CONFIMI. Rassegna Stampa del 22/04/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFIMI. Rassegna Stampa del 22/04/2014"

Transcript

1 CONFIMI Rassegna Stampa del 22/04/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 20/04/2014 Eco di Bergamo 10 Agnelli: «Voler ridurre l'irap è un'inversione di tendenza» 20/04/2014 L'Arena di Verona 11 L'anatocismo viene ancora applicato dalle banche 22/04/2014 L'Arena di Verona 12 L'anno parte in crescita per Banca Valsabbina 20/04/2014 Prima Pagina 13 «Sistri: un altro costo iniquo e vessatorio per le Pmi» 20/04/2014 Prima Pagina 14 «Def, finalmente si va verso l'economia reale» CONFIMI WEB 21/04/ :15 16 Resta Expo /04/ Massa Lombarda, eccellenze a confronto sui temi dello sviluppo 19/04/2014 faenzawebtv.it 13:27 18 Resta Expo 2014 SCENARIO ECONOMIA 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 20 Bonus da maggio, trovate le coperture 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 21 Costi e rotte, Alitalia risponde alla lettera di Etihad L'impegno del premier: ci stiamo lavorando

3 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 22 i fragili Segnali di Ripresa e i Timori di Bankitalia 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 23 Mps, aumento da 5 miliardi entro tre mesi 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 25 «Bonus permanente o inutile» 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 29 Il premier: Grillo pupillo delle banche 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 32 Messaggio delle banche a Renzi «Serve un forte ripensamento» 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 33 Il lavoro e l'«utopia possibile» di Brunetta 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 35 Il contrabbando di valuta inverte la marcia Dalla Svizzera i capitali tornano in Germania 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 36 Da Telecom a Intesa, ecco i signori delle deleghe 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 38 Il «Made in» fa un altro passo avanti in Europa 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 39 Apertura dei Negozi durante le Feste serve più Realismo e meno Ideologia 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 40 Il sentiero stretto per ridurre il debito 22/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 41 Privatizzazioni, Fincantieri va in Borsa 22/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 43 Alitalia, i Paletti Etihad e quel Via libera a Mubadala 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 44 La partita di Renzi si gioca sui tagli 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 46 Il problema rimane garantire le coperture 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 47

4 Sulle scadenze si resta ancora fuori dai target fissati dalla Ue «Economia in lento recupero» 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 51 A febbraio risale il fatturato dell'industria 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 52 Le banche centrali del futuro 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 54 Il «credito» in busta paga spinge verso la nuova Irpef 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 56 Un'incognita da 14 miliardi 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 59 La sfida da vincere della realizzabilità 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 61 Braccialini: «Siamo pronti, iter veloce per la quotazione a Milano» 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 63 L'aumento dell'inflazione è una paranoia per pochi 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 64 Nella legge di stabilità 2015 un'incognita da 14 miliardi 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 65 Decreto Irpef, Bruxelles «prende atto» 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 66 La partita del Fisco arbitro non neutrale 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 67 Trasparenza possibile solo con sanzioni reali 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 68 A marzo 100 milioni di ore di cig 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 69 Risarcimenti antitrust garantiti 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 71 «Questione veneta» da non sottovalutare, modello economico a rischio sfaldamento 22/04/2014 Il Sole 24 Ore 73 Dai tagli solo il 47% delle coperture 2014 Urgente convocare un tavolo per l'acciaio

5 22/04/2014 Il Sole 24 Ore 79 «Torniamo alle origini del made in Italy» 19/04/2014 La Repubblica - Nazionale 81 Dalla Rai agli F35 la scure sullo Stato 19/04/2014 La Repubblica - Nazionale 83 Sabelli: le nostre paghe garantiscono autonomia 19/04/2014 La Repubblica - Nazionale 84 Parte la Telecom del ticket Recchi-Patuano 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 85 Renzi: ora aiuti alle famiglie 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 89 Bonus di 80 euro senza "scalini" In tasca soprattutto agli under trenta 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 91 Anche la Giannini scende in trincea "Mi batterò contro i tagli agli atenei" 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 92 "Io non mi lamento ma niente deroghe" 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 93 Europa sempre più Berlino-dipendente l'export tedesco crea 3,5 milioni di posti nell'unione 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 94 Crescita ostaggio del super-euro vacillano i target Bce sui prezzi 22/04/2014 La Repubblica - Nazionale 96 Padoan: così deve cambiare la Ue 22/04/2014 La Repubblica - Nazionale 99 Arriva lo sconto fiscale per le mamme lavoratrici ecco gli aiuti alle famiglie 22/04/2014 La Repubblica - Nazionale Fuori dal tunnel da 5 anni ma la ripresa Usa è "debole" disoccupati record al 6,7% /04/2014 La Stampa - Nazionale Alitalia cerca l'intesa su 1100 esuberi 103

6 19/04/2014 La Stampa - Nazionale A Tronchetti 5,2 milioni 19/04/2014 La Stampa - Nazionale Airoldi nuovo ad di Benetton /04/2014 La Stampa - Nazionale L'INVESTIMENTO SUL CETO MEDIO /04/2014 La Stampa - Nazionale Un milione di famiglie vive senza uno stipendio /04/2014 La Stampa - Nazionale MA NESSUNO HA RISOLTO IL NODO- BANCHE /04/2014 MF - Nazionale Mps, Ente pronto per l'aumento /04/2014 MF - Nazionale Ultimi paradisi dopo la Svizzera, ecco i Paesi dove i capitali sono ancora al sicuro /04/2014 MF - Nazionale BlackRock e Qatar verso nuove scommesse italiane /04/2014 MF - Nazionale Quote Bankitalia, limare la super-tassa conviene a tutti 113 SCENARIO PMI 20/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagamenti Pa, alle imprese due mesi per la certificazione /04/2014 Il Sole 24 Ore Pechino chiama Mirandola nella «biomedical valley» /04/2014 Il Messaggero - Nazionale «Per gli occupati ripresina a fine anno» /04/2014 ItaliaOggi Koni ca

7 19/04/2014 La Stampa - Nazionale 104 A Minolta, Tronchetti ora grandi 5,2 milioni imprese 120

8 20/04/2014 Avvenire - Milano Pag. 2 (diffusione:105812, tiratura:151233) CONFIMI 5

9 20/04/2014 Eco di Bergamo (diffusione:54521, tiratura:63295) Economia Agnelli: «Voler ridurre l'irap è un'inversione di tendenza» Positiva reazione del presidente Confimi Paolo Agnelli sul Def (Documento Economia e Finanza) varato dal governo: «La volontà di ridurre l'irap è un primo segnale di inversione di tendenza»

10 20/04/2014 L'Arena di Verona Pag. 39 (diffusione:49862, tiratura:383000) CONVEGNO ALL' API L'anatocismo viene ancora applicato dalle banche In un convegno ad Apindustria è stato fatto il punto sull'anatocismo, e in particolare sulla prassi delle banche che, in deroga a quanto stabilisce l'articolo del codice civile, secondo il quale gli interessi scaduti possono produrre (ulteriori) interessi solo dal giorno della domanda giudiziale, o per effetto di accordo successivo alla loro scadenza. Le banche hanno sempre seguito una prassi diversa, applicando l'anatocismo sugli interessi passivi dovuti dal cliente su base trimestrale. Questa prassi è stata però dichiarata illegittima dalla giurisprudenza che fin dagli anni 90 ha rilevato l'assoluta nullità delle clausole sulla capitalizzazione trimestrale degli interessi dovuti. Nel convegno, è stato tra l'altro rilevato che, secondo una decisione della Suprema corte di Cassazione, gli interessi a debito del correntista devono essere calcolati senza operare alcuna capitalizzazione e che l'azione per la restituzione degli interessi indebitamente corrisposti si prescrive in dieci anni dalla data di chiusura del conto nel quale è stata operata la capitalizzazione.g.g.

11 22/04/2014 L'Arena di Verona Pag. 33 (diffusione:49862, tiratura:383000) CREDITO chiuso in tenuta con utili oltre i 7 milioni. Assemblea dei soci il 3 maggio a Brescia L'anno parte in crescita per Banca Valsabbina Adriano Baso Luciano Veronesi Banca Valsabbina chiude il 2013 con una positiva sostanziale tenuta dei conti rispetto all'esercizio precedente, e con un inizio di 2014 con incrementi degli indici economici per l'istituto di credito che a fine 2012 ha incorporato la veronese Crever Banca. «I primi tre mesi sono partiti bene», dice il direttore generale Renato Barbieri. «Confermando questo passo il nuovo esercizio sarà migliore del precedente». Prospettive che trovano supporto nel piano strategico , approvato dal consiglio di amministrazione il 27 novembre che prevede una crescita annua della raccolta diretta del 4% e degli impieghi del 3%. Il programma contempla un ampliamento della rete territoriale (ora di 61 filiali, con 473 dipendenti, in quattro province, di cui 50 nel Bresciano e sette nel veronese), con 3-5 nuove aperture e una razionalizzazione della rete. La popolare bresciana proprio a Verona, dopo aver trasfertio la filiale nella Bassa da San Pietro di Legnago a Legnago centro, apre domani il suo ottavo sportello in terra scaligera in Corso Milano. Tutti mantengono sempre le insegne Credito Veronese e il quartier generale per la nostra provincia è nella sede di Piazza Pradaval, dove è stato trasferito lasciando il grattacielo di San Giovanni Lupatoto a fianco di autostrada A4 e tangenziale sud, dove le insegne, ancora esposte e ben visibili, resteranno fino al 2016, quando scadrà il contratto di affitto dell'immobile. Il veronese è considerata area privilegiata per la crescita della Banca e nel cda siedono due esponenti del territorio: Adriano Baso, commercialista, ex presidente del Crever, e Luciano Veronesi, direttore di Apindustria. L'assemblea dei soci, per l'approvazione del conti al 31 dicembre, è convocata per il 3 maggio, dalle 9, sarà al centro dell'assemblea a Brescia al Pala Banco in via San Zeno. I conti si chiudono con un utile netto di 7,685 milioni, in accelerazione su base annua. Agli azionisti sarà proposta la distribuzione di una cedola unitaria di 0,12 euro in contanti (0,27 euro, corrisposto mediante l'assegnazione di tre titoli ogni 200 posseduti, l'anno scorso), in pagamento l'8 maggio. La performance sul fronte del risultato finale è frutto, tra l'altro, della sensibile riduzione delle rettifiche di valore su crediti (-23,7% a 43,2 milioni) con azioni finalizzate a preservare il valore dei cespiti a garanzia dei prestiti concessi: tra queste rientra la partecipazione ai fondi immobiliari delle banche popolari promossi da Polis Sgr. I costi operativi scendono del 6,7%, il cost/income si colloca al 45,2% era al 44,5%). I valori patrimoniali mostrano un incremento della raccolta diretta (+1,5%) e di quella indiretta (+8,3%). Gli impieghi calano del 3,5% a 2,982 miliardi «a causa del generale rallentamento della domanda da parte delle imprese»: una riduzione soprattutto nella componente a breve termine, mentre quella a medio fa emergere nuove erogazioni per circa 380 milioni, di cui 80 a oltre 600 Pmi garantiti al 70% dal fondo istituito dalla legge 662/96 (nel 2014 l'obiettivo è a quota 150 milioni). Cresce il rapporto sofferenze nette/impieghi (dal 4,7% al 5,6%). Ancora in aumento i soci, che ora si attestano a

12 20/04/2014 Prima Pagina Pag. 8 CONFIMI /2 «Sistri: un altro costo iniquo e vessatorio per le Pmi» Giovanni Gorzanelli, vice presidente di Apmi Confimi Impresa Modena, condivide pienamente la posizione espressa dalla confederazione nazionale Confimi Impresa: «Naturalmente condividiamo gli obiettivi dellla tracciabilità nella gestione dei rifiuti, ma siamo estremamente critici nei confronti di Sistri, che, dalla sua nascita, nel lontano 2009, ancora porta con se incertezza, inefficienza e ulteriore burocrazia, andando contro la semplificazione per le nostre imp re s e». E aggiunge: «La scadenza del pagamento del 30 aprile per il versamento annuale, è un ulteriore costo iniquo e inutilmente vessatorio verso il nostro sistema. Non siamo d'accordo con chi invita le aziende a non versare il contributo in scadenza, perché non è nelle nostre politiche dare indicazioni 'contra legem', ma non per questo la nostra contrarietà è meno decisa». Conclude Gorzanelli: «Abbiamo chiesto al Ministero dell'ambiente, attraverso la nostra Confederazione nazionale, di convocare con la massima urgenza, e prima della scadenza di fine aprile, un tavolo di confronto per concordare misure differenti nell'applicazione di questo provvedimento».

13 20/04/2014 Prima Pagina Pag. 8 CONFIMI /1 «Def, finalmente si va verso l'economia reale» «Positivo il giudizio globale sull'impianto del Def varato ieri dal Cdm». Così Paolo Agnelli, presidente di Confimi Impresa. «La volontà di ridurre l'irap per le aziende - prosegue Agnelli - è un primo segnale di inversione di tendenza verso l'econo mia reale del Paese che accogliamo favorevolmente. Chiaramente la percentuale indicata sull'irap è insignificante, nel tempo bisogna arrivare alla totale eliminazione di questa imposta iniqua». Come anticipato ieri durante la trasmissione Omnibus «per Confimi Impresa rimangono prioritarie le scelte volte alla competitività, con interventi sul costo del lavoro e sull'energia».

14 CONFIMI WEB 1 articoli

15 19/04/2014 t Sito Web Massa Lombarda, eccellenze a confronto sui temi dello sviluppo pagerank: 3 Un incontro organizzato da Lista Civica per Massa La Lista Civica x Massa ha organizzato un incontro per martedì sera 22 aprile (ore 20,45) alla Sala Facchini di Massa Lombarda. Al confronto parteciperanno Gianni Lusa (presidente provinciale di Confimi), Gilberto Cristofori (Gr Elettronica), Alberto Dassasso (Vibrazioni), gli imprenditori agricoli Stefano Marconi e Franco Folli (presidente Coldiretti), Attilio Mazzini (Archivi Mazzini), Massimo Moretti (Csp), Giancarlo Pagani (Oremplast), Giorgio Noera (Hrs) ed altri imprenditori massesi. Il dibattito ruota attorno ad un interrogativo:" come possono collaborare insieme enti pubblici come il Comune e le realtà imprenditoriali per fare rete con l'obiettivo di ideare, finanziare e concretizzare progetti di sviluppo per la comunità?" Presiede la serata il candidato sindaco della Lista Civica x Massa Alberto Buscaroli: "Confrontarci con le eccellenze - ha dichiarato - ci sembra il percorso ideale per mettere a punto un progetto di sviluppo per il nostro territorio, facendolo nascere dal basso, associando ambizione e concretezza". 19/ CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 22/04/

16 SCENARIO ECONOMIA 60 articoli

17 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) Ottanta euro al mese in più sotto i 24 mila di reddito, rinvio per gli incapienti. Renzi: smentiti i gufi. Duello con i magistrati Bonus da maggio, trovate le coperture Sanità «salva», ma Regioni costrette a tagliare. Raddoppia la tassa sulle banche Il bonus diventa a cifra fissa ma lascia fuori i redditi più bassi. Ottanta euro al mese in più sotto i 24 mila euro di reddito, rinvio per gli incapienti. Il premier Renzi: trovate le coperture e smentiti i gufi. Niente tagli alla Sanità, le Regioni dovranno risparmiare. Raddoppia la tassa sulle banche. ALLE PAGINE 2, 3, 5 E 6 20

18 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'operazione Il ministro Lupi: inviate ad Abu Dhabi le controdeduzioni della compagnia Costi e rotte, Alitalia risponde alla lettera di Etihad L'impegno del premier: ci stiamo lavorando Il debito Convocato il 22 aprile il consiglio della compagnia. Il nodo della ristrutturazione del debito F. Sav. Governo in campo sul dossier Alitalia. Mentre dal quartier generale di Fiumicino è partita, alla volta di Abu Dhabi, la lettera con le risposte all'«ultimatum» posto da Etihad, è il premier, Matteo Renzi, ad assicurare l'impegno dell'esecutivo per scongiurare che questa partita non si chiuda definitivamente per l'ex compagnia di bandiera. «Ci stiamo lavorando», ha detto ieri mentre il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, annunciava la «risposta per Abu Dhabi dopo le osservazioni contenute nella lettera inviata ad Alitalia». Alla doccia fredda arrivata da Etihad sono seguite ieri ore frenetiche di lavoro per poter inviare le risposte alle condizioni poste dalla compagnia emiratina. Comincia ora una fase di attesa per il nuovo verdetto che arriverà da Abu Dhabi, anche se le diplomazie continueranno a lavorare anche in questi giorni di festa. Il primo appuntamento in agenda è quello di martedì 22 aprile, giorno in cui è convocato il consiglio di amministrazione della compagnia. Il principale nodo è quello della ristrutturazione del debito. La richiesta avanzata da Etihad alle banche, Intesa Sanpaolo e Unicredit,è di convertire in azioni una cifra intorno ai 400 milioni di euro (sui 549 complessivi). A questo si aggiungono le garanzie richieste sui contenziosi pregressi, a cominciare da quello con l'ex patron di Air One Carlo Toto. C'è poi la complessa partita del costo del lavoro. Etihad punterebbe a un taglio fino a esuberi, che coincidono con la platea dei lavoratori di Alitalia, interessati da ammortizzatori sociali, quali contratti di solidarietà e cassa integrazione a rotazione e a zero ore, previsti dagli accordi sottoscritti negli ultimi anni con i sindacati (l'ultimo è quello di metà febbraio). Lavoratori che non sono, dunque, usciti dal ciclo produttivo. La compagnia di Abu Dhabi vorrebbe, invece, esuberi strutturali. Sul tema ieri si è espresso anche il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, che ha provato a spargere acqua sul fuoco predicando pazienza per una trattativa complessa: «Senza una azienda importante - ha detto a SkyTg24 - perdiamo tutti i dipendenti. Dobbiamo fare tutti gli sforzi per dare sostegno a questa iniziativa». L'elenco delle condizioni emiratine non finisce qui. Ci sono le richieste relative a interventi infrastrutturali come i collegamenti per l'alta velocità con gli aeroporti per il previsto incremento dei voli su Linate. I riflettori di Etihad sono anche puntati sulla vicenda dei voli intercontinentali diretti operati da Emirates da Milano Malpensa a New York. Il 6 maggio si dovrà pronunciare il Consiglio di Stato. Ma è evidente che la presenza dei cugini del Golfo nell'hub del varesotto è quanto mai ingombrante. RIPRODUZIONE RISERVATA 40% La quota di Alitalia che potrebbe essere acquisita da Etihad. Potenzialmente la compagnia potrebbe salire fino al 49% Foto: La trattativa Del Torchio, ad di Alitalia e Hogan, ceo di Etihad 21

19 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) La lente i fragili Segnali di Ripresa e i Timori di Bankitalia Stefania Tamburello I segnali di miglioramento sono ormai espliciti, la ripresa c'è, ma è ancora «fragile» e soprattutto è insufficiente a garantire il rilancio dell'occupazione e dei consumi. La crescita dovrà quindi essere più consistente altrimenti la situazione del mercato del lavoro «resterà difficile» fino al prossimo anno. È l'analisi contenuta nel Bollettino economico della Banca d'italia, accolta ieri, nella conferenza stampa di Palazzo Chigi, anche dal ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan. «La ripresa c'è ed è fragile: ci aspettiamo diventi più robusta», ha detto. Gli economisti dell'istituto di via Nazionale si soffermano in particolare sui passi da fare per accelerare lo sviluppo. Il progressivo riassorbimento della disoccupazione - specie della componente giovanile, più colpita dalla crisi - richiede «una crescita duratura e un'accresciuta capacità di innovazione delle aziende». Occorre «che le politiche economiche sostengano la fiducia di imprese e famiglie, proseguano nella realizzazione delle riforme e assicurino la riduzione del peso del debito sul Pil (Prodotto interno lordo)», la cui velocità «non dipende solo dalla gestione prudente delle finanze pubbliche ma anche dall'espansione dell'attività economica». Ed anche, in parte, dall'andamento dell'inflazione che soprattutto in Italia è ai minimi. Nell'area dell'euro «resta essenziale contrastare l'eccesso di disinflazione», osserva ancora il Bollettino che, affrontando il problema del credito all'economia, sostiene che «nei sondaggi più recenti le imprese segnalano una lieve attenuazione della restrizione nelle condizioni dei prestiti» delle banche. Anche se «non si è ancora verificata un'inversione di tendenza» e se il costo del credito per le imprese in Italia «resta superiore a quello dell'area dell'euro di circa 80 punti base». RIPRODUZIONE RISERVATA 42,3 per cento il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) registrato a febbraio dall'istat 22

20 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) La banca senese Termine a metà luglio. Rimborsati tre dei quattro miliardi dei Monti-bond. La Fondazione punta a non diluirsi Mps, aumento da 5 miliardi entro tre mesi La ricapitalizzazione sarà coperta per intero dal consorzio bancario Il patrimonio Con la ricapitalizzazione il common equity arriverà all' 11,3%, in linea con Basilea 3 Fabrizio Massaro MILANO - Con l'aumento di capitale alzato da 3 a 5 miliardi Mps rimborserà subito 3 dei 4 miliardi di Monti bond e in più avrà «circa 2 miliardi di riserva patrimoniale in più» in vista dell'asset quality review che «ci consente di affrontare questa verifica con maggiore tranquillità». Alla fine del consiglio tenutosi a Milano che ha approvato all'unanimità l'operazione, è il ceo Fabrizio Viola a spiegarne i contorni finanziari. Sarà il patrimonio a beneficiarne: il common equity arriverà all'11,3% secondo i criteri di Basilea3. Dopo lo sbandamento dei primi giorni, la Borsa ha apprezzato lo sforzo chiesto agli azionisti; ora alla riapertura dei mercati dopo Pasqua si vedrà la reazione degli operatori. «Pensiamo di avviare l'operazione a metà giugno e di completarla a metà luglio senza ritardi sulla tabella di marcia», ha spiegato Viola a SkyTg24. Le convocazioni dell'assemblea sono state fissate per il maggio. Il consorzio di garanzia capitanato da Ubs con Goldman Sachs, Citi e Mediobanca copre l'intero ammontare così da dare certezza all'istituto presieduto da Alessandro Profumo di avere già i soldi in cassa. Anche il Tesoro - che deve incassare almeno 3 miliardi di aiuti di Stato - ha fatto sapere alla banca, secondo fonti vicine all'istituto, che non considererà perentorio il termine del 1 luglio per l'incasso della cedola. Avendo chiuso in perdita, Mps dovrebbe pagare i 360 milioni in nuove azioni, ma Via Venti Settembre attenderà qualche giorno per avere la somma cash: «Il governo è impegnato a reperire risorse. E il nostro contributo, sono certo, sarà bene accetto», ha detto Viola. L'aumento da 3 miliardi era stato varato proprio per rimborsare il prestito statale. «Da allora sono cambiate tante cose ma soprattutto l'avvio della verifica dei bilanci». Per agevolare gli investitori, sul mercato si stima che lo sconto sarà molto vantaggioso, trasformando di fatto l'aumento in una seconda ipo di Mps. «In questi ultimi mesi l'azionariato di Mps si è molto modificato e questo determina una varietà di azionisti superiore al passato», ha continuato il banchiere sottolineando anche la «fiducia posta da Axa, che ha mantenuto un rapporto forte» con la banca. Circa la Fondazione Mps, «ha deciso di mantenere una quota nel capitale e questo consente di mantenere il legame con il territorio. Mps resta una presenza importante a Siena: non vedo nessuna conseguenza automatica negativa sul suo posizionamento geografico» dall'arrivo di nuovi azionisti. Oggi l'ente presieduto da Antonella Mansi ha il 9%, in attesa di cedere il 4,5% a Fintech Advisory e il 2% a Btg Pactual, i fondi con i quali ha stretto un patto di sindacato attualmente sotto esame della Banca d'italia. L'accordo fa riferimento al vecchio aumento da 3 miliardi: ora, riferiscono fonti vicine a Palazzo Sansedoni, la Fondazione valuterà la «mutata situazione» quando saranno «resi noti i dettagli dell'operazione». Ma «c'è serenità»: i 125 milioni in cassa per seguire pro-quota l'aumento ormai ci sono. RIPRODUZIONE RISERVATA I punti L'accordo con la Ue sugli aiuti di Stato 1 L'accordo raggiunto tra Mps, governo e Commissione europea per l'ok agli aiuti di Stato sotto forma di Monti bond prevede il rimborso da parte della banca di gran parte dei 4,07 miliardi di prestiti statali entro il 2014 Il capitale fresco chiesto agli azionisti 2 I vertici Mps a dicembre avevano chiesto ai soci l'ok a un aumento da 3 miliardi da far partire a gennaio. La Fondazione Mps, allora primo socio, fece spostare invece il termine a metà maggio perché aveva bisogno di più tempo per vendere le sue quote L'arrivo dei soci esteri e il patto di sindacato 3 Tra gennaio e marzo la Fondazione Mps vende il 31% del capitale. BlackRock diventa primo socio al 5,7%. A comprare sono anche i fondi esteri Fintech Advisory (4,5%) e Btg Pactual (2%), con cui la Fondazione Mps stringe un patto sul 9% Per la verifica Bce servono 5 miliardi 4 Con l'avvio dell'asset quality review da parte della Bce, la Banca d'italia chiede 23

21 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) maggiori coperture sui crediti a tutti gli istituti. Anche Mps è invitata a rafforzare il patrimonio: da qui l'innalzamento dell'aumento da 3 a 5 miliardi di euro Foto: Banchieri A sinistra Alessandro Profumo, 57 anni, presidente di Montepaschi dall'aprile A destra Fabrizio Viola, 56 anni, amministratore delegato del gruppo bancario dal gennaio

22 20/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'intervista Il ministro dell'economia: senza i tagli di spesa, rischio di nuove imposte «Bonus permanente o inutile» Padoan: crescita subito, la tregua sui mercati durerà poco ENRICO MARRO «Il bonus del decreto Irpef deve essere permanente, altrimenti non è credibile»: in un'intervista al Corriere il ministro Padoan auspica maggior propensione a spendere e a investire per favorire subito la crescita. ALLE PAGINE 2 E 3 E ALLE PAGINE 5, 6 E 7 ROMA - «C'è una ripresa dell'economia che è ancora debole ma che si sta pian piano rafforzando. Dare uno stimolo alle famiglie a reddito medio-basso può avere un effetto immediato, che sarà tanto più forte quanto migliori saranno le aspettative - dice il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan -. Se la fiducia si rafforzerà, allora ci sarà più propensione a spendere piuttosto che a risparmiare. Mi aspetto quindi che sia dal lato delle famiglie che delle imprese, che avranno un taglio dell'irap del 10%, ci sia una maggiore propensione a spendere e a investire. E quindi una maggiore crescita dell'economia». Il prodotto interno lordo crescerà nel 2014 più dello 0,8%? «Credo proprio di sì, anche se non si può stimare di quanto. Il decreto che abbiamo approvato è una componente della strategia di riforme, comprese quelle istituzionali. Penso ci siano le condizioni per un salto di qualità. L'Italia finora ha sofferto di una percezione di qualità mediamente peggiore di quella di altri Paesi. C'è un enorme problema di fiducia nell'italia. Per questo dobbiamo innanzitutto fare le cose seriamente: riforme strutturali, coperture che garantiscano l'equilibrio finanziario. Fatto questo si può andare in Europa e dire: cerchiamo di essere ragionevoli e avere regole più attente alla crescita e all'occupazione. E questo non lo chiede l'italia come scusa per una scarsa disciplina finanziaria, ma lo richiedono i fatti e la gente. Veniamo da una recessione cominciata sette anni fa e abbiamo più del 12% di disoccupati. Queste sono le nostre priorità. E dobbiamo fare presto». Perché? «Perché lo stato favorevole dei mercati finanziari non durerà in eterno, il ciclo finanziario va verso una fase più restrittiva. I tassi in America riprenderanno a salire e questo ci arriverà addosso. Non abbiamo moltissimo tempo, dobbiamo sfruttare questa finestra di opportunità per fare le riforme e rilanciare l'economia». Quanto sarebbe costato dare il bonus anche agli «incapienti», quelli con redditi sotto gli 8 mila euro lordi l'anno? «Almeno un miliardo in più. Ora abbiamo dato una risposta all'obiettivo immediato del presidente del Consiglio di dare 80 euro in più al mese a una fascia di lavoratori dipendenti con redditi medio-bassi, che noi stimiamo di 10 milioni di persone, che nella recessione hanno subito la decurtazione più forte del potere d'acquisto. Per gli incapienti si interverrà probabilmente con la legge di Stabilità per il 2015, anno in cui ci attendiamo dalla spending review risorse sufficienti non solo per rendere strutturale il bonus 2014, ma anche per intervenire a favore dei redditi fino a 8 mila euro». Nel 2015 interverrete anche a favore dei pensionati, considerando che quasi la metà prende meno di mille euro al mese? Renzi ha recentemente promesso che nel 2015 provvederà. Conferma? «Confermo innanzitutto che il bonus contenuto nel decreto deve essere permanente, perché se non è permanente non è credibile e non viene speso. Ovviamente cercheremo di allargare il più possibile la platea, compatibilmente con le risorse. E quindi guarderemo anche ai pensionati a basso reddito». Ministro, lei non conosceva Renzi prima di entrare nel governo. Che cosa la colpisce di più del premier? «Sicuramente la grande energia, ma anche la capacità di avere il polso del Paese e di leggere, al di là delle convenzioni, come si può dare più fiducia alla gente. Ha un approccio di estrema concretezza». Discussioni, escludendo il calcio? «Più che discussioni, un gioco delle parti. Da una parte la sua grande propensione a trovare soldi per risolvere i problemi della gente e dall'altra la necessità, propria del ministro dell'economia, di richiamare tutti 25

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. L ipotesi contemplata nello schema di decreto per il federalismo fiscale

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli di Ercole P. Pellicanò L'alto

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa APPROVATO IL BILANCIO Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa Banca Carige prepara l'aumento di capitale da 800 milioni e se l'obiettivo è fare in modo che resti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il rilancio parte da sinistra

Il rilancio parte da sinistra Il rilancio parte da sinistra Come fare ridere i poveri senza fare piangere i ricchi Luglio 2013 UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO La crisi economica e sociale del paese non nasce nel 2011, ne nel 2008. Ha

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Rassegna Stampa. Lunedì 03 Marzo 2014

Rassegna Stampa. Lunedì 03 Marzo 2014 Rassegna Stampa Lunedì 03 Marzo 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. FONDO COMETA PLUS 24 - supp. Il Sole 24 Ore 1 Quello che vogliamo dal Governo - Italiani pronti a qualche sacrificio sulle rendite

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2015

LA LEGGE DI STABILITA 2015 LA LEGGE DI STABILITA 2015 Ecco le principali novità della Manovra varata dal Governo SLIDE ILLUSTRATIVE salvo modifiche al testo finale. La manovra quest anno vale 29,6 miliardi di euro. LE RISORSE -14,6

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report LE DINAMICHE IMPOSITIVE CONTINUANO A PENALIZZARE FORTEMENTE GLI INVESTIMENTI NEL MATTONE TASI, SALERNO E NAPOLI AL TOP Aliquote sempre al massimo, la prima rata in scadenza il 16

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Patto di stabilità interno degli enti locali

Patto di stabilità interno degli enti locali Patto di stabilità interno degli enti locali (da www.ilsole24ore.com) PER CAPIRE Il patto di stabilità si riferisce a province e comuni con più di 5mila abitanti ed è vincolato alla crescita del saldo

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE 1. Riduzione del carico fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati 2. Sostegno

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI.

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 6 agosto

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014

Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014 Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014 Tutti i prelievi nascosti per imprese e famiglie Il bonus Irap «bilanciato» dalla rata unica sulla plusvalenza degli asset aziendali - Più tasse anche sul risparmio

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA OLTRE LA CRISI? NON ANCORA Le PMI dell Emilia Romagna nella doppia morsa della stretta creditizia e del ritardo dei pagamenti Allarme occupazione: a rischio la sua tenuta Bologna, 17 Novembre 2009 Ricerche

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli