Il peso grava sulle generazioni future

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il peso grava sulle generazioni future"

Transcript

1 ab Previdenza per la vecchiaia Il peso grava sulle generazioni future Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

2 Indice Studio Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera Il peso grava sulle generazioni future La presente relazione è il risultato del progetto di ricerca sulla previdenza di vecchiaia e il bilancio generazionale in Svizzera realizzato dal Forschungszentrum Generationenverträge (FZG, Centro di ricerca sui contratti generazionali) dell Università di Friburgo in Brisgovia e dagli economisti di UBS Chief Investment Office WM. Editori UBS SA, Casella postale, CH-898 Zurigo Autori Stefan Moog, economista, FZG Veronica Weisser, economista, UBS SA Bernd Raffelhüschen, economista, responsabile FZG Chiusura di redazione 14 aprile 214 Desktop publishing CIO Digital & Print Publishing Foto di copertina tbradford istock Stampa Neidhart + Schön Group, Zurigo Lingue Italiano, francese, tedesco Ulteriori informazioni Disclaimer Il presente opuscolo è una pubblicazione di marketing e non è soggetto alle disposizioni legali in materia di indipendenza dell analisi finanziaria. 4 In breve 7 Capitolo 1 Lacuna di finanziamento: chi si fa carico delle rendite AVS? 11 Capitolo 2 Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro 16 Capitolo 3 I carichi impliciti nel sistema di previdenza 2 Capitolo 4 Analisi degli scenari e se la situazione si sviluppa diversamente? 22 Capitolo 5 Scenari relativi all evoluzione demografica la questione «immigrazione» SAP n o 84138I-141

3 Editoriale In una società sempre più anziana, la terza età riscopre una seconda giovinezza: la vecchiaia non è più una fase della vita segnata da indebolimento fisico e impoverimento economico. Tutt altro, oggi rimaniamo attivi, autonomi e creativi più a lungo che in passato. Inoltre la popolazione anziana fornisce un contributo significativo alla vita politica e sociale. Ma, inutile nasconderlo, anche con qualche difficoltà: se la società ha dimostrato di sapersi adattare rapidamente alla nuova realtà di una vita più longeva, sana e con meno figli, lo stesso non può dirsi dei sistemi di assicurazione sociale. La previdenza svizzera per la vecchiaia, infatti, è in difficoltà. Dal 21, anno in cui si è assistito al fallimento definitivo dell 11a revisione dell AVS in Parlamento e della proposta di abbassamento dell aliquota di conversione nel 2 pilastro, respinta con votazione popolare, il divario tra necessità di riforma e capacità di riforma si è ulteriormente allargato. Mentre gli esperti sono pressoché unanimi nell invocare l urgenza di una riforma, in ampie fasce di popolazione regna lo scetticismo. Ciò non sorprende visto che, per sua stessa natura, nella previdenza per la vecchiaia è difficile comprendere il complesso rapporto che lega la rendita promessa oggi alla sua finanziabilità futura. Il finanziamento del nostro sistema di previdenza per la vecchiaia è sostenibile nel tempo? A quanto ammonta la lacuna di finanziamento e come vengono ripartiti gli oneri contributivi tra le generazioni? In questa ottica, il Forschungszentrum Generationenverträge (FZG, Centro di ricerca sui contratti generazionali) dell Università di Friburgo in Brisgovia e gli economisti di UBS Chief Investment Office WM hanno analizzato in stretta collaborazione le prospettive a lungo termine dei sistemi svizzeri di previdenza per la vecchiaia e del bilancio pubblico sulla base di dati economici aggiornati. Il nesso tra previdenza per la vecchiaia e bilancio pubblico è lampante promesse di rendita che non potranno essere finanziate attraverso il sistema di previdenza ricadono infine sulle spalle dello Stato. Questo debito pubblico implicito risulta dalla futura differenza tra entrate e uscite del bilancio pubblico. Nell AVS, ma anche nelle altre assicurazioni sociali e nei bilanci di Confederazione, Cantoni e Comuni, così come nel settore sanitario, non è chiaro in che modo, alla luce del cambiamento demografico, le odierne prestazioni debbano essere finanziate anche in futuro. Bernd Raffelhüschen Veronica Weisser I debiti pubblici odierni sono le imposte di domani. Il basso livello di indebitamento pubblico in Svizzera è la premessa per un positivo sviluppo economico, perché crea le condizioni per basse aliquote fiscali e un contesto competitivo capace di attirare imprese e forza lavoro efficienti. Le imposte versate da imprese e lavoratori formano a loro volta la base per finanziare le prestazioni erogate dall amministrazione pubblica. Con un debito pubblico di appena il 36% del prodotto interno lordo (PIL), la Svizzera è un modello nel panorama internazionale. Ma affinché anche le generazioni future possano beneficiare di un contesto altrettanto favorevole occorre assicurare un finanziamento sostenibile ai sistemi sociali pubblici e in particolare alla previdenza per la vecchiaia. Prof. Bernd Raffelhüschen Forschungszentrum Generationenverträge Veronica Weisser UBS Chief Investment Office WM Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 3

4 In breve Lacuna di finanziamento: chi si fa carico delle rendite AVS? Le odierne promesse di rendita AVS superano il valore attuale delle entrate future dell AVS del 173,4% del prodotto interno lordo (PIL) svizzero. In effetti l attuale quadro normativo in Svizzera promette a ogni fascia d età oggi in vita più prestazioni dall AVS di quanto esso imponga invece in termini di obblighi di pagamento. Resta da appurare chi finanzierà la lacuna di finanziamento dell AVS, ovvero il divario tra i diritti alle rendite e gli obblighi di pagamento futuri. Oggi le entrate dell AVS sono tuttora più elevate delle uscite, dato questo che è riconducibile alla struttura d età della popolazione attuale. Sebbene i nati nei primi prolifici anni del dopoguerra abbiano raggiunto l età di pensionamento già nel 29, la maggior parte della generazione del baby boom sta ancora contribuendo al finanziamento dell AVS. Ma non per molto. Nel corso dei prossimi dieci anni quasi un milione di persone in Svizzera raggiungerà l età di pensionamento legale. Il peso grava sulle generazioni future Urge un serio confronto sul problema della sostenibilità e dell equità intergenerazionale nell AVS. Già oggi l AVS grava molto di più sulle generazioni future che non sui pensionati e lavoratori più anziani. A ciò si aggiungono gli oneri per colmare la lacuna di finanziamento dell AVS. Qualora questa lacuna venisse colmata facendo ricorso a un aumento dell imposta sul valore aggiunto a partire dal 225, il valore attuale del carico supplementare nell AVS rispetto a chi oggi ha 65 anni ammonta a circa CHF 66 5 per una persona nata nel 21 e a circa CHF 35 7 per una persona nata nel 198. Per gli 85enni di oggi si ha invece un carico minore di CHF 26 4 all incirca. Il confronto tra i nati nel 21 e gli attuali 85enni evidenzia un carico supplementare nell AVS, a valori attuali, di circa CHF 93 pro capite della generazione che oggi ha 4 anni. Il grafico 1 illustra il carico supplementare/minore equivalente per anno di vita in confronto agli attuali neopensionati (classe 1949) in tre scenari. Primo, secondo lo status quo senza tenere conto della lacuna di finanziamento dell AVS; secondo, in caso di aumento permanente dell imposta sul valore aggiunto; terzo, in caso di aumento permanente delle aliquote contributive AVS dal 225 a scopo di finanziamento nel lungo termine dell AVS. Il carico supplementare delle giovani generazioni può essere inteso come imposta supplementare annuale dell AVS rispetto alla generazione di confronto dei neopensionati, il carico minore degli attuali pensionati invece come regalo fiscale. Grafico 1: equità intergenerazionale nell AVS Carico supplementare/minore per anno di vita in CHF (rispetto alla classe 1949), al netto delle percentuali di crescita e inflazione Anno di nascita Status quo In caso di aumento dell imposta sul valore aggiunto dal 225 In caso di aumento dell aliquota contribuitiva dal 225 Fonte: DFF, UST, UFAS, HMD (Human Mortality Database), calcoli interni 4 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

5 In breve La questione principale è dunque come riformare l AVS senza far pesare i costi del risanamento unicamente sui giovani. Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro Il nesso tra previdenza per la vecchiaia e bilancio pubblico è lampante promesse di rendita che non potranno essere finanziate attraverso il sistema di previdenza ricadono in definitiva sulle spalle dello Stato. Questo indebitamento implicito dello Stato ammonta al 173,4% del PIL nella sola AVS. A questo si aggiungono i debiti impliciti dovuti all incremento delle spese per ragioni demografiche per (si veda il grafico 2): u sanità e assistenza pari al 197,6% del PIL. Di questi, una percentuale del 1% del PIL ricade su Confederazione, Cantoni e Comuni e una percentuale del 97,6% del PIL invece sulle casse malati. Si tratta esclusivamente degli impegni impliciti dovuti all aumento delle spese sanitarie e assistenziali per fattori demografici. Non considera ancora la maggiore pressione di spesa conseguente ai progressi in campo medico, ossia nuovi metodi di trattamento e farmaci; u prestazioni complementari (PC) dell AVS/AI, solo il 17,6% del PIL. Al confronto, questi oneri impliciti incidono in modo quasi trascurabile, sostanzialmente perché le spese per le prestazioni complementari sono inferiori rispetto a quelle dell AVS. Infatti, in futuro anche le uscite per le prestazioni complementari aumenteranno, in termini relativi, nelle stesse proporzioni delle uscite dell AVS; u assicurazione per l invalidità (AI) con un debito implicito negativo pari a 22,8% del PIL. Nell AI la questione demografica pone un problema per l immediato futuro. Con il progressivo invecchiamento della generazione del baby boom, le spese nell AI aumenteranno ancora nei prossimi anni. Dal 23 la situazione dell AI dovrebbe diventare molto meno critica. A lungo termine l AI appare finanziata in modo sostenibile. Il quadro generale (si veda il grafico 2) dimostra infine che i bilanci pubblici di Confederazione, Cantoni e Comuni, attualizzando la loro solida situazione finanziaria e ignorando la pressione di spesa dovuta a fattori demografici, realizzerebbero un eccedenza di finanziamento a lungo termine. Questa contribuirebbe al finanziamento dell AVS o della sanità e assistenza. Ma per questo si presume che la politica finanziaria rimanga solida come nell ultimo decennio. Grafico 2: come incide il sistema di previdenza sul debito implicito dei bilanci pubblici Lacuna di sostenibilità in percentuale del PIL, anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% 173,4 166, 1, 97,6 17,6 22,8 AVS Sanità e assistenza (Confederazione, Cantoni e Comuni) Sanità e assistenza (cassa malati) PC AI 199,8 Confederazione, Cantoni e Comuni (senza sanità, assistenza, prestazioni complementari) Somma (lacuna di sostenibilità del bilancio pubblico) PC = prestazioni complementari AI = assicurazione per l invalidità Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 5

6 In breve La lacuna di sostenibilità in Svizzera Sommando al debito esplicito del 35,5% del PIL nel 211 il debito pubblico implicito della Svizzera, si ottiene un debito pubblico effettivo svizzero del 22,9% del PIL. Detraendone l attuale patrimonio esplicito pari al 36,9% del PIL, la lacuna di sostenibilità svizzera risulta essere del 166% del PIL (si veda il grafico 3). Analisi degli scenari e se la situazione si sviluppa diversamente? Le proiezioni nel lungo termine relative alle entrate e uscite pubbliche sono caratterizzate da forti incertezze per quanto riguarda le condizioni quadro demografiche, economiche e fiscali. Per effetto del periodo di proiezione nel lungo termine, i risultati del bilancio generazionale possono essere suscettibili alle variazioni delle ipotesi su cui poggiano. Le analisi degli scenari relative alla crescita della produttività e al tasso d interesse reale mostrano che anche in caso di evoluzione ideale dei parametri per il bilancio pubblico la lacuna di sostenibilità del bilancio pubblico sarà comunque notevole. L immigrazione, un fattore positivo o negativo per l AVS? Per quanto riguarda gli scenari migratori e della popolazione occorre rilevare che un sistema di per sé non sostenibile come lo è l AVS, il quale promette a tutte le fasce d età oggi in vita più prestazioni derivanti dall AVS di quanto siano obbligate a versare, non può essere risanato con un tasso di immigrazione più elevato. Tuttavia gli oneri di risanamento dell AVS e del bilancio pubblico possono essere Grafico 3: sostenibilità dei bilanci pubblici Finanza pubblica comprensiva delle spese per l assicurazione sanitaria, anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% 167,4% del PIL 35,5% del PIL 36,9% del PIL Debito pubblico implicito Debito pubblico esplicito Patrimonio esplicito Anno di riferimento 211 Lacuna di sostenibilità 166,% del PIL suddivisi su un maggior numero di soggetti. Di conseguenza l aumento dell imposta sul valore aggiunto, necessario per risanare il debito pubblico, risulterà inferiore con un tasso di immigrazione più alto in quanto viene finanziato da un numero più ampio di persone. Se si osservano gli scenari relativi alla struttura d età della popolazione appare evidente che il più accentuato invecchiamento della popolazione (minore fertilità, saldo migratorio pari a zero nel lungo periodo e forte aumento della longevità) comporterebbe un ulteriore aumento della lacuna di sostenibilità in Svizzera. christian müller fotolia.com 6 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

7 1. Lacuna di finanziamento: chi si fa carico delle rendite AVS? Le rendite di vecchiaia che i pensionati possono attendersi in futuro dall AVS superano di gran lunga i contributi che i giovani lavoratori attivi devono versare in futuro all AVS. Resta da appurare chi finanzierà la lacuna di finanziamento dell AVS, ovvero il divario tra i diritti alle rendite e gli obblighi di pagamento futuri. Urge un serio confronto sul problema della sostenibilità e dell equità intergenerazionale nell AVS. Già oggi infatti l AVS pesa molto di più sulle generazioni giovani che non sui pensionati e lavoratori più anziani. Dato che l AVS viene finanziata in base al sistema di ripartizione, nel lungo termine il progressivo invecchiamento della società pone un interrogativo al finanziamento dell AVS. Il processo di invecchiamento agisce su tre fronti: l età media della popolazione svizzera sale innanzitutto come diretta conseguenza del boom demografico («baby boom») degli anni tra il 194 e il 196 e in secondo luogo a causa del crollo delle nascite all inizio degli anni Settanta, senza dimenticare infine il continuo miglioramento della speranza di vita. Il grafico 4 illustra l evoluzione della piramide della popolazione nel tempo (21, 23, 26). I nati negli anni di alta natalità raggiungono l età di pensionamento nel corso dei prossimi vent anni. Di conseguenza il rapporto di dipendenza degli anziani, ossia il numero di persone con più di 64 anni ogni 1 persone di età compresa tra 2 e 64 anni, dovrebbe all incirca raddoppiare entro il 26 (si veda il grafico 5). Anziché le attuali quattro persone in età lavorativa, nel 26 avremo quindi solo due lavoratori per ogni persona sopra i 64 anni. Grafico 5: la sfida demografica Rapporto di dipendenza della popolazione in vari scenari, numero di persone con più di 64 anni ogni 1 persone di età compresa tra 2 e 64 anni Scenario «accelerazione dell invecchiamento» Scenario «rallentamento dell invecchiamento» Anno Scenario di riferimento Fonte: UST, calcoli interni. Le ipotesi dello scenario di riferimento corrispondono allo scenario «medio» dei calcoli previsionali della popolazione dell Ufficio federale di statistica (21). Grafico 4: piramide della popolazione in Svizzera Confronto della struttura della popolazione negli anni 21, 23 e Uomini Donne Età di pensionamento Età Persone Aumento del numero di persone in età di pensionamento (21 26) Fonte: UST, calcoli interni Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 7

8 1 Lacuna di finanziamento: chi si fa carico delle rendite AVS? L invecchiamento comporta delle conseguenze finanziarie Nell AVS le conseguenze dell invecchiamento si riflettono nella ripartizione delle uscite e delle entrate per fasce d età (si veda il grafico 6). Certamente anche le fasce d età più anziane contribuiscono, pagando le imposte, a finanziare l AVS indirettamente, attraverso il contributo della Confederazione. Ma l AVS si finanzia sostanzialmente con il versamento di contributi e imposte della popolazione attiva in età compresa tra i 16 e i 64 anni (si veda il grafico 6, linea verde). Se la vita lavorativa inizia tra i 16 e i 25 anni, i versamenti medi pro capite a favore dell AVS (derivanti da contributi e imposte) si aggirano intorno ai CHF 5 l anno. Man mano che aumenta il reddito da attività lavorativa, aumentano anche i versamenti nell AVS, per raggiungere il valore massimo annuo di circa CHF 8 per la fascia d età tra i 4 e 5 anni. Al contrario, le spese dell AVS sono destinate per loro natura quasi esclusivamente a chi ha superato i 64 anni (si veda il grafico 6, linea rossa). A partire dall età di pensionamento legale degli uomini le spese per abitante registrano un forte incremento, per ammontare in media a circa CHF 24 l anno per i 65enni. Con l avanzare dell età le uscite continuano ad aumentare, sia perché dopo la morte del coniuge la vedova o il vedovo riceve oltre la metà della rendita AVS della coppia, sia perché con il progredire dell età aumentano notevolmente anche le spese degli assegni per grandi invalidi dell AVS. Salta all occhio che le uscite medie sono notevolmente più alte a partire dai 65 anni rispetto alle entrate medie della popolazione attiva in età compresa tra i 2 e 64 anni. Nonostante questa discrepanza, oggi le entrate dell AVS sono ancora ampiamente sufficienti a coprire le uscite, dato che si spiega con l attuale struttura dell età della popolazione (si veda il grafico 6, area blu). La generazione del baby boom sta ancora contribuendo Sebbene i nati nei primi prolifici anni del dopo-guerra abbiano raggiunto l età di pensionamento già nel 29, la maggior parte della generazione del baby boom sta ancora contribuendo al finanziamento dell AVS. Ma non per molto. Con un numero pressoché costante di circa 5 milioni di persone in età attiva, il numero di persone sopra i 64 anni aumenterà continuamente nei prossimi decenni passando dagli attuali 1,3 milioni di persone a circa 2 milioni nel 23 e raddoppiando a circa 2,6 milioni entro il La struttura demografica evidenziata in blu nel grafico 6 si sposta verso destra e una gran parte dei contri- 1 In base allo scenario «medio» dei calcoli previsionali della popolazione dell Ufficio federale di statistica (21). Grafico 6: la sfida demografica dell AVS Piramide delle età della popolazione, ripartizione delle uscite e delle entrate dell AVS per fasce d età Popolazione in 1 persone Entrate/uscite annue per abitante in CHF Età Popolazione 214 (scala sinistra) Popolazione 23 (scala sinistra) Popolazione 26 (scala sinistra) Entrate per abitante (scala destra) Uscite per abitante (scala destra) Fonte: DFF, UST, UFAS, calcoli interni 8 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

9 Lacuna di finanziamento: chi si fa carico delle rendite AVS? 1 buenti di oggi diventeranno dei beneficiari netti nell AVS. In seguito a questo sviluppo, già nel 219 le entrate dell AVS non saranno più sufficienti a coprire le uscite. Bilancio generazionale dell AVS: nessuno paga per l AVS Un ottica alternativa ai futuri problemi di finanziamento dell AVS è fornita dal bilancio generazionale dell AVS. A tal fine, per ogni fascia d età oggi in vita viene determinato l importo che ogni membro medio della rispettiva fascia d età riceverà o verserà all AVS nel corso della sua rimanente durata di vita. La differenza tra i futuri versamenti in entrata e in uscita corrisponde, a valori attuali, al cosiddetto debito fiscale netto della fascia d età nei confronti dell AVS. Se il debito fiscale netto è positivo, la rispettiva fascia d età effettuerà versamenti maggiori nell AVS nel corso della restante durata di vita rispetto a quanto riceverà in prestazioni. Se invece il debito fiscale netto è negativo, la fascia d età in questione effettuerà versamenti inferiori nell AVS nel corso della restante durata di vita rispetto a quanto riceverà in prestazioni. Nella media tale fascia d età rientra quindi tra i futuri beneficiari netti di prestazioni. Per l anno di riferimento 211 il bilancio generazionale dell AVS è illustrato nel grafico 7 2. Il bilancio generazionale mostra che in base all attuale quadro normativo nessuna delle fasce d età oggi in vita evidenzia un debito fiscale netto positivo nei confronti dell AVS. In altre parole, il vigente quadro normativo promette a tutte le fasce d età oggi in vita maggiori prestazioni di quanto esso imponga loro in termini di obblighi di pagamento. Grafico 7: bilancio generazionale dell AVS Anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% Pagamento di imposte netto in CHF Fonte: DFF, UST, UFAS, calcoli interni Età Quadro normativo irrealistico Ma se in futuro tutti ricevono più rendite di quanto non siano tenuti a versare in contributi, è legittimo chiedersi con quali fondi le rendite promesse saranno finanziate. Un simile sistema di previdenza per la vecchiaia potrebbe funzionare solo se in passato fossero stati costituiti accantonamenti destinati al finanziamento delle future promesse di prestazioni non coperte da contributi o imposte. Tuttavia non è il caso dell AVS. È vero che alla fine del 211 l AVS disponeva di una riserva patrimoniale (capitale AVS) di CHF 4 miliardi o del 6,9% del PIL. Ma è anche vero che, in base ai risultati del bilancio generazionale, a fronte di questa riserva patrimoniale vi sono promesse di prestazioni non coperte sia delle generazioni attuali in vita che di quelle future per un ammontare di CHF 16 miliardi o del 18,3% del PIL. Se da questo importo si sottrae l attuale riserva patrimoniale, ne deriva una lacuna di finanziamento AVS pari al 173,4% del PIL svizzero. Di fronte a una lacuna di finanziamento di tali proporzioni è impossibile parlare di sostenibilità di finanziamento per l AVS. I giovani lavoratori di oggi e le generazioni future dovranno pertanto affrontare oneri molto più gravosi di quanto imponga loro l attuale quadro normativo. Il peso grava sulle generazioni future Già oggi i lavoratori più giovani devono sostenere carichi notevolmente superiori. Confrontando i versamenti di contributi e le prestazioni di rendita per tutte le annate dal 19 emerge chiaramente un notevole aumento del carico in base all anno di nascita (si vedano le barre blu nel grafico 8). Rispetto a una persona che oggi entra in pensione a 65 anni (anno 1949), un bambino nato nel 21 deve sopportare un carico supplementare di oltre CHF 92 per anno di vita e una persona nata nel 198 deve farsi carico di CHF 57 in più per anno di vita; senza considerare i carichi per colmare la lacuna di finanziamento dell AVS. Se si considera poi che la lacuna di finanziamento dell AVS debba ad esempio essere colmata con un aumento dell imposta sul valore aggiunto a partire dal 225 (si vedano le barre beige nel grafico 8), il carico supplementare per una persona nata nel 21 è di CHF 159 per anno di vita e per una persona del 198 di CHF 86 per anno di vita 2 Oltre alla ripartizione delle uscite e delle entrate dell AVS nel 211, per l attualizzazione delle entrate e uscite nel futuro conformemente alle ipotesi delle prospettive nel lungo termine dell Ufficio federale di statistica (212), è stata ipotizzata una crescita annua della produttività pari all 1% e un inflazione annua dell 1,5%. Per il calcolo dei valori attuali dei futuri versamenti in entrata e in uscita è stato applicato un tasso d interesse reale pari al 2%. Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 9

10 1 Lacuna di finanziamento: chi si fa carico delle rendite AVS? (sempre rispetto a una persona nata nel 1949). Chi invece è già in pensione da diversi anni ha un beneficio ancora maggiore: infatti una persona di 85 anni (anno 1929) ha un carico fiscale inferiore di circa CHF 68 per anno di vita rispetto ai 65enni appena pensionati. Se si intendesse colmare la lacuna di finanziamento aumentando i contributi AVS a partire dal 225 (si vedano le barre verdi nel grafico 8) si alleggerirebbe il carico su chi è attualmente in pensione e sui lavoratori più anziani, aggravandolo invece ulteriormente sulle generazioni future: rispetto a chi compie 65 anni oggi (anno 1949), chi è nato nel 198 ha un carico supplementare annuo di CHF 85 mentre chi è nato nel 21 di CHF 166. I carichi supplementari/minori, espressi al valore attuale, figurano nella tabella 1. Il contratto generazionale vacilla Urge un serio confronto sul problema della sostenibilità e dell equità intergenerazionale nell AVS. Infatti, nella previdenza per la vecchiaia altre ripartizioni minacciano di gravare sugli attuali lavoratori e sui loro figli: l insufficiente copertura nelle casse pensione di diritto pubblico ammonta a circa CHF 5 miliardi. Anche per questi impegni dovranno essere chiamate a rispondere soprattutto le generazioni giovani e quelle future con pagamenti di imposte. E con ogni probabilità i giovani dovranno accettare un età di pensionamento superiore e tassi di conversione inferiori nel 2 pilastro non solo in ragione di un periodo di percepimento della rendita più lungo ma anche a causa di tassi di conversione troppo generosi per gli attuali pensionati. Quanto all AVS, occorre constatare che il finanziamento delle rendite in futuro rimane un incognita. Inoltre, già oggi si profila un forte incremento del debito dell AVS per anno di nascita. Dato che il diritto vigente in materia di AVS non tiene conto dello sviluppo demografico, è evidente che questo modello non è sostenibile. Bisognerà affrontare un interrogativo importante, ovvero come riformare l AVS senza far gravare i costi di risanamento unicamente sui giovani. Tabella 1: carico delle generazioni nell AVS Carico supplementare (+)/minore ( ) relativo al valore attuale in CHF (rispetto al 1949), al netto delle percentuali di crescita e inflazione Anno di nascita 1929 Anno di nascita 198 Anno di nascita 21 Status quo Aumento dell imposta sul valore aggiunto dal 225 Aumento dell aliquota contributiva dal Fonte: DFF, UST, UFAS, HMD (Human Mortality Database), calcoli interni Grafico 8: equità intergenerazionale nell AVS Carico supplementare/minore per anno di vita in CHF (rispetto alla classe 1949), al netto delle percentuali di crescita e inflazione Anno di nascita Status quo In caso di aumento dell imposta sul valore aggiunto dal 225 In caso di aumento dell aliquota contribuitiva dal 225 Fonte: DFF, UST, UFAS, HMD (Human Mortality Database), calcoli interni 1 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

11 2. Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro Con un debito pubblico del 36% del prodotto interno lordo, la Svizzera è un modello nel panorama internazionale. Di riflesso all invecchiamento demografico, nei decenni a venire si assisterà tuttavia a un forte aumento delle spese per sanità, assistenza e previdenza per la vecchiaia. Questi oneri impliciti pongono anche in Svizzera degli interrogativi relativamente alla sostenibilità dei bilanci pubblici. L invecchiamento demografico non mette in dubbio solo la finanziabilità dell AVS nel lungo periodo. Lo sviluppo demografico costringe anche Confederazione, Cantoni, Comuni e altre assicurazioni sociali a incrementare le voci di spesa in bilancio per erogare prestazioni sanitarie, assistenziali e di previdenza per la vecchiaia (prestazioni complementari ecc.). Allo stesso tempo diminuisce la percentuale di persone in età attiva, quindi i maggiori contribuenti dell assicurazione sociale e del gettito fiscale. In tutti i bilanci (pubblici) incombe quindi la minaccia di un allargamento della forbice tra entrate e uscite. La differenza tra le future spese delle amministrazioni pubbliche e le future entrate dello Stato si chiama debito pubblico implicito, e andrebbe preso altrettanto seriamente come l indebitamento esplicito perché rischia di trasformarsi in maggiori imposte e contributi sociali o in minori prestazioni erogate in futuro. Ciò inciderebbe a sua volta negativamente sull attrattiva e sulla competitività della Svizzera. La terza variante, che prevede di finanziare i futuri deficit semplicemente attraverso nuovi debiti immediatamente percepibili, quindi di trasformare gradualmente il debito pubblico da implicito a esplicito, andrebbe di nuovo a gravare sulle future generazioni. La demografia influisce sulle entrate e uscite del settore pubblico La ripartizione delle entrate e delle uscite dello Stato per fasce d età illustrata nel grafico 9 per l anno di riferimento 211 è alla base del bilancio generazionale svizzero. 3 Le entrate dello Stato sono raffigurate come pagamenti positivi mentre le uscite come pagamenti negativi dei cittadini allo Stato. 4 In ragione dei loro contributi sociali ma anche della maggiore tassazione alla quale sono soggetti, i lavoratori di età compresa tra 2 e 64 anni forniscono il maggiore contributo al finanziamento dello Stato. Ma anche i Cause della lacuna di sostenibilità La difficile situazione delle finanze pubbliche non è però da ricondurre solo all invecchiamento demografico. Le cause di questa evoluzione risiedono piuttosto nel passato e nel presente: oltre alle spese correnti, ogni anno lo Stato assume considerevoli impegni per il futuro, che in molti casi avranno ripercussioni molto ritardate sul bilancio. Quasi tutti i paesi, però, e la Svizzera non fa eccezione, trascurano di accantonare riserve corrispondenti a queste promesse e di adeguare correttamente le promesse al futuro sviluppo demografico e alle sue conseguenze fiscali per pareggiare a lungo termine entrate e uscite dello Stato. La differenza tra le future spese delle amministrazioni pubbliche e le future entrate dello Stato si chiama debito pubblico implicito. Uno sguardo realistico al debito pubblico effettivo considera, oltre al debito esplicito contratto in passato, anche il debito implicito futuro non ancora percepibile oggi. La somma corrisponde al debito pubblico effettivo. Se da questa si detraggono i beni patrimoniali si ottiene la cosiddetta lacuna di sostenibilità. Ieri Oggi Domani Debiti espliciti (debiti accumulati in passato) più Debiti impliciti (debiti assunti promettendo prestazioni ancora prive di copertura, a pari condizioni) Debito pubblico effettivo meno Beni patrimoniali uguale Lacuna di sostenibilità Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 11

12 2 Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro Grafico 9: ripartizione delle entrate e delle spese pubbliche per fasce d età Entrate e uscite dei bilanci pubblici per abitante, in CHF 1 per anno Età Altre entrate Imposte Contribuiti sociali (incl. partecipazione ai costi) Altre uscite Istruzione Sicurezza sociale (AVS/AI, PC, indennità di disoccupazione, riduzione dei premi, aiuto sociale ecc.) Salute e assistenza pensionati contribuiscono in modo non indifferente alle entrate dello Stato attraverso l imposta sul reddito, sul patrimonio e sul valore aggiunto nonché i premi della cassa malati. La ripartizione delle uscite dello Stato per fasce d età mostra invece un quadro opposto. Benché for- 3 I risultati del bilancio generazionale svizzero qui rilevati si basano su una proiezione nel lungo termine dello sviluppo finanziario del bilancio pubblico complessivo. Oltre agli enti pubblici territoriali, ovvero Confederazione, Cantoni e Comuni, esso comprende anche le assicurazioni sociali. Nel perimetro della statistica finanziaria della Svizzera le assicurazioni sociali comprendono l assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), l assicurazione per l invalidità (AI), l assicurazione contro la disoccupazione (AD), l indennità di perdita di guadagno (IPG), gli assegni familiari nell agricoltura (AFam) e l assicurazione di maternità Ginevra. A differenza della statistica finanziaria il bilancio generazionale in Svizzera considera anche le casse malati parte delle assicurazioni sociali. Per via dei costi aggiuntivi che gravano sulle casse malati a causa dello sviluppo demografico, in futuro sono previsti marcati incrementi dei premi o un parziale finanziamento tramite imposte, visto che le riserve disponibili non sono sufficienti per far fronte allo sviluppo demografico a lungo termine. 4 Si precisa che per molte voci di entrata e di uscita non sono disponibili, ovvero non vengono (possono essere) rilevati per ragioni di praticità, dati sulla loro ripartizione per fasce d età. In questi casi si ripartiscono equamente sulla popolazione le corrispondenti voci «altre entrate» e «altre uscite». nisca il maggior contributo al finanziamento dello Stato, la popolazione attiva percepisce in media la minima parte delle uscite dello Stato, che invece sono mediamente superiori per i più vecchi e i più giovani. Per i più giovani si tratta principalmente di spese per l istruzione. Per effetto dei pagamenti delle rendite AVS, delle prestazioni sanitarie e assistenziali e delle prestazioni complementari, ai più anziani sono invece prevalentemente destinate le spese per la sicurezza sociale e la salute. Al netto delle spese, quindi, solo la popolazione di età compresa tra i 25 e i 6 anni fornisce un contributo positivo al finanziamento dello Stato. Diversamente, chi ha meno di 25 anni e chi ha superato i 6 anni in media percepisce annualmente dallo Stato più di quanto versa. L incremento del rapporto di dipendenza degli anziani suggerisce uno sviluppo sempre più divergente tra le entrate e le uscite statali future. Nel bilancio generazionale della Svizzera (si veda il grafico 1) per l anno di riferimento 211 si sommano tutti i pagamenti pro capite futuri di ciascuna generazione. In base all attuale quadro normativo, solo chi oggi ha tra i 15 e i 45 anni contribuirà in futuro al bilancio pubblico più di quanto riceverà. Se si considera l elevato numero di persone nate negli anni del baby boom, oggi in età comprese tra i 5 e i 7 anni, ossia i futuri beneficiari netti delle pre- 12 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

13 Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro 2 stazioni statali, appare subito chiaro che in futuro assisteremo a un divario tra entrate e uscite. Questo divario rappresenta il debito pubblico implicito della Svizzera, pari al 167,4% del prodotto interno lordo (PIL) (si veda il grafico 11). Sommato al debito esplicito del 35,5% del PIL nel 211, si ottiene un debito pubblico effettivo svizzero del 22,9% del PIL. Detraendo dal debito pubblico effettivo il patrimonio esplicito pari al 36,9% del PIL nel 211, la lacuna di sostenibilità svizzera risulta essere del 166% del PIL 5. Nella media, al netto le donne non contribuiscono al bilancio pubblico Dalla ripartizione delle entrate e delle spese pubbliche per fasce d età emerge che solo la popolazione di età compresa tra i 25 e i 6 anni fornisce un contributo positivo al finanziamento dei bilanci pubblici. Oltre alla ripartizione delle entrate e delle spese pubbliche per fasce d età, il bilancio generazionale esamina anche la ripartizione degli oneri di finanziamento tra uomini e donne, illustrata nel grafico 12. Le entrate dello Stato sono raffigurate come pagamenti positivi mentre le uscite come pagamenti negativi dei cittadini allo Stato. Emerge con chiarezza la discrepanza tra uomini e donne. Le donne, soprattutto in età lavorativa, contribuiscono in misura nettamente inferiore alle entrate pubbliche rispetto agli uomini. Questo dato è riconducibile al fatto che, rispetto agli uomini, le donne versano mediamente contributi sociali e imposte minori allo Stato a causa del più basso tasso di occupazione, della maggiore quota di lavoratrici a tempo parziale e del reddito lavorativo più basso (si veda la tabella 2). Tabella 2: importanti indicatori del mercato del lavoro per uomini e donne Uomini Donne Tasso di attività in percentuale 88,1 76,7 (in età compresa tra i 15 e 64 anni) Tasso di attività a tempo parziale in percentuale 13,5 56,8 (tasso di occupazione < 9%) Reddito lordo da attività lavorativa (valore mediano, lavoratori) Attività a tempo pieno in CHF Attività a tempo parziale in CHF Fonte: UST, calcoli interni 5 Il patrimonio esplicito comprende i beni patrimoniali dello Stato nel perimetro della contabilità nazionale. Alle immobilizzazioni finanziarie di Confederazione, Cantoni e Comuni o al fondo di compensazione AVS si aggiungono anche le partecipazioni della Confederazione, come ad esempio La Posta, FFS o Swisscom. Grafico 1: bilancio generazionale della Svizzera Anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% Grafico 11: sostenibilità dei bilanci pubblici Finanza pubblica comprensiva delle spese per l assicurazione sanitaria, anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% Pagamento di imposte netto in CHF Età 167,4% del PIL 35,5% del PIL 36,9% del PIL Debito pubblico implicito Debito pubblico esplicito Patrimonio esplicito Lacuna di sostenibilità 166,% del PIL Anno di riferimento 211 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 13

14 2 Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro Grafico 12: ripartizione delle entrate e uscite pubbliche per età e sesso Entrate e uscite dei bilanci pubblici per abitante, in CHF 1 per anno Età Entrate uomini Entrate donne Uscite uomini Uscite donne Grafico 13: bilancio generazionale degli uomini e delle donne Anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% Pagamento di imposte netto in CHF Età Uomini Donne In riferimento alle prestazioni pubbliche si rilevano invece differenze solo minime tra uomini e donne (grafico 12). Solo in età avanzata le donne ricevono in media prestazioni leggermente più elevate rispetto agli uomini. Una volta detratte tutte le spese anche le donne in età lavorativa contribuiscono positivamente al finanziamento dello Stato nell anno in questione, tuttavia le prestazioni pubbliche vengono finanziate sostanzialmente dalle imposte e dai contributi sociali della popolazione maschile attiva. La ripartizione sbilanciata degli oneri destinati al finanziamento delle prestazioni pubbliche trova riscontro anche nel bilancio generazionale degli uomini e delle donne (si veda il grafico 13). A tal fine sono stati sommati di nuovo tutti i pagamenti tra lo Stato e i cittadini per le fasce d età oggi in vita lungo la loro restante durata di vita, in questo caso però distintamente per uomini e donne. La prospettiva basata sul ciclo di vita del bilancio generazionale mostra che in riferimento alle donne tutte le fasce d età oggi in vita sono, nel corso della loro durata di vita restante, in media beneficiarie nette di prestazioni statali. A confronto, sul fronte degli uomini tutte le fasce d età fino all età attuale di 55 anni rientrano, nel corso della loro restante durata di vita, tra i contribuenti netti. Tuttavia, se si osservano le fasce d età prossime al pensionamento anche gli uomini fanno parte dei beneficiari netti di prestazioni statali. Percepimento della rendita più lungo per le donne La discrepanza tra il bilancio generazionale degli uomini e delle donne non è tuttavia dovuta solo alla ripartizione iniqua degli oneri di finanziamento tra i sessi, ma rispecchia anche la speranza di vita più elevata delle donne e la loro età di pensionamento più bassa. In riferimento all ammontare delle prestazioni pubbliche si rilevano differenze solo minime tra uomini e donne, ma dato che queste ultime percepiscono le rendite già prima e che la loro speranza di vita è maggiore rispetto a quella degli uomini, in media le donne riceveranno le prestazioni pubbliche per un periodo di tempo più lungo. Al contempo occorre tuttavia tenere presente che il bilancio generazionale rileva solo i flussi di pagamento effettivi tra lo Stato e i cittadini. In particolare non viene rilevato il contributo sociale delle donne nell ambito della cura dei figli e dell assistenza ai malati e agli anziani. Nel bilancio generazionale queste prestazioni assistenziali vengono invece registrate soltanto come «fattori di costo», ad esempio in seguito alla concessione di accrediti per compiti educativi e assistenziali nell AVS/AI. Inoltre i versamenti più bassi per imposte e contributi sociali delle donne, riconducibili alla loro minore quota di occupazione e al maggiore tasso di lavoratrici a tempo parziale, sono dovuti verosimilmente, almeno in parte, alla carente offerta di servizi di assistenza ai bambini. In altri termini, la ripartizione iniqua 14 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

15 Calcolare onestamente il debito pubblico senza dimenticare il futuro 2 degli oneri tra uomini e donne nell ottica dello Stato riflette anche in questo ambito il potenziale (di entrate) non ancora sfruttato dovuto alla più bassa presenza delle donne sul mercato del lavoro. Per l AVS è emerso che nessuna generazione versa in media più contributi all AVS di quanto si aspetti di ricevere. Il bilancio generazionale relativo all intero bilancio pubblico svizzero indica tuttavia che anche qui si individua un gruppo solo ristretto di contribuenti netti. Il finanziamento del bilancio pubblico si basa fondamentalmente sulle imposte e sui contributi sociali della popolazione maschile attiva, che tuttavia non sono sufficienti per finanziare le attuali prestazioni statali anche in futuro. Questo divario rappresenta la lacuna di sostenibilità della Svizzera. pressmaster fotolia.com Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 15

16 3. I carichi impliciti nel sistema di previdenza I debiti impliciti dei bilanci pubblici sono riconducibili all incremento delle spese per sanità, assistenza e previdenza per la vecchiaia legato a ragioni di ordine demografico. Con il 173,4% del PIL, la sola AVS incide in misura significativa sulla lacuna di sostenibilità dei bilanci pubblici. L assenza di copertura degli oneri finanziari, pari al 196,7% del PIL, rappresenta una grande sfida per il sistema sanitario e assistenziale. Nel 21 la Svizzera ha deciso a favore di una modifica della Costituzione federale per porre un freno all indebitamento. Il successo di questa misura è palese. Dalla sua prima applicazione nel 23, il debito pubblico svizzero è sceso dal 53,4% del PIL al 35,5% del PIL nel 212. Soprattutto rispetto agli Stati dell Unione europea, la Svizzera mostra una condotta più che esemplare. Tuttavia, la vera sfida per la sostenibilità delle finanze pubbliche in Svizzera non è rappresentata tanto dai debiti espliciti correnti quanto dai debiti impliciti futuri legati a fattori demografici che, nell ordine del 167,4% del PIL, corrispondono a più del quadruplo dei debiti espliciti (si veda a pag. 13). A differenza di quelli espliciti, i debiti impliciti dei bilanci pubblici sono riconducibili alle conseguenze dello sviluppo demografico, soprattutto per il sistema di previdenza. Per effetto delle promesse di rendita prive di copertura, nella sola AVS la lacuna di sostenibilità ammonta al 173,4% del PIL (si veda a pag. 9). Le sfide legate al finanziamento del primo pilastro della previdenza per la vecchiaia non devono tuttavia trarre in inganno inducendo a pensare che in altri comparti del sistema di previdenza la situazione sia meno problematica (si veda il grafico 14). Il finanziamento delle spese per sanità e assistenza: la grande sfida del futuro La lacuna di sostenibilità dovuta all incremento, per ragioni demografiche, delle spese per sanità e assistenza è pari al 197,6% del PIL. Di questi, una percentuale del 1,% del PIL ricade su Confederazione, Cantoni e Comuni e una percentuale del 97,6% del PIL sulle casse malati. Non considera ancora la maggiore pressione di spesa conseguente ai progressi in campo medico, ossia nuovi metodi di trattamento e farmaci. La causa di questa lacuna di sostenibilità si rispecchia a sua volta in misura netta nella ripartizione delle entrate e delle uscite del sistema sanitario e assistenziale per fasce d età (si veda il grafico 15). A differenza dell AVS, tutte le fasce d età a eccezione di bambini e giovani contribuiscono in misura analoga al finanziamento delle spese per sanità e assistenza. Ciò è riconducibile al fatto che un assicurato, a prescindere da età, sesso e reddito, deve versare un premio identico per il finanziamento delle casse malati. 6 Per contro, le spese sanitarie e assistenziali, pari a CHF 39 su base annuale all età di 2 anni, salgono a CHF 89 al momento del pensionamento all età di 65 anni, si aggirano già su CHF 24 per Grafico 14: come incide il sistema di previdenza sul debito implicito dei bilanci pubblici Lacuna di sostenibilità in percentuale del PIL, anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% 173,4 166, 1, 97,6 17,6 22,8 Sanità e assistenza (cassa malati) PC AI 199,8 Somma Confederazione, Cantoni e (lacuna di Comuni (senza sanità, assistenza, sostenibilità del prestazioni complementari) bilancio pubblico) PC = Prestazioni complimentari, AI = Assicurazione per l invalidità Sanità e assistenza AVS (Confederazione, Cantoni e Comuni) 16 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

17 I carichi impliciti nel sistema di previdenza 3 una persona che oggi ha 85 anni e raggiungono mediamente un livello di CHF 46 per una persona che ha compiuto 1 anni. Pertanto, per effetto dell aumento del rapporto di dipendenza degli anziani, le uscite per sanità e assistenza crescono più velocemente delle entrate. Rispetto all AVS, le conseguenze dell invecchiamento per le spese legate a sanità e assistenza emergeranno più gradualmente ma, a partire dai 65 anni, a causa dell accelerazione nella crescita delle spese, si avvertiranno in misura più accentuata e per un periodo più lungo. In particolare, finora le ingenti spese per sanità e assistenza a partire dagli 85 anni incidono in misura pressoché trascurabile. Attualmente gli oltre 85enni rappresentano solo il 2,2% della popolazione totale. Entro il 23 questa percentuale salirà già al 3,8% ed entro il 26, con una stima del 7,8%, sarà quasi triplicata. La portata delle sfide future per il finanziamento delle spese legate a sanità e assistenza si evince ancor più chiaramente da un esame del bilancio generazionale del sistema sanitario e assistenziale (si veda il grafico 16). Come nel caso dell AVS appare chiaro che, date le attuali condizioni 6 Tuttavia, i premi delle casse malati variano in base al domicilio e al modello di assicurazione. A causa dell aumento correlato all età della partecipazione ai costi, si registra persino un lieve incremento in base all età dei contributi per il finanziamento del sistema sanitario e assistenziale. quadro, tutte le fasce d età oggi in vita riceveranno mediamente, negli anni di vita futuri, un volume di prestazioni superiore a quanto versato in premi, partecipazione ai costi e imposte per il finanziamento del sistema sanitario e assistenziale. In particolare, si evidenzia come, per un neonato che nasce oggi, la copertura insufficiente sia già pari a CHF 29, mentre nell AVS è solo di CHF 5. Questa copertura insufficiente per i neonati di oggi implica che, sempre nelle attuali condizioni quadro, anche non considerando i cambiamenti nella piramide delle età della popolazione, né l AVS né il sistema sanitario e assistenziale potranno essere finanziati nel lungo periodo. Influenza pressoché trascurabile delle prestazioni complementari Per contro, la lacuna di sostenibilità dovuta alle spese future per le prestazioni complementari (PC) dell AVS/AI, pari a solo il 17,6% del PIL, incide in modo pressoché trascurabile. Ciò rispecchia sostanzialmente le spese sostenute per le prestazioni complementari, di entità sensibilmente inferiore rispetto all AVS e al sistema sanitario e assistenziale. In termini relativi, tuttavia, in futuro le uscite per le prestazioni complementari aumenteranno nelle stesse proporzioni delle uscite dell AVS e di quelle per la sanità e l assistenza poiché anche nel caso delle prestazioni complementari si osserva una crescita costante delle spese con l età (si veda il grafico 17). Un osservazione di rilievo: come nel caso dei costi per la sanità e l assistenza, anche per le prestazioni complementari si registra, a partire dagli 8 anni di età, un chiaro aumento delle spese dovuto al fatto che le prestazioni com- Grafico 15: entrate e uscite del sistema sanitario e assistenziale Entrate e uscite per abitante, in CHF 1 per anno Età Entrate casse malati Entrate Confederazione, Cantoni e Comuni Uscite casse malati Uscite Confederazione, Cantoni e Comuni Grafico 16: il bilancio generazionale del sistema sanitario e assistenziale Anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% Pagamento di imposte netto in CHF Casse malati Età Confederazione, Cantoni e Comuni Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 17

18 3 I carichi impliciti nel sistema di previdenza plementari, al di là delle mere prestazioni per la garanzia del minimo vitale, vengono usate, in caso di necessità, anche per il contributo personale alle spese per l assistenza. Di conseguenza, per il bilancio generazionale delle prestazioni complementari (si veda il grafico 18) emerge un trend simile a quello dell AVS e del sistema sanitario e assistenziale. Ciò significa che tutte le fasce d età oggi in vita riceveranno mediamente, negli anni di vita futuri, prestazioni complementari di importo più elevato rispetto alle imposte che sono tenute a versare per il loro finanziamento. A lungo termine l assicurazione per l invalidità appare finanziata in modo sostenibile Nell assicurazione per l invalidità (AI) la situazione è più rosea. Con una lacuna di sostenibilità negativa pari a 22,8% del PIL, a lungo termine la AI appare finanziata in modo sostenibile. Sebbene dagli anni Novanta l AI debba far fronte a problemi di finanziamento cronici, nell AI la questione demografica pone piuttosto un problema per l immediato futuro. Pertanto, con il progressivo invecchiamento della generazione del baby boom, le spese nell AI aumenteranno ancora nei prossimi anni. Dal 23 la situazione dell AI dovrebbe diventare molto meno critica. I motivi si evincono nuovamente dalla ripartizione delle entrate e delle uscite dell AI per fasce d età (si veda il grafico 19). Come nel caso dell AVS, anche l AI è sostanzialmente finanziata, oltre al contributo della Confederazione, dagli oneri sociali della popolazione attiva di età compresa tra 2 e 64 anni. A differenza dell AVS, però, anche le uscite dell AI sono destinate solo alla popolazione al di sotto dei 65 anni. Non va tuttavia trascurato il fatto che le spese dell AI aumentano costantemente fino all età di 64 anni, cosicché anche l AI, a causa dell invecchiamento della generazione del baby boom nei prossimi anni, dovrà confrontarsi con una certa pressione finanziaria. Ciò nonostante, l aumento del rapporto di dipendenza degli anziani nel lungo periodo non avrà sostanzialmente ricadute negative sull AI. Questa prospettiva positiva trova riscontro anche nel bilancio generazionale dell AI (si veda il grafico 2). A differenza dei bilanci generazionali dell AVS, del sistema sanitario e assistenziale e delle prestazioni complementari, nel caso dell AI, quasi tutte le fasce d età oggi in vita riceveranno mediamente, negli anni di vita futuri, un volume di prestazioni inferiore rispetto ai contributi e alle imposte versati per il relativo finanziamento. Infine, il quadro generale evidenzia come la lacuna di sostenibilità del bilancio pubblico complessivo sia nettamente inferiore alla somma delle lacune di finanziamento del sistema di previdenza (si veda il grafico 14). Ciò è dovuto al fatto che, attualizzando la loro solida situazione finanziaria e ignorando la pressione di spesa dovuta a fattori demografici, i bilanci pubblici di Confederazione, Cantoni e Comuni realizzerebbero un eccedenza di finanziamento a lungo termine. Ma per questo si presume che la politica finanziaria rimanga solida come nell ultimo decennio. Grafico 17: entrate e uscite delle prestazioni complementari Entrate e uscite per abitante, in CHF 1 per anno Grafico 18: il bilancio generazionale delle prestazioni complementari Anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% 16 4,5 14 4, 12 3,5 1 3, 8 2,5 2, 6 1,5 4 1, 2, Età Pagamento di imposte netto in CHF Popolazione 214 in migliaia (sinistra) Entrate per abitante (destra) Uscite per abitante (destra) Età 18 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

19 I carichi impliciti nel sistema di previdenza 3 Grafico 19: entrate e uscite dell assicurazione per l invalidità Entrate e uscite per abitante, in CHF 1 per anno 16 3, Grafico 2: il bilancio generazionale dell assicurazione per l invalidità Anno di riferimento 211, crescita della produttività = 1%, tasso reale = 2% ,5 2, 1,5 1,,5 Pagamento di imposte netto in CHF Popolazione 214 in migliaia (sinistra) Età Entrate per abitante (destra) Uscite per abitante (destra) Età Sistema di previdenza svizzero: il peso dell invecchiamento demografico grava sulle generazioni future photo_concepts istock Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera 19

20 4. Analisi degli scenari e se la situazione si sviluppa diversamente? Le proiezioni a lungo termine relative alle entrate e uscite pubbliche sono caratterizzate da forti incertezze per quanto riguarda le condizioni quadro demografiche, economiche e fiscali. Per effetto delle proiezioni nel lungo periodo, i risultati del bilancio generazionale possono essere suscettibili a variazioni delle ipotesi su cui poggiano relative all entità della crescita di produttività e al livello reale dei tassi. Oltre al cambiamento demografico e delle condizioni quadro politiche, l andamento delle entrate e delle uscite pubbliche nel tempo è fondamentalmente determinato dallo sviluppo economico generale. Per effetto del reddito crescente, una maggiore crescita economica comporta un aumento delle entrate pubbliche sotto forma di imposte e oneri sociali più elevati. Ma si accompagna anche, indirettamente e con un certo ritardo temporale, a un incremento delle spese pubbliche. L aumento dei salari nell economia privata si estende in linea generale agli occupati del settore pubblico generando così, per lo Stato, maggiori spese per il personale come pure, a livello generale, maggiorazioni dei prezzi per merci e servizi con un conseguente aumento delle spese pubbliche per materiali e investimenti. Infine, anche l entità di molte prestazioni sociali pubbliche, sia che si tratti di rendite AVS/AI, prestazioni complementari, indennità di disoccupazione o aiuto sociale, è legata all evoluzione dei salari e dei prezzi e pertanto anche le spese pubbliche per le prestazioni sociali aumentano. Per questi motivi, alla base del bilancio generazionale vi è l ipotesi semplificativa che le entrate e le uscite pubbliche per abitante aumentano nel tempo con l evoluzione dei salari. In questa prospettiva lo scenario di riferimento per il bilancio generazionale presuppone una crescita a lungo termine della produttività o dei salari reali nell ordine dell 1% all anno. Fanno eccezione le rendite AVS/AI e le prestazioni complementari. Secondo l attuale contesto normativo, per queste spese è stato ipotizzato un aumento nel corso del tempo legato alla media dell evoluzione dei salari e dei prezzi (indice misto o di rendita). In base all indice misto, le rendite AVS/AI e le prestazioni complementari aumentano nel tempo più velocemente dei prezzi al consumo (inflazione) ma in misura meno accentuata rispetto ai salari reali. Ciò frena l aumento, legato a fattori demografici, delle uscite per le rendite. Qual è attualmente l influsso della crescita di produttività ipotizzata sui risultati del bilancio generazionale? Per rispondere a questa domanda, occorre fare riferimento al grafico 21 che riporta la lacuna di sostenibilità risultante da scenari alternativi sia per l entità della crescita di produttività che per il livello dei tassi. I possibili scenari prevedono una crescita di produttività dello,5, 1 e 1,5% combinata con tassi reali del 2, 3 e 4%. Lo scenario di riferimento corrisponde a un tasso di crescita della produttività dell 1% combinato con un tasso d interesse reale del 2% (si veda la colonna rossa nel grafico 21). Grafico 21: lacuna di sostenibilità (in % del PIL) per scenari alternativi relativi a crescita di produttività e tassi Anno di riferimento 211, crescita di produttività g, tasso reale r Grafico 22: aliquota IVA sostenibile per scenari alternativi relativi a crescita di produttività e tassi Anno di riferimento 211, crescita di produttività g, tasso reale r 184,7 13,7 13,1 12,1 166, 11,4 11,7 1,3 99,9 1,5 1,5 12, 92,2 6,3 9,1 8,4 55,3 49, g = 1,5 % g = 1, % g =,5 % g = 1,5 % g = 1, % g =,5 % r = 2% r = 3% r = 4% r = 2% r = 3% r = 4% 2 Previdenza per la vecchiaia e bilancio generazionale in Svizzera

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE.

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. Whitehall Reply ha supportato INPS nell arricchimento dell offerta online di servizi al cittadino rendendo

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Swiss Life Flex Save Uno/Duo Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Approfittate di una moderna assicurazione di risparmio con prestazioni garantite e opportunità di rendimento Swiss Life Flex

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS 3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 In breve I beneficiari di rendite di vecchiaia e di prestazioni complementari all AVS/AI che risiedono in Svizzera e sono

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS Nuovo numero AVS Stato del progetto al 1 novembre 2007 Introduzione del nuovo numero AVS 1 L utilizzazione graduale del nuovo numero nell assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS), nell assicurazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli