Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le fonti statistiche per l analisi di povertà"

Transcript

1 LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011

2 Sommario Analisi del fenomeno della povertà: i criteri di povertà Le principali fonti informative: Indagine sui consumi delle famiglie Indagine EU-SILC (EUropean Statistics on Income and Living Conditions) Misure di povertà e misure disuguaglianza nella distribuzione dei redditi: analisi dei risultati sulla base dei dati di IT-SILC 2009 Work in progress: Analisi della povertà per regione e tipologia familiare mediante metodi di stima per piccole aree Analisi della povertà per distretti socio-sanitari e province mediante metodi di stima per piccole aree Valutazione dell impatto delle dinamiche congiunturali sulla condizione economica delle famiglie in Emilia-Romagna 2

3 Analisi del fenomeno della povertà La disponibilità di una base informativa adeguata è strategica al fine di monitorare le aree sociali e territoriali a maggior rischio di povertà e di esclusione sociale, per indirizzare (e valutare) le politiche di sviluppo, di riequilibrio del welfare e le politiche in campo sociale e assistenziale attuate a livello locale, in sede nazionale ed europea. In letteratura, non vi è un modo univoco di definire, e quindi quantificare, il fenomeno della povertà Occorre, quindi, preliminarmente precisare un criterio di povertà, sulla cui base sia possibile caratterizzare e quindi identificare un soggetto come povero. 3

4 Criteri di povertà La fase di identificazione dei soggetti poveri prevede: la specificazione di un concetto di povertà (per esempio assoluta o relativa) la scelta di un indicatore su cui basare le misure di povertà (per esempio reddito o consumo) l individuazione di una unità di analisi (famiglia o individuo) la definizione di una soglia di povertà 4

5 Criteri di povertà La povertà assoluta è una condizione di deprivazione monetaria tale da impedire di soddisfare i propri bisogni essenziali, rilevata dalla incapacità di acquistare un paniere minimo di beni e servizi necessario per la sussistenza. La povertà relativa è intesa come una condizione di deficit di risorse monetarie necessarie per mantenere lo standard di vita corrente, definito in funzione del livello medio di risorse nella popolazione di riferimento. 5

6 Le scelte di ISTAT Adotta un concetto di povertà relativa l indicatore su cui basa le misure di povertà è la spesa per consumi l unità di analisi è la famiglia la soglia di povertà è pari alla spesa media pro-capite per consumi di una famiglia di due componenti. Per rendere equivalenti la spesa di famiglie di ampiezza diversa si usa la scala di Carbonaro, che tiene conto solo del numero di componenti 6

7 Le scelte di ISTAT Si definisce (relativamente) povera una famiglia che abbia una spesa per consumi inferiore o uguale alla soglia di povertà 7

8 Le scelte di EUROSTAT Adotta un concetto di povertà relativa l indicatore su cui basa le misure di povertà è il reddito l unità di analisi è l individuo la soglia di povertà è pari al 60% del valore mediano dei redditi familiari equivalenti. per rendere equivalenti i redditi di famiglie diverse si usa la scala di OCSE modificata, che tiene conto non solo del numero ma anche dell età dei componenti 8

9 Le scelte di EUROSTAT Si definisce (relativamente) povero un individuo appartenente a una famiglia che disponga di un reddito familiare equivalente inferiore o uguale alla soglia di povertà 9

10 Indagine sui consumi delle famiglie (Istat) rileva le spese sostenute dalle famiglie residenti in Italia per l acquisto di beni e servizi destinati al consumo costituisce la fonte informativa per descrivere, analizzare e interpretare i comportamenti di spesa familiari, nonché la base su cui ISTAT misura in via ufficiale la povertà in Italia iniziata nel 1968, l indagine è stata totalmente ristrutturata nel 1997 per perseguire una più elevata qualità delle informazioni rilasciate e per armonizzarsi alle definizioni e alle metodologie delle più recenti direttive europee è di tipo campionario ed è continua ogni mese dell anno coinvolge ogni anno in Italia un campione di circa 28 mila famiglie residenti in 480 comuni italiani di diversa ampiezza demografica. Tutti i comuni capoluogo di provincia partecipano all indagine. 10

11 Indagine sui consumi delle famiglie Popolazione obiettivo E costituita dalle famiglie residenti in Italia e dagli individui che le compongono, anche se temporaneamente all estero. Sono escluse le persone che vivono abitualmente all estero e i membri permanenti di convivenze istituzionali (ospizi, istituti assistenziali, istituti religiosi, caserme, ecc.). L unità di rilevazione è la famiglia di fatto intesa come insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, aventi dimora abituale nello stesso comune e coabitanti. 11

12 Il core informativo della Indagine sui consumi delle famiglie Oggetto della rilevazione sono tutte le spese sostenute dalle famiglie per l acquisto di beni e servizi destinati al consumo: generi alimentari, abitazione, mobili, apparecchiature, abbigliamento, calzature, salute, trasporto, comunicazioni, tempo libero, spettacoli, istruzione, vacanze Sono oggetto di indagine anche: i beni provenienti dal proprio orto o dalla propria azienda agricola direttamente consumati dalla famiglia (autoconsumi); i beni e servizi forniti dal datore di lavoro ai dipendenti a titolo di salario o per prestazioni di servizio; i fitti stimati delle abitazioni occupate dai proprietari o godute a titolo gratuito Ogni altra spesa effettuata dalla famiglia per scopo diverso dal consumo è esclusa dalla rilevazione. 12

13 EUropean Statistics on Income and Living Condiction - EU-SILC (EUROSTAT) è una indagine sulle famiglie concordata in sede europea, in sostituzione della precedente indagine ECHP (European Community Household Panel), svolta dal 1994 al 2001 è finalizzata a fornire informazioni attendibili, comparabili e tempestive su reddito, povertà e condizioni di vita delle famiglie in tutti i paesi membri dell Unione. Il regolamento Eu-Silc lascia un elevato margine di flessibilità ai singoli stati nelle modalità di raccolta delle informazioni che, a seconda delle disponibilità di ciascun paese membro, può essere effettuata sia tramite l utilizzo di archivi amministrativi, sia tramite rilevazioni ti tipo campionario ad hoc in Italia, l ISTAT ha optato per una indagine di tipo campionario, denominata Indagine su reddito e condizioni di vita. 13

14 Caratteristiche della versione italiana di EU-SILC (IT-SILC) Popolazione obiettivo famiglie residenti in Italia e dagli individui che le compongono, anche se temporaneamente all estero Unità di rilevazione E la famiglia di fatto Sono oggetto di intervista, mediante apposito questionario tutti gli individui appartenenti alle famiglie campione che abbiano compiuto 15 anni nell anno di riferimento del reddito, ovvero l anno solare precedente a quello dell intervista. L indagine coinvolge ogni anno in Italia un campione di circa 26 mila famiglie residenti in 800 comuni italiani di diversa ampiezza demografica. Tutti i comuni capoluogo di provincia partecipano all indagine. In Italia, il campione è stato sovradimensionato rispetto alla direttive europee al fine di assicurare stime affidabili anche a un livello di dettaglio regionale. 14

15 Il core informativo di EU-SILC Principale oggetto della rilevazione sono redditi e condizioni di vita delle famiglie e degli individui che le compongono. Le informazioni, acquisite mediante questionario a livello familiare e individuale, fanno riferimento a periodi distinti: al periodo dell intervista (anno t) vanno ricondotte le informazioni sulle condizioni di vita attuali, ad esempio, caratteristiche dell abitazione, il possesso di beni durevoli, condizioni di salute degli individui, livello di istruzione, situazione lavorativa, ecc. agli ultimi dodici mesi vanno ricondotte, ad es., le principali spese per l abitazione all anno precedente la data dell indagine (anno t 1) vanno ricondotte tutte le informazioni sulla situazione economica della famiglia e degli individui, ad esempio redditi, mutui e prestiti, ecc. 15

16 Reddito familiare disponibile Reddito familiare in EU-SILC somma delle diverse tipologie di reddito (da lavoro dipendente e autonomo, da capitale reale e finanziario, pensioni e altri trasferimenti pubblici e privati) percepite da ciascun membro della famiglia di 15 anni e oltre, al netto del prelievo tributario e di eventuali imposte patrimoniali (imposte personali, contributi sociali a carico dei lavoratori dipendenti e autonomi, ICI, ecc.), nonché degli eventuali trasferimenti versati ad altre famiglie (ad es. gli assegni di mantenimento all ex coniuge) Reddito familiare equivalente E ottenuto dividendo il reddito disponibile di ciascuna famiglia per il fattore di scala (OCSE modificata), che assegna peso unitario al primo componente adulto della famiglia, peso 0,5 ad ogni altro membro di età maggiore o uguale ai 14 anni e peso 0,3 ai componenti di età minore o uguale a 13 anni Il reddito familiare equivalente è quindi assegnato a ciascun membro della famiglia. 16

17 Parametri di interesse IT-SILC fornisce sia stime di tipo trasversale, riferite cioè a un prefissato istante temporale, sia stime di tipo longitudinale, riferite a un intervallo di tempo. I principali parametri oggetto di stima in EU-SILC sono tra quelli previsti in ambito UE dal Consiglio di Laeken (2001): ad ogni occasione di indagine t: valori sintetici del reddito familiare misure di diseguaglianza nella distribuzione dei redditi misure di incidenza di povertà misure di intensità di povertà tra due occasioni di indagine consecutive t e t + 1 o più: la variazione netta del reddito familiare la variazione netta della percentuale di famiglie povere la percentuale di famiglie che permangono nello stato di povertà per due o più occasioni di indagine 17

18 Reddito Reddito familiare (equivalente) medio Rappresenta il livello di reddito che potrebbe percepire ciascuna famiglia se il reddito complessivamente detenuto dalle familgie fosse equamente distribuito tra le medesime Misura il livello medio di benessere di una certa popolazione Reddito familiare (equivalente) mediano Rappresenta il valore centrale che divide la distribuzione ordinata dei redditi in due parti di pari grandezza, in modo tale che il 50% delle famiglie abbia un reddito inferiore al valore mediano e il 50% superiore Misura ancora il livello medio di benessere di una certa popolazione, ma non risente della presenza di outliers 18

19 Reddito familiare disponibile medio Migliaia di euro Italia: 29,6 28,9 30,2 30,3 30,6 30,9 31,9 31,9 32,2 33,1 33,6 33,7 34, ,0 23,5 23,8 24,9 25,5 25,9 26,5 26, Sicilia Basilicata Calabria Campania Molise Puglia Abruzzo Sardegna Liguria Friuli V. G. Umbria Piemonte Lazio Marche Veneto Toscana Lombardia Emilia-Romagna Valle d'aosta Trentino A.A. 19 Fonte: IT-SILC 2009

20 Reddito familiare disponibile mediano ,7 Italia: 24,3 19,4 19,6 20,0 20,6 21,0 21,7 22,7 24,1 24,2 25,2 25,3 26,4 26,9 27,1 27,1 27,2 27,8 28,0 28, Sicilia Calabria Basilicata Molise Campania Puglia Abruzzo Sardegna Migliaia di euro Umbria Liguria Piemonte Lazio Friuli V. G. Marche Toscana Emilia-Romagna Valle d'aosta Lombardia Veneto Trentino A.A. 20 Fonte: IT-SILC 2009

21 Redditi familiari equivalenti medi Migliaia di euro Italia: 18,0 18,2 18,9 19,0 19,0 19,1 19,4 19,4 19,8 20,6 21,3 21,3 21, ,2 13,6 13,6 13,9 14,8 14,9 15,6 15, Sicilia Basilicata Calabria Campania Puglia Molise Abruzzo Sardegna Umbria Lazio Veneto Marche Friuli V. G. Piemonte Liguria Toscana Lombardia Emilia-Romagna Trentino A.A. Valle d'aosta 21 Fonte: IT-SILC 2009

22 Redditi familiari equivalenti mediani Migliaia di euro ,1 Italia: 15,5 11,8 12,0 12,1 12,7 12,8 14,1 14,7 15,7 15,9 16,5 16,8 16,8 17,1 17,3 17,4 18,1 18,2 18,7 18, Sicilia Campania Basilicata Calabria Puglia Molise Abruzzo Sardegna Umbria Lazio Marche Piemonte Liguria Veneto Friuli V. G. Toscana Lombardia Emilia-Romagna Trentino A.A. Valle d'aosta 22 Fonte: IT-SILC 2009

23 Disuguaglianza Indice di concentrazione di Gini L'indice di Gini è calcolato attribuendo ad ogni individuo il reddito familiare equivalente della famiglia di appartenenza varia tra 0 e 1: è uguale a 0 nel caso di perfetta equità della distribuzione dei redditi è pari a 1 nel caso di massima concentrazione Misura il grado di concentrazione della distribuzione dei redditi 23

24 Indice di Gini Italia: 31,4 26,3 26,5 26,6 28,0 28,3 28,9 28,9 28,9 29,0 29,1 29,2 29,5 29,7 31,0 31,0 31,4 31,9 32,4 32,7 33, Abruzzo Friuli V.G. Veneto Umbria Toscana Trentino A.A. valori % Marche Basilicata Liguria Piemonte Sardegna Lombardia Emilia-Romagna Valle d'aosta Puglia Calabria Molise Lazio Campania Sicilia 24 Fonte: IT-SILC 2009

25 Incidenza di povertà Tasso di povertà Rapporto tra il numero di individui di un certo dominio territoriale (nazione, regione) che risultano poveri rispetto alla soglia di povertà nazionale (SPN) e il numero totale di individui che appartengono a quel dominio Misura l incidenza del fenomeno (ma nulla dice sulla sua gravità) 25

26 Soglia di povertà SPN: soglia di povertà nazionale standard pari al 60% del reddito mediano equivalente nazionale calcolato a livello individuale In IT-SILC 2009 SPN = euro 26

27 Soglia di povertà in termini di reddito monetario per alcune tipologie familiari Un componente Un adulto Due componenti TIPOLOGIA FAMILIARE - Due adulti - Un adulto e un bambino Tre componenti - Tre adulti - Due adulti e un bambino - Un adulto e due bambini Quattro componenti - Quattro adulti - Tre adulti e un bambino - Due adulti e due bambini - Un adulto e tre bambini Soglia di povertà nazionale SPN su base mensile Fattore di scala , , , , , , , ,1 1,9 27 Fonte: IT-SILC 2009

28 Tassi di povertà standard (rispetto a SPN) valori % 45,0 40,0 39,9 35,0 33,6 34,6 34,9 30,0 26,8 30,5 25,0 20,0 Italia: 18,4 20,3 21,7 15,0 10,0 7,7 9,1 9,7 9,8 9,8 9,9 9,9 10,6 10,7 11,7 14,5 16,8 5,0,0 Trentino A.A. Emilia-Romagna Veneto Lombardia Liguria Toscana Valle d'aosta Friuli V.G. Piemonte Marche Umbria Lazio Abruzzo Sardegna Puglia Molise Basilicata Calabria Campania Sicilia 28 Fonte: IT-SILC 2009

29 Soglie di povertà basate sulla spesa per consumi delle famiglie TIPOLOGIA FAMILIARE SPN su base annua SPN su base mensile Fattore di scala Un componente Due componenti Tre componenti Quattro componenti Cinque componenti Sei componenti Sette o più componenti , , , , , ,16 2,40 Famiglie relativamente povere in ER = 3,9% Individui relativamente poveri in ER = 4,7% Fonte: Indagine sui Consumi delle famiglie

30 Incidenza di famiglie povere (rispetto a SP basata su consumi) valori % 35,0 30,0 28,8 28,8 25,0 24,4 25,0 25,3 20,0 18,5 19,4 15,0 15,4 Italia: 11,3 10,0 5,0 3,9 4,4 4,5 5,3 5,4 5,7 6,1 6,2 6,4 6,4 7,6 8,0 0,0 Emilia-Romagna Lombardia Veneto Toscana Marche Trentino A.A. Piemonte Umbria Liguria Friuli V.G. Valle d'aosta Lazio Abruzzo Puglia Sardegna Molise Calabria Campania Basilicata Sicilia 30 Fonte: Indagine sui Consumi delle famiglie 2008

31 Incidenza di individui poveri (rispetto a SP basata su consumi- ISTAT) valori % 35,0 30,0 28,3 28,4 29,6 33,0 25,0 21,0 22,6 24,2 20,0 15,0 Italia: 13,6 15,2 10,0 5,0 4,7 5,1 5,4 6,5 6,6 6,9 7,2 7,4 7,7 8,7 9,2 9,8 0,0 Emilia-Romagna Lombardia Veneto Marche Toscana Trentino A.A. Umbria Friuli V.G. Piemonte Liguria Valle d'aosta Lazio Abruzzo (b) Puglia Sardegna Molise Campania Calabria Basilicata Sicilia (b) Dato non significativo per la scarsa numerosità campionaria 31 Fonte: Indagine sui Consumi delle famiglie 2008

32 Intensità di povertà Poverty Gap relativo mediano basato sulla SPN Dato dalla mediana degli scarti (gap) tra la soglia di povertà e il reddito equivalente a disposizione di ciascun individuo povero. Il gap viene quindi rapportato alla corrispondente soglia di povertà, in modo tale da ottenere un indice che varia tra 0 e 1. Misura l intensità del fenomeno della povertà ossia lo stato di indigenza in cui versano i poveri 32

33 Poverty gap rispetto a SPN Italia: 22,6 17,0 18,1 18,6 18,7 19,1 19,5 19,9 20,0 21,3 22,4 23,1 23,4 24,1 24,9 25,9 26, ,3 15,2 15,4 15, Abruzzo Umbria Piemonte Friuli V.G. Valle d'aosta Trentino A.A. Toscana valori % Emilia-Romagna Marche Veneto Liguria Basilicata Lombardia Calabria Campania Molise Lazio Sardegna Puglia Sicilia 33 Fonte: IT-SILC 2009

34 Le soglie di povertà relativa in Eu-Silc a livello nazionale Oltre alla soglia di povertà standard (SPN) pari al 60% del reddito mediano equivalente nazionale Soglia di povertà estrema o severa (SPN80) pari all 80% di SP consente di individuare coloro che versano in condizioni di estrema povertà, in quanto dispongono di un reddito equivalente molto al di sotto (del 20% inferiore) della soglia standard Soglia di quasi povertà o di rischio di povertà (SPN120) pari al 120% di SP consente di individuare coloro che, pur non risultando poveri, percepiscono un reddito equivalente di poco superiore (non più del 20%) rispetto alla soglia standard e che pertanto sono a rischio di povertà I tassi di povertà rispetto a SPN80 e SPN120 sono definiti come in precedenza 34

35 Soglia di povertà estrema in termini di reddito monetario per alcune tipologie familiari TIPOLOGIA FAMILIARE Un componente Un adulto Due componenti - Due adulti - Un adulto e un bambino Tre componenti - Tre adulti - Due adulti e un bambino - Un adulto e due bambini Quattro componenti - Quattro adulti - Tre adulti e un bambino - Due adulti e due bambini - Un adulto e tre bambini Soglia di povertà estrema SPN80 su base mensile Fattore di scala , , , , , , , , ,9 35 Fonte: IT-SILC 2009

36 Tassi di povertà severa (rispetto a SPN80) 30,0 25,0 25,6 20,0 16,5 16,7 17,9 18,6 19,7 15,0 12,7 10,0 Italia: 10,2 8,2 9,6 5,0 3,6 4,4 4,4 4,4 4,6 4,8 4,8 4,9 5,0 5,1 5,6,0 Trentino A.A. Emilia-Romagna Valle d'aosta Piemonte Veneto Friuli V.G. Toscana Liguria Marche Lombardia Umbria Abruzzo Lazio Sardegna Puglia Basilicata Molise Calabria Campania Sicilia 36 Fonte: IT-SILC 2009

37 Soglia di rischio di povertà in termini di reddito monetario per alcune tipologie familiari 37 Un componente Un adulto Due componenti - Due adulti TIPOLOGIA FAMILIARE - Un adulto e un bambino Tre componenti - Tre adulti - Due adulti e un bambino - Un adulto e due bambini Quattro componenti - Quattro adulti - Tre adulti e un bambino - Due adulti e due bambini - Un adulto e tre bambini Fonte: IT-SILC 2009 Soglia di rischio di povertà SPN120 su base mensile Fattore di scala , , , , , , , ,1 1,9

38 Tassi di rischio di povertà (rispetto a SPN120) 60,0 52,8 50,0 45,8 46,3 49,4 40,0 38,8 41,4 30,0 Italia: 27,8 26,1 30,9 32,4 20,0 14,6 15,4 15,5 16,1 16,2 16,4 18,1 19,4 20,2 20,3 21,7 10,0,0 Emilia-Romagna Valle d'aosta Trentino A.A. Friuli V.G. Lombardia Toscana Veneto Liguria Marche Piemonte Umbria Lazio Abruzzo Sardegna Puglia Molise Basilicata Calabria Campania Sicilia 38 Fonte: IT-SILC 2009

39 Condizioni di povertà in Emilia-Romagna (rispetto a SPN) Individui non poveri: (90,9%) Individui sicuramente non poveri: (85,4%) Individui poveri: (9,1%) A rischio di povertà: (5,5%) Appena poveri: (4,7%) In povertà estrema: (4,4%) SPN120 SPN SPN80 39 Fonte: IT-SILC 2009

40 Le soglie di povertà relativa in Eu-Silc a livello regionale Soglia di povertà standard regionale (SPR) pari al 60% del valore mediano del reddito familiare equivalente di una data regione Soglia regionale di povertà estrema o severa (SPR80) pari all 80% di SPR Soglia regionale di rischio di povertà (SPR120) pari al 120% di SPR I tassi di povertà rispetto alle SPR sono definiti come in precedenza 40

41 Soglie di povertà regionali Soglia di povertà estrema Soglia di povertà standard Soglia di rischio di povertà REGIONE Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino A.A Veneto Friuli V.G Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Fonte: IT-SILC 2009

42 Soglie di povertà regionali Italia: 9,4 9,5 9,7 10,0 10,2 10,4 10,5 10,7 10,7 11,2 11,3 11,4 11,9 8 6,5 6,9 7,1 7,2 7,6 8,0 8,7 8, Sicilia Campania Basilicata Calabria Puglia Molise Abruzzo Migliaia di euro Sardegna Lazio Umbria Marche Liguria Piemonte Veneto Friuli V.G. Toscana Lombardia Emilia-Romagna Trentino A.A. Valle d'aosta 42 Fonte: IT-SILC 2009

43 Confronto tra le soglie di povertà in Emilia-Romagna, nelle regioni più povere del meridione e in Italia Migliaia di euro SPR120 SPR 10 SPR Emilia- Romagna Sicilia Campania Basilicata Italia Povertà estrema Povertà standard A rischio di povertà Sicuramente non poveri 43 Fonte: IT-SILC 2009

44 Tassi di povertà standard regionali (rispetto a SPR) valori % 45,0 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 11,4 12,8 14,0 14,6 14,6 14,7 14,7 14,8 15,3 15,7 15,8 16,0 16,8 17,0 17,1 17,4 17,4 17,4 17,5 19,9 10,0 5,0,0 Basilicata Liguria Friuli V.G. Veneto Toscana Emilia-Romagna Marche Abruzzo Campania Piemonte Umbria Lombardia Calabria Valle d'aosta Puglia Lazio Trentino A.A. Sardegna Sicilia Molise 44 Fonte: IT-SILC 2009

45 Tassi di povertà severa regionali (rispetto a SPR80) valori % 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,8 5,9 6,2 6,5 6,8 6,8 6,9 6,9 7,6 7,7 8,0 8,7 9,0 9,9 10,4 10,6 10,9 11,1 11,7 12,5 5,0,0 Abruzzo Umbria Liguria Toscana Trentino A.A. Veneto Marche Piemonte Emilia-Romagna Friuli V.G. Basilicata Lombardia Molise Lazio Valle d'aosta Puglia Sardegna Campania Calabria Sicilia 45 Fonte: IT-SILC 2009

46 Tassi di rischio di povertà regionali (rispetto a SPR120) valori % 60,0 50,0 40,0 32,1 30,0 23,1 23,4 24,1 24,5 24,5 24,5 24,9 25,0 25,1 25,1 25,2 25,7 26,1 26,3 26,7 26,9 27,4 27,5 27,8 20,0 10,0,0 Emilia-Romagna Friuli V.G. Marche Liguria Umbria Veneto Campania Toscana Puglia Piemonte Valle d'aosta Basilicata Abruzzo Sardegna Lazio Lombardia Trentino A.A. Calabria Sicilia Molise 46 Fonte: IT-SILC 2009

47 Condizioni di povertà in Emilia-Romagna (rispetto a SPR) Individui non poveri: (85,3%) Individui sicuramente non poveri: (76,9%) Individui poveri: (14,7%) A rischio di povertà: (8,4%) Appena poveri: (7,0%) In povertà estrema: (7,6%) SPR120 SPR SPR80 47 Fonte: IT-SILC 2009

48 Progetti in corso 1. Stima di parametri di povertà per regione e tipologia familiare sulla base dei dati di IT-SILC 2009 mediante tecniche di stima per piccole aree 2. Stima di parametri di povertà per distretti socio-sanitari e/o province in Emilia-Romagna sulla base dei dati di IT-SILC 2009 mediante tecniche di stima per piccole aree Entrambe in collaborazione con l Università di Bologna Facoltà di Scienze statistiche 3. Valutazione dell impatto delle dinamiche congiunturali sulla condizione economica delle famiglie in Emilia-Romagna. In collaborazione con Nomisma 48

49 Stima di parametri di povertà per regione e tipologia familiare Obiettivo del lavoro Fornire stime di misure relative alla povertà sperimentata da specifiche tipologie familiari nell ambito di ciascuna regione italiana: per individuare i segmenti della società maggiormente esposti al rischio di povertà ed esclusione sociale per confrontare la struttura demografica della povertà nelle diverse aree del paese Per poter superare le criticità legate alla scarsa numerosità campionaria, si rende necessario l utilizzo di metodologie di stima per piccole aree Si tratta di aggiornare le stime di vari parametri di povertà, già ottenute sulla base delle informazioni prodotte dall indagine IT-SILC

50 Tipologie familiari (EU-SILC) A. Monocomponenti B. Due adulti, senza figli a carico, entrambi età inferiore a 65 anni C. Due adulti, senza figli a carico, almeno uno età superiore a 65 anni D. Altra tipologia, senza figli a carico E. Monogenitore, con uno o più figli a carico F. Due adulti, con un figlio a carico G. Due adulti, con due figli a carico H. Due adulti, con tre o più figli a carico I. Altra tipologia con figli a carico Per figlio a carico (o dipendenti) si intende un minore di età inferiore ai 16 anni o un figlio di età compresa tra i 16 e i 26 anni che sia inattivo e dunque dipendente in termini economici dalla famiglia di appartenenza 50

51 Parametri di interesse nel progetto I parametri di interesse, scelti tra quelli previsti in ambito UE dal Consiglio di Laeken (2001), sono: Misure sintetiche della distribuzione dei redditi il reddito disponibile equivalente medio il reddito disponibile equivalente mediano Misure di diseguaglianza nella distribuzione dei redditi l indice di concentrazione di Gini Misure di incidenza di povertà i tassi di povertà basati su SPN i tassi di povertà basati su SPR Misure di intensità di povertà il poverty gap mediano basato su SPN il poverty gap mediano basato su SPR 51

52 I parametri di interesse sono stimati con riferimento a diversi domini di studio: 1. per l intero territorio nazionale 2. per ciascuna regione Domini di studio 3. per ciascuna tipologia familiare 4. per ciascuna tipologia familiare all interno di ogni regione Considerando le 9 tipologie familiari all interno delle 20 regioni italiane si ottengono 180 domini di studio che si configurano, in termini di stima, come piccole aree ossia come sotto-popolazioni per cui i dati campionari non sono sufficienti a produrre stime affidabili e che quindi presuppongono l adozione di opportune metodologie di stima 52

53 Tassi di povertà per tipologia familiare in ER (rispetto a SPN e SPR) A B C D E F G H I Soglia nazionale Soglia regionale Legenda tipologie familiari: A: Monocomponente; B: 2 adulti, senza figli dipendenti, entrambi età inferiore a 65 anni; C: 2 adulti, senza figli dipendenti, almeno uno età superiore a 65 anni; D: Altra tipologia, senza figli dipendenti; E: Monogenitore, con uno o più figli dipendenti; F: 2 adulti, 1 figlio dipendente; G: 2 adulti, 2 figli dipendenti; H: 2 adulti, 3 o più figli dipendenti; I: Altra tipologia con figli dipendenti. Fonte: IT-SILC

54 Gap mediani per tipologia familiare in ER (rispetto a SPN e SPR) 0,35 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 A B C D E F G H I Soglia nazionale Soglia regionale Legenda tipologie familiari: A: Monocomponente; B: 2 adulti, senza figli dipendenti, entrambi età inferiore a 65 anni; C: 2 adulti, senza figli dipendenti, almeno uno età superiore a 65 anni; D: Altra tipologia, senza figli dipendenti; E: Monogenitore, con uno o più figli dipendenti; F: 2 adulti, 1 figlio dipendente; G: 2 adulti, 2 figli dipendenti; H: 2 adulti, 3 o più figli dipendenti; I: Altra tipologia con figli dipendenti. Fonte: IT-SILC

55 Tassi di povertà per tipologia familiare in Italia e in ER A B C D E F G H I Italia Emilia-Romanga Legenda tipologie familiari: A: Monocomponente; B: 2 adulti, senza figli dipendenti, entrambi età inferiore a 65 anni; C: 2 adulti, senza figli dipendenti, almeno uno età superiore a 65 anni; D: Altra tipologia, senza figli dipendenti; E: Monogenitore, con uno o più figli dipendenti; F: 2 adulti, 1 figlio dipendente; G: 2 adulti, 2 figli dipendenti; H: 2 adulti, 3 o più figli dipendenti; I: Altra tipologia con figli dipendenti. 55 Fonte: IT-SILC 2005

56 Gap mediani per tipologia familiare in Italia e ER 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 A B C D E F G H I Italia Emilia-Romanga Legenda tipologie familiari: A: Monocomponente; B: 2 adulti, senza figli dipendenti, entrambi età inferiore a 65 anni; C: 2 adulti, senza figli dipendenti, almeno uno età superiore a 65 anni; D: Altra tipologia, senza figli dipendenti; E: Monogenitore, con uno o più figli dipendenti; F: 2 adulti, 1 figlio dipendente; G: 2 adulti, 2 figli dipendenti; H: 2 adulti, 3 o più figli dipendenti; I: Altra tipologia con figli dipendenti. 56 Fonte: IT-SILC 2005

57 Presenza delle diverse tipologie familiari Tipologia familiare In Italia In Emilia-Romagna Famiglie N. medio di Tipologia Famiglie N. medio di v.a. % componenti familiare v.a. % componenti A ,7 1 A ,2 1 B ,6 2 B ,6 2 C ,3 2 C ,6 2 D ,4 3,34 D ,7 3,28 E ,8 2,51 E ,3 2,45 F ,1 3 F ,8 3 G ,8 4 G ,5 4 H ,6 5,11 H ,4 5,18 I ,6 4,6 I ,9 4,5 Totale ,46 Totale ,29 Legenda tipologie familiari: A: Monocomponente; B: 2 adulti, senza figli dipendenti, entrambi età inferiore a 65 anni; C: 2 adulti, senza figli dipendenti, almeno uno età superiore a 65 anni; D: Altra tipologia, senza figli dipendenti; E: Monogenitore, con uno o più figli dipendenti; F: 2 adulti, 1 figlio dipendente; G: 2 adulti, 2 figli dipendenti; H: 2 adulti, 3 o più figli dipendenti; I: Altra tipologia con figli dipendenti. Fonte: IT-SILC

58 Stima di parametri di povertà per distretti socio-sanitari e province Obiettivo del lavoro Fornire stime di misure relative alla povertà e alla diseguaglianza nella distribuzione dei redditi a un livello di dettaglio inferiore a quello regionale: a livello di distretti socio-sanitari in Emilia-Romagna a livello di province I parametri di interesse sono i medesimi. Anche in tal caso si rende necessario l utilizzo di metodologie di stima per piccole aree per poter ottenere stime affidabili ai livelli di dettaglio territoriali di interesse 58

59 Impatto della congiuntura sulla condizione economica delle famiglie Obiettivo del lavoro Costruire un modello di previsione della condizione socioeconomica delle famiglie emiliano-romagnole in relazione all andamento congiunturale della economia regionale e dell evoluzione della situazione occupazionale in regione, così come desunto dai modelli di previsione demografica. Il modello consentirà: di quantificare l impatto della recente crisi economica, e il perdurare dei suoi effetti, sulla condizione economica delle famiglie residenti in regione di stimare l evoluzione di breve periodo dei redditi familairi in relazione alle variazioni attese del sistema economico regionale e del mondo del lavoro 59

60 GRAZIE PER L ATTENZIONE! Riferimenti: Giuseppina Felice Valeria ardito Servizio controllo strategico e statistica Il materiale verrà reso disponibile sul portale di statistica della RER alla sezione documenti 60

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Maria Rosaria Ferrante Dipartimento di Scienze Statistiche

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec.

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec. Spesa media mensile ( ) delle famiglie per alimentari e non alimentari negli anni dal 2005 al 2009 2005 2006 2007 2008 2009 Emilia-Roma 2.778 2.880 2.762 2.854 2.799 2.398 2.461 2.480 2.484 2.442 Percentuale

Dettagli

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1 Lezione 5.2 QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ (P. Silvestri, 2014-15) 1 Fonti Eurostat, l Indagine europea sui redditi e sulle condizioni di vita delle famiglie (Eu-Silc) (European statistics

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

ISEE: Modelli a confronto

ISEE: Modelli a confronto ISEE: Modelli a confronto La proposta di ANCI Toscana verso la modifica dell ISEE nazionale L ISEE in Italia: una panoramica PRESENTAZIONE DI : CLAUDIO GOATELLI CLESIUS SRL Oltre il 50% delle borse di

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MoCAM-Calculator consente al professionista di calcolare l assegno di mantenimento dei figli e, se del caso, il contributo per il coniuge, ottenendo il risultato

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Claudia Rinaldelli ISTAT Direzione Centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita Introduzione al

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche Appendice Dati statistici Segnalazioni bibliografiche I programmi delle sette giornate ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE manco Dati statistici Le elaborazioni proposte attingono le informazioni

Dettagli

Consumi e condizioni economiche delle famiglie

Consumi e condizioni economiche delle famiglie Consumi e condizioni economiche delle famiglie La fonte informativa più rilevante per l analisi della spesa familiare per beni e servizi è l indagine sui consumi delle famiglie. L ampio dettaglio relativo

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni I TRASFERIMENTI ERARIALI COME LEVA DI GOVERNO NEI RAPPORTI STATO COMUNI Copyright SDA Copyright Bocconi 2005 SDA Bocconi 2005 SDA Bocconi per Anci Veneto 1 Il senso di una analisi storica sui trasferimenti

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010 M. Fridel Bologna, 18 novembre 2010 OKkio alla SALUTE: Obiettivi Implementare, nelle diverse

Dettagli

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita CAPITOLO Benessere economico Fondamentale per la qualità della vita Ai fini del benessere complessivo, le capacità reddituali e le risorse economiche sono il mezzo indispensabile attraverso il quale un

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

SCHEDA Fondo Pensione Perseo

SCHEDA Fondo Pensione Perseo SCHEDA, costituito con atto notarile il 21 dicembre 2010, iscritto all albo tenuto dalla COVIP con il n. 164, è il Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori delle Regioni, Autonomie Locali

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Dicembre 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

Monitoraggio della spesa sanitaria e del finanziamento dell assistenza sanitaria

Monitoraggio della spesa sanitaria e del finanziamento dell assistenza sanitaria Gli Indicatori di Salute e di Performance del Sistema Sanitario in Italia Istituto Superiore di Sanità Roma, 14-15 giugno 2004 Progetto SINDIS Monitoraggio della spesa sanitaria e del finanziamento dell

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia.

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia. Abstract Il dominante profilo umanitario, la assoluta grandezza dei numeri del fenomeno migratorio ed il considerevole impatto socio economico del sistema accoglienza dei richiedenti asilo giunti in Italia,

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA FOTOGRAFIA DEI LIVELLI DI BISOGNO E DEI GAP DI OFFERTA: QUALI POSSIBILI

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE...

PRIMA DI INIZIARE... PRIMA DI INIZIARE... Nel 2011 l'istat ha stimato che In Italia le famiglie che si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 782 mila (8 milioni 173 mila individui) e rappresentano l 11,1%

Dettagli

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ 1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ IL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO IL DIRITTO ALLO STUDIO I FINANZIAMENTI E IL PERSONALE DELLA RICERCA I DOCENTI E IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO L OFFERTA DIDATTICA

Dettagli