Concetti fondamentali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concetti fondamentali"

Transcript

1 D I S C H I R I G I D I In questo documento vengono illustrati alcuni concetti fondamentali sul partizionamento di dischi rigidi. In alcune sezioni sono inclusi suggerimenti per l utilizzo di prodotti della PowerQuest. Cos è un disco rigido? Cosa significa formattare un disco? File system Partizioni Avvio di un computer Gestione delle partizioni Come liberare spazio su disco prima di ingrandire una partizione FAT Partizioni nascoste Le lettere di unità Limite del cilindro del BIOS Limite del codice di avvio a 2 GB Modifica delle impostazioni della modalità LBA del BIOS Ripristino dei file di sistema 1

2 Cos è un disco rigido? Un disco rigido o unità è la parte del computer responsabile della memorizzazione a lungo termine delle informazioni. A differenza della memoria volatile (cui spesso si fa riferimento come RAM) che perde le informazioni memorizzate una volta che il computer viene spento, un disco rigido memorizza le informazioni in modo permanente, consentendo di salvare programmi, file ed altri dati. I dischi rigidi hanno inoltre capacità di memorizzazione molto superiori alla RAM, infatti possono attualmente contenere più di 40 GB di spazio per la memorizzazione. Componenti di base di un disco rigido Un disco rigido è composto da quattro parti basilari: piatti, un albero, testine di lettura/scrittura e componenti elettronici integrati. Figura 1: Componenti di base di un disco rigido I piatti sono dischi rigidi di metallo o di plastica. Entrambi i lati del piatto sono ricoperti da un sottile strato di ossido di ferro o di altro materiale magnetizzabile. I piatti sono montati su un asse centrale o albero, che fa ruotare tutti i piatti alla stessa velocità. Le testine di lettura/scrittura sono montate su bracci che si estendono su entrambe le superfici, superiore ed inferiore, di ogni disco. Vi è almeno una testina di lettura/scrittura per ogni lato di ciascun piatto. I bracci si muovono unitamente in avanti e all indietro tra il centro ed i bordi esterni del piatto; questo movimento, insieme alla rotazione del piatto, consente alle testine di lettura/scrittura di accedere a tutte le aree del piatto. I componenti elettronici integrati traducono i comandi dal computer e spostano le testine di lettura/scrittura su aree specifiche dei piatti, leggendo e/o scrivendo i dati necessari. 2

3 In che modo i dati vengono memorizzati e richiamati? I computer registrano i dati sui dischi rigidi sotto forma di serie di bit binari. Ogni bit viene memorizzato come carica magnetica (positiva o negativa) sul rivestimento di ossido del piatto di un disco. Quando un computer salva i dati, li invia al disco rigido sotto forma di serie di bit. Quando il disco riceve i bit, utilizza le testine di lettura/scrittura per registrarli magneticamente o scriverli sui piatti. I bit di dati non vengono necessariamente memorizzati in successione; ad esempio, i dati in un file possono essere scritti in aree diverse di piatti diversi. Quando il computer richiede i dati memorizzati sul disco, i piatti ruotano e le testine di lettura/scrittura si spostano in avanti e all indietro sulle aree di dati specificate. Le testine di lettura/scrittura leggono i dati mediante la determinazione del campo magnetico di ogni bit, positivo o negativo, quindi trasmettono le informazioni al computer. Le testine di lettura/scrittura possono accedere a qualsiasi area dei piatti in qualsiasi momento, consentendo di accedere ai dati in modo casuale (invece che sequenziale, come per un nastro magnetico). Grazie a questa possibilità di accesso casuale dei dischi rigidi, essi in genere sono in grado di accedere ai dati in pochi millesimi di secondo. Cosa significa formattare un disco? I computer devono essere in grado di accedere alle informazioni necessarie a comando; in ogni caso, anche il più piccolo disco rigido può memorizzare milioni e milioni di bit. In che modo il computer sa dove cercare le informazioni necessarie? Per risolvere questo problema, i dischi rigidi sono organizzati in divisioni singole, identificabili, che consentono al computer di trovare in modo semplice una particolare sequenza di bit. La forma più semplice di organizzazione del disco viene chiamata formattazione. La formattazione prepara il disco rigido in modo che i file possano essere scritti sui piatti e quindi richiamati rapidamente quando necessario. I dischi rigidi devono essere formattati in due modi: fisicamente e logicamente. Formattazione fisica del disco Prima di poter essere formattato logicamente, un disco rigido deve essere formattato fisicamente. La formattazione fisica di un disco rigido (denominata anche formattazione di basso livello) viene in genere eseguita dal costruttore. PowerQuest Corporation 3

4 La formattazione fisica (illustrata nella Figura 2 riportata di seguito) divide i piatti del disco rigido negli elementi fisici di base: tracce, settori e cilindri. Questi elementi definiscono il modo in cui i dati vengono registrati fisicamente e letti. Figura 2: Formattazione fisica di un disco rigido standard Le tracce sono percorsi circolari concentrici scritti su ogni lato di un piatto, come quelli su un disco audio o su un CD. Le tracce vengono identificate da un numero, a partire dalla traccia zero fino al bordo più esterno. Le tracce sono divise in aree più piccole o settori, utilizzati per memorizzare una quantità fissa di dati. I settori vengono in genere formattati per contenere 512 byte di dati (in un byte vi sono otto bit). Un cilindro è composto da una serie di tracce che si trovano alla stessa distanza dall albero su entrambi i lati di tutti i piatti. Ad esempio, la traccia tre su ogni lato di ciascun piatto si trova alla stessa distanza dall albero. Immaginando queste tracce collegate in senso verticale, la serie va a costituire la forma di un cilindro. L hardware ed il software del computer utilizzano spesso i cilindri. Quando i dati sono scritti nei cilindri, è possibile accedervi senza dover spostare le testine di lettura/scrittura. Dal momento che il movimento della testina è lento se paragonato alla rotazione del disco ed al passaggio tra le testine, i cilindri riducono di molto il tempo di accesso ai dati. Dopo che un disco viene formattato fisicamente, le proprietà magnetiche del rivestimento del piatto possono deteriorarsi gradualmente. Di conseguenza, diventa sempre più difficile per le testine di lettura/scrittura leggere o scrivere i dati nei settori danneggiati del piatto. I settori che non possono più essere utilizzati per contenere i dati vengono denominati settori danneggiati. Fortunatamente, la qualità dei dischi moderni è tale che i settori danneggiati sono rari. Inoltre, molti dei computer moderni possono determinare quando un settore è danneggiato, e, se ciò accade, il computer semplicemente contrassegna il settore come danneggiato (in modo che non verrà più utilizzato) e quindi utilizza un settore alternativo. 4

5 Formattazione logica del disco Dopo che un disco fisico è stato formattato fisicamente, deve essere anche formattato logicamente. La formattazione logica inserisce un file system sul disco, consentendo a un sistema operativo (DOS, OS/2, Windows o Linux) di utilizzare lo spazio disponibile su disco per memorizzare e richiamare i file. I vari sistemi operativi (SO) utilizzano file system diversi, quindi la formattazione logica dipende dal SO che si intende installare. Per ulteriori informazioni sui file system, vedere la sezione File system a pagina 5. La formattazione dell intero disco rigido con un file system limita necessariamente il numero ed i tipi di SO che è possibile installare sul disco. Fortunatamente, esiste una soluzione a questo problema. Prima di formattare un disco logicamente, questo può essere diviso in partizioni. Ogni partizione può quindi essere formattata con un file system diverso, il che consente di installare più SO. La divisione del disco rigido in partizioni consente inoltre di utilizzare lo spazio su disco in modo più efficiente. Per ulteriori informazioni sulle partizioni, vedere la sezione Partizioni a pagina 9. File system Tutti i file system consistono in strutture necessarie per la memorizzazione e la gestione dei dati. Queste strutture in genere includono un record di avvio del sistema operativo, directory e file. Un file system esegue inoltre tre funzioni principali: 1) tiene traccia dello spazio assegnato e di quello libero, 2) gestisce le directory ed i nomi file e 3) tiene traccia del punto in cui è fisicamente memorizzato ogni file sul disco. I vari sistemi operativi utilizzano diversi file system. Alcuni SO possono riconoscere solo un file system, mentre altri SO possono riconoscerne vari. Di seguito vengono riportati alcuni dei più comuni file system: FAT (File Allocation Table) FAT32 (File Allocation Table 32) NTFS (New Technology File System) NetWare File System Linux Ext2 e Linux Swap FAT Il file system FAT viene utilizzato da DOS, Windows 3.x e Windows 95 (nella maggior parte delle installazioni). Il file system FAT è inoltre accessibile da Windows 98/Me/NT/2000 e da OS/2. PowerQuest Corporation 5

6 Il file system FAT è caratterizzato dall utilizzo di una tabella di assegnazione file (FAT) e dai cluster. La FAT è il cuore del file system; per sicurezza, la FAT viene duplicata per proteggere i dati che contiene dall eliminazione o dal danneggiamento casuali. I cluster sono la più piccola unità del sistema FAT per la memorizzazione dei dati; un cluster consiste di un numero fisso di settori del disco. La FAT registra i cluster utilizzati, quelli non utilizzati e dove si trovano i file all interno dei cluster. Il file system FAT supporta dischi o partizioni fino a 2 GB, ma consente solo un massimo di cluster. Quindi, indipendentemente dalle dimensioni del disco rigido o della partizione, il numero di settori in un cluster deve essere grande abbastanza da poter includere tutto lo spazio disponibile in cluster. Quanto maggiore è lo spazio disponibile, tanto maggiori devono essere le dimensioni dei cluster. In generale, cluster grandi tendono a sprecare più spazio di quelli piccoli. Per ulteriori informazioni sulla gestione delle dimensioni dei cluster, vedere Come utilizzare in modo efficiente lo spazio su disco (pagina 14). Il file system FAT utilizza anche una directory radice. Questa directory presenta un numero massimo di voci consentite e deve trovarsi in un punto specifico del disco o della partizione. I SO che utilizzano il file system FAT rappresentano la directory radice con la barra retroversa (\) ed inizialmente visualizzano questa directory all avvio. La directory radice memorizza le informazioni relativa a ciascuna sottodirectory e a ciascun file sotto forma di singole voci di directory. Ad esempio, una voce della directory di un file contiene informazioni quali il nome file, le dimensioni del file, una registrazione della data e dell ora che indica l ultima modifica al file, il numero di cluster iniziali (quale cluster contiene la prima parte del file) e gli attributi del file (ovvero nascosto o sistema). È possibile utilizzare l opzione Ridimensiona radice di PartitionMagic o VolumeManager per cambiare le dimensioni (numero di voci radice) disponibili in una directory radice FAT, entro i limiti predefiniti. Per ulteriori informazioni, consultare il manuale per l utente o fare riferimento alla Guida in linea. Tutte le funzionalità di PartitionMagic, Drive Image, BootMagic e VolumeManager possono essere utilizzate su un disco o una partizione FAT. 6

7 FAT32 Il file system FAT32 può essere utilizzato con Windows 95 OEM Service Release 2 (versione B), Windows 98, Windows Me e Windows DOS, Windows 3.x, Windows NT 3.51/4.0, le versioni di Windows 95 e OS/2 non riconoscono il file system FAT32 e non sono in grado di avviare il computer o utilizzare i file presenti in un disco o una partizione di tale tipo. FAT32 è un miglioramento del file system FAT e si basa sulle voci della tabella di assegnazione file a 32 bit, piuttosto che sulle voci a 16 bit utilizzate dal file system FAT. Come risultato, FAT32 supporta dischi più grandi o partizioni di maggiori dimensioni (fino a 2 terabyte). Il file system FAT32 utilizza cluster più piccoli del file system FAT, ha record di avvio duplicati ed una directory radice che può essere di qualsiasi dimensione e può trovarsi in qualsiasi punto del disco o della partizione. Su un disco o partizione FAT32 è possibile utilizzare tutte le funzionalità di PartitionMagic, Drive Image, BootMagic e VolumeManager tranne Ridimensiona radice, che non è necessaria. NTFS Il file system NTFS (New Technology File System) è accessibile soltanto da Windows NT/2000. Poiché NTFS utilizza un elevata quantità di spazio per le strutture di sistema, si consiglia di non utilizzare tale file system con i dischi di capacità inferiore a 400 MB. La struttura del sistema centrale del file system NTFS è la tabella file master (MFT). NTFS conserva più copie della parte critica della tabella file master come protezione contro il danneggiamento o la perdita di dati. Come FAT e FAT32, NTFS utilizza i cluster per memorizzare i file di dati; in ogni caso, la dimensione dei cluster non dipende dalle dimensioni del disco o della partizione. È possibile specificare dimensioni di cluster pari a 512 byte, senza tener conto delle dimensioni della partizione che può essere di 500 MB o di 5 GB. L utilizzo di cluster piccoli non solo riduce la quantità di spazio sprecato su disco, ma riduce anche la frammentazione dei file, una condizione in cui i file sono suddivisi in molti cluster non contigui che rallenta l accesso al file. Grazie alla possibilità di utilizzare cluster piccoli, NTFS fornisce ottime prestazioni su grosse unità. PowerQuest Corporation 7

8 Infine il file system NTFS consente di apportare correzioni rapide, ossia un processo attraverso il quale i settori danneggiati vengono automaticamente rilevati e contrassegnati in modo da non essere più utilizzati. Con NTFS possono essere utilizzate tutte le funzionalità di PartitionMagic, Drive Image e VolumeManager, tranne quelle specifiche per i file system FAT e FAT32: Ridimensionamento radice Modifica dimensioni cluster Conversioni limitate. È possibile convertire il file system NTFS in FAT o FAT32, nonché la partizione logica in primaria e viceversa. Esecuzione nuovo test settori danneggiati VolumeManager è in grado di accedere solo alle partizioni in Windows 2000 individuate sui dischi di base. Al momento non è possibile gestire i dischi dinamici di Windows 2000 con VolumeManager. Per ulteriori informazioni sui dischi di base e dinamici, fare riferimento alla documentazione di Windows NetWare File System Il sistema operativo NetWare della Novell utilizza il NetWare File System, che è stato sviluppato specificamente per essere utilizzato dai server NetWare. PartitionMagic e VolumeManager identificano le partizioni NetWare 3.x o 4.x, consentendo di vedere le informazioni relative a queste partizioni. Tutte le altre funzionalità di PartitionMagic e VolumeManager, in ogni caso, non possono essere utilizzate con il NetWare File System. Se è necessario spostare, ridimensionare, copiare o gestire in qualsiasi altro modo le partizioni NetWare, è possibile utilizzare ServerMagic per NetWare della PowerQuest. 8

9 Linux Ext2 e Linux Swap I file system Linux Ext2 e Linux Swap sono stati sviluppati per il SO Linux (una versione freeware di UNIX). Il file system Linux Ext2 supporta dimensioni del disco o delle partizioni massime di 4 terabyte. Con Linux Ext2 e Linux Swap è possibile utilizzare tutte le funzionalità di PartitionMagic, Drive Image, BootMagic e VolumeManager ad eccezione di quelle riportate di seguito: Linux Swap non presenta ID di volume pertanto l operazione di etichettatura non è disponibile. La funzione Mostra/Rendi visibili non funzionerà né in Linux Ext2 che in Linux Swap. Partizioni Dopo la formattazione fisica, un disco può essere diviso in sezioni fisiche o partizioni separate. Ogni partizione funziona come unità singola e può essere formattata logicamente con il file system desiderato. Una volta formattata logicamente, la partizione del disco viene denominata volume. Come parte dell operazione di formattazione, all utente viene richiesto di dare un nome alla partizione, denominato etichetta di volume. Questo nome aiuta ad identificare facilmente il volume. Perché utilizzare le partizioni multiple? Molti dischi rigidi sono formattati come una singola, grande partizione. Questa impostazione, però, non sempre garantisce il miglior utilizzo possibile dello spazio o delle risorse del disco. L alternativa è di dividere il disco rigido in partizioni. Usando partizioni multiple, è possibile: Installare più di un SO sul disco rigido Utilizzare nel modo più efficiente lo spazio disponibile su disco Rendere i file il più sicuri possibile Separare fisicamente i dati in modo da poter facilmente trovare i file ed eseguire il backup dei dati Nelle seguenti sezioni le partizioni vengono illustrate più dettagliatamente, aiutando a creare e ad utilizzare le partizioni per ottenere il massimo dal disco rigido. PowerQuest Corporation 9

10 Tipi di partizioni Esistono tre tipi di partizioni: primaria, estesa e logica. Le partizioni primarie ed estese sono le divisioni principali del disco; un disco rigido può contenere fino a quattro partizioni primarie o tre partizioni primarie ed una partizione estesa. La partizione estesa può essere ulteriormente divisa in diverse partizioni logiche. La figura che segue mostra un disco rigido che contiene quattro partizioni principali: tre partizioni primarie ed una partizione estesa. La partizione estesa è stata ulteriormente divisa in due partizioni logiche. Ogni partizione primaria è stata formattata per utilizzare un file system diverso (FAT, NTFS e HPFS). Le due partizioni logiche sono state entrambe formattate per utilizzare il file system FAT. Figura 3: Disco rigido partizionato e formattato Sebbene la figura 3 mostri tutte le partizioni su un lato di un solo piatto, nell utilizzo reale le partizioni sono probabilmente suddivise sui lati di più piatti. Partizioni primarie Una partizione primaria può contenere un sistema operativo insieme a vari file di dati (ad esempio file di programma o file utente). Prima di installare un SO, la partizione primaria deve essere formattata logicamente con un file system compatibile. Se sul disco rigido vi sono partizioni primarie multiple, può essere attiva e visibile solo una partizione primaria alla volta. La partizione attiva è la partizione dalla quale viene avviato il SO quando si accende il computer. Le partizioni primarie non attive sono nascoste, impedendo in tal modo l accesso ai dati che contengono. Così, ai dati in una partizione primaria può accedere (per tutti gli usi pratici) solo il SO installato su quella partizione. Se si pensa di installare più di un sistema operativo sul disco rigido, è probabilmente necessario creare partizioni primarie multiple in quanto la maggior parte dei sistemi operativi può essere avviata solo da una partizione primaria. 10

11 Partizioni estese La partizione estesa rappresenta un modo di aggirare il limite arbitrario di quattro partizioni. Una partizione estesa è essenzialmente un contenitore in cui è possibile dividere ulteriormente lo spazio fisico su disco creando un numero illimitato di partizioni logiche. Una partizione estesa non contiene direttamente i dati. È necessario creare partizioni logiche all interno di una partizione estesa per memorizzare i dati. Una volta create, le partizioni logiche devono essere formattate logicamente, ma ognuna può utilizzare un diverso file system. Partizioni logiche Le partizioni logiche possono esistere solo all interno di una partizione estesa e sono progettate in modo da contenere solo file di dati e SO che possono essere avviati da una partizione logica (OS/2, Linux e Windows NT). Avvio di un computer Il modo in cui un computer viene avviato da un disco rigido dipende dal modo in cui il disco rigido è diviso in partizioni e dal sistema operativo che viene avviato. Il processo di avvio di base Quando si accende il computer, l unità di elaborazione centrale (CPU) prende il controllo. La CPU esegue immediatamente le istruzioni del BIOS ROM del computer, un programma che contiene le procedure di avvio. L ultima parte delle istruzioni del BIOS contiene la routine di avvio. Questa routine è programmata per leggere il record di avvio principale (MBR) dal primo settore del primo disco rigido fisico. Figura 4: Disco rigido con record di avvio principale e tre record di avvio delle partizioni (specifici del SO) PowerQuest Corporation 11

12 Il MBR contiene un programma di avvio principale ed una tabella delle partizioni che descrive tutte le partizioni del disco rigido. La routine di avvio del BIOS esegue il programma di avvio principale che continua l avvio. Il programma di avvio principale ricerca nella tabella delle partizioni per vedere quale partizione primaria è attiva. Se vi è una sola partizione primaria, viene caricato il SO di quella partizione e viene messo in funzione. Se il disco rigido presenta più di una partizione primaria, ogni partizione avviabile presenta il proprio record di avvio memorizzato nel primo settore. Questo record di avvio conserva un programma di avvio progettato per avviare in modo specifico il SO installato in quella partizione. Questo record di avvio specifico del SO viene in genere scritto nella partizione quando la partizione viene formattata logicamente ma può anche essere aggiunto in un secondo momento con un utilità specifica del sistema operativo (ad esempio, l utilità DOS SYS). Dopo aver identificato la partizione attiva, il programma di avvio principale esegue il programma di avvio della partizione. A sua volta, il programma di avvio carica i file necessari del SO ed avvia il SO. Informazioni per l avvio specifiche del sistema operativo La maggior parte dei sistemi operativi, inclusi DOS e Windows 3.x/95/98/Me/NT/2000, dipendono dalla partizione primaria attiva quando eseguono l avvio da un disco rigido. In ogni caso, diversi sistemi operativi dipendono dalla partizione primaria attiva in modi diversi. DOS, Windows 3.x e Windows 95/98 devono essere avviati da una partizione primaria attiva sul primo disco rigido. Windows NT/2000 può essere avviato da una partizione logica purché il programma di avvio di tali sistemi operativi sia inserito nella partizione primaria attiva del primo disco rigido. OS/2 può essere avviato da una partizione logica, tuttavia la partizione estesa che contiene la partizione logica deve essere compresa nei primi 2 GB del disco rigido. In aggiunta, per installare OS/2, l utilità Boot Manager fornita con OS/2 deve essere presente sul disco rigido. 12

13 Gestione delle partizioni Nelle sezioni che seguono vengono illustrati i concetti e le operazioni di gestione delle partizioni del disco. Impostazione di una partizione primaria attiva (di avvio) Quando si creano partizioni primarie multiple per mantenere più sistemi operativi, è necessario indicare al computer da quale partizione primaria eseguire l avvio. La partizione primaria dalla quale viene avviato il computer viene denominata attiva. Se non vi è alcuna partizione primaria attiva sul primo disco rigido fisico, non sarà possibile avviare il computer dal disco rigido. AVVERTENZA: Prima di creare una partizione primaria attiva, assicurarsi che sia una partizione avviabile. Le partizioni avviabili sono formattate logicamente e vi sono installati i file necessari del SO. Le partizioni senza SO non possono essere avviate. L opzione Imposta attiva di PartitionMagic, VolumeManager e Drive Image consente di scegliere in modo semplice la partizione primaria che si desidera rendere attiva. Per ulteriori informazioni, consultare il manuale per l utente specifico del prodotto o fare riferimento alla Guida in linea. Ottimizzazione delle partizioni logiche La creazione di una partizione estesa e la successiva divisione in partizioni logiche consentono di: Accedere agli stessi file da più SO. Utilizzare in modo efficiente lo spazio su disco. Semplificare l accesso ai file e migliorarne la sicurezza. Questi tre aspetti verranno illustrati in dettagli nelle sezioni riportate di seguito. Come accedere agli stessi file da SO multipli Le partizioni logiche multiple non devono essere nascoste come le partizioni primarie. È possibile avere più partizioni logiche visibili contemporaneamente. Quindi, è possibile accedere ai dati memorizzati in una partizione logica da SO multipli installati in partizioni primarie o logiche diverse, se quella partizione logica utilizza un file system che il SO riconosce. PowerQuest Corporation 13

14 Ad esempio, fare riferimento alla figura del disco rigido suddiviso in partizioni riportata di seguito. Dal momento che DOS/Windows, Windows NT ed OS/2 riconoscono tutti le partizioni FAT, ognuna di queste tre partizioni primarie può essere attiva ed ancora in grado di riconoscere ed utilizzare i file salvati in ognuna delle partizioni logiche. Figura 5: È possibile accedere a entrambe le partizioni FAT logiche da uno dei SO delle partizioni primarie Come utilizzare in modo efficiente lo spazio su disco Se il disco rigido installato è grande e si desidera utilizzare il file system FAT su tutto o sulla maggior parte del disco, è possibile impedire lo spreco di spazio utilizzando varie partizioni FAT piccole. Tutti i dati delle partizioni FAT sono memorizzati in unità di allocazione denominate cluster. Ogni cluster è formato da un numero fisso di settori. Il file system FAT supporta dischi o partizioni fino a 2 GB, ma consente solo un massimo di cluster. Quindi, indipendentemente dalle dimensioni del disco rigido o della partizione, il numero di settori in un cluster deve essere grande abbastanza da poter includere tutto lo spazio disponibile in cluster. Quanto maggiore è lo spazio disponibile, tanto maggiori devono essere le dimensioni dei cluster. In ogni caso, usando dimensioni di cluster grandi si spreca spazio su disco. Anche se un file di dati (o l ultima parte di un file di dati) è molto più piccola delle dimensioni del cluster, il computer deve sempre utilizzare un cluster intero per memorizzare i dati. Il resto dello spazio del cluster non viene utilizzato. 14

15 La seguente tabella mostra le dimensioni minime del cluster e lo spazio in genere sprecato per le varie dimensioni di partizione. Dimensioni partizione Dimensioni cluster minime necessarie % Spazio sprecato (approssimativo) MB 2 KB 2% MB 4 KB 4% MB 8 KB 10% MB 16 KB 25% MB 32 KB 40% MB 64 KB 50% I cluster da 64 KB sono disponibili solo in Windows NT e Windows Gli altri sistemi operativi non possono utilizzare cluster da 64 KB indipendentemente dalle dimensioni della partizione. È possibile impedire lo spreco di spazio su disco utilizzando partizioni più piccole, in quanto le partizioni più piccole utilizzano dimensioni di cluster più piccole. Ad esempio, una partizione da MB presenta dimensioni di cluster di 32 KB. Se in questa partizione è stato salvato un file da 2 KB, per salvare il file deve essere utilizzato un intero cluster da 32 KB, sprecando 30 KB di spazio. Ma, se si divide lo spazio di memorizzazione in partizioni da 120 MB, le partizioni utilizzano solo cluster da 2 KB. Quando si salva lo stesso file da 2 KB, il file rientra praticamente in un cluster da 2 KB, senza sprecare spazio. Se si hanno partizioni FAT grandi, primarie o logiche, lo spazio sprecato su disco può essere recuperato ridimensionandole con l opzione Ridimensiona cluster di PartitionMagic o VolumeManager. Tutto lo spazio recuperato può quindi essere diviso in altre partizioni più piccole. Per ulteriori informazioni, consultare il manuale per l utente specifico del prodotto o fare riferimento alla Guida in linea. PowerQuest Corporation 15

16 Come semplificare l accesso ai file e migliorarne la sicurezza Se si ha un disco rigido grande, inserendo tutti i file e le sottodirectory in una directory radice si ottiene rapidamente una struttura di directory grande e complessa. Quanto più grande e complessa è la directory radice, tanto più difficile risulta tenere traccia dei file. L organizzazione può diventare difficile, obbligando a lunghe ricerche tra directory e sottodirectory solo per trovare i file desiderati. L utilizzo intelligente delle partizioni logiche può aiutare ad evitare questo problema. Basta separare i file in gruppi, memorizzando ogni gruppo in una singola partizione logica. Quando è necessario un particolare gruppo di file, è possibile passare facilmente alla partizione logica corrispondente. La complessità della struttura delle directory è ridotta al minimo, consentendo così di accedere ai file desiderati molto più rapidamente. Inoltre è possibile utilizzare partizioni aggiuntive per migliorare la sicurezza dei file delicati. Ad esempio, se si desidera limitare l accesso ad un particolare gruppo di file, è possibile memorizzare quei file su una partizione logica e quindi nascondere quella partizione all accesso. Per ulteriori informazioni su come nascondere partizioni, consultare il manuale per l utente specifico del prodotto o fare riferimento alla Guida in linea. Se si utilizzano più SO, è possibile anche formattare le partizioni di dati logici con il file system del SO che fornisce le migliori funzioni di sicurezza. Il SO può quindi essere utilizzato per limitare l accesso alla partizione di dati. Le partizioni logiche possono essere utilizzate anche per memorizzare copie aggiuntive dei file importanti. Ad esempio, se si inseriscono delle copie dei file importanti su una partizione logica FAT, a questa partizione si può accedere da qualsiasi SO che riconosca la FAT. Se un SO si blocca o risulta danneggiato, è possibile avviare un altro SO ed avere ancora accesso ai file importanti. 16

17 Come liberare spazio su disco prima di ingrandire una partizione FAT Se si desidera ingrandire una partizione FAT usando l opzione Ridimensiona di Drive Image, PartitionMagic o VolumeManager, è necessario innanzitutto comprendere che la partizione risultante può richiedere dimensioni di cluster superiori. In generale, dimensioni di cluster superiori causano una maggiore percentuale di spazio sprecato nella partizione. Quando si ridimensiona una partizione, è necessario assegnare dello spazio per ogni aumento delle dimensioni di cluster richiesto. Quindi, all interno della partizione vi deve essere dello spazio disponibile non utilizzato. Se la partizione è quasi piena, è possibile che non vi sia spazio sufficiente per ridimensionare la partizione. In tal caso, è possibile creare spazio non utilizzato eliminando i file dalla partizione oppure spostando i file in un altra partizione. Nella seguente tabella viene riportata la quantità approssimativa di spazio non utilizzato necessario per ridimensionare una partizione entro gli intervalli di dimensioni elencati. La quantità reale di spazio necessario può variare in base al numero ed alle dimensioni dei file nella partizione. Dimensioni partizione (in questo intervallo) Dimensioni cluster necessarie % Spazio sprecato Spazio libero necessario per il ridimensionamento MB 4 KB 4% 5,1 MB MB 8 KB 10% 25,6 MB MB 16 KB 25% 128 MB MB 32 KB 40% 409,6 MB MB 64 KB 50% MB PowerQuest Corporation 17

18 Partizioni nascoste PartitionMagic, Drive Image, BootMagic e VolumeManager consentono di nascondere una partizione e renderla invisibile al SO. Quando si nasconde una partizione, a quella partizione non viene assegnata una lettera di unità durante l avvio del SO. Quindi, la partizione risulta invisibile al SO con tutte le applicazioni collegate. Alle partizioni successive che sono ancora visibili al SO viene assegnata una nuova lettera di unità. Nascondere una partizione è utile quando è necessario proteggere dati riservati da altri utenti oppure se si desidera impedire ad altri di eliminare inavvertitamente file critici. È possibile nascondere qualsiasi partizione primaria o logica FAT, FAT32 o NTFS. Naturalmente, PartitionMagic, Drive Image, BootMagic e VolumeManager consentono anche di rendere visibili tutte le partizioni nascoste. Se una partizione viene resa visibile, il SO avviato può rilevare la partizione e quindi assegnarle una lettera di unità. Una volta che una partizione è visibile, alle partizioni successive viene ancora assegnata una nuova lettera di unità. Le partizioni nascoste in Windows 2000 si comportano in modo diverso rispetto ad altri sistemi operativi Microsoft. Pur utilizzando PartitionMagic e VolumeManager per nascondere una partizione in Windows 2000 e rimuovere l assegnazione della lettera di unità, è ancora possibile accedere alla partizione e riassegnare una lettera di unità con Gestione dischi. IMPORTANTE: AVVERTENZA: Le partizioni possono essere rilevate solo dai SO che riconoscono il file system della partizione. Rendendo visibile una partizione con un tipo di file non riconosciuto non rende la partizione visibile al SO. È necessario fare attenzione quando si rendono visibili le partizioni primarie. In generale, è opportuno non creare due partizioni primarie visibili contemporaneamente in quanto ciò può causare perdita di dati in alcuni SO. Per istruzioni specifiche su come nascondere e rendere visibili partizioni, consultare il manuale per l utente specifico del prodotto o fare riferimento alla Guida in linea. Le lettere di unità Quando si avvia un SO, tale SO assegna lettere di unità (ad esempio, C:, D:, E: e così via) alle partizioni primaria e logica su ogni disco rigido. Queste lettere di unità vengono utilizzate dall utente, dal sistema e da tutte le applicazioni per fare riferimento ai file nella partizione. 18

19 Il SO può modificare le assegnazioni delle lettere di unità se si aggiunge o si rimuove un secondo disco rigido. Le assegnazioni delle lettere di unità possono essere modificate se si aggiunge, rimuove o copia una partizione di un disco, si riformatta una partizione con un file system diverso oppure si avvia un SO diverso. Queste modifiche alle lettere di unità possono a volte invalidare parti della configurazione del sistema. Ad esempio, le applicazioni che sono programmate per ricercare i file di avvio su un unità specifica è possibile che non vengano più avviate. Per evitare modifiche alla configurazione e/o correggere problemi di configurazione, è necessario comprendere quanto segue: Come il sistema operativo assegna le lettere di unità Problemi causati dalle modifiche alle lettere di unità Divisione in partizioni per evitare modifiche alle lettere di unità Correzione dei problemi di configurazione causati da modifiche alle lettere di unità Questi quattro aspetti verranno illustrati in dettagli nelle sezioni riportate di seguito. Come il sistema operativo assegna le lettere di unità DOS, Windows 3.x, Windows 95/98/Me e OS/2 Questi SO assegnano le lettere di unità in una sequenza fissa che non può essere modificata. Di seguito viene riportata la sequenza: Il SO inizia assegnando una lettera di unità alla prima partizione primaria che riconosce sul primo disco rigido del sistema. Il SO quindi assegna le lettere di unità alla prima partizione primaria riconosciuta su ciascun disco rigido successivo. Ad esempio, se nel sistema vi sono tre dischi rigidi. Quando si avvia il SO, questo assegna la lettera C: alla partizione primaria attiva sul primo disco rigido. La lettera di unità D: viene assegnata alla prima partizione primaria che il SO riconosce sul secondo disco rigido e la lettera di unità E: viene allo stesso modo assegnata alla prima partizione primaria sul terzo disco. Se si hanno più partizioni primarie visibili su un singolo disco rigido, il SO assegna la lettera di unità alla partizione attiva. Se non è attiva nessuna partizione, la lettera di unità viene assegnata alla prima partizione primaria visibile riconosciuta dal SO. AVVERTENZA: La creazione di partizioni primarie multiple visibili sulla stessa unità può causare perdita di dati in DOS, Windows 3.x, Windows 95/98/Me e OS/2. PowerQuest Corporation 19

20 In seguito, a tutte le partizioni logiche riconosciute dal SO vengono assegnate lettere di unità, a partire dalle partizioni logiche sul primo disco rigido e procedendo in ordine. Ad esempio, si supponga di avere due dischi rigidi sul sistema, ognuno con una partizione primaria e due partizioni logiche. Il SO innanzitutto assegna C: e D: alle due partizioni primarie, quindi assegna le lettere di unità E: e F: alla prima ed alla seconda partizione logica sul primo disco rigido. Le lettere di unità G: e H: vengono assegnate alle due partizioni logiche sul secondo disco. Il SO quindi assegna lettere di unità a tutte le partizioni primarie visibili rimanenti, a partire da quelle sul primo disco rigido. Il SO procede con tutte le partizioni primarie visibili sul secondo disco, quindi con il terzo disco e così via. Infine, viene assegnata una lettera di unità al CD-ROM e agli altri tipi di supporti rimovibili. Dal momento che il SO segue sempre questa sequenza per assegnare le lettere di unità, l aggiunta o la rimozione di un secondo disco rigido può causare modifiche alle assegnazioni delle lettere di unità. Allo stesso modo, le lettere di unità possono cambiare se si aggiunge, rimuove o copia una partizione su disco, si riformata una partizione con un file system diverso o si avvia un altro SO. Windows NT/2000 Quando Windows NT/2000 viene installato per la prima volta, assegna le lettere di unità nello stesso modo descritto in precedenza. Una volta assegnate, tuttavia, le lettere di unità possono ancora essere cambiate. Le lettere di unità non divengono permanenti a meno che non si modifichi l assegnazione predefinita di una lettera di unità oppure sul sistema non sia stato eseguito almeno una volta PartitionMagic o VolumeManager. Se si desidera riassegnare o rimuovere una lettera di unità in Windows NT/2000, è possibile utilizzare PartitionMagic, VolumeManager o l utilità di amministrazione dischi di Windows NT/

21 Scenari relativi alle lettere di unità Per illustrare in che modo vengono assegnate le lettere di unità, tenere in considerazione i seguenti scenari. Scenario 1 Un computer con un disco rigido, sul quale è installato Windows 95. Di seguito viene illustrata la divisione in partizioni del disco (Figura 6). Figura 6: Computer con un unico disco rigido contenente una partizione primaria e due logiche Il disco viene suddiviso in partizione primaria e da una partizione estesa che contiene due partizioni logiche. La partizione primaria viene formattata con il file system FAT con Windows 95 installato. La prima partizione logica viene formattata con il file system FAT, che Windows 95 riconosce, ma la seconda partizione logica viene formattata con NTFS, un file system che Windows 95 non riconosce. Su questo disco, Windows 95 assegna la lettera di unità C: alla partizione primaria e la lettera di unità D: alla prima partizione logica. Non assegna una lettera di unità alla seconda partizione logica in quanto non riconosce il file system su quell unità. PowerQuest Corporation 21

22 Scenario 2 Ora considerare un computer identico a quello del primo scenario in cui è stato installato un secondo disco rigido. Figura 7: Computer con due dischi rigidi avviato da Windows 95 Il primo disco rigido viene diviso in partizioni esattamente allo stesso modo del primo esempio. Presenta gli stessi file system sulle partizioni e Windows 95 viene installato sulla singola partizione primaria. Anche il secondo disco rigido presenta una partizione primaria ed una partizione estesa; però, la partizione estesa contiene tre partizioni logiche. Non vi è alcun SO installato sulla partizione primaria FAT del secondo disco rigido. La prima partizione logica è una partizione NTFS con Windows NT installato. Le due partizioni logiche rimanenti sono partizioni FAT. Quando viene avviato il computer da Windows 95, la lettera di unità C: alla partizione primaria attiva sul primo disco rigido. In seguito, Windows 95 assegna la lettera D: alla prima partizione primaria riconosciuta sul secondo disco rigido (ovvero, la partizione primaria FAT). Windows 95 quindi assegna le lettere di unità a ciascuna partizione logica che riconosce. Assegna pertanto la lettera di unità E: alla prima partizione logica FAT sul primo disco ma salta la seconda partizione logica in quanto Windows 95 non riconosce il file system NTFS. Sul secondo disco, salta la prima partizione logica NTFS, assegna la lettera di unità F: alla seconda partizione logica (una partizione FAT) ed assegna la lettera di unità G: alla terza partizione logica (anch essa una partizione FAT). 22

23 In questo secondo scenario, è importante notare che la lettera di unità assegnata alla prima partizione logica sul primo disco rigido è cambiata, anche se il computer è stato avviato con lo stesso SO del primo esempio e la divisione in partizioni del primo disco non è stata modificata. Il cambiamento della lettera di unità è il risultato dell installazione di una seconda unità sul computer, Windows 95 deve assegnare una lettera di unità (D:) alla prima partizione primaria riconosciuta su quella seconda unità prima di assegnarne una alla prima partizione logica sulla prima unità. Scenario 3 Nell ultimo esempio, considerare in che modo vengono assegnate le lettere di unità sullo stesso computer, con i medesimi dischi rigidi e partizioni utilizzati nello scenario precedente; questa volta, però, il computer (Figura 8) viene avviato con una versione di Windows NT appena installata (installata nella prima partizione logica sul secondo disco). Figura 8: Computer con due dischi rigidi avviato da Windows NT Innanzitutto, dal momento che Windows NT riconosce il file system FAT, assegna la lettera di unità C: alla partizione primaria sul primo disco rigido. La lettera D: viene assegnata alla partizione primaria sul secondo disco rigido, che è anche FAT. Windows NT quindi assegna le lettere di unità ad ogni partizione logica in ordine, in quanto tutte queste partizioni contengono file system che Windows NT riconosce (FAT o NTFS). Sul primo disco, Windows NT assegna E: alla prima partizione logica ed F: alla seconda partizione logica. Windows NT quindi assegna G: alla prima partizione logica sul secondo disco rigido, H: alla seconda partizione logica ed I: all ultima partizione logica. PowerQuest Corporation 23

24 È importante notare in questo esempio che le lettere di unità assegnate alle partizioni logiche sono diverse da quelle assegnate nell esempio due, anche se il numero di dischi rigidi e di partizioni è esattamente lo stesso. La sola differenza è che il computer è stato avviato con una nuova installazione di Windows NT, che ha riconosciuto il file system su tutte le partizioni ed ha quindi assegnato loro tutte le lettere. Quando Windows NT/2000 viene installato per la prima volta, assegna le lettere di unità nello stesso modo descritto in precedenza. Una volta assegnate, tuttavia, le lettere di unità possono ancora essere cambiate. Le lettere di unità non divengono permanenti a meno che non si modifichi l assegnazione predefinita di una lettera di unità oppure sul sistema non sia stato eseguito almeno una volta PartitionMagic o VolumeManager. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Come il sistema operativo assegna le lettere di unità a pagina 19. Le modifiche alle lettere di unità possono verificarsi per ragioni diverse da quelle illustrate negli scenari sopra riportati. Anche aggiungere, eliminare, nascondere/rendere visibile o riformattare una partizione può causare modifiche nell assegnazione delle lettere di unità. Problemi causati dalle modifiche alle lettere di unità Le modifiche alle lettere di unità del computer possono disabilitare le configurazioni delle applicazioni. Ad esempio, si supponga di installare vari programmi in una partizione logica con la lettera di unità D:. Si decide di creare icone per questi programmi, in modo da poterli avviare da Windows 95. Ogni volta che si fa doppio clic su un icona, Windows ricerca nell unità D: per trovare e lanciare il programma corrispondente. Se la lettera di unità per la partizione logica cambia, però le icone non puntano più alla partizione corretta. Quando si fa doppio clic su un icona, Windows 95 continua a ricercare sull unità D: i file di programma, anche se D: ora identifica una partizione diversa. Se si modifica la lettera di unità di una partizione vengono modificate tutte le configurazioni di sistema che si basano sulla lettera di unità originale della partizione. Ad esempio, i comandi basati su una lettera di unità immessi nei file AUTOEXEC.BAT, CONFIG.SYS, WIN.INI, SYSTEM.INI o in altri file di sistema possono essere invalidati dalle modifiche alle lettera di unità. Allo stesso modo, le voci del registro di Windows 95/98 che includono i riferimenti alle lettere di unità possono diventare inoperativi in caso di modifica delle lettere. 24

25 Divisione in partizioni per evitare modifiche alle lettere di unità L utilizzo delle seguenti strategie di divisione in partizioni può aiutare ad evitare modifiche indesiderate alle lettere di unità quando si utilizzano DOS, Windows 3.x/95/98/Me ed OS/2. Come impedire modifiche causate dall aggiunta di partizioni primarie Per evitare modifiche delle assegnazioni delle lettere di unità causate dall aggiunta di una partizione primaria, aggiungere partizioni primarie solo a quei dischi rigidi che presentano già almeno una partizione primaria. Le partizioni primarie aggiuntive possono essere nascoste, mantenendo così solo una partizione primaria visibile su ogni unità. Anche se non sempre è possibile, questa strategia impedisce modifiche alle assegnazioni delle lettere delle partizioni. Come impedire modifiche causate dall'aggiunta di partizioni logiche Ogni volta che è possibile, aggiungere una nuova partizione logica come ultima partizione logica sull ultima disco rigido. Questa operazione assicura che le assegnazioni delle lettere di unità per tutte le partizioni esistenti restino uguali. Se la partizione deve essere aggiunta ad un disco rigido diverso dall ultimo, tentare di aggiungerla come ultima partizione logica sul disco di destinazione. Le assegnazioni delle lettere di unità per le partizioni logiche su quel disco restano invariate, come anche le lettere di unità per ogni disco rigido precedente; invece, a tutte le partizioni logiche sulle unità disco successivo vengono assegnate nuove lettere di unità. Se è presente spazio non assegnato tra le partizioni esistenti su un disco rigido, spostare tutte le partizioni a sinistra fino a quando tutto lo spazio non assegnato non si trovi all estremità destra del disco. È quindi possibile utilizzare questo spazio per creare una nuova partizione logica alla fine del disco. Per ulteriori informazioni su come spostare partizioni, consultare il manuale per l utente di PartitionMagic o VolumeManager o fare riferimento alla Guida in linea. Come impedire modifiche causate dall avvio di un diverso SO Molte modifiche di lettere di unità possono essere impedite avviando da diversi sistemi operativi. Se si hanno partizioni formattate con file system riconosciuti solo da uno o due SO, è sufficiente inserirle dopo le partizioni con i file system riconosciuti da tutti i SO. PowerQuest Corporation 25

26 Ad esempio, si supponga di utilizzare sia DOS che Windows NT. Alcune delle partizioni sono partizioni FAT, mentre altre sono partizioni NTFS. Dal momento che DOS e Windows NT riconoscono le partizioni FAT, posizionare per prime queste partizioni sulle unità disco. Le partizioni NTFS possono quindi essere posizionate alla fine delle unità. A questo punto, ogni volta che si esegue l avvio, le lettere di unità assegnate alle partizioni FAT rimangono uguali, senza tener conto se l avvio è stato eseguito con DOS o con Windows NT. Le partizioni FAT vengono riconosciute dalla maggior parte di SO. Si raccomanda quindi di inserire tutte le partizioni FAT prima delle partizioni FAT32, NTFS o HPFS. Correzione dei problemi di configurazione causati da modifiche alle lettere di unità È possibile correggere i problemi di configurazione delle applicazioni causati dalle modifiche alle lettere di unità con l utilità DriveMapper di PartitionMagic. DriveMapper sostituisce rapidamente e automaticamente tutti i riferimenti alle lettere di unità non validi (riassegnati) con la lettera di unità della partizione appena assegnata. Per ulteriori informazioni su come utilizzare DriveMapper, consultare il manuale per l utente di PartitionMagic o fare riferimento alla Guida in linea. Dal momento che Windows NT/2000 non riassegna le lettere di unità una volta che le ha assegnate, DriveMapper in genere non è necessario con Windows NT/2000. Dopo aver creato o eliminato una partizione, il SO a volte non riesce ad assegnare una lettera di unità al CD-ROM dopo il riavvio. In tal caso, consultare la sezione relativa alla risoluzione dei problemi del manuale per l utente del prodotto oppure fare riferimento alla Guida in linea. Limite del cilindro del BIOS È possibile utilizzare in modo sicuro PartitionMagic o VolumeManager per dividere in partizioni qualsiasi unità, senza tener conto del numero di cilindri ull unità. Infatti, per impedire di eseguire operazioni sulla partizione che potrebbero causare problemi, i prodotti si attengono al limite del cilindro del BIOS sui sistemi, laddove richiesto. Il limite del cilindro del BIOS riguarda il sistema solo se: Si dispone di un disco rigido con capacità superiori a 504 MB. Il disco rigido è stato prodotto prima del 1994 (circa). Il BIOS nel sistema non ha estensioni INT 13 BIOS interne. È inoltre possibile che si verifichino dei problemi se il disco rigido è più grande di 8 GB. 26

27 Se il sistema presenta queste caratteristiche e si utilizza solo il DOS, né l utilità FDISK di DOS né qualsiasi prodotto della PowerQuest consentono di vedere cilindri oltre il 1.024, né di includerli in una partizione. Lo spazio oltre il cilindro resta sempre invisibile. Anche se il limite del cilindro del BIOS si applica al sistema, è tuttavia possibile utilizzare PartitionMagic senza problemi. Il solo caso in cui si possono verificare dei problemi è se si verificano contemporaneamente tutti i seguenti casi: vengono utilizzati contemporaneamente il DOS ed un altro SO; l altro SO può vedere ed utilizzare lo spazio su disco oltre il cilindro del disco; si utilizza PartitionMagic o l utilità FDISK dell altro SO per creare una partizione che si estende oltre il cilindro 1.024; viene quindi eseguito l eseguibile di PartitionMagic per DOS. Quando si esegue l eseguibile PartitionMagic per DOS, la partizione appena creata che si estende oltre il limite del cilindro può essere o meno visibile. Anche se è possibile vedere la partizione, non è possibile utilizzare l eseguibile di PartitionMagic per DOS per eseguire una qualsiasi operazione su quella partizione. Questa restrizione si applica sia alla partizione primaria che alle partizioni estese che contengono spazio oltre il cilindro Se una partizione estesa eccede il limite del cilindro, non è possibile eseguire operazioni su nessuna delle partizioni logiche contenute, anche se la partizione logica stessa non si estende oltre il cilindro Se si utilizza il DOS, ma il sistema presenta estensioni INT 13 del BIOS, PartitionMagic consente di vedere i cilindri oltre il limite e di eseguire operazioni su partizioni che si estendono oltre questo limite. Limite del codice di avvio a 2 GB Un codice di avvio del SO è memorizzato sia nel record di avvio principale (MBR) che nel record di avvio della partizione, consentendo di avviare in modo corretto il SO. In alcuni SO, in ogni caso, questo codice di avvio è scritto in modo che impone inavvertitamente un limite alla posizione del record di avvio della partizione e dei file necessari per avviare il SO. PowerQuest Corporation 27

Installazione di un secondo sistema operativo

Installazione di un secondo sistema operativo Installazione di un secondo sistema operativo Fare clic su un collegamento riportati di seguito per visualizzare una delle seguenti sezioni: Panoramica Termini ed informazioni chiave Sistemi operativi

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS Esercitatore: Francesco Folino IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware).

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

Acer erecovery Management

Acer erecovery Management 1 Acer erecovery Management Sviluppato dal team software Acer, Acer erecovery Management è uno strumento in grado di offrire funzionalità semplici, affidabili e sicure per il ripristino del computer allo

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Le Partizioni. Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005. WinFAT32 24,00% WinNTFS 22,00% Swap 11,00%

Le Partizioni. Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005. WinFAT32 24,00% WinNTFS 22,00% Swap 11,00% Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Le Partizioni WinFAT32 24,00% WinNTFS 22,00% Swap 11,00% WinNTFS WinFAT32 Swap Linux Linux 43,00% 1 Cosa sono? Un

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Programma applicativo di protezione LOCK Manuale per l utente V2.22-T05

Programma applicativo di protezione LOCK Manuale per l utente V2.22-T05 Programma applicativo di protezione LOCK Manuale per l utente V2.22-T05 Sommario A. Introduzione... 2 B. Descrizione generale... 2 C. Caratteristiche... 3 D. Prima di utilizzare il programma applicativo

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

IL MULTIBOOT. Un sistema multiboot consiste nella possibilità di caricare più sistemi operativi sullo stesso computer.

IL MULTIBOOT. Un sistema multiboot consiste nella possibilità di caricare più sistemi operativi sullo stesso computer. IL MULTIBOOT Un sistema multiboot consiste nella possibilità di caricare più sistemi operativi sullo stesso computer. L operazione potrebbe risultare abbastanza semplice se si dispone di due differenti

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

2.2 Gestione dei file

2.2 Gestione dei file 2.2 Gestione dei file Concetti fondamentali Il file system Figura 2.2.1: Rappresentazione del file system L organizzazione fisica e logica dei documenti e dei programmi nelle memorie del computer, detta

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

Risolvere i problemi di avvio di Windows XP

Risolvere i problemi di avvio di Windows XP Risolvere i problemi di avvio di Windows XP Un computer che esegue Windows XP non riesce più ad avviarsi correttamente e, invece di caricare il sistema operativo, mostra una schermata DOS con il messaggio:

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

LACIE PRIVATE/PUBLIC GUÍDA UTENTE

LACIE PRIVATE/PUBLIC GUÍDA UTENTE LACIE PRIVATE/PUBLIC GUÍDA UTENTE FARE CLIC QUI PER ACCEDERE ALLA VERSIONE IN LINEA PIÙ AGGIORNATA di questo documento, sia in termini di contenuto che di funzioni disponibili, come ad esempio illustrazioni

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

L installer di Torinux

L installer di Torinux L installer di Torinux Installazione nel Disco Per un installazione normale si raccomanda usare ext3 o reiserfs. Prima di procedere con l installazione per favore rimuova tutti i dispositivi USB, tipo

Dettagli

Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk

Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk Di Giuseppe Zingone Introduzione La maggior parte dei difetti che si verificano sui personal computer sono dovuti a guasti o a malfunzionamenti del

Dettagli

Manuale dell utente. InCD. ahead

Manuale dell utente. InCD. ahead Manuale dell utente InCD ahead Indice 1 Informazioni su InCD...1 1.1 Cos è InCD?...1 1.2 Requisiti per l uso di InCD...1 1.3 Aggiornamenti...2 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...2 2 Installazione...3

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Desktop All avvio del computer compare il Desktop. Sul Desktop sono presenti le Icone. Ciascuna icona identifica un oggetto differente che può essere un file,

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 3 Introduzione 4 Cosa ti occorre 5 Panoramica dell installazione 5 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 5 Passo 2: Per preparare

Dettagli

DOS-Gestione delle Directory e comandi

DOS-Gestione delle Directory e comandi DOS-Gestione delle Directory e comandi In ambiente MS-DOS è doveroso saper gestire file e cartelle in modo rapido. Vediamo ora come sono organizzati i file. Un file è un qualsiasi insieme di informazioni

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 8 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

PartitionMagic 7.0 Guida per l utente

PartitionMagic 7.0 Guida per l utente PartitionMagic 7.0 Guida per l utente 1a edizione del manuale - Agosto 2001 1997 2001 PowerQuest Corporation Tutti i diritti riservati. Questo prodotto e/o il relativo uso possono essere soggetti a uno

Dettagli

boot loader partizioni boot sector

boot loader partizioni boot sector IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo (S.O.) è un software che fa da interfaccia tra l uomo e l hardware, mettendo a disposizione un ambiente per eseguire i programmi applicativi. Grazie al S.O. un

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Samsung Auto Backup FAQ

Samsung Auto Backup FAQ Samsung Auto Backup FAQ Installazione D: Ho effettuato il collegamento con l Hard Disk esterno Samsung ma non è successo nulla. R: Controllare il collegamento cavo USB. Se l Hard Disk esterno Samsung è

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

AOMEI OneKey Recovery Help

AOMEI OneKey Recovery Help AOMEI OneKey Recovery Help Index About AOMEI OneKey Recovery Supported operating systems OneKey System Backup Two type of OneKey system backup The difference between the two above ways Backup system to

Dettagli

Copyright 1999 Canon Inc. Tutti i diritti riservati.

Copyright 1999 Canon Inc. Tutti i diritti riservati. Note Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Tutto il materiale contenuto nel presente manuale viene fornito così com è senza garanzie da parte di Canon,

Dettagli

LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ)

LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ) LaCie Ethernet Disk mini Domande frequenti (FAQ) Installazione Che cosa occorre fare per installare l unità LaCie Ethernet Disk mini? A. Collegare il cavo Ethernet alla porta LAN sul retro dell unità LaCie

Dettagli

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 8.1 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Informazioni preliminari

Informazioni preliminari Informazioni preliminari Symantec AntiVirus Solution Per iniziare Symantec AntiVirus Solution consente di controllare la protezione antivirus di server e desktop da una console di gestione centrale. Consente

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT In questa piccola guida esamineremo l'installazione di un sistema Windows XP Professional, ma tali operazioni sono del tutto simili se non identiche anche su sistemi Windows 2000 Professional. SELEZIONE

Dettagli

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo Il software: Istruzioni per il computer I tre tipi di software di sistema Software applicativo aiuta a svolgere operazioni utili in vari campi programmi di videoscrittura, fogli elettronici, videogiochi

Dettagli

Manuale dell utente. Ahead Software AG

Manuale dell utente. Ahead Software AG Manuale dell utente Ahead Software AG Indice 1 Informazioni su InCD...3 1.1 Cos è InCD?...3 1.2 Requisiti per l uso di InCD...3 1.3 Aggiornamenti...4 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...4 2

Dettagli

Boot Camp Beta 1.0.2 Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Beta 1.0.2 Guida di installazione e configurazione Boot Camp Beta 1.0.2 Guida di installazione e configurazione 1 Indice 4 Panoramica 5 Punto 1: aggiornare il software di sistema e il firmware del computer 6 Punto 2: eseguire Assistente Boot Camp 9 Punto

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

HP Backup and Recovery Manager

HP Backup and Recovery Manager HP Backup and Recovery Manager Guida per l utente Versione 1.0 Indice Introduzione Installazione Installazione Supporto di lingue diverse HP Backup and Recovery Manager Promemoria Backup programmati Cosa

Dettagli

Windows SteadyState?

Windows SteadyState? Domande tecniche frequenti relative a Windows SteadyState Domande di carattere generale È possibile installare Windows SteadyState su un computer a 64 bit? Windows SteadyState è stato progettato per funzionare

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Guida a Partition Magic

Guida a Partition Magic Guida a Partition Magic A cura di: Antonio Mercurio Per scaricare manuali gratis che ti insegnano l'uso dei vari softwares e per iscriverti alla mia newsletter visita il mio sito cliccando qui Benvenuti

Dettagli

Calcolatori e interfacce grafiche

Calcolatori e interfacce grafiche Calcolatori e interfacce grafiche COMPONENTI DI UN COMPUTER Hardware Tutti gli elementi fisici che compongono un calcolatore Software Comandi, istruzioni, programmi che consentono al calcolatore di utilizzare

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Aggiornamento, backup e ripristino del software

Aggiornamento, backup e ripristino del software Aggiornamento, backup e ripristino del software Guida per l utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Le

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedure adatte a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 7 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Stellar Phoenix Mac Data Recovery 7.0. Guida all'installazione

Stellar Phoenix Mac Data Recovery 7.0. Guida all'installazione Stellar Phoenix Mac Data Recovery 7.0 Guida all'installazione Introduzione Stellar Phoenix Mac Data Recovery v7 è una soluzione completa per tutti i problemi di perdita di dati. La perdita di dati può

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Ripristino di un Registro di sistema danneggiato che impedisce l'avvio di Windows XP

Ripristino di un Registro di sistema danneggiato che impedisce l'avvio di Windows XP 1 of 5 18/10/2008 10.39 Ripristino di un Registro di sistema danneggiato che impedisce l'avvio di Windows XP Visualizza i prodotti a cui si riferisce l articolo. Su questa pagina Sommario Informazioni

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Mac OS - Istruzioni di installazione (Licenza per sito)

IBM SPSS Statistics per Mac OS - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) IBM SPSS Statistics per Mac OS - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza per sito. Questo documento

Dettagli

Gestione completa delle prestazioni

Gestione completa delle prestazioni Gestione completa delle prestazioni Funziona anche con Windows XP e Windows Vista 2013 Un applicazione agile e potente per la messa a punto e la manutenzione delle prestazioni del vostro computer. Download

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux corso introduttivo di informatica libera l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux Manuele Rampazzo Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/

Dettagli