Classificazione sismica attuale. Proposta di riclassificazione sismica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classificazione sismica attuale. Proposta di riclassificazione sismica"

Transcript

1 CLASSIFICAZIONE SISMICA E SISMICITÀ STORICA La Tab e le Figure e mostrano la classificazione sismica attuale dove il 75% dei comuni è in I e II categoria e la proposta di riclassificazione con l 87% dei comuni in I e II categoria ed il restante in III. Nelle cartine (Figure e ) sono riportate le intensità massime MCS storiche delle regioni abruzzese e molisana e dell Italia. Provincia abitanti Comuni I categoria II categoria III categoria Non sismici Campobasso Isernia Classificazione sismica attuale Totale Proposta di riclassificazione sismica Campobasso Isernia 9. Totale Tab Classificazione attuale e proposta di riclassificazione della regione Molise La sismicità storica della zona del Matese è stata ricavata dal Catalogo dei forti terremoti dal 61 prima di cristo al 199 a cura dell Istituto Nazionale di Geofisica e di SGA. Per ogni comune sono stati individuati i maggiori terremoti e inserite le principali caratteristiche del sisma, il numero di morti e feriti insieme al numero di abitanti residenti nel comune al momento del sisma, una sintetica descrizione dei danni provocati e una classificazione del danno effettuata secondo il manuale di agibilità del GNDT. Complessivamente sono stati individuati 16 eventi sismici e classificati 1 risentimenti censiti nei comuni dell area di cui 1 con I max 1-11, con I max 8-9 e 1 con I max 7. I grafici descrivono le distribuzioni dei principali parametri che caratterizzano gli eventi sismici dell area campione. Sono stati esaminati gli effetti rilevati nei singoli comuni, l intensità massima e il danno sismico correlati alla intensità massima epicentrale. 2

2 1 a Cat. 2 a Cat. n.c. Tab Classificazione sismica dei comuni della regione Molise secondo la normativa vigente 1 a Cat. 2 a Cat. a Cat. Tab Classificazione sismica dei comuni della regione Molise secondo la proposta di riclassificazione del Servizio sismico Nazionale anno gg mese ora Epicentro Io I max durata sec. 6 nd nd nd Sannio 9 9 nd Italia centro Meridionale nd Napoli 9,5 1 nd Sannio nd Molise 1 1 nd Basilicata nd Montemurro 8 8 nd Matese 7 1 nd Colli Albani 7 7 nd Marsica nd Irpinia Maiella 9 9 nd Irpinia 9 1 nd Irpinia/Basilicata 1 1 nd Appenino Abruzzese 8 8 nd Appenino Abruzzese 7 7 Nd Tab Principali eventi sismici che hanno interessato il Matese 2

3 Tab Eventi sismici che hanno interessato il Matese rilevati nei 2 comuni 25 Comune Anno gg m Ora Epicentro Io I max sec. MCS MSK Morti Feriti Abitanti Danni descrittivi Cantalupo Italia centro Meridionale nd Crollo di gran parte degli edifici 5 Cantalupo Napoli 9,5 nd nd nd nd Crollo di gran parte degli edifici 5 Cantalupo Molise 1 1 nd 22 2 nd Distruzione quasi completa dell'abitato 5 Cantalupo Matese 7 1 nd nd nd nd Gravi danni alla chiesa parrocchiale Cantalupo Marsica nd 6 nd nd nd Nd nd Cantalupo Irpinia nd Lesioni ad una abitazione 1 Cantalupo Appenino Abruzzese 8 8 nd nd Piccole lesioni alle murature del Centro Storico 1 Cantalupo Appenino Abruzzese 7 7 nd nd Castelpizzuto Molise 1 1 nd nd nd nd Castelpizzuto Matese 7 1 nd nd nd nd Caduta cornicioni, piccole lesioni in vecchi edifici, lesioni alla scuola ( di recente costruzione ), lesioni alle tamponature di case in c.a.. Danni gravissimi all'abitato: diverse case crollarono e le rimanenti rimasero gravemente danneggiate. Da una spaccatura creatasi in una collina eruttarono lapilli, fiamme, lava e sabbia composta di frantumi calcarei di zolfo e lapilli. Castelpizzuto Appenino Abruzzese 8 8 nd nd Danni diffusi non meglio specificati 2 Castelpizzuto Appenino Abruzzese 7 7 nd nd Danni diffusi non meglio specificati 2 Frosolone Italia centro Meridionale nd 5 nd 755 Crollo di quasi tutte le case 5 Frosolone Napoli 9,5 nd 5 nd 755 Crollo di quasi tutte le case 5 Frosolone Molise 1 1 nd Distruzione completa dell'abitato 5 Frosolone Colli Albani 7 7 nd nd nd nd Scossa non avvertita Frosolone Irpinia 9 nd nd nd nd nd Senza effetti Frosolone Irpinia 9 9 nd nd nd nd Senza effetti Frosolone Irpinia/Basilicata 1 1 nd 5 nd nd nd Senza effetti Frosolone Appenino Abruzzese 8 8 nd nd Frosolone Appenino Abruzzese 7 7 nd nd Lesioni negli intonaci. Danni gravi a 2 chiese di cui una chiusa per crollo della volta. Aggravamento danni preesistenti e caduta di intonaci e stucchi in una chiesa. Pettoranello Matese 7 8 nd nd nd nd La scossa fu avvertita fortemente. 1 Roccamandolfi Molise 1 1 nd 1 nd nd Pochi crolli, case inabitabili, molte lesioni. Roccamandolfi Matese 7 1 nd nd nd nd Una frana provocata tra Cantalupo e Roccamandolfi 1 Roccamandolfi Appenino Abruzzese 8 8 nd nd Roccamandolfi Appenino Abruzzese 7 7 nd nd Lesioni diffuse, volte ampie e profonde, nei muri, caduta di fumaioli, crolli parziali di solai e coperture. Lesioni diffuse, volte ampie e profonde, nei muri, caduta di fumaioli, crolli parziali di solai e coperture. Baranello Italia centro Meridionale nd 2 nd 1 Crollo di gran parte delle case. 5 Danni GNDT 2 2

4 26 Baranello Napoli 9,5 nd 2 nd 1 Crollo di gran parte delle case. 5 Baranello Sannio nd 5 nd nd Crollo parziale del palazzo baronale. Crollo di muri esterni della chiesa principale. Baranello Molise 1 1 nd nd Distruzione completa dell'abitato 5 Baranello Marsica nd nd nd nd La scossa fu avvertita da poche persone. Baranello Irpinia 1 1 nd nd nd Non sono noti gli effetti. nd Baranello Maiella 9 9 nd nd nd nd Nd nd Baranello Irpinia/Basilicata 1 1 nd 6 nd nd nd Senza effetti Baranello Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd Nd nd Baranello Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd Cercemaggiore Italia centro Meridionale nd 6 nd nd Crollo di gran parte delle case. 5 Cercemaggiore Napoli 9,5 nd 6 nd nd Crollo di gran parte delle case. 5 Cercemaggiore Sannio nd nd nd nd Scossa avvertita, pochi danni. 1 Cercemaggiore Molise 1 1 nd nd nd nd Gravi danni all'abitato, gravemente lesionato il monastero dei Domenicani, qualche casa si rese inabitabile e fu demolita successivamente. Cercemaggiore Marsica nd 5 nd nd nd Nd nd Cercemaggiore Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd Nd nd Cercemaggiore Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd Cercepiccola Italia centro Meridionale nd 9 nd 75 Crollo di gran parte delle case. 5 Cercepiccola Napoli 9,5 nd 9 nd 75 Crollo di gran parte delle case. 5 Cercepiccola Sannio nd nd 1 nd La scossa danneggiògravemente il palazzo baronale, danni diffusi alle abitazioni. Cercepiccola Molise 1 1 nd nd nd nd Gravi danni all'abitato, poche case crollate interamente. Cercepiccola Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd Nd nd Cercepiccola Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd Colle d'anchise Italia centro Meridionale nd 2 nd 17 Crollo di gran parte delle case. 5 Colle d'anchise Napoli 9,5 nd 2 nd 17 Crollo di gran parte delle case. 5 Colle d'anchise Molise 1 1 nd 5 nd Danni gravissimi all'abitato, che venne distrutto parzialmente Colle d'anchise Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd Nd nd Colle d'anchise Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd Guardiaregia Italia centro Meridionale nd nd 25 Crollo di gran parte delle case. 5 Guardiaregia Napoli 9,5 nd nd 25 Crollo di gran parte delle case. 5 Guardiaregia Sannio nd 7 nd nd Gravi danni e crolli di molti edifici, specialmente nel contado. Tra le vittime vi fu il Governatore del Molise. Guardiaregia Molise 1 1 nd 22 nd Distruzione quasi completa dell'abitato 5

5 Guardiaregia Irpinia/Basilicata 1 1 nd 6 nd nd nd Senza effetti Guardiaregia Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd Nd nd Guardiaregia Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd San Giuliano del Sannio Italia centro Meridionale nd 215 nd 56 Crollo di gran parte delle case San Giuliano del Sannio Napoli 9,5 nd 215 nd 56 Crollo di gran parte delle case. 5 San Giuliano del Sannio Sannio nd 1 nd nd Crollo di 8 case, quelle rimaste in piedi minacciavano di crollare. San Giuliano del Sannio Molise 1 1 nd 92 9 nd Molti crolli e molte case cadenti. 5 San Giuliano del Sannio Irpinia/Basilicata 1 1 nd 5 nd nd nd Senza effetti San Giuliano del Sannio Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd nd nd San Giuliano del Sannio Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd nd nd San Polo Matese Italia centro Meridionale nd nd nd nd Crollo di quasi tutte le case e morte di molte persone. 5 San Polo Matese Napoli 9,5 nd nd nd nd Crollo di quasi tutte le case e morte di molte persone. 5 San Polo Matese Molise 1 1 nd nd Distruzione quasi completa dell'abitato. Le case rimaste in piedi divennero inabitabili. San Polo Matese Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd nd nd San Polo Matese Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd nd nd Sepino 6 nd nd nd Sannio 9 9 nd nd nd nd Distruzione o danneggiamento di un edificio pubblico adibito a mercato ("macellum") ; rest aurato su disposizione del governatore del Sannio Antonio Iustiniano, attestati da una epigrafe rinvenuta recentemente. Sepino Italia centro Meridionale nd 6 nd 117 Crollo di gran parte delle case. 5 Sepino Napoli 9,5 nd 6 nd 117 Crollo di gran parte delle case. 5 Sepino Sannio nd nd nd nd Crollo di gran parte del convento di S.Francesco, danni alla chiesa principale e a numerose case, i crolli continuarono anche nei giorni successivi. Sepino Molise 1 1 nd 6 nd Distruzione di metà dell'abitato, crollo della Cattedrale. 5 Sepino Irpinia/Basilicata 1 1 nd 5 nd nd nd Senza effetti Sepino Appenino Abruzzese 8 8 nd nd Nd nd Sepino Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd Spinete Italia centro Meridionale nd 6 nd 117 Crollo di gran parte delle case. 5 Spinete Napoli 9,5 nd 6 nd 117 Crollo di gran parte delle case. 5 Spinete Molise 1 1 nd 6 nd Distruzione di metà del l 'abitato, crollo della Cattedrale. 5 Spinete Basilicata nd nd nd nd Nd nd Spinete Montemurro 8 8 nd nd nd nd Nd nd Spinete Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd Nd nd Spinete Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd Nd nd 5 5 1

6 28 Vinchiaturo Italia centro Meridionale nd 1 nd 29 Crollo di gran parte delle case. 5 Vinchiaturo Napoli 9,5 nd 1 nd 29 Crollo di gran parte delle case. 5 Vinchiaturo Sannio nd nd nd nd Danni alle chiese, alla torre del Palazzo Baronale e a molte case; la chiesa di S.Lucia minacciava di crollare. Vinchiaturo Molise 1 1 nd 5 21 nd Quasi completa distruzione dell'abitato. 5 Vinchiaturo Matese 7 8 nd nd nd nd Danni gravi agli edifici. Vinchiaturo Marsica nd 5 nd nd nd Terremoto avvertito da tutta la popolazione. Nd Vinchiaturo Irpinia 1 1 nd nd nd nd nd nd Vinchiaturo Irpinia 9 9 nd 5 nd nd nd nd nd Vinchiaturo Irpinia 9 9 nd 5 nd nd nd nd ns Vinchiaturo Irpinia/Basilicata 1 1 nd 5 nd nd nd Senza effetti Vinchiaturo Appenino Abruzzese 8 8 nd 5 nd nd nd Vinchiaturo Appenino Abruzzese 7 7 nd 5 nd nd nd Legenda Anno Anno in cui si è verificato l evento MCS Intensità secondo la scala NCS (Mercalli, Cancani, Sieberg ) Gg Giorno in cui si è verificato l evento MKS Intensità seocnodo la scala (Mercalli, Sponheur, Karnik) M Mese in cui si è verificato l evento Morti Numero dei morti Ora Ora in cui si è verificato l evento Feriti Numero dei feriti Io Abitanti Abitanti alla data dell evento I max Intensità massima registrata Danni Descrizione del danno Classe di danno secondo il manuale di agibilità del GNDT Sec Durata in secondi dell evento Danno GNDT = nessun danno; 1=danni lievi; 2= danni medi ; = danni gravi; =danni gravissimi; 5= crollo

7 29

8

9 1

Regione PUGLIA - Note storiche

Regione PUGLIA - Note storiche Regione PUGLIA - Note storiche Terremoto del 1627. Mappa con la descrizione dei danni secondo una scala macrosismica a quattro gradi riportata in legenda. [in ENEA (1992), Terremoti in Italia dal 62 a.d.

Dettagli

A trent anni dal Terremoto dell 80 La Prevenzione del Rischio Sismico tra Memoria e Innovazione

A trent anni dal Terremoto dell 80 La Prevenzione del Rischio Sismico tra Memoria e Innovazione Centro Studi PLINIVS Università di Napoli A trent anni dal Terremoto dell 80 La Prevenzione del Rischio Sismico tra Memoria e Innovazione Potenza, Venerdì, 19 Novembre 2010 Università degli Studi della

Dettagli

Bresciano 24/11/2004

Bresciano 24/11/2004 Bresciano 24/11/2004 Rapporto preliminare sugli effetti del terremoto bresciano del 24 novembre 2004 [RPT02 agg. ore 16:00 del 28.11.2004] Il 24 novembre 2004 alle 23.59 ora locale, una scossa di magnitudo

Dettagli

IL TERREMOTO DEL CONERO DEL LUGLIO 2013

IL TERREMOTO DEL CONERO DEL LUGLIO 2013 a g (g) a g (g) a g (g) AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE IL TERREMOTO DEL CONERO DEL LUGLIO 2013 a cura di S. Paolini, G. Bongiovanni, P. Clemente,

Dettagli

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Rilievo macrosismico degli effetti prodotti dal terremoto del Pollino del 26 ottobre 2012 alle ore 01:05 locali [aggiornamento: 29 ottobre 2012, ore 18:00]

Dettagli

Report dei danni registrati a seguito del terremoto del Centro Italia del 24 agosto 2016 (Release 1)

Report dei danni registrati a seguito del terremoto del Centro Italia del 24 agosto 2016 (Release 1) Report dei danni registrati a seguito del terremoto del Centro Italia del 24 agosto 2016 (Release 1) F. Celano 1, M. Cimmino 2, O. Coppola 1, G. Magliulo 1, P. Salzano 1 1 Dipartimento di Strutture per

Dettagli

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE 1 IL DIRETTORE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977 n. 616, in virtù del quale è stata confermata allo Stato la determinazione degli interventi

Dettagli

Allegato A. Codice ISTAT. Popolazione (ab.)

Allegato A. Codice ISTAT. Popolazione (ab.) Elenco delle gestioni 1, operanti nella Regione Molise, che risultano non aver inviato i dati e gli atti richiesti, ovvero aver trasmesso i medesimi in modo incompleto e tale da non consentirne l utilizzo

Dettagli

REPORT SULLA SEQUENZA SISMICA CON EPICENTRO NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO (AGGIORNAMENTO: Ore del 25/10/2016)

REPORT SULLA SEQUENZA SISMICA CON EPICENTRO NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO (AGGIORNAMENTO: Ore del 25/10/2016) REPORT SULLA SEQUENZA SISMICA CON EPICENTRO NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO (AGGIORNAMENTO: Ore 21.00 del 25/10/2016) Alle ore 18.53 del 25/10/2016 è stato registrato un evento sismico di ML (Magnitudo

Dettagli

Alcune note sulla sequenza sismica della Val di Taro (giugno- luglio 2014)

Alcune note sulla sequenza sismica della Val di Taro (giugno- luglio 2014) 15 Luglio 2014 Richiedente: Gigi Cavalli - Esvaso.it Alcune note sulla sequenza sismica della Val di Taro (giugno- luglio 2014) La sera del 13 luglio un terremoto di magnitudo 2.6 (alle 21:19) ha dato

Dettagli

I terremoti del 24 e 26 dicembre 1885 in Basilicata e Molise

I terremoti del 24 e 26 dicembre 1885 in Basilicata e Molise I terremoti del 24 e 26 dicembre 1885 in Basilicata e Molise Rapporto interno a cura di A. Rossi e A. Tertulliani [novembre 2015] 1 Stato delle conoscenze Il terremoto del 26 dicembre 1885 è incluso nel

Dettagli

Ci sono due tipi di scosse:

Ci sono due tipi di scosse: 1 Il terremoto è un fenomeno naturale che non si può prevedere: possono avvenire in qualunque momento dell anno, con qualunque tempo atmosferico e in qualunque ora del giorno o della notte. Un terremoto

Dettagli

DiSGG, Università della Basilicata Centro di Competenza sul Rischio Sismico della Regione Basilicata (CRiS)

DiSGG, Università della Basilicata Centro di Competenza sul Rischio Sismico della Regione Basilicata (CRiS) Comune di Potenza DiSGG Vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio della città di Potenza DiSGG, Università della Basilicata (masi@unibas.it) Centro di Competenza sul Rischio Sismico della Regione Basilicata

Dettagli

Il terremoto di Anzio del 22 agosto 2005 alle ore Internal technical Report

Il terremoto di Anzio del 22 agosto 2005 alle ore Internal technical Report Il terremoto di Anzio del 22 agosto 2005 alle ore 12.02 Geol. Fabio Meloni Regione Lazio - Area Difesa Suolo Servizio geologico (D2/2A/08) Internal technical Report Il terremoto di Anzio del 22 agosto

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DI RISCHIO DEL TERRITORIO ITALIANO 2017

RAPPORTO SULLO STATO DI RISCHIO DEL TERRITORIO ITALIANO 2017 RAPPORTO SULLO STATO DI RISCHIO DEL TERRITORIO ITALIANO 2017 ROMA 2017 LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ITALIANO RISPETTO AL RISCHIO NATURALE 8,2 MILIONI DI PERSONE A RISCHIO ALTO 11,6 MILIONI A RISCHIO MEDIO-ALTO

Dettagli

Figura 19: La classificazione territoriale nel PSR del Molise

Figura 19: La classificazione territoriale nel PSR del Molise Figura 19: La classificazione territoriale nel PSR del Molise A. Poli urbani Tale area è stata individuata applicando rigorosamente la metodologia proposta nel PSN. Essa è dunque riconducibile ai soli

Dettagli

Rapporto sulla sismicità tra Montereale e Cittareale ( ; ore 11 UTC)

Rapporto sulla sismicità tra Montereale e Cittareale ( ; ore 11 UTC) I 00143 Roma Via di Vigna Murata 605 Tel: (0039) 06518601 Fax: (0039) 0651860580 URL: www.ingv.it email: aoo.roma@pec.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Rapporto sulla sismicità tra

Dettagli

IL TERREMOTO DEL MATESE DEL 29 DICEMBRE 2013

IL TERREMOTO DEL MATESE DEL 29 DICEMBRE 2013 IL TERREMOTO DEL MATESE DEL 29 DICEMBRE 2013 a cura di G. Bongiovanni, P. Clemente, S. Hailemikael, G. Martini, S. Paolini, V. Verrubbi 1 LA SEQUENZA SISMICA Il 29 dicembre 2013, alle 18:08, una scossa

Dettagli

Capitolo 4 - Catalogazione dei terremoti

Capitolo 4 - Catalogazione dei terremoti Capitolo 4 - Catalogazione dei terremoti A partire dai primi secoli dopo Cristo, vengono redatte cronache sugli avvenimenti sismici più rilevanti; successivamente, con gli inizi del XIX secolo, tali cronache

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO SISMICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO SISMICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO SISMICO 1. GENERALITA Il terremoto è uno dei più temibili fenomeni geologici, connotato, come mostrano alcuni censimenti sulle catastrofi naturali, da un alta incidenza come numero

Dettagli

IL TERREMOTO DELL ITALIA CENTRALE DEL 24 AGOSTO 2016

IL TERREMOTO DELL ITALIA CENTRALE DEL 24 AGOSTO 2016 Ingegneria Sismica e Prevenzione Rischi Naturali (http://prev.enea.it) IL TERREMOTO DELL ITALIA CENTRALE DEL 24 AGOSTO 2016 a cura di G. Bongiovanni, P. Clemente, S. Hailemikael, G. Martini, S. Paolini,

Dettagli

Il terremoto di riferimento: la sequenza, storia sismica, pericolosità

Il terremoto di riferimento: la sequenza, storia sismica, pericolosità Il terremoto di riferimento: la sequenza, storia sismica, pericolosità R. Camassi Working Group Sismologia Storica e QUEST Team Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Italy La sequenza sismica

Dettagli

STUD'S. Risultati dell'indagine "Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza

STUD'S. Risultati dell'indagine Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza STUD'S Risultati dell'indagine "Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza Campione: studenti della scuola secondaria di I grado Villa Reatina Rischio sismico Che cosa è un

Dettagli

Piano Territoriale di Coordinamento Provincia di Cosenza

Piano Territoriale di Coordinamento Provincia di Cosenza Scheda Monografica N 045 Comune Cosenza Superficie (ha) 3.724 Altitudine media centro abitato (m s.l.m.) 238 Cartografia IGM 1:50.000 Foglio N 559 - Cosenza Corsi d acqua F. Crati, T. Busento, T. Albicello,

Dettagli

Tavola Popolazione residente per classe di età inferiore a 18 anni e regione - Al 01/01/2003

Tavola Popolazione residente per classe di età inferiore a 18 anni e regione - Al 01/01/2003 Tavola 1.1 - Popolazione residente per classe di età inferiore a 18 anni e regione - Al 01/01/2003 Classi d'età Regioni 0-4 5-9 10-14 15-17 Totale Piemonte 174.387 168.509 173.232 102.627 618.755 Valle

Dettagli

Il terremoto del 6 aprile sismologiche e geologiche. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Il terremoto del 6 aprile sismologiche e geologiche. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Il terremoto del 6 aprile 2009 a L Aquila: L considerazioni sismologiche e geologiche Martina Demartin & Pierfrancesco Burrato Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Trento, 24 settembre 2009 Dove

Dettagli

dei terremoti storici dall anno 1000 (CPTI11,

dei terremoti storici dall anno 1000 (CPTI11, NOTA DI APPROFONDIMENTO 18 febbraio 2013 L area intorno a Sora in cui è avvenuto il terremoto di magnitudo ML 4.8 nella notte del 16 febbraio 2013 è classificata ad alta pericolosità sismica. Questo terremoto

Dettagli

Documento allegato alla proposta per l adeguamento antisismico delle strutture ospedaliere

Documento allegato alla proposta per l adeguamento antisismico delle strutture ospedaliere Documento allegato alla proposta per l adeguamento antisismico delle strutture ospedaliere I seguenti dati sono stati ricavati da: Bollettino sismico nazionale; Database storico dell Istituto Nazionale

Dettagli

Analisi geografica degli aspetti socio-economici e demografici delle aree colpite dal terremoto del

Analisi geografica degli aspetti socio-economici e demografici delle aree colpite dal terremoto del Analisi geografica degli aspetti socio-economici e demografici delle aree colpite dal terremoto del 23.11.1980 Maurizio Pignone, Alessandra Murolo, Laura Bonito, Concetta Nostro, Raffaele Moschillo Distribuzione

Dettagli

Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione Seminario Nazionale per la diffusione della cultura della protezione civile nella scuola dell obbligo Indice Il rischio sismico Il rischio sismico

Dettagli

ANALISI DEGLI EVENTI SISMICI CON EFFETTI MACROSCOPICI SUL TERRITORIO

ANALISI DEGLI EVENTI SISMICI CON EFFETTI MACROSCOPICI SUL TERRITORIO ANALISI DEGLI EVENTI SISMICI CON EFFETTI MACROSCOPICI SUL TERRITORIO Alla base della caratterizzazione di un area dal punto di vista sismico, vi è la raccolta dei dati riguardanti gli eventi che si sono

Dettagli

Vulnerabilità degli edifici e scenari di danno nei centri storici A. Martinelli Introduzione

Vulnerabilità degli edifici e scenari di danno nei centri storici A. Martinelli Introduzione # # CAPITOLO 3 - ELABORAZIONI 3.2.4 - Vulnerabilità degli edifici e scenari di danno nei centri storici A. Martinelli 3.2.4.1 Introduzione Nel presente paragrafo si illustra il lavoro svolto per lo studio

Dettagli

Regione CAMPANIA - Note storiche

Regione CAMPANIA - Note storiche Regione CAMPANIA - Note storiche Terremoto dell Alta Irpinia del 1930 (Centro di Documentazione - Servizio Sismico Nazionale) ALCUNI DEI TERREMOTI PIU' DISTRUTTIVI NELL'ULTIMO MILLENNIO Data Intensità

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE (Piano di Protezione Civile)

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE (Piano di Protezione Civile) Scenari di rischio predefiniti e procedure per l attivazione e l intervento delle Strutture di, delle Strutture Operative Comunali e di Supporto Il Piano di Emergenza Comunale: Di cosa si compone il Piano:

Dettagli

LE SCALE SISMICHE E L E N A G O V O N I

LE SCALE SISMICHE E L E N A G O V O N I LE SCALE SISMICHE E L E N A G O V O N I Prerequisiti Le strutture tettoniche (faglie, falde di sovrascorrimento, pieghe) Le rocce e le loro principali caratteristiche Gli aspetti fondamentali del sisma

Dettagli

SCENARI DI DANNO EMPIRICI E ANALITICI A CONFRONTO CON RECENTI TERREMOTI ITALIANI

SCENARI DI DANNO EMPIRICI E ANALITICI A CONFRONTO CON RECENTI TERREMOTI ITALIANI 32 Convegno Nazionale Trieste 19-21 novembre 2013 SCENARI DI DANNO EMPIRICI E ANALITICI A CONFRONTO CON RECENTI TERREMOTI ITALIANI F. Sabetta 1, E. Speranza 1, B. Borzi 2, M. Faravelli 2 1- Dipartimento

Dettagli

L Italia sismica Dati socio-demografici e strutturali dei comuni del centro Italia

L Italia sismica Dati socio-demografici e strutturali dei comuni del centro Italia L Italia sismica Dati socio-demografici e strutturali dei comuni del centro Italia Chiara Caramia n. matricola 100254 Eleonora Romagnoli n. matricola 97679 Federica Rossi n. matricola 100573 Sofia Solera

Dettagli

Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (Reluis)

Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (Reluis) Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (Reluis) ------------------------------------------------------------------------ Terremoto dell Emilia: report preliminare sui danni registrati a

Dettagli

Ciascun grado della scala Richter corrisponde ad un livello di energia 31,6 volte più grande di quello rappresentato dal grado precedente.

Ciascun grado della scala Richter corrisponde ad un livello di energia 31,6 volte più grande di quello rappresentato dal grado precedente. Scala di Richter E' una scala i cui valori variano da 0 a 9 e sono ottenuti con formule matematiche complesse che tengono conto del'ampiezza indicata al sismografo e della distanza che separa il sismografo

Dettagli

Different damage distribution observed in the villages of Pescara del Tronto and Vezzano after the 2016 Central Italy Earthquake: some remarks

Different damage distribution observed in the villages of Pescara del Tronto and Vezzano after the 2016 Central Italy Earthquake: some remarks Different damage distribution observed in the villages of Pescara del Tronto and Vezzano after the 2016 Central Italy Earthquake: some remarks A. Masi (1), G. Santarsiero (1), L. Chiauzzi (1), M.R. Gallipoli

Dettagli

CHIESA DI SAN GIULIANO MARTIRE SAN GIULIANO DI PUGLIA - CAMPOBASSO

CHIESA DI SAN GIULIANO MARTIRE SAN GIULIANO DI PUGLIA - CAMPOBASSO SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Prima Facoltà Di Architettura Ludovico Quaroni CdlS Architettura - Restauro dell Architettura Corso di Comportamento dei materiali murari a.a. 2006/2007 docente: patrizia trovalusci

Dettagli

1. CONTENUTI DEL PROGETTO

1. CONTENUTI DEL PROGETTO Volume I - RELAZIONE GENERALE 1.1 Ambito territoriale Il progetto, nella sua formulazione iniziale, riguardava 5 regioni del Sud dell Italia: Molise, Campania,, e la orientale comprendente 67 della provincia

Dettagli

SCENARI DI EVENTO E SCENARI DI DANNO

SCENARI DI EVENTO E SCENARI DI DANNO SCENARI DI EVENTO E SCENARI DI DANNO Tra tutti gli eventi possibili, che possono interessare un determinato territorio, bisogna selezionare quelli che vanno assunti a riferimento per i diversi tipi/ambiti

Dettagli

I PIANI DI PROTEZIONE CIVILE IN CASO DI TERREMOTO

I PIANI DI PROTEZIONE CIVILE IN CASO DI TERREMOTO 1915-2009: I TERREMOTI IN ABRUZZO I PIANI DI PROTEZIONE CIVILE IN CASO DI TERREMOTO Alessandro Annovi Comune di Modena SIGEA Emilia-Romagna Che cos è un piano di Protezione civile? Un documento che contiene

Dettagli

SISMA IN ABRUZZO INGEGNERI A CONFRONTO

SISMA IN ABRUZZO INGEGNERI A CONFRONTO SISMA IN ABRUZZO INGEGNERI A CONFRONTO PRIME OSSERVAZIONI SUI DATI RACCOLTI DAL GENIO CIVILE Dicembre 2009 Dott. Ing. Luciano Macropodio 100 % TUTTO 80 % ---------------- 50 % META' (molto grave) 25 %

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA E STATO DI DANNO

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA E STATO DI DANNO INDICE 1. PREMESSA E OGGETTO... 2 2. DESCRIZIONE DELLO STATO DI DANNO... 2 2.1. Palazzo... 2 2.2. Torre dell orologio... 10 2.3. Corpo scale interno (caratterizzato da torrino di illuminazione superiore)...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Circolare 15 settembre 2017, n. 114766 Avviso pubblico per la selezione di iniziative imprenditoriali nel territorio dell area di crisi industriale complessa di Venafro

Dettagli

CATALOGO SISMA STRUTTURA ANTISISMICA TESTATA E COLLAUDATA LEADER EUROPEO DA OLTRE 30 ANNI

CATALOGO SISMA STRUTTURA ANTISISMICA TESTATA E COLLAUDATA LEADER EUROPEO DA OLTRE 30 ANNI CATALOGO SISMA isotex, STRUTTURA ANTISISMICA TESTATA E COLLAUDATA LEADER EUROPEO DA OLTRE 30 ANNI ISOTEX SICUREZZA ANTISISMICA TESTATA E COLLAUDATA Purtroppo anche gli ultimi eventi sismici che hanno colpito

Dettagli

Tabella1. Pagina 2. MOLISE ISERNIA AGNONE 1 agnone

Tabella1. Pagina 2. MOLISE ISERNIA AGNONE 1 agnone MOLISE CAMPOBASSO BARANELLO MOLISE CAMPOBASSO BOJANO 41 MOLISE CAMPOBASSO BONEFRO MOLISE CAMPOBASSO BUSSO MOLISE CAMPOBASSO CAMPOBASSO 1 MOLISE CAMPOBASSO CAMPOBASSO 2 MOLISE CAMPOBASSO CAMPOBASSO 3 MOLISE

Dettagli

In Italia ogni anno si verificano in media circa un centinaio di terremoti che la popolazione è in grado di percepire.

In Italia ogni anno si verificano in media circa un centinaio di terremoti che la popolazione è in grado di percepire. RISCHIO SISMICO IN ITALIA: dal CNI una nota con stima del numero di abitazioni interess ate e costi per la loro messa in sicurezza. In Italia ogni anno si verificano in media circa un centinaio di terremoti

Dettagli

IL RISCHIO SISMICO NELL AREA CATANESE

IL RISCHIO SISMICO NELL AREA CATANESE IL RISCHIO SISMICO NELL AREA CATANESE RELATORE: DOTT. ING. ALFIO GRASSI CONSIGLIERE TESORIERE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA 1 IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CATANIA E SOGGETTO: AGLI EFFETTI DEI

Dettagli

IL PERICOLO VIENE DALL ALTO:

IL PERICOLO VIENE DALL ALTO: IL PERICOLO VIENE DALL ALTO: DALLA PREVENZIONE ALLA SOLUZIONE DEI RISCHI LEGATI ALLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI IL RISCHIO SISMICO ED IL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE Relatore : Ing. Pierluigi Betti B.F.

Dettagli

Indice. Allegato tecnico... Schemi grafici Determinazione del danno strutturale degli edifici di tipo E

Indice. Allegato tecnico... Schemi grafici Determinazione del danno strutturale degli edifici di tipo E Indice 1. Premessa.... 2 2. Analisi del danno e del comportamento strutturale... 2 2.3. Descrizione del comportamento strutturale... 3 2.4. Analisi del danno.... 3 Allegato tecnico.... Schemi grafici Determinazione

Dettagli

I terremoti in Italia

I terremoti in Italia I TERREMOTI I terremoti in Italia Data Intensità (scala Mercalli) Magnitudo Regione Note 8 settembre 1905 X 6.8 Calabria 557 vittime, 300.000 senzatetto 28 dicembre 1908 XI 7.1 Calabro-Messinese Circa

Dettagli

2.5 Rischio sismico. Figura 1 Classificazione sismica dei comuni della Toscana. Fonte: Regione Toscana

2.5 Rischio sismico. Figura 1 Classificazione sismica dei comuni della Toscana. Fonte: Regione Toscana 2.5 Rischio sismico Classificazione sismica Tutti i 287 comuni della sono classificati sismici con l approvazione della Deliberazione di GR n. 431 del 19/06/2006, che ha recepito l Ordinanza del Presidente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Classificazione sismica La classificazione sismica del territorio nazionale si effettua sulla base di criteri emanati nel 2003, criteri individuati a partire da studi ed elaborazioni relativi alla pericolosità

Dettagli

Analisi sistematica del danneggiamento e della vulnerabilità di S. Giuliano di Puglia: strumenti di rilievo. Il Gruppo di Lavoro

Analisi sistematica del danneggiamento e della vulnerabilità di S. Giuliano di Puglia: strumenti di rilievo. Il Gruppo di Lavoro Analisi sistematica del danneggiamento e della vulnerabilità di S. Giuliano di Puglia: strumenti di rilievo Università della Basilicata hanno coordinato: Mauro DOLCE & Angelo MASI Il Gruppo di Lavoro Università

Dettagli

Territorio e sismicità

Territorio e sismicità Associazione Culturale Bandistica Città dei Lauri Montasola (Rieti), 20 marzo 2010 Territorio e sismicità Il rischio sismico in Sabina Dr. Geol. Andrea Banchelli Via Fratelli Bruni, 2 Poggio Mirteto (Rieti)

Dettagli

Cos è successo? Essere informati rapidamente sulle conseguenze di un terremoto grazie alle ShakeMap e alle mappe di scuotimento

Cos è successo? Essere informati rapidamente sulle conseguenze di un terremoto grazie alle ShakeMap e alle mappe di scuotimento Cos è successo? Essere informati rapidamente sulle conseguenze di un terremoto grazie alle ShakeMap e alle mappe di scuotimento ShakeMap relativa al terremoto di Zugo, occorso l 11 Febbraio 2012 alle 23:45,

Dettagli

Pericolosità sismica: l Abruzzo seconda regione italiana per superficie e terza per popolazione ed edifici residenziali in zona sismica 1

Pericolosità sismica: l Abruzzo seconda regione italiana per superficie e terza per popolazione ed edifici residenziali in zona sismica 1 L Aquila, 5 gennaio 2017 Pericolosità sismica: l Abruzzo seconda regione italiana per superficie e terza per popolazione ed edifici residenziali in zona sismica 1 È classificato in zona sismica 1 1, quella

Dettagli

NOTA SU RISCHIO SISMICO IN ITALIA: STIMA DEL NUMERO DI ABITAZIONI INTERESSATE (E POPOLAZIONE DI RIFERIMENTO) E COSTI PER LA LORO MESSA IN SICUREZZA

NOTA SU RISCHIO SISMICO IN ITALIA: STIMA DEL NUMERO DI ABITAZIONI INTERESSATE (E POPOLAZIONE DI RIFERIMENTO) E COSTI PER LA LORO MESSA IN SICUREZZA NOTA SU RISCHIO SISMICO IN ITALIA: STIMA DEL NUMERO DI ABITAZIONI INTERESSATE (E POPOLAZIONE DI RIFERIMENTO) E COSTI PER LA LORO MESSA IN SICUREZZA In Italia ogni anno si verificano in media circa un centinaio

Dettagli

MAINTENANCE TIME! VII Edizione MITIGAZIONE DEL RISCHIO SISMICO

MAINTENANCE TIME! VII Edizione MITIGAZIONE DEL RISCHIO SISMICO ! MAINTENANCE TIME! VII Edizione MITIGAZIONE DEL RISCHIO SISMICO NELLE COSTRUZIONI ESISTENTI Salerno, 21 Marzo 2017 Un disastro può essere definito come la situazione di crisi sociale causata dall impatto

Dettagli

IL TERREMOTO DELLA SICILIA NORD-ORIENTALE DELL'AGOSTO 2013

IL TERREMOTO DELLA SICILIA NORD-ORIENTALE DELL'AGOSTO 2013 AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E LO SVILPO ECONOMICO SOSTENIBILE Prevenzione Rischi Naturali e Mitigazione Effetti (http://prev.enea.it) IL TERREMOTO DELLA SICILIA NORD-ORIENTALE

Dettagli

Capitolo 4 I fenomeni sismici. Lupia Palmieri, Parotto, Il Globo terrestre e la sua evoluzione ed. blu Zanichelli editore

Capitolo 4 I fenomeni sismici. Lupia Palmieri, Parotto, Il Globo terrestre e la sua evoluzione ed. blu Zanichelli editore 1 Epicentri di circa 30 000 terremoti registrati in un decennio (Servizio Geodetico Costiero degli Stati Uniti d America). 2 Il meccanismo del rimbalzo elastico (o reazione elastica). Posizione geografica

Dettagli

L altra domanda è: quali sono le scale utilizzate per misurare e rilevare l entità e l intensità dei terremoti?

L altra domanda è: quali sono le scale utilizzate per misurare e rilevare l entità e l intensità dei terremoti? L idea di creare uno strumento che rilevi i terremoti è molto antica: il primo congegno di cui si abbia notizia è un invenzione cinese risalente circa all anno 132 d.c. denominato sismoscopio di Zhang

Dettagli

Primo Rapporto ANCE/CRESME. LO STATO DEL TERRITORIO ITALIANO 2012 Insediamento e rischio sismico e idrogeologico

Primo Rapporto ANCE/CRESME. LO STATO DEL TERRITORIO ITALIANO 2012 Insediamento e rischio sismico e idrogeologico Primo Rapporto ANCE/CRESME LO STATO DEL TERRITORIO ITALIANO 2012 Insediamento e rischio sismico e idrogeologico Roma, ottobre 2012 GRUPPO DI LAVORO CRESME PROGETTAZIONE E DIREZIONE Lorenzo Bellicini COORDINAMENTO

Dettagli

PERIMETRAZIONE CENTRI E NUCLEI DI PARTICOLARE INTERESSE MAGGIORMENTE COLPITI

PERIMETRAZIONE CENTRI E NUCLEI DI PARTICOLARE INTERESSE MAGGIORMENTE COLPITI ALLEGATO 2 PERIMETRAZIONE CENTRI E NUCLEI DI PARTICOLARE INTERESSE MAGGIORMENTE COLPITI DATI GENERALI Regione: Provincia: Comune: Località/frazione: Codice Istat: QUADRO CONOSCITIVO DEL CENTRO O NUCLEO

Dettagli

TERREMOTI ITALIANI ITALIA - MESSINA E REGGIO CALABRIA magnitudo 7.1 della scala Richter

TERREMOTI ITALIANI ITALIA - MESSINA E REGGIO CALABRIA magnitudo 7.1 della scala Richter ITALIA - MESSINA E REGGIO CALABRIA 1908 magnitudo 7.1 della scala Richter 7.1 gradi Richter (XI-XII Mercalli), si abbatté violentemente sullo Stretto, colpendo Messina e Reggio in tarda nottata. Colse

Dettagli

PROPAGAZIONE DELLE ONDE SISMICHE

PROPAGAZIONE DELLE ONDE SISMICHE PROPAGAZIONE DELLE ONDE SISMICHE faglia epicentro ipocentro o fuoco Ipocentro: punto in cui ha origine la scossa sismica o rilascio di energia Epicentro: intersezione della verticale all ipocentro con

Dettagli

I terremoti di Sulmona e la della microzonazione sismica

I terremoti di Sulmona e la della microzonazione sismica I terremoti di Sulmona e la della microzonazione sismica PETTORANO ANVERSA INTRODACQUA BUGNARA COCULLO CANSANO PREZZA PACENTRO SULMONA PRATOLA RAIANO CORFINIO ROCCA CASALE POPOLI Nel millennio scorso si

Dettagli

IL DANNEGGIAMENTO DELLE CONTROSOFFITTATURE A SEGUITO DEL TERREMOTO DELL AQUILA DELL APRILE 2009 V 1.00

IL DANNEGGIAMENTO DELLE CONTROSOFFITTATURE A SEGUITO DEL TERREMOTO DELL AQUILA DELL APRILE 2009 V 1.00 Citare come: G. Magliulo, V. Pentangelo, G. Manfredi (2009), Rapporto sul Il danneggiamento delle controsoffittature a seguito del terremoto dell Aquila dell aprile 2009, V 1.00 http:// IL DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Silvi Scuola Primaria L. Da Vinci

Istituto Comprensivo Silvi Scuola Primaria L. Da Vinci Istituto Comprensivo Silvi Scuola Primaria L. Da Vinci Inventore e genio Assistente del Prof. POF La Terra è un grosso «UOVO SODO» Il punto della superficie terrestre posto verticalmente sopra l

Dettagli

SISMICITA' STORICA DELL'AREA TRATTA DAL CATALOGO SISMICO

SISMICITA' STORICA DELL'AREA TRATTA DAL CATALOGO SISMICO N Sect Year EpicentralArea LatDef LonDef IoDef Imax Io 2 MA 1005 Cassino 41,488 13,831 7 7 7 3 MA 1019 Benevento 41,131 14,778 6 6 6 4 MA 1044 Benevento 41,131 14,778 6 6 6 9 MA 1091 Roma 41,899 12,477

Dettagli

COMUNE DI VIMERCATE (MB) File:..\R2936_VIMERCATE_PGT\R

COMUNE DI VIMERCATE (MB) File:..\R2936_VIMERCATE_PGT\R COMUNE DI (MB) File:..\R2936 PGT\R2936-10 4. ATTIVITA SISMICA ED ELEMENTI NEOTETTONICI E STRUTTURALI, CON CENNI SULLA SISMICITA DEL TERRITORIO COMUNALE E DEFINIZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE Il

Dettagli

LA VULNERABILITÀ SISMICA

LA VULNERABILITÀ SISMICA Corso per Formatori di Protezione Civile LA VULNERABILITÀ SISMICA Angelo MASI (con la collaborazione di Leonardo CHIAUZZI) DiSGG, Università della Basilicata ReLUIS, Rete di Laboratori Universitari di

Dettagli

Pericolosità e rischio sismico. Come proteggersi dai terremoti

Pericolosità e rischio sismico. Come proteggersi dai terremoti MATERIALE ad USO INTERNO Pericolosità e rischio sismico. Come proteggersi dai terremoti MODULO 3 Corso di Formazione Insegnanti partecipanti alla sperimentazione del Progetto EDURISK Regione Sicilia, ottobre

Dettagli

Piano Territoriale di Coordinamento Provincia di Cosenza

Piano Territoriale di Coordinamento Provincia di Cosenza Scheda Monografica N 010 Comune Amantea Superficie (ha) 2.863 Altitudine media centro abitato (m s.l.m.) 50 Cartografia IGM 1:50.000 Foglio N 568 - Amantea Corsi d acqua F. Licetto, F. Oliva, Fosso S.Maria,

Dettagli

Microzonazione Sismica del versante orientale dell Etna Studi di primo livello

Microzonazione Sismica del versante orientale dell Etna Studi di primo livello Microzonazione Sismica del versante orientale dell Etna Studi di primo livello Antonio Torrisi, Dipartimento della Protezione Civile Eventi sismici vulcanici Etnei del 2002-2003 I terremoti etnei La zona

Dettagli

Prot. N 224/2014 del 03/01/2014. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ROMA. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ROMA

Prot. N 224/2014 del 03/01/2014. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ROMA. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ROMA Comuni di ife Castello del Matese Gioia Sannitica Piedimonte Matese San Gregorio Matese San Potito Sannitico Prot. N 224/2014 del 03/01/2014 la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero delle Politiche

Dettagli

Analisi tecnico-economica sulla ricostruzione degli edifici privati a L Aquila

Analisi tecnico-economica sulla ricostruzione degli edifici privati a L Aquila Libro bianco sulla ricostruzione privata fuori dai centri storici nei comuni colpiti dal sisma dell Abruzzo del 6 aprile 2009 Basilica di San Giovanni Maggiore, Napoli, 20 Aprile 2015 Analisi tecnico-economica

Dettagli

I terremoti: cause ed effetti

I terremoti: cause ed effetti Laboratorio progettuale (strutture) Anno accademico 2005/06 I terremoti: cause ed effetti Perché avvengono i terremoti? Catania, 8 marzo 2006 Aurelio Ghersi Zolle crostali e terremoti Il meccanismo che

Dettagli

RAPPORTO ANALISI CRITICA DELLE TIPOLOGIA, DEL DANNO E DEI MECCANISMI DI COLLASSO IN OCCASIONE DEL SISMA DI CASAMICCIOLA DEL 21 AGOSTO 2017

RAPPORTO ANALISI CRITICA DELLE TIPOLOGIA, DEL DANNO E DEI MECCANISMI DI COLLASSO IN OCCASIONE DEL SISMA DI CASAMICCIOLA DEL 21 AGOSTO 2017 RAPPORTO ANALISI CRITICA DELLE TIPOLOGIA, DEL DANNO E DEI MECCANISMI DI COLLASSO IN OCCASIONE DEL SISMA DI CASAMICCIOLA DEL 21 AGOSTO 2017 Missione Centro Studi Plinivs del 23.08.2017 (Giulio Zuccaro,

Dettagli

costituito da scuole dei comuni di CAMPODIPIETRA (0, 115, 94), SAN GIOVANNI IN GALDO (44, 0, 0), JELSI ( 34, 66, (comune montano)

costituito da scuole dei comuni di CAMPODIPIETRA (0, 115, 94), SAN GIOVANNI IN GALDO (44, 0, 0), JELSI ( 34, 66, (comune montano) NUOVI ISTITUTI COMPRENSIVI DI SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO I.C. BARANELLO costituito da scuole dei comuni di BARANELLO ( 77, 139, 74) BUSSO (22, 41, 16), VINCHIATURO (71, 132,

Dettagli

REGIONE MOLISE PACCHETTO GIOVANI - BONUS PER L OCCUPAZIONE - GIOVANI IN IMPRESA TI AIUTIAMO A PARTECIPARE!

REGIONE MOLISE PACCHETTO GIOVANI - BONUS PER L OCCUPAZIONE - GIOVANI IN IMPRESA TI AIUTIAMO A PARTECIPARE! REGIONE MOLISE PACCHETTO GIOVANI - BONUS PER L OCCUPAZIONE - GIOVANI IN IMPRESA TI AIUTIAMO A PARTECIPARE! I REQUISITI PER INIZIARE Sono giovane: ho più di 18 anni e ancora non ho compiuto i 36 Risiedo

Dettagli

Terremoto dell isola di Ischia del 21 agosto 2017: prime valutazioni sismiche e macrosismiche

Terremoto dell isola di Ischia del 21 agosto 2017: prime valutazioni sismiche e macrosismiche Terremoto dell isola di Ischia del 21 agosto 2017: prime valutazioni sismiche e macrosismiche La storia sismica dell isola di Ischia, e dell abitato di Casamicciola Terme in particolare, mostra come l

Dettagli

RISCHIO SISMICO e centri storici

RISCHIO SISMICO e centri storici RISCHIO SISMICO e centri storici Palermo 26 novembre 2016 arch. urb. Ennio Nonni Email: ennio.nonni@romagnafaentina.it La definizione degli obiettivi urbanistici dalla NORMA alla PRESTAZIONE SICUREZZA

Dettagli

IL TERREMOTO DELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO DEL GENNAIO 2015

IL TERREMOTO DELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO DEL GENNAIO 2015 a g (g) a g (g) a g (g) AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE IL TERREMOTO DELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO DEL GENNAIO 2015 a cura di S. Paolini, G. Bongiovanni,

Dettagli

COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA - I

COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA - I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA - I AGGIORNAMENTO 05/11/2012 Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì COSTRUZIONII

Dettagli

C. Del Vecchio*, A. Prota*, F. Da Porto**, C. Modena** *Dipartimento di Strutture per l Ingegneria e l Architettura Università di Napoli Federico II

C. Del Vecchio*, A. Prota*, F. Da Porto**, C. Modena** *Dipartimento di Strutture per l Ingegneria e l Architettura Università di Napoli Federico II REPORT FOTOGRAFICO RELATIVO AD ALCUNI EDIFICI DELLE FRAZIONI DI AMATRICE SITUATI LUNGO LA SP20 C. Del Vecchio*, A. Prota*, F. Da Porto**, C. Modena** *Dipartimento di Strutture per l Ingegneria e l Architettura

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria Civile Edile ed Architettura

Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria Civile Edile ed Architettura Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria Civile Edile ed Architettura Alcune riflessioni sui danni prodotti dal sisma al patrimonio edilizio marchigiano Ancona 11, Maggio 2017 Prof.

Dettagli

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sintesi degli effetti del terremoto del 20 maggio 2012 (ML=5.9) sulle località rilevate dalle squadre di QUEST INGV Aggiornamento al 28 maggio 2012 Premessa

Dettagli

IL TERREMOTO ipocentro o fuoco del terremoto

IL TERREMOTO ipocentro o fuoco del terremoto Rischio Sismico IL TERREMOTO Un terremoto si manifesta come moto vibratorio del terreno che ha origine in un punto più o meno profondo della Terra (ipocentro o fuoco del terremoto) da cui si sprigionano

Dettagli

Area Centro INTERVENTI SULLA RETE AT PER RACCOLTA DELLA PRODUZIONE RINNOVABILE TRA CAMPANIA E MOLISE. Nome intervento

Area Centro INTERVENTI SULLA RETE AT PER RACCOLTA DELLA PRODUZIONE RINNOVABILE TRA CAMPANIA E MOLISE. Nome intervento Area Centro Nome intervento Livello di avanzamento STRATEGICO Esigenza individuata nel PDS2012 INTERVENTI SULLA RETE AT PER RACCOLTA DELLA PRODUZIONE RINNOVABILE TRA CAMPANIA E MOLISE Tipologia ELETTRODOTTO

Dettagli

Ente in liquidazione ai sensi della L.R. n. 6 del 24 marzo 2011

Ente in liquidazione ai sensi della L.R. n. 6 del 24 marzo 2011 COMUNITA MONTANA MOLISE CENTRALE E 6^ zona omogenea Ente in liquidazione ai sensi della L.R. n. 6 del 24 marzo 2011 Prot. N. 307 Ferrazzano lì, 26 gennaio 2012 Prot. riscontro n. del Risposta a nota n..

Dettagli

P R O T E Z I O N E C I V I L E I N F A M I G L I A

P R O T E Z I O N E C I V I L E I N F A M I G L I A PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA terremoti Il rischio sismico, in una determinata area, può essere misurato dal danno che ci si può aspettare, in un intervallo di tempo stabilito, a seguito dei terremoti.

Dettagli

L Aquila 2009, un terremoto post-moderno

L Aquila 2009, un terremoto post-moderno L Aquila 2009, un terremoto post-moderno Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli fondata da Giulio Carlo Argan A cura di Umberto D Angelo,, Vezio De Lucia, Roberto De Marco, Paola Nicita Musica: Uri Caine,,

Dettagli

Analisi delle caratteristiche tipologiche e valutazione della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio privato della regione Basilicata

Analisi delle caratteristiche tipologiche e valutazione della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio privato della regione Basilicata Analisi delle caratteristiche tipologiche e valutazione della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio privato della regione Basilicata Carmelinda Samela, Angelo Masi, Leonardo Chiauzzi, Luigi Tosco,

Dettagli

REPORT SULLA SEQUENZA SISMICA CON EPICENTRO NEL COMUNE DI ACCUMOLI (AGGIORNAMENTO: Ore del 24/08/2016)

REPORT SULLA SEQUENZA SISMICA CON EPICENTRO NEL COMUNE DI ACCUMOLI (AGGIORNAMENTO: Ore del 24/08/2016) REPORT SULLA SEQUENZA SISMICA CON EPICENTRO NEL COMUNE DI ACCUMOLI (AGGIORNAMENTO: Ore 12.4 del 24/08/2016) Dalla prime ore del 24 agosto 2016 è in atto una importante sequenza sismica tra le province

Dettagli

SCHEDA Rischio Sismico (sulla base delle banche dati provinciali) Versione DICEMBRE 2014

SCHEDA Rischio Sismico (sulla base delle banche dati provinciali) Versione DICEMBRE 2014 SCHEDA Rischio Sismico (sulla base delle banche dati provinciali) Versione DICEMBRE 2014 Referente in Provincia autonoma di Trento: Servizio Geologico La sismicità indica la frequenza e la forza con cui

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER GLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA COMUNALE IN CASO DI EVENTO SISMICO

PIANO OPERATIVO PER GLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA COMUNALE IN CASO DI EVENTO SISMICO COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO II TERRITORIO E POLITICHE AMBIENTALI C.d.R. PROTEZIONE CIVILE PIANO OPERATIVO PER GLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA COMUNALE IN CASO DI EVENTO SISMICO luglio 2012 1 -

Dettagli