Gli strumenti di protezione. come asset per il business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti di protezione. come asset per il business"

Transcript

1 Gli strumenti di protezione della proprietà intellettuale come asset per il business Giovanni Cristiano Piani Industrial Liaison Office Università degli Studi di Trieste

2 AGENDA Che cos è la proprietà intellettuale Come si tutela e in che forme (brevetto, copyright, design ) A cosa serve e perché decidere di proteggerla Come si gestisce (estensioni, mantenimenti, etc) Strategie di valorizzazione Problematiche di gestione (valutazione, litigation, infringement, etc ) Focus su: Copyright, marchi, design Q&A

3 CONOSCIAMOCI - ILO Io sono: L INDUSTRIAL LIAISON OFFICE è: Giovanni Cristiano Piani Laurea in Scienze Politiche PhD in Economia Responsabile Ufficio ILO Università degli studi di Trieste Attività con le imprese Tutela proprietà intellettuale disclosures, brevetti, valorizzazione, valutazione preliminare, desk analysis, convalide, deposito e prosecuzione contatti, comunicazione, conto terzi e ricerca collaborativa, fund raising Creazione d impresa Start Cup/PNI, Start up dell anno, Spin off e

4 CONOSCIAMOCI - UNITS 10 dipartimenti Clinico di Scienze mediche, chirurgiche e della salute Fisica Ingegneria e Architettura Matematica e Geoscienze Scienze Chimiche e Farmaceutiche Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell'interpretazione e della Traduzione Scienze Politiche e Sociali Scienze della Vita Studi Umanistici 8 centri di ricerca Centro Interdipartimentale Mente e Linguaggio, Centro Interdipartimentale di Gestione e Recupero Ambientale CIGRA, Centro Interdipartimentale di Medicina Molecolare CIMM, Centro Interdipartimentale di Ricerca sui Sistemi, Tecnologie e Servizi RISTES, Centro Interdipartimentale di Studi Europei e Mediterranei CISEM, Centro Interdipartimentale per la Ricerca Didattica CIRD, Centro Interdipartimentale per le Neuroscienze BRAIN, Centro Interdipartimentale per le Scienze Computazionali 3 centri di eccellenza Biocristallografia - CEB, TeleGeomatica - GeoNetLab, Preparazione, sviluppo e caratterizzazione di materiali e superfici nanostrutturate - CENMAT 22 centri di ricerca interuniversitari Centro interuniversitario Ricerca su azionamenti per trazione, Centro interuniversitario Aerodinamica delle costruzioni ed Ingegneria del vento, Centro interuniversitario per la Gestione dei Sistemi Energetici CUGESE (altri su: )

5 perché UNITS si occupa di PI/1 Europa ~0-2% di crescita annua USA ~4% di crescita annua BRICS ~6-10% di crescita annua Per immaginare scenari di economica per le avanzate economie occidentali e produrre nuovi scenari di competitività internazionale Operare sulla distintività e sull innovazione: produzione preponderante su (e cioè di un ambiente organizzato per far diventare l innovazione un metodo sistemico di produzione) la necessità della della conoscenza sembra un compromesso ineludibile per garantire che ci sia qualcuno che se ne fa carico (Antonelli, 2003)

6 perché UNITS si occupa di PI/2 Quindi l Università, maggiore produttore di CONOSCENZA deve utilizzare gli strumenti a disposizione per poterla trasferire (tra cui il brevetto) perché: COS E L INNOVAZIONE (un incremento di conoscenze dovuto alla comprensione di correlazioni tra eventi) che generano nuova (insieme di capacità di operare) che produce nuove (una nuova idea concepita utilizzando delle conoscenze) che possono diventare (diffusione e utilizzo delle conoscenze o delle invenzioni per migliorare il sistema di vita) CHI LA FA Il driver che finalizza l ultimo tratto del percorso sopra descritto è l, che svolgendo una funzione di interfaccia tra i produttori di conoscenza e il mercato, trasforma l invenzione in innovazione proprio perché il suo successo è legato alla diffusione del prodotto. L impresa si assume il mentre gli altri attori, prevalentemente pubblici e specializzati nelle fasi a monte del processo, si assumono il e l incertezza del risultato tecnologico.

7 Cos è la PROPRIETA INTELLETTUALE Con proprietà intellettuale si indica l'apparato di principi giuridici che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani; sulla base di questi principi, la legge attribuisce a creatori e inventori un vero e proprio monopolio nello sfruttamento delle loro creazioni/invenzioni e pone nelle loro mani alcuni strumenti legali per tutelarsi da eventuali abusi da parte di soggetti non autorizzati. Tradizionalmente, la dicitura "proprietà intellettuale" indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali che hanno una sempre maggiore rilevanza economica: ci si riferisce cioè ai frutti dell'attività creativa/inventiva umana come ad esempio le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design, i marchi. Quindi, al concetto di proprietà intellettuale fanno capo le tre grandi aree del diritto d'autore, del diritto dei brevetti e del diritto dei marchi. In questo workshop parleremo principalmente di BREVETTI.

8 Come si suddivide la PI

9 Quali sono le PRIVATIVE INDUSTRIALI Brevetto per Invenzione: protegge le invenzioni nuove ed originali riguardanti un prodotto od un procedimento atto ad essere applicata in campo industriale (durata 20 anni più eventualmente CPC Certificato di protezione complementare). Modello di utilità: protegge i nuovi modelli atti a conferire a macchine o parti di esse, a strumenti od oggetti di uso in genere, particolare efficacia o comodità d uso o d impiego (durata 10 anni). Modello ornamentale: protegge i nuovi disegni o i modelli che conferiscono ai prodotti industriali un carattere individuale, grazie ad una particolare forma od a particolari combinazioni di linee, colori od altri elementi (durata 25 anni, rinnovabile ogni 5). Topografia di un circuito a semiconduttori: protegge una serie di disegni correlati, rappresentanti lo schema tridimensionale di cui si compone un circuito a semiconduttori (durata 10 anni). Nuova varietà vegetale: varietà vegetale nuova, omogenea, stabile e diversa da altre già esistenti (durata 15 anni; 30 anni nel caso di piante a fusto legnoso). Marchio: nuova parola, figura o segno atto a distinguere prodotti o merci, al fine di identificarli, individuando l'azienda produttrice (durata 10 anni rinnovabile). Diritto d autore: tutela le opere dell ingegno di carattere creativo, compresi i programmi per elaboratore. (durata 70 anni dopo la morte dell autore).

10 POSSONO LAVORARE IN SINERGIA Di un telefono si può proteggere: Il marchio Il manuale di istruzioni Il design Il modello di utilità Il brevetto per invenzione CURIOSITA A luglio 2011 è scaduto il brevetto della SIM

11 Quali sono i DIRITTI (inventore/titolare) I diritti che nascono dal deposito di un brevetto sono di 2 tipi: MORALI: è il diritto a venire riconosciuto come inventone e non è alienabile (INVENTORE) MATERIALI/PATRIMONIALI: diritto trasmissibile allo sfruttamento economico (TITOLARE)

12 perché la PI viene tutelata? Titolo/Privativa da parte di uno Stato (Valenza Legale Effetto Territoriale e temporale) cioè un Contratto tra il proprietario del brevetto e lo Stato Termini del Contratto: Divulgazione (Public Disclosure) dell invenzione che altrimenti potrebbe rimanere sotto segretezza (contributo all innovazione) vs. Diritto di escludere terzi dall attuare l invenzione per un periodo limitato (definito) di tempo (20 anni) Inventore Stato 1. Protezione per circa 20 anni 2. Diritto di escludere gli altri dal produrre, usare, vendere e importare l invenzione Per rientrare dagli investimenti in R&D Per rafforzare la quota di mercato e la competitività 1. Pubblicazione dell invenzione Per diffondere nuova conoscenza tecnica Evitare duplicazione di R&D Per spingere l innovazione

13 COS E UN BREVETTO Il brevetto per invenzione è un titolo giuridico in forza al quale al titolare viene conferito un diritto esclusivo temporaneo di sfruttamento dell'invenzione in un territorio e per un periodo ben determinato, e consente di impedire ad altri di produrre, vendere o utilizzare la propria invenzione senza autorizzazione. Anche se nella maggior parte dei casi, il titolare di un brevetto ottiene anche il monopolio del relativo mercato, questo non avviene sempre: il titolare di un brevetto potrebbe infatti trovarsi comunque nell'impossibilità di vendere il prodotto che incorpora l'invenzione brevettata, per esempio a causa di brevetti precedenti di proprietà di terzi (brevetti dipendenti). Per invenzione si intende una soluzione nuova ed originale ad un certo problema tecnico. Essa può riguardare un prodotto o un processo (metodo, procedimento). In alcuni paesi, compresa l'italia, esiste anche un'altra forma di brevetto, detta brevetto per modello di utilità, per proteggere i nuovi modelli consistenti ad esempio in particolari conformazioni o combinazioni di parti più comode o efficaci rispetto a quanto già noto.

14 ESEMPIO BREVETTO ITALIANO

15 I RIFERIMENTI NORMATIVI IN ITALIA Codice della proprietà industriale (Decreto Legislativo n. 30 del 2005): testo unico che raccoglie tutte le norme attinenti al campo dei brevetti e dei marchi. Resta fuori da questa opera di codificazione la normativa sul diritto d'autore, il cui riferimento è ancora la legge n. 633 del 1941, con le successive e numerose modifiche.

16 il PCT/1 Il Trattato di cooperazione in materia di brevetti, Patent Cooperation Treaty (PCT), firmato a Washington nel 1970, è un trattato internazionale multilaterale gestito dall Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI), con sede a Ginevra, per il deposito unificato di domande di brevetto valide in uno o più degli Stati aderenti al Trattato (144 membri al 1 settembre 2011). Le domande di brevetto così depositate vengono sottoposte ad una ricerca di novità ed opzionalmente ad un esame preliminare di brevettabilità da parte di Autorità Internazionali specificamente designate. Per ottenere brevetti definitivi occorre proseguire le procedure di brevettazione di fronte ai vari Uffici brevetti nazionali, o Uffici brevetti regionali, cioè Uffici che rilasciano brevetti validi per un gruppo di Stati, come ad esempio l'ufficio Europeo dei Brevetti). Non è infatti previsto il rilascio di un "brevetto internazionale" o titoli equivalenti. Il deposito di una domanda internazionale consente quindi di effettuare più rapidamente un deposito di domanda di brevetto con estensione potenziale in molti Stati e di rimandare per molti mesi l'adempimento di formalità lunghe e costose negli Stati di effettivo interesse, ottenendo nel frattempo un rapporto di ricerca con un'opinione relativa alla brevettabilità dell'invenzione da parte di un'autorità internazionale.

17 il PCT/2 Il processo di deposito si sviluppa in due fasi: prima fase, regolata dal Capitolo I del PCT: presentazione della domanda internazionale unica, valida per gli Stati designati, e successiva effettuazione di una ricerca di novità da parte di un'autorità di Ricerca Internazionale (per i richiedenti italiani la ricerca internazionale viene svolta dall'ufficio Europeo dei Brevetti, EPO); seconda fase, opzionale, regolata dal Capitolo II del PCT: esame preliminare internazionale di brevettabilità per gli Stati eletti, al termine del quale viene fornito al richiedente da parte di un'autorità di Esame Preliminare (per i richiedenti italiani, sempre l'ufficio Europeo dei Brevetti) un parere preliminare di brevettabilità, non vincolante per gli Uffici brevetti nazionali o regionali. Rispetto al deposito di domande di brevetto distinte per ciascuno Stato di interesse, il PCT offre varie semplificazioni: la domanda di brevetto viene depositata in un Ufficio solo; la lingua di deposito è una sola; il deposito e l'eventuale successivo esame di brevettabilità possono essere seguiti direttamente dal richiedente o da un solo suo rappresentante; è sufficiente una sola copia autentica dell'eventuale documento di priorità. Inoltre, durante tutta la durata della fase internazionale è sospeso il pagamento delle tasse annuali di rinnovo previste da molti Stati. E' esclusa dal PCT la tutela del disegno o modello industriale (modello ornamentale), quella del marchio commerciale e la tutela della varieta' vegetale che ricadono sotto altri trattati o Convenzioni

18 PCT/3

19 ESEMPIO PCT

20 IL BREVETTO EUROPEO UNITARIO l brevetto unitario è un nuovo titolo di proprietà intellettuale che consentirà di ottenere tramite un unica procedura (e pagando un unica tassa) un brevetto valido in 25 paesi europei, cioè tutti i paesi membri dell Unione Europea tranne l Italia e la Spagna, che hanno scelto di non aderire al brevetto unitario ma che mantengono il diritto di entrare a farne parte in qualsiasi momento. non richiederà alcuna convalida né traduzione nelle lingue nazionali

21 SIGLE Legenda PN (Patent Number): numero del brevetto AN (Application Number): numero della domanda di brevetto PR (Priority): numero di priorità DS (Designated States): stati designati MC (Main Class): classe principale ET (English Title): titolo inglese FT (French Title): titolo francese GT (German Title): titolo tedesco PA (Applicant): nome del richiedente IN (Inventor): nome dell'inventore ND: ha interesse interno, essendo il numero del disco in cui reperire il testo completo della domanda AB (Abstract): riassunto in inglese. NB: per i riassunti delle domande internazionali è disponibile, oltre al campo AB, anche un campo AF (French Abstract), ovvero il riassunto in francese.

22 LE FAMIGLIE DI BREVETTI

23 I rapporti di ricerca

24 conoscenza come fattore di produzione Tre possibili strade con cui le aziende possono ottenere gli ingredienti principali per produrre innovazione (Love & Roper, 1999): (lento, rischioso, costoso ma interno) (veloce e più sicuro ma esterno) (poco costoso ma difficile da internalizzare e con maggior competizione)

25 Cos è il TT Per TRASFERIMENTO TECNOLOGICO si intende quel percorso/processo che consente di trasferire da un soggetto (cedente) ad un altro soggetto economico (ricevente) un complesso costituito da beni strumentali impiegati nella produzione e scambio di beni e servizi e da know-how (conoscenze e competenze necessarie per la loro utilizzazione) (Petroni, 2010)

26 INNOVAZIONE VECCHIO MODELLO SHELF Confine aziendale SHELF SHELF ricerca Sviluppo

27 INNOVAZIONE NUOVO MODELLO altri settori industriali Percorso esterno all innovazione altri settori industriali ricerca Sviluppo

28 Dove sta l innovazione già pronta? LA WIPO HA STIMATO CHE OGNI ANNO VIENE SPRECATO IL 30% DEL BUDGET R&S IN RICERCHE/INVENZIONI GIA BREVETTATE PERCHE il 99% delle invenzioni usa principi risolutivi già noti E solo l 1% utilizza soluzioni pionieristiche Probabilmente l innovazione che serve esiste già bisogna cercarla e farsela trasferire Ovviamente è molto più facile fare trasferimento con Ente pubblico che non con un altro operatore sul mercato E se l innovazione non esiste e bisogna crearla, l ente pubblico è un ottimo partner perché non ha interessi commerciali sui risultati (quindi non ha interesse ad appropriarsene) e dispone delle competenze necessarie

29 come collaborare con UNITS Commissionare ricerca (cd. Conto terzi) Acquisire licenze/cessioni di brevetti Supportare ricerca collaborativa (es. FPVII) Commissionare analisi/prove/test Collaborare con spin off Aprire laboratori congiunti Finanziare dottorati/assegni di ricerca

30 About patenting La Proprietà Intellettuale può essere tutelata con diversi strumenti: 1. Brevetti per invenzione 2. Design 3. Copyright (in EU per il software) In ogni caso i brevetti, considerati ottimi indicatori delle attività di ricerca e sviluppo rappresentano un eccellente strumento di trasferimento tecnologico in quanto evidenziano i seguenti vantaggi: (Griliches, 1990) sono immediatamente legati alle invenzioni (requisito della novità) e quindi molto probabilmente derivano da attività di ricerca coprono vaste aree tecnologiche sulle quali altrimenti sarebbero disponibili pochi dati perché generalmente non sono materie oggetto di pubblicazione i documenti brevettuali sono una considerevole fonte di informazione (ogni anno viene sprecato un terzo degli investimenti in R&D per reinventare prodotti/processi già protetti) i testi dei brevetti sono immediatamente disponibili in rete dopo la pubblicazione (o presso gli uffici brevetti)

31 About patenting/2 Al contempo in realtà i brevetti però presentano anche una serie di svantaggi distribuzione in un continuum di importanza molto asimmetrica: moltissimi brevetti non hanno alcuna applicazione industriale mentre pochi brevetti hanno un elevato valore la propensione culturale a brevettare è diversa tra paesi e tra settori industriali i differenti sistemi normativi rendono difficili le comparazioni tra paesi (es. in negli USA la presenza di istituti come il provisional o il grace period o il first to invent) gli adeguamenti normativi nel tempo rendono difficili le analisi sulle tendenze

32 le variabili fondamentali: TEMPI E COSTI Tempi e costi della valorizzazione Sviluppo Proof of concept Esiti di convalida Consegna campionature Consegna prototipi Consegna Preserie 1 Brevetto Deposito IT Domanda PCT Written opinion Nazionalizzazioni Costi Mercato Acquisizione prodotto Requisiti convalida Specifiche campionatura Specifiche prototipi Ordine preserie

33 cosa comprendono i costi 1. Ricerche di anteriorità 2. Onorari del consulente 3. Onorari del mandatario 4. Tasse di deposito (in IT comprendono i primi 4 anni) 5. Tasse di mantenimento 6. Onorari agenti esteri 7. Traduzioni 8. Risposte ufficiali 9. Obiezioni / Litigation (es. zebrafish) 10.Tasse di concessione/pubblicazione/stampa

34 esempio di costi in IT

35 Fasi del processo 1.Esame formale (requisiti amministrativi) 2.Ricerca delle anteriorità 3.Esame sostanziale (requisiti di brevettabilità) 4. Pubblicazione 5. Concessione

36 tempi del processo EP /31 US tempo JP IT PCT CN Pubblicazione domanda di brevetto CA AU

37 Cosa permette un brevetto Cosa permette di fare? Il brevetto conferisce il diritto di escludere i terzi dall attuare l invenzione brevettata ma non conferisce alcun diritto circa la possibile attuazione dell invenzione (diritto negativo brevetti dipendenti) senza il preventivo consenso del titolare: sia per sé: - realizzarlo - disporne o farne oggetto di commercio che nei confronti di terzi: vietare a terzi di - produrlo - usarlo - metterlo in commercio - venderlo o importarlo

38 Come è scritto Documento Tecnico/Legale Rende pubblicamente accessibili (mediante pubblicazione o messa a disposizione del pubblico ) informazioni (tecniche) e conferisce un diritto (legale) al proprietario - Prima pagina - Titolo - Riassunto - Descrizione - Esempi - Rivendicazione/i - Disegni eventuali

39 Le rivendicazioni Rivendicazione/i Indica, specificatamente, ciò che si intende debba formare oggetto del brevetto: definisce l ambito di protezione conferito dal brevetto (esclusione di terzi dall attuazione dell invenzione) I limiti della protezione (brevettuale) sono determinati dal tenore delle rivendicazioni; descrizione e disegni servono ad interpretare le rivendicazioni (supporto nella descrizione) Garanzia di un equa protezione al titolare ed una ragionevole sicurezza giuridica ai terzi

40 Invenzione? Invenzione: l atto e l effetto dell inventare Inventare: trovare con l ingegno cosa nuova e per lo più utile Legislazione IT d.lgs 10 febbraio 2005 Art. 45 Oggetto del brevetto: 1) Possono costituire oggetto di brevetto per invenzione le invenzioni nuove che implicano un attività inventiva e che sono atte ad avere un applicazione industriale. European Patent Convention (EPC) Art. 52(1): European patents shall be granted for any inventions which are susceptible of industrial application, which are new and which involve an inventive step.

41 LA DATA DI PRIORITA E la data del primo deposito in assoluto e a cui si fa riferire il momento della nascita del diritto di privativa: 1. Determina il momento in cui viene considerata l anteriorità eventualmente distruttiva della novità 2. Determina il momento da cui si può far valere il diritto di privativa (norme sul PREUSO)

42 REQUISITI 1.Novità 2.Originalità / altezza inventiva 3.Applicabilità industriale 4.Liceità 5.Sufficienza di descrizione 6.Unicità di invenzione (NOTA: non è indispensabile dimostrare che l invenzione funzioni!)

43 Cosa non è brevettabile I comma 2, 3, 4 e 5 dell'art. 45 DL 30/2005 descrivono ciò che non può essere brevettato: a) Le scoperte, le teorie scientifiche e i metodi matematici (comma 2); b) I piani, i principi e i metodi per attività intellettuali, per giochi o per attività commerciali ed i programmi per elaboratore (comma 2); c) Le presentazioni di informazioni in quanto tali (comma 2 e 3); d) I metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e i metodi di diagnosi applicati al corpo umano o animale. Questa disposizione non si applica ai prodotti, in particolare alle sostanze o alle miscele di sostanze (farmaci), per l'attuazione di uno dei metodi nominati (comma 4); e) Le razze animali ed i procedimenti essenzialmente biologici per l'ottenimento delle stesse. Questa disposizione non si applica ai procedimenti microbiologici ed ai prodotti ottenuti mediante questi procedimenti (comma 5). f) tutto ciò che non è prodotto dell'invenzione umana ed è esistente in natura, come il genoma umano o le vitamine

44 NOVITA (1) Un invenzione deve essere considerata nuova se non è compresa nello stato dell arte (2) Lo stato dell arte comprende qualsiasi cosa resa (2) Lo stato dell arte comprende qualsiasi cosa resa disponibile al pubblico mediante descrizione scritta o orale, mediante l uso o in qualsiasi altro modo, anteriormente alla data di deposito della domanda di brevetto

45 NOVITA /2 Stato dell arte: domande di brevetto (pubblicate)/brevetti; pubblicazioni scientifiche; posters/abstracts; tesi di laurea; libri di testo; presentazioni a congressi; divulgazioni orali; notizie stampa; cataloghi; brochures, ecc. public prior use (when, what, how, where and by whom) altre informazioni comunque pubblicamente disponibili Considerazioni: Lingua/linguaggio

46 ORIGINALITA Un invenzione è considerata come implicante un attività inventiva se, per una persona esperta del ramo, essa non risulta in modo evidente dallo stato della tecnica Persona esperta del ramo: persona ipotetica con conoscenze nel settore tecnico a cui si riferisce l invenzione - common general knowledge - ed ha accesso a tutta la letteratura/documenti pertinenti. Ha a disposizione i mezzi e la capacità per esperimenti di routine. Non è creativo e non ha fantasia Obiezioni per mancanza di livello inventivo quando già è riconosciuta la novità

47 ORIGINALITA /2 Indicazioni positive (esempi): - Bisogno/necessità lungamente sentiti (irrisolti): rimozione di un ben noto inconveniente/svantaggio riguardante un prodotto commerciale di successo. - Risoluzione di un problema tecnico precedentemente affrontato da altri ma irrisolto (parzialmente risolto) - Superamento di pregiudizi/difficoltà tecniche - Effetto sinergico (combinazioni) - Effetto sorprendente - Selezione di particolari condizioni operative vantaggiose

48 ORIGINALITA /3 Indicazioni negative (esempi): - Trasferimento di un processo da un ramo della tecnica ad un altro - Variazione nell ordine di successione delle operazioni - Aggiunta o complicazioni di elementi - Equivalenti/Estrapolazioni - Scelta tra un numero limitato di possibilità - Esperimenti di routine

49 APPLICABILITA INDUSTRIALE Un invenzione è considerata come suscettibile di applicabilità industriale quando può essere realizzata o utilizzata in qualsiasi tipi di industria. Il concetto di industria va inteso nel senso più ampio (es. industria/artigianato/agricoltura). Attività di carattere tecnico. L invenzione deve funzionare industrialmente/essere riproducibile. È necessario, però, considerare che la semplice possibilità di produrre l'oggetto, non basta per rendere valido il brevetto; l'invenzione, infatti, deve soddisfare un bisogno dell'uomo, e, se ciò non avviene, le aziende non vorranno produrlo, perché non utilizzabile per nessuno scopo; non vi è, così, il requisito di industrialità.

50 La liceità L'invenzione è lecita quando il suo sfruttamento non sia contrario all'ordine pubblico ed al buon costume (art. 50 comma 1 DL 30/2005). Anche se il brevetto non attribuisce al proprio titolare il diritto di attuare l'invenzione (es. brevetti dipendenti), ma solo quello di vietare a terzi di utilizzare la tecnologia rivendicata, questo limite alla brevettabilità è presente in tutte le legislazioni europee. Con il varo della direttiva CE/44/98 l'esclusione ha acquisito anche maggiore rilevanza pratica. Accanto alla clausola generale, le norme comunitarie menzionano infatti alcuni trovati che devono essere esclusi dalla tutela brevettuale in quanto ritenuti contrari all'ordine pubblico ed al buon costume. L'elenco comprende in particolare: a) i procedimenti di clonazione di esseri umani; b) i procedimenti di modificazione dell'identità genetica germinale dell'essere umano; c) le utilizzazioni di embrioni umani a fini industriali o commerciali; d) i procedimenti di modificazione dell'identità genetica degli animali atti a provocare su di loro sofferenze senza utilità medica sostanziale per l'uomo o l'animale, nonché gli animali risultanti da tali procedimenti.

51 SUFFICIENZA DI DESCRIZIONE EPC: The European patent application must disclose the invention in a manner sufficiently clear and complete for it to be carried out by a person skilled in the art The description shall describe in detail at least one way of carrying out the invention claimed using examples where appropriate and referring to drawings, if any US: description in full, clear, concise and exact terms... and shall set forth the best mode contemplated by the inventor

52 SUFFICIENZA DI DESCRIZIONE/2 Una descrizione dettagliata dell invenzione implica (può implicare) una migliore/più efficace protezione dell invenzione. La descrizione sarà quindi: - completa e precisa quanto più possibile (enabling); - in grado di identificare e supportare tutti gli aspetti dell invenzione, in particolare quelli preferiti - completata da esempi (attuazione, fattibilità, ripetibilità)

53 UNICITA dell invenzione/divisionali La domanda di brevetto deve contenere una sola invenzione (art. 161 comma 1 DL 30/2005) e, nel caso di domanda con più invenzioni, l'ufficio brevetti deve invitare il richiedente a modificare la domanda entro un termine stabilito dall'ufficio stesso, in modo da avere una sola invenzione nella domanda (art. 161 comma 2 DL 30/2005) (RICHIESTA DI DIVISIONALE) Più invenzioni implicano più domande.

54 NULLITA e DECADENZA Il brevetto è NULLO se 1. È privo dei requisiti 2. Rientra in una fattispecie espressamente esclusa 3. La descrizione non è sufficientemente chiara e completa 4. L oggetto si estende oltre il contenuto della domanda iniziale 5. Il titolare non aveva diritto a ottenerlo > problema della TITOLARITA (dipendenti, collaboratori, partite IVA, etc) Il brevetto DECADE se: 1. Non vengono corrisposte le tasse entro i termini 2. Il trovato non viene attuato o viene attuato in misura insufficiente al fabbisogno del paese > LICENZE OBBLIGATORIE

55 COME e DOVE si deposita Processo di brevettazione: 1 deposito di domanda di brevetto priorità (dove?) - Italia (UIBM) o Camere di Commercio - Estero: European Patent Office (EPO) US Patent Office (USPTO) any National Patent Office Requisiti amministrativi/lingua Se all estero: Autorizzazione da UIBM (segregazione militare) FARSI ASSISTERE DA UN MANDATARIO! Documento legale scritto in BREVETTUALESE - parole o termini tecnici hanno significati precisi o sono generalizzazioni - "consisting of", "comprising", "plurality", "means of", substantially",...,

56 problema dell ARMONIZZAZIONE Ogni Stato ha propri requisiti e regole (Norme di Legge) per l ottenimento dei brevetti Europa Absolute Novelty Requirement Una pubblicazione avvenuta anteriormente alla data di deposito (priorità) è lesiva della novità e ne pregiudica la brevettabilità First to File il titolare è chi deposita per primo USA Grace Period Un anno di grazia per il deposito di una domanda di brevetto USA dopo la pubblicazione da parte degli inventori/autori First to Invent il titolare può anche essere chi dimostra di aver inventato per primo Provisional prenotazione del brevetto

57 DURATA 20 anni dalla data di deposito della domanda di brevetto Se l oggetto del brevetto è un prodotto (o processo per la sua preparazione o uso) la cui immissione in commercio necessita di una preventiva autorizzazione amministrativa (legislazione nazionale): possibile estensione dei termini Supplementary Protection Certificates (SPC): max 5 anni dalla normale scadenza del brevetto e limitatamente al prodotto (farmaceutico) per il quale è stata richiesta l Autorizzazione all Immissione in Commercio (AIC)

58 CHI E TITOLATO A DEPOSITARE L'art. 63 comma 2 del DL 30/2005 indica che il diritto esclusivo sull'invenzione spetta a chi ha effettuato l'attività creativa e dato luogo all'invenzione. Tuttavia vi sono dei casi particolari, trattati dagli artt. 64 e 65 dello stesso decreto legge. Se un'invenzione viene realizzata da un dipendente, il cui lavoro consiste nell'attività di ricerca finalizzata alla realizzazione dell'invenzione stessa, i diritti di brevetto spettano al datore di lavoro (art. 64 DL 30/2005), il quale ha finanziato e messo a disposizione i mezzi per dar luogo all'invenzione. Vi sono tre ipotesi nell'interpretazione a favore del datore di lavoro: Invenzione d azienda: L'invenzione è stata fatta dal dipendente assunto per inventare: i diritti spettano al datore di lavoro e nulla spetta al dipendente, a prescindere dalla sua retribuzione. Invenzione di servizio: L'invenzione è stata fatta dal dipendente in ambito lavorativo, ma non essendo stato assunto per inventare: i diritti spettano al datore di lavoro, ma al dipendente spetta un premio equo. Invenzione occasionale: L'invenzione è stata fatta al di fuori del rapporto di lavoro (anche al di fuori degli orari di lavoro, ma sempre nel luogo in cui effettua la prestazione lavorativa): il datore può acquisire forzosamente i diritti sull'invenzione, pagandone il valore di mercato o un canone adeguato ad esso. Se è sviluppo o co-engineering con altre società: COTITOLARITA

59 FONTI di INFORMAZIONE DEPOSITARE PRIMA DI DIVULGARE!!!

60 BREVETTI COME FONTE DI INFORMAZIONE/1 La documentazione brevettuale è senz altro la fonte di informazione tecnica più completa Il monitoraggio brevettuale è costoso perché occorrono tempo e competenze specifiche D altronde, non monitorare, specie in settori ad alta competitività, può essere molto più costoso ed estremamente rischioso Strategia vincente: monitoraggio intelligente, mirato, con attenta valutazione dei risultati e con immediati meccanismi di intervento sul business

61 BREVETTI COME FONTE DI INFORMAZIONE/2 Monitoraggio sistematico: Brevetti appena pubblicati per certe classi/competitor Brevetti appena concessi (possibile opposizione) Status domande EP e US selezionate Ricerche mirate (ad-hoc): Ricerche di prior art per verifiche di brevettabilità di nuove soluzioni Clearances per nuove soluzioni in nuovi prodotti Landscaping per nuove aree di R&D (es: Recupero e riutilizzo di energia termica e meccanica) Verifiche di validità di brevetti (es: contenziosi, accordi,...) Ricerche di prior art come fase preliminare di attività R&D

62 che info si possono ottenere technology watch (cioè il monitoraggio dell evoluzione di una data tecnologia) competition watch (cioè il monitoraggio della concorrenza) 1. Le aziende che stavano brevettando (si scoprono in anticipo le mosse dei concorrenti). Si sta brevettando in questo settore? Chi lo fa? Nuovi attori stavano entrando nel mercato oltre quelli già presenti? 2. I principali Stati di estensione: es EU e USA (mercati di riferimento per il prodotto) ma non FAR EAST 3. I campi di applicazione/fruizione del prodotto 4. I trend sulla tecnologia di produzione (forecasting tecnologico) 5. I trend sulle tecnologie di interfaccia 6. Il nome degli inventori (recruitment) 7. Sto violando io i brevetti di qualcuno mentre utilizzo prodotti o processi industriali? FREEDOM OF OPERATION

63 es. forecasting tecnologico Quali sono le dimensioni minime di una stampante? e di un cd player?

64 Il PROBLEMA da risolvere «dare l'informazione giusta alla persona giusta, nel momento giusto per prendere la giusta decisione» Posso usare una certa tecnologia? Posso impedire ad altri di usare una certa tecnologia? decision maker qualsiasi momento decisionale nell attività di ricerca, sviluppo e lancio di un nuovo prodotto quella che da un vantaggio competitivo

65 CLASSIFICAZIONI INTERNAZIONALI IPC International Patent Classification A Fabbisogni umani B Esecuzione di operazioni; Trasporto C Chimica; Metallurgia D Prodotti tessili; Carta E Costruzioni immobili F Ingegneria meccanica; Illuminazione; Riscaldamento; Armi; Esplosivi G Fisica H Energia elettrica Y Aspetti particolari di nuovi sviluppi tecnologici

66 STRATEGIE Strategie di gestione dei brevetti: A) strategie di gestione dell informazione brevettuale B) strategie per l acquisizione dei diritti di esclusiva brevettuale C) strategie di creazione e gestione del portafoglio brevettuale D) strategie di mercato e concorrenziali.

67 strategie di gestione dell informazione brevettuale 1. Funzione informativa sulla concorrenza e i trend 2. Funzione dissuasiva 3. Creazione di immagine 4. Creazioni di un effetto pubblicitario Le PATLIB Oltre la possibilità di effettuare ricerche per proprio conto direttamente sulla rete web è possibile per coloro che necessitano di informazioni in campo brevettuale ricorrere ai servizi forniti dai centri di consultazione brevettuale (PATLIB). Questi centri hanno accesso a tutti le principali banche dati brevettuali e possono fornire servizi di documentazione a costi contenuti. Responsabile: Dott.ssa Liana Nardone Tel.:

68 strategie di creazione e gestione del portafoglio brevettuale I brevetti si fanno per: cederli scambiarli usarli Altrimenti: SEGRETO INDUSTRIALE FARE SEMPRE NDA (accordi di riservatezza con chiunque (collaboratori, dipendenti, formitori, clienti, consulenti, etc) Siete una azienda TECHNOLOGY PUSH o MARKET PULL?

69 strategie di creazione e gestione del portafoglio brevettuale Se brevetto per usarli: all inizio il brevetto è soprattutto un costo quindi bisogna individuare dove quel costo va ammortizzato: 1. Strategia dell acquisizione di immagine e prestigio di azienda «tecnologica» > marketing 2. Strategia difensiva/barriera all ingresso (proteggersi dagli altri difendendo la propria quota di mercato) > produzione 3. Strategia aggressiva (aggredire nuovi segmenti o nuovi mercati che non stiamo presidiando e diamo licenze a chi vi è già operativo) > vendite

70 strategie per l acquisizione dei diritti di esclusiva brevettuale 1. Scegliere il momento giusto (al proof of concept o al prototipo?) 2. Valutare il trade off costi estensioni / benefici di quel mercato: a. l esistenza o no di una tecnologia nel paese che rende le aziende in grado di riprodurre l invenzione b. il costo e la difficoltà di tutelare il brevetto in caso di violazione (es. paesi BRICS) c. la capacità di concorrenti potenziali in un determinato paese di svolgere le attività di esportazione illecite in mercati interessanti 3. Partnership e accordi di sviluppo e commercializzazione (possono essere merce di scambio > cross-licencing)

71 strategie di mercato e concorrenziali Decisione influenzata dal SETTORE MERCEOLOGICO (in pharma si brevetta sempre, in elettronica abbastanza, in meccanica poco) Peso relativo del vantaggio competitivo della tecnologia all interno del mercato/segmento La ricerca brevettuale di anteriorità però: 1. Evita di far spendere soldi in R&S su cose già disponibili 2. Conoscenza di tecnologie utili che non si conoscono e che si possono prendere in licenza 3. Scegliere linee di sviluppo alternative a quelle giù fortemente protette

72 CONTRAFFAZIONI Dalla contraffazione o pirateria, scaturiscono una serie di prodotti illeciti che possono raggrupparsi in due grandi tipologie: le merci contraffatte, cioè quelle merci che recano illecitamente un marchio identico ad un marchio registrato (definite dalla WTO, negli accordi TRIPs, Counterfeit trademark goods ), le merci usurpative ovvero quelle riproduzioni illecite di prodotti coperti da copyright, modelli o disegni ( Pirated copyright goods ).

73 come agire se scopro contraffazioni? I costi delle cause sono proibitivi e in molti paesi (es. Cina) non è nemmeno facile aspettarsi che vadano in giudizio. E l esito delle cause è a volte incerto! (es. Epilady vs. Remington) Tribunali di: AT, FR, UK > nessuna contraffazione BE, DE, IT, NL > accertata la contraffazione

74 Azioni difensive In linea di massima bisogna intervenire in giudizio e far adottare dal tribunale una delle seguenti azioni: lettera di diffida sequestro dei prodotti in violazione inibitoria alla continuazione delle violazioni Se ci si dimostra determinati fin dai primi tempi a far valere i propri diritti di proprietà intellettuale (mostrando quella che in gergo si definisce willingness to enforce), si possono scoraggiare eventuali contraffattori futuri

75 IL SOFTWARE In Europa NON si può brevettare (in USA invece si) e viene protetto mediante il copyright (esiste un pubblico registro del sw) tranne nel caso in cui: produce un effetto tecnico aggiuntivo che va oltre la normale interazione fra programma e computer. Tale effetto tecnico aggiuntivo può consistere ad esempio nel fatto che: - il software controlla un processo industriale (catena del freddo) - il software elabora dati tecnici (e non entità numeriche astratte) (regolazione temperature in un altoforno) - il software controlla un apparato/dispositivo/processo tecnico (un telecomando)

76 IL SOFTWARE pro e contro del CopyRight protezione automatica NON richiede deposito l oggetto protetto è identificato da se stesso (Non bisogna redigere rivendicazioni) l opera protetta deve risultare dallo sforzo creativo e originale dell autore (La creatività consta nel NON aver copiato parti essenziali) NON si è assistiti da alcun titolo di validità del diritto NON richiede pubblicazione. (Si ha protezione senza la necessità di divulgarlo ad altri) NON viene protetta l idea alla base del programma.

77 perché valutare il brevetto? Perchè ci si assume dei rischi che vanno remunerati! Rischi tipicamente connessi alla gestione della proprietà intellettuale e incidenti sul successo dell operazione di sfruttamento Rischio tecnologico (funzionerà?) Rischio di mercato (si venderà?) Rischio di protezione (sarà copiata?) Il vostro concorrente che vi copia può beneficiare di economie di scala, nulli costi di R&D da cui rientrare, accesso più rapido al mercato, materie prime più economiche, vendere a minor prezzo quindi non si assume rischi se non quello della procedura per contraffazione ma se sta in Cina

78 perché valutare il brevetto?

79 ma qual è il valore di quel brevetto?

80 aspetti della valutazione prospettiva Sono acquirente? Sono venditore Sono licenziante? Sono licenziatario? obiettivo Pagamento di una licenza/cessione Quantificazione di un risarcimento danni momento Precedente a cessione/licenza Antecedente al primo deposito Durante la vita del brevetto (in che fase?)

81 che domande ci dobbiamo fare? 1. Il diritto di proprietà è valido? Ci sono giudizi pendenti a riguardo? 2. E scritto in maniera che potrò eventualmente difendermi in giudizio? 3. Sono necessari investimenti in R&S aggiuntivi per lo sfruttamento del brevetto? Avrò il supporto del licenziante in caso di necessità di ulteriore R&S (es. farmaco)? Avrò assistenza tecnica? 4. Qual è il time to market? Quanti anni sono necessari per il lancio sul mercato del prodotto che incorpora questo diritto di proprietà? 5. In quali ambiti tecnologici (field) è utilizzabile questo diritto di proprietà? 6. In quanti prodotti è possibile incorporare questo diritto di proprietà e in quanti settori? 7. Qual è la dimensione del mercato per i prodotti che incorporano il diritto di proprietà? 8. Qual è la natura della transazione: acquisto o licensing? 9. Qual è la durata della licenza? 10. Qual è la vita utile del brevetto (tecnologicamente parlando)? Tra quanto sarà sorpassato da una tecnologia nuova? Obsolescenza? 11. Qual è la struttura del pagamento (royalty+lump sum, solo royalty, solo fisso? Sarà incrementale? Decrementale? Milestone di performance? In Equity?) 12. Il diritto di proprietà è già stato concesso in licenza? A quale tasso di royalty? 13. La licenza sarà esclusiva? Saranno previste delle limitazioni geografiche? 14. Posso brevettare dei miglioramenti? Posso darla in sublicenza? 15. Come posso monitorare il mio licenziatario? 16. Chi si deve attivare contro la contraffazione? Il titolare o il licenziatario? 17. Si può fare reverse engineering? Quanto è facile «smontare» il prodotto? 18. Quanto know-how ulteriore è necessario per implementare quella soluzione/produrre il prodotto?

82 OBIETTIVO 1. L importante è individuare un RANGE di contrattazione tra minimo e massimo acquirente venditore

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l iniziativa

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI 1 INDICE 1. CENNI STORICI INVENZIONI DISEGNI MODELLI 2. I DIRITTI DI ESCLUSIVA DEL TITOLARE DI UN BREVETTO 2.1. La protezione contro la contraffazione

Dettagli

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA

IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) SCHEDA TERZA MISSIONE Indice Parte III: Terza missione Sezione I I.1 - PROPRIETÀ INTELLETTUALE I.1.a - Brevetti

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Parte III: Terza missione

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Parte III: Terza missione LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Parte III: Terza missione INDICE 1. Aspetti generali 2. Parte III: Terza missione Sezione I I1 - PROPRIETÀ

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La valutazione della terza missione nelle università italiane

La valutazione della terza missione nelle università italiane La valutazione della terza missione nelle università italiane Manuale per la valutazione 13 Febbraio 2015 Il presente testo è posto in consultazione pubblica. Commenti e proposte di integrazione o modifica

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:29 Pagina 5 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta European IPR Helpdesk Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta Lo European IPR Helpdesk è gestito dall Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie imprese della Commissione

Dettagli