Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso. lavorare insieme un successo. Henry Ford

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso. lavorare insieme un successo. Henry Ford"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Gennaro Barra Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso. lavorare insieme un successo Henry Ford Piano dell Offerta Formativa

2 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GENNARO BARRA Via Lungomare Trieste n.17- Salerno Tel. presidenza e fax : Tel. segreteria: Codice meccanografico: SAIC8A700R Codice fiscale: pec: sito: Piano dell Offerta Formativa anno scolastico

3 PREMESSA La scuola del XXI sec. opera in uno scenario ambivalente, più ricco sì di stimoli culturali ma anche più contraddittorio. Oggi l apprendimento scolastico è solo una delle tante esperienze di formazione che bambini e adolescenti vivono: proprio per questo la scuola è investita del delicato compito di valorizzare quest esperienza, di renderla unica, significativa di darle un senso che riqualifichi il ruolo insostituibile della comunità educante. Lo slogan con cui noi, neonato Istituto Comprensivo Gennaro Barra,vogliamo attirare i nostri piccoli utenti è: IL SAPERE HA UN BUON SAPORE GUSTIAMOLO INSIEME La nostra Offerta Formativa sarà perciò arricchita con proposte vicine al mondo dei discenti, che rispondano a domande afferenti non solo alla sfera cognitiva ma, anche e soprattutto, alla sfera affettiva dei nostri allievi, vittime, spesso ignare, di una società difficile da comprendere e da gestire. Il nostro Istituto s impegna, con le risorse umane e strumentali di cui è dotato, ad accogliere bambini di 2-3 anni per accompagnarli al compimento dei 14, rispondendo al loro bisogno di SAPERE, ma, altresì, a quello ben più delicato di SAPERE STARE NEL MONDO, nell intento di ridurre al minimo fenomeni di devianza, di dispersione e di disagio. In quest ottica la scuola è pronta a raccoglie, con coraggio, una sfida universale di apertura verso il mondo, di pratica dell uguaglianza e di riconoscimento, rispetto e valorizzazione delle diversità. 1 IL CICLO D ISTRUZIONE INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALUNNO è guidato al sapere saper essere saper fare costituiscono l identità culturale del futuro CITTADINO PLANETARIO - 3 -

4 2.1 ISTITUTO COMPRENSIVO PERCHE L aggettivo comprensivo è esplicativo e rispondente a tutti i perché che sono scaturiti a seguito di una scelta essenzialmente di tipo economico/finanziario con cui il nostro governo si è affrettato a tagliare le risorse della scuola nell ottica della razionalizzazione. Ma noi, operatori della scuola, vi abbiamo saputo leggere un significato più profondo. Affidare il I ciclo d istruzione ad un unico capo realizza UNITARIETA, CONTINUITA e DUREVOLEZZA dei saperi. Non siamo ancora in grado di fornire l indice di gradimento dell esperienza che ci apprestiamo a vivere, ma ci crediamo fortemente. DOVE 2 CONTESTO E STRUTTURA 1 PREMESSA Il neonato istituto G. Barra rappresenta una finestra sulla città da cui godere di un panorama vario e variegato, che va da nord ad est, dal mare alla collina, che abbraccia la zona antica di Salerno, teatro di forti mutamenti ma pur sempre testimone di storia e quella orientale sviluppatasi per accogliere un nucleo cittadino in espansione. La dislocazione geografica si traduce in continuità d intenti e in punto di forza poiché si ha la possibilità di toccare con mano differenti stili di vita e l effetto ricaduta sugli apprendimenti, di monitorare questi ultimi e correggere, all occorrenza, il tiro. COME L istituto è formato da scuole dell infanzia e primaria: BARRA, ABBAGNANO, TAFURI e RODARI e scuole secondarie di I grado: LANZALONE e POSIDONIA. I docenti, dei diversi ordini e gradi, condividono responsabilmente, un patto educativo e formativo e hanno stilato, pertanto, un CURRICOLO VERTICALE delle degli alunni al termine di questo I ciclo d istruzione. 2.2 I PLESSI PLESSO Gennaro Barra Via Lungomare Trieste Tel Sez. Scuola dell infanzia: 4 sezioni di cui 3 a Tempo normale e 1 a tempo ridotto. Scuola primaria: 10 classi: 5 a Tempo Pieno e 5 a tempo normale Servizi Ristorazione scolastica, servizio scuola bus, assistenza educativa per i diversamente abili coordinatore Ins. Maraziti Marina(Sc. Primaria) Ins. Salerno Monica (Sc. dell'infanzia) PLESSO Nicola Abbagnano Via Cesare Battisti Tel Sez. Scuola dell infanzia: 2 sezioni a Tempo normale Scuola primaria: 5 classi a tempo normale Servizi Ristorazione scolastica, servizio scuola bus, assistenza educativa per i diversamente abili coordinatore Ins. Teresa De Santis - 4 -

5 PLESSO Gianni Rodari Via Valerio Laspro Tel Sez. Servizi coordinatore Scuola dell infanzia: 1 sezione a Tempo normale Scuola primaria: 5 classi a tempo normale Ristorazione scolastica, assistenza educativa per i diversamente abili Ins. Guerra Anna PLESSO Clemente Tafuri Via Salita Montevergine Tel Sez. Scuola dell infanzia: 2 sezioni a Tempo normale. Scuola primaria: 6 classi a tempo pieno Servizi Ristorazione scolastica, servizio scuola bus, assistenza educativa per i diversamente abili coordinatore Ins. Marta Pecoraro PLESSO Lanzalone Via Portacatena Tel Classi 1 classe prima - 1 classe seconda - 1 classe terza coordinatore Prof. Rossana Cotecchia PLESSO Posidonia Via XX Settembre Tel Fax Sez. 6 classi prime - 4 classi seconde - 5 classi terze coordinatore Prof. Brunella Guarino - 5 -

6 2.3 TEMPO SCUOLA La scuola dell Infanzia è strutturata con sezioni a tempo normale e sezioni a tempo ridotto. Le prime hanno il seguente orario: dal lunedì al venerdì con servizio mensa.; le sezioni a tempo ridotto invece funzionano dalle ore alle 13.30, dal lunedì al venerdì. La scuola primaria è strutturata con classi a tempo normale e classi a tempo pieno. Le prime con orario dal lunedì al sabato; le seconde, a tempo pieno, con funzionamento dalle ore alle 16.30, dal lunedì al venerdì, con servizio mensa. La scuola secondaria di primo grado ha un monte ore obbligatorio di 30 ore settimanali, dal lunedì al sabato, con orario 8.25/13.25 Italiano e attività laboratoriali 6 ore Storia, cittadinanza e costituzione 2 ore Geografia 2 ore Matematica 4 ore Scienze 2 ore Tecnologia 2 ore Arte e immagine 2 ore Musica 2 ore Educazione fisica 2 ore Religione 1 ora Lingua inglese 3 ore Seconda lingua comunitaria: 2 ore francese o spagnolo Strumento 2 ore La cattedra di lettere di 18 ore è strutturata in due distinti insegnamenti: italiano 6 ore, storia e geografia 4 ore Strumento musicale L insegnamento di strumento musicale costituisce integrazione interdisciplinare ed arricchimento dell insegnamento obbligatorio di musica. Le classi in cui viene impartito l'insegnamento di strumento musicale sono formate secondo i criteri generali dettati per la formazione delle classi, previa apposita prova orientativo/attitudinale predisposta dalla scuola per gli alunni che all'atto dell'iscrizione abbiano manifestato la volontà di frequentare i corsi. L assegnazione dello strumento, tra quelli proposti dalla scuola: pianoforte, flauto, chitarra, violino, violoncello, sassofono e percussioni, sarà fatta ad insindacabile giudizio della commissione addetta alla prova attitudinale a seguito del quale verrà redatta una graduatoria di inserimento. Le ore di insegnamento prevedono la pratica strumentale individuale e/o per piccoli gruppi anche variabili nel corso dell anno, l ascolto partecipativo, attività di musica di insieme, nonché teoria e lettura della musica. La frequenza, oltre l orario obbligatorio delle lezioni, ai corsi comporta l obbligo per tutto il triennio e il rendimento è valutato con giudizio sulla scheda ed esame finale al completamento del triennio. 2.4 RISORSE PROFESSIONALI Dirigente Scolastico Prof.ssa Anna Maria Grimaldi 125 docenti Direttore servizi amministrativi Dott.ssa Luisa Pellegrino Figure di supporto 2 docenti collaboratori del dirigente scolastico 7 docenti responsabili di plesso 18 docenti coordinatori di classe 1 docente responsabile laboratorio informatico del Barra 1 docente responsabile laboratorio informatico del plesso Lanzalone 2 docenti referenti INVALSI 1 docente referente per l Educazione alla salute 1 docente referente per corso ECDL 1 docente coordinatore per le attività di Strumento Musicale - 6 -

7 2.4.2 Funzioni strumentali al piano dell offerta formativa I docenti incaricati di funzioni strumentali al piano dell offerta formativa organizzano, coordinano e verificano le attività proprie di ciascuna progettazione: educativa, curricolare, extracurricolari, organizzativa operando in cinque aree di azione finalizzate alla promozione e coordinamento delle attività del piano dell offerta formativa relative: Area I - Gestione e coordinamento del POF, autodiagnosi ed autovalutazione di Istituto: Area 2 - Sostegno ai docenti, utilizzo nuove tecnologie per l elaborazione di materiali didattici e valutativi con supporto informatico Area 3 - Sostegno agli alunni con disabilità, DSA e adeguamento alla normativa sui Bisogni educativi Speciali Area 4 - Iniziative di continuità, raccordo e orientamento tra Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado: Area 5 Orientamento e rapporti con le Istituzioni e gli Enti sul territorio Personale Amministrativo e Ausiliario 6 Assistenti amministrativi 15 Collaboratori scolastici 2.5 Risorse strutturali Plesso G. BARRA Antico fabbricato situato,nella zona nord di Salerno dotato di: 20 aule ascensore 1 aula informatica 1 biblioteca Mensa Trasporto scolastico comunale uffici di direzione e segreteria P lesso! G. RODARI Fabbricato di tre piani situato nella zona alta del rione Carmine di Salerno con ampi spazi all aperto ricchi di vegetazione, è dotato di parcheggio e di: 12 aule montascale per i disabili 1 aula informatica 1 biblioteca Mensa Plesso N. ABBAGNANO Fabbricato di tre piani con ampi spazi all aperto è dotato di parcheggio di: 10 aule montascale per i disabili 1 aula informatica 1 palestra con annessi spogliatoi e bagni per disabili mensa trasporto scolastico comunale Plesso C. TAFURI Fabbricato di due piani,panoramico, situato nella zone alta del centro storico,dotato di ascensore e di: 10 aule 1 laboratorio di informatica ascensore mensa trasporto scolastico comunale spazi esterni - 7 -

8 Plesso G. LANZALONE Antico fabbricato di tre piani dotato di ascensore e piccolo parcheggio: 3 aule 1 laboratorio informatico con LIM (lavagna interattiva multimediale) 1 laboratorio di ceramica 1 palestra Plesso POSIDONIA Bacino di utenza: scuola primaria Matteo Mari, Monsignor Pirone, Via Corenzio, Gatto, Cristo Re. Struttura moderna, con ampi spazi interni ed esterni, dotata di ascensore, priva di barriere architettoniche con presenza di adeguati spazi verdi, campi da gioco esterni ed ampio parcheggio: 17 aule di cui 10 dotate di LIM (lavagna interattiva multimediale) 2 postazioni LIM su carrello 2 laboratori per attività linguistiche (inglese/francese/spagnolo) 2 laboratori per attività artistiche 1 laboratorio informatico con 20 postazioni 1 laboratorio linguistico/informatico con 22 postazioni 1 laboratorio scientifico con LIM 1 laboratorio musicale con LIM 1 laboratorio di intercultura con LIM 1 biblioteca con LIM 3 postazioni docenti dotate di computer 1 auditorium di 300 posti 1 laboratorio di psicomotricità 1 palestra 2.6 MODALITÀ E CRITERI PER LE RELAZIONI CON LE FAMIGLIE DEGLI ALUNNI Nell ambito delle nuove disposizioni che mirano a limitare sempre più l uso della documentazione cartacea nella Pubblica Amministrazione, tutte le comunicazioni alle famiglie saranno pubblicate sul sito della scuola: nella sezione spazio genitori/avvisi. Il coinvolgimento delle famiglie alle attività di informazione sarà trasmesso tramite comunicazione a scuola sul diario dei figli e per mezzo . Coloro i quali sono impossibilitati ad accedere ad INTERNET, forniranno il numero di cellulare, per consentire l invio di SMS e recarsi presso la segreteria della scuola per la presa visione delle circolari. La scuola, inoltre, comunica con le famiglie mediante: comunicazioni scritte sul diario degli alunni o telefoniche; avvisi fotocopiati comunicazioni scritte spedite dal D.S; ricevimento Dirigente Scolastico : tutti i giorni previo appuntamento; consigli di interclasse con i rappresentanti dei genitori eletti incontri scuola/famiglia Colloqui individuali Il docente incontra, previo appuntamento e fuori dal proprio orario di servizio, i genitori che ne abbiano fatto richiesta, garantendo il rispetto della riservatezza. Situazioni problematiche I docenti, per affrontare eventuali casi problematici connessi a singoli alunni o al gruppo classe, possono chiedere lo svolgimento di incontri con i genitori, con il dirigente o con altre figure professionali che possano essere di aiuto nella risoluzione del problema; la richiesta va effettuata per iscritto con cinque giorni di anticipo. In forma ufficiale viene adottata anche la pubblicazione in bacheca, in particolare per gli atti che devono essere riportati a conoscenza di tutti

9 3 IL CURRICOLO Il curricolo verticale è l identità formativa (ciò che è), culturale (ciò che sa) professionale (ciò che sa fare) dell allievo, il bagaglio che porta con sé, terminata la scuola secondaria di I grado e si orienta nel nuovo e complesso panorama scolastico che lo connoterà come FUTURO CITTADINO. Nel definire gli obiettivi formativi e cognitivi, la comunità educante ha fatto propri i seguenti criteri: OSSERVARE L ESPERIENZA degli allievi e il contesto socio/culturale nel quale vivono; PERSONALIZZARE l iter formativo/apprenditivo proponendo conoscenze che si trasformino con successo in competenze poiché agganciate all esperienza personale; UTILIZZARE UNA DIDATTICA LABORATORIALE, dove il termine laboratorio non riporti soltanto ad un luogo geografico, ma principalmente ad una metodologia attiva, incentrata sul discente che scopre il suo sapere e lo sperimenta anche al di fuori del contesto scolastico. Con le indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione il Ministero ha fissato gli obiettivi generali di apprendimento e i relativi traguardi per lo sviluppo delle competenze dei bambini e ragazzi per ciascuna disciplina o campo di esperienza. In base a queste indicazioni la comunità professionale della scuola è chiamata ad elaborare scelte relative a contenuti, metodi, organizzazione e valutazione nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia dell Istituzione scolastica e predispone il curricolo all interno del Piano dell Offerta Formativa nel rispetto: delle finalità dei traguardi per lo sviluppo delle competenze degli obiettivi di apprendimento. Il curricolo si articola attraverso i campi di esperienza (Scuola Infanzia) e discipline. CAMPI DI ESPERIENZA E DISCIPLINE La progettazione educativo - didattica promuove: l organizzazione degli apprendimenti in maniera progressivamente orientata ai saperi disciplinari; la ricerca delle connessioni fra i saperi disciplinari e della collaborazione fra i docenti Nelle indicazioni le discipline non sono aggregate in aree precostituite per non favorire un affinità più intensa di alcune rispetto ad altre, volendo rafforzare così trasversalità e interconnessioni più ampie. con la seguente scansione temporale: TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE I traguardi per lo sviluppo delle competenze vengono individuati: al termine della Scuola dell Infanzia al termine della Scuola Primaria al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado I traguardi rappresentano riferimenti per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da percorrere e aiutano a finalizzare l azione educativa allo sviluppo integrale dell alunno. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Gli obiettivi di apprendimento individuano campi del sapere, conoscenze e abilità ritenuti indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze. Essi sono utilizzati dalle scuole e dai docenti nella loro attività di programmazione didattica, con attenzioni alle condizioni di contesto, didattiche e organizzative mirando ad un insegnamento ricco ed efficace. Gli obiettivi sono organizzati in nuclei tematici e definiti in relazione a periodi didattici lunghi: l intero triennio della scuola dell Infanzia l intero quinquennio della scuola primaria l intero triennio della scuola secondaria di primo grado - 9 -

10 3.1 CENTRALITA DELLA PERSONA L Istituto si fa interprete delle problematiche del contesto territoriale su cui agisce, delle aspettative dei genitori e degli alunni, dei bisogni latenti, determinati dai continui mutamenti del mondo attuale,per individuare le priorità formative da perseguire attraverso il curricolo, la progettualità e le varie attività presenti nel Piano dell Offerta Formativa. AUTONOMIA IDENTITÀ FORMAZIONE DELLA PERSONA ORIENTAMENTO COMPETENZE ( CONOSCENZE ABILITA ) CITTADINANZA 3.2 CURRICOLO VERTICALE Si ritiene importante: progettare un percorso formativo unitario e coerente muoversi in un'ottica di continuità promuovere un integrazione tra i cicli La continuità nasce dall'esigenza di garantire il diritto del bambino/ragazzo a un percorso formativo organico e completo a livello psicologico, pedagogico e didattico. Continuità è sinonimo di unità, linearità, organicità: unità intesa come collegialità, corresponsabilità e condivisione, linearità come prosecuzione dei percorsi e delle esperienze, organicità come coerenza progettuale e armonia metodologica La continuità si traduce anche nel rispetto delle specificità dei vari ordini di scuola e implica elementi di differenziazione strettamente correlati con il modificarsi delle strutture cognitive dei ragazzi. Continuità e discontinuità costituiscono i due volti di queste problematiche e garantiscono piena libertà e pari dignità educativa ai vari gradi dell'istruzione scolastica. Ciò trova il suo fondamento teorico anche nei più recenti studi psico-pedagogici sul rapporto apprendimento-sviluppo che hanno evidenziato come l'apprendimento proceda in modo dinamico secondo tempi personali, caratterizzati da anticipazioni, accorciamenti, salti di fase, dovuti alla qualità culturale dell'ambiente sociale di appartenenza e dell'educazione intenzionale scolastica. Il raccordo operativo, tra i diversi ordini di scuola, deve rispettare le identità e le potenzialità delle fasce di età degli alunni di ciascun segmento

11 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA PRIMARIA SCUOLA DELL INFANZIA 4 OFFERTA FORMATIVA ATIVA 4.1 FINALITÀ DELL ISTITUTO Il sistema di istruzione e formazione è finalizzato alla crescita e alla valorizzazione della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell età evolutiva e delle differenze e dell identità di ciascuno e la Costituzione e la Dichiarazione Universale dei Diritti dell uomo e del bambino assicurano a tutti pari opportunità. L Istituto, facendo propri tali scopi,si impegna, a formare l uomo e il cittadino per: garantire lo sviluppo delle potenzialità della persona promuovere l integrazione delle sue diverse componenti: razionale, sociale, creativa e motoria favorire una consapevole comprensione del mondo favorire l inserimento nella società, anche attraverso il potenziamento delle capacità di orientarsi negli spazi sempre più articolati e complessi della comunicazione educare alla convivenza democratica, alla consapevolezza delle varie forme di diversità per prevenire e contrastare la formazione dei pregiudizi ampliare l orizzonte culturale e sociale oltre la realtà più prossima, riflettere sulla realtà culturale e sociale più vasta. CAMPI DI ESPERIENZA I discorsi e le parole La conoscenza del mondo Il sé e l altro Il corpo e il movimento Immagini suoni colori DISCIPLINE Italiano Inglese Matematica Scienze Tecnologia Storia geografia Cittadinanza e Costituzione Religione Educazione fisica Arte e immagine musica DISCIPLINE Italiano Inglese Lingua 2 Matematica Scienze Tecnologia Storia Geografia Cittadinanza e Costituzione Religione EDUCAZIONE FISICA ARTE E IMMAGINE MUSICA

12 4.2 OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI I tre ordini di scuola presenti nell Istituto si pongono come finalità didattiche i seguenti obiettivi in modo integrato ed in continuità: Favorire lo sviluppo emotivo ed affettivo attraverso la realizzazione delle strategie educative e didattiche che tengano conto della singolarità e complessità di ogni persona. Favorire lo sviluppo delle capacità espressive verbali e non verbali con particolare attenzione al possesso di un lessico vario e appropriato in relazione ai vari ambiti del sapere e ai vari ordini di scuola. Potenziare le capacità cognitive, sviluppando processi logici di analisi e di sintesi, orientati alla formazione del pensiero. Ampliare gli orizzonti conoscitivi degli allievi, promuovendo interessi e curiosità verso la cultura umanistica, scientifico-tecnologica ed espressiva. Promuovere e affinare le competenze procedurali degli alunni, intese come capacità di affrontare e risolvere i problemi. Favorire la comunicazione tra etnie diverse per una conoscenza reciproca ed un agire comune nel rispetto del differente patrimonio linguistico, religioso e culturale di base. Attuare iniziative di continuità volte a facilitare il passaggio degli alunni tra i vari ordini di scuola. Conoscere e praticare diritti e doveri, solidarietà, principio di uguaglianza. Saper cogliere il valore della legalità, inteso come rispetto delle regole, della struttura scolastica e degli altri. 4.3 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI GENERALI Partecipare in modo attivo e costruttivo alla vita della classe Intervenire in modo corretto durante le lezioni senza prevaricare o, al contrario, sottrarsi al dialogo Applicarsi con impegno, responsabilità e continuità sia in classe che a casa Eseguire i compiti puntualmente e con ordine Programmare i tempi di studio Rispettare i compagni, gli insegnanti, le attrezzature didattiche e gli ambienti nella consapevolezza che l inciviltà è un danno per tutti 4.4 OBIETTIVI COGNITIVI TRASVERSALI Saper utilizzare la lingua italiana parlata e scritta per comunicare e rapportarsi con gli altri Saper comunicare anche utilizzando la lingua straniera Comprendere e usare i linguaggi specifici di ogni disciplina Applicare le tecniche e i metodi appresi Conoscere e usare la nuove tecnologie informatiche

13 4.5 INDICAZIONI METODOLOGICHE GENERALI E PRINCIPI FONDANTI Il senso dell esperienza educativa consiste nel mettere in atto percorsi esperenziali al fine di promuovere il pieno sviluppo della persona. Azioni strategiche Favorire un rapporto di stretta corresponsabilità educativa e di dialogo tra scuola e famiglia Valorizzare l esperienza del bambino come punto di partenza dell azione didattica Far maturare un senso di responsabilità educando il bambino a far bene il proprio lavoro ed a portarlo a termine Sviluppare competenze e potenzialità (fornire abilità di base e consentire lo sviluppo delle doti e delle potenzialità personali) Far crescere un senso di autonomia personale (lasciare il tempo per capire e trovare soluzioni a problemi, facendo leva sulle risorse personali, aiutando anche ad imparare dai propri errori) Acquisire la capacità di leggere e di gestire le emozioni (favorire processi di attenzione al vissuto emotivo personale in un orizzonte di relazionalità) 4.6 VALORIZZAZIONE DELLA DIVERSITÀ ED INTEGRAZIONE La nostra scuola supporta la diversità e garantisce la piena integrazione degli alunni in situazione di disagio. L offerta formativa, pertanto, propone a tutti gli alunni adeguati strumenti di crescita, basandosi su alcuni principi fondamentali: rispetto dei diversi tempi di apprendimento individualizzazione degli interventi sostegno allo studio coordinamento e flessibilità degli interventi. La presenza di alunni con disabilità e in situazione di disagio è aumentata in questi ultimi anni e il loro inserimento e la loro integrazione costituisce un vantaggio per tutti, sia per chi ha difficoltà particolari sia per gli altri, che imparano comportamenti e valori preziosi, dando un contributo fondamentale alla maturazione civile della società e allo sviluppo di migliori opportunità di vita e di inserimento sociale e professionale dei soggetti più deboli. Piena integrazione significa che tutti gli alunni, a prescindere dalla loro disabilità, possono frequentare la scuola, beneficiando di speciali sostegni e servizi all interno di essa divenendo parte integrante del gruppo classe e della comunità scolastica. Tutto ciò si realizza mediante un diffuso e capillare lavoro di rafforzamento della qualità professionale degli insegnanti specializzati, curriculari e di tutto il personale sulle problematiche del disagio, mediante azioni di aggiornamento di tipo tradizionale e attivazione di laboratori didattici in cui sia possibile realizzare interventi di sostegno alla didattica per: promuovere lo sviluppo dell autonomia personale degli alunni con disabilità e in situazione di disagio. potenziare le capacità personali di ogni ragazzo, l autostima e la percezione di sè. favorire una reale ed efficace integrazione nel contesto scolastico con il coinvolgimento di tutti gli operatori impegnati nelle diverse esperienze. Per garantire l integrazione e lo sviluppo delle potenzialità degli alunni che si trovano in situazione di disagio nella relazione, nella comunicazione, nella socializzazione o/e nell apprendimento ritiene fondamentale l attuazione delle seguenti condizioni: responsabilità organizzativa presenza di risorse aggiuntive: oltre la comune dotazione di insegnanti curricolari e specializzati, in funzione dei bisogni educativi specifici dell allievo in situazione di disagio, nella classe intervengono anche operatori con professionalità diverse da quella del docente; cooperazione scuola-famiglia cooperazione di tutte le componenti lavorative della scuola docenti e non docenti Nei suoi interventi a favore degli alunni disabili la scuola si avvale del servizio di assistenza educativa, organizzato con il finanziamento del Comune di Salerno, per realizzare attività previste nell ambito dei percorsi formativi che mirano a soddisfare i bisogni degli alunni

14 4.7 CITTADINANZA E COSTITUZIONE L educazione alla Costituzione e ai diritti/doveri di una cittadinanza attiva prevede l acquisizione di conoscenze e competenze anche attraverso il contributo formativo dei diversi campi di esperienza per quanto riguarda la scuola dell infanzia, nonché di tutte le altre aree e discipline previste dai curricoli delle scuole di ogni ordine e grado. In tal senso sollecita il raccordo tra le discipline di cui esalta la valenza civico - sociale, favorendo in tal modo il superamento della loro frammentazione. I contenuti trasversali incrociano i temi della legalità e della coesione sociale, dell appartenenza nazionale ed europea nel quadro di una comunità internazionale e interdipendente, dei diritti umani, delle pari opportunità, del pluralismo, del rispetto delle diversità, del dialogo interculturale, dell etica della responsabilità individuale e sociale, della bioetica, della tutela del patrimonio artistico e culturale. Sono, altresì, significativi i temi che attengono alla sensibilità ambientale e allo sviluppo sostenibile, al benessere personale e sociale, al fair play nello sport, alla sicurezza nelle sue varie dimensioni e stradale in particolare, alla solidarietà, al volontariato e alla cittadinanza attiva. I due approcci, quello integrato e quello trasversale, non si escludono a vicenda, anzi si integrano e si arricchiscono in un dialogo continuo e costruttivo che responsabilizza la scuola e gli insegnanti. D altro canto è la stessa legge 169/2008, nel riferirsi ad azioni di sensibilizzazione e di formazione del personale, a segnalare l esigenza che tutti gli insegnanti rafforzino la loro preparazione culturale intorno ai temi di Cittadinanza e Costituzione e, dunque, a potenziare il loro impegno in questa direzione. 4.8 MODALITÀ GENERALI DI VALUTAZIONE La valutazione, sia delle competenze e sia dei processi attuati è intesa non tanto come un sistema di classificazione, ma come mezzo per migliorare l apprendimento e l operatività del sistema. Nella nostra scuola la valutazione è quella di tipo diagnostico, effettuata ad inizio delle attività, e atta a verificare la presenza o meno (o il livello) di possesso delle preconoscenze e dei prerequisiti cognitivi, metacognitivi, affettivi, relazionali motivazionali in tutti gli alunni. Poi di tipo formativo (in itinere), utilizzata dai docenti per raccogliere dati utili a controllare qualitativamente e quantitativamente il modo in cui procede la programmazione adottata e la funzionalità dell organizzazione didattica oltre a rilevare necessità che possono insorgere. Rispetto agli alunni questo tipo di valutazione serve a far crescere la consapevolezza del loro apprendimento, ad acquisire autonomia critica, riflessiva e di giudizio, a sviluppare il senso di responsabilità e la volontà di miglioramento delle prestazioni). E infine di tipo sommativo, a fine attività e utile per effettuare un bilancio sulla validità, efficacia ed efficienza delle opzioni didattico - culturali portate avanti in sede di programmazione Valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ( INVALSI) Il Ministero dell Istruzione, ai fini del progressivo miglioramento e dell armonizzazione della qualità del sistema educativo ha istituito il Servizio nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, con l obiettivo di valutarne l efficienza e l efficacia, inquadrando la valutazione nel contesto internazionale. Obiettivo principale è quello di creare una struttura capace di fornire informazioni essenziali sui livelli di apprendimento degli alunni per migliorare la qualità dell offerta formativa. L ente di ricerca a cui questo compito è affidato è l INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema educativo di Istruzione e di formazione) che predispone prove oggettive rivolte agli alunni. Tali prove, riguardano due ambiti disciplinari: Italiano e Matematica I risultati nelle classi seconde e quinte della scuola primaria sono finalizzati al solo monitoraggio dei livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico nel suo insieme e nelle sue articolazioni, nelle classi terze anche alla valutazione. Trasmessi dalle scuole all Invalsi, sotto forma di percentuali e formule statistiche (media, mediana, moda, deviazione standard ) alle scuole che ne fanno oggetto di autoanalisi

15 4.9 AUTOVALUTAZIONE o o o o verifica e valutazione degli obiettivi formativi progettati, per elaborare parametri di valutazione condivisi e per individuare i punti di forza e di debolezza e apportare ove necessario i dovuti aggiustamenti. monitoraggio continuo dei risultati, per la rilevazione delle competenze raggiunte dagli alunni frequentanti la scuola. progettazione dei necessari adeguamenti dell offerta formativa relazione finale del collegio dei docenti sulla validità dell offerta formativa 4.10 SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTI PLESSO N. ABBAGNANO I COLORI DELLA MUSICA Progetto di educazione al suono e alla musica, finanziato dalle famiglie, Rivolto a tutti gli alunni dell infanzia, si svolge in orario CURRICOLARE. PROGETTO CONTINUITA Progetto gratuito organizzato in collaborazione con le docenti della classe prima. Si svolge in orario CURRICOLARE. PLESSO "G: BARRA" FUNNY ENGLISH - Progetto d'inglese, gratuito. Destinato agli alunni di 5 anni, si svolge in orario CURRICOLARE. FORMA MENTIS - Progetto di psicomotricità, tenuto da un'esperta esterna, finanziato dalle famiglie, è destinato a tutti gli alunni dell'infanzia. PROGETTO CONTINUITA' - Progetto gratuito, in collaborazione delle docenti delle classi prime. Destinato ai bambini di 5 anni,si svolge in orario CURRICOLARE. PLESSO RODARI I COLORI DELLA MUSICA Progetto di educazione al suono e alla musica, finanziato dalle famiglie, Rivolto a tutti gli alunni dell infanzia, si svolge in orario CURRICOLARE. PLESSO TAFURI I COLORI DELLA MUSICA Progetto di educazione al suono e alla musica, finanziato dalle famiglie, Rivolto a tutti gli alunni dell infanzia, si svolge in orario CURRICOLARE

16 4.11 SCUOLA PRIMARIA PROGETTI PLESSO N. ABBAGNANO UNA FIABA DA COSTRUIRE Laboratorio di scrittura creativa,gratuito, tenuto da esperte interne, rivolto agli alunni delle classi prime e seconde. Si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. TEATR ARTE LA SCUOLA E VIVA EVVIVA LA SCUOLA Laboratorio teatrale, gratuito, tenuto da esperte interne rivolto agli alunni delle classi terza, quarta e quinta. Si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. CANTIAMO A SCUOLA Progetto musicale (coro) tenuto da esperti esterni, gratuito. Rivolto agli alunni delle classi seconde, terze, quarte e quinte. Si svolge in orario CURRICOLARE. PROGETTO GIORNALISMO Progetto proposto da esperti esterni, gratuito. E' destinato agli alunni della classe quinta. Si svolge in orario CURRICOLARE. PLESSO "G: BARRA" I COLORI DELLA MUSICA - Progetto di educazione al suono e alla musica, tenuto da un'esperta esterna. Finanziato dalle famiglie, è rivolto agli alunni delle classi prime. Si svolge in orario CURRICOLARE. DANZANDO SI CRESCE - Progetto di danza, a cura da un'esperta esterna, finanziato dalle famiglie, è destinato agli alunni delle classi prime e seconde. Si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. CANTIAMO A SCUOLA - Laboratorio di musica (coro), tenuto da esperti esterni, gratuito, rivolto agli alunni delle classi seconde, terze, quarte e quinte. Si svolge in orario CURRICOLARE. UNO STRUMENTO PER CONOSCERE E COMUNICARE - Laboratorio d'informatica gestito da esperti interni, gratuito.rivolto agli alunni delle classi prime, seconde e terze. Si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. DANZE STORICHE - Progetto pluridisciplinare proposto dall' esperta esterna,finanziato dalle famiglie. Rivolto agli alunni delle quarte e quinte: Si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. DIDATTICA DEL PRESEPE - Laboratorio artistico in collaborazione con la Bottega San Lazzaro, gratuito. Rivolto agli alunni delle classi quinte, si svolge in orario CURRICOLARE. PROGETTO GIORNALISMO Progetto proposto da esperti esterni, gratuito. E' destinato agli alunni della classe quarta. Si svolge in orario CURRICOLARE. PLESSO RODARI LABORATORIO TEATRALE Progetto teatrale tenuto da un esperto esterno e finanziato dalle famiglie. Rivolto a tutti gli alunni, si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. MUSICALITA Progetto musicale, tenuto da un esperto esterno e finanziato dalle famiglie. Rivolto a tutti gli alunni, si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. CANTIAMO A SCUOLA Laboratorio di musica (coro), tenuto da esperti esterni, gratuito. Rivolto agli alunni delle classi seconda, terza, quarta e quinta, si svolge in orario CURRICOLARE. UN COMPUTER COME AMICO laboratorio d informatica tenuto da un'esperta interna. gratuito. Rivolto agli alunni delle classi prima e seconda, si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. L INGLESE COME STRUMENTO COMUNICATIVO - Progetto di approfondimento della lingua inglese, tenuto dalle esperte interne Rivolto agli alunni di terza e quarta. si svolge in orario EXTRACURRICOLARE. PROGETTO GIORNALISMO Progetto gratuito, tenuto da esperti esterni. Rivolto agli alunni della classe quinta

17 PLESSO TAFURI TEATRINSIEME- laboratorio teatrale, gratuito tenuto da esperte interne. Rivolto a tutti gli alunni, si svolge in orario CURRICOLARE. CANTIAMO A SCUOLA Laboratorio di musica (coro), tenuto da esperti esterni, gratuito. Rivolto agli alunni delle classi seconda, terza, quarta e quinta, si svolge in orario CURRICOLARE. MUSICALITA Progetto musicale, tenuto da un esperto esterno e finanziato dalle famiglie. Rivolto a tutti gli alunni, si svolge in orario CURRICOLARE.. PASSEGGIANDO PER LA CITTA Approfondimento di storia locale, tenuto da un esperto esterno e finanziato dalle famiglie. Rivolto a tutti gli alunni, si svolge in orario CURRICOLARE. LABORATORIO DI LINGUA SPAGNOLA Progetto di ampliamento delle lingue straniere, tenuto da un'esperta esterna e finanziato dalle famiglie.rivolto a tutti gli alunni, si svolge in orario CURRICOLARE. PROGETTO GIORNALISMO Progetto gratuito, tenuto da esperti esterni. Rivolto agli alunni della classe quinta, si svolge in orario CURRICOLARE 4.12 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Finalità Le Nuove Indicazioni per il curricolo della Scuola Secondaria di 1 grado individuano, nel rispetto della libertà di insegnamento, alcune impostazioni metodologiche di fondo. - Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni, per ancorarvi nuovi contenuti. - Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità, per fare in modo che non diventino diseguaglianze. - Favorire l esplorazione e la scoperta, al fine di promuovere la passione per la ricerca di nuove conoscenze - Incoraggiare l apprendimento collaborativi. 4 OFFERTA FORMATIVA ATIVA - Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere, al fine di imparare ad apprendere. - Realizzare percorsi in forma di laboratorio, per favorire l operatività e allo stesso tempo il dialogo e la riflessione su quello che si fa. Continuità La scuola promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per assicurare agli alunni il positivo conseguimento delle finalità dell istruzione, mediante momenti di raccordo pedagogico, curricolare ed organizzativo con le scuole primarie al fine di: favorire un passaggio non traumatico da un ordine di scuola all altro facilitare il dialogo tra scuola e famiglie stimolare i processi di socializzazione valorizzando lo spirito di collaborazione garantire efficaci azioni di continuità far conoscere l ambiente scuola, l organizzazione, gli spazi e le risorse strumentali concretizzare il rapporto di continuità con la scuola primaria per favorire l entrata nella scuola media

18 Attività Le attività sono realizzate mediante: interventi presso le scuole primarie volti a fornire indicazioni e dati sulla nostra realtà scolastica presentazione della nostra scuola (anche in rete) agli alunni della scuola primaria per far conoscere spazi, risorse umane e strumentazioni Le iniziative progettate e programmate sono: Un abbraccio musicale per avvicinare gli alunni al mondo della musica e diffondere la cultura musicale con l intervento dei docenti di strumento musicale Gioco sport corsi di minibasket per gli alunni delle classi IV e V di scuola primaria per far apprendere le abilità specifiche e le tecniche del minibasket, per imparare a collaborare e a rispettare le regole del gioco di gruppo. laboratori di accoglienza presso la scuola per gli alunni delle classi V di scuola primaria Open Day : la scuola apre le porte al territorio Orientamento La nostra scuola svolge, al suo interno, una continua azione di stimolo e di guida, mediante interventi formativi centrati sulla costruzione del sé e sull acquisizione della consapevolezza personale, oltre che sul conseguimento di competenze specifiche. Essa intende contribuire allo sviluppo delle capacità di orientamento degli allievi, potenziando attività che favoriscano l autoconoscenza, le valenze orientative delle discipline ed ogni altra iniziativa volta a consentire agli alunni scelte più confacenti alla propria personalità ed al proprio progetto di vita. Attività in entrata: Accoglienza La scuola si propone di favorire l inserimento degli studenti nella nuova realtà con un atteggiamento di disponibilità, ascolto, apertura, accettazione, che contribuisca a trasmettere il senso di appartenenza all istituzione. Dalla reciproca conoscenza nasce un clima di fiducia che è alla base di un rapporto collaborativo e costruttivo tra alunni, docenti e genitori, ciascuno con la propria specificità e il proprio ruolo. Finalità: Facilitare l inserimento degli studenti nella nuova realtà scolastica. Favorire il passaggio dalla scuola elementare alla scuola media. Contrastare i fenomeni del disagio e della dispersione scolastica. Obiettivi Far conoscere gli spazi, le strutture, gli organismi della scuola e le relative funzioni. Favorire una prima conoscenza e socializzazione all interno della classe. Rilevare la situazione complessiva degli alunni in ingresso Attività di in itinere Si programmano percorsi finalizzati a facilitare una scelta adeguata mediante: interventi formativi centrati su temi civili che aiutino il preadolescente a mettersi alla prova, a selezionare ed usare quanto possiede e sa di possedere iniziative di didattica orientante volte a favorire la conoscenza di sé laboratori orientativi centrati sulla progettualità e la responsabilità rispetto al domani svolgimento di U.d.A Attività di in uscita Al terzo anno, si programmano interventi mirati a consolidare le conoscenze disciplinari di base e a rinforzare le capacità e le competenze mediante: iniziative di informazione sulle prospettive occupazionali presenti sul territorio attraverso incontri con operatori dei vari settori occupazionali e con docenti della scuola secondaria di secondo grado attività programmate e incontri con docenti della scuola secondaria di secondo grado

19 PROGETTAZIONE CURRICULARE Finalità Favorire la conoscenza e l accettazione di sé finalizzata alle scelte future e all integrazione critica nella società contemporanea per una cittadinanza planetaria attuare una scuola fondata sulla centralità dell alunno contribuire alla formazione globale della persona in tutte le sue componenti incrementare il successo scolastico attraverso la motivazione, la ricerca di senso, lo sviluppo di interessi e bisogni culturali. promuovere intelligenze creative, far emergere il talento espressivo dello studente favorire l integrazione degli alunni provenienti da paesi stranieri, dei soggetti diversamente abili e/o svantaggiati culturalmente Gli obiettivi formativi presuppongono una carica problematica sempre aperta ed una dinamicità che li rende al contempo punto di partenza e di arrivo, condizione e risultato di ulteriori maturazioni. Sebbene formulati dal Collegio in maniera analitica richiedono il continuo richiamo all integralità educativa ed esigono che siano sempre dotati di senso: maturare il senso di appartenenza saper comunicare saper collaborare essere capaci di decisioni autonome sapersi assumere responsabilità saper assumere decisioni collettive saper pianificare saper risolvere problemi concreti sviluppare la costruzione del senso di legalità e di responsabilità sapersi autovalutare Curricolo Nel rispetto degli stili di apprendimento e delle differenze di cui i ragazzi sono portatori la scuola, intesa nel suo complesso e nelle singole individualità dei docenti, realizza attraverso unità di apprendimento una progettazione che presenta le seguenti caratteristiche: individuazione di traguardi per lo sviluppo delle competenze approccio integrato ed interdisciplinare alla conoscenza attenzione alla scelta contestualizzata di metodi e soluzioni organizzative (gruppo classe, gruppi di livello, di compito, elettivi) mirati al conseguimento degli obiettivi formativi attenzione alle modalità di verifica dei livelli di conoscenza e delle abilità acquisiti. Agli alunni stranieri, senza alcuna conoscenza dell italiano, nel primo anno, sarà impartito l insegnamento dell Italiano come seconda lingua comunitaria, al fine di agevolarne l acquisizione e/o il rafforzamento delle strutture morfologiche e sintattiche e di favorirne l integrazione nel gruppo classe. Competenze Italiano Classe prima o Riconoscimento delle informazioni essenziali di un testo e decodifica del relativo messaggio o Uso semplice del registro linguistico per la comunicazione orale o Produzione di testi semplici e globalmente corretti o Riconoscimento delle principali funzioni e strutture linguistiche Classe seconda o Riconoscimento di vari tipi di testo, individuazione delle caratteristiche e del genere di appartenenza o Uso appropriato e corretto del registro linguistico per la comunicazione orale o Produzione di testi chiari ed organici,adeguati alla consegna, agli scopi e ai destinatari o Riconoscimento ed analisi delle funzioni degli elementi strutturali di un discorso

20 Classe terza o Analisi della struttura di un testo e comprensione delle relazioni con il contesto di appartenenza o Impiego funzionale dei registri linguistici o Rielaborazione chiara, organica e corretta di un testo o Fruizione e apprezzamento di testi di vario genere Inglese Classe prima o Comprensione di messaggi e testi semplici o Produzione orale per conversazioni di semplici messaggi sugli aspetti di vita quotidiana o Produzione scritta di testi elementari in forma globalmente corretta. Classe seconda o Comprensione degli elementi principali in testi diversi o Uso personale per conversazioni attinenti a varie esperienze o Produzione scritta di testi semplici e coerenti attinenti a varie esperienze Classe terza o Comprensione degli elementi costitutivi di un testo o Uso autonomo della lingua per vari scopi comunicativi o Uso del registro linguistico corretto e coerente con gli scopi comunicativi Francese / spagnolo Classe prima o Comprensione di messaggi e testi semplici o Produzione orale per conversazioni di semplici messaggi sugli aspetti di vita quotidiana o Produzione scritta di testi elementari in forma globalmente corretta. Classe seconda o Comprensione degli elementi principali in testi diversi o Interazione su conversazioni relative a situazioni di vita quotidiana o Produzione scritta di testi semplici e coerenti attinenti a varie esperienze Classe terza o Comprensione degli elementi principali di un discorso o Uso autonomo della lingua per vari scopi comunicativi. Storia e geografia Classe prima o Riconoscimento ed uso guidato degli strumenti di base delle discipline o Identificazione e descrizione delle principali caratteristiche delle realtà storico-geografiche o Orientamento nello spazio e nel tempo o Uso di un linguaggio essenziale Classe seconda o Riconoscimento delle trasformazioni spazio-temporali della realtà o Individuazione delle radici storico-geografiche che caratterizzano le diverse tappe dell evoluzione uomo-ambiente o Utilizzo appropriato e corretto del linguaggio specifico, Classe terza o Individuazione delle caratteristiche antropiche, economiche, ecologiche e storiche di un territorio o Confronto tra realtà territoriali e storiche diverse o Interpretazione del presente attraverso la comprensione del valore della memoria storica e del percorso evolutivo geografico o Padronanza nell uso del linguaggio specifico. Cittadinanza e Costituzione Classe prima o Rapportarsi in modo sereno e corretto con coetanei e adulti o Rispettare le regole e riconoscerne il valore o Riconoscere i concetti di diritto dovere o Collaborare e partecipare

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli