Gli strumenti di protezione. come asset per il business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti di protezione. come asset per il business"

Transcript

1 Gli strumenti di protezione della proprietà intellettuale come asset per il business Giovanni Cristiano Piani Industrial Liaison Office Università degli Studi di Trieste

2 AGENDA Che cos è la proprietà intellettuale Come si tutela e in che forme (brevetto, copyright, design ) A cosa serve e perché decidere di proteggerla Come si gestisce (estensioni, mantenimenti, etc) Strategie di valorizzazione Problematiche di gestione (valutazione, litigation, infringement, etc ) Focus su: Copyright, marchi, design Q&A

3 CONOSCIAMOCI - ILO Io sono: L INDUSTRIAL LIAISON OFFICE è: Giovanni Cristiano Piani Laurea in Scienze Politiche PhD in Economia Responsabile Ufficio ILO Università degli studi di Trieste Attività con le imprese Tutela proprietà intellettuale disclosures, brevetti, valorizzazione, valutazione preliminare, desk analysis, convalide, deposito e prosecuzione contatti, comunicazione, conto terzi e ricerca collaborativa, fund raising Creazione d impresa Start Cup/PNI, Start up dell anno, Spin off e

4 CONOSCIAMOCI - UNITS 10 dipartimenti Clinico di Scienze mediche, chirurgiche e della salute Fisica Ingegneria e Architettura Matematica e Geoscienze Scienze Chimiche e Farmaceutiche Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell'interpretazione e della Traduzione Scienze Politiche e Sociali Scienze della Vita Studi Umanistici 8 centri di ricerca Centro Interdipartimentale Mente e Linguaggio, Centro Interdipartimentale di Gestione e Recupero Ambientale CIGRA, Centro Interdipartimentale di Medicina Molecolare CIMM, Centro Interdipartimentale di Ricerca sui Sistemi, Tecnologie e Servizi RISTES, Centro Interdipartimentale di Studi Europei e Mediterranei CISEM, Centro Interdipartimentale per la Ricerca Didattica CIRD, Centro Interdipartimentale per le Neuroscienze BRAIN, Centro Interdipartimentale per le Scienze Computazionali 3 centri di eccellenza Biocristallografia - CEB, TeleGeomatica - GeoNetLab, Preparazione, sviluppo e caratterizzazione di materiali e superfici nanostrutturate - CENMAT 22 centri di ricerca interuniversitari Centro interuniversitario Ricerca su azionamenti per trazione, Centro interuniversitario Aerodinamica delle costruzioni ed Ingegneria del vento, Centro interuniversitario per la Gestione dei Sistemi Energetici CUGESE (altri su: )

5 perché UNITS si occupa di PI/1 Europa ~0-2% di crescita annua USA ~4% di crescita annua BRICS ~6-10% di crescita annua Per immaginare scenari di economica per le avanzate economie occidentali e produrre nuovi scenari di competitività internazionale Operare sulla distintività e sull innovazione: produzione preponderante su (e cioè di un ambiente organizzato per far diventare l innovazione un metodo sistemico di produzione) la necessità della della conoscenza sembra un compromesso ineludibile per garantire che ci sia qualcuno che se ne fa carico (Antonelli, 2003)

6 perché UNITS si occupa di PI/2 Quindi l Università, maggiore produttore di CONOSCENZA deve utilizzare gli strumenti a disposizione per poterla trasferire (tra cui il brevetto) perché: COS E L INNOVAZIONE (un incremento di conoscenze dovuto alla comprensione di correlazioni tra eventi) che generano nuova (insieme di capacità di operare) che produce nuove (una nuova idea concepita utilizzando delle conoscenze) che possono diventare (diffusione e utilizzo delle conoscenze o delle invenzioni per migliorare il sistema di vita) CHI LA FA Il driver che finalizza l ultimo tratto del percorso sopra descritto è l, che svolgendo una funzione di interfaccia tra i produttori di conoscenza e il mercato, trasforma l invenzione in innovazione proprio perché il suo successo è legato alla diffusione del prodotto. L impresa si assume il mentre gli altri attori, prevalentemente pubblici e specializzati nelle fasi a monte del processo, si assumono il e l incertezza del risultato tecnologico.

7 Cos è la PROPRIETA INTELLETTUALE Con proprietà intellettuale si indica l'apparato di principi giuridici che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani; sulla base di questi principi, la legge attribuisce a creatori e inventori un vero e proprio monopolio nello sfruttamento delle loro creazioni/invenzioni e pone nelle loro mani alcuni strumenti legali per tutelarsi da eventuali abusi da parte di soggetti non autorizzati. Tradizionalmente, la dicitura "proprietà intellettuale" indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali che hanno una sempre maggiore rilevanza economica: ci si riferisce cioè ai frutti dell'attività creativa/inventiva umana come ad esempio le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design, i marchi. Quindi, al concetto di proprietà intellettuale fanno capo le tre grandi aree del diritto d'autore, del diritto dei brevetti e del diritto dei marchi. In questo workshop parleremo principalmente di BREVETTI.

8 Come si suddivide la PI

9 Quali sono le PRIVATIVE INDUSTRIALI Brevetto per Invenzione: protegge le invenzioni nuove ed originali riguardanti un prodotto od un procedimento atto ad essere applicata in campo industriale (durata 20 anni più eventualmente CPC Certificato di protezione complementare). Modello di utilità: protegge i nuovi modelli atti a conferire a macchine o parti di esse, a strumenti od oggetti di uso in genere, particolare efficacia o comodità d uso o d impiego (durata 10 anni). Modello ornamentale: protegge i nuovi disegni o i modelli che conferiscono ai prodotti industriali un carattere individuale, grazie ad una particolare forma od a particolari combinazioni di linee, colori od altri elementi (durata 25 anni, rinnovabile ogni 5). Topografia di un circuito a semiconduttori: protegge una serie di disegni correlati, rappresentanti lo schema tridimensionale di cui si compone un circuito a semiconduttori (durata 10 anni). Nuova varietà vegetale: varietà vegetale nuova, omogenea, stabile e diversa da altre già esistenti (durata 15 anni; 30 anni nel caso di piante a fusto legnoso). Marchio: nuova parola, figura o segno atto a distinguere prodotti o merci, al fine di identificarli, individuando l'azienda produttrice (durata 10 anni rinnovabile). Diritto d autore: tutela le opere dell ingegno di carattere creativo, compresi i programmi per elaboratore. (durata 70 anni dopo la morte dell autore).

10 POSSONO LAVORARE IN SINERGIA Di un telefono si può proteggere: Il marchio Il manuale di istruzioni Il design Il modello di utilità Il brevetto per invenzione CURIOSITA A luglio 2011 è scaduto il brevetto della SIM

11 Quali sono i DIRITTI (inventore/titolare) I diritti che nascono dal deposito di un brevetto sono di 2 tipi: MORALI: è il diritto a venire riconosciuto come inventone e non è alienabile (INVENTORE) MATERIALI/PATRIMONIALI: diritto trasmissibile allo sfruttamento economico (TITOLARE)

12 perché la PI viene tutelata? Titolo/Privativa da parte di uno Stato (Valenza Legale Effetto Territoriale e temporale) cioè un Contratto tra il proprietario del brevetto e lo Stato Termini del Contratto: Divulgazione (Public Disclosure) dell invenzione che altrimenti potrebbe rimanere sotto segretezza (contributo all innovazione) vs. Diritto di escludere terzi dall attuare l invenzione per un periodo limitato (definito) di tempo (20 anni) Inventore Stato 1. Protezione per circa 20 anni 2. Diritto di escludere gli altri dal produrre, usare, vendere e importare l invenzione Per rientrare dagli investimenti in R&D Per rafforzare la quota di mercato e la competitività 1. Pubblicazione dell invenzione Per diffondere nuova conoscenza tecnica Evitare duplicazione di R&D Per spingere l innovazione

13 COS E UN BREVETTO Il brevetto per invenzione è un titolo giuridico in forza al quale al titolare viene conferito un diritto esclusivo temporaneo di sfruttamento dell'invenzione in un territorio e per un periodo ben determinato, e consente di impedire ad altri di produrre, vendere o utilizzare la propria invenzione senza autorizzazione. Anche se nella maggior parte dei casi, il titolare di un brevetto ottiene anche il monopolio del relativo mercato, questo non avviene sempre: il titolare di un brevetto potrebbe infatti trovarsi comunque nell'impossibilità di vendere il prodotto che incorpora l'invenzione brevettata, per esempio a causa di brevetti precedenti di proprietà di terzi (brevetti dipendenti). Per invenzione si intende una soluzione nuova ed originale ad un certo problema tecnico. Essa può riguardare un prodotto o un processo (metodo, procedimento). In alcuni paesi, compresa l'italia, esiste anche un'altra forma di brevetto, detta brevetto per modello di utilità, per proteggere i nuovi modelli consistenti ad esempio in particolari conformazioni o combinazioni di parti più comode o efficaci rispetto a quanto già noto.

14 ESEMPIO BREVETTO ITALIANO

15 I RIFERIMENTI NORMATIVI IN ITALIA Codice della proprietà industriale (Decreto Legislativo n. 30 del 2005): testo unico che raccoglie tutte le norme attinenti al campo dei brevetti e dei marchi. Resta fuori da questa opera di codificazione la normativa sul diritto d'autore, il cui riferimento è ancora la legge n. 633 del 1941, con le successive e numerose modifiche.

16 il PCT/1 Il Trattato di cooperazione in materia di brevetti, Patent Cooperation Treaty (PCT), firmato a Washington nel 1970, è un trattato internazionale multilaterale gestito dall Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI), con sede a Ginevra, per il deposito unificato di domande di brevetto valide in uno o più degli Stati aderenti al Trattato (144 membri al 1 settembre 2011). Le domande di brevetto così depositate vengono sottoposte ad una ricerca di novità ed opzionalmente ad un esame preliminare di brevettabilità da parte di Autorità Internazionali specificamente designate. Per ottenere brevetti definitivi occorre proseguire le procedure di brevettazione di fronte ai vari Uffici brevetti nazionali, o Uffici brevetti regionali, cioè Uffici che rilasciano brevetti validi per un gruppo di Stati, come ad esempio l'ufficio Europeo dei Brevetti). Non è infatti previsto il rilascio di un "brevetto internazionale" o titoli equivalenti. Il deposito di una domanda internazionale consente quindi di effettuare più rapidamente un deposito di domanda di brevetto con estensione potenziale in molti Stati e di rimandare per molti mesi l'adempimento di formalità lunghe e costose negli Stati di effettivo interesse, ottenendo nel frattempo un rapporto di ricerca con un'opinione relativa alla brevettabilità dell'invenzione da parte di un'autorità internazionale.

17 il PCT/2 Il processo di deposito si sviluppa in due fasi: prima fase, regolata dal Capitolo I del PCT: presentazione della domanda internazionale unica, valida per gli Stati designati, e successiva effettuazione di una ricerca di novità da parte di un'autorità di Ricerca Internazionale (per i richiedenti italiani la ricerca internazionale viene svolta dall'ufficio Europeo dei Brevetti, EPO); seconda fase, opzionale, regolata dal Capitolo II del PCT: esame preliminare internazionale di brevettabilità per gli Stati eletti, al termine del quale viene fornito al richiedente da parte di un'autorità di Esame Preliminare (per i richiedenti italiani, sempre l'ufficio Europeo dei Brevetti) un parere preliminare di brevettabilità, non vincolante per gli Uffici brevetti nazionali o regionali. Rispetto al deposito di domande di brevetto distinte per ciascuno Stato di interesse, il PCT offre varie semplificazioni: la domanda di brevetto viene depositata in un Ufficio solo; la lingua di deposito è una sola; il deposito e l'eventuale successivo esame di brevettabilità possono essere seguiti direttamente dal richiedente o da un solo suo rappresentante; è sufficiente una sola copia autentica dell'eventuale documento di priorità. Inoltre, durante tutta la durata della fase internazionale è sospeso il pagamento delle tasse annuali di rinnovo previste da molti Stati. E' esclusa dal PCT la tutela del disegno o modello industriale (modello ornamentale), quella del marchio commerciale e la tutela della varieta' vegetale che ricadono sotto altri trattati o Convenzioni

18 PCT/3

19 ESEMPIO PCT

20 IL BREVETTO EUROPEO UNITARIO l brevetto unitario è un nuovo titolo di proprietà intellettuale che consentirà di ottenere tramite un unica procedura (e pagando un unica tassa) un brevetto valido in 25 paesi europei, cioè tutti i paesi membri dell Unione Europea tranne l Italia e la Spagna, che hanno scelto di non aderire al brevetto unitario ma che mantengono il diritto di entrare a farne parte in qualsiasi momento. non richiederà alcuna convalida né traduzione nelle lingue nazionali

21 SIGLE Legenda PN (Patent Number): numero del brevetto AN (Application Number): numero della domanda di brevetto PR (Priority): numero di priorità DS (Designated States): stati designati MC (Main Class): classe principale ET (English Title): titolo inglese FT (French Title): titolo francese GT (German Title): titolo tedesco PA (Applicant): nome del richiedente IN (Inventor): nome dell'inventore ND: ha interesse interno, essendo il numero del disco in cui reperire il testo completo della domanda AB (Abstract): riassunto in inglese. NB: per i riassunti delle domande internazionali è disponibile, oltre al campo AB, anche un campo AF (French Abstract), ovvero il riassunto in francese.

22 LE FAMIGLIE DI BREVETTI

23 I rapporti di ricerca

24 conoscenza come fattore di produzione Tre possibili strade con cui le aziende possono ottenere gli ingredienti principali per produrre innovazione (Love & Roper, 1999): (lento, rischioso, costoso ma interno) (veloce e più sicuro ma esterno) (poco costoso ma difficile da internalizzare e con maggior competizione)

25 Cos è il TT Per TRASFERIMENTO TECNOLOGICO si intende quel percorso/processo che consente di trasferire da un soggetto (cedente) ad un altro soggetto economico (ricevente) un complesso costituito da beni strumentali impiegati nella produzione e scambio di beni e servizi e da know-how (conoscenze e competenze necessarie per la loro utilizzazione) (Petroni, 2010)

26 INNOVAZIONE VECCHIO MODELLO SHELF Confine aziendale SHELF SHELF ricerca Sviluppo

27 INNOVAZIONE NUOVO MODELLO altri settori industriali Percorso esterno all innovazione altri settori industriali ricerca Sviluppo

28 Dove sta l innovazione già pronta? LA WIPO HA STIMATO CHE OGNI ANNO VIENE SPRECATO IL 30% DEL BUDGET R&S IN RICERCHE/INVENZIONI GIA BREVETTATE PERCHE il 99% delle invenzioni usa principi risolutivi già noti E solo l 1% utilizza soluzioni pionieristiche Probabilmente l innovazione che serve esiste già bisogna cercarla e farsela trasferire Ovviamente è molto più facile fare trasferimento con Ente pubblico che non con un altro operatore sul mercato E se l innovazione non esiste e bisogna crearla, l ente pubblico è un ottimo partner perché non ha interessi commerciali sui risultati (quindi non ha interesse ad appropriarsene) e dispone delle competenze necessarie

29 come collaborare con UNITS Commissionare ricerca (cd. Conto terzi) Acquisire licenze/cessioni di brevetti Supportare ricerca collaborativa (es. FPVII) Commissionare analisi/prove/test Collaborare con spin off Aprire laboratori congiunti Finanziare dottorati/assegni di ricerca

30 About patenting La Proprietà Intellettuale può essere tutelata con diversi strumenti: 1. Brevetti per invenzione 2. Design 3. Copyright (in EU per il software) In ogni caso i brevetti, considerati ottimi indicatori delle attività di ricerca e sviluppo rappresentano un eccellente strumento di trasferimento tecnologico in quanto evidenziano i seguenti vantaggi: (Griliches, 1990) sono immediatamente legati alle invenzioni (requisito della novità) e quindi molto probabilmente derivano da attività di ricerca coprono vaste aree tecnologiche sulle quali altrimenti sarebbero disponibili pochi dati perché generalmente non sono materie oggetto di pubblicazione i documenti brevettuali sono una considerevole fonte di informazione (ogni anno viene sprecato un terzo degli investimenti in R&D per reinventare prodotti/processi già protetti) i testi dei brevetti sono immediatamente disponibili in rete dopo la pubblicazione (o presso gli uffici brevetti)

31 About patenting/2 Al contempo in realtà i brevetti però presentano anche una serie di svantaggi distribuzione in un continuum di importanza molto asimmetrica: moltissimi brevetti non hanno alcuna applicazione industriale mentre pochi brevetti hanno un elevato valore la propensione culturale a brevettare è diversa tra paesi e tra settori industriali i differenti sistemi normativi rendono difficili le comparazioni tra paesi (es. in negli USA la presenza di istituti come il provisional o il grace period o il first to invent) gli adeguamenti normativi nel tempo rendono difficili le analisi sulle tendenze

32 le variabili fondamentali: TEMPI E COSTI Tempi e costi della valorizzazione Sviluppo Proof of concept Esiti di convalida Consegna campionature Consegna prototipi Consegna Preserie 1 Brevetto Deposito IT Domanda PCT Written opinion Nazionalizzazioni Costi Mercato Acquisizione prodotto Requisiti convalida Specifiche campionatura Specifiche prototipi Ordine preserie

33 cosa comprendono i costi 1. Ricerche di anteriorità 2. Onorari del consulente 3. Onorari del mandatario 4. Tasse di deposito (in IT comprendono i primi 4 anni) 5. Tasse di mantenimento 6. Onorari agenti esteri 7. Traduzioni 8. Risposte ufficiali 9. Obiezioni / Litigation (es. zebrafish) 10.Tasse di concessione/pubblicazione/stampa

34 esempio di costi in IT

35 Fasi del processo 1.Esame formale (requisiti amministrativi) 2.Ricerca delle anteriorità 3.Esame sostanziale (requisiti di brevettabilità) 4. Pubblicazione 5. Concessione

36 tempi del processo EP /31 US tempo JP IT PCT CN Pubblicazione domanda di brevetto CA AU

37 Cosa permette un brevetto Cosa permette di fare? Il brevetto conferisce il diritto di escludere i terzi dall attuare l invenzione brevettata ma non conferisce alcun diritto circa la possibile attuazione dell invenzione (diritto negativo brevetti dipendenti) senza il preventivo consenso del titolare: sia per sé: - realizzarlo - disporne o farne oggetto di commercio che nei confronti di terzi: vietare a terzi di - produrlo - usarlo - metterlo in commercio - venderlo o importarlo

38 Come è scritto Documento Tecnico/Legale Rende pubblicamente accessibili (mediante pubblicazione o messa a disposizione del pubblico ) informazioni (tecniche) e conferisce un diritto (legale) al proprietario - Prima pagina - Titolo - Riassunto - Descrizione - Esempi - Rivendicazione/i - Disegni eventuali

39 Le rivendicazioni Rivendicazione/i Indica, specificatamente, ciò che si intende debba formare oggetto del brevetto: definisce l ambito di protezione conferito dal brevetto (esclusione di terzi dall attuazione dell invenzione) I limiti della protezione (brevettuale) sono determinati dal tenore delle rivendicazioni; descrizione e disegni servono ad interpretare le rivendicazioni (supporto nella descrizione) Garanzia di un equa protezione al titolare ed una ragionevole sicurezza giuridica ai terzi

40 Invenzione? Invenzione: l atto e l effetto dell inventare Inventare: trovare con l ingegno cosa nuova e per lo più utile Legislazione IT d.lgs 10 febbraio 2005 Art. 45 Oggetto del brevetto: 1) Possono costituire oggetto di brevetto per invenzione le invenzioni nuove che implicano un attività inventiva e che sono atte ad avere un applicazione industriale. European Patent Convention (EPC) Art. 52(1): European patents shall be granted for any inventions which are susceptible of industrial application, which are new and which involve an inventive step.

41 LA DATA DI PRIORITA E la data del primo deposito in assoluto e a cui si fa riferire il momento della nascita del diritto di privativa: 1. Determina il momento in cui viene considerata l anteriorità eventualmente distruttiva della novità 2. Determina il momento da cui si può far valere il diritto di privativa (norme sul PREUSO)

42 REQUISITI 1.Novità 2.Originalità / altezza inventiva 3.Applicabilità industriale 4.Liceità 5.Sufficienza di descrizione 6.Unicità di invenzione (NOTA: non è indispensabile dimostrare che l invenzione funzioni!)

43 Cosa non è brevettabile I comma 2, 3, 4 e 5 dell'art. 45 DL 30/2005 descrivono ciò che non può essere brevettato: a) Le scoperte, le teorie scientifiche e i metodi matematici (comma 2); b) I piani, i principi e i metodi per attività intellettuali, per giochi o per attività commerciali ed i programmi per elaboratore (comma 2); c) Le presentazioni di informazioni in quanto tali (comma 2 e 3); d) I metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e i metodi di diagnosi applicati al corpo umano o animale. Questa disposizione non si applica ai prodotti, in particolare alle sostanze o alle miscele di sostanze (farmaci), per l'attuazione di uno dei metodi nominati (comma 4); e) Le razze animali ed i procedimenti essenzialmente biologici per l'ottenimento delle stesse. Questa disposizione non si applica ai procedimenti microbiologici ed ai prodotti ottenuti mediante questi procedimenti (comma 5). f) tutto ciò che non è prodotto dell'invenzione umana ed è esistente in natura, come il genoma umano o le vitamine

44 NOVITA (1) Un invenzione deve essere considerata nuova se non è compresa nello stato dell arte (2) Lo stato dell arte comprende qualsiasi cosa resa (2) Lo stato dell arte comprende qualsiasi cosa resa disponibile al pubblico mediante descrizione scritta o orale, mediante l uso o in qualsiasi altro modo, anteriormente alla data di deposito della domanda di brevetto

45 NOVITA /2 Stato dell arte: domande di brevetto (pubblicate)/brevetti; pubblicazioni scientifiche; posters/abstracts; tesi di laurea; libri di testo; presentazioni a congressi; divulgazioni orali; notizie stampa; cataloghi; brochures, ecc. public prior use (when, what, how, where and by whom) altre informazioni comunque pubblicamente disponibili Considerazioni: Lingua/linguaggio

46 ORIGINALITA Un invenzione è considerata come implicante un attività inventiva se, per una persona esperta del ramo, essa non risulta in modo evidente dallo stato della tecnica Persona esperta del ramo: persona ipotetica con conoscenze nel settore tecnico a cui si riferisce l invenzione - common general knowledge - ed ha accesso a tutta la letteratura/documenti pertinenti. Ha a disposizione i mezzi e la capacità per esperimenti di routine. Non è creativo e non ha fantasia Obiezioni per mancanza di livello inventivo quando già è riconosciuta la novità

47 ORIGINALITA /2 Indicazioni positive (esempi): - Bisogno/necessità lungamente sentiti (irrisolti): rimozione di un ben noto inconveniente/svantaggio riguardante un prodotto commerciale di successo. - Risoluzione di un problema tecnico precedentemente affrontato da altri ma irrisolto (parzialmente risolto) - Superamento di pregiudizi/difficoltà tecniche - Effetto sinergico (combinazioni) - Effetto sorprendente - Selezione di particolari condizioni operative vantaggiose

48 ORIGINALITA /3 Indicazioni negative (esempi): - Trasferimento di un processo da un ramo della tecnica ad un altro - Variazione nell ordine di successione delle operazioni - Aggiunta o complicazioni di elementi - Equivalenti/Estrapolazioni - Scelta tra un numero limitato di possibilità - Esperimenti di routine

49 APPLICABILITA INDUSTRIALE Un invenzione è considerata come suscettibile di applicabilità industriale quando può essere realizzata o utilizzata in qualsiasi tipi di industria. Il concetto di industria va inteso nel senso più ampio (es. industria/artigianato/agricoltura). Attività di carattere tecnico. L invenzione deve funzionare industrialmente/essere riproducibile. È necessario, però, considerare che la semplice possibilità di produrre l'oggetto, non basta per rendere valido il brevetto; l'invenzione, infatti, deve soddisfare un bisogno dell'uomo, e, se ciò non avviene, le aziende non vorranno produrlo, perché non utilizzabile per nessuno scopo; non vi è, così, il requisito di industrialità.

50 La liceità L'invenzione è lecita quando il suo sfruttamento non sia contrario all'ordine pubblico ed al buon costume (art. 50 comma 1 DL 30/2005). Anche se il brevetto non attribuisce al proprio titolare il diritto di attuare l'invenzione (es. brevetti dipendenti), ma solo quello di vietare a terzi di utilizzare la tecnologia rivendicata, questo limite alla brevettabilità è presente in tutte le legislazioni europee. Con il varo della direttiva CE/44/98 l'esclusione ha acquisito anche maggiore rilevanza pratica. Accanto alla clausola generale, le norme comunitarie menzionano infatti alcuni trovati che devono essere esclusi dalla tutela brevettuale in quanto ritenuti contrari all'ordine pubblico ed al buon costume. L'elenco comprende in particolare: a) i procedimenti di clonazione di esseri umani; b) i procedimenti di modificazione dell'identità genetica germinale dell'essere umano; c) le utilizzazioni di embrioni umani a fini industriali o commerciali; d) i procedimenti di modificazione dell'identità genetica degli animali atti a provocare su di loro sofferenze senza utilità medica sostanziale per l'uomo o l'animale, nonché gli animali risultanti da tali procedimenti.

51 SUFFICIENZA DI DESCRIZIONE EPC: The European patent application must disclose the invention in a manner sufficiently clear and complete for it to be carried out by a person skilled in the art The description shall describe in detail at least one way of carrying out the invention claimed using examples where appropriate and referring to drawings, if any US: description in full, clear, concise and exact terms... and shall set forth the best mode contemplated by the inventor

52 SUFFICIENZA DI DESCRIZIONE/2 Una descrizione dettagliata dell invenzione implica (può implicare) una migliore/più efficace protezione dell invenzione. La descrizione sarà quindi: - completa e precisa quanto più possibile (enabling); - in grado di identificare e supportare tutti gli aspetti dell invenzione, in particolare quelli preferiti - completata da esempi (attuazione, fattibilità, ripetibilità)

53 UNICITA dell invenzione/divisionali La domanda di brevetto deve contenere una sola invenzione (art. 161 comma 1 DL 30/2005) e, nel caso di domanda con più invenzioni, l'ufficio brevetti deve invitare il richiedente a modificare la domanda entro un termine stabilito dall'ufficio stesso, in modo da avere una sola invenzione nella domanda (art. 161 comma 2 DL 30/2005) (RICHIESTA DI DIVISIONALE) Più invenzioni implicano più domande.

54 NULLITA e DECADENZA Il brevetto è NULLO se 1. È privo dei requisiti 2. Rientra in una fattispecie espressamente esclusa 3. La descrizione non è sufficientemente chiara e completa 4. L oggetto si estende oltre il contenuto della domanda iniziale 5. Il titolare non aveva diritto a ottenerlo > problema della TITOLARITA (dipendenti, collaboratori, partite IVA, etc) Il brevetto DECADE se: 1. Non vengono corrisposte le tasse entro i termini 2. Il trovato non viene attuato o viene attuato in misura insufficiente al fabbisogno del paese > LICENZE OBBLIGATORIE

55 COME e DOVE si deposita Processo di brevettazione: 1 deposito di domanda di brevetto priorità (dove?) - Italia (UIBM) o Camere di Commercio - Estero: European Patent Office (EPO) US Patent Office (USPTO) any National Patent Office Requisiti amministrativi/lingua Se all estero: Autorizzazione da UIBM (segregazione militare) FARSI ASSISTERE DA UN MANDATARIO! Documento legale scritto in BREVETTUALESE - parole o termini tecnici hanno significati precisi o sono generalizzazioni - "consisting of", "comprising", "plurality", "means of", substantially",...,

56 problema dell ARMONIZZAZIONE Ogni Stato ha propri requisiti e regole (Norme di Legge) per l ottenimento dei brevetti Europa Absolute Novelty Requirement Una pubblicazione avvenuta anteriormente alla data di deposito (priorità) è lesiva della novità e ne pregiudica la brevettabilità First to File il titolare è chi deposita per primo USA Grace Period Un anno di grazia per il deposito di una domanda di brevetto USA dopo la pubblicazione da parte degli inventori/autori First to Invent il titolare può anche essere chi dimostra di aver inventato per primo Provisional prenotazione del brevetto

57 DURATA 20 anni dalla data di deposito della domanda di brevetto Se l oggetto del brevetto è un prodotto (o processo per la sua preparazione o uso) la cui immissione in commercio necessita di una preventiva autorizzazione amministrativa (legislazione nazionale): possibile estensione dei termini Supplementary Protection Certificates (SPC): max 5 anni dalla normale scadenza del brevetto e limitatamente al prodotto (farmaceutico) per il quale è stata richiesta l Autorizzazione all Immissione in Commercio (AIC)

58 CHI E TITOLATO A DEPOSITARE L'art. 63 comma 2 del DL 30/2005 indica che il diritto esclusivo sull'invenzione spetta a chi ha effettuato l'attività creativa e dato luogo all'invenzione. Tuttavia vi sono dei casi particolari, trattati dagli artt. 64 e 65 dello stesso decreto legge. Se un'invenzione viene realizzata da un dipendente, il cui lavoro consiste nell'attività di ricerca finalizzata alla realizzazione dell'invenzione stessa, i diritti di brevetto spettano al datore di lavoro (art. 64 DL 30/2005), il quale ha finanziato e messo a disposizione i mezzi per dar luogo all'invenzione. Vi sono tre ipotesi nell'interpretazione a favore del datore di lavoro: Invenzione d azienda: L'invenzione è stata fatta dal dipendente assunto per inventare: i diritti spettano al datore di lavoro e nulla spetta al dipendente, a prescindere dalla sua retribuzione. Invenzione di servizio: L'invenzione è stata fatta dal dipendente in ambito lavorativo, ma non essendo stato assunto per inventare: i diritti spettano al datore di lavoro, ma al dipendente spetta un premio equo. Invenzione occasionale: L'invenzione è stata fatta al di fuori del rapporto di lavoro (anche al di fuori degli orari di lavoro, ma sempre nel luogo in cui effettua la prestazione lavorativa): il datore può acquisire forzosamente i diritti sull'invenzione, pagandone il valore di mercato o un canone adeguato ad esso. Se è sviluppo o co-engineering con altre società: COTITOLARITA

59 FONTI di INFORMAZIONE DEPOSITARE PRIMA DI DIVULGARE!!!

60 BREVETTI COME FONTE DI INFORMAZIONE/1 La documentazione brevettuale è senz altro la fonte di informazione tecnica più completa Il monitoraggio brevettuale è costoso perché occorrono tempo e competenze specifiche D altronde, non monitorare, specie in settori ad alta competitività, può essere molto più costoso ed estremamente rischioso Strategia vincente: monitoraggio intelligente, mirato, con attenta valutazione dei risultati e con immediati meccanismi di intervento sul business

61 BREVETTI COME FONTE DI INFORMAZIONE/2 Monitoraggio sistematico: Brevetti appena pubblicati per certe classi/competitor Brevetti appena concessi (possibile opposizione) Status domande EP e US selezionate Ricerche mirate (ad-hoc): Ricerche di prior art per verifiche di brevettabilità di nuove soluzioni Clearances per nuove soluzioni in nuovi prodotti Landscaping per nuove aree di R&D (es: Recupero e riutilizzo di energia termica e meccanica) Verifiche di validità di brevetti (es: contenziosi, accordi,...) Ricerche di prior art come fase preliminare di attività R&D

62 che info si possono ottenere technology watch (cioè il monitoraggio dell evoluzione di una data tecnologia) competition watch (cioè il monitoraggio della concorrenza) 1. Le aziende che stavano brevettando (si scoprono in anticipo le mosse dei concorrenti). Si sta brevettando in questo settore? Chi lo fa? Nuovi attori stavano entrando nel mercato oltre quelli già presenti? 2. I principali Stati di estensione: es EU e USA (mercati di riferimento per il prodotto) ma non FAR EAST 3. I campi di applicazione/fruizione del prodotto 4. I trend sulla tecnologia di produzione (forecasting tecnologico) 5. I trend sulle tecnologie di interfaccia 6. Il nome degli inventori (recruitment) 7. Sto violando io i brevetti di qualcuno mentre utilizzo prodotti o processi industriali? FREEDOM OF OPERATION

63 es. forecasting tecnologico Quali sono le dimensioni minime di una stampante? e di un cd player?

64 Il PROBLEMA da risolvere «dare l'informazione giusta alla persona giusta, nel momento giusto per prendere la giusta decisione» Posso usare una certa tecnologia? Posso impedire ad altri di usare una certa tecnologia? decision maker qualsiasi momento decisionale nell attività di ricerca, sviluppo e lancio di un nuovo prodotto quella che da un vantaggio competitivo

65 CLASSIFICAZIONI INTERNAZIONALI IPC International Patent Classification A Fabbisogni umani B Esecuzione di operazioni; Trasporto C Chimica; Metallurgia D Prodotti tessili; Carta E Costruzioni immobili F Ingegneria meccanica; Illuminazione; Riscaldamento; Armi; Esplosivi G Fisica H Energia elettrica Y Aspetti particolari di nuovi sviluppi tecnologici

66 STRATEGIE Strategie di gestione dei brevetti: A) strategie di gestione dell informazione brevettuale B) strategie per l acquisizione dei diritti di esclusiva brevettuale C) strategie di creazione e gestione del portafoglio brevettuale D) strategie di mercato e concorrenziali.

67 strategie di gestione dell informazione brevettuale 1. Funzione informativa sulla concorrenza e i trend 2. Funzione dissuasiva 3. Creazione di immagine 4. Creazioni di un effetto pubblicitario Le PATLIB Oltre la possibilità di effettuare ricerche per proprio conto direttamente sulla rete web è possibile per coloro che necessitano di informazioni in campo brevettuale ricorrere ai servizi forniti dai centri di consultazione brevettuale (PATLIB). Questi centri hanno accesso a tutti le principali banche dati brevettuali e possono fornire servizi di documentazione a costi contenuti. Responsabile: Dott.ssa Liana Nardone Tel.:

68 strategie di creazione e gestione del portafoglio brevettuale I brevetti si fanno per: cederli scambiarli usarli Altrimenti: SEGRETO INDUSTRIALE FARE SEMPRE NDA (accordi di riservatezza con chiunque (collaboratori, dipendenti, formitori, clienti, consulenti, etc) Siete una azienda TECHNOLOGY PUSH o MARKET PULL?

69 strategie di creazione e gestione del portafoglio brevettuale Se brevetto per usarli: all inizio il brevetto è soprattutto un costo quindi bisogna individuare dove quel costo va ammortizzato: 1. Strategia dell acquisizione di immagine e prestigio di azienda «tecnologica» > marketing 2. Strategia difensiva/barriera all ingresso (proteggersi dagli altri difendendo la propria quota di mercato) > produzione 3. Strategia aggressiva (aggredire nuovi segmenti o nuovi mercati che non stiamo presidiando e diamo licenze a chi vi è già operativo) > vendite

70 strategie per l acquisizione dei diritti di esclusiva brevettuale 1. Scegliere il momento giusto (al proof of concept o al prototipo?) 2. Valutare il trade off costi estensioni / benefici di quel mercato: a. l esistenza o no di una tecnologia nel paese che rende le aziende in grado di riprodurre l invenzione b. il costo e la difficoltà di tutelare il brevetto in caso di violazione (es. paesi BRICS) c. la capacità di concorrenti potenziali in un determinato paese di svolgere le attività di esportazione illecite in mercati interessanti 3. Partnership e accordi di sviluppo e commercializzazione (possono essere merce di scambio > cross-licencing)

71 strategie di mercato e concorrenziali Decisione influenzata dal SETTORE MERCEOLOGICO (in pharma si brevetta sempre, in elettronica abbastanza, in meccanica poco) Peso relativo del vantaggio competitivo della tecnologia all interno del mercato/segmento La ricerca brevettuale di anteriorità però: 1. Evita di far spendere soldi in R&S su cose già disponibili 2. Conoscenza di tecnologie utili che non si conoscono e che si possono prendere in licenza 3. Scegliere linee di sviluppo alternative a quelle giù fortemente protette

72 CONTRAFFAZIONI Dalla contraffazione o pirateria, scaturiscono una serie di prodotti illeciti che possono raggrupparsi in due grandi tipologie: le merci contraffatte, cioè quelle merci che recano illecitamente un marchio identico ad un marchio registrato (definite dalla WTO, negli accordi TRIPs, Counterfeit trademark goods ), le merci usurpative ovvero quelle riproduzioni illecite di prodotti coperti da copyright, modelli o disegni ( Pirated copyright goods ).

73 come agire se scopro contraffazioni? I costi delle cause sono proibitivi e in molti paesi (es. Cina) non è nemmeno facile aspettarsi che vadano in giudizio. E l esito delle cause è a volte incerto! (es. Epilady vs. Remington) Tribunali di: AT, FR, UK > nessuna contraffazione BE, DE, IT, NL > accertata la contraffazione

74 Azioni difensive In linea di massima bisogna intervenire in giudizio e far adottare dal tribunale una delle seguenti azioni: lettera di diffida sequestro dei prodotti in violazione inibitoria alla continuazione delle violazioni Se ci si dimostra determinati fin dai primi tempi a far valere i propri diritti di proprietà intellettuale (mostrando quella che in gergo si definisce willingness to enforce), si possono scoraggiare eventuali contraffattori futuri

75 IL SOFTWARE In Europa NON si può brevettare (in USA invece si) e viene protetto mediante il copyright (esiste un pubblico registro del sw) tranne nel caso in cui: produce un effetto tecnico aggiuntivo che va oltre la normale interazione fra programma e computer. Tale effetto tecnico aggiuntivo può consistere ad esempio nel fatto che: - il software controlla un processo industriale (catena del freddo) - il software elabora dati tecnici (e non entità numeriche astratte) (regolazione temperature in un altoforno) - il software controlla un apparato/dispositivo/processo tecnico (un telecomando)

76 IL SOFTWARE pro e contro del CopyRight protezione automatica NON richiede deposito l oggetto protetto è identificato da se stesso (Non bisogna redigere rivendicazioni) l opera protetta deve risultare dallo sforzo creativo e originale dell autore (La creatività consta nel NON aver copiato parti essenziali) NON si è assistiti da alcun titolo di validità del diritto NON richiede pubblicazione. (Si ha protezione senza la necessità di divulgarlo ad altri) NON viene protetta l idea alla base del programma.

77 perché valutare il brevetto? Perchè ci si assume dei rischi che vanno remunerati! Rischi tipicamente connessi alla gestione della proprietà intellettuale e incidenti sul successo dell operazione di sfruttamento Rischio tecnologico (funzionerà?) Rischio di mercato (si venderà?) Rischio di protezione (sarà copiata?) Il vostro concorrente che vi copia può beneficiare di economie di scala, nulli costi di R&D da cui rientrare, accesso più rapido al mercato, materie prime più economiche, vendere a minor prezzo quindi non si assume rischi se non quello della procedura per contraffazione ma se sta in Cina

78 perché valutare il brevetto?

79 ma qual è il valore di quel brevetto?

80 aspetti della valutazione prospettiva Sono acquirente? Sono venditore Sono licenziante? Sono licenziatario? obiettivo Pagamento di una licenza/cessione Quantificazione di un risarcimento danni momento Precedente a cessione/licenza Antecedente al primo deposito Durante la vita del brevetto (in che fase?)

81 che domande ci dobbiamo fare? 1. Il diritto di proprietà è valido? Ci sono giudizi pendenti a riguardo? 2. E scritto in maniera che potrò eventualmente difendermi in giudizio? 3. Sono necessari investimenti in R&S aggiuntivi per lo sfruttamento del brevetto? Avrò il supporto del licenziante in caso di necessità di ulteriore R&S (es. farmaco)? Avrò assistenza tecnica? 4. Qual è il time to market? Quanti anni sono necessari per il lancio sul mercato del prodotto che incorpora questo diritto di proprietà? 5. In quali ambiti tecnologici (field) è utilizzabile questo diritto di proprietà? 6. In quanti prodotti è possibile incorporare questo diritto di proprietà e in quanti settori? 7. Qual è la dimensione del mercato per i prodotti che incorporano il diritto di proprietà? 8. Qual è la natura della transazione: acquisto o licensing? 9. Qual è la durata della licenza? 10. Qual è la vita utile del brevetto (tecnologicamente parlando)? Tra quanto sarà sorpassato da una tecnologia nuova? Obsolescenza? 11. Qual è la struttura del pagamento (royalty+lump sum, solo royalty, solo fisso? Sarà incrementale? Decrementale? Milestone di performance? In Equity?) 12. Il diritto di proprietà è già stato concesso in licenza? A quale tasso di royalty? 13. La licenza sarà esclusiva? Saranno previste delle limitazioni geografiche? 14. Posso brevettare dei miglioramenti? Posso darla in sublicenza? 15. Come posso monitorare il mio licenziatario? 16. Chi si deve attivare contro la contraffazione? Il titolare o il licenziatario? 17. Si può fare reverse engineering? Quanto è facile «smontare» il prodotto? 18. Quanto know-how ulteriore è necessario per implementare quella soluzione/produrre il prodotto?

82 OBIETTIVO 1. L importante è individuare un RANGE di contrattazione tra minimo e massimo acquirente venditore

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI Introduzione alla Proprietà Intellettuale Proprietà Industriale: Marchi & Brevetti 1 Ing. Lino Fanella Outline Beni Immateriali / Asset Intangibili Proprietà Intellettuale

Dettagli

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 11 giugno 2014 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione FACOLTÀ DI INGEGNERIA II 31 maggio 2011 La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione Relatore: Ing. Giuseppe Quinterno Jacobacci & Partners S.p.A. 1 Proprietà Intellettuale e Industriale

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

La proprietà intellettuale e i brevetti

La proprietà intellettuale e i brevetti TECHNOLOGY TRANSFER E sempre più necessario per chi opera nel mondo della ricerca scientifica padroneggiare le nozioni di base che definiscono opportunità e strumenti relativi ad una corretta gestione

Dettagli

A chi spetta il diritto al brevetto?

A chi spetta il diritto al brevetto? LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE PRESSO LE UNIVERSITÀ E GLI EPR -CPI ART. 65 - REGOLAMENTO D ATENEO Perugia, 29 giugno 2015 ufficio.ilo@unipg.it A chi spetta il diritto al brevetto? Inventore Datore di lavoro

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 Lucia Baldi Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 ARACNE Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

innovazione La tutela della proprietà industriale Le novità legislative in un convegno alla Camera di commercio il 10 novembre Cinzia Barbieri

innovazione La tutela della proprietà industriale Le novità legislative in un convegno alla Camera di commercio il 10 novembre Cinzia Barbieri 24 innovazione La tutela della proprietà industriale Cinzia Barbieri Le novità legislative in un convegno alla Camera di commercio il 10 novembre innovazione 25 La concorrenza sempre più agguerrita e aggressiva

Dettagli

Principi base sulla brevettazione. Cesare Bosman

Principi base sulla brevettazione. Cesare Bosman PROFESSIONE BIOLOGO Martedì 11 giugno 2012 Principi base sulla brevettazione Cesare Bosman bosman@studiotorta.it STUDIO TORTA 1 19 marzo 1474 nella Repubblica di Venezia: Statuto dei Brevetti Abbiamo fra

Dettagli

STUDIO TORTA Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare

STUDIO TORTA Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare Ing. Corrado Modugno Studio Torta S.r.l. Il patrimonio intangibile di una azienda Contratti Accordi Know How Brevetti Design Marchi Tipologia di brevetti

Dettagli

L evoluzione del mercato. Normative, diritti e procedure in tema di proprietà intellettuale.

L evoluzione del mercato. Normative, diritti e procedure in tema di proprietà intellettuale. L evoluzione del mercato. Normative, diritti e procedure in tema di proprietà intellettuale. Fabio Ballini - DINAEL I principali atti normativi nazionali e internazionali in materia di protezione di disegni

Dettagli

Principi e procedure di brevettazione in Italia e all estero

Principi e procedure di brevettazione in Italia e all estero ROMA, 9 ottobre 2015 Principi e procedure di brevettazione in Italia e all estero STUDIO TORTA Proprietà Industriale: gli strumenti base Strumenti di tutela Brevetto d invenzione Modello d utilità Disegni

Dettagli

Orientarsi nel sistema brevettuale come e perché difendere un idea

Orientarsi nel sistema brevettuale come e perché difendere un idea Napoli, 18 gennaio 2012 Università degli studi di Napoli Parthenope Orientarsi nel sistema brevettuale come e perché difendere un idea Cos è un brevetto? (1) Il brevetto è un titolo di proprietà industriale,

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Il deposito di un brevetto

Il deposito di un brevetto Il deposito di un brevetto Avete sviluppato un idea e vi state chiedendo quale sia la strategia migliore per proteggerla da possibili attacchi da parte di un concorrente? La legislazione in materia di

Dettagli

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale:

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: dalla ricerca universitaria al sistema produttivo Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Ancona 14 novembre 2006 Alcuni concetti (luoghi comuni)

Dettagli

BREVETTI E MARCHI BREVETTO

BREVETTI E MARCHI BREVETTO BREVETTI E MARCHI BREVETTO La politica tecnologica ed industriale stimola l innovazione tecnologica, senza la quale non si può avere crescita economica durevole, crescita di industrie altamente qualificate

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI Preparate da : ing. Mario Gallo e-mail : mario.gallo_mg@libero.it 1 Che cos è un brevetto 2 Tipologie di brevetti 3 Come si ottiene un brevetto

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI UN BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE CHE COS E UN BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE Il brevetto è un titolo in forza

Dettagli

I BREVETTI PER LA PROTEZIONE DELL INNOVAZIONE

I BREVETTI PER LA PROTEZIONE DELL INNOVAZIONE I BREVETTI PER LA PROTEZIONE DELL INNOVAZIONE Innovazione tecnologica e fattori abilitanti - FDIR 416 Informazioni e Servizi 30 Ottobre 2008 Giacomo Tosoni Gradenigo Confindustria Veneto Siav spa Tutelare

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO D IMPRESA CHE COS E UN MARCHIO D IMPRESA Il marchio d impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale

Innovazione e Proprietà Industriale Innovazione e Proprietà Industriale Lecco, 7 maggio 2013 Dott. Enrico Zanoli Studio Zanoli & Giavarini enrico.zanoli@ipeuro.com 1 Sommario La Proprietà Industriale Titoli brevettuali Brevettabilità e libertà

Dettagli

Allegato alla Circolare 5/2010 Studio Ghidini, Girino e Associati

Allegato alla Circolare 5/2010 Studio Ghidini, Girino e Associati Codice della Proprietà Industriale: testo coordinato con le modifiche apportate dal d.lgs. 13 agosto 2010 n. 131, recante Modifiche al decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, recante il codice della

Dettagli

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Il risultato della Ricerca e la sua Brevettabilità Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Monza, 29 Febbraio 2012 Giuseppe Romano Il percorso di un idea Il settore: medicina/diagnostica/chirurgia

Dettagli

La gestione strategica degli asset immateriali: brevetti, marchi, design

La gestione strategica degli asset immateriali: brevetti, marchi, design Ufficio di Roma: Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 Tel 06 47825222 0647824170 Email: roma@bugnion.it www.bugnion.it Ing. Paolo Bellomia E-mail: bellomia@bugnion.it Avv. Angela Di Blasio E-mail: diblasio@bugnion.it

Dettagli

INVENZIONI e BREVETTI Introduzione per futuri ingegneri

INVENZIONI e BREVETTI Introduzione per futuri ingegneri INVENZIONI e BREVETTI Introduzione per futuri ingegneri Università degli Studi di Bologna Sede di Forlì Seconda Facoltà di Ingegneria Corso di Disegno Tecnico Industriale Docente Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

Le creazioni intellettuali

Le creazioni intellettuali Le creazioni intellettuali (a) Opere dell ingegno (campo culturale) (b) (campo della tecnica) Invenzioni industriali diritto d autore (art. 2575 ss. c.c.; l. 633/1941 c.d. legge autori) brevetto (art.

Dettagli

Art. 81-bis. (Rinvio)

Art. 81-bis. (Rinvio) DECRETO LEGISLATIVO 10 febbraio 2005, n. 30 Codice della proprieta' industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273. Sezione IV-BIS Invenzioni biotecnologiche Art. 81-bis (Rinvio)

Dettagli

Breve guida sulla proprietà industriale. Il marchio di impresa

Breve guida sulla proprietà industriale. Il marchio di impresa Breve guida sulla proprietà industriale Il marchio di impresa IL MARCHIO DI IMPRESA Indice degli argomenti 1 Definizioni generali 1.1 Cosa si intende per prodotti o servizi? 1.2 In quali territori è possibile

Dettagli

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Ascoli Piceno, 4 giugno 2013 Dott. Filippo Re Collaboratore Unioncamere Marche nel Progetto per la valorizzazione e la tutela dei titoli di

Dettagli

La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico. www.apre.it

La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico. www.apre.it La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico www.apre.it APRE 2013 L IPR in Horizon 2020 RESULTS (artt. 38-41) RISULTATI PROPRIETA : chi genera i risultati

Dettagli

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN BUONMARCHIO PRATO, 21.03.2014 Ing. Mari & C. Srl - Corso Garibaldi, 14 55100 LUCCA www.mari.it - info@mari.it lucca@mari.it MARCHIO: DEFINIZIONE SEGNO

Dettagli

Legge 22 febbraio 2006, n. 78

Legge 22 febbraio 2006, n. 78 Legge 22 febbraio 2006, n. 78 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 3, recante attuazione della direttiva 98/44/CE in materia di protezione giuridica delle invenzioni

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

Brevetti: per saperne di più

Brevetti: per saperne di più Brevetti: per saperne di più 1. L'importanza dei brevetti Un brevetto è un titolo legale che conferisce al suo titolare il diritto esclusivo di far uso di un'invenzione in un'area limitata ed durante un

Dettagli

Modalità e limiti nella protezione del Software

Modalità e limiti nella protezione del Software Modalità e limiti nella protezione del Software Università degli Studi di Verona 14 Maggio, 2012 Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano Ing. Valentina Bovo Argomenti 1. Perché proteggere il software?

Dettagli

CHE PREVEDE LA RICERCA DI ANTERIORITA

CHE PREVEDE LA RICERCA DI ANTERIORITA Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI I BREVETTI BIOTECNOLOGICI ELEMENTO

Dettagli

Incentivi e agevolazioni fiscali a sostegno dell'innovazione in azienda

Incentivi e agevolazioni fiscali a sostegno dell'innovazione in azienda 1 Incentivi e agevolazioni fiscali a sostegno dell'innovazione in azienda L innovazione in azienda 3 L impresa si trova inserita in un contesto dinamico, dove diversi elementi interagiscono tra loro PRODOTTI/PROGETTI

Dettagli

Indice. Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI. Matteo Dragoni. Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale

Indice. Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI. Matteo Dragoni. Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale Indice Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI Matteo Dragoni Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale 1. Cos è un brevetto per invenzione 15 2. Vantaggi e svantaggi della brevettazione

Dettagli

Brevetti+ Confindustria Pesaro, lunedì 23 novembre 2015

Brevetti+ Confindustria Pesaro, lunedì 23 novembre 2015 Brevetti+ Confindustria Pesaro, lunedì 23 novembre 2015 Brevetti + Linee di intervento Il MiSE ha affidato all'agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. - INVITALIA,

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Ottobre 2011

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Ottobre 2011 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Brevetti + Ottobre 2011 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Le nuove traiettorie di sviluppo dell Unione Europea, così come previsto

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Settembre 2012

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Settembre 2012 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Brevetti + Settembre 2012 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Le nuove traiettorie di sviluppo dell Unione Europea indicano tra

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Patent Box Aspetti IP

Patent Box Aspetti IP Patent Box Aspetti IP Che cosa è l IP per UK Patent Box Con proprietà intellettuale si indica l'apparato di principi giuridici che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani; sulla

Dettagli

Il Salone della Proprietà Industriale

Il Salone della Proprietà Industriale Il Salone della Proprietà Industriale Roberto Dini - Presidente, LES Italia Parma, 24 settembre 2012 Roberto Dini Consulente in Proprietà Industriale in Italia Mandatario Abilitato presso l Ufficio Europeo

Dettagli

Lo studente consapevole io sono un tipo originale

Lo studente consapevole io sono un tipo originale Ministero Dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Lo studente consapevole io sono un tipo originale COM-PA Milano XVI edizione 3-5

Dettagli

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano.

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Marta Manfrin Consulente brevettuale, Società Italiana Brevetti

Dettagli

Lezione II: i brevetti per invenzione e le esclusioni dalla brevettabilità

Lezione II: i brevetti per invenzione e le esclusioni dalla brevettabilità PROGETTO GEN HORT Lezione II: i brevetti per invenzione e le esclusioni dalla brevettabilità Stefano Borrini Società Italiana Brevetti La consulenza precedente al deposito In una università tre ricercatori

Dettagli

Ing. Alessandro Galassi

Ing. Alessandro Galassi Ing. Alessandro Galassi PGA S.r.l. Via Mascheroni, 31-20145 Milano (Italy) Tel: 02.91470892 / Fax: 02.91470900 milano@pga-ip.com 1) Valutazioni preliminari 2) Scelta dei territori di interesse 3) Scelta

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXIII TITOLO VIII DELL AZIENDA Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2555. Nozione... 1 1. La nozione di azienda

Dettagli

LEXIS-NEXIS PATENTS SEARCH FORM

LEXIS-NEXIS PATENTS SEARCH FORM 1 LEXIS-NEXIS PATENTS SEARCH FORM Si accede al modulo Patents dal menù dall area di ricerca US Legal. Indicazioni generali sui brevetti e nomenclatura Il brevetto è un titolo giuridico rilasciato dall

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA Cosa si intende per proprietà intellettuale? Come avviene per i beni materiali, anche le creazioni intellettuali possono essere oggetto di proprietà.

Dettagli

La circolazione della tecnologia

La circolazione della tecnologia La circolazione della tecnologia Brevetti, Modelli e Know-How Torino, 26 marzo 2008 Avv. Fabrizio Jacobacci Il Brevetto Lo scopo del sistema brevettuale è favorire l innovazione, dunque: Remunerare l inventore

Dettagli

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Fashion Law: valore della proprietà intellettuale nel settore della moda e del tessile Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Avv. Maria Grazia

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY PROGETTO TARGET: START UP E PROPRIETÀ INTELLETTUALE TORINO, 14 MAGGIO 2014 La tutela della proprietà intellettuale

Dettagli

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Powered by Control editing dott. Mario Passaretta Powered by Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili,

Dettagli

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi 1 1. STRATEGIE DI CREAZIONE DI UN PORTAFOGLIO MARCHI Il marchio

Dettagli

DIRITTO INDUSTRIALE BREVETTI. Ing. Paolo Piovesana

DIRITTO INDUSTRIALE BREVETTI. Ing. Paolo Piovesana DIRITTO INDUSTRIALE BREVETTI 1 LIBERO MERCATO CONCORRENZA Sul prezzo Non sul prezzo Sulla qualità Sull organizzazione dell azienda Sulla politica commerciale Sull innovazione tecnologica 2 L innovazione

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 9/12/2015 Privative e concorrenza Con il termine Proprietà industriale si intende una serie di istituti che, pur nella loro diversità, sono accomunati dalla circostanza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30) REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30) Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 Art. 2 - COMMISSIONE BREVETTI 2 Titolo II - INVENZIONI REALIZZATE

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

Avv. Rossella Masetti

Avv. Rossella Masetti Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2965 Fax: 059 29232 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it Gli intangibles: inquadramento giuridico,

Dettagli

www.lamacchiacentofantiavvocati.com

www.lamacchiacentofantiavvocati.com SIAMO BRAVI, MA NON TROPPO: MARCHI E BREVETTI, QUELLA MARCIA IN PIU Perché fare una riflessione sul diritto industriale Stato dell arte e mezzi di tutela Marchi e brevetti: strumenti giuridici di grande

Dettagli

I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO

I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO Ing. Roberto Ghezzi - consulente in Proprietà Industriale Brevetti Modelli - Marchi Alba,

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Il Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Il Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi VERSIONE INTEGRALE AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LA

Dettagli

Strumenti a supporto dell innovazione di processo o di prodotto. Elisa Toniolo

Strumenti a supporto dell innovazione di processo o di prodotto. Elisa Toniolo Strumenti a supporto dell innovazione di processo o di prodotto Elisa Toniolo CHI SIAMO t 2 i trasferimento tecnologico e innovazione è la società consortile per l innovazione, promossa dalle Camere di

Dettagli

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Avv. Francesco Celluprica Barzanò & Zanardo Studio Legale Associato Istituto di Commercio Estero 3-5 febbraio 2015 Poli tecnologici 2015 Barzanò & Zanardo

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A, Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa gazzetta ufficiale n. L 040 del 11/02/1989 pag. 0001-0007

Dettagli

Valorizzazione economica dei risultati della proprietà industriale

Valorizzazione economica dei risultati della proprietà industriale Valorizzazione economica dei risultati della proprietà industriale Mutuo disegni e Modelli Mutuo brevetti UniCredit spa Soft Loans, Contributions And Subsidies Agenda Fondo Nazionale per l Innovazione

Dettagli

LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN

LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN Fabio D Angelo Consulente in Proprietà Industriale Mandatario abilitato Italiano, Europeo e Comunitario per

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA di REGISTRAZIONE PER MARCHIO di IMPRESA DOVE PRESENTARE LA DOMANDA Chi intende

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

Requisiti e forme di protezione. Dott.ssa Angela Buscema Servizio Valorizzazione della Ricerca Politecnico di Milano

Requisiti e forme di protezione. Dott.ssa Angela Buscema Servizio Valorizzazione della Ricerca Politecnico di Milano Fondamenti di protezione della Proprietà Intellettuale: Requisiti e forme di protezione Dott.ssa Angela Buscema Servizio Valorizzazione della Ricerca Politecnico di Milano PROPRIETA INTELLETTUALE L attività

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI (D.Lgs. 10 Febbraio 2005, n 30 pubblicato

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE. Studio Karaghiosoff e Frizzi srl

LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE. Studio Karaghiosoff e Frizzi srl LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE Cos è un brevetto: È un testo legale che descrive un invenzione e che deve essere depositato e protocollato da un ufficio nazionale, per l

Dettagli

Introduzione al brevetto II parte

Introduzione al brevetto II parte Introduzione al brevetto II parte L attività inventiva Gli altri requisiti di brevettabilità Le formule generali La contraffazione L esenzione per uso sperimentale Le invenzioni dei dipendenti delle Università

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.07.2005 COM(2005) 312 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Sviluppi e implicazioni del diritto dei brevetti nel settore

Dettagli

i brevetti fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per la costruzione di valore

i brevetti fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per la costruzione di valore I percorsi per la costruzione di valore i brevetti fanno crescere il valore della tua impresa La tutela di brevetti, modelli, design nelle imprese, passo per passo, come percorso per la costruzione di

Dettagli

Nella legge italiana (Legge sui Brevetti Italiana, LBI, R.D. 29 giugno 1939, n. 1127 e successive modificazioni) i requisiti sono quattro:

Nella legge italiana (Legge sui Brevetti Italiana, LBI, R.D. 29 giugno 1939, n. 1127 e successive modificazioni) i requisiti sono quattro: Lezione 5: il brevetto Definizione di quali beni sono interessati dalla tutela brevettuale: prodotti, processi, nuovi materiali, nuovi progetti (C, p. 373). Nella legge italiana si fa riferimento a invenzioni,

Dettagli

La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari

La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari Relais San Maurizio Santo Stefano Belbo (Cn) Relatore: Paolo G. Rambelli 18 giugno 2015 Il Finanziamento

Dettagli

ABBANDONO (DEL BREVETTO)

ABBANDONO (DEL BREVETTO) A ABBANDONO (DEL BREVETTO) Possibilità per il titolare di un brevetto di lasciare che il titolo decada come conseguenza del mancato pagamento delle tasse di rinnovo. APPLICAZIONE INDUSTRIALE Requisito

Dettagli

Innovare per competere profili legali e strategie di gestione

Innovare per competere profili legali e strategie di gestione STRUMENTI PER LA COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE. TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA' INTELLETTUALE Innovare per competere profili legali e strategie di gestione PALERMO, 8 NOVEMBRE 2014 2014 Alberto

Dettagli

LA DISCIPLINA DELLE INVENZIONI A LIVELLO NAZIONALE. Ferrara, 21 ottobre 2015

LA DISCIPLINA DELLE INVENZIONI A LIVELLO NAZIONALE. Ferrara, 21 ottobre 2015 LA DISCIPLINA DELLE INVENZIONI A LIVELLO NAZIONALE Ferrara, 21 ottobre 2015 DEFINIZIONE INVENZIONE Soluzione nuova e innovativa in risposta a un problema tecnico. Può fare riferimento alla creazione di

Dettagli

TUTELA DEL SOFTWARE. C.C.I.A.A. Verona, 16 Marzo, 2011. Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano - Torino

TUTELA DEL SOFTWARE. C.C.I.A.A. Verona, 16 Marzo, 2011. Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano - Torino TUTELA DEL SOFTWARE Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano - Torino Ing. C.Silvano Reniero Ing. Valentina Bovo www.renieroassociati.it e-mail: info@renieroassoiati.it Tel. 045-8014033 Argomenti

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Ottobre 2011

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Ottobre 2011 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Brevetti + Ottobre 2011 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Le nuove traiettorie di sviluppo dell Unione Europea indicano tra gli

Dettagli

Registrazione I soggetti del diritto d autore

Registrazione I soggetti del diritto d autore Cosa sono i beni informatici? I beni informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 2-4 maggio 2004 Claudia Cevenini Beni in senso giuridico = cose che possono formare oggetto di diritti (art. 810

Dettagli

PATENT FOR BEGINNERS. A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS

PATENT FOR BEGINNERS. A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS PATENT FOR BEGINNERS A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS INDICE 1 Che cosa è un Brevetto? 2 Cosa Garantisce un Brevetto d Invenzione? 3 Brevetto o Segreto Aziendale? 4 L imprenditore ha 2 alternative

Dettagli