Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI"

Transcript

1 Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Voci della busta paga Finanziaria 2007 Limite di reddito Parametrazione a mese Misura Con il pagamento della retribuzione, il datore di lavoro è obbligato a consegnare al dipendente la busta paga, che documenta quanto questi ha percepito in un determinato periodo di lavoro in ottemperanza al contratto di lavoro applicato. La busta paga, oltre a contenere gli elementi che compongono la retribuzione, evidenzia anche altre informazioni, sia di natura previdenziale che di natura fiscale (ad esempio, i contributi a carico del lavoratore trattenuti, le ritenute d acconto effettivamente applicate). Il compenso netto spettante al dipendente è il risultato delle operazioni di somma e di sottrazione delle singole voci che compongono il prospetto paga. Di seguito tratteremo alcune voci che compaiono in busta paga e che rientrano nelle operazioni di calcolo del compenso netto. In particolare, vedremo le condizioni per l attribuzione delle detrazioni d imposta e le modalità di calcolo delle stesse, nonché il ruolo che giocano gli oneri deducibili trattenuti direttamente dal datore di lavoro ai fini della determinazione del reddito imponibile e delle detrazioni cui il lavoratore ha diritto. Infine, analizzeremo quali adempimenti deve porre in essere il lavoratore per ottenere le detrazioni dal sostituto d imposta. Detrazioni per carichi di famiglia La legge n. 296/2006 ha abrogato le deduzioni per carichi di famiglia introdotte con il secondo modulo di riforma dell Irpef (family no tax area), sostituendole con le detrazioni d imposta. In pratica si è ritornati al sistema in vigore fino al 31 dicembre 2004, anche se con differenti importi e modalità di calcolo. Nella maggioranza dei casi l importo delle detrazioni spettanti è legato all ammontare del reddito complessivo; ai valori teorici delle detrazioni devono essere applicati appositi coefficienti, molto simili a quelli previsti per il calcolo delle precedenti deduzioni. Tali coefficienti rappresentano un correttivo sulla base del quale le detrazioni diminuiscono all aumentare del reddito, fino ad annullarsi oltre una determinata soglia di reddito. Ai sensi dell art. 12, c. 2 del Tuir le detrazioni d imposta per coniuge, figli e altri familiari spettano a condizione che le persone alle quali si riferiscono possiedano un reddito complessivo annuo non superiore a E 2.840,51, al lordo degli oneri deducibili. Le detrazioni per carichi di famiglia sono rapportate a mese e competono dal mese in cui si sono verificate a quello in cui sono cessate le condizioni richieste. Per dipendenti assunti in corso d anno, in sede di conguaglio e su esplicita richiesta del lavoratore, il sostituto applica le detrazioni per l intero periodo di carico. Coniuge a carico Per il coniuge a carico spetta una detrazione dall Irpef lorda nelle misure riportate in tabella. Reddito complessivo Detrazione spettante Fino a E [110 x (RC : )] Se il rapporto tra il reddito complessivo e E è uguale a 1, la detrazione compete nella 6/

2 Paghe Reddito complessivo Detrazione spettante misura di E 690; se, invece, il rapporto è uguale a 0, la detrazione non compete. Negli altri casi, il risultato del rapporto va assunto nelle prime quattro cifre decimali (mediante troncamento degli ulteriori decimali, senza arrotondamento) Oltre E e fino a E Oltre E e fino a E x [( RC) : ] Se il rapporto tra E , diminuito del reddito complessivo, e E è uguale a 0, la detrazione non compete. Negli altri casi, il risultato del rapporto va assunto nelle prime quattro cifre decimali (mediante troncamento degli ulteriori decimali) Detrazione aggiuntiva Matrimonio contratto in data 26 agosto reddito complessivo dell altro coniuge: E ,00 detrazione per coniuge a carico spettante: [( ) : ] = ( : 12) 3 0,8750 = E 251,56 Per i redditi oltre E e fino a E spetta una detrazione aggiuntiva, da sommare alla precedente, variabile in funzione del reddito complessivo. Reddito complessivo Detrazione aggiuntiva Oltre E e fino a E E 10 Oltre E e fino a E E 20 Oltre E e fino a E E 30 Oltre E e fino a E E 20 Oltre E e fino a E E 10 La circolare dell Agenzia delle entrate n. 15/2007, ha chiarito che «gli importi aggiuntivi devono essere assunti nell intero ammontare indicato senza essere rapportati al periodo in cui il coniuge è stato a carico». Misura Matrimonio contratto il 15 maggio reddito complessivo dell altro coniuge: E ,00 detrazione per coniuge a carico spettante: (690 x 8 : 12) + 20 = E 480 Figli a carico Per i figli a carico, le detrazioni sono stabilite nelle seguenti misure: Detrazione teorica Detrazione spettante Per figlio a carico E [( reddito complessivo) : ] Per figlio a carico di età inferiore a tre anni E [( reddito complessivo) : ] Per figlio a carico portatore di handicap E [( reddito complessivo) : ] Per figlio a carico portatore di handicap di età inferiore a tre anni E [( reddito complessivo) : ] 342 6/2008

3 Presenza di più figli Contribuenti con più di tre figli a carico Ripartizione della detrazione Coniuge mancante Periodo d imposta 2007 Condizioni di spettanza Se il risultato del rapporto [( reddito complessivo) : ] è pari a zero, minore di zero o uguale a 1, la detrazione non compete; negli altri casi, il risultato del predetto rapporto va assunto nelle prime quattro cifre decimali, mediante troncamento degli ulteriori decimali. In presenza di più figli l importo di E è aumentato, per tutti, di E per ogni figlio successivo al primo. Contribuente con due figli a carico di età non inferiore a tre anni reddito complessivo pari a: E ,00 detrazione spettante: ( ) 3 [( ) : ] = ,6363 = E 1.018,08 Per i contribuenti con più di tre figli a carico, la detrazione teoricamente spettante deve essere maggiorata di E 200 per ciascun figlio a partire dal primo. La detrazione è ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati ovvero, previo accordo tra gli stessi, spetta al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato; pertanto, il legislatore non ammette una libera e diversa ripartizione della detrazione d imposta tra i genitori. In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, la detrazione spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario. Ove il genitore affidatario ovvero, in caso di affidamento congiunto, uno dei due genitori affidatari non possa usufruire in tutto o in parte della detrazione per limiti di reddito, la stessa è assegnata per intero al secondo genitore. Quest ultimo, salvo diverso accordo tra le parti, è tenuto a riversare all altro genitore affidatario un importo pari all intera detrazione ovvero, in caso di affidamento congiunto, pari al 50% della detrazione stessa. In caso di coniuge fiscalmente a carico dell altro, la detrazione compete a quest ultimo per l intero importo. Se l altro genitore manca o non ha riconosciuto i figli naturali e il contribuente non è coniugato o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato, per il primo figlio si applicano, se più convenienti, le detrazioni previste per il coniuge. Ulteriore detrazione per genitori con almeno quattro figli a carico La legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008) ha introdotto un ulteriore detrazione d imposta di E per i genitori con almeno quattro figli a carico che si aggiunge a quelle «ordinarie» per i figli, già previste dall art. 12 del Tuir. L ulteriore detrazione deve intendersi come «bonus» complessivo a beneficio della famiglia numerosa: quindi, l importo spettante non muta in presenza di un numero di figli superiore a quattro (Ag. delle entrate, circ. n. 1/2008). La nuova detrazione si applica già a partire dal periodo d imposta 2007 (art. 1, c. 16, legge n. 244/2007). L ulteriore detrazione d imposta spetta a condizione che il contribuente abbia almeno quattro figli a carico. L Agenzia delle entrate ha specificato che la detrazione spetta in misura intera anche se la condizione di «almeno quattro figli a carico» sussiste per una parte dell anno soltanto (ad esempio, la nascita del quarto figlio nel corso dell anno): quindi, l ulteriore detrazione non deve essere ragguagliata al periodo dell anno in cui si verifica l evento che dà diritto alla detrazione stessa. Il beneficio fiscale, anche se non è strettamente legato al reddito complessivo del contribuente, non può essere riconosciuto al soggetto che, pur avendo almeno quattro figli a carico, non ha diritto alle «ordinarie» detrazioni per i figli, in conseguenza dell elevato reddito complessivo. Ad esempio, il contribuente con quattro figli a carico e con un reddito complessivo superiore a E , non potendo beneficiare delle detrazioni «ordinarie» per i figli, non potrà nemmeno fruire dell ulteriore detrazione. 6/

4 Paghe Ripartizione tra i genitori Incapienza dell imposta Recupero dell eccedenza Reddito complessivo: E detrazioni (ordinarie) spettanti per figli a carico: [4 3 ( )] 3 [( ) : ] = 0 ulteriore detrazione spettante per famiglie numerose = 0 L ulteriore detrazione è ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati. In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, la detrazione aggiuntiva spetta ai genitori in proporzione agli affidamenti stabiliti dal giudice. In caso di coniuge fiscalmente a carico dell altro, l ulteriore detrazione compete a quest ultimo per l intero importo. I predetti criteri di ripartizione non posso essere derogati da accordi intercorsi tra i genitori, diversamente da quanto previsto per le «ordinarie» detrazioni per figli a carico. Nel caso in cui l imposta non sia sufficientemente capiente, e quindi non sia possibile fruire, in tutto o in parte, dell ulteriore detrazione, al contribuente è riconosciuto un credito di ammontare pari alla quota di detrazione che non ha trovato capienza nell imposta dovuta. A tal fine occorre considerare l Irpef lorda diminuita delle detrazioni d imposta spettanti per i familiari a carico (art. 12, c. 1 del Tuir), per tipologie reddituali (art. 13 del Tuir), per gli oneri detraibili (art. 15 del Tuir), per canoni di locazione (art. 16 del Tuir) e in base ad altre disposizioni normative. L art. 1 del D.M. 31 gennaio 2008 disciplina il recupero dell eccedenza rispetto all imposta netta mediante il sostituto d imposta, così come previsto dall art. 12, c. 3, ultimo periodo del Tuir. Questa modalità di recupero del credito è riservata ai soggetti titolari esclusivamente di redditi di lavoro dipendente e assimilati, di pensione ed eventualmente del reddito derivante dal possesso dell abitazione principale e relative pertinenze. Ai fini del riconoscimento del credito, il lavoratore deve presentare al datore di lavoro la dichiarazione di spettanza delle detrazioni d imposta, ai sensi dell art. 23, c. 2 lett. a) del D.P.R. n. 600/1973, indicando le condizioni per l applicazione e il codice fiscale dei familiari a carico, nonché attestare l assenza di redditi ulteriori rispetto a quelli di lavoro dipendente e assimilati e a quelli derivanti dal possesso dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze. Il credito (l eccedenza rispetto all imposta netta) è riconosciuto dal sostituto d imposta sugli emolumenti corrisposti in ciascun periodo di paga, rapportandolo al periodo stesso. In pratica, il sostituto deve operare nel modo seguente: 1) riconoscere l ulteriore detrazione fino a capienza dell imposta; 2) riconoscere l eventuale credito (eccedenza) utilizzando il monte ritenute disponibile nel periodo di paga; 3) in caso di incapienza del monte ritenute del mese, riconoscere il credito residuo utilizzando le ritenute disponibili nei successivi periodi di paga. Si segnala che, in caso di una pluralità di aventi diritto e di incapienza del monte ritenute del mese, il sostituto d imposta deve riconoscere a ciascuno il credito nella percentuale determinata dal rapporto tra il monte ritenute disponibile nel periodo di paga e l ammontare complessivo dell intero credito da riconoscere. In sede di conguaglio di fine anno o di fine rapporto, il sostituto deve rideterminare l importo del credito sulla base dei dati reddituali definitivi. Se entro la fine del periodo d imposta non è stato possibile attribuire interamente il credito spettante, il sostituto deve comunicare all interessato l importo residuo evidenziandolo nella certificazione Cud, al fine di consentirne il recupero in sede di dichiarazione dei redditi /2008

5 Ripartizione detrazione Ipotizziamo il caso di un dipendente con moglie e quattro figli a carico per l intero periodo d imposta. L imponibile fiscale del mese di gennaio 2008 è pari a E 1.500,00. Irpef lorda = E 355,00 detrazioni lavoro dipendente = { {[ (1.500 x 13)] : }} 3 (31 : 365) = E 100,85 detrazione per coniuge a carico = 690 : 12 = E 57,50 detrazione per figli a carico (di età non inferiore a tre anni) = = {[4 3 ( )] 3 {[ ( )] : }} : 12 = E 286,90 ulteriore detrazione (per i genitori con almeno quattro figli a carico) = : 12 = E 100,00 Irpef netta = E 0,00 credito spettante al lavoratore (per ulteriore detrazione) = E 100,00 Il sostituto potrà attribuire il credito (eccedenza) soltanto se il monte ritenute del mese di gennaio 2008 risulterà sufficientemente capiente. Altri familiari a carico La detrazione spettante è pari a E 750 per ogni altra persona indicata nell art. 433 c.c. che conviva con il contribuente o percepisca assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell autorità giudiziaria. La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di E , diminuito del reddito complessivo, e E (art. 12, c. 1, lett. d) del Tuir). Se il rapporto [( reddito complessivo) : ] è pari a zero, minore di zero o uguale a uno, la detrazione non compete; negli altri casi, il risultato del rapporto si assume nelle prime quattro cifre decimali (mediante troncamento degli ulteriori decimali). La detrazione spetta al soggetto che ha effettivamente sostenuto il carico risultante dalla convivenza o dall erogazione di un assegno alimentare non risultante da provvedimenti dell autorità giudiziaria; in presenza di più soggetti aventi diritto alla detrazione d imposta, la stessa deve essere ripartita in eguale misura (Ag. delle entrate, circ. n. 15/2007). Detrazione teorica Detrazione spettante E [( reddito complessivo) : ] Misura Detrazioni d imposta per i redditi di lavoro dipendente La Finanziaria 2007 ha abrogato anche il primo modulo di riforma dell Irpef. Le deduzioni per lavoro dipendente (cd. no tax area) sono state sostituite da un nuovo sistema di detrazioni (art. 13 del Tuir). Se alla formazione del reddito complessivo concorrono uno o più redditi di lavoro dipendente, spetta una detrazione dall imposta lorda, rapporta al periodo di lavoro, nelle misure riportate in tabella. Reddito complessivo Detrazione spettante Fino a E E La detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a E 690 (E per i dipendenti a tempo determinato) Oltre E e fino a E {502 3 [( RC) : 7.000]} Del rapporto [( RC) : 7.000] vanno assunte le prime 4 cifre decimali mediante troncamento degli ulteriori decimali Oltre E e fino a E [( RC) : ] Del rapporto [( RC) : ] vanno assunte le prime 4 cifre decimali mediante troncamento degli ulteriori decimali 6/

6 Paghe Parametrazione al periodo di lavoro Importi minimi di detrazione - redditi fino a E Le detrazioni da lavoro dipendente si rapportano al periodo di lavoro durante l anno, che deve essere computato in giorni (Ag. delle entrate circ. n. 15/2007, par ). Le detrazioni minime di E 690 e E stabilite, rispettivamente, per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato e per quelli a tempo determinato, «competono a prescindere dal risultato del calcolo di ragguaglio al periodo di spettanza nell anno» (Ag. delle entrate, circ. n. 15/2007, par. 2.3.). Per i rapporti di lavoro inferiori all anno, la circolare specifica che anche le detrazioni «minime» devono essere rapportate dal sostituto d imposta al periodo di lavoro nell anno. Naturalmente il percipiente può fruire della parte di detrazione eventualmente non goduta in sede di dichiarazione dei redditi ovvero, su richiesta, in sede di conguaglio. Rapporto di lavoro a tempo determinato dall 1/6 al 30/9 (122 giorni di lavoro) reddito complessivo del lavoratore pari a: E detrazione attribuita dal sostituto: ( : 365) = E 461,26 Resta inteso che, «se il percipiente dichiara di non possedere altri redditi, il sostituto deve assumere, ai fini del calcolo della detrazione spettante, il reddito di lavoro dipendente che egli stesso corrisponde e, pertanto, ricorrendone i presupposti, tener conto della misura minima della detrazione, attribuendola a partire dalla corresponsione della prima retribuzione. A tal fine il sostituto può comunque invitare i dipendenti a fornire, ove lo ritengano opportuno, gli elementi che consentano un applicazione più precisa della nuova detrazione». In tal caso, l importo minimo di detrazione deve essere applicato per l intero ammontare previsto e ragguagliato al periodo di paga. Misura Detrazione aggiuntiva Per i redditi oltre E e fino a E , spetta una detrazione aggiuntiva, da sommare alla precedente, variabile in funzione del reddito complessivo: Reddito complessivo Detrazione aggiuntiva Oltre E e fino a E E 10 Oltre E e fino a E E 20 Oltre E e fino a E E 30 Oltre E e fino a E E 40 Oltre E e fino a E E 25 Gli importi aggiuntivi devono essere attribuiti nell intero ammontare indicato, senza effettuare alcun ragguaglio al periodo di lavoro nell anno. Reddito complessivo: E numero di giorni di lavoro dipendente: 300 detrazione per lavoro dipendente spettante: {{ [( ) : ]} 3 (300 : 365)} + 30 = E 838,30 Dal periodo d imposta 2007 Determinazione del reddito complessivo A decorrere dal periodo d imposta 2007, sia le detrazioni per carichi di famiglia sia le detrazioni collegate al tipo di reddito posseduto (lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo, ecc.) sono strettamente collegate al reddito complessivo del contribuente: il loro 346 6/2008

7 Abitazione principale importo diminuisce all aumentare del reddito posseduto, fino ad annullarsi oltre determinate soglie di reddito. Nel concetto di «reddito complessivo» rientrano tutti i redditi posseduti nell anno, compreso il reddito (rendita catastale) dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle sue pertinenze; tuttavia, ai fini del calcolo delle detrazioni d imposta per carichi di famiglia e per lavoro, la Finanziaria 2008 ha previsto, a decorrere dal periodo d imposta 2007, che il reddito complessivo debba essere «[...] assunto al netto del reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e di quello delle relative pertinenze [...]» (cfr. artt. 12, c. 4-bis, e 13, c. 6-bis del Tuir). Infatti, l art. 10, c. 3-bis del Tuir prevede che «se alla formazione del reddito complessivo concorrono il reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e quello delle relative pertinenze, si deduce un importo fino all ammontare della rendita catastale dell unità immobiliare stessa e delle relative pertinenze, rapportato al periodo dell anno durante il quale sussiste tale destinazione ed in proporzione alla quota di possesso di detta unità immobiliare». In ogni caso, il reddito della prima casa con relative pertinenze (ad esempio, la cantina, il box auto) deve essere dichiarato tra i redditi dei fabbricati e sommato agli altri redditi posseduti per la determinazione del reddito complessivo; successivamente, ai fini della determinazione dell imponibile Irpef, dal reddito complessivo si sottrae l importo della rendita catastale e delle sue pertinenze. Prima dell intervento della Finanziaria 2008 (art. 1, c. 15, legge n. 244/2007), il generico riferimento al reddito complessivo per il calcolo delle detrazioni comportava, qualora il lavoratore non avesse comunicato al datore di lavoro il reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale, la concessione di detrazioni d imposta in misura superiore a quella spettante. In tal caso, infatti, il sostituto d imposta avrebbe considerato soltanto i redditi da lavoro da lui erogati nel periodo d imposta, costringendo il contribuente a presentare, al fine di evitare sanzioni per mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e per insufficiente versamento di Irpef, il mod. 730 o il mod. Unico - Persone fisiche. Inoltre, si verificava una disparità di trattamento fiscale tra i proprietari di prima casa e i contribuenti che, invece, non lo erano, a parità di altre condizioni. Consideriamo il caso di un lavoratore dipendente, con moglie e figlio a carico (di età non inferiore a tre anni). Reddito da lavoro dipendente: E rendita catastale (rivalutata) dell abitazione principale: E rendita catastale (rivalutata) delle pertinenze: E 500 reddito complessivo: = E Irpef lorda: E detrazione lavoro dipendente: [( ) : ] + 25 = E 928,15 detrazione per coniuge a carico: E 690 detrazione per figlio a carico: [( ) : ] = E 564,16 Irpef netta = , ,16 = E 4.777,69 Considerando, invece, la neutralità dell abitazione principale e relative pertinenze risulta un Irpef netta pari a E 4.677,06, con un risparmio d imposta di oltre E 100. Irpef lorda: E detrazione lavoro dipendente: [( ) : ] + 20 = E 1.003,50 detrazione per coniuge a carico: E 690 detrazione per figlio a carico: 800 3[( ) : ] = E 589,44 Irpef netta = , ,44 = E 4.677,06 6/

8 Paghe Oneri deducibili trattenuti dal sostituto d imposta Con riferimento al concetto di reddito complessivo applicabile per la determinazione delle detrazioni d imposta, l art. 51, c. 2 del Tuir stabilisce che non concorrono a formare il reddito: le somme trattenute al dipendente per oneri di cui all art. 10 del Tuir (ad esempio, i contributi obbligatori per legge, gli assegni al coniuge separato erogati dal sostituto d imposta mediante trattenuta sulle retribuzioni corrisposte al lavoratore, i contributi versati ad enti e casse aventi esclusivamente fine assistenziale in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, che operino negli ambiti di intervento stabiliti con il decreto del Ministro della salute), alle condizioni ivi previste; le erogazioni effettuate dal datore di lavoro in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali a fronte delle spese sanitarie di cui allo stesso art. 10, c. 1, lett. b) del Tuir. In tal modo, il lavoratore non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi per fruire degli oneri deducibili di cui il datore di lavoro è a conoscenza, poiché ha effettuato la trattenuta nel cedolino paga. Inoltre, tale disposizione incide direttamente sulla determinazione del reddito di lavoro dipendente e, quindi, sul reddito complessivo del lavoratore da assumere per il calcolo delle detrazioni. Reddito di lavoro dipendente: E valore dell onere deducibile trattenuto dal sostituto (assegno al coniuge separato): E reddito imponibile: = E Irpef lorda: ( ) 3 23% = E importo della detrazione per lavoro dipendente (per 365 giorni): {502 3 [( ) : 7.000} = ( ,3571) = E 1.517,29 Irpef netta dovuta: 2.875, ,29 = E 1.357,71 L importo dell onere deducibile transitato in busta paga (pari a E 2.500) deve essere attestato dal datore di lavoro nella certificazione Cud (punto 37 del Cud 2008). Nella sezione «Annotazioni» occorre esplicitare (cod. AR) il tipo di onere, con relativo importo, trattenuto dal sostituto d imposta /2008

9 Richiesta del contribuente Codice fiscale dei familiari a carico Validità annuale Soggetti non residenti Dichiarazione di spettanza delle detrazioni Le detrazioni d imposta per carichi di famiglia (art. 12 del Tuir) e le altre detrazioni (art. 13 del Tuir) sono riconosciute dal sostituto d imposta se il contribuente dichiara di averne diritto, indica le condizioni di spettanza e si impegna a comunicare tempestivamente al sostituto d imposta le eventuali successive variazioni (art. 23, c. 2, lett. a), D.P.R. n. 600/1973). La Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), modificando l art. 23 del D.P.R. n. 600/1973, ha previsto l obbligo di indicare, nella dichiarazione di spettanza delle detrazioni d imposta, anche il codice fiscale dei familiari a carico per i quali si richiedono le detrazioni. L obbligo deriva dalla volontà dell Amministrazione finanziaria di controllare l effettiva spettanza delle detrazioni fruite dal lavoratore. Nessuna sanzione è prevista per il sostituto d imposta che ometta l indicazione nel Mod. 770/2008 Semplificato dei codici fiscali dei familiari a carico dei propri dipendenti. L Agenzia delle entrate ha specificato, infatti, che l obbligo di richiedere ai dipendenti il codice fiscale dei familiari a carico ha efficacia dal 1º gennaio 2008 (cfr. circ. n. 15/2008). La Finanziaria 2008 ha previsto l obbligo di presentazione annuale della dichiarazione di spettanza delle detrazioni d imposta di cui agli artt. 12 e 13 del Tuir. In precedenza, la dichiarazione doveva essere presentata al datore di lavoro all atto dell assunzione; in assenza di variazioni, tale dichiarazione aveva effetto anche per i periodi d imposta successivi. A partire dal periodo d imposta 2008, quindi, il sostituto attribuisce le detrazioni d imposta su richiesta del dipendente. A tal proposito, è stato chiesto all Agenzia delle entrate quale comportamento deve tenere il sostituto d imposta nel caso in cui il lavoratore non restituisca il modulo di richiesta debitamente compilato in tempo utile per l elaborazione dei cedolini paga di gennaio, ovvero non lo restituisca del tutto. L Agenzia, con la circ. n. 15/ 2008 (par. 1.1), ha suggerito ai sostituti di fissare un termine di consegna del modello sulla base delle proprie esigenze tecnico-gestionali, e di riconoscere, medio tempore, le detrazioni per carichi di famiglia. Nel caso in cui il lavoratore non fornisca detta comunicazione entro il termine stabilito, il sostituto d imposta, a partire dal mese successivo, non deve più riconoscere le detrazioni fiscali, provvedendo, altresì, a recuperare le detrazioni già attribuite. L Agenzia delle entrate ha, inoltre, specificato che la disposizione vale principalmente per l attribuzione delle detrazioni per carichi di famiglia, mentre non sussistono problemi per il riconoscimento delle altre detrazioni di cui all art. 13 del Tuir, la cui spettanza è collegata a situazioni oggettive delle quali il sostituto è già a conoscenza (ad esempio, la qualità di dipendente o di percettore di redditi assimilati). L art. 1, c della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007), derogando alla disposizione di cui all art. 24, c. 3, ultimo periodo del Tuir, riconosce ai soggetti non residenti, limitatamente agli anni 2007, 2008 e 2009, le detrazioni per carichi di famiglia. L art. 1 del decreto n. 149/2007, stabilisce che i soggetti residenti in uno Stato membro dell Unione europea o in Stati aderenti all Accordo sullo Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia), per fruire delle detrazioni, debbano attestare, tramite dichiarazione sostitutiva di atto notorio: il grado di parentela del familiare e il mese dell anno nel quale si sono verificate o cessate le condizioni previste; che il familiare non dispone di redditi, prodotti anche al di fuori dello stato estero, superiori a E 2.840,51 annui; di non godere nel paese di residenza, o in altro paese, delle detrazioni per carichi familiari. Per i soggetti non residenti negli stati dell Unione europea o in stati aderenti all accordo sullo Spazio economico europeo, l attestazione deve essere resa attraverso: 6/

10 Paghe Cittadini extracomunitari residenti Dati anagrafici del lavoratore Previdenza complementare documentazione originale prodotta dall autorità consolare del paese di origine, tradotta in italiano e asseverata dal prefetto competente per territorio; documentazione con apposizione dell apostille, per i soggetti provenienti da Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell Aja del 5 ottobre 1961; documentazione validamente formata dal Paese di origine, ai sensi della normativa ivi vigente, tradotta in italiano e asseverata, come conforme all originale, dal consolato italiano nel Paese di origine. Ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia per il tramite del sostituto d imposta, le predette attestazioni devono essere accompagnate dalla dichiarazione di spettanza di cui all art. 23, c. 2, lett. a) del D.P.R. n. 600/1973. Anche i cittadini extracomunitari, al pari degli altri contribuenti, sono soggetti all obbligo di indicare il codice fiscale dei familiari per i quali richiedono le detrazioni. Tali contribuenti devono richiedere l attribuzione del codice fiscale dei familiari residenti all estero agli uffici locali dell Agenzia delle entrate, i quali provvedono a rilasciare i codici fiscali dopo aver esaminato la documentazione prevista dalla legge n. 296/2006 (cfr. paragrafo precedente). Se, invece, i familiari sono residenti in Italia, il cittadino extracomunitario è tenuto a produrre, unitamente al modulo di richiesta delle detrazioni, anche lo stato di famiglia rilasciato dagli uffici comunali, dal quale risulti l iscrizione dei familiari nelle anagrafi della popolazione. Compilazione Vediamo le modalità di compilazione del modello di richiesta delle detrazioni d imposta (cfr. facsimile a pag 353). Il dipendente, o il collaboratore, deve riportare i propri dati anagrafici nelle apposite caselle (cognome e nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza alla data di presentazione della dichiarazione, stato civile e titolo di studio). L indicazione del domicilio fiscale alla data del 1º gennaio 2008 è utile al sostituto d imposta per individuare il comune a cui versare l addizionale comunale all Irpef dell anno Per le persone fisiche residenti nel territorio dello Stato, il domicilio fiscale è dato dalla residenza anagrafica; per le persone fisiche non residenti, il domicilio fiscale è dato dal comune in cui è stato prodotto il reddito o, se il reddito è stato prodotto in più comuni, da quello in cui si è prodotto il reddito più elevato. Si precisa che gli effetti delle variazioni di domicilio fiscale decorrono dal sessantesimo giorno successivo a quello in cui si sono verificate. In caso di nuova assunzione, il lavoratore che intende fruire delle detrazioni d imposta deve obbligatoriamente compilare il modello di richiesta e consegnarlo al sostituto d imposta. In questa occasione, il sostituto può richiedere al lavoratore ulteriori informazioni utili alla corretta predisposizione della busta paga, come, ad esempio, il regime di deducibilità applicabile ai contributi eventualmente versati alle forme di previdenza complementare. Ai lavoratori di prima occupazione successiva alla data di entrata in vigore del decreto n. 252/2005 di riforma della previdenza complementare, limitatamente ai primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, è consentito, nei vent anni successivi al quinto anno di partecipazione a tali forme, dedurre dal reddito complessivo i contributi eccedenti il limite di E 5.164,57, pari alla differenza positiva tra l importo di E ,85 e i contributi effettivamente versati nei primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche e, comunque, per un importo non superiore a E 2.582,29. Pertanto, l importo massimo annuale complessivamente deducibile, a partire dal sesto anno di partecipazione al fondo, è pari a E 7.746,86, ricorrendo le condizioni per l incremento. Per lavoratori di prima occupazione si intendono i soggetti che, alla data di entrata in vigore del decreto n. 252/2005 (1º gennaio 2007), non erano titolari di una posizione contributiva aperta presso un qualsiasi ente di previdenza obbligatoria /2008

11 Detrazioni per redditi lavoro dip. e ass. Detrazione per rapporti inferiori all anno Il lavoratore, barrando l apposita casella, dichiara al sostituto di voler fruire delle detrazioni per lavoro dipendente e redditi assimilati per il periodo d imposta In caso di rapporti inferiori all anno, anche le detrazioni per redditi non superiori a E sono rapportate dal sostituto d imposta al periodo di lavoro nell anno. Tuttavia, il percipiente, barrando l apposita casella del modulo di richiesta («Detrazione minima non ragguagliata al periodo di lavoro nell anno»), può beneficiare della misura minima di detrazione senza alcun ragguaglio al periodo di lavoro nell anno. Detrazioni per carichi di famiglia Il lavoratore che intende fruire delle detrazioni per carichi di famiglia deve barrare le apposite caselle, indicare i dati anagrafici e il codice fiscale di ciascun familiare a carico e le condizioni di spettanza (numero di mesi a carico, percentuale, ecc.). Altre informazioni utili per il calcolo dell imposta Il lavoratore può fornire al sostituto ulteriori informazioni per il calcolo delle detrazioni d imposta. Ad esempio, se il lavoratore prevede di percepire altri redditi nel periodo d imposta, in aggiunta al reddito di lavoro, questi può dichiarare un reddito complessivo (presunto) più elevato rispetto a quello di lavoro; in alternativa, può indicare l importo degli altri redditi. In questi casi, le detrazioni d imposta non saranno calcolate sul reddito effettivamente erogato 6/

12 Paghe dal datore di lavoro, ma saranno determinate sulla base di un reddito complessivo più elevato. La richiesta consente al sostituito di evitare una tassazione eccessivamente gravosa in sede di dichiarazione dei redditi. Il lavoratore, barrando l apposita casella, può, inoltre, richiedere l applicazione di un aliquota Irpef più elevata di quella che risulta dal ragguaglio al periodo di paga degli scaglioni annui di reddito. La richiesta di applicazione di un aliquota Irpef più elevata nei singoli periodi di paga è finalizzata ad evitare una tassazione troppo onerosa in sede di conguaglio. Sottoscrizione La dichiarazione deve essere sottoscritta dal lavoratore e consegnata al sostituto all inizio dell anno, o all atto dell assunzione, per permettere al sostituto stesso la corretta applicazione delle detrazioni d imposta a partire dal primo periodo di paga utile. Con la sottoscrizione della dichiarazione, il lavoratore si impegna anche a comunicare al sostituto d imposta eventuali variazioni alla situazione dichiarata. Il lavoratore richiede al sostituto d imposta l attribuzione delle detrazioni per familiari a carico (moglie e quattro figli a carico per l intero periodo d imposta); per il calcolo delle detrazioni d imposta spettanti richiede al sostituto d imposta di tener conto di altri redditi, diversi da quelli di lavoro dipendente, che presume di percepire nel corso del periodo d imposta (per un importo pari a E 4.500,00) /2008

13 6/

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli