La necessità di controllare l evoluzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La necessità di controllare l evoluzione"

Transcript

1 METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget di tesoreria. Tale strumento, inserito nel più ampio sistema di pianificazione annuale, agevola l analisi della sostenibilità finanziaria degli investimenti programmati e la loro copertura tramite adeguate fonti. Nel presente contributo viene proposto un modello di budget di tesoreria che possa essere utilizzato in azienda come strumento operativo per la gestione della situazione finanziaria. L elaborato che si ottiene è frutto del costante aggiornamento dei dati consuntivi di periodo e dei dati forecast derivanti dalle revisioni, attuate in corso d anno, delle previsioni a suo tempo effettuate. Introduzione La gestione della liquidità aziendale ha un ruolo di rilevante importanza nell ambito del sistema di pianificazione e controllo interno. Troppo spesso, soprattutto nelle realtà di medie e piccole dimensioni, è concepita come funzione estremamente complessa ed onerosa in termini di professionalità e costi per il suo mantenimento. Si verificano quindi situazioni in cui risulta presente in azienda una pianificazione finanziaria di breve periodo, con orizzonte temporale di pochi mesi, spesso limitata all andamento di alcune delle componenti che contribuiscono alla definizione dell effettivo fabbisogno finanziario, rischiando così di fornire informazioni incomplete al management aziendale e non intercettare per tempo situazioni di potenziale criticità finanziaria. Il controllo dei flussi monetari di breve periodo, raccomandato in qualsiasi contesto aziendale, risulta essere assolutamente indispensabile nelle realtà in cui il flusso monetario stesso è fortemente condizionato, in negativo, dalle caratteristiche dei cicli aziendali 1 che contraddistinguono l impresa, oltre che subire l influenza del settore in cui la stessa opera. La pianificazione finanziaria di breve periodo: i flussi di cassa La gestione dei flussi di cassa interessa tutta la gestione aziendale, dalla produzione alla vendita, passando per le politiche commerciali adottate, lo sviluppo di nuovi prodotti, la previsione di nuovi investimenti e altro. I flussi di cassa, in entrata e in uscita, rappresentano quindi, in parte, la manifestazione monetaria in cui si realizza il processo di scambio commerciale (condizionato dal ciclo tecnologico). La chiara definizione del ciclo aziendale, in particolare del processo produttivo, favorisce una puntuale individuazione e tempificazione dei flussi finanziari in entrata e uscita. A questo tipo di movimenti monetari, riconducibili principalmente agli elementi operativi del cosiddetto capitale circolante netto commerciale, devono essere associati elementi di natura finanziaria relativi ad altri contesti nei quali si manifesta l operatività dell azienda (sottoscrizione di nuovi prestiti, rimborsi di prestiti, distribuzione di dividenti, immissione di nuova equity, acquisti di nuove immobilizzazioni e dismissioni di immobilizzazioni esistenti) 2. Pianificare il fabbisogno finanziario consente di affrontare in modo avveduto le diverse operazioni. Nell affiancare la gestione aziendale, il budget di tesoreria agevola le decisioni strategiche nella ricerca del mantenimento dell equilibrio finanziario. Frequentemente la dinamica dei flussi di cassa, nonostante la sua importanza, viene analizzata, anche in sede di budget, solamente tramite l elaborazione del rendiconto finanziario su base annuale, ovvero con il confronto dei flussi, generati o assorbiti, tra due esercizi. L elaborazione del budget di tesoreria, e la produzione di un informativa a consuntivo con cadenza più ravvicinata nel tempo (ad esempio mensile), consente di individuare i reali fabbisogni o le eventuali disponibilità finanziarie ragionevolmente prevedibili nei vari periodi dell anno e, conseguentemente, definire per tempo, con gli istituti bancari, più adeguate linee di credito. di Andrea Panizza Senior Partner Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Revisore Contabile. Liana Giovanelli Senior Partner Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione e Edoardo Ferrari Consulente di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione. 1 Cicli reddituale, tecnologico e monetario:rappresentano rispettivamente l aspetto economico del processo produttivo (manifestazione dei costi e ricavi), la sequenza delle operazioni necessarie alla trasformazione delle materie prime in prodotti finiti e la successione cronologica tra incassi e pagamenti. 2 Si veda F. Aloi, A. Aloi, Il budget e il controllo per le PMI, III edizione, IPOSA, Milano,

2 METODI 3 Per Ricavi YTD devono intendersi i ricavi progressivi che originano i crediti commerciali alla data. 26 Il modello proposto Nel presente contributo dopo si descrive il modello seguito nell elaborazione del budget di tesoreria da parte di Alfa Spa, società operante nel settore dell industria agroalimentare. Una corretta, e prevedibilmente semplice, attività di elaborazione del budget di tesoreria, quale espressione «di dettaglio» delle dinamiche finanziarie già evidenziate nel rendiconto finanziario previsionale, rappresenta strumento informativo che consente il preventivo controllo delle dinamiche finanziarie dell impresa. Caratteristica del modello applicato in azienda, e di seguito descritto, è di essere alimentato da una base informativa sia di tipo previsionale (budget), che di tipo consuntivo (actual). In corso d anno, ma soprattutto con riferimento alle esigenze aziendali, è inoltre possibile aggiornare, tramite forecast infrannuali, le informazioni previsionali da budget sulla base degli scostamenti verificatisi. Così facendo, il budget di tesoreria passa da strumento interamente previsionale ad elaborato composto in parte da dati previsionali e in parte da valori consuntivi. Il modello proposto, viene mensilmente aggiornato con le informazioni, a consuntivo, ricevute automaticamente dal sistema gestionale. L elaborato «alla data» che ne deriva è la rappresentazione dei dati consolidati antecedenti la data di elaborazione e la previsione delle uscite finanziarie, mitigate dagli incassi, per i mesi successivi la stessa data di elaborazione. In generale quindi alla data della prima elaborazione, che presumibilmente potrebbe coincidere con l inizio dell esercizio, saranno disponibili le informazioni previsionali relative a ognuno dei dodici mesi successivi. In corso d anno invece, con la consuntivazione dei dati, saranno disponibili le informazioni previsionali (eventualmente riviste tramite l elaborazione di forecast infrannuali) relative a ognuno dei mesi che si trovano nell intervallo temporale che va dalla data di elaborazione alla data di fine esercizio. Con il trascorrere del tempo il budget di tesoreria annuale si trasforma da mero strumento di previsione a strumento di consuntivazione, utile per la fondamentale attività di analisi degli scostamenti tra movimenti effettivi e movimenti preventivati. Da qui la necessità, da parte delle aziende, di predisporre il budget aziendale, con adeguato anticipo, in modo tale da avere sempre a disposizione un orizzonte temporale di tipo previsionale sufficientemente ampio. Sia l elaborazione del budget che le eventuali successive revisioni di previsione (forecast) non possono prescindere dalla presenza di una chiara e preventiva esplicitazione di alcune ipotesi e informazioni di base. L elaborazione di una previsione finanziaria su base mensile appare praticabile unicamente qualora sia possibile, tra le altre: - la mensilizzazione dei costi e ricavi relativi all anno di budget e la definizione delle ipotesi (assumptions) su cui si basa la quantificazione delle componenti del capitale circolante netto commerciale (in particolare la durata media «obiettivo» dei debiti e crediti commerciali); - prevedere il momento (mese) nel quale si assisterà al pagamento di altri debiti, quali ad esempio quelli nei confronti del personale dipendente, e incasso di altri crediti, ovvero la diminuzione di crediti a rimborso/compensazione; - prevedere il momento (mese) nel quale si manifesterà la sottoscrizione o il rimborso di finanziamenti a medio-lungo periodo, quali mutui e prestiti obbligazionari, e i relativi importi; - avere evidenza dei mesi nei quali si potrebbero manifestare variazioni nelle immobilizzazioni (nuovi acquisti e/o dismissioni); - prevedere i mesi nei quali si potrebbero manifestare le variazioni dei fondi rischi e oneri (ad esempio: per indennità suppletiva di clientela) e di altri fondi quali il trattamento di fine rapporto di lavoro dipendente, nonché quelle relative ad altre passività di medio - lungo periodo; - fissare il momento delle variazioni che potrebbero manifestarsi nelle componenti del patrimonio, quali, ad esempio, la distribuzione di dividendi e gli apporti di capitale da parte dei soci. La Tavola 1 illustra lo schema dei flussi di seguito descritti nel dettaglio. La mensilizzazione dei costi e ricavi e definizione delle assumptions del budget La mensilizzazione dei costi e ricavi monetari e la definizione dei giorni medi di incasso e pagamento «obiettivo», unitamente alla previsione dell aliquota IVA media, relativa alle vendite e agli acquisti, risultano fondamentali ai fini della determinazione dei crediti e debiti di natura commerciale. La formula applicabile per la definizione dei crediti verso clienti è la seguente: Ricavi YTD IVAti / 360 * gg medi incasso 3 Occorre ricordare come la determinazione del saldo dei crediti e dei debiti di natura commerciale risente, Tavola 1 - I flussi di cassa

3 METODI in corrispondenza dei primi mesi dell esercizio, dell ammontare delle vendite e degli acquisti effettuati nel corso degli ultimi mesi dell anno precedente a quello di budget, e dei giorni medi di incasso e pagamento (oltre che dell aliquota IVA media) previsti al momento in cui sono stati realizzati i ricavi e sostenuti i costi. Nel modello di budget di tesoreria applicato in Alfa Spa il debito verso fornitori si ottiene attraverso l analisi dettagliata delle singole componenti di costo, che contribuiscono alla formazione delle righe di riclassificato di Conto Economico previsionale, e sulla base dei termini medi di pagamento previsti nei confronti dei rispettivi fornitori. Partendo da un così elevato grado di dettaglio, si favorisce la determinazione dell ammontare del debito verso fornitori, con l applicazione della seguente formula: Acquisti YTD IVAti / 360 * gg medi pagamento 4 Aumentare il grado di precisione della previsione, analizzando nel dettaglio le singole componenti di costo, individuando i principali fornitori di riferimento e i corrispondenti termini di pagamento medi, consente di elaborare un dato previsionale che presumibilmente potrebbe rivelarsi sufficientemente vicino al dato actual. Il risultato di questa fase dell elaborazione del budget di tesoreria si sostanzia nella previsione temporale dei pagamenti previsti a favore dei fornitori in relazione alle singole aggregazioni di cui al Conto Economico previsionale (Tavole 2 e 3). La previsione dei pagamenti e incassi degli altri debiti e altri crediti Oltre alla previsione dei flussi monetari riconducibili al processo tecnico-commerciale, risulta necessaria la quantificazione mensile dei flussi di cassa, sia in uscita che in entrata, derivanti da elementi del passivo quali ad esempio i debiti verso i dipendenti per retribuzioni, i debiti verso gli istituti previdenziali per contributi, i debiti verso l erario per ritenute e imposte o da elementi dell attivo, quali i rimborsi di crediti fiscali. In particolare, in presenza di crediti fiscali in compensazione il modello escluderà dal totale degli addebiti tutti gli importi potenzialmente da versare tramite Mod. F24 fino a concorrenza del residuo credito compensabile stesso. La previsione dei movimenti nelle partite finanziarie di medio-lungo periodo Componente prioritaria del processo di pianificazione finanziaria è rappresentata dall evoluzione dei debiti di medio-lungo periodo quali mutui e prestiti obbligazionari. La disponibilità dei piani di ammortamento di questi finanziamenti è indispensabile per procedere alla corretta tempificazione del rimborso del debito e conseguente esposizione degli importi previsti in uscita in corrispondenza di ogni singolo mese. Allo stesso modo occorre individuare il momento nel quale verranno sottoscritti nuovi mutui e nuovi prestiti obbligazionari in modo tale da prevederne il corrispondente flusso in entrata. Considerato che frequentemente l erogazione di nuovi mutui è in relazione all effettuazione di nuovi investimenti in immobilizzazioni, è necessario gestire la correlazione temporale che si origina al verificarsi di questi eventi. La previsione dei pagamenti e incassi derivanti dai movimenti nelle immobilizzazioni Stante l importanza che ricoprono gli investimenti in immobilizzazioni (immateriali, materiali e finanziarie), soprattutto in termini di una loro quantificazione monetaria, spesso ingente, è necessario prevedere, con la massima precisione possibile, il momento nel quale si provvederà al loro pagamento. Come sopra riferito, frequentemente l uscita di cassa, provocata dall acquisto dell immobilizzazione, coincide con la sottoscrizione di un finanziamento di adeguata durata. Le considerazioni fatte per gli investimenti nelle immobilizzazioni, in termini di quantificazione monetaria e individuazione del periodo di manifestazione finanziaria, valgono anche per i disinvestimenti di tutte le tipologie di immobilizzazioni. La previsione delle variazioni del fondo indennità di anzianità e altre passività di medio - lungo termine Si rende necessario prevedere l eventuale manifestazione finanziaria degli accantonamenti in precedenza effettuati a titolo di indennità di anzianità (TFR). Tale flusso di cassa negativo, in presenza di numerosi licenziamenti o di richieste di anticipazioni, potrebbe infatti essere di considerevole importo. Allo stesso modo occorre prevedere, con un certo grado di precisione, gli eventuali rimborsi di prestiti a medio lungo termine precedentemente ricevuti da parte dei soci o le eventuali nuove erogazioni. La previsione delle variazioni che intervengono nel patrimonio netto Anche le variazioni di natura monetaria che intervengono tra le poste del patrimonio netto contribuiscono alla quantificazione dei flussi di cassa aziendali del periodo. In particolare, la distribuzione di dividendi o l immissione di nuova equity, rappresentano le principali voci 4 Per Acquisti YTD devono intendersi i costi progressivi che originano i debiti commerciali alla data. 27

4 METODI Tavola 2 Mensilizzazione dei costi e previsione dei pagamenti a fornitori (esposizione analitica di categoria di costo di cui al C.E.) 28

5 METODI nelle quali si sostanziano questo tipo di variazioni. L indicazione più precisa possibile del momento nel quale presumibilmente si realizzeranno queste manifestazioni diventa tanto più importante quanto è più elevato l importo oggetto dell operazione stessa. L applicazione del modello La quantificazione delle entrate e uscite di cassa previsionali viene effettuata, in Alfa Spa, su base quindicinale. La rilevazione dei dati contabili, che avviene con cadenza giornaliera, impone di ricondurre, per evidenti finalità di confrontabilità e conseguente analisi degli scostamenti, anche questi ultimi a un riferimento temporale quindicinale. Per consentire una più immediata e sintetica lettura del dato viene successivamente elaborato (in automatico) uno schema riepilogativo che evidenzia l andamento del cash-flow aziendale su base mensile. Lo schema riproposto nelle Tavole 4 e 5 rappresenta l output finale del budget di tesoreria. Tale strumento aggiorna periodicamente le previsioni finanziarie aziendali tenendo conto dei dati consuntivi realizzati sino alla data indicata presa a riferimento per l elaborazione. La Tavola 4 evidenzia l andamento del budget di tesoreria elaborato all inizio dell esercizio e riporta tutti i dati di tipo previsionale. La Tavola 5 evidenzia l aggiornamento delle informazioni elaborate nei primi mesi dell anno sulla base dei dati consuntivi che derivano dal sistema gestionale; i mesi successivi la data di elaborazione riportano invece i dati da budget che hanno risentito delle eventuali rettifiche/ integrazioni effettuate in seguito alla revisione dei dati previsionali (forecast). Di seguito si provvede a descrivere nel dettaglio la struttura dello schema di output in modo da renderne più evidenti anche le logiche che stanno alla base del suo impiego. Saldo Banche iniziale Il valore riportato in corrispondenza di ogni mese è definito sulla base del confronto tra data di elaborazione e data del periodo di riferimento. Qualora la data di elaborazione sia, come nell esempio di Tavola 5, il 31 maggio, il saldo iniziale riportato in corrispondenza dei mesi antecedenti la data di elaborazione stessa riporterà i valori actual di cui alle risultanze contabili comprensive di tutti i movimenti rilevati giornalmente sino a quella data, ovvero estratti dal programma di remote banking, se presente in azienda. Nei mesi successivi alla data di elaborazione verrà proposto il saldo finale del mese precedente che, a partire da quello esposto in corrispondenza del mese di maggio, sarà un dato che risente di una forte componente di natura previsionale dei dati (di budget o di forecast). Incassi crediti verso clienti Si tratta degli incassi dei crediti verso clienti previsti da budget, sulla base di quanto elaborato in apposito foglio di dettaglio, o effettivamente rilevati alla data di elaborazione (actual). Anche in questo caso in occasione della revisione delle previsioni (forecast) i dati saranno rivisti a partire dai mesi successivi la data di elaborazione. Tavola 3 - Mensilizzazione dei costi e previsione dei pagamenti a fornitori (esposizione sintetica di più categorie di costo di cui al C.E.) 29

6 METODI Incasso crediti verso clienti «scaduti» L informazione elaborata riguarda la previsione dell andamento degli incassi dei crediti verso clienti scaduti rispetto al termine originario. Con l applicazione del medesimo criterio esposto nei punti precedenti, il dato esposto potrà essere sia di tipo consuntivo (actual) sia di tipo previsionale (budget o forecast) a seconda della data nella quale si procede all elaborazione del report. Anticipi a scadere In corrispondenza di questa riga di schema sono indicati, per singolo periodo, gli importi relativi agli anticipi fatture in scadenza. È necessario dare evidenza di queste informazioni al fine di rettificare indirettamente l importo dei crediti verso clienti che diversamente sarebbe totalmente spettante. Incassi da finanziamenti M/L termine In corrispondenza di questa voce vengono riportate le previsioni relative all erogazione di finanziamenti sottoscritti in seguito ad eventuali investimenti in immobilizzazioni piuttosto che in seguito a valutazioni puramente gestionali. Le considerazioni, valide anche per altre voci, sono relative all indicazione del dato da budget che nell esempio di Tavola 5 viene rettificato sulla base del dato actual rilevato dal sistema gestionale. Immissione di equity Questa voce prende in esame il flusso in entrata che deriva dai versamenti effettuati dai soci a titolo di capitale proprio. Partendo dalla valutazione da budget delle eventuali necessità aziendali, il dato potrà, nelle successive rappresentazioni, essere mantenuto o rettificato sulla base del dato actual (come da Tavola 5). Incassi diversi Trattasi di voce residuale che comunque potrebbe comprendere crediti di importo rilevante come quelli a titolo di rimborso richiesto a fronte di crediti IVA annuali o trimestrali (avendone i requisiti). Nell esempio riportato non è stata presa in esame questa tipologia di crediti in quanto Alfa Spa ha adottato la procedura di compensazione per i propri crediti IVA piuttosto che effettuare la richiesta di rimborso. Pagamenti debiti verso fornitori Al pari di quanto visto per i crediti verso clienti, in corrispondenza di questa riga di schema sono esposti i debiti verso fornitori (ad esclusione di quelli per acquisto di immobilizzazioni) previsti da budget, sulla base di quanto elaborato in apposito foglio di dettaglio, o effettivamente rilevati alla data di elaborazione (actual). Anche in questo caso in occasione della revisione delle previsioni (forecast) i dati saranno rivisti a partire dai mesi successivi la data di elaborazione. Pagamenti debiti verso fornitori per investimenti in immobilizzazioni Questo tipo di debito, iscrivibile in bilancio tra quelli in essere nei confronti dei fornitori, nel contesto di pianificazione dei flussi di cassa deve essere separato dai debiti di natura commerciale in quanto l applicazione delle assumptions di base per la loro determinazione (giorni medi di pagamento dei debiti commerciali) porterebbe ad una erronea esposizione del dato. Direttamente legato all effettuazione degli investimenti in immobilizzazioni, questa voce deve esporre nel budget di tesoreria gli importi che si prevedono in uscita nei singoli periodi. Tali somme risultano strettamente correlate a quelle delle entrate ricevute a titolo di finanziamento (di medio - lungo periodo) degli investimenti in immobilizzazioni. Il dato esposto potrà essere, pertanto, anche in questo caso, sia di tipo consuntivo (actual) che di tipo previsionale (budget o forecast) a seconda della data presa a riferimento per l elaborazione del report. Pagamenti debiti verso fornitori scaduti Così come visto in precedenza per i crediti verso clienti «scaduti», anche per i debiti verso fornitori è prevista la previsione temporale dei pagamenti dei debiti verso fornitori scaduti rispetto al termine originario. Anche in questo caso, gli importi esposti potranno essere sia di tipo consuntivo (actual) sia di tipo previsionale (budget o forecast). Pagamenti di salari, stipendi e compensi e relativi oneri fiscali e previdenziali In corrispondenza di queste due righe di schema sono esposti i pagamenti già effettuati (actual) o da effettuarsi (budget o forecast) alla data di elaborazione rappresentanti il debito maturato nei confronti del personale dipendente e collaboratori, nonché dell erario e degli enti previdenziali, relativamente gli oneri fiscali e previdenziali (ritenute IRPEF, contributi INPS, ecc.) dei quali l azienda è tenuta al versamento in qualità di sostituto d imposta. Pagamenti rate mutui e pagamenti rate leasing Anch esso con riferimento al periodo oggetto di elaborazione, evidenzia le rate dei mutui e leasing in essere pagati, o da pagare, alla data. 30

7 Tavola 4 Schema di Budget di tesoreria (con esposizione di soli dati previsionali) METODI 31

8 Tavola 5 - Schema di Budget di tesoreria (con esposizione di dati actual e forecast) 32 METODI

9 METODI Pagamenti debiti per imposte I pagamenti per imposte, effettuati o da effettuare, rappresentati dai debiti per imposte sui redditi (acconti e saldi IRES e IRAP), dai debiti verso erario per ritenute di acconto per attività libero professionali, imposte comunali, di registro e altre imposte, così come indicato in apposito foglio di dettaglio. Residuo crediti compensabili Strettamente collegato al punto precedente, e a quello relativo agli oneri fiscali e previdenziali del sostituto di imposta, il dato rilasciato tiene conto dei pagamenti di natura fiscale effettuati, o da effettuare, nel corso dei vari mesi andando a diminuire il credito compensabile residuo alla data di elaborazione. Nel caso in cui il credito residuo non sia sufficiente a coprire l intero ammontare dei debiti fiscali e previdenziali compensabili, lo schema di output proporrà in automatico la movimentazione del campo corrispondente al «Debito da Mod. F24». Conclusioni Il modello sopra descritto rappresenta l applicazione progettata e realizzata avendo come riferimento strumentale il foglio elettronico di calcolo opportunamente integrato con il software gestionale e il sistema di remote banking aziendale, dai quali sono recepite, in modo automatico, buona parte delle informazioni. A una evidente utilità, rappresentata dal consentire una corretta pianificazione finanziaria, il modello sopra rappresentato favorisce l applicazione di analisi di sensibilità e stress-test, che contribuiscono a definire la sostenibilità della pianificazione derivante dall applicazione delle assumptions che stanno alla base della redazione del budget aziendale. Bibliografia Aloi F. Aloi A. (2005), Il Budget e il controllo per le PMI, III Edizione, IPSOA, Milano. Clubsolvinet (2006), Professione Credit Manager, II Edizione, IPSOA, Milano. Bastia P. (2008), Sistemi di pianificazione e controllo, II Edizione, Il Mulino, Bologna. Di Maria C. (2009), «La pianificazione finanziaria a breve termine», in Amministrazione & Finanza 8/2009, IPSOA, Milano. Danovi A. Quagli A. (a cura di), (2010), Gestione della crisi aziendale e dei processi di risanamento, II Edizione, IPSOA, Milano. Manca F. (2011), Il controllo della liquidità nelle PMI, IPSOA, Milano. Quagli A., Panizza A., Gennari M. (2011), «La sostenibilità del Piano Industriale: applicazione degli stress-test» in di Gestione n.1/2011, IPSOA, Milano. 33

METODI E STRUMENTI. Introduzione 1

METODI E STRUMENTI. Introduzione 1 Controllo METODI LA COMPONENTE FINANZIARIA DEL PIANO INDUSTRIALE di Andrea Panizza Senior Partner di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Revisore Legale, Vice Presidente A.P.R.I. Associazione Professionisti

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A.

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. di Andrea Panizza (*) Una corretta quantificazione del costo di prodotto rappresenta uno dei più importanti fattori di successo dell impresa.

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

Ragioneria Generale ed Applicata

Ragioneria Generale ed Applicata Ragioneria Generale ed Applicata Corso 00-49 LEZIONE n. 17 Prof.ssa Anna Paris anna.paris@unisi.it Università degli Studi di Siena School of Economics and Management Dip. di Studi Aziendali e Giuridici

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Gestione della fiscalità e libri obbligatori

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Gestione della fiscalità e libri obbligatori Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Gestione della fiscalità e libri obbligatori 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4. DEFINIZIONI E

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Materiali redatti da Stefano Favallesi e Pietro Ramirez INDICE FUNZIONALITA

Dettagli

Rendiconto O.U.A. 2013. Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che

Rendiconto O.U.A. 2013. Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che Rendiconto O.U.A. 2013 Premessa Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che finanziari. È opportuno precisare che tale risultato, dipeso anche dall

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO AL 31/12/2007 NOTA INTEGRATIVA La presente Nota Integrativa costituisce parte integrante del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007; è da considerarsi, pertanto, insieme allo schema di Stato

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS

FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS FONDAZIONE VIALLI E MAURO PER LA RICERCA E LO SPORT - ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31.12.2007 La Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, è un ente che non svolge attività commerciale

Dettagli

L ABC INFORMATICO PER ELABORARE IN STUDIO DATI UTILI ALL IMPRESA

L ABC INFORMATICO PER ELABORARE IN STUDIO DATI UTILI ALL IMPRESA SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI SOFTWARE PER LA PREPARAZIONE DEL BILANCIO SOFTWARE PER IL CONTROLLO E L ANALISI DI BILANCIO SOFTWARE PER LE PREVISIONI ECONOMICO FINANZIARIE L ABC INFORMATICO PER ELABORARE IN

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA'

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' Centro Residenziale per Anziani Umberto Primo (CRAUP) di Piove di Sacco REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' in esecuzione all'articolo 8, comma 2, Legge Regionale 23 novembre 2012, n. 43 (approvato con

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

La crisi di tipo strutturale vissuta

La crisi di tipo strutturale vissuta Il controllo in tempo di crisi e dopo la crisi: spunti per il monitoraggio delle PMI di Andrea Panizza 1 Senior Partner Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Revisore Legale, Vice Presidente A.P.R.I.

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA

Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA Automobile Club Enna NOTA INTEGRATIVA al bilancio d esercizio anno 2011 1 INDICE PREMESSA... 3 1. QUADRO DI SINTESI DEL BILANCIO D ESERCIZIO... 3 1.1 PRINCIPI DI REDAZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE... 3

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 Roma, 31 marzo 2009 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al dell Ordine degli Assistenti Sociali per l esercizio finanziario

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica

Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica conomia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica INDICE Le informazioni finanziarie ed economiche... 3 Il metodo della partita doppia... 4 Gli acquisti nel mercato nazionale... 5 Acquisto di beni

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Divergenza tra risultato economico e finanziario

Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria (Capitolo VI) 1 2 Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria RENDICONTO FINANZIARIO Prospetto simile al CE che consente di

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari ESERCIZIO (1) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Si ipotizzi di analizzare il bilancio della azienda BETA chiuso

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013 GALENO SOC. MUTUA COOP.VA/ FONDO SANITARIO INTEGRATIVO. Sede in: VIA G.BATTISTA DE ROSSI N.12-00161 - ROMA (RM) Codice fiscale: 04273791006 Partita IVA: 04273791006 Capitale sociale: Euro 272.428,00 Capitale

Dettagli

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Introduzione Raccorda automaticamente i dati economico finanziari dell ultimo bilancio disponibile dell azienda con quelli previsionali inseriti dall utente

Dettagli

ASSOCIAZIONE CULTURALE SILVIA DELL ORSO. Sede in Milano Via Andrea Ponti, n. 20. Codice Fiscale n. 97552320158

ASSOCIAZIONE CULTURALE SILVIA DELL ORSO. Sede in Milano Via Andrea Ponti, n. 20. Codice Fiscale n. 97552320158 ASSOCIAZIONE CULTURALE SILVIA DELL ORSO Sede in Milano Via Andrea Ponti, n. 2 Codice Fiscale n. 9755232158 Iscritta in data 13.4.211 nel registro delle persone giuridiche della Prefettura di Milano al

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI DEI FLUSSI MONETARI AZIENDALI RIGUARDA ESSENZIALMENTE IL TRATTAMENTO DA RISERVARE ALLE TRE TIPOLOGIE DI FLUSSI CHE COMPONGONO IL FLUSSO FINANZIARIO

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L.

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. Sede in VIA ROMA 1 20056 TREZZO SULL'ADDA MI Codice Fiscale 05064840969 - Numero Rea Milano 1793521 P.I.: 05064840969 Capitale Sociale Euro 80.000

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Ruolo dei flussi finanziari nelle analisi di bilancio Forniscono nuovi elementi per la valutazione dell assetto economico globale Permettono una migliore interpretazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ E FINANZA

REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ E FINANZA REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ E FINANZA Approvato dal C.d.A. nella seduta del 13/03/2008 Il presente regolamento disciplina l ordinamento contabile dell Azienda Speciale Multiservizi ed è redatto nel rispetto

Dettagli

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo! K Venture Corporate Finance Self Control K Venture Corporate Finance K Venture Corporate Finance è una società di consulenza direzionale specializzata nel controllo di gestione, nella contabilità industriale,

Dettagli

Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti:

Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti: BUSINESS PLAN START UP Stesura di Business plan per start up per verificare la fattibilità e la sostenibilità finanziaria del progetto/investimento. Adatto sia per uso interno sia per l eventuale presentazione

Dettagli

Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità

Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità Università di Sassari - Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità D.R. n 1232 del 6 maggio 2014 1 TITOLO I Norme Generali CAPO I Principi e finalità

Dettagli

SANPAOLO IMI Fondi Chiusi SGR S.p.A.

SANPAOLO IMI Fondi Chiusi SGR S.p.A. SANPAOLO IMI Fondi Chiusi SGR S.p.A. Via Farini, 12 40124 Bologna Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di SANPAOLO IMI S.p.A. ed appartenente al Gruppo Bancario SANPAOLO IMI Socio

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Struttura del software Il software raccorda i dati dell ultimo bilancio con quelli previsionali, definiti dall utente, e può essere distinto in due parti: Fogli

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA Allegato A parte 3

NOTA INTEGRATIVA Allegato A parte 3 NOTA INTEGRATIVA Allegato A parte 3 Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2011 Gli importi presenti sono espressi in Euro. CRITERI DI FORMAZIONE

Dettagli

Nota integrativa e Relazione sulla Gestione al bilancio chiuso il 31/12/2014 (Art. 33 del Regolamento di Amministrazione e Contabilità dell Ente)

Nota integrativa e Relazione sulla Gestione al bilancio chiuso il 31/12/2014 (Art. 33 del Regolamento di Amministrazione e Contabilità dell Ente) ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIMINI Palazzo di Giustizia Via Carlo Alberto dalla Chiesa, n. 11 47923 RIMINI RN Tel. 0541.389924 Fax 0541.395029 C.F.: 82012430409 E-mail: info@avvocati.rimini.it Sito Internet:

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS Decr. G. R. Lombardia n. 49873 del 19 maggio 2000 Como - via Raimondi n. 1 Codice fiscale n. 95062550132 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli