CONFIMI. Rassegna Stampa del 22/04/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFIMI. Rassegna Stampa del 22/04/2014"

Transcript

1 CONFIMI Rassegna Stampa del 22/04/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 20/04/2014 Eco di Bergamo 10 Agnelli: «Voler ridurre l'irap è un'inversione di tendenza» 20/04/2014 L'Arena di Verona 11 L'anatocismo viene ancora applicato dalle banche 22/04/2014 L'Arena di Verona 12 L'anno parte in crescita per Banca Valsabbina 20/04/2014 Prima Pagina 13 «Sistri: un altro costo iniquo e vessatorio per le Pmi» 20/04/2014 Prima Pagina 14 «Def, finalmente si va verso l'economia reale» CONFIMI WEB 21/04/ :15 16 Resta Expo /04/ Massa Lombarda, eccellenze a confronto sui temi dello sviluppo 19/04/2014 faenzawebtv.it 13:27 18 Resta Expo 2014 SCENARIO ECONOMIA 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 20 Bonus da maggio, trovate le coperture 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 21 Costi e rotte, Alitalia risponde alla lettera di Etihad L'impegno del premier: ci stiamo lavorando

3 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 22 i fragili Segnali di Ripresa e i Timori di Bankitalia 19/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 23 Mps, aumento da 5 miliardi entro tre mesi 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 25 «Bonus permanente o inutile» 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 29 Il premier: Grillo pupillo delle banche 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 32 Messaggio delle banche a Renzi «Serve un forte ripensamento» 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 33 Il lavoro e l'«utopia possibile» di Brunetta 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 35 Il contrabbando di valuta inverte la marcia Dalla Svizzera i capitali tornano in Germania 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 36 Da Telecom a Intesa, ecco i signori delle deleghe 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 38 Il «Made in» fa un altro passo avanti in Europa 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 39 Apertura dei Negozi durante le Feste serve più Realismo e meno Ideologia 20/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 40 Il sentiero stretto per ridurre il debito 22/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 41 Privatizzazioni, Fincantieri va in Borsa 22/04/2014 Corriere della Sera - Nazionale 43 Alitalia, i Paletti Etihad e quel Via libera a Mubadala 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 44 La partita di Renzi si gioca sui tagli 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 46 Il problema rimane garantire le coperture 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 47

4 Sulle scadenze si resta ancora fuori dai target fissati dalla Ue «Economia in lento recupero» 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 51 A febbraio risale il fatturato dell'industria 19/04/2014 Il Sole 24 Ore 52 Le banche centrali del futuro 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 54 Il «credito» in busta paga spinge verso la nuova Irpef 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 56 Un'incognita da 14 miliardi 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 59 La sfida da vincere della realizzabilità 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 61 Braccialini: «Siamo pronti, iter veloce per la quotazione a Milano» 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 63 L'aumento dell'inflazione è una paranoia per pochi 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 64 Nella legge di stabilità 2015 un'incognita da 14 miliardi 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 65 Decreto Irpef, Bruxelles «prende atto» 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 66 La partita del Fisco arbitro non neutrale 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 67 Trasparenza possibile solo con sanzioni reali 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 68 A marzo 100 milioni di ore di cig 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 69 Risarcimenti antitrust garantiti 20/04/2014 Il Sole 24 Ore 71 «Questione veneta» da non sottovalutare, modello economico a rischio sfaldamento 22/04/2014 Il Sole 24 Ore 73 Dai tagli solo il 47% delle coperture 2014 Urgente convocare un tavolo per l'acciaio

5 22/04/2014 Il Sole 24 Ore 79 «Torniamo alle origini del made in Italy» 19/04/2014 La Repubblica - Nazionale 81 Dalla Rai agli F35 la scure sullo Stato 19/04/2014 La Repubblica - Nazionale 83 Sabelli: le nostre paghe garantiscono autonomia 19/04/2014 La Repubblica - Nazionale 84 Parte la Telecom del ticket Recchi-Patuano 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 85 Renzi: ora aiuti alle famiglie 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 89 Bonus di 80 euro senza "scalini" In tasca soprattutto agli under trenta 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 91 Anche la Giannini scende in trincea "Mi batterò contro i tagli agli atenei" 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 92 "Io non mi lamento ma niente deroghe" 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 93 Europa sempre più Berlino-dipendente l'export tedesco crea 3,5 milioni di posti nell'unione 20/04/2014 La Repubblica - Nazionale 94 Crescita ostaggio del super-euro vacillano i target Bce sui prezzi 22/04/2014 La Repubblica - Nazionale 96 Padoan: così deve cambiare la Ue 22/04/2014 La Repubblica - Nazionale 99 Arriva lo sconto fiscale per le mamme lavoratrici ecco gli aiuti alle famiglie 22/04/2014 La Repubblica - Nazionale Fuori dal tunnel da 5 anni ma la ripresa Usa è "debole" disoccupati record al 6,7% /04/2014 La Stampa - Nazionale Alitalia cerca l'intesa su 1100 esuberi 103

6 19/04/2014 La Stampa - Nazionale A Tronchetti 5,2 milioni 19/04/2014 La Stampa - Nazionale Airoldi nuovo ad di Benetton /04/2014 La Stampa - Nazionale L'INVESTIMENTO SUL CETO MEDIO /04/2014 La Stampa - Nazionale Un milione di famiglie vive senza uno stipendio /04/2014 La Stampa - Nazionale MA NESSUNO HA RISOLTO IL NODO- BANCHE /04/2014 MF - Nazionale Mps, Ente pronto per l'aumento /04/2014 MF - Nazionale Ultimi paradisi dopo la Svizzera, ecco i Paesi dove i capitali sono ancora al sicuro /04/2014 MF - Nazionale BlackRock e Qatar verso nuove scommesse italiane /04/2014 MF - Nazionale Quote Bankitalia, limare la super-tassa conviene a tutti 113 SCENARIO PMI 20/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagamenti Pa, alle imprese due mesi per la certificazione /04/2014 Il Sole 24 Ore Pechino chiama Mirandola nella «biomedical valley» /04/2014 Il Messaggero - Nazionale «Per gli occupati ripresina a fine anno» /04/2014 ItaliaOggi Koni ca

7 19/04/2014 La Stampa - Nazionale 104 A Minolta, Tronchetti ora grandi 5,2 milioni imprese 120

8 20/04/2014 Avvenire - Milano Pag. 2 (diffusione:105812, tiratura:151233) CONFIMI 5

9 20/04/2014 Eco di Bergamo (diffusione:54521, tiratura:63295) Economia Agnelli: «Voler ridurre l'irap è un'inversione di tendenza» Positiva reazione del presidente Confimi Paolo Agnelli sul Def (Documento Economia e Finanza) varato dal governo: «La volontà di ridurre l'irap è un primo segnale di inversione di tendenza»

10 20/04/2014 L'Arena di Verona Pag. 39 (diffusione:49862, tiratura:383000) CONVEGNO ALL' API L'anatocismo viene ancora applicato dalle banche In un convegno ad Apindustria è stato fatto il punto sull'anatocismo, e in particolare sulla prassi delle banche che, in deroga a quanto stabilisce l'articolo del codice civile, secondo il quale gli interessi scaduti possono produrre (ulteriori) interessi solo dal giorno della domanda giudiziale, o per effetto di accordo successivo alla loro scadenza. Le banche hanno sempre seguito una prassi diversa, applicando l'anatocismo sugli interessi passivi dovuti dal cliente su base trimestrale. Questa prassi è stata però dichiarata illegittima dalla giurisprudenza che fin dagli anni 90 ha rilevato l'assoluta nullità delle clausole sulla capitalizzazione trimestrale degli interessi dovuti. Nel convegno, è stato tra l'altro rilevato che, secondo una decisione della Suprema corte di Cassazione, gli interessi a debito del correntista devono essere calcolati senza operare alcuna capitalizzazione e che l'azione per la restituzione degli interessi indebitamente corrisposti si prescrive in dieci anni dalla data di chiusura del conto nel quale è stata operata la capitalizzazione.g.g.

11 22/04/2014 L'Arena di Verona Pag. 33 (diffusione:49862, tiratura:383000) CREDITO chiuso in tenuta con utili oltre i 7 milioni. Assemblea dei soci il 3 maggio a Brescia L'anno parte in crescita per Banca Valsabbina Adriano Baso Luciano Veronesi Banca Valsabbina chiude il 2013 con una positiva sostanziale tenuta dei conti rispetto all'esercizio precedente, e con un inizio di 2014 con incrementi degli indici economici per l'istituto di credito che a fine 2012 ha incorporato la veronese Crever Banca. «I primi tre mesi sono partiti bene», dice il direttore generale Renato Barbieri. «Confermando questo passo il nuovo esercizio sarà migliore del precedente». Prospettive che trovano supporto nel piano strategico , approvato dal consiglio di amministrazione il 27 novembre che prevede una crescita annua della raccolta diretta del 4% e degli impieghi del 3%. Il programma contempla un ampliamento della rete territoriale (ora di 61 filiali, con 473 dipendenti, in quattro province, di cui 50 nel Bresciano e sette nel veronese), con 3-5 nuove aperture e una razionalizzazione della rete. La popolare bresciana proprio a Verona, dopo aver trasfertio la filiale nella Bassa da San Pietro di Legnago a Legnago centro, apre domani il suo ottavo sportello in terra scaligera in Corso Milano. Tutti mantengono sempre le insegne Credito Veronese e il quartier generale per la nostra provincia è nella sede di Piazza Pradaval, dove è stato trasferito lasciando il grattacielo di San Giovanni Lupatoto a fianco di autostrada A4 e tangenziale sud, dove le insegne, ancora esposte e ben visibili, resteranno fino al 2016, quando scadrà il contratto di affitto dell'immobile. Il veronese è considerata area privilegiata per la crescita della Banca e nel cda siedono due esponenti del territorio: Adriano Baso, commercialista, ex presidente del Crever, e Luciano Veronesi, direttore di Apindustria. L'assemblea dei soci, per l'approvazione del conti al 31 dicembre, è convocata per il 3 maggio, dalle 9, sarà al centro dell'assemblea a Brescia al Pala Banco in via San Zeno. I conti si chiudono con un utile netto di 7,685 milioni, in accelerazione su base annua. Agli azionisti sarà proposta la distribuzione di una cedola unitaria di 0,12 euro in contanti (0,27 euro, corrisposto mediante l'assegnazione di tre titoli ogni 200 posseduti, l'anno scorso), in pagamento l'8 maggio. La performance sul fronte del risultato finale è frutto, tra l'altro, della sensibile riduzione delle rettifiche di valore su crediti (-23,7% a 43,2 milioni) con azioni finalizzate a preservare il valore dei cespiti a garanzia dei prestiti concessi: tra queste rientra la partecipazione ai fondi immobiliari delle banche popolari promossi da Polis Sgr. I costi operativi scendono del 6,7%, il cost/income si colloca al 45,2% era al 44,5%). I valori patrimoniali mostrano un incremento della raccolta diretta (+1,5%) e di quella indiretta (+8,3%). Gli impieghi calano del 3,5% a 2,982 miliardi «a causa del generale rallentamento della domanda da parte delle imprese»: una riduzione soprattutto nella componente a breve termine, mentre quella a medio fa emergere nuove erogazioni per circa 380 milioni, di cui 80 a oltre 600 Pmi garantiti al 70% dal fondo istituito dalla legge 662/96 (nel 2014 l'obiettivo è a quota 150 milioni). Cresce il rapporto sofferenze nette/impieghi (dal 4,7% al 5,6%). Ancora in aumento i soci, che ora si attestano a

12 20/04/2014 Prima Pagina Pag. 8 CONFIMI /2 «Sistri: un altro costo iniquo e vessatorio per le Pmi» Giovanni Gorzanelli, vice presidente di Apmi Confimi Impresa Modena, condivide pienamente la posizione espressa dalla confederazione nazionale Confimi Impresa: «Naturalmente condividiamo gli obiettivi dellla tracciabilità nella gestione dei rifiuti, ma siamo estremamente critici nei confronti di Sistri, che, dalla sua nascita, nel lontano 2009, ancora porta con se incertezza, inefficienza e ulteriore burocrazia, andando contro la semplificazione per le nostre imp re s e». E aggiunge: «La scadenza del pagamento del 30 aprile per il versamento annuale, è un ulteriore costo iniquo e inutilmente vessatorio verso il nostro sistema. Non siamo d'accordo con chi invita le aziende a non versare il contributo in scadenza, perché non è nelle nostre politiche dare indicazioni 'contra legem', ma non per questo la nostra contrarietà è meno decisa». Conclude Gorzanelli: «Abbiamo chiesto al Ministero dell'ambiente, attraverso la nostra Confederazione nazionale, di convocare con la massima urgenza, e prima della scadenza di fine aprile, un tavolo di confronto per concordare misure differenti nell'applicazione di questo provvedimento».

13 20/04/2014 Prima Pagina Pag. 8 CONFIMI /1 «Def, finalmente si va verso l'economia reale» «Positivo il giudizio globale sull'impianto del Def varato ieri dal Cdm». Così Paolo Agnelli, presidente di Confimi Impresa. «La volontà di ridurre l'irap per le aziende - prosegue Agnelli - è un primo segnale di inversione di tendenza verso l'econo mia reale del Paese che accogliamo favorevolmente. Chiaramente la percentuale indicata sull'irap è insignificante, nel tempo bisogna arrivare alla totale eliminazione di questa imposta iniqua». Come anticipato ieri durante la trasmissione Omnibus «per Confimi Impresa rimangono prioritarie le scelte volte alla competitività, con interventi sul costo del lavoro e sull'energia».

14 CONFIMI WEB 1 articoli

15 19/04/2014 t Sito Web Massa Lombarda, eccellenze a confronto sui temi dello sviluppo pagerank: 3 Un incontro organizzato da Lista Civica per Massa La Lista Civica x Massa ha organizzato un incontro per martedì sera 22 aprile (ore 20,45) alla Sala Facchini di Massa Lombarda. Al confronto parteciperanno Gianni Lusa (presidente provinciale di Confimi), Gilberto Cristofori (Gr Elettronica), Alberto Dassasso (Vibrazioni), gli imprenditori agricoli Stefano Marconi e Franco Folli (presidente Coldiretti), Attilio Mazzini (Archivi Mazzini), Massimo Moretti (Csp), Giancarlo Pagani (Oremplast), Giorgio Noera (Hrs) ed altri imprenditori massesi. Il dibattito ruota attorno ad un interrogativo:" come possono collaborare insieme enti pubblici come il Comune e le realtà imprenditoriali per fare rete con l'obiettivo di ideare, finanziare e concretizzare progetti di sviluppo per la comunità?" Presiede la serata il candidato sindaco della Lista Civica x Massa Alberto Buscaroli: "Confrontarci con le eccellenze - ha dichiarato - ci sembra il percorso ideale per mettere a punto un progetto di sviluppo per il nostro territorio, facendolo nascere dal basso, associando ambizione e concretezza". 19/ CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 22/04/

16 SCENARIO ECONOMIA 60 articoli

17 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) Ottanta euro al mese in più sotto i 24 mila di reddito, rinvio per gli incapienti. Renzi: smentiti i gufi. Duello con i magistrati Bonus da maggio, trovate le coperture Sanità «salva», ma Regioni costrette a tagliare. Raddoppia la tassa sulle banche Il bonus diventa a cifra fissa ma lascia fuori i redditi più bassi. Ottanta euro al mese in più sotto i 24 mila euro di reddito, rinvio per gli incapienti. Il premier Renzi: trovate le coperture e smentiti i gufi. Niente tagli alla Sanità, le Regioni dovranno risparmiare. Raddoppia la tassa sulle banche. ALLE PAGINE 2, 3, 5 E 6 20

18 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'operazione Il ministro Lupi: inviate ad Abu Dhabi le controdeduzioni della compagnia Costi e rotte, Alitalia risponde alla lettera di Etihad L'impegno del premier: ci stiamo lavorando Il debito Convocato il 22 aprile il consiglio della compagnia. Il nodo della ristrutturazione del debito F. Sav. Governo in campo sul dossier Alitalia. Mentre dal quartier generale di Fiumicino è partita, alla volta di Abu Dhabi, la lettera con le risposte all'«ultimatum» posto da Etihad, è il premier, Matteo Renzi, ad assicurare l'impegno dell'esecutivo per scongiurare che questa partita non si chiuda definitivamente per l'ex compagnia di bandiera. «Ci stiamo lavorando», ha detto ieri mentre il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, annunciava la «risposta per Abu Dhabi dopo le osservazioni contenute nella lettera inviata ad Alitalia». Alla doccia fredda arrivata da Etihad sono seguite ieri ore frenetiche di lavoro per poter inviare le risposte alle condizioni poste dalla compagnia emiratina. Comincia ora una fase di attesa per il nuovo verdetto che arriverà da Abu Dhabi, anche se le diplomazie continueranno a lavorare anche in questi giorni di festa. Il primo appuntamento in agenda è quello di martedì 22 aprile, giorno in cui è convocato il consiglio di amministrazione della compagnia. Il principale nodo è quello della ristrutturazione del debito. La richiesta avanzata da Etihad alle banche, Intesa Sanpaolo e Unicredit,è di convertire in azioni una cifra intorno ai 400 milioni di euro (sui 549 complessivi). A questo si aggiungono le garanzie richieste sui contenziosi pregressi, a cominciare da quello con l'ex patron di Air One Carlo Toto. C'è poi la complessa partita del costo del lavoro. Etihad punterebbe a un taglio fino a esuberi, che coincidono con la platea dei lavoratori di Alitalia, interessati da ammortizzatori sociali, quali contratti di solidarietà e cassa integrazione a rotazione e a zero ore, previsti dagli accordi sottoscritti negli ultimi anni con i sindacati (l'ultimo è quello di metà febbraio). Lavoratori che non sono, dunque, usciti dal ciclo produttivo. La compagnia di Abu Dhabi vorrebbe, invece, esuberi strutturali. Sul tema ieri si è espresso anche il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, che ha provato a spargere acqua sul fuoco predicando pazienza per una trattativa complessa: «Senza una azienda importante - ha detto a SkyTg24 - perdiamo tutti i dipendenti. Dobbiamo fare tutti gli sforzi per dare sostegno a questa iniziativa». L'elenco delle condizioni emiratine non finisce qui. Ci sono le richieste relative a interventi infrastrutturali come i collegamenti per l'alta velocità con gli aeroporti per il previsto incremento dei voli su Linate. I riflettori di Etihad sono anche puntati sulla vicenda dei voli intercontinentali diretti operati da Emirates da Milano Malpensa a New York. Il 6 maggio si dovrà pronunciare il Consiglio di Stato. Ma è evidente che la presenza dei cugini del Golfo nell'hub del varesotto è quanto mai ingombrante. RIPRODUZIONE RISERVATA 40% La quota di Alitalia che potrebbe essere acquisita da Etihad. Potenzialmente la compagnia potrebbe salire fino al 49% Foto: La trattativa Del Torchio, ad di Alitalia e Hogan, ceo di Etihad 21

19 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) La lente i fragili Segnali di Ripresa e i Timori di Bankitalia Stefania Tamburello I segnali di miglioramento sono ormai espliciti, la ripresa c'è, ma è ancora «fragile» e soprattutto è insufficiente a garantire il rilancio dell'occupazione e dei consumi. La crescita dovrà quindi essere più consistente altrimenti la situazione del mercato del lavoro «resterà difficile» fino al prossimo anno. È l'analisi contenuta nel Bollettino economico della Banca d'italia, accolta ieri, nella conferenza stampa di Palazzo Chigi, anche dal ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan. «La ripresa c'è ed è fragile: ci aspettiamo diventi più robusta», ha detto. Gli economisti dell'istituto di via Nazionale si soffermano in particolare sui passi da fare per accelerare lo sviluppo. Il progressivo riassorbimento della disoccupazione - specie della componente giovanile, più colpita dalla crisi - richiede «una crescita duratura e un'accresciuta capacità di innovazione delle aziende». Occorre «che le politiche economiche sostengano la fiducia di imprese e famiglie, proseguano nella realizzazione delle riforme e assicurino la riduzione del peso del debito sul Pil (Prodotto interno lordo)», la cui velocità «non dipende solo dalla gestione prudente delle finanze pubbliche ma anche dall'espansione dell'attività economica». Ed anche, in parte, dall'andamento dell'inflazione che soprattutto in Italia è ai minimi. Nell'area dell'euro «resta essenziale contrastare l'eccesso di disinflazione», osserva ancora il Bollettino che, affrontando il problema del credito all'economia, sostiene che «nei sondaggi più recenti le imprese segnalano una lieve attenuazione della restrizione nelle condizioni dei prestiti» delle banche. Anche se «non si è ancora verificata un'inversione di tendenza» e se il costo del credito per le imprese in Italia «resta superiore a quello dell'area dell'euro di circa 80 punti base». RIPRODUZIONE RISERVATA 42,3 per cento il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) registrato a febbraio dall'istat 22

20 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) La banca senese Termine a metà luglio. Rimborsati tre dei quattro miliardi dei Monti-bond. La Fondazione punta a non diluirsi Mps, aumento da 5 miliardi entro tre mesi La ricapitalizzazione sarà coperta per intero dal consorzio bancario Il patrimonio Con la ricapitalizzazione il common equity arriverà all' 11,3%, in linea con Basilea 3 Fabrizio Massaro MILANO - Con l'aumento di capitale alzato da 3 a 5 miliardi Mps rimborserà subito 3 dei 4 miliardi di Monti bond e in più avrà «circa 2 miliardi di riserva patrimoniale in più» in vista dell'asset quality review che «ci consente di affrontare questa verifica con maggiore tranquillità». Alla fine del consiglio tenutosi a Milano che ha approvato all'unanimità l'operazione, è il ceo Fabrizio Viola a spiegarne i contorni finanziari. Sarà il patrimonio a beneficiarne: il common equity arriverà all'11,3% secondo i criteri di Basilea3. Dopo lo sbandamento dei primi giorni, la Borsa ha apprezzato lo sforzo chiesto agli azionisti; ora alla riapertura dei mercati dopo Pasqua si vedrà la reazione degli operatori. «Pensiamo di avviare l'operazione a metà giugno e di completarla a metà luglio senza ritardi sulla tabella di marcia», ha spiegato Viola a SkyTg24. Le convocazioni dell'assemblea sono state fissate per il maggio. Il consorzio di garanzia capitanato da Ubs con Goldman Sachs, Citi e Mediobanca copre l'intero ammontare così da dare certezza all'istituto presieduto da Alessandro Profumo di avere già i soldi in cassa. Anche il Tesoro - che deve incassare almeno 3 miliardi di aiuti di Stato - ha fatto sapere alla banca, secondo fonti vicine all'istituto, che non considererà perentorio il termine del 1 luglio per l'incasso della cedola. Avendo chiuso in perdita, Mps dovrebbe pagare i 360 milioni in nuove azioni, ma Via Venti Settembre attenderà qualche giorno per avere la somma cash: «Il governo è impegnato a reperire risorse. E il nostro contributo, sono certo, sarà bene accetto», ha detto Viola. L'aumento da 3 miliardi era stato varato proprio per rimborsare il prestito statale. «Da allora sono cambiate tante cose ma soprattutto l'avvio della verifica dei bilanci». Per agevolare gli investitori, sul mercato si stima che lo sconto sarà molto vantaggioso, trasformando di fatto l'aumento in una seconda ipo di Mps. «In questi ultimi mesi l'azionariato di Mps si è molto modificato e questo determina una varietà di azionisti superiore al passato», ha continuato il banchiere sottolineando anche la «fiducia posta da Axa, che ha mantenuto un rapporto forte» con la banca. Circa la Fondazione Mps, «ha deciso di mantenere una quota nel capitale e questo consente di mantenere il legame con il territorio. Mps resta una presenza importante a Siena: non vedo nessuna conseguenza automatica negativa sul suo posizionamento geografico» dall'arrivo di nuovi azionisti. Oggi l'ente presieduto da Antonella Mansi ha il 9%, in attesa di cedere il 4,5% a Fintech Advisory e il 2% a Btg Pactual, i fondi con i quali ha stretto un patto di sindacato attualmente sotto esame della Banca d'italia. L'accordo fa riferimento al vecchio aumento da 3 miliardi: ora, riferiscono fonti vicine a Palazzo Sansedoni, la Fondazione valuterà la «mutata situazione» quando saranno «resi noti i dettagli dell'operazione». Ma «c'è serenità»: i 125 milioni in cassa per seguire pro-quota l'aumento ormai ci sono. RIPRODUZIONE RISERVATA I punti L'accordo con la Ue sugli aiuti di Stato 1 L'accordo raggiunto tra Mps, governo e Commissione europea per l'ok agli aiuti di Stato sotto forma di Monti bond prevede il rimborso da parte della banca di gran parte dei 4,07 miliardi di prestiti statali entro il 2014 Il capitale fresco chiesto agli azionisti 2 I vertici Mps a dicembre avevano chiesto ai soci l'ok a un aumento da 3 miliardi da far partire a gennaio. La Fondazione Mps, allora primo socio, fece spostare invece il termine a metà maggio perché aveva bisogno di più tempo per vendere le sue quote L'arrivo dei soci esteri e il patto di sindacato 3 Tra gennaio e marzo la Fondazione Mps vende il 31% del capitale. BlackRock diventa primo socio al 5,7%. A comprare sono anche i fondi esteri Fintech Advisory (4,5%) e Btg Pactual (2%), con cui la Fondazione Mps stringe un patto sul 9% Per la verifica Bce servono 5 miliardi 4 Con l'avvio dell'asset quality review da parte della Bce, la Banca d'italia chiede 23

21 19/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 39 (diffusione:619980, tiratura:779916) maggiori coperture sui crediti a tutti gli istituti. Anche Mps è invitata a rafforzare il patrimonio: da qui l'innalzamento dell'aumento da 3 a 5 miliardi di euro Foto: Banchieri A sinistra Alessandro Profumo, 57 anni, presidente di Montepaschi dall'aprile A destra Fabrizio Viola, 56 anni, amministratore delegato del gruppo bancario dal gennaio

22 20/04/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'intervista Il ministro dell'economia: senza i tagli di spesa, rischio di nuove imposte «Bonus permanente o inutile» Padoan: crescita subito, la tregua sui mercati durerà poco ENRICO MARRO «Il bonus del decreto Irpef deve essere permanente, altrimenti non è credibile»: in un'intervista al Corriere il ministro Padoan auspica maggior propensione a spendere e a investire per favorire subito la crescita. ALLE PAGINE 2 E 3 E ALLE PAGINE 5, 6 E 7 ROMA - «C'è una ripresa dell'economia che è ancora debole ma che si sta pian piano rafforzando. Dare uno stimolo alle famiglie a reddito medio-basso può avere un effetto immediato, che sarà tanto più forte quanto migliori saranno le aspettative - dice il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan -. Se la fiducia si rafforzerà, allora ci sarà più propensione a spendere piuttosto che a risparmiare. Mi aspetto quindi che sia dal lato delle famiglie che delle imprese, che avranno un taglio dell'irap del 10%, ci sia una maggiore propensione a spendere e a investire. E quindi una maggiore crescita dell'economia». Il prodotto interno lordo crescerà nel 2014 più dello 0,8%? «Credo proprio di sì, anche se non si può stimare di quanto. Il decreto che abbiamo approvato è una componente della strategia di riforme, comprese quelle istituzionali. Penso ci siano le condizioni per un salto di qualità. L'Italia finora ha sofferto di una percezione di qualità mediamente peggiore di quella di altri Paesi. C'è un enorme problema di fiducia nell'italia. Per questo dobbiamo innanzitutto fare le cose seriamente: riforme strutturali, coperture che garantiscano l'equilibrio finanziario. Fatto questo si può andare in Europa e dire: cerchiamo di essere ragionevoli e avere regole più attente alla crescita e all'occupazione. E questo non lo chiede l'italia come scusa per una scarsa disciplina finanziaria, ma lo richiedono i fatti e la gente. Veniamo da una recessione cominciata sette anni fa e abbiamo più del 12% di disoccupati. Queste sono le nostre priorità. E dobbiamo fare presto». Perché? «Perché lo stato favorevole dei mercati finanziari non durerà in eterno, il ciclo finanziario va verso una fase più restrittiva. I tassi in America riprenderanno a salire e questo ci arriverà addosso. Non abbiamo moltissimo tempo, dobbiamo sfruttare questa finestra di opportunità per fare le riforme e rilanciare l'economia». Quanto sarebbe costato dare il bonus anche agli «incapienti», quelli con redditi sotto gli 8 mila euro lordi l'anno? «Almeno un miliardo in più. Ora abbiamo dato una risposta all'obiettivo immediato del presidente del Consiglio di dare 80 euro in più al mese a una fascia di lavoratori dipendenti con redditi medio-bassi, che noi stimiamo di 10 milioni di persone, che nella recessione hanno subito la decurtazione più forte del potere d'acquisto. Per gli incapienti si interverrà probabilmente con la legge di Stabilità per il 2015, anno in cui ci attendiamo dalla spending review risorse sufficienti non solo per rendere strutturale il bonus 2014, ma anche per intervenire a favore dei redditi fino a 8 mila euro». Nel 2015 interverrete anche a favore dei pensionati, considerando che quasi la metà prende meno di mille euro al mese? Renzi ha recentemente promesso che nel 2015 provvederà. Conferma? «Confermo innanzitutto che il bonus contenuto nel decreto deve essere permanente, perché se non è permanente non è credibile e non viene speso. Ovviamente cercheremo di allargare il più possibile la platea, compatibilmente con le risorse. E quindi guarderemo anche ai pensionati a basso reddito». Ministro, lei non conosceva Renzi prima di entrare nel governo. Che cosa la colpisce di più del premier? «Sicuramente la grande energia, ma anche la capacità di avere il polso del Paese e di leggere, al di là delle convenzioni, come si può dare più fiducia alla gente. Ha un approccio di estrema concretezza». Discussioni, escludendo il calcio? «Più che discussioni, un gioco delle parti. Da una parte la sua grande propensione a trovare soldi per risolvere i problemi della gente e dall'altra la necessità, propria del ministro dell'economia, di richiamare tutti 25

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Rassegna del 20/04/2015

Rassegna del 20/04/2015 Rassegna del 20/04/2015 LAVORO 20/04/2015 Corriere della Sera Voucher più facili per pagare le colf - Voucher fino a 7 mila euro per pagare colf e badanti 20/04/2015 Corriere della Sera Economia 20/04/2015

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO E L'ECONOMIA (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL LIBERISMO ECONOMICO 1. La legge di Say Il francese Say, sostenendo che è l'offerta a condizionare la Domanda, ritiene

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli