PRIMA DI INIZIARE...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA DI INIZIARE..."

Transcript

1 PRIMA DI INIZIARE... Nel 2011 l'istat ha stimato che In Italia le famiglie che si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 782 mila (8 milioni 173 mila individui) e rappresentano l 11,1% delle famiglie residenti (13,6% della popolazione complessiva). In base a quale criterio, secondo voi, l ISTAT stabilisce se una famiglia è povera oppure non lo é? Può accadere che una famiglia che ha lo stesso reddito nel 2010 e nel 2011 venga classificata povera nel 2011 pur non essendo stata considerata tale nel 2010?

2 POVERTA RELATIVA Misura le risorse economiche di ognuno rispetto a quelle possedute da tutti gli altri. La misura della povertà relativa fa uso della soglia della povertà (poverty line) solitamente definita dalla media o dalla mediana della distribuzione dei consumi o dei redditi familiari. Vantaggi: La soglia della povertà (es. media, mediana) tiene conto, per definizione, della crescita reale dell economia e dunque delle variazioni intervenute nel tenore di vita della collettività nel suo complesso Punti deboli rischia di confondersi con la nozione di disuguaglianza. Ad es. un solo individuo con una Alfa Romeo in una collettività in cui tutti hanno una Ferrari; è influenzata dall andamento del ciclo economico. Ad esempio, in una fase di recessione che riduca i redditi della stessa proporzione, pur in presenza di un peggioramento assoluto, il numero dei poveri resterebbe inalterato.

3 LA POVERTA IN ITALIA NEL 2011 (ISTAT) In Italia, nel 2011, le famiglie in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 782 mila e rappresentano l 11,1% delle famiglie residenti; si tratta di 8 milioni 173 mila individui poveri, il 13,6% dell intera popolazione. La stima dell incidenza della povertà relativa viene calcolata impiegando, come linea della povertà, il valore di spesa per consumi al di sotto del quale una famiglia viene definita povera in termini relativi. La soglia di povertà per una famiglia di due componenti è rappresentata dalla spesa media mensile per persona, che nel 2011 è risultata pari a 1011,03 euro (+1,9% rispetto al valore della soglia nel 2010). Le famiglie composte da due persone che hanno una spesa media mensile pari o inferiore a tale valore vengono quindi classificate come relativamente povere. Per famiglie di ampiezza diversa il valore della linea si ottiene applicando una opportuna scala di equivalenza che tiene conto delle economie di scala realizzabili all aumentare del numero di componenti. La soglia di povertà relativa è calcolata sulla base della spesa familiare rilevata dall indagine annuale sui consumi, condotta dall ISTAT su un campione di circa 28 mila famiglie, estratte casualmente in modo da rappresentare il totale della famiglie residenti in Italia.

4 FIGURA 1. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni , valori percentuali

5 PROSPETTO 1. INDICATORI DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni , migliaia di unità e valori percentuali Nord Centro Mezzogiorno Italia MIGLIAIA DI UNITÀ famiglie povere famiglie residenti , , , persone povere persone residenti COMPOSIZIONE PERCENTUALE famiglie povere 21,7 21,6 11,4 11,4 66,9 67,0 100,0 100,0 famiglie residenti 48,3 48,3 19,8 19,8 31,9 31,8 100,0 100,0 persone povere 19,5 20,0 12,3 11,4 68,2 68,6 100,0 100,0 persone residenti 45,6 45,7 19,7 19,7 34,7 34,5 100,0 100,0 INCIDENZA DELLA POVERTÀ (%) Famiglie 4,9 4,9 6,3 6,4 23,0 23,3 11,0 11,1 Persone 5,9 5,9 8,6 7,9 27,1 26,9 13,8 13,6 INTENSITÀ DELLA POVERTÀ (%) Famiglie 18,4 18,2 20,1 20,0 21,5 22,3 20,7 21,1

6 PROSPETTO 4. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER AMPIEZZA, TIPOLOGIA FAMILIARE, NUMERO DI FIGLI MINORI, ANZIANI PRESENTI IN FAMIGLIA. Anni , valori percentuali Nord Centro Mezzogiorno Italia AMPIEZZA DELLA FAMIGLIA 1 componente 3,0 3,2 2,6 3,3 13,3 16,2 5,9 6,7 2 componenti 5,3 4,6 5,3 5,9 21,3 20,1 9,5 9,4 3 componenti 4,8 5,9 5,8 7,1 24,0 22,8 11,3 11,7 4 componenti 6,3 6,2 9,6 8,0 29,4 28,7 16,3 15,6 5 o più componenti 14,9 12,9 26,1 19,5 42,1 45,2 29,9 28,5 TIPOLOGIA FAMILIARE persona sola con meno di 65 anni 1,2 1,2 * * 7,6 10,6 2,9 3,6 persona sola con 65 anni e più 4,7 5,4 4,8 5,8 18,6 21,1 8,9 10,1 coppia con p.r. (a) con meno di 65 anni 2,1 2,0 * * 14,9 12,1 5,0 4,6 coppia con p.r. (a) con 65 anni e più 7,1 5,9 6,1 6,8 24,0 23,2 11,5 11,3 coppia con 1 figlio 4,3 4,8 4,6 7,3 21,6 20,5 9,8 10,4 coppia con 2 figli 5,9 5,7 8,5 7,0 28,5 27,5 15,6 14,8 coppia con 3 o più figli 11,5 10,0 26,8 17,9 38,6 43,0 27,4 27,2 monogenitore 7,4 7,8 7,7 6,8 27,2 24,3 14,1 13,2 altre tipologie (con membri aggregati) 12,1 11,9 16,9 13,8 38,7 42,6 23,0 22,0 FAMIGLIE CON FIGLI MINORI con 1 figlio minore 5,1 5,8 7,0 8,3 24,6 26,0 11,6 13,5 con 2 figli minori 8,2 7,3 11,2 8,5 30,8 30,5 17,7 16,2 con 3 o più figli minori 15,5 12,4 * * 47,3 50,6 30,5 27,8 con almeno 1 figlio minore 6,8 6,8 9,7 9,0 29,3 29,7 15,4 15,6 FAMIGLIE CON ANZIANI con 1 anziano 5,1 5,9 7,2 7,2 22,7 22,1 11,2 11,2 con 2 o più anziani 8,9 7,4 7,1 9,0 29,9 27,6 14,8 14,3 con almeno 1 anziano 6,3 6,4 7,1 7,8 24,9 24,0 12,4 12,2

7 PROSPETTO 7. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER CONDIZIONE E POSIZIONE PROFESSIONALE DELLA PERSONA DI RIFERIMENTO. Anni , valori percentuali Nord Centro Mezzogiorno Italia OCCUPATO 4,1 3,9 5,1 5,2 20,8 20,0 9,3 9,1 -DIPENDENTE 4,5 4,2 5,4 5,2 21,2 20,6 9,7 9,4 Dirigente / impiegato 1,9 1,8 * 1,9 14,2 11,1 5,3 4,4 Operaio o assimilato 7,7 7,3 10,8 9,8 28,7 30,0 15,1 15,4 -AUTONOMO 2,6 2,9 4,0 5,4 19,2 17,6 7,8 7,9 Imprenditore / libero professionista * * * * 10,3 7,0 3,7 3,4 Lavoratore in proprio 3,7 3,8 5,4 7,4 23,6 23,8 10,7 11,2 NON OCCUPATO 5,9 6,1 7,7 7,7 25,2 26,5 12,8 13,3 -Ritirato dal lavoro 5,1 5,5 6,6 6,7 22,9 23,5 10,7 11,0 -In cerca di occupazione 13,9 11,7 * 18,8 38,2 42,5 26,7 27,8 -In altra condizione 8,9 8,2 10,3 7,9 26,3 28,5 17,1 17,6

8 Impegno della Commissione Europea nel combattere la povertà nei paesi membri L'UE coordina l'azione dei governi nazionali e li incoraggia a: combattere la povertà e l esclusione sociale; riformare i loro sistemi previdenziali, individuando le politiche più efficaci nei campi della povertà e dell'emarginazione, delle pensione, della salute e dell assistenza a lungo termine (che nel complesso definiscono il sistema di protezione sociale); affrontare le sfide poste dall evoluzione demografica e prepararsi alle conseguenze dell'invecchiamento della popolazione focalizzando l'attenzione sulle opportunità emergenti; elaborare regolarmente relazioni con comparabili per l'insieme dell'ue. I paesi della UE collaborano utilizzando un quadro di cooperazione politica (metodo aperto per il coordinamento). Questo comporta la definizione di obiettivi e indicatori comuni che permettano di misurare i progressi realizzati. I governi nazionali traducono gli obiettivi comuni in piani nazionali, presentati nel quadro di relazioni strategiche nazionali. Le relazioni nazionali sono valutate dalla Commissione e dal Consiglio in relazioni che rispecchiano i risultati a livello nazionale delle iniziative europee. La Commissione collabora anche con i paesi che hanno chiesto di aderire alla UE per aiutarli a riformare i rispettivi sistemi di protezione sociale. Gli interventi prioritari sono fissati nei cosiddetti "memorandum comuni per integrazione".

9 NELL UNIONE EUROPEA In 2010 as in 2009, around 23 % of the European population were considered to be at risk of poverty or social exclusion (AROPE), according to the definition adopted for the Europe 2020 strategy. The AROPE indicator is defined as the share of the population in at least one of the following three conditions: 1) at risk of poverty, meaning below the poverty threshold, 2) in a situation of severe material deprivation, 3) living in a household with a very low work intensity

10 NELL UNIONE EUROPEA Figure 1: People at risk of poverty or social exclusion (%), 2009 and 2010 Table 2: At-risk-of-poverty rate before and after social transfers (%), 2009 and 2010

11 PER APPROFONDIMENTI: 1. PAESI OCSE (maggiori paesi industrializzati): Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD), 2. PAESI EUROPEI: Eurostat, 3. ITALIA: ISTAT, Banca d Italia:

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1 Lezione 5.2 QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ (P. Silvestri, 2014-15) 1 Fonti Eurostat, l Indagine europea sui redditi e sulle condizioni di vita delle famiglie (Eu-Silc) (European statistics

Dettagli

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec.

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec. Spesa media mensile ( ) delle famiglie per alimentari e non alimentari negli anni dal 2005 al 2009 2005 2006 2007 2008 2009 Emilia-Roma 2.778 2.880 2.762 2.854 2.799 2.398 2.461 2.480 2.484 2.442 Percentuale

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali

Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali Roma, 9 Dicembre 2013 Nicolo Brignoli Contenuti L AEIP in breve Il Social Protection Performance

Dettagli

Sistemi di welfare 4. LE DISUGUAGLIANZE DI REDDITO. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 4. LE DISUGUAGLIANZE DI REDDITO. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 4. LE DISUGUAGLIANZE DI REDDITO Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La popolazione sotto il livello di povertà. 09_21.odt 1 R.I. 21/09 Dicembre 2009 Questo rapporto

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI 49 IL CASO ITALIA: CONTRO LA POVERTÀ LO STRUMENTO SIA Simona TENAGLIA* * Ricercatrice Isfol, economista esperta in politiche sociali I L QUADRO ITALIANO La crisi economica ha

Dettagli

La povertà assoluta in Sicilia Persone, famiglie, stime del fabbisogno finanziario per una politica di intervento 1

La povertà assoluta in Sicilia Persone, famiglie, stime del fabbisogno finanziario per una politica di intervento 1 La povertà assoluta in Sicilia Persone, famiglie, stime del fabbisogno finanziario per una politica di intervento 1 di Adam Asmundo ECONOMIA SICILIANA In tema di misure di contrasto alla povertà e al disagio

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 10 dicembre 2012 Anno 2011 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2011, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Misure della povertà minorile in Italia 1

Misure della povertà minorile in Italia 1 Misure della povertà minorile in Italia 1 Sintesi Nel clima economico attuale, con la presenza di una forte recessione, con il consolidamento delle misure fiscali, le liberalizzazioni, le semplificazioni

Dettagli

SINTESI INTERVENTI AXA Ricerca sulla pensione 2007 La pensione nella vita e nell immaginario degli italiani Terza Edizione

SINTESI INTERVENTI AXA Ricerca sulla pensione 2007 La pensione nella vita e nell immaginario degli italiani Terza Edizione SINTESI INTERVENTI AXA Ricerca sulla pensione 2007 La pensione nella vita e nell immaginario degli italiani Terza Edizione GIULIANO CAZZOLA Docente di diritto della previdenza sociale nell Università di

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Rapporto Ombra di Caritas Europa Riassunto Paese per l'italia

Rapporto Ombra di Caritas Europa Riassunto Paese per l'italia 1. POVERTA' 1.1. Trend recenti Sviluppi della povertà e dell esclusione sociale in Italia basati su Eurostat: Quasi tutti gli indicatori della povertà sono andati aumentando nel periodo osservato (2008-2012).

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 008 Nuova serie Anno XX - 0 febbraio 00 Numero 8 AVVERTENZE I. - Le elaborazioni, salvo diversa indicazione,

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 00 Nuova serie Anno XXII - 5 Gennaio 0 Numero 6 INDICE pag.. Introduzione... 7. La struttura della

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita CAPITOLO Benessere economico Fondamentale per la qualità della vita Ai fini del benessere complessivo, le capacità reddituali e le risorse economiche sono il mezzo indispensabile attraverso il quale un

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico Materiali di lavoro 7 Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico In questa scheda si presentano alcune stime riguardanti gli

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

Stime della povertà nel comune di Ferrara anno 2006

Stime della povertà nel comune di Ferrara anno 2006 UNITA OPERATIVA STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA Stime della povertà nel comune di Ferrara anno 2006 Nel dicembre 2006 l Indagine triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara è giunta alla sua quinta realizzazione.

Dettagli

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona?

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona? Uno degli obiettivi del M5S è Nessuno deve rimanere indietro. E inaccettabile che un cittadino italiano venga abbandonato a sé stesso dallo Stato perché perde il lavoro, magari dopo aver pagato contributi

Dettagli

CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale. Nuovi modelli per la Long Term Care?

CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale. Nuovi modelli per la Long Term Care? CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Nuovi modelli per la Long Term Care? Giovanni Fosti Vercelli, 4 dicembre 2014 CeRGAS-Bocconi 2 Italia, Francia, Germania, Regno

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Rapporto di strategia nazionale sulle pensioni 2002 Appendice statistica *

Rapporto di strategia nazionale sulle pensioni 2002 Appendice statistica * Rapporto di strategia nazionale sulle pensioni 2002 Appendice statistica * * L Appendice statistica è stata assemblata a cura di Angelo Marano e Raffaele Tangorra del Dipartimento per gli Affari Economici

Dettagli

1 Centro di Ricerca dell UNICEF (2013). Figli della recessione: l'impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei

1 Centro di Ricerca dell UNICEF (2013). Figli della recessione: l'impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei LE FAMIGLIE ITALIANE TRA POVERTÀ, DEPRIVAZIONE, PROSPETTIVE ED OPPORTUNITÀ Prof.Giancarlo Rovati, e ordinario di Sociologia generale Università Cattolica del Sacro Cuore 1. La povertà dei minori nei paesi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Mauro Maltagliati Gianni Marliani Firenze, 19 gennaio 2009 Dipartimento di Statistica Università di

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU. Osservatorio delle Politiche Sociali. Ambito Plus 21. Profilo demografico e sociale.

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU. Osservatorio delle Politiche Sociali. Ambito Plus 21. Profilo demografico e sociale. PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Osservatorio delle Politiche Sociali Ambito Plus 21 Profilo demografico e sociale Maggio 2012 La popolazione residente nel Plus 21 al 31 dicembre del 2010 era

Dettagli

PROSPETTO 1. SPESA MEDIANA MENSILE E SPESA MEDIA MENSILE DELLE FAMIGLIE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA

PROSPETTO 1. SPESA MEDIANA MENSILE E SPESA MEDIA MENSILE DELLE FAMIGLIE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA . 8 luglio 2014 Anno 2013 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE Nel 2013, la spesa media mensile per famiglia è pari, in valori correnti, a 2.359 euro (-2,5% rispetto all anno precedente). Tenuto conto dell errore

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

POVERTA ED ESCLUSIONE SOCIALE. L Italia nel contesto comunitario. Anno 2010

POVERTA ED ESCLUSIONE SOCIALE. L Italia nel contesto comunitario. Anno 2010 3 POVERTA ED ESCLUSIONE SOCIALE L nel contesto comunitario. Anno 21 INDICE INTRODUZIONE... 4 Sezione I GLI INDICATORI DI POVERTÀ ED ESCLUSIONE SOCIALE NELL AMBITO DELLA STRATEGIA EU22... 6 1. LA STRATEGIA

Dettagli

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia.

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. della condizione La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Una prima definizione del fenomeno

Una prima definizione del fenomeno Una prima definizione del fenomeno " dovrebbero essere definiti poveri quegli individui, famiglie e gruppi di persone le cui risorse materiali, culturali e sociali sono così limitate da escluderli dallo

Dettagli

Primo rapporto sulla coesione sociale

Primo rapporto sulla coesione sociale Primo rapporto sulla coesione sociale Anno 2010 Indice delle tavole I. CONTESTI I.1 QUADRO SOCIO-DEMOGRAFICO I.1.1 Struttura e dinamica della popolazione Tavola I.1.1.1 - Popolazione residente per sesso,

Dettagli

Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia

Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia Rapporto di Ricerca dell Associazione Bruno Trentin Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia Serena Rugiero Associazione Bruno Trentin Osservatorio Energia, Innovazione e

Dettagli

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Claudia Rinaldelli ISTAT Direzione Centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita Introduzione al

Dettagli

IL CARICO FISCALE E CONTRIBUTIVO: STIME DELL INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA (EU-SILC)

IL CARICO FISCALE E CONTRIBUTIVO: STIME DELL INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA (EU-SILC) 15 novembre 2012 IL CARICO FISCALE E CONTRIBUTIVO: STIME DELL INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA (EU-SILC) Nel 2009, la distribuzione dei redditi lordi individuali mostra che il 53,7% dei redditi si concentra

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Maria Rosaria Ferrante Dipartimento di Scienze Statistiche

Dettagli

Tabella 1 - Distribuzione della povertà nel mondo

Tabella 1 - Distribuzione della povertà nel mondo Povertà e impoverimento Paolo Palazzi Quanti sono i poveri nel mondo? Esistono due possibili definizioni quantitative di povertà: povertà assoluta e povertà relativa. La povertà assoluta è misurata attraverso

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Vecchi e nuovi rischi sociali: la povertà e i processi di impoverimento attuali

Vecchi e nuovi rischi sociali: la povertà e i processi di impoverimento attuali Antonella MEO, 22 marzo 2011 Vecchi e nuovi rischi sociali: la povertà e i processi di impoverimento attuali Parlare di povertà oggi significa parlare di quella che la Commissione Europea ha definito la

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Rischio povertà in un territorio ad alto reddito: il caso della provincia di Treviso

Rischio povertà in un territorio ad alto reddito: il caso della provincia di Treviso Università Ca Foscari Centro interdipartimentale su Cultura ed Economia della Globalizzazione Rischio povertà in un territorio ad alto reddito: il caso della provincia di Treviso A cura di Prof. Ferruccio

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Che cosa è l ISEE L ISEE è l indicatore, in vigore dal 1998, che serve per valutare e confrontare

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106

LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106 LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106 Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE 5 luglio 2011 Anno 2010 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE Nel 2010 la spesa media mensile per famiglia è pari, in valori correnti, a 2.453 euro, con una variazione rispetto all anno precedente di +0,5%. Tenuto

Dettagli

Combattere le disuguaglianze per uscire dalla crisi

Combattere le disuguaglianze per uscire dalla crisi Combattere le disuguaglianze per uscire dalla crisi di Riccardo Sanna e Riccardo Zelinotti Ogni qualvolta si sia verificata una crisi economica, dal Dopoguerra ad oggi, al termine della stessa, quando

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

9. Ricchezza e disuguaglianza in Italia Giovanni D Alessio (Servizio Studi Banca d Italia)

9. Ricchezza e disuguaglianza in Italia Giovanni D Alessio (Servizio Studi Banca d Italia) 9. Ricchezza e disuguaglianza in Italia Giovanni D Alessio (Servizio Studi Banca d Italia) La ricchezza rappresenta una caratteristica fondamentale per il benessere degli individui e delle comunità nel

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9//22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Finanziamento EU per le politiche sociali

Finanziamento EU per le politiche sociali Finanziamento EU per le politiche sociali Struttura istituzionale delle politiche europee Divisione in settori di politiche sociali per Dipartimenti: DGs (Directorates-General) http://ec.europa.eu/about/ds_en.htm

Dettagli

IL CARICO FISCALE E CONTRIBUTIVO SUL LAVORO E SULLE FAMIGLIE

IL CARICO FISCALE E CONTRIBUTIVO SUL LAVORO E SULLE FAMIGLIE 27 settembre 2013 Anno 2010 IL CARICO FISCALE E CONTRIBUTIVO SUL LAVORO E SULLE FAMIGLIE Nel 2010, in base alle stime dell Indagine Istat Reddito e condizioni di vita (EU SILC), il costo medio del lavoro

Dettagli

I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti

I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti Gabriella Utili Direzione consumatori conciliazioni e arbitrati Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Questa presentazione

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Le definizioni di povertà, il mercato del lavoro e la redistribuzione nel welfare* *documento ad uso interno, si prega di non citare.

Le definizioni di povertà, il mercato del lavoro e la redistribuzione nel welfare* *documento ad uso interno, si prega di non citare. Le definizioni di povertà, il mercato del lavoro e la redistribuzione nel welfare* *documento ad uso interno, si prega di non citare. Le povertà La Povertà: Notoriamente e nella sua accezione più comune

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

CAPITOLO 6 Tassi di sostituzione del sistema pensionistico pubblico e complementare

CAPITOLO 6 Tassi di sostituzione del sistema pensionistico pubblico e complementare CAPITOLO 6 Tassi di sostituzione del sistema pensionistico pubblico e complementare 6.1 Premessa Il capitolo è dedicato all analisi dei tassi di sostituzione del sistema pensionistico obbligatorio nell

Dettagli

Diritto dei cittadini: potere d acquisto, prezzi e tariffe, paniere e soggetti deboli

Diritto dei cittadini: potere d acquisto, prezzi e tariffe, paniere e soggetti deboli Federconsumatori di Milano Provincia di Milano Istituto di Ricerche Economiche e Sociali - CGIL Diritto dei cittadini: potere d acquisto, prezzi e tariffe, paniere e soggetti deboli Ruolo attivo delle

Dettagli

IL RELATIVE POVERTY GAP E IL QUINTILE SHARE RATIO : LA STIMA DELL ERRORE DI CAMPIONAMENTO SECONDO LE REPLICAZIONI BILANCIATE RIPETUTE

IL RELATIVE POVERTY GAP E IL QUINTILE SHARE RATIO : LA STIMA DELL ERRORE DI CAMPIONAMENTO SECONDO LE REPLICAZIONI BILANCIATE RIPETUTE Statistica Applicata Vol. 17, n. 2, 2005 179 IL RELATIVE POVERTY GAP E IL QUINTILE SHARE RATIO : LA STIMA DELL ERRORE DI CAMPIONAMENTO SECONDO LE REPLICAZIONI BILANCIATE RIPETUTE Diego Moretti, Claudio

Dettagli