L associazione Volhand anche per l anno propone una attività teatrale integrata. IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L associazione Volhand anche per l anno 2011-2012 propone una attività teatrale integrata. IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA"

Transcript

1 PROGETTO TEATRO DI SCENA e DI STRADA ANNO L associazione Volhand anche per l anno propone una attività teatrale integrata. Con la presente siamo a presentare L ATTIVITA TEATRALE Titolo Progetto IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA Le passioni, gli amori, i drammi, le emozioni, il pianto, l allegria,la realtà, la fantasia si raccolgono nell animo e nel corpo di ciascuno di noi. L INVISIBILE DIVENTA VISIBILE IL VISIBILE DIVENTA INVISIBILE A VOLTE NON SONO GLI OCCHI CHE CI FANNO VEDERE Si colloca in un quadro di espansione delle capacità relazionali, dei linguaggi, dello spazio-temporalità e rappresenta una possibilità di scambio di sostegno, competenze, azioni educative che coinvolge giovani-adulti disabili e non Il progetto di sviluppare l attività teatrale nasce dall idea di proporre a -giovani-adulti disabili assieme a giovani-adulti normodotati una attività ludica e contemporaneamente formativa che senza avere in alcun modo pretese terapeutiche, consenta ai singoli di sperimentare le proprie specifiche potenzialità ed al gruppo di collaborare ad una unica creazione. Consideriamo, ancora, che l attività è espressione di volontà, di interesse, di gradimento dei giovani e NON e DA DEFINIRE TERAPIA ma libera espressione e scelta di piacevole attività di tempo libero. In teatro si sperimenta una divertente ricerca, comune a tutti, volta alla scoperta delle potenzialità espressive, delle sensibilità e delle diverse abilità per valorizzare ogni persona per la sua unicità (IDENTITA PERSONALE) e comprendere nel gruppo le qualità di ognuno (ILRUOLO).

2 La dimensione teatrale gestita in questo modo allontana il rischio della pesantezza del rapporto educativo e consente relazioni dinamiche in un contesto altamente gratificante, in un gioco che esistenzialmente trasforma tutti. In questo modo tutti, disabili e non, senza distinzioni, si mettono completamente in gioco alla pari e possono contribuire allo sviluppo delle loro capacità in maniera armonica collaborando alla medesima attività. L obiettivo è quello di avviare una lenta, paziente quanto divertente ricerca volta alla scoperta delle potenzialità espressive, delle sensibilità e delle capacità diverse per ognuno. E quando questa meta sia stata raggiunta, allora valorizzare ogni persona per la sua importantissima unicità e far scoprire al gruppo le straordinarie qualità di ognuno sulle quali si potrà finalmente costruire una narrazione teatrale originale. Altri obiettivi generali di sviluppo della capacità di integrazione con il territorio promuovere allo stesso tempo una specifica innovazione collegare e potenziare l operatività dell associazione Volhand il presente progetto teatrale intende proseguire nell approfondimento e nel concreto tentativo di dare risposte ad alcuni temi rilevanti : la frequente solitudine dei cittadini disabili e con sofferenze psichiche ricerca e sviluppo di azioni che consentano relazioni amicali tra disabili e abili lo sviluppo, la crescita, la differenziazione delle opportunità di scelta nel tempo libero lo sviluppo, la crescita, la differenziazione dell accessibilità sociale determinazione dell appartenenza al contesto sociale essere riconosciuti per riconoscersi In ultimo, ma non per ultimo, essendo il territorio di riferimento dell associazione in buona parte di montagna facilitare l aggregazione rimuovendo le difficoltà di collegamenti, di trasporti, di minori opportunità

3 caratteristiche del progetto L attività teatrale non tende a rendere VISIBILE il DISABILE, ma a renderlo, attraverso differenti e personali forme espressive, INVISIBILE non perché isolato ma perché INCLUSO e MESCOLATO ; quindi la caratteristica non sarà LA DISABILITA IN SCENA ma L ESPRESSIVITA. L arricchimento dell attività teatrale, ormai consolidata da anni, dell associazione Volhand, con elaborazione di trame originali realizzate dagli stessi partecipanti, e con realizzazioni sceniche spettacolari, rendono ancor più la rappresentazione un unico, e rendono, inoltre, molto sottilmente difficile distinguere l abile dal disabile, in quanto ciò che si rappresenterà non sarà il disabile che recita e si muove sul palcoscenico, ma il contenuto, la creatività espressa nella quale il disabile è incluso e protagonista. l accessibilità a luoghi di appartenenza territoriale con caratteristiche socializzanti ed il loro coinvolgimento. Gruppi di lavoro non molto numerosi per favorire una attenzione e personalizzazione di ciascun partecipante. Ecco allora che il presente progetto si struttura in n 3 gruppi di lavoro: GRUPPO RECITAZIONE GRUPPO DANZA-COREOGRAFIA GRUPPO SCENOGRAFIA presente progetto si realizza, presso spazi di riferimento territoriale dei partecipanti, MA soprattutto si realizza in spazi di aggregazione pubblica in cui si creano opportunità relazionali, espressive, culturali, ricreative socializzanti e dove, quindi, si rende possibile dare un senso concreto alle parole, spesso prive di contenuti, quali INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, APPARTENENZA.

4 LA NARRAZIONE E RAPPRESENTAZIONE IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA La leggenda dei CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA rievoca e richiama aspetti a cui riteniamo sia opportuno fare costante riferimento: l amicizia la solidarietà l aiuto reciproco la lealtà la difesa dei deboli il coraggio l umiltà la semplicità la fedeltà Azioni/attività del progetto Per favorire una migliore preparazione personalizzazione si formeranno N 3 gruppi di giovani-adulti disabili e non per gruppo. IL GRUPPO RECITAZIONE che svilupperà in modo più approfondito l espressione verbale, composto da 12 giovani-adulti di cui 9 disabili con la direzione artistica di Andrea Giarretta e Margherita Zanardi del Teatro delle Temperie di Calcara. Il gruppo recitazione avrà luogo presso il Teatro Comunale di Calcara CALENDARIO DALLE ORE 15,30 ALLE ORE 17 DOMENICA 1 13 NOVEMBRE 2011 DOMENICA 2 27 NOVEMBRE 2011 DOMENICA 3 11 DICEMBRE 2011 DOMENICA 4 18 DICEMBRE 2011 DOMENICA 5 05 FEBBRAIO 2012 DOMENICA 6 26 FEBBRAIO 2012 DOMENICA 7 11 MARZO 2012 DOMENICA 8 25 MARZO 2012 DOMENICA 9 15 APRILE 2012 DOMENICA APRILE 2012

5 IL GRUPPO DANZA-COREOGRAFIA che svilupperà più approfonditamente l espressione gestuale, corporea senza comunque trascurare anche quella verbale, composto da 10 giovani-adulti di cui 7 disabili condotti da N 3 esperti di danza e coreografie, con la direzione artistica del Teatro delle Temperie di Calcara. Il gruppo danza e coreografia avrà luogo presso: il Circolo CASALONE di Bologna CALENDARIO DALLE ORE 16 ALLE ORE 18 DOMENICA 1 06 NOVEMBRE 2011 DOMENICA 2 20 NOVEMBRE 2011 DOMENICA 3 22 GENNAIO 2012 DOMENICA 4 29 GENNAIO 2012 DOMENICA 5 12 FEBBRAIO 2012 DOMENICA 6 19 FEBBRAIO 2012 DOMENICA 7 04 MARZO 2012 DOMENICA 8 18 MARZO 2012 DOMENICA 9 01 APRILE 2012 DOMENICA APRILE 2012 IL GRUPPO SCENOGRAFIE,coordinato da Irene Scardavilli ed in collegamento con la regia artistica del Teatro delle Temperie, che realizzerà tutte le scenografie e costumi. Sarà composto da 9 giovani-adulti di cui 6 disabili. Il gruppo scenografie avrà luogo presso : Centro Sociale Lanzarini di Stiore (Monteveglio) CALENDARIO DALLE ORE 16 ALLE ORE 19 GIOVEDI 1 17 NOVEMBRE 2011 GIOVEDI 2 01 DICEMBRE 2011 GIOVEDI 3 15 DICEMBRE 2011 GIOVEDI 4 08 MARZO 2012 GIOVEDI 5 22 MARZO 2012 GIOVEDI 6 05 APRILE 2012 GIOVEDI 7 19 APRILE 2012 GIOVEDI 8 03 MAGGIO 2012 GIOVEDI 9 10 MAGGIO 2012 GIOVEDI MAGGIO 2012 GIOVEDI MAGGIO 2012 GIOVEDI GIUGNO 2012

6 I GRUPPI RECITAZIONE e COREOGRAFIA si fonderanno in ulteriori 5 incontri per la realizzazione scenica complessiva presso il Centro Giovanile IL BLOGOS di Casalecchio di Reno che per dimensioni di spazio rende possibile la contemporanea presenza di N 33 giovani-adulti impegnati nella realizzazione della rappresentazione teatrale. CALENDARIO DALLE ORE 16 ALLE ORE 18,30 DOMENICA 1 13 MAGGIO 2012 DOMENICA 2 20 MAGGIO 2012 DOMENICA 3 27 MAGGIO 2012 DOMENICA 4 03 GIUGNO 2012 DOMENICA 5 10 GIUGNO 2012 PARTECIPANTI Partecipano complessivamente all attività teatrale : N 7 giovani-adulti del Comune di Crespellano N 3 giovani-adulti del Comune di Bazzano N 2 giovani-adulti del Comune di Monteveglio N 4 giovani-adulti del Comune di Sasso Marconi N 2 giovani-adulti del Comune di Zola Predosa N 1 giovani-adulti del Comune di Monte S.Pietro N 1 giovani-adulti del Comune di Savigno N 11 giovani-adulti del Comune di Bologna PER UN TOTALE DI N 31 giovani-adulti di cui 22 disabili a cui si aggiunge la Direzione artistica di Andrea e Margherita del Teatro delle Temperie di Calcara, impegnati nella rappresentazione Teatrale, a cui a aggiungono IL TAXI SOCIALE dei Comuni della Valle del Samoggia, e N 2 volontari per accompagnamenti dei ragazzi disabili.

7 VALUTAZIONE si procederà ad una valutazione rispetto agli obiettivi generali del progetto: continuità della partecipazione all attività teatrale collegamenti ed inserimenti in rassegne teatrali relazioni all interno degli spazi pubblici BLOGOS, IL CASALONE, Centro Sociale Lanzarini percezione di appartenenza agli spazi e rispetto agli obiettivi più specifici: ricerca volta alla scoperta delle potenzialità espressive, delle sensibilità e delle capacità diverse per ognuno l esplorazione di differenti espressioni gestuali, vocali, emozionali, coreografiche l esplorazione specifica della vocalità l esplorazione specifica della gestualità l esplorazione specifica del movimento nello spazio scenico l esplorazione specifica del tempo scenico di ciascuno gli spazi, i tempi, i ruoli di ognuno che si fondono in una unica narrazione e scena Rete di collaborazioni: i ruoli e le forme di collaborazione TEATRO DELLE TEMPERIE CALCARA direzione artistica e regia Centro Sociale Lanzarini Stiore di ambienti per realizzazione laboratorio Monteveglio scenografico Circolo IL CASALONE di Bologna ambienti per realizzazione laboratorio coreografico Comune di Crespellano utilizzo Teatro di Calcara per realizzazione laboratorio recitazione Comune di Sasso Marconi partecipazione alla rassegna DIVERSIFICANDO - utilizzo del teatro Comunale per la rappresentazione VOLABO per contributo economico e supporto promozionale IL BLOGOS ambienti per prove d insieme della rappresentazione teatrale TAXI SOCIALE Valle del Samoggia per accompagnamenti ragazzi/e disabili VOLHAND N 9 coordinatori gruppi recitazionecoreografia-scenografia VOLHAND per accompagnamenti ragazzi/e disabili

8 Tempo previsto per la realizzazione del progetto Il presente progetto teatrale si realizzerà negli anni Iniziando nel mese di novembre 2011 per concludersi nel mese di dicembre RAPPRESENTAZIONI DOMENICA 17 GIUGNO 2012 RAPPRESENTAZIONE TEATRALE TEATRO SASSO MARCONI DOMENICA 09 DICEMBRE 2012 RAPPRESENTAZIONE TEATRALE TEATRO DEHON BOLOGNA Valutazione quantitativa del progetto Partecipanti attività Teatrale : N 34 Incontri GRUPPO RECITAZIONE : N 10 GRUPPO DANZA/COREOGRAFIA : N 10 GRUPPO SCENOGRAFIA : N 12 GRUPPI RIUNITI : N 5 N Produzioni realizzate : N 3 1. Nel corso dell anno 2010 Il gruppo teatrale ha realizzato il testo teatrale L ISOLA CHE NON C E tratto da Peter Pan di J.M.Barrie rappresentandolo al teatro di Sasso Marconi all interno della rassegna diversificando e al Teatro Dehon di Bologna. 2. Nel corso dell anno 2009 Il gruppo teatrale ha realizzato il testo teatrale Sogno di una notte di mezza estate tratto dal testo di W.Shakespeare, rappresentandolo al teatro di Sasso Marconi all interno della rassegna diversificando e nella corte della Rocca dei Bentivoglio di Bazzano all interno della rassegna Autunno Bazzanese 3. Nel corso dell anno 2008 Il gruppo teatrale ha realizzato il testo teatrale del musical Grease rappresentandolo al teatro di Sasso Marconi all interno della rassegna diversificando. PRODUZIONE 2012 : IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA 1. DOMENICA 17 GIUGNO 2012 TEATRO SASSO MARCONI nell ambito della Rassegna Diversificando 2. DOMENICA 09 DICEMBRE 2012 TEATRO DEHON BOLOGNA Valutazione qualitativa del progetto Utilizzando metodi non strutturati quali : la registrazione, la videoregistrazione, l'intervista, il racconto, la verbalizzazione, il diario di bordo Utilizzando metodi strutturati quale : una griglia osservativa (capacità di eseguire un compito, di lavorare in gruppo, di comunicare, di relazionare ecc.).

9 Comunicazione Il progetto verrà inserito nel sito dell Associazione Volhand : in un opuscolo, a cura dell associazione Volhand verrà realizzato un video DVD che ripercorrerà le varie fasi di realizzazione verrà realizzato un video DVD della rappresentazione teatrale finale Altri strumenti per promozione eventi: La formica alata (news letter Centro Servizi Volontariato Bologna) Bandiera Gialla Quotidiani News letter Risultati attesi I risultati che possiamo attenderci dal presente progetto sono in ordine alle finalità espresse: I giovani che partecipano all attività teatrale si attendono la continuità di questa esperienza teatrale, l espansione della conoscenza, l esplorazione della loro espressività e delle loro abilità la rappresentazione scenica del lavoro teatrale. L associazione Volhand si attende di continuare a perseguire alcune finalità che si inquadrano sul focus della QUALITA DELLA VITA; fare emergere, favorire l espressività in ogni sua forma, favorire e sviluppare le relazioni nei contesti sociali di appartenenza, ridurre gli ostacoli, i pregiudizi, i timori che si frappongono e che tendono a separare IL DISABILE dal NORMODOTATO. Le Istituzioni Locali, l AUSL, l Asc possono inquadrare questo progetto nell ambito delle finalità esplicitate in modo articolato nel PIANO ATTUATIVO 2011 del PIANO DI ZONA del Distretto di Casalecchio di Reno; ne riportiamo alcuni obiettivi: Tempo libero: Si sottolinea l importanza di questo tema che non può essere trattato superficialmente e che non deve essere visto come marginale Allargare il numero di soggetti coinvolti inserendo altre Associazioni sportive e culturali ed i centri giovanili. Si propone di potenziare il coinvolgimento di ragazzi disabili in progetti di integrazione entro la attività dei centri giovanili; ciò anche attraverso il raccordo e l'integrazione (a livello progettuale) tra gli assessorati che si occupano di giovani e di minori di 18 anni (assessorato alle politiche sociali, alle politiche culturali, alle politiche giovanili, alle pari opportunità). sistematizzare e promuovere la conoscenza di tutte le attività promosse sul Distretto Crespellano, 16 ottobre 2011 Gioia Ceccarini Presidente Volhand

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art.

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art. PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO L ASC InSIEME L AUSL DI BOLOGNA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE E CURA

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione CRT Teatro-educazione Centro Ricerche Teatrali Scuola Civica di Teatro, Musica, Arti visive e Animazione Comune di Fagnano Olona (Va) www.crteducazione.it info@crteducazione.it tel. 0331-616550 PROGETTO

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo 1 https://www.youtube.com/watch?v=cxa13kh3 jpu&spfreload=10 LINK DEL PROMO GIOCHI

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTI PON

RELAZIONE FINALE PROGETTI PON Unione Europea Fondo Sociale Europeo P.O.N Competenze per lo Sviluppo Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ORARIO. SCUOLA SECONDARIA Lunedì ISTITUTO COMPRENSIVO 8.25-13.35. Martedì 8.25-16.30. Mercoledì 8.25 13.30. Giovedì 8.25 13.30. Venerdì 8.25 16.

ORARIO. SCUOLA SECONDARIA Lunedì ISTITUTO COMPRENSIVO 8.25-13.35. Martedì 8.25-16.30. Mercoledì 8.25 13.30. Giovedì 8.25 13.30. Venerdì 8.25 16. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO All interno del Primo Ciclo, la Scuola Secondaria di 1 grado accoglie allievi nel periodo della pre-adolescenza, ne prosegue l'orientamento educativo, eleva il livello

Dettagli

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE - PREMESSE E OBIETTIVI DEL PROGETTO - Dopo il nucleo familiare, senza dubbio, è la scuola a rappresentare per il bambino il principale punto di

Dettagli

Il palcoscenico della relazione Percorsi teatrali di auto-conoscenza

Il palcoscenico della relazione Percorsi teatrali di auto-conoscenza Il palcoscenico della relazione Percorsi teatrali di auto-conoscenza Il corso è rivolto a psicoterapeuti, counselors e professionisti della relazione d aiuto, nonché ad appassionati ed esperti del mondo

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Azioni positive per lo sviluppo dei diritti di cittadinanza delle bambine e dei bambini e loro partecipazione attiva alla vita della comunità. OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 Un bambino che legge, sarà un adulto che pensa! C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

Festival d Arte e Teatro PortaTTori d arte IV^ edizione

Festival d Arte e Teatro PortaTTori d arte IV^ edizione Festival d Arte e Teatro PortaTTori d arte IV^ edizione Sabato 24 Domenica 25 Ottobre 2015 Gattinara (VC) Roasio (VC) BANDO DI PARTECIPAZIONE L Associazione Culturale Artistica DIMIDIMITRI si è costituita

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale Centro di Salute Mentale (C.S.M) Montecchio Maggiore Direttore dr. Claudio Busana

Dipartimento Salute Mentale Centro di Salute Mentale (C.S.M) Montecchio Maggiore Direttore dr. Claudio Busana 1 di 7 PREMESSA: Nel 1998 con deliberazione n. 467 del 2.6.1999 è stato approvato il progetto self-help e salute mentale, che si proponeva come obiettivo generale quello di promuovere l integrazione dei

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

ANIMAZIONE TEATRALE. Le Proposte

ANIMAZIONE TEATRALE. Le Proposte ANIMAZIONE TEATRALE Uno degli aspetti rilevanti dell attività di Eventi Culturali è l animazione teatrale nelle scuole, nei centri di aggregazione giovanile, nelle strutture protette per disabili mentali

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASA DELLA COMUNITA SPERANZA

ASSOCIAZIONE CASA DELLA COMUNITA SPERANZA PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L Associazione Casa della Comunità Speranza, nasce dalla sinergia di volontari che da anni supportarono la Provincia Italiana dell Istituto delle Suore Francescane Missionarie

Dettagli

E...STATE CON L'ALBERO MAESTRO

E...STATE CON L'ALBERO MAESTRO E...STATE CON L'ALBERO Il E...state con L'Albero Maestro è una grande occasione per vivere un'esperienza ludica, educativa e socializzante, fa da sfondo ad un progetto che persegue i valori dell'autonomia,

Dettagli

Autonomia. Bisogni del bambino. Valore del gioco. Multidimensionalità del gioco. Libertà di scelta. Ruolo dell Operatore

Autonomia. Bisogni del bambino. Valore del gioco. Multidimensionalità del gioco. Libertà di scelta. Ruolo dell Operatore Autonomia Bisogni del bambino Valore del gioco Multidimensionalità del gioco Libertà di scelta Ruolo dell Operatore Laboratori e delimitazioni degli spazi AUTONOMIA : la finalità della Ludoteca è quella

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA rivolto a persone con disabilità IL CORPO RACCONTA Associazione La Comune Milano Premessa Che cosa è il teatro? Eugenio Barba, uno dei più importanti registi-pedagoghi

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE PROGETTO LABORATORIO TEATRALE

SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE PROGETTO LABORATORIO TEATRALE SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE (INS. LABATE, BARRECA, STELITANO, CASILI, MAURO) (ESP. EST. MARINO TERESA) PROPOSTA PROGETTUALE DI LABORATORIO TEATRALE

Dettagli

CHI E DI SCENA: LA SCUOLA LABORATORIO TEATRALE ANNUALE

CHI E DI SCENA: LA SCUOLA LABORATORIO TEATRALE ANNUALE CHI E DI SCENA: LA SCUOLA LABORATORIO TEATRALE ANNUALE A Cura di Alessandro Parise Cristiano Leopardi Direzione: Sergio Smorfa Presentazione laboratorio teatrale per Scuole Elementari, Scuole Medie Inferiori

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1. CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire e prendere coscienza del proprio schema corporeo 1.2 Orientarsi nello spazio 1.3 Utilizzare la

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

EDUCARE AL VOLONTARIATO

EDUCARE AL VOLONTARIATO EDUCARE AL VOLONTARIATO ASSOCIAZIONI E FAMIGLIE IN RETE MEETING EDUCAZIONE SCOGLITTI - SICILIA 7-9 DICEMBRE 2012 PER EDUCATORI VOLONTARI UN ALLEANZA VINCENTE A PARTIRE DAL RICONOSCIMENTO RECIPROCO Le agenzie

Dettagli

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Istituto Comprensivo di Buja CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Scuola dell infanzia Dati identificativi Scuola primaria di Scuola secondaria di primo grado Campo/i: I DISCORSI E LE PAROLE Area: Disciplina/e:

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA Tempo Tema Destinatari Evento e progettazione delle attività Organizzazione Campi di esperienza e Obiettivi formativi e di apprendimento Settembre-Ottobre Io quaggiù, il cielo

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

PROGETTO TEATRO-CORPO-MOTRICITA del Liceo

PROGETTO TEATRO-CORPO-MOTRICITA del Liceo PROGETTO TEATRO-CORPO-MOTRICITA del Liceo Alessandro da Imola. Il Progetto Teatro-Corpo-Motricità nasce all interno del liceo nel 2002, ideato dalla professoressa Alessandra Scardovi, docente di scienze

Dettagli

BALLANDO CON LA STORIA

BALLANDO CON LA STORIA BALLANDO CON LA STORIA Laboratorio didattico per l inclusione di ANNAMARIA IMPROTA 1, IDA COLONNA 2, MARINA SALZANO 3 (clicca sul collegamento ipertestuale per le visione del video password per il video:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY PIANI DI STUDIO - SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO ANNO ( 3 anni di età ) CAMPI PERCORSI OPERATIVI DI LABORATORIO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il

Dettagli

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO www.ilpuntocoop.it IL PUNTO S.C.S. O.N.L.U.S. Società Cooperativa Sociale 10090 GASSINO T.se (TO) Via Bussolino Centro, 16 E-mail: ilpunto@ilpuntocoop.it Albo Nazionale A119438 P.IVA e Cod. Fisc. 05339380015

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

COOPERATIVA BUENA VIDA

COOPERATIVA BUENA VIDA COOPERATIVA BUENA VIDA La Cooperativa Sociale Buena Vida nata nel 2014, ha sede ad Ancona. Formata da una equipe di professionisti multidisciplinari, opera per il benessere bio psico sociale attraverso

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 L'ORTO DELLE ARTI Via Paolo Rembrandt, 49 20147 Milano Tel. 02 4043450 Cell. 347 4817456 enzoguardala@tiscali.it A CACCIA DI STORIE Scuola dell infanzia - Sviluppare

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente.

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. OSSSERVARE, CONOSCERE E RAPPRESENTARE IL CORPO, E DISCRIMINARE ATTRAVERSO I SENSI. 1.1 Riconoscere e denominare le parti del corpo su se

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA DELL INFANZIA Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA DELL INFANZIA 1 Attività e progetti... 3 1. Progetto - Accoglienza... 3 2. Progetto - Continuità... 3 3. Progetto lettura - Un mondo di favole... 3 4. Progetto

Dettagli

Anno scolastico 2015-2016

Anno scolastico 2015-2016 Anno scolastico 2015-2016 SPAZIO-APERTO Servizi educativi per l Infanzia e la Famiglia Un progetto della Gaia cooperativa sociale onlus e asilo nido AltroSpazio, in partnership con il Comune di Vimercate

Dettagli

I.C. Baccarini di Russi Scheda progetto prevista dall art. 2 c. 6 D. 44 del 01/02/01 Da allegare al Programma Annuale Scheda per progetti

I.C. Baccarini di Russi Scheda progetto prevista dall art. 2 c. 6 D. 44 del 01/02/01 Da allegare al Programma Annuale Scheda per progetti I.C. Baccarini di Russi Scheda progetto prevista dall art. 2 c. 6 D. 44 del 01/02/01 Da allegare al Programma Annuale Scheda per progetti POF A.S. 20014/2015 TEATRO Dare parole alle emozioni: la relazione

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO

Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO Gentilissimi, in allegato le nostre proposte teatrali per la Vostra scuola, con i progetti fare teatro e vedere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

IC VERDELLINO - A. S. 2014/15 - PROGETTI DIDATTICO EDUCATIVI CON INTERVENTO DI ESPERTO FINALITÀ/ATTIVITÀ

IC VERDELLINO - A. S. 2014/15 - PROGETTI DIDATTICO EDUCATIVI CON INTERVENTO DI ESPERTO FINALITÀ/ATTIVITÀ IC - A. S. 2014/15 - PROGETTI DIDATTICO EDUCATIVI CON DI ESPERTO PLESSO INFANZIA BIODANZA ALUNNI 5 aa INFANZIA BIODANZA ALUNNI 5 aa / Nella proposta, la Biodanza viene vista come un sistema di integrazione

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Bilancio Sociale 2014. Via Antonio Sanna, senza n.c. 09134 Cagliari CODICE FISCALE: 92173890929. Ugo Bressanello per la Fond.

Bilancio Sociale 2014. Via Antonio Sanna, senza n.c. 09134 Cagliari CODICE FISCALE: 92173890929. Ugo Bressanello per la Fond. Bilancio Sociale 2014 SEDE SOCIALE: Via Antonio Sanna, senza n.c. 09134 Cagliari CODICE FISCALE: 92173890929 PRESIDENTE: Francesca Mulas VICE PRESIDENTE: Ugo Bressanello per la Fond. Domus de Luna SEGRETARIO

Dettagli

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole ed extra - scolastico

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole ed extra - scolastico Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole ed extra - scolastico LABORATORIO TEATRALE PER BAMBINI fare Teatro significa esprimersi liberamente, conoscere se stessi e la società, progettare, creare..

Dettagli

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016.

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016. Allegati n 3 SPETTABILE COMITATO GENITORI E.DANDINI e ISTITUTO COMPRENSIVO FRASCATI OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per

Dettagli

La progettazione di rete territoriale 2007/2009. 21 Gennaio 2010 - VOLABO

La progettazione di rete territoriale 2007/2009. 21 Gennaio 2010 - VOLABO La progettazione di rete territoriale 2007/2009 Incontro di riflessione e confronto tra i protagonisti 2 Gennaio 200 - VOLABO 3 PROGETTI REALIZZATI: QUARTIERE / DISTRETTO Q.re NAVILE Q.re PORTO Q.re SAN

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI Dove ci troviamo La scuola G. Mazzini si trova a Legnano in piazza Trento e Trieste. Si colloca in una zona strategica poiché comodamente raggiungibile dal centro di Legnano,

Dettagli

InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014

InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014 Allegato A) deliberazione n. 2 del 24/04/2012 InSieme Azienda consortile Interventi Sociali Valli del Reno, Lavino e Samoggia Piano programma 2012-2014 Premessa: l azienda speciale consortile nell ambito

Dettagli

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Perché questo laboratorio-spettacolo? Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio, recita un noto proverbio africano.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13. PROGETTO Musica e Teatro

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13. PROGETTO Musica e Teatro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO Musica e Teatro Denominazione del progetto/laboratorio Vita in palcoscenico Responsabile di progetto Rita Colella Gruppo di

Dettagli

EDUCARE AL VOLONTARIATO

EDUCARE AL VOLONTARIATO EDUCARE AL VOLONTARIATO ASSOCIAZIONI E FAMIGLIE IN RETE MEETING EDUCAZIONE SCOGLITTI - SICILIA 7-9 DICEMBRE 2012 PER EDUCATORI VOLONTARI UN ALLEANZA VINCENTE A PARTIRE DAL RICONOSCIMENTO RECIPROCO Le agenzie

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI Anno scolastico 2013/2014 PREMESSA Negli ultimi anni il rapporto scuola-famiglie è notevolmente mutato. I genitori sentendosi, a giusta ragione, parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO

OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO Anno Scolastico 2013/14 Insegnanti coinvolti: De Vecchi Fiore Angela, Fanini Francesco, Loddo Silvia, Maiorana Tiziana MI PRENDO CURA DI TE TI INSEGNO A VOLARE PREMESSA

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO MUSICA TEATRO INFANZIA Denominazione del progetto/laboratorio PROGETTO FESTIVITA E RICORRENZE : Rappresentazione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Giovanni Paolo II. Ferrandina (MT) PROGETTO MUSICAL. Referente Progetto. Prof.

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Giovanni Paolo II. Ferrandina (MT) PROGETTO MUSICAL. Referente Progetto. Prof. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO Giovanni Paolo II Ferrandina (MT) PROGETTO MUSICAL Referente Progetto Prof.ssa Maria Lorusso ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO Giovanni Paolo II

Dettagli

AgriAsilo Meravigliamoci

AgriAsilo Meravigliamoci CENTRO ESTIVO E.STATE IN CAMPAGNA 2014 La proposta del centro estivo per l estate 2014 si basa su alcuni concetti fondamentali: - Socialità: intesa come sviluppo di legami di appartenenza, cura della relazioni

Dettagli

Paolo Beneventi David Conati

Paolo Beneventi David Conati Paolo Beneventi David Conati L animazione teatrale costituisce un momento molto importante della formazione di tutti, non solo dei bambini ma anche degli adulti. IMPARIAMO LE REGOLE Il teatro è soprattutto

Dettagli

ATTIVITA ASSISTITE CON ANIMALI

ATTIVITA ASSISTITE CON ANIMALI ATTIVITA ASSISTITE CON ANIMALI Quelli che seguono sono i primi di una serie di corsi che attiveremo per offrire a bambini, ragazzi e famiglie contesti in cui lavorare sulle emozioni, sulle relazioni, sull

Dettagli

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu LA LUNA AL GUINZAGLIO Presenta UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu Laboratorio teatrale per le scuole primarie sul tema della tolleranza e della diversità DESCRIZIONE Ci sono molti modi per

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE MOTIVAZIONI In questi ultimi anni stiamo vivendo nei bambini,un accentuata forma di irrequietezza, mancanza di attenzione e difficoltà nell accettazione di regole e dei

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni.

Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Attività proposte: Recupero Compiti Introduzione al Latino Laboratorio teatrale Laboratorio musicale Laboratorio

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

1.7. SALUTE E BENESSERE SOCIALE

1.7. SALUTE E BENESSERE SOCIALE 1.7. SALUTE E BENESSERE SOCIALE Come richiamato nel Piano di Zona per la salute e il benessere sociale del distretto di Casalecchio di Reno 16 per il triennio 2009-2011 la situazione sociale è in forte

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

Brevi indicazioni operative per le famiglie

Brevi indicazioni operative per le famiglie Brevi indicazioni operative per le famiglie È consigliato un abbigliamento comodo, con scarpe da ginnastica, per permettere ai bambini di giocare senza difficoltà. I bambini che entrano al Centro dopo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2011

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2011 ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2011 L Istituzione è la struttura di principale e dedicato riferimento del Comune per l esercizio dei

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

presso SPAZIO-APERTO in Via Fiume a Vimercate MB

presso SPAZIO-APERTO in Via Fiume a Vimercate MB Anno scolastico 2015-2016 POST-SCUOLA Il POST-SCUOLA di Spazio-Aperto è una proposta educativa per bambini e bambine dai 3 agli 11 anni, in possesso di Autorizzazione permanente, che recepisce e rispetta

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli