PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a , comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato"

Transcript

1 PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato per periodi minimi di: - 3 anni, prorogabili alla scadenza per altri 3 anni - 6 mesi, prorogabili per altri 6, in caso di gravi motivi familiari e/o personali; a tempo indeterminato, senza limiti di durata; viene concesso entro il limite massimo del 50% del personale in servizio a part time 2. ACCOGLIMENTO DELLE DOMANDE DI PART TIME Le domande 3 di part time per il personale in servizio, sia Aree professionali che Quadri direttivi, possono essere accolte dall azienda nella misura massima del 20% dell organico a tempo indeterminato dell Area. Fermo restando che l azienda accoglierà, compatibilmente con le esigenze organizzative e produttive, le domande di part time anche nelle filiali fino a 4 addetti, nelle altre filiali potranno essere concessi part time, di norma, nelle quantità sotto indicate: Filiali con n. addetti Numero part time concedibili da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 oltre 22 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato Ricordiamo che la legge 4 prevede il diritto alla trasformazione del contratto a part time per il personale affetto da patologie oncologiche, per il quale vi sia una ridotta capacità lavorativa (anche a causa delle terapie) certificata dalla Commissione medica dell ASL. In presenza di più domande presso la stessa filiale, l azienda procederà: accogliendo le domande secondo il seguente ordine di priorità: - personale portatore di handicap; - assistenza figli o coniuge o genitori affetti da patologie oncologiche; assistenza familiari conviventi portatori di handicap in situazione di gravità,con necessità di assistenza continua; - assistenza figli o coniuge o familiari portatori di handicap in situazione di gravità; - personale rimasto vedovo, separato o divorziato in situazioni di particolare disagio; - assistenza figli fino a 3 anni di età; - assistenza figli da 3 a 13 anni di età; 1 D.Lgs 61/00 modificato dal D.Lgs 100/01 e dal D.Lgs 276/03. Accordo aziendale del 20/12/2007 (vedi Policy aziendale) 2 Dato il numero significativo di richieste, l azienda concede di massima part time a tempo determinato. 3 Vi è apposita modulistica. 4 D.Lgs. 276/

2 - assistenza familiari anziani malati o malati cronici; - motivi di studio o attività di volontariato; favorendo ulteriori trasformazioni rispetto ai numeri indicati nella tabella, qualora l articolazione di orario dei diversi part time assicuri il presidio effettivo dell orario della filiale; valutando la possibilità di accogliere il part time unitamente alla richiesta di trasferimento presso altra filiale. RIPRISTINO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PIENO Sia il lavoratore, per motivi personali e/o familiari, che l azienda, per comprovate esigenze tecnicoorganizzative, possono chiedere il reintegro a tempo pieno: - in caso di part time a tempo determinato, il ripristino potrà avvenire con il consenso delle parti; - in caso di part time a tempo indeterminato, il ripristino potrà avvenire su richiesta di una delle parti e con preavviso di almeno 3 mesi. Questa normativa si applica per i part time concessi dal 1/2/2008, e non per i part time a tempo indeterminato già in essere a quella data (resta fermo l eventuale ripristino a tempo pieno con il consenso della lavoratrice/lavoratore). ORARIO DI LAVORO La durata settimanale dell orario di lavoro è compresa fra un minimo di 15 e un massimo di 32,5 ore settimanali, senza obbligo di ripartizione uniforme nella settimana o nel mese, fermo il limite massimo giornaliero di 9 ore. Il part time può essere: orizzontale: l orario di lavoro ridotto è distribuito su tutti i giorni della settimana, sia in modo uniforme che diversificando l orario in alcuni giorni (da minimo 3 ore a massimo 6 ore e 30 minuti al giorno); verticale: la prestazione è concentrata in alcuni giorni interi della settimana (da minimo 2 giorni a massimo 4 giorni); misto: una combinazione tra part time orizzontale e part time verticale (ad esempio, per tre giorni l orario è di 5 ore e per due giorni è intero); ciclico: la prestazione è concentrata in alcune settimane nel mese o in alcuni mesi nell anno 5. La durata giornaliera dell orario di lavoro, qualora non venga effettuato l intervallo meridiano, non può superare le 6 ore 6. Nelle giornate semifestive il personale a part time mantiene il proprio orario di entrata, mentre anticipa quello di uscita in modo proporzionale a quello del personale a tempo pieno, riducendo di 1/3 il proprio orario. Ad esempio: part time di 4 ore giornaliere: l orario di lavoro sarà di 2 ore e 40 minuti; part time di 5 ore giornaliere: l orario di lavoro sarà di 3 ore e 20 minuti; part time di 5 ore e 30 minuti giornalieri: l orario di lavoro sarà di 3 ore e 40 minuti; part time di 6 ore giornaliere: l orario di lavoro sarà di 4 ore. ELASTICITÀ DI ORARIO Il personale part time può richiedere l elasticità d orario di 45 minuti in ingresso. 5 Nel caso di part time ciclico, i periodi di non lavoro sono scoperti sia ai fini del diritto che della misura della pensione. 6 D.Lgs. 66/2003 2

3 Ricordiamo che la norma relativa all elasticità di 30 minuti in ingresso si applica anche al personale a part time. INTERVALLO MERIDIANO In deroga a quanto praticato nella filiale o nell ufficio, i part time possono ottenere, compatibilmente con le esigenze di servizio, di effettuare in via continuativa un intervallo di: - 15 minuti, qualora l orario di lavoro giornaliero a part time sia fino a 5 ore; - 30 minuti, qualora l orario di lavoro giornaliero a part time sia superiore a 5 ore. LAVORO SUPPLEMENTARE Per le eventuali ore di lavoro supplementare i part time possono scegliere tra il riconoscimento della relativa retribuzione o il recupero attraverso lo strumento della banca delle ore, con specifica richiesta da inoltrare al momento della concessione del part time. Ricordiamo, infine, che la normativa sul lavoro supplementare del personale a part time non si applica ai Quadri Direttivi, che hanno la cosiddetta autogestione. Il CCNL stabilisce che l azienda può richiedere al personale a part time delle Aree Professionali l effettuazione di prestazioni supplementari nei limiti di 2 ore al giorno e 50 ore per anno esclusivamente per: operazioni di quadratura interruzioni temporanee nel funzionamento di strumenti elettronici assenze impreviste di altri dipendenti della stessa filiale / ente. Per i part time orizzontali il compenso è pari alla paga oraria ordinaria fino al limite delle 7 ore e 30 minuti di orario giornaliero, e con la maggiorazione del 25% per la parte eccedente. Per i part time verticali, le ore di straordinario vengono invece remunerate con la maggiorazione del 25%, come previsto per il personale a tempo pieno. FORMAZIONE Per le eventuali ore di formazione retribuita effettuate al di fuori del proprio orario di lavoro, i part time possono scegliere tra il riconoscimento della relativa retribuzione o il recupero attraverso lo strumento della banca delle ore. TRATTAMENTO ECONOMICO Il trattamento economico del part time viene determinato proporzionando la retribuzione complessiva del personale a tempo pieno (con caratteristiche analoghe) alla minore durata della prestazione lavorativa. L indennità di rischio è erogata con gli stessi criteri del personale a tempo pieno. L indennità locali sotterranei viene corrisposta quando l adibizione del part time superi mediamente nella settimana la metà del normale orario di lavoro giornaliero. BUONO PASTO Per il personale a part time il buono pasto è di importo diverso in base al tipo di contratto: part time orizzontale senza intervallo = 4,00; part time orizzontale con intervallo = 5,16; part time verticale = 5,16; part time misto = 4,00 o 5,16 per i giorni a part time rispettivamente senza intervallo o con intervallo nella settimana. 3

4 ANZIANITÀ I periodi di lavoro a part time sono equiparati a quelli a tempo pieno per comporto di malattia, scatti tabellari, automatismi economici e termini di preavviso. I periodi previsti dalla normativa sui percorsi professionali saranno invece aumentati in modo proporzionale al minor orario di lavoro che per il personale a part time con orario settimanale inferiore a 25 ore 7 ; nulla cambia invece per i part time con orario settimanale di almeno 25 ore. FERIE E PERMESSI EX FESTIVITÀ SOPPRESSE Il trattamento di ferie è equiparato a quello a tempo pieno. Ad esempio: se un lavoratore è nello scaglione dei 25 giorni lavorativi di ferie e ha un part time orizzontale un orario di 4 ore giornaliere, avrà diritto a 25 giorni di ferie. Se il lavoratore avesse, invece, un part time verticale settimanale, mensile o annuo, i giorni di ferie vanno riproporzionati al minor numero di giornate lavorative. Così un part time, con orario di 3 giorni settimanali, avrà diritto nello stesso modo a 5 settimane di ferie (se nello scaglione relativo ai 25 giorni), ognuna delle quali gli verrà conteggiata per tre giorni e il suo periodo totale di ferie sarà formalmente di 15 giorni lavorativi. I permessi relativi alle festività soppresse verranno riconosciuti al personale a part time con gli stessi criteri previsti per il personale a tempo pieno. PERMESSO CONTRATTUALE RETRIBUITO FRAZIONATO (PCR) I part time hanno diritto a 4 giorni annui di permesso frazionato (cioè 30 ore), che vanno proporzionati al proprio orario di lavoro. Ricordiamo che i PCR possono essere utilizzati, inderogabilmente entro il 31 dicembre, anche in modo frazionato nel limite minimo di un quarto d ora 8. Se non utilizzati nell arco dell anno, si perdono e non verranno monetizzati. Nel caso di inizio o scadenza del contratto a part time in corso d anno, verranno calcolati anche in base ai mesi a part time (per i mesi a tempo pieno maturano proporzionalmente le 23 ore della banca ore e il giorno di PCR). PERMESSI Tutto la normativa su permessi e aspettative si applica come per i lavoratori a tempo pieno, salvo quanto previsto per i lavoratori studenti. Infatti, al personale a part time spetta il giorno di permesso per l esame universitario se coincidente con la prestazione lavorativa, e questo vale anche per i giorni di permesso previsti precedenti all esame stesso. I giorni di permesso per l esame di laurea sono proporzionati alla ridotta prestazione lavorativa. PREVIDENZA I periodi di lavoro a part time si considerano come interi ai fini della maturazione del diritto, dunque è come se si fosse lavorato a tempo pieno. In pratica, 20 anni di lavoro a part time e 20 anni di lavoro a tempo pieno sono 40 anni di anzianità contributiva utile per poter andare in pensione. Questa norma è applicabile a condizione che risulti erogata per ciascuna settimana una retribuzione 7 Ad esempio, con un part time di 24 ore settimanali, il periodo di 12 mesi diventa 19 mesi e così via. 8 Comunicazione aziendale del 28/11/2008 su Intesap. 4

5 superiore al minimale retributivo 9 previsto dall INPS: nel nostro settore non ci sono problemi in quanto le retribuzioni a part time superano il minimale retributivo. Nel caso di part time ciclico, i periodi di non lavoro sono scoperti sia ai fini del diritto che della misura della pensione. Il calcolo della pensione per i periodi a part time è analogo a quello dei periodi a tempo pieno con risultati ovviamente proporzionali alla retribuzione percepita. Ricordiamo che il sistema di calcolo varia in base all anzianità contributiva maturata al 31/12/ Nel sistema di calcolo contributivo, la pensione si ottiene moltiplicando il montante contributivo individuale (cioè il 33% della retribuzione di ogni anno, debitamente rivalutata, che per il part time è inferiore a quella del tempo pieno) per il coefficiente di trasformazione relativo all età dell assicurato alla data di decorrenza della pensione. Nel sistema di calcolo retributivo, la pensione si ottiene applicando l aliquota di rendimento pari al 2% per ogni anno di lavoro alla retribuzione media degli ultimi 10 anni, debitamente rivalutata. L aliquota di rendimento sarà ridotta proporzionalmente negli anni di lavoro a part time: ad esempio, nel caso di part time orizzontale di 5 ore al giorno, l aliquota di rendimento annua sarà pari a 1,33%. L aliquota di rendimento viene applicata alla media delle retribuzioni degli ultimi 10 anni. Ovviamente, per non penalizzare i lavoratori che effettuano il part time negli ultimi anni di lavoro, il periodo di riferimento per il calcolo della retribuzione pensionabile è proporzionalmente maggiorato: per il lavoratore a tempo pieno il calcolo viene effettuato sulle retribuzioni relative alle ultime 520 settimane (10 anni), per il lavoratore a part time con la stessa anzianità e con orario di 2/3 il periodo di riferimento diventa di fatto di 15 anni. Il personale già dipendente del Istituto Bancario San Paolo al 31/12/1990 è iscritto alla Cassa di Previdenza Sanpaolo, che eroga una prestazione integrativa della pensione Inps fino ad arrivare all erogazione di una pensione pari al 2,25% per ogni anno di servizio, calcolato sull ultimo stipendio ragguagliato ad anno. L aliquota del 2,25% sarà ridotta proporzionalmente negli anni di lavoro a part time e, per non penalizzare coloro che sono a part time al momento del pensionamento, il calcolo verrà effettuato sull ultima retribuzione rapportata al tempo pieno. CONTRIBUZIONE VOLONTARIA INPS 11 Mentre in altri settori, dove le retribuzioni dei part time sono talvolta inferiori al minimale retributivo, o nel caso di part time ciclico la contribuzione volontaria è utile anche ai fini del raggiungimento del diritto, nella nostra realtà il versamento della contribuzione volontaria vale solo ai fini della misura della pensione, quindi per integrare l importo della futura pensione. La contribuzione volontaria è onerosa ed è interamente a carico del lavoratore. Il costo è pari all intera contribuzione previdenziale stabilita ogni anno 12 calcolata sulla quota di retribuzione mancante rispetto al tempo pieno. Ancorché i contributi volontari siano deducibili dal reddito ai fini della tassazione, il costo è quindi molto elevato: occorre pertanto valutare la convenienza o meno di 9 Per evitare la costituzione di posizioni assicurative di comodo è stabilito un livello minimo retributivo, indicizzato annualmente, al di sotto del quale la copertura assicurativa non è piena. Per il 2009 il minimale di retribuzione è pari a 183,10. Se il datore di lavoro versa comunque un importo inferiore, il lavoratore si vedrà ridotta l'anzianità contributiva in misura proporzionale all'importo versato. 10 Sistema retributivo e sistema contributivo: - Lavoratori con almeno 18 anni di anzianità contributiva al 31/12/95: sistema retributivo. - Lavoratori che hanno iniziato a lavorare dopo il 31/12/95: sistema contributivo. - Lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del 1/1/96 ma che alla data del 31/12/95 avevano un anzianità contributiva inferiore a 18 anni: sistema di calcolo misto (sistema retributivo per la quota maturata al 31/12/95 e sistema contributivo per la quota maturata dal 1/1/96). 11 Circolare INPS n. 29 del 23/2/ Dal 2008 è il 30,87%. 5

6 effettuare tale versamento. La domanda va presentata all Inps, anche tramite Patronato INCA- CGIL 13, entro i 12 mesi dalla data di consegna del CUD dell anno in questione. La presentazione della domanda non comporta alcun obbligo al versamento. Per il personale già dipendente dell Istituto Bancario San Paolo al 31/12/1990, la Cassa di Previdenza Sanpaolo non prevede la contribuzione volontaria: pertanto, non vi è alcuna convenienza a effettuare eventuali versamenti contributivi volontari all Inps, i quali non aumenterebbero comunque l importo complessivo della pensione. 13 L indicazione delle Sedi del Patronato INCA CGIL è reperibile sul sito 6

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Pagina 1 di 7 Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Dopo la sottoscrizione in ambito di IntesaSanpaolo degli Accordi di indirizzo volti ad armonizzare i trattamenti contrattuali

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari:

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari: L ORARIO DI LAVORO IN INTESASANPAOLO Aggiornamento al 5 Aprile 2013 0 ORARIO DI LAVORO Orario di lavoro giornaliero e settimanale L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDA AGLI ACCORDI DI ARMONIZZAZIONE DEL 13 FEBBRAIO 2008 IN BANCA DELL ADRIATICO

GUIDA AGLI ACCORDI DI ARMONIZZAZIONE DEL 13 FEBBRAIO 2008 IN BANCA DELL ADRIATICO n o t i z i e federazione autonoma bancari italiani internet http://www.fabi-abruzzo.it Periodico della Segreteria naz.le dell Organo di Coord. e-mail fabibda@fabi-abruzzo.it marzo 08 GUIDA AGLI ACCORDI

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 Legge 247 del 24 dicembre 2007 Sommario LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI 1. Indennità di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti. 2. Lavoro

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI A TUTELA DELLE SITUAZIONI DI HANDICAP

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI A TUTELA DELLE SITUAZIONI DI HANDICAP GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI A TUTELA DELLE SITUAZIONI DI HANDICAP FEBBRAIO 2015 1 PREMESSA Questo documento illustra i permessi ed i congedi previsti dalle norme di legge e di contratto a tutela delle situazioni

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Guida alle nuove normative relative a: mobilità e trasferimenti orari, permessi, aspettative, maternità part-time turni, reperibilità, week-end

Guida alle nuove normative relative a: mobilità e trasferimenti orari, permessi, aspettative, maternità part-time turni, reperibilità, week-end Guida alle nuove normative relative a: mobilità e trasferimenti orari, permessi, aspettative, maternità part-time turni, reperibilità, week-end lavorativi rappresentanti lavoratori per la sicurezza finanziamenti

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

INDIRIZZI IN ALLEGATO

INDIRIZZI IN ALLEGATO DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE II Reparto Div. 5^ - Sez. 2^ Viale dell Università, 4 00185 ROMA Prot.n. Roma, lì INDIRIZZI IN ALLEGATO OGGETTO: Assenze comportanti decurtazione o mancata corresponsione

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Il calcolo di pensione del Personale Operativo Castiglione delle Stiviere 19 20 settembre 2011 PATRONATO INCA CGIL Lombardia - Viale Marelli 497 20099 Sesto S. Giovanni

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

A cura della Segreteria di Gruppo

A cura della Segreteria di Gruppo Guida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Comprendere la busta paga Le voci più importanti del tuo cedolino, dal lordo al netto AGGIORNAMENTO MARZO 20 14 SOMMARIO LA PRIMA PARTE DEL CEDOLINO... 4

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio,, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 26.02.2011 Decorrenza 01.01.2011 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2013 DECLARATORIA

Dettagli

FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE

FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE FERIE, FESTIVITA, BANCA ORE FERIE Nel corso di ogni anno solare il lavoratore ha diritto ad un periodo di ferie durante il quale decorre l' intero trattamento economico. La durata delle ferie e' stabilita

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Sintesi delle proposte della Banca in materia di orario di lavoro, permessi, congedi e aspettative

Sintesi delle proposte della Banca in materia di orario di lavoro, permessi, congedi e aspettative Sintesi delle proposte della Banca in materia di orario di lavoro, permessi, congedi e aspettative Orario standard... pag. 1 Turni e sfalsamenti.. pag. 3 Orario concentrato.. pag. 4 Orario multiperiodale..

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Trattenute contributive

Trattenute contributive 14 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 2 Trattenute contributive a. Determinazione della retribuzione imponibile art. 2115 c.c.; art. 47 RDL 1827/35; art. 12 L. 153/69

Dettagli

Art.5 Congedi dei genitori Art.6 Congedi per la formazione

Art.5 Congedi dei genitori Art.6 Congedi per la formazione CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO ALL AREA DELLA DIRIGENZA DEL COMPARTO DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2000/2001 Art.1 Stipendi tabellari 1. I bene ci economici

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Accordo Quadro 30/09/2014

Accordo Quadro 30/09/2014 Accordo Quadro 30/09/2014 Nella tarda serata del 30/09/2014 è stata raggiunta un ipotesi di Accordo tra le OO.SS. e l Azienda in relazione alle ricadute sul Personale del Gruppo derivanti dall applicazione

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare

Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare INCA PERCHE? Per una maggiore responsabilizzazione ai fini previdenziali Non dimostrarsi neutrale rispetto alla convenienza COME? Quanto mi costa

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 26.05.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: NASpI Circolare Inps 94/2015 Il 1 maggio

Dettagli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 1 Riscattare la laurea: conviene o non conviene Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 2 Riscattare la laurea: conviene o non conviene RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ACCESSO ALL ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 23 febbraio 2015) Dal 2007 sono assunta con contratto a tempo indeterminato presso con un incarico di dirigente medico di primo livello. Ho tre

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE Sommario DICHIARAZIONI DELL AZIENDA 2 N. 1 - Comodo di cassa 2 N. 2 - Interesse sul c/c intestato ai familiari dei dipendenti 2 N. 3 - Prestiti

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

ACCONCIATURA ED ESTETICA Accordo di rinnovo contrattuale 8 settembre 2014

ACCONCIATURA ED ESTETICA Accordo di rinnovo contrattuale 8 settembre 2014 Modena, 29 dicembre 2014 ACCONCIATURA ED ESTETICA Accordo di rinnovo contrattuale 8 settembre 2014 PARTI CONTRAENTI CNA Unione benessere e sanità, Confartigianato Benessere Acconciatori, Confartigianato

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

La Fondazione E.N.P.A.M.

La Fondazione E.N.P.A.M. 1 I FONDI DI PREVIDENZA 2 Il Fondo di Previdenza Generale Contribuiscono alla Quota A : tutti gli iscritti all Albo dei Medici Chirurghi ed all Albo degli Odontoiatri Contribuiscono alla Quota B - Fondo

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

per essere sempre informato e tutelato, porta sempre la bussola 1 con te.

per essere sempre informato e tutelato, porta sempre la bussola 1 con te. per essere sempre informato e tutelato, porta sempre la bussola 1 con te. 1 La presente guida vuole essere un piccolo vademecum per tutti i colleghi assunti con contratto di Inserimento al fine di poter

Dettagli

A cura della Segreteria Nazionale. Coordinatore: Joseph Fremder. Testi e grafica: Tommaso Vigliotti

A cura della Segreteria Nazionale. Coordinatore: Joseph Fremder. Testi e grafica: Tommaso Vigliotti A cura della Segreteria Nazionale Coordinatore: Joseph Fremder Testi e grafica: Tommaso Vigliotti Ringraziamenti a: Roberto Ferrari, Francesca Del Conte e Bianca Desideri Tutti i diritti riservati I Edizione

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 02 2015

NEWSLETTER LAVORO 02 2015 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 02 2015 Normativa lavoro 1. Jobs Act: approvazione decreto contratto tutele crescenti e novità in via di approvazione 2. Stabilizzazione

Dettagli

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere Riscatto di laurea Requisiti e calcolo dell onere Il riscatto Si definisce riscatto l operazione che consente la copertura contributiva di alcuni periodi privi di assicurazione La facoltà di riscatto può

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO 1 COS E IL T.F.R.? L art 2120 del Codice Civile regolamenta l istituto del Trattamento di Fine Rapporto che è la

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 63 01.04.2014 Intermittenti: chiarimenti sui versamenti volontari Tempo fino al 20 settembre 2014 per le richieste di versamenti

Dettagli

A cura della Segreteria Nazionale. Coordinatore: Joseph Fremder. Testi e grafica: Tommaso Vigliotti

A cura della Segreteria Nazionale. Coordinatore: Joseph Fremder. Testi e grafica: Tommaso Vigliotti A cura della Segreteria Nazionale Coordinatore: Joseph Fremder Testi e grafica: Tommaso Vigliotti Ringraziamenti a: Roberto Ferrari, Francesca Del Conte e Bianca Desideri Tutti i diritti riservati I Edizione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti PRESTAZIONI DEL FONDO 6. Interventi a favore dei dipendenti DIPENDENTI: RIDUZIONE - SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ Riduzione - sospensione dell attività lavorativa Contratti di solidarietà Malattia di lunga

Dettagli

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL)

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) SINTESI CONTRATTO LAVORO OMESTICO - VALIITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) MALATTIA Anzianità di servizio Conservazione del posto per 365 giorni decorrenti dall

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002).

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002). GUIDA AL CONTRATTO DI SOLIDARIETA DIFENSIVO, che si applica alle imprese che hanno diritto alla CIGS (di seguito CDS.) a cura della FILCAMS-CGIL Nazionale aggiornata al 27 aprile 2009. Il contratto di

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI FORMAZIONE - week end ROMA 2011 Calendario didattico: sabato 05/marzo - domenica 06/marzo sabato 12/marzo - domenica 13/marzo sabato 19/marzo - domenica 20/marzo sabato 26/marzo - domenica 27/marzo Docenti:

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli