OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA"

Transcript

1 Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi (Giancarlo Rovati) In Italia, la famiglia vive da tempo una situazione paradossale: è tra le poche istituzioni che gode di una elevata fiducia da parte dei cittadini specialmente quelli più giovani, ma nello stesso tempo è oggetto di scarsa attenzione da parte delle politiche pubbliche e di vere e proprie forme di delegittimazione sul piano culturale e morale. Ciclo lavorativo passato Ciclo lavorativo Ciclo lavorativo futuro P E N Famiglia con figli e coniuge Reddito pro-capite ridotto per l intero periodo di mantenimento dei figli Minore partecipazione relativa alla formazione dei gettiti fiscale e FLUSSO DELLE RISORSE Nuovi lavoratori Nuovi S I O Famiglia senza figli Pieno reddito pro-capite Nuovi Piena partecipazione alla formazione 1 dei gettiti

2 FIG Famiglia e solidarietà tra le generazioni. La partecipazione delle famiglie al finanziamento del sistema pensionistico. Fonte: Commissione Indagine Esclusione Sociale (2003). Come mostra la figura 1.1, i flussi delle risorse generati dalla famiglia con figli sono bidirezionali, vanno cioè a favore sia dei pensionati presenti al momento attuale nel sistema economico, sia a favore dei figli, ossia a favore dei lavoratori futuri, sui quali si baserà la produzione di risorse per il mantenimento dei futuri pensionati. Nel caso invece della famiglia senza figli il flusso di risorse è mono-direzionale, va cioè solo a vantaggio dei pensionati già esistenti, mentre nel periodo successivo gli appartenenti a questo tipo di famiglia andranno esclusivamente ad alimentare il fabbisogno di risorse per il sistema previdenziale. Le famiglie con figli generano nuovi lavoratori che pagheranno le future pensioni; le famiglie senza figli alimenteranno soltanto i futuri pensionati. Nell anno 2003 la soglia di povertà relativa per una famiglia di due persone è risultata pari a 869,50 Euro, corrispondente alla spesa media pro-capite per consumi di quell anno, con una oscillazione tra 521,70 euro per un solo componente e 2.086,80 euro per sette o più componenti; la soglia della povertà assoluta si è invece attesta a 589,11 euro, sempre per una famiglia di due persone, con una oscillazione tra 329,99 euro e 1.736,96 euro a seconda dei componenti (tab. 1.1). TAB Linea relativa e assoluta di povertà per ampiezza della famiglia e scale di equivalenza. Spesa media mensile pro-capite. Anno 2002e 2003 (euro correnti per mese) Povertà relativa Povertà assoluta Ampiezza della Scala (**) Scala famiglia Carbonaro implicita 1 494,07 521,70 0,60 382,66 392,99 0,67 2 (linea standard)* 823,45 869,70 1,00 573,63 589,11 1, , ,44 1,33 814,77 836,76 1, , ,29 1, , ,62 1, , ,05 1, , ,52 2, , ,12 2, , ,27 2,61 7 o più 1.976, ,80 2, , ,96 2,95 * Nel caso della povertà relativa, una volta calcolata la linea standard, si applicano i coefficienti correttivi dati dalla scala di equivalenza di Carbonaro, al fine di ottenere gli analoghi valori soglia per famiglie con numero di componenti diverso da due (**) La linea della povertà assoluta nel 2003 è stimata con il metodo usato convenzionalmente dall Istat per il periodo , rivalutando cioè i dati dell anno precedente in base all indice dei prezzi al consumo per l intera collettività (+2,7% nel 2003), senza rivedere il paniere dei beni ritenuti indispensabili. Fonte: Istat (2003a, b). In base a questi parametri, si stima che nel 2003 si siano trovate a rischio di povertà relativa 2 milioni 360 mila famiglie (10,6% del totale), pari a 6 milioni 786 mila individui (11,8% dell intera popolazione) (tab. 1.2); nell ambito di questo vasto insieme sono inoltre risultate a rischio di povertà assoluta circa 900 mila famiglie (circa 4% del totale), pari a 2 milioni 800 mila individui (4,9%) di maggiore o minore età (tab. 1.3). 2

3 TAB. 1.2 Povertà relativa per ripartizione geografica. Anni 2002 e 2003 (migliaia di unità e valori percentuali) Migliaia di unità Nord Centro Mezzogiorno Italia Famiglie povere Persone povere Composizione percentuale Famiglie povere 21,9 24,0 11,8 10,4 66,3 65,6 100,0 100,0 Persone povere 19,4 21,2 12,2 10,4 68,4 68,4 100,0 100,0 Incidenza della povertà (%) (*) Famiglie 5,0 5,3 6,7 5,7 22,4 21,3 11,0 10,6 Persone 5,4 5,6 7,9 6,4 23,6 22,4 12,4 11,8 Intensità della povertà (%) (**) famiglie 19,3 19,1 20,0 18,2 22,3 22,8 21,4 21,4 (*) L incidenza della povertà corrisponde al rapporto tra il numero delle famiglie con spesa media mensile per consumi pari o al di sotto della soglia di povertà e il totale delle famiglie residenti. (**) L intensità della povertà misura di quanto in percentuale la spesa media delle famiglie definite povere è al di sotto della soglia di povertà TAB. 1.3 Povertà assoluta per ripartizione geografica. Anni 2002 e 2003 (*) (migliaia di unità e valori percentuali) Migliaia di unità Nord Centro Mezzogiorno Italia Famiglie povere Persone povere Composizione percentuale Famiglie povere 19,8 21,7 10,2 9,0 70,0 69,3 100,0 100,0 Persone povere 16,5 18,1 10,9 9,7 72,6 71,8 100,0 100,0 Incidenza della povertà (%) Famiglie 1,7 1,8 2,2 1,9 8,9 8,5 4,2 4,0 Persone 1,9 2,0 2,9 2,5 10,2 9,7 5,1 4,9 Intensità della povertà (%) Famiglie 17,0 18,6 18,2 21,0 20,4 20,3 19,6 19,9 (*) La stima dei valori per il 2003 è stata effettuata ipotizzando un rapporto identico tra il numero delle famiglie in povertà relativa nel 2003 rispetto al 2002 e i corrispondenti valori delle famiglie in povertà assoluta. (**) L'intensità della povertà assoluta è stata stimata ipotizzando una tendenza analoga a quella registrata nel biennio Rispetto all anno precedente, nel 2003 la diffusione della povertà relativa ed assoluta ha subito qualche contrazione: le famiglie relativamente povere sono diminuite di 96 mila unità, pari a 354 mila persone, le famiglie povere in senso assoluto sono invece diminuite di circa 36 mila unità pari a 114 mila persone. Meno univoco è l andamento della intensità della povertà (sia relativa che assoluta) che misura in percentuale di quanto la spesa media mensile della famiglie povere è al di sotto della linea ufficiale di povertà. Se l intensità aumenta significa che la situazione dei poveri peggiora e viceversa. Mentre nel biennio l intensità della povertà relativa rimane stazionaria a livello nazionale, l intensità della povertà assoluta mostra segni di aggravamento sia a livello nazionale che in ciascuna delle ripartizioni geografiche: in pratica, la parte più povera della popolazione è diminuita, ma (mediamente) è diventata più povera (fig. 1.2). 3

4 Fig Intensità della povertà relativa ed assoluta. Anni 2002 e 2003 (valori %) ,3 19,1 18,6 17, ,2 18,2 21,0 22,3 22,8 20,4 20,3 21,4 21,4 19,6 19, Nord Centro Mezzogiorno Italia povertà relativa povertà assoluta Dalla tabella 1.4 emerge che i più esposti al rischio di povertà relativa sono le famiglie più numerose (20,9% con 5 o più componenti), le coppie con almeno tre figli (20,9%) e le coppie con persona di riferimento con almeno 65 anni (15,6%). L incidenza della povertà aumenta, in particolare, all aumentare dei minori a carico, con valori superiori alla media già a partire da due minori (15,3%) e una punta del 21,8% per le famiglie con tre o più minori (Tabella 1.5). TAB. 1.4 Incidenza della povertà relativa per ampiezza della famiglia, tipologia familiare, genere della persona di riferimento e per ripartizione geografica: anni (valori percentuali) Ampiezza della famiglia Nord Centro Mezzogiorno Italia 1 componente 4,9 5,0 3,7 3,1 20,0 19,6 8,8 8,7 2 componenti 4,7 5,5 7,4 7,2 24,0 21,9 10,7 10,3 3 componenti 3,9 3,8 5,8 5,2 19,5 17,3 8,9 8,1 4 componenti 5,7 6,1 8,0 6,2 21,1 21,5 12,5 12,5 5 o più componenti 11,6 10,3 15,0 10,0 32,4 29,8 23,4 20,9 Tipologia familiare Persona sola con meno di 65 anni 1,7 2,4 * * 8,9 9,3 3,1 3,9 Persona sola con 65 anni e più 7,7 7,4 6,7 4,2 26,4 25,7 13,3 12,7 Coppia con p.r. con meno di 65 anni 1,8 1,9 * * 12,7 10,5 4,8 3,5 Coppia con p.r con almeno 65 anni 7,3 9,3 10,9 11,8 32,5 28,2 15,7 15,6 Coppia con un figlio 3,5 3,4 4,8 4,8 18,6 15,4 8,1 7,2 Coppia con due figli 5,4 5,6 8,2 5,8 20,2 21,1 12,2 12,2 Coppia con almeno tre figli 13,0 11,1 11,7 * 31,8 28,1 24,4 20,9 Monogenitore 6,0 5,9 7,1 6,8 21,4 22,4 11,5 11,4 Altre tipologie 7,3 8,3 11,4 9,7 35,0 31,6 15,7 16,2 Fonte: Istat (2004b). (*) Dato non significativo a motivo della scarsa numerosità campionaria. 4

5 TAB. 1.5 Incidenza della povertà relativa per numero di figli minori e di anziani in famiglia, per ripartizione geografica. Anni (valori percentuali) Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Famiglie con figli minori Con 1 figlio minore 4,2 3,8 6,0 4,1 18,3 19,2 9,2 9,2 Con 2 figli minore 7,6 7,7 9,8 7,8 23,2 24,5 15,2 15,3 Con 3 o più figli minori 16,7 11,0 * * 32,9 31,3 25,9 21,8 Famiglie con anziani Con 1 anziano 7,3 6,5 6,8 6,1 27,2 25,2 13,4 12,6 Con 2 anziani 8,0 10,7 13,6 12,5 33,3 28,7 17,4 16,7 Con almeno 1 anziano 7,5 7,8 9,1 8,4 29,2 26,3 14,7 13,9 Fonte: Istat (2004b). (*) Dato non significativo a motivo della scarsa numerosità campionaria. Più discriminante è il livello d istruzione raggiunto dalle persone di riferimento: risulta povero soltanto il 4% delle famiglie con a capo una persona in possesso almeno della licenza media superiore, contro il 17,5% delle famiglie con a capo una persona senza titolo di studio o con solo la licenza elementare. Il divario è particolarmente importante nelle regioni del Nord e, soprattutto, del Centro (tab. 1.6). TAB. 1.6 Incidenza della povertà relativa per alcune caratteristiche della persona di riferimento. Anni (valori percentuali) Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Genere della persona di riferimento Maschio 4,5 5,2 7,1 5,9 22,0 20,4 10,9 10,5 Femmina 6,3 5,6 5,5 5,2 23,7 24,2 11,3 10,8 Titolo di studio Nessuno-elementare 8,9 9,6 11,2 10,3 32,8 31,8 17,8 17,5 Media inferiore 4,5 4,3 6,1 5,7 23,5 21,2 11,1 10,3 Media superiore e oltre 1,6 2,1 2,9 1,8 7,7 8,9 3,7 4,0 Fonte: Istat (2004b). La mancanza di lavoro incide ancor più pesantemente sulla condizione di povertà. Un quinto delle famiglie con un componente in cerca d occupazione è povero. Il valore sale a un terzo (33,4%) nel caso in cui i componenti in cerca di lavoro siano due o più (tab. 1.7). TAB. 1.7 Incidenza della povertà relativa per condizione e posizione professionale della persona di riferimento. Anni (valori percentuali) Nord Centro Mezzogiorno Italia Condizione e posizione professionale Dipendente 3,4 3,5 5,3 3,6 17,6 17,5 8,5 8,2 Autonomo 3,0 3,4 2,6 2,9 15,0 14,6 6,4 6,7 In cerca di occupazione * * * * 40,7 36,4 32,2 28,0 Ritirato dal lavoro 6,2 7,1 8,7 8,0 26,2 23,9 12,3 12,0 Numero di persone in cerca di occupazione in famiglia Nessuna persona 9,4 9,5 1 persona 21,1 18,0 2 o più persone 37,3 33,4 Almeno una persona 24,2 20,8 5

6 (*) Dato non significativo a motivo della scarsa numerosità campionaria. ( ) Dato non disponibile. Fonte: Istat (2004b). Al profilo della povertà calcolato in termini di rischio di povertà (percentuale di famiglie o d individui poveri in una data condizione sul totale delle persone in quella condizione) è interessante accostare il profilo della popolazione povera in base ad alcune caratteristiche distintive. L analisi congiunta del rischio di povertà e della composizione sociale dei poveri permette di evidenziare a quali target prioritari vadano indirizzate le politiche di contrasto della povertà, che debbono essere caratterizzate da azioni per lo sviluppo dell economia e dell occupazione, e da azioni a sostegno delle famiglie mediante trasferimenti monetari e servizi (tab. 1.8). TAB. 1.8 Distribuzione degli individui poveri e della popolazione italiana per diverse caratteristiche. Anno 2002 (valori percentuali) Consumi 2002 Poveri Totale Sesso Maschi 47,9 48,6 Femmine 52,1 51,4 Classe d età ,2 15, ,6 10, ,9 37, ,9 19,0 65 e più 22,4 18,1 Ripartizione territoriale Nord 19,4 44,6 Centro 12,2 19,3 Mezzogiorno 68,4 36,1 Tipologia familiare Persona sola, meno di 30 anni - 0,5 Persona sola, anni 1,0 3,8 Persona sola, 65 anni o più 5,9 5,5 2 adulti (almeno una persona di 65 anni o più) senza bambini/ragazzi a carico 13,1 10,6 2 adulti (entrambi con meno di 65 anni) senza bambini/ragazzi a carico 3,6 8,4 Altre famiglie senza bambini/ragazzi a carico. 20,7 20,5 Monogenitore con bambini/ragazzi a carico 1,8 2,1 2 adulti con 1 bambino/ragazzo a carico 7,0 12,7 2 adulti con 2 bambini/ragazzi a carico 18,5 18,4 2 adulti con 3 o più bambini/ragazzi a carico. 9,3 5,1 Altre famiglie con bambini/ragazzi a carico. 19,0 12,3 Titolo di godimento abitazione Proprietà, titolo gratuito 66,7 82,5 Affitto 33,3 17,5 Totale 100,0 100,0 L attività lavorativa più frequente non è disponibile per il dato sui consumi (Cfr. Ministero dl lavoro e delle politiche sociali (2003b). Appendice statistica - tav. 1.1e) Fonte: Istat (2002). 6

7 Le variazioni più significative riguardano la povertà relativa che è rimasta sostanzialmente invariata fino al 2001 e poi ha registrato un importante flessione nel 2002, confermata nel La povertà assoluta ha registrato maggiori oscillazioni nel periodo (dal 4,6% al 4,3%), si è poi assestata sul 4,2% con una tendenziale contrazione fino al 4% che però corrisponde come si è detto ad una stima non ufficiale (fig. 1.3). A fronte di questi segnali positivi resta il fatto che l incidenza della povertà rimane due volte superiore rispetto alla media nazionale; nelle regioni meridionali si concentrano tuttora i 2/3 delle famiglie disagiate in senso relativo, per un totale di 1 milione 548 mila unità, corrispondenti a 4 milioni 642 mila individui (fig. 1.4). Fig Povertà relativa ed assoluta. Anni (incidenza %) 14,0 12,0 12,0 11,8 11,9 12,3 12,0 10,0 11,0 10,6 8,0 6,0 4,0 4,6 4,5 4,8 4,3 4,2 4,2 4,0 2,0 0, povertà relativa povertà assoluta 7

8 Fig La povertà relativa per ripartizione geografica. Anni (incidenza %) 30,0 25,0 20,0 24,2 23,1 23,9 23,6 24,3 22,4 21,3 15,0 10,0 5,0 12,0 11,8 11,9 12,3 12,0 8,8 9,7 7,5 6,0 5,7 5,0 5,7 11,0 10,6 8,4 6,7 5,0 5,0 5,3 5,7 0, Italia Nord Centro Mezzogiorno Tendenze del tutto analoghe si riscontrano anche per quanto riguarda la povertà assoluta (fig. 1.5), ma con squilibri ancora più accentuati tra le regioni economicamente più sviluppate del Nord (incidenza dell 1,8% nel 2003) e le regioni del Sud (8,5% nel 2003) che nell intero periodo considerato hanno sempre un incidenza del fenomeno più che doppia rispetto alla media nazionale (passata dal 4,6% del 1997 al 4% del 2003). Fig La povertà assoluta per ripartizione geografica. Anni (incidenza %) 12,0 10,0 8,0 10,5 9,8 11 9,4 9,7 8,9 8,5 6,0 4,0 4,6 4,5 4,8 4,3 4,2 4,2 4,0 2,0 2,2 1,8 1,6 1,7 2,6 2,7 1,4 1,6 2,3 2,2 1,7 1,8 1,9 1,3 0, Italia Nord Centro Mezzogiorno La povertà soggettivamente intesa è avvertita in misura più circoscritta rispetto alla povertà oggettivamente intesa (8,7% delle famiglie a fronte dell 11%) (tab. 1.13). 8

9 TAB Incidenza della povertà oggettiva e della povertà soggettiva nelle famiglie italiane. Anno 2002 (valori percentuali) Area geografica Incidenza % povertà oggettiva Incidenza % povertà soggettiva Piemonte 7,0 10,6 Valle d'aosta 7,1 4,0 Lombardia 3,7 7,9 Trentino-Alto Adige 9,9 5,9 Bolzano 8,6 8,9 Trento 11,1 3,3 Veneto 3,9 5,9 Friuli-Venezia Giulia 9,8 5,5 Liguria 4,8 7,7 Emilia Romagna 4,5 7,2 Nord 5,0 7,7 Toscana 5,9 5,7 Umbria 6,4 3,4 Marche 4,9 3,6 Lazio 7,8 6,5 Centro 6,7 5,6 Abruzzo 18,0 5,1 Molise 26,2 6,8 Campania 23,5 12,3 Puglia 21,4 11,0 Basilicata 26,9 7,8 Calabria 29,8 8,6 Sicilia 21,3 14,8 Sardegna 17,1 18,3 Mezzogiorno 22,4 12,1 Italia 11,0 8,7 Fonte: Istat (2003b). La combinazione tra i dati sulla povertà oggettiva con quelli sulla povertà soggettiva permette di specificare ulteriormente sia le dinamiche attraverso cui si manifesta il problema della indigenza, sia la necessaria flessibilità delle politiche per contrastarla. Tale combinazione dà origine a quattro situazioni-tipo con famiglie: a) oggettivamente e soggettivamente povere che possiamo definire consapevolmente povere b) oggettivamente povere che però non si considerano soggettivamente povere e che possiamo definire apparentemente povere, c) oggettivamente non povere che però si considerano povere e che possiamo definire solo soggettivamente povere. d) né oggettivamente né soggettivamente povere, che possiamo definire consapevolmente non povere. Ciascuno di questi sottogruppi è quantificabile sia a livello nazionale che regionale, con risultati tanto interessanti quanto paradossali (tab e fig. 1.10). TAB Combinazione tra povertà oggettiva e povertà soggettiva per regione. Anno 2002 (valori percentuali su totale famiglie residenti) Area geografica Famiglie consapevolmente Famiglie oggettivamente povere Famiglie apparentemente 9 Famiglie solo soggettivamente Famiglie oggettivamente non povere Famiglie consapevolmente

10 povere povere deprivilegiate non povere Piemonte 1,6 5,4 8,9 84,1 Valle d'aosta 0,0 7,1 3,5 89,4 Lombardia 1,0 2,7 6,8 89,5 Trentino-Alto Adige 1,2 8,7 4,7 85,4 Bolzano 1,8 6,8 7,1 84,3 Trento 0,0 11,1-88,9 Veneto 0,6 3,3 5,3 90,8 Friuli-Venezia Giulia 1,6 8,2 3,9 86,3 Liguria 1,0 3,8 6,7 88,5 Emilia Romagna 1,0 3,5 6,2 89,3 Nord 1,1 3,9 6,6 88,4 Toscana 1,0 4,9 4,7 89,4 Umbria 0,0 6,4 3,0 90,6 Marche 0,0 4,9 2,9 92,2 Lazio 1,3 6,5 5,3 86,9 Centro 1,0 5,7 4,6 88,7 Abruzzo 2,2 15,8 2,8 79,2 Molise 3,9 22,3 2,9 70,9 Campania 6,1 17,4 6,3 70,2 Puglia 4,5 16,9 6,6 72,0 Basilicata 4,7 22,2 3,1 70,0 Calabria 4,3 25,5 4,3 65,9 Sicilia 5,7 15,6 9,1 69,6 Sardegna 6,5 10,6 11,9 71,0 Mezzogiorno 5,2 17,2 6,9 70,7 Italia 2,4 8,6 6,3 82,7 valori assoluti Fig Povertà "oggettiva" e poverta "soggettiva" (valori assoluti) Famiglie povere oggettivamente e soggettivamente Famiglie povere oggettivamente ma non soggettivamente Famiglie povere sogggettivamente ma non oggettivamente famiglie non povere L analisi condotta h mostrato come le probabilità di cadere in stato di povertà siano decisamente maggiori per alcuni tipi di famiglie, tra cui spiccano quelle composte da più figli minori e quelle 10

11 composte esclusivamente da anziani. Questa circostanza confermata da una ormai lunga e consolidata serie storica non rende difficile immaginare quali siano i soggetti più fragili a cui indirizzare tanto le politiche di sostegno, quanto le politiche di prevenzione. Il vincolo delle risorse non è certo un elemento secondario dei ritardi fin qui accumulati, ma non sono forse meno rilevanti i persistenti pregiudizi culturali e politici verso la risorsa famiglia, fonte essenziale della generazione di nuove leve come della solidarietà tra le generazioni. 11

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Maria Rosaria Ferrante Dipartimento di Scienze Statistiche

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico Ministero delle Politiche per la Famiglia Curatori del Rapporto Cinzia Canali, Roberta Crialesi, Gianpiero Dalla Zuanna, Linda Laura Sabbadini, Tiziano Vecchiato.

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 10 dicembre 2012 Anno 2011 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2011, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Sondaggio CIMO ASMD 2013

Sondaggio CIMO ASMD 2013 Sondaggio CIMO ASMD 2013 Dati invio: target (Welfarelink) Tipologia Numeriche Medico Ospedaliero 97.065 Continuità Assistenziale 2.542 Medicina Territoriale 3.929 Medico in Casa di Cura 7.280 Totale 110.816

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI

ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI CONCORSI REGIONALI PER L ACCESSO AL CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE ANNO 2013 a cura di FIMMG Formazione puglia Il 17 Settembre di quest anno si è svolto,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 SETTEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico Ministero delle Politiche per la Famiglia Curatori del Rapporto Cinzia Canali, Roberta Crialesi, Gianpiero Dalla Zanna, Linda Laura Sabbadini, Tiziano Vecchiato.

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna

L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna Cagliari, 18 novembre 2014 Annalisa Giachi Promo PA Fondazione 1 I temi di oggi 1. Il quadro complessivo della spesa pubblica in Sardegna nel

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita CAPITOLO Benessere economico Fondamentale per la qualità della vita Ai fini del benessere complessivo, le capacità reddituali e le risorse economiche sono il mezzo indispensabile attraverso il quale un

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio La popolazione 1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio In poco meno di 60 anni, la componente della

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI 5 dicembre 2014 Anno 2013 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Nel 2013 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 272.746 1 milioni di euro, è aumentata dello 0,7 rispetto all anno

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli