DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 1 di 66 Prot. n 4329/c29 del 13/05/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (D.P.R. N.323 del art. 5) (O.M. N. 31 del art. 6) (O.M. N. del 2015 art. 6) CLASSE 5 a SEZ. A LICEO: CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ALLEGATI : PREMESSA E FINALITA DEL LICEO NOTIZIE SULLA CLASSE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE RELAZIONE FINALE SULLA CLASSE ELENCO DEGLI ALUNNI E DEI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALIZZATI INDICAZIONI SULLA TIPOLOGIA DELLA TERZA PROVA (O.M. n.38 dell art.6 e successive modificazioni; O.M. n dell /15 art.12) GRIGLIE DI VALUTAZIONE OBIETTIVI E PROGRAMMI DELLE DISCIPLINE ELENCO DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE Siracusa,11/05/2015 Il Dirigente Scolastico (Dr. Giuseppe Mammano )

2 2 di 66 PREMESSA Il liceo polivalente M.F. Quintiliano presenta 4 licei a struttura quinquennale: liceo classico, liceo linguistico, liceo scientifico opzione scienze applicate, liceo delle scienze umane (con la possibilità di attivare anche l opzione economico-sociale). Le finalità dei piani di studio sono quelle di sviluppare tre abilità: capacità di tipo cognitivo per decodificare i testi e la realtà complessa, di tipo corporeo per conoscere se stessi e lo spazio, di tipo simbolico per leggere all interno delle cose; competenze metodologiche, tecnologiche e operative per manifestare le proprie capacità; conoscenze di saperi essenziali e di linguaggi diversificati per saper fare scelte autonome. LICEO CLASSICO Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica. Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico, antropologico e di confronto di valori. Favorisce l acquisizione dei metodi propri degli studi classici e umanistici, all interno di un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni fra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze a ciò necessarie (Art. 5 comma 1).

3 3 di 66 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (D.P.R. 323/98 art.5) CLASSE 5 a SEZ. A LICEO CLASSICO COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MATERIE DOCENTI ORE ANNUALI ORE EFF. DI DI LEZIONE LEZIONE Lingua e letteratura italiana Patrizia Genesi Lingua e letteratura latina Patrizia Genesi Lingua e letteratura greca Marilena Crucitti Storia Franzo Bruno Filosofia Franzo Bruno Lingua e letteratura straniera (Inglese) Grazia Magnano Matematica Aurelia D Agata Fisica Aurelia D Agata Scienze naturali Maria Serenella Bianca Storia dell arte Santi Bonnici Scienze motorie e sportive Rosa Anna Consiglio Religione cattolica o attività alternativa Lucia Rizza 33 25

4 Programmazione Educativa e Didattica 4 di 66 Anno Scolastico 2014/2015 Consiglio di Classe 5 a A Liceo CLASSICO Finalità generali P.O.F. 1. Offrire una formazione culturale fondata sulla struttura della disciplina. 2. Offrire una preparazione fondata su modelli, concetti, strategie e comprensione dei linguaggi dei diversi saperi. 3. Sviluppare emozioni e sensibilità soggettive che sviluppino senso di sé nella vita di gruppo. 4. Sviluppare una coscienza della solidarietà, della tolleranza e dell'affermazione della diversità. 5. Comprendere i processi di comunicazione e i linguaggi informatici. 6. Sviluppare una coscienza autonoma e libera da imbonimenti di tipo culturale professionale e ideologico. Obiettivi educativi e didattici trasversali Misurazione Strumenti Strategie di Attività integrative Cognitivi Affettivi Motori dell apprendimento e verifiche apprendimento Obiettivo 8,5<M< Favorire la 1. Miglioramento raggiunto in Saggio breve Lavori di gruppo partecipazione e delle qualità modo ottimale la solidarietà. fisiche. Obiettivo 7,5<M< 8,5 2. Incoraggiare gli 2. Affinamento raggiunto in Articolo di Lezione frontale alunni delle funzioni modo più che giornale all'autonomia di neuro- soddisfacente giudizio e alla muscolari. Obiettivo 6,5 <M< 7,5 Presentazione coscienza di sé. 3. Avviamento raggiunto in Intervista sincronica e 3. Potenziare una alla pratica modo diacronica per coscienza di sportiva. soddisfacente mappe concettuali rispetto delle 4. Educazione Obiettivo istituzioni e della stradale. raggiunto in legalità. 6< M< 6,5 Lettera Analisi testuale modo 4. Sviluppare la sufficiente capacità di Obiettivo Insegnamento ascolto e di raggiunto solo dialogo. 5 < M < 6 Problema apprendimento parzialmente individualizzato 5. Sapere accettare 6. la diversità. Obiettivo non Sviluppare la raggiunto coscienza di M < 5 Colloquio Lezione dialogata rispetto per l'ambiente Relazione naturale e sociale. 1. Conoscenza di termini, concetti, fatti e regole. 2. Comprensione e decodifica di un testo con parole proprie e capacità di coglierne il significato essenziale. 3. Applicazione di regole e principi in contesti noti e diversi. 4. Uso appropriato dei termini e linguaggio specifico. 5. Capacità di analizzare un testo individuandone principi, procedure, rapporti causaeffetto. 6. Capacità di riassumere e descrivere i contenuti in modo organico, schematico e con proprietà di linguaggio. 7. Capacità ed autonomia di giudizio. 8. Capacità di pensare per modelli diversi. (Flessibilità mentale). Analisi del testo Prove pratiche Progetti: Domenica scuola aperta Informazione scuole secondarie di primo grado Abitare la differenza Amico libro:incontro con l autore ClassicaMente Ed.sanitariaprogetto Avis Prevenzione oncologica del melanoma Diagnosi e prevenzione HIV Amore criminale Avviamento alla pratica sportiva Certificazioni in lingua inglese Assemblee e coprogettazione Orientamento in uscita Data Siracusa, 11/05/2015 Il Coordinatore Patrizia Genesi

5 5 di 66 RELAZIONE FINALE Classe 5 a AZ La classe 5 a AZ è composta da 26 studenti. Nel corso del quinquennio la fisionomia della classe ha subito dei mutamenti per l inserimento di nuovi elementi,ma tutto ciò non ha interferito con il dialogo educativo e la maturazione delle dinamiche relazionali tra gli studenti. E da sottolineare, altresì, che negli anni è stata garantita la continuità didattica. Nel corso del trennio la docente di inglese è stata sostituita, essendosi assentata per motivi familiari. Sotto il profilo disciplinare, il gruppo classe ha mostrato un comportamento corretto e disponibile al dialogo educativo, raggiungendo un livello soddisfacente di socializzazione e di capacità relazionali. Per quanto riguarda gli obiettivi didattici conseguiti dagli allievi, si rimanda alle relazioni presentate dai docenti delle singole discipline; globalmente si possono distinguere tre differenti fasce di livello: Un primo gruppo di allievi ha dimostrato di saper operare in modo conforme alle richieste e si è distinto per l impegno nel processo di apprendimento e per capacità di analisi e di rielaborazione dei temi trattati nelle varie discipline. La preparazione risulta quindi ampia ed organica ed i risultati conseguiti sempre positivi. In particolare alcuni allievi si sono distinti per l impegno continuo, la partecipazione attiva e interessata al dialogo educativo e i risultati assai soddisfacenti conseguiti in tutte le discipline. Un secondo gruppo di allievi si è impegnato da un lato a migliorare il metodo di studio e consolidare il rendimento di alcuni settori dell apprendimento, dall altro a potenziare competenze e conoscenze acquisite negli altri settori disciplinari. La preparazione nel complesso risulta buona. Gli allievi del terzo gruppo conoscono gli argomenti trattati nelle linee essenziali avendo mostrato un impegno discontinuo nello studio delle discipline. Relativamente al raggiungimento degli obiettivi trasversali, gli alunni, nel complesso: Hanno acquisito una buona conoscenza dei contenuti e dei linguaggi disciplinari; Presentano buone capacità di sintesi, analisi ed interpretazione dei testi relativi alle varie discipline; Evidenziano capacità logico-critiche più che sufficienti Evidenziano in modo abbastanza chiaro i contenuti appresi; Evidenziano sufficienti capacità di individuare collegamenti tematici interdisciplinari e di organizzare in modo autonomo percorsi di ricerca. Le strategie didattiche adottate dai docenti hanno privilegiato la lezione frontale e dialogata, l analisi testuale, le attività laboratoriali, il problem solving, il cooperative learning, le esercitazioni pratiche, modelli formativi misti per valorizzare multimedialità e interattività. Le verifiche sono state effettuate tramite esercitazioni scritte, saggio breve, analisi di testi, relazioni, test e colloqui orali. Le attività didattiche integrative hanno favorito lo sviluppo di competenze trasversali, in un ottica disciplinare integrata. La classe nell ultimo anno è stata coinvolta in varie attività didattiche, realizzate in orario curricolare, alcune di particolare rilevanza come il progetto Amore criminale che prevedeva la realizzazione di prodotti multimediali aventi per oggetto la violenza sulle donne. Gli alunni hanno letto i libri e incontrato lo scrittore Andrea De Carlo, nell ambito del progetto Amico libro. Inoltre hanno preso parte,con il coordinamento della prof.ssa Bianca, al progetto di educazione sanitaria riguardante la donazione di sangue in collaborazione con la sezione AVIS di Siracusa;al progetto Prevenzione del melanoma patrocinato dall AIRC;al progetto Diagnosi e prevenzione dell HIV curato dall ASP di Siracusa.

6 6 di 66 Alcuni alunni hanno partecipato al concorso Nei luoghi della bellezza indetto dal comune di Noto. Altri hanno partecipato ad uno Stage di lingua inglese a Malta di una settimana in seguito al quale hanno conseguito la relativa certificazione. L azione didattica è stata svolta secondo le indicazioni metodologiche indicate nella programmazione di classe e la discrepanza tra il monte-ore effettivo delle lezioni e quello annuale è correlata all utilizzazione delle ore per assemblee di classe e di istituto e per le attività progettuali suddette. Ai sensi della nota MIUR della D.G. Ordinamenti e Autonomia scolastica n del 25 luglio 2014 Avvio in ordinamento dell insegnamento di discipline non linguistiche DNL in lingua straniera secondo la metodologia CLIL nel terzo,quarto, quinto anno dei Licei Linguistici e nel quinto anno dei Licei e degli Istituti tecnici - Norme transitorie a.s. 2014/2015, punto 4.1, il Consiglio della classe 5AZ, preso atto dell impossibilità di poter svolgere moduli CLIL in quanto non ci sono docenti DNL formati linguisticamente e metodologicamente, dichiara di avere svolto il seguente Modulo multidisciplinare dal titolo Electric Field, i cui allegati, parte integrante del presente Documento del 15 Maggio, si trovano nella programmazione dei docenti delle discipline coinvolte (Fisica e Inglese). La coordinatrice (Prof.ssa Patrizia Genesi)

7 Elenco degli alunni e dei percorsi formativi individualizzati : 7 di 66 Il doppio Il gran ballo delle debuttanti: la poesia dei piedi e la magia di un sogno La paralisi della scelta La donna ieri e oggi La memoria inesorabile:dalle radici romane dell antisemitismo ai nostri giorni Il mito di Elettra tra passato e presente Amore tormentato La tragedia, dall antico al moderno L inetto, l antieroe, l oltreuomo L essenziale è invisibile agli occhi Faber: Libertà l ho vista dormire nei campi protetta dal filo spinato Eugenetica La comunicazione e il linguaggio 1984 Dum differtur,vita transcurrit Amore e morte Il vizio La solitudine Quasi quasi mollo tutto e divento felice Sicilia: L Italia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito:soltanto qui è la chiave di tutto The dark side of the moon Il mondo al di là dello specchio (un viaggio oltre i confini della realtà Disney)

8 Il viaggio, metafora della vita Masse e potere Expo 2015 Il bene, il male e la giustizia 8 di 66 Secondo quanto previsto dalla normativa vigente 1, sarà effettuata una simulazione del colloquio d esame in data 19/05/2015 per favorire l approccio degli alunni con tale prova, per evidenziarne disfunzioni e incertezze, per offrire indicazioni operative valide nella preparazione dei percorsi individualizzati. Il coordinatore Prof.ssa Patrizia Genesi 1 Il colloquio d esame è regolato dall art.16, commi 1,2,3 e 4, dell O.M. n dell /05/15

9 9 di 66 INDICAZIONI SULLA TIPOLOGIA DELLA TERZA PROVA (O.M. n 38 dell'11/02/99 art.6 e successive modificazioni) (O.M. n del /05/15 art.12, comma 7) 2 Conformemente alle indicazioni ministeriali sono state somministrate agli alunni n 2 esemplificazioni di terza prova, riguardanti 5 discipline. Tutte quante le prove sono state impostate sotto forma di questionario misto, ovvero con domande a risposta aperta e domande a risposta multipla (tipologie B e C) rispettivamente in numero di 10 e 20, caratterizzanti il programma disciplinare dell'ultimo anno. Per lo svolgimento della prova sono state concesse 2 ore. Alla luce dei risultati conseguiti il Consiglio di classe ha riscontrato sufficiente dimestichezza da parte degli alunni nell'affrontare tale tipo di prova pur evidenziando alcune difficoltà in relazione ad alcune discipline. Si allegano copia delle simulazioni di terza prova somministrate alla classe. Il Coordinatore Prof.ssa Patrizia Genesi 2 <<Ciascuna commissione definisce collegialmente la struttura della Terza Prova scritta, in coerenza con il documento del consiglio di classe di cui all art. 6 della presente ordinanza>>

10 Esemplificazione di 3 a Prova 10 di 66 Modalità: Cinque discipline, una delle quali inglese(d.m. 429 del 20/11/2000, art. 4 e DPR 98 n 323, art 3 comma 4) 30 quesiti di tipologia B e C così distribuiti: 10 quesiti a risposta di tipo B e 20 di tipo C. 3 Per ogni disciplina: 2 quesiti di tipo B e 4 quesiti di tipo C. Per ogni quesito di tipo B sono consentite al massimo 5 righe. Per ogni quesito di tipo C si deve poter scegliere fra quattro opzioni, una sola è corretta. Durata della prova: 2 ore. Obiettivi: * Capacità di produrre brevi ma esaurienti risposte utilizzando la corretta terminologia (tipo B) * Comprendere, analizzare e valutare semplici situazioni (tipo C) Il punteggio deve essere espresso in quindicesimi. GRIGLIA DI VALUTAZIONE Tipologia Risposta esatta (1) Risposta parz. esatta (2) Risposta errata o non data B 0,60 pt. 0,30 pt. 0 C 0,45 pt. Non prevista 0 a) Risposta corretta nella forma, completa nel contenuto, espressa con terminologia appropriata e specifica. b) Risposta poco corretta nella forma o non completa nel contenuto o non espressa con terminologia appropriata e specifica. Punteggio massimo Tip. B 0,60 x 10 = 6 pt. Tip. C 0,45 x 20 = 9 pt. Totale 15 pt. La sufficienza corrisponde al punteggio 10/15. Il punteggio viene arrotondato per eccesso se la prima cifra decimale è maggiore o uguale a cinque, per difetto se è minore di cinque. 3 - Dal D.M , n. 429, riguardante le caratteristiche formali generali della terza prova scritta: <<Nel caso in cui le tipologie di cui alle lettere b) e c) siano utilizzate cumulativamente, il numero dei quesiti a risposta singola e il numero dei quesiti a risposta multipla non può essere inferiore, rispettivamente, a 8 e 16.>>

11 11 di 66 CLASSE 5 a AZ 05/12/2014 Alunno/a 1 a SIMULAZIONE DI TERZA PROVA Obiettivi : o Capacità di produrre brevi ma esaurienti risposte utilizzando la corretta terminologia o Comprendere, analizzare e valutare semplici situazioni Discipline oggetto di verifica: o Inglese o Greco o Filosofia o Storia dell Arte o Matematica Modalità : o 10 quesiti a risposta singola (Tipologia B) o 20 quesiti a risposta multipla (Tipologia C) Per ogni quesito di tipologia B sono consentite al massimo 5 righe. Valutazione : Ogni quesito di tipo B vale : o 0,60 pt. se la risposta è corretta o 0,30 pt. se la risposta è parzialmente corretta o 0 pt. se la risposta è errata o non data Ogni quesito di tipo C vale : o 0,45 pt. se la risposta è corretta o 0 pt. se la risposta è errata o non data La sufficienza corrisponde a 10/15 Il punteggio viene arrotondato per eccesso se la prima cifra decimale è maggiore o uguale a cinque, per difetto se è minore di cinque Durata della prova : 2 h E consentito l uso del vocabolario italiano, del vocabolario d' inglese 4 (bilingue) e della calcolatrice non programmabile. Non è consentito l uso di formulari e di testi scolastici. Non sono ammesse cancellazioni e correzioni. 4 Eventualmente anche di francese e/o tedesco e/o spagnolo, relativamente alle classi del liceo linguistico

12 12 di 66 TEST DI INGLESE Tick the right answer: 1. Modern fiction completely refused the idea of telling a story always included direct interior monologue was an attempt to make the novel available to a wider audience tended to recount the unique experience of the individual exploring her/his inner world 2. The war poets composed rough songs about the life in the trenches expressed patriotic idealism tried to convey the horror of warfare supported the contrast between the fertility of a mythical past and the spiritual sterility of the present world 3. For T.S. Eliot poetry is linked to an expressly political agenda of social reform the experience of modern man is one of fragmentation poetry has to be made easier tradition is something that the poet must completely reject 4. Though Joyce went into voluntary exile, he set all his works in Ireland and mostly in Dublin since: he loved this town very much he decided to transfom it into a microcosm representing any city in the world it was the second largest town in the British Empire he hated his country and his family Answer the following questions: 5. What were the effects of World War I on the self-confidence of British? 6. How does Eliot describe the crisis of modern man? Alunno/a:

13 TEST DI GRECO 13 di 66 Sbarra la risposta che ritieni esatta: 1. Costante nella produzione letteraria di Menandro è: l ὀνομαστὶ κωμῳδείν la tematica politica la componente satirica temi prevalentemente borghesi 2. Callimaco accenna ad una polemica letteraria in: Inno ad Apollo prologo degli Αἴτια epigramma A.P.XII, 43 tutti i precedenti 3. Il nome epigramma deriva dal fatto che in origine il componimento: si rivolgeva contro gli avversari era molto breve veniva inciso su stele funerarie o su oggetti votivi aveva un contenuto mordace 4. Callimaco nei Giambi si ispira a: Alceo Archiloco Semonide Ipponatte Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Quali sono i limiti temporali e spaziali dell Ellenismo? 6. Qual è la struttura delle commedie di Menandro? Alunno/a:

14 14 di 66 Sbarra la risposta che ritieni esatta: 1. Per coscienza infelice Hegel intende: TEST DI FILOSOFIA La condizione del servo consapevole della sua subalternità al signore La condizione della filosofia scettica difronte alla irraggiungibilità della verità La condizione della coscienza che si sente separata dal Tutto ed estranea ad esso La condizione della filosofia che non può agire sulla realtà ma solo interpretarla 2. Arte religione e filosofia, secondo Hegel: Hanno la stessa forma, ma contenuto diverso Hanno lo stesso contenuto, ma forma diversa Si succedono nel tempo esprimendo in forma sempre più adeguata l'assoluto Differiscono sia per la forma che per il contenuto 3. La Volontà, secondo Schopenhauer: E' una forza irrazionale di cui la realtà costituisce l'oggettivazione E' una forza razionale che conduce gli uomini al Nirvana E' l'energia della Natura che l'uomo può contrastare con l'esercizio della Ragione E' l'energia con cui l'individuo reagisce alla sofferenza esistenziale 4. All' oltreuomo, secondo Nietzsche, si addice una concezione del tempo secondo cui: Tutto ritorna eternamente e ciclicamente La storia procede verso il progresso Alla fine dei tempi l'oltreuomo raggiungerà la beatitudine eterna In origine i migliori godevano di una condizione felice che devono ritrovare abbandonando le vecchie morali Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Spiega brevemente come si può realizzare, secondo Schopenhauer, il passaggio dalla Volontà alla Nolontà: 6. Spiega brevemente cosa intende Nietzsche per dionisiaco ed apollineo : Alunno/a:

15 15 di 66 TEST DI STORIA DELL ARTE Sbarra la risposta che ritieni esatta: 1. La ringhiera dell Hotel Solvay è di: C. Monet Victor Horta C. Pissaro Joseph Maria Olbrich 2. L Espressionismo nasce in: Spagna Italia Francia Germania 3. L opera La fanciulla malata è di: E. Delacroix E. Munch T. Gericault W. Turner 4. Il Palazzo della Secessione fu costruito tra: Il 1898 e il 1899 Il 1889 e il 1890 Il 1588 e il 1589 Il 1908 e il 1909 Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Descrivi l opera Giuditta 1 di Henri Matisse: 6. Quali sono i punti fondamentali su cui si basa il gruppo dei Fauves: Alunno/a:

16 16 di 66 Sbarra la risposta che ritieni esatta: TEST DI MATEMATICA 1. Quale tra le seguenti è l esplicitazione della forma f x l l 0 I : x I, x l I c : x I c c 0 l I c : x I c l, c 0 I c x I x c : c f(x)- l < f x lim? xc x l l x l f x l, f x l 2. Quale tra i seguenti è il dominio della funzione, 4 4, 4 4,, 4 4, 4 4,, 2 2,, 4 4, 3. Una funzione y f x A R x 2 x 2 16 y? : si dice decrescente se x, x A x x 1 2, 1 2 x1, x2 A, x1 x2 x1, x2 A, x1 x2 x1, x2 A, x1 x2 si ha f(x1) <f(x2) si ha f(x1) >f(x2) si ha f(x1) >f(x2) si ha f(x1) <0 4. L intervallo I (-2,4) è un intorno circolare di : Centro 0 x = 1 e raggio = 3 Centro x 0 = 3 e raggio = 3 Centro x 0 = 0 e raggio = 4 Centro x 0 = 1 e raggio = 2 Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Definisci: a) la funzione, b) la funzione iniettiva, c) la funzione suriettiva, d) la funzione pari, e) la funzione dispari : 6. Studia il segno della funzione y è negativa: 2x 1 2 x 3x e indica per quali valori di x la y è positiva e per quali valori di x la Alunno/a:

17 17 di 66 CLASSE 5 a AZ 13/04/ a SIMULAZIONE DI TERZA PROVA Alunno/a Obiettivi : o Capacità di produrre brevi ma esaurienti risposte utilizzando la corretta terminologia o Comprendere, analizzare e valutare semplici situazioni Discipline oggetto di verifica: o Inglese o Greco o Storia o Scienze o Fisica Modalità : o 10 quesiti a risposta singola (Tipologia B) o 20 quesiti a risposta multipla (Tipologia C) Per ogni quesito di tipologia B sono consentite al massimo 5 righe. Valutazione : Ogni quesito di tipo B vale : o 0,60 pt. se la risposta è corretta o 0,30 pt. se la risposta è parzialmente corretta o 0 pt. se la risposta è errata o non data Ogni quesito di tipo C vale : o 0,45 pt. se la risposta è corretta o 0 pt. se la risposta è errata o non data La sufficienza corrisponde a 10/15 Il punteggio viene arrotondato per eccesso se la prima cifra decimale è maggiore o uguale a cinque, per difetto se è minore di cinque Durata della prova : 2 h E consentito l uso del vocabolario italiano, del vocabolario d' inglese 5 (bilingue) e della calcolatrice non programmabile. Non è consentito l uso di formulari e di testi scolastici. Non sono ammesse cancellazioni e correzioni. 5 Eventualmente anche di francese e/o tedesco e/o spagnolo, relativamente alle classi del liceo linguistico

18 18 di 66 TEST DI INGLESE Tick the right answer: 1. Ernest Hemingway in 1918: was rejected for military service volunteered as an ambulance driver on the Italian front went to Princeton University to complete his education became a reporter and journalist 2. Hemingway suffered from hypertension and acute depression and died as a result of complications from diabetes died of art attack committed suicide was killed by bombs in Italy during World War I 3. Francis Scott Fitzgerald went to Princeton University to complete his education was rejected for military service married a British ballet dancer believed in the American dream 4. At Gatsby s party the guests really enjoy themselves do not even remember each other know Gatsby himself personally are involved with Nick Answer the following questions: 5. Focus on the novel The Great Gatsby and write down in what sense Gatsby is a romantic hero: 6. In the novel The Great Gatsby what are the most impressive symbolic images? Alunno/a:

19 TEST DI GRECO Sbarra la risposta che ritieni esatta: 1. L Antologia Planudea 19 di 66 Comprende 3700 componimenti di 340 poeti. E una silloge composta dal monaco bizantino Massimo Planude Costituita nel I secolo A.C., è la prima antologia di cui si abbia notizia. Contiene un elenco di poeti paragonati ad altrettanti fiori. 2. Le caratteristiche dell epigramma dorico-peloponnesiaco sono: Spiccata preferenza per la rappresentazione di scene quotidiane, situazioni realistiche o atmosfere bucoliche. Gusto per l erudizione, ricercatezza formale, riflessione meta letteraria. Costante confronto con la tradizione, ricerca di variazione sullo stesso tema. Prevalenza dei temi dedicatori e funerari, attenzione alla fragilità della vita umana e alla misera esistenza degli uomini. 3. Le notizie sulla vita di Apollonio Rodio si ricavano: Da due biografie premesse ai manoscritti delle Argonautiche e dai riferimenti puntuali ai sovrani e all ambiente alessandrino. Dai riferimenti biografici presenti nelle sue opere. Dai riferimenti presenti nell opera dei poeti del tempo. Dalla voce del lessico Suda dedicata al poeta, dal papiro di Ossirinco che contiene la lista dei bibliotecari di Alessandria e da due biografie premesse ai manoscritti delle Argonautiche. 4. Del corpus teocriteo fanno parte: Trenta idilli, un carme figurato e ventidue inni. Trenta idilli, un epigramma e carmi figurati. Trenta idilli, un carme figurato e ventidue epigrammi. Dieci idilli, tre carmi figurati e ventidue epigrammi. Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Che cos è un carme figurato? 6. Qual è il rapporto tra fabula e intreccio nelle Argonautiche Alunno/a:

20 Sbarra la risposta che ritieni esatta: Documento del 15 Maggio TEST DI STORIA 20 di Il patto Gentiloni fu: Un accordo tra cattolici e liberali per contrastare l'avvento del fascismo nel 1922 L'accordo tra regime fascista e Chiesa cattolica nel 1929 Un accordo tra cattolici e liberali per le elezioni del 1913 Un accordo tra liberali e fascisti per le elezioni del L'espressione dannunziana radiose giornate di Maggio si riferisce: alla mobilitazione delle squadre fasciste che precedette la marcia su Roma nel 1922 ai festeggiamenti per la vittoria nella prima guerra mondiale nel 1918 alla proclamazione dell'impero d'italia dopo la conquista dell'etiopia nel 1936 alle manifestazioni di piazza che portarono all'ingresso dell'italia nella prima guerra mondiale nel L'episodio culminante del biennio rosso in Italia fu: L'occupazione delle fabbriche nel Settembre 1920 La fondazione del partito comunista nel Gennaio del 1921 Lo sciopero legalitario dell'agosto 1922 L'assassinio di Giacomo Matteotti nel Giugno Le politiche keynesiane del New Deal prevedevano: Sostegno all' offerta con misure a favore delle imprese che mantenessero alti i prezzi delle merci Rigorose politiche di contenimento della spesa pubblica per ridurre il deficit statale Misure a sostegno della domanda con sussidi per i lavoratori e opere pubbliche per ridurre la disoccupazione Rilancio della produzione di armi e materiali bellici per riassorbire la disoccupazione e preparare una politica espansionistica Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Spiega brevemente a quale logica si ispirarono i trattati di pace stipulati dopo il primo conflitto mondiale 6. Descrivi brevemente le caratteristiche principali di un regime totalitario Alunno/a:

21 Sbarra la risposta che ritieni esatta: Documento del 15 Maggio TEST DI SCIENZE DELLA NATURA 21 di Gli enzimi di restrizione, utilizzati nelle biotecnologie;sono prodotti da batteri per Tagliare e modificare chimicamente il proprio DNA Permettere al proprio DNA di essere inserito in un altra cellula Restringere il proprio DNA Inattivare,mediante tagli, un acido nucleico estraneo 2. Una biblioteca genica è Una serie di frammenti di DNA provenienti dal genoma di un organismo Una serie di frammenti di plasmidi Una tecnica di conservazione di genomi provenienti da individui diversi Una tecnica di separazione del DNA 3. Il legame peptidico è formato da -CO-NH- -COO-NH- -COO-N- -CO-NH2-4. La via metabolica che partendo dal glucosio avrà come prodotto finale alcol etilico Non produce molecole di ATP perché non c è la presenza di ossigeno Non produce molecole di NADH+H+ Avviene in parte nel citoplasma della cellula e in parte nei mitocondri È un processo che avviene nei lieviti Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Descrivi la tecnica della PCR specificando la sua applicazione nel campo delle biotecnologie 6. Descrivi la struttura e la funzione dei fosfolipidi o fosfogliceridi Alunno/a:

22 TEST DI FISICA 22 di 66 Sbarra la risposta che ritieni esatta: 1. In un circuito vi sono due resistenze R 1 e R 2 collegate in serie ed una terza resistenza R 3 collegata in parallelo con la serie. Se i valori delle resistenze sono R 1 = 20 R 2 = 25, R 3 = 30 la resistenza equivalente del circuito sarà: ,5 2. Per la prima legge di Ohm, la differenza di potenziale applicata ai capi di un conduttore è : direttamente proporzionale alla resistenza elettrica presente nel conduttore direttamente proporzionale alla sezione del conduttore direttamente proporzionale all intensità di corrente che circola nel conduttore inversamente proporzionale all intensità di corrente che circola nel conduttore 3. Il modulo del campo elettrico generato da una carica puntiforme Q posta nel vuoto, ad una distanza r dalla carica stessa, è pari a: Q E k 0 r 2 E k 0 E k0 q q 1 r F Q Q r E k0 4. L unità di misura della potenza elettrica è Il Joule Il Watt L Ampere Il Tesla 2 2 Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 5. Elenca le analogie e le differenze tra la forza elettrica f e di Coulomb e la forza gravitazionale f g di Newton 6. Descrivi l esperienza di Oersted Alunno/a:

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli