Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206"

Transcript

1 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

2 Life Cycle Analysis UNI EN ISO : LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici e ambientali relativi ad un processo o ad un attività effettuato attraverso l identificazione dell energia e dei materiali usati e dei rifiuti rilasciati in ambiente. La valutazione include l intero ciclo di vita del processo o attività, comprendendo l estrazione e il trattamento delle materie prime, la fabbricazione, il trasporto, la distribuzione, l uso, il riuso, il riciclo e lo smaltimento finale. Definizione degli obiettivi e dei limiti della valutazione Analisi di inventario (identificazione e misure dei processi di impatto) Valutazione di impatto: utilizzando i risultati della precedente analisi, si valuta il rilievo dei potenziali di impatto ambientale Interpretazione e migliorie: miglioramento delle prestazioni delle diverse attività

3 Confini temporali I confini temporali individuano l intervallo temporale nel quale i potenziali impatti del prodotto oppure del servizio sono valutati. Inoltre, alcuni parametri del sistema possono evolvere nel tempo e pertanto diviene necessario mediarli in un intervallo temporale definito. Ad esempio, il sistema discarica coinvolge processi chimicofisici, biologici che variano nel tempo e pertanto gli impatti che ne derivano dipendono dalla scala temporale. Per affrontare questa situazione si potrebbe indagare le emissioni in tre orizzonti temporali: 20 anni (decomposizione attiva), 100 anni (periodo intermedio in cui ricade la responsabilità di una generazione), 500 anni (emissioni di lungo periodo).

4 Prima Fase: definizione degli scopi Una LCA deve essere preceduta da una esplicita dichiarazione degli obiettivi e delle finalità dello studio Scelta ipotesi di lavoro Ipotesi di ampiezza del ciclo di vita Alternative Integrazione con aspetti non ambientali Qualità dei dati Finalità ricerca & sviluppo; green marketing; eco design (progettazione eco-compatibile)

5 Prima Fase: definizione degli scopi Definizione del sistema Sistema è un qualsiasi insieme di dispositivi che realizzano una o più precise operazioni industriali aventi una determinata funzione. E delimitato da appropriati confini fisici rispetto al sistma ambiente e con questo scambia una serie di input ed output. INPUT OUTPUT Combustibili Energia Materie prime sistema Calore disperso Emissioni in aria Emissioni in acqua Rifiuti solidi Non esistono prodotti utili ma solamente sostanze reflue

6 Prima Fase: definizione degli scopi Definizione dell unità funzionale. E l unità di misura di riferimento; costituisce una misura della prestazione del flusso in uscita del sistema prodotto. La compatibilità dei risultati è particolarmente critica quando si valutano sistemi differenti: ci si deve assicurare che il confronto avvenga su una base analoga. La scelta è arbitraria e dipende dallo scopo per cui sottosistemi e sistema globale sono progettati. Esempio: Funzione di un processo è la produzione di un imballaggio L unità di misura cui riferire le prestazioni è la quantità di imballaggio necessaria per contenere un certo volume di prodotto UNI EN ISO definisce il reference flow come la quantità di bene o di servizio necessario per ottenere l unità funzionale scelta

7 Prima Fase: definizione degli scopi I confini del sistema Costruzione del diagramma di flusso del ciclo produttivo I criteri di scelta devono essere giustificati nel campo di applicazione dello studio Esempio: la produzione dell Alluminio. I 2 sistemi hanno confini diversi Allumina S 1 = 75 MJ 1 kg di Allumino Bauxite S 2 = 155 MJ 1 kg di Allumino

8 Prima Fase: definizione degli scopi Il periodo di riferimento: deve essere preventivamente definito e costituisce un vincolo per la scelta dei confini del sistema Qualità dei dati (analisi di inventario): deve essere qualificata la rappresentatività statistica dei dati sia utilizzando banche dati che software di calcolo (esempio

9 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Un sistema prodotto può essere rappresentato in un modello operativo come una sequenza complessa di operazioni unitarie che comunicano tra loro e con l ambiente attraverso input ed output. Nell Analisi di inventario si procede alla costruzione di un modello analogico della realtà in grado di rappresentare nel modo più fedele possibile tutti gli scambi tra le singole operazioni appartenenti alla catena produttiva (e distruttiva) effettiva

10 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Non sono compresi giudizi circa il significato dei diversi input ovvero sugli effetti che gli input provocano sull ambiente Obiettivo: fornire dati oggettivi Il modello operativo deve poter consentire campagne di simulazione con rapido riscontro dei risultati: la fase di interpretazione e miglioramento costituisce il momento in cui i tentativi per migliorare l impatto ambientale del sistema analizzato passano attraverso una fase di simulazione e riscontro dei risultati per evitare effetti collaterali indesiderati.

11 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario L Inventario del Ciclo di vita deve essere affidabile

12 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario La valutazione della qualità dei dati è un importante fase preparatoria E importante valutare che i diversi settori industriali possono fornire informazioni diverse. Obiettivi: determinazione del grado di dettaglio; verifica che il diagramma di flusso corrisponda al processo reale

13 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Problema: corretta approssimazione del sistema produttivo importanza delle diverse componenti significative necessità di escludere alcuni sottosistemi Il diagramma di flusso può essere utilizzato per questionari riservati agli operatori dell impianto con le specifiche richieste di informazioni Dati raccolti sul campo (primary data) Dati di settore o dati derivati (secondary data)

14 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Banche dati: APME (ecoprofili di materiali plastici) APAT ( Offrono dati aggregati comprendenti la fase di uso, di produzione e trasporto del combustibile consumato, la fase di manutenzione del prodotto Esempio: Emissioni auto media cilindrata (fase di uso) a benzina non catalizzata ciclo extra urbano per 1 km di distanza Fonte NO x [g/(km veh)] CO 2 [g/(km veh)] PM [g/(km veh)] Boustead model V.5 41 g/km APAT 55 g/km 1,79 149,19 0,128 2,46 172,11 0,037

15 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Riassumendo: Dati di sistema sono i dati relativi alle industrie produttrici di energia; sono generalmente a disposizione nel software di calcolo Dati di processo: devo essere trattati per evitare errori L integrazione dei due tipi di dati deve avvenire nel modello di calcolo

16 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Allocazione E utile rendere un sistema industriale come l insieme dei processi che realizzano una o più operazioni aventi una determinata funzione. Per esempio posso prendere in considerazione gli aspetti energetici E 1 E 2 E 3 m 1 m 2 m 3 Dette E 1, E 2, E 3 le energie per unità di output di ogni singola operazione unitaria, m 1, m 2 e m 3 le masse interessate come input/ output delle operazioni del processo, l energia complessiva sarà: E = m 1 E 1 + m 2 E 2 + m 3 E 3

17 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario La maggior parte dei sistemi genera sottoprodotti (o co-prodotti) Una delle prime operazioni da compiere è quella di dividere il sistema in oggetto in sottosistemi ognuno dei quali utilizza o produce un singolo prodotto e tali che, una volta riaggregati, portino ad un sistema di uguali caratteristiche di quello di partenza. E necessario associare i carichi energetici e ambientali ai singoli coprodotti Sistema A Materiali m 1 Energia E 1 Materiali m 2 Energia E 2 Materiali m 3 Energia E 3 Sottosistema 1 Sottosistema 2 Sottosistema 3 Prodotto 1 Rifiuto w 1 Prodotto 2 Rifiuto w 2 Prodotto 3 Rifiuto w 3

18 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario I sistemi di trasporto I trasporti costituiscono un elemento vitale per la maggioranza dei processi industriali e spesso la quantità di energia ad essi legata rappresenta una parte significativa dell energia complessiva del processo in esame Esempio: la frazione di energia corrispondente al trasporto di petrolio greggio trasportato da C.S.I. in Europa contribuisce per circa 1/3 al totale dell energia necessaria per produrre petrolio commerciale dal greggio.

19 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario I sistemi di trasporto Classificazione - contenuto energetico dei combustibili consumati direttamente dal mezzo considerato, più la quota di energia indiretta necessaria a produrre il combustibile; è proporzionale alla distanza di trasporto, dalla portata del mezzo, dal tipo di viaggio, dal manutenzione del veicolo, - energia necessaria alla costruzione ed alla manutenzione del mezzo; è la somma dei diversi fattori relativi ai pneumatici, pezzi di ricambio, ; - energia necessaria a realizzare le infrastrutture per permettere il viaggio del mezzo stesso, dalla costruzione di strade e ferrovie al loro mantenimento

20 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Emissioni: vedi classificazione precedente Fonti: sistemi statistici nazionali APAT CORINAIR manuali operativi delle case costruttrici Unità di misura: energia: CO 2 : Joule per tonnellata km g/veicolo km

21 Seconda Fase: introduzione all Analisi di inventario Trasporti su strada Autocarri e autoarticolati: il consumo dipende dalle condizioni del mezzo, condizioni di guida, percorso, qualità del combustibile, condizioni climatiche, Unità di misura MJ/ (t km): Un autoarticolato con portata massima di 20 t ed un consumo energetico medio di 17 MJ/km a pieno carico avrà un consumo di 0,85 MJ/(t km). Se trasporta solo 10 t, il consumo specifico diviene 1,7 MJ/(t km). L efficienza energetica si persegue cercando di far viaggiare i mezzi a pieno carico In realtà è necessario far variare il valore con un indice che aumenti le prestazioni del veicolo a carico ridotto

22 Seconda Fase: la gestione di fine vita nell Analisi di inventario

23 Seconda Fase: la gestione di fine vita nell Analisi di inventario Nell analisi della gestione dei materiali a fine vita va fatta un importante distinzione se ci si occupa di scarti di processo o del prodotto oggetto dello studio. Nel caso dei produttori di sfere di acciaio per cuscinetti chi produce le sfere non ha il controllo del prodotto finale Unità di riferimento: è l unità di produzione Benefici: permette di avviare il recupero dei materiali o di produrre flussi di energia

24 Seconda Fase: la gestione di fine vita nell Analisi di inventario Quando un bene è giunto al termine della su avita utile, dopo la raccolta, si presentano 3 strade: - recupero di materia; - recupero di energia; - smaltimento in discarica Analisi attenta degli aspetti ambientali e dei benefici Recupero Riciclo = è il processo che permette di riutilizzare del materiale giunto a fine vita per realizzare, dopo opportuno trattamento, il medesimo o un altro prodotto Riuso = è il processo che prevede di riutilizzare lo stesso prodotto dopo un eventuale trattamento di ricondizionamento

25 Seconda Fase: la gestione di fine vita nell Analisi di inventario Gestione di fine vita integrata nel sistema di ciclo di vita

26 Seconda Fase: la gestione di fine vita nell Analisi di inventario Raccolta e trasporto dei materiali Recupero dei materiali Recupero di energia Termovalorizzazione: combustione del materiale in un impianto che permette il recupero dell energia termica. Occorre prestare attenzione alle componenti inerti

27 Seconda Fase: la gestione di fine vita nell Analisi di inventario Aspetti metodologici Impatti evitati (emissioni di CO 2 ) Emissioni da fonte biologica: la CO2 generata da fonte biologica sarebbe generata comunque, ma occorre osservare la cinetica con cui avvengono i processi: -v 1, assorbimento da parte di biomassa in crescita; -v 2, fossilizzazione della biomassa morta; -v 3, rilascio del carbonio in fase di combustione dei fossili; -v 2, passaggio diretto del carbonio dalla biomassa all atmosfera La piena compatibilità si ottiene se: velocità di crescita = velocità di trasformazione = velocità di consumo In genere: v 3 > (v 1 + v 2 ) v 3, v 2 > v 1 > v 2

28 Seconda Fase: i risultati dell Analisi di inventario I risultati di un inventario di ciclo di vita sono normalmente presentati in sei principali categorie di parametri. - materie prime; - combustibili primari; - feedstock; - rifiuti solidi; - emissioni in acqua; - emissioni in aria

29 Seconda Fase: i risultati dell Analisi di inventario Produzione di 1 kg di LDPE in granulo Energia cumulata

30 Terza Fase: l Analisi degli impatti Le informazioni ottenute dall Analisi di Inventario costituiscono la base di partenza per valutazioni ambientali cui è dedicata la fase della LCA definita Life Cycle Impact Assessment LCIA (ISO 14042)

31 Terza Fase: l Analisi degli impatti Aspetti generali Valutazione appropriata dell inquinamento: - emanazione di sostanze nocive; - diffusione e trasformazione che le sostanze subiscono; - concentrazione o deposizione di inquinanti nel luogo Principali effetti: Effetto serra; Assottigliamento della fascia di ozono; Acidificazione; Eutrofizzazione; Formazione di smog fotochimico; Tossicità per l uomo; consumo di risorse non rinnovabili

32 Terza Fase: l Analisi degli impatti La struttura generale di una LCIA è composta da alcuni elementi obbligatori che convertono i risultati di inventario in opportuni indicatori che possono essere utilizzati direttamente o come base di successive valutazioni Elementi obbligatori: definizione delle categorie di impatto; definizione dei risultati LCI (classificazione); calcolo degli indicatori di categoria Elementi opzionali confronto con un valore di riferimento; raggruppamento; pesatura

33 Terza Fase: l Analisi degli impatti Scelta categorie di impatto Le ipotesi fatte influenzano il calcolo degli indicatori mentre il ricorso a fattori di caratterizzazione di provata valenza scientifica permette di definire un indice oggettivo. La significatività dei risultati diminuisce mano a mano che si passa da scala globale a scala locale Effetti ambientali: GWP a 100 anni, acidificazione potenziale AP, la riduzione dell ozono ODP,

34 Terza Fase: l Analisi degli impatti Classificazione: consiste nell organizzare i dati dell inventario. Una sostanza può dare luogo a più fenomeni di impatto Caratterizzazione (calcolo) Il GWP è misurato dal rapporto che tra il contributo che all assorbimento della radiazione fornisce il rilascio istantaneo di 1 kg di tale sostanza e quello fornito dall emissione di 1 kg di CO 2, valutai entrambi i contributi in T anni di permanenza in atmosfera. Esempio: l emissione di x kg di CO GWP CO = 2 kg CO 2 equivalenti Il risultato complessivo è: GWP = Σ i GWP i Σ j m j

35 Quarta Fase: interpretazione e miglioramento Il miglioramento della produzione richiede un grosso sforzo in fase progettuale e organizzativo. Massimizzazione dell efficienza energetico ambientale Strumento: ISO In questa fase è fondamentale l esperienza del progettista. L approccio è di tipo iterativo: ogni passo sviluppato durante questa fase deve essere riesaminato in un ottica LCA. Lo spettro delle possibili soluzioni viene valutato e classificato a seconda dei rendimenti energetici ed ambientali del ciclo di vita e correlato a indicatori economici e prestazionali

36 Alcune regole 1. Progettare in termini di ciclo di vita: progettare il materiale, l energia per produrlo e la sua tossicità 2. Non sempre i materiali naturali sono i migliori 3. Stimare l energia: 1 kg di plastica necessita da 1,5 a 2,5 kg di petrolio 4. Aumentare il tempo di vita dell oggetto 5. Ottimizzare l uso del materiale 6. Utilizzare materiale riciclato 7. Rendere il prodotto riciclabile

37 Combustione Agente energetico Unità CO 2 g / Unità Olio E-L 1 l 2653,000 Olio M-L 1 kg 3171,576 Coke da petrolio 1 kg 3290,000 Carbon Fossile 1 kg 2641,400 Lignite 1 kg 2090,400 Benzina 1 l 2338,276 Diesel 1 l 2611,416 Gas naturale 1 kwh 198,000 Gas naturale 1 m ,000 Elettricità 1 kwh 0,000

38

39

40 Life Cycle Analysis Produzione di 1 kwh di energia elettrica Elettricità dal gas naturale Emissione Russia Limiti legge Ciclo Combinato* CO 2 742,0 g/kwh 635,0 g/kwh 427,0 g/kwh SO 2 0,35 g/kwh 0,33 g/kwh 0,22 g/kwh NO x 1,24 g/kwh 0,96 g/kwh 0,61 g/kwh CH 4 4,07 g/kwh 3,87 g/kwh 2,60 g/kwh *seguendo prescrizioni di legge

41 Analisi del ciclo di vita del gas naturale CH 4 Tre fasi: produzione trasmissione distribuzione e uso finale Global Warming Potential kg CO 2 eq Acidification Potential kg SO 2eq Ref. 1 kg CO kg SO kg CH 4 = 21 kg CO 2 eq 1 kg NO x = 0,7 kg SO 2

42 Nella produzione di energia elettrica, la fase di generazione di potenza è la più significativa Dai dati dell industria del gas si deduce: Emissioni Ciclo combinato* gas Russia gas Italia [g/kwh] [g/kwh] [g/kwh] NO x 0,61 0,39 0,34 SO 2 0,22 0,04 0,007 CO 2 427,00 383,00 356,00 CH 4 2,60 1,39 0,17

43

44 Studio giapponese per rimpiazzare con energie rinnovabili (free CO 2 ) la produzione di energia con combustibili fossili N = n di nuove sorgenti

45 Ambiente & Sicurezza STUDIO CICLO DI VITA

46 Eco-sostenibilità

47 Eco-sostenibilità

48 Eco-sostenibilità Progettare e costruire sostenibile Torino, 3 Febbraio 2011

49 Alcuni possibili argomenti a) il personal computer; b) il telefono cellulare; c) le materie plastiche (es PET); d) Materiale per le costruzioni: il legno; e) Materiale per arredo (mobili); f) Elettrodomestici (es. lavatrice); g) Materiali di consumo (es. penne, matite) h)..

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi PREMESSA Il costante incremento dell utilizzo di materiali plastici nel settore alimentare permette innegabili vantaggi di praticità. Trascurando

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Sviluppo sostenibile Lo sviluppo è sostenibile quando soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione LCA: applicazione ai componenti di involucro vetrato di Anna Bogliolo Relatore: Gabriella

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS FEDERCHIMICA - 15 MARZO 2011-5 workshop T.A.C.E.C. Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS Ing. Marco Piana ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment)

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment) Progetto SISTER Finanziamento Regione Toscana DOCUP Ob. 2 Anni 2000-2006 Azione 2.8.4. Potenziamento del sistema regionale di servizi telematici e di comunicazione per le PMI L analisi del ciclo di vita

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Strumenti per la Eco-Progettazione Pagina 1 di 7 STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Massimo Marino, Stefano Rossi Life Cycle Engineering Studio Ingegneri Associati Via Livorno, 60 10144 Torino Riassunto

Dettagli

RIFIUTI ZERO Si può e conviene

RIFIUTI ZERO Si può e conviene RIFIUTI ZERO Si può e conviene Federico Valerio Comitato Tecnico-Scientifico LIP Rifiuti Zero Rifiuti Zero è la strategia vincente di tutti gli ecosistemi naturali, sin da quando la Vita ha colonizzato

Dettagli

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza 7 Conferenza Annuale Responsible Care Giuseppe Abello ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria

Dettagli

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna Ecomondo Rimini, 4 Novembre 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l'lca? LCA di sistemi energetici per la produzione di energia da biomasse: come affrontare il problema dell

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

LCA a supporto della gestione integrata dei rifiuti: il caso dell Ente di Bacino Padova2

LCA a supporto della gestione integrata dei rifiuti: il caso dell Ente di Bacino Padova2 Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it monia.niero@cesqa.it LCA a supporto della gestione

Dettagli

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment)

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Dr. Daniele Cespi Dr. Fabrizio Passarini Dr. Luca Ciacci Dr. Ivano Vassura Prof. Luciano Morselli

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore:

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS)

APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS) 1 ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS) Presentazione del progetto e dei risultati principali Life Cycle Engineering, Torino 2005 Life Cycle Engineering: Chi

Dettagli

Un azienda sostenibile

Un azienda sostenibile Un azienda sostenibile I combustibili fossili (greggio, gas e carbone) sono ancora oggi le fonti energetiche più utilizzate, contribuendo per oltre l 80% al consumo mondiale di energia. Il loro indiscusso

Dettagli

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI -INDICE- La presentazione è così composta: L energia elettrica Fonti e produzione Utilizzi e applicazioni Rendimento energetico

Dettagli

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Zanotelli D 1, Ciarapica F 1-2, Fadanelli L 3, Mazzetto F 1, Tagliavini M 1 1. Facoltà di Scienze e Tecnologie, Libera Università

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 4. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 4. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 4 Angelo Bonomi LA COMPLESSITA DELLE TECNOLOGIE Uno dei problemi riguardanti la valutazione delle tecnologie risiede

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Abstract ANALISI DEL CICLO DI VITA DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI NUSCO

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6 Angelo Bonomi ECONOMIA E AMBIENTE Il documento Draft Reference Document on Economics and Cross- Media Effects

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio Titolo intervento Ambiente e sostenibilità per la tua Azienda sono un costo?.noi lo trasformiamo in ricchezza. Relatore: : Gian Piero Zattoni Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto

Il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto Con il Protocollo di Kyoto i paesi industrializzati si impegnano a ridurre, durante il primo periodo di applicazione, 2008-2012, il totale delle emissioni di sei gas ad effetto serra,

Dettagli

Energia: indici e misurazione

Energia: indici e misurazione nergia: indici e misurazione Introduzione La richiesta energetica di un processo produttivo incide in maniera sostanziale sul suo impatto ambientale; le ragioni alla base di questa affermazione vanno ricercate

Dettagli

Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale

Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Torino, 18 Aprile 2012 Arch. Stefano Dotta Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Prof. Antonio Scipioni Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Perché questo studio è stato scelto come esempio? Realizzare un indagine LCA (Life Cycle Analysis analisi del ciclo di vita) è un progetto complesso, che occupa

Dettagli

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato Fabrizio Piva - Amministratore Delegato - CCPB srl Bologna e mail:

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto

Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto Ing. MARCO PIANA PVC Forum Italia- Centro di informazione sul PVC 1 Il PVC Forum Italia:

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

Confronto tra veicoli elettrici, veicoli tradizionali, ibridi ed ibridi

Confronto tra veicoli elettrici, veicoli tradizionali, ibridi ed ibridi Tavolo degli Esperti Analisi del ciclo di vita dei veicoli well to wheel Milano 12 Aprile 2012 Confronto tra veicoli elettrici, veicoli tradizionali, ibridi ed ibridi plug-in tramite LCA P.Girardi Introduzione

Dettagli

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Dipartimento di Energia DIEM DIIAR Dipartimento Ingegneria Civile e Ambientale Istituto Economia delle Fonti di Energia

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma 31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma Ciclo Ciclo dei dei rifiuti rifiuti Indice Indice 11 Raccolta Raccoltadifferenziata differenziata 11 Riciclaggio Riciclaggio 1/3

Dettagli

LCA E PREVENZIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI METODOLOGICI Ing. Lucia Rigamonti, PhD Ricercatrice al Politecnico di Milano - DICA Sezione ambientale E-mail:

LCA E PREVENZIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI METODOLOGICI Ing. Lucia Rigamonti, PhD Ricercatrice al Politecnico di Milano - DICA Sezione ambientale E-mail: LCA E PREVENZIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI METODOLOGICI Ing. Lucia Rigamonti, PhD Ricercatrice al Politecnico di Milano - DICA Sezione ambientale E-mail: lucia.rigamonti@polimi.it Tel.: 02-2399-6415 COSA E'

Dettagli

LCA applicata alla gestione sostenibile dei rifiuti

LCA applicata alla gestione sostenibile dei rifiuti LCA applicata alla gestione sostenibile dei rifiuti Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Polo Scientifico Didattico di Rimini Piazza Malatesta 30, Rimini (RN), Italy WORKSHOP

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10 Angelo Bonomi CONSIDERAZIONI SUL MONITORAGGIO Un monitoraggio ottimale dipende dalle considerazioni seguenti:

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Spinaci Cubello Foglia Più 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Valutazione della sostenibilità ambientale della produzione di bioetanolo di II generazione

Valutazione della sostenibilità ambientale della produzione di bioetanolo di II generazione Valutazione della sostenibilità ambientale della produzione di bioetanolo di II generazione Barberio Grazia Convegno della Rete Italiana LCA Padova 22 aprile 2010 La metodologia LCA: approccio proattivo

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore: Ing. Filippo Zuliani filippo.zuliani@unipd.it

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE Venerdì 10 Ottobre 2014 Palazzo della ricerca e della conoscenza Fondazione Edmund Mach San Michele all Adige (TN) IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Introduzione

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

Master professionista ambientale Mappa della sostenibilità. A cura di Massimo Marino

Master professionista ambientale Mappa della sostenibilità. A cura di Massimo Marino Master professionista ambientale Mappa della sostenibilità A cura di Massimo Marino SOMMARIO 1. IL CONTESTO 2. IL CARBON FOOTPRINT 3. LA METODOLOGIA LCA 4. ALCUNI ESEMPI IN CONCLUSIONE SOMMARIO 1. IL CONTESTO

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI DEL P.O. DI PISTOIA

ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI DEL P.O. DI PISTOIA Università degli Studi di Milano MASTER IN POLITICA ED ECONOMIA DELL AMBIENTE ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI DEL P.O. DI PISTOIA di Arianna Zampini Paolo Neri In collaborazione

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale:

Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale: LCA Food Lazio Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale: le aziende del Lazio verso l EXPO Milano 2015 Fondo Euorpeo Agricolo per lo sviluppo: L Europa investe nelle zone rurali Regione Lazio

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI Massimo Marino Life Cycle Engineering Torino www.life-cycle-engineering.it SOMMARIO Nel ultimi tempi si sta assistendo ad

Dettagli

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN SUSTAINABLE BUILDING DESIGN UN NUOVO MODO DI PROGETTARE: - CONCETTO DI SOSTENIBILITA - ALTA EFFICIENZA ENERGETICA - INNOVAZIONE: (B.I.M.) Building Information Modeling IL CONCETTO DI EDIFICIO SOSTENIBILE

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche Kick off meeting Progetto VIS Vivaismo Sostenibile Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche F. P. Nicese G. Lazzerini Attività previste Task 1 Razionalizzazione dell irrigazione e della

Dettagli

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Fotovoltaico Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Sviluppata alla fine degli anni 50 nell ambito dei programmi spaziali, per i quali occorreva disporre di una fonte di energia affidabile

Dettagli