Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof."

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE TERZA/QUARTA Il giorno alle ore nei locali dell IIS Cesare Beccaria di Carbonia, si è riunito il Consiglio di Classe della per discutere il seguente Ordine del Giorno: 1. Scrutini finali; 2. Interventi di recupero alunni sospesi nel giudizio; 3. Comunicazioni alle famiglie dei risultati degli alunni il cui giudizio è sospeso e degli alunni non ammessi alla classe successiva; 4. Alunni diversamente abili: completamento documentazione relativa all organico di fatto 2013/2014 Sono presenti i seguenti membri del Consiglio: 1) 8) 2) 9) 3) 10) 4) 11) 5) 12) 6) 13) 7) 14) Dei membri del Consiglio risulta assente il Prof. Sostituito dal prof. Sostituito dal prof. Delegato dal D.S. Delegato dal D.S. Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. Prima di dare inizio alle operazioni di scrutinio, il Presidente, accertata la validità della seduta e richiamata la vigente normativa riguardante la valutazione e le operazioni di scrutinio, nonché le relative delibere dei competenti organi collegiali, premette: che tutti i presenti sono tenuti all obbligo della stretta osservanza del segreto d ufficio e che l eventuale violazione comporta sanzioni disciplinari; che i voti devono essere assegnati dal Consiglio di Classe, su proposta dei singoli docenti che la proposta di voto deve essere accompagnata da un giudizio e deve: a. scaturire da un congruo numero di elementi di valutazione e di prove effettuate durante il pentamestre, corrette e valutate b. tener conto delle valutazioni espresse in sede di scrutinio intermedio, c. tener conto degli esiti di eventuali iniziative di sostegno e/o di interventi di recupero effettuati in corso d anno, d. tener conto del curriculum dello studente, e. tener conto della valutazione complessiva dell impegno, dell interesse e della partecipazione dimostrati dallo studente nell intero percorso formativo 1

2 che il voto di comportamento è unico ed è assegnato dal Consiglio di Classe su proposta del Coordinatore in base agli indicatori individuati a livello collegiale (si veda Scheda allegata) che il voto di comportamento concorre, insieme alle valutazioni degli apprendimenti, alla definizione della media finale che agli studenti che hanno adempiuto all obbligo di istruzione verrà rilasciata a richiesta la certificazione di cui al DM 139 del 22 agosto 2007 e al DM 9 del 27 gennaio 2010 che per gli studenti che in sede di scrutinio finale, presentino in una o più discipline valutazioni insufficienti, il Consiglio di Classe, sulla base di criteri preventivamente stabiliti dal Collegio dei docenti, procede ad un valutazione della possibilità dell alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline interessate entro il termine dell anno scolastico, mediante lo studio personale svolto autonomamente o attraverso la frequenza di appositi interventi di recupero che in tale caso il consiglio di classe rinvia la formulazione del giudizio finale (sospensione del giudizio) e provvede, sulla base degli specifici bisogni formativi, a comunicare alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte dal Consiglio di classe, indicando le specifiche carenze rilevate per ciascuno studente dai docenti delle singole discipline e i voti proposti in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali lo studente non abbia raggiunto la sufficienza. Contestualmente verranno comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero dei debiti formativi (studio autonomo o frequenza di specifiche iniziative organizzate dalla scuola), le modalità e i tempi delle relative verifiche che nei confronti degli studenti per i quali il Consiglio di Classe abbia espresso una valutazione positiva, nonché nei confronti degli studenti che presentino insufficienze tali da comportare un immediato giudizio di non promozione il Consiglio di classe stesso formula, invece, il giudizio finale che i Coordinatori di classe, immediatamente dopo lo scrutinio, sono tenuti a comunicare l esito alle famiglie degli studenti non ammessi alla classe successiva e alla segreteria alunni che provvederà all inoltro alla famiglia della comunicazione prevista dall articolo 16 comma 4 dell OM n. 90/2001 Il Coordinatore esprime il seguente giudizio sulla classe. Il Consiglio di Classe, dopo aver sentito la relazione del Coordinatore di classe, prende atto della validità dell anno scolastico alla luce di quanto previsto dall art 14 del D.P.R. 122\2009 (Numero massimo ore di assenza) e delibera il superamento del limite massimo di ore di assenza per i seguenti alunni: a) l alunno ha superato il limite massimo di ore di assenza previste dalla vigente normativa pari al 25% del monte ore annuale pari a n 264 (n. settimane 33 x n.32 ore settimanali = 1056), constatato che tali assenze pregiudicano la possibilità di valutazione dell allievo, delibera la NON AMMISSIONE DELLO STESSO ALLO SCRUTINIO FINALE (RIPETIBILE PER CIASCUN ALUNNO) oppure b) l alunno ha superato il limite max di ore di assenza previste dalla vigente normativa pari al 25% del monte ore annuale pari a n.264 ( n. settimane 33 x n.32 ore settimanali = 1056), preso atto che ha effettuato n. ore di assenza supportati da idonea documentazione depositata agli atti della scuola, constatato che tali assenze non pregiudicano la possibilità di valutazione dell allievo, delibera l AMMISSIONE ALLO SCRUTINIO FINALE (RIPETIBILE PER CIASCUN ALUNNO) Su proposta del Coordinatore di classe viene, inoltre, assegnato il voto di comportamento. 2

3 Tutte le decisioni sono state adottate secondo quanto riepilogato nei seguenti schemi riassuntivi e dopo aver preso atto della documentazione relativa al percorso formativo e di apprendimento di ogni studente (con particolare riferimento alle iniziative promosse per lo sviluppo delle eccellenze, per il sostegno e per il recupero delle eventuali carenze evidenziate in corso di anno). DELIBERA: a) ALUNNI AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA: ALUNNO UNANIMITÀ PROMOZIONE PER MERITO MAGGIORANZA NUMERO DOCENTI SU È ammesso alla classe successiva l alunno diversamente abile per il quale il Consiglio di Classe aveva già deliberato una modalità valutativa differenziata (art. 15 comma 4 OM 90/2001) Si procede alla compilazione per ciascun alunno (ove necessario) dei seguenti allegati da inviare alle famiglie: 1. Comunicazione con indicazione delle materie in cui, nonostante la promozione, necessità un rafforzamento delle competenze Tenuto conto di quanto previsto dal disposto del D.M. n. 42 del 22/05/07, in base alla tabella B allegata al D.M. già citato, di quanto deliberato dal Collegio dei Docenti, considerando anche per ogni alunno l assiduità della frequenza scolastica, l interesse e l impegno nella partecipazione al dialogo educativo, le attività complementari e integrative e gli eventuali crediti formativi e vengono valutati i crediti aggiuntivi ottenuti dai singoli alunni. Si precisa che agli alunni con media di partenza inferiore a 6 e con voti di Consiglio non vengono riconosciuti crediti formativi aggiuntivi. NOME DELL ALUNNO Assiduità nella frequenza Non più di 20 giorni di assenza Interesse e impegno nella partecipazione Al dialogo Alla religione educativo cattolica o All attività materie complement. alternative Partecip. con risult signif. a comp. sportive prom dall Istit. Partecipazione a tirocini lavorativi 3

4 Sulla base della media dei voti e delle integrazioni fornite dal credito formativo e dai crediti interni aggiuntivi viene assegnato il credito definitivo dell anno in corso. (N.B. senza superare la fascia di oscillazione) NOME DELL ALUNNO MEDIA VOTI CREDITO SCOLASTICO a.s.2013/2014 CREDITO SCOLASTICO A.S.12/13 CREDITO FORMATIVO TOT.CRED. A.S.2013/2014 Si precisa, inoltre, che sulla base della nuova normativa vigente si attribuisce agli allievi il punteggio previsto solo in caso di promozione; mentre per i giudizi sospesi si rimanda allo scrutinio di settembre. b) ALUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO Per gli alunni appresso elencati viene sospeso il giudizio in quanto il Consiglio di classe ritiene che gli stessi non hanno raggiunto a pieno ed in tutte le discipline gli obiettivi educativi e formativi previsti per la classe ma che gli stessi studenti sono, comunque, in condizione: di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline ove sono stati rilevati debiti formativi nei tempi e con le modalità stabilite dal consiglio di classe di seguire proficuamente, una volta colmate le carenze evidenziate, il programma di studi nell anno scolastico successivo di organizzare il proprio studio, finalizzato al recupero dei debiti formativi, in maniera autonoma ma coerente con le linee di programmazione indicate dai docenti Tali capacità sono riconosciute in particolare agli studenti che devono recuperare le carenze evidenziate attraverso lo studio autonomo. Gli studenti che dovranno, invece, colmare le carenze anche attraverso specifiche iniziative di recupero organizzate dalla scuola, sono tenuti a frequentare tali corsi e, quindi, sulla base delle indicazioni ricevute dai docenti, completare la preparazione con studio autonomo. Tutti gli studenti con giudizio sospeso, saranno sottoposti a verifica secondo le modalità e nei tempi deliberati dal Collegio dei docenti. 4

5 VOTO PROPOSTO VOTO PROPOSTO ALUNNO UNA N SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO MAGGIORANZA MATERIE CON CARENZE SANABILI CON STUDIO AUTONOMO MATERIE CON CARENZE SANABILI CON CORSI DI RECUPERO NUM DOC SU SUCCESSIVAMENTE VERRA ESPOSTO ALL ALBO IL CALENDARIO DEI CORSI ESTIVI E DELLE VERIFICHE FINALI. Si procede alla compilazione per ciascun alunno dei seguenti allegati da inviare alle famiglie: 2. Comunicazioni alle famiglie dei risultati degli alunni il cui giudizio è sospeso c) ALUNNI NON AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA: Alunno: Motivazioni della non ammissione alla classe successiva: La non ammissione alla classe successiva è stata deliberata a maggioranza (x docenti su x) o all unanimità Non è ammesso alla classe successiva l alunno diversamente abile per il quale il CdC aveva già deliberato una modalità valutativa differenziata (art. 15 comma 4 OM 90/2001) Motivazioni della non ammissione alla classe successiva: La non ammissione alla classe successiva è stata deliberata a maggioranza (x docenti su x) o all unanimità Si procede alla compilazione per ciascun alunno dei seguenti allegati da inviare alle famiglie: 3. Comunicazioni alle famiglie alunni non ammessi alla classe successiva; 5

6 Esaurite le operazioni di scrutinio, la seduta è tolta alle ore Il Segretario verbalizzante Il Dirigente Scolastico (Esempio di elementi da evidenziare a supporto della non ammissione alla classe successiva) presenza di insufficienze, di carenze diffuse e di lacune molto gravi in un numero consistente di materie (più di tre) tali da non far ritenere possibile, per quantità e/o per qualità, la frequenza proficua della classe successiva anche attraverso interventi integrativi e di recupero mancata acquisizione da parte dell alunno dei nuclei fondanti ed essenziali disciplinari indispensabili per la frequenza con risultati positivi della classe successiva nonostante l adozione dei diversi interventi e percorsi (anche personalizzati ed individualizzati) proposti dal CdC giudizio negativo sull insieme della preparazione dell allievo, sulla partecipazione e sull attenzione mostrata in classe durante tutte le attività svolte (gran parte delle attività svolte) assenza di significativi progressi rispetto ai livelli di partenza inadeguato impegno e incostanza nella partecipazione all attività didattica la situazione rilevata nel corso del presente scrutinio non modifica quanto già emerso nei precedenti consigli di classe, a seguito dei quali erano stati anche presi tempestivi contatti con la famiglia che, peraltro, non hanno prodotto apprezzabili risultati né sui livelli di apprendimento, né sull impegno dell alunno) assenza di risultati apprezzabili nonostante le tempestive e ripetute comunicazioni alla famiglia relative agli insufficienti livelli di apprendimento ed allo scarso impegno dell alunno mancata frequenza degli interventi di recupero organizzati dalla scuola non sufficiente ricaduta degli interventi di recupero proposti e programmati dal CdC (studio autonomo e/o corsi di recupero) a causa dello scarso impegno la ripetenza della classe possa risultare utile all alunno per acquisire le fondamentali conoscenze, competenze ed abilità ancora carenti; un migliore metodo di studio ed un più adeguato senso di responsabilità nei confronti dei doveri scolastici preparazione lacunosa e frammentaria dovuta (presenza di un progressivo calo di rendimento dovuto) a superficialità nell attenzione, mancanza di interesse, assenza di studio sistematico frequenza discontinua, atteggiamento rinunciatario, passivo, poco collaborativo che ha impedito un regolare processo cognitivo mancato raggiungimento degli obiettivi trasversali e di quelli educativi generali, mancata acquisizione della capacità di orientarsi e di fare libere scelte, della capacità di socializzare, di un valido metodo di studio e di lavoro, di adeguate competenze linguistiche e comunicative la situazione di complessiva insufficienza nel rendimento deriva da assoluta mancanza di impegno e di interesse, da resistenza alle sollecitazioni ed agli interventi dei docenti nello studente le capacità siano rimaste soltanto allo stato potenziale e la partecipazione al dialogo educativo sia stata scarsa la situazione di complessiva insufficienza nel rendimento, nonostante i diversi interventi messi in atto dal CdC, è tanto grave da non consentire la frequenza del secondo anno e se le carenze sono tali da non poter essere in alcun modo recuperate nell anno successivo) 6

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Al termine del primo trimestre ( dicembre) Alla fine del mese di marzo inizio aprile ( valutazione intermedia) Alla fine dell anno scolastico.

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE

DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE Il Collegio Docenti al fine di garantire omogeneità nelle decisioni dei Consigli di Classe, relativamente alle operazioni

Dettagli

Al personale docente Atti Albo sito web

Al personale docente Atti Albo sito web ISTITUTO SUPERIORE BRUNO MUNARI ACERRA (NA) Codice: NAIS069007 ISA Munari ACERRA Via Diaz Armando, 43-80011 ACERRA (Napoli)) Codice: NASD069014 LIC. SOCIOPS. Munari ACERRA Via Campanella, 80011 ACERRA

Dettagli

CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI

CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI PREMESSA Richiamata l'attenzione sul fatto che: - il momento della valutazione finale costituisce la verifica dei progressi nella maturazione personale, nelle conoscenze

Dettagli

1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI APPRENDIMENTO E PER RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI

1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI APPRENDIMENTO E PER RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI PROGETTO PER IL RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI In applicazione del D.M. n. 80 del 3/10/2007 e del Regolamento di cui al D.M.I. n 92 del 5/11/2007 ( POF 2007-09 ) 1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE Istituto Tecnico Statale A. Oriani Via Manzoni, 6-48018 Faenza Tel 0546-21290 Fax 0546-680261 e-mail: itcoriani@provincia.ra.it web: www.itcgoriani.it CRITERI DI VALUTAZIONE per l anno scolastico 2014/2015

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Istituto Comprensivo ex S.M. F. Torraca

Istituto Comprensivo ex S.M. F. Torraca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo ex S.M. F. Torraca Via A. Moro n. 6 75100 Matera - tel. e fax 0835-333201 Cod. Fisc. 93051580772 - Cod. Mecc. MTIC82500P

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA Per la valutazione degli alunni i consigli di classe faranno riferimento ai criteri sotto indicati: Competenze chiave di cittadinanza attiva Assi culturali (biennio)

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Visto il R.D. 4.5.1925, n. 653, contenente disposizioni sugli alunni, esami e tasse negli istituti

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008)

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) 1. Le attività di recupero organizzate dalla scuola sono obbligatorie e consistono di corsi di recupero di minimo 15 ore per le materie

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori Con sezioni di: ISTITUTO TECNICO settore ECONOMICO e TECNOLOGICO LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO - LICEO CLASSICO Via S. Antonio Abate,

Dettagli

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R.

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI PRIMIERO Liceo Economico per l Impresa, Liceo Economico per il Turismo, Liceo Scientifico, Corso Tecnico per le Costruzioni, l Ambiente ed il Territorio Criteri per

Dettagli

Presiede la riunione: Il Dirigente Scolastico Il Collaboratore Vicario Il Docente Delegato prof.

Presiede la riunione: Il Dirigente Scolastico Il Collaboratore Vicario Il Docente Delegato prof. VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZIONE SPECIALIZZAZIONE PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO DEL 1 QUADRIMESTRE E LA COMUNICAZIONE ALLE FAMIGLIE. Oggi alle ore, nell aula si è riunito il Consiglio

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012)

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE G.MELI A.S. 2014/15 VALUTAZIONE

LICEO CLASSICO STATALE G.MELI A.S. 2014/15 VALUTAZIONE VALUTAZIONE La valutazione rappresenta un momento centrale del processo formativo, si collega all apprendimento, all acquisizione delle competenze, al conseguimento di capacità, all accertamento delle

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

2) SCRUTINI FINALI CONVOCAZIONE DEI CONSIGLI DI CLASSE

2) SCRUTINI FINALI CONVOCAZIONE DEI CONSIGLI DI CLASSE Istituto Tecnico Commerciale Statale Jacopo Barozzi v.le Monte Kosica, 136-41100 Modena Tel. 059 241091 telefax 059 234962 e-mail scuola@itcbarozzi.it C.F. 80010110361 Circolare interna n. Modena, li 25/05/13

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE FINALE

CRITERI DI VALUTAZIONE FINALE CRITERI DI VALUTAZIONE FINALE PREMESSA Questo documento fa riferimento a quanto deliberato dal Collegio dei docenti,alla luce delle recenti innovazione sulle normative relative alla promozione/non promozione,

Dettagli

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 Il giorno 19 maggio 2015, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli

CARTELLINA VALUTAZIONE

CARTELLINA VALUTAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Primo Levi 30035 MIRANO/Venezia - Via Matteotti 42A/1 Tel. 041 4355981 Fax 041 4355786 Specializzazioni: Chimica e materiali Biotecnologie ambientali Biotecnologie

Dettagli

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca Istituto d'istruzione Superiore Statale Balilla Pinchetti via Monte Padrio, 12 23037 Tirano (SO) Indirizzo di PEC: sois008005@pec.istruzione.it-

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

2. INDICAZIONI DI CARATTERE OPERATIVO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI FINALI:

2. INDICAZIONI DI CARATTERE OPERATIVO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI FINALI: Circolare n. 214 del 27/05/2014 - AI DOCENTI - AL DSGA (per gli atti conseguenti) - SEDE - Oggetto: SCRUTINI CONCLUSIVI A.S. 2013/14 ADEMPIMENTI, MODULISTICA E CALENDARIO 1A. RICHIAMI NORMATIVI Voti /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO

PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO MODALITA E CRITERI PER ASSICURARE OMOGENEITA, EQUITA E TRASPARENZA DELLA VALUTAZIONE Riferimenti normativi: DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 giugno

Dettagli

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012)

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Nella terza sezione del P.O.F. Programmazione del lavoro didattico' sono delineati i principi generali delle

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

PIANO PER IL RECUPERO

PIANO PER IL RECUPERO PIANO PER IL RECUPERO PRINCIPI I principi a cui si ispira il piano delle attività sono: 1. le attività di recupero aggiuntive devono essere considerate interventi straordinari, da attuare solo dopo che

Dettagli

Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero

Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero (approvato dal Consiglio di Istituto in attuazione dei provvedimenti Ministeriali del 2007, in particolare del DM. N.42 del 22 maggio, del DM n.80

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO

CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO La valutazione è parte integrante del processo di insegnamento/apprendimento. Essa deve essere trasparente e condivisa, nei fini e nelle procedure, da tutti coloro

Dettagli

2.3. L omogeneità nelle decisioni dei singoli Consigli di Classe è garantita dal direttore, presente a tutti gli scrutini.

2.3. L omogeneità nelle decisioni dei singoli Consigli di Classe è garantita dal direttore, presente a tutti gli scrutini. CRITERI GENERALI DEL PROCESSO VALUTATIVO PER GLI ALLIEVI DEL LICEO ELVETICO (documento rivisto e approvato dal Collegio dei docenti il 20/5/2008, modificato in data 9 dicembre 2010 e 11 ottobre 2011) 1.

Dettagli

7. PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE

7. PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE 7. PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE LA PROGRAMMAZIONE L offerta formativa dell Istituto è caratterizzata da modelli educativi volti a perseguire finalità formative, sia di natura generale che didattica, quali:

Dettagli

In data 11 maggio 2015 alle ore 14.30 si riunisce in seduta ordinaria il Collegio Docenti per discutere i seguenti punti all ordine del giorno:

In data 11 maggio 2015 alle ore 14.30 si riunisce in seduta ordinaria il Collegio Docenti per discutere i seguenti punti all ordine del giorno: VERBALE 5 In data 11 maggio 2015 alle ore 14.30 si riunisce in seduta ordinaria il Collegio Docenti per discutere i seguenti punti all ordine del giorno: 1. Lettura ed approvazione del verbale della seduta

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Testo in vigore dal 20.08.2009 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI documento approvato nel Collegio dei docenti dell'8 maggio 2009

LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI documento approvato nel Collegio dei docenti dell'8 maggio 2009 LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI documento approvato nel Collegio dei docenti dell'8 maggio 2009 Vengono assunte dal Collegio dei Docenti le seguenti linee-guida, che hanno l obiettivo di realizzare le attività

Dettagli

Iniziative di sostegno e recupero scolastico

Iniziative di sostegno e recupero scolastico Iniziative di sostegno e recupero scolastico Premessa Le attività di sostegno e di recupero, normate dai recenti provvedimenti: Legge 1/2007 ( definisce i criteri di ammissione all esame di Stato ); D.M.

Dettagli

INFORMATIVA: VALUTAZIONE, CREDITI VALIDITÀ ANNO SCOLASTICO E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE

INFORMATIVA: VALUTAZIONE, CREDITI VALIDITÀ ANNO SCOLASTICO E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE I.T.I. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 35126 Padova Tel.: 049/8040211 Fax 49/8040277 e-mail: marconi@provincia.padova.it - pdtf02000e@pec.istruzione.it pdtf02000e@istruzione.it Istituto Tecnico per

Dettagli

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Ai docenti Al DSGA Atti Albo Oggetto: Delibera del Collegio dei docenti riunitosi in data 28 ottobre 2015 su convocazione prot. n 8150/A19 del 20 ottobre 2015

Dettagli

Documento unitario primaria-secondaria sulla valutazione.

Documento unitario primaria-secondaria sulla valutazione. Documento unitario primaria-secondaria sulla valutazione. Durante il corso dell anno scolastico ogni docente: attua la valutazione nella sua dimensione formativa, come processo che aiuta l alunno/a a crescere,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

Azioni di supporto alle innovazioni in atto nelle scuole

Azioni di supporto alle innovazioni in atto nelle scuole Azioni di supporto alle innovazioni in atto nelle scuole Anno scolastico 2007-2008 Donatella Bresciani tel. 065685007; fax 065681579 e-mail liceo.enriques@libero.it; Sito del Liceo: web romascuola.net/liceoenriques.it

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno)

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno) LICEO SCIENTIFICO SAN BENEDETTO SCUOLA SECONDARIA 2 GRADO PARITARIA dec. N. 158 del 28/08/2001 43121 - PARMA - P.le S. Benedetto, 5 0521381411 e-mail sssbened@scuole.pr.it fax: 0521206085 sito web: www.salesianiparma.it

Dettagli

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole Criteri comuni di valutazione La valutazione è espressa in decimi (la gamma dei voti va da 1 fino a ). I risultati della valutazione scritta saranno comunicati agli alunni in sede di consegna delle verifiche

Dettagli

SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Le attività integrative per incrementare e soddisfare la differenziazione degli interessi con certificazione del credito formativo sono avviate in presenza di almeno 10 studenti iscritti e frequentanti

Dettagli

Prot. n. 3880/C29 Belvedere M.mo, 27/05/2015. Oggetto: Scrutini e adempimenti di fine anno scolastico 2014/2015 - Scuola Primaria

Prot. n. 3880/C29 Belvedere M.mo, 27/05/2015. Oggetto: Scrutini e adempimenti di fine anno scolastico 2014/2015 - Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 Grado Padre Giuseppe Puglisi ad indirizzo musicale VIA G. FORTUNATO, 10 87021 BELVEDERE MARITTIMO (CS) tel. e fax 0985/82923

Dettagli

All attenzione delle Famiglie degli Alunni/e dei Docenti Personale ATA

All attenzione delle Famiglie degli Alunni/e dei Docenti Personale ATA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE FERMI - DA VINCI Via Bonistallo, 73 50053 EMPOLI FI Tel. (0571) 80614- Fax 0571 80665 Codice Fiscale 82004810485 All attenzione delle Famiglie degli Alunni/e dei Docenti

Dettagli

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA DI SOSTEGNO/ RECUPERO E SCRUTINII a integrazione del POF e del Regolamento d Istituto

REGOLAMENTO ATTIVITA DI SOSTEGNO/ RECUPERO E SCRUTINII a integrazione del POF e del Regolamento d Istituto REGOLAMENTO ATTIVITA DI SOSTEGNO/ RECUPERO E SCRUTINII a integrazione del POF e del Regolamento d Istituto ultima approvazione, per quanto di competenza di ciascuno, dal Collegio docenti (il 26.11.2014)

Dettagli

Si comunica che gli scrutini delle classi I-II-III-IV-V si effettueranno presso ogni sede scolastica, con il seguente

Si comunica che gli scrutini delle classi I-II-III-IV-V si effettueranno presso ogni sede scolastica, con il seguente Prot. n. 3346 /A19 Arcevia, 31 maggio 2013 Comunicazione n. 216 Oggetto: Scrutini a.s. 2012/13 e adempimenti di fine anno scolastico. 1) Scrutini a.s. 2012/13 Ai docenti della scuola primaria LORO SEDI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Leonardo da Vinci - Ripamonti Via Belvedere, 18 22100 Como - Tel. 031 520745 - Fax 031 50719 Piano annuale delle

Dettagli

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. LA VALUTAZIONE

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. LA VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE 106 La valutazione è parte integrante della programmazione, non solo come momento di verifica degli apprendimenti, ma come spunto per migliorare progetto educativo- formativo. Il momento

Dettagli

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico Liceo delle Scienze Umane; Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Liceo Linguistico; Liceo Scientifico opzione Scienze

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio.

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio. Codice Ministeriale TEIS00700T Codice Fiscale 80003970672 E-Mail: teis00700t@istruzione.it Sede centrale: Istituto Tecnico per Geometri C. Forti Via Cona, 180/182 64100 TERAMO Tel.Pres. 0861/248261 Centr.

Dettagli

GRIGLIE DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO DI PROFITTO

GRIGLIE DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO DI PROFITTO Al fine di conferire omogeneità ai processi di valutazione in tutte le aree/discipline e assegnare il voto finale si stabilisce quanto segue: La rilevazione degli apprendimenti rispetto alle conoscenze

Dettagli

Prot. n. 575/B 21 c Cremona, 1 febbraio 2014

Prot. n. 575/B 21 c Cremona, 1 febbraio 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CREMONA UNO SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Gioconda, n. 1-26100 CREMONA

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

Scuola Paritaria - L. 62/2000_- D.D. 29.12.2000. Civico Liceo Linguistico Alessandro Manzoni CREDITI & RECUPERO

Scuola Paritaria - L. 62/2000_- D.D. 29.12.2000. Civico Liceo Linguistico Alessandro Manzoni CREDITI & RECUPERO Scuola Paritaria - L. 62/2000_- D.D. 29.12.2000 Civico Liceo Linguistico Alessandro Manzoni CREDITI & RECUPERO A. S. 2007/2008 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI CREDITO SCOLASTICO (nuova normativa, a partire dalle

Dettagli

I.D.E.I. Valorizzazione delle eccellenze, sostegno e recupero. a.s. 2013-2014

I.D.E.I. Valorizzazione delle eccellenze, sostegno e recupero. a.s. 2013-2014 I.D.E.I. Valorizzazione delle eccellenze, sostegno e recupero a.s. 2013-2014 Approvato dal: Collegio dei Docenti delibera del 25.10.2013 Consiglio di Istituto delibera del 04.11.2013 Collegio dei Docenti

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio in un altro

Dettagli

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICE Perché è nato questo manuale p. 3 Scheda di osservazione alunno diversamente abile con proposta tipologia PEI p. 4 PEP di

Dettagli

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta:

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta: Il voto di condotta, espresso in sede di scrutinio intermedio e finale, si riferisce all insieme dei comportamenti tenuti dall allievo nel periodo di permanenza nella sede scolastica e durante le attività

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2007/08 PROGETTO IDEI Ipotesi di lavoro per il Collegio Docenti

ANNO SCOLASTICO 2007/08 PROGETTO IDEI Ipotesi di lavoro per il Collegio Docenti ANNO SCOLASTICO 2007/08 PROGETTO IDEI Ipotesi di lavoro per il Collegio Docenti PREMESSA Le recenti indicazioni Ministeriali (D.M 80 del 3/10/07 e O.M. n.92 del 5/11/2007) hanno colto con toni progressivamente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI Via Acrone n. 12 92100 AGRIGENTO - Tel. / Fax 0922 20535 E-Mail: agpm03000a@istruzione.it

Dettagli

OPERAZIONI DI SCRUTINIO FINALE

OPERAZIONI DI SCRUTINIO FINALE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI Istituto Tecnico Economico G.Agnelli - Liceo E. Ferrari Sede Amm.va Segreteria Viale dei Mille n 158 47042 Cesenatico (FC) Cod. Fisc.: 90028640408

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA

PIANO DELLE ATTIVITA LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS LICEO LINGUISTICO e LICEO delle SCIENZE UMANE VIA CORNALIAS 169 tel. 070284995 fax 070287305 e-mail: capm030003@istruzione.it sito web: http://liceodesanctiscagliari.it

Dettagli

CRITERI PER GLI SCRUTINI FINALI. I criteri che i Consigli di Classe applicano in sede di valutazione finale sono i seguenti:

CRITERI PER GLI SCRUTINI FINALI. I criteri che i Consigli di Classe applicano in sede di valutazione finale sono i seguenti: Impossibile visualizzare l'immagine. Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE- LICEO ECONOMICO SOCIALE - LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI

LICEO DELLE SCIENZE UMANE- LICEO ECONOMICO SOCIALE - LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI LICEO DELLE SCIENZE UMANE- LICEO ECONOMICO SOCIALE - LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI C.so Mazzini, 114 tel. 080/5277834 fax 0805277535 c.f. 80023110721 www.imbianchidottula.bari.it BAPM010001@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO Pag 1 di 7 1. SCOPO Scopo di questa IO è descrivere le modalità, i tempi e le responsabilità nell erogazione delle attività di recupero che vede l Istituto in relazione sia con le famiglie che con gli

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

CRITERI GENERALI DELLA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore G. A. CAVAZZI Liceo Scientifico e Scienze Umane "A. Sorbelli" Istituto Tecnico e Professionale G. A. Cavazzi Sede Via Matteotti 2/4 41026 Pavullo nel

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISISS F. Daverio N. Casula. V a r e s e. Circolare n. 393. p.c.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISISS F. Daverio N. Casula. V a r e s e. Circolare n. 393. p.c. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISISS F. Daverio N. Casula V a r e s e Circolare n. 393 p.c. Da pubblicare x AI DOCENTI x Da pubblicare urgente x AL PERSONALE ATA Da far firmare

Dettagli

GUIDA ESAME DI QUALIFICA

GUIDA ESAME DI QUALIFICA GUIDA ESAME DI QUALIFICA a.s. 2010-2011 i.p.s.c.t. a.olivetti orta nova Normativa di riferimento artt. 13-26 O.M. 90 del 21.05.2001 A cura prof.ssa Annunziata Roccotelli L esame di qualifica consta di

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

OGGETTO : Svolgimento degli scrutini. Adempimenti e norme comuni

OGGETTO : Svolgimento degli scrutini. Adempimenti e norme comuni Prot. 3237/A19 Ariano Irpino, 3/06/2015 Per quanto di competenza : A tutti i docenti Ai docenti collaboratori Ai docenti Coordinatori di Classe Ai docenti segretari dei Consigli di classe Al DSGA Ai Sigg.ri

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

IPS S. D Acquisto Bagheria

IPS S. D Acquisto Bagheria IPS S. D Acquisto Bagheria Anno scolastico 2015 2016 PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI DEI DOCENTI CON RELATIVI IMPEGNI AL PERSONALE DOCENTE AGLI ALUNNI E LORO GENITORI AL DSGA INIZIO ANNO SCOLASTICO CLASSI

Dettagli

7. L OFFERTA FORMATIVA : INDIRIZZI DI STUDIO NELL ISTITUTO

7. L OFFERTA FORMATIVA : INDIRIZZI DI STUDIO NELL ISTITUTO 7. L OFFERTA FORMATIVA : INDIRIZZI DI STUDIO NELL ISTITUTO Attualmente la offerta formativa, in linea con quanto previsto dalla recente riforma degli ISTITUTI TECNICI prevede: SETTORE ECONOMICO: Indirizzo

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

Estratto dalla normativa relativa alla valutazione e alle assenze degli alunni "Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università"

Estratto dalla normativa relativa alla valutazione e alle assenze degli alunni Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università Estratto dalla normativa relativa alla valutazione e alle assenze degli alunni Decreto-legge 1 settembre 2008, n. 137 "Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università" pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PREMESSA PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio

Dettagli

Prot. 3145. Prot. 2881. ORDINANZA MINISTERIALE N.42 del 6 maggio 2011. ORDINANZA MINISTERIALE N.41 dell 11-5-2012

Prot. 3145. Prot. 2881. ORDINANZA MINISTERIALE N.42 del 6 maggio 2011. ORDINANZA MINISTERIALE N.41 dell 11-5-2012 Prot. 3145 ORDINANZA MINISTERIALE N.42 del 6 maggio 2011 Prot. 2881 ORDINANZA MINISTERIALE N.41 dell 11-5-2012 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi

Dettagli