UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERFACOLTÀ IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PROVA DI TRADUZIONE COMMENTATA: I COMUNICATI STAMPA DEL PORTALE DI SESTO PER L UNESCO Relatore: Prof.sa Paola CATENACCIO Tesi di laurea di: Marta LORUSSO Matr. Nr ANNO ACCADEMICO

2 Indice Introduzione Materiali della traduzione Collocazione dei materiali Comunicazione istituzionale e marketing territoriale L identità di Sesto Analisi a livello lessicale Introduzione all analisi dei testi tradotti L ostacolo lessicale Lessico generico Termini tecnici Termini culturalmente connotati Nomi propri Analisi a livello sintattico Interventi sulla sintassi del periodo Il soggetto: esplicitazione e posizione Gli elementi periferici alla frase Semantic vs communicative translation Testo dei comunicati stampa con traduzione a fronte Conclusione Bibliografia... 63

3 Introduzione Il presente lavoro di traduzione è scaturito dalla volontà di rendere una sezione del portale di Sesto San Giovanni fruibile a un pubblico internazionale, in seguito alla candidatura del comune nelle liste del Patrimonio Mondiale dell Umanità dell UNESCO. Si è proceduto, infatti, a tradurre in lingua inglese, qui utilizzata come lingua franca, alcuni dei comunicati stampa pubblicati sul sito comunale e relativi alle iniziative di maggiore rilievo promosse dall amministrazione sestese. Si intende pertanto procedere in questa sede all esame dei testi tradotti, al fine di evidenziare le questioni ritenute di maggiore risalto del lavoro traduttivo svolto e giungere all esplicitazione del metodo seguito. A un primo capitolo introduttivo, quindi, dedicato alla presentazione dei materiali su cui si è lavorato e alla loro collocazione, segue l analisi delle scelte lessicali di particolare rilievo e la riflessione sulle strategie utilizzate di volta in volta per rendere nella lingua d arrivo termini e concetti che presentavano più difficoltà a essere tradotti. Il terzo capitolo, invece, si sofferma sulle differenze fra la sintassi italiana e quella inglese che hanno reso necessaria la riorganizzazione nel testo di arrivo degli elementi presenti nella frase e dei rapporti fra le frasi stesse. Infine, i testi completi dei comunicati stampa su cui si basa l intera analisi sono consultabili nell ultimo capitolo con traduzione in inglese a fronte, in modo da renderne più agevole il confronto. 1

4 CAPITOLO 1 MATERIALI DELLA TRADUZIONE 1.1 Collocazione dei materiali Nel 2006 il Comune di Sesto San Giovanni ha deciso di candidare l intero perimetro della città alla lista del Patrimonio Mondiale dell Umanità dell UNESCO, l Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, la Scienza e la Cultura, nella categoria del paesaggio culturale evolutivo. Con questa espressione si intende un paesaggio nato a seguito di insediamenti umani per un esigenza sociale, economica, amministrativa o religiosa e sviluppatosi in associazione e in risposta all ambiente naturale circostante. In questo tipo di paesaggio, storia e tradizione sono indissolubilmente legate al territorio, che, tuttavia, non ha ancora arrestato il proprio processo evolutivo. 1 E proprio questa l immagine che Sesto ha di sé e che vuole comunicare all esterno. Così, in occasione di tale evento, è stata creata all interno del sito internet del comune una sezione denominata Sesto San Giovanni per l UNESCO e suddivisa a sua volta in diverse aree tematiche, fra cui quella intitolata La città si mobilita. Al suo interno, come dichiarato nel sito stesso, viene presentato un resoconto sintetico delle principali iniziative di partecipazione e di adesione alla candidatura, realizzate 1 Definizione tratta dal portale UNESCO <http://portal.unesco.org>: [ ] the organically evolved landscape, a landscape that results from an initial social, economic, administrative, and/or religious imperative and has developed its present form by association with and in response to its natural environment. A living landscape is one that retains an active social role in contemporary society closely associated with the traditional way of life and in which the evolutionary process is still in progress. At the same time it exhibits significant material evidence of its evolution over time. 2

5 dall amministrazione con l eventuale coinvolgimento di associazioni ed enti pubblici o privati al fine di salvaguardare il patrimonio storico della città e di promuovere gli spazi industriali già recuperati, trasformandoli progressivamente in sedi simboliche di questa mobilitazione generale. Attraverso la candidatura, quindi, Sesto San Giovanni si è affacciata sul panorama internazionale, affiancando il valore del proprio patrimonio a quello di territori di ogni parte del mondo. Così, non solo è stato necessario creare uno spazio online dedicato alla descrizione degli eventi relativi alla mobilitazione, ma è stato essenziale anche rendere tali informazioni consultabili e comprensibili al più vasto pubblico internazionale attraverso la traduzione dei materiali in lingua inglese. In tale contesto si colloca il presente lavoro di traduzione, che ha riguardato nello specifico i comunicati stampa relativi alle iniziative promosse dall amministrazione comunale nel periodo che va da gennaio a maggio In particolare, tale attività è stata svolta nell ambito di un progetto di collaborazione fra il Comune di Sesto San Giovanni e l Università degli Studi di Milano per la traduzione in lingua inglese della sopracitata sezione del portale comunale Sesto San Giovanni per l UNESCO con lo scopo di promuovere a livello internazionale l operato dell ente pubblico in materia di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio territoriale. 3

6 1.2 Comunicazione istituzionale e marketing territoriale Oltre agli obiettivi sinora espressi, si è dovuta tenere particolarmente presente nell affrontare la traduzione dei comunicati stampa la collocazione di tale tipologia testuale nella sfera della comunicazione istituzionale. Con questo termine ci si riferisce all attività comunicativa delle istituzioni, nel caso analizzato delle pubbliche amministrazioni, che mettendosi in relazione con la società di cui fanno parte, che si tratti di individui o di altri enti, intendono trasmettere all esterno la propria personalità e i propri valori fondanti. Infatti, tra le caratteristiche principali di questo tipo di comunicazione emerge la promozione dell immagine dell amministrazione che avviene per lo più conferendo conoscenza e visibilità a eventi di importanza locale, regionale, nazionale e internazionale. Ciò risulta evidente se si osserva il corpus di comunicati stampa analizzati per la traduzione, i cui argomenti spaziano dalla presentazione di opere teatrali, concerti, libri e mostre alla comunicazione dei progetti di urbanistica in atto e delle misure adottate per salvaguardare l ambiente. L intero lavoro, quindi, si inserisce in una più ampia strategia istituzionale di promozione intesa come momento di condivisione di identità e senso di appartenenza, ma anche come momento in cui le politiche di sviluppo si uniscono a una politica di marketing territoriale. Quest ultima non si riduce a un attività di pubblicità, ma mira ad aumentare il valore immateriale di un territorio al fine di attirare soggetti economici e produttivi, tendendo a sviluppare iniziative che producano un attrazione locale adeguata a competere con i territori contigui, ma, come nel nostro caso, anche con quelli lontani. Ciò che deve essere promosso è il valore di un identità condivisa nella storia, nelle radici culturali, nella natura sociale 4

7 e nelle trasformazioni economiche, 2 la coscienza diffusa di un patrimonio comune di tradizioni e di opportunità. Infatti, ogni territorio acquista una propria immagine e identità la cui rappresentazione costituisce il primo degli strumenti di promozione sfruttati dalla comunicazione istituzionale. 3 È, infatti, solo attraverso un adeguata attività comunicativa che ogni iniziativa di marketing assume la dovuta rilevanza, poiché, come sostiene Gelosi: valorizzare significa da una parte creare valore, ma dall altra darne conoscenza, darne visibilità[ ]. 4 Di conseguenza, la diffusione delle informazioni sui progetti di sviluppo costituisce un altro mezzo per promuovere il territorio, il quale, fornendo alla propria domanda l insieme delle informazioni qualitative e quantitative sulle proprie caratteristiche, crea un patrimonio d immagine, che migliora la percezione che il mercato ha di alcune sue componenti e inevitabilmente attribuisce loro valore. 5 Strettamente legata a tale strategia è, inoltre, quella di dare visibilità all efficacia delle politiche sociali ed economiche precedentemente adottate. 6 2 C. GELOSI, Comunicare il territorio. Il nuovo ruolo delle amministrazioni nella comunicazione istituzionale, FrancoAngeli, Milano, 2004, pp Ivi, p Ivi, p S. ROLANDO (a cura di), Teorie e tecniche della comunicazione pubblica. Dallo Stato sovraordinato alla sussidiarietà, Etas Libri, Milano, 2001, p C. GELOSI, Comunicare il territorio. Il nuovo ruolo delle amministrazioni nella comunicazione istituzionale, FrancoAngeli, Milano, 2004, p.32. 5

8 Tuttavia, il fulcro del sistema di marketing territoriale risiede nell evidenziazione degli elementi di competizione. 7 Infatti, come afferma Ierardi: È come se ogni luogo cercasse la sua vocazione e si specializzasse poi in essa. 8 Infatti, non è possibile considerare il marketing territoriale come un insieme di tecniche che se applicate a una determinata area produrranno indistintamente determinati effetti. Al contrario, è necessario individuare la vision del territorio stesso, da sviluppare, incentivare e comunicare. 9 Ecco, quindi, che ritorna il concetto di identità di un area geografica, che costituisce proprio quell elemento di differenziazione rispetto agli altri territori che è e che deve essere sottolineato nel contesto comunicativo istituzionale. 1.3 L identità di Sesto Quanto detto vale a maggior ragione se si intende perseguire una strategia di internazionalizzazione, come quella messa in atto dal comune di Sesto San Giovanni. Attraverso l analisi dei comunicati stampa tradotti, infatti, emerge facilmente l immagine che la città ha voluto veicolare di se stessa. Sesto viene così rappresentata come la città delle fabbriche, un luogo peculiare per il suo imponente passato industriale che ha visto svilupparsi su tutto il suo territorio aziende dalle 7 Ivi, p S. ROLANDO (a cura di), Teorie e tecniche della comunicazione pubblica. Dallo Stato sovraordinato alla sussidiarietà, Etas Libri, Milano, 2001, p Ivi, p

9 grandi dimensioni come le acciaierie Falck, la Marelli, la Campari o la Breda. Il patrimonio industriale, quindi, è al centro dell opera di valorizzazione di questo comune milanese che costruisce la propria identità attorno a una tradizione operaia e sindacalista e che concepisce il proprio territorio come un museo diffuso in cui ogni spazio conserva la memoria di un passato significativo. Oltre a far leva sulla storia recente che la caratterizza, Sesto pone l accento sulla singolarità delle trasformazioni avvenute e ancora in atto in tutta l area, a partire dalla riconversione delle ex zone industriali in luoghi di cultura e incontro, come nel caso dello Spazio MIL o del Carroponte, o in aree verdi, come il parco Falck. Dalle iniziative promosse dall amministrazione comunale sestese, inoltre, traspare il forte desiderio della città di inserirsi in un contesto non solo regionale, ma anche nazionale e internazionale. Si veda a tal proposito la partecipazione alla B.I.T., Borsa Internazionale del Turismo, o l adesione alla rete di città europee in trasformazione TRACE. L identità che ne scaturisce è, dunque, quella di un comune dal valore storico e dal costante rinnovamento, che ritiene di meritare di essere tutelato e valorizzato a livello mondiale. Pertanto, ora che l intento comunicativo di promozione dei comunicati stampa presi in esame è stato esplicitato e che le ragioni del lavoro di traduzione risultano chiare, è possibile procedere con l analisi lessico-grammaticale dei materiali. 7

10 CAPITOLO 2 ANALISI A LIVELLO LESSICALE 2.1 Introduzione all analisi dei testi tradotti Prima di addentrarci nel commento lessicale dei testi tradotti, risulta necessario individuare tutti gli elementi coinvolti nell atto comunicativo del comunicato stampa, i quali sono passibili di trasformazione al momento della traduzione. Per fare ciò mi riferisco al modello di comunicazione di Jakobson (1958) rielaborato a partire dallo schema di Shannon e Weaver (1949), che intende la comunicazione come trasmissione di un messaggio da parte di un emittente ad un destinatario attraverso un codice comune, veicolato da uno strumento di contatto (canale), entro un determinato contesto 1. A questi sei elementi (emittente, destinatario, messaggio, codice, canale, contesto) si aggiunga quello del rumore, presente nello schema originale di Shannon e Weaver, che interferisce con la piena realizzazione dell atto comunicativo. Applicando tali nozioni al corpus da tradurre, l emittente può essere identificato nella figura del Comune di Sesto San Giovanni sia nel testo originale (o prototesto secondo la definizione di Osimo) sia in quello tradotto in lingua inglese ( metatesto ) 2. In egual modo il messaggio, ovvero il contenuto dei comunicati stampa, rimane invariato nel passaggio da una versione all altra. Al contrario, il destinatario ne risulta inevitabilmente modificato. Infatti, se il prototesto era stato ideato per essere fruito da un pubblico fortemente eterogeneo, ma accomunato dalla 1 R. JAKOBSON, Saggi di Linguistica Generale, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano, 2002 (Traduzione dall inglese a cura di Luigi Heilmann e Letizia Grassi), p B. OSIMO, Manuale del traduttore, guida pratica con glossario, Editore Ulrico Hoepli, Milano,

11 conoscenza, perlomeno passiva, dell italiano, il metatesto si rivolge a un lettore modello ancora più composito identificato nel pubblico internazionale. Anche il codice, quindi, sul quale si basa la comprensione e che è rappresentato dalla lingua e dalla cultura a cui questa fa riferimento, deve necessariamente adattarsi al destinatario. E proprio questo l aspetto più rilevante dell atto del tradurre, che ne costituisce anche la principale difficoltà. Infatti, se il contesto e il canale, ovvero il testo scritto, sotto forma di comunicato stampa, all interno del portale di un comune milanese, non subiscono cambiamenti in quanto la traduzione prodotta è destinata a essere pubblicata nella stessa forma e nelle medesime circostanze dell originale testuale, il codice, invece, nel suo modificarsi trascina con sé la possibilità di una perdita di significato. E qui che entra in gioco il concetto di rumore che corrisponde in questo caso a ciò che Osimo ha denominato residuo comunicativo 3. Per tradurre il testo, infatti, bisogna innanzitutto interpretarlo e in questa prima decodifica potrebbero andare perse alcune informazioni. Inoltre, una volta prodotto il testo in lingua inglese, i destinatari potrebbero darne un interpretazione che si distacca ulteriormente non solo dalle intenzioni dell emittente, ma anche da quelle del traduttore che fa da intermediario fra di essi. Per ottenere il successo della comunicazione è dunque opportuno procedere all analisi del prototesto tanto a livello grammaticale quanto a livello funzionale, per produrre un metatesto che non tradisca il significato del testo originale. Allo stesso tempo, tuttavia, è necessario adattare la traduzione prodotta non solo alle strutture grammaticali della lingua di arrivo, ma anche alla cultura dei soggetti identificati come destinatari, senza perdere di vista gli specifici obiettivi del lavoro traduttivo. A 3 B. OSIMO, La traduzione saggistica dall inglese, guida pratica con versioni guidate e glossario, Editore Ulrico Hoepli, Milano, 2007, pp

12 partire da queste considerazioni è scaturita la scelta del metodo di traduzione, che viene esplicitato in un commento articolato dei testi tradotti. 2.2 L ostacolo lessicale Come suggerisce Taylor, la scelta di trattare il lessico come campo di studio a se stante nell analisi delle traduzioni, è dettata solamente da ragioni pratiche di comodità e non risponde in nessun modo alla realtà linguistica. Infatti, non è facile separare il lessico dalla grammatica, poiché è solo attraverso la combinazione delle parole sulla base di regole grammaticali che si dà forma a una lingua. 4 Inoltre, nell analizzare le scelte lessicali si deve tenere presente che, contrariamente alla norma, il lavoro di traduzione è stato svolto verso l inglese a partire dalla mia lingua madre, l italiano. Considerando che il processo di traduzione prevede una prima fase di decodifica del testo fonte e una successiva di ricodifica nella lingua ricevente, risulta evidente che l ostacolo a livello lessicale è stato riscontrato principalmente in quest ultimo passaggio di trasposizione del significato. Tale difficoltà deriva in primo luogo dalla natura delle parole stesse, che Taylor definisce con l aggettivo slippery con l ambivalente significato di ingannevole e che sfugge alla presa, scivoloso. In questo senso le parole sono spesso ambigue, perché polisemiche (portatrici di più significati), legate a particolari collocazioni (combinazioni tipiche o abituali di lessemi) o sensibili al registro linguistico. Egli fa, inoltre, distinzione fra parole e termini, sottolineando la fatica di trovare per le prime il giusto equivalente nella lingua d arrivo, mentre, almeno in teoria, i 4 C. TAYLOR, Language to language, A practical and theoretical guide for Italian/English translators, Cambridge University Press, 1998, pp

13 termini avrebbero un unico significato e un solo corrispondente corretto nella lingua ricevente. 5 Tuttavia, vedremo che nella pratica, nonostante questa distinzione, la traduzione dei termini tecnici non è automatica come si potrebbe pensare. Altrettanto problematica si è inoltre rivelata la resa di parole che fanno riferimento a realtà ambientali, istituzionali o culturali tipiche dell area geografica della lingua del testo di partenza, compresi i nomi propri di personaggi e luoghi o i titoli di progetti ed opere. In primo luogo, però, è opportuno soffermarsi sulla più vasta categoria di parole lessicali generiche. 2.3 Lessico generico I lessemi che designano realtà generiche e comuni a entrambe le aree linguistiche potrebbero sembrare privi di particolari insidie per un traduttore, ma spesso si rivelano i più complessi da trasporre per diversi motivi. Innanzitutto, come già accennato, la quasi totalità delle parole lessicali è polisemica. Ciò significa che lo stesso vocabolo può assumere più significati fra loro differenti a seconda del contesto e questo avviene per il lessico di entrambe le lingue, di modo che i diversi significati di un unico termine di partenza a volte trovano tutti corrispondenza in un unico termine nella lingua d arrivo, mentre in altri casi si deve ricorrere a vocaboli della lingua ricevente diversi a seconda del significato inteso nel testo originale. Tutto questo viene ulteriormente complicato dalla sinonimia, che, al 5 ivi, p

14 contrario, si verifica nel caso in cui più parole abbiano il medesimo significato e che può portare a commettere errori facendo credere che i sinonimi siano intercambiabili. In realtà, spesso questi differiscono fra loro, se non per sottili sfumature di senso, almeno per modo di impiego e frequenza d uso. Per orientarsi nel labirinto di significati Newmark propone con il nome di componential analysis una valida tecnica per la traduzione degli elementi lessicali che consiste nell analizzare le loro diverse componenti di senso che dovranno poi essere trasferite nel metatesto 6. In questo modo la perdita di senso da una lingua all altra viene ridotta sostanzialmente e la scelta del lessico da utilizzare per la traduzione diventa più mirata e consapevole, soprattutto se ponderata tenendo conto del contesto in cui è inserita la parola. Si prenda ad esempio il caso seguente: (1) Il testo racconta la vita di Nicola [ ]. The book is about the life of Nicola [ ]. In questo caso il predicato racconta non corrisponde all azione del narrare, propria di una persona. Al contrario, il suo significato va scomposto nel modo seguente: racconta è una narrazione ha come argomento. Ecco perché il verbo to tell, legato al senso di riferire, sarebbe stato fuori luogo. 6 P. NEWMAN, Approaches to translation, Phoenix ELT, 1995, pp

15 Inoltre, è utile ai fini di un buon risultato distinguere per ogni parola il suo significato concreto da quello figurativo, da quello tecnico e da quello colloquiale, oltre al suo significato primario da quelli secondari. A tal proposito si consideri questo esempio: (2) [ ] sindacalisti che hanno dedicato impegno e motivazione ai propri valori e alla loro diffusione. [ ] trade unionists who firmly believed in their values and where highly committed to their dissemination. La parola diffusione, derivante dal linguaggio della chimica e qui utilizzata in senso figurato nel contesto della circolazione di idee, trova nel Ragazzini 2008 la possibilità di essere tradotta con diffusion in prima istanza e con dissemination solo in seguito. Tuttavia, il primo significato di diffusion nel Longman Dictionary of Contemporary English (2000) è legato alla propagazione di un gas, mentre dissemination si riferisce univocamente alla diffusione di idee e di informazioni, risultando il termine più adatto a trasmettere il concetto espresso nel prototesto. Per giungere a una buona traduzione, infine, Newmark suggerisce di stabilire il grado di frequenza d impiego di una parola: primario (basato sulla frequenza d uso nella lingua moderna), secondario, che ricorre in alcune collocazioni o in una sola occasione 7. Infatti, non avrebbe senso utilizzare nel metatesto una parola poco usata nella lingua ricevente per tradurne una del prototesto che è invece di uso comune nella lingua di partenza e in aggiunta si comprometterebbe la comprensione del testo da parte dei lettori. Tale osservazione ci conduce a trattare dei termini tecnici. 7 Ivi, p

16 2.4 Termini tecnici La teoria descrive i termini come monosemici, quindi non ambigui, e indipendenti dal contesto. Di conseguenza, essi sarebbero facilmente traducibili con un termine equivalente nella lingua d arrivo. Questa considerazione potrebbe risultare veritiera in un approccio alla traduzione fortemente orientato alla riproduzione fedele del significato dell originale, strutture semantiche e sintattiche permettendo. E quella che Newmark chiama traduzione semantica in opposizione alla traduzione comunicativa, che si concentra invece più sull effetto che vuole produrre sul lettore. Nel mio caso ho ritenuto inevitabile dover tenere ben presente il destinatario del metatesto nel trasferire da una lingua all altra i termini più specifici. Infatti, se per precisione avrei dovuto tradurre un termine scientifico con un termine altrettanto specifico, spesso ho sentito l esigenza di allontanarmi dall originale per rendere il concetto più comprensibile al pubblico ideale. Questo avviene perché in alcune occasioni il termine in italiano, pur essendo specifico, è ampiamente utilizzato e di facile comprensione anche per i non specialisti del settore, mentre l equivalente inglese risulterebbe oscuro alla maggior parte dei destinatari. La decisione riguardo al termine da impiegare appare ancora più complessa se si prende in considerazione il fatto che il metatesto è destinato a essere pubblicato su un sito internet i cui utenti sono in potenza estremamente eterogenei. Ecco perché, ad esempio, in un comunicato stampa in cui ci si riferiva al disinquinamento della falda acquifera, si è preferito tradurre quest ultimo termine con il trasparente underground water piuttosto che con il corrispondente termine derivante dalla geologia aquifer, tanto specifico da non apparire nemmeno sul Longman Dictionary of Contemporary English (2000): 14

17 (3) La nuova società, PROARIS, ha lo scopo di disinquinare la falda acquifera [ ]. [...] a new company, PROARIS, whose objective is to free underground water from chemical pollutants [...]. In altri punti si è invece optato per la traduzione tecnica del termine, seguita però da una breve spiegazione. Si veda a titolo di esempio la traduzione di teleriscaldamento, un concetto nuovo e poco conosciuto anche al pubblico generalista italiano: (4) [ ] utilizzando l acqua di falda, fonti rinnovabili, ed energie alternative in genere con lo scopo di sviluppare il Teleriscaldamento. It employs underground water, renewable sources and alternative energy to develop district heating, a heating system that consists of distributing steam or hot water to the houses through a pipeline laid underground. La posizione del termine alla fine della frase ha permesso di chiarificarne il significato con una perifrasi appositiva, necessaria per poter fornire al lettore tutti gli strumenti per la comprensione del testo nella sua interezza. In altri casi, infine, la resa del termine tecnico nella lingua d arrivo non solo non sarebbe stata funzionale, ma avrebbe addirittura generato l incomprensione. Si è scelto quindi di sostituire la dicitura tecnica con un concetto più generale, allontanandosi dalla stesura originale in nome dell efficienza. Così: 15

18 (5) La Regione Lombardia [ ] ha individuato nel Comune di Sesto il soggetto pubblico in grado di provvedere alla messa in sicurezza della [...] the Municipality of Sesto was put in charge of setting up a plan for the safe management of the water. falda. Qui provvedere alla messa in sicurezza della falda è stato tradotto con il meno preciso, ma più chiaro setting up a plan for the safe management of the water, che letteralmente significa predisporre un piano di sicurezza per la gestione dell acqua. 2.5 Termini culturalmente connotati La categoria di vocaboli dalla traduzione più controversa è sicuramente rappresentata da quelli che fanno riferimento a realtà tipiche del paese associato alla lingua di partenza e che non sempre trovano equivalenti nella cultura d arrivo. In particolare, nel corpus preso in considerazione tali termini sono principalmente legati alle istituzioni e alle relative cariche istituzionali, essendo l emittente dei comunicati stampa proprio un ente comunale. Per tradurre questo tipo di termini Newmark propone diversi procedimenti da utilizzare a seconda delle circostanze: la trascrizione della parola in lingua originale, la traduzione letterale in caso di termini trasparenti, il calco in occasione di istituzioni importanti, la traduzione riconosciuta da un corpo ufficiale della lingua di partenza, l equivalente nella cultura di arrivo, l apporto di informazioni supplementari all interno del testo, in nota o in parentesi, la combinazione di due o 16

19 tre delle tecniche precedenti e l eliminazione del termine se di importanza marginale nel testo 8. Nel mio caso la scelta della tecnica di traduzione è stata ponderata non solo in relazione alla natura del termine, ma anche alla sua posizione nel contesto. In tal modo, alcuni vocaboli che ricorrono più volte all interno del prototesto sono stati resi in maniera diversa in base alla loro collocazione, e, allo stesso tempo, la medesima locuzione inglese è stata utilizzata per designare concetti affini ma diversamente espressi in italiano. Si prenda in considerazione il termine Comune, che si riferisce all ente amministrativo del territorio sestese, e che ho quindi equiparato al termine Amministrazione Comunale traducendo entrambi con Municipality of Sesto (esempi (6)a. e (6)b.), ma che, laddove era inteso come soggetto di azione politica, ho sostituito con il più generale local government (esempio (6)c.). (6) a. La Regione Lombardia [ ] ha individuato nel Comune di Sesto il soggetto pubblico in grado di provvedere a. [...] the Municipality of Sesto was put in charge of setting up a plan for the safe management of the water. alla messa in sicurezza della falda. b. La mostra è stata organizzata dall Amministrazione Comunale [ ]. c. [ ] il Comune ha costituito un apposita società in partnership con A2A. b. The exhibition was organized by the Municipality of Sesto [...]. c. [...] the local government has signed a special partnership with A2A [...]. 8 Ivi, pp

20 Dalla realtà comunale, tipicamente italiana, derivano, inoltre, il ricorrente concetto di Consiglio comunale e le diverse cariche di sindaco, vicesindaco e assessore per la cui resa mi sono attenuta alle traduzioni standardizzate rispettivamente di town council, mayor, deputy mayor e councillor : (7) a. Nel maggio 2007, infatti, il Consiglio Comunale ha approvato l adesione alla a. In May 2007, the town council accepted to purchase a share in PROARIS [...]. società PROARIS [ ]. b. Quello dell energia pulita ha concluso il Sindaco Giorgio Oldrini è sicuramente il tema del futuro[ ]. c. Ci è stato chiesto di ospitare questa prima riunione ha dichiarato il vicesindaco Demetrio Morabito [ ]. d. Il teleriscaldamento ha proseguito l Assessore Di Leva [ ]. b. Clean energy concluded the mayor, Giorgio Oldrini is certainly the challenge of the future [...]. c. We have been asked to host this first meeting declared the deputy mayor, Demetrio Morabito - [...]. d. District heating continued the town councillor Di Leva [...]. Questi termini possono essere definiti come equivalenti culturali, esattamente come Ministry of the Environment per Ministero dell ambiente, Ministry of the Interior per Ministero degli interni e Ministry of National Heritage and Culture per Ministero per i beni e le attività culturali, tutti concetti che trovano una sostanziale corrispondenza nel passaggio fra le due culture: 18

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli