Sul materiale. II Ferro non diviene mai pieghevole se un altro ferro non lo batte. Antico proverbio tedesco

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sul materiale. II Ferro non diviene mai pieghevole se un altro ferro non lo batte. Antico proverbio tedesco"

Transcript

1 Sul materiale II Ferro non diviene mai pieghevole se un altro ferro non lo batte. Antico proverbio tedesco Produzione e cultura Il ferro appare per la prima volta sulla Terra intorno al IV millennio a.c, sotto forma di meteoriti cadute dal Cielo. A questi frammenti di stelle, che solo molto più tardi si riconosceranno composti da un ferro pressoché puro, l'uomo attribuisce un valore magicosimbolico e con essi si costruisce oggetti ornamentali e portafortuna 1. Più tardi, nel corso del III millennio, il metallo viene impiegato per fabbricare oggetti d'uso ma i pochi reperti in nostro possesso (frammenti di spade, anelli, ecc.) non sono sufficienti a chiarire la reale consistenza del fenomeno. La nascita di una vera siderurgia, intesa come capacità di estrarre il ferro dal minerale e sottoporlo a successive trasformazioni sino ad ottenere manufatti d'uso, avviene temporalmente fra il 2000 ed il 1500 a.c. e spazialmente nel Caucaso meridionale, terra abitata a quell'epoca dai Calibei e dagli Ittiti. Questi popoli escogitano per primi una tecnica di produzione del ferro rimasta insuperata, nella sua concezione, fino alla Rivoluzione industriale moderna e basata su di un procedimento molto semplice: riscaldando in una piccola cavità del terreno dei pezzetti di minerale di ferro insieme a del carbone di legna, essi ottenevano una massa pastosa e spugnosa (modernamente definita «blumo») che successivamente dovevano battere e ribattere parecchie volte per liberarla dalle impurità residue, renderla più compatta e ottenere quindi un materiale concretamente usufruibile per la produzione di oggetti 2. Le caratteristiche di resistenza e durezza che gli antichi metallurgi imparano a riconoscere nel ferro, concorrono a renderlo ben presto competitivo con il rame ed il bronzo e a decretarne il rapido successo nell'ambito delle civiltà antiche 3. La conoscenza del processo di produzione del ferro si propaga velocemente ad est e ad ovest dell'epicentro caucasico anche se con risultati diversi: ad Oriente i popoli della Mesopotamia, della Persia e dell'india apprendono velocemente le tecniche siderurgiche e tendono a perfezionarle ma soprattutto il ferro permea rapidamente le loro culture, diventandone una componente di fondo; ad Occidente invece l'apprendimento si verifica più lentamente e in maniera alquanto articolata: dal Caucaso il sapere siderurgico giunge in Egitto, poi arriva in Grecia, sale in Europa centrale, ridiscende a Roma, si estende nella Penisola Iberica e infine risalendo a nord attraverso la Gallia si ricongiunge all'europa centrale e tocca le Isole Britanniche, Le due grandi civiltà mediterranee, la greca e la latina, pur avendo il merito di accogliere e approfondire in parte le conoscenze sul ferro non favoriscono del tutto la diffusione del metallo all'interno del loro mondo, saldamente legato alla tradizione del bronzo. Questa chiusura culturale si deve forse anche all'origine orientale della siderurgia per cui veniva considerata un qualcosa di «barbaro» e in effetti il grande successo riscosso dal ferro in Occidente è dipeso molto dall'impulso delle popolazioni celtiche e barbare. Aspetti peraltro contraddittori convivono all'interno delle civiltà classiche: i Greci già nel V a.c. riescono ad elevare la temperatura nei forni di produzione del ferro sino a fonderlo ma non si avvedono quasi della straordinaria scoperta, di cui si perderanno le tracce fino al 1200 d.c. 4 ; i Romani dal canto loro come padroni di un Impero esteso dall'india alle Isole Britanniche avrebbero la possibilità di arricchire le proprie conoscenze sulla siderurgia ma di fatto non assimilano neppure del tutto le dinamiche produttive e, per citare un esempio, sono costretti ad importare il ferro acciaioso dall'oriente, non essendo in grado di produrlo in proprio, ritenendolo fra l'altro «serico» (e cioè cinese) mentre questo proveniva dall'india. Da questi pochi dati emerge già chiaramente che il ferro non occupa una posizione di privilegio nell'ambito della metallurgia antica occidentale; lo si impiega quasi solo per costruire attrezzi agricoli e strumenti da lavoro per non parlare dei casi in cui se ne proibisce persino l'uso, come in certe cerimonie religiose romane. Dopo il lungo e oscuro periodo successivo alla fine del mondo romano, ancora contrassegnato da un massiccio uso del bronzo, la siderurgia riprende vita nel mondo medievale all'interno del quale conquista uno spazio sempre più importante, determinando un indiscutibile primato del ferro rispetto agli altri metalli destinato a consolidarsi nell'arco dei secoli successivi 5. 27

2 Dal XII al XVIII sec. la produzione artigianale di oggetti in ferro costituisce uno dei riferimenti fondamentali del paesaggio materiale delle civiltà occidentali. La sorprendente crescita di importanza del ferro in Occidente è il risultato di una grande ottimizzazione produttiva conseguita sulla base di importanti avanzamenti tecnologici. Nel mondo antico il ferro veniva prodotto in forni alquanto rudimentali: dapprima semplici cavità praticate nel terreno e poi costruzioni alte 3-4 metri, a carattere non permanente {«forni a tino») e soggette ad una ventilazione naturale che non consentiva di ottenere temperature superiori ai Nel corso del '200, il «forno a tino», largamente usato presso i Romani, viene perfezionato in maniera decisiva. In un primo tempo il forno viene concepito come costruzione permanente e ventilato tramite due mantici idraulici che, agendo in successione alternata, garantiscono un getto d'aria continuo; queste fondamentali innovazioni tipiche del «forno catalano» consentono di raggiungere temperature più elevate, anche se non ancora sufficienti per far colare il ferro, e comunque determinano un forte incremento produttivo. Pochi decenni più tardi, agli inizi del '300, in Germania si costruiscono forni più alti del normale (6-7 metri) sempre ventilati con mantici idraulici; con questi nuovi forni, detti Stilekofen e progenitori dell'altoforno industriale moderno, si incrementa ulteriormente il tenore produttivo e soprattutto si raggiungono temperature ancora più elevate, alle quali il ferro comincia a colare. La fusione del ferro determina una sensazionale rivoluzione tecnologica che in concreto consente di raccogliere il materiale fuso in stampi e conseguentemente di poter riprodurre un oggetto in un numero indefinito di esemplari; ben presto con questa tecnica verranno realizzati manufatti sia per uso bellico che domestico come cannoni e palle da cannone, alari, piastre da camino, mortai ecc. Nonostante l'ampio spettro d'applicazioni il ferro fuso non riscuoterà immediato successo e non verrà comunque utilizzato su larga scala prima della fine del '700 sostanzialmente a causa della sua intrinseca fragilità. La maggior parte degli oggetti in ferro prodotti in Occidente dal '400 al '700 sono invece realizzati tramite il processo di forgiatura il quale richiede necessariamente e sempre l'intervento di un fabbro che modella manualmente la materia per conferirgli la forma desiderata. Agli inizi del Medioevo alcune aree europee si distinguono per una ricca produzione sia di materia prima che di manufatti; in generale queste sono le stesse che vantavano una tradizione specifica nell'antichità come il Nòrico (regione corrispondente alle attuali Stiria e Carinzia austriache) che con il centro di Halstatt, di cui si ha notizia già intorno all'800 a.c, è forse la più antica zona metallurgica del vecchio continente. Importanti aree siderurgiche di antica tradizione, e di nuovo molto attive in età medievale, sono quella pirenaica (in particolare la Catalogna) e quasi tutte le regioni francesi (in particolare quelle del Nord, dell'est, il Berry e il Delfinato). A queste che dal '400 in poi tenderanno a soppiantare il primato del Nòrico, se ne affiancano altre come la Franconia, la Westfalia, l'ungheria e la Svezia. In Italia le miniere dell'elba, già sfruttate dai Romani vengono riattivate e identica sorte tocca ad altri vecchi centri come Volterra, Pozzuoli ecc., che tuttavia andranno rapidamente spegnendosi non potendo reggere il confronto con nuovi centri situati nel Nord della penisola come Milano e Brescia che avranno il loro periodo di fulgore nel '400 e nel '500. In generale dopo gli avanzamenti tecnologici del tardo Medioevo le disparità produttive fra le varie aree dipenderanno, ancor più che in passato, dall'abbondanza delle risorse naturali; pertanto solo le regioni molto ricche di minerali ferrosi e di legname (elementi indispensabili per produrre il ferro) potranno conquistare un buon primato nel settore siderurgico. Alla fine del Medioevo viene così configurandosi una nuova geografia produttiva con alcune aree avvantaggiate rispetto ad altre, le quali gestiranno il monopolio del ferro nel corso dei secoli successivi secondo alterni predomini. L'Italia e in parallelo anche la Spagna esprimono una produzione di oggetti in ferro di notevole livello qualitativo tra il '300 ed il '500, sostenute in questo da congiunture economiche favorevoli oltre che dalla superiorità culturale che in quel periodo esercitano; il ferro viene tenuto in grande considerazione dai signori del tempo che parificano fabbri e armaioli ad altri artigiani ed artisti di cui si circondano, chiamandoli a far parte delle loro corti. Più tardi, nel '600 e '700, il primato italiano decade quasi completamente e anche se l'industria del ferro e la produzione di manufatti continuano a mantenersi vive, non sono più in grado di competere con quelle straniere. Anche la Spagna che sulla scorta della sua antica tradizione continua a produrre in gran quantità oggetti d'ogni tipo, appare destinata ad un lento declino in questo settore della metallurgia. Dalla fine del '500 circa il primato del ferro passa figurativamente nelle mani della Germania e della Francia, nazioni dotate di risorse, apparati tecnologici e tradizioni sufficienti per esercitare una leadership tecnicoculturale sul resto del continente. I fabbri francesi e tedeschi esplorano le possibilità di lavorazione del ferro spingendosi sino agli estremi limiti concessi dalla materia e si producono nell'esecuzione di manufatti di grande raffinatezza. La Francia in particolare domina incontrastata il set- 28

3 tore siderurgico nel '600 e nel '700 sia per quanto riguarda la produzione di materia prima che quella di oggetti finiti. Questa superiorità affonda le proprie origini in un passato molto lontano e costituisce uno dei retaggi culturali più profondi del territorio francese; basti al proposito ricordare che diverse città francesi nascono intorno a fucine celtiche per la produzione del ferro. Nel periodo della dominazione romana la Gallia è nota in tutto l'impero per una ricca produzione di manufatti in ferro e questa tradizione non viene mai a cadere sino a riemergere con la rinascita medievale e permeare ancor più profondamente il tessuto socio-culturale francese. La fervida attività produttiva nel settore siderurgico, registrabile in Francia a partire dal Medioevo, si avvale anche di un solido apparato socio-organizzativo. La Francia è fra i primi stati europei a dotarsi di un sistema corporativo che basa l'organizzazione del lavoro su regole molto precise e periodicamente aggiornate; nel famoso Lìvre des métiers, redatto nel 1258 da Etienne Boileau, prefetto di Parigi, per volontà di Luigi IX il Santo, tutte le discipline artigianali vengono rigorosamente registrate, segnalando per ciascuna diritti, doveri e soprattutto ambiti di competenza. In questa sorta di statuto ufficiale dei lavoratori, grande spazio viene riservato all'artigianato dei metalli e quanto ai fabbri, questi vengono ripartiti in diverse categorie la più nobile e importante delle quali è quella dei serruriers 6, artefici dei manufatti in ferro tecnicamente più difficili da eseguire ed esteticamente più eleganti come; chiavi, serrature, battenti da porta, ecc. Un impulso determinante alla crescita di popolarità del ferro si deve anche all'azione di molti sovrani di Francia che emettono di tanto in tanto ordinanze di modifica del regolamento corporativo dei fabbri e suscitano un interessamento pubblico intorno alla materia ed ai manufatti; il lavoro del sermrìer acquisisce dignità sempre maggiore finché nel 1650 Luigi XIV proclama ufficialmente la serrurerie quarta arte liberale dopo la pittura, la scultura e la musica. I re di Francia del '600 e del '700 sono peraltro così affascinati dal ferro che per hobby costruiscono chiavi e serrature, operando in prima persona con martelli, lime e seghetti. Parallelamente all'attività produttiva in Francia si sviluppa anche un pensiero teorico sul tema del ferro, documentato da un'attività editoriale relativamente intensa: la pubblicazione nel '600 e nel '700 di diversi trattati sulla materia codifica sul piano tecnico le pratiche ormai diffuse da secoli ma influisce anche su quello culturale allargando ulteriormente l'interesse sull'argomento 7. La formazione di una cultura del ferro in Francia appare complessivamente un fenomeno di vaste proporzioni non comparabile neppure con quanto accade nei paesi di lingua tedesca che pure fra il XVI e il XVIII sec. costituiscono i principali interlocutori della Francia sia sul piano produttivo che su quello teorico. Molte regioni dell'austria e della Germania (in particolare la Baviera, il Tirolo, la Carinzia e la Stiria), non a caso situate in un'area geografica che nel mondo antico deteneva il primato metallurgico, riprendono a loro volta nel Medioevo il solco di una vecchia tradizione, riscoprendo una precisa attitudine all'attività siderurgica, con caratteri tuttavia parzialmente diversi da quella francese; ad esempio la mancanza in questi paesi di un potere centrale forte non consente la formazione di strutture socio-organizzative all'interno delle quali un fabbro possa elevare il proprio prestigio sociale così come avviene in Francia. Questo non impedisce comunque lo sviluppo di un pensiero teorico 8 e soprattutto il fiorire di un'abbondante produzione di manufatti il cui livello qualitativo lascia presumere una profonda conoscenza del materiale e una grande perizia tecnica nel lavorarlo. Nel corso del '700 nuovi avanzamenti scientifici determinano progressi importanti nei procedimenti di estrazione, produzione e lavorazione del ferro; con il contributo della chimica si giunge a comprendere meglio la struttura del ferro e delle sue due principali leghe con il carbonio: l'acciaio e la ghisa. Lo scienziato francese Réaumur, e poco dopo di lui alcuni studiosi svedesi, chiariscono una volta per tutte le qualità distintive del ferro e dell'acciaio, rimuovendo la millenaria convinzione che quest'ultimo fosse semplicemente un ferro più raffinato del normale e analogamente viene precisata la natura della ghisa 9. Una grande novità del '700 è costituita dall'introduzione del carbon coke (estratto dal carbon fossile) come combustibile alternativo al carbone di legna; questa scoperta risolve il problema della scarsità di legname che già nel corso del XVII sec. aveva destato non poche preoccupazioni. Le nuove prospettive offerte dall'avanzamento tecnologico forniscono le basi per la creazione di processi industriali di produzione del ferro, dell'acciaio e della ghisa, destinati ad incrementare sensibilmente le quantità prodotte e a prevedere e controllare le qualità dei materiali in funzione delle esigenze specifiche. Alla metà del '700 la produzione di ghisa comincia a crescere sensibilmente e questo fenomeno è già il segnale di forti trasformazioni in essere, ma la grande innovazione del secolo consiste nell'introduzione del forno di puddellaggio. Nel 1784 l'inglese Henry Cort inventa il processo di puddellaggio consistente nel rimescolare la ghisa fusa prodotta in un altoforno sino a liberarla quasi completamente dal carbonio e ottenere ferro; da questo mo- 29

4 mento il ferro puddellato, che comincia ad essere prodotto in diverse parti d'europa, costituisce la principale materia di base per la produzione dei singoli oggetti. L'utilizzo sempre più allargato della ghisa e del ferro puddellato ingenerano fenomeni di uniformità produttiva che porteranno ad un lento ma inesorabile declino della tradizionale attività fabbrile. Àncora lungo tutto 1*800 molti oggetti d'uso vengono realizzati a livello artigianale come in passato ma in pratica l'avvento dell'era industriale determina un rivolgimento globale delle dinamiche produttive cui neanche il piccolo fabbro di campagna sarà in grado di sottrarsi. Gli strumenti e le tecniche Un fabbro necessita di pochi strumenti essenziali per lavorare il ferro: una forgia, un'incudine, martelli, tenaglie e qualche altro piccolo attrezzo. Con questa semplice dotazione egli è in grado di forgiare un blocco di ferro ossia di riscaldarlo nella forgia e modellarlo sull'incudine secondo la forma prestabilita. Il lavoro del fabbro implica operazioni da eseguirsi a caldo ed altre a freddo; le prime avvengono per deformazione della materia mentre le seconde, che riguardano in genere la fase di finitura e consistono nell'applicazione di tecniche decorative, possono comportare asportazione di materia. Già nel mondo antico e poi soprattutto lungo il Medioevo fino a tutto il '400, la tecnica fabbrile si avvale quasi esclusivamente di processi di lavorazione a caldo; intorno al '500 si verifica in Europa una trasformazione radicale nel modo di lavorare il ferro, specialmente nella produzione di manufatti di piccole dimensioni, i quali vengono realizzati in massima parte a freddo dopo una forgiatura grezza del blocco. Questa fondamentale novità consente ai fabbri di realizzare manufatti di straordinaria qualità, frutto di un virtuosismo esasperato. La struttura di un oggetto in ferro forgiato viene sempre definita a caldo sull'incudine: su di essa il materiale può essere piegato, curvato, assottigliato, arrotondato, squadrato, scavato, divaricato, appuntito, attorcigliato e così via. Con l'ausilio di piccoli attrezzi inseriti negli «occhi» (fori) dell'incudine il ferro può inoltre essere tranciato e stampato. Quest'ultima tecnica largamente impiegata già nel XII sec. consiste nel martellare il ferro a caldo in uno stampo, precedentemente costruito dal fabbro come negativo della forma desiderata; naturalmente lo stampo deve essere realizzato in un ferro acciaioso o comunque più duro di quello da modellare. Previo riscaldamento un blocco di ferro può anche essere scolpito, anche se in maniera approssimativa; te- stimonianze di questa tecnica risalgono soprattutto all'età medievale. A caldo si eseguono pure alcune operazioni di assemblaggio. In generale due elementi in ferro possono essere tenuti uniti con fascette, perni ribattuti, viti o incastri di diverso tipo, ma il sistema più semplice e ricorrente consiste nel saldarli a caldo. Il processo di saldatura a caldo può avvenire senza interposizione di altro materiale, e in tal caso si parla tecnicamente di «bollitura» ovvero sfruttando un materiale d'apporto come il rame o l'ottone, nel qual caso si ha la «brasatura»; in entrambi i casi le parti da saldare devono essere preparate in modo tale che una volta congiunte assumano un profilo uniforme. La «bollitura» sfrutta la proprietà esclusiva del ferro di saldarsi naturalmente se riscaldato ad una certa temperatura ed è tecnicamente abbastanza difficile da realizzare in quanto richiede di portare il ferro all'incandescenza cosiddetta «bianca sudante» e cioè ad una temperatura che può variare a seconda del materiale impiegato ma deve comunque essere molto vicina al punto di fusione ( ), senza peraltro toccarlo. La «brasatura» giovandosi invece di materiali con un punto di fusione inferiore, si presenta di più facile esecuzione; essa viene introdotta solo nel tardo '500 per poi essere largamente impiegata nei secoli successivi 10. Per quanto concerne gli interventi a caldo sul ferro è ancora doveroso ricordare l'impiego di tre fondamentali tecniche: l'acciaiatura, la tempera ed il rinvenimento. Questi procedimenti noti già ai Calibe! e agli Ittiti, padri della siderurgia, hanno rappresentato un fattore decisivo nell'affermazione storica del ferro e costituiscono da soli un sapere molto complesso e articolato. Accenneremo qui brevemente alla natura di questi processi. L'acciaiatura consiste nel riscaldare un pezzo di ferro relativamente puro insieme a del carbone di legna determinando l'incorporo di carbonio nel blocco metallico ed un conseguente aumento della resistenza meccanica e della durezza del materiale; questo procedimento, modernamente definito «cementazione» è ancora oggi alla base dei processi industriali di produzione del ferro e dell'acciaio. La tempera (o tempra) rappresenta un passaggio successivo all'acciaiatura e si ottiene raffreddando velocemente in un liquido (solitamente acqua pura) un oggetto in ferro acciaioso o in acciaio, riscaldato ad alta temperatura; tale tecnica ha lo scopo di fissare la struttura molecolare che il ferro assume quando lo si riscalda e di ottenere un materiale più duro anche se tendenzialmente più fragile. Il rinvenimento, passaggio a sua volta successivo a quello della tempera, consiste infine nel riscaldare nuovamente l'oggetto a bassa temperatura (tra i 150 e i 30

5 450 ) lasciandolo poi raffreddare lentamente al fine di raddolcirlo riducendo un poco la sua durezza ma diminuendone la fragilità. Un processo molto simile a quello del rinvenimento ha luogo quando si applica la tecnica dell'azzurratura: riscaldando un pezzo di ferro acciaioso a circa questo assume una colorazione bluastra che si mantiene se lo si raffredda immediatamente, raggiungendo uno scopo decorativo e uno pratico: produrre una vibrazione cromatica (in genere contrastante con quella di altre parti di un insieme) e prevenire il processo di formazione della ruggine. A caldo un ferro può infine essere dorato o argentato (in toto o in parte); assai rara è invece la placcatura del ferro con un metallo prezioso, ottenibile tramite martellamento a freddo. Terminate le operazioni a caldo, il fabbro può intervenire su di un oggetto in ferro lavorandolo a freddo. Se l'oggetto è una lastra, questa si può dapprima ritagliare esternamente, traforare o sbalzare secondo un disegno preventivamente tracciato sulla lamiera piana; nel caso dello sbalzo si può procedere in due modi diversi: martellare la lastra su incudini o stampi di varie forme oppure stenderla su di un supporto cedevole e deformarla con ceselli ed altri strumenti guidati dal martello. Riguardo alla tecnica del traforo vale la pena di ricordare la sua applicazione nel decoro ad orbe-voie, frequente in diversi manufatti francesi e spagnoli prodotti tra il XIV e il XVI sec, e consistente nella sovrapposizione di piastre traforate secondo disegni differenti. Tecnica da eseguirsi a freddo, di basilare importanza nella lavorazione di tutti i metalli e naturalmente anche del ferro, è quella dell'incisione, che si può effettuare in tre modi: nella versione più comune consiste nell'asportare trucioli di materia per mezzo di bulini e piccole sgorbie guidati dal martello; alternativamente può consistere nello schiacciare la materia con l'aiuto di ceselli, punteruoli e altri strumenti, secondo modalità analoghe a quelle dello sbalzo; può infine essere ottenuta erodendo il ferro da incidere con dell'acido (incisione ad acquaforte): in tal caso la superficie da decorare viene dapprima ricoperta da uno strato di cera, poi con una punta secca si asporta la cera ottenendo un determinato disegno e infine si immerge la lastra nell'acido che la erode solo nei punti in cui la cera è stata asportata. Tecnica connessa direttamente a quella dell'incisione è l'agemina che consiste neltinserire sottili strisce di metallo prezioso (oro o argento) laddove sono stati tracciati dei solchi con un bulino; in questa occasione il solco deve essere più largo sul fondo che in superficie affinché la striscia di metallo prezioso, una volta martellata con cura, non rischi di fuoriuscire. Questa tecnica di combinazione del ferro con un metallo prezioso viene applicata soprattutto in Occidente mentre nella tradizione orientale si pratica preferibilmente la damaschinatura 11 ; quest'ultima, che associa il suo nome a quei fitti motivi decorativi per cui Damasco era nota fin dall'antichità, si effettua producendo sulla superficie da decorare un sottile reticolo, il quale viene minuziosamente riempito con sottili fili d'oro e d'argento, da martellare a lungo finché questi si amalgamano con il ferro. La damaschinatura, che con il tramite della cultura islamica viene presto conosciuta e applicata anche in Occidente, consente di ottenere una straordinaria ricchezza decorativa ma presenta un grosso difetto legato alla fragilità dei fili d'oro o d'argento che tendono facilmente a fuoriuscire dal reticolo. Un'ultima e importantissima tecnica o meglio procedura di lavorazione del ferro a freddo è la cosiddetta prìse dans la masse (scultura dal massello), tipica ed esclusiva della tradizione francese, la cui caratteristica è quella di ricavare l'oggetto da un unico blocco senza aggiunte 0 saldature. Questo procedimento, che richiede una notevole perizia e competenza tecnica, viene in genere adottato per realizzare piccoli manufatti come chiavi, serrature, battenti da porta, ecc. 12 Dopo una sbozzatura iniziale a caldo, il blocco da lavorare viene stretto in morsa e modellato con il solo ausilio di trapani, seghetti, lime, bulini e ceselli; in questo modo il ferro viene scolpito esattamente come il legno o la pietra. Una volta completata la definizione formale di un oggetto, è ancora possibile modificare il suo aspetto, giocando su effetti decorativi di superficie. Come abbiamo notato prima, se un oggetto in ferro viene riscaldato, la sua superficie tende a scurirsi; inversamente lo si può lucidare con la tecnica a freddo della brunitura 13 : questa si esegue sfregando la superficie del manufatto con un brunitoio, attrezzo la cui punta è costituita da un pezzo di agata; l'attrito della pietra dura con il ferro produce un effetto di brillantezza che oltretutto ritarda l'insorgere della ruggine. 1 manufatti Ben poche tracce rimangono degli oggetti in ferro prodotti nel mondo antico. Questa circostanza è legata in gran parte alla corruttibilità del ferro che, come è noto, se resta a contatto con l'aria si arrugginisce progressivamente sino a dissolversi, ma è anche il segnale di una attività produttiva alquanto ridotta. Sulla base dei pochi frammenti a nostra disposizione si deduce che il ferro viene impiegato nelle civiltà del mondo antico per produrre oggetti di due tipi: armi (spade, corazze, scudi, ecc.) e utensili (attrezzi agricoli, coltelli, forbici, ecc.). 31

6 Se prendiamo in esame l'elenco degli oggetti rinvenuti negli scavi pompeiani 14 che è sempre un parametro di riferimento interessante, noteremo che i manufatti in ferro rappresentano una piccola parte dell'insieme e sono quasi esclusivamente oggetti utilizzati nelle attività artigianali o nel lavoro dei campi; in qualche raro caso sono attrezzi domestici o chirurgici. Del periodo compreso fra la tarda Romanità e l'alto Medioevo ci sono pervenuti alcuni importanti lavori in ferro come alcuni alari celtici, ma nuovamente si tratta di esempi sporadici e comunque non sufficienti a documentare lo spessore dell'attività produttiva. Peraltro prima del Medioevo non sussistono neppure i presupposti tecnologici per uno sviluppo siderurgico di portata significativa. I primi manufatti in ferro prodotti nel mondo occidentale in una certa quantità risalgono all'xi e XII sec: si tratta di grate da finestra, cancelli, cardini e cerniere di portoni, ferrature di mobili, elementi architettonici di rinforzo e sostegno, chiodi, chiavi, lucchetti, serrature, eccetera. Questa ampia tipologia di prodotti appare immediatamente contrassegnata da un carattere preciso: sono elementi di chiusura o barriera fra uno spazio e l'altro pensati con lo scopo di proteggere e di rinforzare la difesa di un luogo. Le caratteristiche di durezza e resistenza riconosciute al ferro sin dall'antichità si evidenziano chiaramente nei manufatti medievali anche se vengono interpretate in modo diverso rispetto al passato: mentre nel mondo antico al ferro si associava soprattutto la produzione di armi, lame, coltelli e strumenti comunque dal carattere prevalentemente offensivo, i ferri del Medioevo appaiono animati da un intento «difensivo» e in un certo senso «costruttivo»; sono oggetti che assolvono una funzione pratica di tutela e consolidamento, contribuendo idealmente alla costruzione del nuovo e grande ordine socio-economico medievale 1^. Sotto questo profilo il ferro acquisisce per la prima volta nella storia quella precisa valenza «civile» di cui Alberto Veca prima di me ha già delineato con chiarezza i contorni e che costituisce una delle idee di fondo di questa iniziativa. Un altro aspetto interessante delle prime produzioni di oggetti in ferro riguarda la scarsa importanza attribuita alla funzione decorativa. L'abbondanza di riccioli e volute che si nota nelle grate da finestra come nei cancelli e nelle cerniere medievali, e che peraltro non tarderà molto a caricarsi di una valenza ornamentale, appare inizialmente motivata da un intento puramente pratico: coprire una superficie al fine di conferirle la massima resistenza possibile; una simile esuberanza non sarebbe del resto neppure in accordo con il rigore stilistico dell'epoca, se corrispondesse ad un puro proposito decorativo. Tralasciando comunque di affrontare un discorso sull'estetica dei manufatti in ferro, che meriterebbe peraltro una trattazione separata, è importante fissare l'attenzione su altri caratteri salienti della produzione medievale. Nel Medioevo vengono sperimentate quasi tutte le possibili applicazioni del ferro, come si evince dall'ampio repertorio di oggetti che non subisce ampliamenti di particolare rilievo nel corso dei secoli successivi. Il ferro viene utilizzato nella produzione di una gamma infinita di tipologie relative agli ambiti più disparati della vita pubblica e privata: il metallo viene impiegato per produrre una rotella da pasta così come per costruire un forziere o realizzare un oggetto liturgico e molti degli oggetti concepiti in origine in un materiale qualunque vengono presto prodotti anche in ferro. Accanto ai manufatti più tipici del primo periodo medievale, che continueranno ad essere prodotti su larga scala, nel periodo tardo-medievale e rinascimentale fioriscono nuove produzioni: cassette e forzieri, che in precedenza si costruivano in altri materiali con rinforzi in ferro ed ora sono realizzati interamente in ferro; battenti da porta, maniglie e catenacci, il cui materiale d'elezione era quasi esclusivamente il bronzo; strumenti d'uso domestico e utensili impiegati nelle varie discipline artigiane. Dal '400 in poi in ogni abitazione è ormai consolidata la presenza di oggetti come: alari e attrezzi da camino, candelieri, lumi, torciere, posate, ferri da stiro, acciarini, ecc.; analogamente nelle botteghe artigiane si impiegano: incudini, compassi, torni, martelli, tenaglie, ecc. Chiunque si muova lungo le vie di una città rinascimentale non può non accorgersi della presenza di grate, cancelli, banderuole, insegne, croci, battenti da porta: tutti questi oggetti fanno oramai parte del paesaggio «naturale». Più tardi, con l'evoluzione degli usi e costumi del '600 e '700 il novero degli oggetti domestici in ferro si arricchisce ancora: sigilli, tabacchiere, macinini da caffè, attrezzi da ricamo e così via. Senza parlare di cifre è possibile affermare che tra la fine del Medioevo e l'inizio dell'età industriale, l'europa assiste ad una esplosione produttiva di oggetti in ferro, la cui presenza si fa sempre più massiccia in tutto il continente. La produzione di oggetti in ferro cresce progressivamente senza interruzioni significative sino alla fine del '700, epoca in cui comincia ad essere insidiata dalla massiccia diffusione dei processi industriali che obbligheranno l'artigiano di stampo medievale ad occupare un ruolo sempre più subalterno. Ciò non toglie che il XIX secolo rappresenti ancora un'età di grande vivacità produttiva e addirittura la qualità esecutiva di certi manufatti realizzati da valenti fabbri del secolo scorso appare superiore a quella di qualunque periodo anche se riguarda oggetti inequivocabilmente contrassegnati dall'impronta stilistica della loro epoca. ALESSANDRO CESATI 32

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva http://www.tavolaperiodica.it/metallurgia_estrattiva.html Immaginando in maniera assolutamente fantasiosa e personale che così si sia avuta l intuizione

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 1 Introduzione al Corso Ruolo del Disegno Nell ambito dell ingegneria industriale ed in particolar

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale L EFICIENZA E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEI PARCHI INDUSTRIALI a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale Gianni Lorenzetti

Dettagli

STAMPA CON IL CIOCCOLATO

STAMPA CON IL CIOCCOLATO STAMPA CON IL CIOCCOLATO Sostituiamo la testa di stampa con una siringa motorizzata e un riscaldatore, e creiamo oggetti di ogni genere e dolci di qualsiasi forma: dalle uova di Pasqua a cioccolatini personalizzati,

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO. a partire dalla costruzione di uno STABILIMENTO

L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO. a partire dalla costruzione di uno STABILIMENTO L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO a partire dalla costruzione di uno STABILIMENTO Gianni Lorenzetti La Bottega di Adò snc Energy Media Event, 22 Ottobre 2014 SIAMO PARTITI DA UNA DOMANDA E DA UNA CONSIDERAZIONE:

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Uno stile interamente affidato alla totale perfezione. delle forme geometriche da cui è composto, costretta e vincolata dalla forza dell acciaio,

Uno stile interamente affidato alla totale perfezione. delle forme geometriche da cui è composto, costretta e vincolata dalla forza dell acciaio, Uno stile interamente affidato alla totale perfezione delle forme geometriche da cui è composto, la freddezza della pietra costretta e vincolata dalla forza dell acciaio, fanno del design di questo orologio

Dettagli

FATTO SU MISURA HOME

FATTO SU MISURA HOME FATTO SU MISURA HOME 1932 FATTO SU MISURA, ottanta anni fa era l unico modo di fare. L artigiano del legno solo così riusciva a tradurre le esigenze e i desideri del cliente fabbricando pezzi unici, pensati,

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA 1 MATEMATICA in MUSICA PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA INTRODUZIONE PERCHÉ MATEMATICA E MUSICA? La maggior parte degli adulti ha rimosso da lungo tempo i ricordi relativi al

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana UN TERMOMETRO PER LA POSA Serramenti in PVC Marco Piana 1 La posa in opera del componente in edilizia è da sempre argomento ampiamente discusso e controverso. Tutti gli operatori fanno riferimento alla

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Voli : Malpensa / Madrid Madrid / Siviglia Siviglia / Barcellona Barcellona / Malpensa Viaggio di Nozze Mariella & Roberto

Dettagli

Guida all uso. on line

Guida all uso. on line Guida all uso on line www.romatiburtina.it Ricco di storia, di attività, di tanti beni e servizi che sono cresciuti insieme alle case, alle famiglie e alle loro esigenze, nel V Municipio, tutto è a portata

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE La Evoteck Srl è un azienda che deriva da un esperienza trentennale nel settore agricolo e zootecnico in genere e la sua collocazione geografica ha da sempre favorito il suo sviluppo,

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Linee guida per realizzazione e montaggio di bersagli metallici per le competizioni di Steel Challenge

Linee guida per realizzazione e montaggio di bersagli metallici per le competizioni di Steel Challenge Linee guida per realizzazione e montaggio di bersagli metallici per le competizioni di Steel Challenge a cura del Consigliere Federale FITDS Responsabile di Area Sportiva Steel Challenge Stefano Massa

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Framasil. Via dei Falegnami - Zona Industriale 64020 Scerne di Pineto (TE) Fondata nel 1993, Framasil ha costruito le sue

Framasil. Via dei Falegnami - Zona Industriale 64020 Scerne di Pineto (TE) Fondata nel 1993, Framasil ha costruito le sue Via dei Falegnami - Zona Industriale 64020 Scerne di Pineto (TE) Framasil Fondata nel 1993, Framasil ha costruito le sue basi sui concetti di qualità, cura e stile italiano. E una delle poche aziende abruzzesi

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Analisi settoriale - Auto

Analisi settoriale - Auto Analisi settoriale - Auto Acquisto come piacere in Ungheria e in nord Europa In media europea, acquistare un'automobile è principalmente una necessità per più della metà degli acquirenti. Solo due intervistati

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Cliccare su una o più delle seguenti tipologie di sistemi di riscaldamento ad induzione:

Cliccare su una o più delle seguenti tipologie di sistemi di riscaldamento ad induzione: Per ricevere maggiori informazioni su argomenti di vostro interesse compilate il modulo sottostante, verrete contattati al più presto. VERSIONE STAMPABILE: RICHIESTA INFORMAZIONI TECNICHE Nome Cognome

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Imparo giocando: videogiochi e apprendimento Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Proprietà intellettuale. Di chi è questo rapporto di ricerca? Della comunità dei docenti sperimentatori,

Dettagli

Carpentinox sagl. Costruzioni metalliche e coperture industriali. Via Prella n.9 - CH 6852 Genestrerio. Telefono e Telefax +41 91 682 35 88

Carpentinox sagl. Costruzioni metalliche e coperture industriali. Via Prella n.9 - CH 6852 Genestrerio. Telefono e Telefax +41 91 682 35 88 Carpentinox sagl Via Prella n.9 - CH 6852 Genestrerio Telefono e Telefax +41 91 682 35 88 E-mail: info@carpentinox.com Costruzioni metallliche e coperture industriali PROFILO AZIENDA Carpentinox è un azienda

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica Dott. Michele Rossini Parole chiave: Costo di produzione Valore di produzione Prototipo Lowcost Se neparla molto e il dialogo sembra ancora agli

Dettagli

L eleganza del PVC. rivenditore

L eleganza del PVC. rivenditore L eleganza del PVC rivenditore CHI SIAMO GIANNOTTI È RIVENDITORE OKNOPLAST PER LA ZONA DI PESARO E RAPPRESENTA UN AZIENDA LEADER NELLA REALIZZAZIONE DI FINESTRE IN PVC, PORTE, INFISSI E MOLTO ALTRO ANCORA

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 5 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

Giulia, Classicità nelle forme

Giulia, Classicità nelle forme GIULIA, CLASSICITA NELLE FORME CLASSE SUPER Giulia, Classicità nelle forme Grande la qualita, piccolo il prezzo Grande la qualita, piccolo il prezzo Grande la qualita, piccolo il prezzo Grande la qualita,

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

HEMPACORE. Protezione antincendio passiva

HEMPACORE. Protezione antincendio passiva HEMPACORE Protezione antincendio passiva Durabilità La robustezza dei nostri rivestimenti riduce al minimo i danni connessi al trasporto e alla movimentazione. Potete contare sulla qualità per una lunga

Dettagli

Gli oggetti di plastica. Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico.

Gli oggetti di plastica. Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico. Gli oggetti di plastica Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico. Funzioni lineari. Pendenza di una retta.

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Non solo macchine. STORIe

Non solo macchine. STORIe STORIe Non solo macchine C.B. Ferrari e Rofin Lasag: da una collaborazione proficua nascono macchine utensili attrezzate per eseguire lavorazioni laser. Quando il laser diventa una tecnologia utilizzabile

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli

SCOOBA 230 E SCOOBA 390.

SCOOBA 230 E SCOOBA 390. SCOOBA 230 E SCOOBA 390. COMUNICATO STAMPA NUOVA SERIE IROBOT SCOOBA: LA RIVOLUZIONE CONTINUA IROBOT AMPLIA LA PROPRIA OFFERTA DI ROBOT DOMESTICI, PROPONENDO LA NUOVA GAMMA DI ROBOT LAVAPAVIMENTI Torino,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

Energia: indici e misurazione

Energia: indici e misurazione nergia: indici e misurazione Introduzione La richiesta energetica di un processo produttivo incide in maniera sostanziale sul suo impatto ambientale; le ragioni alla base di questa affermazione vanno ricercate

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

La misura della resistenza di terra

La misura della resistenza di terra La misura della resistenza di terra Saveri Gianluigi 1. Generalità I rilievi strumentali da effettuare sugli impianti di terra hanno lo scopo, vista l importanza che riveste l impianto dal punto di vista

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2 Infissi_2 SERRAMENTI IN LEGNO I profili di legno sono i principali elementi che caratterizzano le parti strutturali della finestra: Telai fissi, montanti e traversi dell anta, parti complementari (profili

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli