Info Rai TV n. 45 del 12 Ottobre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Info Rai TV n. 45 del 12 Ottobre 2010"

Transcript

1 Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano Info Rai TV n. 45 del 12 Ottobre 2010 Sommario: 1. Fini si accorge dei partiti in Rai, "meglio privatizzarla" 2. Rai. La proposta dei finiani per la privatizzazione 3. DTT. Alla vigilia del masterplan dell AT3 lungo un percorso ad ostacoli verso lo switch-off programmato 4. DTT. Si scaldano i motori in vista dello switch-off: entro fine novembre all digital anche Lombardia, Piemonte orientale ed Emilia Romagna 5. La sospensione degli approfondimenti Rai pre-elezioni fu regolare 6. Confalonieri (Mediaset): ''Frequenze a tlc mobili sono penalizzanti per tv'' 7. Tv digitali: gli ascolti di settembre 8. Bambini e Internet: interessante ricerca di AVG 9. Tecnologia, dimmi che gadget hai e ti dirò chi sei 10. Tv: al via i programmi di Europa 7 Hd 11. Fisco: dichiarazioni di Angeletti 12. ISTAT: dichiarazione di Antonio Foccillo, Segretario confederale UIL 13. Sicurezza sul lavoro, polemica sugli spot Fini si accorge dei partiti in Rai, "meglio privatizzarla" Fonte: Rainews24 "I partiti devono uscire dalla tv pubblica". L'invito ad accomodarsi fuori è di Gianfranco Fini, che dopo il Tg di Mentana a La 7 sceglie un'altra location scomoda per il premier, Anno zero, per dissotterrare il conflitto di interessi e scoprire la presenza ingombrante dei partiti in Rai. CompreRai "E' arrivato il tempo di liberalizzarla", questa Rai, dice Fini, anche perché "vendendola potrebbero entrare denari freschi nelle casse del Paese". "Certo poi bisogna vedere chi acquista - aggiunge Fini - perché altrimenti il conflitto di interessi potrebbe diventare ancor più manifesto". Aids in vista A introdurre Fini, ieri sera, Michele Santoro, per il quale "c'è una malattia che si diffonde come l'aids e che si chiama conflitto di interesse" e che bisogna dimostrare di essere "liberi non solo dentro, ma anche fuori". Tessera del tifoso per i talk show politici Nell'intervista Fini ha anche parlato dell'ultima circolare emanata dal direttore generale Rai, Mauro Masi, sostenendo che "impedire gli applausi in trasmissione è come impedire ai cittadini di parlare. Piuttosto la questione è come organizzare gli applausi perché è come se a uno stadio si consentisse l'accesso ad una sola tifoseria". 1

2 Basta con Minzolini Fini ha annunciato una iniziativa parlamentare di Futuro e Liberta' per la privatizzazione della Rai nel corso di questa legislatura. Iniziativa che si aggiungerebbe alla mozione per il pluralismo nell'azienda pubblica, presentata dal gruppo guidato da Fini, che dovrebbe essere discussa a novembre. Nel mirino di Italo Bocchino e compagni, oltre al dg Mauro Masi, il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, accusato di faziosità. Il buon esempio Le parole di Fini suscitano poco entusiasmo sia nella maggioranza che nell'opposizione. "La privatizzazione è già prevista dalla legge Gasparri", fa sapere il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani. "Le norme ci sono, occorre la volontà politica di venderla", gli fa eco il capogruppo dei senatori del PdL, Maurizio Gasparri. Piu' dura la reazione di Alessio Butti, capogruppo del PdL in Commissione di Vigilanza, che, pur condividendo la necessità dell'indipendenza dai partiti, invita "a dare il buon esempio non solo Fini ma anche gli accoliti di Futuro e Libertà che, direttamente o indirettamente, beneficiano largamente della 'magnanimità produttiva' di mamma Rai". E qui ogni riferimento non è puramente casuale. Parenti serpenti "Fuori i partiti, anche i cognati", replica più esplicitamente il segretario de La Destra, Francesco Storace. "I cognati e le suocere", rincara la dose il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone. L'allusione, chiara è ai rapporti di Francesca Frau, madre di Elisabetta Tulliani, compagna di Fini, e di suo fratello Giancarlo, attraverso società a loro riconducibili, con la Rai. Oltre che al contratto per la fiction 'Anita', prodotta da Gabriella Buontempo, moglie di Bocchino, che ieri ha avuto il via libera dal cda. AAA cercasi editori illuminati L'opposizione boccia la proposta di privatizzare l'azienda pubblica e rilancia il ddl sulla riforma della governance presentato all'inizio dell'estate dal Pd."Occorre calendarizzare quella proposta che mette in campo un amministratore delegato e ridimensiona drasticamente il peso dei partiti", propone Carlo Rognoni, presidente del Forum per la riforma del sistema radiotelevisivo del Pd. "La privatizzazione suppone un capitalismo illuminato che in Italia non c'è", aggiunge il senatore Vincenzo Vita. Il leader dell'idv, Antonio Di Pietro, invita invece Fini "a cominciare mettere fuori dalla Rai tutti coloro che sono di nomina politica, anche quelli a lui vicini". No, non è la Rai... Ma la tv pubblica sembra solo uno dei temi sui quali Fini sfida Silvio Berlusconi: gli altri, che arrivano a ruota, sono giustizia e legge elettorale. Di tutto, di più A parole entrambi vogliono la stessa cosa: mandare avanti la legislatura, rispettare l'impegno con gli elettori, mettere al riparo il presidente del Consiglio dall'azione dei pm. Nei fatti, la strada per evitare il ritorno anticipato alle urne resta in salita, perche' nessuno dei due si fida ed anzi entrambi puntano a sopraffare l'altro, come dimostrano le continue stoccate, ma soprattutto le posizioni diametralmente opposte sui delicatissimi temi del processo breve e delle intercettazioni. La guerra di nervi prosegue, chi la dura la vince, sembra la convinzione comune dei due leader. Certo, Fini conferma di non aver "nulla da obiettare" ad un Lodo costituzionale che salvaguardi le alte cariche, premier incluso, ma ribadisce che sarebbero "inaccettabili norme retroattive che cancellino i processi". Come dire: va bene il Lodo Alfano bis, ma niente processo breve. Dal predellino al treppiede Il resto dell'intervista sono note dolenti. A cominciare dalla rivendicazione del ruolo di Fli: "La famosa terza gamba e' costituita" e ora nella maggioranza tutto si dovra' "concordare". Come a dire: l'accelerazione impressa dal Cavaliere di 5 cdm per i 5 punti programmatici dovra' fare i conti con i numeri in Aula. Fini tocca quindi un altro tema particolarmente inviso a Berlusconi: la riforma della legge elettorale. "Non penso che sia una provocazione, ma un elemento di discussione", dice. Quanto alle dimissioni, ribadisce di non ritenerle necessarie nemmeno quando Fli sara' a tutti gli effetti un partito. Berlusconi risponde A stretto giro, in collegamento telefonico con Busto Arsizio, il premier replica ai 'paletti' del 2

3 leader di Fli. La sua premessa sembra andargli incontro: "Noi andiamo avanti", sono altri che "vogliono un governo tecnico per fare una legge elettorale che tolga il premio di maggioranza", tornando cosi' ad avere "moltissimi partiti" e una situazione "ingovernabile". Poi, anche lui si toglie i sassolini dalle scarpe, cavalcando non solo il processo breve appena bocciato da Fini, ma riproponendo quel giro di vite sulle intercettazioni che proprio le truppe 'futuriste' hanno contribuito ad affossare. "Adesso portiamo avanti l'idea di un processo in tempi certi: l'hanno chiamato subito 'processo breve' anche se dura sei anni e mezzo e anche qui, pero', serve una riforma: dobbiamo assolutamente intervenire, cosi' come dobbiamo intervenire sulle intercettazioni", dice Berlusconi al telefono con una festa provinciale del Pdl. Rai. La proposta dei finiani per la privatizzazione Fonte: L'Occidentale Annunciata per oggi, la proposta dei finiani di privatizzare la Rai sarà presentata mercoledì prossimo. "Abbiamo rinviato la presentazione della Pdl a mercoledì per mere motivazioni logistiche", assicura il suo promotore Benedetto Della Vedova, deputato di Fli. Della Vedova ha anticipato il principio ispiratore del testo che verrà presentato: "Si parte dal presupposto ha detto che la legge Gasparri già prevedeva la privatizzazione della Rai. Però, come era facile immaginare, quella modalità di privatizzare l'azienda con una quota massima dell'1 per cento di capitale e la possibilità di sindacare solo 2% non avrebbe portato da nessuna parte". L obiettivo, spiega il deputato, è fare "una privatizzazione vera con una modalità diversa di assicurare il servizio pubblico". DTT. Alla vigilia del masterplan dell AT3 lungo un percorso ad ostacoli verso lo switch-off programmato Fonte: Newslinet Dovrebbe essere la settimana decisiva per il DTT di Lombardia e Piemonte orientale (Area Tecnica 3), quella che ci aspetta. E se è certamente vero che l attuale calendario migratorio è stato salvato dalla decisione del TAR Lazio, che ha respinto in prima battuta (cioè in sede di esame dell istanza cautelare di sospensione dell efficacia del provvedimento) con ordinanza motivata (che quindi lascia presagire l esito dell esame di merito) il primo dei tanti ricorsi contro il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, molti sono ancora i nodi da sciogliere per addivenire ad una positiva conclusione di una procedura che dire che sia irta di ostacoli è un eufemismo. Infatti, ammesso che il Consiglio di Stato - al quale con ogni probabilità verrà chiesto a breve di annullare l ordinanza dei primi giudici - non sospenda il PNAF, con l imminente assegnazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento Comunicazioni dei diritti d uso delle frequenze digitali agli operatori di rete, di sicuro saranno proposti motivi aggiunti da parte di quei network provider che avevano impugnato la delibera Agcom 300/10/Cons senza chiederne la preventiva sospensione per manifesta insussistenza del requisito del periculum in mora (che insieme al fumus boni iuris è condizione necessaria per l accoglimento della richiesta di un provvedimento cautelare). Il TAR Lazio, così, sarà chiamato nuovamente ad esprimersi sulla lamentata lesione degli interessi legittimi di una pluralità di emittenti locali. Non solo: i giudici amministrativi dovranno vagliare anche le ragioni di coloro che impugneranno direttamente (cioè senza preventiva richiesta di annullamento della delibera recante il PNAF) le determinazioni ministeriali di assegnazione frequenziale, posto che ormai è certo per far posto a tutti il MSE-Com attribuirà disinvoltamente il medesimo canale più e più volte in sottobacini (troppo) attigui, riproponendo situazioni interferenziali che con l analogico erano state, con notevole fatica ed investimenti cospicui, sanate dal 1990 ad oggi. E un eventuale accoglimento anche solo di un istanza cautelare potrebbe determinare un effetto domino dagli esiti imprevedibili se non per l intera procedura, almeno per una parte di essa. Si pensi, infatti, al caso di un emittente che impugnasse il provvedimento di assegnazione (che, nell attribuire, la nuova frequenza impone la dismissione di quella esercita fino a quel momento) ottenendo soddisfazione (quantomeno interinale) dai giudici amministrativi: la mancata liberazione del 3

4 canale attuale impedirebbe al legittimo destinatario di questo ultimo di poter iniziare le trasmissioni, costringendolo (salvo interrompere i programmi) a fare altrettanto. Ma le emittenti locali non hanno solo da temere le assegnazioni frequenziali. Anche quelle dei logical channel number (LCN) scontenteranno, immancabilmente, molti. Col risultato di ulteriori ricorsi al Tribunale amministrativo laziale (questa volta supportati da un più facilmente identificabile periculum in mora, la cui valutata assenza aveva determinato il secco rigetto dell istanza cautelare di Sky) col medesimo rischio di effetto a catena. C è poi il problema del ristretto lasso di tempo a disposizione per adeguare gli impianti trasmittenti alla frequenza assegnata, che determinerà certamente un attivazione progressiva di molti segnali, posticipata su aree di non basilare importanza commerciale. Non pochi operatori, infatti, subordineranno la conversione integrale della propria rete all accoglimento delle istanze di ottimizzazione che verranno avanzate alla DGPGSR per ottenere l'autorizzazione ad irradiare sulle frequenze assegnate da siti trasmissivi coerenti con le antenne dell utenza, con la conseguenza che in molte aree periferiche si riceveranno nell immediato meno segnali di quanti se ne coglievano prima dello s.o. (e del resto così è successo in tutti i territori oggetto di migrazione integrale al DTT). Rischio affine è poi quello corso dai territori serviti da impianti delle comunità montane e degli enti locali (ex art. 30 D. Lgs. 177/2005), che dovranno essere disattivati il giorno dello switch-off e potranno essere rimessi in funzione solo al completamento dell'intero percorso, previa verifica di compatibilità con il nuovo quadro radioelettrico. Infine, non è ancora stata chiarita la genesi dell'assegnazione (da effettuarsi entro il 2015) dei canali dal 61 al 69 UHF agli operatori di Tlc per lo sviluppo della banda larga in mobilità, che preoccupa tutti i network provider tv locali che riceveranno in dote tali canali. Intanto, la Fondazione Ugo Bordoni sta inviando in questi giorni alle emittenti le prenotazioni per gli spot informativi in vista dello switch-off di fine mese e sta chiedendo l indicazione dei singoli comuni attualmente coperti per poter inviare il database conseguente agli enti locali per consentire una (seppur tardiva) campagna di sensibilizzazione su scala ultralocale. Segnali concordanti che lo switch-off si farà senza ulteriori rinvii. Ma a quale prezzo per gli operatori e gli utenti totalmente disinformati? (M.L. per NL) DTT. Si scaldano i motori in vista dello switch-off: entro fine novembre all digital anche Lombardia, Piemonte orientale ed Emilia Romagna Fonte: Newslinet - Ansa Si rimette in moto il cammino dell'italia verso il digitale terrestre. Nonostante le difficoltà nell'applicazione del piano frequenze approvato dall'agcom- che ha suscitato in particolare le proteste delle emittenti locali - entrano nel vivo le attività connesse al passaggio del Nord Italia alla nuova tecnologia. In base al calendario previsto, parte del Piemonte e dell'emilia Romagna nonché l'intera Lombardia diventeranno all digital tra il 25 ottobre e il 26 novembre (data dello switch off a Milano). Il 15 ottobre partirà nei territori interessati la campagna di comunicazione promossa dal ministero dello Sviluppo economico, a cura della Fondazione Bordoni. Questo lo stato dell'arte fotografato nell'ultimo numero di Digita, la Newsletter dell'associazione DGTVi. Secondo i dati E-res, alla fine di luglio il numero delle famiglie dotate di almeno un decoder per il Dtt nell'abitazione principale è salito a 17 milioni 326 mila, con un aumento di circa 300 mila unità rispetto a giugno e di oltre 2 milioni dall'inizio dell'anno. La penetrazione della tv digitale terrestre sul totale delle famiglie sale così a fine luglio al 70.3%. Alla stessa data risultano 29 milioni 610 mila decoder Dtt nelle case degli italiani (+700 mila rispetto a giugno), pari al 58.1% del totale televisori. La media mensile è di 1.6 milioni di unità. Il picco c'é stato a maggio, in concomitanza con lo switch over nel Nord Italia (2.75 milioni di pezzi). Tra febbraio 2004 e luglio 2010 sono quasi 38 milioni (37 milioni 842 mila) i ricevitori Dtt venduti: 15,9 milioni integrati e 21,9 milioni esterni. Quasi metà della popolazione italiana usa un decoder Dtt per guardare la tv (dati aggiornati ad agosto 2010). La piattaforma analogica è scesa al 36%, quella satellitare è stabile al 15.7%. Secondo le elaborazioni dei dati Auditel effettuate dall'osservatorio dello Studio Frasi, in un anno si è triplicato l'utilizzo della tv digitale terrestre per seguire la programmazione sul piccolo schermo (nell'agosto 2009 era al 15.6%). La crescita, costante, si registra anche nel periodo estivo, con un aumento netto di 3 punti percentuali rispetto a giugno. Il consumo analogico perde il 7.4% su giugno (-3%), in un anno 4

5 la visione analogica risulta dimezzata (-46%). Oggi il 64% del consumo tv in Italia avviene attraverso piattaforme digitali; nelle aree all digital il digitale terrestre primeggia con l'82.6% del totale. Se il calendario verrà rispettato, dal 27 novembre al 15 dicembre passeranno poi definitivamente al digitale terrestre Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Lo switch off della Liguria è stato, invece, rinviato al primo semestre 2011, anche per valutare la compatibilità radioelettrica con l'area toscana. (fonte ANSA) La sospensione degli approfondimenti Rai pre-elezioni fu regolare Fonte: Digital-Sat (com. stampa) La sospensione dei programmi di approfondimento ( Porta a Porta, Ballarò, Anno Zero e L Ultima Parola ) durante l ultima campagna elettorale per le elezioni regionali ed amministrative, non ha violato i diritti all informazione da parte dei cittadini, che la Rai ha invece garantito regolarmente. E questa la sostanza della delibera con la quale l Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha archiviato gli esposti presentati a riguardo da alcuni partiti dell opposizione e liste elettorali. La motivazione della delibera la 500/10 è stata notificata oggi alla Rai. Sono molto soddisfatto ha commentato il Direttore Generale, Mauro Masi - che l AgCom, così come già il Tar e il Consiglio di Stato, abbia ritenuto assolutamente corretto il comportamento della Rai in campagna elettorale. Questa decisione è la migliore risposta alla pretestuosità delle critiche rivolte all Azienda alla vigilia del voto. Le doglianze contenute negli esposti trasmessi all Autorità sottolinea AgCom nel provvedimento di archiviazione si rilevano prive di fondamento ove si consideri dalla lamentata sospensione non è derivato alcun decremento, tanto meno definitivo, dell offerta informativa dovuta per legge e per contratto di servizio, la quale non è mai risultata sotto la soglia posta dalle disposizioni di legge. Il diritto/dovere di informazione - prosegue la motivazione non puo infatti ritenersi pregiudicabile dalla mancata messa in onda, per circa un mese, dei programmi Porta a Porta, Ballarò, Anno Zero e L Ultima Parola, laddove con particolare riferimento alla campagna elettorale trascorsa il medesimo è stato assicurato dalla trasmissioni di comunicazione politica trasmesse dalla Rai attraverso i notiziari. Nel periodo di campagna elettorale sottolinea a questo punto l AgCom la Rai ha anzi incrementato l informazione aggiungendo alla normale programmazione la trasmissione informativa Parole di Governatore diffusa dalla testata giornalistica Rai News 24. Confalonieri (Mediaset): ''Frequenze a tlc mobili sono penalizzanti per tv'' Fonte: Ansa La direzione in cui l Europa si muove, cioé l assegnazione di parte delle frequenze finora televisive agli operatori mobili, rischia di essere penalizzante per la competitività della piattaforma digitale terrestre. Lo ha detto il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, intervenendo al convegno Giochiamoci il futuro organizzato da Between. Confalonieri ha infatti spiegato che l ipotesi di liberare, per la gara rivolta ai servizi mobili, uno spicchio importante di spettro televisivo comporta per la tv un ulteriore contrazione di spazio fisico disponibile. Allora il suggerimento europeo andrebbe almeno coordinato con le esigenze anche dei broadcaster di sperimentare e attuare nuove tecnologie diffusive. e soprattutto verificato con l utilità vera dei servizi che gli operatori telco offrirebbero ai consumatori. Il presidente di Mediaset invita anche a considerare altre due evidenze : la presenta di oltre 500 tv locali e la natura a pagamento dei servizi che gli operatori mobili andranno a offrire. Oltre tutto, ha concluso, non va dimenticato che la tv gratuita di sempre rimarrà servizio universale e patrimonio di rilevante interesse generale. Tv digitali: gli ascolti di settembre Fonte: Millecanali 5

6 Ecco la consueta analisi del centro media Starcom sugli ascolti delle Tv satellitari e digitali nell ultimo mese disponibile, quello di settembre. La novità La Ottobre 2010 La parola a Starcom: «Come ogni anno, dopo la pausa estiva e con l'inizio della nuova stagione autunnale la programmazione generalista torna ad essere agguerrita. Le Tv digitali (sat+digitale terrestre) continuano comunque indisturbate la loro corsa anno su anno, arrivando a superare il 21% di share nel totale giorno, con una crescita del + 75% rispetto a settembre L'incremento di audience si concentra soprattutto nelle fasce mattutina (25% di share tra le 7 e le 12) e pomeridiana (oltre 28% di share tra le 15 e le 18). Considerando lo share totale giorno del 23.1% complessivo, il 9% deriva dalle Tv satellitari mono-piattaforma, che rispetto a un anno fa registrano il + 3% di ascolti richiamati soprattutto dalla programmazione pomeridiana e di prime time. Il 5.5% proviene dalle Tv digitali mono-piattaforma, i cui ascolti giornalieri sono rilevati dallo scorso febbraio. Queste in 8 mesi hanno guadagnato ben 2 punti di share, grazie al consolidamento dell'offerta pay dei pacchetti Premium che comprende calcio, film, serie tv, e all'ingresso del nuovo canale free dedicato alle donne La7D. Fascia oraria privilegiata, il pomeriggio dalle 15 alle 18. Anche il comparto delle Tv digitali multi-piattaforma cresce a ritmo sostenuto, arrivando a coprire una quota di share pari al 6.7% (+ 98% vs 2009) e a conquistare nuovi consensi soprattutto in fascia pomeridiana (quasi 10% di share). Passando ai canali, Boing, Rai 4 e Iris mantengono le prime posizioni nella classifica dei multipiattaforma/totale tv digitali (tutti e tre trasmettono in modalità free sia su digitale terrestre che sulla piattaforma Tivù Sat). Segnaliamo inoltre che La 5, canale free riservato al pubblico femminile, in soli cinque giorni di rilevazione Auditel (dal 26 settembre) riesce a piazzarsi subito dopo Rai 4 con ascoltatori nel minuto medio. Il più visto è sempre Boing (Mediaset), la cui programmazione vede alternarsi nell'arco della giornata cartoni animati, game show, telefilm e telenovele per ragazzi come Flor Speciale come te (migliore performance mensile con 468 mila spettatori all'ascolto martedì 8 settembre, tra le 15 e le 16). Lo stesso tipo di palinsesto fa le fortune anche di altre emittenti indirizzate ai più piccoli, come K2, Rai Yo Yo, Rai Gulp, tutte e tre gratuite, e Disney Channel, a pagamento. L'offerta di Rai 4, seconda dopo Boing nella top ten dei multipiattaforma/totale tv digitali, spazia dalle serie tv cult (come 'Desperate Housewives', 'Supernatural', 'Brothers&Sisters') ai film d'azione, horror, thriller destinati a un pubblico giovane. Il programma più visto del mese è stato l'action movie 'Undisputed '(416 mila spettatori lunedì 6 settembre in fascia 21-22). Podio di bronzo per Iris (Mediaset), canale semigeneralista che al cinema d'autore affianca serie tv cult come CSI Miami, programma più visto a settembre con 261 mila spettatori sintonizzati giovedì 30 in seconda serata. Oltre alle trasmissioni per bambini, ai film e alle serie tv cult, il pubblico digitale segue con interesse l'informazione di Rai News e i titoli delle fiction Rai riproposti su Rai Premium. Sulla Tv satellitare, i programmi più apprezzati sono quelli sportivi, con la nuova stagione del Campionato di serie A trasmesso in alta definizione e gli aggiornamenti in tempo reale di Sky Sport 24. La partita più vista del mese è stata il posticipo di domenica 26 Juventus-Cagliari, seguita da quasi 990 mila spettatori su Sky Sport 1 (fascia 21-22). L'incontro dei bianconeri è andato in onda anche su Sky Calcio 1, dove ha intrattenuto nella stessa fascia oraria 553 mila spettatori. Ottimi risultati sono ottenuti dai canali di intrattenimento del gruppo Fox, in particolare Crime e Fox. Crime, secondo solo a Sport 1 nella top ten dei canali più visti, riesce a catturare ben 275 mila spettatori giovedì 9 settembre con il primo episodio della decima stagione di 'CSI. Crime Scene Investigation' (fascia 21-22). Su Fox, 'I Simpson' si confermano serie di punta del pomeriggio con ben 147 mila spettatori all'ascolto lunedì 27 settembre in fascia Bene anche l'informazione di Sky Tg 24 e il cinema di Sky Cinema 1, che mette a segno la migliore performance mensile con la prima Tv del film catastrofico di Roland Emmerich '2012' (691 mila spettatori in fascia 22-23)». Bambini e Internet: interessante ricerca di AVG Fonte: ItaliaLAB.com 6

7 Una interessante ricerca sui bambini e su internet è stata realizzata da AVG, azienda specializzata in sicurezza informatica e produttrice di uno degli antivirus più diffusi nel mondo Windows Desktop. Dall indagine emergono dati piuttosto interessanti anche se per certi versi preoccupanti, come il fatto che la quasi totalità dei bambini di età inferiore ai due anni, si trovano già, loro malgrado, su Internet, essendo stati fotografati e poi mostrati sul web dai loro genitori, le mamme in particolare. Da questo fenomeno sarebbe colpito il 92% dei bambini negli USA, il 68% in Italia, mentre le percentuali calano se si parla di neonati, appena il 33% a livello mondiale e solo il 26% in Italia. L orgoglio delle mamme italiane vince quindi su qualsiasi remora in materia di privacy, ma solo quando i bambini hanno almeno qualche mese e non appena usciti dalla culla. Diverso il discorso del periodo di gravidanza, dove sono parecchie le mamme che mostrano online le loro ecografie (almeno quelle non interesseranno di sicuro i pedofili, devono pensare), con percentuali del 23% nel mondo, appena il 14% nella nostra penisola e di ben il 41% negli USA, a dimostrazione di come i nuovi strumenti di comunicazione siano molto più diffusi e ormai di utilizzo quotidiano e normale nella vita degli statunitensi. È però interessante notare come il 5% dei neo genitori si premuri di creare subito un profilo su Facebook al proprio figlio appena nato, o addirittura gli assegnano un indirizzo (il 6% su scala planetaria e ben il 7% degli italiani). Tutto questo scatena inevitabili discussioni di tipo etico e morale. Ci si chiede quindi se sia giusto mostrare al mondo intero le immagini di esseri umani che ancora non sono in grado di capire e quindi neanche di scegliere se apparire o meno. Nonostante questo le loro vite, dalla culla alla prima adolescenza (quando poi i padroni degli strumenti di telecomunicazione diventano loro), vengono messe in pubblico senza alcuna loro autorizzazione al trattamento dei dati personali (!), anche se oggi come oggi financo il Facebook, contestatissimo in materia di privacy, consente di scegliere con precisione a chi mostrare e a chi non mostrare certi contenuti; con degli opportuni filtri, quindi, lo scambio di foto sui social network non sarebbe altro che un modo più rapido di far circolare le foto tra parenti. Chi non ha mai ricevuto una cartolina da parte di un lontano cugino che annuncia ai suoi cari sparsi per la penisola se non per il mondo, la nascita dell ultimo erede? Non cambia quindi molto da questo, soltanto il mezzo. Come tutti i mezzi, però, c è da utilizzarlo con prudenza. Ne va della privacy dei nostri bambini. Tecnologia, dimmi che gadget hai e ti dirò chi sei Fonte: SKY.it di Eva Perasso A ciascuno il suo. Dietro agli oggetti del tecno-desiderio si iniziano a delineare le personalità degli utenti che li possiedono, profili dai tratti diversi a seconda del gadget scelto. L ipad, la tavoletta di Apple, è per esempio roba da uomini, meglio se sotto ai 35 anni; il lettore ebook Kindle piace a chi guadagna di più e anche a chi ha una cultura superiore alla media. L iphone, invece, è terreno per patiti tecnologici che amano provare tutto per primi e, non sorprendentemente, viene usato tra i più giovani rispetto ad altri smartphone come il Blackberry. Quest ultimo infine è scelto dai più old economy, tecnologicamente conservatori e poco inclini alle novità multimediali (tv, video, scaricare musica dal cellulare). A tracciare il profilo del consumatore di elettronica e ad aiutarci a capire di più le personalità che si celano dietro le scelte dei dispositivi sono due recenti ricerche. La prima è stata realizzata dalla società di analisi Nielsen e ha analizzato 5mila consumatori, di cui 400 che usano l ipad. La seconda è stata condotta da Retrevo, servizio per la comparazione e la valutazione di dispositivi e si basa su un questionario online a cui hanno risposto americani la scorsa estate. Dall'indagine Nielsen emerge, per esempio, che il fruitore medio della tavoletta di Apple, l ipad ha meno di 35 anni nel 63% dei casi ed è maschio il 65% delle volte. Ama inoltre guardare le pubblicità sul nuovo mezzo e anche fare acquisti dopo aver visto una segnalazione sull'ipad. Diversa la questione per il possessore di Kindle, che è sempre una tavoletta ma è pensata per un uso più specifico: la lettura. E dunque si scopre che il consumatore di libri elettronici ha un reddito annuale medio/alto e denuncia oltre 80mila dollari di entrate nel 44% dei casi. E ancora, chi legge su Kindle ha studiato di più: il 27% ha infatti una specializzazione postlaurea (master o dottorato). 7

8 Dai tablet agli smartphone, anche qui emergono sensibili differenze tra i proprietari. Lo rivela il censimento annuale sui gadget di Retrevo. Per esempio, chi usa dispositivi con il sistema operativo Android sembra più incline ad una vita on the go e tende a non avere il telefono fisso in casa (31% degli utilizzatori, contro il 23% di iphone e Blackberry). Coerentemente con questa tendenza, sono sempre i patiti dell'os promosso da Google a possedere più spesso anche un netbook (45% contro il 37% di chi ha iphone) e a usare il navigatore Gps sullo smartphone (31% contro il 23% di chi ha Blackberry). I proprietari di Android si distinguono infine per essere quelli che leggono meno i vecchi libri di carta (solo il 9% tra loro). Il censimento di Retrevo conferma inoltre fenomeni ormai consolidati relativi agli utenti Mac. Chi sceglie un dispositivo di casa Apple infatti tende a non abbandonare più l azienda e questo vale soprattutto per i computer. A sorpresa però, nelle case americane è più facile trovare anche un Pc (magari in un armadio) dove il Mac è il computer principale della famiglia, mentre è difficile che avvenga il contrario. Chi ha un Mac poi, sceglie senza dubbi l iphone e, ora, l ipad. E proprio tra i possessori di iphone arrivano le sorprese: sono sì giovani (più di chi possiede un Blackberry) e comprano online con il loro telefono, oltre a guardarci la tv, ma restano abitudinari come i più conservatori e, per esempio, vanno ancora ad affittare un dvd o un videogioco da Blockbuster. Tv: al via i programmi di Europa 7 Hd Fonte: Adnkronos Prendono il via le trasmissioni di Europa 7 Hd. Inizia cosi' l'avventura della tv che, dopo aver ricevuto la concessione a trasmettere, e' stata messa in grado di farlo solo di recente, sulle frequenze del canale 8 e che ha scelto per l'esordio di puntare sul digitale di seconda generazione e sull'alta definizione. Per riceverla occorre infatti munirsi di un decoder, con cui si vedono in Hd anche tutti gli altri canali digitali che propongono questa modalita'. Il decoder e' in vendita sul sito e nei negozi della grande distribuzione. La piattaforma scelta per trasmettere e' il Dvb-T2, una nuova tecnologia che consente una offerta di un pacchetto di ben dodici programmi, otto dei quali in alta definizione. Cinque programmi del pacchetto offriranno grandi film, documentari, grandi concerti e grandi spettacoli internazionali, sotto queste categorie: sentimental, horror, classic, action e family; tre programmi offriranno i film piu' recenti in pay per view. Ci sara' inoltre un programma di informazione, di ambiente, di satira, di comicita' e di cultura, Fly, e dalle alle 6.00 tre programmi per adulti con parental control. Tutti i contenuti dei programmi in alta definizione avranno l'audio in Dolby Digital 5.1. Europa 7 Hd e' il primo broadcaster al mondo a trasmettere in questa nuova tecnologia. Per poter vedere la nuova piattaforma in Dvb-T2 e' necessario acquistare un decoder: nella grande distribuzione e' possibile trovarlo, per ora, Expert, Trony, Eldo, Gruppo Elite, Dixe-Evoluzione, Comet e Ires. Le trasmissioni iniziano domani in Lombardia, Lazio, Campania, Abruzzo e Molise. Entro ottobre saranno accesi i ripetitori in Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Puglia e Sicilia. Fisco: dichiarazioni di Angeletti Fonte: Ansa ROMA, 9 OTT - ''Per la prima volta i sindacati manifestano per ridurre le tasse''. Lo ha detto il numero uno della Uil, Luigi Angeletti, secondo il quale ''e' stato rovesciato il detto in base al quale per il sindacato bisognava solo combattere l'evasione''. Angeletti ha quindi insistito sulla necessita' di ''rivoluzionare il sistema fiscale'' perche' ''se non si riducono le tasse sul lavoro difficilmente potremo essere competitivi''. In questo senso, per il leader sindacale, il federalismo ''e' un'ottima occasione per ridurre le tasse''. Angeletti ha anche sottolineato la necessita' di ridurre i costi della politica: ''riducendoli solo del 10% - ha concluso - sara' possibile avviare una riduzione delle tasse''. ROMA, 9 OTT - ''Vogliamo aprire un confronto con il Governo, vogliamo dare indicazioni sulla riforma fiscale. Cio' che non accettiamo e' la vecchia logica per la quale si stabilisce cosa si puo' fare e cosa no, con qualcuno che se la canta e se la suona''. Lo ha detto il segretario della 8

9 Uil, Luigi Angeletti, intervenendo alla manifestazione di Piazza del Popolo a Roma. ''Ora si passi dai proclami ai fatti - ha proseguito -. Ci sfidino sulle soluzioni e noi saremo pronti a indicare una strada''. ''Noi - ha proseguito Angeletti - siamo persone serie, un sindacato di gente per bene, rappresentiamo milioni di persone che ogni giorno vanno a lavorare per portare avanti il Paese. E vogliamo talmente bene a queste persone che oggi non abbiamo fatto cortei per non creare disagi ai cittadini e ai commercianti. Noi non abbiamo nemici - ha concluso il leader sindacale - se non ci si impedisce di parlare e di ascoltarci''. ROMA, 9 OTT - ''Noi vogliamo fare una trattativa e un accordo con il governo sulle tasse, mentre non ci sembra oggi che la Cgil sia in condizioni di voler fare un'intesa''. Cosi', nel corso della manifestazione organizzata da Cisl e Uil, il numero uno della Uil, Luigi Angeletti, ha risposto alla domanda se sara' possibile ricucire con la confederazione di Corso d'italia. ROMA, 9 OTT - ''La stragrande maggioranza dei lavoratori paga piu' tasse dei loro datori o di quello che paga chi ha un reddito finanziario''. Lo ha detto il leader della Uil, Luigi Angeletti, giudicando ''uno scandalo sociale ed economico che vogliamo eliminare''. ISTAT: dichiarazione di Antonio Foccillo, Segretario confederale UIL Fonte: Uil.it I favorevoli dati sulla produzione industriale da parte dell Istat riportati oggi sono importanti, ma non devono fare illudere sulla situazione economica del Paese. Una ripresa minima è in corso ma è debole e instabile. Permangono disoccupazione, indebitamento delle famiglie e povertà di cui pochi parlano. Per questo, il vero dato utile da monitorare sarebbe quello della volontà a intraprendere politiche, come quelle fiscali, come richiesto dalla Uil e dalla Cisl, in grado di assicurare maggiore crescita e posti di lavoro. Per questo sarebbe necessario un confronto con il Governo per arrivare a una soluzione in tal senso. Roma, 11 ottobre 2010 Sicurezza sul lavoro, polemica sugli spot Fonte: RaiNews24 Roma, Una campagna per promuovere la sicurezza sul lavoro, promossa dal Ministero del Lavoro e lanciata a fine agosto, ha scatenato forti polemiche. Un gruppo di lavoratori ha lanciato una raccolta firme per chiedere il ritiro degli spot perché "colpevolizzano sottilmente il lavoratore stesso": "E una campagna vergognosa perché oggi il lavoratore ha ben poche possibilità di rispettare lo slogan Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene, quasi che la mancanza di sicurezza fosse imputabile al fatto che il lavoratore non vuole bene a se stesso ed ai suoi familiari". Dal canto suo, il Ministero assicura che la campagna è rivolta non solo ai lavoratori, ma anche ai datori di lavoro "nella convinzione che la strategia di contrasto degli infortuni sul lavoro può risultare massimamente efficace se messa a sistema, con una effettiva collaborazione delle parti coinvolte". Ma specifica però che "dalle statistiche emerge che la maggior parte degli incidenti sul lavoro possono definirsi di natura comportamentale. Con questo dato, naturalmente, non si vuole imputare la responsabilità del fenomeno al lavoratore ma, al contrario, evidenziare quanto sia importante l investimento delle imprese e delle istituzioni pubbliche nella formazione, nell informazione e in tutte quelle attività che consentono di prevenire il determinarsi di una condizione di rischio". Il testo dell'appello Appello per il ritiro dello spot del Ministero del Lavoro: "Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene" La Campagna per la sicurezza sul lavoro, promossa dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali recita Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene. Un messaggio e due spot: 9

10 7_Campagna_Comunicazione_salute_sicurezza.htm rivolti solo al lavoratore e non a tutti gli attori coinvolti. Dopo aver frantumato il Dlgs 81 del 2008 del Governo Prodi, hanno ben pensato di correggerlo con il decreto correttivo Dlgs 106/09 (sanzioni dimezzate ai datori di lavoro, dirigenti, preposti, arresto in alcuni casi sostituito con l'ammenda, salvamanager, ecc). Ora il governo cerca di rifarsi la verginità con spot inutili che costano alle nostre tasche ben 9 milioni di euro. Spot non solo inutili, ma anche dannosi per l immagine di chi ogni giorno rischia la vita, e non perché gli piaccia esercitarsi in sport estremi. Spot che colpevolizzano sottilmente il lavoratore stesso, nascondendo una realtà drammatica: l attuale organizzazione del lavoro offre ben poche possibilità al lavoratore di ribellarsi a condizioni di lavoro sempre più precarie in tema di sicurezza. E una campagna vergognosa perché oggi il lavoratore ha ben poche possibilità di rispettare lo slogan Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene, quasi che la mancanza di sicurezza fosse imputabile al fatto che il lavoratore non vuole bene a se stesso ed ai suoi familiari. Non dice nulla di chi deve garantire la sicurezza per legge, ovvero i datori di lavoro. Sottovaluta i rapporti di forza nei luoghi di lavoro. Non accenna minimamente al fatto che i lavoratori, specialmente di questi tempi, sono sempre più ricattabili e non hanno possibilità di scegliere di fronte ad un lavoro in nero, un lavoro precario e un lavoro a tempo determinato, mentre devono viceversa sottostare a ritmi da Medio Evo. La campagna dovrebbe invece avviare un processo di comunicazione diffusa, in modo da rendere nota a tutti la necessita di un impegno costante da parte di tutti gli attori coinvolti, soprattutto di chi deve garantire la sicurezza. Questi spot devono essere sostituiti da una campagna di comunicazione che dovrà puntare sulle responsabilità civili, penali e non ultime anche etico-morali che l imprenditore deve assumersi per tutelare l integrita delle persone che lavorano per lui. Via questi spot vergognosi. Pretendiamo viceversa più ispettori ASL e più risorse, affinchè la mattanza quotidiana dei lavoratori abbia fine. Non si raggiunga il profitto a tutti i costi e soprattutto non lo si faccia attraverso il sacrificio di vite umane innocenti. FIRMATARI: Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza- Firenze. Andrea Bagaglio-Medico del Lavoro-Varese. Leopoldo Pileggi-Rappresentante dei lavoratori per La Sicurezza-Correggio. Daniela Cortese- RSU/RLS Telecom Italia Sparkle-Roma N.B Chi vuole aderire all'appello, invii il proprio nominativo, azienda, qualificà e Città al seguente indirizzo 10

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano Monitortrimestralemercato trimestrale mercato televisivo italiano Aggiornamento SETTEMBRE 2012 Novembre 2012 Indice Sintesi Pag. 2 I principali operatori del mercato Pag. 6 Focus sull offerta gratuita

Dettagli

Il Febbraio della TV Digitale. Analisi Febbraio 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

Il Febbraio della TV Digitale. Analisi Febbraio 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera Il Febbraio della TV Digitale Analisi Febbraio 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera TV Satellitari Monopiattaforma: Trend Share 7,8% 7,7% 8,1% 7,9% 9,8% 9,4% 9,5% 9,1% 8,0% 8,1% 8,4% 8,6%

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

La televisione digitale terrestre

La televisione digitale terrestre Introduzione Siamo giunti alla quinta edizione del Radiotv Forum di Aeranti-Corallo. L evento rappresenta, oggi, il punto di riferimento annuale, nel quale gli operatori radiofonici e televisivi possono

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

IL SETTEMBRE DELLA TV NON GENERALISTA. Analisi Settembre 2012. Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

IL SETTEMBRE DELLA TV NON GENERALISTA. Analisi Settembre 2012. Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera IL SETTEMBRE DELLA TV NON GENERALISTA Analisi Settembre 2012. Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera GRUPPO SKY+FOX: Trend Share 5,9% 5,5% 5,0% 5,6% 5,6% 5,2% 5,4% 5,9% 5,3% 5,0% 5,6% 6,6% 5,7%

Dettagli

L Aprile della TV Digitale. Analisi Aprile 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

L Aprile della TV Digitale. Analisi Aprile 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera L Aprile della TV Digitale Analisi Aprile 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera TV Satellitari Monopiattaforma: Trend Share 8,1% 7,9% 9,8% 9,4% 9,5% 9,1% 8,0% 8,1% 8,4% 8,6% 8,2% 7,7% 8,4%

Dettagli

ASCOLTO MENSILE TV. Febbraio 2015

ASCOLTO MENSILE TV. Febbraio 2015 ASCOLTO MENSILE TV Febbraio 2015 EVIDENZE Nel mese di febbraio 2015 la televisione ha raggiunto nel giorno medio l 83.1% della popolazione con un consumo di 296 minuti. Un dato in calo rispetto al 2014

Dettagli

L Ottobre della Tv Satellitare. Analisi Ottobre 2008 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

L Ottobre della Tv Satellitare. Analisi Ottobre 2008 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera L Ottobre della Tv Satellitare Analisi Ottobre 2008 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera 2006 Tv Sat*: Trend Share 2007 2008 10.5 % 10.4 % 9.6% 9.8% 9.3% 8.9% 8.8% 8.8% 8.9% 8.8% 8.7% 8.5% 8.1%

Dettagli

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO Relazione introduttiva dell avv. Marco Rossignoli Coordinatore di Aeranti-Corallo e Presidente Aeranti Milano 3 novembre 2009 Il passaggio al digitale

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

FRT Federazione Radio Televisioni SLC CGIL - FIStel CISL - UILCOM UIL

FRT Federazione Radio Televisioni SLC CGIL - FIStel CISL - UILCOM UIL STUdIO economico del SeTTORe TeLevISIvO privato ITaLIanO FRT Federazione Radio Televisioni SLC CGIL - FIStel CISL - UILCOM UIL Osservatorio nazionale delle imprese radiotelevisive private Giugno 2013 STUDIO

Dettagli

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

presentazionenew:layout 1 16/04/2015 19:47 Page 1 Agenzia Televisiva Parlamentare Roma / Bruxelles

presentazionenew:layout 1 16/04/2015 19:47 Page 1 Agenzia Televisiva Parlamentare Roma / Bruxelles presentazionenew:layout 1 16/04/2015 19:47 Page 1 Agenzia Televisiva Parlamentare Roma / Bruxelles presentazionenew:layout 1 16/04/2015 19:47 Page 2 Corriere della Sera Yahoo Il Messaggero La Stampa presentazionenew:layout

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 75/14/CSP ARCHIVIAZIONE NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ R.T.I. S.P.A. (FORNITORE DEL SERVIZIO DI MEDIA AUDIOVISIVO IN AMBITO NAZIONALE IN TECNICA DIGITALE

Dettagli

ISTR XV: FOCUS SULLA SITUAZIONE ITALIANA E NUOVI TREND

ISTR XV: FOCUS SULLA SITUAZIONE ITALIANA E NUOVI TREND PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTARE: Emanuela Lombardo Gaia Fasciani Roberta Aliberti Viotti Symantec Italia Competence 02/241151 02/76281027 emanuela_lombardo@symantec.com aliberti@competencecommunication.com

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM APPROFONDIMENTI INTERPRETATIVI, ESIGENZE DI CHIARIMENTO, CRITICITA

Dettagli

LISTINO TELEVIDEO valido dal 1 gennaio 2014

LISTINO TELEVIDEO valido dal 1 gennaio 2014 LISTINO TELEVIDEO valido dal 1 gennaio 2014 Televideo è il teletext di casa Rai. E stato il primo teletext disponibile in Italia, ed è tuttora il più consultato. I suoi contenuti sono tra i più vari: notizie,

Dettagli

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica Il calcio in TV rapporto Demos & Pi per la Repubblica 22 febbraio 2015 SE ANCHE IL TIFO DIVENTA UNA PASSIONE TRISTE di Ilvo Diamanti Per molto tempo, il principale motivo di passione, per gli italiani,

Dettagli

ADIC NSUM. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL. Speciale progetto Digitale Chiaro. Cosa serve per vedere i programmi 3D

ADIC NSUM. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL. Speciale progetto Digitale Chiaro. Cosa serve per vedere i programmi 3D ADIC NSUM Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL In questo numero: Speciale progetto Digitale Chiaro 4 a EDIZIONE Telcomunicazioni Ci siamo: la Tv entra definitivamente nell era

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA

Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA Seminario interno di lavoro delle task force per il digitale terrestre Martedì 11 novembre ore 16:00 Camera di Commercio- Sala Consiglio (II piano) Via de Burrò,

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 Vademecum della disciplina sulla par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

DISCUSSIONE PUNTI ALL ATTENZIONE PER UNA LEGGE SUL CINEMA E AUDIOVISIVO

DISCUSSIONE PUNTI ALL ATTENZIONE PER UNA LEGGE SUL CINEMA E AUDIOVISIVO 1 DISCUSSIONE PUNTI ALL ATTENZIONE PER UNA LEGGE SUL CINEMA E AUDIOVISIVO Produzione Cinematografica 1) Nuova definizione di film indipendenti: - sono film indipendenti tutti i film d autore, sperimentali,

Dettagli

LUCIO GARBO editore e presidente

LUCIO GARBO editore e presidente LUCIO GARBO editore e presidente Il mio orientamento di fondo nasce da un progetto ambizioso che rispecchi gli ideali, i valori, le aspirazioni di chi ha fissato gli obiettivi, con azioni concrete: LA

Dettagli

Seconda serata: 13 febbraio 2013. Prima puntata

Seconda serata: 13 febbraio 2013. Prima puntata Seconda serata: 13 febbraio 2013 Prima puntata Sulle note di «Volare» cantata da Beppe Fiorello (protagonista della nuova fiction di Rai Uno), si apre la seconda serata del Festisval, che riporta Domenico

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29 Bollettino Settimanale Anno XVIII - n. 29 Pubblicato sul sito www.agcm.it il 25 agosto 2008 56 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE PS7 - SKY-PACCHETTO CALCIO Provvedimento

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

Una guida per i genitori su. 2015 ConnectSafely.org

Una guida per i genitori su. 2015 ConnectSafely.org Una guida per i genitori su 2015 ConnectSafely.org Le 5 PRINCIPALI domande che i genitori hanno su Instagram 1. Perché i ragazzi adorano Instagram? Perché adorano i contenuti multimediali e amano condividerli

Dettagli

Navigando s impara INFORMAZIONE - Agenzie di stampa

Navigando s impara INFORMAZIONE - Agenzie di stampa INFORMAZIONE - Agenzie di stampa 10 www.ansa.it ANSA 26 Il sito dell Agenzia Nazionale Stampa Associata (ANSA) è il portale della principale agenzia di stampa italiana. In primo piano sulla home page sono

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

PROCREAZIONE:SOC.SCIENTIFICHE A GOVERNO, SI' TEST PREIMPIANTO DOCUMENTO A MONTI E BALDUZZI, LEGGE 40 INCOERENTE

PROCREAZIONE:SOC.SCIENTIFICHE A GOVERNO, SI' TEST PREIMPIANTO DOCUMENTO A MONTI E BALDUZZI, LEGGE 40 INCOERENTE PROCREAZIONE:SOC.SCIENTIFICHE A GOVERNO, SI' TEST PREIMPIANTO DOCUMENTO A MONTI E BALDUZZI, LEGGE 40 INCOERENTE (ANSA) - ROMA, 15 OTT - E' legittima, nel quadro generale della giurisprudenza italiana,

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 MIUR DATI DI RIEPILOGO Docenti registrati Numero Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 N.B. Docenti in formazione associati dai tutor nelle classi virtuali n. 44734

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER ADSL E TELEFONIA DOMESTICA: LE MIGLIORI SOLUZIONI PER CONNETTERSI E TELEFONARE DA CASA INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. I profili di consumo: l utilizzo di

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

CANVASS LUGLIO. Valido fino al 17 Agosto 2011

CANVASS LUGLIO. Valido fino al 17 Agosto 2011 CANVASS LUGLIO 2011 Cologno Monzese, Giugno 2011 Valido fino al 17 Agosto 2011 Executive Summary Nuova offerta Mediaset Premium Promozioni Easy Pay Nazionali e di Canale Offerta Prepagata Highlights novità

Dettagli

MODULAZIONE DI FREQUENZE AGGIORNAMENTO DEL 22/03/2009 di Bernardo Iovene

MODULAZIONE DI FREQUENZE AGGIORNAMENTO DEL 22/03/2009 di Bernardo Iovene MODULAZIONE DI FREQUENZE AGGIORNAMENTO DEL 22/03/2009 di Bernardo Iovene MILENA GABANELLI IN STUDIO Un paio di mesi fa avevamo ricostruito la tappe dell assegnazione delle frequenze. La storia cominciava

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. PROVVEDIMENTO IN ORDINE ALLA RICHIESTA DELLA SOCIETÀ RETI TELEVISIVE ITALIANE S.P.A. DI DEROGA AGLI OBBLIGHI DI RISERVA DI TRASMISSIONE IN FAVORE DI OPERE DESTINATE AI MINORI E DI OPERE ADATTE

Dettagli

Milano, 10 ottobre 2013. Il nuovo spot di Hermes Italia è in onda da lunedì 7 ottobre scorso sulle più importanti reti televisive private.

Milano, 10 ottobre 2013. Il nuovo spot di Hermes Italia è in onda da lunedì 7 ottobre scorso sulle più importanti reti televisive private. E on air con due filmati, uno di 10 e uno di 20 secondi dal titolo qualcosa in più oltre la velocità, la nuova campagna pubblicitaria della Hermes Italia, società di trasporti e logistica specializzata

Dettagli

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV CHI SIAMO Presentazione versione 1.0 MoneyBoxTv - pag.0 Moneyboxtv è un marchio e un progetto di proprietà della società

Dettagli

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat?

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat? Che cos è TivùSat? TivùSat è la piattaforma digitale satellitare gratuita italiana realizzata da Tivù s.r.l. (Rai 48,25%, Mediaset 48,25% e Telecom Italia Media 3,5%). TivùSat nasce come piattaforma complementare

Dettagli

per Mac, Android, iphone, Symbian,BlackBerry e Windows Phone. Poi dovrai creare un account online. [https://www.spotify.com/uk/signup/?

per Mac, Android, iphone, Symbian,BlackBerry e Windows Phone. Poi dovrai creare un account online. [https://www.spotify.com/uk/signup/? 1 SPOTIFY Fonte >> http://articoli.softonic.it/spotify-come-funziona Spotify è una piattaforma di controllo di tutta la tua vita musicale digitale, che non solo ti permette di cercare ed ascoltare musica

Dettagli

FOR DISCUSSION ONLY. Offerta Convenzione Maggio - Giugno 2015

FOR DISCUSSION ONLY. Offerta Convenzione Maggio - Giugno 2015 FOR DISCUSSION ONLY 0 Offerta Convenzione Maggio - Giugno 2015 Aprile 2015 Index L offerta Sky in convenzione Esempi: le combinazioni più richieste del periodo Nuova comunicazione e meccanica di sottoscrizione

Dettagli

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it 1 COSA SONO? piazze virtuali, luoghi in cui, via Internet, ci si ritrova portando con sé e condividendo

Dettagli

Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA

Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA Il recente decreto-legge 112/2008, emanato dal Governo il 25 giugno scorso e riguardante la manovra correttiva

Dettagli

Il negozio online per il fiorista, pronto da usare!

Il negozio online per il fiorista, pronto da usare! Il negozio online per il fiorista, pronto da usare! FiorinCittà.it ti offre la possibilità di avere un negozio online personalizzato in base al tuo comune di residenza. Ad esempio, se il tuo negozio si

Dettagli

Mitigazione delle Interferenze tra i segnali LTE e televisione digitale terrestre

Mitigazione delle Interferenze tra i segnali LTE e televisione digitale terrestre Mitigazione delle Interferenze tra i segnali LTE e televisione digitale terrestre Contesto del problema, progetto Help Interferenze e campagna informativa Mario Frullone Direttore delle Ricerche Fondazione

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

Sezione: 4. WEB MARKETING

Sezione: 4. WEB MARKETING Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 4. WEB MARKETING Come arrivano i clienti? Primo fra tutti, il motore di ricerca: Google Questa è una delle aree in cui andiamo a toccare argomenti che,

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012 SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

My Sky HD Product Guidelines

My Sky HD Product Guidelines My Sky HD Product Guidelines Data Pubblicazione: 06/05/2011 My Sky HD Selling Propositions My Sky HD non è un semplice decoder ma il decoder innovativo di Sky My Sky HD è la chiave di accesso al meglio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

TV digitale: la marcia trionfale di Mediaset

TV digitale: la marcia trionfale di Mediaset Uomini & Business anno 18 N 1 Gennaio 2006 TV digitale: la marcia trionfale di Mediaset Niente switch off in favore del digitale terrestre alla fine del 2006, ha deciso il ministro Landolfi. Almeno fino

Dettagli

LUCIO GARBO editore e presidente

LUCIO GARBO editore e presidente LUCIO GARBO editore e presidente Il mio orientamento di fondo nasce da un progetto ambizioso che rispecchia gli ideali, i valori, le aspirazioni di chi ha fissato gli obiettivi, con azioni concrete: LA

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO 27 Gennaio 2014 Quorum www.quorumsas.it Il campione La definizione del campione Nelle prossime pagine si analizza il discostamento del campione analizzato

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Cara tv. digitale e a pagamento

Cara tv. digitale e a pagamento la NOSTRA INCHIESTA Con questa inchiesta facciamo il punto sulle abitudini degli italiani di fronte al teleschermo. Programmi preferiti, utilizzo del televisore, scelte fra tv in chiaro e canali a pagamento,

Dettagli

ADICONSUM. IV Edizione. Si spegne in: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO.

ADICONSUM. IV Edizione. Si spegne in: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO. Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 20 del 10 aprile 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

Media Monthly Report. Giugno 2009

Media Monthly Report. Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

LANCI DI OTTOBRE 2015

LANCI DI OTTOBRE 2015 OTTOBRE 2015 1 LANCI DI OTTOBRE 2015 1 Novità L intrattenimento di TIM è ancora più completo: arriva TIM I prezzi delle chiamate internazionali diventano più semplici Nuovo elenco telefonico 2 Promozioni

Dettagli

FOR DISCUSSION ONLY. Offerta Convenzione Marzo - Aprile 2015

FOR DISCUSSION ONLY. Offerta Convenzione Marzo - Aprile 2015 FOR DISCUSSION ONLY 0 Offerta Convenzione Marzo - Aprile 2015 Marzo 2015 Index L offerta Sky in convenzione Esempi: le combinazioni più richieste del periodo Nuova comunicazione e meccanica di sottoscrizione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Analisi del pubblico della Televisione secondo i parametri SESSO ed ETA' : i dati AUDITEL per l'anno 2012 giorgio di martino 10.358.

Analisi del pubblico della Televisione secondo i parametri SESSO ed ETA' : i dati AUDITEL per l'anno 2012 giorgio di martino 10.358. Analisi del pubblico della Televisione secondo i parametri SESSO ed ETA' : i dati AUDITEL per l'anno 2012 giorgio di martino Auditel ha recentemente presentato una interessante analisi sul pubblico della

Dettagli

real estate next indagine di idealista.it sul rapporto tra gli operatori immobiliari e la tecnologia digitale 25 febbraio 2014

real estate next indagine di idealista.it sul rapporto tra gli operatori immobiliari e la tecnologia digitale 25 febbraio 2014 real estate next indagine di idealista.it sul rapporto tra gli operatori immobiliari e la tecnologia digitale 25 febbraio 2014 premessa e obiettivi 1 valutare l impatto* del web e delle nuove tecnologie

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile ANSA Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile (ANSA) - ROMA, 30 SET - "Con il premier Letta siamo d' accordo su una cosa importante: il Paese ha bisogno di interventi sulla giustizia a

Dettagli

Media Monthly Report. Maggio 2010

Media Monthly Report. Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

Media Monthly Report Luglio 2009

Media Monthly Report Luglio 2009 Media Monthly Report Luglio 2009 Media Monthly Report Luglio 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

L arcipelago delle Tv

L arcipelago delle Tv L arcipelago delle Tv Mihaela Gavrila Seminario I media prima della scuola. Una riflessione empirica sulla socializzazione 0-6 anni Programma di ricerca INF@NZIA DIGI.tales 3.6 Mercoledì 8 Maggio 2013

Dettagli

Radio Tv News 11 GIUGNO 2015 - NUMERO 53. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità

Radio Tv News 11 GIUGNO 2015 - NUMERO 53. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità Radio Tv News 11 GIUGNO 2015 - NUMERO 53 03 Vita Associativa 07 Normativa e Giurisprudenza 08 Mercato e Pubblicità Direttore Responsabile: Emilio Carelli Direttore Editoriale: Andrea Franceschi In redazione

Dettagli

ASSEGNAZIONE DEI PACCHETTI DI DIRITTI AUDIOVISIVI NON ESCLUSIVI

ASSEGNAZIONE DEI PACCHETTI DI DIRITTI AUDIOVISIVI NON ESCLUSIVI Milano, 17 agosto 2010 Serie A - Stagioni 2010-2011 e 2011-2012 - Vendita Centralizzata Diritti Audiovisivi ASSEGNAZIONE DEI PACCHETTI DI DIRITTI AUDIOVISIVI NON ESCLUSIVI La Lega Nazionale Professionisti

Dettagli

Vaccari news, la filatelia in tempo reale. è SOCIAL!

Vaccari news, la filatelia in tempo reale. è SOCIAL! Vaccari news, la filatelia in tempo reale è SOCIAL! Con la nuova versione dell App, ora anche per ANDROID, è possible condividere le notizie attraverso Facebook e Twitter oppure inviarle tramite e-mail

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Linee Guida ANITEC. L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere

Linee Guida ANITEC. L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere Linee Guida ANITEC Realizzate con il patrocinio di: Novembre 2009 Introduzione Questa breve guida è

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 PERCHÈ UNA RICERCA SULL E-COMMERCE? GLI OBIETTIVI DELL INDAGINE Perché gli utenti decidono di acquistare online? Che cosa acquistano? Attraverso quali canali?

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 ottobre/dicembre 2005

Ufficio di Statistica n 4 ottobre/dicembre 2005 I ROMANI E LE NUOVE TECNOLOGIE Un analisi sul territorio del Municipio 11 Premessa La tecnologia continua a diffondersi sia tra le istituzioni pubbliche che tra le famiglie italiane ed, infatti, se nelle

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli