Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale"

Transcript

1 Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto di merci allo scopo di rivenderle. Pertanto il commerciante è una figura di operatore economico nettamente distinta dall industriale e dall artigiano, i quali acquistano merci non per rivenderle ma per trasformarle in nuovi prodotti. Naturalmente se l industriale e l artigiano vendono anche articoli da loro non prodotti, sono soggetti alla disciplina del commercio. CLASSIFICAZIONE DI ATTIVITA COMMERCIALE L attività commerciale può essere classificata in 3 tipi: o COMMERCIO ALL INGROSSO Esercita il commercio all ingrosso chi acquista merci e le rivende: - ad altri commercianti (grossisti, dettaglianti, esercenti pubblici) - a utilizzatori professionali (industrie, aziende artigiane ecc) Pertanto il grossista non può vendere al consumatore finale, anche se questi è disposto ad acquistare grandi quantitativi. Rientra nell ambito del commercio all ingrosso anche il commercio di importazione ed esportazione. o COMMERCIO AL DETTAGLIO E il commercio esercitato da chi acquista merci e le rivende direttamente al consumatore finale, ovvero al pubblico in generale. Dunque il commercio all ingrosso e il commercio al dettaglio si differenziano per il tipo di cliente a cui si rivolgono e non per la quantità di merci scambiate. Il commercio al dettaglio può essere esercitato sotto diverse forme; le piuù diffuse sono quella in sede fissa (negozi) e quella ambulante (o su aree pubbliche) o SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E l attività svolta da chi somministra al pubblico alimenti e bevande che sono consumati sul posto (bar, ristoranti, pizzerie ecc) LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO E ALL INGROSSO, IN APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 114 Il Decreto disciplina i requisiti di accesso all attività commerciale, l esercizio dell attività di commercio al dettaglio in sede fissa e sulle aree pubbliche, le forme speciali di vendita, il regime degli orari e delle vendite straordinarie; vengono inoltre definite le nuove caratteristiche delle strutture di vendita. IL DECRETO NON SI APLLICA A (art. 4) Farmacie, tabaccherie, associazioni di produttori ortofrutticoli, produttori agricoli per la vendita di prodotti agricoli, vendita di carburanti effettuata negli appositi impianti, artigiani iscritti all albo per la vendita nei locali di

2 produzione o nei locali a questi adiacenti dei beni di propria produzione, ovvero per la fornitura al committente dei beni accessori all esecuzione delle opere o alla prestazione del servizio, pescatori e cacciatori che vendano al pubblico, al dettaglio, i prodotti della loro attività, vendita o esposizione per la vendita delle proprie opere d arte, vendita dei beni da fallimento, vendita in fiere campionarie e mostre di oggetti connessi; TIPOLOGIA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI L attività commerciale viene suddivisa in due specie: - settore alimentare - settore non alimentare REQUISITI DI ACCESSO ALL ATTIVITA Non possono esercitare l attività commerciale salvo che abbiano ottenuto riabilitazione: - coloro che sono stati dichiarati falliti - coloro che hanno riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, o condanna a pena detentiva, o coloro che sono sottoposti a una delle misure di prevenzione, ovvero siano stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza. In caso di società o di organismo collettivo, i requisiti di onorabilità devono essere posseduti da tutti i soggetti per i quali è previsto l accertamento antimafia ai sensi dell art. 2, comma 3, del DPR 252/1998. SOLO PER IL SETTORE ALIMENTARE viene richiesto, oltre ai requisiti morali, anche il possesso di uno dei seguenti requisiti professionali: a) essere iscritto nel Registro Esercenti il Commercio (Rec) presso la Camera di Commercio. b) aver frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio relativo al settore merceologico alimentare istituito o riconosciuto dalla Regione; c) aver esercitato improprio per almeno due anni nell ultimo quinquennio l attività di vendita all ingrosso o al dettaglio di prodotti alimentari; d) aver prestato la propria opera, per almeno due anni nell ultimo quinquennio, presso imprese esercenti l attività nel settore alimentare in qualità di dipendente qualificato addetto alla vendita o all amministrazione; e) Essere stato coadiutore familiare di impresa che svolgeva o svolge l attività commerciale nel settore alimentare, comprovato dall iscrizione INPS; In caso di società il possesso dei requisiti professionali è richiesto con riferimento al legale rappresentante o ad altra persona specificatamente preposta all attività commerciale nel settore alimentare.

3 TIPOLOGIE DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI La nuova disciplina introduce tre diverse tipologie di esercizi commerciali legati alla superficie di vendita ed alla consistenza demografica del comune in cui sono insediati: ESERCIZI DI VICINATO Fino a 150 mq nei comuni con popolazione inferiore ai abitanti Fino a 250 mq nei comuni con popolazione superiore ai abitanti MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Tra i limiti massimi degli esercizi di vicinato e mq o mq GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Oltre i limiti massimi previsti per le medie strutture I centri commerciali sono considerati medie o grandi strutture secondo la superficie globale dei negozi che li compongono LE ATTIVITA DI VICINATO possono essere avviate previa semplice comunicazione scritta inviata al comune almeno 30 giorni prima dell inizio dell attività. Il rispetto dei 30 giorni di decorrenza dall avvenuto ricevimento della domanda è d obbligo. La mancata risposta da parte dell Amministrazione Comunale entro 30 giorni regola del silenzio assenso, corrisponde per il commerciante a una risposta affermativa per l avvio dell attività. La comunicazione da parte dei piccoli negozi non è soggetta a bollo. Per i residenti U.E. valgono le medesime regole dei cittadini italiani. I cittadini extracomunitari dovranno inviare, unitamente alla domanda, gli estremi del domicilio nel nostro paese e la fotocopia del permesso di soggiorno. Se all interno dello stesso esercizio sono presenti sia prodotti alimentari che non alimentari il commerciante dovrà essere in possesso della licenza per la rivendita di quest ultimi. Nella domanda dovranno essere indicati i metri quadrati destinati a ciascuno dei due tipi di merce. LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Per questa tipologia si applica il regime autorizzato. Occorre quindi presentare domanda scritta per il rilascio dell autorizzazione, sia che si tratti di apertura o trasferimento di sede, sia di ampliamento di superficie. L autorizzazione viene rilasciata dal comune sulla base di criteri predeterminati.

4 ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA GLI ORARI, I PREZZI, LE VENDITE Viene prevista la facoltà di scegliere il proprio orario all interno di una fascia molto ampia (dalle 7.00 alle 22.00) non superando il limite delle tredici ore giornaliere. Tutti gli esercenti possono, se vogliono, stare aperti molto meno. Il comune, su richiesta dell esercente, possono estendere nei giorni feriali la fascia oraria di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio tra le ore e le ore 24.00, fermo restando il limite delle tredici ore giornaliere. L osservanza della mezza giornata di chiusura infrasettimanale è facoltativa, a discrezione dell esercente. Resta ferma la chiusura domenicale e festiva con le deroghe nel mese di dicembre e 8 domeniche in un anno. Le disposizioni su orario e chiusura domenicale e festiva non si applicano: tabaccherie esercizi interni ai campeggi, villaggi e complessi turistici esercizi nelle aree di servizio autostradali nelle stazioni nelle rivendite di giornali gelaterie gastronomie rosticcerie esercizi specializzati nella vendita di fiori e piante opere d arte oggetti d antiquariato. PUBBLICITA DEI PREZZI I prodotti esposti per la vendita al dettaglio dovranno indicare in modo chiaro e leggibile il prezzo di vendita al pubblico. Anche i beni d arte, d antiquariato e oggetti preziosi sono soggetti alla pubblicità dei prezzi, però il cartellino dovrà essere visibile all interno del negozio. VENDITE STRAORDINARIE (D.Lgs. 31/03/1998 n.114 -L.R. 3 aprile 2000 n.22 L.R. 28/10/2004 n.29) Per vendite straordinarie si intendono le vendite di liquidazione, le vendite di fine stagione e le vendite promozionali nelle quali l esercente dettagliante offre condizioni favorevoli, reali ed effettive, di acquisto dei propri prodotti. INFORMAZIONI GENERALI 1. Nelle vendite straordinarie è esposto obbligatoriamente il prezzo normale di vendita e lo sconto o ribasso espresso in percentuale. 1bis E facoltà del venditore indicare anche il prezzo di vendita praticato a seguito dello sconto o ribasso. 1ter E vietato all operatore commerciale indicare prezzi ulteriori e diversi rispetto a quanto previsto dal comma 1 e 1 bis.

5 2. I messaggi pubblicitari relativi alle vendite straordinarie devono essere presentati, anche graficamente, in modo non ingannevole per il consumatore. 3. Tutte le comunicazioni pubblicitarie relative alle vendite straordinarie devono contenere gli estremi delle comunicazioni al comune quando previste dalla Legge 03/04/2000 n Tutte le comunicazioni pubblicitarie relative alle vendite straordinarie devono indicare la durata esatta della vendita stessa. 5. L operatore commerciale ha l obbligo di fornire informazioni veritiere relativamente agli sconti o ribassi praticati, tanto nelle comunicazioni pubblicitarie, quanto nella indicazione dei prezzi nei locali di vendita. 6. L operatore commerciale deve essere in grado di dimostrare la veridicità delle informazioni fornite agli organi di controllo. 7. Le merci oggetto delle vendite straordinarie devono essere fisicamente separate in modo chiaro e in equivoco da quelle eventualmente poste in vendita alle condizioni ordinarie. Qualora la separazione non sia possibile, l operatore commerciale, deve indicare, con cartelli o altri mezzi idonei, le merci che non sono oggetto delle vendite straordinarie sempre che ciò possa essere fatto in modo in equivoco e non ingannevole per il consumatore. In caso contrario, non possono essere poste in vendita merci a condizioni ordinarie. LE VENDITE DI LIQUIDAZIONE 1. Le vendite di liquidazione sono effettuate dall operatore commerciale al fine di esaurire in breve tempo tutte le proprie merci a seguito di: a) cessazione di attività commerciale; b) trasferimento in gestione o cessione di proprietà di azienda; c) trasferimento dell azienda in altro locale; d) trasformazione o rinnovo dei locali. 2. Tutte le vendite di liquidazione possono essere effettuate in qualsiasi periodo dell anno, salvo quanto disposto dal comma Le vendite di liquidazione di cui al comma 1, lettere a) e c) possono essere effettuate per la durata massima di tredici settimane. 4. Le vendite di liquidazione di cui al comma 1, lettere d) possono essere effettuate per la durata massima di sei settimane e per una sola volta in ciascun anno solare. 5. Le vendite di liquidazione per la trasformazione o il rinnovo dei locali, sempre liberamente praticabili nei mesi di febbraio e agosto, non possono essere effettuate nei trenta giorni antecedenti le vendite di cui all art. 3, nonché, in ogni caso, dal 25 novembre al 31 dicembre. L operatore commerciale ha l obbligo di chiusura dell esercizio per un periodo pari a un terzo della durata della vendita di liquidazione, e comunque, per almeno sette giorni, con decorrenza dalla cessazione della vendita straordinaria. 6. L operatore commerciale che intende effettuare una vendita di liquidazione è tenuto a darne comunicazione al comune ove ha sede

6 l esercizio, tramite lettera raccomandata, almeno quindici giorni prima della data di inizio. 7. Tutte le comunicazioni di effettuazione di vendita di liquidazione devono indicare: a) l ubicazione dei locali; b) la data di inizio e quella di cessazione della vendita; c) le merci poste in vendita, distinte per voci merceologiche con indicazione delle quantità delle stesse. 8. Le comunicazioni relative a vendite di liquidazione per cessazione di attività devono recare indicazione, anche mediante allegazione di copia, della comunicazione di cessazione di attività per gli esercizi di vicinato, ovvero dell atto di rinuncia all autorizzazione per le medie e le grandi strutture di vendita; nel caso di vendite di liquidazione di cui alle lettere a) e b) del comma 1, il titolare dell attività, per un periodo di almeno sei mesi successivi alla vendita di liquidazione, non può aprire un nuovo esercizio dello stesso settore merceologico nei medesimi locali. 9. E vietata l effettuazione di vendite di liquidazione con il sistema del pubblico incanto. 10. Dall inizio delle vendite di liquidazione, è vietato introdurre nei locali e nelle pertinenze dell esercizio di vendita merci del genere di quelle offerte in vendita di liquidazione, siano esse acquistate o acquisite ad altro titolo, anche in conto deposito. LE VENDITE DI FINE STAGIONE 1. Le vendite di fine stagione sono effettuate dall operatore commerciale al fine di esitare, durante una certa stagione o entro un breve periodo di tempo, prodotti non alimentari di carattere stagionale o articoli di moda e, in genere, prodotti che, se non sono venduti entro un certo tempo, siano comunque suscettibili di notevole deprezzamento. 2. Le vendite di fine stagione possono essere effettuate, tenuto conto delle consuetudini locali e delle esigenze del consumatore, soltanto in due periodi dell anno della durata massima di sessanta giorni, determinati dalla giunta regionale, sentite le Camere di Commercio, le associazioni dei commercianti maggiormente rappresentative e le associazioni dei consumatori. LE VENDITE PROMOZIONALI 1. Le vendite promozionali sono effettuate dall operatore commerciale al fine di promuovere la vendita di uno, più o tutti i prodotti della gamma merceologica, applicando sconti o ribassi sul prezzo normale di vendita. 2. Le vendite promozionali dei prodotti di cui all articolo 3, comma 1, non possono essere effettuate nei periodi delle vendite di fine stagione e nei trenta giorni antecedenti, né in ogni caso dal 25 novembre al 31 dicembre.

Vademecum per le vendite straordinarie

Vademecum per le vendite straordinarie Vademecum per le vendite straordinarie Vendite di fine stagione Vendite promozionali Vendite di liquidazione Informazione e tutela del consumatore Sanzioni 2014 Le vendite straordinarie disciplinate dalla

Dettagli

LR Lombardia 3/4/00 n.22 art.1 BU 07/04/2000 n. 14 Oggetto ed ambito di applicazione. Oggetto ed ambito di applicazione

LR Lombardia 3/4/00 n.22 art.1 BU 07/04/2000 n. 14 Oggetto ed ambito di applicazione. Oggetto ed ambito di applicazione Attuazione dell'articolo 15 (vendite straordinarie) del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 114, "riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell'articolo 4, comma 4 della legge 15 marzo

Dettagli

"Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali"(1).

Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali(1). LEGGE REGIONALE 3 aprile 2000, N. 22 "Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali"(1). (BURL n. 14, 1º suppl. ord. del 07 Aprile 2000 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2000-04-03;22

Dettagli

Raccomandata AL COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA

Raccomandata AL COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Raccomandata AL COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Comunicazione di effettuazione di vendita straordinaria di LIQUIDAZIONE (Ai sensi degli artt. n. 110 e112 della Legge Regione Liguria n. 1 del 2 gennaio

Dettagli

Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in Via/Piazza CAP Comune. in proprio quale legale rappresentante della Società

Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in Via/Piazza CAP Comune. in proprio quale legale rappresentante della Società Bollo da Euro 14,62 (in caso di domanda) Al Signor Sindaco del Comune di 10080 SAN BENIGNO CANAVESE (TO) Oggetto: COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in Via/Piazza CAP

Dettagli

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI *

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI * MOD. COM 6 BIS copia per il Comune FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI * Ai sensi dell art. 19 della Legge 241/90, della

Dettagli

108 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21)

108 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21) 108 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21) COM 10 (Spazio per l ufficio) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO VENDITA PRESSO IL DOMICILIO

Dettagli

98 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21)

98 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21) 98 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21) COM 9 (Spazio per l ufficio) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO VENDITA PER CORRISPONDENZA,

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna

COMUNE DI BOLOGNA ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna MOD. COM 6 BIS copia per il Comune COMUNE DI BOLOGNA ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 FORME SPECIALI

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA /COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA /COMUNICAZIONE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA /COMUNICAZIONE Al Comune di JESI 0 4 2 0 2 1 Ai sensi della L.R. 27/09 (artt. 13 e 58 e s.m.i.) e ai sensi dell

Dettagli

All ufficio Commercio del Comune di RANDAZZO

All ufficio Commercio del Comune di RANDAZZO Marca da bollo All ufficio Commercio del Comune di RANDAZZO OGGETTO: Domanda di rilascio autorizzazione per esercitare l attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante, di cui all art.1, comma

Dettagli

Il sottoscritto (nome e cognome): C.F. data di nascita cittadinanza. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune. residente a ( ) Via n.

Il sottoscritto (nome e cognome): C.F. data di nascita cittadinanza. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune. residente a ( ) Via n. Marca da bollo. 16,00 Allegato A) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Spett.le COMUNE DI CORTANDONE Via della Costa 39 14013 CORTANDONE (AT) Oggetto: Domanda di partecipazione e dichiarazioni per partecipare alla

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

REGIONE PIEMONTE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD. COM 2 COMPILARE IN STAMPATELLO REGIONE PIEMONTE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE BOLLO AL COMUNE DI * _ _ _ _ _ _ Ai sensi del d. lgs.

Dettagli

Al Comune di Monte San Savino (Arezzo)

Al Comune di Monte San Savino (Arezzo) al SUAP del Comune competente Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del Comune - SUAP OLINE Forme speciali di vendita al dettaglio PER CORRISPONDENZA,TELEVISIONE ED ALTRI

Dettagli

Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI Dichiarazione di Inizio Attività DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NON SOGGETTO A PROGRAMMAZIONE Art. 4 comma 5 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA 'HOLEHUDGL*LXQWD1URGHO 2JJHWWR '(),1,=,21(02'$/,7$',())(778$=,21(9(1',7(',/,48,'$=,21((', ),1(67$*,21($,6(16,'(//$57'(//$/5/8*/,21 Prot. n. (COM/99/10405) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Richiamato

Dettagli

AREA VIVIBILITÀ URBANA Sportello per le Imprese P.zza Liber Paradisus 10, Torre A Piano 5 40129 Bologna Tel. 051.2194082 051.2194013 Fax 051.

AREA VIVIBILITÀ URBANA Sportello per le Imprese P.zza Liber Paradisus 10, Torre A Piano 5 40129 Bologna Tel. 051.2194082 051.2194013 Fax 051. MOD. COM 6 BIS copia per il Comune AREA VIVIBILITÀ URBANA Sportello per le Imprese P.zza Liber Paradisus 10, Torre A Piano 5 40129 Bologna Tel. 051.2194082 051.2194013 Fax 051.2194870 FORME SPECIALI DI

Dettagli

C H I E D E. il rilascio dell autorizzazione amministrativa per l esercizio del commercio su aree pubbliche:

C H I E D E. il rilascio dell autorizzazione amministrativa per l esercizio del commercio su aree pubbliche: Marca da bollo AL COMUNE DI CACCAMO IV Area -Attività Produttive Largo Pietro Spica 90012 Caccamo R I C H I E S T A A U T O R I Z Z A Z I O N E A M M I N I S T R A T I V A P E R I L C O M M E R C I O S

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE spazio per la protocollazione COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Dichiarazione di Inizio Attività AL COMUNE DI: BUCINE Prov. (AR) codice ISTAT: 051005 Il/La sottoscritto/a cognome nome luogo

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

GRANDI STRUTTURE DI VENDITA

GRANDI STRUTTURE DI VENDITA spazio per la protocollazione GRANDI STRUTTURE DI VENDITA denuncia di inizio attività per subentro AL COMUNE DI: codice ISTAT luogo di nascita provincia o stato estero di nascita di nascita in qualità

Dettagli

In qualità di promotore:

In qualità di promotore: REGIONE PIEMONTE CENTRI COMMERCIALI DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE BOLLO MOD. COM 4 (PER I DATI DEI SINGOLI ESERCIZI UTILIZZARE I MODELLI COM 4a E COM4b) COMPILARE IN STAMPATELLO AL COMUNE DI * Ai sensi del

Dettagli

Vendita a domicilio del consumatore

Vendita a domicilio del consumatore SCHEDA 7CF Vendita a domicilio del consumatore 1) Quando si deve fare? Quando si intende attivarla vendita al domicilio del consumatore detta anche vendita porta a porta : Vendita al domicilio del consumatore

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Legge Regionale n. 9 del 25 03 1996 - -

Legge Regionale n. 9 del 25 03 1996 - - (XI Legislatura) Legge Regionale n. 9 del 25 03 1996 - - Norme in materia di vendite straordinarie e di liquidazione (Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana 30 03 1996 n. 14) la seguente legge: Regione Siciliana

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE RICHIESTA AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE AL SINDACO DEL COMUNE DI ACQUAPENDENTE Piazza G. Fabrizio, 17 01021 ACQUAPENDENTE

Dettagli

Residente/con sede in via/piazza n. CAP tel. con domicilio presso. In via/piazza n. CAP

Residente/con sede in via/piazza n. CAP tel. con domicilio presso. In via/piazza n. CAP pag. 1 di 5 SPAZIO RISERVATO AL COMUNE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE IN SEDE FISSA RIVENDITA DI GIORNALI E RIVISTE (art. 34, legge provinciale 30 luglio

Dettagli

titolare di autorizzazione amministrativa per l esercizio del commercio su area pubblica di tipo N. rilasciata dal Comune di

titolare di autorizzazione amministrativa per l esercizio del commercio su area pubblica di tipo N. rilasciata dal Comune di Da consegnare all ufficio protocollo in duplice copia Marca da Bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI FERRARA UFFICIO PROTOCOLLO VIA BOCCALEONE 19 44100 FERRARA OGGETTO. Domanda di subingresso in

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO IN CENTRO COMMERCIALE COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE

REGIONE PIEMONTE ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO IN CENTRO COMMERCIALE COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE MOD. COM 4b COMPILARE IN STAMPATELLO AL COMUNE DI * _ _ _ _ _ _ Ai sensi del d. lgs. 114/1998, l.r. n. 28/99 e D.C.R. n. 563-13414/99 il sottoscritto Cognome Nome C. F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio

Forme speciali di vendita al dettaglio Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ/COMUNICAZIONE Al Comune di JESI 0 4 2 0 2 1 Ai

Dettagli

Al Comune di Ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art 18 e 26 comma 5); D. Lgs. n. 59/2010; L. n. 122/2010

Al Comune di Ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art 18 e 26 comma 5); D. Lgs. n. 59/2010; L. n. 122/2010 Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art 18 e 26 comma 5); D. Lgs. n. 59/2010; L. n. 122/2010

Dettagli

COMUNE DI UDINE UNITA ORGANIZZATIVA ATTIVITA ECONOMICHE, TURISTICHE E SPORTELLO UNICO

COMUNE DI UDINE UNITA ORGANIZZATIVA ATTIVITA ECONOMICHE, TURISTICHE E SPORTELLO UNICO COMUNE DI UDINE UNITA ORGANIZZATIVA ATTIVITA ECONOMICHE, TURISTICHE E SPORTELLO UNICO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA (Rilasciata in conformità dell articolo 46 e 47

Dettagli

All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI

All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI Segnalazione certificata di inizio attività, ai sensi dell art. 109.1 della Legge regionale F.V.G. n. 29/2005, per: vendita per

Dettagli

MOD SCIA/AREE PUBBL. Al Comune di Canosa di Puglia Sportello Unico Attività Produttive Via G. Falcone, 134 70053 Canosa di Puglia

MOD SCIA/AREE PUBBL. Al Comune di Canosa di Puglia Sportello Unico Attività Produttive Via G. Falcone, 134 70053 Canosa di Puglia MOD SCIA/AREE PUBBL. Al Comune di Canosa di Puglia Sportello Unico Attività Produttive Via G. Falcone, 134 70053 Canosa di Puglia SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Dettagli

Cognome Nome. data di nascita luogo di nascita. cittadinanza residente a Prov. via, piazza, ecc. n. CAP. denominazione

Cognome Nome. data di nascita luogo di nascita. cittadinanza residente a Prov. via, piazza, ecc. n. CAP. denominazione marca da bollo. 14.62 (spazio per l ufficio) SOCIETA DI PERSONE Al COMUNE di USMATE VELATE Oggetto: domanda di rilascio di autorizzazione per esercitare l attività di commercio su aree pubbliche, ai sensi

Dettagli

Al Comune di CESENA Cod. ISTAT 040007

Al Comune di CESENA Cod. ISTAT 040007 MEDIE STRUTTURE DI VENDITA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SUBINGRESSO/VARIAZIONI/CESSAZIONE ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241/1990 e successive modifiche Al Comune di CESENA Cod. ISTAT

Dettagli

Ufficio Legislativo e Affari Giuridici. Roma, 28 settembre 2006. Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI

Ufficio Legislativo e Affari Giuridici. Roma, 28 settembre 2006. Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 28 settembre 2006 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai Responsabili ANVA, FIEPeT, FIESA Loro sedi e indirizzi Prot.n. 3909.11/2006 GDA

Dettagli

Quando si intende attivare il commercio mediante l uso di mezzi di comunicazione:

Quando si intende attivare il commercio mediante l uso di mezzi di comunicazione: SCHEDA 6CF Commercio con mezzi di comunicazione (TV e internet) 1) Quando si deve fare? Quando si intende attivare il commercio mediante l uso di mezzi di comunicazione: Vendita con mezzi di comunicazione

Dettagli

SUBINGRESSO NELL ATTIVITA DI COMMERCIO ELETTRONICO (QUADRO B)

SUBINGRESSO NELL ATTIVITA DI COMMERCIO ELETTRONICO (QUADRO B) Spazio riservato all ufficio per la protocollazione della denuncia inizio attività 1 COMUNE DI NOVARA Servizio Polizia Municipale Commercio COMMERCIO ELETTRONICO Art. 4, lettera h), punto 3), e art. 18

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA/COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA/COMUNICAZIONE MOD.COM 1 S.C.I.A. Al Comune di Sanremo ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA/COMUNICAZIONE Ai sensi dell art. 65 del D.Lgs. 59/2010 e dell art. 19 della L. 241/09 o dell

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna

COMUNE DI BOLOGNA ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna MOD. COM 6 copia per il Comune COMUNE DI BOLOGNA ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 FORME SPECIALI DI

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso spazio per la protocollazione MEDIE STRUTTURE DI VENDITA con superficie di vendita superiore a 1.500 metri quadrati Domanda di commerciale articolo 18, comma 2 della legge regionale 28/12/2012, n. 50 ALLO

Dettagli

Bollo Euro 14,62 Al Responsabile Ufficio S.U.A.P. Via Cesare Battisti n.4 (72022) Città di Latiano

Bollo Euro 14,62 Al Responsabile Ufficio S.U.A.P. Via Cesare Battisti n.4 (72022) Città di Latiano Bollo Euro 14,62 Al Responsabile Ufficio S.U.A.P. Via Cesare Battisti n.4 (72022) Città di Latiano COMMERCIO SU AREA PUBBLICA IN FORMA ITINERANTE (TIPO B) Domanda di autorizzazione / ampliamento / modifiche

Dettagli

AL COMUNE DI GASSINO TORINESE cod. istat 001112 Ai sensi del d. lgs. 31/03/1998 N.114 (art. 18 e 26 comma 5)

AL COMUNE DI GASSINO TORINESE cod. istat 001112 Ai sensi del d. lgs. 31/03/1998 N.114 (art. 18 e 26 comma 5) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) Art. 19 L. 07.08.1990, n. 241 e ss.mm.

Dettagli

MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione

MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di NARNI MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione Il/La sottoscritto/a QUADRO INIZIALE

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso:

Dettagli

S.C.I.A. Segnalazione Certificata di Inizio Attività stagionale di somministrazione di alimenti e bevande ( art. 50, lett. h, L.R. 2/1/2007 n.

S.C.I.A. Segnalazione Certificata di Inizio Attività stagionale di somministrazione di alimenti e bevande ( art. 50, lett. h, L.R. 2/1/2007 n. AL COMUNE DI BUSALLA SERVIZIO COMMERCIO S.C.I.A. Segnalazione Certificata di Inizio Attività stagionale di somministrazione di alimenti e bevande ( art. 50, lett. h, L.R. 2/1/2007 n. 1) Il/La sottoscritto/a

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 16 del 18.02.2004 Art. 1 NASTRO ORARIO Il nastro orario giornaliero, nell ambito

Dettagli

RACCOMANDATA A.R. Cognome: Nome: Codice Fiscale:

RACCOMANDATA A.R. Cognome: Nome: Codice Fiscale: RACCOMANDATA A.R. AL COMUNE DI MARCIANO DELLA CHIANA Servizio di Polizia Municipale Piazza Fanfulla, 4 52047 Marciano della Chiana (Arezzo) bollo 14,62 Schema di domanda per il rilascio dell autorizzazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI <> Esercente SUBINGRESSO MOD COMAP7 <> CCIAA

COMUNICAZIONE DI <> Esercente SUBINGRESSO MOD COMAP7 <> CCIAA COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE Copia: Comune COMUNICAZIONE DI Esercente SUBINGRESSO MOD COMAP7 CCIAA AL COMUNE DI V E R G I A T E 0 1 2 1 3 8 Ai sensi del D. Lgs. 114/98 (artt.28 e 10

Dettagli

INDIRIZZO DELL ESERCIZIO Via o...

INDIRIZZO DELL ESERCIZIO Via o... COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DIVENDITA S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività Articolo 18, commi 1 e 3 della legge regionale 28 dicembre 2012, n. 50 AL S.U.A.P. del COMUNE DI

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

Residente/con sede in via/piazza n. In via/piazza n. CAP. Titolare dell'omonima ditta individuale Con sede nel Comune di via/piazza n.

Residente/con sede in via/piazza n. In via/piazza n. CAP. Titolare dell'omonima ditta individuale Con sede nel Comune di via/piazza n. pag. 1 di 4 Modulistica unificata SPAZIO RISERVATO AL COMUNE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE, COMMERCIO ELETTRONICO O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Modulo E7.02 Mod.COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 01 del 29/10/2014

Modulo E7.02 Mod.COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 01 del 29/10/2014 Modulo E7.02 Mod.COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 01 del 29/10/2014 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (ai sensi del D.L. 78/10 convertito

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA Diachiarazione di Inizio Attività

VENDITA PER CORRISPONDENZA Diachiarazione di Inizio Attività spazio per la protocollazione VENDITA PER CORRISPONDENZA Diachiarazione di Inizio Attività Imposta di bollo non dovuta Presentare in 2 copie con firma in originale. Una copia, timbrata e registrata, dovrà

Dettagli

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO COMUNICAZIONE

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO COMUNICAZIONE MOD. COM 6 BIS copia per il AL COMUNE DI * FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO COMUNICAZIONE CESENATICO Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 18 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome

Dettagli

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI marca da bollo Domanda di AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA ALL APERTURA DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 7 comma 1 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

SEZIONE A - APERTURA NUOVO ESECIZIO. Via,viale,piazza,ecc. n. CAP _/_/_/_/_. Alimentare. Non alimentare. Generi di monopolio Farmacie Carburanti mq.

SEZIONE A - APERTURA NUOVO ESECIZIO. Via,viale,piazza,ecc. n. CAP _/_/_/_/_. Alimentare. Non alimentare. Generi di monopolio Farmacie Carburanti mq. Si prega di scrivere a stampatello AL COMUNE DI CATANIA VI DIREZIONE Attività Produttive e Sviluppo Economico Viale Andrea Doria n. 55 95100 Catania ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN FORMA ITINERANTE

COMUNICAZIONE PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN FORMA ITINERANTE COMUNICAZIONE PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN FORMA ITINERANTE ai sensi dell'art. 27 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5 AL COMUNE DI Il/La sottoscritto/a Cognome Nome data di nascita cittadinanza

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. (Comune di nascita) (prov.) (data di nascita) (cittadinanza) (Comune di residenza) (prov.) (Via/Piazza/Viale

Il/la sottoscritto/a. (Comune di nascita) (prov.) (data di nascita) (cittadinanza) (Comune di residenza) (prov.) (Via/Piazza/Viale AL RESPONSABILE DEL SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI MATTINATA Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE TEMPORANEA IN OCCASIONE

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

Scheda 3.5 Forme speciali di vendita

Scheda 3.5 Forme speciali di vendita Scheda 3.5 Forme speciali di vendita SOGGETTI RICHIEDENTI Il soggetto che intende presentare al Comune la domanda per le forme speciali di vendita al dettaglio deve dimostrare di essere in possesso dei

Dettagli

Presentare il modello in 3 copie se ditta individuale, in 2 copie se società

Presentare il modello in 3 copie se ditta individuale, in 2 copie se società mod. Com6 COMUNICAZIONE PER VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE Legge Regione Toscana n. 28/2005 e ss.mm.ii. e DPGR 15/R/2009 Presentare il modello in 3 copie se ditta

Dettagli

ALLEGATO A PERSONE FISICHE

ALLEGATO A PERSONE FISICHE 1 ALLEGATO A PERSONE FISICHE MARCA DA BOLLO DA 16,00 OGGETTO: manifestazione d interesse diretta all assegnazione di locale in proprietà comunale da adibirsi a negozio di vicinato per la vendita di prodotti

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CHIEDE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CHIEDE MARCA MOD. 1/AUT DA BOLLO 14,62 Al Comune di Vico del Gargano RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Il/La sottoscritto/a nat il a e residente

Dettagli

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in SCIA - apertura esercizio vicinato ALLO S.U.A.P. del Comune di....l.. sottoscritt.... nat a... il.. residente in via.. cittadinanza. (se cittadino extracomunitario) in possesso di permesso di soggiorno

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

VENDITA AL DETTAGLIO PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE

VENDITA AL DETTAGLIO PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE Spazio riservato all ufficio per la protocollazione della denuncia inizio attività 1 COMUNE DI NOVARA Servizio Polizia Municipale Commercio VENDITA AL DETTAGLIO PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI

Dettagli

Al Comune di Stellanello Via Roma n. 1 17020 STELLANELLO (SV)

Al Comune di Stellanello Via Roma n. 1 17020 STELLANELLO (SV) Al Comune di Stellanello Via Roma n. 1 17020 STELLANELLO (SV) Il/La sottoscritto/a, nato/a (prov ) il cittadinanza residenza Prov. CAP Via/Piazza n. tel. cell fax Email @ titolare dell omonima impresa

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA)

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Rep.n / Quietanza n del (Diritti d istruttoria) Protocollo Generale del Comune AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino (Modello

Dettagli

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMUNICAZIONE (COM 9 - D.A. 8/5/2001)

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMUNICAZIONE (COM 9 - D.A. 8/5/2001) AL COMUNE DI BAGHERIA Settore Attività Produttive Sportello Unico via Mattarella n. 55 90011 Bagheria (Pa) e-mail: sportello.unico@comune.bagheria.pa.it FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO VENDITA PER

Dettagli

VENDITE STRAORDINARIE

VENDITE STRAORDINARIE CITTÀ DI LEGNAGO Ufficio Attività Economiche Via XX Settembre, 29 37045 Legnago (Verona) Tel. 0442/634827 - Fax 0442/634803 e-mail: fiorella.zanetti@comune.legnago.vr.it web: www.comune.legnago.vr.it VENDITE

Dettagli

legale rappresentante della Società C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale

legale rappresentante della Società C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale BOLLO COMUN DI FANO SETTORE IV SERVIZI TERRITORIALI ED ABIENTALI U.O. POLIZIA AMMINISTRATIVA COMMERCIO POLITICHE COMUNITARIE DOMANDA PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI COMMERCIO

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale Cittadinanza sesso

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale Cittadinanza sesso spazio per la protocollazione Segnalazione certificata di inizio attività Articoli 19 della legge 7 agosto 1990, n.241 e 39 della legge regionale Friuli Venezia Giulia 5 dicembre 2005, n.29 SUBINGRESSO

Dettagli

.ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - COMUNICAZIONE AFFIDO IN GESTIONE DI REPARTO - SEZIONE PER L AFFIDANTE IN GESTIONE

.ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - COMUNICAZIONE AFFIDO IN GESTIONE DI REPARTO - SEZIONE PER L AFFIDANTE IN GESTIONE CAPCF16C.rtf (10/2010).ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - COMUNICAZIONE AFFIDO IN GESTIONE DI REPARTO - SEZIONE PER L AFFIDANTE IN GESTIONE AL COMUNE DI * Ai sensi dell art. 8, comma 2, L.R. 13 agosto

Dettagli

A Roma Capitale Ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art 18 e 26 comma 5); D. Lgs. n. 59/2010; L. n. 122/2010

A Roma Capitale Ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art 18 e 26 comma 5); D. Lgs. n. 59/2010; L. n. 122/2010 Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA A Roma Capitale Ai sensi del D.Lgs. n. 114/1998 (art 18 e 26 comma 5); D. Lgs. n. 59/2010; L. n.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE E' SUBORDINATA AL RILASCIO DELLA PREVISTA LICENZA COMUNALE RELATIVA ALL'ATTIVITÀ PREVALENTE.

SOMMINISTRAZIONE E' SUBORDINATA AL RILASCIO DELLA PREVISTA LICENZA COMUNALE RELATIVA ALL'ATTIVITÀ PREVALENTE. N.B. L'ATTIVITÀ POTRÀ ESSERE INTRAPRESA PREVIA PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A. SANITARIA ALL'UFFICIO SUAP DEL COMUNE, AI FINI DELL'INOLTRO ALLA A.U.S.L. VT/4 DI VETRALLA. SI RAMMENTA CHE L'ATTIVITA' DI SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

cessato l affidamento della gestione del reparto in premessa indicato. Data...

cessato l affidamento della gestione del reparto in premessa indicato. Data... Mod. AFFIDAMENTO GESTIONE REPARTO AL COMUNE DI PERUGIA Il sottoscritto nato a il Codice Fiscale n. residente in Via n. in qualità di: titolare dell omonima impresa individuale con sede in legale rappresentante

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso spazio per la protocollazione Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una copia fotostatica che, timbrata dall ufficio competente, vale come ricevuta per tutti gli eventuali ulteriori usi. Forme

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Al Comune di Crema Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza residente a via n. C.F. tel. fax

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI MOD. COM 1 ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI Ai sensi dell art. 19 della L. 241/90, della L.R. 4/2010, del D.Lgs. 114/98 e del D. Lgs.

Dettagli

LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA

LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA SEMINARIO nell'ambito del PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO RISORSE UMANE 29/11/2002 SALA VARALDO CAMERA DI COMMERCIO DI IMPERIA MATERIALE INFORMATIVO a cura di MONDOCOM scarl

Dettagli

ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI

ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI 1 ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ AL COMUNE DI *MEOLO (VE) 027022 ISTAT (RISERVATO AL COMUNE) Ai sensi del D.Lgs. 170/2001 (art. 9, 1) e

Dettagli

(*) è necessario essere in possesso di uno dei requisiti per il settore alimentare di cui all art. 71 comma 6 del D.Lgs 59/2010

(*) è necessario essere in possesso di uno dei requisiti per il settore alimentare di cui all art. 71 comma 6 del D.Lgs 59/2010 Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PRESSO IL DOMICILIO DEI CONSUMATORI Segnalazione Certificata Inizio Attività Ai sensi dell art. 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 AL COMUNE DI CENESELLI

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SPACCI INTERNI. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO SPACCI INTERNI. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO SPACCI INTERNI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA copia per il Comune Al Comune di * Ai sensi della L.R. 27/09 (art. 23), il sottoscritto Cognome

Dettagli

COM 9 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( S.C.I.A.) (Art. 19, L. 241/90)

COM 9 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( S.C.I.A.) (Art. 19, L. 241/90) COM 9 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( S.C.I.A.) (Art. 19, L. 241/90) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE ( L.R.

Dettagli

_0 7 5 0 5 2_. Cognome Nome. data di nascita cittadinanza sesso: M. F. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune. Residenza: Provincia Comune

_0 7 5 0 5 2_. Cognome Nome. data di nascita cittadinanza sesso: M. F. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune. Residenza: Provincia Comune MOD. COM 6 Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO PRODOTTI PER MEZZO DI APPARECCHI AUTOMATICI Segnalazione Certificata Inizio Attività Articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 come modificato

Dettagli

S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO

S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA

COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA (DA TRASMETTERE IN DUPLICE COPIA) Al Corpo di Polizia Municipale del Comune di Castiglione della Pescaia (Ufficio Polizia Amministrativa) Strada Provinciale n 3 del Padule, Km 19 58043 - Castiglione della

Dettagli

Al Comune di ROMANS D ISONZO

Al Comune di ROMANS D ISONZO Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Al Comune di ROMANS D ISONZO il sottoscritto Cognome Nome C.F. di nascita

Dettagli

AL COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI

AL COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE di RIUNIONE STRAORDINARIA DI PERSONE: ( 1 ) ai sensi dell art. 45 della Legge Regionale 7 febbraio

Dettagli

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6 CODICE PRATICA riservato allo SUAP MOD.6COM FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO Segnalazione Certificata di Inizio attività (compilare in stampatello) ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ. Cognome Nome C.F.

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ. Cognome Nome C.F. SPAZIO RISERV. COMUNE N. reg. del ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Al Comune di il sottoscritto Cognome Nome C.F. di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F Luogo

Dettagli

ESERCIZIO DEL COMMERCIO ALL INGROSSO (Art. 4, comma 1, lett. a), D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114)

ESERCIZIO DEL COMMERCIO ALL INGROSSO (Art. 4, comma 1, lett. a), D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114) SCIA/INGROSSO ESERCIZIO DEL COMMERCIO ALL INGROSSO (Art. 4, comma 1, lett. a), D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (Art. 19 della Legge n. 241/1990, così come da

Dettagli

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello)

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. SCIA-COM 6bis Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998 n.114

Dettagli

Oggetto: Circolare informativa e relativa modulistica. D. Lgs n 114/98, art. 15. Legge Regionale n. 17 dell'11 giugno 1999 e s.m.i.

Oggetto: Circolare informativa e relativa modulistica. D. Lgs n 114/98, art. 15. Legge Regionale n. 17 dell'11 giugno 1999 e s.m.i. Protocollo n LEGAMBIENTE - TOURING CLUB BANDIERA BLU - FEE Area Amministrativa Affari Generali Servizio COMMERCIO Roccella Jonica, Ai Sigg. Esercenti del Settore Commercio - LL.SS. - Oggetto: Circolare

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO GRANDI STRUTTURE. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO GRANDI STRUTTURE. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO GRANDI STRUTTURE S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in SCIA affidamento reparto somministrazione Allo Sportello Unico Attività Produttive Servizio Associato Comuni di Bormida Mallare Pallare Via Chiesa 10 17045 Bormida (SV)..l.. sottoscritt... nat a... il..

Dettagli

Esercizi di commercio su area pubblica in forma itinerante TIPO B DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

Esercizi di commercio su area pubblica in forma itinerante TIPO B DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0048 Versione 001 2015) Marca da bollo Identificativo: Esercizi di commercio su area pubblica in forma itinerante TIPO B DOMANDA DI

Dettagli