Le attività di prevenzione 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le attività di prevenzione 2009"

Transcript

1 COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA 5 Maggio 2010 Le attività di prevenzione 2009 MARCO BELLOMI

2 Relazione dei servizi per rendere conto del nostro impegno

3 Infortuni e malattie professionali ANNO 2008 INFORTUNI (- 4,1 %) di cui mortali 1120 (- 7,2 %) MALATTIE (+ 3,2 %) COSTI milioni di

4 ANDAMENTO N INFORTUNI DENUNCIATI DAL 2003 A 2008 Confronto tra la provincia di Verona e il dato regionale REGIONE VENETO -14,0% PROVINCIA DI -16,9% Verona Veneto

5 Infortuni mortali indagati dagli SPISAL della provincia di Verona per comparto, età, modalità di accadimento e luogo: anno 2009

6 Trend delle malattie professionali segnalate agli SPISAL della provincia di Verona dal 2000 al ipoacusie da rumore pat. app. muscolo scheletrico pat.e apparato respiratorio dermatiti disturbi disad.lavor. (mobbing) mesoteliomi altre patologie TOTALE

7 Le attività di prevenzione 2009 vigilanza valutazioni, pareri attività sanitarie assistenza e promozione della salute

8 Interventi di vigilanza nelle aziende di tutti i comparti Interventi di vigilanza volti alla verifica delle misure di prevenzione (gestionali e tecniche) nei settori a maggior rischio di infortuni e malattie professionali con priorità per i rischi di infortunio mortale e grave in caso di situazioni di rischio vengono rilasciati verbali con prescrizioni e/o disposizioni sulle misure da adottare Valutazione dei progetti dei nuovi insediamenti produttivi Valutazione dei piani di lavoro per la rimozione di materiali contenenti amianto

9 Interventi di vigilanza nelle aziende di tutti i comparti Prodotto Specifica ULSS 20 ULSS 21 ULSS 22 TOTALI Numero Numero Numero Numero Interventi di vigilanza Aziende di tutti i comparti oggetto di intervento di cui con verifica del sistema di gestione della sicurezza (S.G.S) Sopralluoghi Verbali redatti Totale verbali di cui con prescrizioni Sequestri Pareri (espressi) in merito alla progettazione di nuovi insediamenti produttivi Piani di lavoro (pervenuti e valutati) relativi ad attività di bonifica amianto (dato incompleto) Piani di lavoro relativi a bonifica amianto controllati con sopralluogo

10 Interventi di vigilanza in edilizia Prodotto ULSS 20 ULSS 21 ULSS 22 TOTALI Numero Numero Numero Numero Notifiche apertura cantieri pervenute Cantieri controllati Imprese controllate* riguardanti imprese riguardanti committenti e/o responsabili dei lavori Verbali Redatti riguardanti coordinatori per la sicurezza Totale verbali di cui con prescrizioni di cui con sole disposizioni *Aziende con dipendenti e lavoratori autonomi

11 Operazione cantieri sicuri CPT CGIL CISL UIL COLLEGIO COSTRUTTORI EDILI API CASA ARTIGIANI UPA CNA CCIAA

12 Operazione cantieri sicuri Coordinamento operativo degli Enti preposti alle attività di controllo sulla sicurezza e la regolarità del lavoro (SPISAL, DPL, INPS, INAIL, ARPAV, Polizia Municipale di Verona) Assistenza presso i cantieri da parte del Comitato Paritetico Territoriale Iniziative di informazione e formazione promosse dal CPT, dalle Parti Sociali e dalla Camera di Commercio in collaborazione con gli SPISAL

13 Indagini per infortuni e malattie professionali Prodotto Specifica ULSS 20 Verona ULSS 21 Legnago ULSS 22 Bussolengo TOTALI Numero Numero Numero Numero Indagini infortuni Concluse con responsabilità Indagini malattie professionali Concluse con responsabilità

14 Medicina del lavoro e attività sanitarie Visite mediche per consulenze ai medici di base ed ospedalieri, per richieste di lavoratori ex esposti ad amianto, idoneità al lavoro di minori, inserimento lavorativo di disabili, Valutazioni sanitarie per lavoratrici madri Ricorsi avversi i giudizi dei medici competenti Raccolta delle informazioni relative alla sorveglianza sanitaria dei medici competenti Vigilanza sulle attività dei medici competenti Inchieste per malattie professionali

15 Medicina del lavoro e attività sanitarie ULSS 20 ULSS 21 ULSS 22 TOTALI Prodotto Specifica Numero Numero Numero Numero Totali Accertamenti sanitari di cui a ex esposti ad amianto di cui a minori di cui a lavoratrici madri Ricorsi avverso parere del Medico Competente

16 Assistenza e promozione della salute sportelli di assistenza siti internet dell ULSS 20 e della Regione

17 Assistenza e promozione della salute Seminari e incontri Corsi di formazione Produzione e diffusione di materiali Promozione di stili di vita sani e del benessere organizzativo Promozione della cultura della sicurezza nelle Scuole

18 Operatori degli SPISAL al OPERATORI TOTALE Numero personale Medici 12 Chimici e Biologi 4 Ingegneri 2 Tecnici della prevenzione 23 Ass.sanitari e Infermieri 8 Amministrativi 4 Altri (Psicologo, Sociologo) 2 Totali 55

L esperienza dello SPISAL AULSS 20 di Verona. Luciano Marchiori

L esperienza dello SPISAL AULSS 20 di Verona. Luciano Marchiori L esperienza dello SPISAL AULSS 20 di Verona Luciano Marchiori Gli infortuni nell Ulss 20 Verona N. infortuni Frequenza cumulativa % N. aziende 1.541 25,0 41 3.082 50,0 289 4.623 75,0 685 6.226 100,0 2.712

Dettagli

INCONTRO CON I MEDICI COMPETENTI E SPISAL DI VERONA

INCONTRO CON I MEDICI COMPETENTI E SPISAL DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA 5 maggio 2010 INCONTRO CON I MEDICI COMPETENTI E SPISAL DI VERONA Attività di vigilanza nel 2010 degli SPISAL della provincia

Dettagli

PREVENZIONE DEI RISCHI DA ALCOL E DROGHE NEI GIOVANI LAVORATORI

PREVENZIONE DEI RISCHI DA ALCOL E DROGHE NEI GIOVANI LAVORATORI PREVENZIONE DEI RISCHI DA ALCOL E DROGHE NEI GIOVANI LAVORATORI S.P.I.S.A.L. AZ. ULSS 19 DI ADRIA INCONTRO DEL 28 DICEMBRE 2015 Presentazione del Servizio e finalità intervento di comparto SCALETTA INTERVENTI

Dettagli

DEFINIZIONE DEL DATA SET ATTRAVERSO L ANALISI E VALUTAZIONE DEI TRACCIATI RECORD, DEI FLUSSI INFORMATIVI, DELLE POSSIBILITÀ DI LINKAGE

DEFINIZIONE DEL DATA SET ATTRAVERSO L ANALISI E VALUTAZIONE DEI TRACCIATI RECORD, DEI FLUSSI INFORMATIVI, DELLE POSSIBILITÀ DI LINKAGE ULSS 20 VERONA PROGETTO CCM Realizzazione di modalità e strumenti per integrare le informazioni correnti del sistema salute e del sistema lavoro ai fini delle attività di prevenzione e vigilanza sul territorio

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE ATTIVITA'

SCHEDA RILEVAZIONE ATTIVITA' SCHEDA NAZIONALE Versione 5.0 del 14/08/2012 SCHEDA RILEVAZIONE ATTIVITA' Le caselle in rosso sono quelle da compilare; dopo la compilazione il colore di fondo della cella diventa giallo. In verde i totalizzatori

Dettagli

Tutela della sicurezza del lavoro

Tutela della sicurezza del lavoro Azienda USL della Valle d Aosta Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Tutela della sicurezza del lavoro Attività di prevenzione e di promozione della sicurezza e della salute dei lavoratori,

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SPISAL ANNO 2011

RELAZIONE ATTIVITÀ SPISAL ANNO 2011 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro RELAZIONE ATTIVITÀ SPISAL ANNO 2011 Il Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

Dettagli

INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI Il presente documento è stato redatto dal Dottor Marco Bellomi, Direttore del Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti Lavoro dell Azienda ULSS 21 di Legnago, e

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 febbraio SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 febbraio SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 2 del 20 febbraio 2012 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE MACRO OBIETTIVO 7 Codici indicatori: 7.8.1 7.2.1 7.3.1 Programma: Piano Regionale Edilizia PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 Razionale e descrizione del programma La crisi economico-produttiva

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE Programma: Emersione delle malattie professionali nei lavoratori autonomi del comparto edile

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE Programma: Emersione delle malattie professionali nei lavoratori autonomi del comparto edile MACRO OBIETTIVO 7 Codici indicatori: 7.2.1 7.4.1 PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 Programma: Emersione delle malattie professionali nei lavoratori autonomi del comparto edile Razionale e descrizione

Dettagli

INCONTRO OPERAZIONE CANTIERI SICURI

INCONTRO OPERAZIONE CANTIERI SICURI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Provinciale del Lavoro di Verona Corpo polizia municipale INCONTRO OPERAZIONE CANTIERI SICURI per Ispettori degli SPISAL, DPL, ARPAV, Polizia Municipale

Dettagli

Sorveglianza sanitaria obbligatoria

Sorveglianza sanitaria obbligatoria Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Sorveglianza sanitaria a scuola 5.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Sorveglianza

Dettagli

AREA PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/9 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere,

Dettagli

CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO A) ATTIVITÁ MONITORATA ATTRAVERSO I LEA 1) Attività di vigilanza per comparto Grandi Opere (GO) e altri cantieri complessi* EDILIZIA (comparto)

Dettagli

DISEGNO DELLO STUDIO E RISULTATI PRELIMINARI

DISEGNO DELLO STUDIO E RISULTATI PRELIMINARI Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute PRIMI RISULTATI DI VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLE ASL DEL VENETO NEL RIDURRE GLI INFORTUNI SUL LAVORO DISEGNO DELLO STUDIO

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPISAL: Giancarlo Magarotto Verona 28 Gennaio Giancarlo Magarotto

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPISAL: Giancarlo Magarotto Verona 28 Gennaio Giancarlo Magarotto SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPISAL: Giancarlo Magarotto Verona 28 Gennaio 2011 Giancarlo Magarotto Criticità nei Servizi e nella Regione disomogeneità dei modelli organizzativi,

Dettagli

A cura di Doriano Magosso e Anna Lombardo. - Luglio

A cura di Doriano Magosso e Anna Lombardo. - Luglio ANALISI DELLE SEGNALAZIONI-DENUNCE DI PATOLOGIE PROFESSIONALI DA RISCHI DI NATURA ERGONOMICA PERVENUTE AGLI SPISAL ANNO 2011 A cura di Doriano Magosso e Anna Lombardo - Luglio 2012 - INDICE 1. Distribuzione

Dettagli

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Enti preposti al controllo: ASL Azienda USL (Unità funzionali

Dettagli

~ I MODULARIO I. - RamaPref - 4

~ I MODULARIO I. - RamaPref - 4 . /" ~ I MODULARIO I. - RamaPref - 4 Nel uadro delle attività della Conferenza Permanente - Sezione Servizi alla Persona ed alla Comunità -la Prefettura di Verona D.T.G. Dfomuove il se!;!uenteatto di imde!!no.

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E FONTI INQUINANTI Mestre, 13 maggio Il controllo del rischio cancerogeno negli ambienti di lavorato

TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E FONTI INQUINANTI Mestre, 13 maggio Il controllo del rischio cancerogeno negli ambienti di lavorato ORDINE GIORNALISTI DEL VENETO ORDINE MEDICI DI VENEZIA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E FONTI INQUINANTI Mestre, 13 maggio 2017 Il controllo del rischio cancerogeno negli ambienti di lavorato DIPARTIMENTO

Dettagli

FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A

FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A Comparto: Sicurezza aziendale Codice: 1911023 Descrizione

Dettagli

Convegno:Responsabilità sociale e la legge 123/07 su Salute e Sicurezza sul Lavoro Obblighi ed Opportunità. Esperienze a confronto.

Convegno:Responsabilità sociale e la legge 123/07 su Salute e Sicurezza sul Lavoro Obblighi ed Opportunità. Esperienze a confronto. Convegno:Responsabilità sociale e la legge 123/07 su Salute e Sicurezza sul Lavoro Obblighi ed Opportunità. Esperienze a confronto. Dott. Luciano Marchiori, Dott.ssa Manuela Peruzzi, Servizio prevenzione

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: Via Valverde, 42 37122 Verona C.F. e P. IVA 02573090236 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO (SPISAL) E-mail: spisal@ulss

Dettagli

L osservatorio Infortuni sul Lavoro della Versilia Andrea Pierotti

L osservatorio Infortuni sul Lavoro della Versilia Andrea Pierotti L osservatorio Infortuni sul Lavoro della Versilia Andrea Pierotti INDIRIZZO WEB: WWW.SUP.USL12.toscana.it: 8000/ Index.php?modulo=ALBERO _NOTIZIE Dott.ssa Lucia Bramanti servizio di Prevenzione, Igiene

Dettagli

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008 XI Presentazione... Profili Autori... V VII PARTE I - T.U. N. 81/2008 CAPITOLO 1 TITOLO I T.U. - PRINCIPI COMUNI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 1 Il lavoratore... 6 Il datore di lavoro... 8 Il dirigente...

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI MALATTIE PROFESSIONALI L Informazione aiuta la Prevenzione Il lavoro è parte della tua vita, non la tua malattia. Lavorare bene ti fa bene! Malattie Professionali Lesione dovuta a causa lenta che produce

Dettagli

Incontro di lavoro

Incontro di lavoro Incontro di lavoro 30.9.2015 ORDINE DEL GIORNO Report infortuni 2010-2014: definizione contenuti e obiettivi. Organizzazione presentazione. Semplificazione: le novità in arrivo, gli impegni conseguenti

Dettagli

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO ORE ARGOMENTO La filosofia del D.lgs 66/94 in riferimento METODI MATERIALI DIDATTICI DOCENTI L approccio alla prevenzione attraverso il

Dettagli

L organizzazione e la ges3one della sicurezza nella filiera delle costruzioni

L organizzazione e la ges3one della sicurezza nella filiera delle costruzioni CONVEGNO L organizzazione e la ges3one della sicurezza nella filiera delle costruzioni Giovedì, 25 novembre 2010 Villafranca h:p://prevenzione.ulss20.verona.it/spisal.html MANUELA PERUZZI PREVENZIONE CANTIERI

Dettagli

numeri&servizi Network della sicurezza in edilizia

numeri&servizi Network della sicurezza in edilizia numeri&servizi Network della sicurezza in edilizia 1 una CNCPT è la Commissione Nazionale di indirizzo e coordinamento a supporto dei CPT (Comitati Paritetici Territoriali), per il miglioramento dei livelli

Dettagli

L ATTIVITÀ DEL MEDICO COMPETENTE ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

L ATTIVITÀ DEL MEDICO COMPETENTE ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L ATTIVITÀ DEL MEDICO COMPETENTE ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO AMBITI OPERATIVI Art.25 del D.Lgs.81/08 COLLABORAZIONE E

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA SPISAL ULSS 20-21-22 Relazione dei Servizi ANNO 2008 Pianificazione dei Servizi Anno 2009 Maggiio 2009 Servizi Prevenzione Igiene

Dettagli

I Servizi del Dipartimento di sanità pubblica dell Ausl di Parma hanno ispezionato 70 cantieri: il 34,3% le situazioni irregolari

I Servizi del Dipartimento di sanità pubblica dell Ausl di Parma hanno ispezionato 70 cantieri: il 34,3% le situazioni irregolari Parma, 10 giugno 201O - alla c.a dei CAPIREDATTORI Comunicato stampa Sicurezza nei cantieri, i dati di Parma e provincia della campagna straordinaria di vigilanza 24-29 maggio I Servizi del Dipartimento

Dettagli

Ruolo di un osservatorio infortuni per l azione di prevenzione del Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ruolo di un osservatorio infortuni per l azione di prevenzione del Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ruolo di un osservatorio infortuni per l azione di prevenzione del Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Lucia Bramanti, medico del lavoro PISLL USL di Viareggio Convegno EBP

Dettagli

movimentazione manuale dei carichi

movimentazione manuale dei carichi I MANUALI DEL COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO manuale informativo per imprese, lavoratori e figure della sicurezza sui rischi da movimentazione manuale dei carichi PRESENTAZIONE COMITATO Il

Dettagli

Gli ORGANISMI DI CONTROLLO E LE ISPEZIONI EX 758/94. La valenza e l efficacia ai fini della prevenzione degli infortuni

Gli ORGANISMI DI CONTROLLO E LE ISPEZIONI EX 758/94. La valenza e l efficacia ai fini della prevenzione degli infortuni Gli ORGANISMI DI CONTROLLO E LE ISPEZIONI EX 758/94. La valenza e l efficacia ai fini della prevenzione degli infortuni PROCEDURA OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE: VIGILANZA NEGLI AMBIENTI DI

Dettagli

DATI LOCALI : imprese

DATI LOCALI : imprese L EDILIZIA A livello europeo Si conferma come un settore ad alto rischio di infortuni sia in termini di frequenza che di gravità Il numero di lavoratori edili vittime di infortuni mortali è triplo rispetto

Dettagli

L utilizzo dei flussi informativi per la ricerca attiva delle malattie professionali. Angelita Brustolin

L utilizzo dei flussi informativi per la ricerca attiva delle malattie professionali. Angelita Brustolin L utilizzo dei flussi informativi per la ricerca attiva delle malattie professionali Angelita Brustolin U.O.C. PreSAL ASL VITERBO Ricerca attiva delle malattie professionali - Viterbo 30/10/2015 Ricerca

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DA STRESS OCCUPAZIONALE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. 7 dicembre 2013

LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DA STRESS OCCUPAZIONALE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. 7 dicembre 2013 LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DA STRESS OCCUPAZIONALE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 7 dicembre 2013 Via Giberti 11 - Sala Convegni Ordine dei Medici di Verona Aggiornamenti per i medici competenti

Dettagli

Seminario: GESTIONE IDONEITA LAVORATIVE NEGLI OPERATORI SANITARI: Soluzioni condivise nei casi di WMSDs

Seminario: GESTIONE IDONEITA LAVORATIVE NEGLI OPERATORI SANITARI: Soluzioni condivise nei casi di WMSDs SERVIZIO PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Seminario: GESTIONE IDONEITA LAVORATIVE NEGLI OPERATORI SANITARI: Soluzioni condivise nei casi di WMSDs S. PSAL ASL COMO Dott.ssa Cristina Peverelli FINALITA

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde, 42 37122 Verona - C.F. e P. IVA 02573090236 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO e-mail: spisal@ulss20.verona.it

Dettagli

4.1.2 Gli infortuni sul lavoro

4.1.2 Gli infortuni sul lavoro 4.1.1 L attività di vigilanza e controllo Nel 2014 sono stati realizzati complessivamente 1969 controlli (audit, analisi documentale, ispezione). Le 1969 verifiche hanno sortito il controllo effettivo

Dettagli

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato:

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato: La pianificazione regionale 2005-2009 1) Obiettivi iniziali del progetto In Veneto le attività di prevenzione negli ambienti di lavoro sono state pianificate tenendo conto dello scenario nazionale e regionale

Dettagli

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Franco Sarto, Michela Veronese, Sara Roberti COREO Armando Olivieri, Luca Benacchio, Spisal ULSS 15 Le fonti

Dettagli

RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ 2010 E PIANIFICAZIONE 2011

RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ 2010 E PIANIFICAZIONE 2011 COMITATO DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (D.P.C.M 21/12/2007) PROVINCIA DI PADOVA RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ 2010 E PIANIFICAZIONE 2011 IL CONTESTO ECONOMICO E PRODUTTTIVO DELLA PROVINCIA DI PADOVA...2 IL FENOMENO

Dettagli

Prof. Sergio Atzeri Coordinatore del Corso di Laurea

Prof. Sergio Atzeri Coordinatore del Corso di Laurea Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei luoghi di Lavoro Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Prof. Sergio Atzeri Coordinatore del

Dettagli

# $ %% %& ' ( $ %% ) * +, -. &. $ $1+ &2

# $ %% %& ' ( $ %% ) * +, -. &. $ $1+ &2 ! "##$%&%'(()! " # $ %% %& ' ( $ %% ) *, -. /0 &" &. $ $1 &2 ))"3)). 4" 1 ' 5 5 %%61 77 8 # # 77! 77 # / 77 77' $, # " #$% %!&!% '' $ 9, 0 : $ 8, 8 ; (( - -, # # 5 5 # 8 #5 $ ;5 < # - - # 8 )( / 2".=>))"?!"#

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI IN VENETO

LE MALATTIE PROFESSIONALI IN VENETO REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA REGIONALE EPIDEMIOLOGIA OCCUPAZIONALE LE MALATTIE PROFESSIONALI IN VENETO AGGIORNAMENTO 211 Programma regionale per l Epidemiologia Occupazionale Coordinatore del Programma

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PAOLO FANELLI Data di nascita

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PAOLO FANELLI Data di nascita INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLO FANELLI Data di nascita 30-07-1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE TECNICO PROFESSIONALE INFORMATICO ASUR MARCHE

Dettagli

Salute e sicurezza in Agricoltura Il Piano Nazionale : attività e prospettive

Salute e sicurezza in Agricoltura Il Piano Nazionale : attività e prospettive Salute e sicurezza in Agricoltura Il Piano Nazionale 2014 2018: attività e prospettive Fiera Agricola Verona 5 febbraio 2016 Sicurezza e Salute sul lavoro in Agricoltura nella pianificazione della Regione

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÁ: ANNO 2005

RELAZIONE ATTIVITÁ: ANNO 2005 AZIENDE ULSS DELLA PROVINCIA DI VERONA 2 VERONA 21 LEGNAGO 22 BUSSOLENGO DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE SERVIZI PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO RELAZIONE ATTIVITÁ: ANNO 25 marzo 26 PRESENTAZIONE

Dettagli

Oggetto : Accordo per contrastare il fenomeno dell irregolarità e favorire l applicazione della Normativa sulla sicurezza nei cantieri edili pubblici.

Oggetto : Accordo per contrastare il fenomeno dell irregolarità e favorire l applicazione della Normativa sulla sicurezza nei cantieri edili pubblici. Circolare n 003/2010 Alle Stazioni Appaltanti Pubbliche Parma, lì 31/03/10 Oggetto : Accordo per contrastare il fenomeno dell irregolarità e favorire l applicazione della Normativa sulla sicurezza nei

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. RELAZIONE di ATTIVITA'

UNITA OPERATIVA SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. RELAZIONE di ATTIVITA' UNITA OPERATIVA SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO UO SPISAL ULSS 2 RELAZIONE di ATTIVITA' A' 2014 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SPISAL via Borgo Ruga n 30-32032 Feltre (BL) Tel.

Dettagli

R.L.S.: protagonisti della sicurezza sul lavoro Incontro del 22 Giugno 2015 presso Sala Conferenze Centrale ENEL Cerano (BR)

R.L.S.: protagonisti della sicurezza sul lavoro Incontro del 22 Giugno 2015 presso Sala Conferenze Centrale ENEL Cerano (BR) R.L.S.: protagonisti della sicurezza sul lavoro Incontro del 22 Giugno 2015 presso Sala Conferenze Centrale ENEL Cerano (BR) Le competenze dello SPeSAL nel settore industriale TPA Dr. Emilio Maria LONGO

Dettagli

Azione Pegaso 2015. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Sorveglianza sanitaria a scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza SORVEGLIANZA SANITARIA DS e sorveglianza sanitaria 1 2 3 4 5 6 7 8 Individua i rischi che comportano

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE Programma: Prevenzione del rischio stress lavoro-correlato e promozione del benessere organizzativo

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE Programma: Prevenzione del rischio stress lavoro-correlato e promozione del benessere organizzativo PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 MACRO OBIETTIVO 7 Codici indicatori: 7.5.1 7.2.1 7.8.1 Programma: Prevenzione del rischio stress lavoro-correlato e promozione del benessere organizzativo Razionale

Dettagli

AZIENDE ULSS DELLA PROVINCIA DI VERONA LEGNAGO BUSSOLENGO DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE SERVIZI PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

AZIENDE ULSS DELLA PROVINCIA DI VERONA LEGNAGO BUSSOLENGO DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE SERVIZI PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO AZIENDE ULSS DELLA PROVINCIA DI VERONA 20 21 22 VERONA LEGNAGO BUSSOLENGO DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE SERVIZI PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO RELAZIONE ATTIVITÁ: ANNO 2005 marzo 2006

Dettagli

LE CONDIZIONI DI DISAGIO AL LAVORO: LE FUNZIONI DI ASCOLTO E DI ORIENTAMENTO. Verona, 6 maggio 2016 Dr.ssa Katia Dalle Molle SPISAL ULSS 20

LE CONDIZIONI DI DISAGIO AL LAVORO: LE FUNZIONI DI ASCOLTO E DI ORIENTAMENTO. Verona, 6 maggio 2016 Dr.ssa Katia Dalle Molle SPISAL ULSS 20 LE CONDIZIONI DI DISAGIO AL LAVORO: LE FUNZIONI DI ASCOLTO E DI ORIENTAMENTO Verona, 6 maggio 2016 Dr.ssa Katia Dalle Molle SPISAL ULSS 20 Legge regionale 22 gennaio 2010, n. 8 Prevenzione e contrasto

Dettagli

PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE (PRP) Presentazione

PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE (PRP) Presentazione ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE (PRP) 2014 2018 Presentazione Piano Regionale di

Dettagli

Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze maggio 2013

Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze maggio 2013 Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze 2-32 3 maggio 2013 Analisi dei dati statistici sugli infortuni nel settore delle costruzioni La medicina del lavoro

Dettagli

Interventi di prevenzione su aziende pubbliche e private in cui sono presenti lavoratori dipendenti o ad essi equiparati

Interventi di prevenzione su aziende pubbliche e private in cui sono presenti lavoratori dipendenti o ad essi equiparati ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE Interventi di prevenzione su aziende pubbliche e private in cui sono presenti lavoratori dipendenti o ad essi equiparati Tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori

Dettagli

Grafico 1 - distribuzione segnalazioni malattie professionali per anno

Grafico 1 - distribuzione segnalazioni malattie professionali per anno PATOLOGIE DA LAVORO DAL 1999 AL 212 NELLA ASL di MILANO Alle ASL arrivano tutte le notizie relative alle malattie correlate al lavoro sia per finalità di tipo statistico epidemiologico e quindi preventivo

Dettagli

Inail: sostegno e prospettive per il settore agricolo

Inail: sostegno e prospettive per il settore agricolo Foggia, 29 aprile 2017 Tommaso De Nicola - Direzione Centrale Prevenzione Inail: sostegno e prospettive per il settore agricolo CONVEGNO NAZIONALE LA PREVENZIONE E LA SALVAGUARDIA DI CHI LAVORA E PRODUCE

Dettagli

L ATTIVITA DELL ORGANO DI VIGILANZA NELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI, CANCEROGENI E MUTAGENI

L ATTIVITA DELL ORGANO DI VIGILANZA NELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI, CANCEROGENI E MUTAGENI L ATTIVITA DELL ORGANO DI VIGILANZA NELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI, CANCEROGENI E MUTAGENI DOTT. GIANCARLO RICCIARDELLI RESPONSABILE SIML ASL CASERTA Le funzioni di prevenzione e vigilanza

Dettagli

Cantieri sotto il minimo etico Dr. Biagio Calò

Cantieri sotto il minimo etico Dr. Biagio Calò Cantieri sotto il minimo etico Dr. Biagio Calò Direttore SPRESAL ASL n. 13 di Novara 1 Cantieri sotto il minimo etico Le linee di indirizzo del coordinamento delle Regioni, hanno definito che sono da considerarsi

Dettagli

CONOSCERE PER PREVENIRE

CONOSCERE PER PREVENIRE IL RUOLO DELL INAIL NEL SISTEMA DELLA PREVENZIONE CONOSCERE PER PREVENIRE Cinzia D Imporzano Sede di Piacenza Formare i formatori Fiorenzuola d Arda, 3 novembre2011 Cosa significa Prevenzione? 2 PREVENZIONE:

Dettagli

Attività 2012 Pianificazione 2013

Attività 2012 Pianificazione 2013 Accredited - Agréé Rapporto delle attività di prevenzione negli ambienti di lavoro del Comitato Provinciale di Coordinamento, art 7, D.Lgs 81/2008, DGRV n.4182/2008. (ULSS,20,21,22,INAIL,INPS,DTL,ARPAV,VV.F.,

Dettagli

Piani per lo Sviluppo delle Attività di Prevenzione nei Luoghi di Lavoro

Piani per lo Sviluppo delle Attività di Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Direzione Regionale del Diritto alla Salute e delle Politiche di Solidarietà Settore Prevenzione e Sicurezza Piani per lo Sviluppo delle Attività di Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Report dati Anno 2004

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA ASL di Brescia: aumentano

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma. Parma, 6 luglio 2015

SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma. Parma, 6 luglio 2015 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Parma, 6 luglio 2015 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma TUTELA E PROMOZIONE

Dettagli

IL RUOLO DI CONFINDUSTRIA VENETO NELL IMPLEMENTAZIONE DEL REACH SUL TERRITORIO

IL RUOLO DI CONFINDUSTRIA VENETO NELL IMPLEMENTAZIONE DEL REACH SUL TERRITORIO IL RUOLO DI CONFINDUSTRIA VENETO NELL IMPLEMENTAZIONE DEL REACH SUL TERRITORIO PADOVA, 13 NOVEMBRE 2013 1 MARCO ARMILLOTTA INTRODUZIONE (1) Confindustria Veneto si occupa dell area Chemicals (etichettatura,

Dettagli

01 luglio Attività del CPT di PADOVA Nuovi sviluppi

01 luglio Attività del CPT di PADOVA Nuovi sviluppi 01 luglio 2011 Attività del CPT di PADOVA Nuovi sviluppi Le attività Le attività del CPT si rivolgono a circa 1000 imprese edili aderenti alla Cassa Edile Provinciale. Le principali attività svolte dal

Dettagli

Incontro con i Medici competenti della Provincia di Verona. 5 maggio Attualità in tema di malattie professionali

Incontro con i Medici competenti della Provincia di Verona. 5 maggio Attualità in tema di malattie professionali Incontro con i Medici competenti della Provincia di Verona 5 maggio 2010 Attualità in tema di malattie professionali Antonio Zedde SPISAL ULSS 20 Verona La malattia professionale si sviluppa a causa di

Dettagli

Analisi attività di vigilanza in edilizia PSAL FVG

Analisi attività di vigilanza in edilizia PSAL FVG SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI Gruppo Regionale per la sicurezza in edilizia Analisi attività di vigilanza in edilizia PSAL FVG ANNI

Dettagli

Dieci anni di sorveglianza delle malattie professionali nel quadro delle attività della Regione Lombardia

Dieci anni di sorveglianza delle malattie professionali nel quadro delle attività della Regione Lombardia Dieci anni di sorveglianza delle malattie professionali nel quadro delle attività della Regione Lombardia Il registro raccoglie i casi di malattie correlate al lavoro conosciuti dai Servizi di Prevenzione

Dettagli

Piano Regionale Agricoltura 2009 / 2010

Piano Regionale Agricoltura 2009 / 2010 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2900 del 29.09.2009 pag. 1/8 Piano Regionale Agricoltura 2009 / 2010 1- Analisi strutturata del problema 1.1 L agricoltura nel Veneto Nel Veneto, secondo

Dettagli

ATS Città Metropolitana di Milano SC PSAL Massimo Avosani Calogera Campo 13 aprile 2016

ATS Città Metropolitana di Milano SC PSAL Massimo Avosani Calogera Campo 13 aprile 2016 CONFRONTO TRA LE ATTIVITA DI PREVENZIONE SVOLTE DAL SERVIZIO PSAL: EDILIZIA GRANDI OPERE ATS Città Metropolitana di Milano SC PSAL Massimo Avosani Calogera Campo 13 aprile 2016 EDILIZIA GRANDI OPERE Dott.ssa

Dettagli

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Servizio Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Compiti e funzioni - Area D. Lgs. 81/08

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, Milano. presenta

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, Milano. presenta Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, 5-20121 Milano presenta IO LAVORO IN CASA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA IN AMBIENTE DOMESTICO Il fenomeno dell immigrazione

Dettagli

organizzato da SPISAL ULSS 20 - Verona, via S. D Acquisto 7 dal 10/03/2014 al 20/03/

organizzato da SPISAL ULSS 20 - Verona, via S. D Acquisto 7 dal 10/03/2014 al 20/03/ CORSO GESTIONALE AMIANTO VR GEST direttore scientifico dott.ssa C. Fiorini organizzato da SPISAL ULSS 0 - Verona, via S. D Acquisto 7 dal 10/0/01 al 0/0/01 01 Data - Orario - Docente Modulo Obiettivi formativi

Dettagli

La priorità delle misure collettive nei lavori in quota Analisi dell art. 148 Lavori speciali

La priorità delle misure collettive nei lavori in quota Analisi dell art. 148 Lavori speciali La priorità delle misure collettive nei lavori in quota Analisi dell art. 148 Lavori speciali Dirigente SPRESAL - ASL Roma C La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: l evoluzione del sistema di tutele

Dettagli

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265)

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Decreto legislativo 19.09.1994, n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO PREMESSA - considerata la necessità, di sviluppare ulteriori strategie comuni, valorizzando anche quanto già prodotto

Dettagli

Il data set minimo ai fini delle attività di prevenzione e vigilanza sul territorio

Il data set minimo ai fini delle attività di prevenzione e vigilanza sul territorio Il data set minimo ai fini delle attività di prevenzione e vigilanza sul territorio L analisi dei sistemi informativi esistenti nei loro contenuti e nella loro funzionalità corrente è stato il passo fondamentale

Dettagli

Bologna 14 ottobre Il nuovo Piano Nazionale Edilizia e i sistemi di gestione della sicurezza nel settore delle costruzioni

Bologna 14 ottobre Il nuovo Piano Nazionale Edilizia e i sistemi di gestione della sicurezza nel settore delle costruzioni Convegno nazionale D.Lgs.81/2008: la gestione della sicurezza sul lavoro come strategia per la riduzione di infortuni e malattie professionali. Opportunità competitiva ed esimente dalla responsabilità

Dettagli

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE. art. 32 D.Lgs 81/2008 e Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016.

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE. art. 32 D.Lgs 81/2008 e Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016. FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE art. 32 D.Lgs 81/2008 e Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 MODULO A 28 ore Cod. Sas1.3/2016 PROGRAMMA UNITA DIDATTICA A1 8 Presentazione

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE IMPRESE ARTIGIANE

LA SICUREZZA NELLE IMPRESE ARTIGIANE INAIL Direzione Regionale per la Toscana LA SICUREZZA NELLE IMPRESE ARTIGIANE Convegno CPRA Toscana Firenze, 3 Aprile 2017 i dati INAIL Toscana-anno 2015 03/04/2017 2 i dati INAIL 03/04/2017 3 i dati INAIL

Dettagli

ORGANISMO PROVINCIALE DI COORDINAMENTO per le ATTIVITA di PREVENZIONE E VIGILANZA sul LAVORO ex art. 7 D.Lgs. 81/2008

ORGANISMO PROVINCIALE DI COORDINAMENTO per le ATTIVITA di PREVENZIONE E VIGILANZA sul LAVORO ex art. 7 D.Lgs. 81/2008 ORGANISMO PROVINCIALE DI COORDINAMENTO per le ATTIVITA di PREVENZIONE E VIGILANZA sul LAVORO ex art. 7 D.Lgs. 81/2008 VIGILANZA e PREVENZIONE SVOLTE NELL ANNO 2012 I consuntivi evidenziati di seguito in

Dettagli

Epidemiologia dei rischi per la salute e delle malattie da lavoro in edilizia

Epidemiologia dei rischi per la salute e delle malattie da lavoro in edilizia Epidemiologia dei rischi per la salute e delle malattie da lavoro in edilizia Relatore: dr Giorgio Luzzana Responsabile Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ATS di Bergamo Corso Sicurezza

Dettagli

NOTA INFORMATIVA 2015

NOTA INFORMATIVA 2015 NOTA INFORMATIVA 2015 sui rischi riscontrati in cantiere, le misure di prevenzione e protezione da attuare e i criteri sulla formazione dei lavoratori del comparto edile della Provincia di Padova, relativa

Dettagli

La rappresentanza dei lavoratori: il Rlst

La rappresentanza dei lavoratori: il Rlst La rappresentanza dei lavoratori: il Rlst Bolzano 24 novembre 2011 Gabriella Galli Resp. Ufficio salute e sicurezza Uil nazionale Il rischio nelle microimprese Casi mortali per dimensione aziendale valori%

Dettagli

Notifiche pervenute Sopralluoghi effettuati Cantieri vigilati Cantieri sanzionati

Notifiche pervenute Sopralluoghi effettuati Cantieri vigilati Cantieri sanzionati D. Lgs. 81/2008 OSSERVAZIONI E RILIEVI TECNICI VIGILANZA IN EDILIZIA ASL RMC ANNO 2009 Arch. Gianni Cuoco Cantieri - Dati di attività 2009 1125 503 613 136 Notifiche pervenute Sopralluoghi effettuati Cantieri

Dettagli

Attività in edilizia Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 10 Firenze

Attività in edilizia Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 10 Firenze Attività in edilizia Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 1 Firenze Alessandro Matteucci, ingegnere - Gruppo dipartimentale edilizia Marco Pristerà, medico del lavoro - Gruppo dipartimentale edilizia

Dettagli

OBIETTIVI DI PRODUZIONE 2009 ALLEGATO N. 2

OBIETTIVI DI PRODUZIONE 2009 ALLEGATO N. 2 DI PRODUZIONE 2009 ALLEGATO N. 2 DI PRODUZIONE 2009 LINEA AZIENDE A. 1 ATTIVITA' DI VIGILANZA ASSICURATIVA A.1.1 - Aziende ispezionate numero 29514 A.1.2 - Aziende non regolari / Aziende ispezionate Val.

Dettagli

7. Le malattie professionali

7. Le malattie professionali 7. Le malattie professionali Il capitolo presenta i dati riferiti ai flussi informativi sulle malattie professionali () e i dati riguardanti le attività svolte dagli SPreSAL per l inquadramento dei casi

Dettagli

Enpowerment dei lavoratori stranieri. Emilio Cipriani A.Ulss 22 Bussolengo - Dipartimento di Prevenzione - SPISAL

Enpowerment dei lavoratori stranieri. Emilio Cipriani A.Ulss 22 Bussolengo - Dipartimento di Prevenzione - SPISAL Enpowerment dei lavoratori stranieri Emilio Cipriani A.Ulss 22 Bussolengo - Dipartimento di Prevenzione - SPISAL 1 Promossi in classe Dott.ssa Rosanna Bizzotto Dipartimento di Prevenzione A. Ulss 15 Alta

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI: UN PROBLEMA DI TUTTI A che punto siamo, quali interrogativi e problemi Castello di Bentivoglio, 26 novembre 2016

LE MALATTIE PROFESSIONALI: UN PROBLEMA DI TUTTI A che punto siamo, quali interrogativi e problemi Castello di Bentivoglio, 26 novembre 2016 A che punto siamo, quali interrogativi e problemi Il ruolo dell ASL Angelo Fioritti Direttore Sanitario Azienda USL di Bologna Il ruolo dell ASL Angelo Fioritti Direttore Sanitario Azienda USL di Bologna

Dettagli

CURRICULUM VITAE EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Isabella Marzullo Via Lo Vecchio, Catania Telefono

CURRICULUM VITAE EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Isabella Marzullo Via Lo Vecchio, Catania Telefono INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Isabella Marzullo Via Lo Vecchio, 28 95126 Catania Telefono 328-7679538 E-mail Nazionalità isabellamarzullo@tiscali.it Italiana Data di nascita 24/02/1976 Partita

Dettagli

Committente e/o Responsabile dei lavori

Committente e/o Responsabile dei lavori Committente e/o Responsabile dei lavori Impresa affidataria, Imprese esecutrici e Lavoratori autonomi Committente CHI E : soggetto per conto del quale l intera opera viene realizzata, indipendentemente

Dettagli