AREA SERVIZI ALLA FAMIGLIA E ALLA PERSONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA SERVIZI ALLA FAMIGLIA E ALLA PERSONA"

Transcript

1 AREA SERVIZI ALLA FAMIGLIA E ALLA PERSONA 463

2 464

3 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE del CENTRO DI RESPONSABILITA CENTRO DI COSTO Funzioni nel settore sociale Asili nido, servizi per l infanzia e per i minori Servizi alla famiglia e alla persona 465

4 466

5 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Attività ordinaria Descrizione del servizio erogato: Il supporto alla prima infanzia viene reso in primo luogo tramite il nido d'infanzia comunale, che è un servizio educativo e sociale aperto a tutti i bambini e le bambine tra i tre mesi e i tre anni e concorre, con la famiglia, alla loro crescita, formazione e benessere psicofisico. Obiettivo prioritario del nido d'infanzia è garantire il diritto all'educazione nel rispetto dell'identità individuale, culturale e religiosa di ciascun bambino. Il nido è un luogo per crescere e quindi la sua struttura, il suo funzionamento, i suoi orari sono pensati, scelti e organizzati sui bisogni dei bambini, sui loro ritmi e tempi di crescita. Sono in atto convenzioni con nidi privati e accreditamenti che consentono l'erogazione del servizio asilo nido alle medesime condizioni dei nidi comunali. Presso tali strutture è possibile utilizzare voucher. Si sono inoltre consolidate azioni quali i contributi per le mamme nel periodo di astensione facoltativa dal lavoro per maternità, erogazione di voucher per baby-sitter, servizi di "tempi per le famiglie", progressivo accreditamento dei servizi per la Prima Infanzia previsti dalla normativa regionale. Misuratori di attività ordinaria Descrizione Consuntivo Previsione Previsione N. posti disponibili lattanti in asili nido comunali N. posti disponibili divezzi in asili nido comunali (a) N. posti disponibili divezzi in asili nido comunali gestiti da cooperative 4 N. posti disponibili divezzi in micronidi presso materne private N.posti acquistabili presso asili nido accreditati N.D N.D 83 6 N. posti nidi aziendali (con convenzioni o accordi) N. Centri Infanzia N. Centri "Tempo per le famiglie" N. assegni alle neo mamme lavoratrici che usufruiscono dell'aspettativa facoltativa 10 Giorni di apertura (b) Note indicatori: (a) Di cui 18 posti da riconoscere al Centro Infanzia Formica. (b) Si precisa che poichè solo l'asilo nido Pollicino rimane aperto per i primi giorni di agosto, il mese di agosto non è stato conteggiato nell'indicatore giorni di apertura. 467

6 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Obiettivi gestionali OBIETTIVO N. 01 Ampliamento e miglioramento dell offerta del servizio nei nidi comunali in applicazione della nuova normativa regionale Finalità dell obiettivo Ampliare e migliorare l offerta dei nidi comunali senza costi aggiuntivi per il Comune, proseguendo nel 2011 l applicazione della nuova normativa regionale (a completamento delle azioni già intraprese nel corso degli anni 2009/2010), mediante la sperimentazione di un nuovo modello organizzativo con ricadute efficaci ed efficienti sul piano gestionale e pedagogico-educativo. Azioni previste Costituzione di un gruppo di studio con la partecipazione di una rappresentante delle educatrici di ogni nido comunale per la condivisione e/o integrazione del documento organizzativo pedagogico proposto che tenga conto dei bisogni di sviluppo e di crescita dei bambini mediante la valorizzazione o la costituzione di gruppi misti (divezzi e semidivezzi), sia per ottimizzare la qualità del servizio offerto, sia per facilitare le relazioni tra educatrici e bambini diversi all interno dello stesso nido 2 Introduzione del nuovo modello organizzativo, inclusa la sperimentazione delle educatrici supplenti a tempo determinato cosiddette territoriali, al fine di migliorare e garantire il più possibile la continuità educativodidattica in caso di assenza delle educatrici di ruolo 3 Verifica intermedia della realizzazione delle nuove modalità organizzative sul piano pedagogico e gestionale a partire dalla composizione di gruppi misti 4 Verifica complessiva dell'efficienza e dell efficacia di tutte le soluzioni adottate nel triennio 2009/2011, inclusa l applicazione delle azioni previste per il 2011 Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 07/01/ /01/ /01/ /06/ /03/ /04/ /10/ /12/2011 Indicatori Valore previsto 1 Incremento del numero dei bambini accolti nei nidi con lo stesso numero di educatori e, quindi, a parità di costo 48 2 Minore numero di ore di supplenze giornaliere per sostituzione di personale di ruolo rispetto al

7 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 OBIETTIVO N. 02 Implementazione e consolidamento di un sistema integrato dell offerta di servizi per la prima infanzia di qualità alla luce della nuova normativa regionale Finalità dell obiettivo: Implementare il nuovo sistema di offerta di servizi privati per la prima infanzia, alla luce delle indicazioni della delibera regionale n. VIII/ del 3/2/2010, della determinazione del fabbisogno e quantificazione dei posti da acquistare del piano triennale nidi approvato il 30/6/2010, nonchè degli indirizzi contenuti nella deliberazione della Giunta comunale n. 717 del 3/9/2010. Azioni previste Verifica dell andamento dei protocolli d intesa stipulati con 9 nidi privati accreditati per l acquisto di 83 posti per l anno scolastico 2010/ Rendicontazione alla Regione delle spese sostenute dal Comune per l acquisto dei posti finalizzata all introito del contributo regionale destinato 3 Informazione e coinvolgimento di 14 gestori di nidi privati accreditati con acquisizione degli elementi necessari alla stipula di nuovi protocolli d intesa 4 Confronto con i gestori dei nidi privati relativamente alla prassi più efficace da adottare per uniformare l accesso delle famiglie al servizio di asilo nido, inteso come rete territoriale, secondo le indicazioni regionali Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 31/01/ /03/ /01/ /06/ /01/ /01/ /01/ /02/2011 Indicatori Valore previsto 1 N. posti acquisiti da nidi privati

8 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 OBIETTIVO N. 03 Verifica della presenza dei requisiti di accreditamento nei nidi comunali Finalità dell obiettivo: Costruire e/o consolidare l identità dei nidi comunali riconoscendo anche in essi i requisiti previsti nella scheda di accreditamento vigente. Azioni previste Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 1 Presentazione della scheda nel collegio degli operatori di ogni nido comunale 31/01/ /02/ Individuazione da parte degli operatori dei requisiti di accreditamento esistenti nei nidi 31/01/ /04/ Assegnazione del punteggio previsto nella scheda con il supporto della direzione del servizio 31/01/ /05/2011 Prima infanzia 4 Rilevazione delle criticità, valorizzazione dei punti di eccellenza, individuazione delle soluzioni organizzative e pianificazione degli interventi formativi a sostegno della qualità 31/01/ /09/2011 Indicatore Valore previsto 1 N. nidi verificati

9 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 OBIETTIVO N. 04 Customer satisfaction on line Finalità dell obiettivo: Valutare e migliorare la qualità del servizio asili nido per renderlo sempre più aderente alle necessità delle famiglie ed ai bisogni educativi e formativi dei bambini, agevolando la comunicazione con le famiglie attraverso la somministrazione online di questionari di customer satisfaction. L obiettivo sarà realizzato in collaborazione con il centro di costo Internet e intranet. Azioni previste Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 1 Analisi della procedura con il servizio Internet intranet 24/01/ /01/ Revisione del questionario di customer satisfaction per agevolare l utente nell esprimere la 31/01/ /03/2011 qualità attesa e la qualità percepita rispetto al servizio asilo nido 3 Test dell applicativo da parte del servizio Internet intranet 21/02/ /02/ Raccolta e analisi dei dati 1/03/ /06/ Restituzione delle informazioni acquisite 1/09/ /09/2011 Indicatore Valore previsto 1 N. questionari somministrati online

10 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Risorse assegnate Risorse strumentali (Situazione Patrimoniale delle immobilizzazioni materiali desunta dagli inventari al 31/12/2009) Tipologia Consistenza Edifici, anche demaniali ,28 Macchinari, apparecchi, attrezzature, impianti e altri ,25 beni mobili Automezzi, mezzi di movimentazione, motoveicoli ,27 Sistemi informatici e altri beni 2.434,40 TOTALE ,20 Risorse Umane Personale Previsione per l anno 2011 Nr. Personale di ruolo a tempo pieno di cui: 103 B1 4 B2 7 B3 10 B4 1 B5 4 B3 (ex 5 q.f.) 2 B4 (ex 5 q.f.) 1 B5 (ex 5 q.f.) 7 C2 5 C3 9 C4 29 C5 18 D3 2 D4 1 D5 2 Dirigente 1 472

11 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Personale Previsione per l anno 2011 Nr. Personale di ruolo a tempo parziale di cui: 54 B1 1 B3 1 B5 (ex 5 q.f.) 1 C1 21 C3 8 C2 5 C4 12 C5 4 D5 1 Totale 157 Costo del personale di ruolo ,00 Costo del personale a tempo determinato ,00 Costo del personale supplente ,00 Totale ,00 (Gli importi sono comprensivi di IRAP) Prestazioni straordinarie Nr. Oggetto Motivazione Ore assegnate 1 Riunioni delle coordinatrici e del responsabile amministrativo e lavori urgenti da espletarsi anche al di fuori dell'orario di lavoro Le riunioni sono spesso organizzate al di fuori dell'orario di lavoro. Necessità straordinarie degli ausiliari e dei cuochi negli asili nido 150 Totale

12 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Piano esecutivo di gestione Esercizio Finanziario 2011 Parte ENTRATA SETTORE Servizi sociali Responsabile: Dott. Raffaele Bonora CENTRO DI RESPONSABILITA Prima infanzia Previsioni di Competenza Codice Denominazione Centro Gestore TOTALE TITOLO II ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE Categoria 2 02 Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione Risorsa Contributo per interventi socio assistenziali L.R. n. 1/1986 Capitolo CONTRIBUTO REGIONALE PER ASILI NIDO prima infanzia , , , ,00 Totale Risorsa , , , ,00 Totale Categoria , , , ,00 Totale Titolo II Entrate derivanti da contributi e trasferimenti , , , ,00 correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate dalla regione TITOLO III ENTRATE EXTRATRIBUTARIE Categoria 3 01 Proventi dei servizi pubblici Risorsa Proventi servizio asili nido Capitolo PROVENTI SERVIZIO ASILI NIDO prima infanzia , , , ,00 Totale Risorsa , , , ,00 Totale Categoria , , , ,00 Totale Titolo III Entrate extratributarie , , , ,00 TOTALE GENERALE PARTE ENTRATE , , , ,00 474

13 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Piano esecutivo di gestione Esercizio Finanziario 2011 Parte SPESA SETTORE Servizi sociali Responsabile: Dott. Raffaele Bonora CENTRO DI RESPONSABILITA Prima infanzia Previsioni di Competenza Codice Denominazione Centro Gestore TOTALE TITOLO I SPESE CORRENTI Funzione 10 Funzioni nel settore sociale Servizio Asili nido, servizi per l'infanzia e per i minori Intervento Personale Capitolo RETRIBUZIONI LORDE E ONERI RIFLESSI personale , , , ,00 Totale Intervento , , , ,00 Intervento Acquisto di beni di consumo e/o di materie prime Capitolo BENI DI CONSUMO, MOBILI, MACCHINE ED prima infanzia , , , ,00 ATTREZZATURE NON AMMORTIZZABILI Totale Intervento , , , ,00 Intervento Prestazioni di servizi Capitolo MANUTENZIONE E RIPARAZIONE IMMOBILI edilizia scolastica e , , , ,00 sociale Capitolo MANUTENZIONE E RIPARAZIONE MOBILI provveditorato 7.000, , , ,00 Capitolo ENERGIA ELETTRICA, ACQUA, GAS, SPESE provveditorato , , , ,00 TELEFONICHE Capitolo CALORE provveditorato , , , ,00 Capitolo PULIZIA provveditorato , , , ,00 Capitolo ALTRE SPESE ECONOMALI (ASSICURAZIONI provveditorato , , , ,00 AUTOMEZZI, VIGILANZA, FACCHINAGGI, TRASLOCHI ECC.) Capitolo MISSIONI personale 1.500, , , ,00 Capitolo ALTRE PRESTAZIONI DI SERVIZI prima infanzia , , , ,00 Capitolo INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO INDIVIDUALE prima infanzia 4.500, , , ,00 Capitolo SPESE DI GESTIONE ASILO NIDO POLLICINO prima infanzia , , , ,00 Totale Intervento , , , ,00 Intervento Trasferimenti Capitolo CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, QUOTE ASSOCIATIVE E prima infanzia , , , ,00 TRASFERIMENTI VARI Totale Intervento , , , ,00 Intervento Imposte e tasse Capitolo IMPOSTE E TASSE prima infanzia 255,00 255,00 255,00 765,00 Totale Intervento ,00 255,00 255,00 765,00 Totale Servizio , , , ,00 Totale Funzione , , , ,00 Totale Titolo I Spese Correnti , , , ,00 TITOLO II SPESE IN CONTO CAPITALE Funzione 10 Funzioni nel settore sociale Servizio Asili nido, servizi per l'infanzia e per i minori 475

14 CENTRO DI COSTO Prima infanzia 3401 Piano esecutivo di gestione Esercizio Finanziario 2011 Parte SPESA SETTORE Servizi sociali Responsabile: Dott. Raffaele Bonora CENTRO DI RESPONSABILITA Prima infanzia Codice Denominazione Centro Gestore Previsioni di Competenza Intervento Acquisizione di beni immobili Capitolo MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICI ASILI edilizia scolastica e , , , ,00 NIDO. sociale Capitolo ADEGUAMENTI AI PIANI DI VALUTAZIONE RISCHI edilizia scolastica e , , , ,00 EDIFICI ASILI NIDO. sociale Capitolo ADEGUAMENTO STRUTTURALE ASILI NIDO edilizia scolastica e , ,00 "CUCCIOLO", "MONDO DEL COLORE", "SOLE", sociale "SCOIATTOLO". Capitolo ADEGUAMENTO IMPIANTI TECNOLOGICI ASILI NIDO edilizia scolastica e , , , ,00 sociale Totale Intervento , , , ,00 Intervento Acquisizioni di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche Capitolo ACQUISTO ARREDI ED ATTREZZATURE VARIE PER IL provveditorato , ,00 REINTEGRO DOTAZIONE ASILI NIDO Capitolo ACQUISTO ATTREZZATURE LUDICHE PER AREE manutenzione spazi , ,00 ESTERNE DEGLI ASILI NIDO aperti Capitolo ACQUISTO ARREDI ED ATTREZZATURE PER CENTRO provveditorato , ,00 INFANZIA E SERVIZIO "TEMPO PER LE FAMIGLIE" DISLOCATI PRESSO LA EX SEDE DELLA R.S.A. ARICI SEGA (VIA FIORENTINI). Totale Intervento , , ,00 Intervento Incarichi professionali esterni Capitolo INCARICHI PROFESSIONALI ESTERNI PER edilizia scolastica e , ,00 REALIZZAZIONE INTERVENTI PRESSO ASILI NIDO. sociale Totale Intervento , ,00 Intervento Trasferimenti di capitale Capitolo TRASFERIMENTO DI CAPITALE CON CONTRIBUTO A prima infanzia , , , ,00 FONDO PERDUTO A SOGGETTI TERZI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI ASILI NIDO CONVENZIONATI. Totale Intervento , , , ,00 Totale Servizio , , , ,00 Totale Funzione , , , ,00 Totale Titolo II Spese in Conto Capitale , , , ,00 TOTALE GENERALE PARTE SPESE , , , ,00 TOTALE 476

15 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE del CENTRO DI RESPONSABILITA CENTRO DI COSTO Funzioni nel settore sociale Asili nido, servizi per l infanzia e per i minori Servizi alla famiglia e alla persona 477

16 478

17 CENTRO DI COSTO Minori 3402 Attività ordinaria Descrizione del servizio erogato: Il centro di costo opera a sostegno dei nuclei familiari in situazione di disagio temporaneo, attraverso l'elaborazione di un progetto psicosociale d'intervento. Gli strumenti a sostegno del lavoro sociale sono costituiti, oltre che dai servizi rivolti ai ragazzi presenti in città, anche dagli incontri di sostegno con figure professionali specialistiche (psicologi, educatori, mediatori culturali) e dall'attivazione delle risorse informali del territorio. La finalità del servizio è la prevenzione delle situazioni di grave pregiudizio per i bambini ed i ragazzi che può spingersi fino alla segnalazione alla Magistratura, qualora le risorse genitoriali siano insufficienti a garantirne la tutela. Al centro di costo fanno capo: i centri di aggregazione giovanile, che offrono e promuovono esperienze di socializzazione attraverso il coinvolgimento dei minori in attività ed iniziative corrispondenti ai loro interessi. Inoltre rispondono ai bisogni di educazione, di informazione e di orientamento, di accoglienza e di ascolto, di sostegno e di accompagnamento; i centri di pronto intervento per minori, vere e proprie strutture di emergenza in grado di assicurare, per limitati periodi di tempo, le funzioni di accoglienza e di soddisfacimento dei bisogni primari; le comunità educative per minori, ambienti di vita e di residenza con la funzione di consolidare le relazioni ed attuare progetti educativi personalizzati. Vi si ricorre quando non sono possibili la permanenza del minore nel proprio nucleo familiare o altre forme di intervento, come l'affido familiare. Accanto a queste strutture specifiche, per far fronte al disagio minorile, vengono svolti ulteriori interventi, quali: l'assistenza domiciliare educativa, che è costituita dal complesso di prestazioni di natura socio-educativa finalizzate alla socializzazione ed all'attivazione di risorse individuali e familiari; il tirocinio lavorativo per minori. Misuratori di attività ordinaria Descrizione 1 N. minori assistiti a domicilio (portatori di handicap compresi) 2 N. ore dedicate all'assistenza dei minori a domicilio (OSA ed educatori) Consuntivo 2009 Previsione 2010 Previsione

18 CENTRO DI COSTO Minori 3402 OBIETTIVO N. 01 Utilizzo del villaggio di via Orzinuovi 108( terza annualità) Obiettivi gestionali Finalità dell obiettivo: Avviare il centro di pronto intervento per minori sottoposti a provvedimenti dell autorità giudiziaria e minori in condizioni di disagio sociale, nell ambito delle attività di accoglienza per diverse tipologie di bisogno offerta presso la struttura di via Orzinuovi 108. Azioni previste Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 1 Definizione degli accordi con Ministero di Grazia e Giustizia e altri soggetti istituzionali, preliminare 01/01/ /05/2011 all avvio del servizio 2 Avvio delle procedure per la concessione di utilizzo delle strutture 01/06/ /06/ Affidamento al soggetto individuato per la gestione del pronto intervento per minori 01/06/ /07/ Avvio delle accoglienze per minori del centro pronto intervento 01/08/ /09/ Verifica del servizio in accordo con il soggetto incaricato del monitoraggio degli inserimenti 02/01/ /12/2011 Indicatori Valore previsto 1 N. minori inseriti nel centro di pronto intervento 8 481

19 CENTRO DI COSTO Minori 3402 OBIETTIVO N. 02 Gestione delle famiglie del CEA (centro emergenza abitativa) di via Borgosatollo Finalità dell obiettivo Ridurre l illegalità e l emarginazione delle famiglie potenziando gli interventi educativi individualizzati. Si intende sostenere, in particolare, la socializzazione e l integrazione di minori e sperimentare modalità di convivenza tra persone anziane. L obiettivo sarà realizzato in collaborazione con i centri di costo Integrazione e cittadinanza e Polizia municipale. Azioni previste Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 1 Individuazione e recinzione dell area di competenza dei Sinti 2/01/ /01/ Potenziamento dei progetti individualizzati a favore delle famiglie residenti con esplicitazione dei 31/01/ /12/2011 supporti offerti e degli impegni richiesti agli adulti 3 Accordo per la formulazione delle diffide e degli allontanamenti per le famiglie inadempienti 31/01/ /12/ Sperimentazione di modalità di convivenza tra persone anziane 31/01/ /12/ Inserimento graduale delle famiglie Sinti nelle casette libere 1/02/ /12/2011 Indicatori Realizzazione delle azioni nei tempi previsti 482

20 CENTRO DI COSTO Minori 3402 OBIETTIVO N. 03 Potenziamento utilizzo affido familiare per minori Finalità dell obiettivo: Potenziare l utilizzo di percorsi alternativi, in particolare l affido familiare e le accoglienze in strutture diverse dalla comunità, per i minori di 18 anni privi di nucleo familiare oppure che devono essere allontanati dal nucleo familiare, che trovano accoglienza, per la maggior parte dei casi, in comunità alloggio. Azioni previste Termine di inizio dell azione Termine di conclusione dell azione 1 Rilevazione andamento delle accoglienze in comunità e negli affidi nelle altre strutture negli ultimi 5 anni 02/01/ /02/ Acquisizione di informazioni in merito alla situazione di accoglienza di minori in altri comuni della 28/02/ /03/2011 Lombardia. 3 Valutazione in ordine alle informazioni raccolte, anche in collaborazione con le associazioni in materia di 30/03/ /06/2011 affido. 4 Individuazione di eventuali nuove modalità operative 30/04/ /06/ Partecipazione ad un tavolo permanente con la Provincia in materia di affidi 28/02/ /12/2011 Indicatori Valore previsto 1 Incremento del numero di minori in affido familiare rispetto all anno precedente 5 2 Incremento del numero di minori accolti in strutture alternative alla comunità rispetto all anno precedente 5 483

21 CENTRO DI COSTO Minori 3402 Risorse assegnate Risorse strumentali (Situazione Patrimoniale delle immobilizzazioni materiali desunta dagli inventari al 31/12/2009) Tipologia Consistenza Edifici, anche demaniali ,09 Macchinari, apparecchi, attrezzature, impianti e altri 7.946,15 beni mobili Automezzi, mezzi di movimentazione, motoveicoli 605,86 TOTALE ,10 Risorse Umane Personale Previsione per l anno 2011 Nr. Personale di ruolo a tempo pieno di cui: 16 B3 (ex 5 q.f.) 2 C5 1 D1 5 D2 2 D3 1 D4 1 D5 3 D6 (ex 8 q.f.pos.org) 1 Personale di ruolo a tempo parziale di cui: 10 C5 1 D2 1 D3 3 D4 4 D5 1 Totale

22 CENTRO DI COSTO Minori 3402 Costo del personale di ruolo ,00 Costo del personale a tempo determinato ,00 Totale ,00 (Gli importi sono comprensivi di IRAP) Prestazioni straordinarie Nr. Oggetto Motivazione Ore assegnate 1 Interventi per situazioni di emergenza La necessità di far fronte ad interventi di emergenza diventa sempre più forte nell'ambito delle situazioni minorili con impegni extra-orario, a volte anche notturni 2 Partecipazione a riunioni con soggetti esterni Il servizio Minori ha contatti con diversi soggetti, ASL, Tribunale dei Minori, Cooperative, enti gestori e non sempre gli incontri sono programmabili all'interno dell'orario di lavoro Totale

23 CENTRO DI COSTO Minori 3402 Piano esecutivo di gestione Esercizio Finanziario 2011 Parte ENTRATA SETTORE Servizi sociali Responsabile: Dott. Raffaele Bonora CENTRO DI RESPONSABILITA Minori Previsioni di Competenza Codice Denominazione Centro Gestore TOTALE TITOLO II ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE Categoria 2 01 Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato Risorsa Contributi dello Stato per causali diverse Capitolo CONTRIBUTO DALLO STATO PER minori , ,00 ACCOGLIENZA MINORI STRANIERI Totale Risorsa , ,00 Totale Categoria , ,00 Categoria 2 02 Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione Risorsa Contributo per interventi socio assistenziali L.R. n. 1/1986 Capitolo CONTRIBUTO REGIONALE PER MINORI (LEGGE minori , , , ,00 REGIONALE 1/1986) Totale Risorsa , , , ,00 Totale Categoria , , , ,00 Categoria 2 05 Contributi e trasferimenti correnti da altri enti del settore pubblico Risorsa Contributi e trasferimenti da Aziende sanitarie e ospedaliere Capitolo CONTRIBUTI ASL PER PROGETTI FINANZIATI minori , , , ,00 DA LEGGI DI SETTORE Totale Risorsa , , , ,00 Totale Categoria , , , ,00 Totale Titolo II Entrate derivanti da contributi e trasferimenti , , , ,00 correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate dalla regione TOTALE GENERALE PARTE ENTRATE , , , ,00 486

24 CENTRO DI COSTO Minori 3402 Piano esecutivo di gestione Esercizio Finanziario 2011 Parte SPESA SETTORE Servizi sociali Responsabile: Dott. Raffaele Bonora CENTRO DI RESPONSABILITA Minori Previsioni di Competenza Codice Denominazione Centro Gestore TOTALE TITOLO I SPESE CORRENTI Funzione 10 Funzioni nel settore sociale Servizio Asili nido, servizi per l'infanzia e per i minori Intervento Personale Capitolo RETRIBUZIONI LORDE E ONERI RIFLESSI personale , , , ,00 Totale Intervento , , , ,00 Intervento Prestazioni di servizi Capitolo MISSIONI personale 4.000, , , ,00 Capitolo SERVIZI RESIDENZIALI PER MINORI minori , , , ,00 Capitolo C.A.G. E SEMIRESIDENZIALI minori , , , ,00 Capitolo INTERVENTI DIVERSI PER MINORI IN DIFFICOLTA minori , , , ,00 Capitolo INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO INDIVIDUALE minori 2.154, , , ,00 Totale Intervento , , , ,00 Intervento Trasferimenti Capitolo CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, QUOTE ASSOCIATIVE E minori , , , ,00 TRASFERIMENTI VARI Capitolo TRASFERIMENTO COMUNE COLLEBEATO FONDO minori , , , ,00 SOLIDARIETA' SOCIALE Totale Intervento , , , ,00 Intervento Imposte e tasse Capitolo IRAP personale , , , ,00 Totale Intervento , , , ,00 Totale Servizio , , , ,00 Totale Funzione , , , ,00 Totale Titolo I Spese Correnti , , , ,00 TITOLO II SPESE IN CONTO CAPITALE Funzione 10 Funzioni nel settore sociale Servizio Asili nido, servizi per l'infanzia e per i minori Intervento Acquisizioni di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche Capitolo ACQUISTO ATTREZZATURE E BENI MOBILI PER , ,00 CENTRI DI AGGREGAZIONE E SERVIZIO MINORI provveditorato Totale Intervento , ,00 Totale Servizio , ,00 Totale Funzione , ,00 Totale Titolo II Spese in Conto Capitale 8.000, ,00 TOTALE GENERALE PARTE SPESE , , , ,00 487

1 1 1 ANZIANI ANZIANI

1 1 1 ANZIANI ANZIANI 111 Le politiche dell Amministrazione comunale rivolte alla popolazione anziana, tanto quelle orientate alla prevenzione e alla tutela della salute quanto il complesso di interventi di sostegno alle famiglie

Dettagli

PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO

PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 30.5.2012 N. 101/91267 P.G. COMUNE DI BRESCIA PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO PARTE PRIMA 1. PRINCIPI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Piano esecutivo di gestion

Piano esecutivo di gestion Firma: Comune di San Martino Buon BILANCIO DI PREVISIONE 2003 Piano esecutivo di gestion P.E.G. Servizio: UFFICIO SERVIZI SOCIALI RESPONSABILE: DR. CARLO BA 1 ANALISI DEL SERVIZIO - ATTIVITA E OBIETTIVI

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

Allegato alla deliberazione G. C. n. 74 del 24/3/2005

Allegato alla deliberazione G. C. n. 74 del 24/3/2005 Allegato alla deliberazione G. C. n. 74 del 24/3/2005 DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO E LA CONVENZIONE DI ASILI NIDO E BABY PARKING PRIVATI AUTORIZZATI AI FINI DELLA RISERVA DEI POSTI E LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI MILANO PIANO DI ZONA: IL PIANO REGOLATORE DEI SERVIZI SOCIALI Il Piano di Zona è lo strumento fondamentale attraverso cui i Comuni, in collaborazione con tutti i soggetti attivi sul territorio,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZI SOCIALI I Servizi Sociali del comune di Pontoglio riuniscono una serie articolata di servizi ed interventi, coordinati tra loro, rivolti ai cittadini residenti, di ogni età, con particolare riferimento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

Esperienze di Solidarietà in Provincia di Monza

Esperienze di Solidarietà in Provincia di Monza Scheda progetto Esperienze di Solidarietà in Provincia di Monza Il progetto riunisce nove comuni aderenti ai Distretti socio sanitari della Provincia di Monza e Brianza. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Repubblica Italiana ~~~~~~~~~~~~ Oggetto: Accesso agevolato ai servizi sociali Criteri unificati di valutazione economica (ISEE).

Repubblica Italiana ~~~~~~~~~~~~ Oggetto: Accesso agevolato ai servizi sociali Criteri unificati di valutazione economica (ISEE). D.A. n. 867/S7 Repubblica Italiana Regione Siciliana ~~~~~~~~~~~~ Oggetto: Accesso agevolato ai servizi sociali Criteri unificati di valutazione economica (ISEE). L ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI - Visto

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA C PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Tel. 079/679974 079/679949-9985 Fax 079/679949 I V I T A S T E M P L I BANDO DI SELEZIONE MAMMA ACCOGLINTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4 1. NIDO D INFANZIA 1 1.1. L attività 1 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1 1.3. Il personale 4 1.4. Autorizzazione al funzionamento ed accreditamento 5 2. SERVIZI INTEGRATIVI 6

Dettagli

Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012

Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012 1 Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012 1. PREMESSA I dati di seguito riportati sono stati elaborati traendo i relativi

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI

CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con Delibera dell Assemblea dei soci della Società della Salute di Firenze n.10 del 30/12/2014) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.. 1 - Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 - Finalità degli

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine. Standard relativi ai

ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine. Standard relativi ai giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine Standard relativi ai requisiti di autorizzazione all esercizio e accreditamento

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

Comunità Alloggio Minori - WALDEN

Comunità Alloggio Minori - WALDEN Che cos'è la carta dei servizi? 1 di 10 La Carta dei Servizi è il principale strumento di un'organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI E RELATIVE DECLARATORIE. Allegato A

PROFILI PROFESSIONALI E RELATIVE DECLARATORIE. Allegato A PROFILI PROFESSIONALI E RELATIVE DECLARATORIE Allegato A CATEGORIA A PROFILI PROFESSIONALI 1. Ausiliario Socio-Scolastico 2. Commesso Operatore 3. Operaio Qualificato DECLARATORIE Appartengono a questa

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 Cartella stampa Indice Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2 C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 C.S.A. Cooperativa Servizi Ambiente...Pag. 6 C.S.A. Cooperativa Sant Anselmo...Pag. 7 Le

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Provincia di Cagliari

Provincia di Cagliari Approvato Delib.C.P. n.34 del 4/06/2007 Provincia di Cagliari Regolamento Nidi Provinciale ART.1 PRINCIPI Il presente Regolamento disciplina il funzionamento dei Nidi pedagogici gestiti dalla Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO PER SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO PER SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Comunità Montana Peligna REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO PER SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Art. 1 Definizione Il Centro Diurno socio-educativo si configura quale servizio

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Settore Servizi Sociali

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Settore Servizi Sociali COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Settore Servizi Sociali DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 80 DEL 07.05.2015 CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA EX SCUOLA ELEMENTARE IN LOCALITA BIVIO TRIESTINA

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI INDICE Art. 1: OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 Art. 2: INTERVENTI E PRESTAZIONI... 3 Art. 3: AMBITO DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA...

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Famiglia e solidarietà sociale

Famiglia e solidarietà sociale 20 21 Famiglia e solidarietà sociale e dei prezzi in vigore. Le RSA sono diffuse su tutto il territorio regionale. Sul sito www.famiglia.regione.lombardia.it si può accedere a un area nella quale vengono

Dettagli

COMUNE DI CANNARA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI

COMUNE DI CANNARA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI COMUNE DI CANNARA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 - PRINCIPI GENERALI - ACCESSO AI SERVIZI SOCIO

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli