Comune di Modena NASCERE A MODENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Modena NASCERE A MODENA"

Transcript

1 Comune di Modena Assessorato alle Politiche per la Salute NASCERE A MODENA Distretto 3 Domande e risposte ai dubbi più frequenti foto di copertina: A cura dell Ufficio Grafica del Comune di Modena - Germano Bertoncelli

2 Premessa La presente pubblicazione è il frutto del lavoro di tanti operatori educativi, sociali e sanitari che hanno raccolto la sollecitazione a confrontarsi sui diversi significati e sui diversi bisogni della donna in primo luogo e della coppia più complessivamente, rispetto ad un momento tra i più significativi della vita: diventare genitori. In questo ambito si concentrano, sul nostro territorio, gli sforzi di tanti servizi nonché di una fitta rete di associazioni. L obiettivo comune è stato quello di mettere insieme e condividere i diversi saperi perché ogni operatore potesse arricchire la propria professionalità e la propria capacità di attivare in maniera appropriata tutte le risorse del nostro territorio, per rispondere al meglio ai complessi bisogni del bambino nel suo primo anno di vita e dei suoi genitori. L auspicio è che questo opuscolo possa rappresentare, per la ricchezza degli argomenti trattati, seppure in maniera non esaustiva, una prima risposta ai tanti dubbi e alle tante domande dei neogenitori supportandoli nei percorsi di accesso e orientamento alla rete dei servizi. Diventare genitori e crescere coi propri figli è anche un percorso di apprendimento sociale che deve trovare nei servizi un supporto integrato. Il lavoro di cura nei confronti del bambino va infatti oltre lo svolgimento delle sole funzioni assistenziali ma deve sempre più privilegiare l investimento relazionale e affettivo. Il supporto alle responsabilità familiari è parte integrante delle politiche per il benessere della comunità modenese, che l Amministrazione Comunale sostiene convinta che rappresentino prima di tutto un investimento sul futuro. Un vivo ringraziamento va pertanto a pediatri, pedagogisti, ostetriche, volontarie delle associazioni, mamme che hanno contribuito alla realizzazione di questo strumento. L assessore alle Politiche per la Salute Simona Arletti

3

4 Ringraziamenti La realizzazione di questo opuscolo è stata coordinata dall Ufficio Politiche per la Salute del Comune di Modena. I contenuti sono stati definiti e concordati all interno del gruppo promotore sostegno alla neogenitorialità composto da: Fiorella Balli Pediatra- Pediatria- Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Claudio Barbari Pediatra di Libera Scelta Maria Grazia Catellani Pediatra di Libera Scelta Simona Cristoni Pedagogista Coordinamento Pedagogico - Settore Istruzione- Comune di Modena Maria Ferrari Pedagogista Coordinamento Pedagogico - Settore Istruzione - Comune di Modena Maria Angela Ferrari Ostetrica- Nido - Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Maria Cristina Galli Ostetrica- Ostetricia- Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Elisa Gandolfi Pedagogista - Educatore Centro per le Famiglie - Comune di Modena Angela Fedora Latorraca Pediatra di Libera Scelta Giovanna Marzullo Pediatra di Libera Scelta Alessandra Morselli Medico - Direzione Sanitaria- Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Pier Luigi Olivieri Pedagogista - Educatore Centro per le Famiglie - Comune di Modena M. Cristina Pagliani Ostetrica - Consultorio Familiare- Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Lucia Pederzini Medico - Direzione Sanitaria - Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Giulio Sighinolfi Pediatra- Pediatria di Comunità - Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Elena Trevisani Assistente Sanitaria - Pediatria di Comunità - Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Patrizia Venturi Pediatra - Pediatria di Comunità - Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena I testi sono stati redatti da: Maria Grazia Catellani Simona Cristoni Giovanna Marzullo Maria Cristina Pagliani Patrizia Venturi Si ringraziano inoltre, per avere contribuito alla fase di validazione dei contenuti: Dott.ssa M. Monica Daghio - Laboratorio Cittadino Competente - AUSL Modena Dott. Marco Turci e l Ostetrica M. Cristina Pagliani - Consultorio Familiare - AUSL Modena Associazione Differenza Maternità Associazione Mamme per le Mamme Associazione Spazio Nascita Associazione La Tribù dei Ma-PI Le mamme volontarie che hanno partecipato ai focus groups

5

6 DOMANDE E RISPOSTE AI DUBBI PIù FREQUENTI?Allattamento al seno Il latte materno è l alimento normale e fisiologico per i neonati; sufficiente da solo e senza bisogno di alcuna altra aggiunta a soddisfare ogni esigenza non solo nutritiva, dalla nascita fino al 6 mese di vita. Successivamente quando il bimbo comincerà a mangiare anche altri alimenti, il latte materno continuerà a rappresentare un importante fonte di nutrienti. L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Fondo delle Nazioni Unite per l infanzia (UNICEF) ne raccomandano l assunzione, affiancata da altri cibi, semisolidi prima e solidi poi, fino ai 2 anni di vita ed oltre, nel rispetto delle scelte della coppia madrebambino. 1

7 La prime poppate Produzione di latte Attacco/Posizione 2 Qual è la posizione migliore che dovrei assumere per allattare? Come aumentare la produzione di latte nei primi giorni dopo il parto? Cosa fare quando la produzione di latte diminuisce e/o non è sufficiente per il bambino? Devo offrire solo un seno per poppata o meglio entrambi? Non esiste una posizione ideale, ogni donna troverà da sè la posizione più comoda. E importante che tu abbia un buon appoggio per la schiena così da ottenere una posizione confortevole per te e il bambino. Fai succhiare il tuo bambino quando lo desidera e consenti poppate a richiesta; insieme ad una persona esperta in allattamento controlla che l attacco sia adeguato e la suzione corretta. Cerca di riconoscere e di assecondare i segnali di fame manifestati dal bambino, lascialo succhiare più frequentemente al seno per stimolare il tuo organismo così da aumentare la produzione di latte. Meglio entrambi soprattutto nella fase di calibrazione, cioè nella fase iniziale in cui la produzione di latte non si è ancora adeguata alle richieste del bambino; comincia sempre dal seno con cui

8 Mi sento il seno meno teso di qualche tempo fa, pare svuotato, ho meno latte? Si stacca dal seno e piange, si succhia le manine, non c è più latte! Devo osservare orari precisi per le poppate, quanto tempo deve trascorrere tra una poppata e l altra e per quanto tempo deve succhiare al seno? Il mio bambino ha pochi giorni di vita, dorme ore la notte e mangia solo 4-6 volte di giorno; è un bimbo buono o devo preoccuparmi e svegliarlo? hai terminato la poppata precedente, poi quando l allattamento sarà ben avviato valuterai cosa è meglio per te e per il bambino. No. Quando allatti a richiesta, la produzione di latte si aggiusta sulle richieste del tuo bambino; il seno appare più morbido perché il bimbo diventa più efficiente nel drenarlo. Parla con una persona esperta in allattamento: chiedi informazioni su come avviene la produzione del latte e sulle differenze tra il primo e secondo latte. Considera che la fame non è l unica ragione del pianto del bambino: è importante anche soddisfare il bisogno di suzione e sapere che la cavità orale è organo di esplorazione e di piacere. Il tuo bambino si regola da sé: occorre solo seguire i suoi ritmi, gradualmente riconoscerai i segnali che ti invia e capirai le sue richieste. Se il bambino sta bene ed è reattivo, non è necessario svegliarlo se dorme. Durante i primi mesi, sono rari i casi in cui il bambino non richieda almeno un pasto nell arco della notte e le poppate notturne nelle prime settimane di vita sono fondamentali per la calibrazione dell allattamento. Comunque prima di scegliere se svegliarlo per alimentarlo si prenderanno in considerazione elementi importanti come la curva di crescita, il comportamento e le scariche (minzioni ed evacuazioni) del bambino. La prime poppate - Produzione di latte - Attacco/Posizione Vuole succhiare in La suzione è un bisogno e un piacere per il bimbo continuazione, ed è importante soddisfarla. L allattamento diventerà obeso? materno previene l obesità. 3

9 La prime poppate - Produzione di latte - Attacco/Posizione 4 È normale che la poppata duri un ora e anche di più? Rifiuta di attaccarsi al seno, cosa fare? Piange spesso, posso usare il ciuccio? Come posso abituarlo, fin dai primi giorni, a non mangiare la notte? Vuole mangiare sempre, ogni 2 ore... è naturale Il tempo varia a seconda dell età e della fame del bambino, inoltre la poppata non serve solo per nutrirsi. Se ti sembra che le poppate durino troppo a lungo parlane con una persona esperta. Tieni il bambino accanto a te per più tempo, aumenta il contatto fisico pelle a pelle e chiedi aiuto ad una persona esperta. Nel frattempo, non usare in alternativa tettarelle/biberon. È sconsigliato nelle prime 4-6 settimane di vita (fase della calibrazione del latte) in quanto potrebbe ostacolare la capacità del bambino di attaccarsi al seno, favorire la comparsa di ragadi, ecc... Quando l allattamento è ben avviato saranno i genitori a valutare l opportunità dell utilizzo di questo ausilio. Considerando la fisiologia dell allattamento e i bisogni del neonato non è naturale non mangiare la notte. Durante le fasi di avvio e calibrazione dell allattamento (prime 6 settimane circa) sono importanti le poppate notturne in quanto la notte è maggiormente favorito il rilascio di prolattina (ormone dedicato alla produzione di latte). Inoltre il bambino ha bisogno di tempo (alcuni mesi) per adeguarsi all ambiente extrauterino nel quale viene a trovarsi dopo la nascita, che è differente dal precedente dove non aveva ritmi alimentari e non avvertiva il bisogno di chiedere per soddisfare la fame. Nelle prime settimane di vita è un atteggiamento fisiologico; ti potrà rassicurare il confronto con una persona esperta su posizione, attacco e modalità di suzione che, se non corretti ed adeguati potrebbero essere causa di una scarsa alimentazione. Nel bambino più grande questo atteggiamento potrebbe corrispondere ad uno scatto di

10 Quanto latte posso produrre al giorno, quanto ne deve assumere il bambino a poppata e per quante poppate/dì? Il lattante ha bisogno di bere acqua? Posso somministrargli tisane o bevande rilassanti? crescita o ad un bambino definito ad alto bisogno cioè bimbi che richiedono spesso il seno (ricorda l allattamento ha funzione nutritiva e relazionale). Mediamente la produzione è di circa ml. al giorno, quantità e numero di poppate sono variabili e regolate dalla fame e dalle necessità del bambino. Il latte materno contiene già una componente liquida sufficiente a dissetare il bambino (87 % del latte è composto da acqua); l introduzione di liquidi potrà avvenire con lo svezzamento. Durante la fase di allattamento materno esclusivo, tisane e bevande non sono utili al bambino, al contrario possono interferire e compromettere l allattamento e la crescita del bambino. La prime poppate - Produzione di latte - Attacco/Posizione 5

11 Accrescimento e latte materno 6 Ho paura che il mio latte non sia sufficiente, piange spesso, non cresce abbastanza, posso dare l aggiunta? Mangia ogni 3/4 ore, ma la notte vorrei dormire e saltare la poppata, come fare? Mangia già le pappe ma la notte si veglia per succhiare, potrebbe crescere troppo? Ormai è grande ma la notte si sveglia più volte e vuole succhiare Diverse possono essere le cause del pianto. L ipogalattia, cioè il poco latte e l incapacità di produrre il quantitativo necessario, è una sensazione materna, non una reale patologia. L aggiunta di latte artificiale aumenta l ipogalattia. E consigliabile valutare insieme al pediatra l accrescimento del bambino secondo le nuove curve di crescita OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e il suo stato di salute generale. Insieme ad una persona esperta di allattamento puoi rivedere la posizione di allattamento, le modalità di attacco e suzione, il numero di poppate. Le poppate notturne favoriscono il rilascio della prolattina, fondamentale nella fase di calibrazione per l autoregolazione fisiologica nella produzione di latte, mentre soddisfano il bisogno del neonato di contatto fisico così come veniva soddisfatto quando era nel tuo ventre. Quando è un pò più grande l allattamento notturno compensa l assenza materna diurna, la paura della separazione e dell abbandono.

12 Come faccio a capire se il mio bambino è sazio? Quanto dovrebbe crescere il mio bambino ogni settimana? Con l aiuto di un esperto imparerai ad osservare come succhia, che la suzione avvenga in modo corretto e a sentirlo deglutire. Continuerai ad allattarlo fino al momento in cui appare soddisfatto. La doppia pesata dovrebbe essere evitata in quanto è inutile e genera solo ansia. Per prima cosa è importante che tu valuti lo stato di benessere generale del bambino (vivacità, interazione con l ambiente, ecc.), quindi la crescita attraverso la pesatura mensile e/o settimanale del neonato nei primi tempi. L O.M.S. definisce standard minimi corrispondenti a 500 gr. mensili (o 125 gr. a settimana) nei primi 4-6 mesi. Accrescimento e latte materno Se il bambino cresce gr. a settimana sono troppi? Se nell ultima settimana è cresciuto solo 100 gr. sarà poco? I bambini allattati al seno spesso hanno un abbondante crescita nelle prime settimane che rallenterà poi nei mesi successivi in quanto hanno una perfetta autoregolazione. Non dovresti valutare la crescita di una sola settimana ma rapportarla al peso alla nascita e all accrescimento nelle settimane successive al parto. 7

13 8 Conservare il latte materno Puoi conservare il latte che hai prelevato in recipienti resistenti, come quelli in plastica dura o vetro, sono contenitori da prediligere per una conservazione a lungo termine del latte materno. Il bambino può bere il latte fresco, a temperatura ambiente o riscaldato. Il latte può essere mantenuto a temperatura ambiente (fino 25 C) per 6-8 ore. Puoi tranquillamente refrigerare il latte (4 C) fino a 5 giorni; conserva il latte sul retro del corpo principale del frigorifero, in una zona lontana dallo sportello, dove la temperatura rimane più fredda e costante. Il tipo di freezer in cui viene mantenuto determinerà la tabella di conservazione per il latte congelato. Viene garantita la sicurezza se si conserva il latte per periodi di tempo di seguito elencati: > Compartimento del freezer ubicato all interno del frigo (- 15 C): 2 settimane; > Frigorifero/freezer con sportelli separati (- 18 C): 3 6 mesi; > Freezer a pozzetto a scongelamento manuale, che non venga aperto di frequente e mantenga la temperatura ideale ( 20 C): 6 12 mesi; Scrivere sempre la data e la quantità di latte sul contenitore. Scongelare il latte materno lentamente nel frigorifero o a temperatura ambiente ma non nel microonde, consumarlo entro 24 ore conservandolo nel frigorifero. Dopo il decongelamento non è possibile ricongelarlo. Queste indicazioni sono da applicarsi esclusivamente a lattanti in salute e nati a termine. Per bambini ospedalizzati o pre-termine ci sono linee guida diverse.

14 Riallattamento Sto facendo un allattamento misto, è possibile tornare ad un allattamento esclusivo e come fare? Sì, è possibile il ritorno ad un allattamento esclusivo, occorre valutare la quantità di latte artificiale somministrato giornalmente. Dovrai diminuire gradualmente la quantità di aggiunta che offri ad ogni pasto mentre aumenti il numero e la durata delle poppate. Ti potrà aiutare lo stare più vicina al tuo bambino favorendo il contatto pelle a pelle. Ho sospeso l allattamento al seno, vorrei riprendere, come fare? Dovrai utilizzare la strategia sopra indicata, serviranno più tempo e pazienza. Occorre valutare il tempo di sospensione, l età del bambino; ti sarà utile il sostegno di una persona esperta in allattamento. 9

15 Allattamento e fertilità È ricomparso il ciclo mestruale, potrò continuare a produrre latte e sarà di buona qualità? Solo in alcuni casi e per pochi giorni il ciclo può influire sulla quantità del latte materno ma non sulla qualità, è un fenomeno transitorio. 10 Continuo ad allattare e dopo sei mesi non ricompare il ciclo mestruale, è normale? Posso assumere la pillola anticoncezionale? Aspetto un altro bambino, posso continuare ad allattare? Allattando, in molti casi, il ciclo ricompare a svezzamento avanzato o alla sospensione dell allattamento. Nei primi 6 mesi puoi assumere la pillola per l allattamento, quella col solo progesterone; quando inizierai lo svezzamento passerai a quella tradizionale, che contiene anche estrogeni, potrai informarti in Consultorio dall ostetrica o dal tuo medico. Se allatti in gravidanza non danneggerai il bambino che arriverà e non sarà alterata la qualità del latte che offri a tuo figlio.

16 Gemelli Potrò allattare i miei bambini e per quanto tempo? L organismo materno è in grado, se stimolato dalla suzione, di adeguare la produzione di latte alle necessità di due bimbi; sarà forse un pò più difficoltoso, occorreranno più tempo ed energie. Una volta avviato l allattamento e superata la fase della calibrazione (circa 6 settimane) sarai tu a decidere e a valutare fin quando ti sarà possibile continuare. 11

17 Benessere della mamma La donna che allatta al seno avrà benefici per la propria salute? Posso fumare durante l allattamento? Sì, l allattamento previene le complicanze emorragiche nel post-parto e aiuta il recupero della forma fisica; avrà inoltre minori probabilità di avere disturbi legati all osteoporosi in età perimenopausale e di contrarre il cancro del seno e dell ovaio. No, dovresti evitare. Se proprio non ne puoi fare a meno, non dovresti farlo negli ambienti dove è presente il bambino. Sono molto stanca, vorrei smettere di allattare e devo tornare al lavoro, quando e in che modo posso sospendere? La decisione di interrompere l allattamento al seno non comporta problemi strettamente sanitari, ma riguarda sostanzialmente la relazione con il tuo bambino e la vita familiare. Il momento dell interruzione avviene con modalità e in momenti diversi, secondo le condizioni e le esigenze di ogni mamma e degli impegni familiari. E importante che serenamente tu valuti quello che è meglio per te e per il tuo bimbo. 12

18 Patologie durante l allattamento Problemi del capezzolo È possibile allattare con le ragadi e come farlo senza sentire dolore? È consigliabile continuare ad allattare e con la modalità giusta se si riesce a farlo senza avvertire dolore, così puoi anche prevenire l ingorgo mammario. Per migliorare la sintomatologia sarà necessaria una posizione corretta per te e il bambino, l attacco e la suzione dovranno essere adeguati e può essere opportuno iniziare dal lato che duole meno. All occorrenza si utilizzano antidolorifici. Come curare le ragadi? Mantieni il seno asciutto, se possibile esposto all aria/sole per brevi periodi, puoi trattarlo con poche gocce di latte spremuto. Sono invece pratiche sconsigliate e/o dannose: l uso dei paracapezzoli, saltare le poppate e/o lasciare riposare i seni, l uso di detergenti o saponi aggressivi. I capezzoli piatti o introflessi possono essere un problema, come trattarli? I capezzoli piatti o introflessi non compromettono l allattamento possono renderlo un po difficoltoso all inizio, la suzione avviene tramite l attività della lingua sull areola e non quando viene affer- 13

19 Patologie durante l allattamento Problemi del capezzolo Ingorgo mammario e dotto ostruito rato solo il capezzolo. Chiedi che ti vengano insegnate le tecniche per estroflettere il capezzolo da attuare già alla prima poppata dopo il parto. Si attacca solo con i paracapezzoli, potrebbe essere un problema? Sì, i paracapezzoli potrebbero, nel tempo, indurre un decremento della produzione di latte. Come attaccare il bambino ad un seno ingorgato e come trattare il seno? Può dare sollievo e facilitare la suzione al bimbo fare, prima della poppata, un bagno caldo con massaggio del seno e una parziale spremitura manuale. Dopo la poppata un impacco freddo riduce l edema e l infiammazione. Se noti solo una parte del seno ingorgata dovresti posizionare il bambino con il mento e la lingua in corrispondenza della zona mammaria più tesa. Al bisogno si possono utilizzare antidolorifici. 14 Mastite Come allattare con la mastite? Con la modalità e la frequenza solite, mentre posizioni il bambino con il mento e la lingua in corrispondenza della zona infiammata. Il latte resta comunque di ottima qualità. Posso allattare anche se c è febbre? Continuando l allattamento ti aiuta a risolvere tempestivamente l infiammazione e la febbre. Cosa fare al seno? Bagno caldo, massaggio ed eventuale spremitura manuale o meccanica. L antinfiammatorio o l analgesico si usano solo se servono ad alleviare la sintomatologia materna. Dopo 24 ore, mentre continui con poppate frequenti e drenanti per il seno, se la febbre non si abbassa consulta il tuo medico.

20 Farmaci È vero che allattando non posso assumere farmaci? Non è vero. In allattamento è fondamentale il benessere materno, dunque in caso di malattia utilizzerai farmaci appropriati prescritti dal medico (medico di famiglia, ginecologo, ecc.). Pochi sono i farmaci realmente controindicati, spesso si invita la madre a sospendere l allattamento senza un adeguata valutazione. Quali farmaci o sostanze posso assumere per aumentare la produzione di latte? I farmaci che producono questo effetto (galattogoghi) di dimostrata efficacia sono essenzialmente due: il domperidone e il fieno greco, ma sono sconsigliate le autoprescrizioni. Queste sostanze sono utilizzabili solo su indicazione medica e dopo un attenta valutazione dell effettiva necessità. In generale comunque non esiste alcun prodotto che da solo sia in grado di aumentare la produzione di latte se non vengono contemporaneamente rimosse le cause della scarsa produzione, quali lo stress, l ansia e un cattivo attacco del neonato al seno o un numero troppo basso di poppate. Patologie durante l allattamento Quale dieta seguire in allattamento? Quali alimenti possono cambiare sapore al latte? Quali alimenti possono far male al bambino? Dieta materna Nessuno se le normali abitudini alimentari della mamma prevedono cibi semplici, naturali e vari. Se un alimento disturba il bambino, devo toglierlo dalla mia dieta? Spesso si tratta di semplici coincidenze, puoi provare più volte a distanza di 10/20 giorni prima di decidere se eliminare temporaneamente un alimento dalla tua dieta. 15

21 Falsi problemi Allatto: posso tingermi i capelli? Sì, le tinture per capelli non sono controindicate in gravidanza nè durante l allattamento. 16 Sono fortemente miope: posso allattare? Faccio sport: posso allattare? Posso allattare dopo attività sportiva anche intensa? E vero che l allattamento fa ingrassare? Posso continuare ad allattare il primogenito anche quando ci sarà il fratellino? Non esistono evidenze mediche che dimostrino che l allattamento possa influire negativamente sulle diverse forme di miopia. Sì, può soddisfare questo desiderio che non ha controindicazioni, potrebbe essere un occasione per ritrovare un pò di tempo per sé stessa. Ogni forma di attività sportiva è consentita, non deve preoccupare la produzione di acido lattico che può solo lievemente cambiare il sapore, ma non altera la qualità del latte materno. Credenze popolari sostengono che l allattamento al seno sia responsabile dell aumento di peso della neo-mamma, invece allattare aiuta a smaltire l eccesso di peso accumulato durante la gravidanza. Eventualmente si può associare una leggera attività fisica ad un adeguato regime dietetico normo-calorico. L allattamento in tandem sarà adeguato alle esigenze di entrambi anche se i fratelli hanno età differenti. Se avrai desiderio di allattare tutti e due i bambini potrai farlo senza controindicazioni.

22 Disagio post parto Malgrado la gioia che si prova dopo la nascita di un figlio, è facile sentirsi qualche volta oppressa o sola, per questo merita particolare attenzione il tuo benessere emotivo nel primo anno di vita del bambino. E importante che i professionisti sanitari, che incontrerai nei mesi successivi al parto, si accertino del tuo stato emotivo, dei tuoi supporti familiari e/o sociali e di come risolvi le difficoltà quotidiane. E sempre bene parlare con un sanitario di riferimento, capace di farti sentire a tuo agio, con cui confrontarti su possibili cambi di umore, tristezza o comportamento inusuale. Quali possono essere i disturbi emotivi della mamma legati alla fase post-parto? Tante mamme (fino all 85%) avvertono una forma di disagio definita baby blues che compare solitamente nella prima settimana dopo il parto e si risolve entro il primo mese dopo il parto. Si manifesta con malinconia, sbalzi d umore, facile tendenza al pianto, tristezza, ansia, sensazione di dipendenza. Può essere provocato da più fattori: rapidi cambiamenti ormonali, stress psicofisico conseguente a travaglio del parto, fatica fisica o ansia legate all aumento di responsabilità, eventuale insorgenza di contrasti con familiari e/o parenti. 17

23 Disagio post parto Come posso contrastare questo fenomeno? E possibile anche andare incontro a forme di depressione legate alla fase post-parto? Quali sono i sintomi della depressione? Per aiutarti a stare emotivamente meglio dedica un po di tempo a te stessa: prendi tempo per riposare, fai una leggera attività fisica, fatti aiutare nella cura del bambino dal tuo compagno o da familiari, parla a qualcuno delle tue emozioni e cerca reti sociali di sostegno alla maternità come i gruppi di auto-aiuto tra mamme, continua a parlarne con un sanitario di tua fiducia. Si può pensare ad una depressione se le emozioni negative si prolungano oltre un mese dal parto o se, nelle prime settimane, sono particolarmente intense. In alcune donne (circa il 10-15% dei casi) possono manifestarsi forme di depressione post-parto quando il baby blues persiste oltre un mese dal parto. Sono più esposte le donne con storia personale o familiare di depressione, interessate da recenti eventi negativi (lutti), con conflitti coniugali, in condizioni socioeconomiche sfavorevoli o di isolamento sociale, con patologia tiroidea. Con la depressione si avvertono eccessiva preoccupazione o ansia, forte irritabilità, ci si sente sotto pressione o oberate di lavoro e con difficoltà nel prendere decisioni. Si possono inoltre avere sentimenti di colpa, perdita di speranza nel futuro o di interesse e/o piacere nel fare le cose. Sintomi specifici riguardano la relazione mamma bimbo e incutono sentimenti di colpa, vergogna e incapacità di essere madre come ad esempio: sentire il bimbo come un peso e non provare emozioni nei suoi confronti, sentirsi inadeguata ed incapace come madre e come donna. 18

24 Perché chiedere aiuto? A chi posso rivolgermi? Perché scoprirai che non è un esperienza rara di cui vergognarsi e soprattutto, intervenendo, eviterai che la depressione post-parto si cronicizzi andando poi, veramente, ad intaccare lo scambio affettivo col tuo bambino. E importante che un sanitario possa valutare se è presente un vero e proprio stato depressivo. Quando non è presente una vera e propria malattia dovrebbe venirti offerto il sostegno dei professionisti, delle organizzazioni sociali o di volontariato delle associazioni si sostegno alle neo mamme. In caso di depressione vengono proposte anche psicoterapia e, al bisogno, una terapia farmacologica. In ogni caso un costante e fiducioso rapporto con il medico rimane comunque un punto di forza nella gestione e nel superamento dei sintomi. Disagio post parto 19

25

26 Alimentazione con latte artificiale Quando è necessario il latte artificiale? Per quanto l allattamento al seno abbia poche vere controindicazioni (infezione da HIV, assunzione di farmaci che escludono in maniera assoluta l allattamento, neonato con intolleranza totale al lattosio) ci sono mamme che non ci riescono e che rischiano di interpretare questa difficoltà come senso d inadeguatezza materna. Alcuni sostengono che in questi casi un maggior supporto dei professionisti potrebbe evitare questo inconveniente. Il perseguimento del benessere mentale e fisico della mamma è comunque alla base di ogni scelta. La produzione ed escrezione del latte materno è fenomeno complesso ed ancora non completamente compreso. La condizione comunemente nota come ipogalattia, cioè la mancata o scarsa produzione di latte, non trova riscontri nella letteratura medica. Esiste poi una situazione di ipogalattia indotta che si verifica quando la donna, non è opportunamente supportata dai professionisti o dall ambiente che la circonda e non riesce ad allattare il proprio bambino. Su questo equivoco che confonde i veri e rarissimi problemi di mancata o scarsa produzione 21

27 Alimentazione con latte artificiale L allattamento materno è meglio di quello artificiale? Che cosa è il latte artificiale per neonati? di latte con i più frequenti problemi di mancato supporto alla donna, si basa l erronea percezione dell ipogalattia come condizione frequente fra le donne italiane. Ci sono casi in cui il non allattamento al seno non dipende da indicazioni mediche o cause patologiche, ma rappresenta una scelta della donna o della coppia; questi casi sono difficilmente quantificabili e risentono della cultura e dell ambiente in cui la coppia vive. L allattamento materno è la modalità naturale di alimentare il proprio figlio, altre modalità non sono fisiologiche; da tempo gli esperti concordano sul fatto che il latte artificiale è svantaggioso rispetto al latte materno, sia sul piano della salute di madre e bambino che su quello nutrizionale, affettivo, relazionale ed anche economico, visti i costi di questi prodotti. Quando la mamma non allatta al seno può disporre del latte artificiale, questo è un prodotto dell industria dietetica a partenza dal latte vaccino per venire poi modificato. È un alimento prezioso che garantisce al bambino che non dispone del latte materno una crescita adeguata nel rispetto dei principali indici metabolici. E un derivato del latte vaccino. Viene prodotto in forma liquida già pronto all uso con una composizione più stabile, ma ha una conservazione più limitata e costi più elevati. La forma più comunemente usata è quella in polvere che verrà poi ricostruita con l aggiunta di acqua; non è sterile, ha costi variabili ma più contenuti rispetto alla formulazione liquida. 22

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Come allattare al. meglio. senza. stress?

Come allattare al. meglio. senza. stress? meglio Come allattare al senza stress? Allattare al seno è naturale, istintivo, ma c'è molto da imparare. Adottando la "tecnica" giusta fin dagli inizi, ogni poppata sarà un momento prezioso di profonda

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7

INDICE INTRODUZIONE 7 INDICE INTRODUZIONE 7 CAPITOLO I. COME FUNZIONA IL SENO 9 A discrezione del consumatore 9 Il seno, cos è e a cosa serve 13 L esterno del seno 14 La parte che non si vede 15 Gli ormoni dell allattamento

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

Mamma che latte! www.salute.gov.it

Mamma che latte! www.salute.gov.it Consigli alle mamme sull'allattamento al seno Mamma che latte! Mamma che latte! 3 INDICE Allattare al seno il tuo bimbo con amore e facilità pag 4 Allattamento al seno unico e speciale pag 6 Vicino al

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Proseguono, si rinnovano e si arricchiscono nel corso del 2012 le proposte dei Consultori Familiari dell ASL nell ambito del Percorso Nascita.

Proseguono, si rinnovano e si arricchiscono nel corso del 2012 le proposte dei Consultori Familiari dell ASL nell ambito del Percorso Nascita. PERCORSO NASCITA Proseguono, si rinnovano e si arricchiscono nel corso del 2012 le proposte dei Consultori Familiari dell ASL nell ambito del Percorso Nascita. L attenzione a questa importante fase del

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

LE SCHEDE SANITARIE. Dottore mio figlio non dorme!

LE SCHEDE SANITARIE. Dottore mio figlio non dorme! Dottore mio figlio non dorme! Quali sono i disturbi del sonno nel bambino? I disturbi del sonno si presentano in maniera diversa nelle differenti età. Nei primi 3 anni di vita prevale l insonnia mentre

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Malattie infettive dell infanzia

Malattie infettive dell infanzia Malattie infettive dell infanzia (Varicella, Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia) Queste malattie sono causate da virus eccetto la scarlattina che è causata

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

www.casadicuracittadiroma.com;www.cittadiroma-anestesia.it;wwwannaritagrimaldi.tk;

www.casadicuracittadiroma.com;www.cittadiroma-anestesia.it;wwwannaritagrimaldi.tk; Il parto determina grandi cambiamenti nel corpo di una donna. Gran parte di questi cambiamenti sono dovuti alle brusche modificazioni ormonali che intervengono durante la nascita del bambino e nei giorni

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione I disturbi d ansia rappresentano il disagio mentale più diffuso nella società moderna sia

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita Servizio Famiglia Infanzia Età Evolutiva Ufficio Promozione Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita anno 2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello!

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello! io ballo e non mi sballo! Contro la droga usa il cervello! Pasticche, trip, acidi, funghetti, LSD, anfe, speed, spinelli... illusioni che ti rendono schiavo di un mondo irreale e che fanno seriamente male

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

IL LATTE PER IL TUO BAMBINO

IL LATTE PER IL TUO BAMBINO U.O.C. Anestesia e Rianimazione Direttore : Prof. Pietro Tuo IL LATTE PER IL TUO BAMBINO Raccogliere il tuo latte e ` una delle cose piu` importanti che puoi fare se il tuo bambino nasce prematuro o se,

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA ~ 1 ~ SCUOLA DELL INFANZIA DINO BUZZATI LEVEGO A.S. 2014-15 CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA L'accoglienza nelle Scuole dell'infanzia Statali prevede: MOMENTI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI

Dettagli

Informazioni su PROPECIA Finasteride in pastiglie da 1mg

Informazioni su PROPECIA Finasteride in pastiglie da 1mg Informazioni su PROPECIA Finasteride in pastiglie da 1mg Per cosa si utilizza Propecia PROPECIA dev essere utilizzata solo da soggetti di sesso maschile. PROPECIA è usata da uomini affetti da calvizie

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità http://www.euro.who.int/en/health-topics/health-policy/health-2020-the-europeanpolicy-for-health-and-well-being 2 obiettivi strategici

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Tempo di lettura 4 minuti. (Charlie Chaplin) Tutto quello da sapere sull Implantologia dentale

Tempo di lettura 4 minuti. (Charlie Chaplin) Tutto quello da sapere sull Implantologia dentale Tempo di lettura 4 minuti (Charlie Chaplin) Tutto quello da sapere sull Implantologia dentale 10 buone ragioni per sorridere 1 Sorridere migliora il nostro umore. L atto del sorridere rilascia, oltre a

Dettagli

un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare!

un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare! Pediatria e Neonatologia Ospedale di Esine un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare! Cari genitori, benvenuti! Pensando a voi, che state vivendo un momento così felice per la nascita del vostro

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

L asilo nido nato negli anni settanta come servizio soprattutto per le donne lavoratrici è diventato nel corso degli anni un servizio socioeducativo

L asilo nido nato negli anni settanta come servizio soprattutto per le donne lavoratrici è diventato nel corso degli anni un servizio socioeducativo Nido d Infanzia Prosecco PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 LE FINALITA DELL ASILO NIDO L asilo nido nato negli anni settanta come servizio soprattutto per le donne lavoratrici è diventato

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

Abound. Informazioni e Ricette. www.abound.net. Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro

Abound. Informazioni e Ricette. www.abound.net. Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro Ricostruire. Recuperare. Rimettersi in forma. Abound Informazioni e Ricette Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro NAO MPC 2189 01/2010 www.abound.net

Dettagli

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee SALVE, SONO IL DOTTOR CHI. IN QUESTO OPUSCOLO TI DARÒ UNA SERIE DI CONSIGLI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO LE TOSSICITÀ DELLA PELLE. SEGUIMI! SARÒ AL TUO

Dettagli