Lezioni di Politica Economica Europea Anno Accademico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni di Politica Economica Europea Anno Accademico"

Transcript

1 Sapienza Università di Roma Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche Lezioni di Politica Economica Europea Anno Accademico Dott. Francesco Callisti

2 Sapienza Università di Roma Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche La politica di coesione economica e sociale Programmazione La preparazione di un Programma Operativo

3 QUADRO DELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA UNIONE EUROPEA STATO MEMBRO - ITALIA Quadro Strategico Comune Europa 2020 Metodi e obiettivi Programmi Operativi Position Paper per l Italia Regolamenti UE Accordo di Partenariato Italia PO Nazionali (14) PO Regionali (60) Raccomandazioni UE

4 Quadro Strategico Comune QSC Politica di Coesione Sviluppo Rurale Affari marittimi e Pesca Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione Cooperazione Territoriale Europea FEASR FEAMP FESR FSE FESR

5 Obiettivi EU 2020: Strategia dell Unione per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva Occupazione Innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e 64 anni) R&S Innovazione Aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo ed innovazione al 3% del PIL dell UE (pubblico e privato insieme) Cambiamenti climatici / energia Riduzione delle emissioni di gas serra del 20% (o del 30% se le condizioni lo permettono) rispetto al % del fabbisogno di energia ricavato da fonti rinnovabili Aumento del 20% dell efficienza energetica Istruzione Riduzione degli abbandoni scolastici al di sotto del 20% Aumento del 40% dei 30/34enni con istruzione universitaria Povertà / emarginazione Almeno 20 milioni di persone in situazione di povertà e a rischio emarginazione in meno

6 OBIETTIVI TEMATICI (art. 9 Reg. 1303/2013) 1. Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione 2. Migliorare l'accesso alle TIC, nonché l'impiego e la qualità delle medesime 3. Accrescere la competitività delle PMI 4. Sostenere la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio in tutti i settori 5. Promuovere l'adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi 6. Preservare e tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse 7. Promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete 8. Promuovere un'occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori 9. Promuovere l'inclusione sociale, combattere la povertà e ogni discriminazione 10. Investire nell'istruzione, nella formazione e nella formazione professionale per le competenze e l'apprendimento permanente 11. Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un'amministrazione pubblica efficiente

7 PRINCIPALI REGOLAMENTI COMUNITARI REGOLAMENTI DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO: Reg. (UE) n. 1303/2013 Regolamento Disposizioni Comuni Reg. (UE) n. 1301/2013 Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Reg. (UE) n. 1304/2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) Reg. (UE) n. 1305/2013 Fondo Europeo Agricolo Sviluppo Rurale (FEASR) Reg. (UE) n. 508/2014 Fondo Europeo Affari Marittimi e Pesca (FEAMP) REGOLAMENTI DELEGATI DELLA COMMISSIONE Reg. n. 240/2014 Codice di condotta sul Partenariato Reg. n. 480/2014 Rettifiche finanziarie, Strumenti finanziari, Grandi progetti, Dati per la sorveglianza, Sistema Controlli Reg. n. 522/2014 Azioni innovative per lo sviluppo urbano REGOLAMENTI DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE Reg. n. 288/2014 Modello PO Reg. n. 184/2014 Sistema elettronico di scambio dati fra gli Stati Membri e la CE Reg. n. 215/2014 Cambiamenti climatici, Riserva di efficacia, Categorie di intervento Reg. n. 821/2014 Trasferimento contributi UE, Informazione e comunicazione Reg. n. 964/2014 Termini e condizioni per gli Strumenti finanziari Reg. n.1011/2014 Modelli scambio informazioni (CE Beneficiari AdG AdC AdA)

8 Le innovazioni di Metodi e obiettivi 1. RISULTATI ATTESI (obiettivi definiti quali RA in termini di qualità di vita delle persone e/o opportunità delle imprese) 6. VALUTAZIONE DI IMPATTO (diventa centrale la valutazione di impatto su qualità della vita delle persone e/o le opportunità date alle imprese) 7. PRESIDIO NAZIONALE (viene dato più spazio ad azioni di coprogettazione; il centro potrà assumere più spazio nella gestione di PO) 2. AZIONI (i PO contengono e specificano le Azioni concrete da finanziare) 5. PARTENARIATO MOBILITATO (Il P viene esteso alla fase discendente della programmazione e vengono coinvolti tutti i soggetti interessati) 3. TEMPI PREVISTI E SORVEGLIATI (per ciascuna Azione vengono definiti tempi di esecuzione da monitorare) 4. APERTURA (viene garantita apertura e trasparenza delle informazioni e possibilità di mobilitazione dei soggetti interessati e del partenariato)

9 La programmazione comunitaria di livello nazionale PON Per la Scuola competenze e ambienti per l apprendimento (FESR FSE) PON Sistemi di politiche attive per l occupazione (FSE) PON Inclusione (FSE) PON Città Metropolitane (FESR FSE) PON Governance e capacità istituzionale (FESR FSE) PON Iniziativa Occupazione Giovani (FSE) PON Ricerca e Innovazione (FESR FSE) PON Imprese e competitività (FESR) PON Infrastrutture e reti (FESR) PON Cultura (FESR) PON Legalità (FESR FSE) PON Rete Rurale Nazionale (FEASR) PON Gestione del rischio, infrastrutture, irrigue e biodiversità animale (FEASR) PON FEAMP

10 PREPARAZIONE DI UN PO. COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE CRESCITA INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Identificazione fabbisogni e esigenze Smart Specialisation Strategy PROGRAMMA OPERATIVO 1. Strategia 2. Assi prioritari Priorità investimento Azioni 3. Piano finanziamento 4. Approccio territoriale 5. Zone povertà/esclusione 6. Aree svantaggiate 7. Autorità e Organismi 8. Coordinamento Fondi 9. Condizionalità ex ante 10. Riduzione oneri beneficiari 11. Principi orizzontali 12. Elementi distinti Allegati Partenariato Istituzionale UE/Stato Valutazione ex ante Valutazione Ambientale Strategica Partenariato e governance multilivello

11 Struttura e contenuti di un PO: la Strategia 1. Strategia per il contributo del PO alla strategia dell UE per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e al raggiungimento della coesione economica, sociale e territoriale Descrizione della strategia del PO per contribuire alla realizzazione delle strategie dell Unione Motivazione della scelta degli Obiettivi Tematici (OT) e delle corrispondenti Priorità di investimento (PI), con riguardo all AP dell Italia, sulla base delle esigenze regionali, delle sfide identificate nelle raccomandazioni comunitarie e tenendo conto della Valutazione ex ante Motivazioni della dotazione finanziaria per OT e PI coerentemente con i requisiti di concentrazione tematica tenendo conto della Valutazione ex ante

12 Struttura e contenuti di un PO: la Strategia/1a Esempio di Analisi SWOT: il caso delle TIC PUNTI DI FORZA Politiche per la riduzione del divario digitale (Progetto "Banda Larga nelle Aree rurali della Toscana") Utilizzo degli strumenti digitali nella PA sopra la media italiana sia per fornitura di servizi ai cittadini che per efficienza gestionale OPPORTUNITÀ Efficienza e riduzione dei costi nell erogazione dei servizi della PA Miglioramento dei livelli di partecipazione nei processi decisionali Diffusione di buone pratiche e di sistemi innovativi PUNTI DI DEBOLEZZA Diffusione di Internet superiore alla media italiana ma ancora lontano dai livelli delle regioni europee avanzate Digital divide superiore alla media italiana sia su rete fissa che mobile, in particolar modo nel sud della regione e nelle zone montane Diffusione delle ICT nelle imprese lontano da livelli delle regioni del Nord Italia MINACCE Popolazione dispersa sul territorio in zone di difficile o costosa copertura (aree rurali e montane) Necessità di ulteriori investimenti per passaggio da banda larga a banda ultra larga Rischio di marginalizzazione degli individui impossibilitati ad usare i servizi digitali Divario digitale culturale per alcune fasce di popolazione

13 Struttura e contenuti di un PO: gli Assi prioritari 2. Assi prioritari Priorità di investimento Obiettivi specifici Risultati attesi Azioni da sostenere Tipologia (Gruppi di destinatari, Territori interessati, Tipologia di beneficiari) Principi giuda per la selezione delle operazioni (progetti) Uso di Strumenti finanziari Uso di Grandi progetti Indicatori di output comuni e specifici Quadro di riferimento dell efficacia dell attuazione Categorie di operazioni (settore, forma di finanziamento, tipo di territorio, meccanismi territoriali di attuazione)

14 OBIETTIVI TEMATICI: le Priorità di Investimento (art. 5 Reg. 1301/2014 FESR). Il caso delle TIC OT 2. Migliorare l'accesso alle TIC, nonché l'impiego e la qualità delle medesime Priorità di Investimento a. Estendendo la diffusione della banda larga e il lancio delle reti ad alta velocità e sostenendo l adozione di reti e tecnologie emergenti in materia di economia digitale b. Sviluppando i prodotti e i servizi delle TIC, il commercio elettronico e la domanda di TIC c. Rafforzando le applicazioni delle TIC per l e-government, l elerning, l e-inclusion, l e-culture, l e-health

15 Struttura e contenuti di un PO: il Piano di finanziamento 3. Piano di finanziamento Il Piano di finanziamento del PO evidenzia la concreta applicazione del principio del cofinanziamento. Il Piano di finanziamento è articolato in tabelle che riportano in particolare: la dotazione finanziaria del Fondo (es. FESR) e gli importi della dotazione principale e della riserva di efficacia (6% della dotazione totale del PO), articolata per ciascun anno ( ) la dotazione finanziaria del Fondo (es. FESR) e della Contropartita nazionale, articolata in Finanziamento pubblico nazionale (Stato- Regione) e Finanziamento nazionale privato. Anche in questo caso vengono specificati gli importi della dotazione principale e della riserva di efficacia

16 Struttura e contenuti di un PO 4. Approccio integrato alla sviluppo territoriale Sviluppo locale di tipo partecipativo (SLTP): descrizione dell approccio all uso di strumenti per lo SLTP e principi per l individuazione delle aree in cui saranno attuati. L uso di SLTP è opzionale per l attuazione di FESR, FSE e FEAMP. Per il FEASR è prevista una soglia di spesa minima del 5% in ciascun PSR. Principi caratteristici: i) concentrazione su territori subregionali specifici (urbani, rurali, costieri, transfrontalieri o un insieme di questi); ii) partecipativo: guidato da gruppi di azione locale (partenariati pubblico-privati); iii) attuato attraverso strategie territoriali di sviluppo locale integrate e multisettoriali; iv) definito tenendo conto dei bisogni e delle potenzialità locali Azioni integrate per lo sviluppo urbano sostenibile: azioni integrate per fare fronte alle sfide economiche, ambientali, climatiche, demografiche e sociali che si presentano nelle aree urbane, tenendo conto anche dell esigenza di promuovere i collegamenti tra aree urbane e rurali. Viene definito l importo indicativo del FESR e del FSE alle azioni integrate. Il SUS può essere intrapreso per mezzo di ITI o di un Asse prioritario specifico in cui possono intervenire più OT e Priorità di investimento. Le città sono responsabili delle strategie di SUS (Autorità Urbane). Investimenti Territoriali Integrati (ITI): approccio all uso degli ITI e loro dotazione finanziaria indicativa a carico di ogni Asse Prioritario del PO. Obiettivo dell ITI è promuovere un approccio integrato alla pianificazione delle strategie di sviluppo urbano / altre strategie di sviluppo territoriale anche allo scopo di potenziare il ruolo dei territori all interno del contesto della politica di coesione. Il presupposto di fondo è che il successo nello sviluppo territoriale possa essere più efficacemente raggiunto attraverso un approccio integrato alle diverse dimensioni della vita

17 Struttura e contenuti di un PO 5. Esigenze specifiche di zone geografiche particolarmente colpite dalla povertà o dei gruppi bersaglio a più alto rischio di discriminazione o esclusione sociale Zone geografiche particolarmente colpite dalla povertà o dei gruppi bersaglio a più alto rischio di discriminazione Strategia adottata per rispondere alle esigenze specifiche di zone geografiche particolarmente colpite dalla povertà o dei gruppi bersaglio a più alto rischio di discriminazione o esclusione sociale e, se pertinenti, contributo all approccio integrato previsto nell Accordo di Partenariato 6. Esigenze specifiche di zone geografiche affette da svantaggi naturali o demografici gravi o permanenti Delineazione delle modalità con le quali sono affrontate le sfide demografiche delle regioni ovvero le esigenze specifiche delle aree affette da svantaggi demografici o naturali gravi e permanenti e contributo all approccio integrato definito nell Accordo di Partenariato a tale scopo. L AP ha delineato la Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI) attraverso una mappatura di tali aree

18 Struttura e contenuti di un PO 7. Autorità e organismi responsabili della gestione, del controllo e dell audit e ruolo dei partner pertinenti AUTORITÀ Autorità di Gestione (AdG) Autorità di Certificazione (AdC) Autorità di Audit (AdA) Organismo che riceve i pagamenti della CE PARTNER Coinvolgimento dei Partner pertinenti nella preparazione, nell attuazione, sorveglianza e valutazione del PO: Autorità cittadine e altre Autorità pubbliche competenti Parti economiche e sociali Organismi che rappresentano la società civile, compresi i partner ambientali, le organizzazioni non governative e gli organismi di promozione dell inclusione sociale, della parità di genere e della non discriminazione

19 Struttura e contenuti di un PO 8. Coordinamento tra i Fondi FESR e FSE, il FEASR, FEAMP e altri strumenti di finanziamento dell UE e nazionali Descrizione dei meccanismi volti a garantire il coordinamento tra i Fondi, il FESR e il FEAMP, nonché con gli altri strumenti di finanziamento dell Unione e nazionali e con la Banca Europea degli Investimenti (BEI) tenendo conto delle pertinenti disposizioni del Quadro Strategico Comune (QSC) 9. Condizionalità ex ante Informazioni e valutazione dell applicabilità delle condizioni ex ante e sull ottemperanza delle stesse (criteri non soddisfatti, azioni da intraprendere, termine/data, organismi responsabili). In particolare: Condizionalità ex ante generali (antidiscriminazione, parità di genere, disabilità, appalti pubblici, aiuti di stato, sistemi statistici e indicatori di risultato, ) Condizionalità ex ante tematiche (disponibilità Smart Specialisation Strategy, Piano nazionale o regionali di reti di NGN, requisiti inerenti le prestazioni energetiche degli edifici, ) 10. Riduzione degli oneri amministrativi per i beneficiari Sintesi della valutazione degli oneri amministrativi a carico dei beneficiari e, ove necessario, le azioni pianificate corredate di un indicazione temporale per la riduzione di tali oneri

20 11. Principi orizzontali Struttura e contenuti di un PO SVILUPPO SOSTENIBILE Descrizione dell azione specifica per provvedere alle esigenze di protezione ambientale, di uso efficiente delle risorse, di miglioramento dei cambiamenti climatici e di adattamento ai medesimi, di resilienza alle catastrofi, di prevenzione e gestione dei rischi nella scelta delle operazioni da finanziare PARI OPPORTUNITÀ E NON DISCRIMINAZIONE Viene descritta l azione specifica per promuovere le PO e prevenire le discriminazioni fondate su sesso, razza, origine etnica, religione o convinzioni personali, disabilità, età od orientamento sessuale, durante la preparazione, la definizione e l attuazione del PO, in particolare per quanto riguarda l accesso ai finanziamenti e l obbligo di garantire l accessibilità alle persone disabili PARITÀ TRA UOMINI E DONNE Descrizione del contributo alla promozione della parità tra uomini e donne e, se del caso, le modalità per garantire l integrazione della prospettiva di genere a livello di PO e di operazione 12. Elementi distinti Grandi Progetti Quadro di riferimento dell efficienza dell attuazione Partner pertinenti coinvolti nella preparazione del PO

21 Struttura e contenuti di un PO Allegati Relazione della Valutazione ex ante Sintesi della Valutazione ex ante Valutazione dell applicabilità delle condizionalità ex ante e sull ottemperanza delle stesse Parere degli Organismi nazionali per la parità Sintesi del PO per i cittadini

Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana

Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana Priorità della programmazione 2014-2020 in Sicilia Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana Emanuele Villa Istituto Arrupe Palermo, 21 maggio 2014 Priorità della programmazione 2014-2020

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Le Condizionalità Gli Obiettivi Tematici Obiettivi Tematici e Condizionalità

Le Condizionalità Gli Obiettivi Tematici Obiettivi Tematici e Condizionalità Premessa: Il Contesto 1. La strategia Priorità e Obiettivi Crescita Intelligente Crescita Sostenibile Crescita Inclusiva 2. Il Quadro Normativo AGENDA Le Condizionalità Gli Obiettivi Tematici Obiettivi

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE Bozza in progress Maggio 2012 Indice Sezione 1 Strategia

Dettagli

POR FESR Lazio 2014-2020 Obiettivi generali e opportunità

POR FESR Lazio 2014-2020 Obiettivi generali e opportunità POR FESR Lazio 2014-2020 Obiettivi generali e opportunità Rosanna Bellotti Autorità di Gestione del POR FESR Lazio 2014-2020 Tavolo di Partenariato 16 Giugno 2015 L ambito di intervento del POR FESR Lazio

Dettagli

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima Il quadro normativo Le proposte di Regolamento per la programmazione 2014-2020 vedono alcune innovazioni rispetto all attuale periodo di programmazione di particolare rilevanza e impatto per la definizione

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione Accordo di partenariato 2014-2020 I fondi europei per la coesione 4 Novembre 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione(o politica regionale comunitaria)

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Da Lisbona a Europa 2020

Da Lisbona a Europa 2020 Da Lisbona a Europa 2020 La Strategia Europa 2020 del 2010 sostituisce la Strategia di Lisbona del 2000 e delinea le grandi direttrici politiche per stimolare lo sviluppo e l occupazione nell Ue. Si sostiene

Dettagli

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Michele Migliori Direzione Generale Programmazione Territoriale Intese Relazioni europee e internazionali

Dettagli

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana Sarebbe quindi un modo originale di vivere quello di chi tentasse una buona volta di non comportarsi come un individuo definito in un mondo definito dove, direi non c è che da girare due o tre bottoni

Dettagli

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici Cosimo Antonaci 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione (o politica regionale comunitaria) è la politica

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

"USCIRE DALLA TRAPPOLA DEL NON SVILUPPO"

USCIRE DALLA TRAPPOLA DEL NON SVILUPPO LA NUOVA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 "USCIRE DALLA TRAPPOLA DEL NON SVILUPPO" Viviana Ruggeri Ricercatrice Delegata USB L ABC sui Fondi Strutturali e di Investimento Europei: SIE I fondi

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

Uno sguardo al futuro: La programmazione 2014-2020

Uno sguardo al futuro: La programmazione 2014-2020 Uno sguardo al futuro: La programmazione 2014-2020 1 Indice 1. Elementi sostanziali della riforma della politica di coesione 2. L impianto generale della programmazione e della regolamentazione 3. Il Position

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 La PAC e le donne La PAC non è una politica rosa L agricoltura è ancora

Dettagli

Le opportunità di finanziamento per l efficientamento energetico

Le opportunità di finanziamento per l efficientamento energetico Le opportunità di finanziamento per l efficientamento energetico Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE SENIGALLIA, 26 giugno 2015 Cinque Fondi strutturali

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei DEPARTMENT PROGETTI EUROPEI, SVILUPPO E INNOVAZIONE EUROPEAN PROJECTS, DEVELOPMENT & INNOVATION Miguel Carrero (Head of Department) Flavio Tonetto (CEO SINERGIA) GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

I Fondi strutturali: obiettivi generali ed opportunità per il territorio.

I Fondi strutturali: obiettivi generali ed opportunità per il territorio. I Fondi strutturali: obiettivi generali ed opportunità per il territorio. L esempio della Regione Lazio Estratto dalle slide dall Evento di lancio della Programmazione Unitaria dei Fondi SIE 2014-2020

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 Le opportunità: due grandi filoni diversi ma complementari I programmi

Dettagli

I nuovi regolamenti per il periodo 2014-2020. Olga Turrini Trento, 15 aprile 2014

I nuovi regolamenti per il periodo 2014-2020. Olga Turrini Trento, 15 aprile 2014 I nuovi regolamenti per il periodo 2014-2020 Olga Turrini Trento, 15 aprile 2014 I nuovi Regolamenti Regolamento generale n.1303/2013 FSE n.1304/2013 FESR n.1301/2013 FEASR n.1305/2013 Il Regolamento Generale

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 1 Legenda FSE = Fondo Sociale Europeo FESR = Fondo Europeo Sviluppo Regionale PAC = Piano Azione di Coesione FEARS = Sviluppo rurale FEAMP = Affari marittimi e pesca

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

I fondi europei a gestione indiretta 2014-2020. Obiettivo Europa srl - www.obiettivoeuropa.it - dr.ssa Barbara Chiavarino

I fondi europei a gestione indiretta 2014-2020. Obiettivo Europa srl - www.obiettivoeuropa.it - dr.ssa Barbara Chiavarino I fondi europei a gestione indiretta 2014-2020 Al gruppo dei finanziamenti indiretti appartengono i cosiddetti Fondi strutturali e il Fondo di coesione. Questi strumenti finanziari attuano la politica

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Regione Umbria Perché un Agenda urbana nella nuova programmazione 2014-2020 delle risorse europee Le città Motori della crescita e di poli di creatività e innovazione

Dettagli

Strategie di ripresa UE 2020: le priorità per la Smart Specialization Strategy. Potenza, Unibas, 15 gennaio 2014 (II parte seminario)

Strategie di ripresa UE 2020: le priorità per la Smart Specialization Strategy. Potenza, Unibas, 15 gennaio 2014 (II parte seminario) Strategie di ripresa UE 2020: le priorità per la Smart Specialization Strategy Potenza, Unibas, 15 gennaio 2014 (II parte seminario) Ue 2020 : le sfide dei 28 paesi membri Competitività globale : imprese

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi EDITORIALE 505 I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea Brunetta Baldi L avvio del ciclo 2014-2020 della politica di coesione europea merita una riflessione che trova spazio in questo numero

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 Direzione Affari economici e Centro Studi Ing. Romain Bocognani «I finanziamenti europei diretti ed indiretti per il settore delle

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Programma Operativo. Investimenti a favore della crescita e dell occupazione FESR 2014-2020. della Provincia Autonoma di Bolzano

Programma Operativo. Investimenti a favore della crescita e dell occupazione FESR 2014-2020. della Provincia Autonoma di Bolzano Programma Operativo Investimenti a favore della crescita e dell occupazione FESR 2014-2020 della Provincia Autonoma di Bolzano Strategia e assi prioritari BOZZA 2 Dicembre 2013 Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

CONTRIBUTO DELLE REGIONI PER UN AGENDA DIGITALE AL SERVIZIO DELLA CRESCITA DEL PAESE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

CONTRIBUTO DELLE REGIONI PER UN AGENDA DIGITALE AL SERVIZIO DELLA CRESCITA DEL PAESE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/073/CR11bis/C2 CONTRIBUTO DELLE REGIONI PER UN AGENDA DIGITALE AL SERVIZIO DELLA CRESCITA DEL PAESE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Roma, 24 luglio

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Allegato A) REGIONE TOSCANA Giunta Regionale STRUTTURA E ARTICOLAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE CRESCITA E OCCUPAZIONE FESR TOSCANA 2014-2020 (POR CREO FESR TOSCANA 2.0) AGGIORNAMENTO e REVISIONE

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI EUROPEI 2014-2020: LE POLITICHE EUROPEE E LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO

LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI EUROPEI 2014-2020: LE POLITICHE EUROPEE E LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI EUROPEI 2014-2020: LE POLITICHE EUROPEE E LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Percorso formativo «Protagoniste nei governi locali» Incontro 4 Assistenza tecnica S.&.T. s.c. via

Dettagli

ROMANIA FONDI EUROPEI 2014-2020

ROMANIA FONDI EUROPEI 2014-2020 ROMANIA FONDI EUROPEI 2014-2020 Page2 Dal 1 gennaio 2007 la Romania fa parte dell Unione Europea e ha la possibilità di accedere ai Fondi Strutturali, strumenti finanziari di cui si è dotata l Unione per

Dettagli

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Presentazione Attraverso questo documento si vuole offrire a una breve presentazione dei principali elementi del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

GIUNTA REGIONALE TOSCANA

GIUNTA REGIONALE TOSCANA GIUNTA REGIONALE TOSCANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione Vers. n.04 Novembre 2014 1 INDICE SEZIONE 1 - STRATEGIA PER IL CONTRIBUTO

Dettagli

IL POR MARCHE FESR 2014/2020. Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015

IL POR MARCHE FESR 2014/2020. Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015 IL POR MARCHE FESR 2014/2020 Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015 Proposta Regolamento tutti i Fondi: Undici obiettivi tematici 1.

Dettagli

Regione Liguria Programmazione 2014-2020

Regione Liguria Programmazione 2014-2020 Regione Liguria Programmazione 2014-2020 Genova, 15.03.2013 DISPONIBILITA PROGRAMMI 2007/2013 (IN M ) DI FONDI STRUTTURALI/NAZIONALI POR FESR PORFSE PSR FEASR PESCA FEAMP (ex FEP) PARFAS ora FSC OB.3 FESR

Dettagli

ASSE PRIORITARIO 2 SVILUPPO DELL AGENDA DIGITALE

ASSE PRIORITARIO 2 SVILUPPO DELL AGENDA DIGITALE ASSE PRIORITARIO 2 SVILUPPO DELL AGENDA DIGITALE 2.2.1 ID e Titolo ID dell'asse prioritario 2 Titolo dell'asse prioritario Sviluppo dell Agenda digitale L'intero asse prioritario sarà attuato unicamente

Dettagli

Politica di coesione 2014-2020

Politica di coesione 2014-2020 Unione europea Politica di coesione Politica di coesione 2014-2020 Investire nella crescita e nell occupazione http://ec.europa.eu/inforegio Sommario 1 Proposte legislative per la politica di coesione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 282 del 18/07/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 282 del 18/07/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 282 del 18/07/2014 Dipartimento 51 Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 3 Internazionalizzazione e Rapporti con l'unione Europea del Sistema Regionale

Dettagli

Bilingue: Italiano & Francese. I due dipartimenti francesi del Var e delle Alpi-Marittime (PACA) sono le new entry!

Bilingue: Italiano & Francese. I due dipartimenti francesi del Var e delle Alpi-Marittime (PACA) sono le new entry! Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana, Sardegna Dove? Punto di incontro nel Mediterraneo del Mar Ligure e del Tirreno Quanti? Più di 6,5 milioni di abitanti Come? Un Programma

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME Prospettive future per la regione Adriatica nella Cooperazione Territoriale Europea L Aquila 14 Aprile 2014 Avv. Paola Di Salvatore Autorità di Gestione Programma IPA Adriatic

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

GIUNTA REGIONALE TOSCANA

GIUNTA REGIONALE TOSCANA GIUNTA REGIONALE TOSCANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione (Vers. 1.2) Febbraio 2015 1 INDICE SEZIONE 1 - STRATEGIA PER IL

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna 1 La Cooperazione Territoriale Europea si inserisce nell ampio panorama di interventi programmati dalla Comunità Europea

Dettagli

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014)

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) La dotazione iniziale del Programma Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) Sicilia 2007/2013 che era pari a euro 6.539.605.100

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 Giovedi, 11 Giugno 2015 Ore 10.30 Piazza Gardone Riviera Pescara - Europaurum Il POR

Dettagli

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Pietro Cecchinato Monselice 21 luglio 2015 Sezione Programmazione e Autorità di Gestione FESR I PRINCIPI BASILARI Il Programma Operativo Regionale (POR),

Dettagli

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili Bologna, 14 maggio 2014 Silvia Grandi Responsabile Servizio Intese Istituzionali e Programmi

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

La Programmazione Comunitaria 2014/2020: Sfide e Opportunità per le cooperative. Cagliari, 26 Febbraio 2015

La Programmazione Comunitaria 2014/2020: Sfide e Opportunità per le cooperative. Cagliari, 26 Febbraio 2015 La Programmazione Comunitaria 2014/2020: Sfide e Opportunità per le cooperative Cagliari, 26 Febbraio 2015 Cagliari, 26 febbraio 2015 I temi della comunicazione 2 Cagliari, 26 febbrraio 2015 3 La nuova

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento NUOVE OPPORTUNITÀ DALL EUROPA Annamaria Leuzzi Autorità di Gestione del PON Verona, 21 Novembre 2014

Dettagli

Programmi di investimento per la Ricerca e Innovazione nei trasporti della Puglia

Programmi di investimento per la Ricerca e Innovazione nei trasporti della Puglia Programmi di investimento per la Ricerca e Innovazione nei trasporti della Puglia PO FESR Puglia 2014-2020 Asse prioritario VII Sistemi di trasporto e infrastrutture di rete Carmela Iadaresta Dirigente

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Allegato A al Decreto n. del pag. 1/32 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Regionale Programmazione PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 ORIENTAMENTI

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO FESR REGIONE MARCHE 2014-2020

SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO FESR REGIONE MARCHE 2014-2020 SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E POLITICHE COMUNITARIE P.F. POLITICHE COMUNITARIE AUTORITÀ DI GESTIONE F.E.S.R. E F.S.E. SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO FESR REGIONE MARCHE 2014-2020 1 settembre 2014 I principi

Dettagli

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 13 ottobre 2015, n. 540 OGGETTO: POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione della Scheda Modalità Attuative (MAPO) relativa all'azione

Dettagli

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione L approccio Leader Acronimo dal francese Liaison Entre Actions de Développement de l E conomie Rurale (Collegamento fra azioni di sviluppo dell economia rurale) Strategia di sviluppo locale che sostiene

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 205 06/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7111 DEL 06/05/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Prot. n. del

Dettagli

Pescara, 21 Marzo 2014

Pescara, 21 Marzo 2014 La nuova politica di coesione 2014 20202020 Guida alla lettura delle principali innovazioni Pescara, 21 Marzo 2014 Mario Battello Direttore Generale Associazione TECLA QUADRO FINANZIARIO PLURIENNALE APPROVATO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020

Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Logiche di intervento nella programmazione regionale e nazionale dei Fondi Strutturali e d'investimento Europei 2014-2020

Dettagli

23/06/2009. Università degli Studi della Calabria 30 giugno 2009

23/06/2009. Università degli Studi della Calabria 30 giugno 2009 Università degli Studi della Calabria 30 giugno 2009 La politica strutturale dell UE ed il PSR della Regione Calabria Giuseppe Gaudio INEA - sede regionale per la Calabria Articolazione della lezione La

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi.

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. (Legenda i colori raggruppano i tipi di priorità obiettivo tematico generale di cui si allega la lista) Programmi Valle d'aosta Investimento

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli