AMMINISTRAZIONE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMMINISTRAZIONE GENERALE"

Transcript

1 AMMINISTRAZIONE GENERALE Codice Responsabile PRGA1 AMMINISTRAZIONE GENERALE MARCUZZI PAOLO A1P01 n 1 - Associativismo AMMINISTRAZIONE GENERALE Descrizione - partecipazione ai processi di associativismo tra Enti - assistenza tecnico amministrativa - analisi dei fabbisogni formativi esterni all'ente e proposta corsi Responsabili 1 - partecipazione ai processi di associativismo tra Enti - assistenza tecnico amministrativa - analisi dei fabbisogni formativi esterni all'ente e proposta corsi A1P01 n 1 - Associativismo partecipazione ai processi di associativismo tra Enti - assistenza tecnico amministrativa - analisi dei fabbisogni formativi ed attivazione corsi formativi relazione sintetica trimestrale sulle attività in obiettivo 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 1 di 208

2 AMMINISTRAZIONE GENERALE A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 AMMINISTRAZIONE GENERALE Descrizione - gestione giuridica, economica del personale - applicazione contratti collettivi di lavoro - - analisi dei fabbisogni formativi sia all'interno dell'ente che all'esterno ed attivazione corsi formativi al reclutamento, alla gestione delle risorse umane, alla gestione delle relazioni sindacali. - assunzioni del personale, mediante le procedure selettive o attraverso lo strumento della mobilità fra enti pubblici, nel rispetto delle previsioni - gestione della flessibilità del lavoro straordinario, mediante la banca delle ore, e nell utilizzo del lavoro temporaneo - attivazione corsi di carattere generale e/o specialistici per la formazione del personale - supporto per la valutazione valutazione dei dipendenti, ai fini della corresponsione del trattamento accessorio e della gestione delle progressioni di carriera. - gestione delle attività di carattere previdenziali - erogazione del sussidio agli stagisti, agli obiettori di coscienza nonché alla corresponsione dell indennità di carica e rimborso spese degli amministratori- erogazione compensi spettanti a terzi per l espletamento di incarichi attribuiti dall Ente - gestione dal punto di vista economico delle missioni, straordinari - assistenza tecnico amministrativa - analisi dei fabbisogni formativi sia all'interno dell'ente che all'esterno ed attivazione corsi formativi Responsabili 1 trattamento economico, guridico e previdenziale A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 gestione trattamento economico e previdenziale del personale e redditi assimilati relazione trimestrale su congruità budget, n. soggetti remunerati, rispetto scadenze fiscali e previdenziali 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ relazioni con le organizzazioni sindacali A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 gestione delle problematiche nel rispetto delle regole di "buona amministrazione" eliminazione contenzioso nel quale l'ente sia parte soccombente - relazione trimestrale - 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 2 di 208

3 AMMINISTRAZIONE GENERALE 3 contrattazione ed applicazione istituti contrattuali A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 applicazione degli istituti contrattuali report trimestrale sull' applicazione degli istituti contrattuali con particolare riferimento alle disposizioni soggette a negoziazione 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 30/06/ azioni di supporto alla valutazione del personale A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 supporto al nucleo di valutazione ed alla dirigenza in generale per l'attività finalizzata all'applicazione degli istituti incentivanti la produttività relazione trimestrale sulle attività svolte a favore del nucleo di valutazione ed alla dirigenza in generale 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ corsi formativi A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 individuazione fabbisogno formativo concreta attuazione del piano dei corsi formativi entro il relazione trimestrale su attività svolta - 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ gestione flessibilità del lavoro A1P03 n 3 - Gestione giuridica ed economica del personale difficoltà totale 300 verifica efficacia gestionale del personale in "telelavoro" - gestione della banca delle ore - utilizzo del lavoro interinale - mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 3 di 208

4 AMMINISTRAZIONE GENERALE report trimestrali sugli obiettivi di progetto 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 Descrizione A2P01 n 1 - Consiglio. Difficoltà 40 AMMINISTRAZIONE GENERALE assistenza agli organi istituzionali, intesa come presenza alle sedute degli organi collegiali in qualità di verbalizzante e di supporto a garanzia della regolarità delle sedute; attività di segreteria generale, con funzioni di collegamento tra la struttura e l amministrazione nonché tra l ente ed altri enti; elaborazione di istruttorie, redazione di atti deliberativi; adeguamenti normativi di Statuto e Regolamenti relativi alla attività precipua dell organo consiliare. supporto dei relativi procedimenti, specie per quanto riguarda la cura dell iter intersettoriale; attività di segreteria dell Ufficio di Presidenza del Consiglio; attività di rappresentanza propria della segreteria del Presidente del Consiglio Provinciale, comprensivo della organizzazione di riunioni e convegni; organizzazione di viaggi e missioni dei consiglieri; attività conseguente alle decisioni regolamentari finalizzata al conferimento di strumenti che agevolino l espletamento del mandato; il riconoscimento dello status giuridico di Consigliere quale amministratore pubblico, con i conseguenti adempimenti previsti dalla normativa vigente (indennità di funzione, gettoni e rimborsi, permessi). gestione fondo funzionamento del Consiglio e fondi gruppi consiliari gestione trasferimenti propri della Presidenza del Consiglio Responsabili 1 Organizzazione e assistenza sedute consiliari e conferenze capigruppo A2P01 n 1 - Consiglio. Difficoltà 40 Assistenza giuridico amministrativa durante le sedute di Consiglio provinciale e Conferenze dei Capigruppo, redazione dei verbali e cura degli adempimenti conseguenti alle sedute. Numero provvedimenti, numero di sedute effettuate. 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Assistenza alla Presidenza del Consiglio A2P01 n 1 - Consiglio. Difficoltà 40 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 4 di 208

5 AMMINISTRAZIONE GENERALE Attività di Segreteria dell'ufficio di Presidenza del Consiglio Supporto alla attività del presidente del Consiglio e dei Consiglieri, comprensiva di missioni, convegni e riunioni 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Gestione risorse finanziarie Consiglio A2P01 n 1 - Consiglio. Difficoltà 40 Procedimenti amministrativi finalizzati all'acquisto di beni e servizi inerenti il funzionamento del consiglio o l'attività dei gruppi consiliari. Gestione contributi consiliari Numero provvedimenti di utilizzo risorse adottati Numero contributi concessi con risorse consiliari 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Gestione status giuridico dei Consiglieri A2P01 n 1 - Consiglio. Difficoltà 40 Gestione indennità, rimborsi e permessi e adempimenti a favore dei consiglieri Numero provvedimenti adottati 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 Descrizione A1P02 n 2 - Controlli Interni. AMMINISTRAZIONE GENERALE - assistenza al difensore civico - promozione dell'attività del difensore civico con convenzioni - assistenza propositiva al Nucleo di Valutazione Responsabili 1 Supporto alla attività del Difensore Civico A1P02 n 2 - Controlli Interni. attività di supporto al Difensore Civico; pratiche trattate e tenuta corrispondenza anche mediante posta mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 5 di 208

6 AMMINISTRAZIONE GENERALE elettronica; covenzioni, organizzazioni di trasferte e convegni relazione trimestrale numero pratiche trattate, convenzioni sottoscritte; trasferte e convegni 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Descrizione A1P04 n 4 - Gestione tirocini formativi e obiettori di coscienza difficoltà 20 AMMINISTRAZIONE GENERALE - favorire l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro attraverso un percorso di alternanza tra studio e conoscenza diretta di ambienti lavorativi. - cura dei rapporti tra l ente ed i soggetti promotori, - In collaborazione con i settori interessati dalla convenzione, gestione di tutte le attività connesse all impiego degli obiettori di coscienza all interno della struttura provinciale Responsabili 1 favorire attraverso l'impiego dei tirocinanti nell'ente l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. A1P04 n 4 - Gestione tirocini formativi e obiettori di coscienza difficoltà 20 curare il raccordo tra i vari settori dell'ente e i soggetti promotori reporto trimestraler su n. tirocinanti avviati 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ favorire l'impiego nei vari servizi di obiettori di coscienza A1P04 n 4 - Gestione tirocini formativi e obiettori di coscienza difficoltà 20 curare gli aspetti di avvio e di gestione degli obiettori nel rispetto della convenzione sottoscritta nonché nelle disposizioni impartite dalla Presidenza dei Consigli dei Ministri report trimestrale sull'attività di promozione presso i vari settori dell'ente e numero obiettori impiegati e gestiti 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 6 di 208

7 AMMINISTRAZIONE GENERALE Descrizione A1P05 n 5 - Lavoro interinale e telelavoro difficoltà 30 AMMINISTRAZIONE GENERALE - gestione contratti con le agenzie di lavoro interinale - verifica costi/benefici del telelavoro ed eventuali provvedimenti di incentivazione e/o soppressione della forma di resa del lavoro Responsabili 1 favorire, qualora necessario, l'utilizzo di forme particolari di lavoro (interinale e/o co.co.co.)che meglio rispondono alle necessità temporanee dell'ente A1P05 n 5 - Lavoro interinale e telelavoro difficoltà 30 favorire l'utilizzo di forme particolari di lavoro previste dal contratto (interinale, telelavoro)che meglio rispondono alle necessità dell'ente. Assicurare in fase di liquidazione il rispetto del contratto sottoscritto con l'agenzia fornitrice reporto trimestrale su n. persone coinvolte in forme flessibili di lavoro 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ verifica costi/benefici in merito alle attività svolte fuori dalla Sede A1P05 n 5 - Lavoro interinale e telelavoro difficoltà 30 concordamento ed individuazione indicatori di produttività con i vari servizi oggetto del telelavori report consuntivo attività anno 2003 ed aspettative di risultato per anno /01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 Descrizione A1P06 n 6 - Attività contrattuali. AMMINISTRAZIONE GENERALE - Assistenza tecnico-amministrativa in materia di contratti della P.A. agli Enti locali minori di riferimento - attività relative alla stipulazione di tutti i contratti in cui la Provincia di Biella sia parte - Consulenza legale per l' elaborazione di tutti gli atti di gara e in particolare dei capitolati speciali d appalto Responsabili mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 7 di 208

8 AMMINISTRAZIONE GENERALE 1 Gestione delle attività contrattuali; supporto a settori interni ed esterni per problematiche connesse alla scelta del contraente A1P06 n 6 - Attività contrattuali. Gestione delle attività contrattuali; supporto a settori interni ed esterni per problematiche connesse alla scelta del contraente report trimestrale su attività con particolare riguardo alla tempificazione delle pratiche ricevute, pratiche in via di definizione e pratiche evase 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Descrizione A1P07 n 7 - Trasferimenti. AMMINISTRAZIONE GENERALE L erogazione di trasferimenti ad enti od organismi secondo atti di indirizzo della G.P. Responsabili 1 raccolta e gestione delle istanze di contribuzione; erogazione dei contributi A1P07 n 7 - Trasferimenti. raccolta delle istanze; valutazione e condivisione con i programmi di governo; attività istruttoria; provvedimenti finali di erogazione contributi elenco istanze pervenute, elenco istanze accolte e relativo report trimestrale su elenco dei contributi assegnati nel periodo e di quelli assegnati in anni precedenti e non erogati (in quest'ultima ipotesi indicazione dei provvedimenti assunti per l'eventuale revoca) 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 8 di 208

9 AMMINISTRAZIONE GENERALE Descrizione A1P08 n 8 - Segreteria generale e U.R.P. Difficoltà 90 AMMINISTRAZIONE GENERALE - gestione attività proprie della Segreteria Generale e dell Ufficio Relazioni con il Pubblico (U.r.p.) - funzioni di supporto generale alla attività dell Ente sotto il profilo giuridico amministrativo. - collaborazione, anche propositiva, e di assistenza giuridico - amministrativa a tutta l amministrazione (sia agli organi politici sia all apparato burocratico) - Informazione sulle nuove disposizioni normative, divulgandone anche le modalità di attuazione. - gestione contatti con i diversi uffici pubblici ed autorità, sia a livello locale che centrale, anche con funzioni di rappresentanza. -cura dei rapporti con gli Enti, Società, associazioni, altri organismi la cui attività è, per qualsiasi causa connessa con quella della Provincia. - cura delle ordinanze, dei Decreti del Presidente. - pubblicazione di tutti gli atti che per legge devono essere affissi all Albo pretorio della Provincia, in particolare quelli emanati dall ente stesso. - rilascio degli atti e documenti amministrativi nonché a garantire il diritto di visione e di accesso agli atti amministrativi per il pubblico e per gli amministratori, nonché l attuazione e l osservanza delle disposizioni in materia di semplificazione della documentazione amministrativa. - gestione delle relazioni con il Pubblico - aggiornamento costante del sito web istituzionale Responsabili 1 Segreteria Generale A1P08 n 8 - Segreteria generale e U.R.P. Difficoltà 90 Attività di segreteria: albo pretorio, ordinanze e decreti, assistenza giuridico amministrativa, accesso agli atti e adempimenti amministrativi. n pubblicazioni all'albo; n ordinanze e decreti; n richieste di accesso; gestione albo beneficiari; raccolta dati per spese pubblicitarie; nomina rappresentanti; 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Gestione Determinazioni Dirigenziali A1P08 n 8 - Segreteria generale e U.R.P. Difficoltà 90 Gestione Determinazioni Dirigenziali N determinazioni registrate, pubblicate sul portale; relazione sullo stato di aggiornamento del portale; implementazione gestione iter informatizzato determinazioni. mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 9 di 208

10 AMMINISTRAZIONE GENERALE 01/01/ /12/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 3 Ufficio Relazioni con il Pubblico A1P08 n 8 - Segreteria generale e U.R.P. Difficoltà 90 Attivare l'ufficio di Relazioni con il Pubblico che fornisca attività di front-office; una rete di comunicazione interna; monitoraggio dell'utenza; organizzazione visite scolastiche guidate; rilascio firma digitale; informazioni erogate; realizzazione rete informativa interna; n. visite scolastiche guidate; compilazione report di monitoraggio utenza urp; n. certificati firma digitale rilasciati. 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 Descrizione A1P09 n 9 - Protocollo e altri servizi generali di supporto difficoltà 90 AMMINISTRAZIONE GENERALE - gestione del servizio Protocollo-Archivio con partecipazione attiva all'introduzione del protocollo informatico - gestione del centralino telefonico - gestione Autisti e di altro personale ausiliario Responsabili 1 Protocollo A1P09 n 9 - Protocollo e altri servizi generali di supporto difficoltà 90 Gestione della corrispondenza dell'ente, adeguamento dell'ufficio alle novità introdotte dalla recente legislazione in materia con particolare riferimento al protocollo informatico; N protocolli assegnati; verifica sviluppo protocollo informatico con settore tutela ambientale; approvazione regolamento, titolario e massimario per il protocollo - Report trimestrale sull'attività - 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Gestione archivio A1P09 n 9 - Protocollo e altri servizi generali di supporto difficoltà 90 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 10 di 208

11 AMMINISTRAZIONE GENERALE Gestione dell'archivio nei locali provinciali. Gestione conferimenti in outsourcing. Assistenza alla società Plurima Numero conferimenti effettuati presso l'ente o in outsourcing. Numero di accessi all'archivio. 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Centralino A1P09 n 9 - Protocollo e altri servizi generali di supporto difficoltà 90 Gestione del centralino della Provincia Copertura del servizio negli orari istituzionali 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Servizio autisti A1P09 n 9 - Protocollo e altri servizi generali di supporto difficoltà 90 Gestione autisti provinciali. gestione delle prenotazioni con riduzione del numero delle ore a recupero 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Servizio relazioni con l'utenza (portineria)/uscieri A1P09 n 9 - Protocollo e altri servizi generali di supporto difficoltà 90 Monitoraggio accessi al palazzo; svolgimento commissioni su richiesta dei settori; uscite per festività e ricorrenze N. accessi al palazzo registrati; n. commissioni effettuate; n. uscite effettuate 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 11 di 208

12 Organi Istituzionali Codice Responsabile PRGA2 Organi Istituzionali MARCUZZI PAOLO Descrizione A2P02 n 2 - Giunta difficoltà 60 Organi Istituzionali - attività a supporto degli organi istituzionali e in quelle proprie della Segreteria dell Ufficio di Presidenza e Giunta. - gestione delle funzioni di Segreteria di Presidenza della Provincia, e dell Esecutivo e tutte quelle pubbliche relazioni attinenti alla vita di rappresentanza ufficiale; - - cura dell immagine ed i rapporti con gli organi di stampa. - organizzazione di riunioni, convegni ed incontri (in e fuori sede), - l organizzazione di missioni, trasferte e momenti di rappresentanza proprie dell Ente. - Mantenere il raccordo con i singoli assessorati per gli adempimenti conseguenti alle decisioni dell organo esecutivo e consiliare. - cura degli adempimenti, previsti dalla normativa vigente, in tema di indennità di funzione, aspettative e permessi. Responsabili 1 Segreteria di Presidenza e attività di rappresentanza del Presidente A2P02 n 2 - Giunta difficoltà 60 Attività di segreteria del Presidente; attività di rappresentanza; organizzazione riunioni, eventi, conferenze stampa; organizzazioni missioni; Attività di segreteria del Presidente; attività di rappresentanza; organizzazione riunioni, eventi, conferenze stampa; 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Gestione risorse finanziarie esecutivo A2P02 n 2 - Giunta difficoltà 60 Acquisizione beni e servizi per l'esplicazione dell'attività della Giunta Provinciale. Numero determinazioni adottate 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 12 di 208

13 Organi Istituzionali 3 Gestione delibere Giunta A2P02 n 2 - Giunta difficoltà 60 Assistenza giuridico-amminstrativa all'organo. Raccolta proposte, numerazione delibere e pubblicazione delle stesse presso l'albo Pretorio e portale. Gestione argomenti in discussione. Numero sedute, numero deliberazioni adottate 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Gestione status giuridico Presidente e Assessori A2P02 n 2 - Giunta difficoltà 60 Corresponsione indennità di funzione, rimborsi ed oneri dei componenti l'esecutivo provinciale. Numero pratiche gestite 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 13 di 208

14 Gestione risorse umane Codice Responsabile PRGA3 Gestione risorse umane MARCUZZI PAOLO Descrizione A3P01 Gestione risorse umane Gestione risorse umane Monitoraggio dei tempi dedicati dal personale allo sviluppo dei singoli progetti Responsabili 1 monitoraggio trimestrale dei tempi impiegati per ciascun progetto A3P01 Gestione risorse umane monitoraggio trimestrale dei tempi impiegati per ciascun progetto monitoraggio trimestrale dei tempi impiegati per ciascun progetto 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 14 di 208

15 Gestione Economico - Finanziaria e zione Codice Responsabile PRGB1 Gestione Economico - Finanziaria e zione MOSCA GIORGIO Descrizione B1P06 Fondo Provinciale di Garanzia difficoltà 50 Gestione Economico - Finanziaria e zione Gestione fondo provinciasle di garanzia Responsabili Descrizione B1P01 n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Gestione Economico - Finanziaria e zione - Gestione delle entrate tributarie e dei canoni. - Assolvimento degli obblighi fiscali quali versamento entro le scadenze di legge delle ritenute operate e del debito IVA; compilazione e presentazione (direttamente o mediante intermediario abilitato) delle seguenti dichiarazioni: mod. 770, mod. Unico per IVA e IRAP. - Regolare tenuta della contabilità IVA (fatturazione attiva, tenuta registri, ecc.). Responsabili 1 Gestione entrate derivanti da imposte, tasse, tributi e canoni - B1P01 n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Incasso delle entrate con monitoraggio andamento introiti/previsioni, verifica incassi competenza altri settori, attivazione procedure di incasso (2 sottoattività), eventuale adozione provvedimenti sanzionatori per omissione o tardività versamenti Incasso delle entrate con monitoraggio andamento introiti/previsioni, verifica incassi competenza altri settori, attivazione procedure di incasso (2 sottoattività), eventuale adozione provvedimenti sanzionatori per omissione o tardività versamenti. 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 15 di 208

16 Gestione Economico - Finanziaria e zione n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Gestione entrate derivanti da imposte, tasse, tributi e canoni - Gestione altre entrate: COSAP (incluse strade regionali), sovraccanoni per grandi derivazioni d'acqua, tributo e contributo gestori discariche, oltre alla collaborazione con i settori dell'ente per l'incasso delle entrate ad essi riferibili. Responsabile inizio obiettivo 01/01/2004 fine obiettivo 31/12/2004 difficoltà Avvenuta attivazione della procedura per l'incasso (relativamente a COSAP e ai sovraccanoni per grandi derivazioni d'acqua) in collaborazione rispettivamente con l'ufficio concessioni e l'ufficio risorse idriche. Avvenuto introito delle altre entrate di competenza dei vari settori. n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Gestione entrate derivanti da imposte, tasse, tributi e canoni - Adozione provvedimenti sanzionatori per omessi o tardivi versamenti. Responsabile inizio obiettivo 01/01/2004 fine obiettivo 31/12/2004 difficoltà Verifiche su ogni tipo di tributo della tempestività dei versamenti, eventuale emissione di provvedimenti sanzionatori sui ritardati od omessi versamenti, incasso delle eventuali sanzioni. n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Gestione entrate derivanti da imposte, tasse, tributi e canoni - Incasso tributo funzioni protezione igiene ambientale, IPT, imposta assicurazioni e addizionale Enel Responsabile inizio obiettivo 01/01/2004 fine obiettivo 31/12/2004 difficoltà Avvenuta verifica e monitoraggio dell'andamento degli incassi rispetto alle previsioni di bilancio e agli incassi degli esercizi precedenti B1P01 2 Pagamento di imposte, tasse e tributi - assolvimento degli obblighi fiscali - regolare tenuta della contabilità IVA - n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Versam ICI e ritenute erariali, redaz dichiarazioni fiscali (770, Unico, IVA, sostituti di'imposta), fatturazione, tenuta registri relativi, versamenti IVA. Rimb. IPT, COSAP, TARSU, versam a Regione 90% COSAP su regionali e tributo gestori discariche mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 16 di 208

17 Gestione Economico - Finanziaria e zione Versam ICI e ritenute erariali, redaz dichiarazioni fiscali (770, Unico, IVA, sostituti di'imposta), fatturazione, tenuta registri relativi, versamenti IVA. Rimb. IPT, COSAP, TARSU, versam a Regione 90% COSAP su regionali e tributo gestori discariche 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Pagamento di imposte, tasse e tributi - assolvimento degli obblighi fiscali - regolare tenuta della contabilità IVA - Versamento alla Regione Piemonte del 90% del canone COSAP su strade regionali e del tributo gestori discariche. Effettuazione di rimborsi, sgravi e restituzione tributi e proventi diversi. Responsabile inizio obiettivo 01/01/2004 fine obiettivo 31/12/2004 difficoltà Regolare effettuazione delle operazioni di rimborso per IPT COSAP e TARSU, dietro richiesta del contribuente o d'uffico ove del caso. Versamento trimestrale alla Regione del 90% degli introiti del tributo gestori discariche. Per quanto riguarda il versamento alla Regione del 90% dell'incassato COSAP, si attendono disposizioni dalla Regione stessa. n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Pagamento di imposte, tasse e tributi - assolvimento degli obblighi fiscali - regolare tenuta della contabilità IVA - Tenuta della contabilità IVA: fatturazione, tenuta registri, dichiarazioni, ecc. Responsabile inizio obiettivo 01/01/2004 fine obiettivo 31/12/2004 difficoltà Regolare emissione delle fatture, tenuta dei registri (fatture, corrispettivi, tirature), versamenti trimestrali (se dovuti) e saldo annuale, dichiarazione annuale. n 1 - Gestione imposte, tasse, tributi e canoni difficoltà 100 Pagamento di imposte, tasse e tributi - assolvimento degli obblighi fiscali - regolare tenuta della contabilità IVA - Assolvimento degli obblighi tributari e fiscali. Redazione e presentazione delle relative dichiarazioni Responsabile inizio obiettivo 01/01/2004 fine obiettivo 31/12/2004 difficoltà Pagamento entro le scadenze di legge dell' ICI, versamento delle ritenute erariali (in collaborazione con l'ufficio personale per quanto riguarda dipendenti, amministratori e Co.Co.Co.). Compilazione della parte di competenza del mod. 770, mod. Unico e delle certificazioni dei sostituti d'imposta ai sensi art. 7 bis DPR 600/73. mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 17 di 208

18 Gestione Economico - Finanziaria e zione Descrizione B1P02 n 2 - Predisposizione e gestione bilanci, rendiconti e P.E.G. Difficoltà 180. Gestione Economico - Finanziaria e zione - Attività programmatoria e finanziaria della Provincia (bilancio di previsione annuale, pluriennale, relazione previsionale e programmatica, P.E.G.) ; - Monitoraggio dei flussi ai fini del rispetto del Patto di Stabilità interno; - Gestione (PEG, rilascio dei dovuti pareri ed attestazioni sugli atti di gestione dei dirigenti o degli organi collegiali ove previsto); - Attività di rendicontazione (conto del bilancio, certificati al bilancio ed al rendiconto, patto di stabilità, altri rendiconti eventualmente dovuti su specifiche attività o settori); - Rapporti con organi esterni la cui attività è riferibile precipuamente al progetto in discorso (soprattutto il Collegio dei Revisori). Responsabili 1 Attività programmatoria: redazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale, relazione previsionale e programmatica e PEG. B1P02 n 2 - Predisposizione e gestione bilanci, rendiconti e P.E.G. Difficoltà 180. Predisposizione budget analitico entro fine ottobre, predisposizione schemi definitivi di bilancio e PEG (dati numerici) entro fine novembre, approvazione bilancio di previsione entro fine dicembre. Predisposizione budget analitico entro fine ottobre, predisposizione schemi definitivi di bilancio e PEG (dati numerici) entro fine novembre, approvazione bilancio di previsione entro fine dicembre. 01/07/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Predisposizione del rendiconto della gestione (conto del bilancio, conto del patrimonio, conto economico, prospetto di conciliazione) e della collegata relazione B1P02 n 2 - Predisposizione e gestione bilanci, rendiconti e P.E.G. Difficoltà 180. Tenuta quotidiana rilevaz contabili in partita doppia, riaccertam residui, scritture di assestam e compilaz prospetto di conciliazione nel corso dei mesi aprile/maggio, predisposiz. in tempo utile per l'approvaz. del consuntivo entro 10 aprile). Tenuta quotidiana rilevaz contabili in partita doppia, riaccertam residui, scritture di assestamento e compilazione prospetto di conciliazione nel corso dei mesi marzo in tempo utile per l'approvazione del consuntivo entro il 10 aprile 15/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/05/2004 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 18 di 208

19 Gestione Economico - Finanziaria e zione 3 Gestione del Bilancio e del PEG (variazioni in corso d'esercizio e utilizzo del fondo di riserva) e monitoraggio sia ai fini della permanenza degli equilibri di bilancio che dei flussi di cassa per il rispetto del Patto di stabilità interno B1P02 n 2 - Predisposizione e gestione bilanci, rendiconti e P.E.G. Difficoltà 180. Gestione di Bilancio e PEG con la predisposizione di variazioni sulla base di richieste motivate degli uffici, prelevamenti dal fondo di riserva, verifica sullo stato degli accertamenti; supporto e collaborazione con il Collegio dei Revisori. Gestione di Bilancio e PEG con la predisposizione di variazioni sulla base di richieste motivate degli uffici, prelevamenti dal fondo di riserva, verifica sullo stato degli accertamenti; supporto e collaborazione con il Collegio dei Revisori. 01/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 Descrizione B1P03 n 3 - Contabilità economica e controlli interni. Difficoltà 170 Gestione Economico - Finanziaria e zione - Predisposizione del conto del patrimonio, del conto economico e del prospetto di conciliazione; - Rilevazioni contabili con il metodo della partita doppia (propedeutiche per la redazione dei documenti di cui al punto precedente) e ai rapporti con il Collegio dei Revisori dei Conti per le problematiche inerenti tale attività; - Rilevazioni, oltre che in contabilità finanziaria ed economica, anche in analitica oltre che alla gestione dei buoni d ordine; - Predisposizione, su indicazione del Direttore Generale, di report periodici (nel corso dell esercizio scorso trimestrali) sullo stato di attuazione dei programmi/progetti e sui livelli di spesa, utili ai fini del controllo di gestione ed alla verifica del rispetto del piano degli obiettivi da parte del Direttore. - Predisposizione e gestione di una reportistica di budget (che utilizza una logica per processo) con le seguenti caratteristiche: a) articolazione per centri di costo / ricavo funzionali che corrispondono alla struttura organizzativa b) suddivisione di ogni centro in attività e progetti c) individuazione per ogni capitolo di entrata e di spesa del centro di responsabilità (gestione decisionale) e del relativo centro di spesa/centro di ricavo (attuazione della decisione) L imputazione dei costi e dei ricavi avviene nel rispetto i seguenti principi: 1. nel momento in cui si conoscono con certezza le voci di costo / ricavo e il centro di costo / ricavo; 2. l'imputazione dovrà avvenire comunque il più celermente possibile, ossia dovrà essere tempestiva (nel rispetto sempre del primo principio) e ciò è attuabile con l utilizzo dei "buoni d ordine"; - Partecipazione allo User Group per il Controllo di Gestione con la società di software che attualmente fornisce il programma di contabilità. Responsabili 1 Contabilità economica: rilevazioni quotidiane dei fatti di gestione con il metodo della partita doppia mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 19 di 208

20 Gestione Economico - Finanziaria e zione attraverso registrazioni concomitanti alla contabilizzazione finanziaria. Verifiche a campione della corretta imputazione nei conti di economica. B1P03 n 3 - Contabilità economica e controlli interni. Difficoltà 170 Registrazioni quotidiane; acquisizione dei dati complessivi dell'esercizio necessari per la predisposizione del conto economico. Registrazioni quotidiane avendo cura di verificare l'indicazione delle causali per il corretto utilizzo dei conti di economica ; acquisizione dei dati complessivi dell'esercizio necessari per la predisposizione del conto economico. N note registrate/anno/trimestre 15/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/ Contabilità analitica e controlli interni. Predisposiz. budget e registraz. contabili quotidiane anche in contab. analitica con imputaz. sul corretto centro di costo/centro elementare, conto/sottoconto. Gestione dei buoni d'ordine. B1P03 n 3 - Contabilità economica e controlli interni. Difficoltà 170 Registrazioni in contabilità analitica in modo da consentire la predisposizione di report periodici necessari al Direttore Generale per la valutazione sullo stato di attuazione del Piano degli obiettivi. Registrazioni in contabilità analitica in modo da consentire la predisposizione di report periodici necessari al Direttore Generale per la valutazione sullo stato di attuazione del Piano degli obiettivi. 15/01/2004 Tempificazione : fine attività obiettivo 31/12/2004 Descrizione B1P04 n 4 - Gestione movimenti contabili. Difficoltà 120 Gestione Economico - Finanziaria e zione - Regolare registrazione degli atti di gestione sotto il profilo finanziario ed economico-patrimoniale. Responsabili 1 Caricamento impegni e accertamenti controllando la regolarità di imputazione a bilancio e di attribuzione del fattore produttivo, del centro di costo e del centro elementare di costo. B1P04 n 4 - Gestione movimenti contabili. Difficoltà 120 mercoledì 31 marzo 2004 Pagina 20 di 208

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

PIANI PROGRAMMA 2008

PIANI PROGRAMMA 2008 PIANI PROGRAMMA 2008 ASSEMBLEA LEGISLATIVA E.R. 2 DIREZIONE GENERALE... 9 PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DEI RISULTATI...11 Scheda S698 Bilancio annuale di previsione, variazioni di bilancio

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE Come tutte le organizzazioni, le pubbliche amministrazioni, sono caratterizzate da un obiettivo da raggiungere: soddisfare i bisogni

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli