SEZIONE DI RAGIONERIA G. FERRERO LE RIMANENZE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE DI RAGIONERIA G. FERRERO LE RIMANENZE"

Transcript

1 E A SEZIONE DI RAGIONERIA LE RIMANENZE

2 ARGOMENTI TRATTATI LE RIMANENZE CONCETTO RAGIONIERISTICO: ACQUISTO/COSTO/CONSUMO LA DISCIPLINA CIVILISTICA; LA DISCIPLINA FISCALE;

3 La voce Rimanenze -voce C.I.- Dello schema di stato patrimoniale viene così suddivisa dall art del codice civile: 1) materie prime, sussidiarie e di consumo; 2) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati; 3) lavori in corso su ordinazione; 4) prodotti finiti e merci; 5) acconti. CI. Le Rimanenze di Magazzino L art ter 4 comma, c.c. Prevede l obbligo di adattare le voci precedute da numeri arabi quando lo esige la natura dell attività esercitata

4 CI. Le Rimanenze di Magazzino 1. Materie Prime, Sussidiarie e di consumo Materie prime: rappresentate dai materiali (es. Acciaio, plastica, ecc.) destinati ad essere fisicamente incorporati nelle lavorazioni aziendali. Materie sussidiarie: costituite da beni che, pur essendo anch essi incorporati nei prodotti finiti, costituiscono gli elementi secondari rispetto alle materie prime (es. viti, chiodi, ecc.)

5 CI. Le Rimanenze di Magazzino 1. Materie Prime, Sussidiarie e di consumo Materie di consumo comprendono: - i materiali che vengono utilizzati e consumati nel processo produttivo, pur non essendo fisicamente incorporate nei prodotti (es. Lubrificanti, combustibili, ecc.) - altri materiali di consumo, non necessariamente collegati al processo produttivo (es. Materiali di pulizia, materialie pubblicitario, ecc.) - materiali di manutenzione e i cosidetti pezzi di ricambio - gli imballaggi a perdere

6 Per i beni di produzione interna, la qualificazione come semilavorato o come prodotto in corso di lavorazione è lasciata all impresa, in funzione delle proprie caratteristiche produttive E A E A SEZIONE DI RAGIONERIA CI. Le Rimanenze di Magazzino 2. Prodotti in corso di lavorazione e semilavorati Prodotti in corso di lavorazione: costituiti da quei beni, di sola produzione interna, che si collocano in una fase intermedia del processo di trasformazione aziendale Semilavorati possono essere: - acquistati da fornitori esterni; - prodotti internamente

7 CI. Le Rimanenze di Magazzino 4. Prodotti finiti, merci Prodotti finiti: i beni prodotti dall impresa e destinati alla vendita, compresi i cosidetti sottoprodotti, cioè i risultati secondari delle lavorazioni Merci: i beni acquistati dall impresa destinati ad essere rivenduti nello stato in cui si trovano al momento dell acquisto, senza subire processi di trasformazione (commercio).

8 CI. Le Rimanenze di Magazzino 5. Acconti La voce acconti che conclude la composizione delle rimanenze trova invece la sua giustificazione in considerazioni di carattere finanziario. Gli acconti o anticipi a fornitori, infatti rappresentano sul piano finanziario degli investimenti in magazzino già effettuati, indipendentemente dalla disponibilità materiale dei relativi beni.

9 CI. Le Rimanenze di Magazzino- 5. Acconti SCRITTURE CONTABILI LA SCRITTURA CONTABILE RELATIVA AGLI ANTICIPI A FORNITORI E : diversi a Banca c/c ,00 Acconti a fornitori I.V.A a credito , ,00 Gli acconti a fornitori: - nello stato patrimoniale sono inclusi fra le rimanenze - nel conto economico non sono imputati, essendo voci di natura patrimoniale.

10 CI. Le Rimanenze di Magazzino METODI DI VALUTAZIONE RAGIONERIA CODICE CIVILE ART NORME FISCALI ART. 92 DPR 917/1986

11 CI. Le Rimanenze di Magazzino Ragioneria IL MAGAZZINO E : -UN RISCHIO (per la vendita dei prodotti finiti); - UN INVESTIMENTO IN ATTESA DI REALIZZO; - PRINCIPIO DI VALUTAZIONE DI RIFERIMENTO: COSTO STORICO

12 CI. Le Rimanenze di Magazzino Codice Civile 1) LE RIMANENZE SONO ISCRITTE AL COSTO DI ACQUISTO O DI PRODUZIONE OVVERO AL VALORE DI REALIZZAZIONE DESUMIBILE DALL ANDAMENTO DI MERCATO, SE MINORE; TALE MINOR VALORE NON PUO ESSERE MANTENUTO NEI SUCCESSIVI BILANCI SE NE SONO VENUTI MENO I MOTIVI

13 CI. Le Rimanenze di Magazzino Codice Civile 2) IL COSTO DEI BENI FUNGIBILI PUO ESSERE CALCOLATO COL METODO DELLA MEDIA PONDERATA O CON QUELLI DEL FIFO O DEL LIFO; SE IL VALORE COSI OTTENUTO DIFFERISCE IN MISURA APPREZZABILE DAI COSTI CORRENTI ALLA CHIUSURA DELL ESERCIZIO, LA DIFFERENZA DEVE ESSERE INDICATA, PER CATEGORIE DI BENI IN NOTA INTEGRATIVA

14 CI. Le Rimanenze di Magazzino - Codice Civile COSTO MEDIO PONDERATO PREVEDE CHE IL COSTO DEI BENI RESIDUATI NELL ATTIVO AZIENDALE VENGA DETERMINATO IN BASE AL COSTO MEDIO UNITARIO PONDERATO, CALCOLATO SU TUTTI I BENI ACQUISTATI O PRODOTTI NELL ESERCIZIO. IL COSTO MEDIO PONDERATO PROGRESSIVO CHE CONSISTE NEL VALUTARE LE RIMANENZE A FINE ESERCIZIO SULLA BASE DEI CARICHI DERIVANTI DAGLI ACQUISTI E DEGLI SCARICHI EFFETTUATI DI VOLTA IN VOLTA, SULLA BASE DEL COSTO MEDIO PONDERATO DEI MATERIALI ESISTENTE IN QUEL MOMENTO.

15 CI. Le Rimanenze di Magazzino - Codice Civile FIFO PRIMO ENTRATO PRIMO USCITO PREVEDE CHE IL COSTO DEI BENI FUNGIBILI, PRESENTI NELL ATTIVO DEL BILANCIO AL TERMINE DELL ESERCIZIO, SIA IN FUNZIONE DI UNA ROTAZIONE DI TALI BENI, SECONDO LA QUALE I PRIMI ENTRATI O PRODOTTI SIANO I PRIMI AD ESSERE USCITI. LIFO ULTIMO ENTRATO- PRIMO USCITO PREVEDE CHE LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI, PRESENTI NELL ATTIVO DI BILANCIO AL TERMINE DELL ESERCIZIO, SIA IN FUNZIONE DI UNA ROTAZIONE DI TALI BENI, SECONDO LA QUALE GLI ULTIMI BENI ACQUISTATI O PRODOTTI SIANO I PRIMI AD ESSERE USCITI

16 FIFO VALORE CORRENTE 1 COSTO STORICO

17 LIFO VALORE CORRENTE 1 COSTO STORICO

18 CI. Le Rimanenze di Magazzino Norme fiscali L ART. 92 T.U.I.R COSI LE SUDDIVIDE: 1)ELEMENTI ACQUISTATI O PRODOTTI PER ESSERE IMPIEGATI NELLA PRODUZIONE : - MATERIE PRIME; - MATERIE SUSSIDIARIE; - SEMILAVORATI; - ALTRI BENI MOBILI DESTINATI ALLA PRODUZIONE 2) PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE 3) PRODOTTI FINITI

19 CI. Le Rimanenze di Magazzino Norme fiscali NELLA VALUTAZIONE L IMPRESA E LIBERA DI ADOTTARE IL CRITERIO CHE RITIENE PIU OPPORTUNO MA AI FINI FISCALI L ART. 92 T.U.I.R STABILISCE UN VALORE MINIMO: 1)ELEMENTI ACQUISTATI O PRODOTTI PER ESSERE IMPIEGATI NELLA PRODUZIONE : LIFO A SCATTI (O DISCONTINUO); COSTO MEDIO PONDERATO; FIFO 2) PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE: SPESE SOSTENUTE NELL ESERCIZIO 3) PRODOTTI FINITI LIFO A SCATTI (O DISCONTINUO); COSTO MEDIO PONDERATO; FIFO

20 LIFO A SCATTI 1. VALUTAZIONE PRIMO PERIODO D IMPOSTA COSTO MEDIO PONDERATO = COSTO COMPLESSIVO BENI PRODOTTI E ACQUISTATI QUANTITA BENI PRODOTTI E ACQUISTATI

21 LIFO A SCATTI 2. VALUTAZIONE PERIODI D IMPOSTA SUCCESSIVI - INVARIANZA: VALUTAZIONE COME PRIMO PERIODO D IMPOSTA - AUMENTO: VALUTAZIONE MAGGIOR QUANTITA SECONDO IL COSTO MEDIO PONDERATO - DIMINUZIONE: SI IMPUTA LA DIMINUZIONE AGLI INCREMENTI FORMATI NEI PERIODI D IMPOSTA PRECEDENTI A PARTIRE DAL PIU RECENTE. 3. VALUTAZIONE AL VALORE NORMALE SE INFERIORE

22 LIFO A SCATTI PRIMO ANNO CON IL METODO DEL LIFO A SCATTI, SI FA COINCIDERE AD OGNI SCATTO UN PERIODO AMMINISTRATIVO, OVVERO, I DIVERSI LOTTI SONO VALORIZZATI NELL AMBITO DELL ESERCIZIO, PERTANTO I BENI IN ENTRATA ED IN USCITA SONO VALUTATI MEDIANTE LA LORO MEDIA PONDERATA SU BASE ANNUA.

23 LIFO A SCATTI - PRIMO ANNO Acquisti materia xy pz X euro 1,20 pz X euro 1,40 Quantità Rimanenze finali materia xy pz Costo medio Ponderato annuo = x1, x 1, = euro 1,33 Valore rimanenze finali: PZ * euro 1,33 = euro

24 SCRITTURE AL 31/12/.. Primo anno Rimanenze materie prime Variazione Rimanenze materie prime C) Attivo Circolante I) Rimanenze 1) Materie Prime, sussidiarie e di Stato Patrimoniale consumo Conto economico B) Costi della produzione 11) variazione delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci (26.600)

25 Stato Patrimoniale Attivo Anno 1 C.I.1) Materie prime sussidiarie e di consumo Conto Economico Anno 1 B.11) Var. rim. merci (26.000) 25

26 SECONDO ANNO Riapertura: Variazione Rimanenze materie prime Rimanenze materie prime Acquisti materia xy pz * euro 1,00 pz * euro 1,20 a) la quantità pari a quella esistente alla fine del periodo precedente d imposta mantiene lo stesso valore attribuito in passato b) la maggior quantità si valuta attribuendo ad ogni unità il valore che risulta dal rapporto costo complessivo dei beni acquistati o prodotti nel periodo d imposta quantità complessiva acquistata o prodotta

27 COSTO MEDIO X 1, X 1,20 PONDERATO ANNUO = = 1,10 VALUTAZIONE RIMANENZE FINALI Quantita rimanenze iniziali materia xy pz Quantita rimanenze finali materia xy pz PZ X 1,33 = EURO PZ X 1,10 = EURO TOTALE EURO

28 SCRITTURE AL 31/12/.. Secondo anno Rimanenze materie prime Variazione Rimanenze materie prime Stato Patrimoniale Attivo Anno 2 C.I.1) Materie prime sussidiarie e di consumo Conto Economico Anno 2 B.11) Var. rim. merci (5.500)

29 TERZO ANNO Riapertura Variazione Rimanenze materie prime Rimanenze materie prime quantità rimanenze iniziali materia xy pz quantità rimanenze finali materia xy pz si considerano uscite le quantità acquistate nell anno più una parte di quelle entrate nei periodi d imposta precedenti a partire dal più recente primo anno: pz x euro 1.33 = = secondo anno: pz: x euro 1,10 = terzo anno: pz: x euro 1,10= (3.300) x 1,10 = valore rimanenze finali =28.800

30 TERZO ANNO anno quantità prezzo valore euro quantità prezzo valore euro primo x 1,33 = x 1,33 = secondo x 1,10 = terzo x 1,10 = x 1,10 = valore rimanenze fin

31 Valore Normale = euro 1,40 Confronto con Valore Normale Valore rimanenze a valore Normale = X 1,40 = euro Ai sensi dell art. 92, 5 Comma, T.U.I.R. si ha che Valore unitario RF a Valore Normale > Valore unitario RF con LIFO a scatti Valorizzazione rimanenze a valore Lifo a scatti

32 SCRITTURE AL 31/12/.. terzo anno Rimanenze materie prime Variazione Rimanenze materie prime Stato Patrimoniale Attivo Anno 3 C.I.1) Materie prime sussidiarie e di consumo Conto Economico Anno 3 B.11) Var. rim. merci 3.300

33 QUARTO ANNO Variazione Rimanenze materie prime Rimanenze materie prime quantità rimanenze iniziali materia xy pz quantità rimanenze finali materia xy pz la quantità in rimanenza subisce un decremento si considerano formate tutte fisicamente nel primo anno VALORE RIMANENZE FINALI= PZ X 1,33 = EURO

34 QUARTO ANNO anno quantità prezzo valore euro primo x 1,33 = secondo x 1,10 = terzo x 1,10 = quarto x 1,10 = quarto x 1,33 = totale valore rim. finali x 1,33 =

35 Confronto con Valore Normale: Valore Normale = 1,20 Valore rimanenze a Valore Normale = X 1,20 = euro Ai sensi dell art. 92, 5 Comma, T.U.I.R. si ha che Valore unitario RF a Valore Normale < Valore unitario RF con LIFO a scatti Valorizzazione rimanenze a valore normale

36 LIFO CONTINUO Si suppone che l'ultima merce entrata sia la prima ad essere prelevata, con valorizzazione degli scarichi in relazione ai prezzi pagati per l'ultima partita di merce acquistata fino a quando questa non è esaurita; in tal caso si passa alla precedente.

37 LIFO CONTINUO PRIMO ANNO: Acquisti materia xy pz X euro 1,20 pz X euro 1,40 Quantitàrimanenze finali materia xy pz = x1, x 1, = euro 1,33 VALORE RIMANENZE: PZ X 1,33 = EURO

38 SECONDO ANNO: Movimenti Quantità Carico Scarico Valore Rim. Iniziali , Acquisti , Giacenza Acquisti , Giacenza Vendite , Giacenza Vendite , Vendite , Giacenza ESCONO PER PRIME LE MERCI PIU NUOVE: IL MAGAZZINO E VALUTATO A PREZZI PIU VECCHI

39 FIFO Si ipotizza che la prima merce entrata sia anche la prima ad essere prelevata, con valorizzazione degli scarichi in relazione ai prezzi pagati per la prima partita di merce acquistata fino a quando questa non è esaurita; in tal caso si passa alla successiva. Il metodo FIFO rispecchia l'andamento dei prezzi di mercato perché valuta il magazzino ai prezzi più recenti

40 FIFO PRIMO ANNO: Acquisti materia xy pz X euro 1,20 pz X euro 1,40 Quantità rimanenze finali materia xy pz VALORE RIMANENZE: PZ * euro 1,40 = euro

41 SECONDO ANNO: Movimenti Quantità Carico Scarico Valore Rim.iniziali , Acquisti , Giacenza Acquisti , Giacenza Vendite , Vendita , Giacenza Vendite , Vendite , Giacenza ESCONO PER PRIME LE MERCI PIU VECCHIE: IL MAGAZZINO VALUTATO A PREZZI CORRENTI

42 COSTO MEDIO PONDERATO PER MOVIMENTO Si considerano come facenti parte di un unico insieme tutte le quantità di un bene acquistato o prodotto in periodi diversi e a costi differenti. Si ipotizza che lo scarico sia realizzato in relazione al costo medio aritmetico ponderato delle rimanenze esistenti in magazzino all'atto di ciascun prelievo di merce.

43 COSTO MEDIO PONDERATO PER MOVIMENTO In tal modo si verifica un adeguamento costante dei costi degli elementi in magazzino in base alla seguente procedura: 1. i carichi sono iscritti in base al costo sostenuto; 2. le giacenze risultanti dopo il nuovo acquisti sono valorizzate in base al seguente rapporto quantità entrata x prezzo + quantità in giacenza x prezzo quantità entrata + quantità in giacenza 3.gli scarichi di magazzino sono valorizzati in base ai costi medi ponderati che progressivamente si formano.

44 PRIMO ANNO: Acquisti materia xy pz X euro 1,20 pz X euro 1,40 Quantitàrimanenze finali materia xy pz = x1, x 1,40 = euro 1, Valore rimanenze: PZ * euro 1,33 = euro

45 SECONDO ANNO: Movimenti Quantità Carico Scarico Valore Ri. iniziali , Acquisti , Giacenza , Acquisti , Giacenza , Vendite , Vendita , Giacenza LA MEDIA DELLE GIACENZE HA L EFFETTO DI LIVELLARE LE DIFFERENZE TRA I PREZZI

46 COSTO MEDIO PONDERATO PER PERIODO alle quantità e ai costi in inventario all inizio del periodo si aggiungono gli acquisti o la produzione di un periodo (mese, trimestre, ecc.) e si determinano i nuovi costi medi ponderati.

47 CONFRONTO TRA I DIVERSI METODI LIFO: ATTENUA GLI EFFETTI DELL INFLAZIONE SE I PREZZI AUMENTANO NON C E EFFETTO SUL VALORE DI MAGAZZINO FIFO: MOSTRA UN MAGAZZINO A PREZZI CORRENTI; SE I PREZZI AUMENTANO IL VALORE DEL MAGAZZINO AUMENTA MEDIA PONDERATA: LIVELLA LE DIFFERENZE TRA I PREZZI.

48 CONFRONTO TRA I DIVERSI METODI PER LA RAGIONERIA E MEGLIO IL LIFO PERCHE A PARITA DI QUANTITA FISICHE DI RIMANENZE FINALI RISPETTO ALLE RIMANENZE INIZIALI: - SI HA LA STESSA RICCHEZZA PATRIMONIALE; - NON VI SONO EFFETTI DI AUMENTO DEL MAGAZZINO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI, INVECE, CONSIDERIAMO MIGLIORE IL FIFO.

49 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE I lavori in corso di ordinazione si riferiscono a contratti di durata normalmente ultraunnuale per la realizzazione di un opera o di un complesso di opere o la fornitura di beni e servizi non in serie che insieme formino un unico progetto, eseguite su ordinazione del committente, secondo le specifiche tecniche da questi richieste. In base alla determinazione del prezzo complessivo dell opera è possibile individuare due tipi fondamentali di contratti: - contratti a prezzi predeterminati; - contratti con prezzo basato sul costo consuntivo più il margine.

50 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE VALUTAZIONE CIVILISTICA Art. 2426, p.11 i lavori in corso di ordinazione possono essere iscritti sulla base dei corrispettivi contrattuali maturati con ragionevole certezza. Tali rimanenze possono essere valutate secondo il codice civile: - con il criterio del costo (commessa completata); - sulla base del corrispettivo contrattuale (percentuale di completamento o dello stato di avanzamento). Una volta scelto il criterio di valutazione questo deve essere applicato a tutte le commesse. Il solo caso di coesistenza dei due criteri, ammesso dal principio contabile, è quando scelto il criterio della percentuale di completamento si riscontri commesse per cui è venuto meno le condizioni per tale criterio

51 IL CRITERIO DELLA PERCENTUALE DI COMPLETAMENTO O DELLO STATO DI AVANZAMENTO (CORRISPETTIVO CONTRATTUALE) Con il criterio della percentuale di completamento i costi, i ricavi ed il margine di commessa vengono riconosciuti in funzione dell avanzamento dell attività produttiva e quindi attribuiti agli esercizi in cui tale attività si esplica.

52 METODI O PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DELLA PERCENTUALE DI COMPLETAMENTO diversi metodi: - Metodo del costo sostenuto (COST-TO COST); - Metodo delle ore lavorate; - Metodo delle unità consegnate; - Metodo delle misurazioni fisiche.

53 IL CRITERIO DELLA COMMESSA COMPLETATA O DEL CONTRATTO COMPLETO (CRITERIO DEL COSTO) Con questo criterio i ricavi ed il margine di commessa completata vengono riconosciuti solo quando il contratto è completato, cioè quando le opere sono ultimate e consegnate.

54 Metodo della percentuale di avanzamento ANNO T1 T2 Costi di commessa Rimanenze finali Rimanenze iniziali Ricavi di commessa Utile di commessa 20 30

55 Metodo della commessa completata ANNO T1 T2 Costi di commessa Rimanenze finali Rimanenze iniziali Ricavi di commessa Utile di commessa 0 50

56 Disciplina fiscale Art. 93 del TUIR Non è possibile applicare fiscalmente il criterio della commessa completata. (Criterio del costo: utile netto al termine della commessa)

57 SCRITTURE AUSILIARIE DI MAGAZZINO (DPR. 600/73- art. 14, c.1) La loro tenuta è obbligatoria dal secondo periodo d imposta successivo a quello in cui l impresa, per la seconda volta consecutiva, ha superato: - Euro ,99 di ricavi di cui all art. 85 TUIR; - Euro ,80 di rimanenze di cui artt. 92 e 93 TUIR

58 SCRITTURE AUSILIARIE DI MAGAZZINO Le movimentazioni saranno in linea di massima comprovate dai seguenti DOCUMENTI: - CARICO: documenti di trasporto o di consegna, note o bollette di consegna. Fatture immediate di fornitori. - SCARICO: documenti di trasporto o di consegna, note o bollette di consegna. Fatture immediate di fornitori. - MOVIMENTI INTERNI: documenti interni di prelievo e di carico (se utilizzati). Inventari fisici periodici.

59 SCRITTURE AUSILIARIE DI MAGAZZINO I PRELIEVI SARANNO PER QUANTITA FISICA (n di pezzi, Kg, metri, etc.) LA REGISTRAZIONE DEI BENI AVVERRA ALTERNATIVAMENTE : - O PER SINGOLI BENI; - O PER CATEGORIE OMOGENEE DI INVENTARIO.

60 SCRITTURE AUSILIARIE DI MAGAZZINO La registrazione deve essere effettuata entro 60 giorni. La periodicità sarà: - o giornaliera; - o riepilogativa (max 1 mese).

61 Esempio: SCRITTURE AUSILIARIE DI MAGAZZINO - Consegna di beni in data 2/10; - Periodicità mensile. La consegna dovrà essere riepilogata insieme a tutte le altre del mese di ottobre. Si dovrà procedere alla registrazione entro il 30/12 (entro i 60 giorni successivi al 31/10) Le scritture non devono essere nè numerate o bollate, né vidimate

Profili civilistici e fiscali delle rimanenze finali

Profili civilistici e fiscali delle rimanenze finali Profili civilistici e fiscali delle rimanenze finali Esercitazione di economia aziendale per la classe quarta ITC di Emanuele Perucci A. Rispondi alle seguenti domande. 1. Quali sono i criteri di valutazione

Dettagli

1.1. Prisma S.p.A. (caso svolto)

1.1. Prisma S.p.A. (caso svolto) 1.1. Prisma S.p.A. (caso svolto) La situazione contabile della Prisma S.p.A. al 31 dicembre 25 è la seguente: STATO PATRIMONIALE Attività Passività e Netto Cassa Banca Crediti v/ clienti Effetti attivi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE

LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE 1 Normativa civilistica (art. 2426, punto 9) le rimanenze, i titoli e le attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni sono iscritti al costo di acquisto o

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. La valutazione delle rimanenze

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. La valutazione delle rimanenze La valutazione delle rimanenze 1 Rimanenze di magazzino Caratteri economico aziendali Fattori produttivi a veloce ciclo di utilizzo Beni che si trovano ad un diverso stadio del ciclo acquisti-produzionevendite,

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, febbraio 2014 La valutazione delle rimanenze finali CONTO ECONOMICO COSTI Acquisto merci RICAVI Merci c/rim.finali ATTIVITÀ PASSIVITÀ

Dettagli

Ragioneria A.A. 2014/2015

Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Suddivisione della lettera C) Attivo circolante ü Attivo circolante 1) Le rimanenze ü Criterio generale ü Metodo di valutazione ü Esempi 2 1 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO

Dettagli

BILANCIO Convegno APINDUSTRIA Verona, 15 Dicembre LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Aspetti civilistici e fiscali

BILANCIO Convegno APINDUSTRIA Verona, 15 Dicembre LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Aspetti civilistici e fiscali BILANCIO 2005 Convegno APINDUSTRIA Verona, 15 Dicembre 2005 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Aspetti civilistici e fiscali Relatori: Vittore Cacciatori Andrea Somenzi DEFINIZIONE -Le rimanenze di magazzino includono

Dettagli

ATTIVO CIRCOLANTE: LE RIMANENZE

ATTIVO CIRCOLANTE: LE RIMANENZE ATTIVO CIRCOLANTE: LE RIMANENZE 1 SOMMARIO Suddivisione della lettera C) Attivo circolante Attivo circolante 1) Le rimanenze Criterio generale Metodo di valutazione Esempi 2 STATO PATRIMONIALE Schema di

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO

RIMANENZE DI MAGAZZINO RIMANENZE DI MAGAZZINO Valori economici che riguardano processi produttivi non ancora conclusi alla fine del periodo amministrativo che vengono rinviati all'esercizio successivo. Materie acquistate per

Dettagli

Rimanenze (Principi OIC nn. 13 e 23 ) Caratteristiche; Valutazione; Criteri di esposizione in bilancio.

Rimanenze (Principi OIC nn. 13 e 23 ) Caratteristiche; Valutazione; Criteri di esposizione in bilancio. Rimanenze (Principi OIC nn. 13 e 23 ) Caratteristiche; Valutazione; Criteri di esposizione in bilancio. Definizione Sono beni destinati alla vendita o quelli che concorrono alla loro produzione nella normale

Dettagli

OIC 13 LE RIMANENZE 1

OIC 13 LE RIMANENZE 1 OIC 13 LE RIMANENZE 1 CLASSIFICAZIONE STATO PATRIMONIALE - AREA C C. I RIMANENZE 1. materie prime, sussidiarie e di consumo 2. prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 3. lavori in corso su ordinazione

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I. Rimanenze di magazzino Rimanenze di opere in corso su ordinazione Crediti

Ragioneria Generale e Applicata I. Rimanenze di magazzino Rimanenze di opere in corso su ordinazione Crediti Rimanenze di magazzino Rimanenze di opere in corso su ordinazione Crediti Caratteri economico-aziendali Fattori produttivi a veloce ciclo di utilizzo Beni che si trovano ad un diverso stadio del ciclo

Dettagli

LE RIMANENZE. oclassificazione secondo codice civile e rappresentazione in bilancio oregole e metodi di valutazione secondo il

LE RIMANENZE. oclassificazione secondo codice civile e rappresentazione in bilancio oregole e metodi di valutazione secondo il LE RIMANENZE oclassificazione secondo codice civile e rappresentazione in bilancio oregole e metodi di valutazione secondo il codice civile con riferimento alle varie tipologie o Regole secondo lo IASB

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I a.a Rimanenze di magazzino Rimanenze di opere in corso su ordinazione Crediti

Ragioneria Generale e Applicata I a.a Rimanenze di magazzino Rimanenze di opere in corso su ordinazione Crediti Rimanenze di magazzino Rimanenze di opere in corso su ordinazione Crediti Rimanenze di magazzino Rimanenze di magazzino Caratteri economico-aziendali Fattori produttivi a veloce ciclo di utilizzo Beni

Dettagli

I PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE

I PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE I PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE Secondo il documento 13: i semilavorati hanno identità fisica definita; ai fini della valutazione sono del tutto equiparabili alle materie prime; i prodotti in corso

Dettagli

La valutazione delle rimanenze di magazzino

La valutazione delle rimanenze di magazzino UNIVERSITA CATTANEO LIUC La valutazione delle rimanenze di magazzino Autore: Docenti di contabilità CONTABILITA E BILANCIO - ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Agenda Le rimanenze di magazzino: 1. Definizione e

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO Per la produzione di occhiali da sole, la neocostituita società Alfa S.p.A. utilizza due tipi di materie prime: plastica

Dettagli

LA REGOLA DI VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE

LA REGOLA DI VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE LE RIMANENZE DI MAGAZZINO PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA REGOLA DI VALUTAZIONE

Dettagli

APPUNTI DI RAGIONERIA

APPUNTI DI RAGIONERIA Università La Sapienza sede di Latina Facoltà di Economia Cattedra di RAGIONERIA a.a. 2013-2014 APPUNTI DI RAGIONERIA Dispensa n. 5: Rimanenze Il presente materiale è di ausilio alla didattica frontale

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI BENI DI MAGAZZINO

LA VALUTAZIONE DEI BENI DI MAGAZZINO Circolare N. 20 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 17 marzo 2009 LA VALUTAZIONE DEI BENI DI MAGAZZINO Al termine di ogni esercizio si presenta la necessità di rilevare e valorizzare correttamente

Dettagli

15, Ragioneria 1. Complessità, cambiamento, performance, bilancio.

15, Ragioneria 1. Complessità, cambiamento, performance, bilancio. Prof. Eugenio Comuzzi Ordinario di Economia Aziendale nell Università di Udine Docente di Ragioneria 1, Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda 1 e 2, Economia dei Gruppi nell Università di

Dettagli

Le rimanenze di magazzino e i lavori in

Le rimanenze di magazzino e i lavori in Capitolo 9 Le rimanenze di magazzino e i lavori in corso su ordinazione Riferimenti: V. Antonelli, G. Liberatore (a cura di), Il bilancio d esercizio. Teoria e casi, Franco Angeli, Milano, capitolo 9 OIC

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A PROF. G.B. ALBERTI I CRITERI DI VALUTAZIONE

ECONOMIA AZIENDALE A.A PROF. G.B. ALBERTI I CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2009-2010 PROF. G.B. ALBERTI L ATTIVO CIRCOLANTE I CRITERI DI VALUTAZIONE L attivo circolante 2 Attivo di stato t patrimoniale: ti i C) Attivo circolante: I - Rimanenze: II - Crediti,

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Rimanenze di beni e servizi da produrre su specifica indicazione del committente sulla base di uno specifico contratto. Si tratta di produzione già venduta. Se si rispetta

Dettagli

Le rimanenze di magazzino (IAS 2 OIC 13)

Le rimanenze di magazzino (IAS 2 OIC 13) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Le rimanenze di magazzino (IAS 2 OIC 13) Prof. Daniele Gervasio daniele.gervasio@unibg.it

Dettagli

Le rimanenze di magazzino

Le rimanenze di magazzino Le rimanenze di magazzino Normativa giuridica, IAS 2 e doc. n. 13 Prof. Domenico Nicolò - Università Mediterranea 1 La rappresentazione nello stato patrimoniale c) Attivo circolante I Rimanenze: 1) Materie

Dettagli

La valutazione dell Attivo Circolante

La valutazione dell Attivo Circolante Bilancio d esercizio Valutazione dell Attivo Articolo 2426, co. 1, punto 9 Costo di acquisto o di produzione e Valore di realizzo Valutazione dei beni fungibili (CMP, FIFO, LIFO) Lezione 20 1 Art. 2426

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO

RIMANENZE DI MAGAZZINO RIMANENZE DI MAGAZZINO Caratteri economico-aziendali Cap. VI, parr. 5.1 5.3, pp. 344-350 Valutazione in bilancio Cap. VI, par. 5.4, pp. 350-369 Modalità fiscali di valutazione Art. 92 del Tuir (aggiornato

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE 1. Definizione Normalmente si riferiscono a contratti di durata ultrannuale per la realizzazione di un opera o di un compresso di opere che insieme formano un unico progetto,

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO

RIMANENZE DI MAGAZZINO RIMANENZE DI MAGAZZINO Caratteri economico-aziendali Capitolo VI, parr. 5.1-5.3, pp. 310-316 Iscrizione in bilancio Capitolo VI, par. 5.4, pp. 316-336 Condizionamenti fiscali Capitolo XI, par. 6.2.1, pp.

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Rimanenze di beni e servizi da produrre su specifica indicazione del committente sulla base di uno specifico contratto. Si tratta di produzione già venduta. Se si rispetta

Dettagli

A cura dei docenti di Bilancio

A cura dei docenti di Bilancio Scuola praticanti dottori commercialisti 2014-2015 La valutazione delle rimanenze di magazzino secondo il Codice Civile A cura dei docenti di Bilancio 22 settembre 2014 E vietata la riproduzione totale

Dettagli

Eser cizio LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

Eser cizio LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Eser cizio LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Oggetto ed obiettivi: oggetto del caso è l operazione di valutazione di un magazzino merci, secondo i metodi del costo medio ponderato, del FIFO (First In, First Out)

Dettagli

Rimanenze di magazzino tra norme civilistiche e obblighi fiscali

Rimanenze di magazzino tra norme civilistiche e obblighi fiscali Rimanenze di magazzino tra norme civilistiche e obblighi fiscali La quantificazione e la valutazione delle rimanenze finali di magazzino è una delle operazioni più complesse e delicate tra quelle necessarie

Dettagli

La valutazione delle partecipazioni immobilizzate al costo

La valutazione delle partecipazioni immobilizzate al costo La valutazione delle partecipazioni immobilizzate al costo Il 2 gennaio dell esercizio 2004, la società Alfa acquista per euro 1.580.000 la totalità delle azioni ordinarie costituenti il capitale sociale

Dettagli

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO Le rimanenze sono beni: - posseduti per la vendita nel normale svolgimento dell attività; - impiegati nei processi produttivi per la vendita sotto forma di materiali da impiegare

Dettagli

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO Le rimanenze sono beni: - posseduti per la vendita nel normale svolgimento dell attività; - impiegati nei processi produttivi per la vendita; - sotto forma di materiali da

Dettagli

Giurisprudenza Cass n ; Cass n. 1531; Cass n

Giurisprudenza Cass n ; Cass n. 1531; Cass n 37 VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE TUIR 92 Prassi C.M. 11.8.77 n. 9/995; Nota ministeriale 5.5.78 n. 9/158; C.M. 18.5.83 n. 23 n. 9/786 Giurisprudenza Cass. 6.11.99 n. 12356; Cass. 5.2.2002 n. 1531; Cass.

Dettagli

Esercizi di Ragioneria www.lvproject.com Dott. Lotti Nevio

Esercizi di Ragioneria www.lvproject.com Dott. Lotti Nevio DOTT LOTTI NEVIO 1. I dati in tabella sono riferiti al magazzino materie dell azienda Beta, che adotta il metodo del costo medio ponderato a periodi annuali; effettuare la valutazione del magazzino al

Dettagli

Contabilità e bilancio 2/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Soluzioni esercizi parte terza

Contabilità e bilancio 2/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Soluzioni esercizi parte terza Capitolo 16 Macchinari D 800,00 del lavoro A 800,00 Ammortamento impianti D 500,00 Fondo ammortamento impianti A 500,00 Il costo da ammortizzare è di 1000. Considerando una vita utile di 8 anni la quota

Dettagli

PRIMA PROVA Esperti Contabili

PRIMA PROVA Esperti Contabili PRIMA PROVA Esperti Contabili TEMA 1 Il candidato delinei il concetto di patrimonio netto in termini economico-aziendali, secondo corretti principi contabili nazionali ed internazionali e secondo il Codice

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO L impresa Alfa S.p.A. produce attrezzature sportive per la montagna e ha avviato la propria attività in data 1 gennaio 2004. A fine esercizio 2005 il responsabile

Dettagli

I lavori in corso su ordinazione

I lavori in corso su ordinazione I lavori in corso su ordinazione 1 I lavori in corso su ordinazione Sono lavori svolti per conto di terzi richiedenti tempi lunghi di esecuzione, ovvero commesse a lungo termine che possono riguardare,

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio GLI EFFETTI A BILANCIO DI ALCUNE OPERAZIONI

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio GLI EFFETTI A BILANCIO DI ALCUNE OPERAZIONI GLI EFFETTI A BILANCIO DI ALCUNE OPERAZIONI 1. Acquisto e vendita Con riguardo agli esercizi 2003 e 2004, si proceda ad evidenziare le poste di Stato patrimoniale e di Conto economico che sono interessate

Dettagli

La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte

La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte Al 31/12/2004 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Stralcio della situazione

Dettagli

La valorizzazione dei movimenti di magazzino

La valorizzazione dei movimenti di magazzino Albez edutainment production La valorizzazione dei movimenti di magazzino Classe IVC In questo modulo: Il metodo del costo medio ponderato Il metodo LIFO Il metodo FIFO Giuseppe Albezzano ITC Boselli Varazze

Dettagli

Le rimanenze di magazzino e i lavori in corso su ordinazione II parte

Le rimanenze di magazzino e i lavori in corso su ordinazione II parte Capitolo 9 Le rimanenze di magazzino e i lavori in corso su ordinazione II parte Riferimenti: V. Antonelli, G. Liberatore (a cura di), Il bilancio d esercizio. Teoria e casi, Franco Angeli, Milano, capitolo

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE E DELLE IMPOSTE

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE E DELLE IMPOSTE LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE E DELLE IMPOSTE Al 31/12/2004 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Stralcio della situazione contabile

Dettagli

La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte

La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte Al 31/12/2007 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Stralcio della situazione

Dettagli

Fila A. Cognome... Nome... Matricola...

Fila A. Cognome... Nome... Matricola... ANNO ACCADEMICO 2010/2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI ECONOMIA corso di CONTABILITÀ E BILANCIO 3 Prova intermedia del 16-05-2011 Fila A Sede di frequenza (spuntare una delle

Dettagli

OPERAZIONI IN VALUTA. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

OPERAZIONI IN VALUTA. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi Fabio Mongiardini 1 Posta in valuta: attività o passività, monetarie o non monetarie, rilevate in moneta diversa dalla moneta di conto Elementi monetari: attività e passività che comportano il diritto

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) Esercitazione: rimanenze di magazzino

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) Esercitazione: rimanenze di magazzino Esercitazione: la valutazione delle rimanenze di magazzino L impresa Alfa S.p.A. produce attrezzature sportive per la montagna e ha avviato la propria attività in data 1 gennaio 2004. A fine esercizio

Dettagli

ESERCIZIO 1 AMMORTAMENTI

ESERCIZIO 1 AMMORTAMENTI ESERCIZIO 1 AMMORTAMENTI dati UN IMMOBILIZZAZIONE TECNICA HA UN COSTO STORICO DI 10.000 EURO, CHE SI RITIENE DI DOVER AMMORTIZZARE IN 8 ANNI CON QUOTE COSTANTI CALCOLATE SUL VALORE DI SOSTITUZIONE. SI

Dettagli

LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO

LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO OBIETTIVI DELLA LEZIONE Scritture di rettifica Le rimanenze I risconti Scritture di ammortamento 2 SCRITTURE DI RETTIFICA Le scritture di rettifica stornano quote di costi

Dettagli

I lavori in corso su ordinazione

I lavori in corso su ordinazione I lavori in corso su ordinazione 1 I lavori in corso su ordinazione Sono lavori svolti per conto di terzi richiedenti tempi lunghi di esecuzione, ovvero commesse a lungo termine che possono riguardare,

Dettagli

Gestione e valutazione delle rimanenze

Gestione e valutazione delle rimanenze Gestione e valutazione delle rimanenze di Lidia Sorrentino Destinatari: alunni delle classi 4ª IGEA e 4ª IPSC La Comec s.r.l. di Firenze ha l esclusiva di vendita per l Italia della crema cosmetica Sanovit

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Caso 9 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Oggetto ed obiettivi: oggetto del caso è l operazione di valutazione di un magazzino merci, secondo i metodi del costo medio ponderato, del FIFO (First In, First Out) e

Dettagli

Biblioteca di Pronti... via 2 o biennio TOMO h

Biblioteca di Pronti... via 2 o biennio TOMO h UNITÀ C Tecniche di gestione degli acquisti e delle scorte Biblioteca di Pronti... via 2 o biennio TOMO h La funzione del magazzino e la politica delle scorte Documento Esercizi Logistica Q1 Spiega che

Dettagli

MODULO C. Biblioteca di L economia aziendale plus - 2 o biennio TOMO B. La gestione della logistica aziendale

MODULO C. Biblioteca di L economia aziendale plus - 2 o biennio TOMO B. La gestione della logistica aziendale Biblioteca di L economia aziendale plus - 2 o biennio TOMO B MODULO C La gestione della logistica aziendale La gestione del magazzino Documento Esercizi C1 Strumenti di gestione delle scorte Tra gli strumenti

Dettagli

Svolgimento 1. CALCOLO DEL VALORE DI SOSTITUZIONE. Valori di sostituzione alla fine di ogni es. Dettaglio calcoli. es.

Svolgimento 1. CALCOLO DEL VALORE DI SOSTITUZIONE. Valori di sostituzione alla fine di ogni es. Dettaglio calcoli. es. ESERCIZIO AMMORTAMENTI dati UN IMMOBILIZZAZIONE TECNICA HA UN COSTO STORICO DI 10.000 EURO, CHE SI RITIENE DI DOVER AMMORTIZZARE IN 8 ANNI CON QUOTE COSTANTI CALCOLATE SUL VALORE DI SOSTITUZIONE. SI IPOTIZZI

Dettagli

Il Magazzino. Definisci il periodo di competenza dei seguenti costi e calcola il costo di competenza del 2013:

Il Magazzino. Definisci il periodo di competenza dei seguenti costi e calcola il costo di competenza del 2013: Il Magazzino Oltre ai beni che, per loro natura in quanto a fecondità ripetuta sono costi pluriennali, ci sono beni a fecondità semplice che, per questioni contingenti, diventano pluriennali. È il caso

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO LA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO L impresa Alfa S.p.A. produce attrezzature sportive per la montagna e ha avviato la propria attività in data 1 gennaio 2004. A fine esercizio 2005 il responsabile

Dettagli

Assestamento I F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI

Assestamento I F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Assestamento I Lo svolgimento dell esercizio richiede le seguenti conoscenze: vita utile; ammortamento a quote costanti; valore residuo del bene; rimanenze di materie

Dettagli

IL MAGAZZINO... 5 Il magazzino... 5 Definizione di magazzino... 7 Struttura e complessita del magazzino... 7 Come e organizzato fisicamente il

IL MAGAZZINO... 5 Il magazzino... 5 Definizione di magazzino... 7 Struttura e complessita del magazzino... 7 Come e organizzato fisicamente il IL MAGAZZINO... 5 Il magazzino... 5 Definizione di magazzino... 7 Struttura e complessita del magazzino... 7 Come e organizzato fisicamente il magazzino... 9 I costi legati alle scorte di magazzino...

Dettagli

Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti

Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Roma, 30/12/2015 Spett.le Cliente Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

IAS 2 RIMANENZE Inventories

IAS 2 RIMANENZE Inventories IAS 2 RIMANENZE Inventories Donatella Busso 1 IAS 2 - RIMANENZE Nozione di rimanenze Ambito di applicazione Definizioni Valutazione Svalutazione 2 1. NOZIONE DI RIMANENZE Le rimanenze sono beni (IAS 2

Dettagli

Capitolo 16. Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Soluzioni esercizi parte terza

Capitolo 16. Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Soluzioni esercizi parte terza Capitolo 16 Macchinari Costo del lavoro mmortamento impianti Fondo ammortamento impianti / importo dare importo avere 800,00 800,00 / importo dare importo avere Il costo da ammortizzare è di 1000. Considerando

Dettagli

Fila B. Economia Aziendale Economia e Commercio. Cognome... Nome... Matricola...

Fila B. Economia Aziendale Economia e Commercio. Cognome... Nome... Matricola... ANNO ACCADEMICO 2011/2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI ECONOMIA corso di CONTABILITÀ E BILANCIO 3 Prova intermedia del 14-5-2012 Fila B Corso di laurea (spuntare una delle seguenti

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Rimanenze di beni e servizi da produrre su specifica indicazione del committente sulla base di uno specifico contratto. Si tratta di produzione già venduta. Se si rispetta

Dettagli

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Al 31/12/2008 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art c.c.

Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art c.c. Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art. 2424 c.c. ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. B) Immobilizzazioni, con

Dettagli

Le rimanenze. Ias n. 2. di Alfonso Lucarelli

Le rimanenze. Ias n. 2. di Alfonso Lucarelli Le rimanenze Ias n. 2 di Alfonso Lucarelli DI COSA PARLIAMO? LE REGOLE DI VALUTAZIONE CASI PARTICOLARI DIFFERENZE CON I PCN La contabilizzazione delle rimanenze ha lo scopo di rinviare determinati costi

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità G

TELEPASS+ 3 - Unità G TELEPASS+ 3 - Unità G La gestione della logistica aziendale LOGISTICA AZIENDALE Funzione aziendale che programma, organizza e gestisce la localizzazione, le dimensioni e la struttura dei magazzini aziendali

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO II

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO II Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO II Le rimanenze di magazzino Indice degli argomenti 1) LE FONTI GIURIDICHE E CONTABILI: disciplina nazionale e internazionale 2) LE RIMANENZE

Dettagli

Contabilità generale e contabilità direzionale. Esercitazioni svolte

Contabilità generale e contabilità direzionale. Esercitazioni svolte Contabilità generale e contabilità direzionale Esercitazioni svolte esempi 1_1 Calcolo delle quote di ammortamento sui valori di rimpiazzo : quote di ammortamento pregresse 1-2 Valorizzazione dei consumi

Dettagli

Facoltà di Economia Università del Salento. Corso di Revisione Aziendale

Facoltà di Economia Università del Salento. Corso di Revisione Aziendale Facoltà di Economia Università del Salento Corso di Revisione Aziendale REVISIONE DEL CICLO MAGAZZINO-PRODUZIONE 2 Attività del ciclo magazzino-produzione 1) Ricevimento delle materie prime e dei materiali

Dettagli

ESERCITAZIONE SULL ATTIVO CIRCOLANTE

ESERCITAZIONE SULL ATTIVO CIRCOLANTE ESERCITAZIONE SULL ATTIVO CIRCOLANTE Roberta De Tommasi Michael Giordano Professioni Contabili Bilancio d esercizio B a.a. 2016-2017 1 Elenco vincoli Struttura patrimoniale con grado di rigidità del 45%

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO B ESERCITAZIONE

BILANCIO D ESERCIZIO B ESERCITAZIONE BILANCIO D ESERCIZIO B ESERCITAZIONE Si considerino i seguenti vincoli relativi alla società AEROSPACE, società per azioni che opera nel settore delle grandi commesse aerospaziali: 1) La struttura patrimoniale

Dettagli

La determinazione del carico fiscale

La determinazione del carico fiscale La determinazione del carico fiscale Emanuele Perucci Traccia di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il principio di competenza per la determinazione del reddito d impresa, soffermandosi

Dettagli

CONSIDERAZIONI SU ALCUNE VOCI DELL ATTIVO CORRENTE/CIRCOLANTE RIMANENZE DI MAGAZZINO SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE NAZIONALE OIC N.

CONSIDERAZIONI SU ALCUNE VOCI DELL ATTIVO CORRENTE/CIRCOLANTE RIMANENZE DI MAGAZZINO SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE NAZIONALE OIC N. CONSIDERAZIONI SU ALCUNE VOCI DELL ATTIVO CORRENTE/CIRCOLANTE RIMANENZE DI MAGAZZINO SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE NAZIONALE OIC N. 13 Le rimanenze di magazzino rappresentano beni destinati alla vendita

Dettagli

STATO PATRIMONIALE ATTIVO PASSIVO. versamenti ancora dovuti. rapporto. A Crediti verso soci per

STATO PATRIMONIALE ATTIVO PASSIVO. versamenti ancora dovuti. rapporto. A Crediti verso soci per STATO PATRIMONIALE ATTIVO A Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni C Attivo circolante D Ratei e risconti PASSIVO A Patrimonio netto B Fondi per rischi e oneri C Trattamento

Dettagli

Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti

Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Roma, 05/01/2017 Spett.le Cliente Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte

La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte La determinazione del reddito imponibile e il calcolo delle imposte Al 31/12/2004 la Alfa spa che opera nel settore industriale presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Stralcio della situazione contabile

Dettagli

LA CONTABILITÀ DI MAGAZZINO

LA CONTABILITÀ DI MAGAZZINO Area: ADEMPIMENTI Periodico plurisettimanale TA n. 91 31 dicembre 2013 ABSTRACT LA CONTABILITÀ DI MAGAZZINO Le scritture ausiliarie di magazzino devono essere obbligatoriamente tenute dal secondo periodo

Dettagli

IAS 2 - OIC 13: Le Rimanenze

IAS 2 - OIC 13: Le Rimanenze IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 2 - OIC 13: Le Rimanenze Roma, marzo/maggio 2015 Finalità del principio Per quale motivo è stato emanato il principio? PC OIC 13 IAS 2 PC OIC

Dettagli

Il leasing è un contratto atipico non disciplinato dal codice civile che consente all impresa o al lavoratore autonomo (conduttore) di:

Il leasing è un contratto atipico non disciplinato dal codice civile che consente all impresa o al lavoratore autonomo (conduttore) di: I BENI IN LEASING 1. Nozioni generali Il leasing è un contratto atipico non disciplinato dal codice civile che consente all impresa o al lavoratore autonomo (conduttore) di: 1 2 Ottenere la disponibilità

Dettagli

La valutazione delle rimanenze. Un caso pratico

La valutazione delle rimanenze. Un caso pratico Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Attualità La valutazione delle rimanenze. Un caso pratico Esempio di recupero a tassazione effettuato nei confronti di una società costruttrice di edifici

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 33 21.04.2016 Il reddito d impresa nel quadro G del modello Unico/PF Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone Fisiche Il quadro

Dettagli

TRAINING. Revisione delle Rimanenze di magazzino

TRAINING. Revisione delle Rimanenze di magazzino TRAINING Revisione delle Rimanenze di magazzino Definizione e criteri di rilevazione delle rimanenze di magazzino Definizione di rimanenze di magazzino. Principio di rilevazione. Generalmente comprendono

Dettagli

Esercitazione su voci Attivo Stato Patrimoniale

Esercitazione su voci Attivo Stato Patrimoniale Esercitazione su voci Attivo Stato Patrimoniale Esercizi riguardanti collocazione in bilancio e valutazione di voci relative all Attivo dello Stato Patrimoniale Sono comprese voci riguardanti il Conto

Dettagli

I nuovi OIC. La disciplina dell attivo circolante e del passivo OIC 13 LE RIMANENZE TIZIANO SESANA

I nuovi OIC. La disciplina dell attivo circolante e del passivo OIC 13 LE RIMANENZE TIZIANO SESANA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi OIC. La disciplina dell attivo circolante e del passivo OIC 13 LE RIMANENZE TIZIANO SESANA 20 marzo 2015 Sala Convegni, Corso Europa, 11 Milano OIC

Dettagli

LE OPERAZIONI DI ASSESTAMENTO: 2 LE SCRITTURE DI RETTIFICA

LE OPERAZIONI DI ASSESTAMENTO: 2 LE SCRITTURE DI RETTIFICA LE OPERAZIONI DI ASSESTAMENTO: 2 LE SCRITTURE DI RETTIFICA 1 Le scritture di rettifica Definizione: sono scritture di assestamento che comportano la rettifica di componenti di reddito già rilevati dall

Dettagli

DEBITI SOMMARIO 14/09/2016

DEBITI SOMMARIO 14/09/2016 DEBITI 1 SOMMARIO Stato patrimoniale Passivo D) Debiti Criteri di iscrizione Partite da liquidare Fatture da ricevere Stato patrimoniale Passivo D.12) Debiti tributari 2 1 STATO PATRIMONIALE PASSIVO D)

Dettagli

Lettura ed Analisi del Bilancio. Analisi dei contenuti del conto economico

Lettura ed Analisi del Bilancio. Analisi dei contenuti del conto economico Analisi dei contenuti del conto economico Schema di conto economico A) VALORE DELLA PRODUZIONE B) COSTI DELLA PRODUZIONE Differenza fra valore e costi della produzione C) PROVENTI E ONERI FINANZIARI D)

Dettagli

Debiti v/ fornitori 100 Banca c/c 100

Debiti v/ fornitori 100 Banca c/c 100 1 LA CONTABILIZZAZIONE DEGLI ACQUISTI DI MATERIE Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : Materie c/acquisti 100 Debiti v/ fornitori 100 Al momento del pagamento,

Dettagli

Corrispettivi contrattuali maturati. valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato

Corrispettivi contrattuali maturati. valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato RIMANNZ DI MAGAZZINO Rimanenze di magazzino: Valore costante 1. materie prime, sussidiarie e di consumo 2. prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 3. lavori in corso su ordinazione 4. prodotti

Dettagli

ESERCIZI RIEPILOGATIVI SULLA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE

ESERCIZI RIEPILOGATIVI SULLA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE ESERCIZI RIEPILOGATIVI SULLA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE Esercizio 1 La società Moda commercializza articoli di abbigliamento femminili. Durante l esercizio 2006 inizia la commercializzazione di un nuovo

Dettagli

Lo schema di rilevazione. +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci

Lo schema di rilevazione. +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci Lo schema di rilevazione +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci +/- costi acquisto +/- costi acquisto/utilizzo + costi d utilizzo + ricavi della produzione +/- ricavi di vendita/produzione

Dettagli

Rimanenze e costo del venduto

Rimanenze e costo del venduto Bilancio capitolo 6 e costo del venduto Come si calcola il costo del venduto I metodi per determinare il valore delle rimanenze Identificazione specifica Media Ponderata F.I.F.O. L.I.F.O. Il valore delle

Dettagli