OLTREPO PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) Ottobre 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OLTREPO PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) 13-14 Ottobre 2004"

Transcript

1 OLTREPO PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) Ottobre 2004 IL RETICOLO MINORE SOTTO GLI ASPETTI IDRO-GEO-MORFOLOGICI NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Giuseppe Barbero* & Pier Luigi Vercesi** * Dott. di Ricerca Ing. Idraulica - Servizi Geo-Ingegneria e Progettazione, Via Bona di Savoia, 10/A - Pavia ** Prof. Ass. Dip. di Scienze della Terra, Univ. Studi Pavia, Via Ferrata, 1 Pavia GENERALITA La pianificazione territoriale riguarda differenti elementi del territorio, ciascuno dei quali la condiziona in misura più o meno marcata. Uno di questi elementi è il reticolo idrografico superficiale principale e minore, sia esso formato da corsi d acqua naturali oppure da canali artificiali. Il Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) dell Autorità di Bacino del Fiume Po (adottato con delibera n. 18 del 26 aprile 2001 del Comitato Istituzionale e approvato con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 maggio 2004 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 183 dell 8 agosto 2001), ha espressamente previsto (art. 13 delle Norme di Attuazione) che debbano essere programmati gli interventi: di manutenzione degli alvei, delle opere di difesa e dei versanti; di sistemazione e difesa del suolo; di rinaturazione dei sistemi fluviali (e, aggiungiamo noi, dell intero sistema idrografico) e dei versanti; nel settore agricolo e forestale finalizzati alla difesa idraulica e idrogeologica; di adeguamento delle opere viarie di attraversamento. Tutte queste azioni devono essere precedute da una conoscenza dei fenomeni e da uno studio che ne individui le criticità. Ad esempio, l Art. 18 delle NdA del PAI prescrive che. i Comuni effettuano una verifica della compatibilità idraulica e idrogeologica delle previsioni degli strumenti urbanistici vigenti con le condizioni di dissesto presenti e potenziali.. Le recenti norme (D.G.R. 7/7686 e modificata dalla D.G.R. 7/13950) hanno trasferito le competenze in materia di polizia idraulica e manutenzione del reticolo idrico minore agli enti locali quali i Comuni e le Comunità Montane; spetta quindi a loro attuare le attività che consentano al reticolo idrico minore di svolgere adeguatamente la sua funzione. La D.G.R., oltre a definire le modalità di individuazione del reticolo idrico minore e le norme principali che ne devono regolare la gestione, indica le linee essenziali per la

2 valutazione della compatibilità idraulica delle opere di interferenza con il corso d acqua. Nella Delibera si rimanda, inoltre, alla Direttiva dell Autorità di Bacino del Fiume Po per quanto riguarda i criteri tecnici e di calcolo per la valutazione della compatibilità idraulica. La D.G.R. individua anche i limiti di scarico nei corsi d acqua ricettori (escluse le zone montane e gli scarichi diretti nei laghi e nei principali fiumi della regione) e stabilisce che debba essere valutata e verificata la capacità del corpo idrico ricettore a smaltire le portate scaricate. E evidente che nell ambito della pianificazione gli aspetti idro-geo-morfologici siano di primaria importanza nell analisi del reticolo idrico minore e debbano fornire gli elementi tecnici per individuare le problematiche legate all uso e al mantenimento in piena efficienza dei corsi d acqua che lo compongono. Il reticolo idrico superficiale può essere classificato come naturale e artificiale; quest ultimo essenzialmente formato da canali di bonifica e di irrigazione nelle aree di pianura. Si è quindi data una prima classificazione del reticolo idrografico superficiale in funzione della propria origine. Il reticolo può essere anche classificato in base a elementi e caratteristiche dei corsi d acqua che lo compongono: 1. il loro regime idrologico; 2. la loro funzione. Il regime idrologico dei corsi d acqua può variare: nella quantità di deflusso delle acque e nella loro più o meno marcata stagionalità; nella quantità di trasporto solido. La funzione del reticolo è stata considerata differente a seconda delle zone nelle quali scorre. Tuttavia negli ultimi anni sono state attribuite al reticolo una molteplicità di funzioni prevalenti. Nelle aree di pianura la funzione del reticolo idrico minore (naturale e artificiale) classicamente riconosciuta come prevalente è quella di bonifica e trasporto e distribuzione della risorsa necessaria per l irrigazione. A questa, oggigiorno, si possono aggiungere altre funzioni: la difesa del territorio nei confronti delle piene attraverso il drenaggio e il controllo delle acque meteoriche che raggiungono il suolo; la fruizione turistico ricreativa sia dei corsi d acqua maggiori, sia del reticolo minore (naturale e artificiale), con la possibilità di risanare ambientalmente il territorio e quindi utilizzarlo; mantenimento delle condizioni minime di deflusso nei canali. 2

3 Nell ambito collinare e montano il reticolo idrografico (principale e minore) ha la funzione di drenaggio delle acque meteoriche e, attraverso il drenaggio, di risanamento idrogeologico del territorio. Oltre a questa finalità si può riconoscere, anche in questo ambito, la fruizione turistico ricreativa del reticolo idrico da ottenersi mediante il mantenimento di condizioni minime di deflusso. Perché le funzioni sopra elencate possano essere positivamente attuate dal reticolo idrico occorre, innanzitutto, che ne sia mantenuta la necessaria efficienza attraverso la programmazione delle attività di polizia idraulica e di manutenzione degli alvei. La mancanza di una programmazione degli interventi necessari per il mantenimento dell efficienza del reticolo può portare, viceversa, a innescare fenomeni di dissesto idrogeologico, quali alluvioni nelle aree di pianura e frane nelle aree di collina e montane. Inoltre la cattiva conduzione del reticolo ne pregiudica gli aspetti ambientali e il possibile utilizzo a fine ricreativo. L analisi del reticolo idrico minore finalizzata alla pianificazione deve tenere in considerazione alcuni elementi fondamentali che sono strettamente legati al territorio nel quale è inserito e che ha fortemente contribuito a formare e modellare. I tre elementi fondamentali riguardano: 1) le condizioni morfologiche; 2) l assetto geologico; 3) le caratteristiche idrologiche e idrauliche. I tre aspetti, che saranno esaminati sinteticamente in modo separato, sono in realtà legati e concorrono a definire le caratteristiche e le problematiche proprie del reticolo idrico e del territorio da questo solcato. LE CONDIZIONI MORFOLOGICHE Con questo termine ci si riferisce alle condizioni di acclività dei luoghi, normalmente più rilevanti nelle zone delle Prealpi e dell Appennino. La morfologia, in combinazione con gli aspetti geologici, a cui si accennerà nel seguito, incide prevalentemente su due fattori: la genesi e l evoluzione del reticolo idrico superficiale e, conseguentemente, le sue caratteristiche e la sua funzione; l assetto idrogeologico dell area e la sua propensione più o meno sensibile al dissesto. Il primo aspetto è di complessa trattazione e richiederebbe una specifica analisi che non viene qui sviluppata *. Il secondo tema, ancorché di non semplice esame, risulta di maggiore interesse nell ambito delle questioni legate alle problematiche del reticolo idrico minore soprattutto negli ambiti collinare e montano dell Oltrepò Pavese. * Si ricorda che, in funzione del numero di ordini del reticolo, si possono ricavare informazioni sulla sua genesi e sulla sua connessione con l evoluzione morfotettonica di un area. 3

4 La morfologia del corso d acqua, vista come acclività e pendenza, rappresenta uno dei fattori che determinano la potenzialità di erosione dei versanti e la capacità di innescare processi di dissesto negli stessi. È naturale che la più o meno marcata pendenza del corso d acqua sia l elemento essenziale per determinare la capacità di erosione del fondo e delle sponde. La pendenza di un corso d acqua naturale può essere definita mediante la retta di compenso (figura 1), ovvero la retta per la quale, tracciato il profilo del fondo, si compensano le aree comprese tra il profilo e la retta stessa. Cioè l area al di sopra della retta, compresa tra questa e la curva del profilo di fondo deve essere uguale all area posta al di sotto della retta. Quota (m s.l.m.) Profilo di fondo Retta di compenso Distanza dalla sorgente (m) Fig. 1 Esempio del profilo di fondo e della retta di compenso di un corso d acqua minore. La maggiore velocità della corrente nella parte superiore di un corso d acqua ne aumenta la capacità di erosione del fondo (approfondimento) e delle sponde con la possibile attivazione di instabilità dei versanti. Nelle fotografie 1a, 1b e 1c è evidenziato il processo erosivo in atto da parte del corso d acqua sviluppato nei momenti di piena e la conseguente prevedibile destabilizzazione delle sponde. FOTO 1a - Processo erosivo delle sponde di un corso d acqua in depositi colluviali. 4

5 FOTO 1b FOTO 1c Esempi di processi erosivi di sponda (FOTO 1b) e di fondo in un substrato roccioso (FOTO 1c) (depositi torbiditici a stratificazione sub-orizzontale). 5

6 Dall altro lato, il materiale eroso e trasportato a valle, per effetto della diminuzione della pendenza del fondo e quindi della velocità della corrente può depositarsi selettivamente e causare effetti di intasamento e di riduzione della capacità di deflusso della sezione (ad esempio, nei tratti tombinati di attraversamento delle infrastrutture stradali e ferroviarie la riduzione della sezione utile può essere causa di allagamenti anche per piene di modesta entità. Nella fotografia 2 è mostrato un attraversamento stradale parzialmente ostruito dal materiale depositato). FOTO 2 - Tombino parzialmente ostruito per la presenza di materiale depositato. L insorgenza di instabilità dei versanti favorisce, in molti casi, la movimentazione delle specie arboree e arbustive presenti e il loro trasporto verso valle che determina l ulteriore otturazione della sezione in corrispondenza di manufatti e la loro inadeguatezza al deflusso della portata di piena. Un ulteriore aspetto che riguarda la morfologia è rappresentato dall andamento planimetrico dell asta; questa caratteristica, trattandosi del reticolo idrico minore, è del tutto trascurabile. L ASSETTO GEOLOGICO In funzione delle litologie e delle loro caratteristiche reologiche, l azione che concerne l evoluzione del corso d acqua si sviluppa in modo radicalmente differenziato. 6

7 Nelle aree di pianura o di raccordo tra queste e le zone collinari si ha la prevalenza di litologie incoerenti (limi, argille, sabbie e ghiaie); per questo fatto si possono avere ripetuti fenomeni erosivo-deposizionali. Nell area collinare dell Oltrepò Pavese, predominano successioni pseudo coerenti o mediamente coerenti: argilliti più o meno marnose, siltiti, peliti, arenarie e conglomerati mediamente cementati. I fenomeni che prevalgono sono quelli erosivi, con forti incisioni e scarsa deposizione che avviene soprattutto in corrispondenza delle attenuazioni di pendenza e allo sbocco dei corsi d acqua nelle zone di fondo valle. Le forme di paesaggio derivate dall azione dei corsi d acqua sono caratteristiche, con forti tendenze alla costituzione di calanchi o pseudo calanchi (zona di Nivione, Rio Marchese, Rio Mola, etc.). FOTO 3 Esempio di calanchi del varzese Solo in settori alquanto limitati zona meridionale della provincia si ha la presenza di rocce coerenti: calcari più o meno marnosi, calcareniti e arenarie ben cementate che oppongono una forte resistenza all erosione. In questi ambiti (M. Calenzone, dorsale M. Colletta M Lesima, M Penice, placca di Bagnaria Pietragavina, e limitati pochi altri rilievi) lo sviluppo del reticolo assume forme molto incise, arrivando a costruire valli con versanti talora prossimi alla verticalità, assumendo, sia pure eccezionalmente, l aspetto di forre vere e proprie. In queste aree l erosione avviene in tempi lunghi, con scarso trasporto solido a meno che non insorgano particolari condizioni, peraltro non infrequenti. Queste ultime si esplicano nel colmamento più o meno parziale dell alveo da parte di pezzame lapideo, con materiale detritico derivato dallo sfasciume di zone cataclasate, molto spesso associate a resti vegetali (tronchi, ramaglie e arbusti). 7

8 L assemblaggio dei suddetti detriti comporta il più delle volte l otturazione dell alveo con il conseguente verificarsi dell effetto diga e l innesco di veri e propri debris-flows con le inevitabili e facilmente immaginabili conseguenze. FOTO 4 Esempio di forra nella placca di Pizzocorno La caratteristiche di questi fenomeni è data, spesso, dalla rapidità con cui avvengono in seguito a precipitazioni anche di modesta entità. Una funzione di rilevante significato, per non dire di assoluta importanza, è data, di conseguenza, alla corretta regimazione di queste aste idriche che, anche se di limitate dimensioni, possono arrecare e produrre danni e rischi talora cospicui. I danni alle infrastrutture, con conseguenti disagi alla popolazione per l interruzione dei servizi, della viabilità, etc., sono, come ciascuno ben conosce, molto frequenti e definiti con un termine entrato nell uso corrente come dissesto idrogeologico. Però, a ben vedere, non di questo si tratta, nella nuova definizione della dizione, ma di mal funzionamento di un elemento (il corpo idrico) che attraverso una corretta manutenzione (e regimazione) non produrrebbe effetti indesiderati e dannosi. Gli esempi che si possono portare sono molto numerosi e, per lo più, sono contraddistinti dalla carenza di manutenzione. Uno dei tanti esempi tragici è dato dalla frana di Borgomanero innescata dall otturazione di un tombino e dalla conseguente fuoruscita dell acqua che impregnando il versante ha innescato il fenomeno franoso causa di alcune vittime. 8

9 FOTO 5 Esempio di accumulo di debris flow FOTO 6 La cattiva regimazione e la mancata manutenzione provoca la scarsa funzionalità delle opere idrauliche di attraversamento della sede stradale 9

10 LE CARATTERISTICHE IDROLOGICHE E IDRAULICHE Il terzo aspetto riguarda l analisi dell idrologia dell area e l idraulica dei corsi d acqua che formano il reticolo. Come visto in premessa, la corretta gestione del reticolo idrico, principale e minore, richiede, da un lato che ne sia mantenuta l efficienza idraulica attraverso interventi di pulizia e conservazione, dall altro che siano debitamente valutate le condizioni di interferenza tra il corso d acqua e le strutture presenti lungo il suo corso, nuove e esistenti. L analisi idrologica consente di determinare la portata di deflusso (superficiale, ipodermica e profonda); in mancanza di misure dirette la portata è derivata da una procedura di trasformazione degli afflussi in deflussi. La metodologia e le equazioni che intervengono nell operazione sono diverse a seconda dell ambito in cui si deve operare e, di conseguenza, della grandezza idrologica che si vuole ottenere mediante il calcolo. Se, ad esempio, l interesse è volto alla conoscenza della sola portata di piena si fisserà l attenzione dell analisi sulle variabili che maggiormente condizionano il risultato. Se si vuole, invece, conoscere l intero ciclo dell acqua all interno di un bacino (compreso quanto avviene nel sottosuolo), occorre affrontare il problema della trasformazione completa, cioè considerando tutte le variabili e tutti i processi di scambio che hanno luogo tra l esterno e il bacino, e all interno dello stesso, che può essere risolto mediante l equazione del bilancio idrologico. Il bilancio idrologico, ad esempio, si esegue per determinare il fabbisogno irriguo di una coltura e, quindi, valutare la portata necessaria per mantenere le condizioni ottimali di crescita delle piante. L analisi idraulica, fissato il valore della portata, permette di valutare le condizioni di deflusso in un corso d acqua, date le sue caratteristiche geometriche (area, pendenza del fondo) e idrauliche (scabrezza, coefficienti di espansione e contrazione) oppure determinare una caratteristica geometrica (solitamente la sezione del canale). Nel primo caso si verifica un corso d acqua esistente, nel secondo caso si progetta un nuovo canale. L indagine idrologica, attraverso la quale si arriva a determinare le portate di deflusso per mezzo di un processo di trasformazione, è basata, nel caso specifico del reticolo idrico minore, sull analisi dei fattori climatici (o meglio dalle variabili climatiche) proprio dell area che si sta considerando, dei fattori morfologici, di uso del suolo e geologici. Le variabili principali che si possono prendere in considerazione per caratterizzare il clima dell area sono: la precipitazione, la temperatura e l umidità relativa. La loro importanza può essere differente a seconda delle zone e, in particolare, della funzione che si assegna al reticolo idrico minore. Ad esempio in ambito di pianura, ai fini di una funzione irrigua del reticolo idrico, le tre variabili rivestono pari importanza nel determinare la disponibilità della risorsa, le necessità idriche delle colture e la Trattandosi del reticolo idrico minore la totale mancanza di misure dirette di portata è assolutamente la norma. Più correttamente si è soliti chiamare volume di controllo la zona entro la quale avvengono i processi di bilancio idrologico. Nel bilancio idrologico il bacino si fa coincidere con il volume di controllo. 10

11 conseguente capacità di trasporto e distribuzione da parte dei canali (altre variabili che possono essere utilizzate ma i cui valori sono più difficilmente reperibili sono: l irraggiamento solare e la velocità del vento). Sempre a titolo di esempio, per quanto riguarda l ambito collinare appenninico, il fattore climatico essenziale nell analisi del reticolo è la precipitazione che, ad esempio, determina in molti casi le condizioni di innesco dei fenomeni di dissesto idrogeologico. La conoscenza delle quantità e delle modalità con cui si verificano i fenomeni pluviometrici consentono di individuare le condizioni di drenaggio delle acque superficiali e, quindi, valutare in modo il più preciso possibile la funzione dei fossi e dei corsi d acqua nella stabilizzazione e prevenzione dei dissesti potenziali e in atto. STAZIONE Bacino m s.l.m.m. CERVESINA Staffora 70 VOGHERA Staffora 93 VILLA MORINI Staffora 120 RICCAGIOIA Coppa 140 CODEVILLA Luria 146 RIVANAZZANO Staffora 153 TORRAZZA COSTE Luria 159 LANGUZZANO Staffora 384 VARZI Staffora 409 PIZZOCORNO Staffora 478 TORRE DEGLI ALBERI Coppa 545 CASANOVA Staffora 580 S.ALBANO Staffora 604 ZAVATTARELLO Tidone 560 ROMAGNESE Tidone 635 PASSO DEL PENICE Tidone 1146 BRALLO DI PREGOLA Staffora 1005 CASALE STAFFORA Staffora 1070 Tab. 1 Stazioni pluviometriche e pluviografiche utilizzate per il calcolo delle isoiete. La piovosità è, come detto, l elemento climatico che maggiormente condiziona le funzioni e le proprietà del reticolo idrico. La sua variabilità determina la diversità di risposta di un corso d acqua o, nel caso specifico, del reticolo idrico minore alla precipitazione caduta sul suolo. E noto che l altezza di precipitazione (riferita a diverse durate: oraria, giornaliera, ecc.) è una grandezza variabile con la quota. 11

12 In particolare, si ha un aumento della quantità di pioggia caduta al crescere della quota. Nella figura 2 si mostra, a titolo di esempio, la distribuzione spaziale della precipitazione nel territorio dell Oltrepò Pavese calcolata attraverso il metodo di kriging (una specifica procedura di interpolazione spaziale dei dati) a partire dai dati noti di altezze di precipitazione annuale registrate in una serie di stazioni di misura poste all interno del territorio. Nella tabella 1 è riportato l elenco delle stazioni di misura unitamente al bacino idrografico di appartenenza e alla quota sul livello medio del mare (purtroppo non tutte le stazioni di misura sono ancora funzionanti). Nell ambito di questa regione, riferendosi alla pioggia annuale, si osserva una forte variabilità spaziale, passando da circa 700 mm/anno ai piedi delle prime propaggini fino a circa 1600 mm/anno nelle zone montane (quote superiori a 1000 m s.l.m.m.). Un comportamento simile si può riscontrare se si esamina la distribuzione spaziale delle altezze di precipitazione riferite a durate inferiori all anno. La variabilità nello spazio della precipitazione incide nella trasformazione afflussi deflussi, in misura tanto maggiore, quanto maggiore è la dimensione del bacino che si indaga. Per affrontare in modo adeguato il calcolo della trasformazione afflussi deflussi è necessario che sia mantenuta in piena efficienza la rete di misura e di monitoraggio della variabili climatiche, in primis la pioggia. La pianificazione della tutela e degli interventi sul reticolo idrico deve, quindi, tenere conto della funzione essenziale della misura nelle analisi delle caratteristiche idrologiche. L analisi idrologica applicata a un dato bacino imbrifero collinare e montano o di pianura (di bonifica e/o d irrigazione) solcato da un reticolo idrico minore deve, in sostanza, fornire i valori di deflusso in prefissate (in modo adeguato alle necessità del calcolo) posizioni del bacino stesso (sezioni di chiusura). La determinazione della portata di deflusso è essenziale per poter avviare le operazioni di analisi della funzionalità del corso d acqua, la quale consiste, essenzialmente, nel verificarne idraulicamente le sezioni, cioè nel valutarne la capacità di trasporto della portata di pioggia raccolta sul bacino e drenata dal reticolo idrico verso il recapito finale (ad esempio il torrente Staffora nel caso della valle omonima). L analisi idraulica deve essere in grado di verificare le situazioni di insufficienza nel caso del deflusso delle portate di piena. Con insufficienza si intende la condizione per la quale la portata di piena non è in grado di defluire attraverso un data sezione senza che si abbiano effetti negativi (straripamenti, velocità eccessive, ecc.). Inoltre deve identificare le condizioni di deflusso delle portate minime e di magra per potere, conseguentemente, individuare le criticità dovute alla scarsità della risorsa idrica. Nel caso della verifica delle insufficienze del reticolo idrico si possono riconoscere: criticità puntuali determinate da strutture interferenti quali ponticelli, tombinature e altri manufatti; 12

13 criticità distribuite quando la sezione di deflusso di un canale è insufficiente per tratti di una certa lunghezza. Fig. 2 Distribuzione spaziale della precipitazione: isoiete relative ai totali annui dell altezza di pioggia (in mm) in una parte dell Oltrepo Pavese. 13

14 Nella maggior parte delle situazioni relative al reticolo idrico minore, le insufficienze sono dovute all inadeguatezza delle singolarità. Le dimensioni delle strutture interferenti sono spesso non idonee al transito delle portate di piena; in molti casi, specialmente nelle aree di pianura, l insufficienza delle sezioni dei manufatti è dovuta all aumento dell antropizzazione dei bacini imbriferi e al conseguente aumento delle superfici impermeabili. (Il limite posto sui valori della portata massima di scarico nei corsi d acqua, fissata nel PRRA e dalla D.G.R. 7/13950, è indirizzato proprio a intervenire su questo aspetto del problema dell eccesso di deflusso e di insufficienza dei corsi d acqua.) Le strutture possono essere inadeguate al deflusso della portata di piena a causa del parziale intasamento della sezione per effetto di materiale depositato (come illustrato nel paragrafo dedicato agli aspetti morfologici). La non completa pervietà della sezione di deflusso può condurre a condizioni di criticità e straripamenti anche per eventi meteorici non eccezionali. L insufficienza distribuita può essere data, oltre che dalle cause riportate sopra a proposito delle singolarità, anche dalla crescita della vegetazione spontanea che può portare a una riduzione sensibile della sezione utile e ad un aumento consistente della scabrezza dell alveo. Nelle FOTO 7a e 7b sono riportati un esempi di tratti di corsi d acqua nei quali la vegetazione ha occupato quasi interamente la sezione. Non sono condizioni di un libero sviluppo dell ambiente naturale ma di una mancanza totale di manutenzione dell alveo. FOTO 7a Alveo occupato dalla vegetazione arborea. 14

15 FOTO 7b La vegetazione arbustiva ha invaso l alveo ostruendone la sezione. FOTO 8a Sezione di un attraversamento stradale ridotta per il materiale depositato 15

16 Nella fotografia 8a è mostrata la sezione di un altro attraversamento stradale parzialmente ostruita dal materiale inerte depositato; nella fotografia 8b è mostrata la sezione di un attraversamento stradale ridotta per effetto della vegetazione. Anche in questo caso la parzializzazione della sezione di deflusso può condurre a condizioni di criticità e straripamenti per eventi meteorici di non eccezionale intensità. FOTO 8b Sezione di un attraversamento stradale ridotta per la presenza di folta vegetazione Come riportato appena sopra, la condizione di insufficienza di una sezione è strettamente correlata con la scarsa manutenzione della stessa. Non è infrequente, infatti, il caso in cui, a fronte di eventi meteorici non eccezionali, ossia caratterizzati da bassi tempi di ritorno, si abbiano danni anche ingenti dovuti a straripamenti dei corsi d acqua. L analisi idraulica è in grado, se opportunamente indirizzata, di fornire gli elementi per quantificare l effetto di una strozzatura. Prendendo, ad esempio, una sezione rettangolare di un attraversamento stradale, in condizioni di moto uniforme della corrente, pendenza del corso d acqua (o meglio del tratto di corso d acqua in esame) i uguale a 0,005 m/m e di scabrezza K ** uguale a 60 (valore tipico per canali in cemento), una riduzione del 25% dell area A provoca una riduzione della portata che può defluire uguale a circa il 40%. A parità di portata, (oltre che di pendenza e di scabrezza dell alveo) una riduzione della larghezza della sezione B pari al 25% causa un Si può definire il tempo di ritorno di un evento l intervallo di tempo, espresso in anni, che mediamente intercorre tra due superamenti di un dato valore della grandezza in esame (portata, pioggia, ecc.). ** La scabrezza è qui definita mediante il coefficiente K di Strickler; tanto maggiore è il valore di questo coefficiente, quanto minore è la scabrezza della sezione d alveo. 16

17 incremento dell altezza d acqua h pari a circa il 44%. Ossia, perché una fissata portata possa transitare in una sezione la cui larghezza sia ridotta del 25% occorre che il tirante idrico aumenti di circa il 44%. La differenza tra la condizione di parziale intasamento della sezione e di completa pervietà è stata calcolata non tenendo conto dell effetto di aumento della scabrezza dovuto al materiale che, una volta depositatosi, ostruisce parzialmente la sezione. Più difficile è, invece, agganciare al tempo di ritorno dell evento meteorico l innesco di fenomeni franosi e, di conseguenza, valutare con precisione l influenza della scarsa manutenzione degli alvei dei corsi d acqua e delle opere di attraversamento. CONCLUSIONI La valutazione attenta delle caratteristiche idro-geo-morfologiche del reticolo idrico e, in particolare di quello minore, è condizione assolutamente necessaria per comprenderne il funzionamento e programmare gli eventuali interventi di manutenzione da mettere in atto per la conservazione dell efficienza dei corsi d acqua, anche in funzione di quanto previsto dalla normativa vigente richiamata in premessa. Interventi che devono essere attuati non solo per contenere e ridurre i potenziali dissesti idrogeologici che possono derivare dalla scarsa efficienza del reticolo nel drenaggio delle acque meteoriche, ma anche per il mantenimento di una condizione ambientale tale per cui diventi una risorsa anche dal punto di vista turistico-ricreativo. La conoscenza dei diversi aspetti, che si sono richiamati brevemente nel testo, è condizione essenziale per ben operare nel rispetto delle caratteristiche proprie dell area dell Oltrepò Pavese caratterizzata dalla presenza di zone di pianura, di collina e montane. Gli enti locali, a cui è stata trasferita la competenza in materia di polizia idraulica e manutenzione del reticolo minore, hanno sicuramente la conoscenza diretta del proprio territorio e sono i soggetti più idonei per svolgere adeguatamente queste funzioni. Tuttavia occorre che siano sostenuti nelle loro nuove attività, sia dal lato delle competenze tecniche, sia da quello finanziario ed economico. La percentuale Perc è calcolata come rapporto della differenza tra le variabili modificate (X mod ) e originarie (X or ): Perc = 100 (X mod X or )/X or. 17

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA Via Capoluogo, 21-27050 Menconico (PV) Tel. 0383574001 - Fax 0383574156 P. IVA/C.F. 01240140184 Prot. n. 797 Menconico, 15 luglio 2010 Spett.le - COMUNE DI VARZI

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO

REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO Interventi tecnici per regolare il deflusso della massa idrica eccedente (senza compromettere la costituzione di adeguate riserve idriche) Problemi In pianura: flussi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA

DOTTORATO DI RICERCA Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA Difesa e Conservazione del suolo, Vulnerabilità ambientale e Protezione Idrogeologica Ciclo XXII Settore/i scientifico disciplinari di afferenza

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli