Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia. Introduzione"

Transcript

1 Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia Introduzione In questa lezione cercherò di delineare le caratteristiche fondamentali delle diverse strategie attraverso le quali, nel corso della loro storia, i paesi che oggi chiamiamo in via di sviluppo (d ora in poi PVS) hanno cercato di affrancarsi dalle catene della povertà. Il periodo storico che prenderò in considerazione è piuttosto limitato: indicativamente, dal termine del secondo conflitto mondiale ad oggi. La ragione di questa scelta è che, per quanto qualsiasi rigida periodizzazione sia sempre almeno in parte arbitraria, la storia dei modelli di sviluppo che si sono succeduti nel 900 inizia in realtà dopo la seconda guerra mondiale. Solo allora, infatti, molti PVS ottennero l indipendenza dalle potenze coloniali; solo allora, perciò, si pose per quei paesi (cioè per la gran parte dell umanità, basti pensare all India) la necessità di pianificare il proprio futuro e quindi di riferirsi a qualche modello di sviluppo, a qualche strategia ; solo allora, ancora, le grandi potenze mondiali cominciarono a guardare con occhio diverso al mondo povero: non più colonie da depredare, ma potenziali alleati da attrarre nella propria sfera di influenza politica e, quindi, da aiutare attraverso il sostegno del processo di sviluppo 1. E proprio alla fine della seconda guerra mondiale, a Bretton Woods nel 1944, che fu costituita la Banca Mondiale, organizzazione sovranazionale finanziata con i fondi devoluti dai paesi ricchi ed il cui scopo era ed è di incoraggiare il flusso degli investimenti verso i paesi poveri. Certo, partire dalla fine della seconda guerra mondiale significa tagliar fuori la Rivoluzione d Ottobre e l esperimento della pianificazione sovietica. Una simile scelta è sostenuta tuttavia da due ragioni. Primo, le strategie di sviluppo di alcuni paesi dopo la seconda guerra mondiale si sono più o meno esplicitamente, in maggiore o minor misura, ispirate a quell esperimento, di cui perciò metteremo comunque in luce alcune caratteristiche salienti. Secondo, dell esperimento sovietico si è cosi ampiamente scritto e detto che pare opportuno, in questa sede, concentrare l attenzione su paesi ed esperienze che la storia ufficiale ha talvolta messo in ombra. Uno schema concettuale utile per inquadrare e capire meglio le strategie di sviluppo che si sono succedute nel corso di questo periodo è il modello dei due gap, illustrato nella lezione 9. Qui ci limitiamo a ricordarne i tratti essenziali. A livello macroeconomico, la crescita di un economia può essere vincolata dalla disponibilità di risparmio interno, necessario a finanziare gli investimenti in capitale fisico ed umano (a questo proposito si veda anche la lezione 6 sulla crescita endogena) oppure dalla disponibilità di valuta straniera, necessaria all importazione di beni intermedi e beni capitali non prodotti internamente. Ora, come sottolineato da Mahalanobis (1953), mentre in economie di grande dimensione, potenzialmente in grado di produrre tutto ciò di cui si ha bisogno e perciò relativamente chiuse al commercio con l estero (per esempio Cina e India), si riteneva che il vincolo fondamentale alla crescita fosse la disponibilità di risparmio interno, nella maggior parte delle economie africane, asiatiche e latino-americane, economie di dimensione medio-piccola, la capacità di ottenere valuta straniera e quindi di importare beni intermedi e beni di investimento era considerato il vincolo cruciale al processo di crescita. La maggior parte delle economie africane, asiatiche e latino-americane si trovò perciò di fronte al problema di individuare una strategia che consentisse loro di generare una quantità sufficiente di valuta straniera a sostegno dell obiettivo fondamentale di quella fase storica: l industrializzazione. 1 Non è affatto sorprendente che con la fine della guerra fredda, e quindi della necessità di attrarre i PVS nella propria sfera di influenza politica, gli aiuti allo sviluppo siano sostanzialmente crollati. Guardando ai dati relativi all ODA (Official Development Assistance) si nota infatti che i 29 donatori OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, l organizzazione dei paesi ricchi del pianeta) complessivamento destinano lo 0,22% del loro Prodotto Interno Lordo (PIL) agli aiuti, che è un impressionante record negativo storico, meno di un terzo del famoso obiettivo dello 0,7% solennemente dichiarato in sede ONU. I soli paesi del G-7 hanno ridotto il loro contributo di 15 miliardi di dollari dal 1992, cioè del 30% in termini reali. Per questi ed altri dati si veda la lezione

2 10.1 Il modello autarchico All indomani della seconda guerra mondiale divenne chiaro che il modello di sviluppo scelto da molti PVS, e specialmente da quelli di grandi dimensioni, era un modello autarchico, basato sulla guida statale e non sulla (prevalenza della) libertà di mercato. Il clima intellettuale di quegli anni era infatti tale che la maggior parte degli economisti dello sviluppo ritenesse impossibile che le sole forze del mercato, lasciate a se stesse, potessero realizzare obiettivi giganteschi quali l industrializzazione di un paese e l ottenimento di una quantità di valuta estera sufficiente a sostenere l industrializzazione stessa. Gli ingredienti fondamentali di questo approccio erano sostanzialmente due: La cosiddetta sostituzione delle importazioni La proprietà pubblica di una larga parte dell apparato produttivo La sostituzione delle importazioni. La sostituzione delle importazioni è una strategia di sviluppo industriale che si basa su un idea molto semplice ed apparentemente convincente. Un paese non può svilupparsi, cioè innanzitutto garantire una crescita rapida e sostenuta del reddito pro capite, limitandosi alla produzione e vendita di prodotti primari, estratti dalla terra o coltivati sulla terra. Non esiste nessun esempio al mondo di paese ricco che sia prevalentemente agricolo. Un paese le cui forze produttive, di lavoro e capitale, sono per la maggior parte impiegate nel settore primario è un paese che per definizione sta producendo la propria sussistenza, non molto di più (al meglio!) del proprio pane quotidiano. Un paese che si vuole sviluppare deve perciò riuscire a far crescere delle proprie industrie manifatturiere. Non lo può fare, però, se non al riparo dalla concorrenza internazionale, in special modo dalla concorrenza dei paesi già sviluppati i quali, disponendo di tecnologie più avanzate e lavoratori più produttivi, sono in grado di fornire prodotti più competitivi. La Tailandia, tanto per fare un esempio, non riuscirebbe mai secondo questo punto di vista a sviluppare una propria industria di orologi se permettesse ai propri cittadini di acquistare orologi svizzeri. Di qui la necessità di impedire o limitare le importazioni di prodotti industriali. Si trattava appunto di sostituire le importazioni con produzione locale. Produzione locale che, secondo questo punto di vista, non si potrebbe affermare senza la limitazione di legge delle importazioni. Gli strumenti attraverso i quali i paesi che hanno adottato una strategia di sostituzione delle importazioni 2 hanno cercato concretamente di limitare le importazioni sono tanti e variabili nel tempo e nello spazio. Tipicamente: dazi doganali, cioè l imposizione di tasse che fanno aumentare il prezzo dei beni importati; meccanismi di razionamento della valuta (le banche venivano cioè autorizzate a cedere valuta estera solo a determinate categorie di operatori: importatori di beni di prima necessità e di beni capitale avevano la precedenza sugli importatori di beni di consumo, sempre ammesso che questi ultimi avessero accesso ad una qualche quantità di valuta); quote di importazione, cioè concessione da parte governativa di licenze di importazione a determinati soggetti e per determinate quantità di determinati beni; credito agevolato; ecc. Un esempio concreto di sostituzione delle importazioni è raccontato da C. Freeman 3 (p.54), 2 I paesi più citati come esempio di strategia di sostituzione delle importazioni sono India e Brasile (il Brasile iniziò questa strategia ben prima della fine della seconda guerra mondiale, all inizio del 900). Bisogna però aggiungere alla lista anche molti paesi dell Africa nera, l Indonesia di Suharno, l Argentina di Peron ed altri ancora. In generale, all origine di questa strategia non vi furono soltanto, e nemmeno prevalentemente, motivazioni strettamente economiche, ma anche cause di carattere storico: dopo decenni, e a volte secoli, di depredamento coloniale, molte nazioni hanno comprensibilmente individuato nella libertà dei commerci e dei capitali stranieri una minaccia alla sovranità nazionale. 3 C.Freeman, La creatività scientifica nello sviluppo economico, Di Renzo Editore, Faccio notare che il caso coreano è di norma presentato, nel dibattito e nella pubblicistica economica, come un caso di sviluppo trainato dalle esportazioni, e non avvenuto per sostituzione delle importazioni. Il caso della Samsung, e anche alcuni studi più sistematici (per esempio Amsden, A.H, 1989, Asia s next giant: South Korea and late industrialization, New York, Oxford University Press), dimostrano invece che le due strategie di promozione delle esportazioni e di sostituzione delle importazioni sono invece compresenti nella storia dello sviluppo coreano.

3 Nel 1969 il governo della Corea del Sud convocò la SamSung, una ditta di commercio all ingrosso e al dettaglio ; pur non essendo una grandissima impresa, disponeva di molto denaro, essendo i profitti del commercio piuttosto buoni. Le autorità coreane, avendo esaminato i dati relativi ai prodotti industriali a crescita più elevata, come ad esempio le auto e l elettronica, dissero alla SamSung: Vogliamo organizzare un settore industriale nel campo dell elettronica. Ci state? Intendiamo favorire la nascita di industrie coreane in questi settori, perché lì risiede il futuro, le industrie sono in rapida crescita. Se voi riorganizzerete la vostra attività e vi metterete a produrre elettronica, noi vi favoriremo in molti modi, con prestiti a tasso di interesse bassissimo, fino a zero, e vi garantiremo che il mercato coreano interno sarà protetto, non ci sarà concorrenza! Inoltre, vi aiuteremo ad ottenere tecnologia avanzata dal Giappone, dagli Stati Uniti e dall Europa. Tra una decina d anni avrete ed avremo sfondato.il governo coreano fece loro notevoli pressioni ed alla fine accettarono; oggi sono una delle prime ditte mondiali di apparecchi elettronici. Per quanto suggestiva, ed in buona parte ragionevole, l idea sottesa al racconto di Freeman si presta a molte critiche. E, in effetti, sono state queste critiche a determinare, a partire dalla seconda metà degli anni 70, un progressivo allontanamento, nelle idee e nei fatti, dal paradigma della sostituzione delle importazioni. Vediamo alcune di queste critiche. La prima critica è di carattere dinamico. La protezione che i governi offrono alle imprese locali dovrebbe permettere, come mostra l esempio relativo alla Corea del Sud, alle stesse imprese locali di sviluppare delle proprie capacità tecnologiche, commerciali ed organizzative. Al riparo dalla concorrenza di chi si è sviluppato prima, si ha il tempo di sviluppare tali capacità. La Tailandia può imparare a produrre orologi solo facendoli (learning by doing), ma nessun tailandese si metterà a fare orologi se poi, a causa della presenza sul mercato degli orologi svizzeri, non riesce a venderli. Questo modello, però, può funzionare soltanto se la protezione che i governi offrono alle imprese locali è temporanea e viene percepita come tale. Se la SamSung avesse pensato che la protezione e le condizioni di favore offerte dal governo coreano fossero durate all infinito, essa non avrebbe probabilmente avuto alcuno stimolo ad acquisire capacità tecnologiche, organizzative e commerciali. Non avrebbe perciò giovato in alcun modo allo sviluppo del paese. Semplicemente, si sarebbe creato un gruppo di potere economico protetto dal ceto politico e che al ceto politico, in cambio di questa protezione, avrebbe offerto sostegni di varia natura. La storia dell India dall indipendenza fino al 1991 è un buon esempio di come la strategia di sostituzione delle importazioni, quando la protezione offerta ai produttori locali è troppo duratura nel tempo, non sia garanzia di sviluppo sufficiente della ricchezza materiale. In quel periodo ( ), infatti, il PIL reale indiano pro capite è cresciuto molto lentamente (in media, 2% all anno), molto più lentamente di quanto sarebbe stato necessario per garantire un tenore di vita dignitoso alla maggior parte della (immensa) popolazione; la corruzione e la connivenza si sono ampiamente diffusi, al punto che il crollo del partito storico (il Congresso), lo stravolgimento elettorale del 1996 e l uscita di scena di alcuni importanti uomini politici sono stati legati a numerosi scandali a sfondo finanziario; infine, l eccessiva ed eccessivamente perdurante protezione offerta ai produttori locali, ha provocato una stagnazione della produttività del lavoro ed una progressiva erosione della quota indiana sul totale del commercio mondiale, cioè una perdita di competitività. Un altra critica che viene tradizionalmente mossa alla strategia di sostituzione delle importazioni è di carattere statico (i suoi effetti, cioè, non si manifestano nel tempo, ma qui ed ora ). Essa, dicono molti economisti, provoca una riduzione del benessere complessivo della società. Il ragionamento è il seguente. Il governo del paese che applica la strategia in questione sta meglio, perché, almeno nel caso dei dazi doganali, gode di entrate fiscali prima inesistenti; i produttori del paese in questione, pure loro, stanno meglio, perché realizzano profitti e percepiscono salari che non avrebbero realizzato e percepito nel caso in cui fossero stati esposti alla concorrenza dei paesi più avanzati; i consumatori, però, stanno decisamente peggio: perché possono scegliere i prodotti da acquistare fra una gamma più ristretta e perché pagano prezzi più elevati di quelli che produttori più efficienti potrebbero applicare. Fatti i conti, dice la teoria economica tradizionale, lo star peggio dei consumatori più che compensa lo star meglio dei produttori e del governo: per la società nel suo complesso, dunque, si ha una riduzione del benessere complessivo. In realtà questa è una critica a

4 mio avviso molto più debole della precedente 4, ma ha avuto comunque una certa importanza nel determinare il cambiamento nel clima intellettuale nei confronti delle strategie di import substitution. Infine, una terza critica alla strategia di import substitution è di carattere meno teorico e più legato ai risultati pratici ottenuti dai paesi che l hanno perseguita. Dell India si è già detto. Altri casi da citare sono quelli dell Argentina, dove le politiche autarchiche hanno provocato un peggioramento del tenore di vita 5, e di gran parte dell Africa nera dove pure la strategia di chiusura trovava, all indomani della riconquistata indipendenza, fortissime ragioni storico-politiche per affermarsi: scambi e capitale straniero in quel contesto non potevano significare altro che sfruttamento e dolore. Anche questa critica, però, non è del tutto convincente. Accanto ai casi appena citati di fallimento della strategia di sostituzione delle importazioni vi sono casi di successo. Il Brasile, per esempio, che l ha applicata per tutto il secolo con l eccezione del decennio , ha sviluppato la propria ricchezza materiale, per tutto il secolo, ad un ritmo inferiore al solo Giappone 6 ; le cosiddette tigri asiatiche (Corea del Sud, Malesia, Taiwan, Singapore, Cina, Indonesia) si sono e si stanno sviluppando a ritmi prodigiosi, del tutto sconosciuti a qualsiasi altro paese dopo la seconda guerra mondiale, facendo uso anche laddove le dimensioni del paese lo consentono - dello strumento della sostituzione delle importazioni. Probabilmente un giudizio più sereno e meno ideologico deve portarci a riconoscere che gli strumenti tipici di una strategia di sostituzione delle importazioni (dazi, credito agevolato, ecc.) possono funzionare se previsti soltanto per un certo periodo e accompagnati da altre politiche ed altri incentivi (nel caso sud coreano, per esempio, i profitti realizzati grazie alla protezione non potevano essere esportati, ma reinvestiti per ottenere, questa volta, prodotti idonei ad essere esportati secondo certi target quantitativi). Non esiste una ricetta miracolosa, ma un policy mix la cui adeguatezza va giudicata in relazione a ciascun paese e in relazione alla particolare fase storica. La proprietà pubblica. Se, come abbiamo detto, svilupparsi significa di norma industrializzarsi, chi si deve incaricare di impiantare nuove industrie in economie prevalentemente agricole? I paesi nei quali la produzione primaria è dominante sono anche paesi nei quali le infrastrutture sono spesso calibrate sulle necessità di esportazione di pochi prodotti primari: le autostrade e le ferrovie sono posizionate rispetto a queste esigenze, le attrezzature portuali possono stoccare questi prodotti e non altri, ecc.. Ancora: la forza lavoro addestrata è spesso un bene molto scarso, il personale scientifico (ingegneri, chimici, informatici, fisici, ecc.) necessario a qualsiasi tipo di sviluppo industriale o non c è o tende ad andarsene 7. Quale imprenditore privato si sobbarcherà il costo di adeguare le 4 Una contabilità del benessere come quella appena esposta, infatti, presuppone che un dollaro guadagnato dal governo conti tanto quanto un dollaro perduto da un consumatore, il che è del tutto insoddisfacente nel caso in cui per esempio, il bene a cui viene applicato il dazio è un bene di lusso. Il consumatore, in quel caso, è un ricco signore che ora deve pagare 1 dollaro in più per pagare la Mercedes; se quel dollaro, entrato nelle casse dello Stato come dazio doganale, serve a finanziare programmi di assistenza ai poveri, è ben difficile sostenere che la perdita del ricco signore debba valere, dal punto di vista sociale, quanto il guadagno del povero. 5 Riporto a questo proposito un passo di N.G. Mankiw, contenuto in Principi di Economia, Zanichelli, 1999 (p.460): il PIL dell Argentina è equivalente a quello della sola città di Philadelphia ed è facile immaginare che cosa accadrebbe se il Consiglio Comunale di questa città impedisse ai residenti di commerciare con individui e imprese al di fuori dei confini municipali.il tenore di vita a Philadelphia crollerebbe immediatamente.questo è esattamente ciò che è accaduto in Argentina quando il governo ha cominciato a perseguire politiche autarchiche... 6 Qualche cifra può essere d aiuto: il PIL reale pro capite del Giappone è cresciuto, tra il 1900 e il 1990, del 3% all anno; quello brasiliano del 2,39%; quello italiano del 2,1%; quello statunitense dell 1,76%; quello indiano dello 0,65%; quello del Bangladesh (fanalino di coda) dello 0,08%. Che poi il Brasile non sia riuscito a distribuire equamente questo aumento di ricchezza è un altro problema, collegato ma distinto. 7 Il fenomeno cosiddetto della fuga dei cervelli non è solo un ricordo del passato. Ci sono oggi africani titolari di un dottorato di ricerca che lavorano fuori dai loro paesi, attratti da salari più elevati e un clima politico più stabile. Ma non è solo questione di fuga. Gli Stati Uniti, il Canada e l Australia, per esempio, praticano una politica attiva per attirare lavoro qualificato dai paesi meno sviluppati, offrendo speciali visti di ingresso e altri incentivi. In Africa c è uno

5 infrastrutture e addestrare la forza lavoro? Chi fornirà incentivi ai cervelli per evitare che scappino? Ammesso e non concesso che in un paese povero vi siano le risorse finanziarie ed imprenditoriali perché tali compiti possano essere lasciati all iniziativa privata, come si potranno coordinare tanti molteplici sforzi? Immaginate una regione 8 prevalentemente agricola, nella quale vi è perciò il potenziale per investimenti industriali di diverso tipo. Supponete inoltre che tutta la produzione industriale futura della regione possa essere venduta soltanto entro i confini nazionali 9. Supponete ancora che in questa regione venga impiantata una enorme fabbrica di scarpe che produce scarpe per un valore complessivo di 1 miliardo di lire. Ciò significa che tale impresa distribuisce salari (ai lavoratori), profitti (agli azionisti-capitalisti) e rendite (ai proprietari del capannone entro cui si svolge l attività produttiva, del terreno su cui sorge il capannone, ecc.) per un valore complessivo pari a 1 miliardo di lire. Riuscirà questa impresa a sopravvivere, cioè a vendere tutte le scarpe che produce? Poiché per ipotesi essa non potrà vendere nulla all estero, la nostra impresa sopravviverà soltanto se tutto il miliardo di redditi che essa distribuisce viene speso nell acquisto di scarpe, ciò che è palesemente assurdo! I percettori di quei redditi vorranno comprarsi scarpe, magliette, automobili e quant altro possa soddisfare i loro molteplici desideri di consumo. Ma ciò significa che i potenziali produttori di scarpe decideranno di effettuare per davvero il loro investimento solo se sono convinti, se si aspettano, che qualcun altro si metta a produrre magliette e automobili. Lo stesso dicasi per i potenziali produttori di magliette e di automobili. C è quindi, nei processi di sviluppo, un problema cruciale legato alle aspettative. Ed è del tutto evidente che in una regione la cui storia è una storia di stagnazione e povertà, è ben difficile che le aspettative siano ottimistiche, che il potenziale produttore di scarpe si convinca che il potenziale produttore di magliette produrrà effettivamente le magliette 10. Queste sono le ragioni di fondo per le quali in molti PVS, all indomani della seconda guerra mondiale, la proprietà pubblica dell apparato produttivo si è molto diffusa, al di là del ruolo dello Stato come fornitore di infrastrutture, beni pubblici in generale e beni prodotti in regime di monopolio naturale: perché, per tornare al nostro esempio, l unico soggetto singolo che può simultaneamente produrre scarpe, magliette e automobili, tagliando alla radice il problema del coordinamento e delle aspettative, è il soggetto pubblico 11. Detto per inciso: queste sono anche, al di là delle polemiche contingenti e dei casi di malversazione, le ragioni profonde per le quali pure l Italia nel secondo dopoguerra costituì un esteso sistema di proprietà pubblica delle attività produttive, il sistema cosiddetto delle partecipazioni statali guidato dall IRI. scienziato o un ingegnere ogni persone (per avere un idea, è come se in una città come Pavia ci fossero solo 8 ingegneri!). 8 L esempio che segue è tratto da un famoso articolo di un grande economista dello sviluppo, Paul Rosenstein-Rodan, 1943, Problems of Industrialization of Eastern and SouthEastern Europe, Economic Journal. 9 L ipotesi è meno peregrina di quel che sembri. E ragionevole immaginare, infatti, che almeno durante i primi anni di industrializzazione un paese non abbia ancora sviluppato le capacità necessarie a competere sui mercati internazionali e che perciò non sia in grado di esportare la propria produzione. Teoricamente, ed in alcuni casi anche praticamente, questo problema si può risolvere facendo ricorso agli investimenti diretti dall estero (IDE), cioè lasciando che siano imprese multinazionali a iniziare il processo di industrializzazione in una data regione. Ma, al di là di tutti i problemi legati all operare delle multinazionali e sui quali in questa sede sorvolo, le multinazionali non si muovono certo per decreto governativo o solo perché trovano manodopera a basso costo. Prova ne sia il fatto che, secondo i dati forniti dalla Banca Mondiale nel suo ultimo World Development Report, i movimenti delle multinazionali sono per il 70% da paese ricco a paese ricco e solo per il 30% da paese ricco a paese povero; e che degli investimenti delle multinazionali nei PVS più della metà si sia concentrata in soli 5 paesi: Argentina, Brasile, Messico, Cina e Polonia. 10 Un articolo molto interessante sull importanza fondamentale della storia e delle aspettative per capire i processi di sviluppo economico è quello di Paul Krugman, 1991, History versus Expectations, Quarterly Journal of Economics, pp Si potrebbe sostenere, anche qui, che questo compito potrebbe essere svolto dalle imprese multinazionali. Si veda però la nota 9, e si rifletta sul fatto che negli anni successivi alla seconda guerra mondiale le multinazionali erano molte di meno e molto meno multi-nazionali di quanto non siano oggi. Una strategia di industrializzazione fondata prevalentemente sugli investimenti diretti dall estero, ammesso che oggi ne abbia uno, allora non aveva davvero alcun fondamento.

6 10.2 Il ritorno del liberismo Tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80 molti paesi che avevano perseguito una strategia di sostituzione delle importazioni sperimentarono serie difficoltà esterne, al punto che alcuni di essi vissero una vera e propria crisi di insolvenza. La bomba del debito del Terzo Mondo scoppiò ufficialmente nel 1982, quando il Messico dichiarò unilateralmente di non poter ripagare i debiti contratti con il resto del mondo. Non mi soffermerò a lungo sui meccanismi interni alla crisi del debito (che saranno affrontati nella lezione 16); è importante però realizzare che le politiche autarchiche ed interventiste descritte nella prima parte di questo lavoro non furono responsabili della crisi del debito (per alcuni versi, come vedremo, la esacerbarono) e che ciò nonostante fu proprio la crisi del debito a determinare l abbandono del modello autarchico e l affermarsi del nuovo modello di libero mercato ed apertura al resto del mondo. Crisi del debito, stabilizzazione e aggiustamento strutturale. Tra i molteplici effetti che lo shock petrolifero del (i prezzi del greggio si moltiplicarono per 4 nel giro di poche settimane!) produsse il più importante per il nostro discorso fu la creazione di una massa enorme di ricavi finanziari (i cosiddetti petroldollari ) che i beneficiari, cioè i paesi produttori di petrolio, decisero per la gran parte di depositare presso le banche statunitensi. Che cosa fecero le banche statunitensi di questa improvvisa iniezione di liquidità? Il mestiere delle banche è prestare e in quegli anni i PVS erano buonissimi clienti, tant è che i tassi di interesse con essi contrattati erano mediamente superiori del 2% ai tassi di interesse prevalenti sul mercato. Nei PVS, quasi per definizione, si potevano finanziare progetti potenzialmente molto redditizi e, per di più, dietro a quei prestiti c era quasi sempre una garanzia governativa 12. Venne tuttavia il secondo shock petrolifero (1979) e, nel tentativo di arrestare un processo inflazionistico sempre più grave, le banche centrali cercarono di raffreddare le economie attraverso un rialzo dei tassi di interesse. Ciò provocò due effetti nefasti sui PVS debitori: a) un effetto diretto, giacché aumentavano gli interessi sul debito contratto dai PVS; b) un effetto indiretto, giacché il rallentamento delle economie occidentali fece ridurre la domanda di materie prime e quindi i prezzi delle stesse. Piccolo particolare: le materie prime costituivano per molti paesi debitori la principale fonte di ricavi da esportazione Inevitabilmente il rapporto debito/esportazioni (si tratta di un rapporto molto importante nell indicare la solvibilità di un paese: se un paese si indebita ma le sue esportazioni crescono almeno allo stesso ritmo ragion per cui quel rapporto o resta identico o si riduce allora non c è ragione di preoccuparsi circa la solvibilità del paese in questione) cresceva pericolosamente e ciò nonostante le banche occidentali, nel biennio , continuavano a prestar danaro ai PVS, specialmente ai paesi dell America Latina. Presto o tardi, inevitabilmente, ci sarebbe stato lo scoppio della crisi. Così fu: nel 1982 il Messico dichiarò di non onorare il debito pregresso, e ovviamente i prestiti ai PVS crollarono drasticamente. Se sei piuttosto povero e nessuno ti presta più un soldo è abbastanza facile capire che cosa possa succedere: il sistema bancario dispone di minori fondi da prestare alle imprese private; le imprese private, quindi, riducono gli investimenti e/o fronteggiano maggiori oneri par l aumento dei tassi di interesse; lo Stato, da parte sua, dispone di minori fondi per finanziare gli investimenti pubblici e le spese correnti. Ma alcune spese pubbliche non sono assolutamente comprimibili, in primo luogo quelle per il pagamento degli interessi sul debito pregresso; per far fronte a queste spese, quasi invariabilmente, i governi ricorrono a due strumenti: l emissione di prestiti obbligazionari, ciò che tuttavia fa aumentare i tassi di interesse reale, e la stampa di moneta fresca, ciò che tuttavia fa aumentare il tasso di inflazione. La storia non è ancora finita. L elevata inflazione deprime il valore della valuta locale e quindi tutti coloro che detengono attività finanziarie denominate in quella valuta cercano di cambiarla e di portare i soldi all estero: è questo il fenomeno cosiddetto delle 12 Il Presidente della Citicorp, Walter Wriston, dichiarò che i governi non possono fare bancarotta. Da cui la spavalderia con cui le banche occidentali prestavano soldi ai PVS.

7 fughe di capitale, e se il capitale se ne va da una nazione con che cosa quella nazione finanzierà il proprio sviluppo futuro? E chiaro che simili situazioni non potevano durare a lungo. Se i capitali privati stranieri avevano ormai abbandonato le economie dei paesi debitori, queste potevano essere salvate solo dall intervento di qualche organismo internazionale. E in questo periodo, infatti, che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Banca Mondiale (BM) acquistano una visibilità politica loro sconosciuta dall atto della loro creazione a Bretton Woods. FMI e BM, in sostanza, si incaricarono di predisporre dei prestiti di emergenza alle economie debitrici sotto il vincolo della condizionalità. Prima della crisi del debito l ottica del FMI e della BM era grosso modo questa: io ti presto tot dollari per finanziare un certo progetto di investimento; dopo la crisi del debito e con l introduzione della condizionalità l ottica cambiò: io ti presto tot dollari per salvarti, perché altrimenti non riesci più neppure ad importare alcuni beni essenziali per il funzionamento dell economia, però per cortesia non ti incastrare più in questa situazione maledettamente complicata! Anzi, visto che ti sto finanziando con i soldi della comunità mondiale, te lo dico io che cosa devi fare per evitare il ripetersi di questo disastro: devi fare questo, questo e quest altro. O firmi questa lettera di condizionalità (detta anche lettera di intenti) dove prometti che farai questo, questo e quest altro o altrimenti non vedi neppure un dollaro. Di più: comincia a fare questo e ti do una prima tranche di dollari, quando avrai fatto quest altro ti darò la seconda tranche. Che cosa erano questo, questo e quest altro? Erano i cosiddetti piani di stabilizzazione e aggiustamento strutturale. Vale la pena di spendere alcune parole su di essi perché sono stati a mio avviso cruciali (insieme ad altre cause, prima fra tutte l evoluzione della tecnologia) nel determinare la cosiddetta globalizzazione dell economia mondiale. La stabilizzazione dell economia consiste essenzialmente in una politica monetaria restrittiva (non bisogna stampare troppa moneta) e in una politica fiscale che riduca al minimo il disavanzo pubblico (la differenza tra uscite ed entrate del bilancio pubblico). Bisogna perseguire una politica monetaria restrittiva per arrestare i processi di inflazione e iperinflazione che spesso caratterizzano le economie debitrici (abbiamo già detto che i governi di tali economie tendono a stampare troppa moneta per finanziare le spese incomprimibili o ritenute tali). Fu per esempio il caso della Bolivia (inflazione all 8000% nel 1985), e quali siano i costi dell iperinflazione è facilmente intuibile dalla lettura di questo passo 13 : Il giorno in cui Edgar Miranda riceve il suo stipendio di insegnante (25 milioni di peso) non ha un solo minuto da perdere.sua moglie corre al mercato e fa la scorta di riso e pasta per un mese intero, mentre lui cerca di cambiare il resto dei peso in dollari americani al mercato nero..e molto facile scoprire che cosa accadrebbe allo stipendio del signor Miranda se egli non riuscisse a cambiare celermente i peso in dollari: il giorno in cui ha ricevuto i suoi 25 milioni, al mercato nero un dollaro valeva pesos, il che significa che aveva ricevuto il controvalore di 50 dollari. Il giorno dopo il cambio era già salito a peso e i suoi 50 dollari erano già diventati 27 Come si evince chiaramente da questo passo, il signor Miranda deve impiegare tempo ed energie per minimizzzare la liquidità che detiene in peso, sprecando così risorse che potrebbe usare in modo più produttivo (per seguire corsi di aggiornamento, per svolgere qualche altro lavoro che gli consenta di arrotondare lo stipendio, ecc.). Se non ci fosse iperinflazione, e se quindi il peso non si svalutasse a questo ritmo rispetto al dollaro, il signor Miranda potrebbe impiegare più produttivamente le sue scarse risorse. Di qui la necessità di perseguire una politica monetaria restrittiva, che riducendo la quantità di moneta riduca il tasso di inflazione. La Bolivia la perseguì ed il tasso di inflazione effettivamente si ridusse. Certo, queste stabilizzazioni non sono mai prive di costo: stampare meno moneta significava anche dover comprimere alcune spese pubbliche, tra cui per esempio le spese sociali. L altra componente delle politiche di stabilizzazione è la riduzione del disavanzo pubblico, anche questa costosa perché implica la riduzione tanto delle spese correnti (come per esempio le spese 13 The Wall Street Journal, 13 agosto 1985.

8 sociali) quanto della spesa per investimenti (infastrutture, formazione, ecc.). Perché allora FMI e BM imponevano la riduzione del disavanzo pubblico alle economie debitrici? Le ragioni addotte erano fondamentalmente due. Primo: ridurre il disavanzo significava ridurre la necessità di finanziarlo attraverso l emissione monetaria 14, ed è il punto che abbiamo appena illustrato; secondo, quand anche il disavanzo pubblico non venga finanziato dall emissione monetaria, esso secondo il punto di vista delle istituzioni di Bretton Woods sottrae risorse agli investimenti e quindi allo sviluppo dell economia, giacché, per essere finanziato, richiede l emissione di titoli del debito pubblico che sono appetibili per i risparmiatori solo se garantiscono tassi di interesse elevati; ma tassi di interesse elevati scoraggiano l investimento. Non è finita: può anche succedere che gli investimenti non si riducano in presenza di un significativo disavanzo pubblico finanziato con l emissione di titoli, ma ciò significa che gli investimenti non sono finanziati dai residenti (i quali appunto impiegano il loro risparmio per acquistare i titoli del debito pubblico), bensì da soggetti stranieri che stanno prestando soldi all economia in questione. Questo, tuttavia, è esattamente ciò che il FMI e la BM volevano evitare: che una nuova ondata di prestiti ai PVS li ricacciasse in una situazione debitoria dalla quale le politiche di stabilizzazione servivano a farli uscire. Insomma, comunque la mettiate, la riduzione dei disavanzi pubblici era, nell ottica degli organismi internazionali, un sacrificio duro ma necessario per uscire dal pantano della crisi del debito. Comunque un sacrificio: sia in senso diretto, perché la riduzione dei disavanzi non poteva che passare per il taglio delle spese sociali e degli investimenti pubblici; sia in senso indiretto, perché la riduzione degli investimenti pubblici, per esempio in dotazione infrastrutturale, diminuisce le capacità di un sistema economico di creare posti di lavoro. Le politiche di stabilizzazione avevano lo scopo di rimettere i conti a posto, di tornare a vivere secondo i propri mezzi e senza ricorrere a un eccessivo indebitamento. L aggiustamento strutturale l altro insieme di politiche cui si condizionava l erogazione dei prestiti da parte del FMI e della BM aveva invece lo scopo di ridare vigore alle economie debitrici, di sviluppare i loro stessi mezzi in accordo ai quali avrebbero potuto vivere. Prima si spegne il fuoco (stabilizzazione), poi si pensa a ricostruire la casa (aggiustamento strutturale). Come si fa a ricostruire la casa? Che cosa è stato (e in buona parte continua ad essere) l aggiustamento strutturale? E stato, in buona sostanza, l adozione di provvedimenti che nel loro insieme dovevano servire a reintrodurre la logica di mercato in economie dalle quali questa logica, dove più dove meno, era stata espulsa. Quindi: libero commercio internazionale invece di import substitution, privatizzazioni invece di proprietà pubblica dell apparato produttivo. Fu proprio in quel periodo, inizio degli anni 80 che torna in voga la fede nella mano invisibile di Adam Smith: l uomo ha continuamente bisogno della cooperazione e dell assistenza di un gran numero di persone.e invano se l aspetterebbe solo dalla loro benevolenza. Egli potrà più facilmente ottenerlo se saprà catturare a proprio favore la loro vanità, dimostrando loro che il loro stesso vantaggio è nel fare ciò che egli sta chiedendo Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione del loro personale interesse.ciascuno mira soltanto al proprio guadagno ed è in questo, come in molti altri casi, condotto da una mano invisibile a promuovere un fine che non rientrava nelle sue intenzioni.promuovendo il proprio interesse, egli promuove quello della società con più efficacia di quanto potrebbe fare volendolo perseguire volontariamente Ci sono tre possibili modo per finanziare la spesa pubblica e l eventuale disavanzo di bilancio che ne deriva. O si aumentano corrispondentemente le tasse (ed in tal caso non si produce alcun disavanzo), ma aumentare le tasse è un provvedimento assolutamente impopolare e inoltre, perché produca gli effetti sperati, bisogna poter disporre di un apparato tecnico-amministrativo sufficientemente sviluppato, cosa che spesso non si verifica nei PVS; o si emettono obbligazioni richiedendo prestiti al mercato, ma in un paese povero i possibili compratori sono pochi (il mercato, come si dice, è sottile ). Oppure, ed è l alternativa più comoda, il governo ordina alla banca centrale di stampare moneta. Per questo una raccomandazione tipica che il FMI e la BM facevano alle economie debitrici era quella di adottare statuti di autonomia dal potere politico per le rispettive banche centrali. 15 Tratto da Ricerca sopra la natura e le cause della ricchezza delle nazioni, lo straordinario libro che Smith scrisse nel 1776.

9 Naturalmente questa rinnovata fede nella mano invisibile aveva delle ragioni anche politicocontingenti (i primi anni 80 sono quelli in cui alla testa delle potenze che contano nel decidere le politiche degli organismi internazionali ci sono Ronald Reagan e Margareth Tacher), ma tutto sommato io credo che ci fu un autentico convincimento dietro alle nuove direttive impartite dal FMI e dalla BM: prova ne sia che, come vedremo, le politiche di liberalizzazione cominciate negli anni 80 sotto l etichetta dell aggiustamento strutturale sono proseguite fino ai giorni nostri e, in numerosi casi, decise autonomamente dai governi nazionali, senza il diktat della condizionalità. Dunque: lo Stato non doveva più, come all epoca della strategia di sostituzione delle importazioni, interferire nel libero funzionamento del commercio internazionale, imponendo quote e tariffe all importazione che servivano soltanto: a proteggere i produttori locali dalla competizione straniera e quindi a far mancare loro quel pungolo della concorrenza che solo può favorire lo sviluppo di prodotti migliori e meno cari (e quindi lo sviluppo del benessere materiale); a far pagare prezzi più alti ai consumatori; a sviluppare corruzione e malcostume nella ricerca di rendite di posizione (nella ricerca, per esempio, di ottenere una licenza di importazione, la quale di fatto dà il diritto di importare pagando 100 e di rivendere sui mercati locali a 110: perché allora non pagare una tangente pari a 5 per ottenere la licenza?); a disincentivare, infine, il settore esportatore: perché è chiaro che le risorse di capitale e lavoro che, all ombra della protezione statale, vengono impiegate nella produzione di beni sostituti delle importazioni, sono risorse sottratte alla produzione di altri beni e servizi, tra cui quelli destinati all esportazione, con tutto ciò che questo significa in termini di minori entrate valutarie e quindi minore capacità di ripagare i debiti esistenti e futuri. I piani di aggiustamento strutturale non prevedevano solo le privatizzazioni e la liberalizzazione dei commerci con l estero in beni e servizi, ma incitavano anche, e sia pure in misura più ridotta, alla liberalizzazione dei flussi di capitale. I PVS, cioè, erano invitati ad abolire i controlli sulle entrate e sulle uscite di capitale (oggi la gran parte dei PVS ha effettivamente abolito questi controlli) perché, anche qui, sono i mercati, cioè la libera iniziativa individuale, a determinare l allocazione ottimale delle risorse. Faccio notare che privatizzazioni dell apparato produttivo e liberalizzazione dei movimenti di capitale erano e sono scelte quasi necessariamente complementari: se in un paese povero si decide di mettere un impresa pubblica sul mercato, chi se la compra? I residenti probabilmente sono mediamente troppo poveri per poterlo fare, e quindi bisogna permettere che ad acquistare le azioni sia il capitale straniero. Abbiamo visto allora in che modo, a partire dalla crisi del debito dei primi anni 80, il mondo abbia stabilito le condizioni di politica economica per potersi globalizzare : libertà di commercio internazionale, libertà nei movimenti di capitale, privatizzazione dell apparato produttivo. 3. La globalizzazione Che cos è la globalizzazione? Per definirla è utile riferirsi ad alcuni indicatori, molti dei quali riguardano proprio il commercio internazionale e i movimenti di capitale da paese a paese, cioè quelle dimensioni economiche che abbiamo appena analizzato e intorno alle quali abbiamo definito tanto il modello autarchico quanto il modello di libero mercato. Eccone alcuni: Le esportazioni mondiali (oggi pari a 7 mila miliardi di dollari) rappresentano il 21% del PIL mondiale, contro il 17% degli anni 70. Una quota sempre maggiore, in senso sia assoluto che relativo, di beni e servizi, attraversa i confini mondiali. Gli investimenti diretti esteri (IDE), pari a più di 400 miliardi di dollari, sono sette volte maggiori, in termini reali, di quanto non fossero negli anni 70. Gli IDE sono gli investimenti che le multinazionali compiono al di fuori del paese in cui ha sede la casa madre. Ciò significa che lo sviluppo dell apparato produttivo di un paese è sempre più dipendente da decisioni che vengono prese al di fuori del paese stesso, da entità la cui nazionalità è persino difficile da individuare con precisione. I flussi di portafoglio internazionali (es: quando il fondo comune di investimento o il fondo pensione cui abbiamo affidato i nostri risparmi utilizza i nostri soldi per acquistare

10 un obbligazione emessa da un impresa brasiliana sta compiendo un investimento di portafoglio. Non vuole acquistare la maggioranza delle azioni per decidere la strategia dell impresa in quel caso si tratterebbe di un investimento diretto all estero ma ottenere il più alto rendimento possibile dal possesso di quell obbligazione) ammontano oggi a più di 2 mila miliardi di dollari, circa tre volte il livello degli anni 80. Questo significa che le risorse a disposizione del sistema finanziario di ciascun paese sempre più dipendono dalle scelte compiute dai risparmiatori di altri paesi. Il volume d affari quotidiano nei mercati delle valute è cresciuto dai circa 20 miliardi di dollari degli anni 70 agli attuali 1500 miliardi. Se un numero crescente di soggetti compera e vende una quantità crescente di valute sul mercato dei cambi, ciò significa che è sempre più difficile per le banche centrali nazionali tenere sotto controllo il valore delle valute stesse. Malgrado le sempre più severe restrizioni (qui non c è stata alcuna liberalizzazione, anzi!), la migrazione internazionale è in continua crescita. Ogni anno ci sono 2-3 milioni di persone che emigrano, e lo fanno essenzialmente verso 4 destinazioni: USA, Germania, Canada, Australia. Il fenomeno (che meriterebbe una relazione a parte) è in gran parte positivo sia per i paesi riceventi che per i paesi d origine, ma crea specialmente nelle arre urbane grandi difficoltà sociali e tensioni sul mercato del lavoro; Questa aritmetica della globalizzazione potrebbe continuare all infinito, ma non sarebbe utile. Prima di commentare alcuni di questi dati e cercare di trarne qualche conclusione, vorrei però, per dovere di completezza, ricordare che il modello di libero mercato che si è imposto all indomani della crisi del debito e le politiche economiche che ne sono conseguite (privatizzazioni, liberalizzazione del commercio estero, ecc.) non sono le sole cause della globalizzazione. Ce ne sono almeno altre due che è importante sottolineare: la causa tecnologica e la causa demografica. L espansione del commercio internazionale non è possibile soltanto in quanto il modello di libero mercato abbia imposto l eliminazione di tariffe, quote ed altre restrizioni al commercio internazionale, ma anche grazie all impressionante riduzione dei costi di trasporto e di informazione che le nuove tecnologie hanno reso possibili. Un solo esempio tra i moltissimi che si potrebbero proporre: da un paio d anni la General Electric, per il suo fabbisogno di parti componenti, rende pubblici degli annunci su Internet, il che significa che le imprese di tutto il mondo, attraverso una vera e propria asta telematica, competono per ottenere la commessa da General Electric. I materiali di cui General Electric ha bisogno, d altra parte, non sono più, come 25 anni fa, materiali pesanti e difficilmente trasportabili, ma leggeri e facilmente trasportabili. Allo stesso modo, e affronto qui quella che ho chiamato causa demografica, se oggi il fondo pensione cui parzialmente affidiamo i nostri risparmi decide di acquistare le azioni emesse da un impresa brasiliana, ciò accade non solo perché il Brasile ha eliminato i controlli sui movimenti di capitale, ma anche perché insicuri della pensione pubblica a causa dell invecchiamento della popolazione cerchiamo di delegare la gestione del nostro risparmio a chi professionalmente prova a farlo fruttare al massimo grado, e per questo scopo è disposto a investirlo in tutto il mondo (facilitato in questo, ancora una volta, dalla tecnologia, che gli permette di spostare capitali in tempo reale da una parte all altra del globo). Detto questo, stiamo meglio o peggio nel mondo dell economia globale? E come si devono modificare le politiche e le istituzioni che le decidono e le attuano in un contesto così radicalmente mutato? Sono domande difficilissime e non è mia intenzione, in una lezione cui ho cercato di dare nei limiti delle mie capacità un impronta storica, provare ad abbozzare delle possibili risposte. Propongo solo alcune osservazioni, nel modo più neutrale possibile. Oggi la quota di popolazione che gode di uno sviluppo umano medio (lo sviluppo umano è misurato dalla UNDP United Nations Development Program sulla base di indicatori quali: aspettativa di vita, numero di medici per abitante, tassi di scolarizzazione primaria e secondaria, libertà politica e possibilità di partecipare a libere elezioni, qualità ambientale, apporto calorico quotidiano, disponibilità di acqua potabile, disponibilità di abitazioni, ecc. Su questi temi si

11 veda in particolare la lezione 19) è cresciuta dal 55% del 1975 al 66% del 1997, mentre quella che dispone di uno sviluppo umano basso si è ridotta dal 20% al 10%. Poiché questo miglioramento è misurato a partire dal 1965, non è facile stabilire se esso sia dovuto all adozione di un modello autarchico ( ) o di libero mercato (dopo il 1980). Questo miglioramento, che pure va riconosciuto e salutato come una grande conquista, non può ritenersi soddisfacente. Ancora oggi, infatti: (a) 1, 3 miliardi di individui non hanno accesso all acqua potabile; (b) un bambino su sette in età scolare non va a scuola; (c) 840 milioni di bambini sono malnutriti; (d) 1,3 miliardi di persone vivono con l equivalente di meno di un dollaro al giorno in termini di parità di potere d acquisto (cioè: è esattamente come se noi, qui e ora, disponessimo di meno di lire al giorno per la nostra sopravvivenza!); (e) anche nei paesi ricchi una persona su 8, cioè il 12,5% della popolazione, è colpita da qualche aspetto di povertà (disoccupazione di lungo periodo, reddito individuale al di sotto della soglia nazionale di povertà, mancanza di alfabetizzazione necessaria per cavarsela nella società); (f) anche nei paesi ricchi le disuguaglianze stanno aumentando, specialmente secondo i dati della UNDP negli USA, in Svezia e in Gran Bretagna 16 ; (g) è aumentata anche la disuguaglianza fra paesi. Nel 1990 il rapporto fra il reddito dei paesi ricchi e quello dei paesi poveri era di 60 a 1, nel 1997 questo rapporto era pari a 74 a 1. Questa aritmetica della disperazione potrebbe continuare, ma credo sia già sufficiente a dare l idea della dimensione straordinaria di questi problemi. Più di 80 paesi del mondo ed è questo a mio parere un dato su cui riflettere molto hanno ancora redditi pro capite più bassi rispetto a un decennio fa. Inoltre, 55 paesi appartenenti soprattutto all area dell Africa sub-sahariana e all Europa dell Est e alla Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) hanno diminuito i loro redditi pro capite. Quindi, una risposta del tutto provvisoria ma sensata alla domanda stiamo meglio o peggio nell economia globale è questa: stiamo mediamente un po meglio rispetto al 1965, ma molti fra di noi stanno ancora molto male ed alcuni stanno sicuramente peggio. Si impone allora una riflessione. La globalizzazione apre delle grandi opportunità per me che via Internet posso acquistare un libro dagli Stati Uniti pagandolo, ammesso che lo trovi, meno di quel che farei in una libreria di Pavia; per il fornitore della General Electric che ottiene una commessa che solo 10 anni fa sarebbe stata impossibile; per il PVS che può ottenere finanziamenti da mercati finanziari da cui prima era sostanzialmente separato; per la nascente impresa venezuelana che può ottenere molto rapidamente un servizio di consulenza, via Internet, da una società tedesca, ecc. ecc. ma, se alcuni stanno peggio di prima, questo significa che tali opportunità non sono distribuite equamente e che la globalizzazione comporta anche dei rischi. Dirò brevemente delle une le opportunità iniquamente divise e degli altri i rischi della globalizzazione. Abbiamo visto che la globalizzazione ha comportato una sempre più massiccia presenza nell economia mondiale delle grandi multinazionali, le quali possono ora trasferirsi senza vincoli (anzi, spesso con significativi vantaggi di ordine fiscale) in moltissimi PVS. Supponiamo di considerare una multinazionale agricola, la quale grazie alle sue attività di ricerca e sviluppo introduca una nuova varietà di riso. E chiaro che l interesse della multinazionale è di proteggere tramite un brevetto la sua scoperta; l interesse del paese ospitante, invece, è che tale scoperta sia diffusa al massimo grado. Bene, l accordo TRIPS (sui diritti della proprietà intellettuale) firmato a Marrakesh nel 1994, protegge l interesse della multinazionale, giacché prevede che tutta la produzione basata sulla conoscenza sia ora soggetta alla stretta protezione della proprietà 16 Davvero tutto si tiene. Le richieste di maggiore flessibilità nell uso della forza lavoro e nelle modalità della sua remunerazione sono strettamente legate all evolversi dell economia in senso globale. Oggi un venditore al dettaglio può, grazie alle tecnologie informatiche, descrivere le preferenze dei consumatori che serve a moltissimi fornitori sparsi in tutto il mondo; i produttori, a loro volta, possono, grazie a quelle stesse tecnologie, modificare il design e le caratteristiche dei loro prodotti in accordo a quelle indicazioni e con grande rapidità. Di qui la crisi della catena di montaggio, del lavoro fordista e della produzione di massa, in ultima analisi del posto fisso.

12 intellettuale. A beneficiare della globalizzazione sarà perciò più la multinazionale del paese ospitante. Le opportunità, appunto, sono iniquamente divise. I rischi della globalizzazione. Il rischio fondamentale è quello dell esclusione. Esclusione, innanzitutto, per il lavoro non qualificato. In una economia che diventa sempre più terziaria, il lavoro non qualificato o finisce a servire da MacDonald o non riesce a collocarsi: il suo salario ed è quello che sta massicciamente accadendo negli Stati Uniti tipicamente si riduce. Di fronte a simili difficoltà l immigrazione di lavoro non qualificato da altri paesi è giudicata sempre più pericolosa e, quindi, ad essa si oppongono restrizioni sempre più vincolanti. Anche i paesi, oltre che le persone, rischiano l esclusione. Si diceva della libertà dei movimenti di capitale, della possibilità di investire i propri risparmi ovunque nel mondo. Se io sono un pakistano ricco finalmente libero di portare i miei capitali dove voglio e se il Pakistan, magari per instabilità politica o magari per quei problemi cruciali di coordinamento e aspettative sui quali ci siamo soffermati in precedenza, non è un economia dove valga la pena di rischiare il proprio denaro, allora, proprio perché l alternativa mi è data, investirò in Brasile, cosa che in epoca preglobalizzazione, per vincoli normativi e tecnologici, non era così facile fare. Il Pakistan, dunque, resterà senza capitali da investire. Sembra una storiella banale, ma i dati dell economia mondiale la confermano. E bensì vero, come abbiamo ricordato, che i flussi di portafoglio si sono triplicati rispetto agli anni 80, ma questi capitali freschi hanno raggiunto soltanto pochi paesi: attualmente solo 25 paesi in via di sviluppo (e ce ne sono ben più di 100) hanno accesso ai mercati privati delle obbligazioni, dei prestiti commerciali bancari e del capitale netto di portafoglio (azioni). 4. Conclusioni Abbiamo velocemente ripercorso mezzo secolo di modelli di sviluppo. Che cosa abbiamo imparato? Meglio il libero mercato o il modello autarchico? In alcuni casi il modello autarchico (sostituzione delle importazioni, abbinata però alla promozione delle esportazioni 17 ) ha funzionato, come per esempio in Corea; in altri, come in alcuni paesi latino-americani, esso non ha prodotto risultati soddisfacenti; in alcuni casi l intervento dello Stato in una attiva politica industriale (sussidiare e favorire alcuni settori) è stato di grande utilità per lo sviluppo (pensiamo al Giappone e a tanti cosiddetti dragoni asiatici ), in altri, come nei paesi dell Africa nera in cui si è tentato questo esperimento, l esito è stato un semi-fallimento. In alcuni casi la liberalizzazione dei mercati e delle economie e una magari parziale privatizzazione dell apparato produttivo ha clamorosamente accelerato il ritmo di sviluppo (è il caso della Cina), in altri lo ha drammaticamente rallentato (Russia 18 ). Non si tratta allora, alla luce di questi fatti e delle osservazioni compiute in precedenza, di abbracciare un modello piuttosto che l altro, come se un particolare modello di sviluppo fosse, al pari di una formula matematica, applicabile in ogni tempo e in ogni luogo per risolvere il problema dello sviluppo e del benessere. Si tratta, ed è un problema difficile, di individuare il giusto mix Stato-Mercato. Di fronte alla difficoltà di risolvere un simile problema, non ci resta probabilmente 17 La promozione delle esportazioni è una strategia utile, come la sostituzione delle importazioni, a guadagnare valuta estera per poter importare beni intermedi e beni di investimento. Mentre però, nel caso della sostituzione delle importazioni, si cerca di raggiungere l obiettivo impedendo o limitando le importazioni di beni di consumo, nel caso della promozione delle esportazioni esso si persegue attraverso lo stimolo delle esportazioni di beni e servizi. In entrambi i casi, se le cose vanno bene, si ha infine a disposizione un ammontare più elevato di valuta estera per l importazione di beni intermedi e di investimento. Gli strumenti principali di una strategia di promozione delle esportazioni sono il credito agevolato (concesso agli esportatori) e i sussidi all esportazione. Il principio dei sussidi all esportazione è molto semplice. Se il prezzo sui mercati internazionali di un certo bene è pari a 100 e se il potenziale esportatore del paese che vuole promuovere le esportazioni è in grado di offrire quel bene a un prezzo non competitivo, diciamo 110, allora il governo di quel paese dice all esportatore: Vendi il tuo bene all estero a 100 (così riesci ad esportare), le restanti 10 che ti servono per coprire i costi te le do io (le tasse dei cittadini) sotto forma di sussidio. 18 In Russia il prodotto reale pro capite si è ridotto di un terzo nell ultimo decennio!

13 che guardare ai casi storici di maggior successo tra i PVS (Corea, Taiwan e, prima di loro, Giappone). Come molti autori hanno sottolineato, in queste economie i mercati hanno giocato un ruolo importantissimo, ma la guida pubblica del processo di sviluppo e industrializzazione non è mai venuta meno. In tali paesi, infatti: Prima della spinta verso l industrializzazione ci si è preoccupati, attraverso le riforme agrarie, di distribuire più equamente le terre e, più, in generale, gli asset produttivi. L idea è che non sia possibile industrializzarsi senza prima avere accresciuto la produttività agricola (in modo che si liberi forza lavoro impiegabile nell industria) e che la produttività agricola, a sua volta, non possa crescere quando la proprietà della terra è troppo concentrata: se ho tantissima terra, che incentivo ho a farla fruttare? Prima del e durante il processo di industrializzazione si è favorita, finanziandola pubblicamente, il diffondersi dell educazione di base e di altri servizi sociali. L educazione di base non è, di per sé, un bene pubblico: se gli individui sanno, come effettivamente sanno, che migliorare i propri skill attraverso l educazione consentirà loro di percepire salari più elevati, allora essi domanderanno educazione e, di fronte a questa domanda pagante, il settore privato sarà disposto ad offrirla. E noto, tuttavia, che l educazione produce esternalità positive (a questo proposito si veda la lezione 6 su crescita endogena e capitale umano): se i miei colleghi di dipartimento seguono, pagandoli, validi corsi di formazione professionale, anch io, che per ipotesi non li ho seguiti e non ho speso nulla, ne beneficerò. Avrò modo infatti di lavorare a stretto contatto con persone divenute professionalmente più valide, ciò che senza dubbio favorirà la mia stessa crescita professionale. Dunque: parte dei vantaggi dell investimento in capitale umano realizzato dai miei colleghi andrà a mio favore. I miei colleghi, nella loro qualità di agenti economici razionali, investiranno allora meno di quello che sarebbe socialmente ottimale, dal momento che non si appropriano della totalità dei benefici generati dall investimento che essi hanno compiuto. Sorge per questo una valida giustificazione teorica per il finanziamento pubblico di quei corsi di formazione, finanziamento che, sgravando i miei colleghi di una parte del costo dell investimento, li indurrà a realizzarlo nella misura socialmente ottimale. Nel corso del processo di industrializzazione e sviluppo, si è riusciti a sfuggire al vincolo della scarsità di valuta estera (che abbiamo detto essere il vincolo rilevante per molti PVS) utilizzando sapientemente un mix di sostituzione delle importazioni e promozione delle esportazioni. Semplificando, il modo di procedere è stato il seguente. Un certo insieme di settori veniva protetto (sostituzione delle importazioni), in modo tale che potesse gradualmente affermarsi. I profitti realizzati grazie alla protezione non potevano essere impiegati in investimenti di natura speculativa, dal momento che in questa fase iniziale i flussi di capitale da e verso l estero venivano strettamente regolamentati. Mano a mano che i settori in questione riuscivano a costruire delle abilità tecnologiche e manageriali la protezione dalle importazioni veniva loro revocata e sostituita da incentivi all esportazione (promozione delle esportazioni). In questo modo il paese guadagnava la valuta estera necessaria all importazione dei beni di investimento necessari ad impiantare un nuovo insieme di settori produttivi, ad un livello tecnologico più avanzato. A questi nuovi settori veniva poi inizialmente offerta protezione dalle importazioni; e così via, in un processo di upgrading dinamico che ha fatto di questi paesi delle potenze industriali. Per concludere: mercato, politiche pubbliche per promuovere l educazione di base ed una più equa distribuzione degli asset produttivi, distorsione dei segnali di mercato attraverso la simultanea (anche se in settori diversi in ogni momento del tempo) applicazione delle strategie di sostituzione delle importazioni e promozione delle esportazioni, regolamentazione dei flussi di capitale; ecc. Non si tratta, come ho cercato di chiarire, di strategie alternative per perseguire lo sviluppo economico e sociale, ma, come la storia dei pochi casi di successo ci insegna, di diversi ingredienti che devono comporre una più complessa strategia di sviluppo. Ed è proprio questa complessità che richiede uno Stato forte, istituzioni stabili e una classe dirigente capace di districarsi di fronte a questa complessità. Se si pensa ad alcuni PVS specialmente africani, alla debolezza delle loro

14 strutture statuali e al grado di conflittualità civile, è difficile essere ottimisti, capire in che modo essi potranno immaginare un così complesso disegno di sviluppo.

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Efficienza, equità e politica economica

Efficienza, equità e politica economica Efficienza, equità e politica economica Abbiamo ora alcuni strumenti (metodologici) che l economia ci offre per analizzare in modo consapevole alcuni effetti che possono derivare da certe misure di POLITICA

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1 Lezione 8 Le politiche commerciali II Slide 9-1 Road Map Altri strumenti di politica commerciale Gli effetti della politica commerciale: una sintesi Introduzione Le ragioni a favore del libero scambio

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Sintesi Introduzione all Economia

Sintesi Introduzione all Economia Sintesi Introduzione all Economia L esame di Economia Politica Le lezioni Lunedì ore 11-13 e 15-17; mercoledì ore 13-15 Integrazione lezioni: 6 ottobre (aula 6 ore 11.00); 13 ottobre (San Paolo ore 11.00).

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona Schema 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona 3. Perché la globalizzazione può essere cattiva 4. Quali politiche per renderla migliore? 1 1. Commercio

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO - C è una domanda fondamentale da porsi, affrontando questi problemi: Le risorse del nostro pianeta sono sufficienti per fornire a tutti gli uomini una vita dignitosa? - Una possibile

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

TEORIA DELLA CRESCITA: una sintesi

TEORIA DELLA CRESCITA: una sintesi TEORIA DELLA CRESCITA: una sintesi CORSO DI ECONOMIA POLITICA (corso avanzato) CdL in Giurisprudenza A.A. 2010/2011 Docente: Marianna Succurro Dietro al tema della crescita non si cela altro che un annosa

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Il Fondo Monetario Internazionale

Il Fondo Monetario Internazionale Il Fondo Monetario Internazionale Introduzione Origine Obiettivi Funzioni Conferenza di Bretton Woods (1944). Oggi conta 184 paesi membri; Vuole dare vita, assieme alla Banca Mondiale e ad una terza organizzazione

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

Un Modo per Uscire dalla Crisi Europea delle Pensioni

Un Modo per Uscire dalla Crisi Europea delle Pensioni Un Modo per Uscire dalla Crisi Europea delle Pensioni José Piñera - International Center for Pension Reform [articolo pubblicato sul Wall Street Journal Europe - 25 Giugno 1998] [Traduzione eseguita da

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli