Il fascino discreto del mini-idroelettrico. Impatti e rischi derivanti dalla proliferazione eccessiva di energie pulite sui fiumi alpini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il fascino discreto del mini-idroelettrico. Impatti e rischi derivanti dalla proliferazione eccessiva di energie pulite sui fiumi alpini"

Transcript

1 Il fascino discreto del mini-idroelettrico. Impatti e rischi derivanti dalla proliferazione eccessiva di energie pulite sui fiumi alpini Abstract di Eriberto Eulisse Direttore Civiltà dell Acqua Onlus Nei prossimi anni è prevista la costruzione di nuovi impianti mini-idroelettrici per la produzione di energia verde in tutto l arco alpino. In molti casi la loro costruzione porterà al definitivo degrado di ecosistemi acquatici di pregio. In una fase storica in cui le politiche energetiche comunitarie tendono a promuovere energie pulite, i fiumi alpini rischiano di pagare un prezzo eccessivo sull altare dello sviluppo a ogni costo. Nella costruzione di scenari postsviluppisti, le strategie della decrescita devono sviluppare rigorose analisi economico-ambientali per valutare, caso per caso, l impatto cumulativo di questi impianti sugli ecosistemi acquatici di valore, senza trascurare l importanza di promuovere nuove politiche atte a riconvertire le grandi centrali idroelettriche già esistenti. Energia veramente pulita? La nuova retorica dello sviluppo a ogni costo Le Alpi sono universalmente note per la loro intrinseca, rara bellezza legata a laghi, fiumi e corsi d'acqua. Eppure oggi anche le Dolomiti, iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'unesco per il loro ambiente naturale unico e fragile, rischiano di perdere sempre più una componente importante di questa bellezza: l'acqua. In un contesto euforico generale per lo sviluppo di energie rinnovabili e, in particolare, dell'ultima generazione di impianti per la produzione di energia idroelettrica, il cosiddetto mini-idroelettrico, l'acqua sta diventando una risorsa sempre più scarsa e contesa nelle Alpi. Dopo anni di utilizzo di energie inquinanti come petrolio e carbone, è certo un bene per il nostro pianeta che oggi vengano proposte in modo sempre più convinto le energie rinnovabili come mitigazione di un ormai conclamato cambiamento climatico. Pochi sanno, tuttavia, quali pesanti ripercussioni possono avere certe energie pulite su ambienti particolarmente delicati, quali fiumi ed ecosistemi acquatici alpini. Nelle Alpi italiane, i tratti fluviali con una buona/elevata naturalità sono sempre più rari: il rischio oggi è che investimenti sempre più consistenti sul mini-idroelettrico interessino proprio queste zone sensibili. Con questo contributo, si intende sottolineare come anche le tecnologie più innovative e potenzialmente meno impattanti per l'ambiente rappresentano una categoria ambigua dello sviluppo se non vengono guidate da principi improntati a una sostenibilità integrata. È sintomatico che oggi, a sbandierare gli slogan più efficaci sui vantaggi (a senso unico) delle energie pulite in contesto alpino non siano i soliti gruppi ambientalisti, bensì alcune associazioni di piccoli industriali volte a promuovere la costruzione di mini-impianti idroelettrici di nuova generazione. Con abili strategie di comunicazione, la European Small Hydropower Association (ESHA, l ente europeo che raggruppa i principali costruttori di mini-idroelettrico) enfatizza tutti i pregi di queste nuove tecnologie, senza considerare la fragilità cui è ridotta buona parte dei corsi d acqua, in particolare sul versante meridionale delle Alpi. Due importanti Direttive Europee vanno considerate per comprendere quali interessi si muovano dietro alle crescenti domande di energia e alla contestuale urgenza di proteggere la qualità di tuttee le acque. Galvanizzati da prospettive di facili guadagni resi possibili dalla Direttiva Europea sulle Energie Rinnovabili (2009/28), oggi in Italia sono ben rari gli enti pubblici e le amministrazioni che

2 perseguono gli obiettivi fissati da Bruxelles per tutelare l integrità (il buono stato ecologico ) dei nostri corsi d'acqua alpini. Di fronte ai profitti offerti dal business dell'energia, viene troppo spesso e immancabilmente trascurata un'altra normativa europea, la Direttiva Acque 2000/60 che, contrariamente a quanto promuove la 2009/28 sulle Rinnovabili, impone una maggiore attenzione per la qualità non solo chimica, ma anche biologica e idromorfologica dei corsi d'acqua. Come rendere la Direttiva 2000/60 compatibile con energie rinnovabili che, in realtà, non sono sempre così pulite e rispettose dell'ambiente come si tenderebbe a credere? È certamente un argomento scottante da trattare per gli enormi interessi economici e industriali in gioco, nonché terreno scivoloso su cui a Bruxelles si confrontano (e si scontrano) due Direttive europee con tanto di rispettive Direzioni Generali. Ma per capire quali possibili soluzioni esistono a queste potenziali guerre dell acqua è bene confrontarsi con l opinione degli esperti. I temi affrontati nell'ambito di due recenti convegni sull'argomento consentono di approfondire la questione. Gli eco-finanziamenti per il mini-idroelettrico e i rischi per l ambiente La III Conferenza Internazionale sull Acqua nelle Alpi, organizzata dal Ministero dell Ambiente e dalla Convenzione delle Alpi ha riunito a Venezia, nel novembre 2010, studiosi, enti e portatori d'interesse di tutto l arco alpino. Durante il convegno gli obiettivi della Direttiva Acque 2000/60 (con il raggiungimento del buono stato ecologico dei corpi idrici) sono stati considerati in relazione a quelli quelli della Direttiva 2009/28 sulle Energie Rinnovabili. L energia idroelettrica rappresenta senza dubbio il denominatore comune di queste due direttive. Diversi interventi hanno evidenziato come l'idroelettrico sia un settore decisamente promettente nell ottica del raggiungimento degli obiettivi comunitari sulla produzione di energie rinnovabili. L Italia, grazie agli incentivi economici stanziati è, non a caso, il paese in cui sono previsti i più consistenti investimenti di settore (secondo le stime di ESHA). Le domande per realizzare tali impianti sono letteralmente esplose, nelle regioni alpine italiane (con la sola eccezione della Provincia Autonoma di Trento) anche grazie agli eco-incentivi statali. Vale dunque la pena di soffermarsi e approfondire questo caso. Il nostro paese, nel giugno 2010, ha pubblicato il Piano d azione nazionale sulle energie rinnovabili. Nel piano è previsto che nei prossimi anni la produzione del mini-idroelettrico segnerà un netto aumento; al contrario, il grande idroelettrico diminuirà proporzionalmente, così da mantenere inalterata, rispetto ai valori odierni, la produzione idroelettrica nazionale complessiva. Queste variazioni previste nel settore energetico non possono ignorare, tuttavia, una politica delle acque più complessiva, così come definita nei Piani di gestione dei distretti idrografici (redatti sempre nel 2010). Tali Piani si occupano di tutela quali-quantitativa della risorsa acqua, sia per il raggiungimento del bilancio idrico sia per i rilasci del deflusso minimo vitale in ogni corso d acqua/bacino idrografico. A fronte di questi Piani nazionali, non sempre conciliabili tra loro, c'è il rischio che gli obiettivi ambientali della 2000/60 vengano messi decisamente in secondo piano rispetto a un altro importante traguardo, quello sancito dalla 2009/28, per cui l energia prodotta in Italia dovrà derivare sempre più da fonti rinnovabili (almeno il 17% entro il 2020). Non sorprende in quest'ottica che un gruppo di economisti della Bocconi, tra cui Andrea Massarutto e Alessandro de Carli, rilevi come la minaccia di una proliferazione eccessiva di tali impianti possa essere dovuta proprio agli effetti perversi degli eco-incentivi: con la creazione di un mercato drogato oggi è possibile (e addirittura conveniente) realizzare il mini-idroelettrico anche laddove in passato non si sarebbe mai lontanamente ipotizzato (senza ecoincentivi). Ne discende che, in un ambiente fragile e delicato quale il contesto alpino, il calcolo del costo effettivo di certi impianti non può prescindere da una considerazione di più componenti: ovvero,

3 oltre alla rendita economica più immediata, anche quella legata a impatti e costi socio-ambientali. E considerato che il cambiamento climatico e il fenomeno della scarsità d acqua oggi colpiscono soprattutto il versante meridionale delle Alpi (quello italiano), è più che mai opportuno fare una pianificazione attenta di simili interventi. Un altro convegno internazionale, realizzato a Trento nel gennaio 2011 dall Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente in collaborazione con il Centro Internazionale Civiltà dell Acqua, ha sollevato una serie di questioni importanti in relazione ai problemi del potenziale impatto ambientale di queste nuove tecnologie nel contesto alpino. I temi affrontati da diversi relatori hanno messo in evidenza una serie di questioni problematiche e tuttora irrisolte (http://www.appa.provincia.tn.it/agenda_eventi_ambientali/pagina250.html). Se fra i costi del mini-idroelettrico si includono anche quelli ambientali, in quali casi risulta economicamente davvero conveniente realizzare certi interventi su un corso d'acqua? I servizi ecosistemici resi dal fiume (potere autodepurativo delle acque, produzione di beni e servizi, pesca, turismo, etc) possono competere, in altre parole, con la rendita economica di un miniidroelettrico? Quando è lecito realizzare tali impianti intervenendo su tratti di fiume che presentano i più elevati indici di naturalità e biodiversità? E quali strumenti di certificazione esistono oggi per garantire ai consumatori che vogliono utilizzare energia veramente pulita, in alternativa a un idroelettrico verde solo di facciata? Il convegno di Trento si è dunque focalizzato sulla cause dell attuale proliferazione del miniidroelettrico in tante regioni alpine. Le ragioni alla base dell'attuale esplosione di domande per il mini-idroelettrico sono legate, in Italia più che altrove, alla disperata ricerca di soldi da parte dei Comuni montani, ormai sempre più in crisi per le esigue finanze a disposizione e dunque sempre meno attenti a preservare il proprio ambiente naturale. Quale esempio eloquente dei tempi che corrono, un caso su tutti è degno di nota. La proposta di realizzare un mini-idroelettrico per sfruttare l'acqua residua anche sulla diga del Vajont la diga che nel 1963 fu teatro dell immensa tragedia costata la vita a oltre 2000 persone è un segnale tristemente significativo di dove possa portare, ancora una volta, un'euforia dello sviluppo spinta all'eccesso. Si tratta, in realtà, di un progetto poco rispettoso nei confronti delle famiglie delle vittime di una delle più grandi catastrofi nella storia dell'idroelettrico. Una lezione che a soli 50 anni di distanza è già stata dimenticata? Eppure, a ben vedere, il caso del Vajont insegna proprio come certe valutazioni errate nella scelta dei luoghi ove costruire simili impianti, anche se suffragate dai modelli ingegneristici più ambiziosi, possono rivelarsi immensamente tragiche e devastanti. Secondo le previsioni della già citata ESHA, nei prossimi anni è prevista la costruzione di circa nuovi micro-impianti in tutto l'arco alpino; la maggior parte di questi si concentrerà in Italia. Ma quale sarà il contributo effettivo di centinaia di nuove mini-centraline nel raggiungimento di un potenziale produttivo significativo? È opportuno sottolineare come, in termini percentuali, il contributo che potenzialmente può generare il mini-idroelettrico per raggiungere l obiettivo europeo del 17% di rinnovabili (entro il 2017) non sia affatto significativo. Basta infatti considerare che oggi il 90% degli impianti idroelettrici nelle Alpi produce solo il 10% dell'energia idroelettrica totale... In altre parole, la quasi totalità della produzione di energia idroelettrica (90% del totale circa) è realizzata da pochi impianti (il 10% del totale: dunque dagli impianti più grandi). Il contributo del mini-idroelettrico risulterebbe in definitiva decisamente residuale, anche aumentandone considerevolmente il numero, in quanto si tratta di impianti strutturalmente limitati per capacità produttiva. Gli impatti sull ambiente, di converso, sarebbero considerevoli. Dunque, se l impatto ambientale sarà senza dubbio pesante per tanti corsi d'acqua ed ecosistemi acquatici sotto stress a causa dei già consistenti prelievi quantitativi a scopo energetico e irriguo,

4 qual è l'effettivo beneficio comune (o pubblico) che può generare quest'energia rinnovabile di ultima generazione? Per tutti questi motivi alcuni relatori hanno sottolineato come può risultare decisamente più rilevante e strategico investire sul rinnovamento, sulla manutenzione e sulla certificazione dei grandi, vecchi impianti, ovvero quelli già esistenti, rispetto alle micro-centraline. Impianti che oggi fanno registrare per lo più una produttività bassissima a causa delle grandi quantità di detriti che si sono accumulati nei bacini di accumulo nel corso di decenni, nonché della scarsa manutenzione che ne viene fatta. I certificati verdi e il calcolo degli impatti cumulativi La certificazione dei grandi impianti idroelettrici (quelli di vecchia generazione) costituisce un aspetto fondamentale per pianificare una diffusione più sostenibile ed equilibrata del miniidroelettrico. A sostenerlo è Bruno Boz del CIRF (Centro Italiano Riqualificazione Fluviale), con il progetto europeo CH2OICE (Certification for Hydro: Improving Clean Energy, cfr. Tale progetto si propone di testare nuovi metodi di certificazione verde per il grande idroelettrico, onde adeguare questi impianti ai nuovi criteri di impatto ambientale e soddisfare al contempo i clienti più esigenti in fatto di rispetto dei fiumi e dei corsi d'acqua. In Svizzera, ad esempio, è attivo da anni un sistema di certificazione che, pur a fronte di un costo maggiore dell'energia (acquistata da una fascia crescente di consumatori attenti), garantisce un minore impatto ambientale sui corsi d'acqua alpini. Il concetto di impatto cumulativo illustra assai bene un altro aspetto chiave delle particolari condizioni di vulnerabilità di tanti fiumi alpini a fronte dell'ormai imminente proliferazione indiscriminata del mini-idroelettrico. Come infatti mette in luce questa metodologia, anche laddove l impatto ambientale di un singolo micro-impianto è limitato, onde valutare l'entità effettiva dei rischi per l'ambiente risulta di fondamentale importanza considerare la somma di tutti gli impianti di produzione, ovvero di tutti gli impatti antropici, che ricadono su un corso d'acqua / bacino idrografico. La questione è tutt altro che irrilevante, considerato che in Italia non esiste ancora uno strumento normativo che obblighi l'autorità concedente le autorizzazioni a ragionare in ottica di bacino idrografico (dalla fonte alla foce di un fiume, come prescrive la 2000/60), anziché su singoli segmenti fluviali. Mancano ancora, al contempo, dei criteri definiti e trasparenti tali da descrivere con quali priorità viene data autorizzazione a un impianto piuttosto che a un altro (a seconda ad esempio, del relativo impatto ambientale). Ancor oggi, di fatto, non v'è purtroppo chiarezza su quali criteri vengano considerati come prioritari per la concessione di nuove autorizzazioni (in Italia esistono differenze notevoli fra regione e regione). D'altra parte, soluzioni interessanti e innovativi alla spinosa questione del dove realizzare tali impianti, come ha sottolineato Andrea Mammoliti Mochet (ARPA Val d Aosta), possono essere fornite grazie a rigorosi esercizi di mappatura dei corsi d acqua, con l indicazione dei luoghi più idonei per tali impianti: quelli in cui, ad esempio, a una maggiore resa energetica si abbina un minore impatto ambientale. È questo l obiettivo del progetto europeo SHARE (Sustainable Hydropower in Alpine Rivers Ecosystems, cfr. di cui ARPA Val d Aosta è capofila. Il progetto SHARE offre una base scientificamente valida e rigorosa, in linea con la Direttiva Acque 2000/60, per negoziare e mediare fra interessi molteplici e spesso contrastanti. Approccio tecnocratico o partecipazione pubblica? La questione dell'opportunità di realizzare impianti mini-idroelettrici in alcuni parchi nazionali (Dolomiti, Appennini) è stata sollevata, non a torto, da alcuni comitati di cittadini e movimenti ambientalisti: è lecito che questi impianti ottengano la massima certificazione di energia pulita

5 proprio perché realizzati in un parco naturale protetto (con il rischio di trasformare queste aree di pregio naturalistico in vere e proprie centrali di produzione di energia verde )? A fronte di simili realizzazioni oggi risulta più che mai necessario, in linea con quanto auspicato dalla Direttiva Europea Acque sulla partecipazione pubblica, promuovere un processo partecipato in cui possano sedere a uno stesso tavolo consumatori, comunità montane e rivierasche, produttori ed enti locali. Vale la pena di citare in quest'ottica un caso paradigmatico di genuina partecipazione della società civile. Conclusione significativa del già citato convegno di Trento è stato il conferimento del IV Premio Internazionale Civiltà dell Acqua ai Comuni di Craveggia (Verbania) e Onsernone (Ticino, Svizzera), nonché al movimento della società civile L Isorno fiume minacciato Le tormentate acque dei Bagni di Craveggia (www.civiltacqua.org). Tali comunità hanno combattuto per anni sul confine italo-svizzero contro la costruzione di una centrale idroelettrica, progettata in corrispondenza della storica sorgente termale dei Bagni di Craveggia. Il Premio ha posto in evidenza un esperienza esemplare di presa di consapevolezza da parte di alcune comunità rivierasche del proprio patrimonio ambientale e della propria identità. Con la costruzione della nuova struttura, lo sfregio arrecato al fiume e al paese stesso sarebbe stato non solo irreversibile, ma anche sproporzionato rispetto alla mitigazione offerta dai costruttori (circa /anno per ciascun comune). Forse questo caso dell'isorno farà storia per aver rilanciato, in una fase storica affamata di energia, l importanza di una nuova cultura del fiume. Verso una produzione idroelettrica durevole e sostenibile Considerando il caso italiano, l'attuale proliferazione del mini-idroelettrico sui versanti alpini solleva diverse questioni irrisolte vis à vis la necessità di costruire nuove strategie energetiche postsviluppiste. Sulla base di quali criteri di valutazione gli enti preposti alla concessione di nuove autorizzazioni si esprimono pro o contro un determinato impianto mini-idroelettrico, considerandone lo specifico impatto ambientale piuttosto che quello di un altro progetto in concorrenza, e non solo il massimo profitto economico? In quanti casi viene effettivamente svolta una rigorosa valutazione di impatto ambientale cumulativo? Quali strumenti pianificatori vengono attuati a livello istituzionale? Oggi risulta certamente difficile comprendere sulla base di quali criteri di valutazione vengano approvati certi impianti mini-idroelettrici piuttosto che altri, ovvero come venga calcolato il rischio di un'eccessiva proliferazione di queste tecnologie, con la conseguenza di sovraccarichi insostenibili sull'ambiente. Eppure, tale trasparenza è fondamentale per evitare di lasciare in balia delle dinamiche di mercato decisioni di grande importanza che riguardano beni d'indiscutibile interesse comune. La necessità di una maggiore coerenza tra i vari livelli di pianificazione, la definizione di bilanci energetici e idrici a livello di bacino fluviale (anziché considerare singoli tratti di fiume), l'avvio di nuovi processi di certificazione di energie pulite che valorizzino il ruolo del consumatore, la valutazione degli impatti cumulativi (e non solo del singolo impianto), l'obbligo di una maggiore tutela del paesaggio e di una più mirata valorizzazione delle aree fluviali integre (anche grazie alle possibili compensazioni ambientali derivanti dalle grandi produzioni), rappresentano insomma le grandi sfide su cui orientare gli sforzi per costruire nuove strategie di decrescita e per garantire una produzione idroelettrica sostenibile, tale da considerare cioè aspetti sia economici che ambientali e naturalistici. Per tutti questi motivi, una pianificazione strategica sulla produzione da energie rinnovabili è più che mai necessaria e deve considerare anche altre fonti, quali ad esempio il solare che a tutt'oggi, secondo gli esperti, è l'energia rinnovabile più sostenibile anche in un contesto come quello alpino.

6 In una società sempre più globale e globalizzante la sfida del futuro è dunque quella di coniugare la gestione della qualità e quantità delle acque con i principi della sostenibilità integrata, considerando cioè aspetti non solo economici ma anche ambientali, sociali ed etici. Tale approccio va distinto dall emergente Green Economy - che in molti casi non è altro che un mero Green Washing di facciata. Oggi è necessario anzitutto un cambiamento di comportamenti e mentalità, oltre che di regole pianificatorie: è più che mai urgente affermare un nuovo modo di pensare la gestione dei fiumi e dell ambiente, senza escludere diritti e legittime aspettative delle generazioni a venire.

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Energie rinnovabili e sviluppo sostenibile nelle Alpi

Energie rinnovabili e sviluppo sostenibile nelle Alpi Energie rinnovabili e sviluppo sostenibile nelle Alpi La Direttiva Energie Rinnovabili (RES 2009/28) e la Direttiva Europea Acque (WFD 2000/60) a confronto Il caso del Piemonte Paolo Mancin Settore Tutela

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

Energia dall acqua acqua in montagna

Energia dall acqua acqua in montagna Energia dall acqua acqua in montagna Solaro ((MI MI) ) 13 giugno 2009 La montagna come risorsa energetica? Riferimento Biogeografico 1 o STEP Acquisizione di informazioni e competenze tecniche adeguate:

Dettagli

Valutazioni economiche dell utilizzazione idroelettrica in ambiente Alpino

Valutazioni economiche dell utilizzazione idroelettrica in ambiente Alpino Valutazioni economiche dell utilizzazione idroelettrica in ambiente Alpino Alessandro de Carli IEFE Università Bocconi Alessandro de Carli IEFE Università Bocconi Schema della presentazione Che cos è la

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Spazio Alpino ad ALPI365!

Spazio Alpino ad ALPI365! Newsletter Italia n 3/2009 ACP Alpine Contact Point ITALIA DG Territorio e Urbanistica Via Sassetti, 32/2 20124 Milano Tel. +39 02 6765 5356 Fax +39 02 6765 6716 E-mail: spazio_alpino@regione.lombardia.it

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO L E G A M B I E N T E U M B R I SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO Perugia, 3 giugno 2008 A : iniziative e proposte Le proposte elaborate da Legambiente fanno riferimento al Piano di sviluppo sostenibile

Dettagli

progetto organizzato da PRO NATURA TORINO

progetto organizzato da PRO NATURA TORINO progetto organizzato da PRO NATURA TORINO con la partecipazione di Pro Natura Piemonte Univ. di Torino - Fac. Veterinaria Parco Nazionale Gran Paradiso CIPRA Italia con il contributo della Regione Piemonte

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

Corso di Energetica A.A. 2013/2014

Corso di Energetica A.A. 2013/2014 Corso di Energetica A.A. 2013/2014 Mini Idroelettrico Parte Prima Prof. Ing. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche Lo sfruttamento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche

Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche All. VII, parti A e B, punto 8 della Direttiva 2000/60/CE e All. 4, parti A e B, punto 8, alla Parte Terza del D.Lgs.

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

I Contratti di Fiume in Piemonte

I Contratti di Fiume in Piemonte I Contratti di Fiume in Piemonte Elena Porro Direzione Ambiente Roma, 25 novembre 2014 I Contratti di Fiume in Piemonte : quale diffusione? FIUME Torrente Orba Torrente Sangone Torrente Belbo Torrente

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

L OCCASIONE PER IL RILANCIO DELLE STRATEGIE EUROPEE DI LISBONA E DI GÖTEBORG

L OCCASIONE PER IL RILANCIO DELLE STRATEGIE EUROPEE DI LISBONA E DI GÖTEBORG L OCCASIONE PER IL RILANCIO DELLE STRATEGIE EUROPEE DI LISBONA E DI GÖTEBORG di Andrea Ferraretto L Unione Europea ha fondato su due strategie il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo fissati al 2010:

Dettagli

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Autorità di Bacino dei fiumi Liri Garigliano e Volturno Distretto Idrografico Appennino

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 Pagina 1 1 PREMESSA... 4 2 PROGRAMMA DI AZIONE PRIMA... 5 2.1 AZIONI

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA

ENERGIA IDROELETTRICA partecipano ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA Prospettive in riferimento alle novità legislative 2011-2012 Canoni e Rinnovi Concessioni Hydro Compatibilità Ambientali e Tecnologie di Settore CONVEGNO in

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE AD USO INDUSTRIALE per la produzione di ENERGIA IDROELETTRICA nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE attraverso lo sfruttamento

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.10.2009 SEC(2009) 1455 C7-0271/09 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO Documento di accompagnamento alla

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio.

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio. Minidraulica Quadro sintetico della tecnologia, degli impianti e delle macchine Energia idroelettrica è un termine usato per definire l'energia elettrica ottenibile a partire da una caduta d'acqua, convertendo

Dettagli

Conoscenze ambientali e Valutazione Ambientale Strategica: appunti 1

Conoscenze ambientali e Valutazione Ambientale Strategica: appunti 1 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE REGIONE PUGLIA 2007-2013 ASSE VII Capacità Istituzionale PROGRAMMA INTEGRATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLA REGIONE PUGLIA Laboratorio

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE Aula Consiliare Contursi Terme (SA), 30 luglio 2014 Geologo Rocco Lafratta referente CIRF Campania www.cirf.org r.lafratta@cirf.org - 3386996022 Cos

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

PTS TUTELA RISORSE NATURALI

PTS TUTELA RISORSE NATURALI PTS TUTELA RISORSE NATURALI PREMESSA Se la proposta di ripartizione della spesa tiene conto che la Calabria ha ancora tanta necessità di spendere sull asse I per garantire un adeguato intervento sull ancora

Dettagli

1. Introduzione e struttura della ricerca

1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca ABSTRACT Il capitolo introduttivo fornisce l inquadramento generale della ricerca e ne definisce gli obiettivi primari

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

La riqualificazione ambientale dei canali Stato dell arte e quesiti per il futuro Ing. Marco Monaci Direttore Tecnico CIRF CIRF Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale Associazione culturale tecnico-scientifica

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

SEGNALI ALPINI FOCUS 1 LINEE GUIDA COMUNI PER L USO DEL PICCOLO IDROELETTRICO NELLA REGIONE ALPINA

SEGNALI ALPINI FOCUS 1 LINEE GUIDA COMUNI PER L USO DEL PICCOLO IDROELETTRICO NELLA REGIONE ALPINA Esclusione Convenzione delle Alpi Piattaforma gestione dell acqua nello spazio alpino SEGNALI ALPINI FOCUS 1 LINEE GUIDA COMUNI PER L USO DEL PICCOLO IDROELETTRICO NELLA REGIONE ALPINA IMPRINT Autore Piattaforma

Dettagli

La piattaforma acqua della Convenzione delle Alpi

La piattaforma acqua della Convenzione delle Alpi La piattaforma acqua della Convenzione delle Alpi Idroelettrico, piani di gestione e rischio alluvioni Antonio Ballarin Denti 1, Andrea Bianchini 2 1 National Focal Point Alpine Convention 2 EURAC Research

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali III Le esperienze nei piani provinciali e comunali 2 PARTE III L invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche nel contesto della VAS di Davide Broccoli, Leonardo Giorgi, Paolo Mazzoli e Alberto

Dettagli

IL TURISMO ALPINO ALCUNI TEMI DI RIFLESSIONE 1

IL TURISMO ALPINO ALCUNI TEMI DI RIFLESSIONE 1 IL TURISMO ALPINO ALCUNI TEMI DI RIFLESSIONE 1 Tendenze della domanda (alcune sintesi) Nel mondo del turismo oramai dobbiamo fare i conti con un tipo di cliente / consumatore molto diverso dal passato:

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA. KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso

ENERGIA IDROELETTRICA. KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso ENERGIA IDROELETTRICA KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso DEFINIZIONE DI CENTRALE IDROELETTRICA CENTRALE IDROELETTRICA si intende una serie

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

Rubbia: le alternative? Ne vedo almeno tre

Rubbia: le alternative? Ne vedo almeno tre Rubbia: le alternative? Ne vedo almeno tre ENERGIE 1 a cura di Vittorio Borelli e Donato Speroni No al catastrofismo, ma attenzione alla crescita demografica: nel 2050 saremo nove miliardi di persone.

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe. Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Autorità di bacino del fiume Po

Autorità di bacino del fiume Po Autorità di bacino del fiume Po incontro delle Reti Locali interessate da processi di pianificazione strategica partecipata per la riqualificazione dei bacini fluviali Titolo dell Esperienza da agenda

Dettagli

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Case Id: 26c91486-b59d-4b3f-9ccd-ae0238a073a4 STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Fields marked with are mandatory. L'obiettivo generale

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Rilancio della cartografia geologica

Rilancio della cartografia geologica Silvio Seno Presidente Federazione Italiana di Scienze della Terra 1 Rilancio della cartografia geologica 7 th Euregeo, Bologna - Conferenza stampa 14 giugno 2012 2 Premessa 3 Perché ci servono informazioni

Dettagli

Water in the Alps - and beyond

Water in the Alps - and beyond 5 a Water Conference, 2014 Water in the Alps - and beyond L acqua nelle Alpi e oltre L adattamento ai cambiamenti climatici nei bacini idrografici alpini e di altre regioni montane Data: 25-26 Settembre

Dettagli

IDROELETTRICO DI PICCOLA TAGLIA

IDROELETTRICO DI PICCOLA TAGLIA IDROELETTRICO DI PICCOLA TAGLIA Che cos è Il principio su cui si basa la produzione delle centrali idroelettriche è la trasformazione dell energia potenziale, posseduta da una massa di acqua per effetto

Dettagli

ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE

ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE La nostra energia ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE SEL SPA Società Elettrica Altoatesina I-39100 Bolzano Via Canonico Michael Gamper 9 T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 www.sel.bz.it

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Documento di sintesi I cantoni alpini intendono rafforzare l area alpina quale spazio vitale, economico e culturale poliedrico, caratterizzato dalla

Dettagli

Gestione delle acque in Svizzera: sviluppi prospettive - strategie

Gestione delle acque in Svizzera: sviluppi prospettive - strategie Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Divisione Acqua STRADA - Strategie di adattamento ai cambiamenti climatici

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

PARCHI DI MARE E D APPENNINO

PARCHI DI MARE E D APPENNINO PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO APE APPENNINO PARCO D EUROPA APPENNINO SETTENTRIONALE (REGIONI LIGURIA, EMILIA ROMAGNA, TOSCANA) PARCHI DI MARE E D APPENNINO AGENDE TERRITORIALI COORDINATE PER LA RETE DEI

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ANTROPIZZATO:! Consapevolezza ed analisi sintetica! dei principali fattori di rischio idrogeologico in Italia!

LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ANTROPIZZATO:! Consapevolezza ed analisi sintetica! dei principali fattori di rischio idrogeologico in Italia! LA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO ANTROPIZZATO:! Consapevolezza ed analisi sintetica! dei principali fattori di rischio idrogeologico in Italia! Romeo Mariano Toccaceli Geologo Premesse L argomento trattato

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI 8127 13/08/2010 Identificativo Atto n. 514 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE, DA REALIZZARSI SUL FIUME MELLA, A VALLE DEL CENTRO ABITATO DI COLLIO FINO

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

GESTIONE DEI PERICOLI NATURALI IN TICINO Rapporto strategico

GESTIONE DEI PERICOLI NATURALI IN TICINO Rapporto strategico GESTIONE DEI PERICOLI NATURALI IN TICINO Rapporto strategico Conferenza stampa 16 ottobre 2015 Sala del CC Comune di Morcote Roland David Caposezione forestale Presidente CPNat Repubblica e Cantone Ticino

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO

SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO Ing. Pietro Bartolini Responsabile Area ASEQ Confindustria Firenze Fiera di 1 LA CRISI ECONOMICA La recessione sembra

Dettagli

MANIFESTO DEI GEOLOGI ITALIANI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO

MANIFESTO DEI GEOLOGI ITALIANI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO MANIFESTO DEI GEOLOGI ITALIANI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL NOSTRO TERRITORIO In occasione delle prossime elezioni politiche il Consiglio Nazionale dei Geologi, a nome di tutta la comunità geologica italiana,

Dettagli

Medicina Democratica

Medicina Democratica -- Rivista - Articoli della Rivista -- Articoli della Rivista Impatto ambientale causato dalla liberalizzazione della enegia elettrica in Italia II.Produzione e consumi di energia elettrica in Italia 15

Dettagli

Contratti di Fiume: quale ruolo all interno delle politiche regionali e nazionali

Contratti di Fiume: quale ruolo all interno delle politiche regionali e nazionali VIII TAVOLO NAZIONALE CONTRATTI DI FIUME DISSESTO IDROGEOLOGICO ED EMERGENZE IDRICHE AL TEMPO DEI F CAMBIAMENTI CLIMATICI Contratti di Fiume: quale ruolo all interno delle politiche regionali e nazionali

Dettagli

Il Mose (e non solo) a New York

Il Mose (e non solo) a New York 107 Il Mose (e non solo) a New York Venezia / New York. Elementi di crisi e soluzioni il modello Venezia Nell ottobre del 2012 l uragano Sandy (il più grande uragano Atlantico mai registrato) ha colpito

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Turismo sostenibile rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" LE CRITICITA' DI UNO SVILUPPO TURISTICO INSOSTENIBILE Le condizioni di

Dettagli