Maddalena Carlini. Ad eccezione dell essere umano, nessuna creatura si pone domande sulla propria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maddalena Carlini. Ad eccezione dell essere umano, nessuna creatura si pone domande sulla propria"

Transcript

1 Maddalena Carlini Perché morire? Perché nascere per poi morire? Qual è allora il senso della vita e quello della morte? (Opera premiata al Premio Letterario SOCREM, Italia, 2009). Ad eccezione dell essere umano, nessuna creatura si pone domande sulla propria esistenza, sulla cognizione della Vita e della Morte, due aspetti spesso considerati, sin dalla filosofia antica, momenti della stessa realtà e tali da rendere necessario vivere di morte e morire di vita. Addirittura, secondo Parmenide tale coincidenza porta a considerare la Morte l unica verità, la cui esistenza viene avvertita come una massa oscura, lunare, pesante, immota. È un immagine che il pensiero socratico e platonico alleggeriscono, riconducendo la Fine della vita ad una dimensione liberatoria dal peso della corporeità e dalle sofferenze. Se è indubbio che Nascita e Morte rappresentano l Inizio e la Fine per eccellenza dell esistenza, in realtà ogni aspetto della vita è soggetto ad una sorta di ricapitolazione intelligente che chiude ogni processo in modo tale che non potrà ripetersene un altro nelle stesse condizioni. È esperienza comune, infatti, la fine di un ciclo, qualunque esso sia, in cui si avverte, spesso dolorosamente, la caducità di quanto ci era sembrato incrollabile ed intangibile allo scorrere del tempo e che. invece, si chiude, perché l Alfa ha incontrato l Omega, l Origine ha raggiunto il Punto d arrivo, il Primo e l Ultimo si sono ritrovati. Sono davvero Solo pochi brutti momenti alla fine della vita", così come li liquidava Montaigne, i titoli di coda? «Ogni evento, tranne la morte, ha una promessa scritta in inchiostro indelebile, che per quanto stampata piccola assicura: la storia continua»

2 secondo Zygmunt Bauman, uno dei più importanti sociologi viventi, il quale ha affrontato il tema del morire, che costituisce la madre di tutte le paure, analizzando le diverse soluzioni filosofiche a partire dalla giustificazione cristiana, che giudica la più efficace, in quanto presuppone l immortalità dell anima nelle due opzioni del paradiso e dell inferno e fornisce così un efficace risposta a quella mancanza di senso della vita che ossessionava Pascal. Le soluzioni laiche, invece, investono su un immortalità terrena, che conta sull apprezzamento collettivo dei contemporanei per un singolo o un gruppo di persone che si sono distinte per una causa importante. La fine di un ciclo, tuttavia, non coincide solo con la chiusura di un capitolo, ma dischiude l inizio di un nuovo corso, le cui condizioni sono tutte da sperimentare. Si tratta di un finalismo che forse solo l essere umano ha il privilegio di percepire in maniera riflessa, consapevole, tale da condurre, prima o poi, ciascuno alla domanda che chiede la ragione di una Nascita, dentro covile o cuna destinata alla Morte. È un interrogazione tanto fondamentale quanto vana, poiché della Morte, che costituisce uno dei passaggi più significativi nella vita di ogni persona, non è possibile avere alcuna esperienza, visto che il sopraggiungere della Fine coincide con la cessazione della possibilità di sperimentarla consapevolmente. L unico aspetto della Morte che ci è dato la possibilità di esperire è la conclusione dell esistenza altrui, per la quale proviamo dolore proporzionalmente all intensità affettiva che ci ha legati a quella persona durante la sua esistenza. Ma aldilà di questo legame, che rende la Morte inaccettabile, è proprio la decadenza fisica, maggiormente se accompagnata dalla sofferenza, che induce a considerare la Fine della vita nella dimensione

3 liberatoria, poiché finalizzata a porre fine ad una forma di esistenza diventata inetta, ovvero non atta, inadatta a proseguire un ciclo vitale divenuto un peso insostenibile, da cui si avverte la necessità di svincolarsi per vivere una nuova condizione. Nel secolo scorso tale insostenibilità è stata oggetto di analisi filosofica da parte di molti pensatori, tra i quali Sartre, che ha identificato nella nausea il sentimento che sopraggiunge quando subentra la scoperta dell assurdità esistenziale del mondo, questo grosso essere assurdo, una larva strisciante che non ha ragione d essere. Ogni esistenza, dunque, per il grande filosofo francese è. senza ragione, nella totale gratuità, come tutte le cose che sono, nascono senza un motivo, si protraggono per debolezza e muoiono per combinazione. La realtà umana è nullificazione, ma, se la vita è priva di senso, solo l essere umano può infondere valori, progettare di essere Dio, anche se si tratta di una passione inutile, perché ad attenderlo c è sempre lo Scacco Finale, che lo costringe ad incamminarsi verso l Ignoto. È una transizione propria della storia di ogni uomo e di ogni civiltà, che, se costituisce un momento di rottura, contiene in sé la certezza della continuità, perché la vita continua, nel senso metafisico di un esistenza collettiva, universale, di cui la Morte stessa fa parte, come un aspetto fondamentale, imprescindibile, irrinunciabile. Addirittura possiamo affermare che è la Morte a garantire umanità alla vita, poiché senza di essa la vita stessa non farebbe parte del processo universale di trasformazione. Nell universo, infatti, ogni cosa inizia e finisce e la Morte non è che il modo in cui si

4 passa da una condizione ad un altra, da una forma di vita ad un altra. Ma se la Vita e la Morte sono le due Forme dell esistenza, è pur vero che la seconda rimane una senza contenuto, visto che sfugge all esperienza. Eppure, la Fine ha rappresentato il campo d indagine speculativa più praticato sino alla cultura contemporanea, che non ha più concesso spazio ai cortei funebri, ha smesso gli abiti da lutto, ha ridotto l estensione dei Cimiteri e limitato le visite alle tombe ad una ritualità spesso esteriore. Come scrive Philippe Ariés nella Storia della morte in Occidente dal Medioevo ai giorni nostri, la morte è divenuta l innominabile e Lei, respinta dalla normalità, può trovare spazio solo nella spettacolarizzazione mediatica. Tutta la cultura contemporanea è concentrata sulla Nascita, il cui perché rimane un fatto sociale poiché si ammanta dei contenuti della biologia, della sociologia, della statistica; mentre la morte, estranea alla società del produttivismo e del consumismo, viene relegata nella dimensione individuale, che interessa solo colui che ne è colpito e i suoi famigliari. Il perché della Morte rimane legato al dolore privato, in cui, come scrive ancora Ariès, le lacrime sono assimilate alle escrezioni del malato. Le une e le altre sono ripugnanti e quindi, se la Nascita è celebrata dai riti di massa, la Morte, antagonista dagli attuali irrinunciabili Miti della giovinezza, della salute e della felicità, rimane una condizione clandestina che impone un uscita di scena silenziosa e il più possibile priva di conseguenze sul piano emotivo e collettivo. In questo scenario, interrogarsi sul perché della Morte diventa quasi impossibile, visto che, all approssimarsi di Essa, direttamente o indirettamente, tutto deve concorrere a rendere anonimo il morire, ridotto ad un mero incidente biologico, un

5 exitus del paziente, da sterilizzare, vetrificare, isolare come un virus, eliminare come la sporcizia. A tale proposito, lo storico Chaunu arriva efficacemente ad osservare: Ci è capitata una curiosa avventura, ci siamo dimenticati di morire. Certo, la Morte, irrimediabile rottura dell esistenza, precarizza affetti e legami, squarcia il velo delle ambizioni per svelarsi nella sua terribile, imprevedibile, assurdità, sfugge all interrogativo che concerne il senso e la ragione. L homo sapiens, che domanda all universo di rivelare la sua intima essenza, ha lasciato il posto all homo faber, impegnato a trasformare la terra perché sia meglio rispondente ai suoi bisogni, nella ricerca sfrenata del benessere materiale, sempre più convinto di poter essere arbitro del proprio presente e del proprio futuro. Per rendere l idea della Morte meno terribile si è provato a scomporla in tante parti, relegandola alla somma delle sotto cause cancro, fumo, cattive abitudini alimentari, dipendenze illudendosi che, neutralizzandole singolarmente, l esito finale possa essere bandito, in quanto condizione non ineluttabile, poiché determinato da cause intercettabili: si muore, alla fine, perché la scienza non è ancora riuscita ad evitarlo o i comportamenti non sono stati corretti. Tuttavia, da alcuni anni, le ricerche antropologiche, sociologiche, psicanalitiche, sono tornate ad interrogare la Vita e la Morte in una fioritura di convegni. Certamente, nella cultura odierna è in atto un ripensamento nei confronti della scienza e del progresso in generale, colpevole di non aver contribuito a liberare l uomo dalla schiavitù delle necessità, ma a renderlo schiavo dei prodotti da egli stesso realizzati, quasi divorato da una vita professionale che non tutela la riflessione, la

6 meditazione, l essenziale. Così, l uomo del nostro tempo non solo non è in grado di trovare risposte ai suoi interrogativi esistenziali, ma non riesce nemmeno a trovare le condizioni per potersi permettere di porseli, in uno scenario planetario su cui incombono, sempre di più, i rischi della distruzione e della fine. In tale scenario sembra ancora dominare l angosciante Niente di Feuerbach, per il quale sarà di noi, dopo la nostra morte, quello che è già accaduto prima che nascessimo. La morte non è la fine di qualcosa, nè lascia spazio ad un Nulla spirituale: è la Morte totale, poiché include la Morte stessa, che finisce per mancanza di contenuti. Le risposte, allora, ai perché della vita e, soprattutto, della morte, si affidano alle dottrine che rendono sopportabile la consapevolezza di quanto l Inizio e la Fine siano inevitabilmente correlati e che, ad esempio, sostengono la reincarnazione, o le teorie psicanalitiche che, invece, prevedono, con la Morte, la possibilità di un ritorno ad un esistenza semplice ed inorganica. In generale, è diffuso il tentativo di identificare il ciclo Vita/Morte in un fatto naturale che non può costituire un problema per l individuo in quanto rientra nella natura del genere umano, accomunato da un destino ultimo che non ammette distinzioni. Ma neppure la naturalità chiarisce il perché della Vita e il perché finisca, magari proprio mentre, come osserva Camus, nello stesso minuto tutta la popolazione, al telefono o ai caffè, parla di tratte, di polizze e di sconto. Alla luce di queste considerazioni, risulta evidente che il problema della Morte richiede di essere affrontato in una prospettiva che riporti la riflessione sulla vita, intesa nella sua totalità, nella sua realtà profonda e

7 nel suo più intimo significato. Innanzitutto, la Nascita e la Morte sono entrambe eventi che ci mettono di fronte alla nostra identità di esseri che non hanno in sé il proprio fondamento, ma dipendono da altri o da altro, che ne trascende la volontà. Entrambe producono spaesamento, perché, se lungo il cammino dell esistenza, per quanto faticoso, l uomo riesce comunque ad orientarsi, nei momenti della Nascita e della Morte non è possibile orizzontarsi e prevale l angoscia. Si nasce e si muore soli è un adagio popolare che coglie efficacemente il dramma di una solitudine in cui può recitare un solo personaggio. Questa condizione era resa sopportabile per gli Stoici dalla capacità, per l uomo sapiente, di sentirsi in sintonia con la natura, in una comune appartenenza all universale naturale, in evoluzione continua sino alla fine del ciclo. Di fronte alla Vita e alla Morte il Sapiente doveva, dunque, mantenere l immota stabilitas, la capacità di sopportare qualsiasi peso, anche quello della sofferenza. In quest ottica, la Morte assumeva una valenza formativa, in quanto consentiva l esercizio estremo della Virtù. Seneca, nelle lettere all amico Lucilio, sostiene che è il modo in cui si muore che rivela la vera natura dell essere; per il resto, la Morte rimaneva non essere, l assenza di vita. Non solo, pertanto, dopo la Morte è il Nulla, ma il morire stesso sfugge in un uno spazio di tempo impercettibile, mentre, proprio nel corso dell esistenza, cotidie morimur, ci alleniamo ogni giorno a cedere, ma è necessario che la resa avvenga con orgoglio, con l abilità del nocchiero che cerca di mantenere la rotta anche con la vela squarciata e la prossimità della deriva. È un immagine che

8 ci richiama alla consapevolezza che ciò che conta davvero non sono la Vita o la Morte - tra le quali non c è alcuna differenza dal punto di vista fisico, in quanto diverse modalità di passaggio da una forma di vita ad un altra - ma la dignità dell essere umano, l essenza dell umanità che induce l uomo ad indagare il senso della vita. Sono in un ignoranza spaventosa di tutto Da ogni parte vedo soltanto infiniti Tutto quello che so è che debbo morire; ma quel che ignoro di più è, appunto, questa stessa morte, che non posso evitare : così Pascal esprime la lucidissima consapevolezza del mistero che circonda l interrogativo sul significato dell esistenza. Pascal ritiene folle l indifferenza nei confronti del problema, poiché l essere umano è nato fondamentalmente per pensare e nel pensiero sta tutta la sua dignità e il suo pregio. Ma quale attività speculativa può aiutarci a comprendere il senso della Vita? La scienza è certamente sovrana, ma limitata nel campo esistenziale, e neppure la filosofia riesce a risolvere le questioni metafisiche e la condizione dell uomo, compreso fra il tutto e il nulla. Tuttavia, l essenza umana è proprio racchiusa nella compresenza di miseria e grandezza. La coscienza del limite che non limita, ma conferma la grandezza umana, è presente anche nel pensiero filosofico del novecento, come testimonia la speculazione di Kierkegaard e Heidegger. Questa angoscia esistenziale è centrale nel pensiero del Secondo. A differenza della paura che ha un preciso oggetto di riferimento, l irrompere dell angere si determina quando l uomo si trova di fronte all annientamento dell esistenza, la Morte. Nei vari modi di Essere nella vita e nel mondo, secondo Heidegger, infatti, l essere

9 umano può comprendere l esistenza solo con l Essere per la morte, ovvero quando viene posto dinanzi al limite della fine della vita. La coscienza del limite costituisce una scansione temporale, un prima, un adesso e un poi, al suo Essere nella vita. L angoscia esistenziale nasce quando l uomo scopre nella morte la possibilità decisiva dell esistenza. Le altre emozioni sono poca cosa di fronte all angoscia esistenziale e solo in questa l uomo scopre la pienezza della sua condizione. Nel pensiero di Heidegger non c è una concezione oggettivizzata della morte, come, in Hegel, ma l attenzione al processo attraverso il quale il singolo individuo nasce a causa dello scacco ontologico e, da quel momento, può realizzare la propria autenticità attraverso le infinite possibilità che la Vita gli offre. In questo quadro, la Morte rimane un Evento singolo ed ineluttabile, presente in qualunque azione e passaggio, denso di speranza, orientato a Dio. La Morte diventa, quindi, un esperienza della Vita e si pone come possibilità radicale, quella di non esserci più, che non esclude, ma riafferma il riconoscimento di sé stessi, la progettualità della propria Vita, il senso dell esser nati. Su questa base il Novecento ha sviluppato un attenta riflessione sulla Morte, dalla quale non si può prescindere, che condiziona il modo di essere vivi e si pone come momento immanente allo sviluppo dell esistenza, la quale diventa, in quest ottica di reciprocità, presupposto alla Morte stessa. Personalmente, ritengo che, se il perché della Nascita, pure ammantata dalla condizione di Dono che ne costituisce il presupposto, rimane determinata da un fatto ontologico limitato alla sua epifania, il perché della Morte è legato alla

10 consapevolezza della Fine che infonde ad ogni attimo l incitamento a riempire la Vita di significati. È questa consapevolezza che ci sollecita a ricercare incessantemente nuovi incipit. Bauman sostiene, infatti, che la vita è piena delle cose non una di più né una di meno che la morte è riuscita a piantarci dentro. Eccoci arrivati al fondamento della Dignità umana: si nasce per rendere la vita vivibile nonostante la coscienza della mortalità, e la Cultura si pone come un ponte tra la Nascita e la Morte per incitare a lasciare una traccia della nostra seppur breve visita. L uomo del Terzo Millennio, che raccoglie l eredità di una speculazione filosofica che dal divenire eracliteo lo ha condotto alla considerazione della Morte come un passaggio estraneo alla vita o come liberazione dai limiti del sensibile nell infinito o nella visione salvifica della Fede, è, dunque, ancora il Pastore Errante che interroga la luna. Ma se dentro covile o cuna, è funesto a chi nasce il dì natale, è in Amore e Morte che si svela il senso della Vita, che nasce da Amore e in Amore ritorna, purché si giunga a gettare ogni conforto stolto, null altro in alcun tempo sperar, se non nella Bellissima Fanciulla, per La quale vale la pena di aspettar quel dì che consentirà di piegar addormentato il volto nel suo virgineo seno. Amore e Morte, le cui assonanze sono mirabilmente composte dal Poeta di Recanati nel quadro filiale che ritrae la Morte in un materno atteggiamento legato alla Nascita, presupposti inscindibili della Vita nell universalità e continuità del ciclo vitale, unica Spes, sono stati generati insieme ed insieme accompagneranno per sempre gli Esseri umani al loro Destino. Genova, 29 settembre 2012

11 Curriculum letterario di Maddalena Carlini Formazione LAUREA IN LETTERE VOTAZIONE 110 CUM LAUDE ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO NELLA SCUOLA PRIMARIA CON SPECIALIZZAZIONE NELLA LINGUA INGLESE VOTAZIONE 55/60 Esperienze professionali DOCENTE DALL'ANNO SCOLASTICO PRESSO LA DIREZIONE DIDATTICA "SAMPIERDARENA 2"; COLLABORATRICE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DALL ANNO SCOLASTICO ALL ANNO SCOLASTICO ; COLLABORATRICE VICARIA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DALL ANNO SCOLASTICO ALL ANNO SCOLASTICO ; REFERENTE PER L'EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ATTIVA; CONSIGLIERE DEL CONSIGLIO D'ISTITUTO DALL ANNO SCOLASTICO 2000 ALL ANNO SCOLASTICO 2012; FIGURA OBIETTIVO E FUNZIONE STRUMENTALE PER LA GESTIONE DEL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA DALL ANNO SCOLASTICO 2001 ALL ANNO SCOLASTICO 2010; R.S.U. E RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DALL ANNO SCOLASTICO 2000 ALL ANNO SCOLASTICO 2010; MEMBRO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO SINDACALE COMPARTO SCUOLA; COORDINATRICE DIRIGENTI SCOLASTICI.

12 Pubblicazioni 2006: PREMIO SEZIONE CREATIVITÀ - ELABORAZIONE DI UNA FAVOLA INTERCULTURALE CON UN GRUPPO CLASSE DI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA - NELL AMBITO DEL CONCORSO LITTLE PROMOSSO DAL CENTRO IN EUROPA (Let s Invent and Teach a Tale to the Little ones of Europe) SOSTENUTO DALLA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE E CULTURA DELLA COMMISSIONE EUROPEA. DALL ANNO 2008: COLLABORAZIONE A CADENZA BIMESTRALE CON LA RIVISTA LA SCELTA DELLA SOCIETÀ SO.CREM E PREMIAZIONE TRA I VINCITORI DEL CONCORSO LETTERARIO ANNUALE. PREMIO LETTERARIO SO.CREM TRE COMPONIMENTI POETICI PUBBLICATI NEL IV VOLUME 500 POETI DISPERSI DEDICATO A GIACOMO LEOPARDI E A TUTTI I POETI RITROVATI. Ai sensi delle vigenti normative sulla tutela della privacy, autorizzo al trattamento dei miei dati personali Maddalena Carlini

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa Dott.ssa Amanda Panebianco Psicologa psicoterapeuta Servizio di psicologia ospedaliera ASL TO4 L inizio della relazione d

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To)

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To) #Essere umani Progetto realizzato dall insegnante di Religione Cattolica Elsa Feira con la collaborazione delle docenti Donatella Gravante, Dolores Chiantaretto, Daniela Milanaccio, Paola Racca. Scuola

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO Formazione & Coach-Counselling di Fabio Preti - Savignano sul Panaro (MO) Cell. 339 2822359 E mail: fabio.preti60@gmail.com Website: www.formazioneecoachcounselling.it PRESENTA IL PROGETTO E TU, CHE DRAGO

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni. DEL MONDO FISICO E.. Esplorare con curiosità attraverso i sensi. Manipolare materiali diversi. Sperimentare

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013

YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013 YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013 LICEO SCIENTIFICO PIETRO METASTASIO SCALEA (CS) Anno scolastico 2013/2014 La ricerca è stata effettuata presso il Liceo scientifico Pietro Metastasio nelle classi VA e VD Sono

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

CONCORSO NAZIONALE NUTRIAMO LA TERRA. IL WEB PER SCOPRIRE I FERTILIZZANTI ISTITUTI TECNICI AGRARI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 BANDO

CONCORSO NAZIONALE NUTRIAMO LA TERRA. IL WEB PER SCOPRIRE I FERTILIZZANTI ISTITUTI TECNICI AGRARI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 BANDO CONCORSO NAZIONALE NUTRIAMO LA TERRA. IL WEB PER SCOPRIRE I FERTILIZZANTI ISTITUTI TECNICI AGRARI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 BANDO La ricerca e lo sviluppo nel settore della chimica per l'agricoltura consentono

Dettagli