La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale"

Transcript

1 La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo Facoltà di Scienze della Comunicazione

2 La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità del Sistema europeo di banche centrali (SEBC), composto dalla Banca centrale europea (BCE) e dalle Banche centrali nazionali (BCN) dei paesi membri della UE. Gli organi decisionali della BCE: il presidente, il comitato esecutivo, il consiglio direttivo. Il comitato esecutivo è composto da 6 membri dell UEM, compreso il presidente della BCE nominato di comune accordo dai governi dei paesi membri dell UEM. Al comitato esecutivo è demandata l attuazione della politica monetaria secondo le decisioni e gli indirizzi stabiliti dal consiglio direttivo, al quale compete anche scegliere gli strumenti da adottare, le condizioni, i criteri e le procedure per l attuazione della politica monetaria.

3 La politica Monetaria Il consiglio direttivo è composto dai membri del comitato esecutivo e dai governatori delle BCN, ove ogni membro ha diritto di un voto (maggioranza). Il consiglio generale (ruolo di coordinamento, non ha autorità) che comprende i membri del consiglio direttivo e i governatori delle BCN dei paesi che non sono entrati nell UEM, ad esempio la BUK. Alle BCN, o ad altri organismi, viene demandato il compito di regolamentazione e vigilanza sul sistema finanziario, in virtù delle norme interne dei vari paesi membri, senza che vi sia nessuna centralizzazione delle funzioni a livello europeo.

4 Indipendenza L indipendenza politica esclude che la BCE possa ricevere indirizzi o condizionamenti da parte dei governi, assicura la possibilità di decidere la misura del tasso di inflazione. L indipendenza economica è assicurata dalla possibilità di scegliere gli strumenti ritenuti più opportuni per realizzare la stabilità monetaria, senza l intervento di organi esterni. L indipendenza operativa fa divieto alla BCE di aprire linee di credito a istituzioni pubbliche dell UE. L acquisto di titoli pubblici è consentito soltanto sul mercato secondario (ossia, come operazione di mercato aperto). L unico condizionamento all indipendenza della BCE potrebbe derivare dalla norma (Accordi di Maastricht) che affida al Consiglio dei ministri la responsabilità di stabilire il tasso di cambio dell Euro.

5 Obiettivi della politica Monetaria 1. definire e attuare la politica monetaria dell Unione monetaria; in particolare, la BCE ha il diritto esclusivo di autorizzare l emissione di banconote all interno dell Unione e a tal fine compie opportune operazioni finanziarie; 2. svolgere le operazioni sui cambi ai fini di influenzare il cambio dell euro con le altre monete e contrastarne fluttuazioni eccessive o erratiche; 3. detenere e gestire le riserve ufficiali degli Stati membri; 4. promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento. Il Consiglio direttivo della BCE ha l obiettivo della stabilità dei prezzi come un incremento annuale nel medio periodo inferiore al 2% dell indice armonizzato dei prezzi al consumo per i paesi membri (inflation targeting).

6 Obiettivi di politica economica Senza pregiudicare l obiettivo inflation targeting, il SEBC deve dare sostegno all insieme delle politiche economiche dell Unione, agendo in conformità con il principio di un economia di mercato, aperta e in libera concorrenza, favorendo un allocazione efficiente delle risorse. Viene attribuita importanza ad un insieme di variabili intermedie (obiettivi operativi) è rappresentato dal tasso di interesse a breve termine, che viene periodicamente annunciato, al fine di eliminare eventuali incertezze sull orientamento della politica monetaria. Gli aggregati monetari assumono un ruolo centrale, per indicare l evoluzione dell autorità monetaria. Il Consiglio direttivo ha scelto di annunciare anche un valore di riferimento per l aggregato M3.

7 Aggregato monetario M 3

8 Strumenti di politica Monetaria Operazioni di mercato aperto, per iniziativa delle controparti, la riserva obbligatoria. Le operazioni di mercato aperto (compravendita di titoli = vendita/acquisto valuta, aumento/riduzione di M S ) si possono dividere: 1. operazioni di rifinanziamento principali sono forme di finanziamento con frequenza settimanale a scadenza a due settimane, mediante aste che si svolgono nell arco di 24 ore dall annuncio (aste standard); il tasso di interesse è quello con il quale la BCE indirizza i movimenti dei tassi di mercato; 2. operazioni di rifinanziamento a lungo termine; sono forme temporanee di finanziamento con frequenza mensile e scadenza tre mesi, mediante aste standard (no annuncio);

9 Strumenti di politica Monetaria 3. operazioni di fine-tuning (aggiustamento del ciclo), effettuate senza scadenze prestabilite, al fine di regolare controllare l evoluzione dei tassi di interesse, causati da fluttuazioni impreviste della liquidità del mercato; (temporanee o definitive di swap in valuta o di raccolta di depositi a tempo determinato), mediante aste veloci o procedure bilaterali; 4. operazioni di tipo strutturale, sotto forma di emissione di certificati di debito, compiute per modificare la posizione strutturale del SEBC nei confronti del settore finanziario. Le operazioni su iniziativa delle controparti tendono a immettere o assorbire liquidità overnight e a fornire un limite alle fluttuazioni dei tassi di interesse del mercato overnight (max e min). Esse possono essere di 2 tipi:

10 Strumenti di politica Monetaria 1. operazioni di rifinanziamento marginale; con esse le controparti, possono ottenere liquidità overnight senza limiti quantitativi dalle BCN (svolge una funzione di prestatore di ultima istanza limitata) a fronte di sufficienti attività poste a garanzia; il tasso di interesse fissato su queste operazioni pone un limite massimo al tasso di interesse sul mercato overnight. 2. operazioni di deposito; con esse le controparti in un mercato con liquidità (ampia) possono ottenere un impiego della stessa; il tasso di interesse fissato per queste operazioni costituisce un limite minimo per il tasso di interesse overnight. Questi tassi costituiscono il limite superiore e inferiore del corridoio all interno del quale si muovono i tassi sulle operazioni overnight del mercato monetario (EONIA).

11 EONIA Jan-99 Jan-00 Jan-01 Jan-02 Jan-03 Jan-04 Jan-05 Jan-06 EONIA Deposit rate Marginal lending Main refinancing

12 Strumenti di politica Monetaria Sono soggetti al regime della riserva obbligatoria (RO) gli istituti di credito insediati negli Stati membri, per le loro passività nei confronti della BCE e delle BCN. La BCE può variare in qualsiasi momento le aliquote di RO. La RO viene remunerata al tasso medio delle operazioni di rifinanziamento principali effettuate dal SEBC durante lo stesso periodo di mantenimento. La creazione di un fabbisogno strutturale di liquidità da parte degli intermediari finanziari consente, attraverso le opportune variazioni di RO decise dall autorità monetaria, di garantire quella variazione della quantità di moneta capace di influenzare opportunamente i tassi di interesse del mercato monetario.

13 La politica valutaria In un unione monetaria, fissati in misura irrevocabile i tassi di cambio fra le monete dei paesi partecipanti all UEM, la gestione della politica valutaria è finalizzata a determinare il corso del cambio dell euro con le monete esterne all UEM, sia quelle di altri paesi membri dell UE, sia di paesi terzi. Nei confronti delle monete dei paesi terzi vi è completa libertà di fluttuazione dell euro, non essendo previsto né un regime di target zones né un regime di cambi fissi. Dall avvio della terza fase dell UEM lo SME è stato sostituito dallo SME 2, che su base volontaria lega all euro le monete europee non partecipanti alla moneta unica che devono rispetta i criteri di convergenza per potere aderire alla UEM.

14 La politica valutaria Nello SME 2, la politica di apprezzamento del cambio reale, spesso denominata politica del cambio forte, tendeva a introdurre elementi di disciplina nel comportamento di operatori pubblici e privati. La realizzazione di questo proposito avrebbe dovuto implicare, nelle aspettative dei policy makers, la riduzione dell inflazione relativa e, quindi, la tendenza a una stabilizzazione nel tempo del tasso di cambio reale. Il SEBC utilizza le riserve per svolgere il compito fondamentale di intervenire sui mercati valutari in linea con gli eventuali accordi esistenti nei confronti delle monete non europee e, comunque, al fine di perseguire gli orientamenti generali di politica del cambio fissati dal Consiglio dei ministri.

15 La politica fiscale In un unione monetaria, sistema di cambi fissi, la politica fiscale ha una grande importanza: Unico strumento di stabilizzazione macroeconomica a livello nazionale Maggiore efficacia (limiti: razionalità dei consumatori e lenta implementazione, effetto spiazzamento) Importante distinzione tra politiche discrezionali (lenta, tanto che da anticiclica può diventare pro-ciclica) e stabilizzatori automatici o ammortizzatori sociali (istantanei in recessione). Trasferimenti fiscali o sovvenzioni federali dai paesi in surplus non soggetti a shock asimmetrici quelli in deficit soggetti a shock. (USA che hanno un identità politica)

16 Perché vincolare la politica fiscale (G) Contro G: Esternalità negative, ciclo politico, spiazzamento degli investimenti privati, deficit bias. Pro G: sostegno alla politica monetaria, alla crisi. Differenti cicli economici: se in Germania (Y cresce) e ITA (rallenta) aumenta le importazioni che sono le esportazioni italiane che ne aumenta il reddito. In ITA G-T aumenta, i ITA, K, Y, le importazioni in GER che crea un reddito in GER e problemi inflazionistici. In GER riduce G-T, i GER, K, (aumentano I GER ) per frenare il Y riducendo le importazioni in ITA. Casi di mancato coordinamento internazionale.

17 Il Patto di Stabilità e Crescita Concordato a Dublino nel dicembre 1996 tra gli stessi paesi aderenti al Trattato. Include: La Risoluzione del Consiglio europeo relativa al Patto di stabilità e crescita (Amsterdam, 17 giugno 1997), due Regolamenti del Consiglio (7 luglio 1997) n. 1466/97 [Rafforzamento della sorveglianza delle posizioni di bilancio, nonché della sorveglianza e del coordinamento delle politiche economiche] e n. 1467/97 [Accelerazione e chiarimento delle modalità di attuazione della procedura per i disavanzi eccessivi].

18 Maastricht diventa permanente? Il Patto prevede che gli stati membri si impegnano a rispettare l obiettivo, indicato nei loro programmi di stabilità o di convergenza, di un saldo di bilancio a medio termine prossimo al pareggio o positivo. Adottare misure correttive eventualmente necessarie Adottare un elaborata procedura per gestire eventuali disavanzi eccessivi nell area dell euro.

19 La procedura Quando il limite del 3% non è rispettato La Commissione manda un rapporto all ECOFIN che decide se il deficit è eccessivo. Se è così invia precise raccomandazioni al paese (in precise scadenze) Il paese deve optare per le azioni correttive richieste. ECOFIN può decidere di imporre una multa (dallo 0.2% del PIL, con aumenti dello 0.1% per ogni punto percentuale di deficit in eccesso superiori al 3%) La procedura dura due anni.

20 Come funziona Enfasi sul limite del 3% per il deficit: Attenuanti, considerazione della recessione: Se il PIL si riduce di almeno il 2% (Shock di domanda), la procedura per il deficit eccessivo viene sospesa automaticamente. Concessioni di maggiore tempo per il rientro del deficit (oltre 2 anni). Se il PIL diminuisce di più del 0.75%, il paese può chiedere la sospensione, Codifica una precisa procedura che va dagli avvisi (warnings), alla multa.

21 Alcuni problemi Un trattamento di favore è attributo ad alcune voci di spesa, quali investimenti pubblici di utilità sociale, ricerca e sviluppo, spese per solidarietà internazionale, missioni di pace o spese per conseguimento di obiettivi europei. La proibizione di avere disavanzi superiori al 3% del PIL può compromette la funzionalità della politica fiscale. Il divieto di disavanzi eccessivi è privo di forza, quindi può essere disatteso; La richiesta di una posizione di bilancio in pareggio o in surplus non è sostenuta da incentivi adeguati e può essere disattesa.

22 Riassumendo Consiglio dei Ministri è Garante della disciplina fiscale Il patto codifica e formalizza la procedura per il debito eccessivo La procedura per il debito eccessivo rende permanete i limiti del 3% per il deficit e del 60% per il debito e considera delle possibili sanzioni per le deviazioni

La politica economica in ambito europeo

La politica economica in ambito europeo Scuola superiore dell economia e delle finanze Aggiornamento sull economia politica e politica economica per i professionisti del Ramo statistico-attuariale dell INPS. La politica economica in ambito europeo

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta UNIONE MONETARIA I paesi aderenti adottano un unica moneta Quali implicazioni per la politica economica? unica politica monetaria (obiettivi, organi, strumenti) la politica monetaria assume come riferimento

Dettagli

La politica monetaria in Europa

La politica monetaria in Europa La politica monetaria in Europa Aspetti istituzionali Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) è composto da: BCE + Banche Centrali Nazionali (BCN) dei paesi aderenti all'ue. Tuttavia, le BCN dei paesi

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Economia e Politica Monetaria La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Obiettivi finali e intermedi Obiettivi finali:!stabilità dei prezzi, crescita reale, stabilità finanziaria!caratteristiche:

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2011O0014 IT 03.01.2013 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 20 settembre

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA NELL AREA DELL EURO novembre 2008

L ATTUAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA NELL AREA DELL EURO novembre 2008 IT L ATTUAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA NELL AREA DELL EURO novembre 2008 BANCA CENTRALE EUROPEA CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI STRUMENTI E DELLE PROCEDURE DI POLITICA MONETARIA DELL EUROSISTEMA L ATTUAZIONE

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Significato della bilancia dei pagamenti: registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo le entrate di moneta dall estero sono crediti le

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 68/54 DECISIONE (UE) 2015/425 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 15 dicembre 2014 che modifica la decisione BCE/2010/21 sul bilancio della Banca centrale europea (BCE/2014/55) IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Le riserve valutarie e le operazioni in valuta estera dell Eurosistema

Le riserve valutarie e le operazioni in valuta estera dell Eurosistema trasformazione dell area in una struttura maggiormente orientata al mercato. L integrazione dei mercati monetari nazionali in un unico mercato dell area dell euro per la liquidità a breve termine è proceduta

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali.

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE LEZIONE 12 Cos è il Sistema monetario internazionale (SMI)?: Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti

Dettagli

Mercati e Investimenti Mobiliari

Mercati e Investimenti Mobiliari Mercati e Investimenti Mobiliari Prof.ssa Giuliana Borello E-mail: giuliana.borello@unicatt.it 1 Orario lezioni Lezione Data Orario 1 Lunedì 30 settembre 15:00-18:00 2 Martedì 1 Ottobre 9:00-11:00 3 Martedì

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 7

Economia Monetaria - Slide 7 1 Economia Monetaria - Slide 7 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI POLITICA ECONOMICA LEZIONE XI LA POLITICA ECONOMICA DELL'UNIONE EUROPEA PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 Introduzione ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA a cura di G.Vitali Appunti per il modulo di Economia dell Unione Europea,

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14 Politica Economica Europea 11 Politiche fiscali nelle unioni monetarie - Qual è il ruolo della politica fiscale in una UM? - Qual è il grado di indipendenza delle politiche fiscali nazionali? Riprendiamo

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 1999

RAPPORTO ANNUALE 1999 IT BANCA CENTRALE EUROPEA BANCA CENTRALE EUROPEA ECB EZB EKT BCE EKP RAPPORTO ANNUALE 1999 RAPPORTO ANNUALE 1999 BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO ANNUALE 1999 Banca Centrale Europea, 2000 Indirizzo Kaiserstrasse

Dettagli

Banca Centrale Europea, 2005 Indirizzo Kaiserstrasse 29 60311 Frankfurt am Main - Germany

Banca Centrale Europea, 2005 Indirizzo Kaiserstrasse 29 60311 Frankfurt am Main - Germany L A P O L I T I C A M O N E T A R I A D E L L A B C E 2 0 0 4 1 Banca Centrale Europea, 2005 Indirizzo Kaiserstrasse 29 60311 Frankfurt am Main - Germany Indirizzo postale Postfach 16 03 19 60066 Frankfurt

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (Prima parte)

Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli effetti della

Dettagli

Economia dell integrazione monetaria

Economia dell integrazione monetaria Economia dell integrazione monetaria [basata, in parte, su M. Scoppola, Economia dell Integrazione Europea, Università di Macerata, Facoltà di Scienze Politiche, Materiale didattico, a.a. 2006/07] [Testo

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. LA POLITICA MONETARIA NELL UNIONE EUROPEA a cura di G.Vitali Appunti per corso di Politica Economica a.a. 2010-2011,

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 10

Economia Monetaria - Slide 10 1 Economia Monetaria - Slide 10 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Nota analitica Jean Claude Junker in stretta collaborazione con Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem e Mario Draghi

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA IT

BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA IT BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2000 BANCA CENTRALE EUROPEA IT RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2000 E C B E Z B E K T B C E E K P BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2000 Banca

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell'unione europea e in particolare il primo trattino dell'articolo 127, paragrafo 2,

visto il trattato sul funzionamento dell'unione europea e in particolare il primo trattino dell'articolo 127, paragrafo 2, L 121/20 DECISIONE (UE) 2015/774 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 4 marzo 2015 su un programma di acquisto di attività del settore pubblico sui mercati secondari (BCE/2015/10) IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2002 BANCA CENTRALE EUROPEA IT RAPPORTO SULLA CONVERGENZA BANCA CENTRALE EUROPEA

RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2002 BANCA CENTRALE EUROPEA IT RAPPORTO SULLA CONVERGENZA BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2002 BANCA CENTRALE EUROPEA IT RAPPORTO SULLA CONVERGENZA 2002 E C B E Z B E K T B C E E K P BANCA CENTRALE EUROPEA BANCA CENTRALE EUROPEA E C B E Z B E K T B C E E K P RAPPORTO

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Modalità di svolgimento delle operazioni per la movimentazione della liquidità depositata sul conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria e sui

Dettagli

ANALISI E PREVISIONI NEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2013-2014 Dispensa n.4 GLOSSARIO

ANALISI E PREVISIONI NEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2013-2014 Dispensa n.4 GLOSSARIO ANALISI E PREVISIONI NEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2013-2014 Dispensa n.4 GLOSSARIO Il presente glossario è stato ricavata dal glossario del Bollettino mensile della BCE (aprile 2014) (versione italiana)

Dettagli

La finanza pubblica ed il debito pubblico

La finanza pubblica ed il debito pubblico Corso di Economia finanziaria La finanza pubblica ed il debito pubblico Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 Il bilancio dello Stato Il bilancio dello Stato può essere: di previsione o consuntivo; di

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L EURO E LE IMPLICAZIONI DI POLITICA ECONOMICA NELL UNIONE MONETARIA EUROPEA

L EURO E LE IMPLICAZIONI DI POLITICA ECONOMICA NELL UNIONE MONETARIA EUROPEA 1 L EURO E LE IMPLICAZIONI DI POLITICA ECONOMICA NELL UNIONE MONETARIA EUROPEA 1. Premessa In queste pagine, per evidenti esigenze di brevità, sono contenuti in sintesi alcuni aggiornamenti indispensabili

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Daniela Fantozzi e Claudio Vicarelli fantozzi@istat.it cvicarelli@istat.it Forum PA, Roma 28 Maggio 2015 Indice 1. Il monitoraggio

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

I CONTI PUBBLICI NEGLI ANNI DELLA CRISI POLITICHE FISCALI E REDISTRIBUZIONE CAPITOLO 5

I CONTI PUBBLICI NEGLI ANNI DELLA CRISI POLITICHE FISCALI E REDISTRIBUZIONE CAPITOLO 5 I CONTI PUBBLICI NEGLI ANNI DELLA CRISI POLITICHE FISCALI E REDISTRIBUZIONE CAPITOLO 5 5 5. I conti pubblici negli anni della crisi: politiche fiscali e redistribuzione QUADRO D INSIEME Le condizioni

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Docente: Francesco Palumbo Lezioni: i Venerdì dì18,00-20,00 Ricevimento: Mail: francesco.palumbo@uniroma1.it

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

L Unione Economica e Monetaria: il processo di convergenza, l adozione dell euro e la governance della politica monetaria

L Unione Economica e Monetaria: il processo di convergenza, l adozione dell euro e la governance della politica monetaria Master di II livello in ESPERTO FINANZIAMENTI EUROPEI L Unione Economica e Monetaria: il processo di convergenza, l adozione dell euro e la governance della politica monetaria Roma - Università Roma Tre

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Il presente documento ha l obiettivo di fornire alcune indicazioni generali riguardo al nuovo approccio della Commissione

Dettagli