SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY PAG. 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY PAG. 2"

Transcript

1 CIRCOLARE N. 13 DEL 21/05/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY PAG. 2 IN SINTESI: Come noto il contratto rent to buy prevede la concessione in godimento di un immobile ad un soggetto con diritto, da parte di quest ultimo, di acquistarlo entro un determinato termine. In sede di riscatto il conduttore scomputa dal prezzo di vendita i canoni pagati in precedenza in base a quanto preventivamente concordato. Recentemente l Agenzia delle Entrate, a completamento del quadro normativo (civilistico), è intervenuta al fine di individuare la disciplina fiscale applicabile al contratto in esame. In particolare l Agenzia fornisce specifici chiarimenti in ordine al trattamento applicabile con riferimento: - alla quota di canone corrisposta per il godimento dell immobile; - alla quota di canone corrisposta a titolo di anticipazione del corrispettivo di vendita; - al successivo trasferimento dell immobile; - alle somme restituite in caso di mancata conclusione del contratto di compravendita. 1

2 DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY A) FONTI NORMATIVE Art. 23, DL n. 133/2014; Circolare Agenzia Entrate , n. 4/E. B) PREMESSA Nell ambito del mercato immobiliare, tra gli strumenti contrattuali finalizzati a rinviare ad un momento futuro gli effetti della compravendita è disponibile il c.d. rent to buy. Ciò consente al futuro acquirente di utilizzare immediatamente l immobile cercando, nel frattempo, le risorse finanziarie necessarie per l acquisto dello stesso, considerata anche l attuale situazione di criticità da parte delle banche a concedere finanziamenti. Tale nuova fattispecie contrattuale introdotta dall art. 23, DL n. 133/2014, c.d. Sblocca Italia, prevede, in particolare, una serie di protezioni in capo al conduttore connesse con la trascrizione del contratto. La citata disposizione contiene soltanto la disciplina civilistica applicabile alla nuova tipologia contrattuale in esame. Tramite il rent to buy il potenziale acquirente ottiene immediatamente la disponibilità dell immobile e successivamente, in caso di acquisto, recupera i canoni di locazione pagati per il godimento dello stesso. In particolare, lo stesso (diverso dal leasing) si articola in 2 fasi: 1. il potenziale acquirente / conduttore, acquisisce fin da subito il godimento dell immobile, versando un canone periodico (eventualmente anche una caparra confirmatoria / acconti); 2. lo stesso soggetto ha il diritto di acquistare l immobile, entro un termine determinato, pagando una somma a saldo del prezzo, che tiene conto (in tutto o in parte) di quanto già versato. Va sottolineato che l immobile oggetto del contratto può essere di qualsiasi tipologia. Quindi l ambito oggettivo non è limitato alle abitazioni ma si estende anche agli immobili diversi dalle abitazioni. Il citato art. 23 non prevede altresì alcuna limitazione in merito alla qualità dei contraenti, i quali ad esempio, possono essere privati, imprenditori individuali, lavoratori autonomi, società, ecc. I soggetti coinvolti nell operazione in esame sono il concedente / venditore (generalmente una società costruttrice) ed il conduttore / potenziale acquirente (generalmente un privato). 2

3 Tali soggetti, stipulano: inizialmente, un contratto di locazione con opzione d acquisto, con la corresponsione dei canoni da parte del conduttore / futuro acquirente, definendo la quota parte del canone da imputare a corrispettivo della vendita dell immobile. Inoltre, come previsto dal comma 1-bis del citato art. 23, gli stessi devono indicare nel contratto anche la quota dei canoni imputata a corrispettivo che deve essere restituita in caso di mancato esercizio del diritto di acquisto; successivamente, il contratto di compravendita. Locazione con opzione d acquisto dell immobile Versamento canoni periodici + Eventuale caparra / acconti del prezzo di vendita dell immobile Stipula contratto di compravendita entro il termine concordato, previo esercizio dell opzione da parte del conduttore, versando il prezzo al netto delle somme già corrisposte L Agenzia delle Entrate con la Circolare , n. 4/E è recentemente intervenuta con una serie di chiarimenti fornendo il trattamento fiscale applicabile al contratto in esame. C) DISCIPLINA CIVILISTICA Merita sottolineare innanzitutto che, come specificato nella Relazione accompagnatoria al citato Decreto, la disposizione in esame è a «maglie larghe» per consentire all autonomia privata di meglio modulare il contenuto del contratto in funzione delle specifiche esigenze e nell ottica del miglior soddisfacimento degli interessi di entrambe le parti. Per il contratto in esame, al fine di rafforzare la tutela delle parti, il comma 1 del citato art. 23, prevede la trascrizione secondo le regole contenute nell art bis, C.c.. Lo stesso dovrà quindi avere la forma dell atto pubblico o della scrittura privata autenticata. 3

4 Per quanto riguarda gli effetti, il comma 3 del citato art. 23 rinvia alla disciplina contenuta nel comma 3 del citato art bis, relativa alla trascrizione del contratto preliminare, in base alla quale, gli effetti della trascrizione di tale contratto cessano se entro 1 anno dalla data convenuta tra le parti per la conclusione del contratto definitivo e in ogni caso entro 3 anni dalla trascrizione del preliminare, non sia eseguita la trascrizione del contratto definitivo o di altro atto che comunque costituisce esecuzione del contratto preliminare. Tuttavia, come confermato dall Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 4/E in esame, gli effetti della trascrizione del rent to buy hanno una durata più ampia. Infatti, il predetto termine triennale è esteso a tutta la durata del contratto e comunque ad un periodo non superiore a 10 anni. Il citato comma 3 prevede altresì l applicazione delle seguenti disposizioni del Codice civile: art. 2668, comma 4, relativo alla cancellazione della trascrizione dei preliminari, in base al quale la cancellazione della trascrizione si esegue quando è consentita dalle parti ovvero è ordinata con sentenza; art bis, relativo al privilegio speciale sull immobile a garanzia dei crediti del futuro acquirente in caso di inadempimento del venditore; art bis, relativo all ipoteca iscritta sul bene oggetto del contratto preliminare. In base a tale disposizione l ipoteca iscritta sull edificio / complesso condominiale (anche da costruire o in corso di costruzione), a garanzia di finanziamento dell intervento edilizio, prevale sulla trascrizione anteriore dei contratti preliminari ex art bis, C.c., limitatamente alla quota di debito derivante dal predetto finanziamento che il promissario acquirente si è accollata con il preliminare o con altro atto successivo. Con riferimento alla fase relativa al godimento dell immobile: il comma 1 del citato art. 23, prevede, ai fini dell opponibilità ai terzi del contratto, che la trascrizione produce gli stessi effetti della trascrizione ex art. 2644, C.c. dei contratti di locazione di beni immobili che hanno durata superiore a 9 anni ex art. 2643, comma 1, n. 8, C.c.; il comma 3 del citato art. 23, rinvia alla disciplina applicabile all usufrutto, in merito ad inventario, garanzia, spese di manutenzione e pretese di terzi e/o liti, in quanto compatibile, di cui gli artt. da 1002 a 1007 e 1012 e 1013, C.c.. In caso di inadempimento è applicabile l art. 2932, C.c., in base al quale, se il soggetto obbligato a concludere il contratto non adempie l obbligazione, l altra parte, qualora sia possibile e non sia escluso dal titolo, può ottenere una sentenza che produca gli effetti del contratto non concluso. Se i contratti hanno per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa determinata o la costituzione / trasferimento di un altro diritto, la domanda non può essere accolta, se la parte che l'ha proposta non esegue la sua prestazione, a meno che la stessa non sia ancora esigibile. 4

5 Nel caso in cui il contratto in esame abbia ad oggetto un abitazione, il divieto contenuto nell art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 122/2005 opera fin dalla concessione del godimento. In particolare, il citato comma 1 così si esprime: il notaio non può procedere alla stipula dell'atto di compravendita se, anteriormente o contestualmente alla stipula, non si sia proceduto alla suddivisione del finanziamento in quote o al perfezionamento di un titolo per la cancellazione o frazionamento dell'ipoteca a garanzia o del pignoramento gravante sull'immobile. RISOLUZIONE DEL CONTRATTO In merito alla risoluzione del contratto, il comma 2 dell art. 23 prevede che in caso di mancato pagamento, anche non consecutivo, di un numero minimo di canoni (fissati dalle parti), non inferiore ad 1/20 del numero complessivo degli stessi, il contratto si risolve. Così, ad esempio, ipotizzando un contratto della durata di 5 anni, le parti possono prevedere che la risoluzione sia collegata al mancato pagamento di un numero minimo di canoni mensili non inferiore a 3 (60/20). Le parti possono specificare se il mancato pagamento dei canoni deve essere o meno consecutivo. In caso di risoluzione del contratto per inadempimento si verificano diversi effetti a seconda della parte inadempiente. Infatti, se l inadempimento è imputabile: al concedente (proprietario), lo stesso deve restituire la parte dei canoni imputata al corrispettivo, maggiorata degli interessi legali; al conduttore (promissario acquirente), il concedente, oltre ad aver diritto alla restituzione dell immobile, acquisisce i canoni a titolo di indennità, salvo patti contrari. FALLIMENTO DI UNA DELLE PARTI L art. 23 tratta altresì gli effetti legati al fallimento di una delle parti del contratto prevedendo che, se fallisce: il concedente (proprietario), il rent to buy prosegue. In particolare, ai sensi dell art. 67, comma 3, RD n. 267/42, la revocatoria non è esperibile in presenza di un contratto trascritto, i cui effetti non siano cessati, concluso a giusto prezzo ed avente ad oggetto immobili ad uso abitativo, destinati a costituire l'abitazione principale dell'acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado, ovvero immobili ad uso non abitativo destinati a costituire la sede principale dell'attività 5

6 d'impresa dell'acquirente, purché alla data di dichiarazione di fallimento tale attività sia effettivamente esercitata ovvero siano stati compiuti investimenti per darvi inizio; il conduttore (promissario acquirente), è applicabile l art. 72, RD n. 267/42, ai sensi del quale l esecuzione del contratto è sospesa fino a quando il curatore, con l'autorizzazione del comitato dei creditori, dichiara di subentrare nel contratto in luogo del fallito, assumendo tutti i relativi obblighi, ovvero di sciogliersi dal medesimo. In questo caso, trovano applicazione le disposizioni sopra illustrate con riguardo alla risoluzione del contratto per causa imputabile al conduttore e pertanto il concedente, oltre ad aver diritto alla restituzione dell immobile, acquisisce i canoni a titolo di indennità, salvo patti contrari. FAC-SIMILE SCHEMA CONTRATTUALE Con il Comunicato stampa il Notariato ha reso noto che sul proprio sito Internet è disponibile il Decalogo del rent to buy (allegato) e un fac-simile dello schema contrattuale utilizzabile per regolare la nuova fattispecie in esame. D) DISCIPLINA FISCALE Come sopra accennato, l Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 4/E in esame, a completamento del quadro normativo introdotto dall art. 23, DL n. 133/2014, è recentemente intervenuta per fornire il regime fiscale in merito alla nuova fattispecie contrattuale, che configura un negozio giuridico complesso caratterizzato: 1. dal godimento dell immobile, per i periodi precedenti l esercizio del diritto di acquisto. Per la quota di canone imputata al godimento dell immobile vanno applicate le disposizioni previste per i contratti di locazione; 2. dall imputazione di una quota del canone a corrispettivo della successiva vendita dell immobile. Tale quota di canone (indicata nel contratto) va assimilata agli acconti; 3. dall esercizio (o meno) del diritto di acquisto dell immobile. In caso di esercizio del diritto di acquisto va fatto riferimento alle disposizioni previste per i trasferimenti immobiliari. In particolare, le precisazioni dell Agenzia interessano il trattamento applicabile: alla quota di canone corrisposta per il godimento dell immobile; alla quota di canone corrisposta a titolo di anticipazione del corrispettivo; al successivo trasferimento dell immobile; alle somme restituite in caso di mancata conclusione del contratto di compravendita. 6

7 E) REGIME FISCALE PER I CONCEDENTI SOGGETTI PASSIVI IVA 1. REGIME FISCALE DELLA FASE DI GODIMENTO DELL IMMOBILE Trattamento IVA Ai canoni di locazione dovuti dal conduttore fino all esercizio dell opzione è applicabile la disciplina IVA delle locazioni immobiliari contenuta nell art. 10, comma 1, n. 8), DPR n. 633/72 in base al quale è previsto un regime naturale (esenzione) e un regime opzionale (imponibilità). L opzione per l imponibilità va manifestata nel contratto. In particolare, per gli immobili abitativi l opzione per l imponibilità è riservata alle imprese costruttrici e a quelle di ristrutturazione che hanno eseguito, anche tramite appalto, interventi di recupero ex art. 3, comma 1, lett. c), d) ed f), DPR n. 380/2001. Con riferimento alla locazione di immobili strumentali, che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni, è prevista l applicazione del naturale regime di esenzione IVA al quale è possibile derogare con l opzione per l imponibilità da parte del locatore. Agli acconti è applicabile il medesimo trattamento riservato al corrispettivo per la cessione dell immobile, rappresentandone un anticipazione dello stesso e pertanto può essere così schematizzato. FABBRICATI ABITATIVI Ai sensi dell art. 10, comma 1, n. 8-bis), DPR n. 633/72 si applica, in generale, il regime di esenzione IVA. Detto regime naturale di esenzione non è tuttavia applicabile alle cessioni effettuate dalle imprese costruttrici / di ristrutturazione: entro 5 anni dall ultimazione della costruzione / intervento (l imponibilità IVA è applicabile per norma ); dopo 5 anni dall ultimazione della costruzione / intervento, qualora nell atto il cedente opti per l imponibilità IVA. L opzione è: soggettivamente limitata alle imprese costruttrici / di ristrutturazione; esclusa alle altre imprese, le quali devono applicare l esenzione. In sintesi l aliquota IVA applicabile è così individuata: 7

8 Tipologia immobile / requisiti acquirente Aliquota IVA Unità immobiliare categoria catastale A, diversa da A/1, A/8 e A/9, acquirente in 4% possesso dei requisiti prima casa ex n. 21, Tabella A, Parte I, DPR n. 633/72 Unità immobiliare sopra indicata, acquirente non in possesso dei requisiti prima 10% casa ex n. 127-undecies, Tabella A, Parte III, DPR n. 633/72 Unità immobiliare non appartenente alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 22% L Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 4/E in esame conferma che è possibile emettere una nota di variazione dell imposta ex art. 26, DPR n. 633/72 senza alcun limite temporale, nel caso in cui l acquirente, dopo la fatturazione degli acconti (con aliquota del 10% o del 4%), all atto della stipula del contratto definitivo, dichiari che si sono modificate le condizioni richieste per accedere all agevolazione prima casa. FABBRICATI STRUMENTALI Ai sensi dell art. 10, comma 1, n. 8-ter), DPR n. 633/72 alle cessioni di immobili strumentali è applicabile, in generale, il regime di esenzione IVA. Detto regime naturale di esenzione non è tuttavia applicabile alle cessioni: effettuate dalle imprese costruttrici / di ristrutturazione entro 5 anni dall ultimazione della costruzione / intervento (imponibilità IVA per norma ); per le quali il cedente, nell atto di cessione, opti per l imponibilità IVA. Alle cessioni di fabbricati strumentali imponibili è applicabile l aliquota IVA ordinaria (22%) ovvero quella ridotta (10%). L aliquota IVA ridotta è applicabile, in particolare, alle cessioni effettuate da: imprese costruttrici, di fabbricati o porzioni degli stessi, diversi dalle case di abitazione, ex art. 13, Legge n. 408/49, anche non ultimati, a condizione che permanga l originaria destinazione (n. 127-undecies, Tabella A, Parte III, DPR n. 633/72); imprese di ripristino, di fabbricati o porzioni degli stessi, sui quali sono stati eseguiti interventi di recupero ex art. 31, Legge n. 457/78, con esclusione di quelli di cui alle lett. a) e b) (n quinquiesdecies, Tabella A, Parte III, DPR n. 633/72). Trattamento II.DD. / IRAP Ai canoni di locazione dovuti dal conduttore per il godimento dell immobile fino all esercizio dell opzione va applicata la disciplina riservata alle locazioni. Pertanto, i canoni concorrono a formare il reddito d impresa del concedente in base al principio di competenza pro rata temporis ex art. 109, comma 2, lett. b), ultimo periodo, TUIR. 8

9 Per il concedente, gli acconti ricevuti dal conduttore durante il periodo di godimento dell immobile, non assumono rilevanza reddituale. Gli stessi rappresentano un debito verso il conduttore. Trattamento imposta di registro Come evidenziato dall Agenzia delle Entrate nella citata Circolare n. 4/E ai fini dell imposta di registro rilevano autonomamente, ai sensi dell articolo 21, comma 1, del TUR, le singole disposizioni contenute nell atto che siano espressione di una autonoma capacità contributiva. FABBRICATI ABITATIVI Ai sensi degli artt. 3, 17 e 5, Tariffa Parte I, DPR n. 131/86, i canoni di locazione: esenti IVA, scontano l imposta di registro proporzionale (2%); imponibili, scontano l imposta di registro in misura fissa pari ad 67 se il contratto è formato per scrittura privata o 200 se il contratto è formato per scrittura privata autenticata o è redatto in forma pubblica. FABBRICATI STRUMENTALI Ai sensi degli artt. 40 e 5, comma 1, lett. a-bis), Tariffa Parte I, DPR n. 131/86, i canoni di locazione, a prescindere dal regime IVA (imponibilità / esenzione), scontano l imposta di registro proporzionale (1%). Si evidenzia che: il contratto in esame è soggetto all obbligo di registrazione nel termine di 30 giorni; ai sensi dell art. 43, comma 1, lett. h), DPR n. 131/86, la base imponibile è costituita dall ammontare complessivo della quota dei canoni imputabile al godimento dell immobile, per l intera durata dello stesso; ai sensi dell art. 17, comma 3, DPR n. 131/86, l imposta può essere assolta sul corrispettivo pattuito per l intera durata del contratto, ovvero sul canone relativo a ciascun anno. Agli acconti soggetti ad IVA è applicabile il principio di alternatività IVA-registro ex art. 40, DPR n. 131/86, in base al quale l imposta di registro è dovuta in misura fissa ( 200). 2. REGIME FISCALE DEL TRASFERIMENTO DELL IMMOBILE Trattamento IVA La disciplina IVA applicabile all esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore è quella prevista per le cessioni immobiliari ex art. 10, comma 1, n. 8-bis) e 8-ter), DPR n. 633/72, sopra esaminata con riferimento agli acconti. 9

10 Come previsto dall art. 6, comma 1, DPR n. 633/72, il momento di effettuazione della cessione va individuato all atto di stipula del contratto definitivo, ossia all esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore. L Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 4/E in esame precisa che la base imponibile relativa alla cessione dell immobile è data dal prezzo di cessione decurtato dei soli acconti pagati fino all opzione e non anche dei canoni di locazione pagati dal conduttore. Trattamento II.DD. / IRAP Nel caso in cui il conduttore scelga di esercitare l opzione di acquisto per il concedente (proprietario) emerge un componente positivo rappresentato da un ricavo o una plusvalenza a seconda della tipologia dell immobile oggetto della cessione: immobile bene merce, il corrispettivo derivante dalla cessione concorre a formare il reddito al lordo degli acconti (art. 85, TUIR); immobile strumentale / patrimonio, concorre a formare il reddito la differenza tra il prezzo di cessione (al lordo degli acconti) ed il costo fiscale dell immobile (art. 86, comma 2, TUIR). Trattamento imposta di registro e ipocatastale FABBRICATI ABITATIVI Le cessioni di fabbricati abitativi effettuate da soggetti IVA in esenzione ex art. 10, comma 1, n. 8- bis), DPR n. 633/72 scontano: l imposta di registro proporzionale nella misura del 2% (prima casa) o 9% (fabbricati diversi da prima casa), con un minimo di 1.000; le imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 ciascuna; Opera il principio di assorbimento (non sono dovute l imposta di bollo / tasse catastali / tributi speciali catastali). FABBRICATI STRUMENTALI Per le cessioni di fabbricati strumentali ex art. 10, comma 1, n. 8-ter), DPR n. 633/72, trova applicazione il principio di alternatività IVA-registro. Di conseguenza, a prescindere dal regime IVA (imponibilità / esenzione): l imposta di registro è dovuta nella misura fissa di 200; le imposte ipotecaria e catastale sono dovute nella misura del 3% e dell 1%. 10

11 3. REGIME FISCALE DEL MANCATO TRASFERIMENTO DELL IMMOBILE Come sopra accennato, l art. 23, DL n. 133/2014 disciplina anche la mancata conclusione della compravendita, regolando altresì la restituzione delle somme versate a titolo di corrispettivo, prevedendo che: le parti sono tenute ad indicare nel contratto la quota dei canoni imputata a corrispettivo che deve essere restituita da parte del concedente (proprietario); se l inadempimento è imputabile: al concedente (proprietario), lo stesso deve restituire la parte dei canoni imputata al corrispettivo, maggiorata degli interessi legali; al conduttore, il concedente, oltre ad aver diritto alla restituzione dell immobile, acquisisce interamente i canoni a titolo di indennità, salvo patti contrari. Mancato esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore e restituzione degli acconti Il concedente emette a favore del conduttore una nota di credito ex art. 26, comma 2, DPR n. 633/72, per gli importi restituiti. La nota di variazione, va emessa con riferimento all ammontare complessivo versato dal conduttore a titolo di acconto, ovvero sia per la parte restituita che per la parte trattenuta. Infatti, non realizzandosi la cessione, sugli acconti IVA versati dal conduttore non può essere applicata l IVA. Tuttavia, gli acconti trattenuti dal concedente all atto del mancato esercizio del diritto di acquisto, assumono la natura di corrispettivo dovuto per l esercizio (a titolo oneroso) del diritto riconosciuto al conduttore e, pertanto, sono soggetti ad IVA. La restituzione degli acconti da parte del concedente al conduttore non fa emergere in capo al concedente alcun ricavo / plusvalenza. Tuttavia, gli acconti trattenuti da quest ultimo costituiscono un componente positivo del II.DD. IRAP reddito d impresa. Il predetto componente assume rilevanza ai fini IRAP secondo le consuete regole. 11

12 Risoluzione per inadempimento IVA II.DD. IRAP In caso di risoluzione per inadempimento da parte del concedente, lo stesso emette a favore del conduttore una nota di credito ex art. 26, comma 2, DPR n. 633/72 per gli importi restituiti; in caso di risoluzione per inadempimento da parte del conduttore, i canoni trattenuti dal concedente perdono la natura di acconto e assumono la natura di penalità per inadempimento del conduttore. In tal caso il concedente emette una nota di credito ex art. 26, comma 2, DPR n. 633/72 a rettifica del regime originariamente applicato e annota i canoni quali importi esclusi dal campo di applicazione IVA ex art. 15, DPR n. 633/72. In caso di risoluzione per inadempimento da parte del concedente non emerge alcun ricavo / plusvalenza in capo allo stesso. Tuttavia, gli interessi legali dovuti al conduttore concorrono alla determinazione del reddito d impresa del concedente, come interessi passivi; in caso di risoluzione per inadempimento da parte del conduttore si verificano gli analoghi effetti previsti in caso di mancato esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore, sopra indicati. Trattamento imposta di registro Nella Circolare n. 4/E in esame l Agenzia delle Entrate sottolinea che, sia nel caso di mancato esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore che in caso di risoluzione per inadempimento, l imposta di registro proporzionale (3%) applicata sugli acconti non sarà restituita, ancorché il concedente proceda alla restituzione degli stessi e pertanto le somme riscosse in sede di registrazione del preliminare rimarranno definitivamente acquisite dall erario. 12

13 F) REGIME FISCALE PER I CONCEDENTI SOGGETTI PRIVATI 1. REGIME FISCALE DELLA FASE DI GODIMENTO DELL IMMOBILE Trattamento II.DD. I canoni di locazione per il godimento dell immobile vanno considerati redditi di fabbricati e sono assoggettati ad IRPEF secondo le consuete regole. Di conseguenza se il canone risultante dal contratto di locazione, ridotto forfetariamente del 5%, è superiore alla rendita catastale (rivalutata), il reddito imponibile corrisponde al canone di locazione al netto di tale riduzione. Risultano applicabili le maggiori riduzioni forfetarie previste dall art. 37, comma 4-bis, TUIR, pari al: 25% per i fabbricati siti a Venezia e nelle isole della Giudecca / Murano / Burano; 35% per gli immobili riconosciuti di interesse storico o artistico. Trattamento imposta di registro Come disposto dagli artt. 20 e 21, DPR n. 131/86, i canoni di locazione scontano l imposta di registro proporzionale (2%) sia con riferimento agli immobili strumentali che a quelli abitativi. Come sopra accennato: il contratto in esame è soggetto all obbligo di registrazione nel termine di 30 giorni; l imposta può essere assolta annualmente sull ammontare del canone relativo a ciascun anno, ai sensi dell art. 17, DPR n. 131/86. Gli acconti scontano l imposta di registro proporzionale (3%) ai sensi dell art. 9, Tariffa Parte I, DPR n. 131/86 sull importo complessivo degli acconti pattuiti. Qualora la somma dell imposta di registro proporzionale applicata al canone di locazione e quella applicata all acconto risulti inferiore ad 200, è necessario versare l importo minimo di REGIME FISCALE DEL TRASFERIMENTO DELL IMMOBILE Trattamento II.DD. Le plusvalenze derivanti dalla cessione di immobili da parte di persone fisiche (non esercenti attività d impresa, lavoro autonomo) è contenuta negli artt. 67, comma 1, lett. b), che individua le fattispecie impositive e 68, commi 1 e 2, TUIR che stabilisce le modalità di calcolo della plusvalenza (differenza tra il corrispettivo percepito, comprensivo degli acconti ed il costo di acquisto dell immobile). In particolare, la citata lett. b), dispone che sono redditi diversi: 13

14 .. le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni, esclusi quelli acquisiti per successione e le unità immobiliari urbane che per la maggior parte del periodo intercorso tra l'acquisto o la costruzione e la cessione sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari. Di conseguenza, non danno luogo a plusvalenza tassabile le cessioni di: immobili (fabbricati e terreni non edificabili) acquistati/costruiti da più di 5 anni; immobili (fabbricati e terreni non edificabili) pervenuti in successione, ancorché acquistati/costruiti da meno di 5 anni; immobili (fabbricati e terreni non edificabili) pervenuti in donazione, qualora siano trascorsi più di 5 anni dalla data di acquisto/costruzione da parte del donante. fabbricati abitativi acquistati/costruiti da meno di 5 anni, adibiti ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari per la maggior parte del periodo intercorso tra l acquisto/costruzione e la cessione. L Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 4/E in esame precisa che gli acconti: costituendo parte del corrispettivo, sono assoggettati ad imposizione quali redditi diversi; diventano imponibili per il concedente (proprietario) al momento della cessione dell immobile (e non durante il godimento dello stesso). In particolare, come sopra accennato, se la cessione si realizza entro i 5 anni dall acquisto / costruzione, gli acconti sono imponibili per il proprietario / concedente, mentre se la cessione interviene in data successiva, il corrispettivo non rileva ai fini impositivi. Ad esempio, in caso di un immobile acquistato in data , la plusvalenza è assoggettata a tassazione (reddito diverso), se la cessione si realizza entro il Per l acquirente il termine quinquennale decorre dalla stessa data di trasferimento della proprietà dell immobile. Trattamento imposta di registro e ipocatastale Le cessioni di fabbricati abitativi effettuate da privati scontano: l imposta di registro proporzionale del 2% (prima casa) o 9% (fabbricati diversi da prima casa), con un minimo di 1.000; le imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 ciascuna; L imposta di registro va calcolata sul valore del bene, ai sensi degli artt. 43 e 51, DPR n. 131/86, ossia sul valore dichiarato dalle parti o, se superiore, sul corrispettivo pattuito, fatta salva l applicazione del c.d. prezzo-valore ex art. 1, comma 497, Legge n. 266/

15 Ai fini della determinazione dell imposta di registro applicabile al trasferimento dell immobile va applicata la disciplina prevista per i contratti preliminari di compravendita dall art. 10, Tariffa Parte I, DPR n. 131/86, in base al quale dall imposta di registro dovuta per il contratto definitivo deve essere scomputata l imposta di registro corrisposta in relazione agli acconti. Pertanto, al fine di evitare una doppia tassazione, dall imposta di registro proporzionale dovuta per il contratto definitivo di trasferimento è necessario scomputare l imposta di registro (3%) corrisposta sugli acconti (se non soggetti ad IVA) o sulla caparra confirmatoria (0,50%). Qualora l imposta proporzionale corrisposta per gli acconti / caparra sia superiore all imposta di registro dovuta per il contratto di compravendita definitivo, spetta il rimborso della maggiore imposta versata, in base all art. 77, DPR n. 131/ REGIME FISCALE DEL MANCATO TRASFERIMENTO DELL IMMOBILE Mancato esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore e restituzione degli acconti II.DD. La restituzione al conduttore degli acconti non assume alcuna rilevanza reddituale sia per il concedente che per il conduttore. Tuttavia, gli acconti trattenuti dal concedente costituiscono un reddito diverso ex art. 67, comma 1, lett. l), TUIR, quale remunerazione di quest ultimo per il diritto di acquisto concesso al conduttore. Risoluzione per inadempimento II.DD. In caso di risoluzione per inadempimento da parte del conduttore, gli acconti trattenuti dal concedente a titolo di indennità, costituiscono un reddito diverso ex art. 67, comma 1, lett. l), TUIR, quale remunerazione di quest ultimo per il diritto diacquisto concesso al conduttore. Trattamento imposta di registro È applicabile quanto sopra esaminato con riferimento ai soggetti passivi IVA e pertanto, sia nel caso di mancato esercizio del diritto di acquisto da parte del conduttore che in caso di risoluzione per inadempimento, l imposta di registro proporzionale (3%) applicata sugli acconti non sarà restituita, ancorché il concedente proceda alla restituzione degli stessi e pertanto le somme riscosse in sede di registrazione del preliminare rimarranno definitivamente acquisite dall erario. 15

16 16

17 Per maggiori informazioni e assistenza CONTATTATECI Studio Busani 17

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 4/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa Roma, 19 febbraio 2015 OGGETTO: Regime fiscale applicabile, ai fini delle imposte dirette e delle imposte indirette, ai contratti di godimento in

Dettagli

IL CONTRATTO RENT TO BUY : ANALISI ED APPROFONDIMENTO DEGLI ASPETTI CIVILI E FISCALI

IL CONTRATTO RENT TO BUY : ANALISI ED APPROFONDIMENTO DEGLI ASPETTI CIVILI E FISCALI IL CONTRATTO RENT TO BUY : ANALISI ED APPROFONDIMENTO DEGLI ASPETTI CIVILI E FISCALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'articolo 23 del decreto legge n. 133-2014,in vigore dal 13 settembre 2014

Dettagli

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45 ESTRATTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RENT TO BUY ACQUISTO 221 CAPITOLO 4 Rent to buy SOMMARIO A. Conclusione del contratto... 1838 B. Funzionamento... 1861 C. Inadempimento... 1902 D. Fallimento...

Dettagli

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia )

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) Art. 23 (Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili) 1. I

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Prot.n. 801. Vigente regime IVA per le locazioni e cessioni di fabbricati

Prot.n. 801. Vigente regime IVA per le locazioni e cessioni di fabbricati Prot.n. 801 CIRC.n 208 del 01.08.2013 A TUTTE LE IMPRESE ASSOCIATE IVA - cessioni e locazioni di fabbricati - Circolare dell'agenzia delle Entrate n.22 del 28.06.2013 - Provvedimento del 29.07.2013 per

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO: Modifiche alla disciplina del leasing immobiliare Articolo 1, commi 15 e 16, della legge 13 dicembre 2010, n.220 (legge di stabilità

Dettagli

L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare COLLEGIO dei COSTRUTTORI EDILI di Brescia e provincia Servizio Tributario rag. Enrico Massardi ProBrixia Borsa Immobiliare Camera di Commercio

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

IVA CESSIONI E LOCAZIONI DI FABBRICATI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

IVA CESSIONI E LOCAZIONI DI FABBRICATI CHIARIMENTI DALL AGENZIA IVA CESSIONI E LOCAZIONI DI FABBRICATI CHIARIMENTI DALL AGENZIA In questa Circolare 1. Premessa 2. Locazione di fabbricati regime fiscale 3. Modalità di esercizio dell opzione 4. Locazione regime transitorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

1.1 NUOVO CONTRATTO TIPICO

1.1 NUOVO CONTRATTO TIPICO Antonio ARGENIO Pietro BESSI Federico CALISSANO Vincenzo CAMPO ANTICO Giovanni CIURLO Stefano FILIPPINI Filippo INGRAFFIA Stanislao LUCHESCHI Emilio MARTINOTTI Andrea VILLA Ai Signori Clienti Loro Sedi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

DISCIPLINA IVA IN MATERIA DI CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134

DISCIPLINA IVA IN MATERIA DI CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134 Udine, 17 ottobre 2010 CIRCOLARE n. 20/2012 DISCIPLINA IVA IN MATERIA DI CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134 INDICE 1 PREMESSA 2 NOVITÀ IN

Dettagli

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali I contratti d impresa di Daniele Fezzardi e Luigi Dellapasqua Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali Il contratto preliminare

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STIPULATI DA SOGGETTI IVA, IN CORSO AL 4 LUGLIO 2006. OBBLIGO DI REGISTRAZIONE

CONTRATTI DI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STIPULATI DA SOGGETTI IVA, IN CORSO AL 4 LUGLIO 2006. OBBLIGO DI REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STIPULATI DA SOGGETTI IVA, IN CORSO AL 4 LUGLIO 2006. OBBLIGO DI REGISTRAZIONE Documento n. 20 del 23 novembre 2006 NOTA OPERATIVA Via Paisiello 24, 00198 Roma telefono:

Dettagli

2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA

2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA II. CESSIONI DI IMMOBILI 27 2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA Si considerano fabbricati strumentali per natura quelli che per loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione

Dettagli

Affitto di azienda con fabbricati strumentali di Raffaele Trabace

Affitto di azienda con fabbricati strumentali di Raffaele Trabace e registro Affitto di azienda con fabbricati strumentali di Raffaele Trabace L affitto di azienda (o di ramo di azienda) si considera prestazione di servizi ai fini ai sensi dell art. 3, comma secondo,

Dettagli

I contratti di rent to buy

I contratti di rent to buy Paolo Tonalini Notaio I contratti di rent to buy ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili di Pavia Relazione al Seminario del 3 marzo 2015 NOTAIO PAOLO TONALINI STRADELLA (PV) Via Dallagiovanna 16

Dettagli

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Premessa Con il DL n. 133 del 12.09.2014 sono state introdotte alcune nuove disposizioni in materia

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

PERMUTA, SENZA CONGUAGLIO, DI COSA PRESENTE (TERRENO) CON COSA FUTURA (EDIFICIO DA ERIGERE)

PERMUTA, SENZA CONGUAGLIO, DI COSA PRESENTE (TERRENO) CON COSA FUTURA (EDIFICIO DA ERIGERE) PERMUTA, SENZA CONGUAGLIO, DI COSA PRESENTE (TERRENO) CON COSA FUTURA (EDIFICIO DA ERIGERE) Il presente scritto cerca di ragguagliare il lettore in merito alla disciplina giuridica della fattispecie riportata.

Dettagli

OGGETTO: Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83

OGGETTO: Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 giugno 2013 OGGETTO: Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 2 Premessa...3 1. REGIME FISCALE DELLE LOCAZIONI

Dettagli

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE

CONTRATTO PRELIMINARE 38 CONTRATTO PRELIMINARE DPR 131/86 Art. 10 Tariffa, Parte I Prassi Nota Min. Finanze 3.1.85 n. 251127; R.M. 29.4.86 n. 400649; C.M. 10.6.86 n. 37/E; Ris. DRE Emilia Romagna 9.5.2002 n. 909-20845; Ris.

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DEGLI IMMOBILI D IMPRESA

LOCAZIONI E CESSIONI DEGLI IMMOBILI D IMPRESA Direzione Regionale del Lazio Ufficio Formazione LOCAZIONI E CESSIONI DEGLI IMMOBILI D IMPRESA a cura di Giovanni Caldarelli Aggiornato al 9 settembre 2008 L IMPOSIZIONE INDIRETTA NELLE LOCAZIONI E NELLE

Dettagli

(DL 12.9.2014 N. 133)

(DL 12.9.2014 N. 133) NOVITÀ DEL C.D. DL SBLOCCA ITALIA (DL 12.9.2014 N. 133) È stato pubblicato sulla G.U. 12.9.2014 n. 212 il c.d. decreto Sblocca Italia (DL 12.9.2014 n. 133), in vigore dal 13.9.2014. Tra le novità del provvedimento,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86)

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) 1 L imposta di registro appartiene alla famiglia delle imposte indirette. DEFINIZIONE: le

Dettagli

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO IN PRATICA 6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO Nel caso di cessione del fabbricato, sia per atto tra vivi che mortis causa, si possono presentare, come vedremo nel capitolo, diverse problematiche di carattere

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale

Studio Associato di Consulenza Aziendale Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

TRASFERIMENTI di IMMOBILI AUMENTO dell'imposizione INDIRETTA

TRASFERIMENTI di IMMOBILI AUMENTO dell'imposizione INDIRETTA Circolare informativa per la clientela n. 29/2013 del 17 ottobre 2013 TRASFERIMENTI di IMMOBILI AUMENTO dell'imposizione INDIRETTA In questa Circolare 1. Decreto «Imu» 2. Decreto «istruzione» 3. Tassazione

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI Aggiornato al 29 dicembre 2013 Dott. Gaetano Petrelli N O T A I O Corso Cobianchi, 62 - Verbania (VB) Tel. 0323/516881 - Fax 0323/581832 E-mail: gpetrelli@notariato.it Sito internet: http://www.gaetanopetrelli.it

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Imposta di Registro Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Avv. Marco Rippa Imposta di registro I PARTE 1 Inquadramento normativo II PARTE 2 Soggetti passivi

Dettagli

Una breve rassegna delle recenti riforme: novità per il settore immobiliare introdotte dal Decreto Sblocca Italia

Una breve rassegna delle recenti riforme: novità per il settore immobiliare introdotte dal Decreto Sblocca Italia La Competitività del Mercato Immobiliare Italiano in vista dell EXPO RIFLESSIONI SULLE RIFORME IN ATTO ED INDICATORI INTERNAZIONALI -Associazioni, Operatori Nazionali e Internazionali a Confronto - Una

Dettagli

LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici. 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1

LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici. 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1 LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1 EFFETTI L. 248 / 2006 Decorrenza retroattiva dal 4/07/2006

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA

CIRCOLARE INFORMATIVA CIRCOLARE INFORMATIVA Oggetto: Legge 248/2006 PRINCIPALI NOVITA SUGLI IMMOBILI Con l approvazione del D.l. n. 223/2006 nella legge n. 248/2006, sono stati apportati notevoli cambiamenti al regime IVA degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014 Gli aspetti fiscali del recesso del socio Trento, 9 maggio 2014 La disciplina fiscale del recesso del socio è caratterizzatadadiversevariabili: -modalitàdirecesso; -modalità scelte per la liquidazione

Dettagli

Cessioni da soggetti Iva

Cessioni da soggetti Iva Raffaele Trabace Cessioni da soggetti Iva di unità immobiliari C/2 C/6 C/7 Aliquote - Tassazioni Anno 2012 1 CESSIONE AUTONOMA DELL UNITA IMMOBILIARE (1) L unità si considera fabbricato o porzione di fabbricato

Dettagli

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITÀ IN MATERIA DI FISCALITÀ DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Verona, 13 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile Tributario

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG. CIRCOLARE N. 15 DEL 03/09/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG. 2 IN SINTESI: Recentemente la Corte di

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

TIPOLOGIE CONTRATTUALI

TIPOLOGIE CONTRATTUALI TIPOLOGIE CONTRATTUALI LOCAZIONE CON PATTO DI FUTURA VENDITA LOCAZIONE CON PATTO DI OPZIONE CONTRATTO PRELIMINARE DI VENDITA AD EFFETTI ANTICIPATI VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA VENDITA CON CAMBIALI

Dettagli

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Redditi diversi Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO 8.6 ALTRI REDDITI DI NATURA FONDIARIA 8.7 UTILIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_17457_rinnovabili-fotovoltaico-fotovoltaico-agenzia-delle-entrate-rendite-catastali-impianti-fvoltre-i-3-kw-accatastabili-presentata-interrogazione-alla-camera.html

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

AVVOCATO GENNARO MARASCIUOLO del Foro di Trani

AVVOCATO GENNARO MARASCIUOLO del Foro di Trani AVVOCATO GENNARO MARASCIUOLO del Foro di Trani Rent to buy Cosa è e come è stato disciplinato D.L. 133/2014 Decreto Sblocca Italia Art. 23: contratto che prevede l'immediata concessione del godimento di

Dettagli

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 33 30.01.2014 Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione L art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

Studio Notarile Rizzi 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 e-mail: grizzi.2@notariato.it. n. 248

Studio Notarile Rizzi 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 e-mail: grizzi.2@notariato.it. n. 248 Studio Notarile Rizzi 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 e-mail: grizzi.2@notariato.it IL NUOVO REGIME FISCALE DEGLI ATTI IMMOBILIARI DOPO LA LEGGE 4 agosto 2006 n. 248 GUIDA OPERATIVA (versione 21.9.2006)

Dettagli

L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI

L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI 1 INDICE Premessa Pag. 3 Introduzione Pag. 4 CAPITOLO 1 Abitazioni Pag. 4 1.1 Cessioni Pag. 4 1.2 Locazioni Pag. 7 CAPITOLO 2 Fabbricati strumentali Pag. 8

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014 TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI dal 1 gennaio 2014 1. NORME 1.1. DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (GU n.67 del 23-3-2011 )

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO Circolare del 04/08/2006 n. 27 Oggetto: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni

Dettagli

TeknoeBook Le cessioni e locazioni di immobili. Aspetti fiscali e amministrativi

TeknoeBook Le cessioni e locazioni di immobili. Aspetti fiscali e amministrativi TeknoeBook GLI EBOOK DI TEKNORING IL NETWORK DEI PROFESSIONISTI TECNICI DI WOLTERS KLUWER ITALIA ingegneri.info architetto.info geometra.info edilone.it mixdesign.it periti.info tecnici.it chimici.info

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati di Alessandra Loiacono Il governo italiano ha da tempo introdotto una serie

Dettagli

FABBRICATI E TERRENI TABELLE PRATICHE

FABBRICATI E TERRENI TABELLE PRATICHE 2635 FABBRICATI E TERRENI TABELLE PRATICHE Imposte indirette Imposte dirette ICI Cedolare secca sugli affitti IMU IVIE Studio Rebecca & Associati 10 GENNAIO 2013 VICENZA - SCHIO FABBRICATI E TERRENI CESSIONE

Dettagli

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero 4/2011 Pagina 1 di 9 Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero : 4/2011 Gruppo : FINANZIARIA Oggetto : FINANZIARIA 2011 Norme e prassi : LEGGE N. 220 DEL 13.12.2010 PUBBLICATA IN GAZZETTA

Dettagli

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI Circolare informativa per la clientela n. 19/2012 del 7 giugno 2012 CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI In questa Circolare 1. Imposte sui redditi 2. Irap 3. Iva 4. Altre imposte indirette

Dettagli

Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia Ufficio fiscalità

Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia Ufficio fiscalità Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia Ufficio fiscalità LE LOCAZIONI IMMOBILIARI (linee guida) Relazione a cura del dott. Stefano SIBELJA Funzionario Ufficio Fiscalità Agenzia delle Entrate - Direzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per

Dettagli

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è entrato

Dettagli

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 5.11.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

La circolare n. 12/E dell 1 marzo 2007

La circolare n. 12/E dell 1 marzo 2007 Tassazione La circolare n. 12/E dell 1 marzo 2007 di BARBARA FRANCESCHINI (Notaio in Marcaria) La circolare in esame chiarisce in quali casi e con quali modalità deve essere effettuata, a seguito del mutamento

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Informativa Ottobre 2014 Data: 01 Ottobre 2014 Indice Decreto Sblocca Italia

Dettagli

Dott. Salvatore Fiorenza Piazza Cavour, 3 Dott. Ferdinando Ramponi Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Massimo Rho Fax (+39) 02 764214.61

Dott. Salvatore Fiorenza Piazza Cavour, 3 Dott. Ferdinando Ramponi Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Massimo Rho Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Marco Baccani 20121 Milano Dott. Salvatore Fiorenza Piazza Cavour, 3 Dott. Ferdinando Ramponi Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Massimo Rho Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Federico Baccani Dott.ssa Elena

Dettagli

L inquadramento fiscale delle! operazioni immobiliari! 28/02/2013!

L inquadramento fiscale delle! operazioni immobiliari! 28/02/2013! L inquadramento fiscale delle operazioni immobiliari 28/02/2013 Le conseguenze fiscali di un operazione di trasferimento immobiliare sono differenti in base alla natura e allo status dei soggetti coinvolti

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 1 IVA NEL SETTORE IMMOBILIARE La separazione delle attività. L'articolo 57 del Dl 1/2012 ha introdotto, per le imprese di costruzione, la possibilità di separare

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Aggiornato al 26 giugno 2012!!"#$%%$&'!!"#%$%! ()*+,-. *,*""///+, &*0#&%1%2* $! 3%! PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI A) - VENDITE DI FABBRICATI

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

L'IVA nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare dopo le novità sull imposta di Registro

L'IVA nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare dopo le novità sull imposta di Registro I Dossier Fiscali L'IVA nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare dopo le novità sull imposta di Registro (D.Lgs. 23/2011 federalismo fiscale municipale e D.L. 104/2013, convertito nella Legge

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O

ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O Elaborazione Coordinamento a cura di Alberto Zamberletti e Armando Barsotti SPESE ED ADEMPIMENTI NELLA COMPRA-VENDITA

Dettagli

NOVITÀ FISCALI PER IL LEASING LEGGE DI STABILITÀ 2014

NOVITÀ FISCALI PER IL LEASING LEGGE DI STABILITÀ 2014 NOVITÀ FISCALI PER IL LEASING LEGGE DI STABILITÀ 2014 Pietrasanta, 12 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile tributario Iccrea BancaImpresa Responsabile fiscale corporate Gruppo Bancario Iccrea 2

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

SOMMARIO 1. L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA PER I CONTRATTI DI COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI

SOMMARIO 1. L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA PER I CONTRATTI DI COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it SOMMARIO 1. L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA PER I CONTRATTI DI COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI 2. GLI INTERESSI

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI SPAZIIO AZIIENDE ottobre 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI Percentuali di ricarico Sentenza CTR Lombardia n. 4053/2014 Reddito dell imprenditore Sentenza CTR Lazio 7.7.2014, n. 4477/04/14 F24 telematico dall

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

La Finanziaria 2014 1 parte

La Finanziaria 2014 1 parte INFORMA AZIENDE La Finanziaria 2014 1 parte (Legge di Stabilita 2014 pubbl. G.U. n.147 il 27/12/2013) DETRAZIONI PER EFFICIENZA ENERGETICA-RISTRUTT EDILIZIA PAGAMENTO CANONI LOCAZIONI IMMOBILI ABITATIVI

Dettagli

SOCIETA IMMOBILIARI DI GESTIONE A cura della Dott.ssa Antonella SABATINI Tutor: Dott. Francesco REMIGIO Novembre 2004

SOCIETA IMMOBILIARI DI GESTIONE A cura della Dott.ssa Antonella SABATINI Tutor: Dott. Francesco REMIGIO Novembre 2004 dei dottori Francesco & Ivo Remigio S t u d i o A s s o c i a t o C o m m e r c i a l i s t i Via Aventino n. 10 int. 2 66023 Francavilla al Mare (CH) Tel. 085 4913703 085 810347 = Fax. 085 814137 - Codice

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento

LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento Evoluzione disciplina fiscale dei fondi immobiliari Art. 15 L.n. 86/1994 Tassazione in capo al fondo I fondi erano soggetti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

NOTAIO DOMENICO CHIOFALO. Viale Trieste n. 20-21046 - MALNATE. tel.0332/860273 Fax 0332/424343. e.mail dchiofalo@notariato.it

NOTAIO DOMENICO CHIOFALO. Viale Trieste n. 20-21046 - MALNATE. tel.0332/860273 Fax 0332/424343. e.mail dchiofalo@notariato.it NOTAIO DOMENICO CHIOFALO Viale Trieste n. 20-21046 - MALNATE tel.0332/860273 Fax 0332/424343 e.mail dchiofalo@notariato.it.... Contratto preliminare di beni immobili: cenni di natura fiscale L articolo

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli