INDICE. 8. Piano dell opera... 48

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. 8. Piano dell opera... 48"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa Legalità, singolarità e qualificazione societaria eteronoma: loro rilevanza Segue: la legalità (statale) delle discipline esaminate e le sue implicazioni: a) applicazione dell art. 12, comma 1 disp. prel. cod. civ.; b) parametri di legittimità e modalità di sindacato Segue: la singolarità. Diritto singolare in senso lato e diritto singolare in senso stretto: caratteri intrinseci e prospettive esegetiche evocate Segue: gli enti di diritto singolare e le qualificazioni legislative. In particolare, la qualificazione societaria eteronoma e il problema dell applicabilità alle c.d. società per azioni di diritto singolare della disciplina generale e astratta evocata dal nomen societario Esemplificazione del possibile contenuto degli statuti legali delle società per azioni di diritto singolare: premessa metodologica Segue: le tipologie di disposizioni rinvenibili negli statuti legislativi singolari Piano dell opera CAPITOLO I L EVOLUZIONE STORICA DELLE SOCIETAv PER AZIONI LEGALI DI DIRITTO SINGOLARE NELLA PROSPETTIVA NORMATIVA, DOTTRINALE E GIURISPRUDENZIALE 1. Introduzione Segue: premessa metodologica Sezione I La prima fase dell evoluzione delle società per azioni di diritto singolare: dall istituzione della Banca d Italia al codice civile del 1942 Parte I La prospettiva normativa 1. Le società per azioni di diritto singolare tra il 1893 e il 1942: elencazione

2 VIII INDICE delle fattispecie normative e illustrazione esemplificativa del contenuto di alcuni statuti legali ad personam Lo sfondo normativo nel quale risultavano collocate le società per azioni legali di diritto singolare prima dell entrata in vigore del codice civile del 1942: a) le altre fattispecie normative di diritto singolare all epoca esistenti nell ordinamento giuridico italiano Segue: b) la legislazione generale e astratta in materia di società anonime: la società anonima come tipo regolato dal codice di commercio Segue: la legislazione generale e astratta in materia di «ente pubblico», di «ente parastatale» e di «ente semistatale» Parte II La prospettiva della dottrina e della giurisprudenza 5. Le società per azioni di diritto singolare nella prospettiva della dottrina e della giurisprudenza anteriori alla seconda guerra mondiale. Peculiarità dell approccio riservato alle nostre società. Conseguenze. Illustrazione della struttura prescelta per analizzare i diversi contributi dottrinali e giurisprudenziali e ricavare gli schemi analitici da essi adoperati Segue: a) gli inquadramenti proposti dalla dottrina relativamente alle c.d. società per azioni di diritto singolare: elencazione Gli schemi analitici: la scaturigine degli interrogativi dai quali muovevano gli interpreti. La teoria della non vincolatività delle qualificazioni operate espressamente dal legislatore singolare Segue: l apparente linearità degli schemi analitici usati dagli interpreti prima dell entrata in vigore del codice civile del 1942 e le problematiche emergenti dalla loro particolare struttura: a) la verifica della «correttezza» della qualificazione societaria attribuita dal legislatore Segue: le problematiche emergenti dalla particolare struttura degli schemi analitici adottati dalla dottrina antecedente all entrata in vigore del codice civile del 1942: b) la verifica della possibilità di attribuire in via interpretativa la qualifica di «ente pubblico» all ente sottoposto allo statuto legale singolare Le società anonime di diritto singolare nella prospettiva degli interpreti. Lo statuto legale singolare della Banca d Italia e le interpretazioni della dottrina e della giurisprudenza nel primo trentennio del secolo scorso: a) la sentenza della Corte di Cassazione di Roma, Sez. Un., 25 febbraio Segue: b) la natura della Banca d Italia nell approccio della dottrina e della giurisprudenza successive alla sentenza della Corte di Cassazione di Roma, Sez. Un., 25 febbraio La preponderanza della teoria del fine nelle sue diverse declinazioni. L emersione della teoria della sottoposizione alla tutela dello Stato Le società per azioni di diritto singolare diverse dalla Banca d Italia nella visione della dottrina tra la metà degli anni venti e gli anni trenta del secolo scorso. La tendenziale scotomizzazione delle peculiarità di tali enti e la trasposizione (ora acritica, ora con adattamenti e modifiche anche rilevanti) degli schemi interpretativi originariamente elaborati con riferi-

3 INDICE IX mento alla Banca d Italia: in particolare, le opere di Gangemi, Ravà e Ascarelli Segue: excursus relativo all utilizzo contemporaneo dello schema dell ente pubblico e dello schema della società anonima come strumento per interpretare anche le discipline legali ad personam dedicate ad enti non espressamente qualificati dal legislatore singolare come «società anonime». Il fondamentale contributo di Francesco Messineo Segue: la giurisprudenza e la dottrina della fine degli anni trenta. Il Consiglio di Stato e la qualificazione pubblica dell Agip. La reazione della dottrina: l inquadramento privatistico proposto da Cammeo e De Caprariis Segue: la Corte di Cassazione smentisce il Consiglio di Stato e qualifica l Agip come ente privato. Analisi della motivazione della sentenza Cass. Sez. Un. 26 aprile 1940 n L accoglienza da parte della dottrina: in particolare il giudizio di Grechi, Petraccone, Giannini, Ferri e dell ultimo Cammeo Le società di diritto singolare nella prospettiva della dottrina e della giurisprudenza dei primi anni quaranta del secolo scorso: i problemi emersi dal dibattito sulla natura giuridica dell Agip. I vari modelli di ente pubblico e di società anonima ricostruiti dagli interpreti e i loro reciproci rapporti: a) la tendenza a «costruire» nozioni speculari, e quindi tra loro non sovrapponibili Segue: b) la tendenza a «costruire» nozioni non speculari, e quindi tra loro sovrapponibili. In particolare, le problematiche emergenti dall inquadramento delle società per azioni di diritto singolare proposto da Andrea Arena Sintesi: le numerose problematiche in gioco alla vigilia dell entrata in vigore del codice civile del Sezione II La seconda fase dell evoluzione delle società per azioni di diritto singolare: dall entrata in vigore del codice civile del 1942 all epoca delle privatizzazioni Parte I La prospettiva normativa 1. Le società per azioni di diritto singolare nel cinquantennio ricompreso tra i primi anni quaranta e i primi anni novanta del secolo scorso: elencazione delle fattispecie e individuazione di alcuni tratti «categoriali» Lo sfondo normativo nel quale erano collocate le società per azioni legali di diritto singolare dopo l entrata in vigore del codice civile del La legislazione generale e astratta: a) il codice civile Segue: la funzione degli articoli 2458, 2459 e 2460 nell ottica del legislatore del codice civile Segue: le società di interesse nazionale e la funzione dell articolo 2461 del codice civile

4 X INDICE 5. Segue: la funzione degli articoli 2093, 2201 e 2221 del codice civile Lo sfondo normativo nel quale risultavano collocate le società per azioni legali di diritto singolare dopo l entrata in vigore del codice civile del La legislazione generale e astratta: b) il sistema delle partecipazioni statali Parte II La prospettiva della dottrina e della giurisprudenza 7. La prospettiva dottrinale e giurisprudenziale: le due fasi del processo di «emersione» delle società per azioni di diritto singolare come fenomeno giuridico degno di autonoma considerazione. Ragioni dell iniziale «mimetizzazione» Il periodo compreso tra il 1942 e la metà degli anni settanta: la posizione della giurisprudenza Il periodo compreso tra il 1942 e la metà degli anni settanta: la posizione della dottrina. Il pensiero di Romano Pavoni, Cassese e Ottaviano Segue: la teoria dell ente pubblico proposta da Galgano e la sua applicabilità alle società per azioni di diritto singolare: la posizione di Bassi e Roversi Monaco La dottrina del periodo ricompreso tra la prima metà degli anni settanta e i primi anni novanta. La Gepi s.p.a. e la Rai s.p.a. nel pensiero del primo Visentini e di Nigro Segue: l evoluzione del pensiero di Visentini. Le società per azioni di diritto singolare e la loro quasi totale sovrapponibilità con la categoria delle partecipazioni pubbliche a società di diritto speciale Gli anni ottanta e la dottrina successiva a Visentini: premessa Segue: la dottrina successiva a Visentini. Bocchini e la natura giuridica della Rai s.p.a Segue: Giampaolo Rossi e gli enti pubblici a struttura di società per azioni Segue: le società per azioni di diritto singolare come categoria giuridica: il fondamentale contributo di Carlo Ibba La giurisprudenza tra gli anni settanta e i primi anni novanta Sintesi: le società per azioni di diritto singolare e le problematiche in gioco alla vigilia della caduta del sistema delle partecipazioni statali e dell inizio delle c.d. privatizzazioni degli enti pubblici Sezione III La terza fase dell evoluzione delle società per azioni di diritto singolare: dalle privatizzazioni degli enti pubblici ai giorni nostri 1. Premessa La legislazione singolare. Le privatizzazioni degli enti pubblici e l avvento di una particolare tipologia di società per azioni di diritto singolare. Cenni. Catalogo delle società per azioni di diritto singolare dal 1992 ai giorni nostri

5 INDICE XI 3. La dottrina dell ultimo quindicennio: tendenze generali Le società per azioni di diritto singolare e la dottrina privatistica. Caratteri generali: l affievolimento dell interesse per il problema della natura dell ente societario Segue: gli orientamenti della dottrina privatistica: a) Marasà e la eventuale non applicazione della disciplina societaria di diritto comune Segue: gli orientamenti della dottrina privatistica: b) la necessaria (anche se residuale) applicazione del diritto societario comune alle società per azioni di diritto singolare nei recenti studi di Giorgio Oppo e Paolo Spada Segue: gli orientamenti della dottrina privatistica: c) società per azioni di diritto singolare e società di interesse nazionale nella lettura proposta da Felice Santonastaso La riforma della disciplina delle società di capitali contenuta nel codice civile e i suoi riflessi sull interpretazione degli statuti legali singolari: la successione delle leggi nel tempo e il cambiamento del parametro di valutazione della derogatorietà delle disposizioni singolari nella prospettiva della dottrina privatistica Segue: a) la riforma del diritto societario e il problema della sua applicabilità alle società di diritto singolare preesistenti. Un problema di successione di leggi nel tempo e di natura del rinvio Segue: b) la riforma del diritto societario come mutamento del parametro di valutazione della natura derogatoria delle disposizioni singolari: la minore rigidità del modello di società per azioni di diritto comune priva del carattere della derogatorietà molte delle disposizioni di diritto singolare che in precedenza potevano considerarsene fornite ed offre un ulteriore appiglio per le critiche della dottrina privatistica nei confronti delle teorie dottrinali e giurisprudenziali che, proprio sulla base dell esistenza di disposizioni singolari «derogatorie», predicano la natura pubblica di alcune società di diritto singolare La dottrina pubblicistica: caratteri generali I contenuti della dottrina pubblicistica. La costruzione in via interpretativa di una fattispecie generale e astratta di ente pubblico valevole per l applicazione diretta dell intero «statuto» dell ente pubblico: a) teorie che ne negano la possibilità. Similitudini e differenze rispetto alla dottrina privatistica. L impatto degli studi espressamente dedicati alle società per azioni di diritto singolare su siffatto orientamento I contenuti della dottrina pubblicistica. La costruzione in via interpretativa di una fattispecie generale e astratta di ente pubblico: b) teorie che ne affermano la possibilità Ente pubblico e società per azioni di diritto singolare secondo Cerulli Irelli Le società per azioni di diritto singolare negli studi dedicati alle privatizzazioni degli enti pubblici: Mauro Renna e la distinzione tra forma (privata) e sostanza (pubblica) Segue: Roberto Garofoli e la rilevanza delle deroghe al diritto societario comune presenti negli statuti legali delle società «privatizzate»

6 XII INDICE 17. Società per azioni a partecipazione pubblica e società per azioni di diritto singolare: la teoria di Francesco Goisis Il problema dell individuazione del concreto statuto giuridico delle società-enti pubblici come orizzonte della più recente dottrina «pubblicizzante». Cenni e rinvio La giurisprudenza: caratteri generali Segue: i diversi orientamenti: a) società per azioni di diritto singolare e Corte costituzionale Segue: il Consiglio di Stato e le società per azioni di diritto singolare Segue: la Corte di Cassazione e le società per azioni di diritto singolare Alcune osservazioni finali: lo status quo della dottrina e della giurisprudenza e le incertezze che ne derivano CAPITOLO II LE SOCIETAv PER AZIONI LEGALI DI DIRITTO SINGOLARE COME MODELLI DI ORGANIZZAZIONE METAINDIVIDUALE: L ORDINE LOGICO DELLE PROBLEMATICHE E L ARTICOLAZIONE DEGLI ITINERARI INTERPRETATIVI 1. Introduzione Sezione I Le questioni interpretative «immediate» 1. Premessa: le questioni interpretative «immediate» e il loro ordine logico. La centralità delle disposizioni singolari in cui è direttamente collocato il sintagma «società per azioni» e le molteplici norme da esse desumibili. Sequenza logica delle problematiche e individuazione della «base enunciativa» rilevante per la soluzione di ciascuna di esse Il primo «livello» di interpretazione: il significato «proprio» del sintagma «società per azioni» Il secondo «livello» di interpretazione: il significato degli enunciati normativi singolari in cui il sintagma «società per azioni» è direttamente inserito, a prescindere da qualunque considerazione relativa agli altri enunciati normativi eventualmente rinvenibili nel medesimo statuto legale singolare ove è ubicato il primo. Premessa introduttiva Segue: l impiego del sintagma «società per azioni» costituisce un rinvio implicito al corpo normativo contrassegnato da tale nomen? Ragioni che inducono a ritenere preferibile la tesi affermativa Segue: la natura del rinvio operato attraverso la spendita del nome societario. Ragioni che inducono a ritenere preferibile la tesi che considera mobile il rinvio. La presunzione di mobilità e la permanenza di numerose incertezze: un caso paradigmatico Segue: il rinvio implicito è diretto o analogico? Ragioni che inducono a ritenere preferibile la tesi secondo la quale il rinvio implicito è un rinvio diretto

7 INDICE XIII 7. Segue: enunciati costitutivi ed enunciati precettivi. Il problema della compatibilità tra enunciati normativi che operano un rinvio ed enunciati normativi oggetto del rinvio, con particolare riferimento alla struttura verbale degli enunciati normativi «minimali» nei quali è inserito il sintagma «società per azioni» Il terzo «livello» di interpretazione: il significato degli enunciati normativi in cui il sintagma «società per azioni» è direttamente inserito nell ottica degli altri enunciati normativi rinvenibili nel medesimo statuto legale singolare. Premessa introduttiva A) Il giudizio di compatibilità in una prospettiva generale. Il problema della compatibilità: l individuazione, nell ambito delle norme desumibili dalle disposizioni di diritto societario comune rese astrattamente applicabili alle società per azioni di diritto singolare in virtù del rinvio implicito operato attraverso il sintagma societario, delle norme che lo sono anche concretamente Segue: il giudizio di compatibilità con particolare riferimento agli statuti legali singolari oggetto del presente studio. L individuazione preliminare delle norme astrattamente applicabili. In particolare, delle norme implicitamente desumibili dal diritto societario comune e dagli atti normativi singolari. Un esemplificazione: l interpretazione delle disposizioni singolari che assegnano la qualità di socio a soggetti nominativamente individuati Segue: il giudizio di compatibilità vero e proprio. 1) I criteri di individuazione del conflitto: a) l incompatibilità come antinomia; b) l incompatibilità come inconciliabilità dei presupposti applicativi (strutturali) di norme non antinomiche Segue: 2) i criteri di risoluzione dei conflitti tra norme applicabili: a) il criterio di specialità e la prevalenza delle norme di diritto singolare sulle norme di diritto societario comune Segue: b) la prevalenza delle disposizioni singolari sulle disposizioni di diritto societario comune a prescindere dal rapporto di specialità: l applicazione analogica dell articolo 2451 cod. civ Segue: un esemplificazione: ancora sull interpretazione delle disposizioni singolari che assegnano la qualità di socio a soggetti nominativamente individuati B) Il (poco affrontato) problema della derogabilità delle disposizioni contenute negli statuti legali singolari in una prospettiva generale. Un approfondimento: il problema dello scioglimento volontario della società di diritto singolare e il problema della modificabilità dell oggetto sociale determinato dal legislatore singolare. Rigidità delle posizioni delle dottrine che si sono occupate della questione: la rilevanza della natura pubblica dell interesse sotteso all attività che costituisce l oggetto sociale. Suggestioni per un attenuazione C) il problema della vincolatività delle qualificazioni legislative e il giudizio di «derogatorietà» (delle norme di diritto singolare rispetto alle norme di diritto societario comune). Introduzione

8 XIV INDICE 17. Segue: la teoria della non vincolatività delle qualificazioni legislative (o degli errori del legislatore) esaminata in una prospettiva generale: presupposti, conseguenze e criticità Segue: società per azioni di diritto singolare e teorie della non vincolatività delle qualificazioni legislative. Ragioni per le quali nonostante la inaccettabilità del loro presupposto ideologico è comunque importante ai fini del presente studio tentare di delineare l itinerario interpretativo sotteso a tali teorie. Un possibile itinerario. L individuazione delle norme di diritto singolare «rivelatrici» dell errore del legislatore singolare. Norme di diritto societario comune derogabili e norme di diritto societario comune inderogabili. Rilevanza di queste ultime come parametro per individuare l errore del legislatore. Problematiche connesse a siffatta impostazione. Due corollari Segue: le conseguenze della accertata erroneità della qualificazione societaria attribuita dal legislatore singolare: la dequalificazione interpretativa. Il problema della individuazione di una soluzione alternativa alla non applicazione della disposizione singolare nella quale è contenuto il sintagma societario: la non applicazione della disposizione singolare «atipica» Intermezzo. Analogie e differenze tra le operazioni interpretative di dequalificazione ediqualificazione. Rilevanza della nozione di qualificazione interpretativa nell ambito del presente studio: il collegamento con le questioni «mediate». Dequalificazione, conferma, riqualificazione e coqualificazione nell ottica della teoria della non vincolatività delle qualificazioni legislative e nell ottica della teoria della vincolatività delle qualificazioni legislative Segue: ladequalificazione Segue: laconferma Segue: lariqualificazione Segue: lacoqualificazione Sezione II Le questioni interpretative «mediate» 1. Introduzione. Una definizione stipulativa: debbono considerarsi mediate le questioni che afferiscono all interpretazione di disposizioni generali e astratte che: a) non appartengono agli statuti legali singolari che disciplinano le società per azioni oggetto del presente studio; b) individuano i propri destinatari impiegando espressioni che sono (ritenute) suscettibili di essere interpretate in modo tale da far ricomprendere nel campo di applicazione diretta della norma anche (alcune del)le società per azioni di diritto singolare. Ragioni che inducono a concentrare l analisi sulle disposizioni che individuano i propri destinatari mediante l uso dell espressione «ente pubblico» (o di espressioni affini). Piano della sezione Le problematiche generali afferenti all interpretazione delle disposizioni che impiegano il sintagma «ente pubblico»: a) l interpretazione «no-

9 INDICE XV minalistica» delle disposizioni che contengono il sintagma «ente pubblico». Il problema dell ente pubblico come riflesso delle ideologie degli interpreti: l influenza delle opzioni relative alla vincolatività o meno delle qualificazioni legislative Segue: alcune puntualizzazioni sulla prospettiva ideologica adottata nel presente studio. Ragioni dell adesione alla versione più elastica della teoria della vincolatività delle qualificazioni legislative. I risultati a cui conduce l interpretazione «nominalistica» come soglia minima di coerenza delle ricostruzioni interpretative della nozione di «ente pubblico» Le problematiche generali afferenti all interpretazione delle disposizioni che impiegano il sintagma «ente pubblico»: b) gli itinerari percorsi dalla dottrina e dalla giurisprudenza al fine di enucleare i modelli concettuali sottesi al sintagma «ente pubblico»: premessa. Una classificazione basata sugli argomenti utilizzati dagli interpreti: il discrimine rappresentato dall impiego dell argomento ideologico della ratio delle singole disposizioni in cui ricorre il sintagma «ente pubblico». L ente pubblico tra modelli generali e modelli particolari Segue: 1) le interpretazioni che prescindono da valutazioni sulla ratio delle singole disposizioni in cui è ubicato il sintagma «ente pubblico» e che mirano alla costruzione di un modello generale. Ev possibile ricostruire in via interpretativa una nozione di ente pubblico che sia in grado di ricomprendere tutti gli enti espressamente qualificati come pubblici da un atto normativo e, contemporaneamente, anche una serie di enti privi di tale caratteristica? Il problema dell esistenza di elementi comuni a tutti gli enti espressamente qualificati come pubblici Segue: la posizione della giurisprudenza maggioritaria. Teorie «sintomatiche» che richiedono la sussistenza congiunta (in capo all ente qualificando) di tutti gli elementi del modello ricostruito in via interpretativa e teorie «sintomatiche» che ammettono la qualificazione pubblica anche a fronte della esistenza (in capo all ente qualificando) di alcuni soltanto degli elementi del modello ricostruito in via interpretativa. Profili critici Segue: 2) le interpretazioni che prendono in considerazione la ratio delle singole disposizioni in cui il sintagma «ente pubblico» è ubicato e che mirano alla costruzione di tanti modelli particolari quante sono le disposizioni normative che individuano i loro destinatari utilizzando tale sintagma. Uso interpretativo ed uso integrativo della ratio: fondamenti normativi. Uso interpretativo della ratio e modelli particolari dell ente pubblico: la ratio come strumento per individuare motivatamente gli elementi essenziali del modello. I problemi connessi all uso interpretativo della ratio: a) la questione dell inesistenza di tratti comuni a tutti gli enti espressamente qualificati come pubblici dal legislatore; b) i rapporti tra le interpretazioni basate sul «significato proprio delle parole» e le interpretazioni basate sulla «intenzione del legislatore»; c) le modalità di individuazione degli «scopi» delle disposizioni normative; d) la distinzione tra interpretazione estensiva e analogia

10 XVI INDICE 8. Il problema dell ente pubblico e le ragioni che inducono a preferire l interpretazione «nominalistica» Le disposizioni che individuano i propri destinatari mediante l impiego del sintagma «enti pubblici» e l integrazione del diritto: presupposti e limiti dell analogia Segue: il ruolo della ratio ai fini dell individuazione delle somiglianze rilevanti nell ambito del procedimento analogico. Le norme generali e astratte che individuano i propri destinatari mediante l impiego del sintagma «enti pubblici» possono costituire la base di partenza di un ragionamento analogico? Due itinerari antitetici. Ragioni e conseguenze di una eventuale risposta negativa. Ragioni e conseguenze di una eventuale risposta positiva: una possibile rilettura in chiave analogica delle correnti giurisprudenziali che hanno elaborato le c.d. teorie «sintomatiche» dell ente pubblico «Ente pubblico» ed «ente privato»: sfere esaustive di una «grande dicotomia» o semplici qualificazioni legislative come tante altre? Dogmi giuridici e realtà normativa. In una prospettiva non dicotomica è configurabile un «problema dell ente privato» del tutto indipendente dal «problema dell ente pubblico». Sulla configurabilità di enti contemporaneamente pubblici e privati e di enti né pubblici né privati I differenti approcci interpretativi al c.d. problema dell ente pubblico e i loro riflessi sull esegesi degli statuti legali che disciplinano le società per azioni di diritto singolare. Un avvertenza preliminare: nell ottica delle qualificazioni operate dal legislatore il sintagma «società per azioni» non è sinonimo del sintagma «ente privato» Segue: teorie dell ente pubblico e società per azioni di diritto singolare. Casi di concorso di normative direttamente applicabili e criteri di risoluzione delle antinomie o incompatibilità «sopravvenute» OSSERVAZIONI CONCLUSIVE 1. Lo schema basato sul «dogma» della vincolatività delle qualificazioni legislative Lo schema basato sul «dogma» della non vincolatività delle qualificazioni legislative Bibliografia

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INTRODUZIONE La qualificazione dei redditi prodotti all estero nell ordinamento fiscale italiano 1. La tassazione dei redditi

Dettagli

19. Un cenno alla disciplina della cosiddetta «dematerializzazione».» 192

19. Un cenno alla disciplina della cosiddetta «dematerializzazione».» 192 INDICE-SOMMARIO Capitolo I IL PROBLEMA DEL RAPPORTO TRA COMUNIONE LEGALE, AZIENDA ED ATTIVITÀ D IMPRESA 1. L attualità della dinamica del rapporto tra impresa e comunione legale dei beni: la prospettiva

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni Premessa...XIX Parte Prima Profili sostanziali Sezione Prima Inquadramento generale Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni 1. Considerazioni preliminari.... 5 2. La nozione

Dettagli

INDICE SOMMARIO PROFILO STORICO-COMPARATISTICO

INDICE SOMMARIO PROFILO STORICO-COMPARATISTICO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I PROFILO STORICO-COMPARATISTICO 1. Premessa.... 1 2. L assicurazione a sinistro seguito nelle ordinanze e negli statuti dei secoli XV, XVI e XVII: la presunzione di conoscenza

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO MONOGRAFIE E STUDI 1. CESARE CAVALLINI, L oggetto del processo di rivendica, 2002. 2. ANTONINO BARLETTA, La stabilità della vendita forzata,

Dettagli

INDICE. Il finanziamento della spesa previdenziale di categoria tra fiscalizzazione e c.d. parafiscalità

INDICE. Il finanziamento della spesa previdenziale di categoria tra fiscalizzazione e c.d. parafiscalità INDICE Prefazione.... vii PARTE PRIMA Il finanziamento della spesa previdenziale di categoria tra fiscalizzazione e c.d. parafiscalità Capitolo I PREMESSA: DELIMITAZIONE DEL CAMPO D INDAGINE 1. L opportunità

Dettagli

L ABROGAZIONE DELLA NORMA INCRIMINATRICE

L ABROGAZIONE DELLA NORMA INCRIMINATRICE L ABROGAZIONE DELLA NORMA INCRIMINATRICE INDICE CAPITOLO PRIMO L ABROGAZIONE DELLE LEGGI PENALI NELL ESPERIENZA GIURIDICA ARCAICA 01. Il vicino oriente. Le leggi mesopotamiche... p. 1 02. Il diritto greco

Dettagli

La pubblicizzazione per legge di fondazione solo formalmente privata richiede l applicazione della regola del pubblico concorso per l accesso al ruolo

La pubblicizzazione per legge di fondazione solo formalmente privata richiede l applicazione della regola del pubblico concorso per l accesso al ruolo La pubblicizzazione per legge di fondazione solo formalmente privata richiede l applicazione della regola del pubblico concorso per l accesso al ruolo di Sandro de Gotzen * (in corso di pubblicazione in

Dettagli

INDICE-SOMMARIO SEZIONE PRIMA L ORDINAMENTO ITALIANO

INDICE-SOMMARIO SEZIONE PRIMA L ORDINAMENTO ITALIANO VII Elenco delle abbreviazioni... XIX Introduzione... 1 SEZIONE PRIMA L ORDINAMENTO ITALIANO CAPITOLO I L IMPUTAZIONE DELL EVENTO NON VOLUTO CONSEGUENTE AD UN REATO-BASE DOLOSO: IL PROBLEMA DELLA RESPONSABILITÀ

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo L INTERESSE LEGITTIMO: ASPETTI INTRODUTTIVI

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo L INTERESSE LEGITTIMO: ASPETTI INTRODUTTIVI VII INDICE-SOMMARIO Capitolo Primo L INTERESSE LEGITTIMO: ASPETTI INTRODUTTIVI 1.1. Dalla legge di abolizione del contenzioso amministrativo alla tutela risarcitoria dell interesse legittimo... pag. 1

Dettagli

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) SEZIONE I: PRINCIPI GENERALI E DISCIPLINA COSTITUZIONALE 1. I rapporti personali tra coniugi a oltre trent anni dalla riforma del diritto di famiglia.....................................

Dettagli

I N D I C E S O M M A R I O

I N D I C E S O M M A R I O I N D I C E S O M M A R I O Abbreviazioni... pag. XV CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI 1. Un nuovo modello istituzionale di giustizia penale: i tribunali penali misti... pag. 1 2. Le ragioni di ordine

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA L INQUADRAMENTO DELLA SUCCESSIONE DI NORME INTEGRATRICI

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA L INQUADRAMENTO DELLA SUCCESSIONE DI NORME INTEGRATRICI VII Elenco delle abbreviazioni... Introduzione... XIX XXI PARTE PRIMA L INQUADRAMENTO DELLA SUCCESSIONE DI NORME INTEGRATRICI SEZIONE PRIMA INTEGRAZIONE (REALE O APPARENTE) DELLA FATTISPECIE LEGALE ASTRATTA

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume primo II edizione Aggiornato a: - Divieto del patto commissorio nella più recente giurisprudenza: Cass. civ., Sez.

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE TIPOLOGIE DI RAPPORTI TRA REATO E CONTRATTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE TIPOLOGIE DI RAPPORTI TRA REATO E CONTRATTO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE TIPOLOGIE DI RAPPORTI TRA REATO E CONTRATTO 1. Considerazione introduttive... 1 2. L evoluzione dottrinale... 9 3. I reati «implicanti» la conclusione di un contratto... 20

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. IX Indice bibliografico...» XV ANTONIO ALBANESE LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI CAPO VIII DELLA CESSIONE DEL CONTRATTO...» 1 Indice analitico delle

Dettagli

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici A13 Valerio Cellini Il falso in bilancio Aspetti economico-aziendali e giuridici Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Studio n. 853-2014/T ***

Studio n. 853-2014/T *** Studio n. 853-2014/T Regolarizzazione di società di fatto derivante da comunione di azienda nei tributi sui trasferimenti Approvato dall Area Scientifica Studi Tributari il 30 ottobre 2014 Approvato dal

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello Studio n. 15-2013/I ha illustrato le modalità di pubblicazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Prefazione di GUIDO ALPA... pag. XI ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Premessa... pag. 1 2. Compiti e obiettivi del legislatore del 2004...» 2 3. Su alcune caratteristiche dell impianto legislativo...»

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Prefazione... PARTE PRIMA L ESERCIZIO DELL IMPRESA INDIVIDUALE. Capitolo 2 I minori soggetti alla potestà dei genitori. 1. Generalità...

Prefazione... PARTE PRIMA L ESERCIZIO DELL IMPRESA INDIVIDUALE. Capitolo 2 I minori soggetti alla potestà dei genitori. 1. Generalità... Prefazione... IX PARTE PRIMA L ESERCIZIO DELL IMPRESA INDIVIDUALE Capitolo 1 La normativa vigente... 3 Capitolo 2 I minori soggetti alla potestà dei genitori 1. Generalità... 5 2. Modi di acquisto dell

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI. Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO. Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI. Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXV Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI Sezione I Disposizioni generali Art. 2325. Responsabilità... 1 1. Introduzione...

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Una dichiarazione di intenti 1 2. Alla riscoperta del carattere dinamico e prospettico dell allargamento 7 3. Struttura ed articolazione dell indagine 10 Parte prima LA

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

DIRITTO PENALE TRIBUTARIO

DIRITTO PENALE TRIBUTARIO DIRITTO PENALE TRIBUTARIO a cura di GIOVANNI FIANDACA - ENZO MUSCO SECONDA EDIZIONE MVLTA PAVCIS AG GIUFFRÈ EDITORE MILANO INDICE-SOMMARIO Premessa alla seconda edizione Pagv CAPITOLO I L'ART. 1 DELLA

Dettagli

Presentazione... ASSICURAZIONE E SANITÀ

Presentazione... ASSICURAZIONE E SANITÀ INDICE SOMMARIO Presentazione... V PARTE PRIMA ASSICURAZIONE E SANITÀ CAPITOLO 1 SANITÀ, RESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE: FATTORI DI CRISI ED ESIGENZE DI SOSTEGNO 1 Responsabilità e sanità: cause ed effetti

Dettagli

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI INDICE - SOMMARIO Presentazione di PIETRO PERLINGIERI 3 CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI Gli status personae e familiae nella giurisprudenza delle

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

INDICE RISCHIO FINANZIARIO E TUTELA DEL RISPARMIO NELLA PROSPETTIVA PENALISTICA

INDICE RISCHIO FINANZIARIO E TUTELA DEL RISPARMIO NELLA PROSPETTIVA PENALISTICA INTRODUZIONE...p. XV CAPITOLO I RISCHIO FINANZIARIO E TUTELA DEL RISPARMIO NELLA PROSPETTIVA PENALISTICA 1.1 Il mercato finanziario come ambiente generatore di rischi...p. 1 1.2 Nozione di risparmio: evoluzione

Dettagli

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione Sommario Premessa 11 Elenco degli acronimi 15 Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione internazionale 1. Nozione e sviluppo storico delle

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO Abbreviazioni.................................. pag. XXIII CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO 1. Alle origini del diritto del lavoro................... 1 2. Il periodo corporativo.........................

Dettagli

INDICE. 1 Il danno non patrimoniale; un pregiudizio unitario, ma con tante voci... 1. Presentazione...

INDICE. 1 Il danno non patrimoniale; un pregiudizio unitario, ma con tante voci... 1. Presentazione... INDICE Presentazione... XIX 1 Il danno non patrimoniale; un pregiudizio unitario, ma con tante voci... 1 1.1 Il danno non patrimoniale: nozione... 1 1.2 La metamorfosi del danno non patrimoniale dal codice

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda)

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) INDICE-SOMMARIO Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) Capitolo I IL LEASING FRA DIRITTO POSITIVO E PRASSI NEGOZIALE 1. Evoluzione storica, struttura formale e sostrato tecnico-aziendale del leasing.

Dettagli

La parte nascosta del pianeta sport

La parte nascosta del pianeta sport Diritto sportivo La parte nascosta del pianeta sport L aspetto giuridico del mondo sportivo Il diritto dello Sport ha assunto un ruolo di primaria importanza nel contesto giuridico attuale sia per la diffusione

Dettagli

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE Prefazione dell Autore... V CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE 1. I principi generali in tema di danno da fatto illecito extra contrattuale. 2 2. La nozione

Dettagli

La nuova figura del dirigente: poteri, doveri, responsabilità.

La nuova figura del dirigente: poteri, doveri, responsabilità. La nuova figura del dirigente: poteri, doveri, responsabilità. (Dr. Sergio Spadaro - Procura della Repubblica di Milano) 1. Il D.Lgs. 81/08 ha recepito la ormai sperimentata tecnica legislativa di origine

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Procedure di mobilità nel lavoro pubblico, assegnazione a mansioni superiori dirigenziali tra organizzazione regionale e ordinamento civile

Procedure di mobilità nel lavoro pubblico, assegnazione a mansioni superiori dirigenziali tra organizzazione regionale e ordinamento civile Procedure di mobilità nel lavoro pubblico, assegnazione a mansioni superiori dirigenziali tra organizzazione regionale e ordinamento civile di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Risposta al quesito

Ufficio Studi CODAU. Risposta al quesito Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Quesito sul corretto inquadramento tributario delle cosiddette sperimentazioni

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA ANALISI E COMMENTI SEZIONE I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E LICENZIAMENTI PER MOTIVI SOGGETTIVI

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA ANALISI E COMMENTI SEZIONE I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E LICENZIAMENTI PER MOTIVI SOGGETTIVI Abbreviazioni... Pag. XI Avvertenze e Legenda (per la lettura dei «medaglioni»)...» XV LICENZIAMENTI, SOGGETTIVI E OGGETTIVI, E SANZIONI: UNA INTRODUZIONE CON LE NOVITÀ DEL «COLLEGATO LAVORO» di Marcello

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... 1 PARTE I FONTI E CARATTERI DISTINTIVI DEL LEASING

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... 1 PARTE I FONTI E CARATTERI DISTINTIVI DEL LEASING Introduzione... 1 PARTE I FONTI E CARATTERI DISTINTIVI DEL LEASING CAPITOLO I LA VICENDA ITALIANA DEL LEASING E LE COSTANTI DELL OPERAZIONE 1. Le fonti... 13 1.1. La definizione normativa del leasing contenuta

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI 1. Origine della moderna figura dell agente nel quadro dei rapporti di distribuzione commerciale - Suo inserimento nel diritto positivo

Dettagli

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA Art 2123 (Forme di previdenza) PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA CAPITOLO I: LA PREVIDENZA VOLONTARIA NEL SISTEMA ITALIANO E COMUNITARIO DI SICUREZZA SOCIALE (Maurizio

Dettagli

È sempre ipotizzabile un preliminare?

È sempre ipotizzabile un preliminare? CAPITOLO QUARTO È sempre ipotizzabile un preliminare? SOMMARIO: 1. Compatibilità (ipotizzabilità, eseguibilità) del preliminare. 2. Mutuo. 3. Costituzione di società. 4. Donazione. 5. Preliminare del preliminare.

Dettagli

Giampiero Balena Giampiero Balena Istituzioni di diritto processuale civile

Giampiero Balena Giampiero Balena Istituzioni di diritto processuale civile I Giampiero Balena Giampiero Balena Istituzioni di diritto processuale civile Istituzioni di diritto processuale civile Volume I I PRINCÌPI Giampiero Balena Ordinario di Diritto processuale civile nell

Dettagli

INDICE. Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva)

INDICE. Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva) INDICE Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva) 1. La condizione nel testamento: profili generali... 3 2. La condizione e il modus.... 7 3. Condizione sospensiva e risolutiva... 13 4. Incertezza e

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI I MANUALI DEL PROFESSIONISTA diretti da Roberto GAROFOLI DANIELE IARUSSI Manuale di infortuni sul lavoro e malattie professionali Indice Premessa VII - I - GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO 1. Individuazione del sistema delle fonti normative del trasporto marittimo di persone.... 2 2. La disciplina di diritto uniforme. Profili sistematici

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA La prova scritta del Concorso di accesso in Magistratura LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA 1. Premessa. 2. La scelta delle tracce da parte della commissione. 3. La correzione delle

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

Appalti pubblici: qualificazione SOA della subentrante in gara.

Appalti pubblici: qualificazione SOA della subentrante in gara. NEWS N.60/ 3 giugno 2015 Appalti pubblici: qualificazione SOA della subentrante in gara. E possibile sottoscrivere un contratto di appalto anche quando sia cambiata l ausiliaria dell aggiudicataria a seguito

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I. Capitolo II

SOMMARIO. Capitolo I. Capitolo II SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 Capitolo I IL SISTEMA PREVIDENZIALE E LA SUA TUTELA COSTITUZIONALE 1. La ratio della previdenza privata e la necessità della sua riforma... 13 2. I precetti costituzionali in

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... Collaboratori... PARTE PRIMA I REATI PREVISTI DAL CODICE PENALE

INDICE SOMMARIO. Premessa... Collaboratori... PARTE PRIMA I REATI PREVISTI DAL CODICE PENALE XI Premessa... Collaboratori... VII IX PARTE PRIMA I REATI PREVISTI DAL CODICE PENALE CAPITOLO I I NUOVI REATI IN MATERIA DI TERRORISMO INTERNAZIONALE (ARTT. 270-BIS-270-SEXIES) 1. Premessa... 5 2. Alla

Dettagli

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette.

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. Responsabilità professionale e contatto sociale. Dott. Mario Mauro Firenze, 11 aprile 2011 Abstract. Individuazione del problema. La violazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA XIII Prefazione alla prima edizione... Prefazione alla seconda edizione... Elenco delle principali abbreviazioni... IX XI XXI CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA Guida

Dettagli

CORSO CARTACEO E ON LINE MAGISTRATURA E CONCORSI PUBBLICI di Roberto GAROFOLI

CORSO CARTACEO E ON LINE MAGISTRATURA E CONCORSI PUBBLICI di Roberto GAROFOLI CORSO CARTACEO E ON LINE MAGISTRATURA E CONCORSI PUBBLICI di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI CORSO RAGIONATO DI PENALE PER GLI SCRITTI DI MAGISTRATURA Volume I SOMMARIO PARTE I LEGALITÀ ED EFFICACIA

Dettagli

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO INDICE INTRODUZIONE 01. Premessa... p. XVII 02. Finalità della ricerca e questioni metodologiche...» XX

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo IL SEGRETO BANCARIO: ORIGINI,FONTI E DEROGHE

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo IL SEGRETO BANCARIO: ORIGINI,FONTI E DEROGHE INDICE SOMMARIO Presentazione... Elenco delle principali abbreviazioni... pag. ix xvii Capitolo Primo IL SEGRETO BANCARIO: ORIGINI,FONTI E DEROGHE Guida bibliografica... 3 1. Le origini del segreto bancario:

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 Svolgimento del Processo La controversia concerne l impugnazione da parte del contribuente del silenzio rifiuto opposto dall amministrazione ad

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITÀ PER I DANNI DA INFORTUNIO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITÀ PER I DANNI DA INFORTUNIO Premessa..................................... pag. IX CAPITOLO I LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITÀ PER I DANNI DA INFORTUNIO 1. Previdenza, prevenzione e responsabilità per il rischio del lavoro.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. INTRODUZIONE a cura di Natalino Sapone. Sezione Prima PARTE GENERALE. CAPITOLO I PROFILI PROCEDURALI GENERALI di Fabrizio Amendola

INDICE SOMMARIO. INTRODUZIONE a cura di Natalino Sapone. Sezione Prima PARTE GENERALE. CAPITOLO I PROFILI PROCEDURALI GENERALI di Fabrizio Amendola INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE a cura Sezione Prima PARTE GENERALE CAPITOLO I PROFILI PROCEDURALI GENERALI di Fabrizio Amendola 1. La forma della domanda cautelare. 2. Il contenuto del ricorso: fumus boni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... pag. V VII PREMESSA 1. L assicurazione della responsabilità civile e il suo evolversi nel tempo... 1 2. Possibilità di una

Dettagli

INDICE. Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO

INDICE. Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO XI Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... VII IX IX PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO SEZIONE PRIMA PARTE GENERALE: IL SISTEMA DEL DIRITTO

Dettagli

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui Articolo Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui (di Giuseppe Pompella Ministero dell Interno Dipartimento per le Politiche del Personale e per le Risorse

Dettagli

GIURISPRUDENZA CRITICA Collana diretta da Paolo Cendon. Lorenzo Balestra - Antonio De Rosa Fabrizio Gradassi - Fabio Mariani LA S.N.C.

GIURISPRUDENZA CRITICA Collana diretta da Paolo Cendon. Lorenzo Balestra - Antonio De Rosa Fabrizio Gradassi - Fabio Mariani LA S.N.C. GIURISPRUDENZA CRITICA Collana diretta da Paolo Cendon Lorenzo Balestra - Antonio De Rosa Fabrizio Gradassi - Fabio Mariani LA S.N.C. UTET INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA. LA COSTITUZIONE, I CONFERIMENTI,

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Indice sommario. Parte Prima Il mutuo

Indice sommario. Parte Prima Il mutuo Indice sommario Introduzione (di VINCENZO CUFFARO) XI Parte Prima Il mutuo Capitolo I (di PAOLO MARIA VECCHI) 3 Il contratto 1. Tipo e causa del contratto di mutuo 3 2. Il carattere reale del contratto

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO

INDICE PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO XV Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla decima edizione... VII IX XI PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO SEZIONE PRIMA PARTE GENERALE: IL SISTEMA DEL DIRITTO

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

La qualificazione del contratto di lavoro: orientamenti attuali e prospettive future

La qualificazione del contratto di lavoro: orientamenti attuali e prospettive future La qualificazione del contratto di lavoro: orientamenti attuali e prospettive future di Giulia Bandelloni collaboratrice della commissione di certificazione dell Università di Genova I giudici, nella sentenza

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza CAPITOLO I SEPARAZIONE E DIVORZIO: UN MODELLO PROCESSUALE UNITARIO 1. Premessa. Le ragioni di una scelta....................... 1 2. Matrimonio, separazione, divorzio: il legame tra società e diritto,

Dettagli

CAPITOLO I LE FONTI SEZIONE I LA CEDU E LE FONTI DEL DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA SEZIONE II LE FONTI DELL ORDINAMENTO NAZIONALE

CAPITOLO I LE FONTI SEZIONE I LA CEDU E LE FONTI DEL DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA SEZIONE II LE FONTI DELL ORDINAMENTO NAZIONALE CAPITOLO I LE FONTI SEZIONE I LA CEDU E LE FONTI DEL DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA 1. Premessa. 1.A. Diritto amministrativo e CEDU. 1.A.1. Il rango delle norme CEDU nell ordinamento interno: le due tesi.

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE 1. L assemblea ed i suoi poteri... 1 2. I limiti ai poteri dell assemblea in tema di: a) modifica del regolamento di condominio c.d. contrattuale... 3 3. b) approvazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II L AMBITO DI OPERATIVITÀ DELLA NORMA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II L AMBITO DI OPERATIVITÀ DELLA NORMA INDICE SOMMARIO Prefazione alla terza edizione............................. Prefazione alla seconda edizione........................... Prefazione alla prima edizione............................ V VII

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo SOMMARIO Elenco Autori... Abbreviazioni... V VII Introduzione... 1 di Luca Zitiello Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE LA RETE NELLE SCIENZE SOCIALI E NEL DIRITTO

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE LA RETE NELLE SCIENZE SOCIALI E NEL DIRITTO INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE LA RETE NELLE SCIENZE SOCIALI E NEL DIRITTO 1. Origine, evoluzioni e classificazioni del concetto di rete nelle scienze sociali... pag. 1 2. Una classificazione utile per il

Dettagli