Grafici 3D con Winplot

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grafici 3D con Winplot"

Transcript

1 Grafici 3D con Winplot Winplot è un ottimo programma freeware della Peanut Software per il disegno di grafici 2D e 3D. Queste note, attraverso semplici esempi, spiegano come usarlo mettendo in evidenza le sue molteplici potenzialità. Luglio 2007 Foxes Team 1

2 Indice Grafici 3D con Winplot...2 Funzioni esplicite...3 Assi e drawing box...3 Colore e superficie...5 Sezioni...8 Tabulazione...8 Livelli...9 Inserimento di testo...10 Funzioni parametriche...11 Lo strumento Slicer...12 Sezioni...12 Superfici di rivoluzione...12 Coordinate sferiche...15 Coordinate cilindriche...17 Reticoli cilindrici e cartesiani...18 Funzioni implicite...19 Curve di livello...19 Punti, segmenti e vettori...22 Testo agganciato...22 Lista...23 Curve...24 Curve discrete Curve continue...25 Meridiani...25 Moto lungo una curva...26 Animazione...26 Intersezioni...28 Tubi...31 Solidi per sezioni...33 Solidi di rivoluzione...35 Appendice...39 Mappa dei fonts...39 Funzioni e costanti...40 Foxes Team 1

3 Grafici 3D con Winplot Questo documento illustra la capacità di Winplot 1 di creare grafici 3D finalizzato allo studio delle superfici e delle curve matematiche nello spazio tridimesionale. Per iniziare un grafico 3D selezionare "3-dim" dal menu Window, opppure, più velocemente premendo F2. Verrà aperta una finestra, in tutto simile a quelle già viste per i grafici 2D, con lo stesso menu di base Se la finestra è diversa da quello vosualizzata significa che è disattivato l'opzione "Use defaults" del menu Window è disattivata. Suggeriamo di attivare sempre questa opzione e di gestire le specializzazioni (font, colore, sfondo, assi, griglie, ecc.) per mezzo di grafici-modelli costruiti ad hoc, così come è stato spiegato per i grafici 2D 1 Questo documento si riferisce alla versione di Winplot compilata il 11.May.2007 Foxes Team 2

4 Funzioni esplicite Sono definite da un equazione esplicita del tipo z = f ( x, y) Winplot può tracciare efficientemente queste funzioni dal Menu : Window / 3-Dim, Menu : Equa / Explicit Per default, la funzione impostata è: sin(xx+yy)/(xx+yy), ovvero: 2 2 sin( x + y ) z = 2 2 x + y Nel range -π x π, -π y π con 36 divisioni per ogni intervallo. Il range z min z z max viene calcolato automaticamente dal programma. I valori (x min, y min, z min, x max, y max, z max ) definiscono il parallelepipedo in cui viene disegnato il grafico (drawing box). Vedremo successivamente come cambiare le sue dimensioni. Il grafico a sinistra mostra la superficie della funzione f(x, y) Notare che la funzione non è definita nell'origine ma si può dimostrare che 2 sin( x + y lim x x + y y 0 2 ) = 1 Nonostante la singolarità in (0,0), Winplot crea il grafico corretto Il grafico puo essere ingrandito o ridotto semplicemente con i tasti "Pag " o "Pag ", o dal menu view/zoom, (ma i tasti sono molto più utili). Nel menu view/zoom si può impostare il fattore di ingrandimento o riduzione per mezzo del parametro "Factor..."; valori 1.1 o 1.2 funzionano bene. Il grafico puo essere ruotato in alto o in basso, a destra e sinistra semplicemente con i tasti freccia " " o " ", " " o " " o dal menu view/rotate. Sempre nel menu si può definire la velocità di rotazione con il parametero "Angle..."; valori usuali sono da 1 a 6. Adesso vediamo come aggiungere altri elementi grafici quali assi, drawing box, colori, ecc. Assi e drawing box. Dal menu View/Axes, selezionare "Axes" (Ctrl+A), "Shows Label", "Arrows" La lunghezza degli assi viene calcolata automaticamente e le etichette "x", "y", "z" sono poste alle estremità degli assi stessi. A seconda della rotazione, qualche volta, le etichette non sono ben visibili (come l'asse z del grafico a sinistra). In tal caso si può impostare la lunghezza degli assi dal menu View/Axes/Lock lengths... Foxes Team 3

5 Imposta la lunghezza dell'asse z da 1.3 a 2.5. Per ripristinare il calcolo automatico selezionare "unlock" La "scatola" del grafico puo essere attivata dal menu View/Box/Box (ctrl+b) View/Box/ View/Box/ Il comando "Hide segment" elimina le line nascoste, cioè quelle che sono coperte dalla superficie. Nota che questo comando elimina anche le linee degli assi Quando si vogliono contemporaneamente vedere gli assi e la scatola, un compromesso accettabile è quello di lasciare i segmenti nascosti dando meno contrasto alla scatola, ad esempio, scegliendo il colore grigio nel menu View/Box/Color... Il punto di osservazione del grafico (observer) sono le coordinate (x o, y o, z o ) in cui s'immagina posizionato l'occhio dell'osservatore. Per visualizzare/modificare le coordinate dell' osservate selezionare View/Observer/Coordinates... Muovendo il grafico con i tasti freccia, i tasti PagUp e PagDn, si può vedere che il punto di osservazione cambia conseguentemente. Selezionando "spherical" e "degrees" le coordinate sono trasformate in sferiche (ρ, θ, φ). Normalmente il punto di osservazione è calcolato da WinPlot per un buona visione e non c'è bisogno di modificarlo. Solo per particolari effetti il punto di osservazione può essere avvicinato o allontanato per mezzo dei tasti "Ins" e "Del". O Foxes Team 4

6 Nota. Giocando con il punto di osservazione è facile "perdersi". Per ripristinare un corretto punto di osservazione selezionare View/Observer/Isometric. Colore e superficie I grafici, appaiono come un reticolo di maglie rettangolari. Solitamente i grafici così ottenuti sono già sufficientemente buoni. Mediante alcuni parametri (non proprio immediati) è però possibile aggiungere le ombre, colorare la superficie, aggiungere il reticolo, colorare la superficie interna diversa da quella esterna, ecc. Vediamo come Aprire la finestra "Inventory" che contiene il catalogo delle funzioni e curve. Selezionare la funzione e poi il tasto "edit" "Spectrum": disegna la superficie continua Grid : visualizza la griglia sulla superficie continua Color A: sceglie il colore della superficie La funzione "spectrum" disegna la superficie continua ombreggiata con zone scure e chiare. Per una buona riuscita selezionare un colore (A) molto chiaro: ad esempio giallo. La possibilità di colorare differentemente la superficie interna da quella esterna è molto utile nei grafici in cui si osservano contemporaneamente le due facce della superficie. Foxes Team 5

7 Ad esempio tracciamo il grafico del paraboloide: 2 2 = x y per 1 x 1, 1 y 1 z + Attivare il Box, selezionare "hide segments" e scegliere il colore per la griglia. Il grafico apparirà come nella figura a sinistra. Adesso selezionare "Col 1" per il colore interno (esempio verde) e "Col 2" per il colore esterno (ad esempio giallo) ed attivare "Shade" (assicurarsi che l'opzione "Spectrum" sia deselezionata). A colpo d'occhio risulta più evidente il contrasto fra la faccia interna e quella esterna della superficie. Ovviamente questa distinzione non vale per quelle speciali superfici che hanno una sola faccia come, ad esempio, il nastro di Mobius, la cui equazione parametrica è la seguente. [ x = cos(t)-0.5u*cos(t)sin(t/2), y = sin(t)-0.5u*sin(t)sin(t/2), z = 0.5u*cos(t/2) ] 0 t 2π, -1 u 1 In questo caso, l'algoritmo inizia a colorare ogni piccolo rettangolo della griglia (che ha due superfici) con il colore blu da un lato e il colore giallo dall'altro. L'algoritmo termina quando tutti i rettangoli sono stati colorati ma, poiché in realtà la superficie è unica, ad un certo punto i rettangoli blu si incontrano necessariamente con quelli gialli. Il punto di contatto è evidenziato dal netto contrasto dei due colori. Foxes Team 6

8 La scatola del grafico, oltre a dare l'idea dello spazio tridimensionale occupato, serve anche per contenere la superficie entro limiti finiti. Questo viene utile quando si lavora con funzioni illimitate all'interno del range D (x min < x < x max, y min < y < y max ). Ad esempio si vuole tracciare il grafico della funzione 1 z = 2 2 x + y, 1 x 1, 1 y 1 La funzione non è definita nell'origine (0,0) ed è illimitata. Questo fatto comporta una difficoltà intrinseca nel calcolare le dimensioni della scatola di disegno. Probabilmente il grafico ottenuto assomiglierà a quello a sinistra. Le dimensioni del Box sono visibili con il tasto "Box" del pannello "Inventory" E' possibile limitare il lati della scatola di disegno inserendo 6 opportuni valori e selezionando "Lock position" Nel nostro caso è sufficiente inserire solo il vincolo 0 < z < 10 per avere un grafico accettabile Nota. L'opzione "Lock position" blocca tutte le 6 dimesioni impostate nel pannello "Dimension Box", relativamente alla funzione selezionata. Ricordarsi di rimuovere il lock quando si desideral fa ricalcolare automaticamene le dimensioni. L'opzione "cap extremes" determina l'aspetto della parte di superficie "bloccata" dal vincolo impostato. Il modo migliore per capire il funzionamento è osservare l'effetto che produce, come mostrano i grafici seguenti. Come si vede, la funzione "cap extremes" sostituisce la parte della superficie mancante con la faccia superiore della scatola (piano z = 10) Foxes Team 7

9 Sezioni Sezionare un superficie con piani longitudinali è utile per vedere l'interno del grafico. Questo può essere fatto sia impostando i vincoli nel box, sia impostando i vincoli nel dominio D (x min < x < x max, y min < y < y max ) Ad esempio, per rimuovere la parte anteriore del grafico basta impostare un range (-1 < y < 0.2) oppure impostare il vincolo y < 0.2 nel box. Le immagini seguenti mostrano il risultato delle due elaborazioni. Nota. Nella seconda immagine è stata deselezionata l'opzione "cap extremes" altrimenti la parte anteriore sarebbe stata coperta dalla faccia della scatola impedendo così la vista interna. Nota che, per entrambe le immagini sono stati impostati 3 differenti colori per: griglia, superficie interna ed esterna Tabulazione Per tutti i grafici definiti nel catalogo è possibile ottenere la tabella dei dati numerici calcolati. Per questo è sufficente premere il tasto "table" del pannello "Inventory", dopo aver selezionato la funzione voluta. In genere i dati sono organizzati in una matrice (n x m) di rige e colonne: la prima colonna contiene i valori della variabile x mentre la prima riga contiene i dati della variabile y. I dati interni corrispondono al valore della variabile z = f(x i, y j ) Foxes Team 8

10 I dati della finestra possono essere selezionati (ctrl+a), copiati (ctrl+c) e importati (ctrl+v) in un foglio elettronico come Excel o Calc per ulteriori elaborazioni. Il grafico a destra è stato realizzato, ad esempio, importando i dati in una matrice Excel, con il tipo di grafico "Superficie". Livelli E' possibile tracciare le curve di livello su una superficie tridimesionale. Dopo aver selezionato la funzione voluta, premere il tasto "levels" del pannello "Inventory". Il pannello sembra molto complicato ma, per fortuna, le funzionalità veramente necessarie sono poche. Il passo h e il numero dei livelli sono legati dalla formula: h = (z max -z min )/(n+1) quindi per avere un passo h=0.05 fra 0 z 1 si deve impostare n = 21 livelli Si deve inserire i valori low = 0 e high = 1 (ignorare curr) Premendo "auto" verrano calcolati le coordinate dei 21 livelli. Premendo "keep changes" i livelli saranno trasferiti sul grafico Premendo "see all" i livelli verrano visualizzati sul piano xy in un grafico 2D separato. Per cancellare i livelli, premere "del all" e poi ancora "keep changes". Per tracciare un solo livello, inserire il valore del livello nel campo "curr", premere "search curr" e poi ancora "keep changes". Attenzione che per fermare la ricerca, spesso, si deve premere il tasto "Q" (Quit) Il tasto "discard changes" è equivalente a "exit": chiude la finestra senza fare nessuna variazione al grafico NB. I livelli tracciati su un grafico 3D sono molto utili ma anche molto pesanti da punto di vista elaborativo e i movimenti del grafico risultano estremamanete più lenti. Quindi i livelli devono essere usati solo quando servono e comunque in numero limitato. Foxes Team 9

11 Inserimento di testo 2 2 ( x + y) Esempio. Creare il grafico della funzione z = y e per 2 x 2, 0 y 6, e tracciare alcune curve di livello. Scegliamo n = 21 curve fra 0< z < 1, per aver un passo h = 1/(21-1) = 0.05 Mediante i tasti "next level" and "see curr" è possibile visualizzare la singola traccia di livello. Winplot non aggiunge automaticamente le etichette ai livelli e quindi è consigliabile aggiungere almeno due marche di livello manualmente y Per inserire un semplice testo nei grafici, selezionare l'opzione "Text" dal menu "Btns". Questo comando attiva la funzionalità di editor direttamente dal tasto destro del mouse. E' possibile agganciare il testo alla figura o alla finestra e modificare gli attributi più importanti (font, colore, background, etc). Con un po' di pazienza si trova la combinazione giusta. Per muovere i testi basta semplicemente selezionarli con il tasto sinistro del mouse e trascinarli Foxes Team 10

12 Funzioni parametriche Le superfici generate dalle equazioni parametriche sono, in generale, molto più difficili da prevedere di quelle cartesiane esplicite ma permettono di creare dei grafici veramente sorprendenti, anche con espressioni analitiche realtivamente semplici. I parameteri t e v sono definiti in un dominio rettangolare D { t min t t max, u min u u max } x = f ( t, u) y = g( t, u) z = h( t, u) Una delle più belle superfici parametriche è 2 t x = sin u sin t (6 / 5) sicuramente la seguente 2 t 0 u π A prima vista risulta difficile immaginare che queste y = sin u cost (6 / 5) equazioni, apparentemente così semplici, modellano t π / 4 t 5π / 2 la superficie di una conchiglia (un nautilus per z = sin u cosu (6 / 5) l'esattezza). Vediamo il grafico generato da Winplot Dal menu Equa/Parametric... scriviamo le seguenti formule: x = 1.2^t*(sin(u)^2*sin(t)), y = 1.2^t*(sin(u)^2*cos(t)), z = 1.2^t*(sin(u)*cos(u)) Introduciamo il range t 7.85, 0 u Selezioniamo un colore chiaro (ad esempio giallo) ed attiviamo la funzione "spectrum" per creare gli effetti d'ombra. Altre viste suggestive si possono ottenere semplicemente per rotazione (tasti freccia). Foxes Team 11

13 Lo strumento Slicer. Nei grafici parametrici, le linee che formano la griglia corrispondono alle curve di livello per t e u costanti Wimplot offre una funzionalità eccellente, chiamata "slicer", per visualizzare e percorrere tutte le linee di livello del grafico in modo interattivo. Selezionando il menu One/Slicer... compare un pannelo di controllo dotato di barre scorrevoli che permettono di cambiare i valori dei parametri t e u in modo continuo. Nell figura sono evidenziate le line di livello per t =3.446 (circonferenza) e per u = (spirale). Si noti che l'intersezione delle curve di livello, perpendicolari fra loro, determinano qualunque punto della superficie. Un effetto ancora più spettacolare si ottiene attivando l'animazione tramite i tasti "autorev" o "autocyc" su i parametri "t" e "v". Sezioni Anche nei grafici parametrici è possibile sezionare la figura per mezzo del Box. Ad esempio, per "rimuovere" la parte superiore della conchiglia inserire il vincolo z < 0 Superfici di rivoluzione. Un particolare insieme di equazioni parametriche permettono di creare in modo facile ed efficiente tutte le superfici di rivoluzione. Ad esempio data una curva spaziale γ { x = f(u), y = g(u), z = h(u) }, la superficie di rivoluzione Γ generata intorno all'asse z ha equazioni parametriche x = f ( u) γ y = g( u) z = h( u) x = ρ( u)cost Γ y = ρ( u)sin t z = h( u) con ρ 2 ( u ) = f ( u) + g( u ) 2 Foxes Team 12

14 Nel caso che la curva sia piana e giaccia, ad esempio, sul piano x-z, le equazioni si semplificano in x = f ( u) γ y = 0 z = h( u) x = f ( u)cost Γ y = f ( u)sin t z = h( u) Ad esempio, si consideri la curva ellittica γ sul piano x-z di equazioni e la sua superficie di rivoluzione Γ attorno all'asse z: x = ( ) cosu γ y = 0 z = 0.3 sin u x = ( ) cosu cost Γ y = ( ) cosu sin t z = 0.3 sin u con 0 t 2π 0 u 2π Anche su questa superficie (un toro a sezione ellittica) è possibile effettuare delle sezioni. In questo caso risulta più semplice agire sui parametri "t" e "u" anziché sul box. Infatti i grafici seguenti sono stati ottenuti imponendo rispettivamente t 5 e u 1.5 Le formule parametriche sono in grado di modellare anche superfici aventi formule cartesiane molto complicate. Ad esempio la superficie: { x = u [4cost], y = u [4sint], z = 40-4u }, con -π t π, 0 u 10 e dove: [x] = floor(x), rappresenta la seguente piramide a base ottagonale irregolare. Per colorare la superficie esterna in modo differente da quella interna è stata usata la funzionalità "shade" Foxes Team 13

15 Con le superfici parametriche e le loro unioni si possono modellare una vasta di oggetti grafici x = cos(t); y = sin(t); z = u x = u; y = sin(t); z = cos(t) 0 < t < 2π, 0 < u < π x = max(min(sqr(2)*cos(t),1),-1); y = max(min(sqr(2)*sin(t),1),-1); z = u x = max(min(sqr(2)*cos(t),1),-1); y = u; z = max(min(sqr(2)*sin(t),1),-1) 0 < t < 2π, 0 < u < π x = int(u)*cos(t); y = int(u)*sin(t); z = u 0 < t < 2π, 0 < u < 2π x = int(u)*cos(t); y = int(u)*sin(t); z = 6-u 0 < t < 2π, 0 < u < 2π x = cos(t)*(cos(2t)^2+2)/3; y = sin(t)*(cos(2t)^2+2)/3; z = u/2, 0 < t < 2π, 0 < u < 2π x = 2cos(t); y = sin(t); z = u 0 < t < 2π, 0 < u < 2π Foxes Team 14

16 Coordinate sferiche Le coordinate sferiche permettono di definire superfici aventi simmetria centrale in modo molto compatto ed efficiente. Winplot consente di definire direttamente le equazioni in coordinate sferiche dal menu Equ/Spherical... r = f ( t, u) Le relazioni che legano le coordinate sferiche (r, t, u) alle coordinate cartesiane (x, y, z) sono x = r sin u cost y = r sin u sin t z = r cosu con 0 t 2π 0 u π r > 0 è il raggio vettore congiungente il punto all'origine. In coordinate sferiche, le superfici aventi una qualche simmetria radiale hanno equazioni molto semplici. La sfera unitaria, ad esempio, è caratterizzata dalla semplice equazione r = 1. Variando gli estremi dei parametri angolari "t" e "u" è possibile creare delle calotte e settori sferici 0 t 2π, π u 2π 0 t π, 0 u π/2 0 t π/2, 0 u π/2 Ovviamente è possibile effettuare sezioni orizzontali e verticali della sfera anche con il Box. Nel seguente esempio vengono definite 2 sfere concentriche di raggio 1 e 2. Ovviamente il grafico completo mostra solo la sfera esterna. Per vedere anche l'interno facciamo delle sezioni sulla sfera esterna -1 z 0-1 z 0-1 y 0 e -1 z 0 Foxes Team 15

17 La prima immagine della "scodella", è stata ottenuta disattivando l'opzione "caps extremes". Viceversa, le altre immagini del "nocciolo" sono state ottenute con l'opzione "caps extremes" attivata. Sebbene le coordinate sferiche siano vantaggiose nei casi evidenti di simmetria centrale, esse possono creare delle straodinarie superfici del tutto prive di simmetria centrale (ed anche imprevedibili. Pochi possono immaginare che le seguente semplici equazioni modellano delle... "conchiglie") r = 1/(1+t) r = 1/(t+1)+ sin(3u)/10 Le equazioni sferiche, quando non contengono la varibile "t", formano delle belle superfici di rivoluzione r = (cos 2 (4u)+2)/2 La sezione a sinistra è stata ottenuta imponendo π/2 < u < π per meglio evidenziare la superficie interna. Foxes Team 16

18 Coordinate cilindriche Le coordinate cilindriche permettono di definire superfici aventi simmetria rispetto all'asse z in modo molto compatto ed efficiente. Winplot consente di definire direttamente le equazioni in coordinate sferiche dal menu Equ/Cylindrical... z = f ( r, t) Le relazioni che legano le coordinate cilindriche (r, t, z) alle coordinate cartesiane (x, y, z) sono x = r cost y = r sin t z = z con 0 t 2π r > 0 è il raggio vettore congiungente il punto all'origine. In coordinate cilindriche, le superfici aventi una qualche simmetria assiale hanno equazioni molto semplici. Il cono di asse z, ad esempio, è caratterizzata dalla semplice equazione z = r e le superfici coniche si creano per semplice restrizione del dominio D { t min t t max, r min r r max } x z t r y 0< r< 1, 0 < t < 2π -1< r< 1, 0 < t < 2π 0< r< 1, 0 < t < 4 Superfici apparentemente molto complicate come quelle elicoidali, hanno, in coordinate cilindriche, equazioni estremamente semplici: z = t, con 0 < t < 2n π, dove n è il numero di avvolgimenti dell'elica z = t, 0< r< 1, 0 < t < 4π z = t, 0< r< 1, 0 < t < 8π z = t +r, 0< r< π, 0 < t < 2π Nonostante la semplicità formale dell'equazione, questo tipo di superficie è molto complesso e richiede un grande sforzo computazionale. Aumentando il numero dei pannelli (divisions) la precisione della figura migliora ma il tempo per il calcolo aumenta e i movimenti (zoom, rotate) diventano molto più lenti. Si deve trovare il giusto compromesso. Usualmente si sceglie un basso numero di divisioni radiali (10 20) e un alto numero di divisioni angolari (50 100) Foxes Team 17

19 Reticoli cilindrici e cartesiani La scelta fra sistema di coordinate cilindriche e cartesiane influisce nella semplificazione delle equazioni ed anche sull'aspetto finale del grafico. Infatti le superfici vengono disegnate "affettandole" attraverso superfici isolivello, che nel caso delle coordinate cartesiane sono piani perpendicolari agli assi x, y mentre in quelle cilindriche sono cilindri retti con l'asse su z e piani passanti per l'asse z stesso. Le curve che si ottengono dall'intersezione della superficie di cui si vuole il grafico con le superfici isolivello poste a distanza regolare forma il reticolo che dà l'aspetto finale del grafico Ovviamente la vista cambierà molto anche se si tratta della stessa superficie come mostra il seguente esempio Effetture il grafico della funzione 1 z = 3 x x + y 3, 3 y 3 Si tratta di un funzione esplicita il cui grafico può essere velocemente ottenuto dal menu Equa/Explicit...(vedi fugura a sinistra). Ma la stessa funzione può essere facilmente riscritta in coordinate cilindriche per mezzo delle trasformazioni polari. x = r cost 1 z 2 y = r sin t = 0 r 1+ r 3, 0 t 2π Inserendo queste equazioni dal menu Equa/Cylindrical... si ottiene il grafico a destra. x z y x z y Coordinate cartesiane Coordinate cilindriche NB. Per ottenere i grafici abbiamo attivato il box (View/Box...) con le opzioni: " View/Hide segments" e " View/Box/Cube". Lo "Slicer" (menu One\Slicer...") permette poi di evidenziare le curve isolivello di ogni reticolo. Quale rappresentazione è migliore? Impossibile dirlo. Entrambe realizzano un ottimo effetto tridimensionale. Entrambe hanno vantaggi e svantaggi ed ognuna mette in evidenza aspetti differenti della stessa superficie. La curvatura nel punto di massimo è resa molto bene nel grafico destro ma l'effetto di "stress" della superficie nell'intorno dell'origine è reso meglio nel grafico di sinistra. Di volta in volta, a seconda dei casi, si sceglie una rappresentazione in funzione di ciò che si vuole evidenziare Foxes Team 18

20 Funzioni implicite Le superfici generate dalle equazioni cartesiane implicite f ( x, y, z) = 0 definite in un dominio D { x min x x max, y min y y max z min z z max }, a dispetto della loro apparente semplicità sono tuttaltro che semplici da rendere in formato grafico. Diversamente dalle equazioni esplicite e parametriche, per quelle implicite non esistono algoritmi efficienti. Le superfici vengono ottenute attraverso le line di livello, cioè "affettando" il dominio con dei piani equidistanti e paralleli ai 3 piani cartesiani. Ad esempio, per creare le curve di livello parallele al piano "di terra" x-y occorre tagliare la figura con piani perpendicolari all'asse z, aventi equazioni z = k, con z min k z max Winplot consente di scegliere i piani taglio perpendicolari a x, y o z ottenendo curve di livello parallele a ogni piano cartesiano. Su ogni piano di taglio la funzione diviene f(x, y, k) = 0 con k costante Per calcolare tutti i punti xi, yi appartenenti ad un piano di taglio z = k, il programma risolve, con un processo iterativo, l'equazione implicita f(xi, yi, k) = 0. Il processo viene ripetuto per ogni piano, cioè per ogni curva di livello. Da quanto detto, appare evidente che l'elaborazione è estremamente lunga e Winplot non fa eccezione. Anche con un moderato numero di livelli, (ad esempio 37) il movimento del grafico sui normali PC è molto lento. Quindi le equazioni implicite sono da usarsi solamente quando non si conoscono le equivalenti equazioni esplicite cartesiane o parametriche Ad esempio si deve studiare la superficie descritta dalla seguente equazione 2( x + y ) + z = Separando la variabile z, si ha: z = 4 2( x + y ) Si osserva che affinché la parte destra sia positiva deve essere x < 2 1/4 1.2 e y < 2 1/4 1.2 ed inoltre z <2 Queste relazioni determinano il box di disegno del grafico. In Winplot, per inserire una funzione implicita, selezionare il menu Equ/Implicit... Digitare l'equazione completa 2(x^4+y^4)+z^2 = 4 Winplot propone le dimensioni del box che, in questo caso, sono sufficienti a contenere tutto il grafico. Accettare i valori e premere OK A questo punto, l'equazione compare nel pannello "inventory" ma il grafico non compare. Qualcosa di errato? No, semplicemente dobbiamo generare le curve di livello attraverso il tasto "levels" Curve di livello Winplot propone per default l'asse "z" e 37 livelli. Accettiamo e premiamo "auto". Il programma apre automaticamente una nuova finestra ed visualizza rapidamente e in sequenza tutte le curve di livello calcolate. Al termine chiudere la finestra (tanto non serve) con il comando "close" del suo menu. I dati delle curve di livello appaiono ora nella lista sottostante. Premere "keep changes" per trasferire nel grafico le curve di livello Foxes Team 19

21 NB. Le curve vengono tracciate lentamente, se il processo richiedesse troppo tempo, premere Q per interromperlo Presumibilmente il posizionamento del grafico è diventato ora molto lento. Per effettuare il movimento in modo più rapido conviene attivare la visualizzazione degli assi, nascondere momentaneamente il grafico con il tasto "graph" della finestra "inventory". Muovere ora gli assi (zoom e rotate) fino a portarli nella posizione e nella scala voluta. Riattivare il grafico premendo ancora il tasto "graph". NB. le curve di livello danno l'idea della superficie ma non si possono attivare gli effetti di colore e ombra (shade, spectrum, grid) come per le altre superfici. E' possibile variare solo il colore E' possibile vedere tutte le superficie di livello proiettate in un piano, perpendicolare all'asse z nel nostro caso. Per far questo aprire il pannello "levels" e premere il tasto "see all". Il grafico delle curve di livello può essere poi manipolato aggiungendo gli assi, griglie, testo, ecc. Le curve di livello possono essere generate per ogni asse e trasferite sul grafico, indipendentemente le une dalle altre. Per avere una buon effetto 3D le curve di livello per l'asse x e y si visualizzano insieme, mentre quelle per l'asse z si visualizzano da sole. Vediamo di creare le curve per x e y. Cancelliamo prima di tutto le curve dell'asse z con il tasto "del all". Selezioniamo l'opzione "x", scegliamo il colore, e premiamo il tasto "auto". Dopo avere chiuso la finestra dei livelli, premiamo il tasto "keep changes" per trasferire le curve sul grafico, che apparirà come a sinistra Ripetiamo il procedimento per l'asse "y". Il grafico finale aprirà come a destra Curve di livello rispetto all'asse x Curve di livello rispetto all'asse x e y Come si vede l'effetto 3D è ottimo anche con un moderato numero di curve di livello (37 x 37) Notare che, diversamente dalle equazioni parametriche, le curve di livello non sono, in generale, perpendicolari fra loro. Foxes Team 20

22 Anche con le curve di livello è possibile usare il box per effettuare delle sezioni. In generale risultano molto meno chiare delle altre ma possono essere talvolta utili. Nel nostro esempio basta imporre la condizione -2.2 < z < 0 per eliminare la parte inferire del grafico Foxes Team 21

23 Punti, segmenti e vettori Elementi semplici quali punti e segmenti, solitamente trascurati, possono essere vantaggiosamente aggiunti ad ogni grafico 2D o 3D per dare l'aspetto più curato e professionale.. Dal menu Equ/Point si possono inserire punti con diversi tipi di coordinate: rettangolari, sferiche, cilindriche I segmenti possono essere tracciati con una freccia ("arrow") ad un estremo per rappresentare i vettori. Interessante è la possibilità di tracciare automaticamente le linee di proiezione di ogni punto ("anchors"), tratteggiate o continue Selezionare "p1" per aggiungere una freccia nel primo estremo del segmento; "p2" nel secondo estremo o "both" ad entrambi. Se non si vuole le frecce selezionare "none". E' possibile variare il colore per mezzo del tasto "colors" e lo spessore delle line ("pen width") e la grandezza dei punti ("dot size"); per una buona riuscita estetica è consigliabile scegliere la grandezza dei punti doppia di quella delle linee. Il colore, ovviamente, è a piacere. La variabile "plot... pts" dei segmenti serve per dividere il segmento in parti uguali ma non ha effetto sul grafico. Le coordinate dei punti di divisione, sempre maggiori o uguali a 2, sono visibili per mezzo del comando di tabulazione ("tab" del pannello "inventory"). Testo agganciato I punti offrono un utile mezzo per "agganciare" del testo al grafico. Ad esempio vogliamo inserire il testo che indichi le coordinate del punto stesso chiamato ad esempio "P(1,1,1)". Attivare la modalità testo dal menu Btns\Text e cliccare con il tasto destro del mouse il grafico per aprire l'editor. Inserire il testo voluto, attivare l'opzione "others" e selezionare il punto (1,1,1) della lista a fianco. Chiudere il pannello e trascinare il testo con il mouse nella posizione voluta, solitamente vicino al punto a cui è agganciato. In tal modo, quando il grafico viene ruotato, il punto e quindi il testo agganciato, seguiranno rigidamente il movimento della figura. Ad un punto possono essere rigidamente agganciati quanti testi vogliamo, posizionati in tutte le parti del grafico. NB. Un testo agganciato segue anche il cambio di scala. Tuttavia, poiché il font è fisso, la dimensione del testo non segue il corrispondente cambio di scala. Può accadere quindi che il testo vada a nascondere una parte del grafico, per cui sarà necessario cambiare manualmente il font del testo. Foxes Team 22

DISPENSA DI GEOMETRIA

DISPENSA DI GEOMETRIA Il software di geometria dinamica Geogebra GeoGebra è un programma matematico che comprende geometria, algebra e analisi. È sviluppato da Markus Hohenwarter presso la Florida Atlantic University per la

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI PROPRIETA : Finestra Proprietà (tasto destro mouse sull oggetto) Fondamentali: permette di assegnare o cambiare NOME, VALORE, di mostrare nascondere l oggetto, di mostrare

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM)

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Origin lavora solo in ambiente Windows, ma ci sono degli omologhi per linux e apple. Sui computer del laboratorio è installato windows XP e troverete la

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

Piccola guida all'uso del programma GRAPH

Piccola guida all'uso del programma GRAPH Piccola guida all'uso del programma GRAPH Che cosa e'? E' un programma per disegnare grafici di funzioni e delle loro derivate, per calcolare integrali, trovare le soluzioni di una equazione o di un sistema

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

Il software libero nella didattica

Il software libero nella didattica Il software libero nella didattica Software libero per la Matematica JFractionLab, KBruch, Kig, KAlgebra, KmPlot, Lybniz, Geogebra, OpenEuclide, DrGeo, CaRMetal LibreOffice/OpenOffice al posto di Microsoft

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Costruire formule in Excel Per gli utenti di altri programmi di foglio di calcolo, come ad esempio Lotus 1-2-3,

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Lezione 1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Informazioni generali sulla progettazione delle strutture È possibile creare segmenti di percorso e strutture utilizzando l applicazione Progettazione

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO.

1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO. 1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO. Excel esegue una analisi della riga introdotta o modificata in una cella per stabilire se si tratta di un valore e di che tipo (numero semplice, data, formula,

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Gli oggetti 3D di base

Gli oggetti 3D di base Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti

Dettagli

Introduzione a Cabri 3D

Introduzione a Cabri 3D Università degli Studi di Ferrara Corso di Laurea Magistrale in Matematica Laboratorio di Didattica della Matematica Anno accademico 2011-2012 Introduzione a Cabri 3D un software per la geometria dello

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Grafici 2D con Winplot

Grafici 2D con Winplot Grafici 2D con Winplot Grafici 2D con Winplot Winplot è un ottimo programma freeware della Peanut Software per il disegno di grafici 2D e 3D. Queste note, attraverso semplici esempi, spiegano come usarlo

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove.

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove. Foto di Federica Testani, Flickr Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1 materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove 1 di 24 Gestire i dati con Calc Strutturare

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 50. Uno stile immagine

G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 50. Uno stile immagine G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 50 Uno stile immagine Creare un disegno Se non si riesce a trovare il disegno che serve, si possono utilizzare gli strumenti di disegno di PowerPoint.

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Tutorial e lavoro su altre caratteristiche di Grasshopper Arch. A. Di Raimo

Tutorial e lavoro su altre caratteristiche di Grasshopper Arch. A. Di Raimo Tutorial e lavoro su altre caratteristiche di Grasshopper Arch. A. Di Raimo Abbiamo già introdotto il concetto di parametro: come abbiamo osservato si tratta ancora di una variabile che ci permette di

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona

Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Numero di pubblicazione spse01510 Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Numero di pubblicazione spse01510 Informativa sui diritti di

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

Time Line: File=>Nuova Chiave Scorciatoia: Nessuna

Time Line: File=>Nuova Chiave Scorciatoia: Nessuna 356 Animare il Progetto del Logo 3D Si aprirà il dialogo della Sequenza. Cambiare la sequenza per farla iniziare al Fotogramma 91 e terminare al Fotogramma 160. Clic su OK. Passo 6. Rotazione Sequenza

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11

Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11 Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11 Corso di formazione rivolto a insegnanti delle Superiori Giuseppe Accascina accascina@dmmm.uniroma1.it

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Comandi base di Autocad

Comandi base di Autocad Comandi base di Autocad Gli appunti di Autocad che seguono sono generali, ma possono subire qualche lieve variazione in base alla versione utilizzata oppure nelle versioni più recenti possono essere stati

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare)

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Traduzione di Eros Bottinelli Introduzione Un documento di Pencil è basato sui livelli. Ci sono attualmente quattro tipi

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

Capitolo 4. Introduzione dati: generazione del modello della struttura

Capitolo 4. Introduzione dati: generazione del modello della struttura Capitolo 4 Introduzione dati: generazione del modello della struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle opzioni per la realizzazione del modello della struttura. Sono riportati

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli