C O G S I. I A O G S E S F, - -,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O G S I. I 16.000 A O G S E S F, - -,"

Transcript

1

2 C O G S, I. I ,. A O G S E S F, - -,. I.

3 INDICE A) DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 08 COMPOSIZIONI CHIMICHE E MECCANICHE. NORMATIVE E RESILIENZE 1) LAMINATI MERCANTILI 16 P T Q F L P U A T F T 2) SEZIONE STRUTTURALE E LAVORAZIONI MECCANICHE 26 UNP T INP IPE HEA HEB HEM T P D T S T F S T R ( ) 3) TUBI 72 T T T T, T T T, T 4) PROFILI APERTI A FREDDO 90 P L P C P U F S O S M G 5) LAMIERE SPIANATE E DA TRENO 98 L,, L L L L

4 B) DIVISIONE ACCIAIO INOSSIDABILE 104 COMPOSIZIONI CHIMICHE E MECCANICHE. NORMATIVE E RESILIENZE 1) LAMINATI, CESOIATI E RICAVATI DA LAMIERA 110 P P A, L U 2) STRUTTURALE INOX 116 T - 3) TUBI 120 T T T T 4) LAMIERE 128 L L C) DIVISIONE EDILE 132 1) GRIGLIATI 134 G G G 2) ELEMENTI GRECATI 144 L L L 3) LAMIERE COIBENTATE 150 P P 4) RETI E LAMIERE STIRATE E SPIANATE 154 L R L 5) POLICARBONATO GRECATO 162 P G D) ERIDIAN 166 T T T.. E) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 176

5 ) DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

6 A) DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO COMPOSIZIONI CHIMICHE E MECCANICHE. NORMATIVE E RESILIENZE A Composizione chimica all analisi di colata per prodotti piani e lunghi Designazione Secondo EN ed ECISS IC 10 Secondo EN Grado di disossidazione Sottogruppo 3) C in % max Per spessori nominali di prodotto in ϕ16 >16 ϕ40 > 40 4) Mn % max Si % max P % max S % max 1) 2) N % max S185 5) 1,0035 a scelta BS S235JR 5) 1,0037 a scelta BS 0,17 0,20 1,40 0,45 0,045 0,009 S235JRG1 5) 1,0036 FU BS 0,17 0,20 1,40 0,45 0,045 0,007 S235JRG2 1,0038 FM BS 0,17 0,17 0,20 1,40 0,45 0,045 0,009 S235JO 1,0114 FN QS 0,17 0,17 0,17 1,40 0,40 0,040 0,009 S235J2G3 1,0116 FF QS 0,17 0,17 0,17 1,40 0,35 0,035 S235J2G4 1,0117 FF QS 0,17 0,17 0,17 1,40 0,35 0,035 S275JR 1,0044 FN BS 0,21 0,21 0,22 1,50 0,045 0,045 0,009 S275JO 1,0143 FN QS 0,18 0,18 0,18 6) 1,50 0,040 0,040 0,009 S275J2G3 1,0144 FF QS 0,18 0,18 0,18 6) 1,50 0,035 0,035 S275J2G4 1,0145 FF QS 0,18 0,18 0,18 6) 1,50 0,035 0,035 S355JR 1,0045 FN BS 0,24 0,24 0,24 1,60 0,55 0,035 0,045 0,009 S355JO 1,0553 FN QS 0,20 0,20 7) 0,22 1,60 0,55 0,040 0,040 0,009 S355J2G3 1,0570 FF QS 0,20 0,20 7) 0,22 1,60 0,55 0,035 0,035 S355J2G4 1,0577 FF QS 0,20 0,20 7) 0,22 1,60 0,55 0,035 0,035 S355K2G3 1,0595 FF QS 0,20 0,20 7) 0,22 1,60 0,55 0,035 0,035 S355K2G4 1,0596 FF QS 0,20 0,20 7) 0,22 1,60 0,55 0,035 0,035 E295 1,0050 FN BS 0,045 0,045 0,009 E335 1,0060 FN BS 0,045 0,045 0,009 E360 1,0070 FN BS 0,045 0,045 0,009 1) È consentito superare i valori prescritti a condizione che per ciascun aumento dello 0,001% DN il tenore massimo di P venga ridotto dello 0,005%; il tenore di N all analisi di colata, tuttavia, non deve essere maggiore dello 0,012% 2) Il valore massimo relativo all azoto non trova applicazione se la composizione chimica comporta un tenore minimo di Al totale dello 0,020%, oppure se sono presenti in quantità sufficiente altri elementi che fissino l azoto. Gli elementi che fissano l azoto devono essere indicati nel documento di controllo. 3) BS = acciaio di base; QS = acciaio di qualità. 4) Per i profilati con uno spessore nominale > 100 : tenore di C secondo accordo. 5) Disponibile soltanto in spessori nominali ϕ25. 6) Per spessori nominali > 150 : C = 0,23% max. 7) Per spessori nominali > 30 e per i tipi idonei alla formatura a freddo su rulli: C = 0,24% max. 10 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

7 A Composizione chimica all analisi su prodotto sulla base del prospetto precedente Designazione Secondo EN ed ECISS IC 10 Secondo EN Grado di disossidazione Sottogruppo 3) C in % max Per spessori nominali di prodotto in ϕ16 >16 ϕ40 > 40 4) Mn % max Si % max P % max S % max 1) 2) N % max S185 5) 1,0035 a scelta BS S235JR 5) 1,0037 a scelta BS 0,21 0,25 1,40 0,055 0,055 0,011 S235JRG1 5) 1,0036 FU BS 0,21 0,25 1,40 0,055 0,055 0,009 S235JRG2 1,0038 FM BS 0,19 0,19 0,20 1,40 0,055 0,055 0,011 S235JO 1,0114 FN QS 0,19 0,19 0,17 1,40 0,050 0,050 0,011 S235J2G3 1,0116 FF QS 0,19 0,19 0,17 1,40 0,045 0,045 S235J2G4 1,0117 FF QS 0,19 0,19 0,17 1,40 0,045 0,045 S275JR 1,0044 FN BS 0,24 0,25 0,22 1,50 0,055 0,055 0,011 S275JO 1,0143 FN QS 0,21 0,21 6) 0,18 6) 1,50 0,050 0,050 0,011 S275J2G3 1,0144 FF QS 0,21 0,21 6) 0,18 6) 1,50 0,045 0,045 S275J2G4 1,0145 FF QS 0,21 0,21 6) 0,18 6) 1,50 0,045 0,045 S355JR 1,0045 FN BS 0,27 0,27 0,24 1,60 0,60 0,055 0,055 0,011 S355JO 1,0553 FN QS 0,23 0,24 0,22 1,60 0,60 0,050 0,050 0,011 S355J2G3 1,0570 FF QS 0,23 0,24 0,22 1,60 0,60 0,045 0,045 S355J2G4 1,0577 FF QS 0,23 0,24 0,22 1,60 0,60 0,045 0,045 S355K2G3 1,0595 FF QS 0,23 0,24 0,22 1,60 0,60 0,045 0,045 S355K2G4 1,0596 FF QS 0,23 0,24 0,22 1,60 0,60 0,045 0,045 E295 1,0050 FN BS 0,055 0,055 0,011 E335 1,0060 FN BS 0,055 0,055 0,011 E360 1,0070 FN BS 0,055 0,055 0,011 1) È consentito superare i valori prescritti a condizione che per ciascun aumento dello 0,001% DN il tenore massimo di P venga ridotto dello 0,005%; il tenore di N all analisi di colata, tuttavia, non deve essere maggiore dello 0,012% 2) Il valore massimo relativo all azoto non trova applicazione se la composizione chimica comporta un tenore minimo di Al totale dello 0,020%, oppure se sono presenti in quantità sufficiente altri elementi che fissino l azoto. Gli elementi che fissano l azoto devono essere indicati nel documento di controllo. 3) BS = acciaio di base; QS = acciaio di qualità. 4) Per i profilati con uno spessore nominale > 100 : tenore di C secondo accordo. 5) Disponibile soltanto in spessori nominali ϕ25. 6) Per spessori nominali > 150 : C = 0,23% max. 7) Per spessori nominali > 30 e per i tipi idonei alla formatura a freddo su rulli: C = 0,24% max. DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 11

8 COMPOSIZIONI CHIMICHE E MECCANICHE. NORMATIVE E RESILIENZE A Resilienza kv longitudinale per prodotti piani e lunghi Designazione Secondo EN ed ECISS IC 10 Secondo EN Grado di disossidazione Sottogruppo 1) Temperatura C Resilienza (J) minima Spessore nominale in >10 2) ϕ150 >150 2) ϕ250 S185 3) 1,0035 a scelta BS S235JR 4) 1,0037 a scelta BS S235JRG1 3) 4) 1,0036 FU BS S235JRG2 4) 1,0038 FM BS S235JO 1,0114 FN QS S235J2G3 1,0116 FF QS S235J2G4 1,0117 FF QS S275JR 4) 1,0044 FN BS S275JO 1,0143 FN QS S275J2G3 1,0144 FF QS S275J2G4 1,0145 FF QS S355JR 4) 1,0045 FN BS S355JO 1,0553 FN QS S355J2G3 1,0570 FF QS S355J2G4 1,0577 FF QS S355K2G3 1,0595 FF QS S355K2G4 1,0596 FF QS E295 1,0050 FN BS E335 1,0060 FN BS E360 1,0070 FN BS 1) BS = acciaio di base; QS = acciaio di qualità. 2) Per i profilati con uno spessore nominale > 100 : tenore di C secondo accordo. 3) Disponibile soltanto in spessori nominali ϕ25. 4) Le caratteristiche di resilienza dei prodotti della qualità JR vengono verificate soltanto se specificato all atto della rischiesta d offerta e dell ordine. 12 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

9 A Laminati a caldo di acciai non legati per impieghi strutturali: corrispondenza tra standard europei e vecchie normative nazionali Secondo EN ed ECISS IC 10 Secondo St Europei EN UE Germania Francia Regno Spagna Italia Belgio Svezia Portogallo Austria Norvegia EN Unito S185 1,0035 Fe St 33 A 33 A Fe 320 A Fe St 320 S235JR 1,0037 Fe 360 B S E 24-2 Fe 360B S235JRG1 1,0036 Fe 360B (FU) S235JRG2 1,0038 Fe 360B (FN) USt 37-2 AE 235B- FU RSt B AE 235B- FN S235JO 1,0114 Fe 360 C St 37-3U E C AE 235 C S235J2G3 1,0116 Fe 350 D1 St 37-3N S235J2G4 1,0117 Fe 360 D2 E D AE 235 D Fe 360C Fe 360D S275JR 1,0044 Fe 430 B St 44-2 E B AE 275B Fe 430B S275JO 1,0143 Fe 430 C St 44-3U E C AE 275C Fe 430C S275J2G3 1,0144 Fe 430 D1 St 44-3N S275J2G4 1,0145 Fe 430 D2 E D AE 275D Fe 430D S355JR 1,0045 Fe 510 B E B AE 355B Fe 510B S355JO 1,0553 Fe 510 C St 52-3U E C AE 355C Fe 510C S355J2G3 1,0570 Fe 510 D1 St 52-3N S355J2G4 1,0577 Fe 510 D2 50D AE 355D Fe 510D S355K2G3 1,0595 Fe 510 DD1 S355K2G4 1,0596 Fe 510 DD2 AE 235-B Fe 360-B NS USt 360-B Ust 360-B AE 235C Fe 360-C St 360-C NS NS NS AE235D Fe 360-D St 360-D NS AE 255B Fe 430-B St 430-B NS AE 255C Fe 430-C St 430-C St 430- CE AE 255D Fe 430-D St 430-D AE 355-B Fe 510-B AE 355-C AE 355-D E DD AE 355- DD Fe 510-C St 510-C Fe 510-D St 510-D NS Fe 510 DD E295 1,0050 Fe St 50-2 A 50-2 A 490 Fe 490 A Fe St E335 1,0060 Fe St 60-2 A 60-2 A 590 Fe 590 A Fe St E360 1,0070 Fe St 70-2 A 70-2 A 690 Fe 690 A Fe St NS NS NS DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 13

10 COMPOSIZIONI CHIMICHE E MECCANICHE. NORMATIVE E RESILIENZE A Caratteristiche meccaniche per prodotti piani e lunghi Designazione Secondo EN ed ECISS IC 10 Secondo EN Carico unitario di snervamento minimo ReH in N/ 2 spessore nominale in ϕ16 >16 ϕ40 >40 ϕ63 >63 ϕ80 ϕ100 >80 >100 ϕ150 >150 ϕ200 >200 ϕ250 Resistenza a trazione Rm in N/ 2 1) <3 3 ϕ100 S185 3) 1,0035 a scelta BS S235JR 4) 1,0037 a scelta BS S235JRG1 3)4) Grado di disossidazione Sottogruppo 2) 1,0036 FU BS >100 ϕ150 >150 ϕ250 S235JRG2 4) 1,0038 FM BS S235JO 1,0114 FN QS S235J2G3 1,0116 FF QS S235J2G4 1,0117 FF QS S275JR 4) 1,0044 FN BS S275JO 1,0143 FN QS S275J2G3 1,0144 FF QS S275J2G4 1,0145 FF QS S355JR 4) 1,0045 FN BS S355JO 1,0553 FN QS S355J2G3 1,0570 FF QS S355J2G4 1,0577 FF QS S355K2G3 1,0595 FF QS S355K2G4 1,0596 FF QS E295 1,0050 FN BS E335 1,0060 FN BS E360 1,0070 FN BS ) I valori figuranti del prospetto si applicano per provette longitudinali (l) per la prova di trazione. Per lamiere, nastri e larghi piatti di larghezza 600 vanno utilizzate provette traversali (t). 1) BS = acciaio di base; QS = acciaio di qualità. 3) Disponibile soltanto in spessori nominali ϕ25. 4) Di norma questi acciai non vengono utilizzati per profilati (profilati ad U ed angolari). 14 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

11 A Caratteristiche meccaniche per prodotti piani e lunghi Designazione Allungamento minimo percentuale 1) Secondo EN ed ECISS IC 10 Secondo EN Grado di disossidazione Sottogruppo 2) S185 3) 1,0035 a scelta BS l t LO = 80 Spessore nominale in ϕ1 >1 ϕ1, LO = 5,65 v SO Spessore nominale in 1) I valori figuranti del prospetto si applicano per provette longitudinali (l) per la prova di trazione. Per lamiere, nastri e larghi piatti di larghezza 600 vanno utilizzate provette traversali (t). 1) BS = acciaio di base; QS = acciaio di qualità. 3) Disponibile soltanto in spessori nominali ϕ25. 4) Di norma questi acciai non vengono utilizzati per profilati (profilati ad U ed angolari) >1,5 ϕ >2 ϕ2, >2,5 ϕ ϕ >40 ϕ63 >63 ϕ100 >100 ϕ150 S235JR 3) 1,0037 a scelta BS l S235JRG13) 1,0036 FU BS S235JRG2 1,0038 FM BS S235JO 1,0114 FN QS S235J2G3 1,0116 FF QS S235J2G4 1,0117 FF QS t S275JR 1,0044 FN BS l S275JO 1,0143 FN QS S275J2G3 1,0144 FF QS S275J2G4 1,0145 FF QS t S355JR 1,0045 FN BS l S355JO 1,0553 FN QS S355J2G3 1,0570 FF QS S355J2G4 1,0577 FF QS S355K2G3 1,0595 FF QS S355K2G4 1,0596 FF QS t E295 4) 1,0050 FN BS E335 4) 1,0060 FN BS E360 4) 1,0070 FN BS Posizione delle provette 1) l t l t l t >150 ϕ DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 15

12 LAMINATI MERCANTILI P - T - Q - F L - P U A - T F T - DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 17

13 1) LAMINATI MERCANTILI PIATTI E LARGHI PIATTI - LAMINATI E TRAFILATI s l Larghezza Piatti Spessore Peso Kg/m 10 0,236 0,314 0,392 0,471 0, ,283 0,377 0,471 0,565 0,754 0, ,353 0,471 0,589 0,706 0,942 1,18 1, ,377 0,502 0,628 0,754 1,00 1,26 1, ,471 0,628 0,785 0,942 1,26 1,57 1, ,589 0,785 0,981 1,18 1,57 1,96 2, ,707 0,942 1,18 1,41 1,88 2,36 2, ,824 1,10 1,37 1,65 2,20 2,75 3, ,942 1,26 1,57 1,88 2,51 3,14 3, ,06 1,41 1,77 2,12 2,83 3,53 4, ,18 1,57 1,96 2,36 3,14 3,92 4, ,41 1,88 2,36 2,83 3,77 4,71 5, ,65 2,20 2,75 3,30 4,40 5,50 6, ,88 2,51 3,14 3,77 5,02 6,28 7, ,12 2,83 3,53 4,24 5,65 7,06 8, ,36 3,14 3,92 4,71 6,28 7,85 9, ,59 3,45 4,32 5,18 6,91 8,64 10, ,83 3,77 4,71 5,65 7,54 9,42 11, ,06 4,08 5,10 6,12 8,16 10,21 12, ,30 4,40 5,50 6,59 8,79 11,00 13, ,53 4,71 5,89 7,06 9,42 11,78 14,13 Larghezza Larghi piatti Spessore Peso Kg/m 160 7,54 10,05 12,56 15,07 18, ,48 11,30 14,13 16,96 21, ,42 12,56 15,70 18,84 23, ,36 13,82 17,30 20,70 25, ,77 15,70 19,60 23,60 29, ,60 28,30 35, ,10 30,10 37, ,00 41, ,70 47,20 18 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

14 Larghezza Piatti Spessore Peso Kg/m , ,94 3, ,53 4,71 5, ,12 5,50 6,87 8, ,71 6,28 7,85 9,42 10, ,30 7,06 8,83 10,60 12,36 14, ,89 7,85 9,81 11,78 13,74 15, ,06 9,42 11,78 14,13 16,49 18,84 23, ,24 11,00 13,74 16,49 19,23 21,98 27,50 33, ,42 12,56 15,70 18,84 21,98 25,12 31,40 37, ,60 14,13 17,66 21,20 24,73 28,80 35,30 42, ,78 15,70 19,63 23,55 27,48 31,40 39,20 47, ,95 17,27 21,59 25,91 30,22 34,54 43,20 51, ,13 18,84 23,55 28,26 32,97 37,68 47,10 56, ,31 20,41 25,51 30,62 35,72 40,82 51,00 61, ,49 21,98 27,48 32,97 38,47 43,96 55,00 65, ,66 23,55 29,44 35,33 41,21 47,10 58,90 70,60 Larghezza Larghi piatti Spessore Peso Kg/m ,12 31,40 37,70 44,00 50,20 62,80 75, ,26 35,30 42,40 49,50 56,50 70,65 84, ,40 39,20 47,10 55,00 62,80 78,50 94, ,50 43,20 51,80 60,40 69,10 86,40 103, ,20 49,10 58,90 68,70 78,50 98,12 117, ,10 58,90 70,60 82,40 94,20 117,75 141, ,20 62,80 75,40 87,90 100, ,00 68,70 82,40 95,60 109, ,80 78,50 94,20 106,00 125, DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 19

15 TONDI E QUADRI - LAMINATI E TRAFILATI d l Diametro Peso kg/m Diametro Peso kg/m Diametro Peso kg/m o lato o lato o lato Tondo Quadro Tondo Quadro Tondo Quadro 3 0, ,834 6, ,000 33, , ,185 6, ,509 36, ,154 0, ,550 7, ,210 38, ,222 0, ,313 8, ,900 41, ,302 0, , ,700 44, ,395 0, ,130 9, ,510 47, ,499 0, ,550 9, ,500 50, ,617 0, ,990 10, , ,746 0, ,903 11, ,500 56, ,888 1, , , ,042 1, ,865 12, ,940 63, ,208 1, ,876 13, ,643 70, ,387 1, , ,700 78, ,578 2, ,500 15, ,000 84, ,728 2, ,046 16, ,601 95, ,000 2, , , , ,230 2, ,205 18, , , ,466 3, ,414 19, , , ,720 3, ,671 21, , , ,984 3, ,300 22, , , ,261 4, ,700 23, , , ,551 4, ,335 24, , , ,853 4, ,740 26, , , ,170 5, ,195 28, , , ,495 5, ,500 31, , , DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

16 l ELLE LATI DISUGUALI - LAMINATI E TRAFILATI S Dimensioni l x l 1 x s Peso kg/m 20 x 12 x 4 0,88 25 x 15 x 4,5 1,25 s 30 x 17,5 x 5 1,67 l 1 35 x 20 x 5,5 2,14 40 x 22 x 6 2,64 FERRI A U P h a Dimensioni b h Spessore anima Peso kg/m ,30 b , ,5 2, , , ,5 5,45 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 21

17 ANGOLI A LATI UGUALI - LAMINATI s l Dimensioni Spessori Peso kg/m 15x15 0,65 0,83 20x20 0,88 1,14 25x25 1,12 1,45 1,79 30x30 1,40 1,78 2,17 2,57 35x35 1,63 2,10 2,61 3,04 3,47 40x40 1,88 2,42 3,00 3,52 4,04 4,55 45x45 2,80 3,38 3,99 4,60 5,18 50x50 3,13 3,77 4,46 5,15 5,81 55x55 4,18 4,95 5,71 6,46 60x60 4,56 5,42 6,26 7,09 7,80 8,69 65x65 5,00 5,95 6,83 7,73 70x70 5,37 6,38 7,38 8,36 9,34 10,34 11,20 75x75 7,00 8,00 9,03 80x80 7,34 8,49 9,66 10,75 11,85 12,95 90x90 10,90 12,17 13,42 14,68 100x100 12,30 13,70 15,10 16,45 110x110 13,40 15,00 16,60 18,15 120x120 14,70 16,50 17,50 19,90 130x130 15,30 17,40 18,30 21,80 140x140 21,70 23,70 150x150 23,00 160x x x DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

18 ,05 16,90 15,89 18,31 19,52 20,70 17,80 20,60 21,95 23,30 19,70 22,80 24,30 25,80 21,72 25,10 26,60 28,45 23,60 27,20 29,10 30,90 34,45 26,63 29,45 31,40 33,35 37,22 27,00 31,60 33,75 35,90 40,10 33,85 36,10 38,35 42,85 38,40 41,00 43,65 48,53 53,70 58,60 42,90 48,57 48,67 54,45 59,90 65,60 71,10 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 23

19 ELLE LATI DISUGUALI - LAMINATI E TRAFILATI S s l Dimensioni l x l 1 x s Peso kg/m Dimensioni l x l 1 x s Peso kg/m Dimensioni l x l 1 x s Peso kg/m 30 x 20 x 4 1,45 30 x 20 x 5 1,77 35 x 20 x 4 1,61 35 x 20 x 5 1,97 40 x 20 x 4 1,77 40 x 20 x 5 2,17 40 x 25 x 4 1,92 40 x 25 x 5 2,36 45 x 30 x 4 2,25 45 x 30 x 5 2,77 45 x 30 x 6 3,27 50 x 30 x 5 2,96 50 x 30 x 6 3,51 60 x 30 x 5 3,37 60 x 30 x 6 3,95 60 x 40 x 5 3,76 60 x 40 x 6 4,46 70 x 50 x 6 5,44 70 x 50 x 8 7,10 70 x 50 x 10 8,71 75 x 50 x 6 5,65 75 x 50 x 7 6,53 80 x 40 x 6 5,41 80 x 40 x 8 7,07 80 x 60 x 7 7,35 80 x 60 x 8 8,33 80 x 60 x 10 10, x 50 x 6 6, x 50 x 8 8, x 50 x 10 11, x 65 x 7 8, x 65 x 8 9, x 65 x 9 11, x 65 x 10 12, x 65 x 11 13, x 60 x 8 10, x 60 x 10 13, x 80 x 8 12, x 80 x 10 15, x 80 x 12 17, x 65 x 8 11, x 65 x 10 14, x 65 x 12 17, x 100 x 10 19, x 100 x 12 22, x 100 x 14 26, x 100 x 10 23, x 100 x 12 27, x 100 x 14 31, x 100 x 16 35, x 100 x 18 40,00 24 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

20 TRIANGOLO PIENO l Dimensioni l Peso Kg/m 7 0, , , , , , ,50 FERRO A T b h Dimensioni b h Spessore Peso Kg/m , ,5 1, , ,5 2, ,5 2, , , ,5 3, ,5 4, , , , , , , , , ,00 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 25

21 SEZIONE STRUTTURALE E LAVORAZIONI MECCANICHE UNP T INP IPE HEA HEB HEM T P D T S T F S T R ( )

22 2) SEZIONE STRUTTURALE E LAVORAZIONI MECCANICHE PROFILATI UNP SERIE NORMALE y Designaz. a h b Peso Kg/m Sup. m 2 /t Sez. cmq b h Dimensioni a e r Caratteristiche riferite all asse neutro x-x y-y Jx cm 4 Wx cm 3 ix cm Jy cm 4 Wy cm ,27-5, ,39 4,26 1,08 5,1 2,60 0, ,88-6, ,1 7,07 1,51 6,68 3,08 1, ,59-7, ,5 10,6 1,93 9,1 3,74 1, ,09-9, , ,5 17,7 2,52 14,0 5,05 1, ,65 36,1 11, , ,5 3,10 19,4 6,35 1, ,6 35,10 13, ,26 8, ,1 3,91 29,1 8,45 1, ,3 32,39 17, , ,7 4,63 43,1 11,1 1, ,0 30,56 20, , ,4 5,45 62,5 14,7 1, ,9 29,04 24, ,5 10,2 10, ,21 85,0 18,2 1, ,0 27,77 28, , , ,4 2, ,3 26,13 32, ,5 11,16 11, , ,9 2, ,4 24,42 37, ,14 12, , ,5 2, ,2 23,34 42, ,5 12, , ,5 2, ,9 22,00 48, , , ,8 2, ,9 21,29 53, , , ,1 2, ,1 20,56 28, ,6 16 8, , ,5 2, ,5 16,50 75, ,5 17, , ,6 2, ,6 17,28 77, , , ,0 2, ,1 17,59 80, ,5 16, , ,7 2, ,8 16,46 91, , , ,04 iy cm 28 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

23 T UNP [+/- 60 ] DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 29

24 PROFILATI UNP SERIE NORMALE D Tagli obliqui +/- 60 L altezza massima del profilo per i tagli è di 450 T TAGLIO NORMALE A 90 Le tolleranze rispetto alle quote nominali, salvo diverse disposizioni preventivamente concordate con il cliente, rientrano nei sottoelencati limiti: Lunghezza nominale < 2000 > 2000 < > Tolleranze +/- 1 +/- 1,25 +/- 1,5 Su richiesta ,5-0 +2, TAGLIO INLCLINATO La tolleranza sull angolo di taglio è contenuta entro il limite di +/- 0,5 La misurazione della lunghezza deve avvenire mediante flessimetro, tarato di classe 2, mediante tiraggio con forza costante di 4 kg Per le tolleranze di planarità e perpendicolarità del taglio si applica la formula: d = 0,5% di h o b dove d = differenza h = altezza del profilo b = larghezza del profilo La misurazione della differenza d deve essere fatta con una squadra a 90 poggiata al bordo di un ala 30 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

25 T - Tolleranza travi UPN Dimensione Scostamenti limite su nominale h h b a e da 80 a 140 ± 2 ± 1,5 ± 0,5 ± 0,5 da 160 a 200 ± 2 ± 1,5 ± 0,5 ± 1 da 220 a 300 ± 3 ± 2 ± 0,5 ± 1 Dimensione Lunghezza T - Tolleranza travi UPN Scostamenti limite correnti (da precisare all ordine) ± Scostamenti limite correnti (da concordare all ordine) ± 25 ± 10 ± 5 Nel caso di scostamenti limite correnti la lunghezza L corrisponde alla lunghezza massima utilizzabile della trave con le estremità supposte tagliate a squadro. Nel caso di scostamenti limite ristretti le due lunghezze L e L/max devono essere tutte e due comprese nella tolleranza fissata. La designazione delle travi deve essere completata con l indicazione della tolleranza di lunghezza richiesta. Possono anche essere concordate tolleranze diverse da quelle specificate. In mancanza di precisazioni si applicano sulla lunghezza delle travi in lunghezza fissa gli scostamenti correnti da a 0. Fuori squadro Incurvamento dell anima Errore di raddrizzatura Il fuori squadro t (fig. A) non deve essere maggiore di 1. Per h < 100 per 100 < h < 200 per h < 200 L errore di raddrizzatura q (fig. C) non deve essere maggiore di 0,0015 L. L errore q deve essere misurato nel piano dell anima e su tutta la lunghezza L del profilato. DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 31

26 TRAVI INP SERIE NORMALE r h 5 14% b Designaz. Peso Kg/m Sup. m 2 /t Sez. cmq h b Dimensioni a e r Caratteristiche riferite all asse neutro x-x y-y Jx cm 4 Wx cm 3 ix cm Jy cm 4 Wy cm ,95 51,18 7, ,9 5,76 3,9 77,8 19,5 3,20 6,29 3,00 0, ,32 44,36 10, ,5 6,64 4, ,2 4,01 12,2 4,88 1, ,20 39,55 14, ,1 7,52 5, ,7 4,81 21,5 7,41 1, ,40 35,10 18, ,7 8,40 5, ,9 5,61 35,2 10,7 1, ,90 32,12 22, ,3 9,28 6, ,40 54,7 14,8 1, ,9 29,22 27, ,9 10,16 6, ,20 81,3 19,8 1, ,3 27,06 33, ,5 11,04 7, , ,0 1, ,1 24,92 39, ,1 11,92 8, , ,1 2, ,2 23,31 46, ,7 12,80 8, , ,7 2, ,9 21,62 53, ,4 13,77 9, , ,0 2, ,0 20,17 61, ,1 14,85 10, , ,2 2, ,2 19,00 69, ,8 15,82 10, , ,2 2, ,1 17,87 77, ,5 16,90 11, , ,7 2, ,1 16,91 86, ,2 17,87 12, , ,4 2, ,2 15,90 97, ,0 19,05 13, , , ,0 15,12 107, ,7 20,02 13, , , ,6 14,39 118, ,4 21,10 14, , , , ,2 24,3 6, , , , ,0 27,0 18, , ,72 iy cm 32 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

27 TRAVI IPE AD ALI PARALLELE Designaz. h b e Peso Kg/m Sup. m 2 /t Sez. cmq h b Dimensioni a e r Caratteristiche riferite all asse neutro x-x y-y Jx cm 4 Wx cm 3 ix cm Jy cm 4 Wy cm ,00 54,67 7, ,8 5,2 5 80,1 20,0 3,24 8,49 3,69 1, ,10 49,38 10, ,1 5, ,2 4,07 15,9 5,79 1, ,4 45,67 13, ,4 6, ,0 4,90 27,7 8,65 1, ,9 42,71 16, ,7 6, ,3 5,74 44,9 12,3 1, ,8 39,43 20, ,0 7, ,58 68,3 16,7 1, ,8 37,13 23, ,3 8, , ,2 2, ,4 34,29 28, ,6 8, , ,5 2, ,2 32,37 33, ,9 9, , ,3 2, ,7 30,03 39, ,2 9, , ,3 2, ,1 28,81 45, ,6 10, , ,2 3, ,2 27,49 53, ,1 10, , ,5 3, ,1 25,46 62, ,5 11, , ,5 3, ,1 23,64 72, ,0 12, , , ,3 22,17 84, ,6 13, , , ,6 20,75 98, ,4 14, , , ,7 19, ,2 16, , , , ,1 17, , , , ,0 19, , ,66 iy cm DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 33

28 HEA TRAVI AD ALI LARGHE E PARALLELE S h a b e Designaz. Peso Kg/m Sup. m 2 /t Sez. cmq h b Dimensioni a e r Caratteristiche riferite all asse neutro x-x y-y Jx cm 4 Wx cm 3 ix cm Jy cm 4 Wy cm ,7 33,59 21, ,8 4, ,8 2, ,9 34,02 25, , ,5 3, ,7 32,15 31, ,5 8, , ,6 3, ,4 29,80 38, , ,9 3, ,5 28,73 45, , , , ,3 26,95 53, , , , ,5 24,95 64, , , ,3 22,72 76, , , , ,2 21,70 86, ,5 12, , , ,4 20,94 97, , , ,3 19, , , , ,6 18, , , , , ,5 16, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,35 iy cm 34 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

29 HEB TRAVI AD ALI LARGHE E PARALLELE S h a b e Designaz. Peso Kg/m Sup. m 2 /t Sez. cmq h b Dimensioni a e r Caratteristiche riferite all asse neutro x-x y-y Jx cm 4 Wx cm 3 ix cm Jy cm 4 Wy cm ,4 27,79 26, ,9 4, ,5 2, ,7 25,69 34, , , ,9 3, ,7 23,89 43, , ,5 3, ,6 21,55 54, , , ,2 20,31 65, , , , ,3 18,76 78, , , ,5 17,76 91, , , , ,2 16, , , ,0 16, , , , , , , , , , , , ,5 20, , , , , , , , ,5 22, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,38 iy cm DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 35

30 HEM TRAVI AD ALI LARGHE E PARALLELE S h a b e Designaz. Peso Kg/m Sup. m 2 /t Sez. cmq h b Dimensioni a e r Caratteristiche riferite all asse neutro x-x y-y Jx cm 4 Wx cm 3 ix cm Jy cm 4 Wy cm ,8 14,81 53, , ,3 2, ,1 14,17 66, , , , ,2 13,56 80, , , ,2 12,73 97, , , ,9 12, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,45 iy cm 36 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

31 T [+/- 60 ] DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 37

32 TRAVI D Tagli obliqui +/- 60 L altezza max del profilo per i tagli è di 450 T TAGLIO NORMALE A 90 Le tolleranze rispetto alle quote nominali, salvo diverse disposizioni preventivamente concordate con il cliente, rientrano nei sottoelencati limiti: TAGLIO INLCLINATO La tolleranza sull angolo di taglio è contenuta entro il limite di +/- 0,5 La misurazione della lunghezza deve avvenire mediante flessimetro, tarato di classe 2, mediante tiraggio con forza costante di 4 kg Per le tolleranze di planarità e perpendicolarità del taglio si applica la formula: d = 0,5% di h o b dove d = differenza h = altezza del profilo b = larghezza del profilo La misurazione della differenza d deve essere fatta con una squadra a 90 poggiata al bordo di un ala 38 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

33 T Tolleranza sulla massa Altezza della trave h Tolleranza di rettilineità su una lunghezza L % Qxx e Qxy 80 < h 180 0,30 L 80 < h 360 0,15 L h > 360 0,1 L Lo scostamento rispetto alla massa nominale di un lotto o di una singola trave non deve risultare maggiore del 4%. Lo scostamento della massa è la differenza tra la massa effettiva del lotto o della singola trave e la massa calcolata. La massa calcolata deve essere determinata con riferimento ad una massa volumica di 7,85 kg/dm 3. T Tolleranza sulla lunghezza Scostamenti limite correnti (da precisare all ordine) Scostamenti limite correnti (da concordare all ordine) ± ± 25 ± 10 ± 5 Le travi devono essere fornite con tolleranza di: a) ± 50 o b) nei casi in cui siano richieste lunghezze minime. L raprresenta la massima lunghezza utilizzabile della trave, supponendo che le estremità della trave siano state tagliate a squadro. DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 39

34 TRAVI T Tolleranza dimensionale Altezza della trave Larghezza dell ala Spessore dell anima Spessore dell ala h b s t Altezza Tolleranza h ,0-2,0 180 < h < h ,0-2,0 + 5,0-3,0 h > ,0-5,0 Larghezza Tolleranza b ,0-1,0 110 < b < b ,0-2,0 + 4,0-4,0 b > ,0-5,0 Spessore Tolleranza Spessore Tolleranza s < 7 ± 0,7 t < 6,5 + 1,5-0,5 7 s < 10 ± 1,0 6,5 < t < ,0-1,0 10 s < 20 ± 1,5 10 t < ,5-1,5 20 s < 40 ± 2,0 20 t < ,5-2,0 40 s < 60 ± 2,5 30 t < ,5-2,5 s > 60 ± 3,0 640 t < ,0-3,0 t > ,0-4,0 40 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

35 T Tolleranza di perpendicolarità e di sietria Tolleranza di perpendicolarità k + k 1 Tolleranza di sietria e dove e = b 1 - b 2 2 Larghezza dell ala Tolleranza Larghezza dell ala Tolleranza b B se t < 40 b 110 b > 110 1,5 2% di b (max 6,5 ) b < b 325 b > 325 se t > 60 2,5 3,5 5,0 110 < b 325 b > 325 5,0 8,0 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 41

36 DETERMINAZIONE DELLA PORTATA E DELLA DEFORMAZIONE DI UN PROFILO IPE/HEA/HEB/HEM INTERESSATO DA UN CARICO UNIFORMEMENTE DISTRIBUITO Scopo di queste brevi note è di fornire agli operatori del settore delle costruzioni uno strumento di agile impiego per la risoluzione di semplici problemi strutturali, senza il ricorso a relazioni matematiche che sono proprie del calcolo strutturale. Sono però necessarie alcune considerazioni introduttive di carattere generale: 1 M Un profilo in acciaio laminato a caldo per un impiego strutturale è caratterizzato da due parametri di resistenza meccanica a trazione: f y resistenza di snervamento f u resistenza a rottura Per spessori fino a 40 - secondo EN gli acciai strutturali si distinguono: f y (N / 2 ) f u (N / 2 ) Fe Fe Fe S q T M l Per la risoluzione di un elemento strutturale (trave) di lunghezza prevalente rispetto alle altre due dimensioni - quindi di caratteristiche rispondenti alle ipotesi De Saint Venant - interessato da un sistema di forze esterne q è necessario trovare le componenti di sollecitazione M, N e T (flessionali, assiali e di taglio) tali che, per ogni sezione della trave, queste equilibrino le azioni dei carichi esterni applicati. 44 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

37 Ricordo che il carico q è costituito da una componente di carico permanente e da una parte di carico variabile o sovraccarico. Se il sistema è isostatico vincolato con cerniera e carrello - si perviene ai valori di M, N, T mediante semplici considerazioni di equilibrio come rappresentato in figura. 3 V Risolto il problema statico di individuazione di M, N e T si tratta di scegliere il più indicato profilo coerciale che meglio risponda alle richieste del nostro problema ed eseguendo due verifiche: a) verifica di resistenza b) verifica di deformazione Si è preferito utilizzare come criterio di verifica il vecchio metodo alle tensioni aissibili secondo UNI perchè, per lo scopo propostoci, meglio rappresenta la realtà fisica del problema strutturale rispetto alle verifiche previste da EC3 e SLU. Chiamo: a) valori di tensioni aissibili per verifiche di resistenza 1,5 3 b) valori di verifica per deformazione Travi non caricate da muri, tramezze, pilastri la freccia max dovuta al solo sovraccarico Travi caricate da muri, tramezze, pilastri la freccia max dovuta al carico totale Per arcarecci ed elementi inflessi dell orditura minuta di una copertura la freccia max dovuta al carico totale DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 45

38 4 C Sulla base delle precedenti considerazioni sono stati predisposti gli abachi seguenti ottenuti con l impiego delle formule: Q adm = 8 W x 100 l - p l 5 f = = 384 q l 4 E J Q l 3 E J x dove: Q = carico totale σ = tensione unitaria di calcolo W x = modulo di resistenza in cm3 l = luce della trave E = modulo elastico dell acciaio = Kg/cmq J x = modulo di inerzia rispetto asse x p = peso del profilo in kg/m Per ogni profilo di categoria IPE, HEA, HEB, HEM sono stati predisposti tre abachi secondo le tensioni unitarie kg N σ adm = 1600 = (160 ) cm 2 2 kg N cm 2 2 σ adm = 1200 = (120 ) kg N cm 2 2 σ adm = 800 = (80 ) allo scopo di far rilevare la variazione di deformazione (freccia) con il carico totale Q applicato sulla trave come da schema. N.B.: I valori di Q indicati negli abachi devono venire intesi come valori ottimali di carico in quanto ottenuti nell ipotesi di: - carichi applicati in asse alla trave; - assenza di fenomeni flesso-torsionali 46 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

39 5 A N.B.: Per il calcolo della deformazione applicare le formule riportate negli schemi. 6 P Le presenti brevi note sono state predisposte da Studio di Progettazione Civile ed Industriale - C.so G. Matteotti, Brescia Tel Fax il quale è disponibile per risolvere problematiche di progettazione più complesse qui esposte: settore industriale - progetto e calcolo di capannoni costituiti da pilastri, capriate reticolari, arcarecci e travi per carroponte; - impalcati industriali per sostegno e/o servizio di apparecchiature con piani di calpesto in lamiera o grigliato; - portali porta tubazioni (pipe rack) settore civile - fabbricati ad uso residenziale e/o coerciale con travi, pilastri e solai in lamiera grecata; - rinforzi di solai in C.A. o in legno con l impiego di elementi strutturali in acciaio; Il progetto e le verifiche vengono svolti con l impiego delle più moderne procedure di calcolo automatico. DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 47

40 U Gli abachi possono venire utilizzati secondo due criteri di impiego: a) ricerca del carico utile massimo per una trave, dati: luce della trave tipo di profilo valore unitario di tensione in tabella Q Esempio: per l = 3,50 m profilo IPE180 tensione 1600 kg/cmq in tabella Q = 5274 kg pari a q = 1506,8 kg/m e deformazione compresa tra 1/200 e 1/400 della luce. b) dimensionamento in base alla deformazione, dati: valore di tensione luce della trave carico totale Q valore di deformazione in tabella determinazione del profilo di classe IPE, HEA, HEB, HEM e successivamente calcolo della freccia. Esempio: per l = 3,50 m Q = 5274 kg deformazione = 1/300 l tensione = 1600 kg/cmq in tabella profilo IPE180 con J x = 1317 cm 4, calcolo della freccia: (350) f = = 1,06 cm => x = l < l = 1,16 cm 48 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

41 Schema 1 Reazioni e sollecitazioni Rotazioni e spostamenti q RA TA + l/2 + l M max - RB TB Reazioni R A = R B = Taglio Momento q. l 2 T A = -T B = q. l 2 M max (l/2)= q. l 2 8 Rotazioni φ A = -φ B = q. l 3 24 E J Spostamenti η max (l/2) = 5. q. l E J Schema 2 Reazioni e sollecitazioni Rotazioni e spostamenti RA TA + l/ 3 l - q RB TB Reazioni R A = q. l 6 R B = q. l 3 Taglio T A = R A φ A = φ B = - Rotazioni 7. q. l E. J 8. q. l E. J Spostamenti + M max T B = -R B Momento M max (l/ 3)= q. l η max = 0,00652 q. l 4 per x = 0,5193 l E. J DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 49

42 Schema 3 Reazioni e sollecitazioni Rotazioni e spostamenti RA l q RB Reazioni R A = R B = q. l 4 Taglio Rotazioni φ A = -φ B = 5. q. l E J TA + l/2 - TB T A = R A T B = -R B Momento Spostamenti η max (l/2) = q. l E J + M max M max (l/2)= q. l 2 12 Schema 4 Reazioni e sollecitazioni Rotazioni e spostamenti P Reazioni RA TA + l RB R A = R B = P 2 Taglio Rotazioni φ A = -φ B = P. l 2 16 E J l/2 + M max - TB T A = R A T B = -R B Momento M max (l/2)= P. l 4 Spostamenti η max = P. l 3 (l/2) 48 E J 50 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

43 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 51

44 52 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

45 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 53

46 54 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

47 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 55

48 56 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

49 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 57

50 58 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

51 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 59

52 60 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

53 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 61

54 62 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

55 TUBOLARI STRUTTURALI Q Dimensioni Spessori h b 25x25 1,89 2,64 3,14 30x30 2,36 2,94 3,93 4,52 40x40 3,30 4,80 5,33 6,41 8,04 50x50 4,25 5,45 6,39 8,28 10,6 12,6 60x60 5,19 6,71 7,96 9,20 13,06 15,7 70x70 6,13 7,97 9,53 11,09 15,57 18,8 21,90 80x80 7,07 9,22 11,10 12,97 16,36 22,0 25,60 90x90 8,01 10,48 12,67 14,86 18,87 25,10 29,40 100x100 8,96 11,73 14,24 16,74 21,39 26,62 33,20 40,4 110x110 9,90 12,99 15,81 18,62 23,90 31,40 36,90 41,00 120x120 10,84 14,25 17,38 20,51 26,41 33,41 40,70 45,50 130x130 11,96 15,82 19,62 23,36 30,60 37,70 44,50 49,90 140x140 12,97 17,19 21,36 25,49 33,59 40,80 48,20 53,60 59,20 150x150 13,67 18,01 22,09 26,16 34,10 42,16 53,24 56,50 62,10 160x160 14,61 19,4 23,76 28,04 36,46 44,70 54,70 60,90 67,20 180x180 21,78 26,85 31,81 41,48 50,95 59,80 69,90 77,20 200x200 24,29 29,94 35,58 46,50 57,93 67,35 78,80 87,30 220x220 26,81 33,08 39,35 51,53 62,57 74,90 87,70 97,30 250x250 30,57 37,79 45,10 59,24 72,93 86,18 101,70 117,00 260x260 31,83 39,39 46,88 61,58 75,13 90,00 106,00 120,00 300x300 45,64 54,52 71,80 88,63 105,02 124,30 142,00 320x320 49,57 59,13 77,91 95,54 120,00 136,00 152,00 350x350 63,90 85,70 106,00 128,00 147,90 167,00 400X400 75,13 96,90 122,00 142,00 167,50 192,00 500X ,40 142,50 169,20 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 63

56 TUBOLARI STRUTTURALI R Dimensioni Spessori h b 60X30 3,35 4,44 50x40 3,77 4,83 6,28 7,35 60x30 3,77 4,83 6,28 7,35 60x40 4,25 5,45 6,39 8,29 10,60 70x30 4,25 5,45 7,07 8,29 10,60 70x40 4,72 6,08 7,18 9,23 11,80 14,10 70x50 5,19 6,71 7,96 10,20 13,10 15,70 70x60 5,84 7,66 9,42 11,10 14,30 17,30 80x40 5,19 6,71 7,96 9,20 13,10 15,70 80x50 5,66 7,34 8,75 11,10 14,30 17,30 80x60 6,13 7,90 9,53 11,86 15,57 18,80 90x50 6,13 7,97 9,53 11,09 15,57 18,80 100x30 5,66 7,34 9,42 10,10 14,30 17,30 100x40 6,13 7,90 9,53 11,09 15,57 18,80 100x50 6,60 8,59 10,32 12,03 16,83 20,40 100x60 7,07 9,06 11,10 12,97 18,09 22,00 100x80 8,01 10,22 13,91 15,44 20,40 25,10 29,40 110x60 7,72 10,17 12,56 13,91 19,30 23,60 110x80 8,67 11,43 14,13 16,77 21,90 26,70 31,30 120x40 7,70 9,22 11,10 12,97 18,10 22,00 120x50 7,23 9,64 12,56 14,88 19,30 23,60 120x60 8,01 10,48 12,67 15,44 20,40 25,10 120x70 14,13 16,77 21,85 26,70 120x80 11,73 14,24 17,23 21,39 28,30 120x100 10,03 15,73 19,11 25,60 31,40 36,90 140x40 10,48 12,67 15,82 20,40 25,10 140x60 11,73 14,24 16,74 23,10 28,30 140x70 12,00 15,03 17,68 24,40 29,80 34,40 140x80 12,99 15,81 18,62 23,90 31,40 36,40 150x50 11,73 14,24 16,74 23,10 28,30 150x60 12,97 15,70 18,65 24,40 29,80 64 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

57 R Dimensioni Spessori h b 150x75 13,60 16,20 19,00 27,00 32,00 150x100 14,87 18,17 21,45 27,67 36,10 42,60 160x80 13,71 17,38 20,51 26,41 34,50 40,70 160x90 15,20 18,17 21,00 27,60 36,10 42,60 180x60 14,25 17,38 20,51 28,10 34,50 40,70 180x80 15,50 18,95 22,39 28,92 37,70 44,50 180x100 16,90 21,20 24,28 31,43 40,80 48,20 180x120 17,90 22,20 26,30 34,10 51,50 180x140 23,73 28,14 36,63 44,67 200x100 18,01 22,09 26,16 33,95 41,59 48,50 56,50 62,10 200x120 23,83 28,04 36,46 45,10 54,70 63,30 200x150 21,15 26,10 30,87 40,23 49,38 57,90 70,00 220x80 17,90 22,16 26,26 34,12 41,53 220x120 25,30 29,93 38,97 47,80 58,70 220x140 26,90 31,81 41,48 51,00 59,80 250x100 21,40 26,02 30,87 40,23 48,44 57,90 70,00 77,70 250x150 24,29 30,01 35,58 46,51 57,23 73,00 78,80 91,50 260x140 30,00 35,70 46,70 57,20 67,30 81,10 90,30 260x180 31,10 39,40 51,70 63,50 74,90 87,70 97,30 300x100 30,01 35,68 46,68 57,23 67,30 81,10 90,30 300x150 27,43 33,87 40,29 52,79 65,10 76,80 89,10 300x200 30,57 39,90 45,24 59,50 72,90 86,20 103,00 350x150 37,90 45,10 59,20 72,90 86,20 350x250 54,52 71,80 88,63 105,02 400x100 37,90 45,10 59,20 72,90 86,20 400x200 45,64 54,40 71,80 88,60 105,00 126,00 141,00 400x250 49,57 64,90 77,91 98,50 128,00 138,00 154,00 400x300 63,90 84,40 104,00 124,00 450x250 63,90 84,40 106,00 124,00 147,10 167,00 500x200 67,70 85,00 106,00 131,00 148,00 168,00 500x300 77,50 96,90 120,00 142,00 170,00 192,00 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 65

58 T [+/- 60 ] 66 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

59 TUBOLARI STRUTTURALI D T Tagli obliqui +/- 60 L altezza massima del profilo per i tagli è di 450 T L TAGLIO NORMALE A 90 Le tolleranze rispetto alle quote nominali, salvo diverse disposizioni preventivamente concordate con il cliente, rientrano nei sottoelencati limiti: Lunghezza nominale < 2000 > 2000 < > Tolleranze +/- 1 +/- 1,25 +/- 1,5 Su richiesta ,5-0 +2, TAGLIO INLCLINATO La tolleranza sull angolo di taglio è contenuta entro il limite di +/- 0,5 La misurazione della lunghezza deve avvenire mediante flessimetro, tarato di classe 2, mediante tiraggio con forza costante di 4 kg Per le tolleranze di planarità e perpendicolarità del taglio si applica la formula: d = 0,5% di h o b dove d = differenza h = altezza del profilo b = larghezza del profilo La misurazione della differenza d deve essere fatta con una squadra a 90 poggiata al bordo di un ala 68 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

60 PRELAVORAZIONI F - La foratura avviene con impianto CNC adatto alla lavorazione di ogni tipo di laminato - Profili lavorabili: travi laminate e composte, travi ad U, angolari, piatti, tubi quadri, tubi rettangolari - Tre assi di foratura, due orizzontali e uno verticale, a singolo mandarino - Diametro massimo di foratura 50 - Spessore massimo forabile 50 - Maschiatura M - Marcatrice automatica, scrittura a 36 posizioni - Tracciatura - Dimensioni lettera 16x8 S, Su richiesta del cliente è possibile sottoporre il materiale a processo di sabbiatura, zincatura e verniciatura. DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 69

61 ROTAIA T V Designazione Altezza Fungo Base Anima Peso Kg/m tipo ,373 tipo ,349 tipo ,152 tipo ,188 tipo tipo tipo ,5 67,2 65, ,6 74, , , ,5 60,34 T B Designazione N Altezza Fungo Base Anima Peso Kg/m A ,5 A ,2 A ,8 A ,0 A ,2 A ,3 70 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

62 TUBI T T T T, T T T, T

63 3) TUBI TUBI SALDATI TONDI DA NASTRO LAMINATI A CALDO NERI E DECAPATI d s Diametro Spessore 1, , , , , ,54 0, ,61 0, ,68 0, ,76 0, ,87 1,13 1, ,98 1,28 1, ,05 1,38 2, ,13 1,48 2, ,18 1,55 2,25 2, ,24 1,63 2, ,35 1,78 2,59 3, ,42 1,88 2,74 3, ,50 1,97 2,89 3, ,61 2,12 3,11 4, ,72 2,27 3,33 4,38 5, ,79 2,37 3,48 4, ,98 2,61 3,85 5, ,05 2,71 4,00 5, ,16 2,86 4,22 5,52 6, ,27 3,01 4,40 5, ,35 3,11 4,59 6, ,53 3,35 4,96 6,51 8, ,76 3,65 5,40 7,10 8, ,90 3,85 5,70 7,50 9,26 74 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

64 Diametro Spessore ,33 8,38 10,36 12,29 14, ,13 9,67 11,96 14,37 16, ,26 12,70 15,09 17,44 114,3 10,85 13,44 15,99 18, ,45 14,31 17,02 19, ,13 15,04 17,90 20, ,73 15,78 18,79 21,77 139,7 13,39 16,61 19,78 22, ,60 18,13 21,60 25, ,29 18,99 22,64 26,24 168,3 16,18 20,10 23,97 27,79 31,64 193,7 18,55 23,06 27,52 31,94 36, ,21 26,39 31,06 36,59 41,67 244,5 23,75 29,57 35,33 41,05 46, ,54 33,05 39,55 45,97 52,31 323,9 31,56 39,32 46,30 54,70 62,36 339,7 33,15 41,32 49,44 57,50 355,6 34,72 43,28 51,79 60,25 68,62 406,4 39,74 49,55 59,32 69,03 78,65 457,2 55,83 66,84 77, ,10 74,37 86, TUBI TONDI SERIE SPECIALE Diametro Spessore 1, ,67 4,90 7, ,41 5,88 8, ,51 7,35 11, ,61 8,82 13, ,35 9,80 14, ,08 10,78 16, ,08 12,90 18, ,0 15,20 21,78 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 75

65 TUBI TONDI CARPENTERIA N,, d s Diametro Pollici Diametro Spessore Peso neri Kg/m Peso Zincati Kg/m 3/8 16,75 2,00 0,74 0,81 1/2 21,25 2,30 0,95 1,18 3/4 26,75 2,50 1,41 1, ,48 2,50 2,01 2,12 1 1/4 42,25 2,50 2,58 2,71 1 1/2 48,25 3,00 3,37 3, ,00 3,00 4,22 4,28 2 1/2 76,00 3,00 5,40 6, ,90 3,00 6,36 7,14 3 1/2 101,60 3,00 7,32 9, ,30 3,00 8,21 10,30 4 1/2 127,00 4,00 12, ,70 4,00 13,50 5 1/2 152,00 4,50 16, ,00 4,50 18, ,00 4,50 23,70 76 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO

66 TUBI TONDI LAMINATI A CALDO N 50. d s Diametro Pollici Diametro Spessore Peso Kg/m 1/8 10,00 1,80 0,372 1/4 13,25 2,00 0,577 3/8 16,75 2,00 0,753 1/2 21,25 2,35 1,110 3/4 26,75 2,35 1, ,48 2,90 2, /4 42,25 2,90 2, /2 48,25 2,90 3, ,00 3,25 4, /2 76,00 3,25 5, ,00 3,65 7, /2 102,00 3,65 8, ,30 4,05 11, ,07 4,85 16, ,00 4,85 19,800 DIVISIONE ACCIAIO AL CARBONIO 77

INDICE ACCIAIO DI USO GENERALE DA COSTRUZIONE Pag. 2 LAMINATI MERCANTILI TONDI E QUADRI 3 PIATTI - LARGHI PIATTI 4-5-6 ANGOLARI A LATI UGUALI SPIGOLI

INDICE ACCIAIO DI USO GENERALE DA COSTRUZIONE Pag. 2 LAMINATI MERCANTILI TONDI E QUADRI 3 PIATTI - LARGHI PIATTI 4-5-6 ANGOLARI A LATI UGUALI SPIGOLI INDICE ACCIAIO DI USO GENERALE DA COSTRUZIONE Pag. 2 LAMINATI MERCANTILI TONDI E QUADRI 3 PIATTI - LARGHI PIATTI 4-5-6 ANGOLARI A LATI UGUALI SPIGOLI TONDI 7 ELLE A LATI DISEGUALI SPIGOLI TONDI - VIVI

Dettagli

Prodotti siderurgici 3. Parte 1 a Laminati Mercantili 7. Parte 2 a Tubi Saldati Tubolari per Serramenti, portoni, corrimani 31

Prodotti siderurgici 3. Parte 1 a Laminati Mercantili 7. Parte 2 a Tubi Saldati Tubolari per Serramenti, portoni, corrimani 31 INDICE pag. Prodotti siderurgici 3 Parte 1 a Laminati Mercantili 7 Parte 2 a Tubi Saldati Tubolari per Serramenti, portoni, corrimani 31 Parte 3 a Profili aperti 47 Parte 4 a Lamiere Reti Ondulate 69 Parte

Dettagli

Prontuario Prodotti Siderurgici

Prontuario Prodotti Siderurgici INDICE Normative di Riferimento Laminati Mercantili Quadri Tondi Piatti Angolari a lati uguali e spigoli tondi Angolari a lati uguali e spigoli tondi serie alleggerita Angolari a lati disuguali e spigoli

Dettagli

LAMIERE E PROFILI DA LAMIERA. Comfer s.p. a. - Pradamano (UD) tel. +39 0432 671215 - fax 0432 671156

LAMIERE E PROFILI DA LAMIERA. Comfer s.p. a. - Pradamano (UD) tel. +39 0432 671215 - fax 0432 671156 LAMIERE E PROFILI LAMIERA Comfer s.p. a. - Pradamano (UD) tel. +39 0432 671215 - fax 0432 671156 Comfer s.p. a. - Commercio e prelavorazione prodotti siderurgici - PRAMANO (UD) Comfer s.p. a. - Commercio

Dettagli

Sistema di chiusura con apertura centrale. Disponibile anche con micro di sicurezza incorporato. Porta scorrevole con apertura a comando pneumatico.

Sistema di chiusura con apertura centrale. Disponibile anche con micro di sicurezza incorporato. Porta scorrevole con apertura a comando pneumatico. Porta scorrevole ad apertura centrale con ante contrapposte. Il sistema consente di aprire simultaneamente le ante agendo su una sola anta. Il sistema può essere motorizzato. Sistema di chiusura con apertura

Dettagli

PRONTUARIO PESI TEORICI

PRONTUARIO PESI TEORICI PRONTUARIO PESI TEORICI PESI TEORICI I ragguagli e le indicazioni contenute nel presente catalogo hanno valore informativo e sono dati senza impegno e senza alcuna nostra responsabilità. I pesi indicati

Dettagli

LAMINATI - TUBI - LAMIERE - INOX - TRAVI - FERRAMENTA

LAMINATI - TUBI - LAMIERE - INOX - TRAVI - FERRAMENTA LAMINATI - TUBI - LAMIERE - INOX - TRAVI - FERRAMENTA INDICE ACCIAIO DI USO GENERALE DA COSTRUZIONE PAG. 02 LAMINATI A CALDO PAG. 04 TRAVI PAG. 12 TUBI PAG. 26 PROFILATI APERTI PAG. 47 LAMIERE PAG. 53

Dettagli

Billette e Blumi in C.C.

Billette e Blumi in C.C. pag. 1 di 15 Billette e Blumi in C.C. Viale Certosa, 249-20151 Milano Tel: +39 02 30 700 - Fax: +39 02 38000 346 - Mail: commerciale.riva@rivagroup.com Stabilimenti: Italia, Caronno Pertusella (VA) Italia,

Dettagli

E la storia continua...

E la storia continua... La Ferro Tubi Lamiere Rossi s.r.l. ora Rossi Siderurgia, dal 1966 è specializzata nel coercio di prodotti siderurgici distribuendo una vasta gaa di semilavorati come laminati mercantili, travi, tubi e

Dettagli

Indice. Piatti - larghi piatti Angolari a spigoli tondi Elle Ferro a T Tondi Quadri Profilati ad U. Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 7 Pag.

Indice. Piatti - larghi piatti Angolari a spigoli tondi Elle Ferro a T Tondi Quadri Profilati ad U. Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 7 Pag. Indice LAMINATI MERCANTILI Piatti - larghi piatti Angolari a spigoli tondi Elle Ferro a T Tondi Quadri Profilati ad U Profilati UNP Travi INP Travi IPE HEA - HE - HEM Schema taglio travi Lamiere da treno

Dettagli

CONDIZIONI DI FORNITURA

CONDIZIONI DI FORNITURA CONDIZIONI DI FORNITURA - PESI E' ammessa una tolleranza del 3 in più o in meno sul peso spedito. Il compratore potrà avanzare i propri reclami, che riguardano esclusivamente ammanchi di peso eccedenti

Dettagli

CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI ACCIAI PER IMPIEGHI STRUTTURALI: CARATTERISTICHE, NORMALIZZAZIONE, CORROSIONE

CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI ACCIAI PER IMPIEGHI STRUTTURALI: CARATTERISTICHE, NORMALIZZAZIONE, CORROSIONE STRUTTURE METALLICHE Quaderno IV Strutture metallice CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI ACCIAI PER IMPIEGHI STRUTTURALI: CARATTERISTICHE, NORMALIZZAZIONE, CORROSIONE 1 Caratteristicemeccanice Tipiequalità Trattamenti

Dettagli

GAMMA UNIFICATA TUBI STRUTTURALI PRODUZIONI EUROPEE

GAMMA UNIFICATA TUBI STRUTTURALI PRODUZIONI EUROPEE riproduzione vietata LA QUALITÀ AL VOSTRO SERVIZIO GAMMA UNIFICATA TUBI STRUTTURALI PRODUZIONI EUROPEE TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE TASSA I.P. PAGATA Via della Cupola, 239-50145 Firenze tel.

Dettagli

LAMINATI MERCANTILI 3

LAMINATI MERCANTILI 3 TUBOLARI 1 2 TUBOLARI LAMINATI MERCANTILI 3 Con oltre cinquanta anni di esperienza Olivini Giuseppe Srl è punto di riferimento per la carpenteria media, leggera e pesante e si presenta oggi come uno dei

Dettagli

TUBOLARI TUBOLARI QUADRI TUBOLARI RETTANGOLARI TUBOLARI TONDI ELETTROSALDATI TUBOLARITONDI CARPENTERIA TUBOLARI PER SERRAMENTI TUBOLARI SEZIONE OVALE

TUBOLARI TUBOLARI QUADRI TUBOLARI RETTANGOLARI TUBOLARI TONDI ELETTROSALDATI TUBOLARITONDI CARPENTERIA TUBOLARI PER SERRAMENTI TUBOLARI SEZIONE OVALE TUBOLARI TUBOLARI QUADRI TUBOLARI RETTANGOLARI TUBOLARI TONDI ELETTROSALDATI TUBOLARITONDI CARPENTERIA TUBOLARI PER SERRAMENTI TUBOLARI SEZIONE OVALE TUBOLARI SEZIONE SEMIOVALE TUBOLARI SEZIONE TRIANGOLARE

Dettagli

Indice. Pag. 3 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 7 Pag. 8

Indice. Pag. 3 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 7 Pag. 8 Indice LAMINATI piatti - larghi piatti angolari a spigoli tondi Elle Ferro a T tondi quadri profilati ad U profilati UNP travi INP travi NP travi IPE HEA - HEM - HE A//M HE A//M lamiere da treno lamiere

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli

TIPOLOGIE DI GIACENZA TUBI PROFILATI CAVI QUADRI E RETTANGOLARI PRODOTTI A CALDO DA COILS A CALDO

TIPOLOGIE DI GIACENZA TUBI PROFILATI CAVI QUADRI E RETTANGOLARI PRODOTTI A CALDO DA COILS A CALDO TIPOLOGIE DI GIACENZA TUBI Tubolari elettrosaldati formati a freddo e a caldo da lamiera a caldo in qualità S235, S275 e S355 Lunghezze STANDARD 6 mt di giacenza. STRUTTURALI qualità S355J2H 6/12 mt A

Dettagli

PESI TEORICI LAMINATI TUBOLARI PROFILI STAMPATI LAMIERE

PESI TEORICI LAMINATI TUBOLARI PROFILI STAMPATI LAMIERE PESI TEORICI LAMINATI TUBOLARI PROFILI STAMPATI LAMIERE Note: i valori contenuti nelle tabelle sono da considerarsi puramente teorici. La nostra azienda non si assume nessuna responsabilità in merito all

Dettagli

Barre Tonde a Caldo. Stabilimenti: Italia, Cerveno (BS) Italia, Lesegno (CN) Italia, Sellero (BS)

Barre Tonde a Caldo. Stabilimenti: Italia, Cerveno (BS) Italia, Lesegno (CN) Italia, Sellero (BS) pag. 1 di 20 Viale Certosa, 249-20151 Milano Tel: +39 02 30 700 - Fax: +39 02 38000 346 - Mail: commerciale.riva@rivagroup.com Stabilimenti: Italia, Cerveno (BS) Italia, Lesegno (CN) Italia, Sellero (BS)

Dettagli

INDICE I DATI E LE INDICAZIONI TECNICHE CITATE, HANNO VALORE INDICATIVO E NON IMPEGNATIVO

INDICE I DATI E LE INDICAZIONI TECNICHE CITATE, HANNO VALORE INDICATIVO E NON IMPEGNATIVO INDICE ACCIAIO DI USO GENERALE DA COSTRUZIONE pag. 4 LAMINATI A CALDO TONDI E QUADRI 6 FERRI A U 7 PIATTI - LARGHI PIATTI 8 ANGOLARI A LATI UGUALI - SPIGOLI TONDI 10 ELLE LATI DISUGUALI SPIGOLI TONDI 12

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia LA PRIMA TRASFORMAZIONE acciaio inossidabile acciaio al carbonio MINERALE COKERIA ROTTAMI FERROSI

Dettagli

Designazione alfanumerica. (GRUPPO 1) Acciai designati in base al loro impiego ed alle loro caratteristiche meccaniche o fisiche

Designazione alfanumerica. (GRUPPO 1) Acciai designati in base al loro impiego ed alle loro caratteristiche meccaniche o fisiche DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI SECONDO UNI EN 10027 La tabella UNI EN 10027 1 (sostituisce la UNI EU 27) definisce la designazione alfanumerica degli acciai. La tabella UNI EN 10027 2 definisce la designazione

Dettagli

S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI

S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI Tubi per applicazioni meccaniche S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI 1 2 S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039

Dettagli

Prontuario pesi teorici

Prontuario pesi teorici Prontuario pesi teorici Stabilimento di presagomatura per c.a. registrato al Ministero delle Infrastrutture al n. 020/09 www.giorniferro.it INDICE Argomento Tubi acciaio di grosso spessore laminati a caldo

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Prodotti Siderurgici 17. PRODOTTI PIANI LE LAMIERE PER L EDILIZIA

Prodotti Siderurgici 17. PRODOTTI PIANI LE LAMIERE PER L EDILIZIA Prodotti Siderurgici 17. PRODOTTI PIANI LE LAMIERE PER L EDILIZIA Prodotti piani: Le lamiere per l edilizia Lamiere a caldo La lamiera è un prodotto piano laminato a caldo, fornito in fogli allo stato

Dettagli

Direzione e Depositi:

Direzione e Depositi: Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039 02 42 41 421 Fax 0039 02 47 71 93 72 E-mail: venditemilano@sicamtubi.com Direzione e Depositi: Via Marziana, 21 27020 Parona Lomellina (PV)

Dettagli

Profilati in alluminio, sezioni

Profilati in alluminio, sezioni Profilati in alluminio, sezioni Caratteristiche e tolleranze Tipo di lega: EN AW 6060 T6 Trattamento superficiale: Ossidazione anodica 10-15 µm Tolleranze generali: UNI EN 12020-2 Quote generali per tutti

Dettagli

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone -

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone - PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA Parco Naturale Adamello Brenta Via Nazionale, 24 38080 Strembo TN Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio Università degli Studi di Cagliari Esercitazione: Ediicio ultipiano in Acciaio Sommario Introduzione.... Analisi dei carichi... 3. Veriica delle travi... 5.. Trave N... 5.. Trave N... 7.3. Trave N 3...

Dettagli

PRODOTTI SIDERURGICI www.promozioneacciaio.it II-NORMATIVE. 1: Condizioni tecniche generali di fornitura

PRODOTTI SIDERURGICI www.promozioneacciaio.it II-NORMATIVE. 1: Condizioni tecniche generali di fornitura II-NORMATIVE 3-Normative (UNI EN) di prodotti in acciaio a)prodotti Piani e Lunghi Normativa UNI EN 125 : Prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali Normativa divisa in sei (6) parti

Dettagli

Cesoiatura. Pressopiegatrici

Cesoiatura. Pressopiegatrici Versione 2010.1 1 Cesoiatura Eseguiamo cesoiatura lamiere da uno spessore minimo di 0.6 mm, con una cesoia meccanica, tramite una unità possiamo cesoiare e spianare contemporaneamente lamiere a misura

Dettagli

distribuito da: Tubi in acciaio senza saldatura laminati a caldo per impieghi meccanici

distribuito da: Tubi in acciaio senza saldatura laminati a caldo per impieghi meccanici distribuito da: Tubi in acciaio senza saldatura laminati a caldo per impieghi meccanici I tubi meccanici senza saldatura, prodotti a caldo, trovano la loro applicazione nella meccanica e nella costruzione

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

ACCIAIO DI USO GENERALE E DA COSTRUZIONE caratteristiche meccaniche e composizione chimica

ACCIAIO DI USO GENERALE E DA COSTRUZIONE caratteristiche meccaniche e composizione chimica ACCIAIO DI USO GENERALE E DA COSTRUZIONE caratteristiche meccaniche e composizione chimica Qualità S 185 S 235 JR S 235 JR G1 S 235 JR G2 S 235 JO S 235 J2 G3 S 235 J2 G4 S 275 JR S 275 JO S 275 J2 G3

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

CATALOGO SETTORE METALLI

CATALOGO SETTORE METALLI CATALOGO SETTORE METALLI Tel 02/94967299 Fax 02/94050387 VIA PADRE CARLO DA VIGEVANO N. 18 ABBIATEGRASSO MI TEL 02/9466156 FAX 02/94695056 SERVIZIO ALLA CLIENTELA el settore dei Nm e t a l l i ferrosi

Dettagli

La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità

La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità La norma italiana che fornisce istruzioni per il calcolo, l esecuzione, il collaudo e la manutenzione delle costruzioni in acciaio è la

Dettagli

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE PROTEZIONE STRUTTURE IN ACCIAIO Le strutture in acciaio sono un sistema costruttivo sempre più utilizzato nelle costruzioni. In particolare

Dettagli

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Marc Antonio Liotta Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Strutture in acciaio Materiale isotropo Fe360: σ adm =1600kg/cm 2 Solaio tipo in acciaio-cls

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi Modulo 4:"" " Progetto di un edificio " " " " monopiano ad uso " " " " industriale in zona sismica Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi LʼAquila 4 giugno 2010 Ing. Oreste Mammana o.mammana@unina.it

Dettagli

CANTILEVER. Lo stoccaggio facile per carichi difficili

CANTILEVER. Lo stoccaggio facile per carichi difficili CANTILEVER Lo stoccaggio facile per carichi difficili CANTILEVER DURATA, QUALITÀ E SEMPLICITÀ. Il Cantilever è la risposta moderna ed efficiente alle esigenze di stoccaggio di carichi lunghi (barre, tubi,

Dettagli

Cliente: RFI Nr. Commessa: C127485. MONT ELE s.r.l. GIUSSANO ITALY Via S.Chiara, 12 20833 Giussano (MB) ItalyTel.: +39.0362.852291

Cliente: RFI Nr. Commessa: C127485. MONT ELE s.r.l. GIUSSANO ITALY Via S.Chiara, 12 20833 Giussano (MB) ItalyTel.: +39.0362.852291 Cliente: RFI Nr. Commessa: C127485 1 TAVOLA DEI CONTENUTI 1. Introduzione...3 1.1 Materiali...3 1.2 Normative e codici di riferimento...3 2 Analisi dei Carichi e Pesi...4 2.1 Analisi dei pesi...4 3 Carichi

Dettagli

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio La Progettazione delle Strutture tt di Acciaio i e composte in Acciaio-Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 19-21 Maggio 2010 Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

Barre Trafilate Piatte. Stabilimenti: Italia, Malegno (BS)

Barre Trafilate Piatte. Stabilimenti: Italia, Malegno (BS) pag. 1 di 10 Viale Certosa, 249-20151 Milano Tel: +39 02 30 700 - Fax: +39 02 38000 346 - Mail: commerciale.riva@rivagroup.com Stabilimenti: Italia, Malegno (BS) pag. 2 di 10 Gamma di produzione ACCIAI

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione:

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione: Scheda 23: TELAIO ANTERIORE ABBATTIBILE SALDATO PER MOTOAGRICOLE CON STRUTTURA PORTANTE DI TIPO ARTICOLATO O RIGIDO CON POSTO DI GUIDA ARRETRATO CON MASSA MAGGIORE DI 2000 kg E FINO A 3500 kg SPECIFICHE

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Norma europea EN 10025-1 - 2 / 2004 PRODOTTI LAMINATI A CALDO DI ACCIAI NON LEGATI PER IMPIEGHI STRUTTURALI

Norma europea EN 10025-1 - 2 / 2004 PRODOTTI LAMINATI A CALDO DI ACCIAI NON LEGATI PER IMPIEGHI STRUTTURALI 90 Norma europea EN 025 1 2 / 04 PRODOTTI LAMINATI A CALDO DI ACCIAI NON LEGATI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Condizioni tecniche di fornitura Scopo e Campo di applicazione: La presente norma (parte 1 e 2)

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Mdl Modulo di resistenza it y Wy (cmc) 22,22

Mdl Modulo di resistenza it y Wy (cmc) 22,22 MUSEO DUCA DI MARTINA-NAPOLI Veriica travi scala A e B Trave rampa scala B Analisi dei carichi Elemento Materiale Peso Speciico Sezione a mq Peso ( Kg/mc) (mq ) (Kg/mq) Trave principale HEA 160 acciaio

Dettagli

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22 TUBI CARPENTERIA ELETTROSALDATI TUBI TONDI SALDATI DA NASTRO Diametro in pollici Diametro esterno Spessore Peso Kg/m DIMENSIONI SPESS. PESO DIMENSIONI SPESS. PESO Kg/m Kg/m /8 1,7 0,7 1 1 0, 8 1, 1, 1/

Dettagli

AVVERTENZA Questo è un prontuario dei pesi e non un catalogo. I valori contenuti nelle tabelle del presente prontuario sono da considerarsi puramente

AVVERTENZA Questo è un prontuario dei pesi e non un catalogo. I valori contenuti nelle tabelle del presente prontuario sono da considerarsi puramente PRONTUARIO DEI PESI TEORICI AVVERTENZA I valori contenuti nelle tabelle del presente prontuario sono da considerarsi puramente indicativi e non vincolanti. Si lascia 1 Indice Prontuario Normative sugli

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con Unsider -ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE SIDERURGICA - FEDERATO ALL UNI e-mail segreteria@unsider.it www.unsider.it Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti

Dettagli

A. INFORMAZIONI GENERALI

A. INFORMAZIONI GENERALI A. INFORMAZIONI GENERALI 1. SISTEMI DI DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI Norme di riferimento UNI EN 10027 UNI EN 10027 Sistemi di designazione degli acciai Parte 1: Designazione alfanumerica, simboli principali

Dettagli

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell Pali rastremati Pali rastremati per linee di contatto Pali rastremati per gambe portali I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione

Dettagli

RIFACIMENTO COPERTURA DELLA PALESTRA SCUOLA "DON BOSCO" RAPAGNANO RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE QUALITA' MATERIALI

RIFACIMENTO COPERTURA DELLA PALESTRA SCUOLA DON BOSCO RAPAGNANO RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE QUALITA' MATERIALI pagina 1 RIFACIMENTO COPERTURA DELLA PALESTRA SCUOLA "DON BOSCO" RAPAGNANO RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE QUALITA' MATERIALI INDICE: Norme di calcolo...pag 2 Relazione sui Materiali...pag 3 Carichi...pag

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

BOZZA. Esempio di nodo rigido e di nodo cerniera in una struttura in acciaio

BOZZA. Esempio di nodo rigido e di nodo cerniera in una struttura in acciaio Lezione n. 25 Le strutture in acciaio Introduzione al calcolo di strutture in acciaio Prova di trazione monoassiale Classificazione degli acciai da carpenteria Introduzione Le strutture in acciaio nascono

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

STRUTTURE IN ACCIAIO

STRUTTURE IN ACCIAIO Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN ACCIAIO D. M. 14/01/2008 NTC2008 - EUROCODICE 3 EC3 AGGIORNAMENTO 12/02/2014 Corso di PROGETTAZIONE,

Dettagli

TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE PROFILATI A CALDO O A FREDDO

TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE PROFILATI A CALDO O A FREDDO GAMMA UNIFICATA TUBI STRUTTURALI PRODUZIONI EUROPEE TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE PROFILATI A CALDO O A FREDDO INDICE CORRISPONDENZE INDICATIVE QUALITÀ ACCIAI... pagg. 5-17 1 TUBOLARI TONDI,

Dettagli

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20 INDICE GENERALE Introduzione...xi 1.1 Premessa sugli Eurocodici strutturali... 13 Struttura Eurocodici strutturali... 13 Scopo degli Eurocodici... 14 Il ruolo degli Enti Normativi... 14 Ruolo della EN

Dettagli

Il fascino della materia l esperienza che si cela dietro di essa una nuova coscienza di modernità. Sauro Accorsi

Il fascino della materia l esperienza che si cela dietro di essa una nuova coscienza di modernità. Sauro Accorsi Il fascino della materia l esperienza che si cela dietro di essa una nuova coscienza di modernità Sauro Accorsi Bronifer Spa, società del Gruppo Groupfer, specializzata nella lavorazione e coercializzazione

Dettagli

Rapidità e sicurezza

Rapidità e sicurezza [ Gamma-p ] Serie P31 Rapidità e sicurezza Nuovo giunto rapido per canali e passerelle P31 NOVITÀ Il nuovo giunto rapido permette di collegare meccanicamente, in modo rapido e sicuro, gli elementi rettilinei

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Direzione e Depositi:

Direzione e Depositi: Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039 02 42 41 421 Fax 0039 02 47 71 93 72 E-mail: venditemilano@sicamtubi.com Direzione e Depositi: Via Marziana, 21 27020 Parona Lomellina (PV)

Dettagli

PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici

PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici Descrizione e campo di applicazione

Dettagli

Prefazione. La presente trattazione illustra le tipologie di prodotti piani in acciaio da impiegare nelle costruzioni e le relative caratteristiche.

Prefazione. La presente trattazione illustra le tipologie di prodotti piani in acciaio da impiegare nelle costruzioni e le relative caratteristiche. Prefazione La presente trattazione illustra le tipologie di prodotti piani in acciaio da impiegare nelle costruzioni e le relative caratteristiche. Allo stato attuale non esistono testi divulgativi che

Dettagli

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE PROVA DI TRAZIONE La prova, eseguita a temperatura ambiente o più raramente a temperature superiori o inferiori, consiste nel sottoporre una provetta a rottura per mezzo di uno sforzo di trazione generato

Dettagli

PRONTUARIO PESI E MISURE

PRONTUARIO PESI E MISURE PRONTUARIO PESI E MISURE 4 3 2 1 1 2 3 4 Idrotermosanitari Prodotti siderurgici Edilizia e ferramenta Arredo Bagni PRESENTAZIONE 1952 2012 60 ANNI DIVISIONE PRODOTTI SIDERURGICI Carboni SPA, presente sul

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA

PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA Durata del corso: 12 ore Nell ambito della progettazione strutturale,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

66,0 68,0 62,0 64,0 59,5 61,5. min. max. min. max. min. max. EN 1652 EN1652 EN1652 EN 1652 EN 12164 EN 12165 EN 12167 EN 12168 EN 12449 EN 12449

66,0 68,0 62,0 64,0 59,5 61,5. min. max. min. max. min. max. EN 1652 EN1652 EN1652 EN 1652 EN 12164 EN 12165 EN 12167 EN 12168 EN 12449 EN 12449 L ottone è una lega principalmente binaria formata da rame e zinco, il suo vasto impiego deriva dalle molteplici proprietà che esso possiede. Tra le leghe a base di rame, gli ottoni sono probabilmente

Dettagli

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA 2 FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA TRATTAMENTO TERMICO LAVORAZIONI MECCANICHE LAMINAZIONE VERNICIATURA PRODUZIONE ACCIAIO MAGAZZINO L unione tra Esti e Acciaierie Venete ha dato luogo ad una nuova realtà, unica

Dettagli

Tubi in acciaio al carbonio

Tubi in acciaio al carbonio Tubi in acciaio al carbonio Tubi saldati da nastro a caldo e zincati La gamma di tubi saldati da nastro laminato a caldo Marcegaglia, adatti all impiego in settori quali la carpenteria, l industria dei

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

PRONTUARIO PESI TEORICI

PRONTUARIO PESI TEORICI PRONTUARIO PESI TEORICI IT PESI TEORICI I ragguagli e le indicazioni contenute nel presente catalogo hanno valore informativo e sono dati senza impegno e senza alcuna nostra responsabilità. I pesi indicati

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

PACI PAOLO SIDERURGICA S.R.L.

PACI PAOLO SIDERURGICA S.R.L. PACI PAOLO SIDERURGICA S.R.L. Magazzino, Sede legale e amministrativa Via Tosco Romagnola Sud, 39 50056 Montelupo F.no (FI) Tel. 0571 541064/541017 Fax. 0571 541035 Filiale Via Mazzini, 77 loc. Stabbia

Dettagli

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N.

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N. Edutecnica.it Azioni interne esercizi risolti 1 razione Esercizio no.1 soluzione a pag.7 Determina il diametro di un tirante (a sezione circolare in acciaio Fe0 da sottoporre ad una forza F10.000N di lunghezza

Dettagli

prof. ing. Maurizio Fauri ing. Michele Tarolli ing. Manuel Gubert ing. Tommaso Bezzi ing. Andrea Mattedi ing. Christian Zanol ing.

prof. ing. Maurizio Fauri ing. Michele Tarolli ing. Manuel Gubert ing. Tommaso Bezzi ing. Andrea Mattedi ing. Christian Zanol ing. Palazzo Stella, via Degasperi n. 77 38123 TRENTO +39 0461 39 15 35 +39 0461 39 44 97 info@poloenergia.com C.F. e P.IVA 01730870225 www.poloenergia.com Committente TRENTINO TRASPORTI S.p.A. Via Innsbruck,

Dettagli

RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI pag. 1 / 8 SOMMARIO 1. MATERIALI IMPIEGATI PER LA COPERTURA... 3 1.1 LEGNO LAMELLARE... 3 1. ACCIAI DA CARPENTEREIA... 3 1.3 ANCORANTI E CONNETTORI... 3.

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

SCALE INCLINATE IN PRFV

SCALE INCLINATE IN PRFV IN PRFV COMPOSITE SOLUTION Pagina 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE 3 2. SETTORI DI IMPIEGO 4 3. MATERIALI 5 3.1 5 3.1 TABELLA PROFILI STRUTTURA 6 3.2 TABELLA PROFILI PARAPETTO 7 4. ISTRUZIONI

Dettagli

PRONTUARIO DIMENSIONI E PESI TEORICI

PRONTUARIO DIMENSIONI E PESI TEORICI PRONTUARIO DIMENSIONI E PESI TEORICI Laminati a caldo Profilati aperti Tubolari Travi Lamiere Pannelli coibentati Grate e recinzioni Pannelli rete Reti, paletti ed accessori Lastre in policarbonato Ferro

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE PROFILATI A CALDO O A FREDDO

TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE PROFILATI A CALDO O A FREDDO GAMMA UNIFICATA TUBI STRUTTURALI PRODUZIONI EUROPEE TUBI TONDI QUADRI RETTANGOLARI IN SPESSORE PROFILATI A CALDO O A FREDDO INDICE CORRISPONDENZE INDICATIVE QUALITÀ ACCIAI... pagg. 5-17 1 TUBOLARI TONDI,

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 2205 Analisi E.19.10.10.a Profilati in acciaio della serie INP, IPE, HE ed UNP, per la realizzazione di solai ed impalcati, forniti e posti in opera in conformità alle DM 5 agosto 1999, compreso eventuali

Dettagli

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche ACCIAI m4 Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche CLASSIFICAZIONI LEGHE FERROSE NORMAZIONE SCOPO : STABILIRE LE CONDIZIONI TECNICHE PER LO SCAMBIO DI PRODOTTI E DI SERVIZI

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli