UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERFACOLTÀ IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PROVA DI TRADUZIONE COMMENTATA: I COMUNICATI STAMPA DEL PORTALE DI SESTO PER L UNESCO Relatore: Prof.sa Paola CATENACCIO Tesi di laurea di: Marta LORUSSO Matr. Nr ANNO ACCADEMICO

2 Indice Introduzione Materiali della traduzione Collocazione dei materiali Comunicazione istituzionale e marketing territoriale L identità di Sesto Analisi a livello lessicale Introduzione all analisi dei testi tradotti L ostacolo lessicale Lessico generico Termini tecnici Termini culturalmente connotati Nomi propri Analisi a livello sintattico Interventi sulla sintassi del periodo Il soggetto: esplicitazione e posizione Gli elementi periferici alla frase Semantic vs communicative translation Testo dei comunicati stampa con traduzione a fronte Conclusione Bibliografia... 63

3 Introduzione Il presente lavoro di traduzione è scaturito dalla volontà di rendere una sezione del portale di Sesto San Giovanni fruibile a un pubblico internazionale, in seguito alla candidatura del comune nelle liste del Patrimonio Mondiale dell Umanità dell UNESCO. Si è proceduto, infatti, a tradurre in lingua inglese, qui utilizzata come lingua franca, alcuni dei comunicati stampa pubblicati sul sito comunale e relativi alle iniziative di maggiore rilievo promosse dall amministrazione sestese. Si intende pertanto procedere in questa sede all esame dei testi tradotti, al fine di evidenziare le questioni ritenute di maggiore risalto del lavoro traduttivo svolto e giungere all esplicitazione del metodo seguito. A un primo capitolo introduttivo, quindi, dedicato alla presentazione dei materiali su cui si è lavorato e alla loro collocazione, segue l analisi delle scelte lessicali di particolare rilievo e la riflessione sulle strategie utilizzate di volta in volta per rendere nella lingua d arrivo termini e concetti che presentavano più difficoltà a essere tradotti. Il terzo capitolo, invece, si sofferma sulle differenze fra la sintassi italiana e quella inglese che hanno reso necessaria la riorganizzazione nel testo di arrivo degli elementi presenti nella frase e dei rapporti fra le frasi stesse. Infine, i testi completi dei comunicati stampa su cui si basa l intera analisi sono consultabili nell ultimo capitolo con traduzione in inglese a fronte, in modo da renderne più agevole il confronto. 1

4 CAPITOLO 1 MATERIALI DELLA TRADUZIONE 1.1 Collocazione dei materiali Nel 2006 il Comune di Sesto San Giovanni ha deciso di candidare l intero perimetro della città alla lista del Patrimonio Mondiale dell Umanità dell UNESCO, l Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, la Scienza e la Cultura, nella categoria del paesaggio culturale evolutivo. Con questa espressione si intende un paesaggio nato a seguito di insediamenti umani per un esigenza sociale, economica, amministrativa o religiosa e sviluppatosi in associazione e in risposta all ambiente naturale circostante. In questo tipo di paesaggio, storia e tradizione sono indissolubilmente legate al territorio, che, tuttavia, non ha ancora arrestato il proprio processo evolutivo. 1 E proprio questa l immagine che Sesto ha di sé e che vuole comunicare all esterno. Così, in occasione di tale evento, è stata creata all interno del sito internet del comune una sezione denominata Sesto San Giovanni per l UNESCO e suddivisa a sua volta in diverse aree tematiche, fra cui quella intitolata La città si mobilita. Al suo interno, come dichiarato nel sito stesso, viene presentato un resoconto sintetico delle principali iniziative di partecipazione e di adesione alla candidatura, realizzate 1 Definizione tratta dal portale UNESCO <http://portal.unesco.org>: [ ] the organically evolved landscape, a landscape that results from an initial social, economic, administrative, and/or religious imperative and has developed its present form by association with and in response to its natural environment. A living landscape is one that retains an active social role in contemporary society closely associated with the traditional way of life and in which the evolutionary process is still in progress. At the same time it exhibits significant material evidence of its evolution over time. 2

5 dall amministrazione con l eventuale coinvolgimento di associazioni ed enti pubblici o privati al fine di salvaguardare il patrimonio storico della città e di promuovere gli spazi industriali già recuperati, trasformandoli progressivamente in sedi simboliche di questa mobilitazione generale. Attraverso la candidatura, quindi, Sesto San Giovanni si è affacciata sul panorama internazionale, affiancando il valore del proprio patrimonio a quello di territori di ogni parte del mondo. Così, non solo è stato necessario creare uno spazio online dedicato alla descrizione degli eventi relativi alla mobilitazione, ma è stato essenziale anche rendere tali informazioni consultabili e comprensibili al più vasto pubblico internazionale attraverso la traduzione dei materiali in lingua inglese. In tale contesto si colloca il presente lavoro di traduzione, che ha riguardato nello specifico i comunicati stampa relativi alle iniziative promosse dall amministrazione comunale nel periodo che va da gennaio a maggio In particolare, tale attività è stata svolta nell ambito di un progetto di collaborazione fra il Comune di Sesto San Giovanni e l Università degli Studi di Milano per la traduzione in lingua inglese della sopracitata sezione del portale comunale Sesto San Giovanni per l UNESCO con lo scopo di promuovere a livello internazionale l operato dell ente pubblico in materia di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio territoriale. 3

6 1.2 Comunicazione istituzionale e marketing territoriale Oltre agli obiettivi sinora espressi, si è dovuta tenere particolarmente presente nell affrontare la traduzione dei comunicati stampa la collocazione di tale tipologia testuale nella sfera della comunicazione istituzionale. Con questo termine ci si riferisce all attività comunicativa delle istituzioni, nel caso analizzato delle pubbliche amministrazioni, che mettendosi in relazione con la società di cui fanno parte, che si tratti di individui o di altri enti, intendono trasmettere all esterno la propria personalità e i propri valori fondanti. Infatti, tra le caratteristiche principali di questo tipo di comunicazione emerge la promozione dell immagine dell amministrazione che avviene per lo più conferendo conoscenza e visibilità a eventi di importanza locale, regionale, nazionale e internazionale. Ciò risulta evidente se si osserva il corpus di comunicati stampa analizzati per la traduzione, i cui argomenti spaziano dalla presentazione di opere teatrali, concerti, libri e mostre alla comunicazione dei progetti di urbanistica in atto e delle misure adottate per salvaguardare l ambiente. L intero lavoro, quindi, si inserisce in una più ampia strategia istituzionale di promozione intesa come momento di condivisione di identità e senso di appartenenza, ma anche come momento in cui le politiche di sviluppo si uniscono a una politica di marketing territoriale. Quest ultima non si riduce a un attività di pubblicità, ma mira ad aumentare il valore immateriale di un territorio al fine di attirare soggetti economici e produttivi, tendendo a sviluppare iniziative che producano un attrazione locale adeguata a competere con i territori contigui, ma, come nel nostro caso, anche con quelli lontani. Ciò che deve essere promosso è il valore di un identità condivisa nella storia, nelle radici culturali, nella natura sociale 4

7 e nelle trasformazioni economiche, 2 la coscienza diffusa di un patrimonio comune di tradizioni e di opportunità. Infatti, ogni territorio acquista una propria immagine e identità la cui rappresentazione costituisce il primo degli strumenti di promozione sfruttati dalla comunicazione istituzionale. 3 È, infatti, solo attraverso un adeguata attività comunicativa che ogni iniziativa di marketing assume la dovuta rilevanza, poiché, come sostiene Gelosi: valorizzare significa da una parte creare valore, ma dall altra darne conoscenza, darne visibilità[ ]. 4 Di conseguenza, la diffusione delle informazioni sui progetti di sviluppo costituisce un altro mezzo per promuovere il territorio, il quale, fornendo alla propria domanda l insieme delle informazioni qualitative e quantitative sulle proprie caratteristiche, crea un patrimonio d immagine, che migliora la percezione che il mercato ha di alcune sue componenti e inevitabilmente attribuisce loro valore. 5 Strettamente legata a tale strategia è, inoltre, quella di dare visibilità all efficacia delle politiche sociali ed economiche precedentemente adottate. 6 2 C. GELOSI, Comunicare il territorio. Il nuovo ruolo delle amministrazioni nella comunicazione istituzionale, FrancoAngeli, Milano, 2004, pp Ivi, p Ivi, p S. ROLANDO (a cura di), Teorie e tecniche della comunicazione pubblica. Dallo Stato sovraordinato alla sussidiarietà, Etas Libri, Milano, 2001, p C. GELOSI, Comunicare il territorio. Il nuovo ruolo delle amministrazioni nella comunicazione istituzionale, FrancoAngeli, Milano, 2004, p.32. 5

8 Tuttavia, il fulcro del sistema di marketing territoriale risiede nell evidenziazione degli elementi di competizione. 7 Infatti, come afferma Ierardi: È come se ogni luogo cercasse la sua vocazione e si specializzasse poi in essa. 8 Infatti, non è possibile considerare il marketing territoriale come un insieme di tecniche che se applicate a una determinata area produrranno indistintamente determinati effetti. Al contrario, è necessario individuare la vision del territorio stesso, da sviluppare, incentivare e comunicare. 9 Ecco, quindi, che ritorna il concetto di identità di un area geografica, che costituisce proprio quell elemento di differenziazione rispetto agli altri territori che è e che deve essere sottolineato nel contesto comunicativo istituzionale. 1.3 L identità di Sesto Quanto detto vale a maggior ragione se si intende perseguire una strategia di internazionalizzazione, come quella messa in atto dal comune di Sesto San Giovanni. Attraverso l analisi dei comunicati stampa tradotti, infatti, emerge facilmente l immagine che la città ha voluto veicolare di se stessa. Sesto viene così rappresentata come la città delle fabbriche, un luogo peculiare per il suo imponente passato industriale che ha visto svilupparsi su tutto il suo territorio aziende dalle 7 Ivi, p S. ROLANDO (a cura di), Teorie e tecniche della comunicazione pubblica. Dallo Stato sovraordinato alla sussidiarietà, Etas Libri, Milano, 2001, p Ivi, p

9 grandi dimensioni come le acciaierie Falck, la Marelli, la Campari o la Breda. Il patrimonio industriale, quindi, è al centro dell opera di valorizzazione di questo comune milanese che costruisce la propria identità attorno a una tradizione operaia e sindacalista e che concepisce il proprio territorio come un museo diffuso in cui ogni spazio conserva la memoria di un passato significativo. Oltre a far leva sulla storia recente che la caratterizza, Sesto pone l accento sulla singolarità delle trasformazioni avvenute e ancora in atto in tutta l area, a partire dalla riconversione delle ex zone industriali in luoghi di cultura e incontro, come nel caso dello Spazio MIL o del Carroponte, o in aree verdi, come il parco Falck. Dalle iniziative promosse dall amministrazione comunale sestese, inoltre, traspare il forte desiderio della città di inserirsi in un contesto non solo regionale, ma anche nazionale e internazionale. Si veda a tal proposito la partecipazione alla B.I.T., Borsa Internazionale del Turismo, o l adesione alla rete di città europee in trasformazione TRACE. L identità che ne scaturisce è, dunque, quella di un comune dal valore storico e dal costante rinnovamento, che ritiene di meritare di essere tutelato e valorizzato a livello mondiale. Pertanto, ora che l intento comunicativo di promozione dei comunicati stampa presi in esame è stato esplicitato e che le ragioni del lavoro di traduzione risultano chiare, è possibile procedere con l analisi lessico-grammaticale dei materiali. 7

10 CAPITOLO 2 ANALISI A LIVELLO LESSICALE 2.1 Introduzione all analisi dei testi tradotti Prima di addentrarci nel commento lessicale dei testi tradotti, risulta necessario individuare tutti gli elementi coinvolti nell atto comunicativo del comunicato stampa, i quali sono passibili di trasformazione al momento della traduzione. Per fare ciò mi riferisco al modello di comunicazione di Jakobson (1958) rielaborato a partire dallo schema di Shannon e Weaver (1949), che intende la comunicazione come trasmissione di un messaggio da parte di un emittente ad un destinatario attraverso un codice comune, veicolato da uno strumento di contatto (canale), entro un determinato contesto 1. A questi sei elementi (emittente, destinatario, messaggio, codice, canale, contesto) si aggiunga quello del rumore, presente nello schema originale di Shannon e Weaver, che interferisce con la piena realizzazione dell atto comunicativo. Applicando tali nozioni al corpus da tradurre, l emittente può essere identificato nella figura del Comune di Sesto San Giovanni sia nel testo originale (o prototesto secondo la definizione di Osimo) sia in quello tradotto in lingua inglese ( metatesto ) 2. In egual modo il messaggio, ovvero il contenuto dei comunicati stampa, rimane invariato nel passaggio da una versione all altra. Al contrario, il destinatario ne risulta inevitabilmente modificato. Infatti, se il prototesto era stato ideato per essere fruito da un pubblico fortemente eterogeneo, ma accomunato dalla 1 R. JAKOBSON, Saggi di Linguistica Generale, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano, 2002 (Traduzione dall inglese a cura di Luigi Heilmann e Letizia Grassi), p B. OSIMO, Manuale del traduttore, guida pratica con glossario, Editore Ulrico Hoepli, Milano,

11 conoscenza, perlomeno passiva, dell italiano, il metatesto si rivolge a un lettore modello ancora più composito identificato nel pubblico internazionale. Anche il codice, quindi, sul quale si basa la comprensione e che è rappresentato dalla lingua e dalla cultura a cui questa fa riferimento, deve necessariamente adattarsi al destinatario. E proprio questo l aspetto più rilevante dell atto del tradurre, che ne costituisce anche la principale difficoltà. Infatti, se il contesto e il canale, ovvero il testo scritto, sotto forma di comunicato stampa, all interno del portale di un comune milanese, non subiscono cambiamenti in quanto la traduzione prodotta è destinata a essere pubblicata nella stessa forma e nelle medesime circostanze dell originale testuale, il codice, invece, nel suo modificarsi trascina con sé la possibilità di una perdita di significato. E qui che entra in gioco il concetto di rumore che corrisponde in questo caso a ciò che Osimo ha denominato residuo comunicativo 3. Per tradurre il testo, infatti, bisogna innanzitutto interpretarlo e in questa prima decodifica potrebbero andare perse alcune informazioni. Inoltre, una volta prodotto il testo in lingua inglese, i destinatari potrebbero darne un interpretazione che si distacca ulteriormente non solo dalle intenzioni dell emittente, ma anche da quelle del traduttore che fa da intermediario fra di essi. Per ottenere il successo della comunicazione è dunque opportuno procedere all analisi del prototesto tanto a livello grammaticale quanto a livello funzionale, per produrre un metatesto che non tradisca il significato del testo originale. Allo stesso tempo, tuttavia, è necessario adattare la traduzione prodotta non solo alle strutture grammaticali della lingua di arrivo, ma anche alla cultura dei soggetti identificati come destinatari, senza perdere di vista gli specifici obiettivi del lavoro traduttivo. A 3 B. OSIMO, La traduzione saggistica dall inglese, guida pratica con versioni guidate e glossario, Editore Ulrico Hoepli, Milano, 2007, pp

12 partire da queste considerazioni è scaturita la scelta del metodo di traduzione, che viene esplicitato in un commento articolato dei testi tradotti. 2.2 L ostacolo lessicale Come suggerisce Taylor, la scelta di trattare il lessico come campo di studio a se stante nell analisi delle traduzioni, è dettata solamente da ragioni pratiche di comodità e non risponde in nessun modo alla realtà linguistica. Infatti, non è facile separare il lessico dalla grammatica, poiché è solo attraverso la combinazione delle parole sulla base di regole grammaticali che si dà forma a una lingua. 4 Inoltre, nell analizzare le scelte lessicali si deve tenere presente che, contrariamente alla norma, il lavoro di traduzione è stato svolto verso l inglese a partire dalla mia lingua madre, l italiano. Considerando che il processo di traduzione prevede una prima fase di decodifica del testo fonte e una successiva di ricodifica nella lingua ricevente, risulta evidente che l ostacolo a livello lessicale è stato riscontrato principalmente in quest ultimo passaggio di trasposizione del significato. Tale difficoltà deriva in primo luogo dalla natura delle parole stesse, che Taylor definisce con l aggettivo slippery con l ambivalente significato di ingannevole e che sfugge alla presa, scivoloso. In questo senso le parole sono spesso ambigue, perché polisemiche (portatrici di più significati), legate a particolari collocazioni (combinazioni tipiche o abituali di lessemi) o sensibili al registro linguistico. Egli fa, inoltre, distinzione fra parole e termini, sottolineando la fatica di trovare per le prime il giusto equivalente nella lingua d arrivo, mentre, almeno in teoria, i 4 C. TAYLOR, Language to language, A practical and theoretical guide for Italian/English translators, Cambridge University Press, 1998, pp

13 termini avrebbero un unico significato e un solo corrispondente corretto nella lingua ricevente. 5 Tuttavia, vedremo che nella pratica, nonostante questa distinzione, la traduzione dei termini tecnici non è automatica come si potrebbe pensare. Altrettanto problematica si è inoltre rivelata la resa di parole che fanno riferimento a realtà ambientali, istituzionali o culturali tipiche dell area geografica della lingua del testo di partenza, compresi i nomi propri di personaggi e luoghi o i titoli di progetti ed opere. In primo luogo, però, è opportuno soffermarsi sulla più vasta categoria di parole lessicali generiche. 2.3 Lessico generico I lessemi che designano realtà generiche e comuni a entrambe le aree linguistiche potrebbero sembrare privi di particolari insidie per un traduttore, ma spesso si rivelano i più complessi da trasporre per diversi motivi. Innanzitutto, come già accennato, la quasi totalità delle parole lessicali è polisemica. Ciò significa che lo stesso vocabolo può assumere più significati fra loro differenti a seconda del contesto e questo avviene per il lessico di entrambe le lingue, di modo che i diversi significati di un unico termine di partenza a volte trovano tutti corrispondenza in un unico termine nella lingua d arrivo, mentre in altri casi si deve ricorrere a vocaboli della lingua ricevente diversi a seconda del significato inteso nel testo originale. Tutto questo viene ulteriormente complicato dalla sinonimia, che, al 5 ivi, p

14 contrario, si verifica nel caso in cui più parole abbiano il medesimo significato e che può portare a commettere errori facendo credere che i sinonimi siano intercambiabili. In realtà, spesso questi differiscono fra loro, se non per sottili sfumature di senso, almeno per modo di impiego e frequenza d uso. Per orientarsi nel labirinto di significati Newmark propone con il nome di componential analysis una valida tecnica per la traduzione degli elementi lessicali che consiste nell analizzare le loro diverse componenti di senso che dovranno poi essere trasferite nel metatesto 6. In questo modo la perdita di senso da una lingua all altra viene ridotta sostanzialmente e la scelta del lessico da utilizzare per la traduzione diventa più mirata e consapevole, soprattutto se ponderata tenendo conto del contesto in cui è inserita la parola. Si prenda ad esempio il caso seguente: (1) Il testo racconta la vita di Nicola [ ]. The book is about the life of Nicola [ ]. In questo caso il predicato racconta non corrisponde all azione del narrare, propria di una persona. Al contrario, il suo significato va scomposto nel modo seguente: racconta è una narrazione ha come argomento. Ecco perché il verbo to tell, legato al senso di riferire, sarebbe stato fuori luogo. 6 P. NEWMAN, Approaches to translation, Phoenix ELT, 1995, pp

15 Inoltre, è utile ai fini di un buon risultato distinguere per ogni parola il suo significato concreto da quello figurativo, da quello tecnico e da quello colloquiale, oltre al suo significato primario da quelli secondari. A tal proposito si consideri questo esempio: (2) [ ] sindacalisti che hanno dedicato impegno e motivazione ai propri valori e alla loro diffusione. [ ] trade unionists who firmly believed in their values and where highly committed to their dissemination. La parola diffusione, derivante dal linguaggio della chimica e qui utilizzata in senso figurato nel contesto della circolazione di idee, trova nel Ragazzini 2008 la possibilità di essere tradotta con diffusion in prima istanza e con dissemination solo in seguito. Tuttavia, il primo significato di diffusion nel Longman Dictionary of Contemporary English (2000) è legato alla propagazione di un gas, mentre dissemination si riferisce univocamente alla diffusione di idee e di informazioni, risultando il termine più adatto a trasmettere il concetto espresso nel prototesto. Per giungere a una buona traduzione, infine, Newmark suggerisce di stabilire il grado di frequenza d impiego di una parola: primario (basato sulla frequenza d uso nella lingua moderna), secondario, che ricorre in alcune collocazioni o in una sola occasione 7. Infatti, non avrebbe senso utilizzare nel metatesto una parola poco usata nella lingua ricevente per tradurne una del prototesto che è invece di uso comune nella lingua di partenza e in aggiunta si comprometterebbe la comprensione del testo da parte dei lettori. Tale osservazione ci conduce a trattare dei termini tecnici. 7 Ivi, p

16 2.4 Termini tecnici La teoria descrive i termini come monosemici, quindi non ambigui, e indipendenti dal contesto. Di conseguenza, essi sarebbero facilmente traducibili con un termine equivalente nella lingua d arrivo. Questa considerazione potrebbe risultare veritiera in un approccio alla traduzione fortemente orientato alla riproduzione fedele del significato dell originale, strutture semantiche e sintattiche permettendo. E quella che Newmark chiama traduzione semantica in opposizione alla traduzione comunicativa, che si concentra invece più sull effetto che vuole produrre sul lettore. Nel mio caso ho ritenuto inevitabile dover tenere ben presente il destinatario del metatesto nel trasferire da una lingua all altra i termini più specifici. Infatti, se per precisione avrei dovuto tradurre un termine scientifico con un termine altrettanto specifico, spesso ho sentito l esigenza di allontanarmi dall originale per rendere il concetto più comprensibile al pubblico ideale. Questo avviene perché in alcune occasioni il termine in italiano, pur essendo specifico, è ampiamente utilizzato e di facile comprensione anche per i non specialisti del settore, mentre l equivalente inglese risulterebbe oscuro alla maggior parte dei destinatari. La decisione riguardo al termine da impiegare appare ancora più complessa se si prende in considerazione il fatto che il metatesto è destinato a essere pubblicato su un sito internet i cui utenti sono in potenza estremamente eterogenei. Ecco perché, ad esempio, in un comunicato stampa in cui ci si riferiva al disinquinamento della falda acquifera, si è preferito tradurre quest ultimo termine con il trasparente underground water piuttosto che con il corrispondente termine derivante dalla geologia aquifer, tanto specifico da non apparire nemmeno sul Longman Dictionary of Contemporary English (2000): 14

17 (3) La nuova società, PROARIS, ha lo scopo di disinquinare la falda acquifera [ ]. [...] a new company, PROARIS, whose objective is to free underground water from chemical pollutants [...]. In altri punti si è invece optato per la traduzione tecnica del termine, seguita però da una breve spiegazione. Si veda a titolo di esempio la traduzione di teleriscaldamento, un concetto nuovo e poco conosciuto anche al pubblico generalista italiano: (4) [ ] utilizzando l acqua di falda, fonti rinnovabili, ed energie alternative in genere con lo scopo di sviluppare il Teleriscaldamento. It employs underground water, renewable sources and alternative energy to develop district heating, a heating system that consists of distributing steam or hot water to the houses through a pipeline laid underground. La posizione del termine alla fine della frase ha permesso di chiarificarne il significato con una perifrasi appositiva, necessaria per poter fornire al lettore tutti gli strumenti per la comprensione del testo nella sua interezza. In altri casi, infine, la resa del termine tecnico nella lingua d arrivo non solo non sarebbe stata funzionale, ma avrebbe addirittura generato l incomprensione. Si è scelto quindi di sostituire la dicitura tecnica con un concetto più generale, allontanandosi dalla stesura originale in nome dell efficienza. Così: 15

18 (5) La Regione Lombardia [ ] ha individuato nel Comune di Sesto il soggetto pubblico in grado di provvedere alla messa in sicurezza della [...] the Municipality of Sesto was put in charge of setting up a plan for the safe management of the water. falda. Qui provvedere alla messa in sicurezza della falda è stato tradotto con il meno preciso, ma più chiaro setting up a plan for the safe management of the water, che letteralmente significa predisporre un piano di sicurezza per la gestione dell acqua. 2.5 Termini culturalmente connotati La categoria di vocaboli dalla traduzione più controversa è sicuramente rappresentata da quelli che fanno riferimento a realtà tipiche del paese associato alla lingua di partenza e che non sempre trovano equivalenti nella cultura d arrivo. In particolare, nel corpus preso in considerazione tali termini sono principalmente legati alle istituzioni e alle relative cariche istituzionali, essendo l emittente dei comunicati stampa proprio un ente comunale. Per tradurre questo tipo di termini Newmark propone diversi procedimenti da utilizzare a seconda delle circostanze: la trascrizione della parola in lingua originale, la traduzione letterale in caso di termini trasparenti, il calco in occasione di istituzioni importanti, la traduzione riconosciuta da un corpo ufficiale della lingua di partenza, l equivalente nella cultura di arrivo, l apporto di informazioni supplementari all interno del testo, in nota o in parentesi, la combinazione di due o 16

19 tre delle tecniche precedenti e l eliminazione del termine se di importanza marginale nel testo 8. Nel mio caso la scelta della tecnica di traduzione è stata ponderata non solo in relazione alla natura del termine, ma anche alla sua posizione nel contesto. In tal modo, alcuni vocaboli che ricorrono più volte all interno del prototesto sono stati resi in maniera diversa in base alla loro collocazione, e, allo stesso tempo, la medesima locuzione inglese è stata utilizzata per designare concetti affini ma diversamente espressi in italiano. Si prenda in considerazione il termine Comune, che si riferisce all ente amministrativo del territorio sestese, e che ho quindi equiparato al termine Amministrazione Comunale traducendo entrambi con Municipality of Sesto (esempi (6)a. e (6)b.), ma che, laddove era inteso come soggetto di azione politica, ho sostituito con il più generale local government (esempio (6)c.). (6) a. La Regione Lombardia [ ] ha individuato nel Comune di Sesto il soggetto pubblico in grado di provvedere a. [...] the Municipality of Sesto was put in charge of setting up a plan for the safe management of the water. alla messa in sicurezza della falda. b. La mostra è stata organizzata dall Amministrazione Comunale [ ]. c. [ ] il Comune ha costituito un apposita società in partnership con A2A. b. The exhibition was organized by the Municipality of Sesto [...]. c. [...] the local government has signed a special partnership with A2A [...]. 8 Ivi, pp

20 Dalla realtà comunale, tipicamente italiana, derivano, inoltre, il ricorrente concetto di Consiglio comunale e le diverse cariche di sindaco, vicesindaco e assessore per la cui resa mi sono attenuta alle traduzioni standardizzate rispettivamente di town council, mayor, deputy mayor e councillor : (7) a. Nel maggio 2007, infatti, il Consiglio Comunale ha approvato l adesione alla a. In May 2007, the town council accepted to purchase a share in PROARIS [...]. società PROARIS [ ]. b. Quello dell energia pulita ha concluso il Sindaco Giorgio Oldrini è sicuramente il tema del futuro[ ]. c. Ci è stato chiesto di ospitare questa prima riunione ha dichiarato il vicesindaco Demetrio Morabito [ ]. d. Il teleriscaldamento ha proseguito l Assessore Di Leva [ ]. b. Clean energy concluded the mayor, Giorgio Oldrini is certainly the challenge of the future [...]. c. We have been asked to host this first meeting declared the deputy mayor, Demetrio Morabito - [...]. d. District heating continued the town councillor Di Leva [...]. Questi termini possono essere definiti come equivalenti culturali, esattamente come Ministry of the Environment per Ministero dell ambiente, Ministry of the Interior per Ministero degli interni e Ministry of National Heritage and Culture per Ministero per i beni e le attività culturali, tutti concetti che trovano una sostanziale corrispondenza nel passaggio fra le due culture: 18

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

La traduzione, per quanto attività linguistica, riguarda più propriamente la semiotica.

La traduzione, per quanto attività linguistica, riguarda più propriamente la semiotica. La traduzione, per quanto attività linguistica, riguarda più propriamente la semiotica. La semiotica è quella scienza che studia il sistema di segni o strutture e le sue funzioni. Il processo traduttivo

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver Lez. 2 La teoria dell informazione La culla dell informatica La base dei modelli comunicativi Alla base di tutti i modelli della comunicazione ci sono 2 differenti impianti: Shannon e Weaver Roman Jakobson

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

Modulo 1. Practice. POSitivitiES. Corso on-line. Introduzione alla Psicologia Positiva. Applied Positive Psychology for European Schools

Modulo 1. Practice. POSitivitiES. Corso on-line. Introduzione alla Psicologia Positiva. Applied Positive Psychology for European Schools PositivitiES Applied Positive Psychology for European Schools POSitivitiES Positive European Schools Corso on-line Modulo 1 Introduzione alla Psicologia Positiva This project has been funded with support

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione Scheda per programmi a.a.2012/2013

Facoltà di Scienze della formazione Scheda per programmi a.a.2012/2013 Facoltà di Scienze della formazione Scheda per programmi a.a.2012/2013 Denominazione insegnamento: SSD (settore scientifico disciplinare): Corso di laurea: Classe di laurea: Letteratura Inglese L-LIN/10

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA SCUOLA SECONDARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado Classi Terze

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado Classi Terze SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 201/201 Scuola secondaria di primo grado Classi Terze Obiettivi educativi - Acquisire la consapevolezza della lingua

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN STORIA E TUTELA DEI BENI CULTURALI TESI DI LAUREA Il Museo Remondini di Bassano del Grappa. Storia, musealizzazione delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

COMPETENZA 3. Produrre testi (scritti) in relazione a diversi scopi comunicativi

COMPETENZA 3. Produrre testi (scritti) in relazione a diversi scopi comunicativi COMPETENZA 3. Produrre testi (scritti) in relazione a diversi scopi comunicativi Insegnare a produrre testi scritti presuppone la consapevolezza che la lingua scritta pur nella stretta connessione con

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

1. Introduzione e struttura della ricerca

1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca ABSTRACT Il capitolo introduttivo fornisce l inquadramento generale della ricerca e ne definisce gli obiettivi primari

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»?

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Probabilmente non avremo la possibilità di agire sulle

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA INGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 I

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Il Portfolio Europeo delle Lingue

Il Portfolio Europeo delle Lingue Il Portfolio Europeo delle Lingue Una guida introduttiva per aziende, enti pubblici e associazioni in genere Il Portfolio Europeo delle Lingue propone standard internazionali che permettono di misurare

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUE 2015/2016 PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUE 2015/2016 PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUE 2015/2016 PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME La classe 1IA è composta da 28 alunni, 19 maschi e 9 femmine. La classe sembra motivata e partecipe, dimostra impegno. La maggior

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

NOTIZIE DALLA SCOZIA

NOTIZIE DALLA SCOZIA pag 10 English Edition PERIODICO DI INFORMAZIONE N. 22 - Giugno 2013 La IMPER ITALIA Spa ha ospitato il 6 marzo 2013 il nostro Distributore Scozzese MOY MATERIALS (NORTHERN). Rappresentato da Mr. DAVID

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA - INGLESE

DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA - INGLESE LICEO ARTISTICO STATALE DI BERGAMO CLASSE PRIMA MICHELANGELO Presentare e Presentarsi. Parlare di azioni abituali nella settimana Simple Present Frequency adverbs/expressions Parlare di ciò che si sta

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

ECONOMIA E LINGUE DELL'EUROPA ORIENTALE LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016

ECONOMIA E LINGUE DELL'EUROPA ORIENTALE LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 ECONOMIA E LINGUE DELL'EUROPA ORIENTALE LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 Presentazione Master ELEO è un percorso di formazione che combina trasversalmente competenze linguistiche, economiche e giuridiche.

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM

Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM 1. Introduzione Il supplemento al diploma è un allegato al titolo conseguito, al termine di un corso di studi, in una università

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406.

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. 1. Il volume Network Industries and Social Welfare è

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano L2

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGLESE Programmazione disciplinare di INGLESE biennio

DIPARTIMENTO DI INGLESE Programmazione disciplinare di INGLESE biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) DIPARTIMENTO DI INGLESE Programmazione disciplinare di INGLESE biennio FORMAT UNITARIO CERTIFICAZIONE

Dettagli