STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE"

Transcript

1 STUDIOPRELIMINAREDELPROGETTO DISVILUPPOTURISTICOETERRITORIALE FIEMMEACCESSIBILE FiemmeAccessibile 1 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

2 INDICE pag. 1.PREMESSA 3 2.ILTURISMOACCESSIBILE 4 2.1ILTARGETVISTODAVICINO 5 2.2SPORTEDIVERSAABILITA'INVALLEDIFIEMME 7 2.3CONSIDERAZIONISULTARGET 8 3.ILPROGETTO OBIETTIVIGENERALIDI"FIEMMEACCESSIBILE" AZIONIOPERATIVEDAREALIZZAREPERRAGGIUNGEREGLIOBIETTIVI 14 4.LERICADUTESULTERRITORIODELLAVALLEDIFIEMME 16 5.SOGGETTICOINVOLTIELOSTRUMENTODIGESTIONE 17 6.DALL'IDEAALPROGETTODEFINITIVO 18 FiemmeAccessibile 2 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

3 1. PREMESSA LaVallediFiemmetrovanelturismounadelleprincipalifontidiricchezzadelterritorio.Ciòètestimoniato dalla grande disponibilità di strutture ricettive, alberghiere e non, con circa posti letto (escluse seconde case) e dal numero di addetti che annualmente sono impegnati, direttamente o indirettamente, all'internodiimpreseconnesseconilcomparto. Si tratta dunque di una di una destinazione affermata ed apprezzata: le caratteristiche ambientali ed un lavoro accurato e prolungato degli operatori ha permesso di conquistare nuovi target di clientela e di rafforzarelapropriapresenzasulmercatonazionaleedinternazionale. Oggi la Valle di Fiemme ha un ulteriore elemento di forte attrattiva nello Sport che ha permesso ad un vastopubblicodiappassionatidiconoscereegoderedellenumeroseopportunitàpresenti. Loscidifondoedadiscesa,l alpinismo,ilciclismo,iltrekking,ilsaltoconglisciel equitazione sonosolo alcunedellediversedisciplinechetrovanospazioneinumerosiimpianti,naturalieartificiali,echeattirano un grande numero di sportivi. L'immagine della Valle è fortemente legata anche agli eventi sportivi (Marcialonga, Mondialidi SciNordico, Garedi Coppa del Mondo,etc.)chehannocontribuitoarafforzare ulteriormentel'immaginediunterritorioaforte vocazionesportiva. LosportèquindinelDNAdiquestoterritorio.Ciòètestimoniatoanchedallafortepresenzadiassociazioni sportive e comitati organizzatori che operano con passione ed energia per la realizzazione di appuntamentidi grande importanzasportiva,mediatica edialto valoresocio culturale. Dunque,esiste in Valle una diffusa risorsa volontariato che può essere mobilitata e che rappresenta un elemento di straordinariaforza. La vocazione turistica e sportiva ha portato ad un progressivo miglioramento dell offerta ricettiva e della qualità dei servizi, organizzati e strutturati per soddisfare le diverse esigenze dei target di clientela. Un'offertachesièquindiprogressivamentequalificataespecializzataechericercacostantementenuove opportunità. Allo scopo ApT Valle di Fiemme ha inteso sviluppare dei progetti capaci di valorizzare quegli elementi potenziali del territorio, ad oggi ancora totalmente o parzialmente inespressi, in grado di rafforzare ulteriormente il sistema ed inserire le aziende in nuovi mercati. Nel fare ciò, costante attenzione è stata riservata all'identità territoriale e alla ricerca della qualità, affinché quel graduale processo di crescita potesseesseregarantito. FiemmeAccessibile 3 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

4 Tenuto conto di tali valori si è voluto elaborare un progetto capace di creare di un prodotto turistico innovativodaproporreadunmercatopotenzialmenterilevante edinespansione.da quinasce Fiemme Accessibile, un progetto territoriale di turismo accessibile che ha l obiettivo di coinvolgere un intera destinazioneturistica. 2.ILTURISMOACCESSIBILE Per Turismo Accessibile solitamente si intende l insieme di servizi e strutture in grado di permettere a persone con caratteristiche ed esigenze differenti la fruizione della vacanza e del tempo libero senza ostacoliedifficoltà. Rientranoall internodiquestoinsiemelepersonecon: Diversaabilitàfisica Diversaabilitàintellettiva Esigenzedieteticheparticolari Problematichelegateadallergie Etàavanzata(terzaetà) Sitrattadipersonechefrequentementedesideranoviaggiareeconoscerenuoverealtà,entrareincontatto conaltreculture,praticaredisciplinesportive,apprezzareprodottieno gastronomici,rilassarsiinmezzoalla natura,etc. Proprio come avviene per tutti i target di clientela è necessario proporre una gamma di servizi mirati, in gradocioèdisoddisfareleaspettativeedicreareunambienteaccogliente,graditoall ospite. Nonbastaquindimettereadisposizioneunastrutturaricettiva,somministrarepasti,organizzareiniziative, etc. ma si rende necessario disporre di particolari elementi architettonici, di opere di sbarrieramento, di alimentazionecontrollata,ditrasportispeciali,etc.tuttociòèchiaramentedeterminatodaltargetedalle esigenzespecifichechepossonoessererichiestedall ospite. Appare inoltre opportuno ricordare come l accessibilità di un territorio e delle sue strutture non è una questionecheriguardasololepersonecondisabilitàemenchemenosolopersonecondisabilitàmotoria.il tema dell accessibilità soddisfa le esigenze più complesse e riguarda sia la vasta gamma degli ospiti con bisognispecialisial insiemedellapopolazione. FiemmeAccessibile documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo 4

5 2.1IlTargetvistodavicino Neltentativodipresentareinmanierasufficientementechiaralacomposizionedeltargetdiriferimentosiè reso necessario attingere informazioni da numerose fonti e procedere quindi ad una rielaborazione dei dati. Neconseguecheidatidiseguitoriportatinonpossonoessereconsideraticomeundatostatisticoassoluto, ancorchésianostatidebitamenteponderatiesianopresumibilmenteassaiviciniallarealtà,maintendono rappresentareunulterioreelementodiriflessionesucuifondareilprogetto. Secondoquantoriportatodall ENAT(ReteEuropeaperilTurismoAccessibile)inEuropa,cosìcomeinaltri parti del mondo, esiste ancora oggi un elevato divario tra le esigenze di accessibilità e le condizioni di accessibilità. La stessa ENAT sottolinea come il mercato potenziale per il turismo accessibile in Europa vienestimatoincirca130milionidipersone,conunpoteredispesaannualedioltre68miliardidieuro. AlivelloItalianosistimacheilmercatodelturismoaccessibilesiadicirca10milionidipersone All internoditalemercatorientranoicirca3milionidipersonediversamenteabili.diqueste,circail60%è affettodadisabilitàfisicamentreil25%dadisabilitàmentaleopsichica. Osservandolapopolazionediversamenteabilefisicasiosservacomeinquasiil70%deicasi,pariacirca2,1 milionidicasi,sitrattadipersonenormodotatechesonodiventatediversamenteabiliacausadiincidenti. E questounaspettochedeveessereconsideratopoichéinfluiscenotevolmentesulleesigenzeesuiservizi richiesti.e'infattigeneralmentediffusauna ricercaeaffermazionedellanormalità chesimanifestaanche nellaricercadioccasionipermanifestarela propriapienaautonomia. FiemmeAccessibile 5 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

6 In tal senso sembra la pratica di discipline sportive assume, per il diversamente abile, un valore primario comefattoredirecuperofisico,funzionaleesocialequindielementodiinclusioneedipartecipazionealla vitacomunitaria. Si stima che quasi il 65% pratichi qualche attività sportiva e si sottolinea come il nuoto sia quelle generalmente più diffusa, anche in virtù della valenza educativo riabilitativa che possiede. Tuttavia non mancano altre discipline quali il ciclismo, l equitazione, lo sci ed altri sport che impegnano giornalmente migliaiadiappassionati. Inoltrelaculturadelbenessereel attenzioneallapropriasalutesonosemprepiùdiffuseancheinpresenza deidatidi invecchiamento dellapopolazione. Perquantoconcernelafrequenzaundatoaggiornatoesignificativoèfornitodaun indaginecondottadalla ASLdiVarese,chemette inevidenzacomecircail52%degliintervistati(campionedicirca1000persone) svolgaattivitàsportivaalmeno1orainsettimana,il33%almeno2oreinsettimana,il14%almeno3orein settimana. Tali dati, suscettibili di alcune variazioni a livello nazionale, ci aiutano a comprendere come lo sportvengapraticatoconunacertacontinuità. Selosportsembraquindiessereentratoafarpartedellavitaquotidianadeidiversamenteabiliciònon sempreèveroperl'abitudineaviaggiare. Daidatidisponibiliemergecomesianoquasi2milioniidiversamenteabiliinItaliaaviaggiareconunacerta regolarità. Si segnala inoltre come esiste un altro 1 ½ milione di persone che sarebbe disponibile a viaggiare,semessanellecondizionidifarlo. Riferendociesclusivamenteall Italiasignificacirca3e½milionidipersone. Consultando una ricerca specifica sulla tematica del turismo accessibile, si osserva come il target sia tendenzialmente costituito da persone che svolgono attività lavorativa, che hanno quindi una certa capacitàdispesa,frequentementeimpiegatipressoaziendeoinsegnanti. Per quanto concerne la provenienza territoriale si nota come quasi il 50% di questi viaggiatori risieda nel NordItalia. FiemmeAccessibile 6 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

7 2.2SPORTEDIVERSAABILITA INVALLEDIFIEMME LaVallediFiemmerealizza,grazieall associazionesportabili,diverseiniziativeedattivitàrivolteasoggetti diversamente abili. Vi è quindi un offerta che intercetta oggi una piccola parte della domanda di turismo accessibile. NeltentativodifornireunquadrocompletocircailtargetoggipresenteinVallesiècondottaun indagine suisocidell associazione(campionedi200persone),conparticolareattenzioneaglielementiconnessialla sferaturistica.diseguitosipropongonoalcuneconsiderazioniritenuteparticolarmentesignificative. SportAbilie le attivitàsvolte:l Asssociazioneoperatutto l anno,offrendoattivitàsiadurante lastagione estiva che invernale. La domanda appare tendenzialmente distribuita su entrambe le stagioni, con una leggera prevalenza a favore di quella invernale 54%. L associazone non effettua particolari azioni di comunicazioneeladomandavieneintercettataattraversoilsemplicepassaparola. Tipologiadiattivitàrichiestadaltarget:perlastagioneinvernaleparticolarmentegraditasembraesserela praticadelloscichevedecoinvoltocircail98%delcampione.ciòdipendeanchedallapresenzadidiversi impianti di risalita sbarrierati e dalle possibilità offerte da SportAbili che fornisce materiale tecnico specifico.perquantoriguardalastagioneestivacircal 80%delcampioneèsolitopraticareescursioni,l 8% equitazioneedil6%tiroconl arco. ProvenienzaTerritoriale:dall indagineemergecomel associazionesiaoggiingradodicoinvolgerepersone provenientidadiversiambititerritoriali,conparticolareriferimentoaquelloextraprovinciale(quasiil77% delcampioneprovienedafuori provincia).laprovenienza èquindibendistribuitatralediverseprovince delcentro norditalia. Accompagnamento: dall indagine emerge come nessuno degli ospiti viaggi da solo. Solamente il 10% del campione è accompagnato da 1 solo accompagnatore, un 45% viaggia con 2 accompagnatori ed un altro FiemmeAccessibile 7 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

8 45%con3opiùaccompagnatori.Taledatopotrebbetornareutileperstimareilvolumeturisticogenerato sulterritorio. Durata della Vacanza: appare innanzitutto opportuno precisare che al momento l Associazione non propone, per ragioni di sicurezza, attività della durata di una singola giornata. Per entrambe le stagioni risulta essereparticolarmentegraditoilweekendlungo(5gg 4notti)cherappresenta lasceltadicircail 58% del campione per la stagione estiva e del 80% per quella invernale. Per la stagione estiva si segnala inoltrecomeil24%delcampionetrascorrainvalleunperiododicirca15gg. Tipologiadistrutturaricettiva:ladomandasiconcentrasullestrutturealberghierepercircail98%,solo il 2%inappartamento.Lacategoriaalberghierapiùgettonataèlastruttura3*.Talesceltadipendesiadauna maggiorepresenzasulterritoriodistrutture di talecategoria chedallapresenzadiservizi edattrezzature specifichenonriscontrabilinei2*. Servizi Graditi: alla domanda quale servizio apprezzi particolarmente? l ospite segnala la presenza del servizioditrasportoeffettuatotramiteilpulminoattrezzatodell associazione.ingeneralevieneapprezzata ognipiccolaattenzionecherendespecialelavacanza. Certamente tali indagini potranno essere implementate ed approfondite in occasione della stesura del progetto definitivo ma si ritiene possano ugualmente fornire un quadro d insieme circa il mercato di riferimentoacuisiriferisceilprogetto. 2.3CONSIDERAZIONISULTARGET Iltargetpotenzialedelprogetto FiemmeAccessibile appareampioed interessante enon è casuale che alcuni operatori di vari ambiti si siano progressivamente interrogati circa le possibilità e le modalità più efficaciperinterfacciarsiconiltargetstesso. Allo stato attuale si registra un numero crescente di iniziative mirate che hanno portato ad un consolidamentodelladomandaealladiffusionediazionidimarketingspecifico. In particolare si nota la nascita di portali di informazione specifica accompagnati da servizio booking, la diffusionediblogeforum,ladefinizionedinuovesoluzionieservizidiofferta,fiereeconvegnitematici, tuttielementichenonfannoaltrocheconfermarel importanzadiquestomercato. FiemmeAccessibile 8 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

9 Tale attenzione è sicuramente dettata dalla accresciuta sensibilità degli operatori ma vi è anche la consapevolezza di come il Turismo Accessibile possa diventare una fonte di lavoro, di promozione economicaedireddito. FiemmeAccessibile 9 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

10 3.ILPROGETTO Ilprogetto FiemmeAccessibile intendeattivareun processo,articolatoinfasiprogettuali,perfaredella Valle di Fiemme una destinazione turistica capace di affrontare in maniera sistemica il tema dell accessibilità. La proposta vuole assumere la valenza di progetto pilota capace monitorare l esistete e di produrre cambiamenti con azioni ed iniziative mirate e condivise dai soggetti coinvolti fin dalla fase progettuale; capace anche di generare indotto economico sulle imprese locali e diventare, al contempo, punto di riferimentoperaltriambitichevorrannoconfrontarsiconlatematica. Si tratta di un progetto fortemente innovativo che intende proporre un ottica diversa e completare la gammad offertadelsistematuristicotrentino. CONSIDERAZIONIALLABASEDELPROGETTO IlTrentino,sebbenesia estremamenteattentoallenuoveopportunitàedainuovimercati,nonhaancora approcciato, in maniera organica, il target della diversità, in particolare della diversa abilità. Va ricordato che il tema del Turismo Accessibile può risultare una sfida stimolante ma, per essere affrontato correttamente, richiede l acquisizione di concetti ed elementi specifici che difficilmente possono essere improvvisati echecostituisconounabasepropedeuticairrinunciabile. Perciò la fase iniziale del progetto è molto importante perché fornisce elementi di conoscenza, motiva al fare condiviso e all ottica di sistema e permette di costruire le fasi successive in maniera coerente ed incisiva. La Valle di Fiemme, rispetto ad altri ambiti provinciali e nazionali, ha delle caratteristiche che possono facilitarel accoglimentodelprogettoelasuarealizzazione: Èconsideratacomemetaturisticaalivellonazionaleedinternazionale Godediun ottimacredibilitàperlaqualitàdeiservizituristicierogati; E fortementeapprezzataperlapossibilitàdipraticarenumeroseattivitàsportive; Disponedinumerosiimpiantisportivigiàsbarrieratistrutturalmente; Offrealcuniserviziparticolarmentegraditialtargetdeidiversamenteabili; FiemmeAccessibile 10 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

11 Vedeoperaresulterritoriol associazionedisportabilicheoffreunavastagammadiservizimirati; E presenteunaforteretesociale solidaleterritoriale; Ha ospitato 3 gare di Coppa del Mondo (anno 2005) e manifesta l interesse ad ospitare ulteriori appuntamentiecompetizionidilivellointernazionale Vièlavolontàdiimportantiattorieconomicidipuntaresuprogettifortieinnovativi; Vi è una certa abitudine del territorio a sposare progetti sperimentali (vedasi certificazione ambientale); E terradisportedospiteràunacompetizionesportivadilivellointernazionaleadelevatacapacità mediaticaqualeilnordicskiwmfiemme2013. La scelta di creare un Progetto di Valle nasce dalla consapevolezza che solo con una offerta mirata e strutturataalivelloterritorialesipossaaccederealmercatoevincereilconfronto. Perciò si è elaborata una strategia generale capace di determinare opportunità per gli operatori e per l interocompartoturistico. Siritieneinoltrecheladefinizionediunprogettoquale FiemmeAccessibile possafavorirelamessain rete e la valorizzazione dei diversi attori del territorio e, al contempo, diffondere una corretta informazionecircailmondodelladiversaabilità. Sinotainfatticomesianoancoradiffusi,all internodellastessacategoriadeglioperatorituristici,stereotipi, luoghi comuni e difficoltà di approccio. Probabilmente ciò nasce da una scarsa o scorretta informazione circa questa categoria di ospiti che viene frequentemente sottovalutata e sottostimata. Per alcuni imprenditori approcciare il diversamente abile significa solamente dover sostenere dei costi gravosi di adeguamentodellestruttureedeiservizi.investimentierroneamenteconsiderati pocoutili chevengono letti in una logica di puro costo beneficio di breve periodo. Si intende quindi far comprendere a questi operatoriche,seèverochepossonoesisteredeicostidiadeguamento,èaltresìverocheglistessipossono essere correttamente ammortizzati in presenza di un adeguata domanda turistica e diventare fonte di business. Tuttavia deve essere chiaro che intercettare questa domanda diventa pressoché impossibile se l imprenditore non conosce il target di mercato, le sue caratteristiche ed esigenze, non elabora una strategiaefficaceesilimitaadoffrireil sempliceservizio anzichéstrutturareunaveraepropriaofferta. FiemmeAccessibile 11 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

12 Il progetto Fiemme Accessibile intende lavorare con l intera Valle di Fiemme, al fine di rafforzare la capacitàdiinteragireconquestacategoriadiospitiecaratterizzarsiperun offertadiqualitàchesoddisfii molteplicibisognideituristidiversamenteabili. 3.1OBIETTIVIGENERALIDI FIEMMEACCESSIBILE Gliobiettivichesiintendeperseguireall internodelprogetto FiemmeAccessibile sarannomegliodefiniti esviluppatiall internodelprogettodefinitivo.tuttaviasiproponeunprimoquadroriassuntivo: 1. Costruire un sistema di ospitalità accessibile, ossia una rete di strutture capace di assicurare servizi adeguati al target di clientela: ciò per consentire al territorio di disporre di un insieme di strutturre ricettive, sia dell alberghiero che dell extra alberghiero, in grado di soddisfare le aspettative e le richieste dell ospite. Le strutture saranno censite da personale appositamente incaricato secondo una specifica scheda di rilevazione realizzata grazie al coinvolgimento di associazionioperanticonidiversamenteabilieconespertidelsettoreedile,tenendocontoanche della normativa vigente. Al termine della rilevazione saranno prodotte delle schede report per ognisingolastrutturacheevidenzierannoglielementidamiglioraree/odaintegrare.sullabasedi talidatiaptvalledifiemmepotràgarantireiservizidell offertaricettivaestrutturareunmarchio diqualitàdaconsegnareallestrutturecherisponderannoadeterminatirequisiti. 2. Implementareeconsolidarela reteterritoriale:partendodalpuntoprecedentesiprovvederàad estenderelarilevazioneadaltretipologiadistruttureeservizi.ciòporteràpresumibilmenteaduna revisionedellascheda.particolareattenzionesaràrivoltaall accessibilità: a. deiserviziprimari, b. deiserviziedellestrutturepubbliche c. degliesercizicommercialiedipubblicoesercizio d. degliimpiantisportivi e. etc. Anche in questo caso saranno realizzate delle schede report che saranno consegnate ai soggetti coinvolti. Il tavolo di coordinamento andrà quindi ad interfacciarsi con l intero territorio individuandolemodalitàoperativepiùefficaciperfavorirelacreazionediaccorditraidiversiattori. FiemmeAccessibile 12 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

13 Ogni stakeholders sarà quindi responsabilizzato e contattato per concorrere all implementazione delsistemad offerta. 3. Favorire la corretta informazione sul tema della diversa abilità: si intende promuovere delle situazionidiinformazione formazionerivolteaglioperatoridelsettoreturisticocircailmondodella diversa abilità: approfondimenti ed analisi di casi specifici su aspetti di turismo accessibile(scelta dell ospite, richieste e aspettative, tipologie di servizi maggiormente richiesti, etc.) e informazioni circalesoluzionitecnicheesistenti. 4. Certificare Nordic Ski WM Fiemme 2013 come Evento Accessibile : si intende cogliere l opportunitàdiquestoimportanteeventopersottoporreall attenzionediunvastissimopubblicoil progetto intrapreso dalla Valle di Fiemme. Si provvederà quindi ad individuare le modalità ed il soggettoingradodicertificarel eventocome EventoAccessibile,presidiandolediversefasiegli interventi finalizzati all ottenimento del marchio. Una volta ottenuta la certificazione, che sicuramente coinvolgerà parte del territorio, la Valle disporrà un unicum da spendere sia in termini di promozione turistica che per l ottenimento di altre manifestazioni sportive anche di carattereinternazionale. 5. Certificare la Valle di Fiemme come Territorio Accessibile : obiettivo generale del progetto è quellodiriconoscerel interavallecomeambitoturisticoaccessibile.ciòpuòessereperseguitosolo attraverso l estensione di quanto intrapreso al precedente punto andando ad operare ulteriori adattamentiestepsdiavanzamento,producendoazionimirateaisingolielementid offertainserite comunqueinunavisiongeneraleedinunprogettocomplessivo. 6. Definire azioni di promo commercializzazione a supporto delle iniziative e del progetto: il progetto necessita di essere supportato con azioni di promo commercializzazione mirate ed adeguate. Allo scopo si provvederà a studiare un piano di comunicazione che terrà conto degli interlocutoridirettispecificimaanchedelpotenzialetargetcomplessivo. FiemmeAccessibile 13 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

14 3.2AZIONIOPERATIVEDAREALIZZAREPERRAGGIUNGEREGLIOBIETTIVI Si riporta un quadro generale preliminare delle azioni che si intende realizzare per il raggiungimento dei singoliobiettivi. N OBIETTIVI N AZIONIMIRATE 1 costruireunsistemadi ospitalità accessibile,ossiaunaretedistrutture capacediassicurareserviziadeguatial targetdiclientela 1 coinvolgereleassociazionioperanticonidiversamente abilieconespertidelsettorecostruttivo 2 definirelaschedadirilevamentodellestrutture ricettive 3 pianificarelemodalitàperlarealizzazioneoperativa dellamappaturaterritoriale 4 realizzarelamappaturaeprodurredelleschede sinteticheperognistrutturaricettivaevidenziandogli elementidiintervento.siprovvederàinoltrea realizzarematerialedirendicontazione/sintesi dell'interafasedimappatura(adesempio:guida) 5 creareediffondereil"marchio"diqualitàperle strutturericettive 6 verificarelapossibilitàdicreareunalbergo completamentesbarrierato,ossiaprogettatoadhoc pergarantireservizidialtaqualitàecapacedi rapportarsiaidiversitargetdiclientelapotenziale 7 visitareeanalizzarestruttureeprogettianaloghigià realizzatiinaltricontesti(es:valled'aostaepiemonte) 8 individuaremodellieopportunitàperincentivaregli operatoriadadattarelestrutturefinalizzandoleal progetto 9 realizzareincontriconglioperatoriperillustrarele difficoltàelerichiestedeitargetnonchéleopportunità chepotrebberoessereintrodotte 2 implementareeconsolidarelarete 1 estenderelamappaturaapubbliciesercizi,strutture pubbliche,impianti,trasporti,etc.secondolemodalità territoriale introdottenellaprecedentefase 2 realizzaremomentidiconfrontoconisingoliportatori d'interesse/categorieperladefinireazionioperative 3 creareediffonderealleanzeedaccordi 3 favorirelacorrettainformazionesultema 1 realizzaremomentidiformazione informazionecon ospitinazionaliedinternazionalisutemidiparticolare delladiversaabilità interesse 2 individuaremodalitàdiinterazioneecoinvolgimento degliistitutiscolasticipresentinell'area 3 condividerelebestpracticesviluppateinaltricontesti 4 certificarenordicskiwmfiemme2013 come EventoAccessibile 1 individuareunsoggettocertificatorepercondividerei contenutidi"fiemmeaccessibile" FiemmeAccessibile 14 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

15 2 progettareilmodellodicertificazione accertamento tenendocontodegliaspettinormativiedeidiversi elementidiattenzione 3 realizzareazionioperativevoltealconseguientodella certificazione 4 conseguimentodellacertificazione 5 certificarelavalledifiemmecome 1 individuaremodalitàvolteafavorirel'estensionedel TerritorioAccessibile progettodicertificazioneall'interoambitoterritoriale 2 realizzareazionioperativevoltealconseguimentodella certificazione 3 conseguimentodellacertificazione 1 elaborazionedaparteditrentinospaeaptvalledi definireazionidipromocommercializzazioneasupportodelle Fiemmediazionivolteallavalorizzazionedelprogetto 6 "FiemmeAccessibile"nonchéallapenetrazionedello iniziativeedelprogetto: stessonelmercato PotrannopoiessererealizzatedelleAzioniTrasversalidisupportoallarealizzazionedelprogetto. FiemmeAccessibile 15 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

16 4.LERICADUTESULTERRITORIODELLAVALLEDIFIEMME Con la realizzazione del progetto Fiemme Accessibile l intero ambito potrà beneficiare di ricadute importanti,quisinteticamenteriportate: 1. implementazione e qualificazione del sistema d offerta turistica, alberghiero ed extra alberghiero, conl introduzionediservizimirati; 2. coinvolgimento,valorizzazioneemessainretedegliattoridelterritorioattraversolacreazioneedil rafforzamentodelleinterazioniecollaborazioni; 3. potenziamentodelleiniziativeedellestrutturegiàpresentioinfasedirealizzazione/adeguamento; 4. integrazionedelprogettoconaltreiniziativeincorsod opera; 5. produzionediun valoreaggiunto,diunprodottoturisticodistintivodaposizionareinunmercato vastoedinteressante; 6. creazione ed ottenimento di certificazioni innovative che valorizzeranno ulteriormente il Trentino Turistico e potranno essere utilizzate sia in azioni di promo commercializzazione sia per la presentazionedieventualicandidaturepereventidicaraturanazionaleedinternazionale; 7. informareesensibilizzaresultemadelladiversaabilità 8. disporrediunprogettopilotachepotrà essere esteso,conledovutecautele,adaltriambitidella provincia; 9. generareindottoeconomicoperl interoterritorio. FiemmeAccessibile 16 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

17 5.ISOGGETTICOINVOLTIELOSTRUMENTODIGESTIONE Per realizzare un progetto territoriale così rilevante appare opportuno coinvolgere diversi attori ed assicurarsilalorofattivacollaborazione.alloscopo,sonostatiesarannoorganizzatimomentidiconfronto per ottenere l adesione di massima all iniziativa e, conseguentemente, concordare con gli stessi attori un insiemediazioni.affinchélavalenzaterritorialedi FiemmeAccessibile possaessereeffettiva,siintende coinvolgere e responsabilizzare i diversi soggetti coinvolti nel progetto attraverso la creazione e sottoscrizionediunprotocollod INTESA. In questa fase si ritiene opportuno limitarsi a segnalare alcuni soggetti che potrebbero far parte dell iniziativaecontribuireallarealizzazionedellastessa.isingolicontributisarannooggettodisuccessivo confrontoedinseritinelcorsodellastesuradellaversionedefinitivadelprogetto. Gliattoridacoinvolgerenelprogetto: AccademiadellaMontagna ApTVallediFiemme ComitatoNordicSkiWMFiemme2013 ComunitàdiValle VallediFiemme AssociazioneAlbergatoriPAT UCTS AssociazioneArtigianiVallediFiemme GuardiadiFinanza VallediFiemme MagnificaComunitàdiFiemme ParcoNaturalePaneveggioSanMartino ConsorziImpiantiafunepresentiinVallediFiemme ConsorzioComuniTrentini CassaRuralediFiemme SportAbiliedaltreassociazioni FiemmeAccessibile 17 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

18 TrentinoSpa AssessoratoalTurismoPAT AgenziaperiMondialiFiemme2013 IsoggetticheaderirannoalprogettopotrannodarevitaadunTavolodiCoordinamento,presumibilmente con un numero ristretto di componenti, che si occuperà di coordinare tutte le attività di Fiemme Accessibile erendicontarelestesseallaretedipartnership. IlTavolosaràaffiancatodaunconsulenteinqualitàdiProductManager. 6.DALL IDEAALPROGETTODEFINITIVO Ilpresentedocumento esplicital ideaprogettualechestaallabasedi Fiemme Accessibile.L ideahagià trovato una condivisione di massima da parte di alcuni soggetti della potenziale rete di partnership; necessita ora di essere tradotta in un progetto definitivo con la descrizione più analitica delle fasi esecutiveedelletempistichecorrispondenti. Si rende quindi opportuno individuare un soggetto committente che condivida e sostenga la proposta, consentendo concretamente l attivazione di quei percorsi ed azioni che determineranno il progetto definitivo. Per la caratterizzazione territoriale di Fiemme Accessibile e per l elemento portante del progetto (fare sistema), il committente dovrebbe essere un organismo Istituzionale con funzioni e ruoli coerenti, quali l AssessoratoProvincialealTurismoolaComunitàdiValledellaVallediFiemme. FiemmeAccessibile 18 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

TRENTINO MONTAGNA ACCESSIBILE

TRENTINO MONTAGNA ACCESSIBILE TRENTINO MONTAGNA ACCESSIBILE TURISMO ACCESSIBILE PREMESSA IN MONTAGNA Il mercato potenziale per il turismo accessibile secondo in Europa viene stimato in circa 130 milioni di persone, con un potere di

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Progetto P.R.I.S.M.A. a cura di Maurizio Piccinetti

Progetto P.R.I.S.M.A. a cura di Maurizio Piccinetti Progetto P.R.I.S.M.A Obiettivi trasversali indicati dall Avviso Pubblico della Provincia di Roma Prevedere un forte raccordo fra i sistemi della formazione, del lavoro e del sociale, al fine di individuare

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

PORTALE WEB DEL TURISMO

PORTALE WEB DEL TURISMO PORTALE WEB DEL TURISMO 1 Novembre 2006 OBIETTIVI L Assessorato al Turismo e Industria Alberghiera della Regione Puglia sta realizzando il portale web di promozione turistica. Il portale è uno strumento

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA MARCHIO OSPITALITA ITALIANA Luglio 2014 A cura di Premessa L indagine di seguito presentata svolta dalla Comitel&Partners per conto

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

, ESERCENTI CAVALESE, RISTORANTE LA STREGONA

, ESERCENTI CAVALESE, RISTORANTE LA STREGONA ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DI FIEMME TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, CONSIGLIERA DI PARITÀ, COMUNE DI CAVALESE, FORUM TRENTINO ASSOCIAZIONI

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Programma di lavoro anni 2014/2015

Programma di lavoro anni 2014/2015 GIUDICARIE ESTERIORI TERME DI COMANO Provincia autonoma di Trento Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili ACCORDO DI AREA PER LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA GIUDICARIE ESTERIORI

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione. MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia

Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione. MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione Bologna, 15 Novembre 2011 MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia IL TURISMO MONTANO IN ITALIA Su circa 370 milioni

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Linee Guida per le informazioni di trasparenza sui siti Internet delle banche

Linee Guida per le informazioni di trasparenza sui siti Internet delle banche Linee Guida per le informazioni di trasparenza sui siti Internet delle banche Convegno Dimensione Cliente a cura di Giustino Trincia _ responsabile dell Ufficio Rapporti con i Consumatori _ ABI Chiara

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

TRENTINO MONTAGNA ACCESSIBILE

TRENTINO MONTAGNA ACCESSIBILE MIND THE ACCESSIBILITY GAP! Rethinking Accessible Tourism in Europe EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENTERPRISE AND INDUSTRY 6 June 2014 Charlemagne Building Bruxelles TRENTINO MONTAGNA ACCESSIBILE

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

La Cets come metodo di lavoro

La Cets come metodo di lavoro Dalla CETS al Qualità Parco : l esperienza di un rapporto positivo tra operatori privati e Pnab 1 1 La Cets come metodo di lavoro La Carta europea del turismo sostenibile 2 progetto reale e condiviso con

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico,

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, nel commercio e nella consulenza strategica per enti pubblici.

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

Documento di lavoro per l incontro ISFOL Sviluppo Lazio rivolto agli operatori del sistema EdA nel Lazio

Documento di lavoro per l incontro ISFOL Sviluppo Lazio rivolto agli operatori del sistema EdA nel Lazio STD Documento di lavoro per l incontro ISFOL Sviluppo Lazio rivolto agli operatori del sistema EdA nel Lazio (data prevista: 29 novembre 2010) Il gruppo di lavoro U. O. ISFOL FLAI-lab 1 - Sviluppo Lazio,

Dettagli

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- Sede Operativa: Università degli studi G. d Annunzio E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO ti invita ad essere CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO L associazione Charm in Italy nasce con l intento di donare nuova linfa al mercato turistico ricettivo

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE Crescita degli eventi e loro complessità determinano la necessità di valutare il valore reale di un evento sia a valle che a monte Vuoto cognitivo facendo riferimento

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- Sede Operativa: Università degli studi G. d Annunzio E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN CAMPO. Centro Polivalente Bigattera

AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN CAMPO. Centro Polivalente Bigattera AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN CAMPO Centro Polivalente Bigattera Azienda Speciale della Provincia di Mantova For.Ma Formazione Mantova Azione di Sistema Piano Provinciale

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

ANALISI DELLE POLITICHE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

ANALISI DELLE POLITICHE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia e Commercio Corso di Laurea Specialistica in Economia del Turismo ANALISI DELLE POLITICHE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI

Dettagli

Come promuovere il Territorio ed il Turismo attraverso lo Sport, gli Eventi e la Cultura, nel pieno rispetto dei principi del Fair Play

Come promuovere il Territorio ed il Turismo attraverso lo Sport, gli Eventi e la Cultura, nel pieno rispetto dei principi del Fair Play Come promuovere il Territorio ed il Turismo attraverso lo Sport, gli Eventi e la Cultura, nel pieno rispetto dei principi del Fair Play EXECUTIVE SUMMARY Agevolare la crescita dell economia territoriale

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo

Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo 1 2 3 4 5 6 7 8 Perché l accreditamento di eccellenza? Gli 8 concetti fondamentali dell eccellenza eccellenza orientamento ai risultati centralità dell utente

Dettagli

BANDIERE ARANCIONI da certificazione a opportunità di sviluppo territoriale - 17 MARZO 2008 -

BANDIERE ARANCIONI da certificazione a opportunità di sviluppo territoriale - 17 MARZO 2008 - BANDIERE ARANCIONI da certificazione a opportunità di sviluppo territoriale - 17 MARZO 2008 - IL TOURING CLUB ITALIANO IL SISTEMA BANDIERE ARANCIONI IL PERCORSO DI VALUTAZIONE LA BANDIERA ARANCIONE IL

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

Quinto anno ACCOGLIENZA TURISTICA

Quinto anno ACCOGLIENZA TURISTICA Quinto anno ACCOGLIENZA TURISTICA Competenze Abilità Contenuti 1 Sviluppare la crescita professionale attraverso le conoscenze del mercato turistico professionali orientate al cliente con quelle linguistiche.

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli

Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli CAPITOLO 3 - I LUOGHI SIMBOLO DEL TERRITORIO Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli Unità di Valorizzazione Cascata delle Marmore - Comune di Terni Cap. 3 Cascata delle Marmore,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

Marchio di Qualità per le Agenzie di Viaggio e Turismo. Disciplinare. Le regole della qualità

Marchio di Qualità per le Agenzie di Viaggio e Turismo. Disciplinare. Le regole della qualità Marchio di Qualità per le Agenzie di Viaggio e Turismo 1 Disciplinare Il presente disciplinare individua i requisiti che le agenzie di viaggio e turismo devono soddisfare per acquisire il marchio di qualità.

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Progetto Valutazione e monitoraggio della Qualità delle Strutture Alberghiere 2007

Progetto Valutazione e monitoraggio della Qualità delle Strutture Alberghiere 2007 Progetto Valutazione e monitoraggio della Qualità delle Strutture Alberghiere 2007 presso la sede della Regione Lombardia Progetto interregionale finanziato dalla Regione Lombardia e realizzato con la

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli