CIGOLE VIVA! PROGRAMMA ELETTORALE anno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIGOLE VIVA! PROGRAMMA ELETTORALE anno 2014"

Transcript

1 CIGOLE VIVA! PROGRAMMA ELETTORALE anno 2014 CIGOLE VIVA! è una lista civica formata da un gruppo di persone che ha l ambizione di rappresentare, in modo aperto e trasparente, gli interessi dell intera comunità di Cigole. CIGOLE VIVA! è nata con il preciso intento di non essere subordinata a nessun schieramento di tipo politico e si ripropone con l aggiunta di nuovi stimoli e rinnovati entusiasmi. Questa lista si fonda su tre punti: 1) La condivisione di principi, valori e metodi di governo. - il rispetto della verità, come patto di fiducia con i cittadini - il rispetto della legalità, come forma di equità verso tutti i cittadini e condizione fondamentale per la convivenza civile - il rispetto della trasparenza degli atti politici e amministrativi - il rispetto delle pari opportunità, nell accesso ai servizi e nella partecipazione alla vita della comunità - il rispetto del principio di inclusione: nessuno si deve sentire escluso dalla comunità di Cigole 2) La condivisione di un programma per Cigole facendo riferimento ai bisogni reali del paese. Un programma realistico nel segno della continuità del modo di operare e di rispondere alle molteplici esigenze, rafforzati da una formazione precedentemente acquisita, da una conoscenza delle problematiche esistenti e delle risorse, umane e finanziarie, su cui si può contare per lavorare. 3) La volontà di dare continuità al percorso culturale e di sviluppo delle risorse umane e delle relazioni sociali. Un percorso che ha fatto nascere un senso di fiducia e ha prodotto una coesione nel paese e un nuovo senso di appartenenza, che ha avviato una cooperazione tra tutte le sue parti interne ( gruppi di volontariato, associazioni, istituzioni) e che, lavorando insieme per il bene comune e per lo sviluppo della comunità, la arricchiscono in modo straordinario. Questi sono i valori a cui ci ispiriamo, insieme a una particolare concezione di Società, ai principi dello sviluppo sostenibile, della legalità e della responsabilità. Il rispetto per il nostro territorio e per la nostra comunità, con la voglia di migliorarli, saranno la spinta che ci guiderà nel nostro agire.

2 EDILIZIA E URBANISTICA Programmi di intervento volti a favorire il recupero edilizio degli edifici siti nel centro storico. Incentivazione all installazione di impianti fotovoltaici su nuovi edifici e durante ristrutturazioni Attenzione a progetti di edilizia convenzionata in grado di soddisfare l esigenza abitativa di determinate categorie sociali più fragili o in difficoltà. Favorendo progetti in grado di recuperare il patrimonio edilizio esistente o che valorizzino aree dismesse. LAVORI PUBBLICI Proposta alla ProLoco di cooperazione per la realizzazione di un impianto di illuminazione (a LED) nel Parco Comunale, cosi come già avvenuto per la realizzazione dei servizi igienici. Cimitero: abbattimento delle barriere architettoniche, comprendente il collegamento della pavimentazione di ogni campata in modo da favorire la libera circolazione anche delle persone con ridotta capacità di deambulazione Realizzazione di nuovi parcheggi a lisca di pesce nell area già individuata di via Verdi, per soddisfare le maggiori esigenze nella zona dell Oratorio Don Luigi Marconi. Progetto Ex-Cometa (vedi sezione apposita) Intervento sull arredo urbano del piazzale antistante l edificio scolastico con soluzioni compatibili con il contesto storico ed architettonico Bando di gara per l'ammodernamento e la messa a norma degli impianti di Illuminazione Pubblica comprendente l affidamento della manutenzione e la fornitura di energia elettrica, studiando un capitolato di gara che, oltre al risparmio economico, permetta soluzioni di risparmio energetico e accesso a nuove tecnologie più efficienti (come lampade a LED). Interventi strutturali tesi a garantire una viabilità più sicura alle vie di accesso al Paese. Attenzione particolare verrà data alla viabilità ciclopedonale sia nel centro urbano sia mediante la valorizzazione di percorsi rurali già esistenti o da ripristinare AMBIENTE ED ECOLOGIA E intenzione installare un impianto fotovoltaico sul tetto dell edificio scolastico. L energia prodotta da tale impianto verrà utilizzata per il fabbisogno energetico della scuola primaria e per l adiacente impianto di potabilizzazione dell acquedotto comunale. In questo modo si potrà sfruttare al meglio tutta l energia prodotta garantendo un ritorno dell investimento in minor tempo e un risparmio di 9000 Kg di anidride carbonica all anno. EMAS/PAES: 1. si vuole intraprendere azioni per la razionalizzazione dell uso dell'energia da parte dell'amministrazione e del territorio comunale, favorendo la diffusione di fonti rinnovabili, al fine di contribuire alla riduzione dell'effetto serra al raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto; 2. operare per la tutela qualitativa e quantitativa della risorsa idrica mediante la promozione, attraverso attività di sensibilizzazione, monitoraggio e di educazione, del risparmio idrico, della tutela delle acque superficiali e sotterranee e dell'uso razionale e sostenibile della risorsa; 3. incentivare lo sviluppo concreto e culturale della risorsa territoriale potenziando e incentivando il sistema ecologico esistente; 4. migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti sensibilizzando la popolazione sull'importanza della prevenzione nella produzione dei rifiuti e la successiva

3 differenziazione degli stessi; 5. sensibilizzare la popolazione sul tema dell'opportunità e importanza del monitoraggio ed eventualmente smaltimento delle coperture di amianto ancora presenti sul territorio comunale; 6. riorientare i propri acquisti di beni, servizi attraverso l'adozione di un approccio di Green Public Procurement, diffondendo tale politica nel territorio anche mediante il coinvolgimento delle associazioni organizzatrici di eventi; 7. valutare sistematicamente la sostenibilità e compatibilità ambientale di opere ed attività nei procedimenti amministrativi di competenza e nell'emissione di pareri e nulla osta; attuare,nell'ambito dell'organizzazione municipale, una politica di attenzione all'informazione ambientale. Illuminazione pubblica a led in grado di apportare un risparmio energetico (come già illustrato) Il buon livello di raccolta differenziata raggiunto, non è ancora sufficiente per rispettare gli obiettivi posti dalla normativa vigente, che prevedevano entro il il raggiungimento di una percentuale pari al 65. Verranno prese iniziative per una maggiore sensibilizzazione sulla differenziazione dei rifiuti, che dovrà partire dalle scuole, coinvolgendo tutta la cittadinanza. Obiettivo sarà la riduzione della produzione di rifiuti solidi urbani, attraverso l incentivazione della raccolta differenziata e potenziando la lotta all abbandono di rifiuti sul nostro territorio. Sarà necessario, con l obiettivo di migliorare ulteriormente la raccolta differenziata, valutare nuovi sistemi di raccolta. L incremento della differenziata, oltre alle finalità di tutela dell ambiente ha anche un ritorno economico, in quanto consente di conferire meno rifiuti indifferenziati, conseguendo un risparmio sulla tariffa di smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani, risparmio per il Comune che si riflette sulle tariffe a carico dei cittadini. Regolamento che disciplini l accesso e l utilizzo dell isola ecologica Continuare, e potenziare, l esperienza del Millepiedi per incentivare questo mezzo di trasporto, sano, ecologico ed economico. Favorire un educazione ecologica attraverso l organizzazione di eventi e manifestazioni di impegno civile per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ambientale. Favorire una politica di tutela del territorio sovra-comunale (parco della Mella Morta,vivaio Semenzaio, Parco La Driade) e dare continuità alla programmazione di interventi con i Comuni limitrofi per la manutenzione e valorizzazione del fiume Mella (patto del fiume Mella). ACQUA BENE COMUNE IL SISTEMA IDRICO INTEGRATO L Amministrazione Comunale di Cigole ha fortemente creduto nella gestione diretta del servizio idrico, ritenendolo un servizio di primaria importanza per il benessere della collettività e, a differenza di altri comuni e costituendo ormai una rara eccezione, continua a gestire in proprio l intero servizio idrico che prevede la gestione dell acquedotto e della pubblica fognatura. L assetto normativo è quanto mai incerto e la soppressione degli ATO prevista dalla legge è ancora in corso. La gestione diretta del suddetto servizio comporta un particolare impegno e responsabilità per l Amministrazione (Un costante monitoraggio e manutenzione dei pozzi esistenti e una gestione specializzata del potabilizzatore) e potrebbe costituire una facile tentazione affidare ad altri le predette responsabilità, ma ritenendo di fare l interesse della collettività, soprattutto in termini di costi (tariffe di molto inferiori di quelle dei comuni che hanno affidato il servizio ad aziende specializzate) si continuerà a gestire il servizio direttamente fino a quando la legge lo consentirà.

4 ATTIVITA PRODUTTIVE Incentivare le attività artigianali-commerciali anche attraverso la divulgazione delle opportunità formative e dei programmi di finanziamento pubblico esistenti. Al fine dello sviluppo del territorio, si pongono in evidenza le ampie opportunità che possono essere attuate intorno alla realtà di Palazzo Cigola Martinoni. L Amministrazione comunale ha creduto e crede fortemente in tale progetto, che costituisce motivo di orgoglio per la realtà del Comune di Cigole ed ha dato al paese una particolare visibilità esterna, difficilmente conseguibile in relazione al piccolo ambito territoriale. Il Palazzo non costituisce solo un vanto architettonico ed una significativa attenzione verso la tutela del territorio e della tradizione, ma rappresenta anche una vera possibilità di sviluppo economico, senza snaturare il territorio. Particolare attenzione dovrà essere riservata a tutti gli operatori che si adopereranno per sostenere la tradizionale vocazione agricola del nostro paese. AREA EX-COMETA E stato redatto un progetto di intervento per la riqualificazione dell area definita Ex-Cometa, area che, considerata la sua centralità al contesto urbano e la vicinanza alle strutture dell Oratorio risulta ideale a soddisfare i più immediati bisogni della comunità. Il progetto prevede la bonifica dell intera area, la conseguente urbanizzazione con la realizzazione di una strada di penetrazione in grado di fornire un valore aggiunto: rendere recuperabile il patrimonio edilizio dei rustici di via Paolo Farina. Nella porzione di area adiacente l Oratorio è prevista la costruzione di un edificio ad uso palestra per la pratica dell attività sportiva ma in grado di ospitare manifestazioni o attività culturali in caso di maltempo e nei mesi invernali. Una adeguata area parcheggi potrà inoltre incrementare la dotazione di posteggi a servizio dell Oratorio. Tale progetto è stato candidato ad un finanziamento Ministeriale denominato 6000 Campanili che prevede una copertura interamente a carico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 100% delle spese sostenute, fino a 1 milione di Euro. L attuazione di tutto o parte del progetto sopra esposto sarà uno dei principali obiettivi da raggiungere durante la prossima tornata amministrativa. CONTROLLO DEL TERRITORIO Il servizio di vigilanza sul territorio comunale viene ora assicurato tramite convenzione con il Comune di Manerbio, tale cooperazione consente di impiegare il personale di Polizia Locale in relazione alle varie esigenze (servizi ordinari programmati, vigilanza notturna, manifestazioni, ecc.). Ritenendo che garantisca un servizio flessibile e soddisfacente, anche in relazione al contenimento dei costi, si intende rivalutare tale convenzione, con l obiettivo di farle assumere le caratteristiche di funzione associata così come previsto dalla normativa vigente. E già funzione associata invece la funzione di Protezione Civile stipulata con i comuni di Verolavecchia, Bassano Bresciano e Alfianello. Il gruppo di Comuni ha dato incarico ai Volontari Protezione Civile di Pontevico, per interventi su eventuali calamità naturali sul territorio ed anche per attività di prevenzione/informazione della popolazione. Videosorveglianza: sono state installate nel 2011, mediante un finanziamento a fondo perduto da parte della Regione Lombardia, due telecamere di videosorveglianza con funzionalità aggiuntiva di lettura delle targhe. E nostro obiettivo attingere ad altri finanziamenti in modo da poter ampliare ad altri ingressi stradali del nostro territorio la copertura di questo importante impianto di videosorveglianza.

5 AREA SOCIALE La situazione di crisi economica, ma anche sociale, mette sempre più in evidenza le fragilità che una comunità porta al suo interno. Come cittadini dobbiamo prenderne atto, ma anche lavorare per trovare soluzioni che consentano di garantire una dignità alle persone e la loro centralità nelle scelte che un amministrazione si trova a dover attuare. Per questo vogliamo: Riaffermare e potenziare le funzioni che si occupano di servizi sociali, in sinergia con il mondo del volontariato e gli enti preposti. Garantire alle persone diversamente abili o in difficoltà un sostegno concreto per sviluppare la miglior autonomia possibile, promuovendone l emancipazione con particolare attenzione all agevolazione ed integrazione nell ambito di attività scolastiche, lavorative e di socializzazione. Garantire la continuità dell efficiente ed efficace servizio di trasporto Sociale che l associazione Dono del Tempo, sta fornendo a tutti i cittadini che ne fanno richiesta, dando particolare attenzione a quelli in condizioni di fragilità. Partecipazione attiva alla gestione delle problematiche a livello sovra comunale (Ambito) per poter garantire uno standard omogeneo di servizi accessibili alla cittadinanza. Aderendo ad un iniziativa dell Asl di Brescia è in atto lo studio e la valutazione della situazione attuale, la pianificazione degli obiettivi e la programmazione delle azioni che determineranno la stesura del Piano Comunale per la Promozione della Salute; Con tale documento, non statico, ma in continua evoluzione, per poter rispondere dinamicamente alle esigenze ed i bisogni dei cittadini, si vuole dare uno strumento che permetta di avere un quadro della nostra realtà il più preciso possibile e gli elementi necessari, individuando azioni concrete da mettere in atto, per una pianificazione che dia risposte alla nostra comunità. Promuovere e sostenere iniziative, presenti e future, che aumentino le occasioni di incontro e relazione tra le persone, dove la diversità sia fonte di confronto ed arricchimento vicendevole. Attenzione e adesione a tutte le possibili occasioni di finanziamento a livello nazionale, regionale, provinciale (es. Voucher disoccupati, fondo sostegno affitti) che possano dare supporto a chi si trovi in situazioni di disagio. VOLONTARIATO Il Comune deve essere promotore e coordinatore delle iniziative culturali che vengono proposte sul territorio per creare un programma di cultura condiviso e sistematico, in stretto rapporto con tutte le forze di volontariato. Per questo deve operare per riconoscere, valorizzare e sostenere i soggetti sociali che vivono ed operano nel Paese fornendo gli spazi, contributi economici e, soprattutto, favorendo la loro partecipazione alla programmazione dell attività sociale e culturale, pur mantenendo la loro autonomia ed indipendenza. L Amministrazione comunale ha apprezzato, sostenuto ed anche stimolato le predette forze, che hanno consentito di attuare iniziative difficilmente perseguibili in loro assenza. Si evidenzia che soprattutto nella realtà dei piccoli comuni, con limitate risorse economiche e di apparto organizzativo, la cooperazione dei cittadini, il volontariato, le varie associazioni che operano in vari settori, sono elementi estremamente preziosi per l attuazione del bene pubblico. Pertanto, si intende mantenere l attenzione e la proficua cooperazione verso le suddette realtà.

6 AREA CULTURALE, SPORT, GIOVANI Il nostro obiettivo è quello di promuovere forme e luoghi di partecipazione dei giovani, sviluppare la loro creatività e l auto-organizzazione di attività artistiche, musicali, sportive e legate al tempo libero, attraverso occasioni di aggregazione e di stimolo. Per raggiungere questo obiettivo si deve necessariamente operare in modo coordinato con le forze e le risorse che sono presenti sul nostro territorio (Biblioteca, Associazioni, Oratorio) così da utilizzare al meglio le strutture che il nostro Paese già offre e quelle che verranno realizzate in futuro (ex Cometa). La collaborazione con le Scuole è necessaria e preziosa per lo sviluppo di possibili iniziative formative che coinvolgono gli studenti e le famiglie. Bisogna far si che la Biblioteca, oltre che a luogo tradizionale della Cultura e della promozione alla lettura, diventi punto di riferimento per informazioni, orientamenti e notizie sui temi quali la scuola, il lavoro, la vita sociale, il tempo libero, ed allo stesso tempo luogo di incontro e di relazioni interpersonali. Si intende, grazie al progetto Ex-Cometa, dotare il paese di nuovi spazi per la pratica dell attività sportiva, prerogativa indispensabile per poter sviluppare altre forme di sport oltre a quelle già praticate. ISTRUZIONE Prima la Famiglia e poi la Scuola, devono essere il luogo privilegiato per concorrere all obiettivo di educare e preparare la società del domani. Per supportare e migliorare l attività degli Istituti scolastici di ogni ordine e grado è prevista la continuità dei seguenti interventi: - Trasporti scolastici e contributo al costo di trasporto sostenuto per gli alunni che frequentano l anno obbligatorio successivo al triennio della Scuola Media Inferiore - Contributo libri di testo alunni Scuola Media Inferiore e per gli alunni che frequentano l anno obbligatorio successivo al triennio della Scuola Media Inferiore - Servizio mensa scuola elementare - Interventi per inserimento nella scuola dei portatori di handicap - Interventi per acquisto sussidi didattici, materiale di consumo e per sostenimento di progetti di ampliamento dell offerta formativa per scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado La situazione economica della Scuola Materna ha imposto in questi anni un attenzione e un impegno particolare da parte dell Amministrazione che, certa dell importanza di un servizio essenziale e indispensabile come quello garantito dalla Scuola Materna, ha intrapreso un percorso di quotidiano confronto e supporto. Noi, certi che la scuola materna rappresenta l importante primo gradino di un percorso formativo ed educativo esterno alla famiglia ed è prerogativa per un paese vivo e attivo, vogliamo proseguire in questo percorso e valutare le possibilità di poter ampliare il servizio con una sezione di Micronido. Il comune ha erogato ed intende quindi proseguire ad erogare annualmente contributi : - per il contenimento delle rette delle famiglie, se aventi diritto, secondo gli scaglioni previsti dall ISEE - per il finanziamento di alcuni progetti inerenti il Piano di Offerta Formativa (POF) - per le spese di gestione amministrativa. Per il potenziamento delle attività didattiche e per rispondere alla richiesta di informatizzazione della scuola sono previste a breve termine: - Connessione Internet in ogni aula scolastica per consentire l utilizzo del Registro Elettronico, per l eliminazione della gestione cartacea e mediante il quale il genitore potrà controllare l andamento scolastico del figlio direttamente da casa in ogni momento. - Valutazione del progetto una Wiild per ogni aula, un innovativo sistema di lavagna elettronica a minor costo rispetto alla tradizionale LIM e con un grado di innovazione molto più elevato.

7 COMUNICAZIONE Miglioramento della comunicazione tra amministrazione e cittadinanza attraverso un costante aggiornamento del sito internet e dei canali Social Network, e dopo il presente periodo di sospensione, il ripristino della pubblicazione del bollettino periodico Cigole InForma da distribuire a tutte le famiglie. Il potenziamento della comunicazione attraverso la creazione di una mailing-list comunale, cioè un sistema di distribuzione di informazioni agli iscritti attraverso l'invio di . Mediante questo sistema si potrà ricevere comodamente nella propria comunicazioni da parte dell amministrazione (nuovi bandi per aziende, scadenze dei tributi, eventi, novità etc.) Connettività a Banda Larga: già dal 2007, grazie ad investimenti in parte Comunali, esiste sul territorio la possibilità di connessione wireless ad internet, possibilità poi nel tempo ampliata da altri gestori, ma sempre con sistema senza fili. Da Gennaio 2012, grazie anche all impegno dell Amministrazione per accelerare il più possibile i processi, è possibile usufruire della connettività ADSL via cavo, unica capace di garantire continuità di servizio specie per utilizzi professionali. Certi che, l avere sul territorio aree a destinazione urbanistica produttiva non sia ormai sufficiente per favorire l insediamento di nuove attività produttive, avremo un attenzione particolare verso le nuove possibilità di ampliare l offerta di connettività a tecnologie sempre più veloci, proseguendo il percorso di confronto con il gestore delle reti telematiche e con nuovi partners. L AVVICINAMENTO ALLA RES PUBLICA Sarà obiettivo del prossimo mandato amministrativo avvicinare il più possibile il cittadino alla cosa pubblica, sia con interventi diretti sia con interventi rivolti alle nuove generazioni per poter far crescere in loro l attenzione al bene comune. Sarà previsto: Streaming (diretta) video delle sedute del Consiglio Comunale: Il Consiglio Comunale è il principale organismo decisionale del Comune. Le sue sedute sono aperte al pubblico, ma l affluenza è praticamente nulla. Per cercare di avvicinare il cittadino alla vita amministrativa del paese si intende apportare una modifica al regolamento comunale che consenta la trasmissione in diretta mediante un servizio internet delle sedute del Consiglio Comunale. L Inserimento nel piano di offerta formativa della scuola primaria di visite didattiche all Isola Ecologica, al Potabilizzatore, al Depuratore, per far capire ai nostri bambini da dove viene quell importante risorsa che è l acqua e come vengono gestiti i rifiuti, siamo certi che questo percorso possa aiutarli ad essere in futuro più consapevoli di quell importante bene che abbiamo in custodia che si chiama mondo. Attivare un progetto di Educazione Civica a misura di bambino, in collaborazione con la scuola primaria, che preveda la formazione di un piccolo Consiglio Comunale.

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008 T itolo 1 Spese correnti 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo 01. 04 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali 01. 01. 04. 01 Personale 01. 01. 04. 03 Prestazioni

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli