aggiornati al Pagina 35 di 98 *4-3 / T ' 2 T T T Valutazione Significato Emissioni: non vi sono emissioni in atmosfera generate dall'aspetto Scarichi: non vi sono scarichi idrici associati all'aspetto Rifiuti: l'aspetto genera rifiuti non pericolosi avviati al riutilizzo e/o riciclaggio e/o recupero di materia prima. Consumi: Inferiori alle BAT Best Available Technics) Emissioni: le emissioni generate non necessitano di sistemi di abbattimento Scarichi: le acque reflue associate all'aspetto non vengono trattate da un impianto di depurazione Rifiuti: l'aspetto genera rifiuti non pericolosi avviati allo smaltimento finale Consumi: sostanzialmente in linea alle BAT +/- 10% delle Best Available Technics) Emissioni: sono presenti sistemi di abbattimento per contenere le emissioni generate. Scarichi: viene effettuato un trattamento delle acque reflue mediante impianto di depurazione. Rifiuti: l'aspetto genera rifiuti pericolosi avviati allo smaltimento finale. Consumi: Superiori del 10% alle BAT Best Available Technics) 74%89+3 T T T Valutazione Significato 1 Limitato all'interno dello stabilimento 2 Limitato alle aree esterne ma adiacenti allo stabilimento entro 100m) 3 Fuori dalle zone adiacenti lo stabilimento :4%-9+3 T T T L T ) L. Valutazione Significato Inquinamento / consumo inferiore all'anno precedente o evidenza di attività volte al miglioramento dell'impatto Inquinamento / consumo pari all'anno precedente +5%) o non vi è evidenza di attività volte al miglioramento dell'impatto Inquinamento / consumo superiore all'anno precedente o evidenza di attività che hanno determinato un peggioramento dell'impatto ' U+%-V%.V%>V%BV%C,/A $!3%) ' W-=%-U>%.U>D!)U

36 Dati aggiornati al Pagina 3 di 98 '!; &.''! # ".<' %! "! " ; &.''!!! " #" "! &&.<' Emissioni in atmosfera $ , 2 ' " D +, ' H P >B=*ED H.BB*ED

37 Dati aggiornati al Pagina 37 di 98 >B1*E/ D N D $ =B*ED $ -8E $2 H +-C./07, N P/ P/, G +2&.C50<51-, -C./07.71>0B.001 5&2 + BC/.0015 '0=1/&/.001/00BC, Analisi delle emissioni DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO UNICAL mod.iven Ossigeno % O 2 ) 13,5 13,5 13,1 Anidride carbonica %CO 2 ) 5,0 4,2 5,2 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 93,9 92,4 90,8 DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO ALKON Ossigeno % O 2 ) 4,5 4,5 4,2 Anidride carbonica %CO 2 ) 10,9 9,2 11,1 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 98, ,3

38 Dati aggiornati al Pagina 38 di 98 DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO IMMERGAS 1) Ossigeno % O 2 ) 17,1 17,4 1,2 Anidride carbonica %CO 2 ) 2, 1,9 3,2 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 91,0 90,4 87,5 DESCRIZIONE IMPIANTO TERMICO IMMERGAS 2) Ossigeno % O 2 ) 1,9 14,3 14, Anidride carbonica %CO 2 ) 2,7 3,7 4,2 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 89, 93,7 90,5 DESCRIZIONE GENERATORE DI VAPORE Ossigeno % O 2 ) 10,8 12,0 11,4 Anidride carbonica %CO 2 ),8 5,0,4 Rendimento combustione a potenzialità nominale %) 84,5 84,33 88,2 DESCRIZIONE Polveri totali mg/nmc SIGLA PUNTO EMISSIONE E1)** SALA DI PRODUZIONE ED USCITA CRESIE ,10 0,12 0,20 ** autorizzazione alle emissioni in atmosfera 089/DIR/2009/0045 del valore max150 mg/nmc Per le emissioni in atmosfera, data la scarsa incidenza, non è stato elaborato il rapporto rispetto ai volumi produttivi; tuttavia, come previsto dall Allegato IV del reg.ce n.1221/2009, è stato individuato un indicatore chiave riguardo le emissioni in atmosfera riferito all emissione in tonnellate di gas ad effetto serra CO 2 ) prodotta dall attività di logistica dei mezzi aziendali combustione gasolio) e dalla produzione di acqua calda per processo produttivo/servizi igienici combustione GPL) rapportata alla produzione in tonnellate ottenuta dall attività lavorativa di stabilimento. Il calcolo delle emissioni di CO 2 prodotta dalla combustione di gasolio e GPL è stato effettuato secondo le Linee Guida per il monitoraggio e la comunicazione dei gas ad effetto serra ai sensi

39 Dati aggiornati al Pagina 39 di 98 della Direttiva 2003/87/CE del Parlamento Europeo Disposizioni di attuazione della decisione della Commissione europea C2004) 130 del 29 gennaio 2004). In particolare, le emissioni di CO 2 sono state calcolate moltiplicando il consumo di combustibile utilizzato per un fattore di emissione ed un fattore di ossidazione, secondo la formula: Emissioni di CO 2 = consumo di combustibile* Fattore di emissione * Fattore di ossidazione Fattore di emissione = 3,173 tco 2 /t gasolio) Fattore di ossidazione = 0,990 gasolio) Fattore di emissione = 3,024 tco 2 /t GPL) Fattore di ossidazione = 0,990 GPL) Di seguito, tabella riepilogativa per gli anni solari 2011, 2012 e 2013: indicatore t CO 2 / t prod.) 0,07 0,07 0,0 Per l anno solare 2011, l indicatore tco 2 /t prod.) è stato pari a 0,07; ossia per ogni tonnellata di prodotto ottenuto dall attività di lavorazione e movimentato per la spedizione con i mezzi aziendali, sono stati immessi in atmosfera 0,07 tonnellate di CO 2 ossia 70 kg). Dalla tabella, si evince che, per il 2012, il precedente dato risulta sostanzialmente invariato. Nel 2013, si osserva un miglioramento di circa il 14% rispetto ai due precedenti anni, avendo immesso in ambiente circa 10kg di CO 2 in meno per ogni tonnellata di prodotto, a conferma della continua attenzione dell azienda nell utilizzo delle risorse energetiche. Per i dettagli, si veda il paragrafo relativo all utilizzo delle risorse. Emissioni da traffico veicolare mezzi aziendali >-5-.5-> -0 +#, >.001A.> -. O

40 Dati aggiornati al Pagina 40 di 98 Impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica ed emissioni evitate in atmosfera G +, % 5" 3-1>.00PE +,.B.>>-7B PE 010X=B0 + ""!59..0/-75.>0, -><<70. D+, $ + 3&"!H5% B=0, +, ' 2 : +Y.0PE,5 2 : +Y.0PE,5.0-.5/BC...>50C )009&00=-C;

41 Dati aggiornati al Pagina 41 di 98 O $ =B/-./&/ ' J!)&!) H&$!) &) $ 82!) 2&"H;"!!&$ ))&%%"! 2&)%"& &3&8!)" $!&;"! )&9H) 2& $&!)& %H&;; )8 ))&%"!;"!K C <0 % ) > >000Z, H +)2/8E, 4 )2 +) 2, -8E )2 '.<= +)2/8E, )2 7:.*& 3'!>/0=. L ' 1>! &! &!?!% BB>0 0C.C 0B1= 00.B +/PE, +P, -0<>C.1. -.< = C=. 3'&! B

42 Dati aggiornati al Pagina 42 di 98.0->..0<7>PE><-BPE 2 Scarichi idrici +> C:-C./07, B..0 0< > G ' +, > S! ". / &7 *'& == C00! : ". / '* *7 <=.C0!# / *=< && "!""% "!" "!! S> C:-C./07: / '.'= '.'= '. B / ' ' ' 0 2 %" +

43 Dati aggiornati al Pagina 43 di 98, +,'!!$#"+/, &')) &'&)) &'*))!$&"4H8 >>-. ->>=.C=- H%)&3H".B- >0. -<< A #! B&.= ==.7 B*. SS B J K %.=./.00> 4 D -C 4 >0>0 / + "7, / +/, L

44 Dati aggiornati al Pagina 44 di 98 /!A< > + -BC7.< C -7> , G +O ,' 2C2D&' A A S! ". / -00!# / '.'' E'.' 555 "!""% "!" / '.'' '.'' 0C!# / &.= B=.:.00!! "!" / :.*:.C 2C2D&'& A A S! ". / =.B 7-00!# / '.'' E'.' 555!"!"!" / &. 7.& -C!" / =.< &' C00

45 Dati aggiornati al Pagina 45 di 98 "!""% "!" / '.'' '.'' 0C!# / "!" SB C:-C./07: / 2C2D&'* A A S! ". / :B.<: 7B.: -00!# / '.'' E'.' 555!"!"!" / 7.7: &.:=: -C!" / '.* '.* C00 "!""% "!" / '.'' '.'' 0C!# / "!" / <. :.=:.C! 5 +, Rifiuti # 4 L

46 Dati aggiornati al Pagina 4 di 98 +M, M ' + -=B5.0C/.0-0, N.> +, B %-071/.001 +%,=C./.00B +%,=C>/.00B ) %-BB-/.00< =00P/ G >) J K %-071/ B50>5-- % -<<B/.00., > > +,' %.0--+, %.0-.+, %.0->+, *:.<=' *.:<' &7.&&:

47 Dati aggiornati al Pagina 47 di %"! + 3H00B: /, " +, %&+% &, % 4 +8H, %% 9 % -=.0-- )&+ " 5 T G /, )& -0- >-.0->+! -- >-.0->-0-J :)&K, -C0/.0->+J8 K, )& >

48 Dati aggiornati al Pagina 48 di 98.0-B >-.0-B +, > ' %&;"! ) ) " +, -C0.0. %"% %& -C0-07 0=0>-= >1 ->0.0= -C0-0- -=0-0> -C0.0> 0.0>0-0.0>0C %3 & & & & & & & & & & %"!H!)".0--+,SS %"!H!)".0-.+,SS %"!H!)".0->+,SS ==B>.B70 B=-0 00B= B 000> =-00S =C00S 1-00S > 0-C >C.< ><07 B==B > = BB & & -<0B0C =7 S ' / SS '/ SSS +%&-C0-0-, > %&'

49 Dati aggiornati al Pagina 49 di 98 ) A-: ) A.: ) A>: / ) AB: ) AC: ) A-: #! %"% %"!H!)" %&;"! %3 %&.0--+, " +, ->0.0= & "!"#"!!" "!" "!,0 %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, > 0-C '.&'' '.B* '.: ) A.: " "! %&;"! %"% %& %3 ) =0-0> "!"#"!!" "!" "!,0 & & %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, B 000> '.'&< '.''7 '.''* ) A>: #"!$#! %&;"! %"% %& %3 & -C0-0- & -C0-07 & -<0B0C & &.00->1 "!"#"!!!" " #"!$#!,0 %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, >C.< ><07 B==B ==B>.B70 B= =7 =-00S =C00S 1-00S :&.B' 7<.'& S SSS +%&-C0-0-,

50 Dati aggiornati al Pagina 50 di , ) AB: %&;"! ) %"% %& -C0-07 0=0>-= 0.0>0-0.0>0C -C0.0> %3 & & & & & -C0.0. "!"#"!!!" "!" "!,0 ) AC: %&;"! "!"#"!!" " #!,0 "!"#"!!" "!" "!,0 "!"#"!!!" " #"!$#!,0 "!"#"!!!" "!" "!,0 %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, 00.> B= = BB 00> '.'& &.'B& %"!H!)".0--+, %"!H!)".0-.+, %"!H!)".0->+, '.&'' '.B* '.: '.'&< '.''7 '.''* :&.B' 7<.'& '.'& &.'B& "!" #"!!"",0 :&.:&'

51 Dati aggiornati al Pagina 51 di 98 Nel grafico seguente, si riporta la quantità t/anno) di rifiuti prodotti rispetto alla quantità di prodotto trasformato dall azienda t) : Dal grafico si evince come la quantità totale di rifiuti, rispetto al totale di produzione ottenuta, abbia un trend costante nel corso del triennio considerato, ossia intorno ai 15Kg per tonnellata di prodotto ottenuto. Significativo della costante attenzione aziendale nella gestione dei rifiuti, risulta essere il rapporto tra la quantità annua di rifiuti destinati al recupero, rispetto alla quantità totale di rifiuti prodotti, così come riportato nella tabella che segue:

52 Dati aggiornati al Pagina 52 di 98 Il grafico dimostra come la tendenza dell azienda sia quella di mantenere elevata la quantità di rifiuti destinati al recupero; in particolare, dal grafico si evince che oltre il 90% dei rifiuti prodotti dall azienda è raccolto per essere destinato al recupero. A conferma di quanto riscontrato, si prenda in considerazione il dato del 2008 riportato nelle precedenti dichiarazioni ambientali), dove solo il 34% del totale dei rifiuti prodotti era stato destinato al riutilizzo/recupero. Contaminazione del terreno e del sottosuolo! 2.00< A. '

53 Dati aggiornati al Pagina 53 di 98 Biodiversità % %-..-/.001 L D +, ->C J K 2 3% 22D B.00. 0>- Utilizzo di risorse )! > %&;"! H/8! # "%! &'! # "%! &'&! # "%! &'* %"!H8") &&&: &7BB %"!H8"F# F#!""!) %"!H8"F#!!) %"!H8" "")) %"!H8"!!) > *=* *B*7 > <=: <B< =<B PE *''7B7 <*<' =7B&& S ' SS '

54 Dati aggiornati al Pagina 54 di 98 % % -..-/.001 J K $2 8E +8E/,2 $28E + 'FFF 5,' 2.0->' H/8.0-> PE 8E =7B&& 7=7170 7=< "" + "" + 1 PE >-7C.0> >-7C PE &=':'.-<0C0.-< +G2

55 Dati aggiornati al Pagina 55 di 98.0-> ' G2$+H'.B< ' &''= &''< &''B &'' &' &'& *B ***= *&B< *<*' *B' +G2 1-,G2$+0.:'.:'.&B.*'..'& 2.0-> Utilizzo GPL $2 -<C0 +$2, P/, O $2 2 +$2, >'

56 Dati aggiornati al Pagina 5 di 98 $2 ' % $2D D 'L %L $2<- D.0->

57 Dati aggiornati al Pagina 57 di 98 Utilizzo di acqua G +, +, & 2 2->0-/0= = +, +42, > > O ' % C.CX +, D % B71X D % 07X5 X '! / 5 ) +, &', * 0 &'&, * 0 &'*, * 0 &&7: &&* &BB =:* <= :' &: B&<7 7'7< 7'77 2 > '

58 Dati aggiornati al Pagina 58 di 98.0->0C > > +,0= >.0-B.0-C+#- >, Utilizzo di energia elettrica..000 B00 D =00* 9) %!&$ + 8))& CB000PE, +.0--,

59 Dati aggiornati al Pagina 59 di 98? %!&$? ' , I - X X 3 >0.= >7<0 % -70< -B70 $ BBB7 B >< -.0! -C> -=0 7.1 C<0 + /, +,# +, 2 8E/ '

60 Dati aggiornati al Pagina 0 di > 0<.=8E ).0->+.-<0B1PE, >>=>8E +B>B7B--,0<<=8E + 1X.0--,) G!.0-0 J K Nella fase progettuale del.>000 PE/ +, 0C1-E/. *D 0.<>E/. *

61 Dati aggiornati al Pagina 1 di 98 2 L Utilizzo di gasolio AB7B.00C J%K 8-150> > 8!!>10>B--.7> 0-/-- %3 3+9, &.>/0B & & A / '

62 Dati aggiornati al Pagina 2 di 98 > >.<X.0--' L G G /! , -00P+ /-00P,D + PC0000/,! -00P+ /-00P, >' %.0-- %.0-. %.0-> + /-00P, + /-00P, + /-00P, :.= '.< 7.' 2.0-> -B0 -B -00 P -7C Emissioni sostanze lesive per lo strato di ozono/gas fluorurati ad effetto serra &.. &.. L >000* T " 2&-B</07+ %3%I%3%, & =B./ I3%,

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL 1 Nocera Inferiore 19/11/2012 L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL La New That Srl è presente sul mercato da oltre 40 anni. L azienda da sempre interessata alle più significative dinamiche di mercato,

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

Gas Fluorurati. contribuiscono al cd. «effetto serra»

Gas Fluorurati. contribuiscono al cd. «effetto serra» Samantha Sapienza Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia www.minambiente.it Gas Fluorurati impatto zero sullo

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Per una migliore qualità della vita ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Alessandro Ficarazzo Certiquality QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING 27 maggio 2015 Assolombarda

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE

ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE I criteri a cui fare riferimento per la progettazione sono quelli di seguito indicati e, comunque, quelli volti all utilizzo di soluzioni sperimentali e

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

A voti unanimi e palesi delibera:

A voti unanimi e palesi delibera: Vista la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia, mediante la cui applicazione l Unione Europea ha inteso promuovere il

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE Provincia di Genova Direzione Ambiente, Ambiti Naturali e Trasporti Servizio Energia, Aria e Rumore Ufficio Energia e Rumore AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Ing. EZIO PIREDDU Commissione Energia e Impianti Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili

Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili Dott. Ing. Simone Bonari Sig. Maurizio Maggioni IX Convegno AICC L acqua L industria ed alcune lavorazioni in particolare sono da sempre

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO ISTRUZIONI ALLA COMPILAZIONE PREMESSA Il Programma Ambientale è un documento di grande importanza che il Soggetto Gestore gestisce direttamente

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Sessione autunno 2009 Corsi accreditati dall ordine degli Avvocati e dal Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati @@@@@@ A cura del Dott. Bernardino

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

Dpr 15 febbraio 2006, n.147 (Gazzetta ufficiale 11 aprile 2006 n. 85)

Dpr 15 febbraio 2006, n.147 (Gazzetta ufficiale 11 aprile 2006 n. 85) Dpr 15 febbraio 2006, n. 147 (Regolamento 2037/2000/Ce - Modalità per il controllo ed il recupero delle fughe di sostanze lesive della fascia di ozono stratosferico da apparecchiature di refrigerazione

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE @@@@@@ A cura del Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura di UPI Emilia-Romagna Per informazioni: dott.ssa Luana

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 - Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico, acustico

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a) Controllo

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

LA NORMATIVA PORTANTE

LA NORMATIVA PORTANTE INDICE SOMMARIO Prefazione... pag. V Parte Prima LA NORMATIVA PORTANTE 1. CODICE CIVILE. Libro III, Titolo VII, Capo II Del condominio negli edifici. art. 1117... 3 art. 1118... 42 art. 1119... 75 art.

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

CHECK LIST - AUTODICHIARAZIONE DI CONFORMITA' LEGISLATIVA AMBIENTALE PER IL SETTORE DEL LEGNO ARREDO. L. 10/91, art. 19. D.Lgs. 152/06, art.

CHECK LIST - AUTODICHIARAZIONE DI CONFORMITA' LEGISLATIVA AMBIENTALE PER IL SETTORE DEL LEGNO ARREDO. L. 10/91, art. 19. D.Lgs. 152/06, art. CHECK LIST - AUTODICHIARAZIONE DI CONFORMITA' LEGISLATIVA AMBIENTALE PER IL SETTORE DEL LEGNO ARREDO La presente check list è utilizzata nel percorso per l'ottenimento del marchio di qualità ambientale

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

NUOVA LEGISLAZIONE IN TEMATICA DI ETICHETTATURA DEI CLIMATIZZATORI DOMESTICI

NUOVA LEGISLAZIONE IN TEMATICA DI ETICHETTATURA DEI CLIMATIZZATORI DOMESTICI NUOVA LEGISLAZIONE IN TEMATICA DI ETICHETTATURA DEI CLIMATIZZATORI DOMESTICI Ing. Luca A. Piterà, Segretario tecnico AiCarr Da oltre 10 anni siamo abituati a scegliere e valutare i condizionatori ad aria

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality.

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality. I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 18 settembre, Latina Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl a.ficarazzo@certiquality.it 02 80 69 17 91 QUALITY ENVIRONMENT

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Sede Operativa : Zona Industriale Due Pini Montalto di Castro (VT) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO E OCCUPAZIONALE

Sede Operativa : Zona Industriale Due Pini Montalto di Castro (VT) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO E OCCUPAZIONALE Determinazione n. B6548 del 20 dicembre 2010 OGGETTO: VALLONE S.r.l. - ai sensi dell art.208, comma 20 del e s.m.i., relativamente ad un impianto di stoccaggio e trattamento per il recupero di R.A.E.E.

Dettagli

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06 OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D Lgs 152/06 Premessa Il DLgs 152/06, emanato dal precedente Governo con l'intento di essere il Testo Unico dell'ambiente ha introdotto diverse

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA CABOT ITALIANA S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

Centrale termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri

Centrale termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 Anno 2013 1 Aggiornamento annuale Dichiarazione Ambientale 1 aggiornamento anno

Dettagli

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione Aria Per molte aziende una fornitura affidabile di aria

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

FASCICOLO DELLE AUTORIZZAZIONI ACQUSITE

FASCICOLO DELLE AUTORIZZAZIONI ACQUSITE AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (A.I.A) D.LGS 152/2006 s.m.i. - Parte Seconda - Titolo III Bis (D.LGS 46/2014) FASCICOLO DELLE AUTORIZZAZIONI ACQUSITE Ditta: CENTRO RICICLO SUD S.r.l Sede Legale: Via

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

Norme per la sicurezza degli impianti. Piano energetico regionale. Disposizioni in materia di energia. Piano energetico regionale

Norme per la sicurezza degli impianti. Piano energetico regionale. Disposizioni in materia di energia. Piano energetico regionale Regionale Dl 4 giugno 2013, n. 63 D.P.R n.59 del 02/04/2009 D.Lgs. 192/2005 D.Lgs 311/2006 D.P.R. n. 551 del 21/12/1999 D.M. del 02/04/1998 D.P.R. n. 660 del 16/11/1996 D.P.R. n. 412 del 26/08/1993 L.

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli