IL LIBERO PROFESSIONISTA: ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LIBERO PROFESSIONISTA: ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI"

Transcript

1 IL LIBERO PROFESSIONISTA: ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Il neo laureato, successivamente al superamento dell esame di stato, una volta ottenuta l abilitazione alla professione e l iscrizione all Ordine, si trova alle prese con l inquadramento fiscale e previdenziale da assumere nei primi anni di svolgimento dell attività professionale. Nello specifico può scegliere di svolgerla: - come lavoratore dipendente; - come collaboratore, coordinato e continuativo od occasionale; - come lavoratore autonomo, occasionale o con partita IVA. Il lavoratore dipendente Il lavoro dipendente è regolato principalmente dalla Costituzione, dal Codice Civile, da leggi speciali (tra cui lo Statuto del Lavoratore) e dai contratti collettivi stipulati trai i sindacati dei lavoratori e dalle associazioni dei datori di lavoro (impiego pubblico, studi professionali, ecc.). La disciplina giuridica di questi contratti è quindi molto complessa. Se si vuole un informazione corretta sui propri diritti e doveri, sia prima di firmare la lettera d assunzione, sia durante il rapporto di lavoro, è necessario rivolgersi o a un sindacato di categoria o ad un consulente del lavoro. Il contratto collettivo, a cui si farà riferimento, disciplina gli orari di lavoro, le qualifiche e i livelli, la retribuzione, le ferie, la regolamentazione delle assenze, del preavviso, i comportamenti che sono ritenuti causa di licenziamento, ed altro ancora. La differenza tra lavoratore dipendente e libero professionista è sostanzialmente riconducibile al fatto che da dipendente si è subordinati ad un datore di lavoro; l art C.C. definisce il lavoratore subordinato come colui che si obbliga, in cambio della retribuzione, a prestare la propri opera manuale (operaio) o intellettuale (impiegato, quadro dirigente) alle dipendenze e sotto la direzione del datore di lavoro, il quale, nell ambito del contratto collettivo nazionale di riferimento, stabilisce compenso, orari e modalità di svolgimento dell incarico. Dal canto suo il lavoratore dipendente deve svolgere la propria mansione con la diligenza del buon padre di famiglia cioè quella ordinaria e media; vale a dire tutti gli ordini che non siano insensati o contra legem vanno eseguiti, non si possono svolgere, anche dopo il lavoro, attività in concorrenza con il proprio datore di lavoro, ecc. Per approcciarsi al mondo del lavoro è utile ricordare che non esiste più la disciplina del Collocamento, che era stata istituita dopo la seconda guerra mondiale per dar modo a tutti di accedere al mondo del lavoro senza subire da parte delle imprese discriminazioni di ordine razziale, sessuale o politico. L iscrizione all Ufficio di Collocamento era necessaria e in un certo senso sufficiente, per poter essere assunti, in quanto solo l iscrizione al Collocamento permetteva al disoccupato di maturare punti, scalare le graduatorie ed essere chiamati. In seguito al D.Lgs 469/97 ( pacchetto Treu ) i vecchi Uffici di Collocamento sono stati sostituiti dai Centri per l Impiego. Il Centro per l'impiego è una struttura pubblica di gestione dei candidati e delle imprese, rivolta a coloro che sono alla ricerca di lavoro e alle imprese che necessitano di personale qualificato: mettendo a disposizione informazioni e servizi di orientamento ed indirizzamento, permettono alla domanda di lavoro di incontrare l'offerta, ed offrono assistenza e supporto per l'espletamento delle pratiche burocratiche ed amministrative. Sono quindi anche uno strumento utile di pre-selezione per le imprese, che possono così avere candidati motivati e qualificati per la loro ricerca di personale da impiegare. Restano tuttavia alcuni punti fermi: 1 il lavoratore deve sempre essere iscritto al Centro dell Impiego, ma può farlo anche solo al momento dell assunzione;

2 2 almeno in linea teorica, il datore di lavoro può assumere chi vuole senza però fare discriminazioni in base al sesso, alla razza, alle opinioni politiche e religiose. Accanto ai Centri per l Impiego il D.Lgs 469/97 convertito in Legge 196/1997 ha introdotto altre forme di intermediazione privata nelle assunzioni : le agenzie di lavoro interinale. Diritti del lavoratore dipendente. Le principali garanzie di cui gode il lavoratore dipendente sono la retribuzione, alla fine del rapporto di lavoro il Trattamento di Fine Rapporto, il riposo settimanale, le ferie retribuite, la copertura previdenziale ed assistenziale, la tutela contro la disoccupazione con l indennità di disoccupazione, di mobilità, di cassa integrazione. Molte misure tutelano la donna lavoratrice (divieti di licenziamento, assenza prima e dopo il parto, ecc.). Anche la stabilità del posto di lavoro è difesa dalla legge, in quanto il lavoratore può sempre dare le dimissioni con preavviso (e in caso di giusta causa anche senza), mentre il datore di lavoro può licenziare solo per giusta causa (per gravissimi inadempimenti da parte del lavoratore dei propri obblighi contrattuali) o per giustificato motivo (crisi dell azienda e sovradimensionamento). Il collaboratore di studio Il collaboratore coordinato e continuativo: Il collaboratore coordinato e continuativo (c.d. co-co-co) è anche detto lavoratore parasubordinato, perché rappresenta una categoria intermedia tra il lavoro autonomo ed il lavoro dipendente. Esso infatti mantiene, diversamente dal lavoratore dipendente e in funzione del risultato, un minimo di autonomia nella gestione dei tempi di lavoro e modalità di svolgimento della prestazione, nel rispetto del coordinamento con l organizzazione del committente. A seguito dell entrata in vigore del D.Lgs 276/03, c.d. riforma Biagi, non è più possibile, salvo alcune eccezioni, istaurare rapporti di collaborazione coordinata e continuativa se non sono riconducibili ad un progetto, programma di lavoro o fase di esso. Tra le eccezioni, la norma prevede tra gli altri, anche coloro che esercitano professioni intellettuali per le quali è necessaria l iscrizione a specifici albi professionali, tra cui appunto gli architetti e gli ingegneri. E pur vero, che essendo il contratto di lavoro a progetto una forma particolare di co.co.co., non possa negarsi la formulazione di un contratto a progetto con un Architetto o Ingegnere iscritto all albo. Per quanto riguarda l aspetto contributivo, il versamento dei contributi dei collaboratori di studio, siano essi coordinati e continuativi, o forzatamente considerati collaboratori a progetto, va fatta alla Gestione Separata dell Inps di cui alla L. 335/1995 di riforma del sistema pensionistico (nota come Legge Dini). La contribuzione è posta per 2/3 a carico del committente e per 1/3 a carico del lavoratore. Aliquote. Per l anno 2011 la L.247/2007 aveva previsto un innalzamento di 0,09 punti dell aliquota contributiva rispetto al Ma la L. 220/2010 (legge di stabilità 2011) ha abrogato tale disposizione. Pertanto le aliquote in vigore nel 2011 sono le stesse del 2010, ovvero sono previste nella misura del 26,72% per coloro che non hanno un altra forma previdenziale obbligatoria e del 17% per i parasubordinati che sono iscritti anche ad un altra gestione obbligatoria. Massimale. È previsto un massimale, ovvero un versamento massimo commisurato ad un reddito di ( per il 2010), ma non un minimale, nel senso che va pagato sul compenso effettivamente percepito. Esiste però un minimale in questo senso: chi versa contributi di importo inferiore a in un anno (calcolati su di un reddito di circa euro euro nel 2010), non si vedrà accreditato un anno di contributi bensì solamente la quota proporzionale.

3 I collaboratori hanno inoltre diritto all indennità di degenza ospedaliera e all indennità di malattia (pur rispettando determinati requisiti di reddito e di durata dell assenza dal lavoro). Le lavoratrici madri hanno inoltre diritto alle indennità di maternità, e diversamente dalle colleghe libere professioniste iscritte alla cassa di categoria, hanno l obbligo di astenersi dall attività lavorativa al pari di una lavoratrice dipendente. Dal punto di vista del trattamento fiscale, il co.co.co è considerato un lavoratore dipendente, quindi il sostituto di imposta, ovvero il suo committente, si comporta come un vero e proprio datore di lavoro, in particolare provvede a: - Iscrivere i collaboratori nel Libro Unico (che ha sostituito i libri paga e matricola); - Operare le ritenute in base agli scaglioni Irpef; - Considerare le detrazioni spettanti per il lavoro dipendente e quelle per carichi di famiglia; - Rilasciare un prospetto paga del tutto simile alle buste paga, anche se in forma libera contenente gli oneri fiscali e contributivi; - Effettuare i conguagli di fine anno; - Rilasciare il Modello Cud contenente il riepilogo delle somme corrisposte nell anno precedente Il collaboratore di lavoro occasionale Diversamente dal collaboratore coordinato e continuativo la prestazione non può essere di durata complessiva superiore a 30 giorni nel corso dell anno solare con lo stesso committente, salvo che il compenso complessivamente percepito dallo stesso committente nel medesimo anno solare sia superiore a 5 mila euro. Il trattamento fiscale di tali compensi è tale per cui sono considerati redditi diversi ed assoggettati alla ritenuta del 20%. Tali compensi assumono anche rilevanza contributiva (con obbligo di iscrizione alla Gestione Separata) solo al superamento di un reddito annuo di anche da più committenti, ma solo sulla parte eccedente la quota esente. Anche in questo caso il contributo è pari a 1/3 a carico del collaboratore e per i 2/3 a carico del committente. Il prestatore di lavoro autonomo Veniamo infine alla tipologia di lavoratore che più interessa in questa sede, il lavoratore autonomo, che a seconda della occasionalità o meno della sua prestazione deve o non deve aprire partita IVA. L art del Codice Civile disciplina le professioni intellettuali per l esercizio delle quali è necessaria l iscrizione in appositi albi o elenchi. La prestazione d opera intellettuale è regolata dalle norme contenute nel Libro V Del Lavoro Titolo III Del Lavoro Autonomo Capo II Delle Professioni Intellettuali. Il prestatore d opera intellettuale può svolgere la sua prestazione in maniera occasionale oppure in maniera abituale. Da sottolineare la differenza tra un lavoratore autonomo occasionale ed un collaboratore occasionale: il primo nei confronti del committente ha un unico obbligo, quello di risultato, mentre il secondo deve prestare la propria opera nel rispetto del coordinamento con l organizzazione del committente. L art. 61 del D.Lgs 276/2003 che definisce la collaborazione occasionale esclude da questa ipotesi lavorativa i professionisti intellettuali iscritti in appositi albi. Quindi la prestazione occasionale di un professionista

4 iscritto all Ordine, come ad esempio la presentazione di una DIA, piuttosto che l incarico di CTU ricevuto dal Tribunale, non soggiace al limite dei né a quello dei 30 giorni lavorativi. La distinzione è importante perché mentre da un punto di vista fiscale entrambi i compensi sono assoggettati alla ritenuta d acconto del 20%, da un punto di vista previdenziale invece l Inps, riconducendo la collaborazione occasionale al contratto d opera così definito dall art del Codice Civile, richiede il versamento dei contributi alla Gestione Inps lavoratori Autonomi nella misura in cui tale compenso eccede la franchigia di 5.000, ancorché da uno o più committenti diversi. NB: Stabilire se un attività professionale è abituale, oppure non lo è, è una questione piuttosto complessa, e non codificata dal legislatore. La logica e il buon senso ci inducono a definire un attività abituale come un attività caratterizzata dalla ripetitività, regolarità, stabilità e sistematicità di comportamenti. Di contro, un attività occasionale è un attività caratterizzata dalla contingenza, dall eventualità e dalla secondarietà. Per esempio può essere semplice definire occasionale la prestazione di un architetto che saltuariamente riceve l incarico di CTU dal Tribunale; più difficile è sostenere l occasionalità della prestazione di un architetto che si occupa della progettazione e direzione lavori di un intero centro commerciale. In ogni caso, una volta stabilita l abitualità della prestazione di lavoro autonomo, il professionista deve aprire la partita IVA. Infatti, l articolo 5 del D.P.R. 633/1972 (Testo Unico IVA) stabilisce che per esercizio di arti e professioni si intende l esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo. Quindi requisito essenziale perché la prestazione di un professionista ricada nel regime IVA è l abitualità dell esercizio dell attività, mentre non è rilevante il requisito dell esclusività. Spesso l apertura della partita IVA per un neo-professionista sembra una scelta forzata e soprattutto la meno vantaggiosa, ma grazie ai più recenti regimi contabili introdotti dal Fisco proprio per venire incontro ai professionisti che si affacciano al mondo del lavoro, avremo modo di dimostrare che sia dal punto di vista fiscale che previdenziale non è sempre così. INIZIO ATTIVITA Obblighi di comunicazione Aprire la partita IVA significa diventare soggetto economico. Gli adempimenti da mettere in atto sono i seguenti: 1 chiedere l attribuzione del numero di partita IVA, che rappresenta il codice fiscale dell attività libero-professionale; 2 iscriversi alla cassa previdenziale di categoria, Inarcassa, se non si ha un altra forma di contribuzione obbligatoria (ovvero non si è già dipendenti, in questo caso è obbligatorio assoggettare il reddito professionale all Inps Gestione Separata con il riconoscimento di un aliquota più bassa, per il 2011 è il 17% e versare ad Inarcassa il contributo integrativo pari al 4% regolarmente addebitato in fattura) Per l attribuzione della partita IVA occorre rivolgersi ad un qualsiasi Ufficio della Agenzia delle Entrate compilando il modello di inizio attività; le persone fisiche devono utilizzare il modello AA9/10. Il modello deve essere presentato entro 30 giorni dall inizio dell attività e va presentato: - in duplice esemplare direttamente allo sportello (o anche mediante persona delegata, in questo caso servono le fotocopie di entrambi i documenti di identità, del delegante e del delegato); - in unico esemplare a mezzo servizio postale mediante raccomandata, allegando fotocopia della propria carta d identità; la dichiarazione risulta presentata alla data della spedizione;

5 - per via telematica direttamente dal contribuente (in questo caso è necessario prima farsi rilasciare le chiavi di accesso) o mediante intermediario incaricato della trasmissione telematica; la dichiarazione risulta presentata alla data in cui si è conclusa la ricezione da parte dell Agenzia delle Entrate mediante apposita ricevuta. La compilazione del modello di inizio attività è piuttosto semplice. Il modello e le istruzioni sono scaricabili dal sito dell Agenzia delle Entrate In questo modello vanno indicati i dati anagrafici, il codice ATECO dell attività esercitata, l indirizzo del luogo dove si intende esercitare la propria attività professionale, che può coincidere con la propria residenza anagrafica, il luogo dove si intendono conservare le scritture contabili, l indicazione di eventuali sedi secondarie, ecc. Il codice attività per gli studi di architettura è il Il codice attività per gli studi di ingegneria è il Un dato sul quale risulta importante fare delle precisazioni è quello relativo al volume d affari. Questo campo infatti va compilato solo se non si intende aderire ad uno dei due regimi contabili previsti rispettivamente dall art. 13 della L. 388/2000 e dall art.1 comma 96 e seguenti della L. 244/2007 di cui parleremo più avanti. In questo caso l importo del Volume d Affari serve per comunicare all Agenzia delle Entrate la propria intenzione di optare per la liquidazione (ed il versamento) trimestrale dell IVA consentita in base all art. 33 del DPR 633/1972 (Testo Unico dell IVA) per i professionisti con un volume d affari inferiore a ,14 (i vecchi 600 milioni di lire). Tale limite, che per ora è sempre andato di pari passo con quello che determina l obbligo di tenuta della contabilità ordinaria per le imprese, non è stato interessato dal recente provvedimento dell Agenzia delle Entrate, che l ha invece innalzato a euro. Si può ragionevolmente ipotizzare che il limite verrà innalzato. Lo stesso modello di comunicazione AA9/10 va presentato entro 30 giorni da un evento modificativo (variazione della residenza anagrafica, variazione del luogo di esercizio dell attività, ecc.) Scelta del regime contabile Il professionista determina l IVA con il regime normale e rientra sempre nel regime di contabilità semplificata (salvo regimi forfetario e super semplificato, peraltro entrambi abrogati). La contabilità ordinaria è facoltativa e solo su opzione, da esercitare nella dichiarazione annuale IVA o in quella di inizio attività. Il professionista in contabilità semplificata deve tenere il registro fatture emesse, il registro IVA acquisti e il Registro degli incassi e dei pagamenti. Sul registro delle fatture emesse vanno registrate le fatture emesse entro 15 giorni dalla data di emissione, nell ordine della loro numerazione; le fatture devono essere comprese nella liquidazione IVA del mese di emissione, anche se registrate successivamente. Le fatture vanno emesse entro il giorno dell effettuazione delle prestazioni o al più tardi il giorno dell incasso. Sul registro IVA acquisti vanno annotate le spese sostenute anteriormente alla liquidazione periodica o alla dichiarazione annuale nella quale è esercitato il diritto alla detrazione. Dal è stato soppresso l obbligo di bollatura dei registri IVA, fermo restando l obbligo di numerazione progressiva delle pagine, con l indicazione su ogni pagina dell anno di riferimento.

6 Il professionista oltre ai registri IVA deve tenere dei registri anche per le imposte sui redditi; più precisamente il registro degli incassi e pagamenti per i professionisti in contabilità semplificata, e il registro cronologico e il registro dei beni ammortizzabili per quelli in contabilità ordinaria. Sul registro incassi e pagamenti devono essere annotati entro 60 giorni cronologicamente gli introiti e le spese derivanti dall esercizio della professione anche se non documentati da fattura. Entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione deve essere annotato il valore dei beni per i quali si richiede la deduzione di quote di ammortamento. Questa annotazione sostituisce l obbligo di tenuta del registro dei beni ammortizzabili. L assoggettamento al regime ordinario (in contabilità semplificata od ordinaria per opzione) prevede: - il pagamento dell imposta progressiva IRPEF e delle addizionali sul reddito conseguito, da determinarsi con metodi ordinari (detrazione dei costi dai ricavi); - il pagamento dell IRPEF secondo un sistema di acconti e saldi; il 16 giugno, contestualmente al pagamento del saldo dell anno precedente, va versato il 40% dell acconto dell anno in corso, e a novembre il 60% dell acconto; l acconto, in linea generale, va versato sul 99% dell imposta dell anno precedente; - la liquidazione dell imposta IVA, con metodi ordinari, mensilmente o trimestralmente (con la maggiorazione di interessi pari all 1%); - l assoggettamento dei compensi alla ritenuta d acconto. Una breve considerazione circa la convenienza all opzione della contabilità ordinaria: dal periodo di imposta 2005, in seguito al Decreto Bersani D.L. 223/2006, non vi è alcuna convenienza ad optare per la contabilità ordinaria, in quanto tutti i professionisti, anche quelli in contabilità ordinaria per opzione, sono passibili di accertamento da studi di settore anche se la non congruità si verifica solo un anno (e non due periodi su tre anche non consecutivi come avveniva prima) Regime ante 01/01/2012: In alternativa al naturale regime della contabilità semplificata, per il neo-professionista che intende aprire la partita IVA esistono due regimi contabili, che hanno sostituito il forfetario e il super semplificato (ormai aboliti rispettivamente dal 2007 e dal 2008): 1) il regime delle nuove iniziative produttive 2) il regime dei minimi (cosiddetto regime dei contribuenti minimi/marginali ) Il regime delle nuove iniziative produttive (all art. 13 della L. 388/2000) L opzione per tale regime è concessa per le persone fisiche che: - negli ultimi tre anni non abbiano esercitato attività artistica, professionale o d impresa anche in forma associata o familiare; - la cui nuova attività non costituisca mera prosecuzione di una precedentemente svolta in qualità di lavoratore dipendente o autonomo, anche sotto forma di collaborazione coordinata continuativa; - il cui ammontare dei compensi dell attività non superi ,41 Una importante precisazione va fatta in merito al secondo requisito.

7 Ecco uno stralcio della circolare n. 8/E del dell Agenzia delle Entrate: La condizione tale per cui la nuova attività non costituisca mera prosecuzione di una precedentemente svolta in qualità di lavoratore dipendente o autonomo, anche sotto forma di collaborazione coordinata continuativa ha carattere antielusivo ed è finalizzata ad evitare gli abusi dei contribuenti, i quali, al solo fine di godere delle agevolazioni tributarie previste dal nuovo regime, potrebbero di fatto continuare ad esercitare l attività in precedenza svolta, modificando solamente la veste giuridica in impresa o lavoro autonomo. Più che aver riguardo, quindi, al tipo di attività esercitata in precedenza occorre porre l accento sul concetto di mera prosecuzione della stessa attività. È da ritenersi certamente mera prosecuzione dell attività in precedenza esercitata quell attività che presenta il carattere della novità unicamente sotto l aspetto formale ma che viene svolta in sostanziale continuità, utilizzando, ad esempio, gli stessi beni dell attività precedente, nello stesso luogo e nei confronti degli stessi clienti. L indagine diretta ad accertare la novità dell attività intrapresa, infine, va operata caso per caso con riguardo al contesto generale in cui la nuova attività viene esercitata. Non sembra quindi ostativa all apertura di una attività professionale con tale regime la condizione di essere anche lavoratore dipendente. Non è chiaro però se tale attività debba avere in assoluto carattere di novità rispetto all attività che si continua a svolgere come lavoratore dipendente. Le agevolazioni concesse ai titolari di partita IVA che abbiano scelto di avvalersi di tale regime agevolato per i primi tre anni di attività sono: - il pagamento di un imposta sostitutiva del 10%, in luogo delle aliquote progressive IRPEF e delle addizionali comunale e regionale, sul reddito conseguito, da determinarsi con metodi ordinari (detrazione dei costi dai ricavi); l imposta sostitutiva va versata in unica soluzione entro il termine ordinario, 16 giugno (senza acconti); - l esonero dalla tenuta delle scritture contabili, nonché dalla liquidazione mensile o trimestrale e dal versamento periodico dell IVA; la liquidazione IVA annuale, da effettuarsi con metodi ordinari, prevede il versamento del saldo da effettuarsi entro il 16 marzo dell anno successivo; - l obbligo della conservazione dei documenti emessi e ricevuti e dell emissione della fattura; - il non assoggettamento alla ritenuta d acconto. Il regime dei minimi (art. 1 co della L. 244/2007) La scelta di tale regime è concessa ai professionisti: - il cui ammontare dei compensi dell attività non superi ; i soggetti che iniziano l attività possono prevedere di non superare questo limite, optando nel modello AA9/10 per la scelta di questo regime, senza indicare alcun importo nel campo Volume D affari; - che nel triennio solare precedente non abbiano effettuato acquisti, anche mediante appalto, locazione o leasing, di beni strumentali superiori ad , considerando al 50% il valore dei beni strumentali utilizzati in forma promiscua (autovetture, cellulari, ecc.); per le locazioni e i leasing vanno considerati i canoni maturati nel triennio;

8 - che non abbiano sostenuto spese per lavoro dipendente o per collaboratori (borsisti o tirocinanti, collaboratori a progetto o coordinati e continuativi) anche se familiari. Le agevolazioni concesse ai titolari di partita IVA che abbiano scelto di avvalersi del regime dei minimi sono: - il pagamento di un imposta sostitutiva del 20%, in luogo delle aliquote progressive IRPEF, delle addizionali comunale e regionale e dell IRAP, sul reddito conseguito, da determinarsi con metodi ordinari (detrazione dei costi dai ricavi); l imposta sostitutiva va versata in unica soluzione entro il termine ordinario, 16 giugno (senza acconti); - l esonero da tutti gli adempimenti IVA, liquidazione versamento registrazione; l emissione delle fatture è prevista senza l addebito dell IVA a titolo di rivalsa e di conseguenza non è possibile portare in detrazione l iva afferente gli acquisti; - l obbligo di numerare e conservare le fatture di acquisto, integrare le eventuali fatture di acquisto intracomunitario, versare la relativa IVA entro il 16 del mese successivo e compilare gli elenchi Intrastat; - l assoggettamento alla ritenuta d acconto; - l applicazione della marca da bollo da 1,81 per le fatture di importo superiore a 77,47. Alcune considerazioni vanno fatte in merito al passaggio da un regime ad un altro: - in base alle disposizioni normative un contribuente non può uscire dal regime dei minimi per entrare in quello delle nuove iniziative produttive, ma può fare il contrario, anche se non è trascorso il triennio; - il regime dei minimi è un regime naturale, cioè viene adottato automaticamente presentandosi i requisiti di ammissione. E possibile non adottare tale regime facendo opzione per il regime ordinario/semplificato, opzione che però ha valenza triennale. - Decorso il triennio dall opzione, al passaggio dal regime ordinario/semplificato a quello dei minimi, scattano gli obblighi di rettifica della detrazione dell IVA effettuata su beni o servizi acquistati negli anni d imposta precedenti in base ai criteri stabiliti dall art. 19-bis2 del DPR 633/1972. Quindi per i beni ammortizzabili va versata l IVA per un importo pari a tanti quinti quanti ne mancano al raggiungimento dei cinque anni. (Es. acquisto nel 2008, entrata nel regime dei minimi nel 2011, obbligo di versamento di 2/5 dell IVA sull acquisto del bene strumentale). Ulteriori analogie e differenze tra i due regimi agevolati: Oltre alle differenze ed alle analogie già evidenziati sopra, altre meritano di essere citate: - Entrambi i regimi determinano il reddito imponibile in modo analitico, vale a dire sottraendo i costi ai ricavi, con un importante differenza: nei regime dei minimi è consentita la deduzione dei contributi previdenziali, mentre non è consentita nel regime delle nuove iniziative produttive; - Nell ipotesi che il contribuente abbia solo il reddito professionale, gli oneri normalmente deducibili e detraibili dal reddito non possono essere considerati; quindi vanno senz altro perse le detrazioni per oneri e per carichi di famiglia, piuttosto che le deduzioni dal reddito degli oneri deducibili (fatta eccezione per i contributi previdenziali nel caso del regime dei minimi); tornano in gioco nel momento in cui il contribuente ha altri redditi

9 - Ai fini Irap le dichiarazioni e il versamento dell imposta restano obbligatori secondo le norme ordinarie di applicazione per il contribuente nel regime delle nuove iniziative produttive, mentre il contribuente minimo né è escluso, per espressa disposizione normativa; - Nella determinazione del reddito imponibile del contribuente minimo, il principio di cassa è talmente esasperato che tutte le spese, anche quelle per i beni strumentali, sono deducibili dal reddito per l importo sostenuto, abbattuto del 50% per i beni cosiddetti promiscui. Non esiste quindi in questo regime il concetto di competenza economica ; - Il caso in cui l attività costituisca mera prosecuzione di una precedentemente svolta in qualità di lavoratore dipendente o autonomo, anche sotto forma di collaborazione coordinata continuativa, se rappresenta una causa ostativa per la scelta del regime delle nuove iniziative produttive, non lo è per la scelta del regime dei minimi. Perdite di lavoro autonomo. Nel caso in cui il lavoratore autonomo generi un risultato negativo e quindi una perdita fiscale, questa, in base all art. 8 del TUIR, come modificato dall art. 1 comma 29 della legge finanziaria 2008, dopo un breve periodo in cui questo non era possibile, torna ad essere scomputabile dal reddito complessivo nello stesso anno in cui si genera la perdita professionale (compensazione orizzontale). Unica eccezione per i contribuenti minimi per i quali invece la perdita generata può essere compensata solo all interno del quadro CM, quindi solo con redditi successivi maturati all interno del regime dei minimi, ma non oltre il quinto, fatta eccezione per le perdite maturate nei primi tre anni di attività in quanto sono riportabili senza limiti di tempo. Novità dall 01/01/2012: Importanti novità sono state introdotte dall art. 27 della Manovra d estate 2011 (Decreto Legge 6 luglio 2011 n. 98 convertito nella Legge 15 luglio 2001 n. 111) ha introdotto un regime di valore per le nuove imprese costituite da persone fisiche. Dal 1 gennaio 2012 questo nuovo regime sostituirà sia il regime delle nuove iniziative produttive sia quello dei minimi con l applicazione di un imposta sostitutiva dell Irpef pari al 5%. Il nuovo regime dura 5 anni e si applica solo alle persone fisiche che intraprendono un attività d impresa arte o professione o che l hanno iniziata dopo il 31/12/2007 e che presentino alcuni ulteriori requisiti rispetto a quelli previsti per i contribuenti minimi. Il limite temporale di 5 anni non vale per i contribuenti più giovani, che potranno infatti avvalersene fino al periodo d imposta nel quale compiono 35 anni. Il nuovo regime semplificato per nuove imprese si applica a condizione che vengano rispettate tutte le condizioni previste per i contribuenti minimi. In aggiunta ai sopra citati requisiti, il nuovo regime è riconosciuto a condizione che: - L attività d impresa arte e professione sia nuova o iniziata successivamente al ; - Negli ultimi tre anni non abbiano esercitato attività artistica, professionale o d impresa anche in forma associata o familiare; - L attività da esercitare non costituisca mera prosecuzione di una precedentemente svolta in qualità di lavoratore dipendente o autonomo, anche sotto forma di collaborazione coordinata continuativa, escluso il caso in cui l attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell esercizio di arti o professioni Agevolazioni

10 Le agevolazioni corrispondono a quelle previste per i contribuenti minimi che sinteticamente ricordiamo: esonero dagli obblighi di liquidazione e versamento dell imposta e da tutti gli altri obblighi previsti dal DPR 633/1972 esonero dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili esenzione dall IRAP esenzione dagli studi di settore; principio di cassa esasperato secondo le regole di cui al comma 104 dell articolo 1 della Finanziaria 2008; pagamento di un imposta sostitutiva dei redditi e delle addizionali regionali e comunali pari al 5%. La ratio della norma è tale per cui i soggetti che dal 2008 hanno intrapreso una attività professionale aderendo al regime dei minimi ora possono accedere al nuovo regime semplificato per nuove imprese solo se rispettano gli ulteriori requisiti di novità dell attività professionale, che erano tipici dell ex regime delle nuove iniziative produttive. Rimangono ancora dubbi sul fatto che un contribuente che abbia iniziato l attività nel 2008 con il regime delle nuove iniziative produttive e nel 2011, decorsi i tre anni sia entrato nel regime ordinario, almeno nel 2012 possa rientrare in questo regime. Si aspettano comunque chiarimenti da parte dell Agenzia delle Entrate con una circolare, si spera, di prossima emanazione. Chi ha i requisiti di cui ai commi da 96 a 99 art. 1 legge 244/2007 ma manca degli altri requisiti introdotti dalla manovra correttiva può allora aderire al regime degli ex minimi, la cui durata è illimitata salvo il superamento di uno o più limiti, che prevede l esonero dalla tenuta delle scritture contabili, il non assoggettamento all IRAP, il versamento IVA in dichiarazione, la determinazione del reddito secondo i criteri di cassa del regime ordinario dei professionisti e l assoggettamento del reddito alle aliquote Irpef ordinarie. Va da sé che, in mancanza di una circolare esplicativa da parte dell Agenzia delle Entrate, la possibilità di un contribuente professionista di entrare in un regime piuttosto che in un altro deve essere analizzata alla luce dei chiarimenti fatti in esecuzione dei due regimi abrogati. Rimangono inoltre da sciogliere ancora molti dubbi di carattere operativo quali ad esempio l assoggettamento a ritenuta d acconto, la deducibilità degli oneri previdenziali, la possibilità di entrare nel nuovo regime dei contribuenti da parte degli ex nuove iniziative produttive. Budget finanziario Il neo professionista che si affaccia al mondo del lavoro, escludendo l ipotesi di assunzione come lavoratore dipendente, oltre a considerazioni e scelte di ordine fiscale e contributivo, deve fare anche considerazioni di carattere economico-finanziario. Ovvero deve prevedere tutta una serie di costi, che nello specifico possono essere: - fissi, quali per esempio la quota associativa annuale per l iscrizione all ordine, piuttosto che i contributi previdenziali minimi soggettivi integrativi e di maternità, la dotazione minima patrimoniale iniziale (costituita da un pc, da un cellulare, da un programma di software, dall attrezzatura tecnica); i costi di aggiornamento

11 - variabili, ovvero quelli legati in un modo o nell altro alla quantità di reddito prodotto o alle prestazioni effettuati, quali per esempio i contributi previdenziali eccedenti il minimale, i costi per l acquisizione di materiale di consumo per cancelleria e il funzionamento dello studio in generale, le imposte dirette Tabella comparativa per la scelta dell inquadramento professionale A solo titolo esemplificativo si riporta una tabella riassuntiva dei costi fiscali e contributvi per le varie tipologie di inquadramento fiscale a parità di reddito lordo, con queste precisazioni: - senza partita IVA la gestione previdenziale è quella dell Inps; l aliquota fissata per il 2011 è del 26,72%, e ricordiamolo, grava per 1/3 sul collaboratore e per 2/3 sul committente; con l apertura della partita IVA invece i contributi previdenziali vanno pagati ad Inarcassa, la prima aliquota del contributo soggettivo (corrispondente ad un reddito fino a ) fissata per il 2011 è del 12,5%; - i contributi previdenziali (ad eccezione del contributo integrativo) sono considerati oneri deducibili in tutte le situazioni, tranne nel caso dei contribuenti in regime di nuove iniziative produttive, per espressa previsione normativa (anche se è opportuno citare una sentenza della Corte di Cassazione n.2781 del 26/02/2001 che ha affermato l inerenza dei contributi nell attività di lavoro autonomo; tuttavia l Amministrazione Finanziaria non ha ancora recepito tale sentenza e continua ad affermarne l indeducibilità). Compenso lordo al collaboratore/professionista di Fino al 31/12/2011 Co.Co.Co Prestatore occasionale Partita IVA regime 388 Partita minimi IVA Partita regime ordinario IVA Compenso Costi inerenti Oneri deducibili Imponibile Irpef Imponibile Irap Imp. previdenza

12 Irpef/add Irap Contributi Netto Percentuale 68,32% 69,66% 77,12% 72,40% 65,96% Dal 01/01/2012 Co.Co.Co Prestatore occasionale Partita IVA nuove imprese Partita IVA ex minimi Partita regime ordinario IVA Compenso Costi inerenti Oneri deducibili Imponibile Irpef ? Imponibile Irap Imp. previdenza Irpef/add Irap Contributi Netto Percentuale 68,32% 69,66% 83,90% 68,14% 65,96% Come si può facilmente constatare, è evidente il vantaggio del nuovo regime introdotto dalla manovra d estate rispetto ai due regimi abrogati e a quello ordinario, mentre da un punto di vista strettamente fiscale non lo è più il regime degli ex-minimi. I vantaggi di questo ultimo regime sono legati esclusivamente alla non assoggettabilità all Irap e all esonero dalla tenuta delle scritture contabili; resta da chiarire se, come i minimi del vecchio regime, questi contribuenti sono assoggettabili alla disciplina degli studi di settore. Anche per questo si aspetta un chiarimento da parte dell Amministrazione Finanziaria.

13 GESTIONE DELL ATTIVITA PROFESSIONALE Concetto di detraibilità dell IVA Prima di spiegare il concetto di detraibilità dell IVA occorre definire il concetto di IVA stesso. IVA è l acronimo di Imposta sul Valore Aggiunto e rappresenta la più importante tra le imposte indirette. Per un soggetto economico in linea generale l IVA non rappresenta un costo, bensì semplicemente un debito verso l erario per l IVA applicata sulle fatture emesse e riscossa dal cliente e un credito per l IVA applicata sulle fatture di acquisto e pagata al fornitore. In sede di liquidazione dell IVA si tratterà di calcolare la differenza tra l IVA sulle prestazioni e l IVA sugli acquisti e versarla alle scadenze di legge. Sulle prestazioni che il contribuente svolge e che fattura al cliente, salvo il caso dei contribuenti nuovi imprese introdotto dal D.L. 98/2011, il professionista applica l IVA; quindi il debito verso l Erario riguarda tutta l IVA in rivalsa. Mentre sugli acquisti, possono esserci delle limitazioni alla detrazione dell IVA esposta in fattura, e tali limitazioni, nel caso dell architetto o dell ingegnere, sono di natura oggettiva, vale a dire riguardanti la natura degli acquisti di beni o servizi e sono disciplinati dall art. 19-bis1 del DPR 633/1972. Di seguito elenchiamo in una tabella gli acquisti che possono interessare la professione di architetto/ingegnere e che presentano una limitazione alla detraibilità dell IVA: Descrizione dell acquisto % detrazione Note Veicoli stradali a motore, diversi dai motocicli; relativi componenti e ricambi; per veicoli stradali a motore si intendono tutti i veicoli, diversi dai trattori, adibiti a trasporti di persone o beni (autovettura, motocicli inferiori a 350 cc, ciclomotori) vale a dire con massa a pieno carico non superiore a 3,5 ton. (4,5 se a trazione elettrica) e max 9 posti) 40% - 100% E ammessa la detrazione del 100% se sono utilizzati esclusivamente nell esercizio della professione. L onere della prova di tale esclusività nel caso di verifiche documentali è a carico del contribuente. Carburanti e lubrificanti; prestazioni di custodia, manutenzione, impiego, locazione anche finanziaria, transito stradale per autoveicoli e motoveicoli Vedi sopra La percentuale di detrazione è analoga a quella per l acquisto del bene cui si riferiscono i beni e le prestazioni Spese di somministrazione di pasti e bevande e le prestazioni alberghiere 100% Dal 01/09/2008 tali spese hanno IVA detraibile; tuttavia tali spese possono ancora avere IVA indetraibile se classificabili come spese di rappresentanza, ovvero se non inerenti all attività del soggetto passivo. Alimenti e bevande 0% Eccezioni: gli acquisti per distributori automatici collocati presso lo studio hanno IVA detraibile Telefoni cellulari o radiomobili 0%-100% Dall 01/01/2008 la percentuale di detrazione non è più fissata dalla legge ma dipende

14 dall effettivo utilizzo per l attività. In base ad una precisa disposizione normativa (art.1 co.255 L. 244/2007) sono previsti dei controlli specifici per i contribuenti che detraggono una quota superiore al 50% Spese di rappresentanza: l indetraibilità è prevista su tali spese è sugli acquisti di omaggi di costo unitario superiore a 25,82. 0% Per spese di rappresentanza si intendono spere inerenti, se sostenute e documentate, per erogazioni gratuite di beni e servizi, effettuate per fini promozionali o di pubbliche relazioni il cui sostenimento risponda a criteri di ragionevolezza in funzione di generare benefici economici o il cui sostenimento sia coerente con pratiche commerciali de settore. Si considerano tali per esempio le spese per feste, ricevimento e altri eventi di intrattenimento organizzati per ricorrenze aziendali o festività, per l inaugurazioni di nuove sedi o uffici) Immobili adibiti a studi professionali 100% Dall 01/01/1998 è detraibile l IVA sull acquisto o su leasing degli immobili utilizzati per l attività di lavoro autonomo. Tornando invece al discorso dei soggetti nuove imprese, a tali soggetti, non applicando l IVA sulle fatture emesse, è preclusa ogni possibilità di detrazione dell IVA sugli acquisti; tale IVA diventa però costo deducibile. Variazione dell aliquota dal 20% al 21%. Il giorno 17/09/2011, all indomani della pubblicazione sulla G.U. del provvedimento della L. 148/2011 di conversione del D.L. 138/2011 cosiddetta Manovra di Ferragosto, è entrato in vigore l incremento dell aliquota IVA dal 20% al 21%. Circa la decorrenza della nuova aliquota si ricorda che rileva il momento in cui l operazione posta in essere si considera effettuata ai fini IVA; per le prestazioni di servizio l operazione si considera effettuata ai fini IVA all atto del pagamento. Pertanto l incremento dell IVA dal 20 al 21% si applica a tutte le prestazioni di servizi pagate dal 17 settembre in poi, a nulla rilevando l avvenuta esecuzione, in tutto o in parte, della prestazione. Le fatture pro-forma (o note provvisorie, o bozze fattura) emesse con IVA al 20% e non ancora pagate entro il 16 settembre diventano quindi irrilevanti e dovranno essere eventualmente ri-emesse per essere adeguate alla nuova percentuale del 21% e per consentire ai clienti di pagare il corretto importo aumentato della nuova percentuale. Inerenza e deducibilità dei costi La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Il reddito è costituito dalla differenza tra i compensi percepiti (esclusi IVA e contributo integrativo a carico del committente) e i costi sostenuti, purché tali costi siano inerenti.

15 L inerenza del costo è una condizione necessaria per la deducibilità del costo stesso; il suo riscontro deve mirare a verificare la sussistenza del rapporto tra causa ed effetto, ovvero il collegamento funzionale fra il suo sostenimento e l oggetto della prestazione effettuata. Si tratta di condizione necessaria ma non sufficiente, in quanto il legislatore ha posto dei vincoli oggettivi alla deducibilità di alcune spese, nel caso in cui ha presunto che alcune di esse possano ritenersi promiscue od estranee all esercizio della professione. Di seguito elenchiamo in una tabella i costi che possono interessare la professione di architetto e che presentano una limitazione alla loro deducibilità: Descrizione dell acquisto % deducibilità Note Familiari dipendenti o coordinati e continuativi collaboratori 0% Sono indeducibili dal reddito professionale i compensi erogati al coniuge, ai figli e agli ascendenti; sono deducibili al 100% i compensi pagati a familiari, titolari di Partita IVA, per prestazioni professionali Immobili strumentali in proprietà o leasing Spese di ammodernamento, ristrutturazione e manutenzione degli immobili 100% Possono essere dedotte le quote di ammortamento e i canoni di leasing riferibili all acquisto compiuto nel triennio Deducibilità fino al 5% del valore di tutti i beni materiali ammortizzabili esistenti all inizio dell esercizio e rinvio nei 5 esercizi successivi in quote costanti Immobili ad uso promiscuo 50% Per gli immobili ad uso promiscuo (a condizione che il contribuente non disponga di altri immobili ad uso esclusivamente professionale nello stesso Comune) sia deducibile il 50% della rendita o del relativo canone di locazione. Sono deducibili per il 50% anche le spese per i servizi relativi a tali immobili e quelle non incrementative di ammodernamento, ristrutturazione e manutenzione. Autovetture e autoveicoli 40% La percentuale di deduzione fiscale degli ammortamenti è del 40%, fermo restando il limite assoluto di costo pari ad ; la stessa percentuale del 40% è applicabile a tutte le spese relative agli autoveicoli. Per i professionisti la deducibilità è comunque limitata ad un solo veicolo, o ad un solo veicolo per associato in caso di esercizio della professione in forma associata

16 Carburanti e lubrificanti; prestazioni di custodia, manutenzione, impiego, locazione anche finanziaria, transito stradale per autoveicoli e motoveicoli Spese di somministrazione di pasti e bevande e le prestazioni alberghiere 40% La percentuale di detrazione è analoga a quella per l acquisto del bene cui si riferiscono i beni e le prestazioni 75% La spesa è deducibile comunque fino al 2% dei compensi percepiti Telefonia fissa e mobile 80% Sono deducibili all 80% le quote di ammortamento, i canoni di leasing e di noleggio, le spese di impiego e manutenzione, relativi alla telefonia fissa e mobile. Sono deducibili nella stessa misura anche i modem ovvero il router ADSL. Sono deducibili purché inerenti e tracciabili anche le ricariche telefoniche o le schede prepagate Spese di rappresentanza 100% Fino all 1% dei compensi percepiti. Compresi gli omaggi e gli acquisti di oggetti d arte, antiquariato e collezione. Se tra le spese di rappresentanza ci sono anche spese di somministrazione di pasti e bevande, occorre prima abbattere tale costo del 25%. Convegni, congressi, corsi di aggiornamento 50% Comprese le spese di viaggio e soggiorno relative Beni utilizzati promiscuamente 50% Competenza dei ricavi e dei costi: criterio di cassa In linea generale la determinazione del reddito professionale di lavoro autonomo avviene secondo il principio di cassa, in base cioè alla differenza tra i compensi incassati e le spese effettivamente sostenute nell esercizio della professione. Il principio di cassa non si applica ad alcuni costi per espressa previsione normativa (art. 54 D.P.R. 917/1986): - ai costi sostenuti per l acquisizione di beni strumentali, che concorrono invece alla formazione del reddito mediante l imputazione delle quote di ammortamento, sulla base di coefficienti stabiliti dal Ministero delle Finanze, se il loro costo è superiore a 516,46; in questo caso è prevista la deducibilità nell esercizio di sostenimento della spesa; - ai costi sostenuti per l acquisizione di beni strumentali in leasing, e comunque a condizione che la durata del contratto non sia inferiore alla metà del periodo di ammortamento ordinario stabilito sulla base dei medesimi coefficienti di cui sopra; - alle quote di Tfr maturate dai dipendenti;

17 Per il regime delle nuove imprese, il criterio di cassa per la determinazione del reddito è TOTALE; nel senso che tutti i costi sono deducibili nell anno in cui sono sostenuti, compresi quindi anche quelli per l acquisizione dei beni strumentali. Applicazione della ritenuta d acconto Ritenute subite Il compenso percepito dal professionista è soggetto a ritenuta d acconto, a meno che il committente non sia un soggetto privato. Nel caso di professionista con Partita IVA la ritenuta d acconto va applicata anche alle somme ricevute dal committente a titolo di rimborso spese forfetarie (indennità chilometriche, diarie, ecc), perché tali rimborsi sono equiparati sempre ai compensi. Mentre non va applicata alle anticipazioni fatte in nome e per conto del cliente (spese documentate), salvo il caso di spese di vitto e alloggio documentate e fuori del territorio comunale. La ritenuta d acconto non va applicata nel caso di professionisti che rientrano nel regime delle nuove iniziative produttive in vigore fino al 31/12/2011. Dubbio rimane sulla assoggettabilità a ritenuta dei compensi corrisposti ai professionisti che rientrano nel regime delle nuove imprese Ritenute applicate Anche il professionista che paga compensi di lavoro autonomo è obbligato ad effettuare la ritenuta di acconto del 20% sull importo corrisposto. Ricordiamo che nel caso di compenso ad un collaboratore coordinato e continuativo, il trattamento del collaboratore va equiparato dal punto di vista fiscale e previdenziale ad un dipendente subordinato. Diventa quindi datore di lavoro a tutti gli effetti e deve quindi sottostare a tutti gli aspetti della stringente normativa riguardante il lavoro subordinato (tenuta del Libro Unico, aggravio della normativa sulla sicurezza nei posti di lavoro, ecc.). In questo caso il consiglio è quello di rivolgersi ad un Consulente del Lavoro. Irap Il professionista soggetto IVA, in linea di principio, è soggetto all Irap, l imposta sul reddito delle attività produttive. L aliquota per il 2011 è del 3,9%. La base imponibile è rappresentata dal reddito di lavoro autonomo calcolato ai fini Irpef, al quale vanno apportate delle variazioni in aumento dovute all indeducibilità degli oneri finanziari, compresi gli interessi impliciti nei canoni di leasing, e delle spese per lavoratori subordinati, parasubordinati ed occasionali. Negli anni però c è stata una importante evoluzione della posizione dei lavoratori autonomi rispetto alla assoggettabilità o all esclusione dall IRAP. Nel 2001 con al Sentenza n. 156 della Corte Costituzionale, viene ipotizzata la sussistenza di lavoratori autonomi non soggetti al tributo in quanto privi di autonoma organizzazione di beni e persone. Con una serie di sentenze nel 2007 la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo cui i professionisti che svolgono la propria attività senza dipendenti e con beni strumentali non eccedenti la dotazione minima non devono assolvere il tributo regionale. E seguita una serie di sentenze di merito che hanno identificato sempre meglio questi concetti.

18 Nel 2008, quando per effetto dell art.1 commi da 96/117 della Legge 244/2007 l Amministrazione Finanziaria ha esplicitamente escluso dall Irap i soggetti minimi, in una successiva circolare ministeriale ha in pratica considerato non soggetti Irap i professionisti che hanno i requisiti per accedere al regime dei minimi, anche se non hanno, di fatto, optato per tale regime. In conclusione, a parte i soggetti minimi, tutti gli altri contribuenti che, ritenendosi esclusi dall Irap per mancanza di autonoma organizzazione non la assolvono, sono sempre passibili di accertamento e quindi possono essere chiamati a dimostrare l assenza di organizzazione. Una recente sentenza della Corte di Cassazione n del 17/03/2010 ha fissato i criteri per stabilire quando esista l autonoma organizzazione con la conseguente applicazione dell imposta regionale. In particolare viene precisato che esiste autonoma organizzazione, quando: 1) il contribuente sia sotto qualsiasi forma responsabile dell organizzazione e non sia invece inserito in strutture riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; 2) impieghi beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per l esercizio dell attività oppure si avvalga, anche in modo occasionale, di lavoro altrui Nonostante queste linee guida si naviga sempre più nell incertezza alimentata giorno per giorno dalle oscillazioni degli stessi giudici di legittimità: con la sentenza n depositata il 18/11/2010 paga l IRAP il professionista che sostiene ingenti spese per l ammodernamento e la ristrutturazione dello studio, con la sentenza n depositata il 23/11/2010 paga l Irap il professionista che pur non avendo dipendenti eroga elevati compensi a terzi (nella fattispecie circa ), con la sentenza n depositata il 16/11/2010 non paga l Irap il professionista pur avendo uno studio di ampia metratura, con la sentenza n depositata il 09/12/2010 non paga l Irap il medico di base che pur essendo dotato di attrezzature di medicina generale svolge l attività in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. In ultimo, con la sentenza n , depositata il 27/09/2011, la Cassazione, anche se da una prima e superficiale lettura sembra delineare un cambio di rotta della giurisprudenza di legittimità in quanto ha accolto il ricorso dell Agenzia delle Entrate avverso la sentenza di secondo grado con la quale tre professionisti sono stati giudicati esclusi da Irap in quanto la loro attività era svolta con un assetto organizzativo di rilievo minimale, in realtà ribadisce il concetto che ai fini dell assoggettamento ad Irap del contribuente è necessaria la presenza di una struttura che costituisca un di più rispetto agli elementi minimi richiesti per l esercizio dell attività professionale. Inoltre ribadisce che il requisito dell autonoma organizzazione deve essere accertato dal giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato. Inoltre, non è comunque possibile evincere l esatta entità dei fattori produttivi utilizzati (definita semplicemente di rilievo minimale ). CRITICITA FISCALI Il professionista, proprio in quanto soggetto economico, può essere oggetto di una tipologia di accertamento, definito induttivo, vale a dire mediante una ricostruzione extra-contabile del reddito e del volume d affari, basata su elementi e notizie raccolti dagli Uffici stessi; due sono gli accertamenti di tipo induttivo che possono interessare il professionista: - l accertamento tradizionale, ammissibile solo al verificarsi di gravi violazioni contabili, anche in seguito a richieste di chiarimenti da parte dell Amministrazione Finanziaria - l accertamento da studi di settore

19 Studi di settore: Gli studi di settore rappresentano uno strumento accertativo costruito sulla base di una complessa struttura informativa che consente di determinare i ricavi o compensi potenziali degli esercenti impresa, arte o professione, considerando le effettive condizioni di operatività degli stessi e tenendo conto non solo di variabili di natura contabile, ma anche di variabili strutturali interne ed esterne, nonché di informazioni qualitative in grado di influenzare il risultato reddituale. Gli studi di settore, attraverso l analisi delle suddette variabili, verificano la congruità dei ricavi dichiarati e la coerenza del valore effettivamente riscontrato per i principali indicatori economici (produttività per addetto, rotazione del magazzino, ecc.) rispetto ai valori minimi e massimi tipici del settore di attività del contribuente. Per l elaborazione di tali ricavi minimi, l amministrazione finanziaria si avvale dell applicazione informativa chiamata GE.RI.CO. Le variabili possono essere contabili ed extra-contabili. Quelle contabili, pur se con pesi diversi, in linea di massima coincidono principalmente con le voci di costo utili per la determinazione del reddito; in aggiunta troviamo anche il valore complessivo dei beni strumentali utilizzati nell esercizio della professione. Le variabili extracontabili invece sono rappresentate da alcune informazioni, non solo di carattere numerico, che variano a seconda dell attività esercitata e quindi dello studio di settore utilizzato; a puro titolo esemplificativo, tra i dati extracontabili dello studio di settore degli studi di architettura o ingegneria, si annoverano: il numero degli incarichi ricevuti, la natura degli stessi, l individuazione della tipologia di committenti, il numero delle ore settimanali e delle settimane lavorate, ecc, il costo del software, ecc. Vi sono poi alcune condizioni oggettive e soggettive di non applicazione degli studi. Tra le più significative ricordiamo: - il periodo d imposta iniziale, a meno che l attività non corrisponda ad una riapertura entro 6 mesi dalla cessazione, o sia la mera prosecuzione dell attività di un altro soggetto; - il periodo d imposta finale; - il contribuente in regime dei minimi fino al periodo d imposta 2011, il contribuente nel regime delle nuove imprese dal 2012; - il contribuente che si trovi in un periodo di non normale svolgimento dell attività (per il professionista è considerato tale il periodo d imposta in cui ha interrotto l attività per provvedimenti disciplinari) N.B.: l Agenzia delle Entrate, con la Circolare del 23 giugno 2010 n. 38, ha precisato che per un contribuente che pur avendo i requisiti per essere considerato minimo ha optato per il regime ordinario, è ipotizzabile che la sussistenza dei requisiti per l applicazione del regime dei minimi possa configurare situazioni di marginalità economica idonea a giustificare, in sede di contraddittorio, l eventuale risultato di non congruità rispetto agli studi di settore. In sostanza il contribuente può segnalare tale circostanza nel campo note aggiuntive di GE.RI.CO, consentendo all Amministrazione Finanziaria di venirne a conoscenza in anticipo rispetto alla fase di contraddittorio (magari evitandolo). Il contribuente a cui non si applicano le suddette condizioni di esclusione e che in seguito alla elaborazione dello studio di settore si trova nella condizione di non dichiarare ricavi superiore a quelli minimi, può decidere di adeguarsi a tale risultato oppure scegliere di non farlo. E bene ricordare però che con la Finanziaria 2007, l accertamento da studi di settore è stato generalizzato a tutti i contribuenti che esercitano un attività per cui lo specifico studio di settore è stato elaborato, prescindendo dal regime di contabilità

20 adottato. Vale a dire che gli Uffici fiscali possono procedere ad accertamento in base alle determinazioni degli studi di settore in caso di non congruità anche per una sola annualità. Alcune considerazioni importanti: - se un contribuente risulta congruo e coerente agli studi di settore, può comunque essere oggetto di controllo da parte dell Amministrazione Finanziaria, qualora i dati degli studi risultino in qualche modo anomali; per i professionisti tali anomalie possono essere l indicazione delle ore settimanali e delle settimane annuali lavorate, oppure la mancata indicazione dei beni strumentali; tali controlli si concretizzano in segnalazioni inviate direttamente al contribuente o all intermediario che si è occupato dell invio della dichiarazione dei redditi. A tale proposito l Agenzia delle Entrate non ha indicato il numero corretto da indicare, o il numero limite al di sotto del quale scatta in automatico l invio del questionario. Tuttavia, al di là delle considerazioni in merito alla veridicità dei dati indicati che ovviamente si dà per scontato, il punto è che il professionista, è tenuto ad indicare effettivamente il numero di ore settimanali e il numero di settimane che oggettivamente dedica alla professione. In altre parole al contribuente non può essere vietato di indicare un numero più basso di quello ritenuto standard (40 ore alla settimana per 48 settimane, come un lavoratore dipendente); semmai, nel caso di una eventuale successiva verifica o instaurazione del contraddittorio (elemento fondamentale e propedeutico all emissione dell avviso di accertamento da studi di settore) al contribuente viene chiesto di giustificarlo. I motivi che possono indurre una professionista ad indicare un numero inferiore rispetto ai valori cosiddetti standard possono essere riconducibili ad una situazione personale contingente che per un certo periodo di tempo limita o impedisce del tutto una normale attività lavorativa (puerperio, allattamento, figli in età prescolare, grave patologia, intervento chirurgico). Ma riteniamo che particolari situazioni peculiari alla persona ove impediscano di fatto lo svolgimento di una normale attività professionale dovranno essere debitamente provate nella fase del contraddittorio. Qualora l Amministrazione Finanziaria, disattendendo le motivazioni fatte valere dal contribuente in contraddittorio, ritenga che i risultati di GE.RI.CO risultino aderenti alla specifica posizione del contribuente e quindi proceda ad emettere il conseguente avviso di accertamento, sarà il Giudice Tributario che valuterà se le argomentazioni prodotte dal contribuente provano la concreta ricorrenza di circostanze peculiari, esterne od interne, influenti negativamente sul regolare svolgimento di qualsivoglia attività professionale (Sentenza della Cassazione n del 05/11/2010). - in linea teorica l applicazione degli studi di settore in sede di accertamento deve basarsi su criteri di ragionevolezza al fine di evitare la penalizzazione di quei contribuenti per i quali l accertamento presuntivo non sarebbe idoneo ad evidenziare le effettive condizioni di esercizio dell attività. Al riguardo, se il professionista non intende adeguarsi ai risultati di GE.RI.CO, in sede di accertamento può istaurare un contraddittorio ed evidenziare tutti gli elementi idonei a giustificare il mancato adeguamento dei compensi a quelli minimi; - La norma prevede che nei confronti dei contribuenti che risultino congrui e coerenti rispetto alle risultanze degli studi di settore (anche per adeguamento in dichiarazione) l accertamento di tipo presuntivo possa essere effettuato solo al verificarsi della condizione tale per cui l ammontare delle attività accertate, entro un massimo di euro, sia pari o inferiore al 40% dei ricavi o compensi dichiarati; con il DL 138/2011 (cosiddetta Manovra di Ferragosto) è stata introdotta un ulteriore condizione per poter beneficiare dell esclusione dagli accertamenti presuntivi, ovvero il contribuente deve risultare congruo e coerente (anche per adeguamento in dichiarazione) anche nel periodo d imposta precedente a quello oggetto di controllo. Naturalmente l esimente continua a valere solo laddove non siano irrogabili sanzioni per omessa o infedele comunicazione dei dati rilevanti ai fini

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli