Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. OPPORTUNITA LA RUBRICA DELLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. OPPORTUNITA LA RUBRICA DELLE"

Transcript

1 LA RUBRICA DELLE OPPORTUNITA Informazioni organizzate per farsi trovare pronti.

2 Messaggio del Presidente della Provincia di Torino Colpisce spesso, improvvisamente, a tradimento. Travolge le persone come un vortice. Si diventa vulnerabili e fragili. Con difficoltà si intravede un orizzonte cui guardare. Si diventa invisibili, avvolti dalle nebbie dell incertezza. Sarà per questo motivo che la chiamano povertà grigia. Grigia come la nebbia. La Provincia di Torino, per contrastare questa nuova emergenza sociale, ha progettato alcune azioni concrete, che si stanno estendendo sul territorio. Fragili Orizzonti, così si chiama il progetto, è l approdo del nostro impegno negli ultimi anni, all interno del Programma triennale di politiche pubbliche di contrasto alla vulnerabilità sociale e alle nuove povertà. Sottolineo la parola impegno perché questa sta a definire non solo una scelta operativa tecnica, l aiuto concreto a chi ne ha bisogno, ma anche per sottolinearne, evidenziarne un altra, etica e morale. La Provincia di Torino, la sua attuale maggioranza, sin dal suo insediamento ha individuato nella partecipazione, nella condivisione, nella solidarietà una delle sue linee guida, sulla quale ed in forza delle quali operare, innestando via via i

3 suoi provvedimenti in vari ambiti. Fragili Orizzonti ha l ambizione di aver tradotto, nell ambito sociale, questa scelta. Una scelta non dettata da una compassionevole disponibilità, ma che fa riferimento da un lato, al diritto di tutti cittadini di essere, qualora ne abbiamo necessità, ascoltati e aiutati dalle pubbliche istituzioni e, dall altro, dal dovere di queste di essere accanto a tutti coloro i quali sono in difficoltà. Il senso profondo, lo spessore, la validità della democrazia è anche valutabile da come rispetta, ascolta e tutela le persone che la compongono. Essere davvero Comunità significa anche questo. Antonio Saitta Presidente della Provincia di Torino

4 1. Sportelli di Informazione Sociale Cos è lo Sportello di Informazione Sociale? E un servizio rivolto a cittadini, ad operatori e amministratori degli Enti gestori dei servizi socio-assistenziali e dei Comuni che necessitano di informazioni aggiornate sulle tematiche sociali. Come funziona? Attraverso: il Portale Internet, on line da febbraio curato da una redazione giornalistica, con oltre schede e circa collegamenti interni ed esterni e link mirati fornisce informazioni sui servizi e indicazioni sulle possibilità di accoglienza nelle strutture residenziali presenti sul territorio. Dal 2004 il Portale si è arricchito di pagine web dedicate ad ogni Ente Gestore contenenti le informazioni locali. gli Sportelli decentrati, presso le sedi degli Enti gestori dei servizi socio-assistenziali e dei Comuni, dove un operatore fornisce informazioni alle richieste dei cittadini, avvalendosi anche dei contenuti del Portale. Gli operatori agli sportelli lavorano in collaborazione con Assessorato Solidarietà sociale, Politiche giovanili e Programmazione sanitaria

5 gli Enti Gestori e gli operatori sanitari delle ASL per la raccolta delle informazioni, anche locali. Quali informazioni posso avere allo Sportello? Allo sportello è possibile ricevere tutte le informazioni e indicazioni relative ai servizi e alle strutture del territorio, nonché sulle diverse offerte sia del territorio sia presenti in rete sul portale internet che l operatore consulta direttamente. Dove trovo gli Sportelli? CIRIE piazza Castello, 20 tel Orario: lun. ven Comuni afferenti: Barbania; Borgaro Torinese; Caselle Torinese; Ciriè; Fiano; Front; Grosso, Levone; Mathi; Nole; Robassomero; Rocca Canavese; San Carlo Canavese; San Francesco al Campo; San Maurizio Canavese; Vauda Canavese; Villanova Canavese. ORBASSANO strada Volvera, 63 tel fax 011/ Orario: lun / ; mar ; mer / ; giov Comuni afferenti: Beinasco; Bruino; Orbassano; Piossasco; Rivalta di Torino; Volvera. CONDOVE via Gianni Rodari, 9 tel./fax Orario: lun. - ven

6 Comuni afferenti: Almese; Avigliana; Bardonecchia; Borgone di Susa; Bruzolo; Bussoleno; Buttigliera Alta; Caprie; Caselette; Cesana Torinese; Chianocco; Chiomonte; Chiusa di San Michele; Clavière; Condove; Exilles; Giaglione; Gravere; Mattie; Meana di Susa; Mompantero;Moncenisio; Novalesa; Oulx; Rubiana; Salbertrand; San Didero; San Giorio di Susa; Sant Ambrogio di Torino; Sant Antonino di Susa; Sauze di Cesana; Sauze d Oulx; Susa; Vaie; Venaus; Villar Dora; Villar Focchiardo. MONCALIERI via Real Collegio, 10 tel fax Orario: da lunedì a venerdì Comuni afferenti: La Loggia, Moncalieri, Trofarello CUORGNE via Ivrea, 100 (primo piano) tel fax Orario: lun. mer. giov ; mar Comuni afferenti: Alpette; Bosconero; Busano; Canischio; Ceresole Reale; Chiesanuova; Ciconio; Cuorgne ; Favria; Feletto; Forno Canavese; Frassinetto; Ingria; Locana; Lombardore; Lusiglie ; Noasca; Oglianico; Pertusio;Pont-Canavese; Prascorsano; Pratiglione; Ribordone; Rivara; Rivarolo Canavese; Rivarossa; Ronco Canavese; Salassa; San Colombano Belmonte; San Ponso; Sparone; Valperga; Valprato Soana. GRUGLIASCO via Leonardo da Vinci, 135 tel fax

7 Orari: lun. 9-12,30; mer. 9-12,30; giov. 9-12,30 / 13 16; ven. 9-12,30 Comuni afferenti: Collegno; Grugliasco. RIVOLI Sede Comune Ufficio Relazioni col Pubblico _ corso Francia, 98 tel fax n. verde Orario: lun / RIVOLI Sede CISA via Nuova Collegiata 5 tel fax Orari: mer Comuni afferenti: Rivoli; Rosta; Villarbasse. CHIERI vicolo Albussano, 4 tel fax Orario: da lunedì a venerdì Comuni afferenti: Andezeno; Arignano; Baldissero Torinese; Cambiano; Chieri; Isolabella; Marentino; Mombello di Torino; Montaldo Torinese; Moriondo Torinese; Pavarolo; Pecetto Torinese; Pino Torinese; Poirino; Pralormo; Riva presso Chieri; Santena. SETTIMO TORINESE via Roma, 3 tel fax

8 Orario: lun. mer. giov. ven. 9 13; mar LEINI via Atzei, 13 tel Orario: lun ,30; giov Comuni afferenti: Leinì; San Benigno Canavese; Settimo Torinese; Volpiano. CHIVASSO via Roma, 1c tel fax orario: lunedì - venerdì Comuni afferenti: Brandizzo; Brozolo; Brusasco; Casalborgone; Castagneto Po; Cavagnolo; Chivasso; Foglizzo; Lauriano; Montanaro; Monteu da Po; Rondissone; San Sebastiano da Po; Torrazza Piemonte; Verolengo; Verrua Savoia. PINEROLO via Montebello, 39 tel Orario: lunedì - venerdì 9 13; martedì Comuni afferenti: Airasca; Bricherasio; Buriasco; Campiglione-Fenile; Cantalupa; Cavour; Cercenasco; Cumiana; Frossasco; Garzigliana; Macello; Osasco; Pinerolo; Piscina; Prarostino; Roletto; San Pietro Val Lemina; San Secondo di Pinerolo; Scalenghe; Vigone; Villafranca Piemonte; Virle Piemonte. TORRE PELLICE c.so Lombardini, 2 tel fax

9 Orario: lun. e mer ; mar. e giov / Comuni afferenti: Angrogna; Bibiana; Bobbio Pellice; Luserna San Giovanni; Lusernetta; Rorà; Torre Pellice; Villar Pellice. PIANEZZA viale S. Pancrazio, 63 tel fax Orario: mar , mer ; giov Comuni afferenti: Alpignano; Druento; Rivoletto; La Cassa; Pianezza; San Gillio; Val della Torre; Venaria. NICHELINO Sede Sportello: piazza Camandona, 29-1 piano tel fax Orario: da lunedì a venerdì ; Comuni afferenti: Candiolo; Nichelino; None; Vinovo. GIAVENO via XXIV Maggio, 1 tel fax Orario: lun. merc. ven Comuni afferenti: Coazze; Giaveno; Reano; Sangano; Trana; Valgioie.

10 GASSINO TORINESE via Regione Fiore, 2 tel Orario: da lunedì a venerdì Comuni afferenti: Castiglione Torinese; Cinzano; Gassino Torinese; Rivalba; San Mauro Torinese; San Raffaele Cimena; Sciolze. CALUSO Sede Sportello: via San Francesco, 2 tel fax Orario: da lunedì a venerdì Comuni afferenti: Barone Canavese; Caluso; Candia Canavese; Cuceglio; Mazze ; Mercenasco; Montalenghe; Orio Canavese; Perosa Canavese; Romano Canavese; San Giorgio Canavese; San Giusto Canavese; San Martino Canavese; Scarmagno; Strambino; Vialfre ; Villareggia; Vische. CARMAGNOLA via Papa Giovanni XXIII, 2 tel fax Orario: lun ; mer. e giov. 8.30/ /16.30 LOMBRIASCO: 1 mar. ore 10.30/12.00 c/o Comune - tel CASTAGNOLE: 1 mar. ore 13.45/15.45 c/o Comune - tel OSASIO: 1 lun. ore 8.45/ c/o Comune PANCALIERI: 1 lun. ore 13.45/ c/o Comune Comuni afferenti: Carignano; Carmagnola; Castagnole Piemonte; Lombriasco; Osasio; Pancalieri; Piovesi Torinese; Villastellone.

11 IVREA via Jervis, 24 tel Orario: da lunedì a venerdì Comuni afferenti: Aglie ; Albiano d Ivrea; Alice Superiore; Andrate; Azeglio; Bairo; Baldissero Canavese; Banchette; Bollengo; Borgiallo; Borgofranco d Ivrea; Borgomasino; Brosso; Burolo; Caravino; Carema; Cascinette d Ivrea; Castellamonte; Castelnuovo Nigra; Chiaverano; Cintano; Colleretto Castelnuovo; Colleretto Giacosa; Cossano Canavese; Fiorano Canavese; Issiglio; Ivrea; Lessolo; Loranze ; Lugnacco; Maglione; Meugliano; Montalto Dora; Nomaglio; Ozegna; Palazzo Canavese; Parella; Pavone Canavese; Pecco; Piverone; Quagliuzzo; Quassolo; Quincinetto; Rueglio; Salerano Canavese; Samone; Settimo Rottaro; Settimo Vittone; Strambinello; Tavagnasco; Torre Canavese; Trausella; Traversella; Vestigne ; Vico Canavese; Vidracco; Vistrorio. LANZO TORINESE via Molinere, 3a tel Fax Orario: lun. mar. mer. ven ; giov Comuni afferenti: Ala di Stura; Balangero; Balme; Cafasse; Cantoira; Ceres; Chialamberto; Coassolo Torinese; Corio; Germagnano; Groscavallo; Lanzo Torinese; Lemie; Mezzenile; Monastero di Lanzo; Pessinetto; Traves; Usseglio; Vallo Torinese; Varisella; Viu. PEROSA ARGENTINA via Roma, 22 tel fax Orario: mercoledì e venerdì Comuni afferenti: Fenestrelle; Inverso Pinasca; Massello; Perosa Argentina; Perrero; Pinasca; Pomaretto; Porte; Pragelato; Prali; Pramollo; Roure; Salza di Pinerolo; San Germano Chisone; Usseaux; Villar Perosa.

12 Sportelli di Informazione Sociale CIRIE P.zza Castello 20 CUORGNE Via Ivrea 100 LANZO TORINESE PIANEZZA Viale S. Pancrazio 63 Via Molinere 3A PEROSA ARGENTINA Via Roma 22 PINEROLO Via Montebello 39 ORBASSANO Strada Volvera 63 CONDOVE Via Gianni Rodari 9 RIVOLI C.so Francia 98 Via Nuova Colleggiata 5 GIAVENO Via XXIV Maggio 1 TORRE PELLICE C.so Lombardini 2

13 Via Roma 3 LEINI Via Atzei 13 CALUSO Via S. Francesco 2 IVREA Via Jervis 24 SETTIMO T.SE CHIVASSO Via Roma 1C GASSINO GRUGLIASCO Via L. Da Vinci 135 TORINESE Via Regione Fiore 2 CHIERI Vicolo Albussano 4 MONCALIERI Via Real Collegio 10 CARMAGNOLA Via Papa Giovanni XXIII, 2 P.zza Camandona 29 NICHELINO

14 Centri per l Impiego Cosa sono i Centri per l Impiego? I 13 Centri per l Impiego della Provincia di Torino sono il punto di riferimento sul territorio dei servizi pubblici per il lavoro, diretti a contrastare il problema della disoccupazione facilitando l incontro tra domanda e offerta del mercato del lavoro. I Centri per l Impiego che dal 1997 sostituiscono i vecchi uffici di collocamento offrono servizi di informazione, accoglienza, preselezione, orientamento, collocamento mirato alle persone in cerca di occupazione. Quali competenze hanno? Collocamento ordinario (accertamento, conservazione, perdita e sospensione dello stato di disoccupazione D.lgs.297/02) Lo stato di disoccupazione viene riconosciuto solo a chi dichiara immediata disponibilità al lavoro al Centro per l Impiego competente per domicilio. La dichiarazione di disponibilità comporta l impegno di accettare le iniziative di promozione dell occupazione del Centro per l Impiego (occasioni di lavoro, tirocini, corsi di formazione professionale, di orientamento, di miglioramento della propria occupabilità). Assessorato al lavoro e all attività di orientamento per il mercato del lavoro

15 Si ricorda che non partecipare alle iniziative di promozione dell occupazione dei Centri per l Impiego, salvo giustificato motivo, comporta la perdita dello stato di disoccupazione e dell anzianità maturata. Collocamento obbligatorio (L. 68/99) Il collocamento obbligatorio è un servizio rivolto alle persone disabili e appartenenti alle categorie protette. Puoi rivolgerti al Centro per essere accompagnato nella ricerca del lavoro e nel percorso di inserimento lavorativo nell azienda in impieghi compatibili con le proprie condizioni di salute e capacità lavorative, anche grazie alla collaborazione con Servizi Sociali e ASL del territorio. Quali servizi offrono? Recandosi al Centro per l Impiego più vicino si può trovare: ascolto e accoglienza: informazione su modalità di assunzione, nuove tipologie contrattuali, consulenza e supporto in tema di lavoro per lavoratori stranieri extracomunitari grazie alla presenza di mediatori culturali presenti in ogni Centro. inserimento in banca dati: colloquio individuale per individuare le capacità e le attitudini personali del candidato e per l inserimento dei dati acquisiti in una banca dati utile a favorire l incontro domanda/offerta di lavoro. supporto per la ricerca attiva di occupazione: compilazione curriculum vitae, consulenza e orientamento per la scelta di percorsi di formazione, inserimenti in tirocinio, consultazione delle offerte di lavoro presenti in bacheca delle aziende private e della pubblica Amministrazione. Se dai immediata disponibilità al lavoro sei inserito nella banca dati. Quando un azienda ha bisogno di nuove assunzioni sono selezionate nella banca dati le persone che corrispondono alle caratteristiche richieste. Se vedi l annuncio nella bacheca del tuo Centro - o sullo sportello virtuale del sito - puoi presentare la tua candidatura. Il Centro per l impiego trasmette così la segnalazione di tutti i candidati idonei a soddisfare le esigenze dell azienda. Ricorda anche che le offerte dei Centri per l Impiego della Provincia di Torino e dei suoi sportelli specialistici sono pubblicate ogni 15 giorni su Informalavoro, che Tutte le informazioni e servizi sono accessibili presso ogni Centro per l Impiego. Sono presenti postazioni informatiche dedicate ai cittadini.

16 puoi trovare in distribuzione sul territorio, anche presso il tuo Centro per l Impiego. Dove trovo i Centri per l Impiego? TORINO Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Bologna, TORINO Telefono/Fax: Come raggiungere il Centro: con i mezzi pubblici Indirizzo: via Castelgomberto, TORINO Telefono/Fax: Come raggiungere il Centro: con i mezzi pubblici / CIRIÈ Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Banna, CIRIÈ Telefono: Fax: CHIERI Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12

17 Indirizzo: via Vittorio Emanuele II, CHIERI Telefono: Fax: CHIVASSO Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Lungo Piazza D Armi, CHIVASSO Telefono: Fax: CUORGNÈ Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Ivrea con ingresso da Via Piave CUORGNÈ Telefono: Fax: IVREA Orario: lunedì, martedì e giovedì: e pomeriggio solo su appuntamento; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: c.so Vercelli, IVREA Telefono: Fax: MONCALIERI Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12

18 Indirizzo: corso Savona, 10/D MONCALIERI Telefono: Fax: Sede distaccata di CARMAGNOLA Orario: lunedì, martedì e giovedì: e pomeriggio solo su appuntamento; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: piazza Quattro Martiri, CARMAGNOLA Telefono: Fax: ORBASSANO Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e ; giovedì e pomeriggio solo su appuntamento; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: strada Rivalta, ORBASSANO Telefono: Fax: PINEROLO Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: c.so Torino, PINEROLO Telefono: Fax:

19 RIVOLI Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Dora Riparia, 4 CASCINE VICA RIVOLI Telefono: Fax: SETTIMO TORINESE Orario: lunedì: e pomeriggio solo su appuntamento; martedì e giovedì: e ; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Roma, SETTIMO TORINESE Telefono: Fax: SUSA Orario: lunedì, martedì, giovedì: e pomeriggio solo su appuntamento; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Martiri della Libertà, SUSA Telefono: Fax: VENARIA Orario: lunedì, martedì e giovedì: e pomeriggio solo su appuntamento; mercoledì: ; venerdì: 9-12 Indirizzo: via Leonardo da Vinci, VENARIA Telefono: Fax:

20 Centri per l Impiego CIRIE Via Banna 14 SUSA Via Martiri Libertà 6 TORINO Via Bologna 153 Via Castelgomberto 75 RIVOLI Via Dora Riparia 4 Cascine Vica CHIERI Via Vittorio Emanuele II, 1 VENARIA Via Leonardo Da Vinci 50 MONCALIERI C.so Savona 10D CARMAGNOLA piazza Quattro Martiri 22 (Sede distaccata) Via Ivrea (ingresso via Piave) CUORGNE CHIVASSO Via Lungo Piazza D Armi 6 SETTIMO TORINESE Via Roma 3

21 ORBASSANO Strada Rivalta 14 IVREA C.so Vercelli 138 PINEROLO C.so Torino 324

22 La rubrica per le donne Antenne di Parità Le Antenne di Parità sono costituite da un/una referente per ciascun Patto Territoriale della Provincia di Torino e una per la Città di Torino. Sono nate per rafforzare l applicazione delle tematiche di pari opportunità e la loro messa in rete ha favorito il trasferimento di conoscenze e di esperienze positive e ha fatto crescere la visibilità e l importanza delle politiche di genere come elemento costitutivo e qualificante dello sviluppo locale. Attraverso l individuazione, il sostegno e la messa in rete di questi/e referenti è stata favorita la costruzione della Rete di Parità nello Sviluppo Locale della Provincia di Torino, la quale è stata integrata con le istituzioni e gli organismi di Parità e altri attori dello Sviluppo Locale quali associazioni di categoria, associazioni femminili, camere di commercio, imprese, istituti di credito e sistema finanziario, istituzioni educative (scuole di formazione professionale, università, istituti di avviamento e formazione continua ecc.), istituti di ricerca, organizzazioni sindacali, amministratori e amministratrici locali. Finalità Le Antenne di Parità hanno la finalità di diffondere l adozione dei protocolli di parità, nonché di progettare metodi di lavoro per far crescere quantitativamente e qualitativamente la partecipazione femminile al mercato del lavoro, nonché alle occasioni di formazione e di creazione di Assessorato alle Pari Opportunità

23 impresa. L obiettivo è quello di fare aumentare la presenza femminile nei tavoli di regia dello sviluppo locale e avere in ciascuno di essi la presenza delle istituzioni di parità. Obiettivi Obiettivi dell azione coordinata dei soggetti istituzionali e sociali citati sono: favorire, attraverso il coordinamento in rete, una maggiore circolarità delle informazioni, l integrazione e lo scambio delle azioni già in corso; censire l insieme delle azioni promosse a più livelli nel territorio provinciale rivolte allo specifico femminile, per disporre di un patrimonio informativo comune per tutto il territorio provinciale; sviluppare la crescita di capacità di orientamento e di selezione da parte delle donne rispetto alle risorse e alle offerte disponibili sul territorio; creare un sistema di monitoraggio sui bisogni delle donne, che rappresenti uno strumento di riscontro diretto delle iniziative e dei servizi offerti. Risultati Il risultato finale prevede quindi l analisi quantitativa/qualitativa a livello provinciale di adozione di progetti, servizi, iniziative e politiche attivate sul territorio locale, mirate a favorire l applicazione del principio di uguaglianza di opportunità al fine di misurarne l efficacia; la diffusione della pratica dei Protocolli di parità, attraverso incontri di sensibilizzazione a livello locale e la definizione di testi che valorizzino le specificità sub provinciali e, infine, l organizzazione di seminari di sensibilizzazione a livello locale per diffondere tra i decisori e gli attori dello sviluppo locale tutti gli strumenti utili a far crescere il livello di sensibilità verso il mainstreaming di genere.

24 Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro Le azioni del Centro Risorse Servizi Pari Opportunità sono proposte collaborando principalmente con altri Enti e soggetti (Comuni, Patti Territoriali, Comunità Montane, strutture pubbliche e private) interessati alla soluzione dei problemi delle donne nella società e più nello specifico nel mondo del lavoro. Le attività sono finalizzate al supporto progettuale e alle attività di orientamento di genere, al lavoro e alla formazione professionale. Una particolare attenzione viene riservata alla tutela delle donne nell organizzazione del lavoro e nei processi produttivi, compresi gli aspetti legati alla conciliazione dei tempi e alle normative contrattuali. L istituzione del Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro, predisposto per fasi successive di sviluppo annuali, è ritenuto strategico per lo sviluppo delle politiche di genere e di coordinamento territoriale. Alcune pagine web relative all attività del Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro offrono un azione informativa che ha l obiettivo principale di rispondere all esigenza di un puntuale servizio in materia di Pari Opportunità, monitorando e analizzando ciò che avviene nel mercato del lavoro femminile in provincia di Torino e non solo. Il Centro Risorse si pone con uno sguardo attento, teso a valorizzare le competenze professionali acquisite e da acquisire da parte delle donne nello scenario locale, intendendo l iniziativa quale importante supporto anche per orientare le scelte formative e favorire l accessibilità delle donne nel mondo del lavoro. L auspicio è che queste sezioni dedicate alle Pari Opportunità sul Mercato del Lavoro, facilitino le attività di programmazione e il reperimento di dati e informazioni su queste tematiche.

25 SPORTELLI PER LE DONNE Centrodonna Circoscrizione VI spazio di ascolto per sostenere le donne che si trovano ad affrontare momenti di difficoltà nella loro vita. Indirizzo: Sportello di ascolto via San Benigno, TORINO Telefono: ; Note: I servizi sono gratuiti occorre prenotarsi /39 uff. Cultura Cir.6 - via San Benigno, 22 Orario: aperto il mercoledì dalle alle sportello ascolto psicologico - giovedì servizio di consulenza legale sul diritto di famiglia Indirizzo web: Cif - Centro Italiano Femminile Sportello d ascolto Donna e Famiglia. Indirizzo: via Toselli, TORINO Telefono: Circoscrizione V - Spazio donna 5 Sportello d ascolto Indirizzo: Via Stradella, TORINO Telefono: Fax: /08 Orario: Lunedi ore , c/o Centro Culturale Isabella via Verolengo, Torino. Per prenotazioni tel (dal lunedì al venerdì orario ufficio) lasciando cognome e telefono. Note: Lo sportello d ascolto é uno spazio dove le donne possono avere consulenze e sostegno per affrontare momenti difficili. Lo sportello può essere anche d aiuto per orientarsi nel vasto panorama dei servizi presenti sul territorio cittadino e per individuare quello appropriato alle proprie esigenze.

26 Circoscrizione X - Spazio donna 10 Sportello d ascolto Indirizzo: strada Comunale di Mirafiori, TORINO Telefono: Progetto Microcredito Finanziamento rivolto a piccole imprese artigiane, commerciali e di servizi, cooperative di produzione e lavoro con sede operativa in Torino e costituite dal 1 gennaio Indirizzo: Comune di Torino - Servizio Sviluppo Microimprese via Meucci, 4-7 piano Telefono: Fax: Note: Per informazioni vedi anche sito: Orario e modalità di accesso: i candidati dovranno ottenere un appuntamento presso il Servizio Sviluppo Microimprese telefonando al numero verde da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 16.00, venerdì dalle 9.00 alle 14 Sportello Spazio Donna Moncalieri Indirizzo: via Fiume, 17 a Moncalieri Telefono: Orario: martedì dalle 9.00 alle giovedì dalle alle venerdì dalle alle 19.00

27 Centro Donna E un progetto in partenariato tra Arci Nuova Associazione Comitato Valle Susa e il Comune di Collegno. Il Centro Donna è uno spazio delle cittadine per l ascolto, la comunicazione, le relazioni. Offre consulenze gratuite di: orientamento psicologico: per focalizzare le proprie difficoltà e identificare percorsi possibili; legale: per orientarsi tra le mappe delle opportunità e degli strumenti nell ambito del diritto civile/penale/di famiglia e comparato per le donne straniere; ricerca del lavoro: per redigere un curriculum, affrontare un colloquio avere informazioni sulle opportunità formative e occupazionali. Il Centro Donna ha sede a VILLA 5 in via Torino, 9/6 all interno del Parco Dalla Chiesa, Collegno. Telefono: oppure Orari: martedì dalle alle mercoledì dalle alle giovedì dalle alle venerdì dalle alle 12.00

28 Le opportunità della Città di Torino Contributi Economici E un aiuto in denaro rivolto a tutti i cittadini che si trovano in condizioni economiche difficili. Il contributo aiuta a fronteggiare le spese fondamentali della persona come il vitto, l abbigliamento e le spese generali. Come fare Occorre presentare domanda scritta su apposito modulo nel quale si autocertifica il reddito e i beni posseduti. Dove Rivolgersi al Servizio Sociale competente per territorio Centro Informagiovani Centro Informagiovani Un punto informativo dove i giovani possono trovare informazioni pratiche, complete e gratuite su: scuola, professioni, lavoro, vita sociale e sanità, tempo libero, sport, viaggi e vacanze, estero e U.E. Nella nuova sede completamente ristrutturata i giovani possono rivolgersi agli operatori, consultare dossier tematici sui settori di informazione, ritirare opuscoli e schede orientative, leggere giornali, riviste e libri, navigare su Internet.

29 Dove Centro Informagiovani - via delle Orfane, 20 (a pochi passi da via Garibaldi) - Numero Verde Sito internet: Quando Da martedì a sabato ( chiuso lunedì ) Servizi pubblici per il lavoro Servizi Decentrati per il Lavoro Circoscrizioni 5, 7, 10 Servizio Decentrato per il Lavoro - Circoscrizione 5 via Stradella, 192/D tel / Orario: dal lunedì al venerdì ; martedì Servizio Decentrato per il Lavoro - Circoscrizione 7 corso Belgio, 38/f - tel / Orario: dal lunedì al venerdì ; martedì Servizio Decentrato per il Lavoro - Circoscrizione 10 strada Comunale di Mirafiori, 7 - tel / Orario: dal lunedì al giovedì , ; venerdì

30 Che cosa sono Sono servizi dislocati presso alcune Circoscrizioni della Città che forniscono accoglienza, informazione e consulenza per le problematiche del lavoro. Il coordinamento dei servizi decentrati fa capo alla Divisione Lavoro del Comune di Torino in stretto raccordo con i Centri per l impiego. I servizi offerti sono: erogazione di informazioni per le proposte di lavoro provenienti da Agenzie Interinali e da Enti Privati; inerenti le modalità di ricerca del lavoro e di accesso ai concorsi pubblici; sui corsi di formazione professionale; sui progetti predisposti da Comune, Provincia ed altri Enti Pubblici con la distribuzione del periodico Informalavoro; accoglienza e consulenza per stesura curriculum e lettere di lavoro; colloqui di orientamento; approfondimenti riguardo le normative che regolano il mercato del lavoro; organizzazione di elenchi di cittadini che si propongono per partecipare a iniziative della Città di Torino; Presso questi Servizi Decentrati viene gestita anche la prenotazione alla Chiamata Pubblica e la visione della graduatoria, secondo gli standard concordati con il CPI di Torino, in base a un accordo tra la Provincia e il Comune di Torino. A chi si rivolgono Ai cittadini/e disoccupati/e o in cerca di prima occupazione, che intendono avvalersi dei servizi offerti per un inserimento - reinserimento nel mercato del lavoro.

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino Torino A.N.A.S. 1 0 0 0 1 1.700.000 0 0 0 1.700.000 Torino A.R.P.A. 1 0 0 0 1 284.000 0 0 0 284.000 Torino Ala di Stura 5 3 0 2 0 362.500 310.000 0 52.500 0 Torino Angrogna 10 1 4 5 0 2.314.000 400.000

Dettagli

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ ESAMI DEL SANGUE Per sottoporsi agli esami del sangue non è in genere necessaria la prenotazione (salvo dove diversamente indicato). Per eseguire gli esami è possibile recarsi, con la ricetta del medico

Dettagli

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Frequenza 123456 12345 GG 123456 12345 6 12345 78 12345 12345 12345 12345 6 123456 6 12345 12345 12345 12345 12345 Note A A A A A Scol A A V A A SESTRIERE PRAGELATO

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

SPECIE DI FAUNA ACQUATICA PER LE QUALI VIGE IL DIVIETO DI PESCA...22 SPECIE DI FAUNA ITTICA CHE POSSONO ESSERE PESCATE, NELLE ACQUE

SPECIE DI FAUNA ACQUATICA PER LE QUALI VIGE IL DIVIETO DI PESCA...22 SPECIE DI FAUNA ITTICA CHE POSSONO ESSERE PESCATE, NELLE ACQUE SOMMARIO FONTI NORMATIVE...3 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE...4 PRINCIPALI MODALITÀ VIETATE IN TUTTE LE ACQUE SUPERFICIALI...5 ACQUE SALMONICOLE...6 DIRITTI DEMANIALI ESCLUSIVI DI PESCA (D.D.E.P.)...8 ACQUE

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili

Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili Collana le Relazioni 2013 Pubblicazione a cura di: Agenzia delle Entrate e Regione Piemonte Agenzia delle Entrate Direzione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

ELEZIONI RSU - 3-4 - 5 MARZO 2015

ELEZIONI RSU - 3-4 - 5 MARZO 2015 Area Metropolitana Torino Canavese Notiziario n. 3 del 27 gennaio 2015 ELEZIONI RSU - 3-4 - 5 MARZO 2015 Si voterà dal 3 al 5 marzo 2015 in tutte le scuole per il rinnovo delle RSU. Negli stessi giorni

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE

FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE Informazioni derivate da: schede ministeriali 1996-2013 SPIDI ESPAD ISTAT PASSI SDO FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA COMPETITIVITÀ PER LO SVILUPPO RURALE Prot. 7399

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli