Analisi del fenomeno infortunistico nei settori lavorativi a maggiore presenza di lavoratori immigrati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del fenomeno infortunistico nei settori lavorativi a maggiore presenza di lavoratori immigrati"

Transcript

1 Analisi del fenomeno infortunistico nei settori lavorativi a maggiore presenza di lavoratori immigrati a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro. Introduzione Il crescente impiego di lavoratori extracomunitari, con le peculiarità che li caratterizzano, pone la necessità di considerare la provenienza del lavoratore una variabile da studiare all interno del fenomeno infortunistico. Il tributo infortunistico pagato da questa mano d opera di provenienza estera è rilevante e, in proporzione, maggiore di quanto non sia quello della mano d opera locale. I lavoratori immigrati si trovano in una condizione di svantaggio e di maggiore vulnerabilità per quanto riguarda l'accesso al lavoro e le condizioni lavorative rispetto alla media della popolazione italiana: problemi di comprensione linguistica; probabile differenza nella percezione del rischio; condizione di maggior fragilità e di conseguente disponibilità ad accettare le mansioni più umili e pericolose; situazioni di vita extralavorativa di maggior precarietà. Secondo il Rapporto Regionale INAIL 2006 "a causa di livelli di formazione più bassa, minor esperienza, precarietà dell'occupazione e scarsa conoscenza della lingua, i lavoratori stranieri si infortunano il 50% in più dei loro colleghi italiani". Il presente studio, di tipo descrittivo, ha lo scopo di valutare in termini quali-quantitativi se, in merito al fenomeno infortunistico, vi siano differenze tra la popolazione lavorativa immigrata e quella lavorativa nazionale impiegata nelle UU.LL collocate nel territorio della provincia di Ravenna; più precisamente, se la condizione di lavoratore immigrato influenza il rischio di infortunio sul lavoro. Metodi I dati correntemente disponibili nel data base INAIL-ISPESL-REGIONI consentono di individuare i casi di infortuni accaduti a lavoratori nati all estero, ma non consentono di calcolare indici infortunistici differenziati, in quanto nella stima dei lavoratori non si fa distinzione fra lavoratori italiani e lavoratori nati all estero. L indagine, perciò, è stata condotta mediante questionario postale e interviste a datori di lavoro e lavoratori ed era finalizzata a: 1. calcolare rapporti di incidenza di infortuni tra lavoratori italiani e lavoratori nati all estero; 2. stimare la correlazione tra accadimento di infortunio e alcune variabili significative; 3. raccogliere informazioni utili per la prevenzione da datori di lavoro e lavoratori nati all estero. E stato individuato un campione di 162 aziende dei comparti costruzioni, trasporti, industria dei metalli mediante estrazione causale dalla Banca dati INAIL ISPESL REGIONI. I comparti sono stati scelti in quanto hanno registrato il più alto numero assoluto di infortuni in lavoratori nati all estero. Alle aziende è stato inviato un questionario postale che chiedeva di dichiarare le ore di lavoro per gli anni dal 2004 al 2007 distinguendo i lavoratori italiani da quelli nati all estero. I dati sugli infortuni accaduti nelle aziende sono stati ricavati dall archivio Flussi (INAIL ISPESL REGIONI). In alcuni casi nell archivio Flussi sono presenti registrazioni di infortuni in anni in cui 1

2 non sono state indicate dalle ditte ore di lavoro. Questi infortuni sono stati esclusi. Sono stati inoltre esclusi gli infortuni non definiti e quelli definiti negativamente. Sono stati esclusi gli infortuni in itinere e conservati quelli stradali non in itinere. I dati disponibili non coprono l intero periodo per tutte le aziende: alcune in qualche anno non hanno indicato ore lavorate da lavoratori stranieri e in altri casi le ditte sono di recente costituzione. Per ogni singolo settore di impiego si sono calcolati gli Indici di Frequenza per di ore lavorate (IF = Indice di Frequenza), distinti per italiani e nati all estero, i rapporti tra questi (RR-IF) con i relativi intervalli di confidenza al 95%. Sono stati, inoltre, calcolati gli Indici di Gravità (IG) per ore lavorate, distinti per nazionalità e singolo settore produttivo, nonché il loro rapporto con gli intervalli di confidenza al 95%. Indice di Frequenza: IF = [NumInfortuni]/[SommaDiOre]* Indice di Gravità: IG = ([GiornatePerse]+([GradiInab]*75)+([Mortali]*7500))/[SommaDiOre]*10000 Al fine di ottenere maggiori informazioni che possano orientare nelle attività di prevenzione, si è analizzato il ruolo di alcune variabili nell influenzare il risultato nel calcolo dei RR riferiti agli Indici di Frequenza. E stata, inoltre, condotta una analisi di correlazione con metodo non parametrico tra Indici infortunistici e le suddette variabili. Le variabili testate sono state: 1. Tasso di tariffa (TassoTariffa) 2. Turnover Istat (TurOverIstat) 3. Turnover corretto (TurnOverBis) 4. Dimensione azienda (Ore lavorate) Le variabili sono state così definite: Dimensione azienda Come indicativo della dimensione dell azienda è stato utilizzato il numero di ore lavorate. Tasso di tariffa (Rischio intrinseco della lavorazione) - Alle aziende è stato richiesto il numero di ore lavorate suddivise anche per tipo di lavorazione identificata mediante la voce di tariffa Inail e il data base INAIL-ISPESL-REGIONI fornisce l informazione sull attività svolta dal lavoratore infortunato sempre mediante voce di tariffa Inail. Alle voci di tariffa sono associati degli indici infortunistici di inabilità permanente pubblicati sulla G.U. n. 192 del 17 agosto 2004 dal Ministero del Welfare relativi alla media dell'ultimo triennio disponibile. La voce di tariffa e il relativo indice infortunistico sono stati utilizzati come indicatori della pericolosità intrinseca della lavorazione. In particolare è stato calcolato un indice di rischio per ciascuna azienda per l intero periodo separatamente per italiani e nati all estero con la seguente formula: sommatoria(n.ore lavorate in tariffa*indice tariffa)/orelavorate Turnover - Sono stati calcolati due indici di turnover per ciascuna azienda per l intero periodo separatamente per italiani e nati all estero. Il primo è stato calcolato secondo i criteri utilizzati dall ISTAT applicando la seguente formula: Turnover Istat: [Assunti]+[Dimessi]/([SommaDiOre]/1700) 2

3 Il secondo è stato calcolato con l intenzione di evidenziare il turnover delle persone al netto di aumenti o riduzioni di organico, ed è stata per ciò utilizzata la seguente formula: Turnover corretto: ([Assunti]+[Dimessi]-Abs([Assunti]-[Dimessi]))/([SommaDiOre]/1700) Per ognuno di questi sono state individuate arbitrariamente due categorie, in funzione del valore della mediana corrispondente: per valori inferiori a questa la variabile è classificata di livello basso, di livello alto per valori superiori alla mediana. Per ciascuna variabile considerata sono stati calcolati gli IF, i RR con i relativi IC al 95%, stratificati per attività produttive e nazionalità. Con le interviste a datori di lavoro e lavoratori, si è cercato di acquisire informazioni sulle eventuali esigenze dei datori di lavoro, sulla competenza linguistica dei lavoratori e sul loro atteggiamento verso la sicurezza. Sono state condotte interviste strutturate con i datori di lavoro (o loro delegati) di 49 aziende e presso le stesse aziende sono stati intervistati 63 lavoratori nati all estero. L intervista ai lavoratori era rivolta soprattutto a verificare la loro competenza linguistica e il loro atteggiamento verso la sicurezza. Il giudizio è stato espresso dall intervistatore al termine del colloqui per ogni lavoratore. Risultati A Tasso di incidenza (I.F. = Indice di Frequenza ) Hanno risposto in modo utile 71 aziende per complessive ore di lavoro in cui sono accaduti 355 infortuni. La tabella seguente riporta il rischio relativo di accadimento di un infortunio per i lavoratori nati all estero rispetto ai lavoratori italiani per ciascun comparto considerando l intero periodo Tab. 1 - Tasso di incidenza di infortunio (I.F. = Indice di Frequenza) x e Indice di Gravità x 10000, per Settore produttivo e nazionalità dei lavoratori; RR, per entrambi gli indici, tra lavoratori stranieri e italiani. Periodo , provincia di Ravenna. Attività produttive n ore lavorate Stranieri n infortuni I.F. x I.G. x n ore lavorate Italiani n infortuni I.F. (1) x I.G.(2) x R.R. I.F. (I.C. 95%) R.R. I.G. (I.C. 95%) Costruzioni ,7 40, ,7 20,4 2,4 (1,5-3,6)* 2,0 (1,9-2,1)* Metalmeccanica ,2 120, ,0 53,7 1,8 (1,2-2,8)* 2,2 (2,1-2,3)* Trasporti ,5 125, ,2 69,8 1,9 (0,8-4,0) 1,8 (1,7-1,9)* Totale ,4 90, ,5 37,1 2,0 (1,5-2,7) 2,4 (2,3-2,5)* (1) IF: [Num Infortuni]/[SommaDiOre]* (2) IG: ([GiornatePerse]+([GradiInab]*75)+([Mortali]*7500))/[SommaDiOre]*10000 * differenza Stranieri e Italiani statisticamente significativa 3

4 Il rischio di infortunio nei lavoratori stranieri si attesta su valori superiori rispetto a quello dei lavoratori italiani in tutti e tre i settori produttivi considerati (RR = Rischio Relativo vicino o superiore a 2, pari ad un rischio di circa due volte o più negli stranieri); il risultato è statisticamente significativo sia per il comparto costruzioni che per l industria dei metalli, mentre il comparto trasporti, pur con un rischio di 1.9, presenta un ampio intervallo di confidenza verosimilmente legato alla bassa numerosità di eventi e di ore lavorate relativamente al personale straniero, che richiede una conferma statistica con un campione più ampio. Gli infortuni tra gli stranieri, oltre ad essere relativamente più frequenti, sono anche più gravi, con valori di RR vicino a 2 e statisticamente significativi nei tre comparti (Tab. 1). L analisi temporale evidenza che tale maggiore frequenza di infortunio è costantemente presente nel periodo considerato, con le uniche eccezioni del 2005 per i Trasporti e del 2006 nella Metalmeccanica, con valori di I.F. quasi sempre doppi o anche più rispetto a quelli dei lavoratori italiani. Graf Andamento temporale degli Indici di Frequenza di infortunio, nei Comparti Costruzioni, Metalmeccanica e Trasporti: confronto lavoratori stranieri e italiani. Periodo , provincia di Ravenna. Graf. 1 - Costruzioni ,2 100,7 109,0 88,1 96,7 I.F. x ,8 43,1 42,4 35,2 40, stranieri italiani Graf. 2 - Metalmeccanica I.F. x ,8 95,8 96,4 84,2 48,1 55,0 56,6 45,3 46,0 28, stranieri italiani 4

5 Graf. 3 - Trasporti ,5 131,7 I.F. x ,4 42,3 63,0 52,3 71,7 46,1 107,5 55, stranieri italiani I lavoratori impiegati in aziende con un alto tasso di tariffa mostrano, in generale, un più alto rischio di infortunio (RR=1,9; IC 95% 1,5-2,4); ciò, tuttavia, è vero solo per i lavoratori italiani (RR=2,3; IC 95% 1,8-2,9), mentre in quelli stranieri un tasso di tariffa elevato è protettivo, con valori di RR statisticamente significativi (RR=0,5; IC 95% 0,3-0,8) (Tab. 2). Tab. 2 - Attività produttive rischio attività alto rischio attività basso R.R. naz. I.F. naz. I.F. Costruzioni Estero ,4 Estero ,3 0,3 (0,1-0,7) * Metalmeccanica Estero ,7 Estero ,4 0,7 (0,3-1,6) Trasporti Estero ,4 Estero ,3 0,1 (0,0-0,7) * totale Estero , ,2 0,5 (0,3-0,8) * Costruzioni Italia ,8 Italia ,4 1,3 (0,9-1,9) Metalmeccanica Italia ,8 Italia ,5 1,9 (1,2-3,2) * Trasporti Italia ,2 Italia ,0 9,8 (5,5-18,6) * totale Italia , ,4 2,3 (1,8-2,9) * Totale , ,9 1,9 (1,5-2,4) * Il turnover, alto o basso, che caratterizza un azienda non influenza in alcun modo il rischio di infortunio nel personale straniero, sia che l indice di turnover venga calcolato con il metodo Istat sia che si adotti il metodo alternativo (rispettivamente, RR=1,0; IC 95% 0,6-1,8 e RR=1,0; IC 95% 0,6-1,6) (Tab. 3 e 4). 5

6 Tab. 3 - Attività produttive Turn over istat alto Turn over istat basso R.R. naz. I.F. naz. I.F. Costruzioni Estero ,0 Estero ,4 1,3 (0,6-2,9) Metalmeccanica Estero ,7 Estero ,1 0,9 (0,4-1,9) Trasporti Estero ,9 Estero ,8 1,3 (0,3-8,6) totale Estero , ,1 1,0 (0,6-1,8) Costruzioni Italia ,6 Italia ,7 0,5 (0,3-0,7) Metalmeccanica Italia ,1 Italia ,2 0,9 (0,5-1,5) Trasporti Italia ,8 Italia ,3 4,6 (1,9-14,8) * totale Italia , ,5 0,8 (0,6-1,1) Totale , ,6 0,8 (0,6-1,0) Tab. 4 - Attività produttive Turn over mb alto Turn over mb basso R.R. naz. I.F. naz. I.F. Costruzioni Estero ,4 Estero ,7 1,1 (0,5-2,6) Metalmeccanica Estero ,8 Estero ,7 0,8 (0,3-1,8) Trasporti Estero ,4 Estero ,8 0,7 (0,1-7,4) totale Estero , ,8 1,0 (0,6-1,6) Costruzioni Italia ,4 Italia ,2 1,3 (0,8-2,0) Metalmeccanica Italia ,6 Italia ,4 0,9 (0,5-1,6) Trasporti Italia ,2 Italia ,1 6,4 (3,7-11,0) * totale Italia , ,6 1,9 (1,4-2,4) * Totale , ,2 1,8 (1,4-2,3) * Quest ultimo fornisce un elevato RR nei lavoratori italiani (RR=1,9; IC 95% 1,4-2,4), da imputare a quanto succede nel settore Trasporti (RR=6,4; IC 95% 3,7-11,0). L analisi di correlazione, tuttavia, evidenzia che Indice di Frequenza e Tasso di turnover, calcolato con il metodo alternativo, cioè al netto dei ridimensionamenti aziendali, sono positivamente correlati (coefficiente di correlazione di Pearson pari a 0,355, statisticamente significativo). I lavoratori impiegati in un azienda avente dimensioni di livello alto presentano un rischio di infortunio significativamente più basso (RR=0,5 IC 95% 0,4-0,6); analizzando per nazionalità, ciò risulta vero solo per i lavoratori italiani (RR=0,6; IC 95% 0,4-0,9), mentre nei lavoratori stranieri non vi sono differenze in rapporto alle dimensioni aziendali (RR=0,6; IC 95% 0,3-1,0) (Tab. 5). 6

7 Tab. 5 - Attività produttive dimensione az. alta dimensione az. bassa R.R. naz. I.F. naz. I.F. Costruzioni Estero ,0 Estero ,4.. Metalmeccanica Estero ,5 Estero ,3 0,9 (0,4-2,0) Trasporti Estero 0 0 Estero ,5.. totale Estero , ,7 0,6 (0,3-1,0) Costruzioni Italia ,2 Italia ,4 0,3 (0,2-0,5) * Metalmeccanica Italia ,9 Italia ,7 1,6 (0,6-5,0) Trasporti Italia ,8 Italia ,0.. totale Italia , ,5 0,6 (0,4-0,9) * Totale , ,9 0,5 (0,4-0,6) * B - Intervista a datori di lavoro e lavoratori Intervista al datore di lavoro In tutte le aziende il datore di lavoro è risultato essere italiano e solamente in una era presente un preposto o dirigente nato all estero. Nella maggioranza dei casi i datori di lavoro hanno dichiarato che i lavoratori nati all estero permangono nella loro azienda in genere per anni (89,8% delle aziende) e solamente nel 10,2% dei casi vi sarebbe una permanenza di mesi o settimane. Il motivo dichiarato del ricorso a lavoratori nati all estero è soprattutto la mancata disponibilità di lavoratori italiani (65,3% dei casi) mentre nel 22,4% dei casi il lavoratore nato all estero è stato assunto per la sua competenza, affidabilità o buona referenza. Nel 10,2% dei casi il datore di lavoro ha dichiarato che non vi sono motivi di differenza per l assunzione. Richiesti di indicare quali fossero gli aiuti che vorrebbero ricevere, il 26,5% ha risposto Nessuno, il 36,7% vorrebbe aiuti per migliorare la conoscenza della lingua italiana, il 10,2% ha espresso il desiderio di aiuti per il miglioramento del comportamento di sicurezza ( in particolare dall esterno, perché abbia maggiore autorevolezza ), il 26,5% ha indicato la necessità di una maggiore cultura (cultura italiana, cultura civica, cultura aziendale), infine il 4,1% ha indicato altri tipi di aiuti (sgravi fiscali, aiuti per gestione della vita quotidiana). Intervista ai lavoratori La maggior parte dei lavoratori proviene da Albania (25,4%), Marocco (17,5%), Romania (12,7%), Moldavia (11,1%) e il 79,4% di loro ha una permanenza in Italia da 1 a 10 anni Il 46% dei lavoratori ha una anzianità lavorativa in azienda non superiore a 2 anni e per quanto riguarda la mansione svolta al momento dell intervista per il 53,8% era muratore, saldatore, addetto alle macchine utensili, idraulico, elettricista, autista. Per quanto riguarda il titolo di studio prevale il diploma (52,4%) seguito dalla scuola dell obbligo (44,4%). Il 60,3% ha dichiarato di non aver seguito alcun corso di lingua italiana. 7

8 Conoscenza della lingua italiana - Al termine del colloquio, l intervistatore ha espresso per ciascuno un giudizio sulla competenza linguistica, sia per quanto riguarda la comprensione che per quanto riguarda l espressione. Le due tabelle seguenti riportano la sintesi dei giudizi espressi. A circa un quarto dei lavoratori è stata attribuita una padronanza molto stentata o difficoltosa della lingua italiana, sia in termini di comprensione che di espressione. Il 60,3% ha una buona oppure ottima comprensione e il 55,6% ha una ottima o buona espressione. Giudizio sulla padronanza della lingua italiana Lingua italiana Molto stentata Difficoltosa Sufficiente Buona Ottima Comprensione 4,8% 15,9% 19,0% 44,4% 15,9% Espressione 3,2% 17,5% 22,2% 41,3% 14,3% Nel corso del colloquio il 95% dei lavoratori ha riferito che durante la propria attività ha necessità di leggere documenti il lingua italiana ma solamente il 38,1% ha riferito di non avere mai difficoltà nella lettura di testi in italiano. Il 14,3% ha dichiarato di avere difficoltà sempre o spesso mentre il 47,7% ha difficoltà raramente o qualche volta. I lavoratori hanno riferito che per loro è più facile parlare (44,4%) che leggere (14,3%) la lingua italiana. Per il 6,3% sono difficili entrambe e per il 34,9% sono facili entrambe. Il basso numero di intervistati non consente un analisi distinta per paese di provenienza, ma emerge ugualmente indicazione che una maggior competenza da parte di chi proviene da Albania, Marocco, Tunisia, Moldavia e Romania e maggiori difficoltà per chi proviene da Polonia, Bangladesh. Alla domanda Dove hai imparato l italiano? hanno risposto: colleghi (60,3%), italiani (52,4%), familiari (39,7%), scuola (30,2%), media (17,5%), corsi specifici (11,1%), libri (6,3%), connazionali (3,2%). Chi ha una buona o ottima padronanza della lingua italiana ha riferito più degli altri di aver imparato parlando con italiani o seguendo un percorso scolastico. Atteggiamento verso la sicurezza - Durante il colloquio la disponibilità dei lavoratori è stata molta (63,5%) o sufficiente (34,9%) e solamente nell 1,6% scarsa. Anche la soddisfazione verso il livello di sicurezza in azienda è stata molta (54,0%) o sufficiente (39,7%). Parimenti la convinzione che la sicurezza sia un valore è parsa per la maggioranza dei lavoratori molta (68,3%) comunque sufficiente (22,2%). Leggermente inferiore è stata valutata la percezione dei rischi che è risultata molta per il 41,3%, sufficiente per il 49,2%, scarsa per il 9,5%. Giudizio sull atteggiamento verso la sicurezza Molta Sufficiente Scarsa Quasi nulla Disponibilità a parlare del tema 63,5% 34,9% 1,6% 0,0% Soddisfazione per il livello di sicurezza in azienda 54,8% 40,3% 4,8% 0,0% Convinzione che la sicurezza sia un valore 68,3% 22,2% 4,8% 1,6% Adeguatezza della sua percezione dei rischi presenti in azienda 41,3% 49,2% 9,5% 0,0% 8

9 Una delle domande riguardava il comportamento da agire in caso di incendio. L 11% non è stato in grado di rispondere, il 23,8% ha indicato un comportamento di sola fuga Scappo!, il 27% ha indicato solo alcune delle azioni da agire e il 36% ha invece risposto in modo sufficientemente completo e articolato. Discussione In questo studio i lavoratori stranieri presentano indici infortunistici, di frequenza e gravità, con valori superiori rispetto a quelli dei lavoratori italiani. Se per i lavoratori italiani il rischio di infortunio sembra sia associato positivamente ad un tasso di tariffa elevato, indicatore del livello di rischio della lavorazione svolta, nei lavoratori stranieri una maggiore frequenza si osserva nelle lavorazioni classificate come a basso rischio. Risultati discordanti si ottengono dallo studio del ruolo del turnover, indicatore proxy della precarietà dei rapporti di lavoro. La correlazione positiva (coefficiente di Pearson 0,355) tra Indice di Frequenza e turnover, calcolato con il metodo alternativo, suggerisce un ruolo di quest ultimo quale fattore di rischio per l insorgenza di infortunio. Il rapporto tra gli IF calcolati stratificando per la variabile turnover (valorizzata con il metodo ISTAT) non evidenzia, tuttavia, differenze significative del rischio infortuni all interno della popolazione di lavoratori stranieri e italiani, così come nei singoli settori produttivi, con la sola eccezione dei trasporti per i lavoratori italiani (Tab. 3). Quando il turnover viene valorizzato con il metodo alternativo, il risultato cambia solo per i lavoratori italiani, per i quali tra le due categorie di turnover vi è una differenza di rischio statisticamente significativo (Tab. 4). Il ruolo del turnover, quindi, come espressione del precario inserimento nella realtà aziendale e nella sua organizzazione, non emerge con chiarezza, rendendo necessari ulteriori approfondimenti. La conoscenza della lingua italiana è il problema emerso con maggiore frequenza tanto nel colloquio con i datori di lavoro che con i lavoratori stessi. Poco più della metà di questi hanno un livello di conoscenza classificato come buono o ottimo, sia nella comprensione (60%) che nella espressione (56%); solamente il 38% non ha difficoltà nel leggere testi in italiano. L apprendimento della lingua italiana non è tanto legato alla frequenza di corsi specifici (poco più del 10%), quanto piuttosto alla frequentazione di altre persone (colleghi, familiari, ecc.). La sicurezza è considerata un valore da una buona percentuale dei lavoratori stranieri intervistati; anche un adeguata percezione dei rischi è presente in un numero sufficientemente alto di casi. Ciò che sembra far difetto, tuttavia, è la conoscenza di procedure e norme di comportamento nel far fronte alle emergenze; in caso di incendio, ad esempio, poco più di una lavoratore su tre ha indicato in modo sufficientemente completo e articolato le azioni da svolgere correttamente. 9

10 Conclusioni Da questa indagine è emerso che la frequenza degli infortuni sul lavoro è maggiore tra i lavoratori stranieri. Livello di rischiosità dell attività svolta e dimensioni dell azienda non sembrano svolgere un ruolo favorente; incerto è il ruolo del turnover, che merita di essere ulteriormente approfondito. Relativamente ad altri fattori che possono determinare un maggior rischio, dall indagine emerge che poco più della metà dei lavoratori stranieri ha un livello almeno buono di conoscenza sia nella comprensione sia nella espressione della lingua italiana e solamente il 38% dichiara di non avere difficoltà nel leggere testi in italiano e che tale lingua è stata per lo più appresa mediante frequentazione di persone nella vita quotidiana o lavorativa. La comunità di pratica presente nell ambiente di lavoro appare quindi il veicolo principale per l acquisizione di competenza (lingua, informazioni, istruzioni, procedure), e l inserimento attivo e adeguato in tale comunità è anche un noto elemento centrale per la gestione dei rischi e la prevenzione degli infortuni. Su tale elemento appaiono pertanto opportuni approfondimenti anche per valutare l influenza delle diverse culture di provenienza nel favorire od ostacolare un utile comportamento preventivo. Bibliografia 1. INAIL, Rapporto Regionale 2006 (Emilia-Romagna). Documento on-line disponibile nel sito 2. Valentino Patussi, Paolo Barbina, Fabio Barbone, et al., Comparison of the incidence rate of occupational injuries among permanent, temporary and immigrant workers in Friuli-Venezia Giulia, Epidemiol. Prev. 32(1): A.M. Colao, V. Pisciottano, C. Giampaoletti, G. Cenci, Il fenomeno infortunistico nei lavoratori extracomunitari della zona territoriale n. 6 di Fabriano. Med. Lav. 2006; 97, 6:

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

I lavoratori stranieri si infortunano più degli italiani?

I lavoratori stranieri si infortunano più degli italiani? I lavoratori stranieri si infortunano più degli italiani? Un analisi e una riflessione basata su dati amministrativi INPS -INAIL Massimiliano Giraudo, Antonella Bena Servizio Sovrazonale di Epidemiologia

Dettagli

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro.

Dettagli

Nel primo semestre 2004, tra le ditte collaboranti, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni

Nel primo semestre 2004, tra le ditte collaboranti, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni sul lavoro Nel primo semestre, tra le, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni L indice di frequenza infortunistica è pari a 16 infortuni ogni cento addetti, decisamente superiore

Dettagli

Lavoro temporaneo e salute: un analisi del rischio infortunistico per durata del contratto di lavoro

Lavoro temporaneo e salute: un analisi del rischio infortunistico per durata del contratto di lavoro Lavoro temporaneo e salute: un analisi del rischio infortunistico per durata del contratto di lavoro Antonella Bena, Massimiliano Giraudo Epidemiol Prev 2013; 37 (1): 29-34 Contesto del mercato del lavoro

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato Assessorato all Artigianato Direzione Commercio e Artigianato Imprendiitoriialliità straniiera nellll artiigiianato iin Piiemonte Michelangelo Filippi R. & P. Torino, giovedì 27 Maggio 2004 Imprenditorialità

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Settori di attività economica

Settori di attività economica ELABORAZIONE DEI DATI QUALITATIVI Chiara Lamuraglia 1. Premessa Al fine di ottenere informazioni di carattere qualitativo che consentissero di interpretare e leggere in modo più approfondito i dati statistici,

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Struttura 1.

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 Il monitoraggio del fenomeno infortunistico nei principali comparti produttivi del territorio è attività che il Servizio pubblico di prevenzione

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in base al D.Lgs 81/08 riceve le informazioni e la documentazione

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione Processi relazionali definiti dal 626 (istituti relazionali) o Informazione ( e istruzioni) o Formazione ( e addestramento) o Consultazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI Sicurezza Lavoro Informazione, formazione e addestramento L informazione, la formazione e l addestramento per lavoratori, dirigenti, preposti, RLS, rientrano fra

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana

Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana Lavorare in cantiere richiede sempre un adeguato approccio nei confronti della

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti Nuove regole per la formazione lavoratori preposti dirigenti 1 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI DELL'ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, DI EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO IN CASO DI PERICOLO GRAVE E IMMEDIATO, DI SALVATAGGIO

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

PREVENZIONE INFORTUNI IN EDILIZIA E VIGILANZA Sintesi dei gruppi di lavori di area vasta A. Giannini

PREVENZIONE INFORTUNI IN EDILIZIA E VIGILANZA Sintesi dei gruppi di lavori di area vasta A. Giannini Quale EBP nei Dipartimenti di Sanità Pubblica. Analizzare, condividere, sperimentare attività efficaci. Proposte e prospettive per condividere attività efficaci Bologna 16 giugno 2008 PREVENZIONE INFORTUNI

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E CUREZZA SUL LAVORO AZIENDA BENNI PAOLO ASSETTO E STRUTTURE DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione e Protezione Nomina RSPP:

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

CAP. 4 - SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE-VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE DEL PROGETTO: POLO INTERETNICO: TAKIMI

CAP. 4 - SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE-VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE DEL PROGETTO: POLO INTERETNICO: TAKIMI CAP. 4 - SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE-VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE DEL PROGETTO: POLO INTERETNICO: TAKIMI 4.1 IL PROCESSO DI VALUTAZIONE-AUTOVALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE DI PROGETTO Il processo di valutazione-autovalutazione

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA All INTERNO DELL AZIENDE

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA All INTERNO DELL AZIENDE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA All INTERNO DELL AZIENDE Nobody s Unpredictable Metodologia Tipologia d'indagine: indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste telefoniche

Dettagli

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda.

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. Catalogo Corsi Sicurezza Rischio Medio (d.lgs 81/08 e suc. mod.) Per la gamma completa di prodotti visita www.aforabruzzo.it corsi base 2 Corso

Dettagli

Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza

Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza Fonte: Nuovi Flussi Informativi www.inail.it sezione Flussi informativi Periodo di studio: 2008 2013 La Figura 1 mostra la distribuzione percentuale

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Regione: Lazio Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Referente: Elisa Romeo Negli ultimi

Dettagli

Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST

Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST 1 Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti (art.37 d.lgs.81/08) 1. Il

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Andamento

Dettagli

Sicurezza stradale e nuovi cittadini

Sicurezza stradale e nuovi cittadini Sicurezza stradale e nuovi cittadini Premessa Dall Unità d Italia ad oggi, la presenza straniera nel nostro Paese è profondamente mutata sia nei numeri che nella tipologia. Se, infatti, fino a qualche

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi Giovani e lavoro Data: 31 luglio 2012 La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di

Dettagli

Sicurezza sul lavoro: diritti, formazione, informazione e rischi per la salute

Sicurezza sul lavoro: diritti, formazione, informazione e rischi per la salute 07Cap_4.qxp:Layout 1 29-10-2009 13:45 Pagina 95 Capitolo 4 Sicurezza sul lavoro: diritti, formazione, informazione e rischi per la salute di Silvia Dall Olio, Giovanna Vittoria Dallari, Tommaso Paganelli,

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre MISURE/64 1 Ottobre Introduzione Nel la regolazione del mercato del lavoro è stata oggetto

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari Corso formazione LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari CORSO DI FORMAZIONE - Ing. Stefano Pancari DEFINIZIONI probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di

Dettagli

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2011 Bologna, 3/5/2012 Dr. Paolo

Dettagli

Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro SEDE DI MANTOVA

Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro SEDE DI MANTOVA Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro SEDE DI MANTOVA INVESTIRE IN SICUREZZA. L INFORTUNIO COSTA Intervento al convegno La sicurezza partecipata nell Artigianato. Ruolo

Dettagli

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012 TIC e Formazione in ambito sanitario Introduzione teorica La formazione in ambito sanitario si concretizza in un approccio di tipo olistico alla professione ed all utenza che ne deriva, intersecandosi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Percorso formativo sulla sicurezza per i lavoratori 1 SOMMARIO

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA NELLE REALTA DELLE COOPERATIVE SOCIALI

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA NELLE REALTA DELLE COOPERATIVE SOCIALI L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA NELLE REALTA DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1 INDICE Agenzia Formativa Certificata DAS UK 1. Premesse pag. 3 2. Obiettivi dell indagine pag. 4 3. Metodologia pag. 5 4. Alcuni

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Andrea Gaddini *, Lilia Biscaglia *, Francesco Franco *, Salvatore Cappello **, Giovanni Baglio *, Domenico Di Lallo *, Gabriella Guasticchi * Introduzione

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli