Il fascino discreto del mini-idroelettrico. Impatti e rischi derivanti dalla proliferazione eccessiva di energie pulite sui fiumi alpini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il fascino discreto del mini-idroelettrico. Impatti e rischi derivanti dalla proliferazione eccessiva di energie pulite sui fiumi alpini"

Transcript

1 Il fascino discreto del mini-idroelettrico. Impatti e rischi derivanti dalla proliferazione eccessiva di energie pulite sui fiumi alpini Abstract di Eriberto Eulisse Direttore Civiltà dell Acqua Onlus Nei prossimi anni è prevista la costruzione di nuovi impianti mini-idroelettrici per la produzione di energia verde in tutto l arco alpino. In molti casi la loro costruzione porterà al definitivo degrado di ecosistemi acquatici di pregio. In una fase storica in cui le politiche energetiche comunitarie tendono a promuovere energie pulite, i fiumi alpini rischiano di pagare un prezzo eccessivo sull altare dello sviluppo a ogni costo. Nella costruzione di scenari postsviluppisti, le strategie della decrescita devono sviluppare rigorose analisi economico-ambientali per valutare, caso per caso, l impatto cumulativo di questi impianti sugli ecosistemi acquatici di valore, senza trascurare l importanza di promuovere nuove politiche atte a riconvertire le grandi centrali idroelettriche già esistenti. Energia veramente pulita? La nuova retorica dello sviluppo a ogni costo Le Alpi sono universalmente note per la loro intrinseca, rara bellezza legata a laghi, fiumi e corsi d'acqua. Eppure oggi anche le Dolomiti, iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'unesco per il loro ambiente naturale unico e fragile, rischiano di perdere sempre più una componente importante di questa bellezza: l'acqua. In un contesto euforico generale per lo sviluppo di energie rinnovabili e, in particolare, dell'ultima generazione di impianti per la produzione di energia idroelettrica, il cosiddetto mini-idroelettrico, l'acqua sta diventando una risorsa sempre più scarsa e contesa nelle Alpi. Dopo anni di utilizzo di energie inquinanti come petrolio e carbone, è certo un bene per il nostro pianeta che oggi vengano proposte in modo sempre più convinto le energie rinnovabili come mitigazione di un ormai conclamato cambiamento climatico. Pochi sanno, tuttavia, quali pesanti ripercussioni possono avere certe energie pulite su ambienti particolarmente delicati, quali fiumi ed ecosistemi acquatici alpini. Nelle Alpi italiane, i tratti fluviali con una buona/elevata naturalità sono sempre più rari: il rischio oggi è che investimenti sempre più consistenti sul mini-idroelettrico interessino proprio queste zone sensibili. Con questo contributo, si intende sottolineare come anche le tecnologie più innovative e potenzialmente meno impattanti per l'ambiente rappresentano una categoria ambigua dello sviluppo se non vengono guidate da principi improntati a una sostenibilità integrata. È sintomatico che oggi, a sbandierare gli slogan più efficaci sui vantaggi (a senso unico) delle energie pulite in contesto alpino non siano i soliti gruppi ambientalisti, bensì alcune associazioni di piccoli industriali volte a promuovere la costruzione di mini-impianti idroelettrici di nuova generazione. Con abili strategie di comunicazione, la European Small Hydropower Association (ESHA, l ente europeo che raggruppa i principali costruttori di mini-idroelettrico) enfatizza tutti i pregi di queste nuove tecnologie, senza considerare la fragilità cui è ridotta buona parte dei corsi d acqua, in particolare sul versante meridionale delle Alpi. Due importanti Direttive Europee vanno considerate per comprendere quali interessi si muovano dietro alle crescenti domande di energia e alla contestuale urgenza di proteggere la qualità di tuttee le acque. Galvanizzati da prospettive di facili guadagni resi possibili dalla Direttiva Europea sulle Energie Rinnovabili (2009/28), oggi in Italia sono ben rari gli enti pubblici e le amministrazioni che

2 perseguono gli obiettivi fissati da Bruxelles per tutelare l integrità (il buono stato ecologico ) dei nostri corsi d'acqua alpini. Di fronte ai profitti offerti dal business dell'energia, viene troppo spesso e immancabilmente trascurata un'altra normativa europea, la Direttiva Acque 2000/60 che, contrariamente a quanto promuove la 2009/28 sulle Rinnovabili, impone una maggiore attenzione per la qualità non solo chimica, ma anche biologica e idromorfologica dei corsi d'acqua. Come rendere la Direttiva 2000/60 compatibile con energie rinnovabili che, in realtà, non sono sempre così pulite e rispettose dell'ambiente come si tenderebbe a credere? È certamente un argomento scottante da trattare per gli enormi interessi economici e industriali in gioco, nonché terreno scivoloso su cui a Bruxelles si confrontano (e si scontrano) due Direttive europee con tanto di rispettive Direzioni Generali. Ma per capire quali possibili soluzioni esistono a queste potenziali guerre dell acqua è bene confrontarsi con l opinione degli esperti. I temi affrontati nell'ambito di due recenti convegni sull'argomento consentono di approfondire la questione. Gli eco-finanziamenti per il mini-idroelettrico e i rischi per l ambiente La III Conferenza Internazionale sull Acqua nelle Alpi, organizzata dal Ministero dell Ambiente e dalla Convenzione delle Alpi ha riunito a Venezia, nel novembre 2010, studiosi, enti e portatori d'interesse di tutto l arco alpino. Durante il convegno gli obiettivi della Direttiva Acque 2000/60 (con il raggiungimento del buono stato ecologico dei corpi idrici) sono stati considerati in relazione a quelli quelli della Direttiva 2009/28 sulle Energie Rinnovabili. L energia idroelettrica rappresenta senza dubbio il denominatore comune di queste due direttive. Diversi interventi hanno evidenziato come l'idroelettrico sia un settore decisamente promettente nell ottica del raggiungimento degli obiettivi comunitari sulla produzione di energie rinnovabili. L Italia, grazie agli incentivi economici stanziati è, non a caso, il paese in cui sono previsti i più consistenti investimenti di settore (secondo le stime di ESHA). Le domande per realizzare tali impianti sono letteralmente esplose, nelle regioni alpine italiane (con la sola eccezione della Provincia Autonoma di Trento) anche grazie agli eco-incentivi statali. Vale dunque la pena di soffermarsi e approfondire questo caso. Il nostro paese, nel giugno 2010, ha pubblicato il Piano d azione nazionale sulle energie rinnovabili. Nel piano è previsto che nei prossimi anni la produzione del mini-idroelettrico segnerà un netto aumento; al contrario, il grande idroelettrico diminuirà proporzionalmente, così da mantenere inalterata, rispetto ai valori odierni, la produzione idroelettrica nazionale complessiva. Queste variazioni previste nel settore energetico non possono ignorare, tuttavia, una politica delle acque più complessiva, così come definita nei Piani di gestione dei distretti idrografici (redatti sempre nel 2010). Tali Piani si occupano di tutela quali-quantitativa della risorsa acqua, sia per il raggiungimento del bilancio idrico sia per i rilasci del deflusso minimo vitale in ogni corso d acqua/bacino idrografico. A fronte di questi Piani nazionali, non sempre conciliabili tra loro, c'è il rischio che gli obiettivi ambientali della 2000/60 vengano messi decisamente in secondo piano rispetto a un altro importante traguardo, quello sancito dalla 2009/28, per cui l energia prodotta in Italia dovrà derivare sempre più da fonti rinnovabili (almeno il 17% entro il 2020). Non sorprende in quest'ottica che un gruppo di economisti della Bocconi, tra cui Andrea Massarutto e Alessandro de Carli, rilevi come la minaccia di una proliferazione eccessiva di tali impianti possa essere dovuta proprio agli effetti perversi degli eco-incentivi: con la creazione di un mercato drogato oggi è possibile (e addirittura conveniente) realizzare il mini-idroelettrico anche laddove in passato non si sarebbe mai lontanamente ipotizzato (senza ecoincentivi). Ne discende che, in un ambiente fragile e delicato quale il contesto alpino, il calcolo del costo effettivo di certi impianti non può prescindere da una considerazione di più componenti: ovvero,

3 oltre alla rendita economica più immediata, anche quella legata a impatti e costi socio-ambientali. E considerato che il cambiamento climatico e il fenomeno della scarsità d acqua oggi colpiscono soprattutto il versante meridionale delle Alpi (quello italiano), è più che mai opportuno fare una pianificazione attenta di simili interventi. Un altro convegno internazionale, realizzato a Trento nel gennaio 2011 dall Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente in collaborazione con il Centro Internazionale Civiltà dell Acqua, ha sollevato una serie di questioni importanti in relazione ai problemi del potenziale impatto ambientale di queste nuove tecnologie nel contesto alpino. I temi affrontati da diversi relatori hanno messo in evidenza una serie di questioni problematiche e tuttora irrisolte (http://www.appa.provincia.tn.it/agenda_eventi_ambientali/pagina250.html). Se fra i costi del mini-idroelettrico si includono anche quelli ambientali, in quali casi risulta economicamente davvero conveniente realizzare certi interventi su un corso d'acqua? I servizi ecosistemici resi dal fiume (potere autodepurativo delle acque, produzione di beni e servizi, pesca, turismo, etc) possono competere, in altre parole, con la rendita economica di un miniidroelettrico? Quando è lecito realizzare tali impianti intervenendo su tratti di fiume che presentano i più elevati indici di naturalità e biodiversità? E quali strumenti di certificazione esistono oggi per garantire ai consumatori che vogliono utilizzare energia veramente pulita, in alternativa a un idroelettrico verde solo di facciata? Il convegno di Trento si è dunque focalizzato sulla cause dell attuale proliferazione del miniidroelettrico in tante regioni alpine. Le ragioni alla base dell'attuale esplosione di domande per il mini-idroelettrico sono legate, in Italia più che altrove, alla disperata ricerca di soldi da parte dei Comuni montani, ormai sempre più in crisi per le esigue finanze a disposizione e dunque sempre meno attenti a preservare il proprio ambiente naturale. Quale esempio eloquente dei tempi che corrono, un caso su tutti è degno di nota. La proposta di realizzare un mini-idroelettrico per sfruttare l'acqua residua anche sulla diga del Vajont la diga che nel 1963 fu teatro dell immensa tragedia costata la vita a oltre 2000 persone è un segnale tristemente significativo di dove possa portare, ancora una volta, un'euforia dello sviluppo spinta all'eccesso. Si tratta, in realtà, di un progetto poco rispettoso nei confronti delle famiglie delle vittime di una delle più grandi catastrofi nella storia dell'idroelettrico. Una lezione che a soli 50 anni di distanza è già stata dimenticata? Eppure, a ben vedere, il caso del Vajont insegna proprio come certe valutazioni errate nella scelta dei luoghi ove costruire simili impianti, anche se suffragate dai modelli ingegneristici più ambiziosi, possono rivelarsi immensamente tragiche e devastanti. Secondo le previsioni della già citata ESHA, nei prossimi anni è prevista la costruzione di circa nuovi micro-impianti in tutto l'arco alpino; la maggior parte di questi si concentrerà in Italia. Ma quale sarà il contributo effettivo di centinaia di nuove mini-centraline nel raggiungimento di un potenziale produttivo significativo? È opportuno sottolineare come, in termini percentuali, il contributo che potenzialmente può generare il mini-idroelettrico per raggiungere l obiettivo europeo del 17% di rinnovabili (entro il 2017) non sia affatto significativo. Basta infatti considerare che oggi il 90% degli impianti idroelettrici nelle Alpi produce solo il 10% dell'energia idroelettrica totale... In altre parole, la quasi totalità della produzione di energia idroelettrica (90% del totale circa) è realizzata da pochi impianti (il 10% del totale: dunque dagli impianti più grandi). Il contributo del mini-idroelettrico risulterebbe in definitiva decisamente residuale, anche aumentandone considerevolmente il numero, in quanto si tratta di impianti strutturalmente limitati per capacità produttiva. Gli impatti sull ambiente, di converso, sarebbero considerevoli. Dunque, se l impatto ambientale sarà senza dubbio pesante per tanti corsi d'acqua ed ecosistemi acquatici sotto stress a causa dei già consistenti prelievi quantitativi a scopo energetico e irriguo,

4 qual è l'effettivo beneficio comune (o pubblico) che può generare quest'energia rinnovabile di ultima generazione? Per tutti questi motivi alcuni relatori hanno sottolineato come può risultare decisamente più rilevante e strategico investire sul rinnovamento, sulla manutenzione e sulla certificazione dei grandi, vecchi impianti, ovvero quelli già esistenti, rispetto alle micro-centraline. Impianti che oggi fanno registrare per lo più una produttività bassissima a causa delle grandi quantità di detriti che si sono accumulati nei bacini di accumulo nel corso di decenni, nonché della scarsa manutenzione che ne viene fatta. I certificati verdi e il calcolo degli impatti cumulativi La certificazione dei grandi impianti idroelettrici (quelli di vecchia generazione) costituisce un aspetto fondamentale per pianificare una diffusione più sostenibile ed equilibrata del miniidroelettrico. A sostenerlo è Bruno Boz del CIRF (Centro Italiano Riqualificazione Fluviale), con il progetto europeo CH2OICE (Certification for Hydro: Improving Clean Energy, cfr. Tale progetto si propone di testare nuovi metodi di certificazione verde per il grande idroelettrico, onde adeguare questi impianti ai nuovi criteri di impatto ambientale e soddisfare al contempo i clienti più esigenti in fatto di rispetto dei fiumi e dei corsi d'acqua. In Svizzera, ad esempio, è attivo da anni un sistema di certificazione che, pur a fronte di un costo maggiore dell'energia (acquistata da una fascia crescente di consumatori attenti), garantisce un minore impatto ambientale sui corsi d'acqua alpini. Il concetto di impatto cumulativo illustra assai bene un altro aspetto chiave delle particolari condizioni di vulnerabilità di tanti fiumi alpini a fronte dell'ormai imminente proliferazione indiscriminata del mini-idroelettrico. Come infatti mette in luce questa metodologia, anche laddove l impatto ambientale di un singolo micro-impianto è limitato, onde valutare l'entità effettiva dei rischi per l'ambiente risulta di fondamentale importanza considerare la somma di tutti gli impianti di produzione, ovvero di tutti gli impatti antropici, che ricadono su un corso d'acqua / bacino idrografico. La questione è tutt altro che irrilevante, considerato che in Italia non esiste ancora uno strumento normativo che obblighi l'autorità concedente le autorizzazioni a ragionare in ottica di bacino idrografico (dalla fonte alla foce di un fiume, come prescrive la 2000/60), anziché su singoli segmenti fluviali. Mancano ancora, al contempo, dei criteri definiti e trasparenti tali da descrivere con quali priorità viene data autorizzazione a un impianto piuttosto che a un altro (a seconda ad esempio, del relativo impatto ambientale). Ancor oggi, di fatto, non v'è purtroppo chiarezza su quali criteri vengano considerati come prioritari per la concessione di nuove autorizzazioni (in Italia esistono differenze notevoli fra regione e regione). D'altra parte, soluzioni interessanti e innovativi alla spinosa questione del dove realizzare tali impianti, come ha sottolineato Andrea Mammoliti Mochet (ARPA Val d Aosta), possono essere fornite grazie a rigorosi esercizi di mappatura dei corsi d acqua, con l indicazione dei luoghi più idonei per tali impianti: quelli in cui, ad esempio, a una maggiore resa energetica si abbina un minore impatto ambientale. È questo l obiettivo del progetto europeo SHARE (Sustainable Hydropower in Alpine Rivers Ecosystems, cfr. di cui ARPA Val d Aosta è capofila. Il progetto SHARE offre una base scientificamente valida e rigorosa, in linea con la Direttiva Acque 2000/60, per negoziare e mediare fra interessi molteplici e spesso contrastanti. Approccio tecnocratico o partecipazione pubblica? La questione dell'opportunità di realizzare impianti mini-idroelettrici in alcuni parchi nazionali (Dolomiti, Appennini) è stata sollevata, non a torto, da alcuni comitati di cittadini e movimenti ambientalisti: è lecito che questi impianti ottengano la massima certificazione di energia pulita

5 proprio perché realizzati in un parco naturale protetto (con il rischio di trasformare queste aree di pregio naturalistico in vere e proprie centrali di produzione di energia verde )? A fronte di simili realizzazioni oggi risulta più che mai necessario, in linea con quanto auspicato dalla Direttiva Europea Acque sulla partecipazione pubblica, promuovere un processo partecipato in cui possano sedere a uno stesso tavolo consumatori, comunità montane e rivierasche, produttori ed enti locali. Vale la pena di citare in quest'ottica un caso paradigmatico di genuina partecipazione della società civile. Conclusione significativa del già citato convegno di Trento è stato il conferimento del IV Premio Internazionale Civiltà dell Acqua ai Comuni di Craveggia (Verbania) e Onsernone (Ticino, Svizzera), nonché al movimento della società civile L Isorno fiume minacciato Le tormentate acque dei Bagni di Craveggia (www.civiltacqua.org). Tali comunità hanno combattuto per anni sul confine italo-svizzero contro la costruzione di una centrale idroelettrica, progettata in corrispondenza della storica sorgente termale dei Bagni di Craveggia. Il Premio ha posto in evidenza un esperienza esemplare di presa di consapevolezza da parte di alcune comunità rivierasche del proprio patrimonio ambientale e della propria identità. Con la costruzione della nuova struttura, lo sfregio arrecato al fiume e al paese stesso sarebbe stato non solo irreversibile, ma anche sproporzionato rispetto alla mitigazione offerta dai costruttori (circa /anno per ciascun comune). Forse questo caso dell'isorno farà storia per aver rilanciato, in una fase storica affamata di energia, l importanza di una nuova cultura del fiume. Verso una produzione idroelettrica durevole e sostenibile Considerando il caso italiano, l'attuale proliferazione del mini-idroelettrico sui versanti alpini solleva diverse questioni irrisolte vis à vis la necessità di costruire nuove strategie energetiche postsviluppiste. Sulla base di quali criteri di valutazione gli enti preposti alla concessione di nuove autorizzazioni si esprimono pro o contro un determinato impianto mini-idroelettrico, considerandone lo specifico impatto ambientale piuttosto che quello di un altro progetto in concorrenza, e non solo il massimo profitto economico? In quanti casi viene effettivamente svolta una rigorosa valutazione di impatto ambientale cumulativo? Quali strumenti pianificatori vengono attuati a livello istituzionale? Oggi risulta certamente difficile comprendere sulla base di quali criteri di valutazione vengano approvati certi impianti mini-idroelettrici piuttosto che altri, ovvero come venga calcolato il rischio di un'eccessiva proliferazione di queste tecnologie, con la conseguenza di sovraccarichi insostenibili sull'ambiente. Eppure, tale trasparenza è fondamentale per evitare di lasciare in balia delle dinamiche di mercato decisioni di grande importanza che riguardano beni d'indiscutibile interesse comune. La necessità di una maggiore coerenza tra i vari livelli di pianificazione, la definizione di bilanci energetici e idrici a livello di bacino fluviale (anziché considerare singoli tratti di fiume), l'avvio di nuovi processi di certificazione di energie pulite che valorizzino il ruolo del consumatore, la valutazione degli impatti cumulativi (e non solo del singolo impianto), l'obbligo di una maggiore tutela del paesaggio e di una più mirata valorizzazione delle aree fluviali integre (anche grazie alle possibili compensazioni ambientali derivanti dalle grandi produzioni), rappresentano insomma le grandi sfide su cui orientare gli sforzi per costruire nuove strategie di decrescita e per garantire una produzione idroelettrica sostenibile, tale da considerare cioè aspetti sia economici che ambientali e naturalistici. Per tutti questi motivi, una pianificazione strategica sulla produzione da energie rinnovabili è più che mai necessaria e deve considerare anche altre fonti, quali ad esempio il solare che a tutt'oggi, secondo gli esperti, è l'energia rinnovabile più sostenibile anche in un contesto come quello alpino.

6 In una società sempre più globale e globalizzante la sfida del futuro è dunque quella di coniugare la gestione della qualità e quantità delle acque con i principi della sostenibilità integrata, considerando cioè aspetti non solo economici ma anche ambientali, sociali ed etici. Tale approccio va distinto dall emergente Green Economy - che in molti casi non è altro che un mero Green Washing di facciata. Oggi è necessario anzitutto un cambiamento di comportamenti e mentalità, oltre che di regole pianificatorie: è più che mai urgente affermare un nuovo modo di pensare la gestione dei fiumi e dell ambiente, senza escludere diritti e legittime aspettative delle generazioni a venire.

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

L energia verde che fa male ai fiumi

L energia verde che fa male ai fiumi 1 L energia verde che fa male ai fiumi Qualità dei corsi d acqua e produzione idroelettrica in Italia: un conflitto irrisolto Settembre 2014 CENTRO ITALIANO PER LA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Chi è il CIRF

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita.

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Dossier 2003 Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Introduzione L acqua è l elemento vitale per la sopravvivenza del nostro pianeta e la corretta gestione delle risorse idriche è la sfida

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Un PASSO verso la sostenibilità. Alberto Pacher Assessore ai Lavori Pubblici, Ambiente e Trasporti della Provincia autonoma di Trento

Un PASSO verso la sostenibilità. Alberto Pacher Assessore ai Lavori Pubblici, Ambiente e Trasporti della Provincia autonoma di Trento 2 Un ASSO verso la sostenibilità. Il primo Atto di indirizzo sullo sviluppo sostenibile è stato adottato dalla Giunta provinciale il 28 giugno 2000 per definire i caratteri specifici dello sviluppo sostenibile

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli