al prof. Sergio Morgante, per avermi seguito come maestro in dieci anni di appassionato lavoro presso il Museo Friulano di Storia Naturale, dedico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "al prof. Sergio Morgante, per avermi seguito come maestro in dieci anni di appassionato lavoro presso il Museo Friulano di Storia Naturale, dedico"

Transcript

1 al prof. Sergio Morgante, per avermi seguito come maestro in dieci anni di appassionato lavoro presso il Museo Friulano di Storia Naturale, dedico questo volume

2 Ma quelli che vogliono disprezzare l arte dei metalli dicono che alcuni per le loro scelleratezze sono stati condannati ad estrarre metalli altri, che erano schiavi, hanno lavorato nelle miniere: così ritengono che sia un arte brutta e vergognosa. Certo se l arte dei metalli è disonesta e infamante per il fatto che un tempo furono gli schiavi ad estrarli, allora l agricoltura potrà essere considerata onesta perché un tempo la esercitarono gli schiavi, (...) ma neppure l architettura sarà dignitosa, neppure la medicina, poiché non pochi schiavi nel passato la esercitarono. E quello che io dico di queste arti si può dire di molte altre, che un tempo furono praticate dai prigionieri e dai servi. G. Agricola Foto: Elido Turco, Luigi Vidus, Roberto Zucchini In copertina: Miniera del Monte Cocco, galleria interna (foto A. D Andrea) Direzione e Redazione: Carlo Morandini (direttore) Maria Manuela Giovannelli Giuseppe Muscio Stefania Nardini Museo Friulano di Storia Naturale - via Grazzano 1, UDINE tel. 0432/ , fax 0432/ Riproduzione anche parziale vietata. Tutti i diritti riservati.

3 ROBERTO ZUCCHINI MINIERE E MINERALIZZAZIONI NELLA PROVINCIA DI UDINE ASPETTI STORICI E MINERALOGICI Catalogo della collezione mineralogica del Museo Friulano di Storia Naturale Minerali Friulani Pubblicazione n. 40 COMUNE DI UDINE Edizioni del Museo Friulano di Storia Naturale 1998

4 4

5 PRESENTAZIONE È passato più di un secolo da quando Camillo Marinoni nel 1881 scrisse l opera Sui minerali del Friuli. Un lavoro che lui stesso definì (...) una raccolta di notizie intorno ai minerali fino ad ora rinvenuti nel Friuli e nella Carnia, sia allo stato sporadico, sia in quello di veri giacimenti (...). Da allora si susseguirono studi, ricerche, pubblicazioni a carattere specialistico, ma nulla che riassumesse, con un impostazione divulgativa, lo stato attuale delle conoscenze sui minerali e sulle miniere friulane, escludendo quelle interessanti i combustibili fossili. L intendimento di questo lavoro è di raccogliere, in un unico volume, tutte le notizie sull argomento per stimolare l interesse in questo settore naturalistico. Partendo dalla conoscenza del territorio, e della storia ad esso connesso, si può puntare a quello che deve essere uno dei compiti di un Museo di Storia Naturale: sensibilizzare alla conoscenza dell ambiente perché solo ciò che si conosce si può tutelare. Tecniche di ricerca illustrate da Agricola (1563). 5

6 LE RICERCHE MINERARIE La storia mineraria è ricca di testimonianze di scavi, ricerche e sfruttamenti spesso di scarsa convenienza, ma che hanno alimentato la speranza di chi cercava nei minerali gli indispensabili metalli ed i lucrosi profitti. Bisogna considerare però che fin dai tempi più antichi erano ritenute sfruttabili anche modeste quantità di minerale. Ecco che, dal punto di vista storico, acquisiscono notevole importanza anche piccoli pozzi e gallerie perché spesso le miniere consistevano proprio in modestissimi scavi; molti di questi lavori sono stati obliterati dagli agenti atmosferici, dagli smottamenti o dalla vegetazione. La localizzazione di un affioramento minerario avveniva osservando le patine d alterazione dei minerali, anche casualmente, o era affidata alla bacchetta del rabdomante. Questo metodo fondato sulla pura superstizione non è ancora caduto in disuso essendo la rabdomanzia impiegata tutt oggi, con dubbi risultati, nella ricerca d acquiferi. Il lavoro estrattivo era molto duro con picche, scalpelli e cunei. Data l enorme energia spesa, per seguire la vena mineralizzata, si cercava di limitare l ampiezza delle gallerie allo stretto necessario per potersi muovere, magari carponi, portando fuori il minerale in piccole quantità. In Friuli lavorazioni a scalpello e a fuoco sono riconoscibili in alcune miniere nel Monte Avanza e nel Rio Gelovitz. A Raibl si notano ancora le vestigia di vecchie gallerie dalla forma d ogiva e gallerie ancora più piccole. Queste hanno alimentato la leggenda che le miniere fossero, in tempi passati, sfruttate da un popolo di nani d origine tedesca o veneta; la fiaba di Biancaneve ed i sette nani trae origine proprio da tali fantasie popolari. 6 Antica galleria lavorata a mano, dalla forma di ogiva, rinvenuta negli scavi degli anni 40 del cantiere Udo (Vitriolwand) delle miniere di Raibl (Di Colbertaldo, 1948).

7 I criteri generali per guidare le ricerche si possono così riassumere: - storico o archeologico; - toponomastico; - geologico di campagna; - d analisi dei materiali alluvionali o del detrito di falda; - d analisi chimica delle acque. Molti sono i documenti storici quali: codici, statuti, diritti feudali o atti notarili, che trattano di concessioni, compravendite e donazioni di miniere, forni o battiferro. Questi documenti possono indicare l area della concessione mineraria, ma difficilmente forniranno indicazioni precise sull ubicazione delle miniere e sul come raggiungerle perché gli atti, prima del XVIII secolo, sono sempre molto generici e privi di planimetrie. Il ritrovamento di pani di rame, scorie, forni, possibili fluidificanti (calcite, dolomite, fluorite, conchiglie, ecc.), crogioli, pietre piatte con segni di percussione, o testimonianze di strutture siderurgiche, può indicare la presenza di insediamenti dell età del bronzo, del ferro o più recenti. I nomi delle località, i toponimi, possono ricordare l esistenza di una remota attività mineraria o della presenza di minerali, certamente sono utili nell individuare i luoghi, ma non forniscono né dati quantitativi, né indicazioni sui problemi e sulle metodologie di lavoro: Pale dal Fiêr in Val d Aupa dove fu coltivato (?) del minerale di ferro, Rio Malinfiêr (cattivo ferro) ricco di pirite nei terreni carboniferi. La località Pistons (nella carta a 1: è riportato erroneamente Pestons) alle pendici del Monte Avanza, testimonia l attività di pistoni, la cui funzione era di ridurre in polvere la roccia cavata dalla miniera al fine di estrarne il minerale. Riûl dal Fiêr, Carbonarie, Fornas, Rio Ferro, Rio Filaferro, Prato Filaferro ecc. sono toponimi che richiamano minerali presenti o antichi mestieri svolti nel luogo. Forni Avoltri testimonia la presenza di forni fusori mentre Cima della Miniera è derivato proprio dalla miniera del Monte Avanza. Lavorazione del materiale estratto secondo l illustrazione di Agricola (1563). La località Pistons presso le miniere del Monte Avanza testimonia l antica attività di lavorazione del minerale. 7

8 A Timau il minerale era lavorato vicino alla miniera in una località, chiamata tutt ora dai locali Schmelzhütte (forno fusorio), nella quale esistevano i resti di un fabbricato che fungeva da fornace. Il Monte Avostanis è chiamato dagli austriaci Blaustein dal colore azzurro della roccia e ciò indica la presenza di minerali di rame. Altri toponimi sono: il Rio e Monte Plombs (Rivalpo), Rio Fornace con la località Fornas (Vinaio), Rio e Casera Plumbs (Collina), Canale del Ferro dove si estraeva la limonite presso il Rio Gelovitz e dove si rinvengono ancora le gallerie, Rio Argento, il Rio Zeliesni patok dallo sloveno zeliéso=ferro e patok=ruscello, torrente. Il termine buse o buso e tutti i suoi derivati rientravano nella legislazione mineraria della Repubblica Veneta e molto spesso li ritroviamo come toponimi d alcune località, Passo Buso nel Monte Navastolt, la Busate a Sud-Ovest della Creta di Pricot ecc., potrebbero quindi essere indizio di lavori minerari effettuati nel periodo della dominazione veneta o successivi. La conoscenza approfondita della geologia del Friuli e degli ambienti minerogenici, in altre parole l insieme delle condizioni geografiche, strutturali, climatiche e litologiche che concorrono alla formazione e alla deposizione di minerali utili nelle trappole metallogeniche, può essere un notevole aiuto ad orientare le ricerche sul territorio. Le rocce presenti in Friuli sono per la quasi totalità d origine sedimentaria e quindi la formazione e la deposizione di minerali utili sono di solito connessi ai processi sedimentari e diagenetici. Molto utili sono le ricostruzioni paleogeografiche che evidenziano i vari domini sedimentari: continentale e marino, ed è in questi che si possono ricercare le possibili zone interessate da metallogenesi. Analizzare i depositi fluviali o il detrito di falda è utile per individuare la presenza di vecchi lavori, o sedimenti mineralizzati. Sovente fuori dalle gallerie era trasportato ed accumulato lo sterile, vale a dire la roccia che possedeva poco minerale e quindi non produttiva, oppure il materiale scopo di saggi. Le scorie di lavorazione del metallo possono testimoniare la vicinanza di antichi giacimenti coltivati. Questi indizi danno spesso l opportunità di investigare un area più piccola fino al ritrovamento, con un po di fortuna, dei saggi o delle gallerie. Nei lavori molto recenti le norme di sicurezza prevedono l obbligo, da parte delle società che hanno l investitura, di bonificare tutti i lavori eseguiti e quindi spesso l accesso alle miniere è interdetto da muri a secco, gettate di cemento o recinzioni metalliche. Per le miniere più antiche, oppure per quelle che hanno avuto brevissima durata e quindi, di fatto, non c è stata investitura, è ancora possibile l accesso come in Val Aupa, sul Monte Cocco ed in alcune gallerie del Monte Avanza. Spesso i giacimenti minerari affiorano con delle masse ocracee ben visibili, dovute al processo d ossidazione ed idratazione del ferro, che prendono il nome di cappello del giacimento. L analisi chimica delle acque è un altro metodo d investigazione. Analizzando le acque è possibile determinare il contenuto in ioni e metalli pesanti e dare indicazioni sulle eventuali anomalie geochimiche. Queste potranno poi orientare la ricerca. 8

9 TECNICHE DI SCAVO E DI LAVORAZIONE I lavori di ricerca e scavo compiuti nel passato sono appariscenti se i terreni interessati sono consistenti: si presentano come pozzi verticali poco profondi spesso scavati l uno accanto all altro, cunicoli, gallerie o scavi a giorno praticati seguendo il minerale. L enorme energia spesa a disgregare la roccia al fine di estrarre il minerale, consigliava ai cavatori di seguire passo passo la vena mineralizzata creando cunicoli tortuosi ed angusti. Si eseguivano gli scavi dall alto verso il basso, e con enorme fatica si portava il minerale alla superficie mediante funi e carrucole. Spesso era impossibile creare gallerie di drenaggio ed i minatori lavoravano nell acqua che sul fondo dei pozzi si raccoglieva e, quando le condizioni erano insopportabili, si abbandonava temporaneamente la miniera fino allo scemare dell acqua in essa contenuta. La miniera rimaneva, quindi, inattiva anche per mesi. Il problema dell eduzione delle acque non era di facile soluzione, le gallerie di scolo erano un espediente troppo costoso; nei secoli XV-XVI, grazie ai progressi tecnici, le miniere più importanti erano attrezzate con pompe o macchine idrauliche di vario tipo. Il trasporto e sollevamento del materiale estratto avveniva tramite carriole spinte a mano su un pavimento di tavole poste al fondo della galleria, metodo utilizzato anche nel XX secolo a Comeglians, o trascinato su piccoli carrelli legati ai piedi. Il minerale estratto da ciascun minatore era poco e questi lo portavano appresso in ceste o sacchi legati ai piedi, Pompa per l eduzione delle acque e uso dei forni a mantice, da Agricola (1563). 9

10 Estrazione del minerale e trasporto mediante vagonetto legato ai piedi (scisti cupriferi di Mansfeld, da Harbort). un po per comodità, ma forse anche perché si lavorava a cottimo. Poi, grazie alla tecnologia ed una maggiore organizzazione, fu la volta dei carrelli da miniera spinti dall uomo o trainati da un mulo o asino fino ad arrivare ai vagoni collegati ad una locomotiva. Il minerale era sollevato con argani azionati a mano oppure, quando le condizioni lo consentivano, con animali. Solo all inizio dell Ottocento si utilizzarono le macchine idrauliche. L abbattimento del minerale avveniva con mazze, picche, cunei, punteruoli ed era conosciuta la tecnica del mazzapicchio: si appoggiava la punta della picca sulla parete e si sferravano colpi sulla sua base mediante una mazza. Quando le condizioni lo consentivano si utilizzava il fuoco: si riscaldavano le pareti rocciose accatastando vicino ad esse delle fascine e poi si procedeva abbattendo la roccia meccanicamente; spesso si utilizzava anche l acqua al fine di rendere più incisivo il lavoro del fuoco. Questo metodo d estrazione era utilizzato soprattutto per l abbattimento delle rocce dure, ma comportava problemi non indifferenti d aerazione delle gallerie e di vicinato: si dovevano infatti rispettare date ed orari ed informare i padroni delle cave vicine. La coltivazione in sotterraneo poteva avvenire seguendo tecniche diverse in funzione della consistenza della roccia; tralasciando i metodi più semplici quali scavi a giorno o cunicoli, i principali sono coltivazioni con vuoti e coltivazioni con riempimento. Le più antiche sono le coltivazioni con vuoti, termine che indica il permanere del vuoto a coltivazione avvenuta. Lo sfruttamento avveniva per grandi camere ove si lasciava, nella massa del minerale, una serie d ampi vuoti creando dei pilastri-diaframmi atti a 10

11 Miniera di Raibl, Colonna principale: getti di ripieno attraverso gli antichi vuoti ad un cantiere di ripresa, si nota la sezione della galleria (sopra) e abbattimento e cernita in un cantiere (sotto) (1935, dal volume fotografico della Soc. Anomina Miniere Cave del Predil). 11

12 sostenere il cielo dello scavo. Si perdeva così parte del minerale, ma rappresentava un buon metodo perché non richiedeva spese per sostegni e per il riempimento dei vuoti, aumentando così la produttività del minatore. Altre tecniche erano le coltivazioni per scoscendimento a gradino diritto o gradino rovescio con riempimento. L utilizzo dell una o dell altra era funzione della franosità, della roccia sterile e del pregio del minerale, entrambe erano usate per sfruttare filoni metallici o masse mineralizzate. L abbattimento lungo le gallerie, con gradini, ha lo scopo di moltiplicare le fronti d abbattimento e migliorare quindi l estrazione. Nella miniera di Raibl furono introdotti nuovi metodi di coltivazione a causa del verificarsi dei colpi di tensione. Questi consistono nell annullamento istantaneo delle tensioni presenti nella roccia ed insite già originariamente nella compagine rocciosa ma incrementate dai lavori estrattivi. La coltivazione, a gradino rovescio con ripiena sciolta, comprometteva la stabilità della massa rocciosa provocando concentrazioni di tensioni tali da generare una frammentazione generalizzata di un volume di roccia. Furono così adottati sistemi di coltivazione diversi nelle varie zone della miniera ed in particolare la coltivazione a gradino montante con ripiena cementata e il taglio discendente con ripiena cemen- 12 Sopra: schemi illustranti la coltivazione a gradini diritti e a gradini rovesci (da Bertolio). A sinistra: lo schema trasversale della coltivazione di una miniera metallifera (da Harbort).

13 tata nelle zone soggette a colpi di tensione; il gradino montante con ripiena sciolta nelle aree non soggette a colpi di tensione e il sub level caving per la coltivazione nella zona degli ossidati. La coltivazione di un giacimento avviene realizzando una serie di gallerie che dividono il corpo mineralizzato in una successione di massicci rettangolari, a maglie tanto strette quanto più irregolare è la mineralizzazione. L ubicazione corretta delle gallerie gioca un ruolo economico estremamente importante, per questo è fondamentale un indagine approfondita dell estensione del giacimento e della sua genesi, analisi che è stata in passato sempre carente. Una grande rivoluzione nella quantità di minerale estratto dalle miniere avvenne quando fu utilizzata la polvere da sparo che, nota fin dal 400, trovò impiego nelle miniere molto più tardi. Il suo uso, nelle miniere europee, avvenne nel XVII secolo e probabilmente coincise con l elevato costo del legno e dei salari, e con la necessità di rendere più produttiva l estrazione. L elevato costo e la pericolosità del suo impiego ne limitarono, comunque, l uso alle miniere più importanti, per esempio Raibl, e solo in tempi più recenti è divenuta una tecnica diffusa d abbattimento delle pareti rocciose. Un altro problema da risolvere era la ventilazione delle gallerie che spesso venivano abbandonate quando le condizioni d agibilità erano critiche. Dove le condizioni morfologiche del terreno lo consentivano, venivano realizzate gallerie d aerazione normali a pareti scoscese, spesso poste in modo da sfruttare le brezze. Seguirono rudimentali metodi basati sull uso di mantici o più semplicemente di convogliatori mossi dal vento, fino all uso dei grandi compressori e delle moderne condotte d aria compressa. Una bocca di carico del forno di Pierabec, utilizzata come altare nella locale colonia. 13

14 Il minerale, una volta portato in superficie, veniva frantumato manualmente e selezionato per il trattamento metallurgico con una cernita a mano. L uso di ruote ad acqua, che azionavano pistoni in legno con la testa di ferro, sostituì, nelle miniere più importanti, il lavoro manuale di frantumazione e macinazione che continuò nelle più piccole anche nel XX secolo. Da una relazione sull andamento dei lavori nella miniera di Comeglians emerge come la cernita a mano non permettesse di rispettare i tempi di consegna del minerale estratto. Il sistema più antico di produzione di metalli consisteva nel realizzare un forno a cumulo. In pratica si accatastavano, in strati alterni, il minerale frantumato e il carbone di legna che era prodotto mediante combustione lenta ed imperfetta di legname, accatastato a formare un ampio cono poi coperto di terriccio o zolle di terra. Il forno assumeva la forma di un tronco di cono, dopo che il carbone e il minerale erano ricoperti da argilla, avendo cura di lasciare aperte delle aperture in cima ed in basso per il tiraggio. Il ferro, se questo era il metallo da produrre, per le caratteristiche del forno e del combustibile non poteva raggiungere la temperatura di fusione (in Europa si riuscì a fondere il ferro solo nel XVIII secolo). Si formava così un massello spugnoso o loppa che doveva essere raffinato mediante fucinatura. La resa era bassissima, circa il 10% circa del metallo contenuto nella roccia, ed inoltre il forno andava distrutto ogni volta. Nell Alto Medioevo l impiego di forni in muratura, con ventilazione naturale o artificiale mediante mantici azionati a mano, portò la resa al 40% grazie al raggiungimento di una temperatura più elevata. L utilizzo dei mantici azionati con ruote ad acqua spostò la lavorazione dei metalli sui fondovalle, in riva ai torrenti. Continuò l evoluzione dei forni che si svilupparono soprattutto in altezza: nel XIV secolo i forni a tino raggiunsero il rendimento del 50%. Il perfezionamento continuo dei forni, che potevano trattare sempre maggiori quantità di minerale, evidenziò maggiormente l insufficienza della vena e la scarsa competitività rispetto a miniere più ricche, poste al di fuori dei confini. Questa causa, assieme ad altre, concorse alla chiusura di molte attività minerarie. L ubicazione dei forni presso i torrenti è la causa principale degli scarsi resti che si possono ancora vedere; i corsi d acqua, durante le piene li hanno asportati. Altri hanno subito sorti diverse, degli edifici del forno fusorio, in località Pierabec (Monte Avanza), non rimangono altro che poche immagini fotografiche. Tutti i materiali di costruzione sono stati riutilizzati dai valligiani. Ora si possono vedere alcuni blocchi, conservati come ricordo, e solo due bocche di carico delle quali una utilizzata come altare all aperto per la locale colonia. In altre località, non sono presenti nemmeno questi resti e solo scarsi indizi quali scorie e toponimi fanno pensare ad una lontana attività metallurgica. 14

15 MINIERE E LAVORAZIONE DEI METALLI Dall origine della metallurgia al XVIII secolo Quando l uomo ha scoperto che nelle rocce si possono trovare vene di minerale e che questi, opportunamente trattati e lavorati, forniscono un numero elevato d utensili, siamo ormai entrati nella seconda grande rivoluzione industriale: quella dei metalli. Così, con l età del rame (3.500 a.c. in Italia), inizia per l uomo quella lenta evoluzione che lo ha portato alla scoperta ed all utilizzo dei numerosi metalli. L importanza degli oggetti in metallo era tale che questi erano nascosti (tesaurizzati) in ripostigli; è con l utilizzo del ferro (1.000 a.c.), grazie all individuazione di più giacimenti ed all aumento dei commerci, che si assiste ad un rapido sviluppo dell economia. Nell area presa in esame non sono state trovate tracce antichissime di lavorazione dei metalli strettamente associate all attività estrattiva. I numerosi rinvenimenti, a Paularo, di reperti di bronzo caratterizzati da tipologie non comuni a quelle delle aree contermini, di pani di rame e pani a piccone di lega di rame, possono indicarci un intensa attività di scambi commerciali con aree ad attività estrattiva quali l attuale Trentino, il Veneto e l Austria, ma anche farci supporre uno sfruttamento delle risorse minerarie locali al fine di coprire, limitatamente, i propri fabbisogni. Finora è stato impossibile tracciare un quadro dell attività estrattiva nell età del Bronzo e del Ferro, perché non sono state compiute ricerche finalizzate ad individuare possibili siti in aree montane prossime a zone mineralizzate. Il millennio che va dal 500 a.c al 500 d.c. segna il culmine della civiltà e della tecnica del mondo antico. L impero romano favorisce gli scambi culturali e tecnologici. Plinio nel suo Historia Naturalis accenna alla notevole abilità che gli abitanti del Norico possedevano non solo nell estrarre il minerale, ma anche nel lavorare i metalli ed in particolare l oro. Il ferrum Noricum era celebrato dagli antichi scrittori: in quest area i primi fonditori ed i fabbri celtici furono gli iniziatori dell importante tradizione della siderurgia europea. L importanza che il territorio, assoggettato dai romani, aveva anche dal punto di vista minerario era testimoniato dalla presenza ad Aquileia del praepositus aerarii il cui compito era quello di provvedere ai salari anche dei minatori. Alcune miniere nel territorio furono probabilmente sfruttate anche in epoca romana. La presenza di strade romane prospicienti le miniere di Cave del Predil e di Timau ci autorizza a pensare che difficilmente, ai viandanti, non siano stati evidenti i colori d alterazione d alcuni minerali quali il ferro (rosso-arancio, ocra) ed il rame (blu, verde). Questi devono aver attirato sicuramente l attenzione di chi era alla ricerca di minerali, ma non vi sono elementi sicuri che attestino una qualsivoglia attività metallurgica sia in epoca preromana sia romana. L attività mineraria continuò nei secoli successivi, ma è con l avvento del dominio temporale del Patriarcato, nell anno 1077, che si cominciano ad avere documenti, quali concessioni minerarie, attestanti la ricerca di metalli preziosi e il pagamento di censi, rendite, decime che testimoniano una continua attività di ricerca e di sfruttamento minerario. I sistemi di scavo e trasporto del materiale, molto primitivi, ci portano a pensare più ad un economia di sussistenza che d imprenditorialità; molte concessioni, infatti, sono comprensive della possibilità di sfruttare i pascoli, i boschi, i corsi d acqua ecc. 15

16 Attrezzi da fabbro in ferro (Salisburghese, IV-III sec. a.c.). Piccola incudine (Salisburghese, IV-III sec. a.c.). Stele del fabbro ferraio (Aquileia, metà I sec. a.c.). 16

17 Dai numerosi documenti emerge che anche in Friuli, come nel Veneto e nel Trentino, è stato fondamentale il ruolo dei tecnici tedeschi. Con tale termine s identifica tutta quella manodopera, proveniente da un area geograficamente piuttosto ampia che si estendeva dal Tirolo al Reno fino ai Carpazi, esperta nell estrazione mineraria e nella metallurgia. Queste maestranze, forti d esperienze e di tradizioni secolari, vennero spontaneamente o chiamate per dirigere e prestare la propria opera in Friuli. L influenza che esercitava questa manovalanza si riscontrava a tutti livelli della vita sociale, nei costumi, nel lessico ed anche nella legislazione mineraria, come ben si evince leggendo alcuni articoli del codice minerario veneto del Non compaiono dagli atti solo nomi di minatori stranieri, ma anche toscani, ugualmente ricercati perché ben conoscevano l arte mineraria nella quale si erano impratichiti nelle miniere di ferro e cinabro della propria regione. Con l avvento della Repubblica Veneta, i proprietari d oltralpe sono lentamente sostituiti da nobili locali, per esempio i Savorgnan, che si rivolgeranno sempre a tecnici d oltralpe per lo sfruttamento delle miniere. Il Governo veneto, subentrato a quello patriarcale nel 1420, continua ad essere interessato alle miniere d oro e d argento che forniscono i preziosi metalli per il conio, ma anche il ferro è ricercato. In periodo di guerra vi sono infatti forti richieste di minerali di ferro, grezzo o lavorato, tant è che la preoccupazione del Consiglio dei Dieci è d acquistare tutta la produzione d armi del Canal del Ferro affinché questo non sia venduto agli imperiali. La Repubblica Veneta, quindi, mirava principalmente all estrazione dei metalli da conio perché la civiltà protoindustriale era ancora legata al legno con il quale erano realizzate tutte le macchine, anche le più complesse, che eccezionalmente possedevano solo alcune parti in metallo. L economicità dello sfruttamento dei minerali locali è venuto gradualmente a scemare a causa dell alto costo del lavoro, della limitata potenzialità dei giacimenti ed in particolare del bassissimo tenore di quasi tutte le mineralizzazioni sfruttate. L impossibilità di poter applicare tecniche estrattive e di lavorazione più redditizie ed inoltre, bisogna ag- Lavorazione a punta e mazza, mazza e cuneo in un codice del XVI secolo. 17

18 giungere, la concorrenza dei prodotti esteri, che dopo il XVI-XVII secolo divenne sempre più pressante, finì per sconsigliare gran parte delle iniziative volte allo sfruttamento minerario. Va considerata inoltre la profonda crisi economica che travagliò gli stati veneti nell ultimo periodo di vita della repubblica e che investì ogni settore produttivo. L avvento dell industria moderna fece il resto, mettendo fuori mercato tutte quelle attività produttive legate ad una scarsa imprenditorialità. Una condizione ben diversa è quella vissuta dalla Valcanale, che ha avuto leggi e tradizioni minerarie completamente diverse rispetto a qualsiasi altra parte del Friuli, perché è diventata parte integrante dell Italia solo dopo il primo conflitto mondiale. Essa apparteneva al Vescovado di Bamberga, successivamente alla casa d Austria e solo per pochi anni, con la guerra gradiscana del 1616, fu sotto la dominazione veneta. Come si era verificato in altre aree del Friuli, anche qui vi fu afflusso di manodopera tedesca e la località chiamata Capanne di Knappen presso Ugovizza ben può ricordare i canopi, termine tedesco utilizzato per indicare gli operai minerari. Gran parte della popolazione era dedita all allevamento ed a tutte le attività legate allo sfruttamento del bosco. Giunsero così tecnici ed imprenditori, soprattutto dalla Slesia, per coltivare le miniere. Tutte le vicissitudini minerarie, come quelle della valle dello Slizza dove sono site le miniere di Raibl, rientrano quindi in un contesto estremamente diverso in parte simile a quelle vissute dalle miniere di Primero in Trentino. Dal XIX secolo ad oggi Una svolta è documentata nel periodo napoleonico. Si hanno i primi dati statistici, sufficientemente dettagliati, sulle produzioni delle miniere e dei forni fusori allora funzio- Canopi al lavoro in un codice del XVI secolo. 18

19 nanti. Nell archivio di Raibl sono presenti planimetrie ed indagini produttive che portano la firma di tecnici francesi, e si nota un grande incremento della produzione anche per fini bellici. Si continua a cercare il piombo, l argento, il rame, ma anche lo zinco, metallo finora trascurato perché era ancora sconosciuto il trattamento metallurgico. La metallurgia dello zinco come elemento metallico è, in Europa, molto recente: il primo scritto dove compare il nome zinco si deve a Paracelso ( ) e solo tra il XVIII e XIX secolo si ha un pieno approccio scientifico all uso delle calamine e blende. Composti di zinco per produrre l ottone (lega di rame e zinco) erano in realtà già utilizzati nell Impero romano per la monetazione, ed inoltre lo zinco era ottenuto, casualmente, come sottoprodotto della lavorazione di altri metalli. Il lavoro nelle miniere rimase, in ogni caso, legato alle forme tradizionali e le innovazioni tecnologiche erano di scarsissimo livello. Nella maggior parte delle miniere, soprattutto in quelle piccole, si continuava a scavare a mano, le mine erano troppo costose, in cunicoli angusti, si trasportava il minerale alla superficie con metodi ancora rudimentali e lo si selezionava vicino alla miniera per poi inviarlo alle fucine. Dopo la caduta del regime napoleonico, l attività estrattiva subì una profonda crisi, si affacciarono nuove tecnologie, ma soprattutto imprenditori con idee rivoluzionarie rispetto alla tradizione. L apertura di nuovi mercati, dovuta ai sempre più veloci ed economici mezzi di trasporto, non servì a salvare le poche attività estrattive rimaste; alla fine del XIX secolo tutte le miniere furono progressivamente abbandonate, solo i giacimenti del Monte Cocco, di Raibl e del Monte Avanza (quest ultimo allora facente parte del Lombardo-Veneto) sopravvissero. Nel periodo l attività di ricerca ed estrattiva ebbe una ripresa dovuta principalmente alla politica autarchica, ed al notevole afflusso spontaneo di maestranze che, per evitare di essere impegnate in attività belliche, preferirono essere assegnate ai lavori usuranti. Nel dopoguerra solo la miniera di Cave del Predil era rimasta a testimoniare in regione un attività estrattiva iniziata secoli prima. Ora anche la miniera di Cave del Predil ha chiuso, per lo scarso rapporto minerale/ sterile e gli elevati costi d estrazione, ma le polemiche per la mancata riconversione degli impianti e per la morte di un paese non si sono ancora assopite. Nel 1985 le cronache dell epoca, con entusiasmo, annunciavano la riapertura della miniera del Monte Avanza per merito della finanziaria FINSEPOL di Trieste che aveva rilevato il complesso minerario. Oggi possiamo appurare che l unica cosa estratta dalla Regione Friuli-Venezia Giulia sono stati alcuni miliardi anticipati per finanziare in parte l iniziativa. Una critica mossa costantemente, da più studiosi che s interessarono alle miniere ed al loro sfruttamento, è quella che, in quasi tutti i giacimenti si è puntato verso una coltivazione che rendesse immediatamente degli utili, sacrificando la ricerca e quindi, come conseguenza, un corretto sviluppo della coltivazione. Questo modo di procedere definito di rapina è evidentemente legato alla particolare situazione geografica e politica del Friuli, i cui giacimenti, troppo vicini ai confini, passarono più volte da un padrone all altro, che rese impossibile o non conveniente investire a lungo termine. 19

20 STORIA DELL ATTIVITÀ MINERARIA I primi documenti che attestano un attività mineraria, sono datati a.c. dove Polibio cita che sui monti Taurisci e specialmente intorno ad Aquileia c era dell oro in abbondanza. Strabone (66 a.c.-24 d.c.) accenna a giacimenti auriferi non lontano da Aquileia e che le miniere sono soggette ai romani. Polibio e Strabone fanno sicuramente riferimento ai giacimenti auriferi d oltralpe perché non esistono in regione mineralizzazioni nelle quali l oro sia presente, se non in tracce. Possiamo in ogni caso supporre che fosse impostata anche in Friuli, come in altre regioni dell arco alpino, un attività mineraria. Nella Carnia Nel gennaio 778 il duca franco Masselio dona al Monastero di Sesto al Reghena la Curtis Regia, in suffragio dell anima di re Carlo: Dono praedictae sanctae Ecclesiae sita in loco Sexto seu vobis beato abbati et monachis (...) propter remedium pro domino nostro Carolo et anima ei remedium, villam quae sita est in montaneis que dicitur Furno, cum omni adiacentia vel pertinentia sua, cum terris, casalis, pratis, pascuis, silvis, pomicentia, montibus, aquis, astalariis, casis, curtis, ferro et ramen (...) e ciò fa pensare ad una attività già da lungo tempo impostata a Forni di Sopra. Nell anno 1077 l imperatore germanico Enrico IV fece dono della contea del Friuli al Patriarca d Aquileia. I patriarchi fino al 1420 mantennero il diritto assoluto su tutti i beni siti nel territorio a loro soggetto sui boschi, sulle zone incolte e sulle miniere. Il patriarca Gregorio di Montelongo ( ) autorizzò l estrazione dell oro e dell argento in qualsiasi parte del patriarcato. Raimondo della Torre ( ) concesse al boemo Rewdal, detto Haylner, a Wasango di Villacco ed altri (10 giugno 1292) la licenza di scavare argento, piombo e qualunque altro metallo nel canale di Gorto ed in dieci miglia all intorno. Nell atto si prevede che la lavorazione avvenga a spese dei cavatori, si concede la costruzione di forni e l uso del legname dei boschi patriarcali continuando così, per il trattamento metallurgico, il depauperamento dei boschi carnici. Il 6 giugno del 1328, a Tolmezzo, il Patriarca d Aquileia Pagano della Torre ( ) concede in perpetuo a Nassimbene detto Guercio di Scarfedara e soci di fare un forno per lavorare ferro e una fucina in Carnia nella contrada Avoltri. Segue l 11 giugno 1353 un altro analogo permesso a Gesilo quondam Giacomo di Forni. Il 10 giugno del 1392 e il 10 gennaio del 1395 si ebbero investiture riguardanti l estrazione dell argento nel Canal di Gorto contrada Gorti. L ubicazione delle miniere fu indicata da Giuseppe Girardi (1841) in Agrons: In Agrons (...) si osservano ancora traccie delle cave in epoche lontane, formate per estrarre i minerali d argento (...), e da Enrico Palladio (1659) nel Monte Avanza: (...) Vallis in occidentem, e arcton Gortium dicta est amne Decano alluitur. Castro Luintio à Patriarcha Nicolao diruto, e argenti fodina, non obscura. Eam in Avantio monte haberi fama tenet.. L ipotesi più plausibile è quella del Palladio perché la tetraedrite del Monte Avanza è argentifera e nel Canale di Gorto non ci sono altre mineralizzazioni che rivelino argento in quantità sfruttabili. Il 16 luglio 1420, il Friuli e la Carnia furono assoggettati alla Repubblica Veneta e si ebbe un nuovo impulso ai lavori minerari per rifornire l arsenale veneziano di minerali e 20

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli