Il sistema TETRA. Ing. Michela Cancellaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema TETRA. Ing. Michela Cancellaro michela.cancellaro@uniroma3.it"

Transcript

1 Il sistema TETRA Ing. Michela Cancellaro

2 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

3 Sistemi PMR e PARM PMR (Private Mobile Radio) PAMR (Public Access Mobile Radio) Questi sistemi sono utilizzati da: Grosse organizzazioni commerciali. Aziende che gestiscono mezzi di trasporto pubblici o privati. Imprese manifatturiere. Enti e Gestori di servizi pubblici. Organizzazioni dedicate alla sicurezza del cittadino (Protezione civile, Servizi di emergenza, Forze di pubblica sicurezza). Gruppi di utenti privati. Queste organizzazioni intendono provvedere per proprio conto ad un servizio di tipo mobile. Traffico generato principalmente da centri di dispacciamento che coordinano le attività della flotta. Comunicazioni di tipo voce e dati.

4 Sistemi PMR e PARM PMR Offrono servizi ad uso esclusivamente privato. Centro che invia messaggi agli utenti, su un numero ridotto di canali radio dedicati (viene assegnata una banda di radiofrequenze all organizzazione o all azienda). PAMR Offrono servizi ad uso pubblico e privato consentendo anche l interconnessione tra sistemi PMR. Condivisione di canali radio, utenti diversi TRUNKING Ad ogni organizzazione (privata o pubblica) viene assegnato l uso esclusivo del canale radio solo per la durata di una conversazione.

5 Cosa è TETRA Il TETRA (TErrestrial Trunked Radio) è il primo vero standard aperto per sistemi radiomobili professionali digitali. Definito dall ETSI (European Telecommunications Standards Institute) nel 1995, nasce come risposta alle esigenze fondamentali degli utilizzatori professionali:

6 Interoperabilitá Standard aperto consente agli utilizzatori di acquistare dei prodotti rispondenti alle loro esigenze creando un mercato aperto e competitivo per gli apparati ed i sistemi TETRA Organizzazioni ETSI: Sviluppa gli standard di sistema. Provvede al loro aggiornamento. TETRA MoU (TETRA Memorandum of Understanding): Associazione industriale a carattere volontario che rappresenta gli interessi dei costruttori, degli operatori di rete e degli utilizzatori per la tecnologia radio mobile digitale denominata TETRA. Alla associazione aderiscono più di 100 membri appartenenti a più di 30 paesi di tutto il mondo.

7 Tre Working Groups TETRA MoU Strutturazione e obiettivi 1. Operators Association: Individuazione delle esigenze del mercato (individua gli utenti e le loro esigenze). Manutenzione degli standard con la segnalazione delle nuove esigenze da introdurre. 2. Technical Forum: Affronta i problemi di interoperabilità tramite la realizzazione di Specifiche Tecniche di Interoperabilità (TETRA Interoperability specifications, TIP) e sessioni di prove tecniche tra i terminali e le infrastrutture 3. Security and fraud prevention: Tratta i problemi della sicurezza delle comunicazioni e delle frodi.

8 Integrazione Public Data Network Internet LAN/WAN 2B+D 30B+D ISDN PSTN ISI SERV 69 STOCKHOLM TRAFIK 2 F B ABC OK C TEI PABX Conventional Base Stations Trunking Networks Command & Control Systems Conventional PMR Networks Customer Care & Billing Systems

9 Scenari di TETRA Comunicazione in modo contemporaneo e localizzazione Invio scheda clinica assistito e interoperabilità rete cellulare

10 Scenari di TETRA Comunicazioni tra gruppi Attraverso dispatcher

11 Scenari di TETRA Trasmissione dati Comunicazioni veloci tramite gateway

12 Modalità operative TMO (Trunked Mode Operation): effettua una gestione dinamica dei canali DMO (Direct Mode Operation): tipo walkie-talkie, consente comunicazioni dirette tra utenti senza l ausilio di stazioni radio base o di reti di comunicazione e di controllo. Dual-watch: consente a ciascun utente di essere contattato da un altro utente sia che questo operi col protocollo TMO che con il DMO. Ripetitore: un terminale ripete il segnale della stazione radio base verso un altro terminale estendendo così la copertura elettromagnetica. Gateway: verso reti pubbliche o altri supporti commerciali.

13 Comunicazioni voce: TMO emergenza individuale: (da utente a utente) Chiamata broadcast: di gruppo: (gli utenti vengono selezionati di volta in volta a seconda delle necessità) (il centro di dispaccio o un particolare utente si rivolge ad un selezionato gruppo di utenti)

14 Comunicazioni voce: DMO individuale: Punto-punto senza l utilizzo di infrastrutture di rete (stazioni radio base) e senza l utilizzo di risorse radio Chiamata emergenza di gruppo: Punto-multipunto senza l utilizzo di infrastrutture di rete (stazioni radio base) e senza l utilizzo di risorse radio

15 Comunicazioni dati Possono essere effettuate secondo due diverse modalità A circuito. A pacchetto orientate alla connessione (tipo X25). senza connessione (tipo Internet). Le comunicazioni dati a circuito possono essere svolte con le stesse modalità di quelle voce (full-duplex, half-duplex, individuali, ecc..).

16 Richiami Commutazione di circuito = viene prima creato un percorso fisso di comunicazione e successivamente lungo di esso avviene la trasmissione (linee telefoniche). Commutazione di pacchetto = la trasmissione avviene per pacchetti di informazioni ciascuno con identificatore ed eventualmente indirizzo di destinazione; i pacchetti viaggiano su percorsi alternativi e vengono riordinati alla ricezione. Connection Oriented = si genera un circuito predeterminato anche per la comunicazione a pacchetti. Il commutatore legge un identificatore in ogni pacchetto a cui associa un circuito fisso (PVC) o temporaneo (SVC). Connectionless = non esiste un circuito predeterminato e ciascun pacchetto deve avere un numero d ordine e l indirizzo della destinazione (Internet).

17 Comunicazioni dati A causa dei disturbi che intervengono sul canale radio si presentano elevate probabilità di errore nelle comunicazioni. Si introducono tecniche di codifica per la rivelazione e la correzione degli errori. Riduzione della velocità di trasmissione in dipendenza del grado di protezione che si vuole assicurare. Nella trasmissione a circuito le velocità sono le seguenti: Time slot utilizzati Senza protezione 7,2 14,4 21,6 28,8 Bassa protezione 4,8 9,6 14,4 19,2 Alta protezione 2,4 4,8 7,2 9,6

18 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

19 TETRA - Sfruttamento dello spettro Bande in cui può operare il TETRA: MHz Pubblica Sicurezza MHz Accesso Pubblico MHz PMR generale / MHz Frequenze permesse in UE ma non utilizzate Tecniche di sfruttamento dello spettro Assegnazione del canale su domanda. Riuso delle frequenze con suddivisione in celle dell area servita.

20 Frequenze

21 Tecniche di Accesso Multiplo TDMA (Time Division Multiple Access): l occupazione del canale multiplato avviene in intervalli di tempo che non si sovrappongono con quelli riguardanti i flussi emessi da altre sorgenti tributarie (es.: multiplazione PCM) FDMA (Frequency Division Multiple Access): l occupazione del canale multiplato avviene in una banda di frequenze disgiunta rispetto alle bande di frequenze utilizzate dai flussi emessi da altre sorgenti tributarie SDMA (Space Division Multiple Access): ad ogni flusso informativo è assegnato un singolo portante fisico (es. doppino telefonico) Tecniche miste FDMA-TDMA: combinano la tecnica d accesso FDMA, con la tecnica TDMA. La porzione disponibile dello spettro è prima divisa in sottobande (canali) ed all interno di ciascun canale, viene creata un ulteriore suddivisone temporale della risorsa (GSM) 21

22 Tecniche di Accesso Multiplo CDMA (Code Division Multiple Access): tecniche di multiplazione ad espansione dello spettro (tecniche spread-spectrum). Si trasmettono simultaneamente e nella stessa banda un insieme di N segnali: moltiplicando ciascun segnale per una sequenza di codice, scelta tra un insieme di sequenze (pseudo) ortogonali (DS, Direct Sequence) cambiando velocemente la frequenza portante più volte in ogni tempo di simbolo secondo un sequenza prestabilita e diversa per ciascun segnale (FH, Frequency Hopping). Si parla di trasmissione a spettro espanso quando la banda impiegata dal sistema trasmissivo è molto maggiore (almeno un ordine di grandezza) rispetto alla banda di Nyquist del segnale utile. 22

23 Accesso al canale 4:1 TDMA (Time Division Multiple Access) 4 canali fisici per portante Spaziatura di 25 khz fra le portanti Il trasferimento dati può usare fino a 4 canali riuniti Voce e dati possono essere trasmessi simultaneamente 1 canale di controllo tra i primi 4 Il bit rate di un canale è 9 kbit/s, in cui la voce è codificata a 4.8 kbit/s tramite codifica ACELP

24 Efficienza spettrale Il sistema TETRA presenta una elevata efficienza spettrale rispetto agli altri sistemi GSM: distanza tra le portanti (canalizzazione) 200 khz 8 Time Slots (canali) per portante. con codifica vocale full-rate 8 canali in 200 khz. con codifica vocale half-rate 16 canali in 200 khz. PMR tradizionale: canalizzazione 25 khz 8 canali in 200 khz. canalizzazione 12,5 khz 16 canali in 200 khz. TETRA: canalizzazione 25 khz. 4 Time Slots (canali) per portante 32 canali in 200 khz.

25 Efficienza spettrale 200kHz bandwidth GSM 200 khz carrier 8 channels Half-rate GSM 200 khz carrier 16 channels Traditional PMR 25 khz Traditional PMR 12.5 khz TETRA 25 khz channel 8 channels / 200 khz 12.5 khz channels 16 channels / 200 khz 25 khz carrier 4 channels / carrier 32 channels / 200 khz

26 Trama Un generico pacchetto rappresenta il contenuto fisico di un singolo slot temporale (255 simboli = 510 bit)

27 Richiami 2 PSK La portante mantiene ampiezza e frequenza costante Le variazioni di fase si hanno sempre quando il segnale portante passa per lo zero

28 Richiami Differential PSK Si associa al valore del bit lo sfasamento rispetto al bit precedente trasmetto 0, la fase della portante modulata deve restare inalterata rispetto a quella corrispondente al bit precedente. trasmetto 1, la portante deve assumere una fase che differisce di 180 rispetto alla precedente.

29 Richiami 4-PSK o QPSK Invece di attribuire una fase al bit 0 e un altra al bit 1, i bit sono riuniti a coppie, e si assegna una fase differente ad ogni coppia. In figura due possibili schemi d associazione diversi

30 TETRA: π/4 DQPSK E una modulazione di fase a due bit come la 4-PSK, la differenza rispetto ad essa è che la coppia di bit non codifica la fase della portante ma la differenza di fase rispetto alla portante che codificava i due bit precedenti:

31 TETRA 2 Dal 2000, ETSI sta procedendo allo sviluppo di TETRA Release 2, con i seguenti obiettivi: 1. Estendere il Trunked Mode modificando burst di uplink e downlink per garantire fino a 83km in TMO 2. Usare nuovi Codec vocali 3. Essere compatibile con lo standard TETRA 1 4. Aumentare di 10 volte il rendimento dei dati TETRA Enhanced Data Service (TEDS)

32 TETRA Enhanced Data Service (TEDS) Uso efficiente delle frequenze Modulazioni supportate in TEDS: pi/4 DQPSK (TETRA V+D e canale controllo TEDS) pi/8 D8PSK (in fase di migrazione) 4 QAM (ai limiti della copertura) 16 QAM (per velocità Tx moderate) 64 QAM (per alte velocità Tx) Canali RF supportati in TEDS: 25 khz 50 khz 100 khz 150 khz Bit rates atteso: 10 a 500 kbits/s.

33 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

34 Architettura MDT Interfaces 1. Network Air Interface 2. Direct Mode Operation (DMO) Air Interface 3. Peripheral Equipment Interface (PEI) 4. Man-Machine Interface (MMI) 5. Remote Console Interface 6. Network Manager Interface 7. Inter-System Interface (ISI) 8. External Networks Gateway 9. ISDN Remote Console Interface Base Station Base Station Base Station TETRA SwMI 5 6 Network Manager Remote Console Gateway Controller Inter- System Interface 7 TETRA SwMI 8 TETRA Network Infrastructure PSTN/ISDN PABX/PDN 9 ISDN ISDN Line Connected Terminal

35 MDT Interfaces 1. Network Air Interface 2. Direct Mode Operation (DMO) Air Interface 3. Peripheral Equipment Interface (PEI) 4. Man-Machine Interface (MMI) 5. Remote Console Interface 6. Network Manager Interface 7. Inter-System Interface (ISI) 8. External Networks Gateway 9. ISDN Remote Console Interface Base Station Base Station Base Station TETRA SwMI 5 6 Network Manager Remote Console Gateway Controller Inter- System Interface 7 TETRA SwMI 8 TETRA Network Infrastructure PSTN/ISDN PABX/PDN 9 ISDN ISDN Line Connected Terminal Switching and Management Infrastructure (SwMI): attrezzature e sottosistemi che includono una rete TETRA, comprese le stazioni base: Non esiste un interfaccia standard della stazione base Tutto il contenuto all interno dello SwMI non é standardizzato, concedendo cosi ai costruttori della infrastruttura TETRA la massima flessibilità nel disegnarla. Interfaccia aerea e direct mode (1 e 2): le stazioni mobili TETRA possono comunicare o in Direct Mode (DMO) o usando l infrastruttura Trunked (SwMI) composta da stazioni base (BTS).

36 MDT Interfaces 1. Network Air Interface 2. Direct Mode Operation (DMO) Air Interface 3. Peripheral Equipment Interface (PEI) 4. Man-Machine Interface (MMI) 5. Remote Console Interface 6. Network Manager Interface 7. Inter-System Interface (ISI) 8. External Networks Gateway 9. ISDN Remote Console Interface Base Station Base Station Base Station TETRA SwMI 5 6 Network Manager Remote Console Gateway Controller Inter- System Interface 7 TETRA SwMI 8 TETRA Network Infrastructure PSTN/ISDN PABX/PDN 9 ISDN ISDN Line Connected Terminal Peripherical Equipment Interface (PEI) (3): permette la connessione tra sistemi radio TETRA e componenti esterni quali PC o palmari. Man Machine Interface (MMI) (4): permette l interfacciamento tra l utente e il terminale mobile. Remote Dispatcher Interface (5): realizzata per permettere il collegamento via fili ai dispositivi presenti nelle sale di controllo. Non é standardizzata. Network Management Interface (NMI) (6): usata per sistemi di gestione della rete, di supporto ai clienti e alla fatturazione. Non é standardizzata.

37 MDT Interfaces 1. Network Air Interface 2. Direct Mode Operation (DMO) Air Interface 3. Peripheral Equipment Interface (PEI) 4. Man-Machine Interface (MMI) 5. Remote Console Interface 6. Network Manager Interface 7. Inter-System Interface (ISI) 8. External Networks Gateway 9. ISDN Remote Console Interface Base Station Base Station Base Station TETRA SwMI 5 6 Network Manager Remote Console Gateway Controller Inter- System Interface 7 TETRA SwMI 8 TETRA Network Infrastructure PSTN/ISDN PABX/PDN 9 ISDN ISDN Line Connected Terminal Inter-System Interface (ISI) (7): permette l interoperabilità tra reti TETRA differenti. La connessione tra le reti può avvenire in modalità commutazione a pacchetto o commutazione a circuito. PSTN/ISDN/PABX/PDN (8): sono interfacce standard che permettono alla rete TETRA di interfacciare con reti ISDN, PSDN, etc. Remote Line Connected Terminal (9): doveva inizialmente gestire il protocollo di segnalazione per supportare un terminale connesso ISDN ma, dato lo scarso interesse, non é stata definita.

38 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

39 Sicurezza 1. Autenticità: serve a garantire e a verificare che chi vuole interagire con voi sia l utente che dichiara di essere; 2. Riservatezza/confidenzialità: si riferisce alla garanzia che i dati trasmessi vengano visionati dalle sole persone autorizzate e non da altri utenti; 3. Integrità: garantisce che i dati immessi nelle rete siano integri e non alterati in nessun modo; 4. Disponibilità: l elaborazione e la trasmissione dei dati deve avvenire in modo ragionevole ed in tempi brevi. 5. Non ripudio: la fonte originale delle informazioni è sempre tracciabile.

40 Attacchi Sorgente Destinatario Flusso normale Sorgente Destinatario Sorgente Destinatario Interruzione Intercettazione Sorgente Destinatario Sorgente Destinatario Modifica Fabricazione

41 Soluzioni La sicurezza delle comunicazioni voce e dati viene garantita: Con la procedura di autenticazione Dei terminali rispetto alla rete Della rete nei confronti dei terminali TAA (TETRA Authentication Algorithm) Air Interface Encryption: tra la rete e il terminale TEA (TETRA Encryption Algorithms) Protegge voce e segnalazione Coinvolge la RETE Indipendenti End to End Encryption: tra terminale e terminale NON coinvolge la RETE

42 Classi di sicurezza Classe di sicurezza Autenticazione Cifratura TEA Metodo di cifratura 1 Opzionale. No Non richiesta No encryption or clear 2 Opzionale. Obbligatoria 1,2,3 o 4 Static Key Encryption 3 Obbligatoria Obbligatoria 1,2,3 o 4 Dynamic Key Encryption

43 Tipi di chiavi Le chiavi di cifratura utilizzate possono essere di tipo Statico: assegnate dalla rete al terminale in modo permanente (con possibilità di cambiamento nel corso del tempo). Dinamico: calcolate di volta in volta dalla rete con la procedura di autenticazione. Comune: utilizzate per le chiamate di gruppo.

44 Chiavi per AIE Static Cipher Key SCK: chiave predeterminata che può essere usata senza autenticazione a priori. Protegge signalling e traffico. CLASSE 2 Derived Cipher Key DCK: derivata durante la procedura di autenticazione. Può essere usata per cifrare il collegamento fra la rete e la stazione mobile. Protegge uplink signalling e traffico. CLASSE 3. Common Cipher Key CCK: generata dallo SwMI e distribuita, cifrata con il DCK, ad ogni terminale. È usata per la crittografia dei messaggi diretti a gruppi di terminali e per proteggere l ITSI nella registrazione iniziale. Protegge downlink signalling e traffico. CLASSE 3. Group Cipher Key GCK: È generata dallo SwMI ed è distribuita ai terminali di un gruppo specifico. Protegge tutte le comunicazioni in downlink destinate ad un gruppo di utenti chiuso specifico. CLASSE 3+.

45 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

46

47 Teleservizi Chiamate singole / di gruppo Full-duplex (parlare e ascoltare nello stesso momento) Half-duplex (parlare e ascoltare in modo alternato) Direct Mode Chiamata in broadcast Chiamata d'emergenza Canale aperto: un gruppo d'utenti può conversare su un determinato canale durante un certo lasso di tempo Include Call: permette di chiamare e d'inserire in una conversazione uno o più utenti supplementari

48 Servizi di trasmissione dati Status Transmission: messaggi predefiniti trasmessi dal dispatcher verso le stazioni mobili e viceversa oppure tra le stazioni mobili. Short Data Service SDS: Messaggi simili agli SMS Servizi di trasmissione dati a commutazione di circuito Servizi di trasmissione dati a commutazione di pacchetto

49 Servizi supplementari Il loro elenco risulta molto ampio ( ). Molti di questi servizi sono stati definiti dal Gruppo Schengen responsabile in ambito ETSI delle specifiche TETRA per le Forze di Polizia Europee. Servizi PMR: Access priority, pre-emptive priority, priority call: utente può attribuire la priorità ad una chiamata, utenti hanno priorità diverse. Registrazione di accesso nella rete (Ogni accesso nella rete viene registrato e abilitato dal sistema) Include call late entry: utente può inserirsi più tardi in una conversazione di gruppo Call authorized by dispatcher Ambience listening : ascolto delle conversazioni senza farsi notare Discrete listening Area selection Talking party identification Dynamic group number assignment Creazione di gruppi virtuali

50 Servizi supplementari Servizi telefono: Short number addressing List search call Call forwarding unconditional/busy/no reply/not reachable Call barring incoming/outgoing calls Call report Call waiting Call hold Calling/connected line identity presentation Calling/connected line identity restriction Call completion to busy subscriber/on no reply Call retention

51 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

52 Caratteristiche principali Possibilità di trasmettere voce e dati in modo simultaneo ad una velocità che può arrivare fino a 28,8 kbit/s; Elevata flessibilità e modularità: reti di tipo locale, regionale e naturalmente nazionale; Elevata efficienza spettrale; Possibilità di variare la richiesta di banda necessaria (on-demand), a seconda quindi del flusso di informazioni da trasmettere; Possibilità di effettuare un roaming tra uno o più sistemi TETRA e le altre reti di telecomunicazioni (GSM, UMTS,...etc.); Funzionamento molto soddisfacente anche in condizioni di trasmissione e ricezione particolarmente difficili, perfino in assenza di rete tramite la modalità Direct Mode; I terminali TETRA possono fungere da stazione radio per altri terminali TETRA nelle vicinanze(dmo-gateway). Elevato grado di sicurezza delle comunicazioni.

53 GSM Adibito alla rete cellulare pubblica. TETRA Ideato per applicazioni radio mobili professionali. Basato su Frequency Division Multiplication Access (FDMA) Non adatto a servizi di emergenza (Call set up time ~ qualche secondo). Non preserva privacy nè sicurezza. Direct Mode Operation(DMO) non possibile. Basato su Time Division Multiplication Access (TDMA) Economia sullo spettro! Adatto a servizi di emergenza grazie ad un call set up time di 300 ms. Preserva privacy e sicurezza. Celle più grandi (attenuaz. prop. A f 2 e TETRA lavora su f più basse di GSM relazione GSM:TETRA 12:1 Banda richiesta molto più piccola a parità di chiamate. Direct Mode Operation(DMO) possibile e supporta traffico voce e dati in assenza di rete.

54 Roadmap Introduzione Tecnologia Architettura Sicurezza Servizi Confronto con GSM Protocollo DMO

55 Lo standard TETRA DMO specificato da ETSI definisce solo i livelli bassi della pila OSI: il livello fisico, il livello data link e il livello rete. Protocollo DMO

56 Livello fisico Realizza la trasmissione in aria della sequenza di bit che implementa di fatto il protocollo: definisce la codifica dei bit nei relativi segnali elettrici definisce modulazione/demodulazione appropriate effettua scrambling/de-scrambling mappa il blocco MAC nel burst del livello fisico e aggiunge le informazioni relative al livello 1 fornisce alcune direttive sui vincoli che devono essere rispettati dal mezzo fisico in uso.

57 Livello data link Il livello data link, detto anche MAC (Medium Access Control), è in grado di: conoscere lo stato del canale su cui transita l informazione regolareil bit ratedella trasmissione riconoscere se il sistema chiamato è attivo in ricezione, permettendo quindi di implementare una comunicazione orientata alla connessione effettuare codifica di canale (FEC + CRC) Il MAC è costituito da: upper MAC: comunica con il livello 3 attraverso lo scambio di messaggi, quindi in modo asincrono, e lavorando in byte; lower MAC: comunica con il livello 1 in modo sincrono, dato che stavolta non si lavora con messaggi ma con interrupt, e in bit.

58 Livello rete Direct Mode Call Control gestisce la portante RF selezionata in tutti i suoi possibili stati: decide come attivare una chiamata/sds gestisce servizi dati a pacchetto decide come mantenere attiva una chiamata decide come gestire una chiamata in relazione ad altre chiamate in ingresso e/o in uscita Sopra questo livello si trovano: user plane responsabile del trasporto di traffico voce e dati; control plane si occupa della gestione dell interfaccia aria, ovvero dell apertura e del mantenimento delle connessioni tra mobili attraverso lo scambio di segnalazioni opportunamente indirizzate.

59 Pila Protocollare TETRA TMO

60 Modalità di indirizzamento in DMO Il sistema TETRA DMO prevede per l indirizzamento l uso dei seguenti tipi di indirizzo: ITSI (Individual Tetra Subscriber Identity); GTSI (Group Tetra Subscriber Identity); TEI (Tetra Equipment Identity): numero di serie utile per individuare in maniera univoca l apparato hardware a prescindere dagli indirizzamenti sopra descritti.

61 ITSI E sempre associato a un terminale Costituito da 48 bit e suddiviso in due parti ognuna di lunghezza pari a 24 bit: MNI (Mobile Network Identity), composto da MCC (Mobile Country Code), che individua la nazione di appartenenza del mobile MNC (Mobile Network Code), che invece individua la rete all interno della quale opera il mobile. SSI (Short Subscriber Identity, in questo caso si parla di ISSI, Individual SSI). L ISSI identifica un mobile in maniera univoca all interno di uno stesso MNI Struttura complessiva di un generico indirizzo individuale

62 GTSI Non è detto che ad ogni terminale venga associato un GTSI anche se, da standard, ogni DM-MS appartiene almeno a due gruppi detti open group: il primo è un particolare indirizzo di gruppo (costituito da 48 bit tutti posti a uno) definito allo scopo di rendere raggiungibili in situazioni di emergenza tutti i mobili sintonizzati su una stessa frequenza indipendentemente dal loro MNI. il secondo consente di raggiungere, tra tutti i mobili sintonizzati su una stessa portante RF, quelli aventi uno stesso MNI: questo secondo GTSI ha il solo SSI costituito da soli bit a uno mentre l MNI ha un valore significativo. Un terminale associato a un GTSI è in grado di partecipare alle chiamate indirizzate a tale GTSI assieme a tutti gli altri mobili aventi lo stesso indirizzo di gruppo. Struttura analoga all ITSI

63 Canali logici Per ottimizzare la trasmissione e la ricezione sul canale fisico il canale fisico è suddiviso nei canali logici di traffico e di segnalazione. Canale di traffico voce e dati Pacchetti di tipo DNB (Direct mode Normal Burs) Eccezionalmente il DNB può contenere segnalazione: procedimento di stealing Decodifica di un pacchetto di tipo DNB avviene solo dopo la ricezione dei pacchetti di segnalazione DNB non riportano indicazione sulla temporizzazione (inizio slot, contatori di slot, di frame, etc) contenuta nei DSB in fase di sincronizzazione che precede ogni trasmissione di traffico.

64 Canale di segnalazione Struttura del DSB (Direct mode Synchronization Burst) Contiene informazioni necessarie per aprire e chiudere una chiamata, mantenere il canale nello stato occupato e riservato e per implementare i meccanismi di pre-emption e changeover Contiene informazioni di temporizzazione imposte dal mobile master che trasmette: ricevuto un DSB, i mobili sintonizzati sulla frequenza possono allineare al master i loro riferimenti in frequenza sincronizzandosi alla temporizzazione da questo imposto.

65 a Protocollo DMO non descrive chiaramente la procedura di linearizzazione: la sua effettiva implementazione è legata alle caratteristiche fisiche dell apparato DLB (Direct mode Linearization Burst) Non trasporta nessun contenuto informativo ma può essere necessario per la cosiddetta procedura di linearizzazione (o soppressione della portante residua), cioè per effettuare una periodica ritaratura del trasmettitore in modo da migliorarne le prestazioni.

66 Canali logici Upper MAC e lower MAC, da un punto di vista di protocollo (non da un punto di vista pratico) comunicano virtualmente tra loro attraverso varie primitive (tale interfaccia viene infatti denominata DMVSAP, Direct mode Mac Virtual SAP) che sfruttano canali logici di vario tipo.

67 Canali logici livello fisico I canali logici a livello fisico (traffico e segnalazione) si suddividono, a seconda del tipo di trasmissione effettuata, in: SCH (Signalling CHannel), si suddivide in SCH/S (SCH/Synchronization) per la sincronizzazione, in SCH/H (SCH/Half slot) per la segnalazione che occupa mezzo slot e in SCH/F (SCH/Full slot) per la trasmissione frammentata di traffico. TCH (Traffic Channel), canale di traffico; STCH (STealing CHannel), canale di stealing; LCH (Linearization CHannel), canale di linearizzazione.

68 Grazie per l attenzione

Rete Radiomobile TETRA

Rete Radiomobile TETRA Aeroporti di Roma La Tecnologia Digitale TETRA TErrestrial Trunked RAdio TETRA - Lo standard digitale per i Sistemi Radiomobili Professionali European Telecommunications Standardization Institute attraverso:

Dettagli

Università degli studi di Ferrara

Università degli studi di Ferrara Università degli studi di Ferrara Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria e Tecnologie per le Telecomunicazioni e l Elettronica Sistemi per il coordinamento di flotte radio cellulari

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

IL PROGETTO. Tiene conto:

IL PROGETTO. Tiene conto: IL PROGETTO Tiene conto: delle infrastrutture realizzabili e tecnologie applicabili dei Servizi utilizzatori delle priorità nelle fasi realizzative in relazione alle esigenze ed alle risorse finanziarie

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

GPRS: General Packet Radio Service

GPRS: General Packet Radio Service GPRS: General Packet Radio Service Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Procedure Introduzione Introduzione Internet: trasmissione dati rappresenta una grossa parte del traffico

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

Daniele Biondini, Giuseppe Pierri Samuela Persia, Bartolomeo Sapio Lo StanDarD tetra: IL ProcESSo DI certificazione E SvILuPPI futuri

Daniele Biondini, Giuseppe Pierri Samuela Persia, Bartolomeo Sapio Lo StanDarD tetra: IL ProcESSo DI certificazione E SvILuPPI futuri Daniele Biondini, Giuseppe Pierri Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni - ISCOM Samuela Persia, Bartolomeo Sapio Fondazione Ugo Bordoni Lo StanDarD tetra: IL ProcESSo DI

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Sistema radiomobile professionale multiaccesso digitale a standard ETSI - TETRA

Sistema radiomobile professionale multiaccesso digitale a standard ETSI - TETRA Sistema radiomobile professionale multiaccesso digitale a standard ETSI - TETRA TETRA ti offre... 123 un sistema di radiocomunicazione cellulare privato gestito e controllato direttamente da te, indipendentemente

Dettagli

T24 Reti numeriche integrate nei servizi

T24 Reti numeriche integrate nei servizi T24 Reti numeriche integrate nei servizi T24.1 Proporre una traduzione in italiano della definizione di ISDN fornita in inglese dall ITU-T (v. par. 24.1)... T24.2 Quali sono gli aspetti chiave che sono

Dettagli

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager A.Mazza Sirti s.p.a. 1 R3: Tecnologia Il motore del sistema è la migliore tecnologia disponibile

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo intervallo di

Dettagli

WHITE PAPER. Standard ETSI DMR Per le Comunicazioni Radio Professionali

WHITE PAPER. Standard ETSI DMR Per le Comunicazioni Radio Professionali WHITE PAPER Standard ETSI DMR Per le Comunicazioni Radio Professionali Introduzione Le ricetrasmittenti professionali stanno per affrontare la più importante innovazione dall invenzione del transistor:

Dettagli

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa A Palazzo Madama la sicurezza è di casa di Giovanni Contardi, Responsabile Security & Safety del Senato della Repubblica e Fabio Garzia, Docente di Sistemi di Sicurezza Anticrimine nel corso di laurea

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA: LE TELECOMUNICAZIONI IN GRADO DI GARANTIRE LA SICUREZZA

L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA: LE TELECOMUNICAZIONI IN GRADO DI GARANTIRE LA SICUREZZA documentazione L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA: LE TELECOMUNICAZIONI IN GRADO DI GARANTIRE LA SICUREZZA Gerardo Palmieri 1 Con la Legge 15 dicembre 1990, n. 395 il legislatore ha riformato l ordinamento

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

5 Architettura protocollare

5 Architettura protocollare 5 Architettura protocollare L architettura protocollare del GPRS è basata sul principio della stratificazione dei protocolli, in accordo col modello ISO/OSI; lo standard GPRS distingue due tipi di piani

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS 3.1 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI Nel campo della comunicazione wireless si individuano successive generazioni di sistemi che si distinguono

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

DIMETRA IP Compact. una soluzione tetra completa e compatta

DIMETRA IP Compact. una soluzione tetra completa e compatta DIMETRA IP Compact una soluzione tetra completa e compatta MOTOROLA IL VOSTRO PARTNER TECNOLOGICO PRONTO E AFFIDABILE Un eredità straordinaria Le soluzioni TETRA di Motorola si avvalgono di oltre 75 anni

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 1 Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 2 3 4 5 6 7 WiMAX : Worldwide Interoperability for Microwave Access Consorzio no-profit di aziende creato per promuovere e certificare

Dettagli

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Ing. Francesco Chiti chiti@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Luca D Antonio Roma, 7/12/2006 0 Sistemi radiomobili Connettono utenti mobili ad utenti mobili e/o fissi utilizzando la risorsa radio, indipendentemente dalla posizione

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

ACCESSNET -T CAMPUS DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

ACCESSNET -T CAMPUS DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ACCESSNET -T CAMPUS INDICE INDICE...i 1. INTRODUZIONE...1 2. PANORAMICA DELLE FUNZIONI...2 3. APPLICATIVO GESTIONALE...3 3.1 Il dispatcher...4 3.2 Configurazione del CAMPUS...7

Dettagli

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM Il progetto è stato ideato come un sistema per il controllo automatico di vari processi effettuati in ambito domestico e il loro controllo a distanza.

Dettagli

Comunicazioni Mobili: CONCETTI FONDAMENTALI

Comunicazioni Mobili: CONCETTI FONDAMENTALI Corso di Comunicazioni Mobili Comunicazioni Mobili: CONCETTI FONDAMENTALI Prof. Carlo Regazzoni RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] A. Bernardini, Sistemi di Telecomunicazione - Lezioni, Capitolo 1, Edizioni

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

Standard delle reti wireless

Standard delle reti wireless Standard delle reti wireless Pubblicati dalla IEEE, 802 LAN-MAN standards committee. ISO OSI 7-layer model Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IEEE 802 standards Logical

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof.

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.3 GPRS-EDGE Prof. Raffaele Bolla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La trasmissione dati su reti radio mobili cellulari

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni II C - Sistemi e moduli UMTS C1 Struttura interfaccia radio» Accesso multiplo» Radio frame» Blocchi funzionali

Dettagli

MotoTRBO IPSC: le chiamate.!

MotoTRBO IPSC: le chiamate.! MotoTRBO IPSC: le chiamate. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Febbraio 2014 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE Si inizializza ogni volta che cambia il canale radio, ed è necessario per mantenere una elevata efficienza spettrale ed evitare la sovrapposizione di burst in slot temporali

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications

GSM Global System for Mobile communications GSM Global System for Mobile communications Un po di storia (1) 1982 La CEPT (Conférence Européenne des Administrations des Postes et des Télécommunications) forma il Groupe Spéciale Mobile (GSM) per la

Dettagli

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM BTS BSC R -MSC A -MSC HLR MS RIL 3 - CC RIL 3 - MM MAP / D DTAP RIL 3-RR RSM BSSMAP MAP / E distribution MTP 3 MTP 3 MTP 3 LAPDm LAPD MTP 2 MTP 2 MTP 2 Radio IF 64 kbit/s

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile

ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile ALLEGATO B ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile CIG : 2462539776 C.U.P. : B34C11000150002 Pag. 1 ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile di cui al protocollo d intesa

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Rete di accesso / Rete di trasporto

Rete di accesso / Rete di trasporto Rete di accesso / Rete di trasporto Per un operatore i costi legati alle reti di trasporto sono principalmente costi legati all esercizio e alla manutenzione della rete ( Operation and maintenance ). In

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web Sommario Introduzione alla Sicurezza Web Considerazioni generali IPSec Secure Socket Layer (SSL) e Transport Layer Security (TLS) Secure Electronic Transaction (SET) Introduzione alla crittografia Introduzione

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico 1 Molteplici requisiti Uniformità di copertura radio Servizio di connettività offerto in zone a differente richiesta di traffico e ad utenti

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Capitolo 2. Il sistema DECT

Capitolo 2. Il sistema DECT Capitolo 2 Il sistema DECT 2.1 Introduzione In un panorama nel quale il concetto di wireless è applicato ad ogni attività sia della vita quotidiana che dell ambiente produttivo in genere, la tecnologia

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Descrizione tecnologia DMR

Descrizione tecnologia DMR Descrizione tecnologia DMR Descrizione tecnologia DMR Pagina 1 BPG Radiocomunicazioni 2008 Sommario 1 GENERALITÀ SU TECNOLOGIA DMR 4 1.1 STANDARD DMR 4 1.2 ARCHITETTURA DI PROTOCOLLO 4 1.2.1 Air interface

Dettagli

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte.

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte. M86 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Sessione ordinaria 004 Seconda prova scritta CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: TELECOMUNICAZIONI (Testo valevole

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 8, sicurezza ai livelli di rete e data-link. Sicurezza ai livelli di rete e data link

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 8, sicurezza ai livelli di rete e data-link. Sicurezza ai livelli di rete e data link Sicurezza ai livelli di rete e data link Sicurezza a livello applicativo Ma l utilizzo di meccanismi di cifratura e autenticazione può essere introdotto anche ai livelli inferiori dello stack 2 Sicurezza

Dettagli

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo Sistema UMTS Tecnica di accesso W-CDMA Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo... 1 Concetti generali sul CDMA... 3 L operazione di spreading... 6 Parametri caratteristici dell operazione

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete Maria Missiroli Cos è il DVB-H? Digital Television for Handheld terminals Il DVB-H non è solo TV, ma è data broadcasting per molti utenti con un singolo servizio.

Dettagli

Il GSM Architettura generale

Il GSM Architettura generale Il GSM Architettura generale Marco Listanti 1 Indice 2 Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Le reti cellulari geografiche: il GSM Architettura generale Servizi portanti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli