Comune di Modena NASCERE A MODENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Modena NASCERE A MODENA"

Transcript

1 Comune di Modena Assessorato alle Politiche per la Salute NASCERE A MODENA Distretto 3 Domande e risposte ai dubbi più frequenti foto di copertina: A cura dell Ufficio Grafica del Comune di Modena - Germano Bertoncelli

2 Premessa La presente pubblicazione è il frutto del lavoro di tanti operatori educativi, sociali e sanitari che hanno raccolto la sollecitazione a confrontarsi sui diversi significati e sui diversi bisogni della donna in primo luogo e della coppia più complessivamente, rispetto ad un momento tra i più significativi della vita: diventare genitori. In questo ambito si concentrano, sul nostro territorio, gli sforzi di tanti servizi nonché di una fitta rete di associazioni. L obiettivo comune è stato quello di mettere insieme e condividere i diversi saperi perché ogni operatore potesse arricchire la propria professionalità e la propria capacità di attivare in maniera appropriata tutte le risorse del nostro territorio, per rispondere al meglio ai complessi bisogni del bambino nel suo primo anno di vita e dei suoi genitori. L auspicio è che questo opuscolo possa rappresentare, per la ricchezza degli argomenti trattati, seppure in maniera non esaustiva, una prima risposta ai tanti dubbi e alle tante domande dei neogenitori supportandoli nei percorsi di accesso e orientamento alla rete dei servizi. Diventare genitori e crescere coi propri figli è anche un percorso di apprendimento sociale che deve trovare nei servizi un supporto integrato. Il lavoro di cura nei confronti del bambino va infatti oltre lo svolgimento delle sole funzioni assistenziali ma deve sempre più privilegiare l investimento relazionale e affettivo. Il supporto alle responsabilità familiari è parte integrante delle politiche per il benessere della comunità modenese, che l Amministrazione Comunale sostiene convinta che rappresentino prima di tutto un investimento sul futuro. Un vivo ringraziamento va pertanto a pediatri, pedagogisti, ostetriche, volontarie delle associazioni, mamme che hanno contribuito alla realizzazione di questo strumento. L assessore alle Politiche per la Salute Simona Arletti

3

4 Ringraziamenti La realizzazione di questo opuscolo è stata coordinata dall Ufficio Politiche per la Salute del Comune di Modena. I contenuti sono stati definiti e concordati all interno del gruppo promotore sostegno alla neogenitorialità composto da: Fiorella Balli Pediatra- Pediatria- Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Claudio Barbari Pediatra di Libera Scelta Maria Grazia Catellani Pediatra di Libera Scelta Simona Cristoni Pedagogista Coordinamento Pedagogico - Settore Istruzione- Comune di Modena Maria Ferrari Pedagogista Coordinamento Pedagogico - Settore Istruzione - Comune di Modena Maria Angela Ferrari Ostetrica- Nido - Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Maria Cristina Galli Ostetrica- Ostetricia- Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Elisa Gandolfi Pedagogista - Educatore Centro per le Famiglie - Comune di Modena Angela Fedora Latorraca Pediatra di Libera Scelta Giovanna Marzullo Pediatra di Libera Scelta Alessandra Morselli Medico - Direzione Sanitaria- Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Pier Luigi Olivieri Pedagogista - Educatore Centro per le Famiglie - Comune di Modena M. Cristina Pagliani Ostetrica - Consultorio Familiare- Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Lucia Pederzini Medico - Direzione Sanitaria - Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Giulio Sighinolfi Pediatra- Pediatria di Comunità - Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Elena Trevisani Assistente Sanitaria - Pediatria di Comunità - Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Patrizia Venturi Pediatra - Pediatria di Comunità - Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena I testi sono stati redatti da: Maria Grazia Catellani Simona Cristoni Giovanna Marzullo Maria Cristina Pagliani Patrizia Venturi Si ringraziano inoltre, per avere contribuito alla fase di validazione dei contenuti: Dott.ssa M. Monica Daghio - Laboratorio Cittadino Competente - AUSL Modena Dott. Marco Turci e l Ostetrica M. Cristina Pagliani - Consultorio Familiare - AUSL Modena Associazione Differenza Maternità Associazione Mamme per le Mamme Associazione Spazio Nascita Associazione La Tribù dei Ma-PI Le mamme volontarie che hanno partecipato ai focus groups

5

6 DOMANDE E RISPOSTE AI DUBBI PIù FREQUENTI?Allattamento al seno Il latte materno è l alimento normale e fisiologico per i neonati; sufficiente da solo e senza bisogno di alcuna altra aggiunta a soddisfare ogni esigenza non solo nutritiva, dalla nascita fino al 6 mese di vita. Successivamente quando il bimbo comincerà a mangiare anche altri alimenti, il latte materno continuerà a rappresentare un importante fonte di nutrienti. L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Fondo delle Nazioni Unite per l infanzia (UNICEF) ne raccomandano l assunzione, affiancata da altri cibi, semisolidi prima e solidi poi, fino ai 2 anni di vita ed oltre, nel rispetto delle scelte della coppia madrebambino. 1

7 La prime poppate Produzione di latte Attacco/Posizione 2 Qual è la posizione migliore che dovrei assumere per allattare? Come aumentare la produzione di latte nei primi giorni dopo il parto? Cosa fare quando la produzione di latte diminuisce e/o non è sufficiente per il bambino? Devo offrire solo un seno per poppata o meglio entrambi? Non esiste una posizione ideale, ogni donna troverà da sè la posizione più comoda. E importante che tu abbia un buon appoggio per la schiena così da ottenere una posizione confortevole per te e il bambino. Fai succhiare il tuo bambino quando lo desidera e consenti poppate a richiesta; insieme ad una persona esperta in allattamento controlla che l attacco sia adeguato e la suzione corretta. Cerca di riconoscere e di assecondare i segnali di fame manifestati dal bambino, lascialo succhiare più frequentemente al seno per stimolare il tuo organismo così da aumentare la produzione di latte. Meglio entrambi soprattutto nella fase di calibrazione, cioè nella fase iniziale in cui la produzione di latte non si è ancora adeguata alle richieste del bambino; comincia sempre dal seno con cui

8 Mi sento il seno meno teso di qualche tempo fa, pare svuotato, ho meno latte? Si stacca dal seno e piange, si succhia le manine, non c è più latte! Devo osservare orari precisi per le poppate, quanto tempo deve trascorrere tra una poppata e l altra e per quanto tempo deve succhiare al seno? Il mio bambino ha pochi giorni di vita, dorme ore la notte e mangia solo 4-6 volte di giorno; è un bimbo buono o devo preoccuparmi e svegliarlo? hai terminato la poppata precedente, poi quando l allattamento sarà ben avviato valuterai cosa è meglio per te e per il bambino. No. Quando allatti a richiesta, la produzione di latte si aggiusta sulle richieste del tuo bambino; il seno appare più morbido perché il bimbo diventa più efficiente nel drenarlo. Parla con una persona esperta in allattamento: chiedi informazioni su come avviene la produzione del latte e sulle differenze tra il primo e secondo latte. Considera che la fame non è l unica ragione del pianto del bambino: è importante anche soddisfare il bisogno di suzione e sapere che la cavità orale è organo di esplorazione e di piacere. Il tuo bambino si regola da sé: occorre solo seguire i suoi ritmi, gradualmente riconoscerai i segnali che ti invia e capirai le sue richieste. Se il bambino sta bene ed è reattivo, non è necessario svegliarlo se dorme. Durante i primi mesi, sono rari i casi in cui il bambino non richieda almeno un pasto nell arco della notte e le poppate notturne nelle prime settimane di vita sono fondamentali per la calibrazione dell allattamento. Comunque prima di scegliere se svegliarlo per alimentarlo si prenderanno in considerazione elementi importanti come la curva di crescita, il comportamento e le scariche (minzioni ed evacuazioni) del bambino. La prime poppate - Produzione di latte - Attacco/Posizione Vuole succhiare in La suzione è un bisogno e un piacere per il bimbo continuazione, ed è importante soddisfarla. L allattamento diventerà obeso? materno previene l obesità. 3

9 La prime poppate - Produzione di latte - Attacco/Posizione 4 È normale che la poppata duri un ora e anche di più? Rifiuta di attaccarsi al seno, cosa fare? Piange spesso, posso usare il ciuccio? Come posso abituarlo, fin dai primi giorni, a non mangiare la notte? Vuole mangiare sempre, ogni 2 ore... è naturale Il tempo varia a seconda dell età e della fame del bambino, inoltre la poppata non serve solo per nutrirsi. Se ti sembra che le poppate durino troppo a lungo parlane con una persona esperta. Tieni il bambino accanto a te per più tempo, aumenta il contatto fisico pelle a pelle e chiedi aiuto ad una persona esperta. Nel frattempo, non usare in alternativa tettarelle/biberon. È sconsigliato nelle prime 4-6 settimane di vita (fase della calibrazione del latte) in quanto potrebbe ostacolare la capacità del bambino di attaccarsi al seno, favorire la comparsa di ragadi, ecc... Quando l allattamento è ben avviato saranno i genitori a valutare l opportunità dell utilizzo di questo ausilio. Considerando la fisiologia dell allattamento e i bisogni del neonato non è naturale non mangiare la notte. Durante le fasi di avvio e calibrazione dell allattamento (prime 6 settimane circa) sono importanti le poppate notturne in quanto la notte è maggiormente favorito il rilascio di prolattina (ormone dedicato alla produzione di latte). Inoltre il bambino ha bisogno di tempo (alcuni mesi) per adeguarsi all ambiente extrauterino nel quale viene a trovarsi dopo la nascita, che è differente dal precedente dove non aveva ritmi alimentari e non avvertiva il bisogno di chiedere per soddisfare la fame. Nelle prime settimane di vita è un atteggiamento fisiologico; ti potrà rassicurare il confronto con una persona esperta su posizione, attacco e modalità di suzione che, se non corretti ed adeguati potrebbero essere causa di una scarsa alimentazione. Nel bambino più grande questo atteggiamento potrebbe corrispondere ad uno scatto di

10 Quanto latte posso produrre al giorno, quanto ne deve assumere il bambino a poppata e per quante poppate/dì? Il lattante ha bisogno di bere acqua? Posso somministrargli tisane o bevande rilassanti? crescita o ad un bambino definito ad alto bisogno cioè bimbi che richiedono spesso il seno (ricorda l allattamento ha funzione nutritiva e relazionale). Mediamente la produzione è di circa ml. al giorno, quantità e numero di poppate sono variabili e regolate dalla fame e dalle necessità del bambino. Il latte materno contiene già una componente liquida sufficiente a dissetare il bambino (87 % del latte è composto da acqua); l introduzione di liquidi potrà avvenire con lo svezzamento. Durante la fase di allattamento materno esclusivo, tisane e bevande non sono utili al bambino, al contrario possono interferire e compromettere l allattamento e la crescita del bambino. La prime poppate - Produzione di latte - Attacco/Posizione 5

11 Accrescimento e latte materno 6 Ho paura che il mio latte non sia sufficiente, piange spesso, non cresce abbastanza, posso dare l aggiunta? Mangia ogni 3/4 ore, ma la notte vorrei dormire e saltare la poppata, come fare? Mangia già le pappe ma la notte si veglia per succhiare, potrebbe crescere troppo? Ormai è grande ma la notte si sveglia più volte e vuole succhiare Diverse possono essere le cause del pianto. L ipogalattia, cioè il poco latte e l incapacità di produrre il quantitativo necessario, è una sensazione materna, non una reale patologia. L aggiunta di latte artificiale aumenta l ipogalattia. E consigliabile valutare insieme al pediatra l accrescimento del bambino secondo le nuove curve di crescita OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e il suo stato di salute generale. Insieme ad una persona esperta di allattamento puoi rivedere la posizione di allattamento, le modalità di attacco e suzione, il numero di poppate. Le poppate notturne favoriscono il rilascio della prolattina, fondamentale nella fase di calibrazione per l autoregolazione fisiologica nella produzione di latte, mentre soddisfano il bisogno del neonato di contatto fisico così come veniva soddisfatto quando era nel tuo ventre. Quando è un pò più grande l allattamento notturno compensa l assenza materna diurna, la paura della separazione e dell abbandono.

12 Come faccio a capire se il mio bambino è sazio? Quanto dovrebbe crescere il mio bambino ogni settimana? Con l aiuto di un esperto imparerai ad osservare come succhia, che la suzione avvenga in modo corretto e a sentirlo deglutire. Continuerai ad allattarlo fino al momento in cui appare soddisfatto. La doppia pesata dovrebbe essere evitata in quanto è inutile e genera solo ansia. Per prima cosa è importante che tu valuti lo stato di benessere generale del bambino (vivacità, interazione con l ambiente, ecc.), quindi la crescita attraverso la pesatura mensile e/o settimanale del neonato nei primi tempi. L O.M.S. definisce standard minimi corrispondenti a 500 gr. mensili (o 125 gr. a settimana) nei primi 4-6 mesi. Accrescimento e latte materno Se il bambino cresce gr. a settimana sono troppi? Se nell ultima settimana è cresciuto solo 100 gr. sarà poco? I bambini allattati al seno spesso hanno un abbondante crescita nelle prime settimane che rallenterà poi nei mesi successivi in quanto hanno una perfetta autoregolazione. Non dovresti valutare la crescita di una sola settimana ma rapportarla al peso alla nascita e all accrescimento nelle settimane successive al parto. 7

13 8 Conservare il latte materno Puoi conservare il latte che hai prelevato in recipienti resistenti, come quelli in plastica dura o vetro, sono contenitori da prediligere per una conservazione a lungo termine del latte materno. Il bambino può bere il latte fresco, a temperatura ambiente o riscaldato. Il latte può essere mantenuto a temperatura ambiente (fino 25 C) per 6-8 ore. Puoi tranquillamente refrigerare il latte (4 C) fino a 5 giorni; conserva il latte sul retro del corpo principale del frigorifero, in una zona lontana dallo sportello, dove la temperatura rimane più fredda e costante. Il tipo di freezer in cui viene mantenuto determinerà la tabella di conservazione per il latte congelato. Viene garantita la sicurezza se si conserva il latte per periodi di tempo di seguito elencati: > Compartimento del freezer ubicato all interno del frigo (- 15 C): 2 settimane; > Frigorifero/freezer con sportelli separati (- 18 C): 3 6 mesi; > Freezer a pozzetto a scongelamento manuale, che non venga aperto di frequente e mantenga la temperatura ideale ( 20 C): 6 12 mesi; Scrivere sempre la data e la quantità di latte sul contenitore. Scongelare il latte materno lentamente nel frigorifero o a temperatura ambiente ma non nel microonde, consumarlo entro 24 ore conservandolo nel frigorifero. Dopo il decongelamento non è possibile ricongelarlo. Queste indicazioni sono da applicarsi esclusivamente a lattanti in salute e nati a termine. Per bambini ospedalizzati o pre-termine ci sono linee guida diverse.

14 Riallattamento Sto facendo un allattamento misto, è possibile tornare ad un allattamento esclusivo e come fare? Sì, è possibile il ritorno ad un allattamento esclusivo, occorre valutare la quantità di latte artificiale somministrato giornalmente. Dovrai diminuire gradualmente la quantità di aggiunta che offri ad ogni pasto mentre aumenti il numero e la durata delle poppate. Ti potrà aiutare lo stare più vicina al tuo bambino favorendo il contatto pelle a pelle. Ho sospeso l allattamento al seno, vorrei riprendere, come fare? Dovrai utilizzare la strategia sopra indicata, serviranno più tempo e pazienza. Occorre valutare il tempo di sospensione, l età del bambino; ti sarà utile il sostegno di una persona esperta in allattamento. 9

15 Allattamento e fertilità È ricomparso il ciclo mestruale, potrò continuare a produrre latte e sarà di buona qualità? Solo in alcuni casi e per pochi giorni il ciclo può influire sulla quantità del latte materno ma non sulla qualità, è un fenomeno transitorio. 10 Continuo ad allattare e dopo sei mesi non ricompare il ciclo mestruale, è normale? Posso assumere la pillola anticoncezionale? Aspetto un altro bambino, posso continuare ad allattare? Allattando, in molti casi, il ciclo ricompare a svezzamento avanzato o alla sospensione dell allattamento. Nei primi 6 mesi puoi assumere la pillola per l allattamento, quella col solo progesterone; quando inizierai lo svezzamento passerai a quella tradizionale, che contiene anche estrogeni, potrai informarti in Consultorio dall ostetrica o dal tuo medico. Se allatti in gravidanza non danneggerai il bambino che arriverà e non sarà alterata la qualità del latte che offri a tuo figlio.

16 Gemelli Potrò allattare i miei bambini e per quanto tempo? L organismo materno è in grado, se stimolato dalla suzione, di adeguare la produzione di latte alle necessità di due bimbi; sarà forse un pò più difficoltoso, occorreranno più tempo ed energie. Una volta avviato l allattamento e superata la fase della calibrazione (circa 6 settimane) sarai tu a decidere e a valutare fin quando ti sarà possibile continuare. 11

17 Benessere della mamma La donna che allatta al seno avrà benefici per la propria salute? Posso fumare durante l allattamento? Sì, l allattamento previene le complicanze emorragiche nel post-parto e aiuta il recupero della forma fisica; avrà inoltre minori probabilità di avere disturbi legati all osteoporosi in età perimenopausale e di contrarre il cancro del seno e dell ovaio. No, dovresti evitare. Se proprio non ne puoi fare a meno, non dovresti farlo negli ambienti dove è presente il bambino. Sono molto stanca, vorrei smettere di allattare e devo tornare al lavoro, quando e in che modo posso sospendere? La decisione di interrompere l allattamento al seno non comporta problemi strettamente sanitari, ma riguarda sostanzialmente la relazione con il tuo bambino e la vita familiare. Il momento dell interruzione avviene con modalità e in momenti diversi, secondo le condizioni e le esigenze di ogni mamma e degli impegni familiari. E importante che serenamente tu valuti quello che è meglio per te e per il tuo bimbo. 12

18 Patologie durante l allattamento Problemi del capezzolo È possibile allattare con le ragadi e come farlo senza sentire dolore? È consigliabile continuare ad allattare e con la modalità giusta se si riesce a farlo senza avvertire dolore, così puoi anche prevenire l ingorgo mammario. Per migliorare la sintomatologia sarà necessaria una posizione corretta per te e il bambino, l attacco e la suzione dovranno essere adeguati e può essere opportuno iniziare dal lato che duole meno. All occorrenza si utilizzano antidolorifici. Come curare le ragadi? Mantieni il seno asciutto, se possibile esposto all aria/sole per brevi periodi, puoi trattarlo con poche gocce di latte spremuto. Sono invece pratiche sconsigliate e/o dannose: l uso dei paracapezzoli, saltare le poppate e/o lasciare riposare i seni, l uso di detergenti o saponi aggressivi. I capezzoli piatti o introflessi possono essere un problema, come trattarli? I capezzoli piatti o introflessi non compromettono l allattamento possono renderlo un po difficoltoso all inizio, la suzione avviene tramite l attività della lingua sull areola e non quando viene affer- 13

19 Patologie durante l allattamento Problemi del capezzolo Ingorgo mammario e dotto ostruito rato solo il capezzolo. Chiedi che ti vengano insegnate le tecniche per estroflettere il capezzolo da attuare già alla prima poppata dopo il parto. Si attacca solo con i paracapezzoli, potrebbe essere un problema? Sì, i paracapezzoli potrebbero, nel tempo, indurre un decremento della produzione di latte. Come attaccare il bambino ad un seno ingorgato e come trattare il seno? Può dare sollievo e facilitare la suzione al bimbo fare, prima della poppata, un bagno caldo con massaggio del seno e una parziale spremitura manuale. Dopo la poppata un impacco freddo riduce l edema e l infiammazione. Se noti solo una parte del seno ingorgata dovresti posizionare il bambino con il mento e la lingua in corrispondenza della zona mammaria più tesa. Al bisogno si possono utilizzare antidolorifici. 14 Mastite Come allattare con la mastite? Con la modalità e la frequenza solite, mentre posizioni il bambino con il mento e la lingua in corrispondenza della zona infiammata. Il latte resta comunque di ottima qualità. Posso allattare anche se c è febbre? Continuando l allattamento ti aiuta a risolvere tempestivamente l infiammazione e la febbre. Cosa fare al seno? Bagno caldo, massaggio ed eventuale spremitura manuale o meccanica. L antinfiammatorio o l analgesico si usano solo se servono ad alleviare la sintomatologia materna. Dopo 24 ore, mentre continui con poppate frequenti e drenanti per il seno, se la febbre non si abbassa consulta il tuo medico.

20 Farmaci È vero che allattando non posso assumere farmaci? Non è vero. In allattamento è fondamentale il benessere materno, dunque in caso di malattia utilizzerai farmaci appropriati prescritti dal medico (medico di famiglia, ginecologo, ecc.). Pochi sono i farmaci realmente controindicati, spesso si invita la madre a sospendere l allattamento senza un adeguata valutazione. Quali farmaci o sostanze posso assumere per aumentare la produzione di latte? I farmaci che producono questo effetto (galattogoghi) di dimostrata efficacia sono essenzialmente due: il domperidone e il fieno greco, ma sono sconsigliate le autoprescrizioni. Queste sostanze sono utilizzabili solo su indicazione medica e dopo un attenta valutazione dell effettiva necessità. In generale comunque non esiste alcun prodotto che da solo sia in grado di aumentare la produzione di latte se non vengono contemporaneamente rimosse le cause della scarsa produzione, quali lo stress, l ansia e un cattivo attacco del neonato al seno o un numero troppo basso di poppate. Patologie durante l allattamento Quale dieta seguire in allattamento? Quali alimenti possono cambiare sapore al latte? Quali alimenti possono far male al bambino? Dieta materna Nessuno se le normali abitudini alimentari della mamma prevedono cibi semplici, naturali e vari. Se un alimento disturba il bambino, devo toglierlo dalla mia dieta? Spesso si tratta di semplici coincidenze, puoi provare più volte a distanza di 10/20 giorni prima di decidere se eliminare temporaneamente un alimento dalla tua dieta. 15

21 Falsi problemi Allatto: posso tingermi i capelli? Sì, le tinture per capelli non sono controindicate in gravidanza nè durante l allattamento. 16 Sono fortemente miope: posso allattare? Faccio sport: posso allattare? Posso allattare dopo attività sportiva anche intensa? E vero che l allattamento fa ingrassare? Posso continuare ad allattare il primogenito anche quando ci sarà il fratellino? Non esistono evidenze mediche che dimostrino che l allattamento possa influire negativamente sulle diverse forme di miopia. Sì, può soddisfare questo desiderio che non ha controindicazioni, potrebbe essere un occasione per ritrovare un pò di tempo per sé stessa. Ogni forma di attività sportiva è consentita, non deve preoccupare la produzione di acido lattico che può solo lievemente cambiare il sapore, ma non altera la qualità del latte materno. Credenze popolari sostengono che l allattamento al seno sia responsabile dell aumento di peso della neo-mamma, invece allattare aiuta a smaltire l eccesso di peso accumulato durante la gravidanza. Eventualmente si può associare una leggera attività fisica ad un adeguato regime dietetico normo-calorico. L allattamento in tandem sarà adeguato alle esigenze di entrambi anche se i fratelli hanno età differenti. Se avrai desiderio di allattare tutti e due i bambini potrai farlo senza controindicazioni.

22 Disagio post parto Malgrado la gioia che si prova dopo la nascita di un figlio, è facile sentirsi qualche volta oppressa o sola, per questo merita particolare attenzione il tuo benessere emotivo nel primo anno di vita del bambino. E importante che i professionisti sanitari, che incontrerai nei mesi successivi al parto, si accertino del tuo stato emotivo, dei tuoi supporti familiari e/o sociali e di come risolvi le difficoltà quotidiane. E sempre bene parlare con un sanitario di riferimento, capace di farti sentire a tuo agio, con cui confrontarti su possibili cambi di umore, tristezza o comportamento inusuale. Quali possono essere i disturbi emotivi della mamma legati alla fase post-parto? Tante mamme (fino all 85%) avvertono una forma di disagio definita baby blues che compare solitamente nella prima settimana dopo il parto e si risolve entro il primo mese dopo il parto. Si manifesta con malinconia, sbalzi d umore, facile tendenza al pianto, tristezza, ansia, sensazione di dipendenza. Può essere provocato da più fattori: rapidi cambiamenti ormonali, stress psicofisico conseguente a travaglio del parto, fatica fisica o ansia legate all aumento di responsabilità, eventuale insorgenza di contrasti con familiari e/o parenti. 17

23 Disagio post parto Come posso contrastare questo fenomeno? E possibile anche andare incontro a forme di depressione legate alla fase post-parto? Quali sono i sintomi della depressione? Per aiutarti a stare emotivamente meglio dedica un po di tempo a te stessa: prendi tempo per riposare, fai una leggera attività fisica, fatti aiutare nella cura del bambino dal tuo compagno o da familiari, parla a qualcuno delle tue emozioni e cerca reti sociali di sostegno alla maternità come i gruppi di auto-aiuto tra mamme, continua a parlarne con un sanitario di tua fiducia. Si può pensare ad una depressione se le emozioni negative si prolungano oltre un mese dal parto o se, nelle prime settimane, sono particolarmente intense. In alcune donne (circa il 10-15% dei casi) possono manifestarsi forme di depressione post-parto quando il baby blues persiste oltre un mese dal parto. Sono più esposte le donne con storia personale o familiare di depressione, interessate da recenti eventi negativi (lutti), con conflitti coniugali, in condizioni socioeconomiche sfavorevoli o di isolamento sociale, con patologia tiroidea. Con la depressione si avvertono eccessiva preoccupazione o ansia, forte irritabilità, ci si sente sotto pressione o oberate di lavoro e con difficoltà nel prendere decisioni. Si possono inoltre avere sentimenti di colpa, perdita di speranza nel futuro o di interesse e/o piacere nel fare le cose. Sintomi specifici riguardano la relazione mamma bimbo e incutono sentimenti di colpa, vergogna e incapacità di essere madre come ad esempio: sentire il bimbo come un peso e non provare emozioni nei suoi confronti, sentirsi inadeguata ed incapace come madre e come donna. 18

24 Perché chiedere aiuto? A chi posso rivolgermi? Perché scoprirai che non è un esperienza rara di cui vergognarsi e soprattutto, intervenendo, eviterai che la depressione post-parto si cronicizzi andando poi, veramente, ad intaccare lo scambio affettivo col tuo bambino. E importante che un sanitario possa valutare se è presente un vero e proprio stato depressivo. Quando non è presente una vera e propria malattia dovrebbe venirti offerto il sostegno dei professionisti, delle organizzazioni sociali o di volontariato delle associazioni si sostegno alle neo mamme. In caso di depressione vengono proposte anche psicoterapia e, al bisogno, una terapia farmacologica. In ogni caso un costante e fiducioso rapporto con il medico rimane comunque un punto di forza nella gestione e nel superamento dei sintomi. Disagio post parto 19

25

26 Alimentazione con latte artificiale Quando è necessario il latte artificiale? Per quanto l allattamento al seno abbia poche vere controindicazioni (infezione da HIV, assunzione di farmaci che escludono in maniera assoluta l allattamento, neonato con intolleranza totale al lattosio) ci sono mamme che non ci riescono e che rischiano di interpretare questa difficoltà come senso d inadeguatezza materna. Alcuni sostengono che in questi casi un maggior supporto dei professionisti potrebbe evitare questo inconveniente. Il perseguimento del benessere mentale e fisico della mamma è comunque alla base di ogni scelta. La produzione ed escrezione del latte materno è fenomeno complesso ed ancora non completamente compreso. La condizione comunemente nota come ipogalattia, cioè la mancata o scarsa produzione di latte, non trova riscontri nella letteratura medica. Esiste poi una situazione di ipogalattia indotta che si verifica quando la donna, non è opportunamente supportata dai professionisti o dall ambiente che la circonda e non riesce ad allattare il proprio bambino. Su questo equivoco che confonde i veri e rarissimi problemi di mancata o scarsa produzione 21

27 Alimentazione con latte artificiale L allattamento materno è meglio di quello artificiale? Che cosa è il latte artificiale per neonati? di latte con i più frequenti problemi di mancato supporto alla donna, si basa l erronea percezione dell ipogalattia come condizione frequente fra le donne italiane. Ci sono casi in cui il non allattamento al seno non dipende da indicazioni mediche o cause patologiche, ma rappresenta una scelta della donna o della coppia; questi casi sono difficilmente quantificabili e risentono della cultura e dell ambiente in cui la coppia vive. L allattamento materno è la modalità naturale di alimentare il proprio figlio, altre modalità non sono fisiologiche; da tempo gli esperti concordano sul fatto che il latte artificiale è svantaggioso rispetto al latte materno, sia sul piano della salute di madre e bambino che su quello nutrizionale, affettivo, relazionale ed anche economico, visti i costi di questi prodotti. Quando la mamma non allatta al seno può disporre del latte artificiale, questo è un prodotto dell industria dietetica a partenza dal latte vaccino per venire poi modificato. È un alimento prezioso che garantisce al bambino che non dispone del latte materno una crescita adeguata nel rispetto dei principali indici metabolici. E un derivato del latte vaccino. Viene prodotto in forma liquida già pronto all uso con una composizione più stabile, ma ha una conservazione più limitata e costi più elevati. La forma più comunemente usata è quella in polvere che verrà poi ricostruita con l aggiunta di acqua; non è sterile, ha costi variabili ma più contenuti rispetto alla formulazione liquida. 22

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Quando nasce un bambino

Quando nasce un bambino Quando nasce un bambino DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE Direzione Generale della Comunicazione e Relazioni Istituzionali Prefazione Una corretta informazione riveste un importanza fondamentale

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris Allattamento al Seno come praticarlo con successo Una guida pratica per gli operatori sanitari di Tine Vinther Jerris WORLD HEALTH ORGANIZATION REGIONAL OFFICE FOR EUROPE COPENHAGEN, 1993 1 Prepared for

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

>Briciole di italianità

>Briciole di italianità >Briciole di italianità :: I tortellini: un capolavoro italiano La forma del tortellino fu ispirata, secondo una leggenda, dalla forma dell ombelico della dea Venere. Raccontano che un giorno la dea dell

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli