OTTIMIZZAZIONE DI MACCHINE UTENSILI COMBINATE CON SIMULAZIONE DI DESIGN OF EXPERIMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OTTIMIZZAZIONE DI MACCHINE UTENSILI COMBINATE CON SIMULAZIONE DI DESIGN OF EXPERIMENT"

Transcript

1 OTTIMIZZAZIONE DI MACCHINE UTENSILI COMBINATE CON SIMULAZIONE DI DESIGN OF EXPERIMENT L. Landi, S. Lucertini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università degli Studi di Perugia Perugia, Italia Riassunto In questa memoria è affrontato il problema della progettazione e validazione virtuale di macchine utensili complesse eseguita utilizzando tecniche di Design of Experiment integrato in codici agli elementi finiti. Questa ricerca ha riguardato la progettazione ed ottimizzazione di una nuova macchina che dovrà essere in grado di effettuare lavorazioni di fresatura e tornitura combinata, utilizzando la stessa struttura ed azionamenti. Le due lavorazioni che dovranno essere garantite dalla macchina, hanno delle necessità progettuali molto differenti e l approccio tipico della progettazione di una macchina utensile effettuata con logiche di worst case non è utilizzabile. 1

2 Infatti, nel caso di macchine multifunzione in cui devono essere ottimizzate le prestazioni della macchina in tutto lo spazio di lavoro (i pezzi e i parametri di taglio saranno molto differenti in funzione della lavorazione), devono essere valutate le sue prestazioni statiche e dinamiche in un ampia gamma di condizioni e posizioni. E è stato elaborato un metodo di verifica che, tramite l uso della parametrizzazione degli elementi meccanici di collegamento principale e di tutte le condizioni di carico, è in grado di svolgere un numero di soluzioni numeriche cospicuo (nel caso circa 200) in maniera automatica e rapida. Il numero elevato di risultati ottenuti, è stato successivamente condensato in sole 7 rappresentazioni grafiche che mostrano a colpo d occhio il comportamento dell intera macchina in funzione delle tre corse dei tre assi principali e delle 7 tipologie di carico ipotizzate, tra cui forze ed accelerazioni. Un analisi di sensitività condotta sui componenti critici, ha infine permesso di evidenziare quali siano le possibili variazioni strutturali che sarebbero particolarmente efficaci per aumentare ulteriormente le prestazioni. La modellazione e successiva simulazione sono state compiute all interno del codice Ansys Workbench v.14 nell ambito di una attività di ricerca condotta in collaborazione fra il PEAR di Firenze e il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell Università degli Studi di Perugia. La ricerca è stata finanziata con il Bando Unico R&S 2008 della Regione Toscana. Introduzione L espansione del mercato delle macchine utensili prodotte in Italia verso i mercati esteri porta i costruttori del nostro paese a progettare macchinari sempre più innovativi che possano confrontarsi con successo con le alternative concorrenziali dei produttori esteri. Nello specifico, in questo studio è impostato un metodo per la valutazione virtuale delle prestazioni di macchinari per l asportazione di truciolo.la trattazione è rivolta allo studio di una fresatrice a 3 assi per lavorazioni di altissima precisione, che dovrà nel contempo eseguire lavorazioni di tornitura utilizzando lo stesso elettromandrino. La metodologia sviluppata è comunque di validità generale. In prima analisi, è analizzato il comportamento statico e dinamico della macchina utensile nel suo complesso. Tale studio, è stato eseguito attraverso la trasposizione e manipolazione in CAD 3D dei progetti forniti dall azienda committente, successivamente analizzati in dettaglio mediante l ausilio del software agli elementi finiti Ansys Workbench release 14. Per la visualizzazione dei risultati il software è stato supportato da fogli di calcolo Microsoft Excel che sono facilmente ottenibili con post-processing dalle soluzioni ottenute. Si elabora in particolare, una metodologia di analisi parametrica ed automatizzata, per simulare il comportamento della macchina nelle diverse configurazioni geometriche date dalle corse dei tre assi principali ed al variare di forze ed accelerazioni in gioco. Attraverso mappature grafiche, si condensano i risultati in pochi diagrammi che permettono una valutazione del comportamento complessivo della macchina in modo immediato ed esauriente, cosa che permette di soddisfare sia le esigenze dei progettisti, sia di presentare le soluzioni trovate in modo chiaro e comprensibile anche a personale non qualificato. Infine, si vanno a valutare possibili modifiche strutturali che permetteranno di ottenere prestazioni migliori sia in campo statico che dinamico attraverso tecniche di sotto modellazione delle parti risultate critiche nella fase precedente del progetto. Modellazione parametrica di macchine utensili Tipicamente la rigidezza statica e dinamica di una macchina utensile è valutata in alcuni punti ritenuti critici, ad esempio con le corse degli assi in mezzeria e/o alla massima estensione, ma, a causa della complessa fase di modellazione delle parti essa non viene estesa solitamente a molti punti di indagine [1-3]. La modellazione 3D dei componenti principali ha ormai portato alla risoluzione degli eventuali problemi ergonomici e di ingombro sin dalle prime fasi della modellazione, ma risultano parzialmente risolti i problemi della valutazione della linearità della macchina in tutto il campo di lavoro e della valutazione del peso dei singoli componenti nella definizione della prestazione totale della macchina (ad esempio in termini di rigidezza). Utilizzando le potenzialità offerte dal pacchetto Ansys Workbench R 14 si è sviluppata una metodologia che, sfruttando appieno le possibilità di interfaccia bidirezionale con i moduli CAD FEM di DOE, supportato con 2

3 fogli di calcolo per la visualizzazione dei risultati, ha condotto alla reale possibilità di poter confrontare, con tempi di sviluppo appropriati alle esigenze reali della progettazione meccanica, decine di possibili soluzioni alternative per macchine multifunzione. La metodologia sviluppata consta essenzialmente di 5 fasi principali: 1. modellazione 3D e trasposizione all interno del modulo geometrico di Workbench (Design Modeler) 2. modellazione parametrica degli assi di movimentazione, 3. mesh e setup delle simulazioni, 4. metodologia di valutazione delle performance e rappresentazione grafica dei risultati, 5. analisi di sensibilità e modifiche strutturali proposte. Alcune di queste fasi, che poco si discostano dalle tecniche correntemente usate per l implementazione di modelli virtuali all interno degli uffici tecnici, saranno soltanto accennate nel prosieguo, ci concentreremo soprattutto nella descrizione delle fasi 2,4,5 che sfruttano a pieno le potenzialità di automazione delle soluzioni offerte da Workbench. Modellazione 3D e trasposizione all interno di Workbench Come prima fase, si rende indispensabile il recupero delle geometrie influenti per l analisi. Nello specifico, alcune aziende dispongono ancora solo di CAD-2D,che è necessario migrare in 3D per una modellazione esaustiva. Al fine di garantire che la geometria ricostruita sia coincidente con quella riportata nei disegni, si procede disponendo direttamente le viste e le sezioni originali sui relativi piani nello spazio virtuale del software 3D utilizzato per la modellazione (è ininfluente il software scelto per la trasposizione). In questo modo, si ottiene anche il vantaggio di una rapida implementazione 3D e certamente meno soggetta ad errori rispetto ad una completa ridesignazione della macchina. Nella figura 1 è da notarsi, in alto a sinistra in blu, il sistema di riferimento che sarà impiegato nelle analisi FEM e per l esposizione dei risultati, definito riferimento macchina. La geometria, in termini di posizione relativa degli elementi, a livello CAD, viene impostata con corse nulle quando le viti a ricircolo di sfere responsabili della movimentazione degli assi principali X,Y e Z sono nella configurazione di minor lunghezza libera. Nell immagine è dunque mostrata la condizione delle corse [X,Y,Z]=[0,0,0] Sono direttamente omessi tutti i componenti elettrici, gli accessori di servizio ed in generale, tutti i componenti che non hanno attinenza o rilevanza dal punto di vista strutturale (massa o rigidezza trascurabili). Viene inoltre effettuata la tipica rimozione delle cosidette small features CAD cioè la semplificazione geometrica di tutti quegli elementi che sono non-necessarie all ottenimento del comportamento globale della macchina. Figura 1: Assieme della macchina, vista isometrica fontale con sistema di riferimento relativo Bisogna ricordare che questi piccoli elementi geometrici, oltre che non essere necessari per la simulazione, portano a tempi di creazione mesh e calcolo molto elevati e possono portare ad errori non trascurabili nella valutazione dello stato tensionale e di deformazione del componente [4]. In figura 2 viene riportata, a titolo di esempio, la semplificazione effettuato sul supporto motore dell asse Z ( in blu in figura 1) che può essere efficacemente trattato sia con gli strumenti tipici della modellazione 3D, sia all interno del modulo Design Modeler del Workbench R14. 3

4 Figura 2: esempio di rimozione small features nel supporto motore, confronto tra geometria di produzione e modello per FEM. Modellazione parametrica degli assi di movimentazione Per quanto riguarda la simulazione dei vincoli tramite i pattini a ricircolo di sfere e le movimentazioni tramite viti senza fine, è stato scelto di rappresentare questi elementi di fondamentale importanza tramite elementi a rigidezza concentrata le cui geometrie sono identificate tramite delle named selections (NS, all interno del CAD utilizzato per la modellazione) e quindi facilmente modificabili ed aggiornabili dentro il Design Modeler. Di seguito si riportano le impostazioni principali utilizzate per la simulazione di detti componenti. Pattini a ricircolo di sfere e relative guide Per replicare il comportamento dei pattini a ricircolo e delle loro guide di scorrimento, si implementano nel modello vincoli di tipo MPC aventi rigidezza differente in tre direzioni, usando il joint: bushing body to body. Annullando la rigidezza nella direzione di scorrimento (Z ad esempio in figura 3) e mantenendo un vincolo nelle rimanenti direzioni si riescono a fornire i parametri corretti al sistema.. Per far si che tale condizione si applichi in modo automatico, il vincolo è impostato tra la superficie del pattino (scope), fino ai nodi della mesh della guida (target) compresi in una sfera di influenza (pinball) di dimensioni opportune (aggiustando il pinball radius). In questo modo, al variare delle corse parametriche delle viti di movimentazione (si veda dopo), il vincolo sarà automaticamente aggiornato dal software, senza la necessità di controllo esterno da parte di un utente. In Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. sono mostrati in blu le sfere di influenza dei vincoli per l asse verticale Z responsabile della movimentazione della testa della fresa, a titolo di esempio. Come detto le zone blu sono solidali ai rispettivi pattini (a loro volta solidali alla testa) ed il contatto con la guida (in grigio solidale al supporto a croce) avviene dunque per i soli nodi di questa che ricadono nel volume della sfera di influenza (pinball region). I dati si rigidezza relativi ai pattini, Figura 3: vincoli interni (bushings). Vista laterale della testa e del supporto a croce. In blu sono evidenti le sfere di influenza dei vincoli ed uno dei sistemi di riferimento relativi 4

5 vengono ricavati da cataloghi del costruttore ricavando le giuste rigidezze per il precarico specificato dal progettista. Come ulteriore accortezza, si sceglie sempre, fra le possibili rigidezze a trazione e compressione possibili, la rigidezza minore, in modo che i risultati in spostamento rappresentino il caso peggiore 1 fra quelli possibili. Viti a ricircolo di sfere Si tratta di uno dei componenti critici per una macchina di questo tipo. Per ovvi motivi, ciascuna delle tre viti di movimentazione degli assi X,Y,Z, può essere modellata tramite la sua rigidezza assiale, combinata in serie con quella dei propri supporti (cuscinetti e chiocciole). Per le viti la caratteristica di rigidezza, dipende direttamente dalle corse, essendo valida la nota formulazione [5]: (1) dove L è la distanza della chiocciola dal punto fisso sulla struttura della macchina essendo le viti in questa configurazione vincolate isostaticamente tramite cerniera e carrello. Al fine di ottenere dunque una valutazione automatica della corretta rigidezza per ogni posizione degli assi macchina, si parametrizza la costante di rigidezza dell elemento elastico 2 in modo che, fornito il valore dell area e del modulo di elasticità, il software sia in grado di aggiornarsi in modo del tutto autonomo. La rigidezza equivalente, può implementarsi dunque con la tipica formulazione delle molle in serie: (2) Questa equazione è quindi immessa come relazione negli opportuni design parameters di Ansys, garantendo che, al variare del parametro di traslazione di uno specifico asse, si aggiorni anche la costane elastica dell elemento vite utilizzato con la variazione della L. Figura 4: masse concentrate imposte e molle parametriche che simula la vite dell asse Y nell ingrandimento 1 La correttezza dell impostazione può essere verificata a posteriori. È inoltre possibile, se necessario, prevedere joints con differente comportamento trazione/compressione (definendo 2 vincoli per ciascuna coppia, attivandone solo quello corretto in funzione del verso del momento applicato) 2 Elemento COMBIN14 5

6 Masse concentrate I componenti geometricamente complessi e di peso non trascurabile, ma non significativi dal punto di vista geometrico, sono modellati come masse concentrate localizzate nel proprio baricentro e connesse alla struttura in modo diretto, tramite MPC. Rientrano in questo caso, i tre motori, l armadio del reparto elettrico, passacavi e relativi fissaggi, il mandrino ed altre masse. Collegamenti bullonati Per simulare il fissaggio reciproco dei vari componenti tra loro solidali, il macchinario è provvisto di collegamenti bullonati, precaricati. Nel caso delle lavorazioni di precisione in questione, le forze risultano limitate ed i collegamenti, di fatto, sono simulati attraverso contatti (bonded) ipotizzandone il corretto dimensionamento. I contatti sono applicati manualmente, utilizzando le named selections approntate a livello CAD. Solo in seconda analisi si andrà a modellare la bullonatura, per gli studi di dettaglio 3. Mesh e setup delle simulazioni Come detto questa fase è tipica dell impostazione di un qualsiasi modello FE e quindi sarà soltanto accennata, l utilizzo combinato del Design Modeler e del mechanical di Ansys Workbench abbrevia di molto questa fase critica. Mesh La mesh viene eseguita, cercando di avere una buona qualità degli elementi, senza tuttavia eccedere nel numero, per avere simulazioni veloci. Per ottenere ciò si utilizzano elementi solidi di tipo differente, sono preferibili Hex [4]. Inoltre, si operano raffinamenti automatici e manuali nelle zone a grossa curvatura (ad esempio fori) ed in prossimità di pattini e guide. Per un miglior controllo, ciascun corpo è discretizzato con impostazioni specifiche 4. Si accenna soltanto che utilizzando la funzione slice del Design Modeler su volumi complessi si riescono ad ottenere velocemente mesh molto regolari di parti anche complesse. Figura 5: mesh del modello completo, vista isometrica In figura 6 si riporta il diagramma della qualità della mesh, in metrica aspect ratio. Si nota una mesh di buona qualità, in cui la quasi totalità del volume porta valori di rapporto d aspetto vicini all unità. Si nota inoltre la presenza, in numero limitato, di elementi tetraedrici a 4 nodi (Tet4) e piramidali a 5 nodi (Pyr5), creati in zone di geometria critica dove il solido Hex8/Wed6 avrebbe generato elementi di scarsa qualità. Figura 6: Aspect Ratio della mesh 3 Test successivi, con bullonatura modellata confermano una ottima aderenza al modello bonded ipotizzato e quindi confermano la validità dei risultati ottenuti. 4 Si decide di non usare mesh mappate per evitare possibili difetti al variare delle geometrie, nelle analisi future. 6

7 Setup delle simulazioni Per valutare il comportamento statico e dinamico della macchina è stato scelto di implementare 7 condizioni di carico differenti. Per quanto riguarda le forze esse vengono applicate tramite un remote point solidale con la parte inferiore della testa, a 100 mm da questa, nella posizione in cui di solito si trova la fresa o l utensile di tornitura (punto di lavorazione). I tre casi di carico di accelerazione vengono invece imposti a seconda delle parti effettivamente accelerate durante l interpolazione della macchina o le corse di lavorazione in rapido tramite il comando CMACEL [4] su apposito comando di pre-processing. Il settimo caso di carico è la semplice imposizione del peso proprio della macchina. In ciascun sistema Workbench, sarà applicato solo un carico. Si riassumono nella tabella 1 sotto i valori numerici assegnati, considerati rappresentativi per la macchina e si ricorda che da questi si possono ottenere molto semplicemente ulteriori condizioni per combinazione lineare di questi casi. Tabella 1 casi di carico unitari ipotizzati Carico Valore U.d.m. Descrizione F x 1000 [N] Forza F y 1000 [N] Forza F z 1000 [N] Forza a x 1 [m/s 2 ] Accel. (CMACEL) a y 1 [m/s 2 ] Accel. (CMACEL) a z 1 [m/s 2 ] Accel. (CMACEL) g 9.81 [m/s 2 ] Di verifica (GRAVITY) Design points (DPs) Sono stati definiti nell analisi DOE 27 punti di progetto (design points o DPs) relativi a 9 posizioni X,Y di corse e per 3 differenti livelli di quota Z della testa (si veda la figura 7). In questo modo l utente avrà uno screening completo delle caratteristiche della macchina in tutto il volume di lavorazione. Per la caratterizzazione completa sono quindi necessarie 7x9x3=189 simulazioni. Per l input e output dei parametri e dei risultati si è scelto quindi di utilizzare dei fogli di calcolo MS Excel separati, uno dedicato ai parametri in input ed uno a quelli di output 5. Questo permette di manipolarne i valori e di visualizzarli in modo veloce, e di applicare controlli sul valore dei dati, in modo da individuare subito eventuali errori. Infine, si aggiunge al progetto la tabella dei DPs, attraverso il modulo software dedicato al DOE. Parametri in input Si definiscono come parametri di input per il DOE, le tre corse degli assi, che vengono discretizzate in 3 livelli: 0[mm], 200[mm] e 400[mm] rappresentando dunque le corse minima, intermedia e massima. Figura 7: Visualizzazione DPs rappresentati in tre piani verticali di lavorazione di 9 posizioni ciascuno. In alto il sistema di riferimento per le corse degli assi-macchina 5 Risulta possibile utilizzare un unico modulo Excel. La soluzione di separare in-out è dovuta ad esigenze di stabilità e di sicurezza intrinseca in relazione a possibili errori dell operatore, in particolare per evitare loop. 7

8 Parametri in output Per limitare la difficoltà nella lettura dei molti risultati, si prende come parametro fondamentale lo spostamento totale del punto di lavorazione, per ciascun caso di carico. Questo punto è sinonimo della bontà della lavorazione e della precisione ottenibile dalla macchina nelle varie configurazioni. Tali parametro, sarà dunque impiegato per la successiva fase di valutazione dei risultati. Altri parametri, come reazioni vincolari interne ed esterne, qualità della mesh, ed altri, sono stati parametrizzati in mechanical e portati in MS-Excel per un controllo sulla qualità e sulla correttezza delle soluzioni 6. Il progetto globale Workbench è riportato nella figura sotto. Figura 8: Progetto Workbench. Si notano i 7 casi di carico, i fogli di calcolo collegati in ingresso ed uscita ed il modulo per il DOE Valutazione delle performance e rappresentazione grafica dei risultati Le analisi vengono lanciate in modo sistematico ed automatico, impostando l ordine di tipo ottimizzato 7, si è scelto di utilizzare un particolare tipo di grafico a barre, che consente di visualizzare fino a 3 parametri di input ed uno in uscita. Questo grafico, si addice bene al caso specifico, poiché si ha la necessità di rappresentare lo spostamento del punto di lavorazione (uscita) in funzione dei tre valori delle corse (ingressi). In figura 9 si riporta, a titolo di esempio, il grafico globale dello spostamento del punto di lavoro relativo all imposizione della forza F x. come specificato in tabella 1 prima riga. 6 In ogni analisi, sono stati verificati in particolare gli equilibri del sistema, per evidenziare eventuali Joints o constraints eventualmente non correttamente aggiornati e quindi risultati potenzialmente errati. 7 Design Modeler riconosce la traslazione pura come variazione della geometria, pertanto il software, ad ogni analisi, procede al ricostituire la mesh, che di fatto, resta uguale a sé stessa, non variando alcuna impostazione. 8

9 Si tratta di un grafico a 4 dimensioni: negli assi cartesiani orizzontali sono riportati, CORSA X e CORSA Y (ossia le traslazioni imposte come parametri nel design modeler), mentre l asse verticale, rappresenta lo spostamento risultante al punto di lavorazione, dovuto alla forza F X applicata ed ottenuto con la probe. Nello spazio tridimensionale, sono riportati inoltre i 27 punti (marker grigi) corrispondenti agli spostamenti di tutti i DPs di figura 7. Attraverso una linea rossa 8, sono evidenziate le combinazioni X,Y a parità di corsa Z. Quest ultima è esplicitata per ogni grafico (Z=0mm; Z=200mm; Z=400mm). L istogramma parte dal valore minimo tra i 9 punti del piano rappresentato (iso-z) e di fatto quindi la lunghezza di ciascuna barra rappresenta lo spostamento relativo tra i 9 DPs a parità di quota Z. Figura 9: Spostamento del punto di lavoro dovuto ad F X, 27 DPs Come logico la condizione di spostamento maggiore si genera per Z = 400mm, cioè testa in basso vicino al bancale. Con questo semplice grafico si individuano facilmente: il punto con spostamento maggiore [X,Y,Z]=[200,400,400] mm, si veda la figura 10, si ha inoltre una precisa informazione sulla linearità della macchina (più la macchina è lineare più le spezzate rosse iso-quota Z tendono a formare dei piani). Figura 10: Deformazione per la posizione [200,400,400], F x =1000 N. Scala deformazione 1500x 8 Linee rosse aggiunte manualmente, per connettere i dati relativi allo stesso set di quote Z e presentare i dati in modo ancora più chiaro. 9

10 Miglioramento percentuale Spostamento assoluto punto di lavorazione [mm] ANSYS USER GROUP MEETING ITALIA Jun Analisi di sensibilità e modifiche strutturali. L ottimizzazione del comportamento statico/dinamico di una macchina utensile non può prescindere dalla determinazione degli elementi strutturali che influenzano maggiormente la rigidezza globale della macchina in ogni condizione. La comprensione degli elementi critici è effettuata tramite una serie di analisi effettuate primariamente nel punto di corse [X,Y,Z]=[200,400,400], già definito come punto critico. Si disaccoppiano i vari contributi di deformazione semplicemente compiendo analisi successive in cui una delle rigidezze ritenute importanti, viene posta pari a 100 volte quella nominale in modo che possa essere considerata infinitamente rigida. Considerando lo spostamento del punto di lavoro in condizione nominale ed irrigidita si ottiene per differenza il contributo della singola rigidezza. L analisi di sensitività è effettuata per gli elementi che si dimostrano avere il campo di spostamento relativo maggiore, ossia le viti a ricircolo di sfere (parametri concentrati), i pattini (bushing) e le guide relative, ed altri elementi strutturali come i supporti dei motori che fungono anche da supporto per le viti. A titolo esemplificativo viene riportato il grafico riepilogativo che mostra gli effetti di un irrigidimento delle viti a ricircolo sullo spostamento dovuto alle accelerazioni x, y, e z Sensitività alla rigidezza delle viti (Accelerazioni 1g) Originale Irrigidimento vite X Irrigidimento vite Y Irrigidimento vite Z AX AY AZ G Figura 11: Grafico della sensitività alle accelerazioni in funzione della rigidezza delle vit i Il progettista in ogni linea di colore differente può osservare gli effetti dei tre differenti irrigidimenti (ascisse) in funzione di un singolo carico (ordinate) in termini di spostamento. Dalla figura 11 si nota chiaramente la netta dipendenza della rigidezza dello spostamento del punto di lavoro dovuto alle accelerazioni A y dalla rigidezza della vite in direzione Y (rettangolo rosso). Si deduce immediatamente come una vite più rigida in tale direzione sia estremamente efficace nel diminuire lo spostamento del punto di lavorazione. In figura 12 si riporta il risultato globale in termini di miglioramento percentuale di rigidezza per tutti i casi relativi alle viti a ricircolo FX FY FZ AX AY AZ G Irrigidimento vite X Irrigidimento vite Y Irrigidimento vite Z Irrigidimento vite X Irrigidimento vite Y Irrigidimento vite Z Figura 12: istogramma dello scostamento percentuale tra configurazione irrigidita ed originale 10

11 Un grafico simile può essere fatto per tutti i componenti critici effettuando le necessarie simulazioni e ponendo i risultati su appositi fogli Excel come in precedenza. Analisi di dettaglio Finite le analisi sui componenti principali della struttura ci si deve porre il problema dell ottimizzazione dei componenti considerati, spesso a torto, minori. Per la ricerca presente tra i componenti strutturali di ingombro limitato che possono essere sensibilmente migliorati, quello che più si dimostra deformabile è il supporto motore dell asse Y, il quale riceve le azioni assiali della vite a ricircolo di sfere posta tra montante e bancale. Tali forze, generano una flessione della struttura, le cui conseguenze sono un aumento dello spostamento del punto di lavorazione ed una conseguente diminuzione della precisione della macchina. Su componenti limitati come questi è necessario andare ad utilizzare tecniche di sotto modellazione per prevederne in modo accurato il comportamento in seguito a modifiche strutturali anche notevoli. In figura 13 viene riportato a sinistra il campo di spostamento del supporto dovuto alle accelerazioni A y, a destra uno dei sotto-modelli sviluppati. Figura 13: campo di spostamenti del supporto motore Y, nel caso di AY, vista laterale, a destra sottomodellazione con simulazione di bulloni precaricati e zanche di ancoraggio al bancale in Celith. Figura 14: istogramma comparativo di varie modifiche strutturali possibili sul supporto motore asse Y. 11

12 Come nelle altre occasioni le comparazioni sono presentate al progettista sulla base di semplici istogrammi (figura 14) in cui nella prima colonna c è sempre la prestazione offerta dalla soluzione originale (in termini di spostamento), nella seconda il limite teorico dell irrigidimento (spostamento con supporto infinitamente rigido) e di seguito tutte le soluzioni percorribili. Il progettista è in grado di giungere in pochi secondi alla scelta della soluzione ottimale (ovale rosa) basandosi anche su valutazioni di tipo economico. Altre analisi A conclusione di questo paragrafo si vuole ricordare che, per la caratterizzazione del comportamento della macchina, dovranno essere effettuate delle analisi modali comparative fra il progetto iniziale e quello modificato sulla base di quanto detto fino ad ora. A titolo esemplificativo nella figura 15 sotto viene riportato il primo modo proprio della struttura prima delle modifiche strutturali, i primi 10 modi solo nella tabella allegata alla figura a destra. Dopo le modifiche il primo modo, che rimane come tipologia equivalente, è passato da 51,2 Hz a 67,2 Hz con un 31% circa di innalzamento della prima frequenza propria della macchina. Figura 15: primo modo proprio della fresa non modificata vincolata sul basamento. Nel caso particolare delle macchine per asportazione di truciolo le modali servono anche a tarare sulle giuste frequenze i tappetini smorzanti che spesso sono posti sotto al basamento per isolare la macchina dal pavimento di officina. Conclusioni Lo studio proposto, mostra come sia sempre più necessario, nel panorama di progettazione e produzione moderno, avere a disposizione sistemi software in grado di integrarsi e scambiare dati in modo efficiente ed a prova di errori. In particolare, si è mostrato come sia utilissimo impiegare una combinazione di CAD-FEM e altri strumenti di analisi multi obbiettivo quali il DOE per ottenere modelli, che permettono di svolgere un elevato numero di analisi senza (o quasi) intervento utente. Un modello così composto, sebbene complesso da impostare in prima analisi, è uno strumento versatile per qualunque tipo di macchinario, e permette di conoscere in modo molto dettagliato il comportamento complessivo del proprio prodotto, ancora prima di costruire il primo prototipo. Per un azienda realmente innovativa l adozione di questi strumenti, se correttamente utilizzati, si traduce in un abbassamento cospicuo del time to market di nuovi prodotti ottimizzati e di alte prestazioni, che non necessiteranno di importanti correzioni e che sarà all avanguardia nel mercato e quindi favorito rispetto al prodotto analogo della concorrenza che non faccia uso di tale strumenti di progettazione. 12

13 Riferimenti [1] F. Grimaldi, manuale delle macchine utensili s CNC. s.l. : hoepli, [2] G. Saba, sistemi ed automazione industriale. s.l. : Jackson, [3] C. Braccesi, L. Landi, Progettazione concorrente di macchine utensili per PMI con sistemi integrati di progettazione. XXXVII Convegno Nazionale AIAS - Università di Roma la Sapienza settembre [4] Ansys inc. Ansys Workbench Help/Guide [5] Niemann, Gustav, Winter, Hans e Hohn, Bernd Robert. manuale degli organi delle macchine. s.l. : tecniche nuove,

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio.

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio. Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Rev. 383601 00 Pagina 1 di 48 Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Inserti fresa ad HFC NUOVO

Inserti fresa ad HFC NUOVO Inserti fresa ad HFC NUOVO Sgrossatura ad alto rendimento con frese ad inserti HFC [ 2 ] L applicazione principale del sistema di fresatura HFC è la sgrossatura ad alto rendimento. La gamma di materiali

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli