CIGOLE VIVA! PROGRAMMA ELETTORALE anno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIGOLE VIVA! PROGRAMMA ELETTORALE anno 2014"

Transcript

1 CIGOLE VIVA! PROGRAMMA ELETTORALE anno 2014 CIGOLE VIVA! è una lista civica formata da un gruppo di persone che ha l ambizione di rappresentare, in modo aperto e trasparente, gli interessi dell intera comunità di Cigole. CIGOLE VIVA! è nata con il preciso intento di non essere subordinata a nessun schieramento di tipo politico e si ripropone con l aggiunta di nuovi stimoli e rinnovati entusiasmi. Questa lista si fonda su tre punti: 1) La condivisione di principi, valori e metodi di governo. - il rispetto della verità, come patto di fiducia con i cittadini - il rispetto della legalità, come forma di equità verso tutti i cittadini e condizione fondamentale per la convivenza civile - il rispetto della trasparenza degli atti politici e amministrativi - il rispetto delle pari opportunità, nell accesso ai servizi e nella partecipazione alla vita della comunità - il rispetto del principio di inclusione: nessuno si deve sentire escluso dalla comunità di Cigole 2) La condivisione di un programma per Cigole facendo riferimento ai bisogni reali del paese. Un programma realistico nel segno della continuità del modo di operare e di rispondere alle molteplici esigenze, rafforzati da una formazione precedentemente acquisita, da una conoscenza delle problematiche esistenti e delle risorse, umane e finanziarie, su cui si può contare per lavorare. 3) La volontà di dare continuità al percorso culturale e di sviluppo delle risorse umane e delle relazioni sociali. Un percorso che ha fatto nascere un senso di fiducia e ha prodotto una coesione nel paese e un nuovo senso di appartenenza, che ha avviato una cooperazione tra tutte le sue parti interne ( gruppi di volontariato, associazioni, istituzioni) e che, lavorando insieme per il bene comune e per lo sviluppo della comunità, la arricchiscono in modo straordinario. Questi sono i valori a cui ci ispiriamo, insieme a una particolare concezione di Società, ai principi dello sviluppo sostenibile, della legalità e della responsabilità. Il rispetto per il nostro territorio e per la nostra comunità, con la voglia di migliorarli, saranno la spinta che ci guiderà nel nostro agire.

2 EDILIZIA E URBANISTICA Programmi di intervento volti a favorire il recupero edilizio degli edifici siti nel centro storico. Incentivazione all installazione di impianti fotovoltaici su nuovi edifici e durante ristrutturazioni Attenzione a progetti di edilizia convenzionata in grado di soddisfare l esigenza abitativa di determinate categorie sociali più fragili o in difficoltà. Favorendo progetti in grado di recuperare il patrimonio edilizio esistente o che valorizzino aree dismesse. LAVORI PUBBLICI Proposta alla ProLoco di cooperazione per la realizzazione di un impianto di illuminazione (a LED) nel Parco Comunale, cosi come già avvenuto per la realizzazione dei servizi igienici. Cimitero: abbattimento delle barriere architettoniche, comprendente il collegamento della pavimentazione di ogni campata in modo da favorire la libera circolazione anche delle persone con ridotta capacità di deambulazione Realizzazione di nuovi parcheggi a lisca di pesce nell area già individuata di via Verdi, per soddisfare le maggiori esigenze nella zona dell Oratorio Don Luigi Marconi. Progetto Ex-Cometa (vedi sezione apposita) Intervento sull arredo urbano del piazzale antistante l edificio scolastico con soluzioni compatibili con il contesto storico ed architettonico Bando di gara per l'ammodernamento e la messa a norma degli impianti di Illuminazione Pubblica comprendente l affidamento della manutenzione e la fornitura di energia elettrica, studiando un capitolato di gara che, oltre al risparmio economico, permetta soluzioni di risparmio energetico e accesso a nuove tecnologie più efficienti (come lampade a LED). Interventi strutturali tesi a garantire una viabilità più sicura alle vie di accesso al Paese. Attenzione particolare verrà data alla viabilità ciclopedonale sia nel centro urbano sia mediante la valorizzazione di percorsi rurali già esistenti o da ripristinare AMBIENTE ED ECOLOGIA E intenzione installare un impianto fotovoltaico sul tetto dell edificio scolastico. L energia prodotta da tale impianto verrà utilizzata per il fabbisogno energetico della scuola primaria e per l adiacente impianto di potabilizzazione dell acquedotto comunale. In questo modo si potrà sfruttare al meglio tutta l energia prodotta garantendo un ritorno dell investimento in minor tempo e un risparmio di 9000 Kg di anidride carbonica all anno. EMAS/PAES: 1. si vuole intraprendere azioni per la razionalizzazione dell uso dell'energia da parte dell'amministrazione e del territorio comunale, favorendo la diffusione di fonti rinnovabili, al fine di contribuire alla riduzione dell'effetto serra al raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto; 2. operare per la tutela qualitativa e quantitativa della risorsa idrica mediante la promozione, attraverso attività di sensibilizzazione, monitoraggio e di educazione, del risparmio idrico, della tutela delle acque superficiali e sotterranee e dell'uso razionale e sostenibile della risorsa; 3. incentivare lo sviluppo concreto e culturale della risorsa territoriale potenziando e incentivando il sistema ecologico esistente; 4. migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti sensibilizzando la popolazione sull'importanza della prevenzione nella produzione dei rifiuti e la successiva

3 differenziazione degli stessi; 5. sensibilizzare la popolazione sul tema dell'opportunità e importanza del monitoraggio ed eventualmente smaltimento delle coperture di amianto ancora presenti sul territorio comunale; 6. riorientare i propri acquisti di beni, servizi attraverso l'adozione di un approccio di Green Public Procurement, diffondendo tale politica nel territorio anche mediante il coinvolgimento delle associazioni organizzatrici di eventi; 7. valutare sistematicamente la sostenibilità e compatibilità ambientale di opere ed attività nei procedimenti amministrativi di competenza e nell'emissione di pareri e nulla osta; attuare,nell'ambito dell'organizzazione municipale, una politica di attenzione all'informazione ambientale. Illuminazione pubblica a led in grado di apportare un risparmio energetico (come già illustrato) Il buon livello di raccolta differenziata raggiunto, non è ancora sufficiente per rispettare gli obiettivi posti dalla normativa vigente, che prevedevano entro il il raggiungimento di una percentuale pari al 65. Verranno prese iniziative per una maggiore sensibilizzazione sulla differenziazione dei rifiuti, che dovrà partire dalle scuole, coinvolgendo tutta la cittadinanza. Obiettivo sarà la riduzione della produzione di rifiuti solidi urbani, attraverso l incentivazione della raccolta differenziata e potenziando la lotta all abbandono di rifiuti sul nostro territorio. Sarà necessario, con l obiettivo di migliorare ulteriormente la raccolta differenziata, valutare nuovi sistemi di raccolta. L incremento della differenziata, oltre alle finalità di tutela dell ambiente ha anche un ritorno economico, in quanto consente di conferire meno rifiuti indifferenziati, conseguendo un risparmio sulla tariffa di smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani, risparmio per il Comune che si riflette sulle tariffe a carico dei cittadini. Regolamento che disciplini l accesso e l utilizzo dell isola ecologica Continuare, e potenziare, l esperienza del Millepiedi per incentivare questo mezzo di trasporto, sano, ecologico ed economico. Favorire un educazione ecologica attraverso l organizzazione di eventi e manifestazioni di impegno civile per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ambientale. Favorire una politica di tutela del territorio sovra-comunale (parco della Mella Morta,vivaio Semenzaio, Parco La Driade) e dare continuità alla programmazione di interventi con i Comuni limitrofi per la manutenzione e valorizzazione del fiume Mella (patto del fiume Mella). ACQUA BENE COMUNE IL SISTEMA IDRICO INTEGRATO L Amministrazione Comunale di Cigole ha fortemente creduto nella gestione diretta del servizio idrico, ritenendolo un servizio di primaria importanza per il benessere della collettività e, a differenza di altri comuni e costituendo ormai una rara eccezione, continua a gestire in proprio l intero servizio idrico che prevede la gestione dell acquedotto e della pubblica fognatura. L assetto normativo è quanto mai incerto e la soppressione degli ATO prevista dalla legge è ancora in corso. La gestione diretta del suddetto servizio comporta un particolare impegno e responsabilità per l Amministrazione (Un costante monitoraggio e manutenzione dei pozzi esistenti e una gestione specializzata del potabilizzatore) e potrebbe costituire una facile tentazione affidare ad altri le predette responsabilità, ma ritenendo di fare l interesse della collettività, soprattutto in termini di costi (tariffe di molto inferiori di quelle dei comuni che hanno affidato il servizio ad aziende specializzate) si continuerà a gestire il servizio direttamente fino a quando la legge lo consentirà.

4 ATTIVITA PRODUTTIVE Incentivare le attività artigianali-commerciali anche attraverso la divulgazione delle opportunità formative e dei programmi di finanziamento pubblico esistenti. Al fine dello sviluppo del territorio, si pongono in evidenza le ampie opportunità che possono essere attuate intorno alla realtà di Palazzo Cigola Martinoni. L Amministrazione comunale ha creduto e crede fortemente in tale progetto, che costituisce motivo di orgoglio per la realtà del Comune di Cigole ed ha dato al paese una particolare visibilità esterna, difficilmente conseguibile in relazione al piccolo ambito territoriale. Il Palazzo non costituisce solo un vanto architettonico ed una significativa attenzione verso la tutela del territorio e della tradizione, ma rappresenta anche una vera possibilità di sviluppo economico, senza snaturare il territorio. Particolare attenzione dovrà essere riservata a tutti gli operatori che si adopereranno per sostenere la tradizionale vocazione agricola del nostro paese. AREA EX-COMETA E stato redatto un progetto di intervento per la riqualificazione dell area definita Ex-Cometa, area che, considerata la sua centralità al contesto urbano e la vicinanza alle strutture dell Oratorio risulta ideale a soddisfare i più immediati bisogni della comunità. Il progetto prevede la bonifica dell intera area, la conseguente urbanizzazione con la realizzazione di una strada di penetrazione in grado di fornire un valore aggiunto: rendere recuperabile il patrimonio edilizio dei rustici di via Paolo Farina. Nella porzione di area adiacente l Oratorio è prevista la costruzione di un edificio ad uso palestra per la pratica dell attività sportiva ma in grado di ospitare manifestazioni o attività culturali in caso di maltempo e nei mesi invernali. Una adeguata area parcheggi potrà inoltre incrementare la dotazione di posteggi a servizio dell Oratorio. Tale progetto è stato candidato ad un finanziamento Ministeriale denominato 6000 Campanili che prevede una copertura interamente a carico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 100% delle spese sostenute, fino a 1 milione di Euro. L attuazione di tutto o parte del progetto sopra esposto sarà uno dei principali obiettivi da raggiungere durante la prossima tornata amministrativa. CONTROLLO DEL TERRITORIO Il servizio di vigilanza sul territorio comunale viene ora assicurato tramite convenzione con il Comune di Manerbio, tale cooperazione consente di impiegare il personale di Polizia Locale in relazione alle varie esigenze (servizi ordinari programmati, vigilanza notturna, manifestazioni, ecc.). Ritenendo che garantisca un servizio flessibile e soddisfacente, anche in relazione al contenimento dei costi, si intende rivalutare tale convenzione, con l obiettivo di farle assumere le caratteristiche di funzione associata così come previsto dalla normativa vigente. E già funzione associata invece la funzione di Protezione Civile stipulata con i comuni di Verolavecchia, Bassano Bresciano e Alfianello. Il gruppo di Comuni ha dato incarico ai Volontari Protezione Civile di Pontevico, per interventi su eventuali calamità naturali sul territorio ed anche per attività di prevenzione/informazione della popolazione. Videosorveglianza: sono state installate nel 2011, mediante un finanziamento a fondo perduto da parte della Regione Lombardia, due telecamere di videosorveglianza con funzionalità aggiuntiva di lettura delle targhe. E nostro obiettivo attingere ad altri finanziamenti in modo da poter ampliare ad altri ingressi stradali del nostro territorio la copertura di questo importante impianto di videosorveglianza.

5 AREA SOCIALE La situazione di crisi economica, ma anche sociale, mette sempre più in evidenza le fragilità che una comunità porta al suo interno. Come cittadini dobbiamo prenderne atto, ma anche lavorare per trovare soluzioni che consentano di garantire una dignità alle persone e la loro centralità nelle scelte che un amministrazione si trova a dover attuare. Per questo vogliamo: Riaffermare e potenziare le funzioni che si occupano di servizi sociali, in sinergia con il mondo del volontariato e gli enti preposti. Garantire alle persone diversamente abili o in difficoltà un sostegno concreto per sviluppare la miglior autonomia possibile, promuovendone l emancipazione con particolare attenzione all agevolazione ed integrazione nell ambito di attività scolastiche, lavorative e di socializzazione. Garantire la continuità dell efficiente ed efficace servizio di trasporto Sociale che l associazione Dono del Tempo, sta fornendo a tutti i cittadini che ne fanno richiesta, dando particolare attenzione a quelli in condizioni di fragilità. Partecipazione attiva alla gestione delle problematiche a livello sovra comunale (Ambito) per poter garantire uno standard omogeneo di servizi accessibili alla cittadinanza. Aderendo ad un iniziativa dell Asl di Brescia è in atto lo studio e la valutazione della situazione attuale, la pianificazione degli obiettivi e la programmazione delle azioni che determineranno la stesura del Piano Comunale per la Promozione della Salute; Con tale documento, non statico, ma in continua evoluzione, per poter rispondere dinamicamente alle esigenze ed i bisogni dei cittadini, si vuole dare uno strumento che permetta di avere un quadro della nostra realtà il più preciso possibile e gli elementi necessari, individuando azioni concrete da mettere in atto, per una pianificazione che dia risposte alla nostra comunità. Promuovere e sostenere iniziative, presenti e future, che aumentino le occasioni di incontro e relazione tra le persone, dove la diversità sia fonte di confronto ed arricchimento vicendevole. Attenzione e adesione a tutte le possibili occasioni di finanziamento a livello nazionale, regionale, provinciale (es. Voucher disoccupati, fondo sostegno affitti) che possano dare supporto a chi si trovi in situazioni di disagio. VOLONTARIATO Il Comune deve essere promotore e coordinatore delle iniziative culturali che vengono proposte sul territorio per creare un programma di cultura condiviso e sistematico, in stretto rapporto con tutte le forze di volontariato. Per questo deve operare per riconoscere, valorizzare e sostenere i soggetti sociali che vivono ed operano nel Paese fornendo gli spazi, contributi economici e, soprattutto, favorendo la loro partecipazione alla programmazione dell attività sociale e culturale, pur mantenendo la loro autonomia ed indipendenza. L Amministrazione comunale ha apprezzato, sostenuto ed anche stimolato le predette forze, che hanno consentito di attuare iniziative difficilmente perseguibili in loro assenza. Si evidenzia che soprattutto nella realtà dei piccoli comuni, con limitate risorse economiche e di apparto organizzativo, la cooperazione dei cittadini, il volontariato, le varie associazioni che operano in vari settori, sono elementi estremamente preziosi per l attuazione del bene pubblico. Pertanto, si intende mantenere l attenzione e la proficua cooperazione verso le suddette realtà.

6 AREA CULTURALE, SPORT, GIOVANI Il nostro obiettivo è quello di promuovere forme e luoghi di partecipazione dei giovani, sviluppare la loro creatività e l auto-organizzazione di attività artistiche, musicali, sportive e legate al tempo libero, attraverso occasioni di aggregazione e di stimolo. Per raggiungere questo obiettivo si deve necessariamente operare in modo coordinato con le forze e le risorse che sono presenti sul nostro territorio (Biblioteca, Associazioni, Oratorio) così da utilizzare al meglio le strutture che il nostro Paese già offre e quelle che verranno realizzate in futuro (ex Cometa). La collaborazione con le Scuole è necessaria e preziosa per lo sviluppo di possibili iniziative formative che coinvolgono gli studenti e le famiglie. Bisogna far si che la Biblioteca, oltre che a luogo tradizionale della Cultura e della promozione alla lettura, diventi punto di riferimento per informazioni, orientamenti e notizie sui temi quali la scuola, il lavoro, la vita sociale, il tempo libero, ed allo stesso tempo luogo di incontro e di relazioni interpersonali. Si intende, grazie al progetto Ex-Cometa, dotare il paese di nuovi spazi per la pratica dell attività sportiva, prerogativa indispensabile per poter sviluppare altre forme di sport oltre a quelle già praticate. ISTRUZIONE Prima la Famiglia e poi la Scuola, devono essere il luogo privilegiato per concorrere all obiettivo di educare e preparare la società del domani. Per supportare e migliorare l attività degli Istituti scolastici di ogni ordine e grado è prevista la continuità dei seguenti interventi: - Trasporti scolastici e contributo al costo di trasporto sostenuto per gli alunni che frequentano l anno obbligatorio successivo al triennio della Scuola Media Inferiore - Contributo libri di testo alunni Scuola Media Inferiore e per gli alunni che frequentano l anno obbligatorio successivo al triennio della Scuola Media Inferiore - Servizio mensa scuola elementare - Interventi per inserimento nella scuola dei portatori di handicap - Interventi per acquisto sussidi didattici, materiale di consumo e per sostenimento di progetti di ampliamento dell offerta formativa per scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado La situazione economica della Scuola Materna ha imposto in questi anni un attenzione e un impegno particolare da parte dell Amministrazione che, certa dell importanza di un servizio essenziale e indispensabile come quello garantito dalla Scuola Materna, ha intrapreso un percorso di quotidiano confronto e supporto. Noi, certi che la scuola materna rappresenta l importante primo gradino di un percorso formativo ed educativo esterno alla famiglia ed è prerogativa per un paese vivo e attivo, vogliamo proseguire in questo percorso e valutare le possibilità di poter ampliare il servizio con una sezione di Micronido. Il comune ha erogato ed intende quindi proseguire ad erogare annualmente contributi : - per il contenimento delle rette delle famiglie, se aventi diritto, secondo gli scaglioni previsti dall ISEE - per il finanziamento di alcuni progetti inerenti il Piano di Offerta Formativa (POF) - per le spese di gestione amministrativa. Per il potenziamento delle attività didattiche e per rispondere alla richiesta di informatizzazione della scuola sono previste a breve termine: - Connessione Internet in ogni aula scolastica per consentire l utilizzo del Registro Elettronico, per l eliminazione della gestione cartacea e mediante il quale il genitore potrà controllare l andamento scolastico del figlio direttamente da casa in ogni momento. - Valutazione del progetto una Wiild per ogni aula, un innovativo sistema di lavagna elettronica a minor costo rispetto alla tradizionale LIM e con un grado di innovazione molto più elevato.

7 COMUNICAZIONE Miglioramento della comunicazione tra amministrazione e cittadinanza attraverso un costante aggiornamento del sito internet e dei canali Social Network, e dopo il presente periodo di sospensione, il ripristino della pubblicazione del bollettino periodico Cigole InForma da distribuire a tutte le famiglie. Il potenziamento della comunicazione attraverso la creazione di una mailing-list comunale, cioè un sistema di distribuzione di informazioni agli iscritti attraverso l'invio di . Mediante questo sistema si potrà ricevere comodamente nella propria comunicazioni da parte dell amministrazione (nuovi bandi per aziende, scadenze dei tributi, eventi, novità etc.) Connettività a Banda Larga: già dal 2007, grazie ad investimenti in parte Comunali, esiste sul territorio la possibilità di connessione wireless ad internet, possibilità poi nel tempo ampliata da altri gestori, ma sempre con sistema senza fili. Da Gennaio 2012, grazie anche all impegno dell Amministrazione per accelerare il più possibile i processi, è possibile usufruire della connettività ADSL via cavo, unica capace di garantire continuità di servizio specie per utilizzi professionali. Certi che, l avere sul territorio aree a destinazione urbanistica produttiva non sia ormai sufficiente per favorire l insediamento di nuove attività produttive, avremo un attenzione particolare verso le nuove possibilità di ampliare l offerta di connettività a tecnologie sempre più veloci, proseguendo il percorso di confronto con il gestore delle reti telematiche e con nuovi partners. L AVVICINAMENTO ALLA RES PUBLICA Sarà obiettivo del prossimo mandato amministrativo avvicinare il più possibile il cittadino alla cosa pubblica, sia con interventi diretti sia con interventi rivolti alle nuove generazioni per poter far crescere in loro l attenzione al bene comune. Sarà previsto: Streaming (diretta) video delle sedute del Consiglio Comunale: Il Consiglio Comunale è il principale organismo decisionale del Comune. Le sue sedute sono aperte al pubblico, ma l affluenza è praticamente nulla. Per cercare di avvicinare il cittadino alla vita amministrativa del paese si intende apportare una modifica al regolamento comunale che consenta la trasmissione in diretta mediante un servizio internet delle sedute del Consiglio Comunale. L Inserimento nel piano di offerta formativa della scuola primaria di visite didattiche all Isola Ecologica, al Potabilizzatore, al Depuratore, per far capire ai nostri bambini da dove viene quell importante risorsa che è l acqua e come vengono gestiti i rifiuti, siamo certi che questo percorso possa aiutarli ad essere in futuro più consapevoli di quell importante bene che abbiamo in custodia che si chiama mondo. Attivare un progetto di Educazione Civica a misura di bambino, in collaborazione con la scuola primaria, che preveda la formazione di un piccolo Consiglio Comunale.

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 A cura di Alessandro Giuliani 1 1 AGOSTO 2015 TECNICA DELLA SCUOLA IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it 31 marzo 2014 P.L.U.S. Piano Locale Urbano di Sviluppo POR FESR Lazio 2007-2013 OBIETTIVO Rigenerare il contesto sociale, ambientale ed economico dei centri urbani PROGRAMMA COFINANZIATO DAI FONDI STRUTTURALI

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Obiettivo 1 Strategie Azioni

Obiettivo 1 Strategie Azioni Obiettivo 1 Strategie Azioni Innovare i processi e le metodologie d'informazione e di comunicazione mirata Studiare e implementare nuove procedure per la gestione amministrativa e delle risorse umane Avviare

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA la promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità Direttiva 2001/77/CE del 27 settembre

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA Assessorato Istruzione ed Edilizia Scolastica PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CONDIVISA AMBITI TERRITORIALI Referente Progetto: Piera Saita

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani

Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Progetto di adeguamento e

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

LE UNIONI DI COMUNI E IL RIFORMISMO MUNICIPALE: L ESPERIENZA DELL UNIONE BASSA ROMAGNA

LE UNIONI DI COMUNI E IL RIFORMISMO MUNICIPALE: L ESPERIENZA DELL UNIONE BASSA ROMAGNA Un nuovo modello di sviluppo e di governo del territorio per uscire dalla crisi Proposte di Laboratorio urbano Bologna, 13 gennaio 2012 LE UNIONI DI COMUNI E IL RIFORMISMO MUNICIPALE: L ESPERIENZA DELL

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Associazione di Promozione Sociale Reatino 15 IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Protocollo d intesa tra il Municipio Roma XV, l Istituto Comprensivo Parco di Veio, la Cooperativa Sociale Link e l Associazione

Dettagli

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI IDEE DI IMPRESA IN GARA UN RACCONTO DI COSA SIGNIFICA FARE IMPRESA ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA WEB DEDICATA E UN VERO E PROPRIO CONTEST

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LE CITTA DA CONSUMATRICI A PRODUTTRICI DI ENERGIA Sinnai, 4 Marzo 2009, Sala Consiliare REPORT

LE CITTA DA CONSUMATRICI A PRODUTTRICI DI ENERGIA Sinnai, 4 Marzo 2009, Sala Consiliare REPORT Comune di Sinnai Unione dei Comuni del Parteolla e basso Campidano Comune di Burcei LE CITTA DA CONSUMATRICI A PRODUTTRICI DI ENERGIA Sinnai, 4 Marzo 2009, Sala Consiliare REPORT INDICE 1 Premessa... 2

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi

Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi Progetto co-finanziato dall Unione Europea Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi 1 Le attività dell Enac nel settore della sostenibilità degli aeroporti (1/2)

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico;

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico; BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA I l 22 dicembr e 2006, il Consiglio dei minist ri ha approvat o in via definit iva un decreto legislat ivo che spinge l industria it aliana delle costr uzioni verso

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2007. 2 edizione

Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2007. 2 edizione Settembre 2007 Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2007 2 edizione AIAT indice per l anno 2007 un concorso pubblico per l assegnazione del Fondo speciale

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA Bando per la presentazione di progetti finalizzati alla realizzazione in ambito scolastico di strategie didattiche, metodologiche e valutative nei confronti degli studenti

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Giugno 2012 IL RIUTILIZZO DEI BENI CONFISCATI: UN PERCORSO DI RISCATTO CIVILE Vogliamo

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Progetto istruzione domiciliare A casa come a scuola

Progetto istruzione domiciliare A casa come a scuola Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto comprensivo Dante Alighieri Via Falck n 110 Sesto San Giovanni (MI) telefono: 02 36 57 471 fax: 02 36 57 47 35 sito: www.comprensivodante.it

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli