Bilancio sociale Istituto Superiore Mario Boella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio sociale 2013. Istituto Superiore Mario Boella"

Transcript

1 Bilancio sociale 2013 Istituto Superiore Mario Boella

2 Bilancio sociale 2013 ISMB Bilancio sociale 2013 Istituto Superiore Mario Boella

3 L Istituto Superiore Mario Boella (ISMB) è un centro di ricerca applicata e di innovazione, focalizzato sulle tecnologie dell informazione e della comunicazione. Fondato nel 2000 da Compagnia di San Paolo e Politecnico di Torino, si avvale delle competenze tecnologiche e di processo di 127 ricercatori che lavorano in stretta collaborazione col mondo dell impresa, dell accademia e della pubblica amministrazione. ISMB è organizzato in aree di ricerca tecnologiche orientate ai principali settori dell ICT, applicabili a tutti i livelli della catena del valore, dalla tecnologia di base alla sua applicazione in campo. La sua azione si sviluppa anche attraverso programmi strategici, che impiegano le sue competenze per affrontare le grandi sfide sociali e ambientali identificate a livello europeo. ISMB svolge una significativa attività culturale e di formazione verso le aziende e verso la pubblica amministrazione.

4 i Risultati e le prospettive 4 L Istituto Sede Organizzazione Persone Stakeholder I numeri Risultato economico Valore dei progetti le attività Aree di ricerca 2013 in sintesi Programmi strategici 2013 in sintesi progetti principali Funzioni di staff 2013 in sintesi ISMB partecipa ISMB secondo anvur Disseminazione dei risultati

5 4 Bilancio sociale 2013 ISMB I risultati e le prospettive L istituto Superiore Mario Boella si è collocato, fin dall inizio della sua attività, come struttura intermedia tra l accademia, l industria e la pubblica amministrazione. Con questi tre poli ha interagito in modo sistematico, mantenendo la sua autonomia operativa e il suo specifico posizionamento strategico. Nel sistema globale della creazione e valorizzazione della conoscenza, ISMB si colloca in un area che potremmo chiamare abilitazione dell innovazione e potenziamento della competitività, e in questa area svolge una funzione ritenuta strategica nell economia e nella società contemporanea. Si tratta di un modello comune in Europa, eppure poco consolidato in Italia. ISMB è uno dei primi (e tuttora dei pochi) esempi di istituzione nazionale espressamente concepita come cerniera tra università, industria e società. Un'impostazione analoga, fatte le debite proporzioni, è quella del Fraunhofer, rete di istituti di ricerca tedeschi, pubblici e non accade- Il 2013 è stato l anno in cui gli echi della crisi sono risuonati con più evidenza nel lavoro di ricerca e nei risultati economici realizzati. Le difficoltà sono state affrontate e in buona misura risolte grazie alla qualità e quantità del lavoro svolto dai ricercatori: la consapevolezza che l elevato livello di autofinanziamento garantisce la creazione e il mantenimento di un consistente bacino di occupazione pregiata, rappresenta il principale stimolo ad una imprenditorialità esercitata in modo capillare nell'istituto. Questa percezione investe i ricercatori e aumenta il senso di identificazione con gli obiettivi sociali dell'ismb. Il tasso di successo delle proposte nei programmi europei ha raggiunto nell ultimo triennio valori al di sopra della media europea. Nel 2013 in particolare, l Istituto ha coordinato 8 progetti europei sui 23 attivi, segnando un miglioramento della propria capacità propositiva dovuto soprattutto alla collaborazione tra le aree specialistiche e alla capacità promici, non a caso partner di ISMB in una quota significativa dei progetti europei a cui prende parte. Grazie alla loro natura pubblica, gli istituti Fraunhofer ricevono dai propri Länder un contributo pari al 30 per cento del bilancio e ricavano il resto da progetti di ricerca commissionati dalle industrie e attraverso la partecipazione a bandi pubblici nazionali ed europei. Il Modello Boella che questo Bilancio Sociale racconta si ispira grosso modo agli stessi principi e adotta analoghi modelli organizzativi. ISMB propone un interpretazione estesa del ruolo che le tecnologie ICT possono giocare nella soluzione dei problemi concreti, a supporto delle strategie di innovazione delle aziende e della pubblica amministrazione, nei settori più esposti alle trasformazioni tecnologiche e di processo. Questa visione ha avuto una sua progressione nel tempo ed ha incluso prospettive di studio via via più complesse, senza mai abbandonare il carattere applicativo della ricerca. L istituto ha così consolidato la propria azione su sfide innovative di natura complementare rispetto a quelle affrontate dall Accademia, polarizzate sui temi di frontiera scientifica e tecnologica, sulla loro potenzialità di sviluppo e sulla necessità di presidio e aggiornamento della formazione superiore. Nel panorama nazionale, questa complementarietà è un elemento essenziale per la credibilità dei piani di sviluppo di un istituto privato di ricerca. Sono dunque due le linee d'azione di ISMB nello svolgimento della propria attività: applicare le tecnologie ICT ai processi e ai sistemi esistenti, perseguendo obiettivi di razionalizzazione, e studiare le modalità attraverso cui le tecnologie agiscono, per esaltare la loro azione nelle grandi trasformazioni che riguardano la società. Su questi presupposti si è sviluppata l attività del 2013 che, con i risultati positivi, ha anche messo in evidenza i limiti dell'istituto da trasformare in obiettivi di miglioramento per il prossimo futuro.

6 Bilancio sociale 2013 ISMB 5 modello diverso per la formazione professionale, per affrontare l obsolescenza indotta dalla rapida evoluzione della tecnologia e dei modelli di business. Questo problema affligge buona parte delle professioni e richiede di adottare per l industria e la pubblica amministrazione modelli formativi capaci di educare a una visione complessiva nella rappresentazione e nella soluzione dei problemi. Migliorare il rapporto con la piccola e media impresa, rafforzando il meccanismo di accompagnamento delle aziende verso i progetti di innovazione co-finanziati. Arricchire il rapporto con gli enti dedicati alle politiche sociali, poiché le trasformazioni con forte impatto sociale (salute, mobilità, energia, nuove forme di lavoro, multiculturalità) richiedono nuove forme di consapevolezza e di integrazione tra la dimensione sociale e quella tecnologica. Anche al suo interno, l Istituto guarda e riflette su se stesso, per migliorare le proprie prestazioni. La collaboragressivamente affinata di collegare le proposte progettuali al posizionamento strategico dell Istituto, che è risultato così credibile ai valutatori europei e apprezzato dai partner internazionali. Uno scatto in avanti è stato segnato sul piano della capacità di valutare il beneficio economico indotto attraverso l azione dell Istituto. Dare spazio ad analisi di impatto, oltre che al solo sviluppo della tecnologia, ha spostato in modo sensibile la capacità di ISMB di interagire con la pubblica amministrazione e con le imprese, attraverso un linguaggio pragmatico e vicino ai loro requisisti di innovazione. Con le imprese in particolare è stato svolto un lavoro di accompagnamento per favorire la loro partecipazione ai progetti europei di innovazione Sono molti gli obiettivi che l istituto si pone per il futuro. Contribuire alla creazione, nel nostro territorio e in Italia, di una cultura scientifica per l innovazione di processo, dove l ICT può svolgere un ruolo di collante interdisciplinare. Consolidare un zione interdisciplinare dovrà continuare ad essere un fattore chiave per mantenere gli standard di successo di ISMB nella nuova dinamica europea di Horizon L informazione e la condivisione degli obiettivi con i ricercatori, e la loro formazione, saranno i principali fattori per accrescere il senso di identificazione e quindi la tensione di tutti verso gli obiettivi dell'istituto. Rodolfo Zich presidente Giovanni Colombo direttore

7 6 Bilancio sociale 2013 ISMB L'Istituto SEDE L'Istituto ha sede nel complesso stori- iperspecializzata e consapevole di ap- Boella, ospitato nell edificio delle ex co delle Officine Grandi Riparazioni partenere a un élite di artigiani di pri- Tornerie. In questo luogo recuperato, (OGR), costruite tra il 1885 e il 1895, mordine, portatori di conoscenze rare l'istituto svolge la sua opera di ricer- in un momento di forte sviluppo del- e complesse. ca e innovazione, impiegando risorse le reti infrastrutturali del paese, come Nelle OGR, infatti, si doveva far centro di avanguardia nella revisione fronte a ogni aspetto, meccanico e riparazione di locomotive e carroz- ed estetico: dalla riparazione di motori ze ferroviarie. e camere di pressione, alla curvatura Il complesso fu posizionato lungo la e saldatura di lamiere, dall allesti- ferrovia che collega Torino a Milano, mento degli scheletri delle carrozze, occupando un area di metri in gran parte in legno, alla lavorazione quadrati, all interno della quale sono degli arredi. Essere ammessi a svolgere state innalzate gigantesche costruzio- alcune particolari mansioni, come quel- ni dall architettura pregevole, catte- la di pannellista, costituiva il riconosci- drali moderne con navate lunghe fino mento ufficiale di un eccezionale capa- a 200 metri. cità, un titolo di merito che si traduceva Le OGR oggi sono il gioiello della nell ammirazione di tutti gli operai. Spina Centrale. L'area, così chiamata La selezione del personale, del resto, dal piano regolatore del 1995, prima era severissima in ogni reparto. era occupata dal fascione dei binari Le strutture che formavano l area (oggi interrato in un passante), che Grandi Servizi sono in larga misura attraversava la città da nord a sud scomparse in seguito a fasi successive spostando merci e uomini nella Torino dell evoluzione della città e delle sue novecentesca delle fabbriche. esigenze. Tuttavia una parte dell area Generazione dopo generazione, le storica delle OGR è oggi occupata OGR sono state testimoni del lavoro dalla Cittadella Politecnica, dove ha di migliaia di operai: manodopera sede anche l Istituto Superiore Mario umane di qualità.

8 Bilancio sociale 2013 ISMB 7 Giovanni Colombo compagnia di san paolo Felice Fulvio Faraci telecom italia Letizia Lo Presti compagnia di san paolo Enrico Macii politecnico torino Aurelio Nervo skf Pietro Palella stmicroelectronics Rodolfo Zich assemblea cda revisori Luigi Puddu presidente Maurizio Ferrero Margherita Spaini Edoardo Aschieri supplente Mario Montalcini supplente organizzazione politecnico torino presidente Rodolfo Zich direttore Giovanni Colombo vicedirettore aree di ricerca vicedirettore programmi strategici business model & policy innovation antenna & emc infrastructure & systems for advanced computing advanced computing & electromagnetics emerging trends & opportunities reseach support & secretariat smart city innovation development creativity & design innovation strategic scouting & information management optical communications opto-electronics applied photonics partners & front-end higher & professional education smart energy microsoft innovation center mobile & usability mobile solutions smart health internet for services multimedia adaptation & interaction multi-layer wireless solutions vehicular networks & broadband wireless access gnss core algorithms gnss platforms for safety and environment navigation technologies international cooperation on gnss organi istituzionali iot objects & platforms funzioni specializzate iot service management pervasive technologies pervasive secure networks funzioni di staff

9 8 Bilancio sociale 2013 ISMB Persone I ricercatori che lavorano per l Istituto sono molto giovani, altamente qualificati e tendenzialmente stabilizzati. Più collaboratori 52 41% 59% dipendenti dell 80% ha meno di 40 anni e il 28% meno di 30. Nelle fasce più basse si concentrano i ricercatori con contratto a progetto, che a parte poche eccezioni hanno meno di 35 anni. Il percorso di stabilizzazione inizia fasce età 30 molto presto. Nel 2013 il 59% dei ricer catori ha un contratto a tempo indeter minato, il restante 41% altre tipologie di contratti La grande maggioranza del persona le, 113 su 127, ha una laurea; 38 hanno un dottorato di ricerca e 9 un master post età media laurea. Dal punto di vista disciplinare, la laurea in ingegneria è nettamente titolo di studio predominante (87%). Un quarto sono donne. Il personale viene valutato ogni anno sulla base di un set di obiettivi prefissati, che comprendono la capacità di attirare progetti di ricerca e innovazione, la qualità della ricerca scientifica e delle pubblicazioni, ma anche la disponibilità a cooperare per la crescita dell'istituto % 87% ingegneri laureati % dottori di ricerca

10 Bilancio sociale 2013 ISMB 9 SocietÀ fornitori terzo Imprese Stakeholder settore imprese del grandi imprese media dipendenti e collaboratori giovani talenti enti strumentali studenti politecnico di torino università italia e mondo docenti e ricercatori ismb partnership program soci ordinari compagnia di san paolo piccole e medie imprese camera di commercio città di torino altri enti territoriali italia L attività dell Istituto interessa un vasto campo di soggetti qui rappresentati in quattro raggruppamenti, che riflettono altrettante finalità e modalità di rapporto fra ISMB e il contesto: il mondo delle imprese, gli enti istituzionali, il mondo della ricerca e la società civile. Al centro della mappa, segnalato in blu, si trova il cuore del meccanismo di relazione: gli stakeholder interni (in particolare i dipendenti e i collaboratori) e gli stakeholder esterni (soci fondatori e soci ordinari). Intorno al nucleo, tre tipologie di soggetti diversificate per la qualità del rapporto (diretto, strategico, finalizzato), la sua intensità (data dalla dimensione del cerchio) e la frequenza (distanza dal centro). esa commissione europea industriali Ricerca centri di ricerca italia e mondo e asi Istituzioni istituto e rapporti diretti rapporti strategici rapporti finalizzati

11 10 Bilancio sociale 2013 ISMB I numeri Risultato economico Le entrate realizzate dall'istituto nell anno 2013 sfiorano i 10 milioni di euro. Facendo leva sul contributo istituzionale concesso dai soci fondatori e ordinari (poco più di 5 milioni), l Istituto ha intercettato fondi ulteriori (4,3 milioni), grazie all intensa attività progettuale e di ricerca su bandi pubblici europei, nazionali e regionali (2,8 milioni), e su ricerca finanziata da terze parti, con natura industriale (1,5 milioni). L Istituto, insomma, ha saputo valorizzare la base di conoscenza, risorse, strumentazione di cui è dotato, quasi duplicando le opportunità per i propri ricercatori e per l'ecosistema delle imprese che, nelle attività di ricerca e innovazione, sono partner irrinunciabili. Due terzi delle spese sostenute (6,7 milioni, pari al 68%) si riferiscono alla remunerazione delle risorse umane fattore produttivo chiave dell Istituto a partire dal 2013 interamente dedicate alle attività core, poichè le funzioni amministrative non sono più svolte da dipendeti diretti, ma centralizzate per tutti gli enti strumentali della Compagnia di San Paolo, in un sistema unificato e razionale. Il restante 32% delle uscite è suddiviso fra costi per la sede, costi gestionali, oneri per gli organi collegiali, acquisto di beni e materiali per i laboratori e varie attività. II 4% delle spese (400 mila euro) è investito in azioni per la disseminazione dei risultati scientifici e prende forma in eventi, missioni, partecipazione a conferenze, comunicazione istituzionale. Il 2% (180 mila euro) è impiegato per collegare l Istituto a prestigiose associazioni europee. ENTRATE 2013 Valori in Euro contributo istituzionale (Compagnia di San Paolo) ,00 contributi associativi ,00 progetti di ricerca e innovazione ,00 da bandi pubblici (europei, nazionali, regionali) ,00 da terze parti ,00 utilizzo fondo per lo sviluppo progetti ,00 ricavi finanziari e straordinari (interessi bancari e risparmi) , ,00 USCITE personale (dipendenti, consulenti, collaboratori, borsisti) ,00 sede, utenze e servizi informatici ,00 spese gestionali e amministrative ,00 organi collegiali ,00 spese per l'attività ,00 disseminazione dei risultati ,00 quote per associazioni scientifiche e liberalità ,00 ammortamenti ,00 accantonamento fondi ,00 imposte e tasse ,00 oneri straordinari , ,00 risultato ,00

12 Bilancio sociale 2013 ISMB 3% 3% 11 entrate 2013 ripartizione percentuale contributo istituzionale (compagnia di san paolo) 15% contributi associativi progetti di ricerca e innovazione da bandi pubblici progetti di ricerca e innovazione da terze parti utilizzo fondo per lo sviluppo progetti ricavi finanziari e straordinari 1% 50% 1% 1% 2% 28% 4% uscite 2013 ripartizione percentuale personale 1% 4% 1% 3% sede, utenze e servizi informatici spese gestionali e amministrative organi collegiali 9% spese per l'attività disseminazione dei risultati quote per associazioni scientifiche e liberalità ammortamenti 6% accantonamento fondi imposte e tasse oneri straordinari 68%

13 12 Bilancio sociale 2013 ISMB valore dei progetti La partecipazione ai bandi, esito di que imprese, università enti pubblici e una attività di networking e scouting non profit, vale 35 milioni di euro nel che coinvolge grandi imprese, PMI, 2013 (i milioni diventano 118, se si università, centri di ricerca e pubbli- considera la portata economica di tutti che amministrazioni, non remunera i progetti aperti, moltiplicandola per soltanto l Istituto. la loro durata relativa molte attività, Nel 2013, ISMB ha partecipato a in valori assoluti 14 da terze parti infatti, sono pluriennali). 82 progetti di ricerca e innovazione, È la ricaduta diretta dell attività di, durata e valore diversificato. progettuale, che i grafici di seguito In questo vasto insieme, 23 proget- mostrano suddivisa per paese (in Ita- ti sono finanziati da risorse europee lia sono distribuiti 20,8 milioni nel e 8 sono coordinati a livello interna- 2013), per tipologia di partner (al si- zionale dall Istituto. stema delle imprese, grandi e piccole, Altri 27 progetti sono finanziati da vanno 21,3 milioni), per territori (al risorse pubbliche nazionali e regiona- Piemonte sono distribuiti 17,2 milioni). li, mentre 32 sono realizzati grazie al progetti di ricerca attivi nel 2013 PER FONTE DI FINANZIAMENTO da bandi europei da bandi nazionali da bandi regionali È il Modello Boella. l altro all industria. Il volume di risorse generate dalla totalità dei progetti, considerando non soltanto la remunerazione delle attività svolte da ISMB ma anche quanto ricade sui diversi soggetti che compongono un partenariato di ricerca, dun- sono complessivamente 82, senza fare distinzioni per territoriale, fonte di finanziamento e durata. Sono dunque compresi quei progetti di natura industriale che to: un occhio rivolto ai bandi pubblici, hanno spesso durata pluriennale. I progetti attivi nell anno 2013 sostegno di terze parti, sono dunque mostrano la doppia anima dell Istitu- I progetti di ricerca e innovazione 23 nel calcolo progetti avviati e conclusi nel 2013, oppure in anni diversi, purché l attività sia stata svolta almeno parzialmente nel 2013.

14 Bilancio sociale 2013 ISMB progetti di ricerca attivi nel 2013 ricadute per paese in milioni di euro 3,1 0,7 1,0 progetti di ricerca attivi nel 2013 ricadute in piemonte per tipologie di partner in milioni di euro 0,4 1,2 0,8 1,7 belgio 3,3 danimarca francia 3,7 1,6 13 grandi imprese germania 7,4 italia regno unito 35 17,2 1,9 spagna altri extra eu centri di ricerca università ismb svezia altri eu pmi 0,4 20,8 ricaduta sull'italia 4,2 progetti di ricerca attivi nel 2013 per tipologie di partner in milioni di euro 3,3 ricaduta su ismb 4,4 13,5 5,0 35 0,1 0,7 Il valore totale dei budget dei progetti dei flussi economici e finanziari reali dei in corso è 118 milioni di euro. grandi progetti, la cui remunerazione pmi Considerando il valore relativo al 2013 non è mensile ma è incardinata su un enti pubblici (media statistica data dal valore totale sistema di anticipi e saldi che impattano non profit del progetto diviso per il numero di mesi in modo differenziato lungo le annualità universita' in cui esso è effettivamente attivo), la del progetto. Il valore totale dei progetti, ricaduta diretta sull Istituto è stata pari sul complesso delle annualità, riferiti a 3,3 milioni di euro. al territorio piemontese, è pari a 54,3 Il valore non corrisponde a quello iscritto milioni di euro. grandi imprese centri di ricerca ismb 7,8 a bilancio (4,3 milioni) che tiene conto

15 14 Bilancio sociale 2013 ISMB aree di ricerca 2013 in sintesi le attività «A luglio 2013, l Istituto è stato coin- il LED (Laboratorio di Esperienza Di- e Greencom, progetti di nuova gene- evoluzione ha riguardato anche lo volto in una profonda trasformazione gitale). Un secondo innovation center razione, dove la valenza tecnologico- storico rapporto col Politecnico di To- organizzativa, frutto della riflessione è stato costituito dal gruppo francese ingegneristica si mescola alla carica rino: nel corso dell anno abbiamo po- sul futuro delle attività, sul rapporto Econocom. di innovazione sociale. Oppure As- sto le basi per la scientific fellowship, col mondo dell impresa, il territorio Prosegue il rapporto pluriennale con sit, un tender dell'agenzia Spaziale con particolare riguardo ai domini e la società locale, sulle opportunità Cisco Photonics, con cui abbiamo Europea a cui abbiamo partecipato della compatibilità elettromagnetica, offerte da Horizon raggiunto risultati scientifici eccellenti in partnership con Giletta. la teoria e analisi dei segnali, la foto- La capacità di intervenire sulle ri- sulla velocità di trasmissione dei nuovi Nel 2013 l Istituto ha fatto un signi- nica, lo sviluppo di applicazioni. sorse europee, proponendo progetti router fotonici dell azienda. Con Se- ficativo passo avanti per non diventa- Nel 2014 desidererei che non venis- di ricerca e innovazione insieme lex l Istituto ha realizzato il prototipo re un propostificio casuale. Progetti se meno l'impegno nell'attività scien- a network internazionali, è la cifra di- di un ricevitore professionale di altissi- e attività sono stati inseriti in un qua- tifica dell Istituto, pur sapendo che è stintiva dell Istituto. Per questa ragione mo rilievo scientifico. dro strategico definito dai tre grandi estremamente difficile mantenere l e- abbiamo scelto di non costruire un uf- È stato siglato l ingresso dell Istituto programmi strategici lanciati (Smart quilibrio instabile tra progetti di ricer- ficio preposto alla scrittura dei progetti nell Alliance, associa- Energy, Smart City, Smart Health), ca, produzione scientifica e relazione europei, perché ciascuno dei nostri ri- zione che raggruppa i grandi gruppi e da iniziative delle singole aree di con le imprese. In questo quadro, cercatori, anche neofiti, deve essere in industriali di elettrodomestici come ricerca esplicitamente ricondotte alle un elemento essenziale è la capaci- grado di intervenire per competenza e Elettrolux, Indesit e Whirlpool, co- grandi sfide poste della Commissione tà di promuovere all esterno le no- livello sui progetti. ordinati da Telecom Italia; questa ini- europea e da Horizon stre attività, in una logica di servizio I risultati del 2013 si possono con- ziativa ci colloca tra gli enti di ricerca Siamo riusciti a completare un nu- al territorio. siderare certamente positivi, soprattut- che, insieme alle grandi company del- mero significativo di pubblicazioni Anche all interno la comunicazione to alla luce delle difficoltà generate le applicazioni domestiche, definisco- scientifiche, una partecipazione inte- deve migliorare, e le aree di ricerca, dalla crisi economica. Abbiamo con- no lo standard degli elettrodomestici ressante alla comunità scientifica in- ancora troppo distinte da differenzia- tinuato a lavorare su grossi progetti del futuro. Prosegue l attività tradizio- ternazionale prendendo parte attiva a zioni disciplinari, devono imparare a di carattere industriale. Penso alla nale col Gruppo Sisvel, leader nei un alto numero di conferenze e garan- contaminarsi reciprocamente. collaborazione con Microsoft, che brevetti. tendo la presenza in quasi tutti i tavoli Proprio per affrontare i cambiamenti ha investito nell Innovation center Sul piano dei risultati europei, occor- europei significativi dal punto di vista che abbiamo davanti, sono nate alcu- operativo all'interno l Istituto e avviato re citare l'aggiudicazione di Almanac strategico e di programmazione. Una ne funzioni di staff trasversali.

16 Bilancio sociale 2013 ISMB 15 La funzione Partners & Front-End risponde allo scopo di stendere un ponte fra ricercatori e management di imprese e pubblica amministrazione, allineandone i linguaggi per rendere più facile interpretare i bisogni dei mondi produttivi e tramutarli in idee progettuali. La funzione Emerging Trends & Opportunities, invece, è dedicata a comprendere le nuove opportunità europee, concentrando l attenzione su quelle non tradizionalmente esplorate dall Istituto. «antenna & emc infrastructure & systems for advanced computing optical communications opto-electronics vicedirettore aree di ricerca advanced computing emerging trends & electromagnetics & opportunities applied photonics partners & front-end microsoft innovation center mobile & usability mobile solutions internet for services multimedia adaptation & interaction vehicular networks & broadband wireless access multi-layer wireless solutions gnss core algorithms gnss platforms for safety and environment navigation technologies international cooperation on gnss Paolo Mulassano vicedirettore aree di ricerca iot objects & platforms iot service management pervasive secure networks pervasive technologies

17 16 Bilancio sociale 2013 ISMB ATTIVITÀ E SFIDE Si dedica allo studio e realizzazione di infrastrutture di calcolo basate su tecnologie di virtual grid e cloud computing, con attenzione sia alle applicazioni scientifiche sia a quelle industriali. Sviluppa attività di ricerca teorica e sperimentale e di trasferimento tecnologico su antenne, compatibilità elettromagnetica ed elettromagnetismo applicato,in particolare in elettromagnetismo computazionale. Advanced Computing & Electromagnetics L area è formata da due unità operative assai diverse, per struttura e filosofia, ma molto integrate e che sfruttano il valore aggiunto della diversità. Le due unità hanno anche una diversa e complementare composizione degli assets scientifici e industriali. Lavorando insieme a progetti d innovazione comuni, colgono opportunità d impiego dell innovazione in ambiti diversi, accomunati dalla stessa necessità: processare grandi moli di dati, con tecniche efficienti e veloci, abbattendo i costi di lavorazione. Un caso concreto è la ricerca, dif- molto meno costose ma che richiedono una potenza di calcolo fuori dal comune. Questo è sulla attuale frontiera della ricerca teorica e industriale. Analoghe applicazioni, di grande impatto pratico e molto innovative, sono le antenne che si riconfigurano in modo automatico rispondendo a cambiamenti ambientali; i sistemi di antenne da installare sulle navicelle spaziali per mantenere il contatto durante il rientro nell'atmosfera quando avviene di norma un interruzione nelle comunicazioni; l uso di infrastrutture di calcolo potenti per supportare la Fra le attività svolte dall area nel 2013, vale la pena citarne due. La prima è il rapporto con l Istituto Nazionale di Vulcanologia, che ha iniziato a usare le infrastrutture di calcolo sviluppate dall Istituto per proprie applicazioni scientifiche; ne è nata una collaborazione intensa e poi un progetto nazionale di ricerca in Antartide vinto in partnership dai due istituti, di grande importanza sul piano internazionale. La seconda è la pubblicazione del saggio Cloud computing for a science application per l editore Taylor & Francis; un riconoscimento del lavoro fusa ovunque a livello internazionale, diagnosi precoce di cancro alla mam- svolto dall Istituto da parte della comu- per sostituire le attuali misure e qua- mella e alla prostata o la diagnsi di nità scientifica, abituata a valutare la lificazioni elettromagnetiche (spesso anomalie cerebrali; la ricerca di solu- ricerca di base più positivamente della usando camere anecoiche) con inno- zioni efficienti per il risparmio energe- ricerca applicata. vativi schemi di simulazione software, tico nei data center. UNITÀ OPERATIVE Antenna & EMC è un laboratorio specializzato che studia, prototipa e realizza antenne e sistemi elettromagnetici dalle basse frequenze alle onde millimetriche. Infrastructure & Systems for Advanced Computing si dedica a studi di progettazione e prototipazione di infrastrutture di calcolo.

18 Bilancio sociale 2013 ISMB 17 L argomento di ricerca principale per l area è lo studio del livello fisico di reti di telecomunicazioni ottiche, interessandosi sia di reti back-bone (lunga distanza ed alta capacità), sia di reti di accesso, studiando fibre ottiche in vetro e fibre ottiche in plastica. Si occupa inoltre di studio e prototipazione di fibre ottiche speciali per applicazioni nontelecom, quali ad esempio laser in fibra e sensori, e possiede capacità di progettazione e realizzazione elettronica di carattere più generale. Applied Photonics ATTIVITÀ E SFIDE L area è relativamente piccola, ed è caratterizzata da una spiccata progettualità europea, essendo al momento per la terza volta partner coordinatore di un progetto di elevato valore. Oltre alla ricerca di base finanziata prevalentemente dal programma quadro della Commissione europea, si occupa anche di ricerca finalizzata a sviluppi industriali, incardinata principalmente sulla collaborazione strategica con il produttore di sistemi ottici Cisco. Molte delle attività svolte da questa area procedono in sinergia con il Politecnico di Torino: questa Joint Research Unit permette di condividere sforzi economici e di personale per mantenere una dotazione di strumenti di livello e standard di ricerca scientifica di livello mondiale, in modo da po- ter collocare quest area, in termini di risultati, a livelli comparabili con centri di ricerca che costituiscono riferimento assoluto, ad esempio i Bell Labs. Questa sinergia si concretizza sia in attività di ricerca comuni con ruoli ben distinti, in cui il Politecnico si occupa principalmente delle fasi teoriche, di modellazione e simulazione mentre ISMB si volge alla realizzazione e validazione sperimentale, sia nell accoglienza di tesisti che, nei casi più promettenti, possono aspirare a diventare ricercatori dell Istituto. UNITÀ OPERATIVE Optical Communications si occupa di comunicazioni ottiche, attività chiave del laboratorio, segue molti progetti prevalentemente in ambito europeo, ha molte pubblicazioni all attivo. Opto-Electronics sviluppa fibre ottiche innovative per applicazioni non relative alle telecomunicazioni, ed ha capacità di progettazione e realizzazione elettronica general-purpose.

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security managing complexity Azienda Akhela è un azienda innovativa in rapida crescita che è diventata un attore importante e riconosciuto nel mercato IT italiano e che si sta affacciando con successo nel mercato

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Angelo Cognome Messina Ente/organizzazione di appartenenza STMicroelectronics s.r.l.

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Fondo Crescita Sostenibile

Fondo Crescita Sostenibile Fondo Crescita Sostenibile AGENDA DIGITALE (G.U. n.282 del 04/12/2014) e INDUSTRIA SOSTENIBILE (G.U. n.283 del 05/12/2014) Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso operativi due interventi del Fondo

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio POLITECNICO DI TORINO Un università internazionale per il territorio I valori Leader nella cultura politecnica Nazionale ed Internazionale Reputazione Eccellenza nell istruzione superiore e la formazione

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL Seminario Nazionale ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL 10 luglio 2009 Sala Fernando Santi - CGIL nazionale - Corso d Italia 25 - Roma PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Wi-Fi CGIL All interno del Progetto nazionale

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

Università e trasferimento tecnologico

Università e trasferimento tecnologico UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA INDUSTRIALE INFORMATION AND COMMUNICATION TECHNOLOGIES (CIRI-ICT) Prof. Marco Chiani Direttore Responsabili scientifici: Prof. F. Callegati,

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile Saldo/lista movimenti c/c Ricarica cellulare Ricerca sportelli Bancomat/ATM più Ricerca filiali più vicine Bonifici e giroconti Saldo/lista movimenti conto Ricarica carta di credito prepagata Informazioni

Dettagli

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Protocollo di intesa (24/7/13) Realizzare sul territorio nuove iniziative volte allo sviluppo delle tematiche dell efficienza energetica,

Dettagli

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 TELECOM ITALIA@ICT TRADE Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 Il Gruppo Telecom Italia oggi Ricavi 23.407 M.ni di Dipendenti 65.623 Unità Investimenti Industriali 4.400

Dettagli

Lavoriamo al vostro fianco in un ruolo di primo piano nel settore telecomunicazioni

Lavoriamo al vostro fianco in un ruolo di primo piano nel settore telecomunicazioni 2 Lavoriamo al vostro fianco in un ruolo di primo piano nel settore telecomunicazioni 3 4 Un unico interlocutore Le nostre competenze, associate ad un modello di sviluppo d impresa efficiente e collaudato

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO Nell ambito del processo di rinnovamento aziendale avviato negli ultimi anni, si inserisce un sempre maggiore impegno nella Ricerca & Sviluppo (R&S) sia come motore

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze 48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze C U R R I C O L A All interno del corso di laurea magistrale gli insegnamenti e le attività formative sono organizzate in modo da offrire percorsi

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

IT BUSINESS INNOVATION: ILLUSIONE O REALTA? LA STRATEGIA PER IL FUTURO

IT BUSINESS INNOVATION: ILLUSIONE O REALTA? LA STRATEGIA PER IL FUTURO IT BUSINESS INNOVATION: ILLUSIONE O REALTA? LA STRATEGIA PER IL FUTURO Francesco Moretti DEPUTY CEO FINCONS GROUP Innovation Day for Oil&Gas - Roma, 8 Ottobre Company Profile FINCONS GROUP IT Business

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

La piattaforma di energy management per l analisi dei consumi disaggregati

La piattaforma di energy management per l analisi dei consumi disaggregati La piattaforma di energy management per l analisi dei consumi disaggregati enersaving a supporto dei Comuni L iniziativa enersaving è la rete di aziende costituitasi per promuovere iniziative volte a incrementare

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH

PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH Dicembre 2011 Fondazione Distretto Green & High Tech Monza Brianza 1 Un po di storia... Chi: I Soci Fondatori del Distretto Green and High Tech Monza Brianza

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo

ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it Seminario R2B Smart Grid: dalla Teoria alla pratica Bologna 8 Giugno 2011 1 Sommario

Dettagli

SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA. Ufficio Territoriale Regione Marche.

SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA. Ufficio Territoriale Regione Marche. SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Giuseppe Angelone OSIMO 12 Dicembre 2012 PANORAMA EUROPEO La crescita costante

Dettagli

ife innovation front end

ife innovation front end ife innovation front end La ricerca a portata d impresa Siamo convinti che creare un punto di ingresso unico dedicato alle aziende possa realmente agevolare il rapporto rapido e diretto con tutti coloro

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina. apuliafito@unime.

Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina. apuliafito@unime. Sviluppo di una piattaforma IoT open per la progettazione, lo sviluppo e l erogazione di servizi Smart nella città di Messina apuliafito@unime.it Obiettivo Il progetto #SmartME si propone di creare una

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo Per maggiori informazioni e per la modulistica www.filas.it Filas vademecum gli strumenti, le azioni, i progetti della Finanziaria laziale di sviluppo Finanziaria laziale di sviluppo Filas Interventi nel

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Progetto Azioni positive per l' imprenditoria femminile RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Stagista: Barbara Villarini

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE PER FAR INCONTRARE RICERCA E IMPRESA

UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE PER FAR INCONTRARE RICERCA E IMPRESA a smau firenze 014 la nuova dimensione espositiva dedicata a cluster, laboratori, spin-off e startup indice UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE

Dettagli

PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche

PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche OBIETTIVI FORMATIVI Il Master, ideato dal Centro Studi CTS, ha l obiettivo di sviluppare le competenze

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Sede: PALERMO - Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Coordinatore: prof. ing. Mariano Giuseppe

Dettagli

Nata nel CONSIAG PRATO INTESA SIENA COINGAS AREZZO gas metano GPL energia elettrica telecomunicazioni gas naturale servizi energetici

Nata nel CONSIAG PRATO INTESA SIENA COINGAS AREZZO gas metano GPL energia elettrica telecomunicazioni gas naturale servizi energetici Nata nel DALL ACCORDO TRA CONSIAG DI PRATO, INTESA DI SIENA E COINGAS DI AREZZO, che hanno scelto di aggregarsi per creare un soggetto a partecipazione pubblica di grandi dimensioni, è oggi una multiutility

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag.

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Milano, ottobre 2004 1 La società e le sue attività Presente

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Roma, 9 luglio 2014 S 3 : nuovo

Dettagli