METODICHE PER LA MISURAZIONE DELLA COMPLIANCE E SUOI LIMITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODICHE PER LA MISURAZIONE DELLA COMPLIANCE E SUOI LIMITI"

Transcript

1 VIII CONGRESSO NAZIONALE ANCE Capri, 7-11 Ottobre 1998 III Simposio (9 Ottobre): Compliance del paziente iperteso METODICHE PER LA MISURAZIONE DELLA COMPLIANCE E SUOI LIMITI Plinio Pinna Pintor Torino Sin da tempi remoti è noto che sovente i malati non rispettano le prescrizioni dei medici, se era consentito ad Ippocrate di affermare che i pazienti sovente mentono quando affermano di aver preso certe medicine. Questo fenomeno, noto come non-compliance o non adesione alle terapie, è tutt oggi al centro dell attenzione di medici pratici, ricercatori, amministratori della sanità pubblici e privati e case farmaceutiche. La non adesione alle prescrizioni costituisce infatti un serio ostacolo sia nella medicina clinica sia in quella sociale, vanificando le campagne di prevenzione, come dimostra la letteratura più recente, impedisce il regolare svolgimento dei trials, e nell insieme aggrava i costi della sanità. Come insegna la metodologia della verifica di qualità, una volta individuato il problema della non adesione, il secondo passo è la ricerca e l individuazione delle sue cause. Nel recente AHA Special Report: Recommendation for a Call to Action. A statement for Health Care professionals di N. Huston Miller, M. Hill, T. Kottka, I.S. Ockene (Circulation 1997; 95 : ), le cause della non compliance vanno ricercate non solo nel comportamento del paziente, come appare ragionevole, ma anche in quello del medico e di tutti gli operatori sanitari e dal tipo di organizzazione sanitaria, in particolare, per l'accessibilità delle cure. Come la diagnosi eziologica di una malattia è un prerequisito per poterla curare, così la conoscenza di tutti i fattori che espongono i singoli pazienti o interi campioni di popolazione al rischio di non-compliance è decisiva per mettere in opera raccomandazioni e correttivi per migliorare la compliance nei diversi contesti ambulatoriali e anche ospedalieri o nelle campagne di prevenzione. Altrettanto necessario è disporre di metodi efficaci per accertare e quantificare la non adesione in diversi gruppi di pazienti e in riferimento a diversi tipi di prescrizioni. I metodi per scoprire la non-compliance sono abitualmente classificati come metodi indiretti e diretti. Fra i metodi indiretti vengono considerati ad es. rapporti compilati direttamente dal paziente, interviste del medico, gli esiti terapeutici (ad es. è facile stabilire che un paziente con tachiaritmia totale prenda la digitale od il betabloccante quando dopo pochi giorni si osserva una significativa riduzione della frequenza cardiaca), la conta delle tavolette 1

2 consumate e recentemente i contenitori dei farmaci che, grazie ad un congegno computerizzato nel coperchio memorizza tutte le aperture, detti MEMS (Medication Event Monitoring System). Metodi diretti sono considerati markers biologici, come il dosaggio dell emoglobina glicosilata nei pazienti diabetici che fornisce indicazioni obiettive sul trattamento, o piccole quantità di composti traccianti aggiunti ai farmaci somministrati e dosabili nei fluidi in soluzione come il fenobarbital o la digossina che hanno lunga emivita, o direttamente il dosaggio dei farmaci sonninistrati al paziente nei fluidi biologici. Questo con molte possibilità di errori, a causa della grande variabilità farmacocinetica individuale. MISURARE LA COMPLIANCE: PERCHE', QUANTO E COME. PERCHE' Le misure di compliance hanno lo scopo di raccogliere i dati oggettivi necessari per valutare l'adesione alle prescrizioni del Medico dello stesso paziente nel corso del tempo o di diversi gruppi di pazienti durante i trial e secondariamente quello di consentire la verifica del successo degli interventi effettuati per migliorarla. La misura della non compliance, inoltre, può consentirci di valutare il peso degli effetti indesiderati dei farmaci quando si possa dimostrare che ne sono il fattore determinante. L'adesione alle prescrizioni può essere valutata in termini categorici -si o no- o in più categorie -adesione buona, mediocre o insufficiente- o infine come una variabile continua 1. Nel trattamento delle patologie croniche e per lunghi periodi asintomatiche come l'ipertensione, le dislipidemie ed il diabete è stato osservato che gli insuccessi delle misure di prevenzione primaria e secondaria e dei trattamenti farmacologici a lungo termine e gli alti costi che ne conseguono non siano da attribuire solo all'inefficacia delle terapie ma, in buona parte, come è ben noto da più di 30 anni 2, a scarsa adesione alle prescrizioni. 1 J. Dunbar, Adherence measures and their utility. Controlled Clinical Trials, 1984;5:515 2 Caldwell JR, Cobb S, Dowling MD, De Jongh D, The Dropout problem in antihypertensive treatment. A pilot study of social and emotional factors influencing a patient's ability to follow antihypertensive treatment. J. Chron. Dis., 1970; 22:579 2

3 Le misurazioni della compliance, pertanto, quale che sia la sua categorizzazione, sono indispensabili anche per accertare se la non adesione o non-compliance (NC), in molte occasioni, è una determinante indipendente degli insuccessi terapeutici. La NC porta anche a sottostimare la vera efficacia delle terapie 3 nei trials in cui l'analisi per lo più basata sul criterio dell' "intention to treat", considerando nel denominatore tutti i pazienti reclutati ed anche quelli persi in quanto non hanno più assunto i farmaci, inevitabilmente riduce la percentuale dei successi terapeutici, anche se fornisce una documentazione più realistica della fattibilità delle terapie (non solo efficiency ma effectivness). QUANTO Sia nella pratica clinica, sia nei trial, d'altra parte, l'impatto della NC sull'efficacia della terapia è in rapporto alla sua dimensione. Per questo motivo il medico pratico di fronte ad insuccessi terapeutici ed il ricercatore di fronte ai risultati insoddisfacenti dei trial non deve limitarsi a considerare l'ipotesi generale che la NC figuri fra le variabili sostanzialmente responsabili degli eventi, ma determinarne anche l'entità ovvero misurarla. Non a caso, del tutto recentemente 4, il FDA ha consentito l'introduzione a fini regolatori negli stampati promozionali anche le segnalazioni che il farmaco può migliorare la compliance. Se il presupposto dell'efficacia di un farmaco è una soglia minima di concentrazione ematica efficace durante tutto il trattamento è evidente che la definizione stessa di compliance va aggiornata e la sua misurazione adeguata a rivelare se e quando le somministrazioni realmente avvenute sono in grado di mantenere il livello ematico efficace. 3 Bond WS, Hussar DA, Detection methods and strategies for improving medication compliance. Am. J. Hosp. Pharm. 1991; 48: L.A. Morris, Definitions, measurements and claims of compliance: a regulatory perspective. Workshop "Persistence/compliance among patients on drug therapy", Baltimore, 8-9 December 1997.Dia 97 3

4 Le misurazioni non si limitano abitualmente a determinare il rapporto fra la dose somministrata e quella prescritta. Il mantenimento del livello ematico efficace dipende anche, in larga misura, da molti altri fattori. Per questo lo studio deve considerare diversi aspetti di NC: 1. Se la dose somministrata è inferiore o superiore a quella prescritta e di quanto; 2. Se gli orari delle somministrazioni sono rispettati ed in che proporzione; 3. Se il trattamento nel corso del tempo è effettuato con regolarità e di quanto si discosta dal profilo prescritto; 4. Se il piano di trattamento è o meno completamente modificato. Considerando tutti questi aspetti una adesione migliore o uguale all'80% sia alla dose sia agli orari prescritti in quanto ritenuta farmacocineticamente efficace, viene ritenuta compliance ottimale, mentre quella inferiore al 20% viene classificata come NC. Compliance parziale è quella dei pazienti che assumono i farmaci irregolarmente o che omettono una o più dosi. Nella Tavola I sono descritte sia le categorie sia la loro distribuzione media in un campione di popolazione 5. Tavola i: categorie di adesione alla terapia di pazienti in trattamento Definizione % di adesione Frequenza di distribuzion e - adesione ottimale 80 % 50-60% - adesione parziale 20-79% 30-40% - non adesione < 20 % 5-10% Da Insull, J. Intern. Med. 1997, modificata 5 Insull, W., The problem of compliance to cholesterol altering therapy. Journal of Internal Medicine, 1997; 241:317 4

5 COME Il metodo di misura ideale dovrebbe dimostrare una sensibilità (espressa dalle capacità di rilevare correttamente la proporzione di pazienti non aderenti o nel singolo paziente la percentuale reale di omissioni) ed una specificità (espressa dalla capacità di rilevare la proporzione di pazienti con adesione ottimale o nel singolo paziente la percentuale di assunzione realmente effettuata) soddisfacenti come si richiede a tutti i test in medicina. Ciò sarebbe possibile solo con l'osservazione diretta del paziente nel momento e nel luogo di assunzione del farmaco: metodo improponibile nel contesto ambulatoriale. Attualmente vengono ancora utilizzati sia nelle ricerche, sia nella pratica clinica metodi tradizionali, alcuni dei quali introdotti da 4 decadi 6 come il conteggio delle compresse ed il dosaggio dei farmaci nei fluidi biologici ed altri; le relazioni del paziente e le interviste del medico da più di tre decadi e, più recentemente, come i contenitori con microprocessori nel coperchio 7 che memorizzano il numero e l'orario delle aperture. Nessuno dei metodi sino ad ora proposti, se usato isolatamente, si può considerare affidabile in quanto influenzato più o meno consciamente dal comportamento del paziente. Non disponiamo pertanto di un "gold standard" a cui fare riferimento per la validazione di ciascuno dei metodi. Per questo motivo, attualmente, nelle ricerche in più occasioni sono state utilizzate almeno due e talvota anche più metodi accontentandosi di considerare standard il metodo apparentemente meno soggetto agli errori di giudizio del paziente. Nella pratica clinica il numero ed il tipo di metodi adatti all'uso simultaneo è più limitato. Tra i metodi tradizionali il più utilizzato, ancora oggi, è il conteggio delle compresse effettuato ad ogni visita ambulatoriale o domiciliare. 6 Stewart RB, Leighton E. Cluff.; A review of medication errors and compliance in ambulant patients. Clinical Pharmacology and Therapeutics 1972; 13:463 7 Kass MA, Meltzer DW, Gordon M, A miniature compliance monitor for ophthalmology, Arch. Ophthalmol. 1984; 102:1550 5

6 Il grado di adesione è indicato dalla quantità di compresse residue nel flacone o nel blister. Questo metodo, proposto più di 40 anni fa 8 ha molti limiti in quanto, indipendentemente dalle intenzioni del paziente di nascondere l'eventuale inadempienza, non ci offre alcuna indicazione sul rispetto dell'orario della prescrizione che, come è noto, è altrettanto importante ai fini dell'efficacia del farmaco. E' una misura grossolana si può dire della "macro compliance" e valida solo per valutarla in periodi relativamente lunghi e soprattutto nelle ricerche dove l'assunzione dei farmaci può essere più controllata. Altro problema, inoltre, è ricordare al paziente di portare con sé alla visita le compresse residue 9. I farmaci possono essere, d'altra parte, anche consumati in famiglia (diuretici, sonniferi, tranquillanti, antibiotici). In generale il conteggio delle compresse tende a sovrastimare l'adesione, come è stato dimostrato dal confronto con il dosaggio del farmaco (Digoxin) e con il monitoraggio computerizzato di cui si riferirà più avanti La misura più semplice della compliance si ottiene intervistando direttamente il paziente. Il metodo, tuttavia, ancorché applicabile in tutti i contesti, non è accurato per due motivi: 1. Il paziente non sempre è in grado di ricordare in che misura ha rispettato le prescrizioni; 2. Oppure il paziente è consapevole di non aver rispettato le prescrizioni ed in che misura ma è imbarazzato nell'ammetterlo. Anche l'intervista, come la conta delle compresse, tende a sovrastimare la compliance in quanto è possibile che il paziente ricordi solo quando ha preso il farmaco ma non quando lo ha saltato. 8 Mohler DN, Wallin DG, Dreyfus EG., Studies in the home treatment of streptococcal disease. 1. Failure of patients to take penicillin by mouth as prescribed, N. Engl. J. Med. 1955; 252: Fletcher SW, Pappius EM, Harper SJ; Measurment of Medication Compliance in a Clinical setting. Arch.Intern.Med. 1979;139: Cramer JA, Mattson RH, Prevey ML, Scheyer RD, Ouellette VL, How often is medication taken as prescribed? A novel assessment technique. JAMA 1989; 261: JM Detry, Block P, De Backer G, Degaute JP, Six R, Patient compliance and therapeutic coverage: amlodipine versus nifedipine (slow-release) in the treatment of angina pectoris. The Journal of International Medical Research 1994;22:278 6

7 L'intervista, tuttavia, può essere utile per individuare le cause della non adesione. I rapporti del paziente, così come l'opinione dei familiari e del medico di famiglia, sono considerati inaccurati o per l'insufficiente conoscenza del comportamento dei pazienti o per l'incapacità di riferirlo con precisione, come è stato dimostrato confrontando i risultati con il sistema di monitoraggio elettronico 12 Il rapporto del paziente può essere utile se effettuato in concomitanza con l'uso di marcatori in quanto lo stesso paziente che in questi casi è indotto a rilevarne la comparsa nelle urine (vedi oltre) ed a memorizzare così se ciò è avvenuto in rapporto all'assunzione del farmaco. I marcatori biologici o sostanze traccianti, in uso da un decennio, sono sostanze aggiunte in piccole quantità ai farmaci che possono essere facilmente dosate nei fluidi -siero ed urine-. Sono stati usati il luminal 13 e la digoxina 14 che, possedendo una relativamente lunga emivita, sono utili per rilevare l'adesione nelle settimane più che nei giorni precedenti il dosaggio. I marcatori, tuttavia, proprio per la loro farmacocinetica cumulativa, non sono in grado di indicarci l'adesione all'orario prescritto. Il dosaggio della concentrazione dei farmaci nei liquidi biologici (siero ed urina) apparentemente "gold standard della compliance" ha una utilità limitata a causa delle notevoli variazioni nell'assorbimento, metabolismo ed escrezione da individuo ad individuo e, come i traccianti, non fornisce indicazioni sul rispetto dell'orario; infine, un'assunzione di farmaci a rapida eliminazione prima del test, può determinarne una concentrazione adeguata mimetizzando un uso regolare del farmaco. A ciò si può ovviare ripetendo i dosaggi e basando il livello di compliance sulla media delle determinazioni. 12 Gordon ME & Kass MA, Validity of standard compliance measures in glaucoma compared with an electronic eyedrop monitor. In JA Cramer & B.Spilker (eds), Patient compliance in medical practice and clinical trials. New York:Raven Press, 1991, Feeley M, CookeJ, Price D et al., Low-dose phenobarbitone as an indicator of compliance with drug therapy. Br.J.Clin. Pharmacol. 1987; 24:77 14 Maenpaa H., Javela K, Pikkarainen J, Malkonen M, Heinonen OP, Manninen V, Minimal doses of digoxin: a new marker for compliance to medication. Eur. Heart J.1987;8(suppl.1):31 7

8 Il dosaggio dei farmaci, d'altra parte, è un metodo costoso, per lo più impraticabile nella pratica clinica ed inaccurato nella misura in cui i pazienti più o meno consciamente tendono a diventare diligenti poco prima della visita. Ciò che si definisce effetto "spazzolino da denti" per analogia con l'abitudine di pulirsi i denti prima di andare dal dentista. Tuttavia il dosaggio serico o urinario ed il controllo elettronico possono essere considerati come i migliori gold standard attualmente disponibili anche se di difficile applicazione pratica. Il più recente ed apparentemente oggettivo metodo di misura è rappresentato dal già citato sistema di monitoraggio elettronico reso possibile dall'inserimento di un microprocessore nel coperchio di un contenitore delle compresse prescritte. Il sistema, detto MEMS (Medication Event Monitoring System) consente di memorizzare data ed ora di tutte le aperture nonché l'intervallo dall'apertura precedente fornendo in questo modo una documentazione obiettiva del prelievo del farmaco dal contenitore. Questo sistema tuttavia non garantisce che ad ogni apertura corrisponda una assunzione del farmaco. Gli Autori che hanno utilizzato il metodo osservano in proposito essere molto improbabile che un paziente apra il contenitore ad intervalli regolari seguendo l'orario prescritto per poi buttare via le compresse! Il metodo è stato utilizzato, come già accennato in precedenza, per validare i sistemi tradizionali come il conteggio delle compresse, le interviste ed i dosaggi dei farmaci ed i marcatori biologici ed ha consentito di accertarne la scarsa specificità. Trattandosi di strumentazione relativamente costosa e non disponibile nel nostro Paese non è proponibile nella pratica clinica; potrebbe essere utilizzato per validare metodi più semplici e tradizionali utilizati nel corso delle ricerche. 8

9 In una serie recente di studi di compliance sono stati applicati metodi tradizionali con alcuni correttivi come il conteggio delle compresse a domicilio di sorpresa o utilizzando due metodi simultaneamente come il controllo incrociato tra l'intervista ed i dati della farmacia 17 oppure il rapporto del paziente ed il controllo della cartella pre le prescrizioni effettuate dopo breve ricovero in ospedale 18. L'uso del MEMS ed il conteggio delle compresse per studiare l'instabilità dell'anticoagulazione 19 (Van der Meer). CONCLUSIONI La molteplicità di metodi impiegati ancora del tutto recentemente in contesto clinico e di ricerca e per i più svariati farmaci dimostra che ancora oggi non disponiamo di metodi di misura ottimali sotto il profilo dell'accuratezza, praticità, economicità e validità per tutte le occasioni. E' possibile che l'impiego di almeno due metodi, da scegliere fra quelli tradizionali e quelli più recenti come il MEMS o affini, in rapporto al contesto di impiego ed al tipo di prescrizioni, possa avvicinarsi al miglior rapporto costo-beneficio delle misure. 15 Pi-neiro F., Gil V, Donis M,Torres MT, Orozco D, Merino J, Factors involved in noncompliance with drug treatment in non-insulin dependent diabetes mellitus, Aten Primaria 1997; 20(8): Pi-neiro F.,.Gil V, Donis M, Orozco D, Pastor R, Merino J, Factors involved in noncompliance with pharmacological treatment in arterial hypertension. Aten Primaria 1997; 20(4): Lau HS, Beuning KS, Postma-Lim E, Klein-Beernink L, de Boer A, Porsius AJ, Non-compliance in elderly people: evaluation of risk factors by longitudinal data analysis. Pharm World Sci 1996; 18 (2):63 18 McElnay JC, McCallion CR, al-deagi F, Scott M, Self-reported medication non-compliance in the elderly. Eur.J.Clin. Pharmacol, 1997; 53 (3-4): Van der Meer FJ, Bri et E, Vandernbroucke JP, Sr' amek DI, Versluijs MH, Rosendaal FR, The role of compliance as a cause of instability in oral anticoagulant therapy. Br.J. Haematol,1997;98(4):893 9

10 BIBLIOGRAFIA 1. J. Dunbar, Adherence measures and their utility. Controlled Clinical Trials, 1984;5: Caldwell JR, Cobb S, Dowling MD, De Jongh D, The Dropout problem in antihypertensive treatment. A pilot study of social and emotional factors influencing a patient's ability to follow antihypertensive treatment. J. Chron. Dis., 1970; 22: Bond WS, Hussar DA, Detection methods and strategies for improving medication compliance. Am. J. Hosp. Pharm. 1991; 48: L.A. Morris, Definitions, measurements and claims of compliance: a regulatory perspective. Workshop "Persistence/compliance among patients on drug therapy", Baltimore, 8-9 December 1997.Dia Insull, W., The problem of compliance to cholesterol altering therapy. Journal of Internal Medicine, 1997; 241: Stewart RB, Leighton E. Cluff.; A review of medication errors and compliance in ambulant patients. Clinical Pharmacology and Therapeutics 1972; 13: Kass MA, Meltzer DW, Gordon M, A miniature compliance monitor for ophthalmology, Arch. Ophthalmol. 1984; 102: Mohler DN, Wallin DG, Dreyfus EG., Studies in the home treatment of streptococcal disease. 1. Failure of patients to take penicillin by mouth as prescribed, N. Engl. J. Med. 1955; 252: Fletcher SW, Pappius EM, Harper SJ; Measurment of Medication Compliance in a Clinical setting. Arch.Intern.Med. 1979;139: Cramer JA, Mattson RH, Prevey ML, Scheyer RD, Ouellette VL, How often is medication taken as prescribed? A novel assessment technique. JAMA 1989; 261: JM Detry, Block P, De Backer G, Degaute JP, Six R, Patient compliance and therapeutic coverage: amlodipine versus nifedipine (slow-release) in the treatment of angina pectoris. The Journal of International Medical Research 1994;22: Gordon ME & Kass MA, Validity of standard compliance measures in glaucoma compared with an electronic eyedrop monitor. In JA Cramer & B.Spilker (eds), Patient compliance in medical practice and clinical trials. New York:Raven Press, 1991, Feeley M, CookeJ, Price D et al., Low-dose phenobarbitone as an indicator of compliance with drug therapy. Br.J.Clin. Pharmacol. 1987; 24: Maenpaa H., Javela K, Pikkarainen J, Malkonen M, Heinonen OP, Manninen V, Minimal doses of digoxin: a new marker for compliance to medication. Eur. Heart J.1987;8(suppl.1): Pi-neiro F., Gil V, Donis M,Torres MT, Orozco D, Merino J, Factors involved in noncompliance with drug treatment in non-insulin dependent diabetes mellitus, Aten Primaria 1997; 20(8): Pi-neiro F.,.Gil V, Donis M, Orozco D, Pastor R, Merino J, Factors involved in noncompliance with pharmacological treatment in arterial hypertension. Aten Primaria 1997; 20(4): Lau HS, Beuning KS, Postma-Lim E, Klein-Beernink L, de Boer A, Porsius AJ, Noncompliance in elderly people: evaluation of risk factors by longitudinal data analysis. Pharm World Sci 1996; 18 (2): McElnay JC, McCallion CR, al-deagi F, Scott M, Self-reported medication non-compliance in the elderly. Eur.J.Clin. Pharmacol, 1997; 53 (3-4): Van der Meer FJ, Bri et E, Vandernbroucke JP, Sr' amek DI, Versluijs MH, Rosendaal FR, The role of compliance as a cause of instability in oral anticoagulant therapy. Br.J. Haematol,1997;98(4):893 1

11 1

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci

Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci 120-2006 Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci Sussidi per la gestione del rischio 4 Accreditamento Redazione e impaginazione a cura di Federica Sarti - Agenzia sanitaria regionale

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI 1 INDICE Premessa Art. 1 Inquadramento giuridico del Responsabile della Farmacia Art. 2 Compiti Art. 3 Smaltimento

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli