LOTTA INTEGRATA ALLE ZANZARE COMUNE DI MOZZO (Bg) CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AD AEDES ALBOPICTUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOTTA INTEGRATA ALLE ZANZARE COMUNE DI MOZZO (Bg) CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AD AEDES ALBOPICTUS"

Transcript

1 LOTTA INTEGRATA ALLE ZANZARE COMUNE DI MOZZO (Bg) CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AD AEDES ALBOPICTUS RELAZIONE CONCLUSIVA ANNO 2009 A cura di Dott. Giovanni Rota Martir Dott.ssa Simona Macchini 1

2 1-PREMESSA Con la presente relazione si concludono le attività svolte dai tecnici della ditta Sesia sas di Rimini, con sede distaccata nel comune di Bonate Sopra, che nel 2009 ha predisposto, per conto del comune di Mozzo (BG), un piano di lotta biologica-integrata per il contenimento delle popolazioni di zanzare presenti sul territorio comunale, con particolare attenzione alla zanzara tigre. L'accertata presenza di Aedes albopictus (zanzara tigre), specie di nuova introduzione nel territorio comunale, con etologia diversa dalle comuni zanzare, data la sua maggiore aggressività e l'attività prevalentemente diurna, inoltre potenziale vettore di virus e patogeni, ha giustificato un piano di studio finalizzato alla conoscenza dei livelli di insediamento raggiunti nel territorio (distribuzione spaziale e densità di popolazione). Alla base di tutto, è ritenuto di importanza prioritaria l acquisizione di una serie di informazioni sul territorio, che consentiranno di mirare ed ottimizzare le successive azioni, dando priorità ad interventi preventivi di lotta nei siti di proliferazione larvale. Il programma di lotta biologica-integrata è stato articolato a più livelli e con una serie di azioni risultate dall integrazione tra le proposte dei tecnici della ditta Sesia e le indicazioni fornite dai referenti comunali. Ciò ha consentito di costruire un programma operativo sulla specifica realtà locali, ottimizzando le azioni e i risultati. 2-ETOBIOLOGIA DEI CULICIDI Le zanzare appartengono alla famiglia dei Culicidi, ordine dei Ditteri e sono rappresentate in Italia da circa 70 specie (non tutte pungono gli esseri umani). Sono insetti olometaboli, le cui larve possono vivere e svilupparsi solamente in acqua, che deve essere stagnante o non troppo corrente. Le larve respirano l ossigeno atmosferico grazie al sifone respiratorio sito all estremità del loro addome, che permette loro di vivere anche in acque povere di ossigeno, al contrario dei loro predatori e nemici naturali, come i pesci, le larve di libellula Larve di Culex pipiens e altri insetti acquatici provvisti di branchie. Le uova possono essere deposte sia in acqua (Culex spp. Anopheles spp.) sia in terreno asciutto destinato ad allagarsi come ad esempio avviene nelle zone paludose o in risaia per Aedes subgen. Ochlerotatus caspius, Aedes subgen. Aedimorphus vexans. La durata del ciclo di sviluppo, dall uovo all adulto, è fortemente influenzata dalla temperatura dell acqua (a 26 C la durata del ciclo è pari a 7 ± 3 giorni) e dalla disponibilità di cibo (materia organica disciolta in acqua). In estate le uova schiudono in poche ore. Le larve, che possono vivere solo in acqua, hanno un aspetto vermiforme, si nutrono delle particelle organiche disperse nell acqua. Dopo quattro mute le larve si trasformano in pupe, dalle quali, nel giro di 48 ore con le temperature estive, fuoriesce l adulto. Nel periodo estivo l adulto di zanzara vive da uno o tre mesi a seconda della specie e delle condizioni ambientali. I generi Anopheles e Culex svernano come adulti, in una sorta 2

3 di letargo (diapausa), in luoghi riparati all esterno o all interno delle abitazioni, ad esempio nelle cantine, nei garage, nei depositi, nelle stalle. Le zanzare appartenenti al genere Aedes svernano invece allo stadio di uovo, mentre altre specie svernano nello stadio larvale. Abbiamo ricordato che le larve possono vivere e svilupparsi solamente in acqua, che deve quindi permanere per un periodo di tempo sufficiente per permettere il completamento del ciclo. Se il ristagno si prosciuga, le larve muoiono. I siti in cui si possono sviluppare le larve vengono definiti focolai larvali. Sul territorio comunale di Mozzo sono state rinvenute zanzare appartenenti a due sole specie: Aedes albopictus (zanzara tigre) e Culex pipiens (zanzara comune). In Italia le zanzare non trasmettono gravi malattie come in altre parti del mondo, ma il disturbo che arrecano con i loro ronzii e con le loro punture, rende di difficile accettazione la convivenza; possono inoltre provocare reazioni allergiche anche serie, e trasmettere la filariasi ai cani. Solamente la zanzara femmina è in grado di pungere, compito che svolge per procurarsi, con il sangue assunto dalla vittima, le proteine che servono per la maturazione delle uova. A complicare la situazione e ad innalzare i livelli di allerta è la recente segnalazione, nel periodo estivo 2007, del primo caso in Italia del virus asiatico della Chikungunya, trasmesso dalla zanzara tigre all uomo, che ha colpito oltre un centinaio di persone in una zona circoscritta dell Emilia-Romagna. Nel 2008 inoltre sono stati accertati casi di virus West Nile, in provincia di Bologna e di Ferrara. Tale patogeno è veicolato da zanzare appartenenti al genere Culex, per cui occorre tenere alta la guardia anche sulle comuni zanzare nostrane. Alcuni focolai di sviluppo di tali zanzare coincidono con quelli di Aedes albopictus (tombini stradali, piccoli contenitori, ecc), ma non bisogna dimenticare i fossati di scolo e i corsi d acqua superficiali che vengono colonizzati prevalentemente proprio dalle zanzare del genere Culex. Le diverse specie di zanzara vanno a caccia delle loro vittime in diverse fasce orarie ben distinte; le specie attive di giorno vengono attirate prevalentemente da stimoli visivi, (risultano attrattivi i colori scuri); le specie che si muovono al crepuscolo o di notte si orientano prevalentemente grazie a stimoli chimici e fisici: tutte, però, vengono attirate dalla anidride carbonica, emessa con la respirazione, dall odore del sudore, dall acido lattico formato nei muscoli, dalle correnti termiche di convezione che si formano attorno al corpo degli esseri viventi. 3 - STUDIO E MAPPATURA DEL TERRITORIO Nel corso della stagione, sono stati effettuati ripetuti sopralluoghi, in aree a rischio di infestazione (orti, cimiteri, autodemolizioni, vivaisti ecc), allo scopo di individuare e quindi rimuovere tutti i possibili focolai larvali di zanzara, prima della loro naturale evoluzione ad adulti. Le situazioni individuate sono state censite in un apposita tabella e riportate su cartografia che ne consente una comoda valutazione di distribuzione spaziale. L attività d indagine e di mappatura dei focolai urbani, migliora gradualmente la conoscenza del territorio, puntando ad una riduzione progressiva delle potenzialità di sviluppo culicidiche derivanti da una scorretta gestione dell acqua stagnante. 3

4 Distribuzione dei focolai nel Comune di Mozzo anno 2009 Oggetto di ricognizione sono state anche le rogge che in diversi punti attraversano il territorio comunale e che, nei regimi di secca, possono originare pozze con ristagni d acqua a rischio di infestazione. Tra le più problematiche si segnala la roggia Masnada e la roggia che attraversa il parco Ca del Lupo dove si sono registrati focolai larvali di zanzara, tutti riconducibili alla specie Culex pipiens. In ambito urbano, la tipologia di infestazione più comune è rappresentata dai vari contenitori e recipienti di raccolta dell acqua piovana utilizzati per scopi irrigui in orti e giardini (secchi, bidoni e vasche), ma spesso accidentalmente e inconsapevolmente mantenuti in ambito privato Da segnalare, quale consistente fonte di infestazione culicidica (specie rinvenute Culex pipiens ed Aedes albopictus) la rete dei pozzetti stradali comunali, per il cui controllo sono stati attivati sette cicli di intervento con formulazioni antilarvali. La mappatura del territorio va mantenuta costantemente aggiornata, inserendo le informazioni acquisite nel tempo, fondamentali per migliorare la conoscenza e l individuazione delle situazioni problematiche, ottimizzando e scegliendo le opportune misure di controllo e di prevenzione. 4

5 3-1 ORTI CITTADINI Un attenzione particolare è stata utilizzata durante il censimento dei principali nuclei di orti presenti sul territorio comunale. Gli orti rappresentano una situazione particolarmente favorevole allo sviluppo di zanzare tipicamente urbane, quali Culex pipiens e Aedes albopictus. La limitata disponibilità di acqua necessaria per la coltivazione è spesso sopperita mediante il posizionamento, da parte dei proprietari, di numerosi bidoni e secchi in grado di accumulare l acqua piovana. Questa situazione, se non ben gestita, è fonte di ristagni di acqua permanenti che diventano inevitabilmente focolai di sviluppo delle larve di zanzara. Un solo secchio è capace di dare origine nella stagione estiva, a migliaia di zanzare, che volando possono facilmente raggiungere le aree vicine in un raggio di metri. Per tale motivo è stata data importanza alla sensibilizzazione dei proprietari degli orti cittadini, informati circa le corrette norme da seguire, durante le ispezioni effettuate dai tecnici incaricati. In presenza di contenitori infestati di larve di zanzara, in accordo con i proprietari, si è proceduto al trattamento dell acqua con formulazioni biologiche a base di Bacillus thuringensis, o al rovesciamento dei contenitori (se non più utilizzata). Dove l attività di informazioneprevenzione non è stata possibile, per l assenza dei proprietari, sono state esposti degli avvisi informativi, che richiamano le misure di prevenzione ed i riferimenti della specifica ordinanza di lotta. L azione informativa si è dimostrata efficace, con un incremento significativo di copertura di bidoni e secchi da parte degli stessi proprietari. 4 - AEDES ALBOPICTUS: BIOLOGIA E MISURE DI CONTROLLO Metodi di lotta ad Aedes albopictus MONITORAGGIO CON OVITRAPPOLE MAPPATURA DEL TERRITORIO TRATTAMENTI ANTILARVALI E ADULTICIDI INFORMAZIONE ALLA CITTADINANZA 5

6 Aedes albopictus è meglio conosciuta come zanzara tigre, per la bandeggiatura bianca dei tarsi e dell addome che contrasta con il colore nero del resto del corpo. Per la sua riproduzione Aedes albopictus predilige piccole raccolte di acqua, dove le femmine depongono le uova. Trova quindi il suo habitat di sviluppo ideale in ambienti fortemente antropizzati, soprattutto nelle aree e nei quartieri dove predominano abitazioni con giardini interni ombreggiati e ricchi di vegetazione, dove vengono lasciati a sua disposizione secchi, barattoli, sottovasi, annaffiatoi, bacinelle, fontane, copertoni di automobili, bidoni di raccolta dell acqua piovana, caditoie e tombini di raccolta delle acque meteoriche. e innumerevoli contenitori di varia natura che possono contenere acqua. Le uova, molto resistenti alla siccità e agli sbalzi di temperatura, possono restare vitali per diversi mesi, in attesa di venire sommerse per poi schiudersi. Aedes albopictus non è una buona volatrice: non si sposta, in genere, più di metri rispetto al focolaio di origine. Può però sfruttare la direzione dei venti oppure le automobili, in cui entra dai finestrini aperti, e spostarsi così anche di diversi chilometri. La diffusione da una zona all'altra è inoltre attribuibile al trasporto passivo delle uova deposte all'interno di contenitori vari. In Italia le problematiche collegate alla presenza di Aedes albopictus sono collegabili esclusivamente all'elevato fastidio che essa provoca con le sue dolorose punture, alla sua precoce comparsa stagionale e alla sua tardiva scomparsa autunnale AEDES ALBOPICTUS: MONITORAGGIO CON OVITRAPPOLE Impostare un efficace piano di lotta alla zanzara tigre, significa poter disporre di un quadro che fotografi l effettiva diffusione sul territorio dell insetto ed il grado di infestazione raggiunto. Solo così sarà possibile, sulla base delle informazioni acquisite ed aggiornate con cadenza periodica (ogni quindici giorni), acquisire le informazioni che consentono le corrette disposizioni di lotta. Diversamente dalle più comuni specie di zanzare, A. albopictus non è efficacemente monitorabile dalle trappole attivate ad anidride carbonica, ma la sua presenza può essere rilevata con il posizionamento di particolari ovitrappole, collocate in siti ritenuti a rischio, su cui le femmine vanno a deporre le uova. L attività di monitoraggio ad Aedes albopictus è Ovitrappola di monitoraggio iniziata all inizio del mese di giugno seguendo le linee guida indicate dall Istituto Superiore di Sanità, con l impiego di ovitrappole costituite da contenitori di plastica nera con volume di circa 500 cc, riempiti per 2/3 da acqua declorata, dentro cui è stata immersa una stecchetta di masonite, larga circa 2 cm e lunga 10 cm. 6

7 Le femmine di zanzara tigre, attratte dal colore nero del contenitore e dalla presenza dell acqua, depongono le proprie uova nelle anfrattuosità della parte emersa del legnetto. Il prelievo periodico (quindicinale) della stecchetta e il successivo conteggio delle uova su questa presenti, strettamente correlato al numero delle femmine feconde ovvero alla densità della popolazione adulta, consente di delimitare l area infestata, di definire tempestivamente l inizio dell attività trofica delle femmine e il suo termine, di indicare i picchi di massima attività, in modo da programmare adeguati interventi larvicidi nelle tombinature stradali. Inoltre i dati raccolti permettono di registrare l andamento stagionale della popolazione e di stimare la densità degli insetti e di definire l ampiezza dell infestazione. I parametri considerati sono il tasso percentuale di trappole positive sul totale delle trappole posizionate, il numero medio di uova rinvenute su ogni trappola positiva. Al ritrovamento di ovitrappole con un alto numero di uova ( 100 uova/settimana), è seguita un attenta ricognizione delle aree limitrofe alla postazione, che ha portato in più situazioni, all identificazione ed eliminazione di numerosi microfocolai di sviluppo delle larve. A tale scopo sono state posizionate e controllate periodicamente, sul territorio di Mozzo, 15 ovitrappole, con criteri di scelta legati all idoneità del sito ed alla possibile problematicità. Nella tabella n. 2 sono riportati i valori di ovideposizione rilevati nel corso della stagione riproduttiva POSIZIONAMENTO OVITRAPPOLE Distribuzione ovitrappole di monitoraggio zanzara tigre- Comune di Mozzo 7

8 Tab. n. 2 MONITORAGGIO Aedes albopictus nel Comune di Mozzo- ANNO Numero di uova rinvenuto su ogni ovitrappola ad ogni controllo Monitoraggio Aedes alpopictus Comune di Mozzo Descrizione Post. Numero uova/postazione VIA PIATTI DI FRONTE ALLA BIBLIOTECA VIA VERDI - CENTRO ANZIANI VIA BONACINA- ORTI COMUNALE VIA VICO PARCO PUBBLICO CA DEL LUPO PARCO PUBBLICO S. STEFANO VIA DEL COPPO CASA DI CURA DEGLI ANGELI 0 34 rov rov 52 rov CIMITERO rov PARCO PUBBLICO VERDI VIA MASNADA ATELIER COMUNALE PARCO PUBBLICO S. LUCIA PARCO VIA COLLEONI VIA DELL INDUSTRIA NEL PARCO CASCINA TAVANI PARCO PUBBLICO SERASSI VIA MACCHIAVELLI -ORATORIO nd rov 3 rov rov PARCO CAVALCANTI nd rov TOTALE UOVA RACCOLTE % ovitrappole positive N medio uova/trappola positiva

9 Grafico N. 1: Numero medio di uova per postazione positiva Grafico N.2: Percentuale di trappole positive Nel corso della stagione si è assistito ad una progressiva ed inevitabile diffusione della zanzara tigre sul territorio comunale (dovuto a trasporto passivo delle uova attraverso lo 9

10 spostamento di contenitori infestati e degli adulti entrati ad esempio nelle automobili attraverso i finestrini aperti), come documentato dalla percentuale di trappole positive che sono passate dai valori minimi del 46 % (ad inizio monitoraggio) al 100 % delle postazioni monitorate (vedi grafico n. 1 e n. 2), con densità di popolazione variabili in funzione delle caratteristiche dell area e dalla presenza di focolai larvali infestati, in numerosi casi di origine privata. Nelle stazioni di monitoraggio in cui sono stati rilevati elevati picchi di infestazione, si è proceduto all ispezione degli ambienti circostanti. In più postazioni l ispezione, seguita dall individuazione e quindi alla rimozione dei focolai larvali, ha portato ad un naturale calo degli adulti di zanzara. Il numero medio di uova/trappola positiva ha avuto un picco di 120 uova verso la metà di agosto, per poi subire un progressivo calo, con popolazioni che si sono mantenute attive fino alla metà di ottobre, per il prolungarsi delle medio-alte temperature del periodo autunnale. Tra i fattori predisponenti lo sviluppo delle popolazioni di zanzara tigre vanno ricordati: L andamento stagionale caldo umido che ha favorito lo schiudersi delle uova deposte dalle femmine di zanzara tigre, velocizzandone i cicli riproduttivi e aumentandone il numero delle generazioni. Il mancato coinvolgimento dei privati nell attuazione di misure di prevenzione nei pozzetti privati La possibile presenza di focolai larvali non ancora individuati in ambito privato (ristagni presso giardini di abitazioni private, attività artigianali-industriali) CONTROLLI NEI SITI PUBBLICI A RISCHIO: Scuole e centri parrocchiali Nel corso della stagione estiva 2009 sono state effettuate dei controlli presso le strutture scolastiche-parrocchiali di Mozzo, al fine di individuare-bonificare eventuali situazioni a rischio di infestazioni culicidiche e fornendo, nel contempo, indicazioni sulle corrette misure di prevenzione. In concomitanza con la riapertura dell anno scolastico, si sono intensificati i controlli, al fine di valutare eventuali situazioni di disagio, legate alla presenza di popolazioni adulte consistenti di zanzara tigre. I criteri di valutazione sono stati : Il valore registrato dall ovitrappola di monitoraggio ( se presente nei pressi della scuola) L appostamento fisico in zona ombreggiata, che consente la valutazione diretta del numero di adulti di zanzara tigre che aggrediscono il soggetto fisico in un periodo di tempo costante (60 secondi). L intervista agli operatori presenti nella scuola, che segnalano eventuali situazioni di molestia percepiti. Sulla base delle considerazioni congiunte, è stato realizzato un intervento adulticida abbattente, limitatamente all asilo nido di via Trento, utilizzando una formulazione fotolabile a base di piretro, di moderata tossicità e persistenza. 10

11 5-INTERVENTI LARVICIDI Regolatori di crescita nei pozzetti stradali In ambito pubblico la principale tipologia di ristagno d acqua a rischio di infestazione culicidica è rappresentata dal sistema dei pozzetti stradali per lo sgrondo delle acque meteoriche. L intervento in tali focolai si attua mediante la somministrazione di un insetticida antilarvale, (regolatore di crescita in formulazione a compresse effervescenti) a ridotto impatto ambientale, la cui persistenza di azione (21 giorni circa) è decisamente più prolungata rispetto alla formulazione biologica (persistenza 7-12 giorni). Il primo trattamento viene effettuato all attivazione dei focolai ovvero al rinvenimento delle prime infestazioni larvali (normalmente nella prima metà di maggio). L'inizio dei trattamenti è quindi indicato dal controllo effettuato mediante appositi campionamenti dell acqua presente nelle caditoie. Ciò consente di mirare ed ottimizzare l intervento quando realmente necessario, alla presenza degli stadi sensibili, evitando il rischio di operare troppo precocemente, quando non ci sono ancora larve di zanzara, o, troppo tardi, quando ormai le larve sono diventate adulte. Relativamente alla stagione 2009 sono stati effettuati sul territorio di Mozzo sette cicli di interventi (rispetto ai 5 preventivati) contemplando anche tutti i tombini siti nei parchi pubblici, nei viottoli pedonali e sui marciapiedi, nelle strutture parrocchiali e nelle scuole di ogni ordine e grado. Nella tabella riportata di seguito, è indicata la tempistica degli interventi larvicidi effettuati nelle caditoie stradali Interventi larvicidi nelle caditoie stradali N. intervento Data di esecuzione 1 intervento larvicida intervento larvicida intervento larvicida intervento larvicida intervento larvicida intervento larvicida intervento larvicida Trattamenti biologici nelle acque superficiali In considerazione dell entità dell infestazione e dell vicinanza con l area sensibile dell Asilo Nido, limitatamente alla roggia Masnada, sono stati effettuati due interventi di controllo con formulazioni larvicide biologiche a base di Bacillus thuringensis (selettività totale verso organismi non target quali mammiferi, rettili, pesci ed uccelli). 11

12 5.1- PRODOTTI ANTILARVALI IMPIEGATI FLUBEX COMPRESSE Presidio Medico Chirurgico - Reg. Min. San. N p.a. Diflubenzuron puro (74 g/l) + coformulati Insetticida larvicida in compresse a scioglimento lento che agisce per contatto inibendo la formazione della cuticola esterna causando la morte delle larve di zanzara in 3-4 giorni. Impiegabile per uso domestico, civile e industriale, le compresse sono state distribuite nei tombini stradali di Mozzo da un operatore opportunamente formato. Dosaggio: 1 compressa da 2 grammi/tombino. Il trattamento va ripetuto ogni 2-3 settimane (previa verifica della persistenza con campionamenti periodici). TEKNAR HP D Presidio Medico Chirurgico Reg. Min. San. N Insetticida biologico in emulsione concentrata specifico per il controllo delle larve di zanzara e simulidi per uso civile - p.a. Bacillus thuringiensis sierotipo H-14 var. israelensis (attività biologica: UTI/mg di formulato). Agisce per ingestione e risulta altamente selettivo contro le larve di zanzara, mentre è innocuo per gli organismi non bersaglio. L attività biologica è svolta dalla deltatossina, presente sotto forma di cristalli o inclusioni parasporali di natura proteica. Gli enzimi intestinali della larve di zanzara scompongono l unità proteica, liberando le tossine che si legano a specifici recettori nell intestino medio delle larve, provocando la lisi delle cellule intestinali e la morte delle cellule per cessazione dell attività trofica. Il prodotto è stato impiegato nei contenitori di raccolta dell acqua piovana siti in orti e giardini, previa autorizzazione dei proprietari. PIRETRO 714 Presidio Medico Chirurgico - Reg. Min. San. N p.a. Piretro + Piperonil butossido, + coformulanti Insetticida concentrato emulsionabile a base di piretro africano, attivato con Piperonil butossido ad azione abbattente e limitata residualità ( fotolabile) E efficace contro tutti gli insetti volanti e striscianti che infestano gli ambienti domestici, industriali e in verde urbano quali mosche, zanzare, blatte, scarafaggi, ecc. Il prodotto si utilizza nelle seguenti dosi: nelle disinfestazioni con atomizzatori in spazi aperti contro insetti alati % 12

13 6- DIVULGAZIONE E COINVOLGIMENTO DELLA CITTADINANZA Accanto ad un piano di lotta biologica-integrata, risulta indispensabile il contributo che il singolo cittadino può portare al programma. E stata curata, in tal senso, una strategia comunicativa integrata finalizzata a far conoscere le attività intraprese dall'ente Pubblico e per stimolare il coinvolgimento dei cittadini nell acquisizione di comportamenti ed azioni tali da prevenire il costituirsi di focolai di infestazione culicidica. Le azioni divulgative messe in campo nel 2009 sono le seguenti: Articolo informativo pubblicato sul notiziario comunale Zanzara tigre? Dipende anche da noi Predisposizione e stampa di 50 Locandine informative Zanzara tigre? Facciamoci in quattro esposte nelle bacheche comunali e nei punti di maggiore frequentazione della cittadinanza Predisposizione e stampa di volantini distribuiti alle famiglie, tramite il canale scolastico, con un messaggio mirato e preciso sull utilizzo di formulazioni larvicide nei pozzetti privati. Assemblea aperta alla cittadinanza in data 25 settembre sul tema Zanzara tigre? Si ma con il contributo di tutti. Realizzazione di giubbetti informativi ad alta visibilità, (con affissione di adesivo personalizzato sul tema delle lotta alla zanzara tigre ed invito sintetico a trattare i pozzetti privati) indossati dagli operatori Sesia, durante i trattamenti nelle vie comunali. Bozza di locandina informativa Bozza di comunicato al cittadino 7- SERVIZ IO DI SEGNAL AZIONI LAMENTELA Presso l ufficio Tecnico del comune di Mozzo è stato attivato un servizio di raccolta segnalazioni lamentele della cittadinanza, a cui hanno fatto seguito dei sopralluoghi 13

14 tecnici da parte degli operatori Sesia, finalizzato alla verifica della situazione, alla ricerca dei possibili focolai di infestazione. La ricognizione abbina, una prima risposta concreta e tempestiva dell Amministrazione Comunale ad una richiesta di disagio da parte del cittadino, con una preziosa verifica dell acquisizione dei comportamenti virtuosi consigliati, riguardanti la prevenzione della problematica in ambito domestico. Nella tabella di seguito riportata, sono evidenziate situazioni in cui sono stati riscontrati focolai potenziali di zanzara tigre ( in grado di originare larve ed adulti in quanto non oggetto di controlli specifici) e reali, in cui è stata riscontrata la presenza di stadi larvali di zanzara tigre in fase di sviluppo. Il campione, pur modesto, conferma la modesta attenzione del cittadino privato nella gestione dei micro focolai domestici soprattutto pozzetti privati, ma anche sottovasi, e contenitori medio piccoli, che nella maggior parte dei casi risultano trascurati o infestati da larve di zanzara tigre. 8 CONCLUSIONI Le attività di lotta alle zanzare prevedono interventi antilarvali sui focolai di sviluppo identificati attraverso un accurata mappatura del territorio, che deve essere mantenuta costantemente aggiornata. Nel 2009 è stata effettuata una specifica attività di monitoraggio, con impiego di ovitrappole per la ricerca di Aedes albopictus. Tale attività ha confermato la presenza della zanzara tigre su tutto il territorio comunale di Mozzo, registrando l andamento stagionale della popolazione degli insetti e la sua distribuzione spaziale. Il monitoraggio rileva un insediamento consolidato della nuova specie, che non ha ancora raggiunto livelli preoccupanti di molestia, ma la cui presenza, percepita dalla cittadinanza come fastidiosa-irritante, dovrà essere limitata, nella prossima estate, con un maggiore coinvolgimento del cittadino nell adozione delle misure di prevenzione. Una delle tipologie di infestazione più problematiche in ambito urbano è rappresentata dai pozzetti stradali, che possono originare consistenti infestazioni di zanzare appartenenti alle due specie Culex pipiens (zanzara comune) ed Aedes alpopictus (zanzara tigre). L infestazione della zanzara tigre nei pozzetti stradali parte, stagionalmente, verso la metà del mese di maggio, per cui un efficiente programma di lotta alle zanzare deve prevedere un ciclo di 7-8 trattamenti nelle caditoie stradali comunali, con impiego di prodotti antilarvali a partire dal mese di maggio fino al mese di settembre-ottobre. Occorre ricordare l esistenza di punti critici in ambito privato, per lo più rappresentati da orti in cui si opera una raccolta dell acqua piovana in contenitori di diverso tipo, senza le dovute attenzioni del caso (chiusura con coperchi o zanzariere) e dai pozzetti presenti nei cortili di casa. Tale situazione, se non ben gestita, rischia di vanificare gli interventi effettuati su suolo pubblico, con massicce produzioni di adulti di zanzara che, volando, vanno ad infestare interi quartieri. La perlustrazione del territorio ha portato all individuazione delle principali realtà a rischio di infestazione, che sono state mappate su una cartografia e censite su un apposita scheda che consentirà di mirare gli interventi, verificare l acquisizione di comportamenti virtuosi dei cittadini e aggiornare le nuove acquisizioni sul territorio, in previsione della prossima campagna di lotta

15 Va ricordata la presenza di rogge (principalmente la Roggia Masnada, per la vicinanza con l asilo nido comunale) che, in alcuni periodi dell anno, possono originare dei focolai di zanzara comune Culex pipiens, controllabili con interventi periodi a base di Bacillus thuringensis Per aumentare la sensibilità dei cittadini si può ipotizzare un ampliamento della campagna di informazione che preveda il proseguimento degli incontri con le scolaresche e con gli insegnanti, il coinvolgimento dei medici di base, dei farmacisti, dei parroci, degli amministratori di condominio. Un efficiente programma di lotta alla zanzara tigre, passa inevitabilmente attraverso una maggiore incidenza delle misure di prevenzione, con competenze sia pubbliche, ma anche private. Va dunque pensata e predisposta una strategia comunicativa diretta ed accattivante per un coinvolgimento del privato nelle misure di prevenzione, che riguardano la gestione dell acqua stagnante ed il controllo dei pozzetti privati mediante l utilizzo di formulazioni larvicide. 9-PROPOSTE DI AZIONE PER UN INCISIVO CONTENIMENTO DELLA ZANZARA TIGRE NEL COMUNE DI MOZZO Il piano proposto per la stagione 2010 prende spunto dall esperienza maturata durante la stagione 2009, con le seguenti azioni aggiuntive Tra le novità sostanziali apportate al programma (indicate in grassetto) si ribadisce l importanza di un intensa-efficace campagna informativa, finalizzata al coinvolgimento del cittadino nell adozione delle misure di prevenzione in ambito domestico, in particolare il trattamento dei pozzetti privati. Si propone una Sperimentale e capillare attività di ispezione, riguardante un nucleo esteso di abitazioni private (quartiere), che preveda la ricerca e l individuazione-censimento dei focolai presenti, la bonifica degli stessi (copertura dei contenitori, trattamento dell acqua utilizzata per scopi irrigui con Bacillus thuringiensis e trattamento dei tombini con regolatore di crescita), il tutto associato all informazione-coinvolgimento dei proprietari stessi, che dovranno poi continuare, in autonomia, le azioni di risanamento necessarie. L attività sarà operata da operatori adeguatamente preparati e provvisti di un tesserino identificativo e, considerata la vastità dell operazione, riguarderà, per la stagione 2010, un solo quartiere di Mozzo. All interno del quartiere la postazione di monitoraggio mantenuta fissa, consentirà di verificare efficacia dell operazione attivata, comparando i dati con quelli delle restanti postazioni distribuite sul territorio. Sulla base dei risultati ottenuti e dell apprezzamento dei cittadini coinvolti, sarà possibile valutare-decidere un eventuale e successiva estensione del programma alle restanti aree abitate del territorio comunale. Al fine di incentivare l utilizzo di formulazioni larvicide nei pozzetti privati, l amministrazione comunale potrebbe prevedere l acquisto diretto di uno stock di formulati larvicidi, direttamente dalla ditta di produzione (a prezzi scontati). Tali formulati dovrebbero essere poi distribuiti alla cittadinanza, con le modalità ritenute più opportune (senza eccessivo aggravio di impegno degli operatori di ufficio 15

16 preposti), prevedendo un recupero dei costi da un incremento di tassazione sull imposta della T.A.R.S.U (tassa rifiuti solidi e urbani). La specifica campagna, opportunamente presentata e pubblicizzata, potrebbe risultare particolarmente apprezzata dal cittadino, che,con un aggravio fiscale modesto (di sole 2-3 euro circa per famiglia, comunque inferiore rispetto all acquisto diretto del formulato in farmacia o nelle rivendite specializzate) usufruirebbe di un kit ( larvicida + indicazioni di utilizzo) a prezzi agevolati, con un beneficio per la comunità (come contenimento delle popolazioni di zanzara tigre), derivante dall attuazione collettiva di un importante misura di prevenzione in ambito domestico. Inizio dei controlli nel mese di maggio 2009 per valutare, attraverso periodici campionamenti, l attivazione dell infestazione nelle tombinature stradali. Sulla base dei risultati saranno programmati specifici interventi di lotta antilarvale Aumento dei cicli di trattamento antilarvali nelle tombinature stradali comunali (per un totale di 1000 pozzetti ) da 5 a 7 ripetizioni stagionali, per una sicura copertura dei cicli riproduttivi stagionali. Ciclo di 3 interventi larvicidi con formulazioni biologiche a base di Bacillus thuringiensis, nella roggia Masnada. Ciclo di 2 interventi adulticidi in aree sensibili, solo in caso di reale necessità, sulla base del dato oggettivo di monitoraggio, che conferma il superamento di una soglia di molestia. Monitoraggio con 15 ovitrappole per verificare l andamento stagionale dell infestazione della zanzara tigre, con possibilità di confronto con lo storico rilevato nella stagione precedente. Controllo verifica dell adozione delle misure di prevenzione nelle aree critiche precedentemente individuate; ricerca-individuazione di nuove situazione a rischio di infestazione. Ampliamento del servizio di sopralluoghi in area privata (specificatamente indicato nel volantino informativo), sulla base delle segnalazioni pervenute. Incontro serale con la popolazione, con lettera di invito alle associazioni operanti sul territorio (protezione civile, terza età, gruppi di volontariato ecc) e consegna ai partecipanti di una confezione omaggio di formulazione larvicida, quale stimolo alla partecipazione. 2 incontri con gli insegnanti e/o con gli studenti delle scuole elementari Incontro con gli amministratori di condominio Predisposizione di due articoli informativi Distribuzione alle famiglie di volantini informativi. Bonate Sopra, 02 Novembre 2009 Dott. Giovanni Rota Martir Dott. ssa Simona Macchini 16

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana SERVIZIO PER GLI INTERVENTI LARVICIDI ED ADULTICIDI PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE CONTRO ALTRI INFESTANTI, IN AREE

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il Benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione di successo di ogni tipologia di allevamento. Le mosche negli allevamenti causano

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu)

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) L Assessorato dell Igiene e Sanità ha predisposto un piano di profilassi che ha come obiettivo principale la prevenzione del

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Note relative al controllo delle blatte

Note relative al controllo delle blatte Estratto dal sito www.disinfestanti.it Note relative al controllo delle blatte La lotta alle blatte è estremamente diffusa perchè questi insetti possono fungere da veicolo per svariati microrganismi patogeni

Dettagli

CATALOGO 2013. Come consultare il nuovo catalogo

CATALOGO 2013. Come consultare il nuovo catalogo CATALOGO 2013 Come consultare il nuovo catalogo Frutto dell impegno e dell esperienza COPYR, vi presentiamo il catalogo 2013 che offre ai professionisti del Pest Control prodotti e soluzioni sempre innovative

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione

Dettagli

1a parte SEDUTA PUBBLICA. Preliminarmente il Dirigente espletante la procedura di gara dà atto che:

1a parte SEDUTA PUBBLICA. Preliminarmente il Dirigente espletante la procedura di gara dà atto che: Verbale di gara ufficiosa mediante cottimo fiduciario, ai sensi dell art. 125, comma 11 del D.Lgs. n. 163/2006 e dell art. 6 del Regolamento per l esecuzione di forniture e servizi in economia approvato

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI PROVINCIA REGIONALE DI ENNA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. 8/2014 C.F. 80000810863 TEL. +390935521111 Fax +390935500429 Piazza Garibaldi, 2 SETTORE VI Territorio Pianificazione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 05.04.2007 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 CAPITOLO I - PRINCIPI, DEFINIZIONI

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica

Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica TECNICA Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica di Davide Di Domenico ( 1 ) Luigi Ruggeri ( 1 ) Guglielmo Pampiglione ( 2 ) Il problema dell inefficacia dei prodotti utilizzati

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli