PROFILO ECONOMICO DELLA CONTEA DI BARANYA La contea di Baranya, le principali Città e la sua economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILO ECONOMICO DELLA CONTEA DI BARANYA La contea di Baranya, le principali Città e la sua economia"

Transcript

1 PROFILO ECONOMICO DELLA CONTEA DI BARANYA La contea di Baranya, le principali Città e la sua economia Condizioni naturali ed ambientali La contea Baranya, con un estensione di 4430 km 2, è delimitata a est dal Danubio e dalla contea Bács-Kiskun, a ovest dalla contea Somogy e a sud dalla Croazia. La contea, relativamente alla dimensione territoriale, alla popolazione e alla densità degli abitanti, è nella media delle regioni ungheresi. Baranya è la contea piú meridionale dell Ungheria. Il clima submediterraneo che la caratterizza per tutto l anno e la durata e l intensità delle radiazioni solari la rendono la regione piú temperata del paese. Con i suoi paesaggi geografici estremamente variegati, le piacevoli montagne Mecsek e le colline circostanti ricche sia di foreste che di acque termali e minerali, importanti per il turismo e l agricoltura della contea, è l orgoglio dell Ungheria. La contea è aperta verso sud. L Ungheria puó partecipare alla divisione internazionale del lavoro attraverso la Croazia e il Mare Adriatico. Gli insediamenti in Baranya sono rappresentati maggiormente da piccole cittadine e villaggi. Circa i due terzi (65%) della popolazione ( abitanti) è concentrata in dodici città (Pécs, Bóly, Harkány, Komló, Mohács, Pécsvárad, Sásd, Sellye, Siklós, Szentlorinc, Szigetvár e Villány) mentre un terzo (35%) vive nei restanti 289 piccoli villaggi, che generalmente hanno meno di 1000 abitanti. Città e villaggi cosí piccoli danno alla contea un forte carattere rurale. Nella contea si trova Pécs, polo di cultura e di istruzione, e focus di una regione ricca di monumenti storici. Nella regione vivono comunità di ungheresi, croati, tedeschi e serbi. Essi hanno tutti contribuito al bagaglio culturale della contea di Baranya. Come risultato di ciò, c è una grande ricchezza di arte folcloristica locale; in effetti questa è proprio una delle aree etnografiche piú varie del paese. La situazione economica della contea La situazione sociale ed economica della contea negli ultimi dieci anni oltre allo shock causato dall elevato tasso della disoccupazione mostra un peggioramento, che tuttavia non è drammatico. Verso la fine del 18esimo secolo e durante il 19esimo a Baranya, come nelle altre contee del nord-est, si verificarono grandi trasformazioni strutturali. Il deteriorasi delle risorse naturali della regione (agricoltura, estrazione) ridefinì la posizione socio- 1

2 economica della contea. Dal punto di vista economico, il settore predominante dell estrazione e dell industria pesante fu il primo a soffrire la crisi a seguito della quale la situazione è cambiata. La performance economica della contea è nella media con quella delle altre contee all interno del paese. In termini di PIL pro capite il dato del 3% (corrispondente a 496 miliardi di Fiorini) raggiunto dalla contea di Baranya nel 2002 è la conseguenza di un aumento del 12-15%. Il PIL pro capite era di 1225 mila Fiorini. Ci sono 33 mila organizzazioni commerciali all interno della contea, il 22% delle quali è coinvolto nell industria commerciale e dei servizi. Il tasso di disoccupazione è circa dell 8,7%, che è piú alto della media nazionale. Pécs Baranya Popolazione Tasso disoccupazione (%) 7,2 13,9 Tasso di diplomati disoccupati 25,7 15,8 Tasso di Universitari 8,0 3,1 Unemployeent fresh graduates 10,1 8,7 Operating economic organization Partnership Sole entertainer non profit organization Le condizioni e le capacità agricole della contea sono favorevoli. Esse sono particolarmente brillanti nella regione Mohács. I risultati migliori sono stati raggiunti nella produzione di cereali e sementi. Dal 1990 la produzione agricola su larga scala si è trasformata. In seguito alla privatizzazione delle aziende agricole statali e agli altri cambiamenti nel settore della 2

3 cooperazione, la proprietà privata ha assunto un ruolo dominante. I cambiamenti nella struttura della proprietà sono stati accompagnati da livelli di produzione scadenti nei raccolti, nell allevamento e nell orticultura. Le aree vinicole sono internazionalmente riconosciute (oltre alla qualitá di vino del Villány-Siklós, anche il vino bianco della regione Mohács-Bóly sta diventando noto e i vini della Mecsekalja sono sempre piú conosciuti). Industria Dopo la ristrutturazione dell industria, l industria ingegneristica, elettronica e altre industrie manifatturiere (della carne, del tabacco, delle bevande, etc.) giocano un ruolo decisivo; il potenziamento della tecnologia ha contribuito ulteriormente all efficienza del settore. La produzione è ora piú efficiente e anche la fornitura di servizi è stata modernizzata. I mercati industriali sono cambiati sostanzialmente. Nella prima metà degli anni 90 era soprattutto il mercato locale a sostenere il business locale. Recentemente i risultati relativi all export del business locale hanno indicato che le nuove opportunità di vendita sono aumentate in modo particolare nei paesi dell UE. Un numero crescente di imprese stanno producendo prodotti competitivi e di alta qualità. Operating organisation according the number of employees Economic organization Private limited company (Ltd) Joint stock company kkt Private company with unlimited liability Association Partnerships 2000 Total 0 Number of employees 1-9 Number of employees Number of employees Number of employees Number of employees 250 and more Number of employees 0 or unknown Total 3

4 Number of operating organizations according typeof business and operating field total Private limited company Joint stock company Association Private company with unlimited liability Sole entertainer agriculture within it: producing of wood and paper products, printing Textile industry; clothing and leather products Transport, warehouse, post education Selling according sectors, Inland Million FT export total mining Within it: producing textile clothing producing of wood and paper products Within it: electric machines and precision mechanic 4

5 Companies with foreign stakeholders according sectors, Number of companies Equity capital million Ft foreign part of the equity capital agriculture With in: textile industry and leather products Machine industry Hospitality and accommodation services Attualmente ci sono cinque Parchi Industriali nella contea. Il primo e più grande è il Parco industriale di Pécs, ma ci sono parchi industrial anche a Komló, Mohács, Bóly e Szajk-Versend, dove gli investitori sono attirati dalle condizioni favorevoli e dai numerosi benefici. Trasporti La posizione economica e sociale della contea è determinata dalla debole connessione con le altre regioni all interno della contea. La rete di trasporti della contea è fortemente orientata verso Budapest con deboli connessioni verso l Ungheria dell est. La situazione dei trasporti all interno della contea è influenzata dalla diversitá geografica e dalla rete di piccoli villaggi. Una delle condizioni piú importanti del traffico è la rete di strade e ferrovie. Le connessioni tra i villaggi e i paesi sono ancora deboli a causa dell elevato numero di villaggi privi di valide vie di comunicazione. La rete stradale della contea lascia a desiderare. Una rete stradale di 1500 km sta connettendo i villaggi e i paesi di Baranya. Sfortunatamente, non ci sono connessioni autostradali, e la superstrada usata piú frequentemente è la M6 tra Barcs-Pécs-Szekszárd-Budapest e la strada No.66 tra Pécs-Dombóvár- Budapest. A sud c è una rete stradale tra Pécs-Harkány-Drávaszabolcs verso il confine croato. L importanza della linea Pécs-Magyarbóly-Illocska puó aumentare in futuro grazie alle ralazioni con Osijek e Sarajevo. C è una linea di autobus diretta tra Harkány-Pécs-München-Stuttgart e un collegamento ferroviario tra Pécs-Zagabria e Osijek. Baranya è collegata con la via acquatica Reno-Meno-Danubio, un cui miglior utilizzo potrebbe condurre in 5

6 futuro a migliori opportunità sul fronte navigabile dell Europa Orientale. Per raggiungere questo risultato è necessario costruire un nuovo porto su fiume a Mohács. Molti dei maggiori porti nell Europa occidentale e sul Mar Nero sono facilmente accessibili da questa zona via Danubio. I porti del Mar Adriatico non sono piú lontani di km con trasporti stradali o ferroviari. L aereoporto di Pécs-Pogány è adatto per l atterraggio di piccoli aereoplani e quest anno sarà pronto ad accogliere il traffico aereo internazionale, poiché è stata creata una fondazione per il suo sviluppo. Le luci per l atterraggio e una torre di controllo devono essere installate per rendere l aereoporto regionale adatto al traffico pubblico (ICAO 3C categoria) e preparato ad accogliere aerei di medie dimensioni (50 persone). Nel Novembre del 1998, nell area è stata siglata una cooperazione Euroregionale con il contributo di Bosnia, Croazia e Ungheria. La spina dorsale dell Euroregione Duna-Drava- Sava è rappresentata dal corridoio V/C. Le parti, firmando la cooperazione (Camere, contee, città), sono pronte a collaborare anche nel campo di progetti per lo sviluppo economico da implementarsi in quest area. Turismo Per alcuni anni il turismo è stato considerato un settore economico di successo che avrebbe assunto in futuro un ruolo di sempre maggiore importanza. Tra le bellezze naturali di Baranya, ci sono anche un clima temperato, estati calde terapeutiche, vini eccellenti, una varietà di attività ciascuna delle quali rappresenta una base fondamentale per il turismo. Inoltre, il crescente numero di piccoli villaggi coinvolti nel turismo rurale e i territori lungo il Danubio e la Drava stanno tutti aumentando di importanza e sviluppando il turismo e l economia della contea. La contea ha un clima favorevole e diverse varietá di terreni. Elementi salienti sono rappresentati dalle colline di Mecsek e Villányi (con i loro pendii meridionali sub-mediterranei), laghi, fiumi e aree più pianeggianti. Villány e Siklós sono aree che si distinguono per la produzione del vino. I laghi di Orfu sono ideali per il turismo d acqua, e anche i bagni geotermali di Harkány, Szigetvár, Magyarhertelend e Sikonda sono altrettanto famosi. I prodotti squisiti della fabbrica di porcellane Zsolnay ha portato fama mondiale alle arti di Pécs. Baranya è la contea dei musei e Pécs detiene il maggior numero di collezioni, se si esclude Budapest. I monumenti antichi sono importanti attrazioni turistiche (es: il campo di battaglia di Mohács, i castelli di Szigetvár e Siklós, il museo Sellyei Kis Géza, Csontváry, Zsolnay e Vasarely la Galleria di Pittura moderna etc.). Altre attrazioni includono la colonia degli artisti di Villány, le cantine lungo la via del vino Villány- Siklós, i numerosi monumenti storici di Pécs e della contea e ultimo, ma non meno importante, i piccoli villaggi caratteristici della Baranya. 6

7 Risorse Umane Le risorse umane sono ben sviluppate grazie agli elevati standard educativi. Significativo è il fatto che gli standards educativi maggiori sono nel campo delle scienze. Oltre alle risorse naturali già menzionate, Baranya possiede una popolazione multietnica con un efficiente esperienza professionale e una conoscenza elevata delle lingue straniere. Le tradizioni storiche e sociali, i reperti artistici, i musei mostrano una forte connessione locale. L immagine specificamente unica dei paesi piú piccoli e dei villaggi è tipica, e i valori storici, etnici, agricoli e etnografici sono di spicco. Il fenomeno della globalizzazione rende piú difficile cambiare verso un economia di mercato. La globalizzazione influenza fortemente non solo l economia, ma anche la cultura e la scienza. L aumento delle performance economiche, il miglioramento della competitività possono essere raggiunte solo attraverso la modernizzazione, che può essere ottenuta tramite una produzione basata sulla conoscenza. Le statistiche riguardanti lo sviluppo economico ed educativo mostrano che Baranya è nella media delle altre contee. Tuttavia, il tasso di studenti e professori che prendono parte nei più alti campi dell educazione, della ricerca e dello sviluppo è elevato grazie allo status della città nella contea (Cittá delle Universitá). Pécs Pécs, fondata duemila anni fa, è la capitale della contea di Baranya. Essendo la piú grande cittá dell area transdanubiana ( abitanti), è il centro di agglomerati naturali della Regione Transdanubiana Meridionale ( abitanti). Il Comitato per il Patrimonio Mondiale dell UNESCO in Australia nel 2000 ha incluso Pécs nella lista dei patrimoni mondiali. Come centro universitario, esso influenza lo sviluppo economico del paese sostenendo il sorgere di conoscenze tecnologiche intense e innovative. L economia del paese è caratterizzata da un commercio vivace, da un settore terziario sviluppato e dall industria elettronica. Pécs offre condizioni favorevoli per coloro che intendono investire, commerciare e sistemarsi, perché vi si puó trovare: forza lavoro ben preparata con tradizioni industriali; servizi commerciali sviluppati; comunicazione multilinguistica; alto livello di corsi speciali e di riqualificazione confezionati su misura; Centro Regionale per lo Sviluppo della Forza Lavoro e per la formazione professionale; 7

8 una municipalitá liberale e pro-business, e autoritá locali flessibili; collegamenti commerciali risviluppati verso i mercati orientali e sudorientali; ampio network di business internazionale nella regione delle Alpi e dell Adriatico e attraverso nove città gemellate. La città, situata sulla pendice meridionale della collina Mecsek, ha un clima mediterraneo. Questa è la regione più temperata del paese ed è caratterizzata da moltissimo sole. Pécs è abbastanza grande da provvedere a tutte le condizioni per uno stile di vita piacevole, senza gli svantaggi delle cittá metropolitane e i problemi urbanistici crescenti. Centinaia di imprenditori stranieri, managers e esperti lavorano già a Pécs apprezzando il loro nuovo ambiente. Pécs provvede ad un alto livello di condizioni abitative a prezzi inferiori se paragonati a quelli di Budapest. Hotels piccoli e grandi possono ospitare diverse migliaia di ospiti. La città è il centro commerciale più grande della regione con eccellenti servizi a livello europeo. Oltre a migliaia di negozi, sono presenti anche catene internazionali come METRO, Spar, DM, Baumax, ecc. Nel paese operano piú di mille esercizi di catering, tra cui 250 ristoranti con cucina nazionale e internazionale (Cinese, Araba, Greca, etc.), incluse aziende multinazionali e McDonald s. Pécs offre, inoltre, un ampia gamma di programmi culturali. Il Teatro Nazionale ha 100 anni, l Orchestra Sinfonica e il Balletto hanno una reputazione internazionale. L educazione musicale è di alto livello. Ci sono piú di 30 musei e numerose gallerie d arte nella città. Relativamente agli sports e al tempo libero, ci sono quattro piscine, due stadi, un palaghiaccio e molti campi da tennis. Nelle vicinanze di Pécs è facile trovare campi da golf, maneggi o servizi per gli sports acquatici. Si possono trovare anche numerosi biliardi, bowlings, casinò e case da gioco. I boschi di Pécs e Mecsek sono famosi luoghi di caccia, mentre i laghi nelle vicinanze di Pécs sono eccellenti per la pesca. La regione ha bellissime attrazioni naturali. I monti Mecsek, il Lago Orfu, il Danubio a Mohács e numerose riserve naturali offrono piacevoli rotte turistiche e impianti. Il livello dei servizi sanitari a Pécs è elevato. Ci sono piú di 1,000 medici, dei quali oltre 200 hanno anche uno studio privato. Il livello del servizio medico alle cliniche dell Universitá di medicina di Pécs eguaglia gli standards europei. Komló Komló, con i suoi abitanti è la seconda città della contea Baranya ed è situata nel bellissimo cuore verde del Mecsek Orientale. C è un vecchio villaggio, Villa Comploy, a cui si fa riferimento in un certificato del Probabilmente il nome della città deriva dal luppolo che viene coltivato e 8

9 che dal 18esimo secolo si può vedere sul sigillo del villaggio. Durante le ultime ricostruzioni, sono stati ritrovati antichi resti romani del secondo secolo che attesterebbero le antiche origini della cittá. Solo pochi abitanti sono scappati durante l occupazione turca finita nel A seguito di una decisione delle camere del territorio, Komló divenne dal 1720 la dimora della contessa Erzsébet Traum e dal 1749 quella del conte Lajos Battyány, che fu in seguito il paladino del paese, verso cui la città è debitrice. I nuovi signori, oltre alla crescita della popolazione ungherese nella metà del 18esimo secolo, trasferirono dal Burgerland dei residenti di lingua tedesca. Poiché la bassa qualità delle terre non garantiva un tenore di vita sufficiente per la popolazione, i tedeschi introdussero diversi mestieri, industrie e stili architettonici moderni. Nel 1812 fu scoperto del carbone nelle colline circostanti ed esso rappresentò per la città una grande opportunità per il futuro. Gli imprenditori prima, i proprietari del territorio poi, cercarono di estrarlo. Dopo la conciliazione, nel 1867, il rapido sviluppo economico influì positivamente sull estrazione del carbone. Il padre dell estrazione del carbone a Komló, Engel Adolf Jánosi, nel 1898 aprì la prima miniera redditizia battezzata Anna come la moglie. In pratica, la storia moderna di Komló e della sua regione è iniziata nel periodo a cavallo tra il 19esimo e il 20esimo secolo e in un secolo è diventata uno dei centri economici, amministrativi, culturali e medici fondamentali della Baranya settentrionale. Alla fine del secolo più della metà degli abitanti lavoravano e vivevano della miniera. Nel 1909 la miniera divenne una proprietá statale e la produzione crebbe. Attorno alla fine della Seconda Guerra Mondiale, c erano miniere di carbone, cave, impianti elettronici e stazioni ferroviarie. All inizio degli anni 50 ci fu un grande cambiamento nella vita del paese. Il 2 Settembre del 1951 Kómlo assunse lo status di città, l attività mineraria aumentò e tunnel pieni di carbon coke furono aperti uno dopo l altro. Parallelamente a questo fenomeno fu avviato il piano di sviluppo economico. Il rapido sviluppo della città di Kómlo e lo status della cittá furono dovuti alle sue miniere di carbone, ma lo sviluppo durò fino a che le miniere furono chiuse una dopo l altra. Nel 2000, dopo piú di 100 anni, l intensa attività mineraria si è interrotta e con l ultimo carrello trasportato in superficie, per il paese e i suoi abitanti è comiciata una nuova era. La trasformazione della struttura industriale è cominciata nel 1990 ed è proseguita fino agli ultimi 3 anni grazie al programma di sviluppo economico intensivo elaborato dal comune. Questo programma prevedeva grandi opportunità anche per gli affaristi e gli investitori. Attualmente l economia del paese è caratterizzata da piccole industrie leggere e da industrie per la lavorazione dei metalli. 9

10 Le piú significative sono fortemente collegate al campo delle automobili e dell industria leggera. Il flusso di capitali internazionali è cominciato principalmente con gli investimenti italiani, tedeschi e austriaci. Nel 2000 è stato realizzato un parco industriale di circa 30 acri. In quest area si stanno già svolgendo attività economiche, mentre in altre parti del territorio si è ancora nella fase di preparazione per l arrivo di altre aziende che progettano di lavorare a Komló. Nel centro ci sono aree in cui stanno per essere costruiti centri commerciali. La rete dei servizi di assistenza medica, educativa, culturale e sociale della città soddisfa tutti i bisogni della popolazione. Il centro della vita culturale della città è il teatro, la sala concerti e la Community House, con diversi clubs, cori, e gruppi culturali e artistici. Il museo della storia locale con foto di miniere, diversi oggetti che raccontano storie, documentano anche lo sviluppo della città. La Collezione di Scienze Naturali contiene differenti specie di farfalle e insetti, oltre a una ricca collezione di rocce. Uno dei maggiori programmi della città è il Festival Internazionale dei bambini Kodály Zoltán organizzato ogni due anni dal Durante la storia del festival, 15 paesi da tre continenti sono stati presenti con circa bambini. Il primo fine settimana di settembre si tiene l annuale komló s day, che mantiene le tradizioni del giorno dei minatori. All interno del programma ci sono diversi eventi culturali, concerti, esibizioni, eventi sportivi, feste nazionali e altri programmi per bambini e adulti aperti ai visitatori e agli ospiti del festival. Uno degli eventi piú significativi è l esibizione Komló Expó e la fiera a cui partecipano diverse attività e imprese della città e della regione. Sikonda è l attrazione turistica della città ed è situata nella valle con un particolare microclima e bellissimi panorami naturali. Grazie alle vaste foreste e ai prati, l umiditá dell aria è abbastanza alta (60-80% in media), e l aria è pulita e priva di inquinamento. Oltre ai bagni, per i visitatori è possibile anche andare a cavallo e praticare altri sport. Vicino alla piscina ci sono laghi ricchi di pesce. È giá cominciato lo sviluppo dell area termale con la costruzione di acquapark, hotel, centri sportivi e ricreativi. 10

11 LE VENDITE NELLA REGIONE: COME ENTRARE NEL MERCATO Sia la struttura commerciale dell Ungheria che la struttura commerciale della regione dipendono prevalentemente da aziende multinazionali o fusioni di aziende nazionali. I cambiamenti commerciali in Ungheria sono stati improvvisi: per esempio, la concentrazione e la diffusione di negozi moderni ha richiesto 20 anni in Austria, ma 5-6 in Ungheria. La concentrazione nella capitale e nel paese è significativa per quanto riguarda la vendita all ingrosso, cosí le reti di venditori all ingrosso e di importatori non giocano un ruolo importante nella contea e nella regione. Il partner straniero puó selezionare diversi canali di vendita: vendita all ingrosso distributori società di intermediazione commerciale rappresentanti, agenti Il mercato commerciale Uno degli aspetti chiave dello sviluppo commerciale è il potere d acquisto e la dimensione del mercato. L indice del potere d acquisto ungherese è il 53% della media europea. (secondo le previsioni, nel 2015, raggiungerá il 69% della media europea attuale). L indice del potere d acquisto nella contea Baranya (se la media ungherese rappresenta il 100%) è del 96%. Anche la struttura delle spese del nucleo familiare è cambiata; la proporzione di denaro speso in cibo è diminuita. Con la crescita del numero degli utenti di internet, la possibilità di usare più canali informativi per i consumatori è mutata. Ma, secondo le statistiche, molti utenti hanno un collegamento internet solo sul posto di lavoro, quindi l uso privato è limitato. Le abitudini alimentari influenzano la richiesta di cibo: rispetto agli anni precedenti, si è percepita una crescita significativa dei gruppi che cercano novità e cibo tradizionale. Le abitudini giocano un ruolo anche nella scelta del tipo di negozio. Gli ipermercati e le catene di piccoli negozi hanno aumentato la loro gamma di prodotti sul mercato delle merci di uso quotidiano; tuttavia, per gli esperti dell Istituto ungherese GfK per la ricerca di mercato, il 2005 sarà l anno dei discount. Questi negozi sono apparsi in Ungheria con la catena Penny Market. Anche se il numero di consumatori rimasto stabile, l ammontare di denaro speso in questo tipo di negozi è aumentato significativamente. La catena Lidl ha ottenuto nuovi consumatori aprendo nuovi punti vendita nel paese e nella contea, ampliando cosí la quota di 11

12 questo tipo di negozi. I consumatori ungheresi non sono fedeli ai negozi ma a tipi di negozi, e dopo gli ipermercati, i discount sono i piú graditi. Studiando l orientamento dei consumi, si percepisce che il mercato dell abbigliamento e delle calzature è cresciuto. Non sono aumentati solo i profitti, ma anche il denaro speso dalle famiglie per queste merci. L equilibrio delle forze sul mercato dei beni di consumo quotidiano si sta trasformando. Le compagnie multinazionali aumentano il valore della marca e rafforzano l immagine delle catene di negozi. Le marche commerciali stanno assumendo un ruolo sempre piú preponderante. La reazione delle compagnie di produttori internazionali a questi cambiamenti è quella di cercare nuovi canali di vendita (per esempio, vending machine, internet). In Ungheria, seguendo la tendenza mondiale, il motore della crescita è l espansione dei negozi di grandi dimensioni. Per riassumere, i motivi dell attrattività del mercato ungherese sono: la competizione non è così forte comparata a quella in altri paesi sviluppati, le possibilità di crescita sono realistiche nel lungo periodo, il mercato è relativamente sviluppato e la presenza di compagnie internazionali ha un influenza stimolante sulla domanda e sull offerta, il consumo per abitante è relativamente alto, la dimensione del mercato fornisce spazio di manovra sufficiente posizione strategica è favorevole Struttura commerciale della Contea: Retail shops according shop-types Shop-types Food and grocery Not food Including: textile Clothing Footwear and leather products Furniture and household products Vehicle and fuel Retail shops total Nel settore dei beni non durevoli (FMCG), il ruolo della posizione sia della contea che di Pécs è significativo: qui si trovano grandi iper, supermercati e 12

13 discount. Metro, Tesco, Praktiker, Baumax, Interspar, Penny Market, Profi, Match, Lidl, Media Markt, Elektro World, DM e Rossman sono presenti a Pécs e alcuni di essi si trovano anche nelle piú grandi città della contea (Cora, Auchan, OBI e IKEA sono presenti nel paese ma non in Baranya). Oltre alle grandi multinazionali, anche il ruolo delle catene ungheresi come Mecsek Füszért Inc, che sono membri della famiglia COOP o CBA, è importante. Il Mecsek Food Trade Inc, meglio conosciuto come Mecsek Füszért, è la piú grande catena commerciale alimentare ungherese della regione transdanubiana meridionale. In quanto membro dominante del sistema nazionale Coop, Mecsek Füszért è creatore e beneficiario della piú grande catena di negozi di proprietá ungherese. La costruzione del mercato è inimmaginabile senza la moderna distribuzione. Perció lo store-house a Pécs su metri quadrati, con un rinnovo generale delle tecnologie tecniche e informative e con un investimento di 250 milioni di HUF, è diventato un centro logistico di alto livello europeo. CBA Commerciale ha 23 centri regionali, tutte imprese indipendenti (spa) operanti nella forma di joint stock companies. Ciascun centro regionale copre soprattutto le dimensioni di una contea, ma i confini geografici non sono rilevanti quando si parla di confini di attività di una regione. Per diventare un centro regionale è obbligatorio operare con magazzini di vendita all ingrosso, e stabilire una rete di attività al dettaglio. Uno dei centri regionali è l 5KER Ltd. con sede centrale a Pécs. Il numero di negozi al dettaglio, dopo una crescita temporanea, è diminuito a partire dal Il numero di negozi alimentari è diminuito progressivamente, ma la vendita di manufatti, di prodotti per la famiglia o di mobili è aumentata (vedi Diagramma). Oltre alla comparsa di aziende internazionali, c è un forte declino nel turismo commerciale croato e ciò influisce sulla trasformazione della struttura commerciale della contea, specialmente nelle città vicine al confine, come Siklós e Szigetvár. 13

14 INVESTIRE NELLA REGIONE Supporto speciale ai grandi investimenti nell industria manifatturiera In accordo con la legge in vigore, i maggiori progetti di investimento nell industria manifatturiera sono attualmente autorizzati ad usufruire di uno status speciale decretato dal Governo se i costi totali dell investimento raggiungono l equivalente in fiorini di 50 milioni di euro. Questi grandi progetti di investimento contribuiscono in modo significativo allo sviluppo economico e sociale delle regioni laddove riducano in maniera rilevante anche la disoccupazione e la migrazione di forza lavoro, aiutando la regione a raggiungere degli standard migliori e promuovendo lo sviluppo della produzione industriale ungherese, compresa quella delle piccole e medie imprese. Il numero di nuovi posti di lavoro creati indirettamente dalla realizzazione di questi grandi progetti di investimento potrebbe essere maggiore di quelli creati direttamente. Il supporto ai grandi investimenti nel processo industriale è sempre soggetto a una attenta verifica del progetto. Questo viene parimenti valutato in base alla tipologia di domanda, prendendo in considerazione anche i seguenti ulteriori criteri chiave: - volume di investimento; - numero di posti di lavoro creati; - rapporto con fornitori ungheresi; - standard tecnologici; - rapporto costi di formazione / costi totali risorse umane; - standard delle competenze della forza lavoro; - impatto ambientale. La valutazione include anche un analisi d impatto del progetto sull economia nazionale, valutando la relazione tra le spese e i ricavi del budget relativo al progetto di investimento. La fornitura del sostegno avviene secondo la normativa in vigore. Per ottenere il finanziamento, l investitore deve impegnarsi a rispettare obblighi a lungo termine verso lo Stato. Se l investitore non riesce ad adempiere anche un solo obbligo o una parte di esso, o se per qualsiasi altra ragione si verifica un inadempimento del contratto, il finanziamento dovrà essere ripagato insieme con gli interessi maturati dalla scadenza. Lo Stato esamina anche la fattibilità del progetto in anticipo e controlla la realizzazione dello stesso e le varie operazioni per almeno altri cinque anni. L ambiente ungherese attrae gli investimenti per le seguenti ragioni: - posizione favorevole nell Unione Europea 14

15 - creazione di una Testa di pontè per il commercio tra i paesi del sud-est europa e i paesi balcanici - sistema di infrastrutture ben sviluppato con ulteriori ambiziosi programmi di sviluppo in corso. - moderna economia di mercato - stabilità politica e finanziaria, ambiente d affari deregolamentato - basso tasso di inflazione previsto - forza lavoro eccezionalmente preparata e ricettiva ad ulteriore formazione - programmi di investimento estremamente attrattivi. Le tre componenti degli incentivi statale per gli investimenti: - incentivi diretti - incentivi indiretti - one-stop shop Incentivi diretti Gli incentivi diretti statali allocati ai cosiddetti Programmi di Sviluppo Economico sono in eccesso di 33 miliardi di fiorini (160 milioni di USD). Ci sono due programmi di sviluppo economico: il Programma Operativo sulla Competitività Economica (ECOP) e il programma SMART di promozione all investimento in Ungheria, attraverso il quale per una volta è possibile usufruire di un finanziamento a fondo perduto per la realizzazione del progetto di investimento. Promozione all investimento ECOP: bandi - Modernizzazione tecnologica (ECOP 1.1.1) - Istituzione di centri aziendali regionali (ECOP 1.1.2) - Aumento e rinforzo dei fornitori di primo livello (ECOP 1.1.3) - Sviluppo delle infrastrutture industriali e di innovazione (ECOP 1.2.1) - Sviluppo dei servizi logistici (ECOP ). Programma SMART di promozione all investimento in Ungheria: bandi - Costituzione di centri scientifici e di innovazione; espansione del loro campo d azione e valorizzazione dei loro servizi. - Cambio di tecnologie sulla base di un ottica ambientale. Le sovvenzioni statali dirette includono anche il supporto per la creazione di posti di lavoro e formazione. Inoltre, nel caso di investimenti effettuati nell industria di trasformazione il cui valore superi i 50 milioni di EUR, e nel caso degli investimenti realizzati in centri regionali di servizi il cui valore superi i 25 milioni di EUR, il Governo Ungherese potrebbe prendere una decisione speciale per il finanziamento dell investimento, il cui ammontare potrebbe anche superare quello messo a disposizione dai bandi di cui sopra. Il valore dell investimento dei centri regionali di servizi non dovrebbe includere le spese per beni durevoli, ma soltanto il valore totale del costo del personale 15

16 associato alla creazione di nuovi posti di lavoro. Incentivi indiretti Gli incentivi indiretti statali comprendono vari vantaggi fiscali: - Il 16% è una delle imposte societarie piú basse d Europa. - Nel caso di investimenti superiori ai 13 milioni di USD o soltanto 4,3 milioni di USD nel caso delle regioni piú svantaggiate dell Ungheria gli investitori hanno diritto a ricevere sgravi fiscali per 10 anni: ció significa che possono beneficiare di un esenzione a partire dall 80% sulla loro imposta societaria. - Esenzione fiscale delle riserve per lo sviluppo fino al 25% del profitto purché non superino i 2,4 milioni di USD. - Il 25% del totale annuo di tasse locali e di contributi al fondo per l assistenza ai disoccupati e per la riqualifica dei lavoratori, può essere detratto dall imposta societaria. One-stop shop Il cosiddetto one stop shop è stato creato con lo scopo di fornire informazioni agli investitori in maniera più efficiente e per accelerare le procedure amministrative. Per le società che intendono investire in Ungheria l istituzione di riferimento è l Agenzia Ungherese di Commercio e Sviluppo dell Investimento (ITDH), che dal 2004 è responsabile per fornire informazioni sulle opportunità di investimento e sulle possibilità di finanziamento disponibili. Settori Prioritari I settori prioritari del Governo ungherese sono quelli che producono beni di alto valore aggiunto e/o che richiedono un livello di qualifica medio/alto. Questi settori hanno attratto ampi flussi di investimenti diretti esteri durante gli scorsi anni, e continuano ad essere i principali acceleratori per la crescita dell economia ungherese, cosí come per l export nazionale. L industria automobilistica La fabbricazione di automobili ha una lunga tradizione in Ungheria. Dall inizio del XX secolo, il paese è stato teatro di importanti innovazioni, molte delle quali sono ancora in uso. Non è un caso che sin dagli anni Novanta diverse aziende automobilistiche (come Audi e General Motors) hanno seguito l esempio di Suzuki e hanno localizzato parte della produzione in Ungheria. (l azienda giapponese cominciò la produzione in Ungheria nel 1992 e fu seguita a metà degli anni Novanta da molti dei suoi fornitori abituali). Oggi il numero di impianti manifatturieri di seconda o terza linea aventi alti 16

17 standard di qualità sono continuamente in crescita. Ci sono attualmente 350 fornitori locali in quest industria. Elettronica L industria elettronica rappresenta una delle opzioni migliori per gli imprenditori stranieri che cercano opportunità di investimento in Ungheria. Negli ultimi anni gli investitori stranieri hanno mostrato un particolare ed intenso interesse in quattro aree interne al settore. Nell information technology, comunicazioni ed elettronica di consumo, la rapida innovazione tecnologica continua a guidare lo sviluppo dei prodotti, ampliando le linee di prodotto e migliorando le performance per i consumatori. Nelle telecomunicazioni, le imprese straniere dei dispositivi mobili e delle loro parti removibili (Ericsson, Nokia e Siemens) hanno costituito centri di eccellenza in Ungheria, stimolando innovazioni e nuove applicazioni. L assemblaggio delle componenti elettroniche ha giocato un ruolo decisivo nello sviluppo dell information technology (SANMINA-SCI, Flextronics e Philips). Infine un numero rilevante di imprese fornitrici di parti elettroniche (come Temic, Delphi e Bosch) hanno fatto della fornitura di componenti per imprese di bus e macchine di grandi dimensioni (Audi, Opel, Suzuki, Ikarus, NABI and Rába) la loro prioritá. Ci sono inoltre piú di mille piccole e medie imprese ungheresi che apportano la loro capacità e know-how alla fabbricazione di componenti elettroniche. Information technology Il tasso di crescita nelle IT è di circa il 10%, molto piú alto del tasso medio di crescita nazionale. Cosí come per le telecomunicazioni da rete fissa, l outsourcing sta giocando un ruolo sempre maggiore, con un apprezzabile aumento nel volume dei servizi IT. La quota dell 8% del PIL per lo scorso anno mostra quanto queste tecnologie siano importanti per l intera economia nazionale. Molte società di IT stabilite in Ungheria da molto tempo hanno cominciato a rilocalizzare nel paese anche le attività di ricerca e sviluppo. Questo è quanto già hanno fattto grandi aziende come Nokia, Ericsson, Siemens, Avaya, Motorola, Philips, TATA Consulting Services e HP-Compaq solo per nominarne alcune. 17

18 Ricerca e Sviluppo (R&D) e innovazione La geometria non euclidea iperbolica, la torsione del pendolo, il carburatore, il trasformatore, il bulbo di kripton con filamenti in tungsteno, il reattore nucleare, la torre di raffreddamento, la fusione termonucleare, il treno elettrico, il volo supersonico, la radio astronomia, la nuova misura del metro riferita alla velocitá della luce nel vuoto, la penna a biro, l olografia, la radio, la televisione, il computer, il Basic (il primo linguaggio di programmazione), la benzina verde, la vitamina C e la teoria dei giochi tutti celebri risultati della cultura universale furono inventati o radicalmente migliorati da scienziati di origine ungherese, i quali insegnavano i fondamenti delle loro discipline scientifiche qui nel loro paese. La ricerca e lo sviluppo condotti nelle Università ungheresi e negli istituti dell Accademia Ungherese delle Scienze hanno raggiunto una rinomanza internazionale. Biotecnologie Tradizionalmente forti, le scienze biologiche in Ungheria hanno guadagnato riconoscimenti da tutto il mondo. Le istituzioni per l istruzione a livello secondario, universitario o post laurea, formano specialisti altamente qualificati in tutti i campi, dall agronomia alla biologia molecolare. L industria farmaceutica ungherese e le relative scienze correlate della farmacia, farmacologia e biotecnologia sono impregnate di tradizioni c è inoltre, una forte concentrazione di ricercatori e professionisti nell industria 18

19 della chimica sintetica, un area fondamentale per lo sviluppo delle biotecnologie. Infatti, circa dodici imprese di varia dimensione hanno focalizzato la loro intera attività nelle biotecnologie. Negli ultimi anni queste imprese hanno acquisito un esperienza decisiva nell innovazione tecnologica e nello sviluppo di partnership con centri di ricerca nazionali ed internazionali. La competitività dell Ungheria dipende molto dalla sua dotazione di capitale intellettuale. Logistica Attualmente, ci sono diverse centinaia di providers logistici di alta qualità, ungheresi e multinazionali, disponibili in Ungheria. Riguardo allo sviluppo, c è una favorevole competizione sul mercato. Il mercato delle imprese che forniscono logistica per prodotti speciali e servizi logistici complessi, sta crescendo velocemente. La rete nazionale dei centri di servizi logistici è stata costituita tenendo a mente l esigenza di una facile accessibilità per ogni centro. L accesso dell Ungheria nell UE è un importante punto di svolta, che asseconda i cambiamenti del mercato. Con il processo di globalizzazione, infatti, le norme per i clienti e le procedure di autorizzazione sono sempre piú semplificate. Inoltre, il ruolo di paese di transito che l Ungheria, confinante con quattro paesi non membri, potrebbe interpretare, porterà ulteriore crescita. Durante gli ultimi anni la creazione di una rete di zone industriali è stata considerata molto importante per l Ungheria. Non ci sono città che non abbiano alla loro periferia (nell arco di trenta km) una zona industriale. Le società che si rilocalizzano in queste zone possono usufruire di tutti i benefici che ne derivano, a partire dalla produzione fino alla consegna del prodotto al target di consumatori, con un ampia selezione di servizi. Struttura dei capitali esteri di funzionamento La maggior parte del capitale di funzionamento ha finanziato le acquisizioni e le fusioni, con un relativo basso tasso di investimenti greenfield. All interno del sistema degli investimenti a capitale funzionale, la percentuale dell industria di trasformazione è tra il 40% e il 50%, i servizi tra il 50 e il 60% (all interno di questi: commercio, trasporti e telecomunicazioni e settore finanziario sono tra il 9 e il 18%). All interno dell industria di trasformazione, l elettronica e la produzione di macchinari elettrici sono - con circa il 9% - una proporzione abbastanza sopra la media, proprio come la proporzione dell industria chimica e automobilistica. Ogni paese ha urgente bisogno di greenfield in capitale funzionale, per i benefici che questi potrebbero apportare nel campo dell occupazione e dell export. 19

20 La parte maggiore degli investimenti in capitale funzionale nel processo industriale della regione avviene grazie allo sviluppo delle risorse umane. La capacità di attrarre capitali dell Ungheria è cambiata radicalmente negli ultimi anni. Questa area non è piú attrattiva per lavorazioni con manodopera a basso prezzo a causa dell incremento dei salari e della rivalutazione del fiorino (HUF). Dal 2003 il range di preferenze che stimolano gli investimenti si è stabilizzato e i suoi contenuti sono cambiati: con l entrata nell UE l uso delle zone in esenzione fiscale è diventato conforme agli standard europei. Lo stimolo alla costituzione di attività ad alto valore aggiunto in Ungheria potrebbe essere la soluzione. Comunque il necessario sistema degli obbiettivi e degli strumenti si sta ancora sviluppando. Per ogni tipo di incentivo bisogna inoltre considerare che l investitore straniero calcolerà il costo che risulta nel paese in questione e ne confronterà le condizioni con i potenziali concorrenti per ottenere il massimo profitto. Per stimolare il flusso del capitale straniero, la pratica degli ultimi dodici anni principalmente rinunciando ai gettiti fiscali futuri è stato risolto con un sistema trasparente che esclude appalti fuori tender. È un supporto con stanziamenti determinati che promuove l uso delle strutture regionali come strumenti di attrazione di capitale. Il programma ungherese SMART Questo programma è stato avviato per rispondere ai bisogni dettati dalle nuove condizioni. Gli strumenti del programma erano: incentivi delle multinazionali per stabilire regional corporate management, R&D e centri d innovazione, aumento della capacità delle regioni piú povere di attirare capitali, sviluppo di reti e gruppi di fornitori. Rinnovo in atto del sistema di formazione professionale Rafforzamento delle forme del sistema di formazione professionale per venire incontro alle necessità degli investitori. Strumenti: scoprire le necessità lavorative degli investitori potenziali e di quelli gia presenti. Sede, infrastruttura, preferenze regionali Rafforzare l attrattiva delle regioni sostenendo progetti che facciano incontrare i bisogni degli investitori (come background logistico, sviluppo delle connessioni dei trasporti porti, aereoporti e ferrovie nazionali) nelle aree preferenziali (per esempio i parchi industriali) Ricerca e sviluppo L accesso delle PMI alle reti di fornitori permetterà di adottare e realizzare i risultati della ricerca e di sviluppare e contribuire a un ulteriore sviluppo. La ripresa dei bandi regionali per l innovazione rappresenta un grande aiuto per questa attività. Decentramento, supporto per gli imprenditori 20

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Caratteristiche e Potenzialità

Caratteristiche e Potenzialità Le opportunità di investimento per le aziende italiane Dott. Enrico Perego Milano, 8 Marzo 2012 Caratteristiche e Potenzialità Valutazione Paese Forza lavoro giovane e a basso costo Forte stabilità politica

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari L importanza dell economia paulista trascende le frontiere brasiliane. Lo Stato è una delle regioni più sviluppate di tutta l America

Dettagli

SCHEDA IMPRENDITORIALE

SCHEDA IMPRENDITORIALE SCHEDA IMPRENDITORIALE A. INFORMAZIONI ANAGRAFICHE 1. Denominazione dell impresa: 2. Natura giuridica: Srl Snc Sas Spa Cooperativa altro (specificare): 3. Sede legale (Via/Piazza e numero civico, Comune,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Mercato del lavoro locale in un economia globale

Mercato del lavoro locale in un economia globale Mercato del lavoro locale in un economia globale Rico Maggi Istituto Ricerche Economiche, USI Associazione Società Civile della Svizzera Italiana Quid? Viviamo in un economia globale It is all about: -

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia Attività produttive I nostri partner europei Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia a cura di SRM - Studi e Ricerche per il Mezzogiorno Il Dossier Unione Europea accoglie in questa

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Gian Luca Bagnara RUOLO E STRATEGIE DEI MERCATI ALL INGROSSO AL SERVIZIO DELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA 1 SOMMARIO Perché parlare di mercati

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO Maggio 2011 Premessa L importazione in Siria è in espansione, ma e ancora contenuta a causa dei dazi doganali elevati e le importazioni di prodotti tessili

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi AGENZIA POLACCA PER GLI INVESTIMENTI ESTERI E L INFORMAZIONE Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi Iwona Chojnowska Haponik Direttore Dipartimento investimenti esteri

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITA 00167 ROMA VIA CARDINAL MASTRANGELO, 59 TELEFONO 06.66.04.33.73 FAX AUTOMATICO 06.66.04.28.83 ADERENTE ALLA CONSULTA NAZIONALE DELLE AGGREGAZIONI LAICALI e-mail:

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali

LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali Stefan Marchioro Docente Economia applicata al Turismo, Università di Padova Seminario L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane. Maputo, 28-29 ottobre 2012

Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane. Maputo, 28-29 ottobre 2012 Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane Maputo, 28-29 ottobre 2012 Missione SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese italiane mediante: partecipazione

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli