LE VERIFICHE FISCALI - XI PARTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE VERIFICHE FISCALI - XI PARTE"

Transcript

1 LE VERIFICHE FISCALI - XI PARTE danilo sciuto in Giurisprudenza tributaria Premessa Quando una contabilità regolare non salva il contribuente dalle verifiche fiscali. Ovvero: cosa può fare il Fisco se abbiamo la contabilità a posto. E questo il tema di fondo a cui è dedicata questa rassegna giurisprudenziale. Lo spirito - guida di questo indirizzo giurisprudenziale è evidente: posto che lo scopo della contabilità è quello di dare una rappresentazione veritiera e corretta dell aspetto economico, patrimoniale e finanziario dell azienda, quando essa, pur essendo formalmente regolare, rappresenta una realtà che contrasta con le regole fondamentali della ragionevolezza, allora è legittimo ritenere che tale realtà sia fittizia, e dunque del tutto inattendibile la contabilità che la raffigura, e ciò dà fondamento all accertamento (del tipo analitico-induttivo) emesso dal Fisco. Sospetta la mancanza di acquisti di materie prime tipiche È pienamente legittimo l accertamento del reddito d impresa con cui l ufficio accerti l esistenza di poste attive non contabilizzate e, da questa ricostruzione analitica dell attività d impresa, deduca sinteticamente il reddito. In tal caso, può dirsi che l accertamento rimane analitico, mentre il reddito è dedotto induttivamente soltanto nel metodo (nel caso di specie, relativo ad un barpasticceria, l Amministrazione aveva riscontrato incongruenze nella contabilità formalmente regolare, quali il mancato acquisto di prodotti necessari, la mancata movimentazione di prodotti tipici, ne aveva dedotto analiticamente le poste omesse e, quindi, determinato induttivamente il reddito). (Commissione Tributaria Regionale di Venezia, Sentenza n. 59/XXXIV/2005) Anche gli appunti dell imprenditore fanno fede L ufficio può determinare il volume d affari, e quindi l imposta, esclusivamente sulla base di appunti personali dell imprenditore annotati su un quaderno, rinvenuto all interno dell impresa. Ciò anche se le scritture contabili sono regolari. Dee ritenersi dunque corretto l operato del Ministero delle finanze e sono da cassare le decisioni di primo e secondo grado. (Cassazione, Sentenza n. 2217/2006) Il comportamento antieconomico Il contribuente che tiene un comportamento contrario ai canoni dell economia, 1 di 6

2 senza dare nessuna spiegazione, può essere soggetto all accertamento presuntivo. E dunque da respingere il ricorso di una società le cui dichiarazioni Iva erano state rettificate dall ufficio. (Cassazione, Sentenza n /2005) Legittimi i controlli se i ricavi sono sproporzionati rispetto ai costi Quando la contabilità, pur essendo formalmente regolare, appare confliggere con le regole fondamentali della ragionevolezza, allora è legittimo ritenerla del tutto inattendibile e ciò dà fondamento all accertamento analitico-induttivo emesso dall ufficio finanziario. Avvalora il ricorso all accertamento analitico-induttivo, in presenza di una contabilità formalmente regolare, la ridotta esposizione dei ricavi rispetto ai costi, tale da rendere antieconomica la gestione. (Cassazione, Sentenza n /2005) Condizioni essenziali per la legittimità dell accertamento Posto che il ricorso all accertamento induttivo è consentito solo nelle ipotesi previste dall art. 39, comma 2, del DPR n. 600/73, se si è in presenza di una contabilità formalmente regolare, tale accertamento è consentito solo se l ufficio fornisce la prova dell inattendibilità delle scritture contabili desunta da gravi, numerose e ripetute omissioni o da false ed inesatte indicazioni relative agli elementi indicati nella dichiarazione. In ogni caso, rettificare induttivamente il reddito in base alle presunzioni ex art c.c., non significa che tali presunzioni possano essere arbitrarie, imprecise e contraddittorie, poiché la determinazione induttiva del reddito non può mai tradursi in una libera quantificazione del reddito imponibile. (Commissione Tributaria Regionale della Puglia, Sentenza n. 26/2004) Il brogliaccio vale come prova della evasione Il ritrovamento da parte del Fisco di documenti che attestano una contabilità parallela a quella ufficiale è una presunzione semplice grave, precisa e concordante, che legittima l accertamento ex art. 39, DPR 600/1973. E quindi rilevante il brogliaccio rinvenuto dai militari della Gdf nella sede di una ditta individuale, dove erano annotate operazioni attestanti le retribuzioni di un collaboratore familiare. In particolare questo manoscritto riportava l annotazione di scritture extracontabili di natura bancaria che, comparate con la documentazione contabile ufficiale, dimostrava la presenza di una doppia contabilità tenuta allo scopo di non fare emergere gli importi corrisposti al collaboratore. (Commissione Tributaria Regionale del Lazio, Sentenza n. 133/2005) Varie elementi a disposizione del fisco L Amministrazione finanziaria può procedere a rettifica della dichiarazione dei 2 di 6

3 redditi d impresa del contribuente anche in presenza di una contabilità formalmente regolare, dimostrando, secondo il metodo analitico-induttivo, l inesattezza o incompletezza di una o più poste, avvalendosi degli stessi dati forniti dal contribuente, oppure di presunzioni semplici. La sostanziale inattendibilità dei dati relativi ai ricavi dichiarati può essere evidenziata attraverso la comparazione con dati extracontabili, o, comunque, con presunzioni semplici gravi, precise, concordanti, desunte da dati di comune esperienza, anche secondo regole di ragionevolezza. L accertamento è legittimo in presenza del comportamento del contribuente manifestatamente ed inspiegabilmente antieconomico, con conseguente spostamento dell onere della prova a carico di quest ultimo. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n. 793/2004) La contabilità parallela In sintonia con l orientamento giurisprudenziale che attribuisce rilevanza alle risultanze di una contabilità parallela rispetto a quella ufficialmente tenuta, la Corte di Cassazione giunge ad individuarvi i presupposti legittimanti, a prescindere dalla sussistenza di qualsivoglia altro elemento, il ricorso all accertamento induttivo-extracontabile, di cui all art. 39, secondo e terzo comma, del DPR n. 600/1973. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n /2003) Necessaria la prova della inattendibilità della contabilità L ufficio non può ricorrere all accertamento induttivo, ai sensi dell art. 39 del DPR n. 600/1973, nei confronti di un contribuente in regime di contabilità ordinaria, se mancano elementi e/o indizi rilevanti, precisi e concordanti circa la inattendibilità della contabilità. (Commissione Tributaria Provinciale di Avellino, Sentenza n. 15/I/03) Ancora sulle prove necessarie al fisco Il ricorso all accertamento analitico ex art. 54 del DPR n. 633/1972, è consentito solo in presenza di una riscontrata puntuale inosservanza degli obblighi contabili ovvero mancata registrazione di operazioni idonee a fornire il quadro di presunzioni semplici previsto dall art del codice civile. Sistema questo che, nella sua compiutezza, non può che precludere all ufficio, a fronte di contabilità formalmente regolari (anche nel senso della loro affidabilità, veridicità e trasparenza), ossia in assenza di prove dirette o della sopravvalutazione dei costi o della occultazione e non contabilizzazione di parte dei corrispettivi, ed in assenza di indagini ispettive che abbiano dato esiti positivi, l utilizzo dei metodi indiretti nella verifica delle dichiarazioni finalizzati a rettifiche nei modi previsti dal successivo art. 55. (Commissione Centrale, SS.UU., Decisione n. 9105/03) 3 di 6

4 Anche i commercialisti sono sotto tiro È legittimo, pur in presenza di scritture contabili regolarmente tenute, l accertamento induttivo dell Ufficio finanziario che determini la rettifica della dichiarazione del reddito da lavoro autonomo di un contribuente, dottore commercialista, in considerazione della natura dell attività espletata dallo stesso, del numero e della qualità dei suoi clienti, e dei compensi, applicabili in relazione alla tenuta di contabilità, previsti dalla tariffa dei periti commerciali e dei ragionieri. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n /2003) Accertamento di tipo analitico-induttivo Il ricorso al metodo analitico-induttivo non presuppone una irregolare tenuta delle scritture contabili: non è vero, infatti, che la tenuta delle scritture contabili formalmente corretta imponga l accertamento analitico in quanto anche in presenza di contabilità formalmente regolari è consentito procedere con il metodo induttivo alla rettifica dei redditi dichiarati sulla base di presunzioni assistite dai requisiti previsti dall art c.c. e desunte da dati di comune esperienza, nonché dai concreti e significativi elementi offerti dalle singole fattispecie. Senza necessità di procedere quindi al riscontro analitico della documentazione, è possibile verificare come non rispondente sostanzialmente al vero una contabilità solo formalmente regolare. (Cassazione, Sezione V tributaria, Sentenza n. 8839/2003) Quando la percentuale di ricarico può costituire una spia di evasione L accertamento induttivo del reddito ai fini delle imposte dirette è consentito anche in presenza di scritture contabili formalmente corrette qualora la contabilità possa essere considerata complessivamente inattendibile in quanto confliggente con regole fondamentali di ragionevolezza. Perciò in presenza di contabilità regolarmente tenuta, l accertamento di maggiori ricavi d impresa può essere affidato alla considerazione della difformità della percentuale di ricarico applicata dal contribuente rispetto a quella mediamente riscontrata nel settore di appartenenza soltanto ove tale difformità raggiunga livelli di abnormità ed irragionevolezza tali da privare la documentazione contabile di ogni attendibilità. Diversamente, siffatta difformità rimane sul piano del mero indizio che di per se stesso non è idoneo ad integrare gli estremi di una prova per presunzioni. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n. 5870/2003) Le medie dei ricavi nel settore specifico La presenza di una contabilità regolarmente tenuta non impedisce all Ufficio una rettifica in base al procedimento analitico-induttivo, quando appaia evidente, in base alla comparazione dei redditi del settore, l infedeltà nell esposizione dei ricavi. (Cassazione, Sezione V tributaria, Sentenza n. 934/2003) 4 di 6

5 Ancora sulle condizioni che legittimano l uso della percentuale di ricarico In materia di accertamenti di tipo analitico-induttivo effettuati mediante utilizzo delle c.d. percentuali di ricarico (con le quali in buona sostanza dalla quantità delle merci vendute e dai relativi prezzi, comparati con quelli di acquisto delle merci stesse, si desume, tenuto conto anche degli altri costi inerenti o comunque connessi all attività di vendita, il presumibile guadagno del contribuente) questa Corte ha più volte avuto modo di chiarire che tale metodo è legittimamente utilizzabile, anche in presenza di una contabilità formalmente regolare, tutte le volte che l entità del reddito dichiarato si ponga in contrasto con le regole di comune buon senso e di ragionevolezza, sì da non potersi ritenere sostanzialmente affidabile la contabilità stessa. (Cassazione, Sezione V tributaria, Sentenza n /2002) La incompletezza della documentazione contabile prescinde perfino dal caso fortuito L incompletezza della documentazione contabile, senza che rilevi il fatto che sia dovuta a caso fortuito o a un comportamento doloso o colposo del contribuente, è di per sé idonea a giustificare l accertamento induttivo, tanto più laddove esistano altri elementi presuntivi a sostegno. Non è indebito, bensì legittimo, il ricorso al metodo d accertamento induttivo in presenza di una contabilità incompleta, soprattutto laddove vi sia un complesso ulteriore di presunzioni atte anch esse a dar ragione all accertamento induttivo. La discrepanza, poi, nel caso di specie, tra percentuale di ricarico dichiarata dalla società ricorrente e quella media praticata dalle imprese del settore ha del tutto legittimamente indotto il giudice di merito a ritenere l inadeguatezza di quanto dichiarato e ad applicare in via presuntiva la percentuale media del settore. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n /2002) Non solo la percentuale di ricarico per sconfessare una corretta contabilità L Amministrazione finanziaria può procedere alla rettifica dei redditi d impresa delle persone fisiche quando l esistenza di attività non dichiarate risulti, tra l altro, da presunzioni gravi, precise e concordanti (art. 39, comma 1, lett. d), del DPR n. 600/1973). In queste ipotesi, la tenuta della contabilità in modo formalmente regolare non è di ostacolo alla rettifica delle dichiarazioni che peraltro, salvo il caso di divergenze assolutamente abnormi o di risultati palesemente antieconomici o in contrasto con il senso comune, non possono essere disattese sulla base della semplice applicazione di una diversa percentuale di ricarico, che anche se frutto di uno studio di settore, costituisce pur sempre un dato che necessita del conforto di qualche ulteriore elemento per giustificare l attribuzione di un maggior reddito all interessato. 5 di 6

6 Nel caso in questione, a seguito di una ispezione durante la quale non era stata riscontrata alcuna irregolarità, l Ufficio ha ugualmente aumentato i ricavi sulla base di una più alta percentuale di ricarico. Il contribuente aveva dichiarato un imponibile irrisorio e l Ufficio non si era limitato a contestare la sufficienza della percentuale di ricarico indicata dal contribuente, ma aveva preso in considerazione anche la posizione centrale del negozio, la data della sua apertura ed i prezzi consigliati dalla ditta fornitrice della merce. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n /2002) I pericoli di un comportamento antieconomico In tema di accertamento delle imposte sui redditi, la presenza di scritture contabili formalmente corrette non esclude la legittimità dell accertamento analiticoinduttivo del reddito d impresa, ai sensi dell art. 39, comma 1, lett. d), del DPR n. 600/1973, qualora la contabilità stessa possa considerarsi complessivamente inattendibile, in quanto confliggente con i criteri della ragionevolezza, anche sotto il profilo dell antieconomicità del comportamento del contribuente. In tali casi è, pertanto, consentito all Ufficio dubitare della veridicità delle operazioni dichiarate e desumere, sulla base di presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti, maggiori ricavi o minori costi, con conseguente spostamento dell onere della prova a carico del contribuente. (Cassazione, Sezione tributaria, Sentenza n. 6337/2002) 6 di 6

Accertamento analitico induttivo

Accertamento analitico induttivo La presenza di scritture contabili formalmente corrette non esclude la legittimità dell accertamento analitico-induttivo del reddito d impresa e del volume d affari, a condizione che la contabilità stessa

Dettagli

Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili

Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto tributario, Note a sentenza A differenza del metodo induttivo puro, con il metodo

Dettagli

ACCERTAMENTO INDUTTIVO

ACCERTAMENTO INDUTTIVO ACCERTAMENTO INDUTTIVO (Incontro indirizzato agli iscritti al Registro dei Tirocinanti) RELATORE: Avv. Daniele Giacalone, Dottore Commercialista e Revisore Legale in Palermo E-mail: info@studiotributariogiacalone.com

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 14 aprile 2010

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 14 aprile 2010 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 14 aprile 2010 OGGETTO: Accertamenti sulle vendite immobiliari Legge Comunitaria 2008 Modifiche all articolo 54 del DPR 26 ottobre

Dettagli

L avviso di accertamento

L avviso di accertamento L avviso di accertamento. 1 oggetto della lezione L avviso di accertamento. Tipologia. I metodi di determinazione del reddito complessivo. I metodi di determinazione dei redditi determinati contabilmente.

Dettagli

ART. 39 D.P.R. 600/73

ART. 39 D.P.R. 600/73 ART. 39 D.P.R. 600/73 Diritto e pratica tributaria Giurisprudenza tributaria Guida Normativa settimanale Guida normativa Il fallimento e le altre procedure Il fisco L iva Quotidiano del Fisco Rivista dei

Dettagli

L avviso di accertamento. Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L avviso di accertamento. Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L avviso di accertamento Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l avviso di accertamento tipologia i metodi di

Dettagli

dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara IMMOBILI: NESSUN AUTOMATISMO REGISTRO/IRPEF dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara LA MODIFICA IN ESAME La norma introdotta: norma di interpretazione.

Dettagli

4. NATURA DEGLI STUDI DI SETTORE E PRESUPPOSTI PER L ACCERTAMENTO.

4. NATURA DEGLI STUDI DI SETTORE E PRESUPPOSTI PER L ACCERTAMENTO. 4. NATURA DEGLI STUDI DI SETTORE E PRESUPPOSTI PER L ACCERTAMENTO. Il comma 3 dell art. 62-sexies D.L. n. 331/93 dispone che gli studi di settore costituiscono il fondamento per l accertamento in base

Dettagli

Vecchi studi di settore: le condizioni per l utilizzo nel fondare gli accertamenti analitici-induttivi

Vecchi studi di settore: le condizioni per l utilizzo nel fondare gli accertamenti analitici-induttivi Pag. 1274 n. 11/2002 16/03/2002 Vecchi studi di settore: le condizioni per l utilizzo nel fondare gli accertamenti analitici-induttivi Corte Suprema di Cassazione - Sezione V Civile Tributaria - Sentenza

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 9 AL 15 MAGGIO Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 9 AL 15 MAGGIO Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 9 AL 15 MAGGIO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Forum PA E stato siglato un protocollo di intesa tra

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cass. civ. Sez. V, Sent., 30-07-2014, n. 17304 Svolgimento del processo L'Agenzia delle Entrate - Ufficio di Avellino - notificò il 7 giugno 2005 alla Dewar's S.r.l. avviso di accertamento con il quale

Dettagli

Studi di Settore. a cura di Gian Paolo Ranocchi

Studi di Settore. a cura di Gian Paolo Ranocchi Studi di Settore a cura di Gian Paolo Ranocchi TERZO COMMA DELL ART. 62 SEXIES DEL D.L. N. 331/1993 GLI ACCERTAMENTI EFFETTUATI AI SENSI DELL ART. 39, PRIMO COMMA, LETT. d) DEL DPR 600/1973 POSSONO ESSERE

Dettagli

L accertamento fiscale nelle transazioni immobiliari

L accertamento fiscale nelle transazioni immobiliari L accertamento fiscale nelle transazioni immobiliari Dr.ssa Nicoletta Fayer U.O. Contrattualistica e Fiscalità 26 novembre 2008 ARTICOLO 35, secondo e terzo comma, D.L. 4 LUGLIO 2006, n. 223, convertito

Dettagli

Premessa... pag 5 Presentazione... 7

Premessa... pag 5 Presentazione... 7 Premessa.... pag 5 Presentazione.... 7 1. Gli accertamenti con adesione......................................... 23 1.1. L accertamento con adesione........................................... 23 1.2. Il

Dettagli

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI Decreti Monti NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI 1 NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE D.L. n. 98/2011 (conv( conv.. L. n. 111/2011) D.L. n. 138/2011 (conv( conv.. L. n. 148/2011) D.L.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA IMPOSTE E TASSE IN GENERE Cass. civ. Sez. V, Sent., 07-08-2015, n. 16597 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Le problematiche afferenti la donazione indiretta di immobili

Le problematiche afferenti la donazione indiretta di immobili Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, Coordinatore scientifico MAP) Le problematiche afferenti la donazione indiretta di immobili 1 Aliquote imposta sulle donazioni (art. 2, co. 49, L. 262/2006)

Dettagli

Accertamento nei confronti dei professionisti: non bastano i soli controlli bancari

Accertamento nei confronti dei professionisti: non bastano i soli controlli bancari Accertamento nei confronti dei professionisti: non bastano i soli controlli bancari Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto tributario, Note a sentenza La presunzione che pone, quali ricavi, i prelievi e

Dettagli

GLI STUDI DI SETTORE ED I PRESUPPOSTI PER L ACCERTAMENTO

GLI STUDI DI SETTORE ED I PRESUPPOSTI PER L ACCERTAMENTO GLI STUDI DI SETTORE ED I PRESUPPOSTI PER L ACCERTAMENTO Il comma 3 dell art. 62-sexies D.L. n. 331/93, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 427 del 29/10/1993, dispone che gli studi di settore

Dettagli

Criteri di calcolo per l'accertamento tributario di maggiori ricavi

Criteri di calcolo per l'accertamento tributario di maggiori ricavi Criteri di calcolo per l'accertamento tributario di maggiori ricavi Autore: Graziotto Fulvio In: Approfondimenti Commento a Decisione Giurisprudenziale - A cura di Fulvio Graziotto - Avvocato in Sanremo

Dettagli

LA Corte Cost. depenna, per i professionisti, la presunzione di acquisti in nero.

LA Corte Cost. depenna, per i professionisti, la presunzione di acquisti in nero. LA Corte Cost. depenna, per i professionisti, la presunzione di acquisti in nero. GP, sentena n 228-2014-1 Grazie della segnalazione. Vittoria importante per i professionisti. Inoltre, La Corte ci offre

Dettagli

LA RASSEGNA GIURISPRUDENZIALE DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO SPECIALE : LA VERIFICA TRIBUTARIA II parte. A cura del dott.

LA RASSEGNA GIURISPRUDENZIALE DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO SPECIALE : LA VERIFICA TRIBUTARIA II parte. A cura del dott. LA RASSEGNA GIURISPRUDENZIALE DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO SPECIALE : LA VERIFICA TRIBUTARIA II parte A cura del dott. Danilo Sciuto Premessa Nella seconda puntata della rassegna tributaria dedicata al

Dettagli

STUDI DI SETTORE : GLI ASPETTI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE

STUDI DI SETTORE : GLI ASPETTI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE STUDI DI SETTORE : GLI ASPETTI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale In prossimità dell'invio del Modello Unico 2014 in scadenza al 30 settembre 2014 appare utile ricordare

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI STUDI DI SETTORE

DICHIARAZIONI FISCALI STUDI DI SETTORE SOMMARIO Caratteristiche generali Natura e funzione degli studi di settore pag. 1 Il regime probatorio degli studi di settore» 2 L accertamento analitico-induttivo in base agli studi di settore» 4 L accertamento

Dettagli

L art. 62 sexies introduce gli studi come strumento di accertamento

L art. 62 sexies introduce gli studi come strumento di accertamento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CALTAGIRONE 9 MAGGIO 2009 RELAZIONE SU MOTIVAZIONE E OBBLIGO DEL CONTRADDITTORIO NEGLI STUDI DI SETTORE Gli studi di settore sono stati istituiti

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL BILANCIO. Allegato 7

VERBALE DI VERIFICA DEL BILANCIO. Allegato 7 VERBALE DI VERIFICA DEL BILANCIO Allegato 7 REVISIONE CONTABILE DEL BILANCI D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 200X I. OGGETTO DELL INCARICO Con riferimento all incarico conferitoci, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

LE NOVITÀ IN MATERIA DI PRESUNZIONI E INDAGINI BANCARIE

LE NOVITÀ IN MATERIA DI PRESUNZIONI E INDAGINI BANCARIE CIRCOLARE N. 04 DEL 02/02/2017 LE NOVITÀ IN MATERIA DI PRESUNZIONI E INDAGINI BANCARIE Nell ambito del Decreto c.d. Collegato alla Finanziaria 2017 sono state modificate le disposizioni in materia di accertamenti

Dettagli

Tipologie di metodi e di atti impositivi. Avezzano, 1 e 2 marzo 2013

Tipologie di metodi e di atti impositivi. Avezzano, 1 e 2 marzo 2013 Tipologie di metodi e di atti impositivi Avezzano, 1 e 2 marzo 2013 Dai controlli all accertamento Poteri istruttori Scelta del metodo Avviso di accertamento A volte le norme sui poteri regolano anche

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto Roma, 11/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

BARI 27/11/2012 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO - 1 -

BARI 27/11/2012 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO - 1 - BARI 27/11/2012 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO Relatore: Dott. Riccardo PATIMO - 1 - LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ACCERTAMENTO DISTINZIONE IN BASE ALLE FINALITÀ DELL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa ROMA, 25/08/2017 OGGETTO: Consulenza giuridica - Uffici dell Amministrazione Direzione Regionale dell Abruzzo. (Applicabilità della regola del c.d. prezzo

Dettagli

PARERE LEGALE IN MERITO ALL EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE AI SENSI DELLA L. 18 OTTOBRE 2001, N. 383

PARERE LEGALE IN MERITO ALL EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE AI SENSI DELLA L. 18 OTTOBRE 2001, N. 383 PARERE LEGALE IN MERITO ALL EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE AI SENSI DELLA L. 18 OTTOBRE 2001, N. 383 Giova preliminarmente osservare che nel corso dell accertamento ispettivo del.sono state prese in considerazione

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE (ART. 14 DEL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39)

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE (ART. 14 DEL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39) RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE (ART. 14 DEL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39) Art. 14 - RELAZIONE DI REVISIONE E GIUDIZIO SUL BILANCIO Duplice compito del revisore legale: a) esprimere con apposita relazione

Dettagli

Modifiche all atto costitutivo delle startup in modalità telematica

Modifiche all atto costitutivo delle startup in modalità telematica TORNAS U NEWSLETTER N. 53/2016 del 20 dicembre 2016 AREA TAX PROVVEDIMENTI APPROVATI Modifiche all atto costitutivo delle startup in modalità telematica CIRCOLARI, PARERI E RISOLUZIONI Credito d imposta

Dettagli

LE METODOLOGIE DI ACCERTAMENTO

LE METODOLOGIE DI ACCERTAMENTO LE METODOLOGIE DI ACCERTAMENTO 1 1. accertamento analitico (art. 38, commi 1 e 2 e art. 39, comma 1, lettere a), b) e c) del DPR n. 600/1973; art. 54 DPR n. 633/1972); 2. accertamento analitico-induttivo

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Novembre Approfondimento su: Associazioni sportive: la documentazione deve essere attendibile. Mar.15.

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Novembre Approfondimento su: Associazioni sportive: la documentazione deve essere attendibile. Mar.15. SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Novembre 2016 Approfondimento su: Associazioni sportive: la documentazione deve essere attendibile Mar.15 Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle operazioni

Dettagli

Circolare N.129 del 07 Ottobre 2014

Circolare N.129 del 07 Ottobre 2014 Circolare N.129 del 07 Ottobre 2014 Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie modeste (Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 25/E del 06.08.2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

obbligatorio il preventivo contraddittorio con il contribuente, ma un accertamento basato sulla antieconomicità della gestione. Concludeva chiedendo

obbligatorio il preventivo contraddittorio con il contribuente, ma un accertamento basato sulla antieconomicità della gestione. Concludeva chiedendo COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI BARI Sentenza n. 217/10/10, pronunciata il 09.07.2010, depositata il 01.10.2010 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO In data 9 febbraio 2010 la società.. SAS, in persona del legale

Dettagli

La proroga della scadenza dei termini di accertamento dell'ici. Il potere di controllo del Comune

La proroga della scadenza dei termini di accertamento dell'ici. Il potere di controllo del Comune La proroga della scadenza dei termini di accertamento dell'ici Danilo Sciuto in Premessa Da qualche anno a questa parte, si assiste ad una prassi legislativa (assai penalizzante per il contribuente) con

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA N. 13 / 2016 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: STAMPA DELLA CONTABILITA ANNO 2015 Riferimenti Legislativi: - Art. 7, comma 4-ter, DL n. 357/94 - Art. 1, comma 161, Legge 244/2007 - Artt.

Dettagli

Studi di settore. Lunedì 13 ottobre 2008, ore 21,00 Associazione del Commercio, del Turismo e dei Servizi della Provincia di Cremona

Studi di settore. Lunedì 13 ottobre 2008, ore 21,00 Associazione del Commercio, del Turismo e dei Servizi della Provincia di Cremona Studi di settore Paolo Stella Monfredini Lunedì 13 ottobre 2008, ore 21,00 Associazione del Commercio, del Turismo e dei Servizi della Provincia di Cremona La natura dell accertamento con utilizzo degli

Dettagli

STUDI di SETTORE: profili sostanziali e processuali

STUDI di SETTORE: profili sostanziali e processuali STUDI di SETTORE: profili sostanziali e processuali Modena 18 giugno 2010 Prof. Avv. Giovanni Girelli Associato di diritto tributario nell Universit Università degli Studi di Lecce Strumento multifunzionale

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

STUDI DI SETTORE WK18U - SERVIZI DI ARCHITETURA

STUDI DI SETTORE WK18U - SERVIZI DI ARCHITETURA 1 ORDINE DEGLI ARCHITETTI PPC DI FROSINONE RIFORMA DELLA PROFESSIONE FISCALITA E PROFESSIONE RESPONSABILITA PENALI NELL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE 11 marzo 2014 Auditorium San Paolo FISCALITA E PROFESSIONE

Dettagli

QUADRI SINOTTICI DELLA NORMATIVA SUL REDDITOMETRO

QUADRI SINOTTICI DELLA NORMATIVA SUL REDDITOMETRO QUADRI SINOTTICI DELLA NORMATIVA SUL REDDITOMETRO AVV. MAURIZIO VILLANI Avvocato Tributarista in Lecce Patrocinante in Cassazione www.studiotributariovillani.it - e-mail avvocato@studiotributariovillani.it

Dettagli

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO Corso di formazione professionale per Praticanti Dottori Commercialisti Le diverse tipologie di accertamento tributario

Dettagli

e,p.c., Alla Direzione centrale affari legali e contenzioso Settore governo del contenzioso Ufficio gestione del contenzioso

e,p.c., Alla Direzione centrale affari legali e contenzioso Settore governo del contenzioso Ufficio gestione del contenzioso ia ntrate PER POSTA ELETTRONICA Direzione Regionale ç:jeffapuglia Ufficio Legale Ai Presidenti degli Ordini professionali della Puglia LORO SEDI.Alle Direzioni provinciali della Puglia LORO SEDI e,p.c.,

Dettagli

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 CIRCOLARE N. 03 DEL 02/02/2017 CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 La Finanziaria 2017 ha introdotto dall 1.1.2017 la contabilità semplificata per cassa. La tenuta della

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 14970 Anno 2017 Presidente: IACOBELLIS MARCELLO Relatore: IOFRIDA GIULIA Data pubblicazione: 15/06/2017 ORDINANZA sul ricorso 14387-2016 proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F.

Dettagli

LA PROVA NEL PROCESSO

LA PROVA NEL PROCESSO IL PROCESSO TRIBUTARIO LA PROVA NEL PROCESSO Prof. avv. Giuseppe Zizzo 26 novembre 2014 L onere della prova e il principio di non contestazione 2 In passato si riteneva che l onere della prova gravasse

Dettagli

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori)

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista in Torino) Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità (c.d. imprese minori) 1 Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità LA NORMATIVA Art.

Dettagli

Fisco: addio al tazzinometro

Fisco: addio al tazzinometro Fisco: addio al tazzinometro Il giudice non può ritenere fatto notorio la quantità di miscela per preparare un caffè e il rincaro applicato dal bar di Lucia Izzo - No al "tazzinometro" posto dal fisco

Dettagli

La cessione d azienda O ramo d azienda Studio Montanari Via san Vitale n Bologna Tel Relatore Montanari Maura

La cessione d azienda O ramo d azienda Studio Montanari Via san Vitale n Bologna Tel Relatore Montanari Maura Programma di FORMAZIONE CONTINUA FIAIP Provincia di Bologna 2014 1 La cessione d azienda O ramo d azienda Studio Montanari Via san Vitale n.15 40125 Bologna Tel 051 2964911 Relatore Montanari Maura Bologna,

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 1 05.01.2017 Accertamento: il termine di 60 giorni per emettere l atto decorre dall ultimo accesso A cura di Paola Mauro Categoria: Accertamento

Dettagli

RISCONTI ATTIVI. I risconti attivi. Rappresentazione contabile e disciplina fiscale. di Luciano Olivieri SOMMARIO

RISCONTI ATTIVI. I risconti attivi. Rappresentazione contabile e disciplina fiscale. di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. 1504 n. 13/97 29/03/1997 I risconti attivi Rappresentazione contabile e disciplina fiscale di Luciano Olivieri SOMMARIO 1. Premessa 1504 2. I risconti attivi 1504 2.1. Definizione 1504 2.2. Rilevazione

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA N. 14 / 2015 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: STAMPA DELLA CONTABILITA ANNO 2014. Riferimenti: - Art. 7, comma 4-ter, DL n. 357/94 - Art. 1, comma 161, Legge n. 244/2007 - Artt. 15,

Dettagli

DOTTRINA PRATICA RAGIONATA

DOTTRINA PRATICA RAGIONATA DOTTRINA Franco Gallo - Wèlfare e riforma dell'imposta personale... 11 Matilde Carla Panzeri - La fiscalità delle banche: un esame comparato... 20 Michele Cantillo - Note minime in tema di conclusione

Dettagli

E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente

E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente versamento dell imposta Nota a Corte di Cassazione n. 20211 del 3 settembre 2013. Avv. Leonardo Leo SOMMARIO: 1. La decisione;

Dettagli

L accertamento fiscale per il professionista che emette poche fatture

L accertamento fiscale per il professionista che emette poche fatture Sommario: Tribunale Bologna 24.07.2007, n.7770 - ISSN 2239-7752 L accertamento fiscale per il professionista che emette poche fatture 03 settembre 2010 Leonardo Leo 1. Premessa. 2. Accertamento ex art.

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONTABILITA FISCALE DI MAGAZZINO CLASSIFICAZIONE EA - CONTABILITA MAGAZZINO RIFERIMENTI NORMATIVI ARTT. 2214 e 2219 COD. CIV.; ART.14, lett. d) D.P.R. 29.9.1973 N. 600; ART. 1, D.P.R. 9.12.1996

Dettagli

L interpello disapplicativo nella disciplina delle società c.d. di comodo

L interpello disapplicativo nella disciplina delle società c.d. di comodo L interpello disapplicativo nella disciplina delle società c.d. di comodo Autore: Nicotra Antonio In: Diritto tributario, Note a sentenza Il caso La vicenda in esame trae origine dal ricorso avverso l

Dettagli

ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO

ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO Corso di formazione ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DEL TRIBUNALE DI TORRE ANNUNZIATA & FONDAZIONE DELL ODCEC DI TORRE ANNUNZIATA Via Prota 79 Is.

Dettagli

I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche

I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche Obiettivi In questa lezione affronteremo il tema dei poteri istruttori dell Amministrazione

Dettagli

Ricorsi contro le cartelle esattoriali vicino casa

Ricorsi contro le cartelle esattoriali vicino casa Ricorsi contro le cartelle esattoriali vicino casa Autore: Villani Maurizio In: Diritto tributario La Corte Costituzionale, con l importante sentenza n. 44 del 03 marzo 2016, ha dichiarato l illegittimità

Dettagli

IVA Internazionale: rassegna minima di giurisprudenza

IVA Internazionale: rassegna minima di giurisprudenza Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, Coordinatore scientifico MAP) IVA Internazionale: rassegna minima di giurisprudenza 1 Cassazione, Sentenza 16/03/2016, n. 5168 La temporanea esportazione delle

Dettagli

Studi di settore Sommario

Studi di settore Sommario Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569 1.3. Inizio e cessazione dell attività

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO. Dott. Duilio LIBURDI

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO. Dott. Duilio LIBURDI Dott. Duilio LIBURDI Dottore Commercialista - Pubblicista Diretta 15 novembre 2010 Articolo 22 del decreto legge n. 78 del 2010 Riformulazione delle disposizioni contenute nell articolo 38 del DPR 600

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Roma, 14 aprile 2010

CIRCOLARE N. 19/E. Roma, 14 aprile 2010 CIRCOLARE N. 19/E Roma, 14 aprile 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Gestione delle controversie in materia di studi di settore Orientamento delle sezioni unite della Corte di

Dettagli

I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI (CESSIONI A TITOLO ONEROSO) NELL AMBITO DELL ATTIVITA DI IMPRESA

I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI (CESSIONI A TITOLO ONEROSO) NELL AMBITO DELL ATTIVITA DI IMPRESA I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI (CESSIONI A TITOLO ONEROSO) NELL AMBITO DELL ATTIVITA DI IMPRESA Sintesi degli aspetti trattati Soggetti coinvolti: Oggetto: Ambito impositivo: imprese (soggetti passivi Iva)

Dettagli

MODIFICA CRITERI DI DEDUCIBILITA COSTI RICEVUTI DA PAESI BLACK LIST

MODIFICA CRITERI DI DEDUCIBILITA COSTI RICEVUTI DA PAESI BLACK LIST MODIFICA CRITERI DI DEDUCIBILITA COSTI RICEVUTI DA PAESI BLACK LIST 23 OIC N. 9 SVALUTAZIONE PER PERDITE DUREVOLI 24 OIC N. 9 SVALUTAZIONE PER PERDITE DUREVOLI 25 OIC N. 9 ED EVOLUZIONE LEGGE FALLIMENTARE

Dettagli

PRASSI E GIURISPRUDENZA

PRASSI E GIURISPRUDENZA NEWSLETTER 16/2016 Corato, 25 ottobre 2016 SOMMARIO 1 PRASSI E GIURISPRUDENZA D.lgs. 18 dicembre 1997 n. 472; Legge di Stabilità per il 2015 del 23 dicembre 2014 n. 190; D.lgs. 24 settembre 2015 n. 158;

Dettagli

Compensi amministratori: l Agenzia delle entrate può sempre contestarne la congruità

Compensi amministratori: l Agenzia delle entrate può sempre contestarne la congruità Ai gentili clienti Loro sedi Compensi amministratori: l Agenzia delle entrate può sempre contestarne la congruità Congruità dei compensi La materia dei compensi degli amministratori è disciplinata dall

Dettagli

MAGAZZINO E COSTO DI PRODUZIONE

MAGAZZINO E COSTO DI PRODUZIONE F213 Magazzino e costo di produzione Valutazione definitiva della procedura MAGAZZI E COSTO DI PRODUZIONE 1. PRINCIPALI CONTI LEGATI AL CICLO MAGAZZI E COSTO DI PRODUZIONE: A) CONTI PATRIMONIALI: B) CONTI

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013 CON LA CIRCOLARE N.21/E DEL

Dettagli

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 50/2013 APRILE/6/2013 (*) 10 Aprile 2013 LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Dettagli

CHECK LIST VISTO DI CONFORMITA COMPENSAZIONE CREDITI TRIBUTARI DA DICHIARAZIONI PF E SP

CHECK LIST VISTO DI CONFORMITA COMPENSAZIONE CREDITI TRIBUTARI DA DICHIARAZIONI PF E SP S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CHECK LIST VISTO DI CONFORMITA COMPENSAZIONE CREDITI TRIBUTARI DA DICHIARAZIONI PF E SP Renzo Radicioni Milano, 23 settembre 2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

SOMMARIO. LEZIONE T1 L abuso del diritto nella giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione

SOMMARIO. LEZIONE T1 L abuso del diritto nella giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione SOMMARIO Premessa... XVII LEZIONE T1 L abuso del diritto nella giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione 1. Premessa...1 2. Dai principi comunitari alla Carta Costituzionale...1 3. La nozione...

Dettagli

I diritti doganali e la fiscalità IVA: regime generale e accertamento doganale

I diritti doganali e la fiscalità IVA: regime generale e accertamento doganale PARMA, 14/21 APRILE 2015 I diritti doganali e la fiscalità IVA: regime generale e accertamento doganale Dott. Ufficio delle Dogane di Parma Diritto Doganale:norme di base. Reg. CEE n. 2913/92 (Codice Doganale

Dettagli

Ricorso Accertamento Immobile Roma Valore OMI

Ricorso Accertamento Immobile Roma Valore OMI Ricorso Accertamento Immobile Roma Valore OMI Problema: L'Agenzia delle Entrate può inviare un accertamento fiscale per la simulazione del prezzo di un immobile, con conseguente multa. Soluzione: Si dovrà

Dettagli

Fondamenti di Diritto

Fondamenti di Diritto Fondamenti di Diritto 10 marzo 2008 1 LAVORO SUBORDINATO 2 Rapporto di lavoro subordinato Art. 2094 Codice Civile E prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell

Dettagli

I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale

I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale Paola Rivetti (Avvocato - Gruppo di Studio EUTEKNE) I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale 1 Introduzione e operatività degli ISA L art. 9-bis, D.L. 50/2017 convertito disciplina i nuovi indici

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cass. civ. Sez. V, Sent., 19-11-2014, n. 24600 Svolgimento del processo 1. L'Agenzia delle entrate, a seguito di verifica, aveva accertato gravi incongruenze negli indici di bilancio della società Effe

Dettagli

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO Corso di formazione professionale per Praticanti Dottori Commercialisti Le diverse tipologie di accertamento tributario

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA FISCALITÀ DEL SALVA ITALIA NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE Dott. Sandro La Ciacera 9 febbraio 2012 - Sala Orlando, C.so Venezia 47 Unione commercianti

Dettagli

ISTITUTO MICHELE DELL AQUILA AQUILA SAN FERDINANDO DI PUGLIA

ISTITUTO MICHELE DELL AQUILA AQUILA SAN FERDINANDO DI PUGLIA ISTITUTO MICHELE DELL AQUILA AQUILA SAN FERDINANDO DI PUGLIA L ACCERTAMENTO FISCALE Prof. Pietro Samarelli Prof.ssa Luigia Tartaglia SISTEMA TRIBUTARIO AUTODICHIARAZIONE AUTOLIQUIDAZIONE D IMPOSTA ACCERTAMENTO

Dettagli

Anno 2014 N. RF230. La Nuova Redazione Fiscale STUDI DI SETTORE LO SCOSTAMENTO GRAVE DEI RICAVI

Anno 2014 N. RF230. La Nuova Redazione Fiscale STUDI DI SETTORE LO SCOSTAMENTO GRAVE DEI RICAVI Anno 2014 N. RF230 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO STUDI DI SETTORE LO SCOSTAMENTO GRAVE DEI RICAVI RIFERIMENTI ISTRUZIONI UNICO 2014 CIRCOLARE DEL 08/09/2014

Dettagli

Evoluzione degli Studi di Settore

Evoluzione degli Studi di Settore Evoluzione degli Studi di Settore Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Tivoli Dott. Andrea Brunelli Monterotondo, 23 maggio 2012 *Decreto Legge 98/2011 - Inasprisce le sanzioni; introduce

Dettagli

Riforma del mercato del lavoro: restrizioni sulle collaborazioni a partita IVA

Riforma del mercato del lavoro: restrizioni sulle collaborazioni a partita IVA CIRCOLARE A.F. N.134 del 27 settembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del mercato del lavoro: restrizioni sulle collaborazioni a partita IVA Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 121/2013 SETTEMBRE/14/2013 (*) 26 Settembre 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 121/2013 SETTEMBRE/14/2013 (*) 26 Settembre 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 121/2013 SETTEMBRE/14/2013 (*) 26 Settembre 2013 AL VIA IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

Per la Cassazione la sentenza n. 228/2014 della Corte Costituzionale avrebbe escluso dalla presunzione solo i prelievi

Per la Cassazione la sentenza n. 228/2014 della Corte Costituzionale avrebbe escluso dalla presunzione solo i prelievi Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati Per la Cassazione la sentenza n. 228/2014 della Corte Costituzionale avrebbe escluso dalla presunzione solo i prelievi di Lucia

Dettagli

La CTP di Lecce applica il principio di non contestazione (art. 115 cpc) dando torto all agenzia delle entrate

La CTP di Lecce applica il principio di non contestazione (art. 115 cpc) dando torto all agenzia delle entrate ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 31/05/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/35110-la-ctp-di-lecce-applica-il-principio-di-noncontestazione-art-115-cpc-dando-torto-all-agenzia-delle-entrate Autore:

Dettagli

INDICE. Introduzione... CAPITOLO I NATURA E FUNZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI

INDICE. Introduzione... CAPITOLO I NATURA E FUNZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI INDICE Introduzione.............................................. 1 CAPITOLO I NATURA E FUNZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI 1. Le scritture contabili: aspetti generali................... 1.1. La nozione

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I REDDITOMETRO E TENORE DI VITA DEI CONIUGI

SOMMARIO. Capitolo I REDDITOMETRO E TENORE DI VITA DEI CONIUGI SOMMARIO Capitolo I REDDITOMETRO E TENORE DI VITA DEI CONIUGI 1. Premessa... 3 2. I precedenti... 3 3. La prassi dei Tribunali... 4 4. Le analogie tra tenore di vita e redditometro... 5 5. La definizione

Dettagli

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi... 7 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569... 7 1.3. Inizio e cessazione

Dettagli

STUDIO PIETROSTEFANI CONSULENZE AZIENDALE, FISCALE E FINANZIARIA

STUDIO PIETROSTEFANI CONSULENZE AZIENDALE, FISCALE E FINANZIARIA INFORMAT N. 291 BIS 05 DICEMBRE 2012 STUDIO PIETROSTEFANI CONSULENZE AZIENDALE, FISCALE E FINANZIARIA Via E. Brandimarte, 63-65123 Pescara tel. 085.77771 - fax 085.4714584 www.studiopietrostefani.it Con

Dettagli

Circolare N. 10 del 21 Gennaio 2016

Circolare N. 10 del 21 Gennaio 2016 Circolare N. 10 del 21 Gennaio 2016 Le nuove sanzioni amministrative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per effetto di quanto previsto dalla legge di stabilità per il 2016 (legge

Dettagli