Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application"

Transcript

1 Excel & VBA Excel e Visual Basic for Application

2 Automazione Excel con VBA incorpora la tecnologia dell automazione (OLE automation) Excel dialoga con VBA attraverso un insieme di comandi detto libreria ad oggetti Excel Libreria di oggetti VBA

3 rogrammazione procedurale Linguaggi procedurali nascondono la complessità delle operazioni sui dati Si invocano delle funzioni su blocchi di dati Programmazione ad oggetti Linguaggi orientati agli oggetti nascondono i dati e la complessità del programma Si inviano dei messaggi agli oggetti

4 Astrazione dei dati É il meccanismo mediante il quale è possibile combinare una struttura di dati e le operazioni che possono essere su di essa in un nuovo tipo di dato. Tale unità prende il nome di classe. Variabili o istanze di una classe sono definiti oggetti.

5 Proprietà delle classi Se consideriamo un numero float esso è composto da esponente e mantissa che non possono essere manipolati direttamente. Per default i membri (variabili e funzioni) di una classe sono privati e non sono manipolabili direttamente.

6 Libreria di oggetti di Excel I metodi e le proprietà si suddividono in due gruppi I gruppo: sono posizionati al termine dell istruzione ed eseguono una azione (ad es. Copy, PasteSpecial) II gruppo: si riferiscono ad oggetti (ad es. ActiveWindows, Range( A1 ))

7 Esempi di oggetti di libreria Esempio I gruppo: Selection.Copy Range("B5").Select ActiveSheet.Paste Esempio II gruppo: Range("C12:D14").Select Application.CutCopyMode = False Selection.Copy

8 Oggetti di Excel

9 Dichiarazione di variabili Dim [WithEvents] nomevariabile[([indici])] [As [New] tipo] [, [WithEvents] nomevariabile[([indici])] [As [New] tipo]]... WithEvents Facoltativa. Parola chiave che specifica che nomevariabile è una variabile oggetto utilizzata per rispondere agli eventi generati. nomevariabile Obbligatoria. Nome della variabile, espresso in base alle convenzioni di denominazione standard delle variabili. indici Facoltativa. Dimensioni di una variabile matrice. New Facoltativa. Parola chiave che consente di creare un oggetto in modo implicito. tipo Facoltativa. Tipo di dati della variabile; può essere Byte, Boolean, Integer, Long, Currency, Single, Double, Date, String (per stringhe di lunghezza variabile), String * lunghezza (per stringhe di lunghezza fissa), Object, Variant, un tipo definito dall'utente oppure un tipo di oggetto.

10 tipo di dati Byte Tipo di dati utilizzato per contenere numeri interi positivi compresi nell'intervallo tra 0 e 255. Le variabili di tipo Byte vengono memorizzate come numeri singoli, senza segno a 8 bit (1 byte).

11 Esempio di variabile Byte Sub Macro1() Dim prima As Byte prima = 1 Range("a1").Select ActiveCell.Value = prima End Sub

12 tipo di dati Boolean Tipo di dati con solo due valori possibili, ovvero True (-1) o False (0). Le variabili di tipo Boolean vengono memorizzate come numeri a 16 bit (2 byte).

13 Esempio di Boolean Sub Macro1() Dim prima As Boolean prima = True If prima Then Range("a1").Select ActiveCell.Value = "La variabile prima è vera" End If End Sub

14 tipo di dati Integer Tipo di dati contenente variabili memorizzate come numeri interi a 2 byte nell intervallo da a

15 Esempio di Integer Sub Macro1() Dim prima, seconda As Integer prima = 32 seconda = 44 Range("a1").Select ActiveCell.Value = prima * seconda End Sub

16 tipo di dati Long Intero di quattro byte, ovvero un numero intero compreso tra e

17 Sub Macro1() Dim lunga(3) As Long lunga(0) = 2 ^ 10 lunga(1) = 2 ^ 11 lunga(2) = 2 ^ 12 Range("a10").Select ActiveCell.Value = lunga(0) Range("b10").Select ActiveCell.Value = lunga(1) Range("c10").Select ActiveCell.Value = lunga(2) End Sub Esempio di Long

18 tipo di dati Currency Tipo di dati compreso nell intervallo da ,5808 a ,5807. Utilizzato per calcoli monetari o a virgola fissa in cui la precisione è fondamentale.

19 tipo di dati Single Tipo di dati che contiene variabili a virgola mobile a precisione singola a 32-bit (4 byte), compresi tra -3,402823E38 e - 1,401298E-45 per valori negativi e tra 1,401298E-45 e 3,402823E38 per valori positivi.

20 tipo di dati Double Tipo di dati che contiene numeri a virgola mobile a doppia precisione a 64 bit (8 byte) compresi tra E308 e -4, E-324 per i valori negativi, tra 4, E-324 e 1, E308 per i valori positivi.

21 Esempio di Double Sub Macro1() Dim grosso As Double grosso = 32 ^ 12 Range("a1").Select ActiveCell.Value = grosso End Sub

22 tipo di dati Date Tipo di dati utilizzato per memorizzare date e orari come numeri reali. Le variabili di tipo Date vengono memorizzate come numeri a 64 bit (8 byte). Il valore a sinistra del separatore decimale rappresenta una data e il valore a destra rappresenta un orario.

23 Esempio di Date Sub Macro1() Dim data As Date data = Range("a1").Select ActiveCell.Value = data End Sub

24 tipo di dati String Tipo di dati i cui dati sono composti da una sequenza di caratteri contigui che rappresentano i caratteri effettivi stessi anziché un valore numerico. Può includere lettere, numeri, spazi e segni di punteggiatura. Il tipo di dati String può contenere stringhe di lunghezza fissa con lunghezza compresa tra 0 e circa 63 KB di caratteri, e stringhe dinamiche di lunghezza compresa tra 0 e circa 2 miliardi di caratteri.

25 Esempio di String Sub Macro1() Dim stringa As String stringa = "Il mio nome è Paolo" Range("a1").Select ActiveCell.Value = stringa End Sub

26 tipo di dati Object Tipo di dati che rappresenta qualsiasi riferimento a un oggetto. Le variabili Object vengono memorizzate come indirizzi a 32 bit (4 byte) che fanno riferimento a oggetti.

27 Memorizzazione di oggetti in variabili Quando si assegna il valore ad una variabile si utilizza il segno = Quando si assegna il riferimento di oggetto ad una variabile si utilizzano Set ed = Sub RegistraOggetto() myobject = Range( A1 ) Set myobject = Range( A1 ) End Sub

28 Esempio di variabile Object Sub Macro1() Dim stringa As Object Set stringa = Range("a1") Range("a10").Select ActiveCell.Value = stringa End Sub

29 Strutture di controllo in VB Condizioni: If Else End If Iterazioni: For Each Next For To Next Do Until Loop

30 Istruzione If...Then...Else Consente l esecuzione condizionale di un gruppo di istruzioni in base al valore di un espressione. Sintassi If condizione Then [istruzioni] [Else istruzioni] oppure If condizione Then [istruzioni] [ElseIf condizione Then [istruzioni]... [Else [istruzioni]] End If

31 Esempio di If Sub Macro1() Dim data As Date data = Now If data > Then Range("a10").Select ActiveCell.Value = "Natale è passato da giorni = " Range("a11").Select ActiveCell.Value = data Else Range("a10").Select ActiveCell.Value = "A Natale mancano giorni = " Range("a11").Select ActiveCell.Value = data End If Range("A11").Select Selection.NumberFormat = "0.00" End Sub

32 Istruzione For Each...Next Ripete un gruppo di istruzioni per ogni elemento di una matrice o di un insieme. Sintassi For Each elemento In gruppo [istruzioni] [Exit For] [istruzioni] Next [elemento]

33 Esempio di For each Sub Macro1() Dim Found As Boolean Dim OggettoMio, Collezione As Object Found = False Set Collezione = Range("a1:a4") For Each OggettoMio In Collezione If OggettoMio.Text = "Paolo" Then Found = True Exit For End If Next If Found Then Range("a10").Select ActiveCell.Value = "Trovato" Else Range("a10").Select ActiveCell.Value = "Non trovato" End If End Sub

34 Istruzione For...Next Ripete un gruppo di istruzioni per il numero di volte specificato. Sintassi For contatore = inizio Tofine [Step incremento] [istruzioni] [Exit For] [istruzioni] Next [contatore]

35 Esempio di For... Next Sub Macro1() Dim Parole, Caratteri, Stringa As String For Parole = 10 To 1 Step -1 For Caratteri = 0 To 9 Stringa = Stringa & Caratteri Next Caratteri Stringa = Stringa & " " Next Parole Range("a1").Select ActiveCell.Value = Stringa End Sub

36 Istruzione Do Loop (do while) Ripete un blocco di istruzioni finché la valutazione di una condizione dà come risultato True. sintassi Do [{While Until} condizione] [istruzioni] [Exit Do] [istruzioni] Loop

37 Esempio di Do while Sub prova1() Dim Counter As Integer Range("a1").Select Counter = ActiveCell.Value Do While Counter < 20 Counter = Counter + 1 Range(Selection, Selection.End(xlDown)).Select ActiveCell.Offset(1, 1).Activate ActiveCell.Value = Counter Loop End Sub

38 Istruzione Do Loop (repeat until) Ripete un blocco di istruzioni fino a quando non dà come risultato True. sintassi Do [istruzioni] [Exit Do] [istruzioni] Loop [{While Until} condizione]

39 Esempio di Repeat until Sub prova() Dim Check As Boolean, Counter As Integer Check = True: Counter = 0 Do Do While Counter < 20 Counter = Counter + 1 If Counter = 10 Then Check = False Exit Do End If Loop Loop Until Check = False End Sub

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application Excel & VBA Excel e Visual Basic for Application Automazione Excel con VBA incorpora la tecnologia dell automazione (OLE automation) Excel dialoga con VBA attraverso un insieme di comandi detto libreria

Dettagli

28/02/2014 Copyright V. Moriggia

28/02/2014 Copyright V. Moriggia Informatica per la Finanza 3 Le variabili in VBA Altri I/O 28/02/2014 Copyright 2005-2007 V. Moriggia 1 28/02/2014 3.2 Le variabili in VBA V. Moriggia 1 28/02/2014 3.3 Dichiarazione di variabili in VBA

Dettagli

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole.

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. Excel VBA VBA Visual Basic for Application VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. 2 Prima di iniziare. Che cos è una variabile?

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

VISUAL BASIC FOR APPLICATION

VISUAL BASIC FOR APPLICATION VISUAL BASIC FOR APPLICATION LA PIATTAFORMA DI SVILUPPO GLI ELEMENTI DI VBA Finestra di progetto: mostra l elenco gerarchico dei progetti aperti e di tutti i moduli di codice e finestre di interfaccia

Dettagli

VBA Principali Comandi

VBA Principali Comandi VBA Principali Comandi Sintassi Significato Esempio Dim As Dichiarazione Dim x As Integer di una variabile Dim , , ,.,

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Costrutti condizionali e iterativi

Costrutti condizionali e iterativi Costrutti condizionali e iterativi Introduction to Fortran 90 Paolo Ramieri, CINECA Aprile 2014 Strutture di controllo Le strutture di controllo permettono di alterare la sequenza di esecuzione delle istruzioni

Dettagli

Visual Basic For Application Guida Pratica per Esempi

Visual Basic For Application Guida Pratica per Esempi 2016 Visual Basic For Application Guida Pratica per Esempi Ing. Nicola Cappuccio 02/04/2016 1. VBA - Visual Basic For Application... 2 1.1. Come creare una Macro... 2 Attivare l opzione di sviluppo in

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione al VBScript

Corso basi di dati Introduzione al VBScript Corso basi di dati Introduzione al VBScript Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre IL VBScript In Microsoft Visual Basic Scripting Edition, il linguaggio di programmazione

Dettagli

5 Array Cicli iterativi Contenuto di cella 28/02/2014 Copyright V. Moriggia 1

5 Array Cicli iterativi Contenuto di cella 28/02/2014 Copyright V. Moriggia 1 Informatica per la Finanza 5 Array Cicli iterativi Contenuto di cella 28/02/2014 Copyright 2005-2013 V. Moriggia 1 28/02/2014 7.2 ARRAY V. Moriggia 1 28/02/2014 5.3 Esercizio Trovare il maggiore tra 3

Dettagli

ASP 3.0 Il Sito Dinamico

ASP 3.0 Il Sito Dinamico www.idstudio.it ASP 3.0 Il Sito Dinamico di Lorenzo Garassino Introduzione e scopo del libro 1. Scenario 1.1. Il panorama 1.2. Sito Statico o Dinamico? 1.3. Prospettive 2. Cos è ASP 2.1. Descrizione 2.2.

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 10

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 10 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 10 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti La

Dettagli

IMPOSTAZIONI DI EXCEL. Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel:

IMPOSTAZIONI DI EXCEL. Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel: Impostazioni di Excel IMPOSTAZIONI DI EXCEL Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel: Excel Options / Popular oppure Excel Options / Customize ribbon selezionare:

Dettagli

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali:

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: 1 Tipi di dati 1 Tipi di dati Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: Tutto è un oggetto Tutto eredita implicitamente

Dettagli

Automazione Excel con Visual Basic (base)

Automazione Excel con Visual Basic (base) Automazione Excel con Visual Basic (base) Docente: Lucio Benussi Descrizione del corso e obiettivi Visual Basic for Applications (VBA) è un ambiente di sviluppo software, inserito all interno di tutti

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 9 Raffaella Gentilini 1 / 41 Sommario 1 DBMS Attivi e Triggers 2 2 / 41 DBMS Attivi DBMS Attivi I DBMS tradizionale sono passivi: Eseguono delle operazioni solo

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Codice binario. Codice. Codifica - numeri naturali. Codifica - numeri naturali. Alfabeto binario: costituito da due simboli

Codice binario. Codice. Codifica - numeri naturali. Codifica - numeri naturali. Alfabeto binario: costituito da due simboli Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di un alfabeto il dato corrispondente è detta codice. Un codice mette quindi in relazione le successioni di simboli con il significato

Dettagli

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2003-2004 Visual Basic for Application in Access 2000 Alessandro Lubisco Indice Definizioni...5 Istruzione...5 Variabile...5 Espressione...5 Espressione numerica...5

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione Rappresentazione dei numeri

Calcolo numerico e programmazione Rappresentazione dei numeri Calcolo numerico e programmazione Rappresentazione dei numeri Tullio Facchinetti 16 marzo 2012 10:54 http://robot.unipv.it/toolleeo Rappresentazione dei numeri nei calcolatori

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

FACCIAMO ALCUNE MACRO

FACCIAMO ALCUNE MACRO VBA = Visual Basic for Application Alcuni termini: In generale MACRO = sequenza di programmi che possono essere eseguiti a seguito di un unico comando In particolare MACRO = sequenza di comandi creata

Dettagli

Somma di numeri binari

Somma di numeri binari Fondamenti di Informatica: Codifica Binaria dell Informazione 1 Somma di numeri binari 0 + 0 = 0 0 + 1 = 1 1 + 0 = 1 1 + 1 = 10 Esempio: 10011011 + 00101011 = 11000110 in base e una base Fondamenti di

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE TERMOMETRI SITEL CONTROL SERIE A BASSA TEMPERATURA

MANUALE OPERATIVO PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE TERMOMETRI SITEL CONTROL SERIE A BASSA TEMPERATURA SITEL Control srl Via Arnesano, 4 20030 Palazzolo Milanese Milano Italia Tel. +39-02-99045994 / Fax +39-02-9101082 e-mail: sitelcontrol@sitelcontrol.it / http://www.sitelcontrol.it MANUALE OPERATIVO PROTOCOLLO

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

per le decisioni economiche e

per le decisioni economiche e Elaborazione automatica dei dati per le decisioni economiche e finanziarie VBA-MODULO 2 L ambiente VBA e la programmazione Università di Foggia Facoltà di Economia Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it

Dettagli

Esercitazione. Excel: le macro. C.1 Registrazione di macro

Esercitazione. Excel: le macro. C.1 Registrazione di macro Esercitazione Excel: le macro C.1 Registrazione di macro Se una serie di operazioni viene eseguita frequentemente, è possibile creare una macro che esegua automaticamente tali operazioni quando viene richiamata.

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Problema Algoritmo Programma Progettista Programmatore Progetto Programma Esecutore Computer Comittente Utente Dal problema all algoritmo Problema Risolutore ed esecutore Algoritmo

Dettagli

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco Strutture dati e loro organizzazione Gabriella Trucco Introduzione I linguaggi di programmazione di alto livello consentono di far riferimento a posizioni nella memoria principale tramite nomi descrittivi

Dettagli

3. Le routine evento in Access 2000/2003

3. Le routine evento in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 3. Le routine evento in Access 2000/2003 Le routine evento possono essere associate a un singolo controllo grafico (caselle di testo, pulsanti di comando, ecc.) presente all interno di una

Dettagli

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili La presente

Dettagli

La ricerca dicotomica

La ricerca dicotomica La ricerca dicotomica Se l array è ordinato, la ricerca di un elemento può essere realizzata in modo più efficiente rispetto alla ricerca sequenziale, utilizzando la ricerca dicotomica. Si usa il termine

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti Variabili

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 10 anno accademico Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 10 anno accademico Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 10 anno accademico 2016-2017 Mario Verdicchio Esercizio Scrivere un programma che, data una sequenza di 10 interi (scelta dall utente), la ordini in ordine crescente Soluzione

Dettagli

PASCAL standard. Il linguaggio PASCAL nasce come evoluzione del linguaggio ALGOL60 (ALGOrithmic Language) nel 1968 ad opera di N. Wirth.

PASCAL standard. Il linguaggio PASCAL nasce come evoluzione del linguaggio ALGOL60 (ALGOrithmic Language) nel 1968 ad opera di N. Wirth. PASCAL standard Il linguaggio PASCAL nasce come evoluzione del linguaggio ALGOL60 (ALGOrithmic Language) nel 1968 ad opera di N. Wirth. Nb: primi linguaggi furono: Fortran, Algol, Ada, Cobol (cfr testo)

Dettagli

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Cosa è il C++ E un linguaggio di programmazione derivato dal C Può essere usato per modificare il SO Unix e i suoi derivati (Linux)

Dettagli

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA A tutti i soggetti che intraprendono un attività rilevante ai fini Iva (impresa, arte, professione), al momento della presentazione della dichiarazione

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini Gli algoritmi e la risoluzione di problemi

Informatica Generale Andrea Corradini Gli algoritmi e la risoluzione di problemi Informatica Generale Andrea Corradini 12 - Gli algoritmi e la risoluzione di problemi Sommario Che significa risolvere un problema? Algoritmi e programmi Rappresentazione di algoritmi Lo pseudocodice Primitive

Dettagli

Algoritmi e dintorni: La radice quadrata Prof. Ettore Limoli. Formule iterative

Algoritmi e dintorni: La radice quadrata Prof. Ettore Limoli. Formule iterative Algoritmi e dintorni: La radice quadrata Prof. Ettore Limoli Formule iterative L algoritmo che, comunemente, viene presentato a scuola per l estrazione della radice quadrata è alquanto laborioso e di scarsa

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

La sintassi del C APPENDICE H

La sintassi del C APPENDICE H APPENDICE H La sintassi del C Nella notazione della sintassi utilizzata, le categorie sintattiche (non terminali) sono state indicate da uno stile tipografico in corsivo, mentre le parole letterali e i

Dettagli

Lezione 7: La Formalizzazione degli Algoritmi - Strutture di Controllo e Selettive La Programmazione Strutturata (3 p) Giovedì 21 Ottobre 2010

Lezione 7: La Formalizzazione degli Algoritmi - Strutture di Controllo e Selettive La Programmazione Strutturata (3 p) Giovedì 21 Ottobre 2010 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente : Ing. Anno Accademico 2010-2011 Lezione 7: La Formalizzazione degli Algoritmi - Strutture di Controllo

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Rimuovere la password dalle protezioni di foglio e cartella in Excel

Rimuovere la password dalle protezioni di foglio e cartella in Excel Rimuovere la password dalle protezioni di foglio e cartella in Excel Inviato da Roberto giovedì 24 gennaio 2008 Ultimo aggiornamento venerdì 13 giugno 2008 Il Blog di Excelvba Probabilmente il commento

Dettagli

LA CODIFICA DELL INFORMAZIONE. Introduzione ai sistemi informatici D. Sciuto, G. Buonanno, L. Mari, McGraw-Hill Cap.2

LA CODIFICA DELL INFORMAZIONE. Introduzione ai sistemi informatici D. Sciuto, G. Buonanno, L. Mari, McGraw-Hill Cap.2 LA CODIFICA DELL INFORMAZIONE Introduzione ai sistemi informatici D. Sciuto, G. Buonanno, L. Mari, McGraw-Hill Cap.2 Codifica dati e istruzioni Per scrivere un programma è necessario rappresentare istruzioni

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 4 Variabili di tipo primitivo. Dichiarazione di costanti Conversioni di tipo: operatore cast Altri operatori di assegnamento Operazioni aritmetiche e di confronto

Dettagli

www.mtcube.com Manuale di ASP

www.mtcube.com Manuale di ASP Manuale di ASP Sommario degli argomenti Che cosa sono le Active Server Pages... 3 Struttura, creazione ed esecuzione della pagina Asp... 3 Variabili e tipi di dati... 4 Numero Intero... 4 Numeri in virgola

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori

Aritmetica dei Calcolatori Aritmetica dei Calcolatori Nicu Sebe March 14, 2016 Informatica Nicu Sebe 1 / 34 Operazioni su Bit Bit Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione Abbiamo visto come i computer

Dettagli

Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso. Sviluppo del software

Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso. Sviluppo del software Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso F. Corno, A. Lioy, M. Rebaudengo Sviluppo del software problema idea (soluzione) algoritmo (soluzione formale) programma (traduzione dell

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE!

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! Il potere espressivo di un linguaggio è! caratterizzato da:! quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente)! quali istruzioni

Dettagli

Istruzioni iterative (o cicliche)

Istruzioni iterative (o cicliche) Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Istruzioni iterative (o cicliche) Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria

Dettagli

Il linguaggio C. Notate che...

Il linguaggio C. Notate che... Il linguaggio C Notate che... 1 Il C è un linguaggio a blocchi int main (void) { blocco } 2 Il C è un linguaggio a blocchi (2) Non è possibile mischiare dichiarazioni e comandi! int main (void) { } Dichiarazione

Dettagli

Programmazione. 1 Introduzione. Tutto per la gloria di Dio.

Programmazione. 1 Introduzione. Tutto per la gloria di Dio. Programmazione Tutto per la gloria di Dio. 1 Introduzione Un programma è un piano di azione che deve essere eseguito da un esecutore, di solito uno strumento automatico, la maggior parte delle volte un

Dettagli

Al termine del capitolo, si sarà in grado di: Importante 209

Al termine del capitolo, si sarà in grado di: Importante 209 7 Controllo di Visual Basic Al termine del capitolo, si sarà in grado di: Utilizzare istruzioni condizionali. Creare cicli utilizzando tre diversi blocchi. Recuperare i nomi dei file di una cartella. Creare

Dettagli

Basi di dati SQL. Standardizzazione di SQL. Linguaggi di Interrogazione: SQL. Prof.Angela Bonifati

Basi di dati SQL. Standardizzazione di SQL. Linguaggi di Interrogazione: SQL. Prof.Angela Bonifati Basi di dati Linguaggi di Interrogazione: SQL Prof.Angela Bonifati 1 SQL Il nome stava per Structured Query Language Più che un semplice linguaggio di query: si compone di una parte DDL e di una DML DDL:

Dettagli

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 17 Marzo 2015 Compitini Compitini di INFO: 24 Aprile 2015 4.15pm @ C.G.1 (Ed. 9) 21

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Il concetto di tipo (reprise) Nome che indica

Dettagli

Variabili. Tipi di dati di base. Variabili. Variabili

Variabili. Tipi di dati di base. Variabili. Variabili Variabili 2 Tipi di dati di base Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione in C Porzioni di memoria RAM usate per mantenere dati variabili nel tempo La definizione di una variabile riserva

Dettagli

MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL

MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL La struttura di ripetizione o iterativa o ciclo Essa, in generale, consente di ripetere l esecuzione di una porzione di algoritmo più volte,

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 2 Cicli e anomalie

Introduzione a Visual Basic Lezione 2 Cicli e anomalie a Visual Basic Lezione 2 Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Perché i cicli? Un esempio concreto Finora abbiamo visto

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Excel VBA Lezione 17. Generare numeri casuali

Excel VBA Lezione 17. Generare numeri casuali Tutorial 1: La tombola Generare numeri casuali Generare numeri casuali Nei moduli precedenti del corso ci siamo occupati delle basi di VBA, da questa lezione in avanti vi proponiamo dei mini progetti in

Dettagli

Università Politecnica delle Marche - Facoltà di Ingegneria Ing. Informatica e Automatica - Ing. Logistica e Produzione

Università Politecnica delle Marche - Facoltà di Ingegneria Ing. Informatica e Automatica - Ing. Logistica e Produzione ANALISI NUMERICA - Primo Parziale - TEMA A PARTE I. Si chiede allo studente di trattare i seguenti argomenti nel modo più completo possibile. 1. Propagazione degli errori nel caso di operazioni elementari

Dettagli

1 Programmazione orientata agli oggetti

1 Programmazione orientata agli oggetti Visual Basic Lo studio di questa unità può essere affrontato con due modalità differenti. Il lettore che ha già esperienza di programmazione in un linguaggio ad alto livello (QBasic, Pascal, C) può tralasciare

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C(++)

Introduzione alla programmazione in C(++) Testi Testi Consigliati: Introduzione alla programmazione in C(++) A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. D. M. M. Ritchie

Dettagli

Guida alla programmazione in BASIC in StarOffice 8

Guida alla programmazione in BASIC in StarOffice 8 Guida alla programmazione in BASIC in StarOffice 8 Sun Microsystems, Inc. 4150 Network Circle Santa Clara, CA 95054 U.S.A. N. di parte: 819 1329 05 2005 Copyright 2005 Sun Microsystems, Inc. 4150 Network

Dettagli

Preparati per il compito in classe Modulo 5

Preparati per il compito in classe Modulo 5 Preparati per il compito in classe Modulo 5 Hai i dati relativi a una serie di N (con N < 20) cinema, per ogni cinema si conoscono il nome e l incasso. Scrivi un programma che, presi in input tali dati,

Dettagli

Codifica. Rappresentazione di numeri in memoria

Codifica. Rappresentazione di numeri in memoria Codifica Rappresentazione di numeri in memoria Rappresentazione polinomiale dei numeri Un numero decimale si rappresenta in notazione polinomiale moltiplicando ciascuna cifra a sinistra della virgola per

Dettagli

UD4 - MATLAB. M-file. Efficienza degli algoritmi. Formati d uscita

UD4 - MATLAB. M-file. Efficienza degli algoritmi. Formati d uscita UD4 - MATLAB M-file. Efficienza degli algoritmi. Formati d uscita M-files In MatLab è possibile eseguire istruzioni contenute in file esterni; Tali file sono chiamati M-file perché devono avere estensione.m

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

CAPITOLO 15 I COMANDI GENERALIZZATI. Sub MacroSerieFibonacci ( )

CAPITOLO 15 I COMANDI GENERALIZZATI. Sub MacroSerieFibonacci ( ) CAPITOLO 15 I COMANDI GENERALIZZATI In questo capitolo ci occuperemo di un concetto di notevole importanza nella programmazione macro: la generalizzazione di un comando. Vediamo di cosa si tratta. Vogliamo

Dettagli

in termini informali: un algoritmo è una sequenza ordinata di operazioni che risolve un problema specifico

in termini informali: un algoritmo è una sequenza ordinata di operazioni che risolve un problema specifico Click to edit Algoritmo Master title style algoritmo: un insieme ordinato di operazioni non ambigue ed effettivamente computabili che, quando eseguito, produce un risultato e si arresta in un tempo finito

Dettagli

Programma svolto di INFORMATICA. Classe 3 - indirizzo MERCURIO A.S. 2009/2010

Programma svolto di INFORMATICA. Classe 3 - indirizzo MERCURIO A.S. 2009/2010 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE N. DELL ANDRO - Santeramo in Colle (BA) Programma svolto di INFORMATICA Classe 3 - indirizzo MERCURIO A.S. 2009/2010 Proff. Rosalia Barbara Schiavarelli, Antonio Antonicelli

Dettagli

Rappresentazione dei numeri reali in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri reali in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri reali in un calcolatore Lezione 3 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione di numeri

Dettagli

Aritmetica in Floating Point

Aritmetica in Floating Point Aritmetica in Floating Point Esempio di non associatività Alcune proprietà delle operazioni in aritmetica esatta possono non valere in aritmetica finita in virgola mobile (floating point). Ad esempio:

Dettagli

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Un linguaggio ad alto livello deve offrire degli strumenti per: rappresentare le informazioni di interesse dell algoritmo definire le istruzioni che costituiscono

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Variabili e Istruzioni

Variabili e Istruzioni Exit Menù Variabili e Istruzioni 1 Le Variabili Una VARIABILE è un oggetto identificato da un NOME e da uno STATO, detto CONTENUTO o VALORE. Possiamo immaginarla come una scatola contenuto Pippo 11 nome

Dettagli

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella le cui righe e colonne si intersecano in celle Le celle possono contenere differenti dati Numeri

Dettagli

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL In informatica il Pascal è un linguaggio di programmazione creato da Niklaus Wirth ed é un linguaggio di programmazione strutturata. I linguaggi di programmazione

Dettagli

LE STRUTTURE IN PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

LE STRUTTURE IN PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER LE STRUTTURE IN PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) DIS - Università degli Studi di Napoli Federico II Istruzioni di selezione Linguaggio ad alto livello Assembler

Dettagli

Programmazione in E-Prime

Programmazione in E-Prime Programmazione in E-Prime Introduzione Dati Operazioni Controllo del Flusso Interazione con E-Prime Referenze: (1) Eprime User's Guide, Capitolo 4 (2) Eprime Reference Guide, Capitolo 2 12/03/09 http://www.stoianov.it

Dettagli

Unità Didattica 2 Rappresentazione dei Dati

Unità Didattica 2 Rappresentazione dei Dati Unità Didattica Rappresentazione dei Dati Codiica dell Inormazione Ad un calcolatore le inormazioni sono ornite come sequenze di caratteri alanumerici (alabeto esterno [6 lettere maiuscole e minuscole,

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti e operatori Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 RICHIAMI char 8 bit Valori interi

Dettagli

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili Linguaggio C Argomenti Avanzati! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili 2 ! Il C consente di associare ai tipi di dati nomi definiti dal programmatore, mediante la parola chiave typedef! Dal punto

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1 1) Dato un diagramma di flusso quali sono le condizioni necessarie perché si possa costruire un programma corrispondente?

Dettagli

Rappresentazione di Numeri Reali. Rappresentazione in virgola fissa (fixed-point) Rappresentazione in virgola fissa (fixed-point)

Rappresentazione di Numeri Reali. Rappresentazione in virgola fissa (fixed-point) Rappresentazione in virgola fissa (fixed-point) Rappresentazione di Numeri Reali Un numero reale è una grandezza continua Può assumere infiniti valori In una rappresentazione di lunghezza limitata, deve di solito essere approssimato. Esistono due forme

Dettagli