Sul materiale. II Ferro non diviene mai pieghevole se un altro ferro non lo batte. Antico proverbio tedesco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sul materiale. II Ferro non diviene mai pieghevole se un altro ferro non lo batte. Antico proverbio tedesco"

Transcript

1 Sul materiale II Ferro non diviene mai pieghevole se un altro ferro non lo batte. Antico proverbio tedesco Produzione e cultura Il ferro appare per la prima volta sulla Terra intorno al IV millennio a.c, sotto forma di meteoriti cadute dal Cielo. A questi frammenti di stelle, che solo molto più tardi si riconosceranno composti da un ferro pressoché puro, l'uomo attribuisce un valore magicosimbolico e con essi si costruisce oggetti ornamentali e portafortuna 1. Più tardi, nel corso del III millennio, il metallo viene impiegato per fabbricare oggetti d'uso ma i pochi reperti in nostro possesso (frammenti di spade, anelli, ecc.) non sono sufficienti a chiarire la reale consistenza del fenomeno. La nascita di una vera siderurgia, intesa come capacità di estrarre il ferro dal minerale e sottoporlo a successive trasformazioni sino ad ottenere manufatti d'uso, avviene temporalmente fra il 2000 ed il 1500 a.c. e spazialmente nel Caucaso meridionale, terra abitata a quell'epoca dai Calibei e dagli Ittiti. Questi popoli escogitano per primi una tecnica di produzione del ferro rimasta insuperata, nella sua concezione, fino alla Rivoluzione industriale moderna e basata su di un procedimento molto semplice: riscaldando in una piccola cavità del terreno dei pezzetti di minerale di ferro insieme a del carbone di legna, essi ottenevano una massa pastosa e spugnosa (modernamente definita «blumo») che successivamente dovevano battere e ribattere parecchie volte per liberarla dalle impurità residue, renderla più compatta e ottenere quindi un materiale concretamente usufruibile per la produzione di oggetti 2. Le caratteristiche di resistenza e durezza che gli antichi metallurgi imparano a riconoscere nel ferro, concorrono a renderlo ben presto competitivo con il rame ed il bronzo e a decretarne il rapido successo nell'ambito delle civiltà antiche 3. La conoscenza del processo di produzione del ferro si propaga velocemente ad est e ad ovest dell'epicentro caucasico anche se con risultati diversi: ad Oriente i popoli della Mesopotamia, della Persia e dell'india apprendono velocemente le tecniche siderurgiche e tendono a perfezionarle ma soprattutto il ferro permea rapidamente le loro culture, diventandone una componente di fondo; ad Occidente invece l'apprendimento si verifica più lentamente e in maniera alquanto articolata: dal Caucaso il sapere siderurgico giunge in Egitto, poi arriva in Grecia, sale in Europa centrale, ridiscende a Roma, si estende nella Penisola Iberica e infine risalendo a nord attraverso la Gallia si ricongiunge all'europa centrale e tocca le Isole Britanniche, Le due grandi civiltà mediterranee, la greca e la latina, pur avendo il merito di accogliere e approfondire in parte le conoscenze sul ferro non favoriscono del tutto la diffusione del metallo all'interno del loro mondo, saldamente legato alla tradizione del bronzo. Questa chiusura culturale si deve forse anche all'origine orientale della siderurgia per cui veniva considerata un qualcosa di «barbaro» e in effetti il grande successo riscosso dal ferro in Occidente è dipeso molto dall'impulso delle popolazioni celtiche e barbare. Aspetti peraltro contraddittori convivono all'interno delle civiltà classiche: i Greci già nel V a.c. riescono ad elevare la temperatura nei forni di produzione del ferro sino a fonderlo ma non si avvedono quasi della straordinaria scoperta, di cui si perderanno le tracce fino al 1200 d.c. 4 ; i Romani dal canto loro come padroni di un Impero esteso dall'india alle Isole Britanniche avrebbero la possibilità di arricchire le proprie conoscenze sulla siderurgia ma di fatto non assimilano neppure del tutto le dinamiche produttive e, per citare un esempio, sono costretti ad importare il ferro acciaioso dall'oriente, non essendo in grado di produrlo in proprio, ritenendolo fra l'altro «serico» (e cioè cinese) mentre questo proveniva dall'india. Da questi pochi dati emerge già chiaramente che il ferro non occupa una posizione di privilegio nell'ambito della metallurgia antica occidentale; lo si impiega quasi solo per costruire attrezzi agricoli e strumenti da lavoro per non parlare dei casi in cui se ne proibisce persino l'uso, come in certe cerimonie religiose romane. Dopo il lungo e oscuro periodo successivo alla fine del mondo romano, ancora contrassegnato da un massiccio uso del bronzo, la siderurgia riprende vita nel mondo medievale all'interno del quale conquista uno spazio sempre più importante, determinando un indiscutibile primato del ferro rispetto agli altri metalli destinato a consolidarsi nell'arco dei secoli successivi 5. 27

2 Dal XII al XVIII sec. la produzione artigianale di oggetti in ferro costituisce uno dei riferimenti fondamentali del paesaggio materiale delle civiltà occidentali. La sorprendente crescita di importanza del ferro in Occidente è il risultato di una grande ottimizzazione produttiva conseguita sulla base di importanti avanzamenti tecnologici. Nel mondo antico il ferro veniva prodotto in forni alquanto rudimentali: dapprima semplici cavità praticate nel terreno e poi costruzioni alte 3-4 metri, a carattere non permanente {«forni a tino») e soggette ad una ventilazione naturale che non consentiva di ottenere temperature superiori ai Nel corso del '200, il «forno a tino», largamente usato presso i Romani, viene perfezionato in maniera decisiva. In un primo tempo il forno viene concepito come costruzione permanente e ventilato tramite due mantici idraulici che, agendo in successione alternata, garantiscono un getto d'aria continuo; queste fondamentali innovazioni tipiche del «forno catalano» consentono di raggiungere temperature più elevate, anche se non ancora sufficienti per far colare il ferro, e comunque determinano un forte incremento produttivo. Pochi decenni più tardi, agli inizi del '300, in Germania si costruiscono forni più alti del normale (6-7 metri) sempre ventilati con mantici idraulici; con questi nuovi forni, detti Stilekofen e progenitori dell'altoforno industriale moderno, si incrementa ulteriormente il tenore produttivo e soprattutto si raggiungono temperature ancora più elevate, alle quali il ferro comincia a colare. La fusione del ferro determina una sensazionale rivoluzione tecnologica che in concreto consente di raccogliere il materiale fuso in stampi e conseguentemente di poter riprodurre un oggetto in un numero indefinito di esemplari; ben presto con questa tecnica verranno realizzati manufatti sia per uso bellico che domestico come cannoni e palle da cannone, alari, piastre da camino, mortai ecc. Nonostante l'ampio spettro d'applicazioni il ferro fuso non riscuoterà immediato successo e non verrà comunque utilizzato su larga scala prima della fine del '700 sostanzialmente a causa della sua intrinseca fragilità. La maggior parte degli oggetti in ferro prodotti in Occidente dal '400 al '700 sono invece realizzati tramite il processo di forgiatura il quale richiede necessariamente e sempre l'intervento di un fabbro che modella manualmente la materia per conferirgli la forma desiderata. Agli inizi del Medioevo alcune aree europee si distinguono per una ricca produzione sia di materia prima che di manufatti; in generale queste sono le stesse che vantavano una tradizione specifica nell'antichità come il Nòrico (regione corrispondente alle attuali Stiria e Carinzia austriache) che con il centro di Halstatt, di cui si ha notizia già intorno all'800 a.c, è forse la più antica zona metallurgica del vecchio continente. Importanti aree siderurgiche di antica tradizione, e di nuovo molto attive in età medievale, sono quella pirenaica (in particolare la Catalogna) e quasi tutte le regioni francesi (in particolare quelle del Nord, dell'est, il Berry e il Delfinato). A queste che dal '400 in poi tenderanno a soppiantare il primato del Nòrico, se ne affiancano altre come la Franconia, la Westfalia, l'ungheria e la Svezia. In Italia le miniere dell'elba, già sfruttate dai Romani vengono riattivate e identica sorte tocca ad altri vecchi centri come Volterra, Pozzuoli ecc., che tuttavia andranno rapidamente spegnendosi non potendo reggere il confronto con nuovi centri situati nel Nord della penisola come Milano e Brescia che avranno il loro periodo di fulgore nel '400 e nel '500. In generale dopo gli avanzamenti tecnologici del tardo Medioevo le disparità produttive fra le varie aree dipenderanno, ancor più che in passato, dall'abbondanza delle risorse naturali; pertanto solo le regioni molto ricche di minerali ferrosi e di legname (elementi indispensabili per produrre il ferro) potranno conquistare un buon primato nel settore siderurgico. Alla fine del Medioevo viene così configurandosi una nuova geografia produttiva con alcune aree avvantaggiate rispetto ad altre, le quali gestiranno il monopolio del ferro nel corso dei secoli successivi secondo alterni predomini. L'Italia e in parallelo anche la Spagna esprimono una produzione di oggetti in ferro di notevole livello qualitativo tra il '300 ed il '500, sostenute in questo da congiunture economiche favorevoli oltre che dalla superiorità culturale che in quel periodo esercitano; il ferro viene tenuto in grande considerazione dai signori del tempo che parificano fabbri e armaioli ad altri artigiani ed artisti di cui si circondano, chiamandoli a far parte delle loro corti. Più tardi, nel '600 e '700, il primato italiano decade quasi completamente e anche se l'industria del ferro e la produzione di manufatti continuano a mantenersi vive, non sono più in grado di competere con quelle straniere. Anche la Spagna che sulla scorta della sua antica tradizione continua a produrre in gran quantità oggetti d'ogni tipo, appare destinata ad un lento declino in questo settore della metallurgia. Dalla fine del '500 circa il primato del ferro passa figurativamente nelle mani della Germania e della Francia, nazioni dotate di risorse, apparati tecnologici e tradizioni sufficienti per esercitare una leadership tecnicoculturale sul resto del continente. I fabbri francesi e tedeschi esplorano le possibilità di lavorazione del ferro spingendosi sino agli estremi limiti concessi dalla materia e si producono nell'esecuzione di manufatti di grande raffinatezza. La Francia in particolare domina incontrastata il set- 28

3 tore siderurgico nel '600 e nel '700 sia per quanto riguarda la produzione di materia prima che quella di oggetti finiti. Questa superiorità affonda le proprie origini in un passato molto lontano e costituisce uno dei retaggi culturali più profondi del territorio francese; basti al proposito ricordare che diverse città francesi nascono intorno a fucine celtiche per la produzione del ferro. Nel periodo della dominazione romana la Gallia è nota in tutto l'impero per una ricca produzione di manufatti in ferro e questa tradizione non viene mai a cadere sino a riemergere con la rinascita medievale e permeare ancor più profondamente il tessuto socio-culturale francese. La fervida attività produttiva nel settore siderurgico, registrabile in Francia a partire dal Medioevo, si avvale anche di un solido apparato socio-organizzativo. La Francia è fra i primi stati europei a dotarsi di un sistema corporativo che basa l'organizzazione del lavoro su regole molto precise e periodicamente aggiornate; nel famoso Lìvre des métiers, redatto nel 1258 da Etienne Boileau, prefetto di Parigi, per volontà di Luigi IX il Santo, tutte le discipline artigianali vengono rigorosamente registrate, segnalando per ciascuna diritti, doveri e soprattutto ambiti di competenza. In questa sorta di statuto ufficiale dei lavoratori, grande spazio viene riservato all'artigianato dei metalli e quanto ai fabbri, questi vengono ripartiti in diverse categorie la più nobile e importante delle quali è quella dei serruriers 6, artefici dei manufatti in ferro tecnicamente più difficili da eseguire ed esteticamente più eleganti come; chiavi, serrature, battenti da porta, ecc. Un impulso determinante alla crescita di popolarità del ferro si deve anche all'azione di molti sovrani di Francia che emettono di tanto in tanto ordinanze di modifica del regolamento corporativo dei fabbri e suscitano un interessamento pubblico intorno alla materia ed ai manufatti; il lavoro del sermrìer acquisisce dignità sempre maggiore finché nel 1650 Luigi XIV proclama ufficialmente la serrurerie quarta arte liberale dopo la pittura, la scultura e la musica. I re di Francia del '600 e del '700 sono peraltro così affascinati dal ferro che per hobby costruiscono chiavi e serrature, operando in prima persona con martelli, lime e seghetti. Parallelamente all'attività produttiva in Francia si sviluppa anche un pensiero teorico sul tema del ferro, documentato da un'attività editoriale relativamente intensa: la pubblicazione nel '600 e nel '700 di diversi trattati sulla materia codifica sul piano tecnico le pratiche ormai diffuse da secoli ma influisce anche su quello culturale allargando ulteriormente l'interesse sull'argomento 7. La formazione di una cultura del ferro in Francia appare complessivamente un fenomeno di vaste proporzioni non comparabile neppure con quanto accade nei paesi di lingua tedesca che pure fra il XVI e il XVIII sec. costituiscono i principali interlocutori della Francia sia sul piano produttivo che su quello teorico. Molte regioni dell'austria e della Germania (in particolare la Baviera, il Tirolo, la Carinzia e la Stiria), non a caso situate in un'area geografica che nel mondo antico deteneva il primato metallurgico, riprendono a loro volta nel Medioevo il solco di una vecchia tradizione, riscoprendo una precisa attitudine all'attività siderurgica, con caratteri tuttavia parzialmente diversi da quella francese; ad esempio la mancanza in questi paesi di un potere centrale forte non consente la formazione di strutture socio-organizzative all'interno delle quali un fabbro possa elevare il proprio prestigio sociale così come avviene in Francia. Questo non impedisce comunque lo sviluppo di un pensiero teorico 8 e soprattutto il fiorire di un'abbondante produzione di manufatti il cui livello qualitativo lascia presumere una profonda conoscenza del materiale e una grande perizia tecnica nel lavorarlo. Nel corso del '700 nuovi avanzamenti scientifici determinano progressi importanti nei procedimenti di estrazione, produzione e lavorazione del ferro; con il contributo della chimica si giunge a comprendere meglio la struttura del ferro e delle sue due principali leghe con il carbonio: l'acciaio e la ghisa. Lo scienziato francese Réaumur, e poco dopo di lui alcuni studiosi svedesi, chiariscono una volta per tutte le qualità distintive del ferro e dell'acciaio, rimuovendo la millenaria convinzione che quest'ultimo fosse semplicemente un ferro più raffinato del normale e analogamente viene precisata la natura della ghisa 9. Una grande novità del '700 è costituita dall'introduzione del carbon coke (estratto dal carbon fossile) come combustibile alternativo al carbone di legna; questa scoperta risolve il problema della scarsità di legname che già nel corso del XVII sec. aveva destato non poche preoccupazioni. Le nuove prospettive offerte dall'avanzamento tecnologico forniscono le basi per la creazione di processi industriali di produzione del ferro, dell'acciaio e della ghisa, destinati ad incrementare sensibilmente le quantità prodotte e a prevedere e controllare le qualità dei materiali in funzione delle esigenze specifiche. Alla metà del '700 la produzione di ghisa comincia a crescere sensibilmente e questo fenomeno è già il segnale di forti trasformazioni in essere, ma la grande innovazione del secolo consiste nell'introduzione del forno di puddellaggio. Nel 1784 l'inglese Henry Cort inventa il processo di puddellaggio consistente nel rimescolare la ghisa fusa prodotta in un altoforno sino a liberarla quasi completamente dal carbonio e ottenere ferro; da questo mo- 29

4 mento il ferro puddellato, che comincia ad essere prodotto in diverse parti d'europa, costituisce la principale materia di base per la produzione dei singoli oggetti. L'utilizzo sempre più allargato della ghisa e del ferro puddellato ingenerano fenomeni di uniformità produttiva che porteranno ad un lento ma inesorabile declino della tradizionale attività fabbrile. Àncora lungo tutto 1*800 molti oggetti d'uso vengono realizzati a livello artigianale come in passato ma in pratica l'avvento dell'era industriale determina un rivolgimento globale delle dinamiche produttive cui neanche il piccolo fabbro di campagna sarà in grado di sottrarsi. Gli strumenti e le tecniche Un fabbro necessita di pochi strumenti essenziali per lavorare il ferro: una forgia, un'incudine, martelli, tenaglie e qualche altro piccolo attrezzo. Con questa semplice dotazione egli è in grado di forgiare un blocco di ferro ossia di riscaldarlo nella forgia e modellarlo sull'incudine secondo la forma prestabilita. Il lavoro del fabbro implica operazioni da eseguirsi a caldo ed altre a freddo; le prime avvengono per deformazione della materia mentre le seconde, che riguardano in genere la fase di finitura e consistono nell'applicazione di tecniche decorative, possono comportare asportazione di materia. Già nel mondo antico e poi soprattutto lungo il Medioevo fino a tutto il '400, la tecnica fabbrile si avvale quasi esclusivamente di processi di lavorazione a caldo; intorno al '500 si verifica in Europa una trasformazione radicale nel modo di lavorare il ferro, specialmente nella produzione di manufatti di piccole dimensioni, i quali vengono realizzati in massima parte a freddo dopo una forgiatura grezza del blocco. Questa fondamentale novità consente ai fabbri di realizzare manufatti di straordinaria qualità, frutto di un virtuosismo esasperato. La struttura di un oggetto in ferro forgiato viene sempre definita a caldo sull'incudine: su di essa il materiale può essere piegato, curvato, assottigliato, arrotondato, squadrato, scavato, divaricato, appuntito, attorcigliato e così via. Con l'ausilio di piccoli attrezzi inseriti negli «occhi» (fori) dell'incudine il ferro può inoltre essere tranciato e stampato. Quest'ultima tecnica largamente impiegata già nel XII sec. consiste nel martellare il ferro a caldo in uno stampo, precedentemente costruito dal fabbro come negativo della forma desiderata; naturalmente lo stampo deve essere realizzato in un ferro acciaioso o comunque più duro di quello da modellare. Previo riscaldamento un blocco di ferro può anche essere scolpito, anche se in maniera approssimativa; te- stimonianze di questa tecnica risalgono soprattutto all'età medievale. A caldo si eseguono pure alcune operazioni di assemblaggio. In generale due elementi in ferro possono essere tenuti uniti con fascette, perni ribattuti, viti o incastri di diverso tipo, ma il sistema più semplice e ricorrente consiste nel saldarli a caldo. Il processo di saldatura a caldo può avvenire senza interposizione di altro materiale, e in tal caso si parla tecnicamente di «bollitura» ovvero sfruttando un materiale d'apporto come il rame o l'ottone, nel qual caso si ha la «brasatura»; in entrambi i casi le parti da saldare devono essere preparate in modo tale che una volta congiunte assumano un profilo uniforme. La «bollitura» sfrutta la proprietà esclusiva del ferro di saldarsi naturalmente se riscaldato ad una certa temperatura ed è tecnicamente abbastanza difficile da realizzare in quanto richiede di portare il ferro all'incandescenza cosiddetta «bianca sudante» e cioè ad una temperatura che può variare a seconda del materiale impiegato ma deve comunque essere molto vicina al punto di fusione ( ), senza peraltro toccarlo. La «brasatura» giovandosi invece di materiali con un punto di fusione inferiore, si presenta di più facile esecuzione; essa viene introdotta solo nel tardo '500 per poi essere largamente impiegata nei secoli successivi 10. Per quanto concerne gli interventi a caldo sul ferro è ancora doveroso ricordare l'impiego di tre fondamentali tecniche: l'acciaiatura, la tempera ed il rinvenimento. Questi procedimenti noti già ai Calibe! e agli Ittiti, padri della siderurgia, hanno rappresentato un fattore decisivo nell'affermazione storica del ferro e costituiscono da soli un sapere molto complesso e articolato. Accenneremo qui brevemente alla natura di questi processi. L'acciaiatura consiste nel riscaldare un pezzo di ferro relativamente puro insieme a del carbone di legna determinando l'incorporo di carbonio nel blocco metallico ed un conseguente aumento della resistenza meccanica e della durezza del materiale; questo procedimento, modernamente definito «cementazione» è ancora oggi alla base dei processi industriali di produzione del ferro e dell'acciaio. La tempera (o tempra) rappresenta un passaggio successivo all'acciaiatura e si ottiene raffreddando velocemente in un liquido (solitamente acqua pura) un oggetto in ferro acciaioso o in acciaio, riscaldato ad alta temperatura; tale tecnica ha lo scopo di fissare la struttura molecolare che il ferro assume quando lo si riscalda e di ottenere un materiale più duro anche se tendenzialmente più fragile. Il rinvenimento, passaggio a sua volta successivo a quello della tempera, consiste infine nel riscaldare nuovamente l'oggetto a bassa temperatura (tra i 150 e i 30

5 450 ) lasciandolo poi raffreddare lentamente al fine di raddolcirlo riducendo un poco la sua durezza ma diminuendone la fragilità. Un processo molto simile a quello del rinvenimento ha luogo quando si applica la tecnica dell'azzurratura: riscaldando un pezzo di ferro acciaioso a circa questo assume una colorazione bluastra che si mantiene se lo si raffredda immediatamente, raggiungendo uno scopo decorativo e uno pratico: produrre una vibrazione cromatica (in genere contrastante con quella di altre parti di un insieme) e prevenire il processo di formazione della ruggine. A caldo un ferro può infine essere dorato o argentato (in toto o in parte); assai rara è invece la placcatura del ferro con un metallo prezioso, ottenibile tramite martellamento a freddo. Terminate le operazioni a caldo, il fabbro può intervenire su di un oggetto in ferro lavorandolo a freddo. Se l'oggetto è una lastra, questa si può dapprima ritagliare esternamente, traforare o sbalzare secondo un disegno preventivamente tracciato sulla lamiera piana; nel caso dello sbalzo si può procedere in due modi diversi: martellare la lastra su incudini o stampi di varie forme oppure stenderla su di un supporto cedevole e deformarla con ceselli ed altri strumenti guidati dal martello. Riguardo alla tecnica del traforo vale la pena di ricordare la sua applicazione nel decoro ad orbe-voie, frequente in diversi manufatti francesi e spagnoli prodotti tra il XIV e il XVI sec, e consistente nella sovrapposizione di piastre traforate secondo disegni differenti. Tecnica da eseguirsi a freddo, di basilare importanza nella lavorazione di tutti i metalli e naturalmente anche del ferro, è quella dell'incisione, che si può effettuare in tre modi: nella versione più comune consiste nell'asportare trucioli di materia per mezzo di bulini e piccole sgorbie guidati dal martello; alternativamente può consistere nello schiacciare la materia con l'aiuto di ceselli, punteruoli e altri strumenti, secondo modalità analoghe a quelle dello sbalzo; può infine essere ottenuta erodendo il ferro da incidere con dell'acido (incisione ad acquaforte): in tal caso la superficie da decorare viene dapprima ricoperta da uno strato di cera, poi con una punta secca si asporta la cera ottenendo un determinato disegno e infine si immerge la lastra nell'acido che la erode solo nei punti in cui la cera è stata asportata. Tecnica connessa direttamente a quella dell'incisione è l'agemina che consiste neltinserire sottili strisce di metallo prezioso (oro o argento) laddove sono stati tracciati dei solchi con un bulino; in questa occasione il solco deve essere più largo sul fondo che in superficie affinché la striscia di metallo prezioso, una volta martellata con cura, non rischi di fuoriuscire. Questa tecnica di combinazione del ferro con un metallo prezioso viene applicata soprattutto in Occidente mentre nella tradizione orientale si pratica preferibilmente la damaschinatura 11 ; quest'ultima, che associa il suo nome a quei fitti motivi decorativi per cui Damasco era nota fin dall'antichità, si effettua producendo sulla superficie da decorare un sottile reticolo, il quale viene minuziosamente riempito con sottili fili d'oro e d'argento, da martellare a lungo finché questi si amalgamano con il ferro. La damaschinatura, che con il tramite della cultura islamica viene presto conosciuta e applicata anche in Occidente, consente di ottenere una straordinaria ricchezza decorativa ma presenta un grosso difetto legato alla fragilità dei fili d'oro o d'argento che tendono facilmente a fuoriuscire dal reticolo. Un'ultima e importantissima tecnica o meglio procedura di lavorazione del ferro a freddo è la cosiddetta prìse dans la masse (scultura dal massello), tipica ed esclusiva della tradizione francese, la cui caratteristica è quella di ricavare l'oggetto da un unico blocco senza aggiunte 0 saldature. Questo procedimento, che richiede una notevole perizia e competenza tecnica, viene in genere adottato per realizzare piccoli manufatti come chiavi, serrature, battenti da porta, ecc. 12 Dopo una sbozzatura iniziale a caldo, il blocco da lavorare viene stretto in morsa e modellato con il solo ausilio di trapani, seghetti, lime, bulini e ceselli; in questo modo il ferro viene scolpito esattamente come il legno o la pietra. Una volta completata la definizione formale di un oggetto, è ancora possibile modificare il suo aspetto, giocando su effetti decorativi di superficie. Come abbiamo notato prima, se un oggetto in ferro viene riscaldato, la sua superficie tende a scurirsi; inversamente lo si può lucidare con la tecnica a freddo della brunitura 13 : questa si esegue sfregando la superficie del manufatto con un brunitoio, attrezzo la cui punta è costituita da un pezzo di agata; l'attrito della pietra dura con il ferro produce un effetto di brillantezza che oltretutto ritarda l'insorgere della ruggine. 1 manufatti Ben poche tracce rimangono degli oggetti in ferro prodotti nel mondo antico. Questa circostanza è legata in gran parte alla corruttibilità del ferro che, come è noto, se resta a contatto con l'aria si arrugginisce progressivamente sino a dissolversi, ma è anche il segnale di una attività produttiva alquanto ridotta. Sulla base dei pochi frammenti a nostra disposizione si deduce che il ferro viene impiegato nelle civiltà del mondo antico per produrre oggetti di due tipi: armi (spade, corazze, scudi, ecc.) e utensili (attrezzi agricoli, coltelli, forbici, ecc.). 31

6 Se prendiamo in esame l'elenco degli oggetti rinvenuti negli scavi pompeiani 14 che è sempre un parametro di riferimento interessante, noteremo che i manufatti in ferro rappresentano una piccola parte dell'insieme e sono quasi esclusivamente oggetti utilizzati nelle attività artigianali o nel lavoro dei campi; in qualche raro caso sono attrezzi domestici o chirurgici. Del periodo compreso fra la tarda Romanità e l'alto Medioevo ci sono pervenuti alcuni importanti lavori in ferro come alcuni alari celtici, ma nuovamente si tratta di esempi sporadici e comunque non sufficienti a documentare lo spessore dell'attività produttiva. Peraltro prima del Medioevo non sussistono neppure i presupposti tecnologici per uno sviluppo siderurgico di portata significativa. I primi manufatti in ferro prodotti nel mondo occidentale in una certa quantità risalgono all'xi e XII sec: si tratta di grate da finestra, cancelli, cardini e cerniere di portoni, ferrature di mobili, elementi architettonici di rinforzo e sostegno, chiodi, chiavi, lucchetti, serrature, eccetera. Questa ampia tipologia di prodotti appare immediatamente contrassegnata da un carattere preciso: sono elementi di chiusura o barriera fra uno spazio e l'altro pensati con lo scopo di proteggere e di rinforzare la difesa di un luogo. Le caratteristiche di durezza e resistenza riconosciute al ferro sin dall'antichità si evidenziano chiaramente nei manufatti medievali anche se vengono interpretate in modo diverso rispetto al passato: mentre nel mondo antico al ferro si associava soprattutto la produzione di armi, lame, coltelli e strumenti comunque dal carattere prevalentemente offensivo, i ferri del Medioevo appaiono animati da un intento «difensivo» e in un certo senso «costruttivo»; sono oggetti che assolvono una funzione pratica di tutela e consolidamento, contribuendo idealmente alla costruzione del nuovo e grande ordine socio-economico medievale 1^. Sotto questo profilo il ferro acquisisce per la prima volta nella storia quella precisa valenza «civile» di cui Alberto Veca prima di me ha già delineato con chiarezza i contorni e che costituisce una delle idee di fondo di questa iniziativa. Un altro aspetto interessante delle prime produzioni di oggetti in ferro riguarda la scarsa importanza attribuita alla funzione decorativa. L'abbondanza di riccioli e volute che si nota nelle grate da finestra come nei cancelli e nelle cerniere medievali, e che peraltro non tarderà molto a caricarsi di una valenza ornamentale, appare inizialmente motivata da un intento puramente pratico: coprire una superficie al fine di conferirle la massima resistenza possibile; una simile esuberanza non sarebbe del resto neppure in accordo con il rigore stilistico dell'epoca, se corrispondesse ad un puro proposito decorativo. Tralasciando comunque di affrontare un discorso sull'estetica dei manufatti in ferro, che meriterebbe peraltro una trattazione separata, è importante fissare l'attenzione su altri caratteri salienti della produzione medievale. Nel Medioevo vengono sperimentate quasi tutte le possibili applicazioni del ferro, come si evince dall'ampio repertorio di oggetti che non subisce ampliamenti di particolare rilievo nel corso dei secoli successivi. Il ferro viene utilizzato nella produzione di una gamma infinita di tipologie relative agli ambiti più disparati della vita pubblica e privata: il metallo viene impiegato per produrre una rotella da pasta così come per costruire un forziere o realizzare un oggetto liturgico e molti degli oggetti concepiti in origine in un materiale qualunque vengono presto prodotti anche in ferro. Accanto ai manufatti più tipici del primo periodo medievale, che continueranno ad essere prodotti su larga scala, nel periodo tardo-medievale e rinascimentale fioriscono nuove produzioni: cassette e forzieri, che in precedenza si costruivano in altri materiali con rinforzi in ferro ed ora sono realizzati interamente in ferro; battenti da porta, maniglie e catenacci, il cui materiale d'elezione era quasi esclusivamente il bronzo; strumenti d'uso domestico e utensili impiegati nelle varie discipline artigiane. Dal '400 in poi in ogni abitazione è ormai consolidata la presenza di oggetti come: alari e attrezzi da camino, candelieri, lumi, torciere, posate, ferri da stiro, acciarini, ecc.; analogamente nelle botteghe artigiane si impiegano: incudini, compassi, torni, martelli, tenaglie, ecc. Chiunque si muova lungo le vie di una città rinascimentale non può non accorgersi della presenza di grate, cancelli, banderuole, insegne, croci, battenti da porta: tutti questi oggetti fanno oramai parte del paesaggio «naturale». Più tardi, con l'evoluzione degli usi e costumi del '600 e '700 il novero degli oggetti domestici in ferro si arricchisce ancora: sigilli, tabacchiere, macinini da caffè, attrezzi da ricamo e così via. Senza parlare di cifre è possibile affermare che tra la fine del Medioevo e l'inizio dell'età industriale, l'europa assiste ad una esplosione produttiva di oggetti in ferro, la cui presenza si fa sempre più massiccia in tutto il continente. La produzione di oggetti in ferro cresce progressivamente senza interruzioni significative sino alla fine del '700, epoca in cui comincia ad essere insidiata dalla massiccia diffusione dei processi industriali che obbligheranno l'artigiano di stampo medievale ad occupare un ruolo sempre più subalterno. Ciò non toglie che il XIX secolo rappresenti ancora un'età di grande vivacità produttiva e addirittura la qualità esecutiva di certi manufatti realizzati da valenti fabbri del secolo scorso appare superiore a quella di qualunque periodo anche se riguarda oggetti inequivocabilmente contrassegnati dall'impronta stilistica della loro epoca. ALESSANDRO CESATI 32

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia

SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia Artisti come Meret Oppernhheim, Mario Persico, Fabrizio Clerici, Luca, Mimmo Paladino, Santolo,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FERRO BATTUTO ARTIGIANO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FERRO BATTUTO ARTIGIANO ALLEGATO 3 REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO I.S.O.L.A. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FERRO BATTUTO ARTIGIANO Art. 1 Denominazione Il marchio collettivo costituito dalla dicitura I.S.O.L.A. e dalla immagine

Dettagli

L arte del ferro 1) a cura di Ortensio Mendicino

L arte del ferro 1) a cura di Ortensio Mendicino L arte del ferro 1) 35 a cura di Ortensio Mendicino Il ferro battuto è un ambito delle Arti Decorative. Gli Statuti dell Arte hanno regolato lo svolgimento della professione per secoli, subito modifiche

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

Prof. A. Battistelli

Prof. A. Battistelli Prof. A. Battistelli Materiale da costruzione Materiale di origine minerale (si estrae da pietre) per costruire: oggetti, costruzioni edili, materiale tecnico ed elettronico, mezzi, attrezzi, ecc.. Come

Dettagli

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva http://www.tavolaperiodica.it/metallurgia_estrattiva.html Immaginando in maniera assolutamente fantasiosa e personale che così si sia avuta l intuizione

Dettagli

Tecniche d incisione per le stampe d arte

Tecniche d incisione per le stampe d arte Tecniche d incisione per le stampe d arte Calcografia Il termine deriva dal greco"kalcos"e"graphia", ossia scrivere o incidere su rame o bronzo, con cui oggi si indica il procedimento di stampa artistica

Dettagli

Aes cuprum Il fascino del rame, metallo prezioso per l uomo e l arte

Aes cuprum Il fascino del rame, metallo prezioso per l uomo e l arte Aes cuprum Il fascino del rame, metallo prezioso per l uomo e l arte Laboratorio didattico sull antica tecnica di lavorazione del rame A cura di Mario Pessott fondazioneartistica Dall alto verso destra:

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

Materiali metallici nel Medioevo

Materiali metallici nel Medioevo Materiali metallici nel Medioevo I materiali metallici utilizzati nel periodo in questione, sono soprattutto il rame, il bronzo ed il ferro. Il rame, impiegato soprattutto nella produzione di gioielli

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Carpentinox sagl. Costruzioni metalliche e coperture industriali. Via Prella n.9 - CH 6852 Genestrerio. Telefono e Telefax +41 91 682 35 88

Carpentinox sagl. Costruzioni metalliche e coperture industriali. Via Prella n.9 - CH 6852 Genestrerio. Telefono e Telefax +41 91 682 35 88 Carpentinox sagl Via Prella n.9 - CH 6852 Genestrerio Telefono e Telefax +41 91 682 35 88 E-mail: info@carpentinox.com Costruzioni metallliche e coperture industriali PROFILO AZIENDA Carpentinox è un azienda

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono

Dettagli

La storia del sapone

La storia del sapone La storia del sapone Un viaggio tra bolle e profumi II C Scuola secondaria di I grado Rinascita Livi Proff. De Fronzo Rodia Ruggeri Il sapone... Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - LATTONIERE - Il lattoniere

Dettagli

Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13

Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13 Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13 La macchina a vapore macchina a vapore è stata l innovazione tecnologica fondamentale della prima rivoluzione industriale. E un dispositivo che permette

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

MANUALE DIDATTICO ACCIAIO

MANUALE DIDATTICO ACCIAIO MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2 Infissi_2 SERRAMENTI IN LEGNO I profili di legno sono i principali elementi che caratterizzano le parti strutturali della finestra: Telai fissi, montanti e traversi dell anta, parti complementari (profili

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna [5985] Questo file è una estensione del corso G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 1 MATERIALI METALLI 2 IERI E OGGI Cent anni fa: gli oggetti

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

SMV srl Sabbiatura Metallizzazione Verniciatura

SMV srl Sabbiatura Metallizzazione Verniciatura Documento scritto da Titolo SMV SRL Zincatura a spruzzo Arco Olimpico 2006 di Torino Arredo Urbano Funivie Trampolino olimpico di Pragelato - Torino 1 Fig.1 CORROSIONE La corrosione è un fenomeno elettrochimico

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Procedimenti di saldatura e taglio ossigas

Procedimenti di saldatura e taglio ossigas Procedimenti di saldatura e taglio ossigas SALDATURA OSSIGAS La saldatura consiste nell'assemblare pezzi metallici, con o senza metallo d'apporto, mediante fusione graduale del metallo di base. Nel caso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

IL VETRO NELL AMBIENTE

IL VETRO NELL AMBIENTE IL VETRO NELL AMBIENTE LA NOSTRA IDEA DEL VETRO Vetri, cristalli, specchi, vetri di sicurezza, termoisolanti, satinati, decorati. Porte in cristallo a battente e scorrevoli, box doccia, mensole, elementi

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

torre Messina S.R.L. Edil-

torre Messina S.R.L. Edil- torre Messina S.R.L. Edil- le coperture hanno la funzione di delimitare superiormente l edificio e di proteggere l ambiente sottostante dalle precipitazioni atmosferiche. Risalendo indietro nel tempo,

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10 I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Pagina 1 di 4 TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Realizzazione di un vaso con la tecnica a Lastra NOTE INTRODUTTIVE La tecnica di costruzione a lastra offre la possibilità di realizzare una svariata

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA 1 PIEGATURA È uno tra i più comuni metodi di lavorazione delle lamiere Utilizzata sia come processo a sé stante, sia in combinazione con altre operazioni

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza Le seghe a nastro Generalità La lama da sega a nastro è adatta per ogni genere di taglio; essa taglia ininterrottamente senza movimenti discontinui come invece avviene nelle seghe alternative. Con le seghe

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione La musica come passione, arte, linguaggio, emozione Da una tradizione secolare nel settore della costruzione degli strumenti musicali e della lavorazione dei metalli in terra di Toscana, scaturisce: Pistoia

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna [5985] Questo file è una estensione del corso G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 1 MATERIALI Integrazione a cura del prof. A. Millefanti Integrazione

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Cotton Soft. Stabilizzatore per ricamo, universale morbido e leggero, da strappare

Cotton Soft. Stabilizzatore per ricamo, universale morbido e leggero, da strappare Cotton Soft per ricamo, universale morbido e leggero, da strappare Supporto professionale, universale per macchina per cucito e ricamo. COTTON SOFT impedisce che il tessuto si deformi durante il ricamo.

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

20 settembre 2012 Riunione Area Manager RITIRO ARGENTO

20 settembre 2012 Riunione Area Manager RITIRO ARGENTO 20 settembre 2012 Riunione Area Manager RITIRO ARGENTO Sentiment Nell ottica di continuare a migliorare ed aumentare i servizi offerti ai nostri clienti, facendo seguito alle loro numerose richieste, è

Dettagli

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna.

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna. LA PIETRA OLLARE La pietra ollare è una roccia di natura scistosa di colore verde cenerino. Ne esistono in alta Valgrande due varietà: una forma compatta a grana molto fine, talora leggermente untuosa

Dettagli

STORIA DELLA PUBBLICITA Dall antichità ai tempi di internet

STORIA DELLA PUBBLICITA Dall antichità ai tempi di internet STORIA DELLA PUBBLICITA Dall antichità ai tempi di internet PICCOLA PREMESSA Se per pubblicità intendiamo qualsiasi atto di comunicazione per favorire una vendita o informare dell esistenza di una merce,

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

E poi c è anche il resto dell Universo

E poi c è anche il resto dell Universo E poi c è anche il resto dell Universo Proposta di collaborazione ai docenti di Scienze delle ultime classi dei Licei e delle Scuole tecniche I programmi delle Scuole Superiori comprendono un ampio panorama

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

STRAIL sistemi per passaggi a livello & STRAILastic sistemi per l isolamento del binario

STRAIL sistemi per passaggi a livello & STRAILastic sistemi per l isolamento del binario STRAIL - istruzioni per il montaggio Soggetto a revisioni tecniche/ Febbraio 2010 STRAIL sistemi per passaggi a livello & STRAILastic sistemi per l isolamento del binario Gummiwerk KRAIBURG Elastik GmbH

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI - Durezza a freddo (elementi di lega, trattamenti termici ) - Durezza a caldo (alte velocità di taglio) - Tenacità (frese, taglio interrotto ) - Resistenza

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - POSATORE IN GENERE: PAVIMENTI

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Uno stile interamente affidato alla totale perfezione. delle forme geometriche da cui è composto, costretta e vincolata dalla forza dell acciaio,

Uno stile interamente affidato alla totale perfezione. delle forme geometriche da cui è composto, costretta e vincolata dalla forza dell acciaio, Uno stile interamente affidato alla totale perfezione delle forme geometriche da cui è composto, la freddezza della pietra costretta e vincolata dalla forza dell acciaio, fanno del design di questo orologio

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

Acciai inossidabili e corrosione

Acciai inossidabili e corrosione Acciai inossidabili e corrosione (terza parte - versione novembre 2003) Appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. Bibliografia W. Nicodemi - METALLURGIA MASSON ITALIA EDITORI

Dettagli

FILIGRANA E GRANULAZIONE

FILIGRANA E GRANULAZIONE Tecniche di lavorazione orafe FILIGRANA E GRANULAZIONE Pierangelo Fiorino ORO nome latino simbolo numero atomico peso specifico durezza temperatura di fusione aurum AU 79 19,3 gr/cm3 2,5-3 (scala Mohs)

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG Premessa Il trattamento degli scarti di legno ha assunto una maggiore importanza come risultato del cambiamento di atteggiamento verso l ambiente.

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche

Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche CONTENUTI Procedimenti di fonderia Fusione in terra, in conchiglia e centrifuga Pressofusione e microfusione Classificazione delle lavorazioni plastiche

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. Infissi ecosostenibili. Il mercato della finestra in Europa Marchio Finestra Qualità CasaClima. l intervista.

PAVANELLOMAGAZINE. Infissi ecosostenibili. Il mercato della finestra in Europa Marchio Finestra Qualità CasaClima. l intervista. anno 2 - numero 1 - giugno 2011 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE La produzione Infissi ecosostenibili Più finestre di legno meno Co 2 nell aria Il mercato della finestra in Europa Marchio Finestra Qualità

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

L eleganza del PVC. rivenditore

L eleganza del PVC. rivenditore L eleganza del PVC rivenditore CHI SIAMO GIANNOTTI È RIVENDITORE OKNOPLAST PER LA ZONA DI PESARO E RAPPRESENTA UN AZIENDA LEADER NELLA REALIZZAZIONE DI FINESTRE IN PVC, PORTE, INFISSI E MOLTO ALTRO ANCORA

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli